Prepararnos para la guerra

L'immagine può contenere: 1 persona, folla, albero e spazio all'apertopor Néstor Francia 

Análisis de Entorno Situacional Político

Lunes 10 de marzo de 2017

Prepararnos para la guerra

En octubre del año pasado, la oposición venezolana inició un proceso que apuntaba a la acumulación de fuerzas en la calle en su intención de dar al traste con el Gobierno de Maduro y acabar con la Revolución Bolivariana. Entonces, como hoy, su objetivo principal era presionar la convocatoria a unas elecciones -el revocatorio- en condiciones absolutamente negativas para el chavismo. Aquel intento terminó en fracaso y provocó un reflujo de masas opositoras que se ha prolongado hasta hoy, cuando de nuevo la derecha trata de mostrar músculo de calle y acumular fuerzas. Una vez más, su objetivo es presionar, principalmente, por el anuncio de un cronograma electoral, cuando aun el chavismo no ha recuperado la fortaleza popular que tuvo en otras épocas. La opción de la intervención foránea directa la manejan, por supuesto, pero es claro que para ellos sería mejor si el chavismo deja el poder por medio de elecciones, como le ocurrió al peronismo en Argentina y casi le pasa a la Revolución Ciudadana en Ecuador.

Ayer el presidente Maduro dijo estar ansioso por que se realicen elecciones. No menos ansiosa por lo mismo parece la oposición, hasta el punto de que las declaraciones del Presidente sobre tal ansiedad encabezaron las primeras planas de muchos e importantes diarios del país el día de hoy, casi todos de oposición. Es el caso de El Universal, 2001, Versión Final (Zulia), El Clarín (La Victoria), El Aragüeño (Maracay), Visión Apureña (San Fernando de Apure), Notitarde (Valencia), La Calle (Valencia), La Voz (Guarenas), Ultima Hora (Acarigua), La Nación (San Cristóbal). El Nacional, entre tanto, destacó como titular principal en su primera plana declaraciones del secretario general de la OEA: “Almagro: ‘son las elecciones las que legitiman un gobierno’”. Vemos, pues, como la institucionalidad burguesa y las elecciones que la misma consagra, y que son las que santifica la Constitución de 1999, son el tema principal de la derecha en medio de la violencia y la campaña internacional que presenciamos (resérvese esto el lector, pues abordaremos el tema constitucional después de Semana Santa). Lo electoral no es el único objetivo que los mueve, por supuesto. Si no logran que se convoque elecciones, tienen las cartas del golpe de Estado, o el estado de conmoción nacional, o cualquier cosa que justifique la intervención foránea. Pero solo si no hay cronograma electoral.

Por lo pronto, la derecha anuncia nuevas acciones e insiste en generar situaciones de calle, en su intención de no dejar pasar el “moméntum” internacional que la favorece, al menos desde el punto de vista mediático. Se ha fijado un clímax para esta etapa: el 19 de abril, mientras se moviliza de nuevo hoy y habla de recolección de firmas contra el TSJ durante la Semana Santa.

Por supuesto, nuestro principal enemigo es el imperialismo y sus lacayos, y el máximo peligro para nuestro pueblo es la intervención imperial directa en cualquier modalidad, que cada vez se asoma como muy probable. Las recientes acciones contra Siria son un alerta y así lo expone Rafael Ramírez, nuestro representante en el Consejo de Seguridad de la ONU, en artículo publicado en Aporrea.org: “Al momento de escribir estas líneas, los Estados Unidos, de manera ilegal y unilateral, bombardean una base aérea en Siria; al mismo tiempo los medios de comunicación insisten en su campaña contra el país, mostrando imágenes de la violencia opositora en las calles de Caracas y a los más connotados líderes de la misma clamando por la intervención extranjera en el país”.

La administración de Trump ha comenzado a mostrar abiertamente las garras y perfila amenazante una política belicista y la intención de pasarles por encima a todos los acuerdos y organizaciones internacionales. El Pentágono reveló ayer que ha movilizado al portaaviones USS Carl Vinson y a su grupo de ataque a aguas cercanas a Corea del Norte, mientras que hoy el nuevo asesor de Seguridad Nacional de Trump, H.R. McMaster, alertó sobre posibles acciones en ese delicado conflicto: “El Presidente ha pedido preparar un amplio abanico de opciones para eliminar la amenaza al pueblo estadounidense y aliados en la región”. Así que hoy, más que nunca, tenemos que poner nuestras barbas en remojo.

La derecha criolla sigue mostrando, con total desvergüenza, su intención de promover la intervención foránea en Venezuela. El alcalde fascista David Smolansky, entre otros de su misma ralea, ha denunciado el supuesto uso de armas químicas contra manifestantes opositores, estableciendo un evidente parangón con las infamias que se levanta actualmente contra Siria. Las falsedades de Smolansky quedan en claro con declaraciones de expertos químicos de la UCV y de la Universidad Simón Bolívar, como Christian Fuentes, Werther Blanco, Ángel Santorelli y Mónica Kräuter, quienes concuerdan en desestimar la denuncia de marras y expresar que las bombas lacrimógenas usadas por la policía en Venezuela solo podrían tener colorantes con fines legítimos y distintos al uso de sustancias tóxicas.

Entretanto, la canalla mediática internacional también apunta a diseñar un escenario del tipo sirio cuando pretende presentar a los violentos como héroes que provienen del pueblo común y solo “resisten” a la represión. En una reseña de la agencia derechista AFP, que citaremos largamente porque de verdad vale la pena, se asienta que “Francis Rodríguez llega con bolsas de tela llenas de piedras para que los muchachos las lancen a la policía en la línea de choque de una manifestación en Caracas… El paso veloz con el que va y viene esconde bien sus 59 años. ‘Es que yo soy guerrera’, se justifica… Forma parte de la llamada ‘Resistencia’, un improvisado ejército que representa al ala más radical de las protestas opositoras.

Muchos ni siquiera se conocen entre sí, no hay rangos entre ellos, ni uniformes. Solo tienen en común su posición radical contra el gobierno de Nicolás Maduro… ‘¡Resistencia!’, gritan cada vez que salen a la carga… Rodríguez recoge la carga en el medio de la extensa Avenida Libertador. ‘Llénenla bien’, dice a unos chicos que se encargan de estrellar peñascos contra el suelo para convertirlos en rocas menores.

Esa operación la dirige María Elena González, una mujer de 52 años que lleva una bandera venezolana amarrada al cuello como una capa y al saludar lo primero que hace es encomendarte a San Miguel Arcángel. ‘Si ellos nos agreden, tenemos que defendernos’, asegura mientras apunta con el dedo los trozos de calzada o brocales sueltos, que sirven de materia prima para la munición.

Y bajo el subtítulo “Escena bélica”, continúa el puñetero “reportaje”: ‘Gracias señora’, le dijo uno de los muchachos a Rodríguez al recibir la carga. ‘Ya vengo con más’, respondió ella. El combate encaja perfectamente en el guión de cualquier escena bélica: los diálogos. ‘¡Malditos!’, gritaba uno; los llamados a los paramédicos para atender un herido, principalmente por asfixia; el ruido de las detonaciones; el helicóptero que sobrevuela el área; y el ‘soldado’ rebelde que no se mueve de la primera fila firme con una bandera venezolana… En un momento se asoma la ‘Ballena’, un camión antimotines que lanza chorros de agua. ‘No corran, solo es agua, tranquilos’, grita un muchacho en la línea de combate, con actitud de líder. ‘No sigan lanzando piedras, están esperando que nos cansemos. Calma’, advierte poco después.

Los chorros comienzan acompañados con centenares de bombas y no hay orden que los detenga. En el camino se ven además de las rocas, botellas y hasta un lavamanos y un inodoro de cerámica hechos añicos. ‘Uno no ha terminado de llegar y ya te reprimen con bombas, sin dialogar. Y los policías lanzan las piedras de vuelta’, aseguró un joven estudiante que pide reserva por temor a entrar en una lista de buscados que la policía divulgó por Twitter. En la arremetida de la ‘Ballena’, Amparo Rodríguez va con el paso que le dan sus 67 años. También está armada con una piedra ‘por si acaso’. ‘Ay, volvimos a perder terreno’, lamenta, mientras muchos jóvenes la asisten en la retirada.

‘Yo estoy en la lucha desde que tengo siete años y cayó Marcos Pérez Jiménez’, dictador de Venezuela entre 1952 y 1958. ‘Y seguiré luchando’, promete”.

Así, con este tipo de farsa épica, se construye la imagen de los “ejércitos” de pacotilla, que eventualmente serán sustituidos por paramilitares y mercenarios, como en Siria. Por eso es que tenemos que prepararnos para la guerra.

 

Yemen y Cuba hace 25 años votaron contra la guerra

Per non dimenticare. 25 anni fa, Cuba e Yemen soli contro la prima guerra del Golfopor Marinella Correggia
 
El 29 de noviembre tendria que ser uno de los dias de agradecimiento a Cuba para su acción historica para la paz, la solidaridad y la humanidad, contra el imperialismo de la guerra y de los privilegios. Hace 25 años Yemen y Cuba fueron los únicos que resistieron en el Consejo de Seguridad ante el secuestro de Naciones Unidas por parte de EE.UU. en la preparación de la devastadora “Tormenta del desierto”
 
 
• El 2 de agosto de 1990 Iraq invade Kuwait, al que acusa de llevar a cabo una guerra económica porque, al invadir el mercado con su petróleo, contribuyó a hundir el precio con enormes pérdidas para los iraquíes recién salidos de la desastrosa guerra con Irán. Pocos días antes el embajador estadounidense, April Glaspie, dio al presidente Saddam Hussein una suerte de  (engañosa) luz verde a la acción militar.
 
En los meses sucesivos EE.UU. obstaculiza cualquier posible solución diplomática y prepara la legitimación de la ONU a su guerra aérea: la “Tormenta del desierto”, operación que destruiría Iraq a partir de la madrugada del 16 de enero de 1991, con la participación de diversos países árabes y occidentales, entre ellos Italia. Pero ya desde agosto Bush padre manda a Arabia Saudita cientos de miles de hombres. Es la operación “Escudo del desierto”.
 
Yemen es el único país árabe en el Consejo de Seguridad de Naciones Unidas y, tomando en serio la tarea de representar el conjunto de la región, se rehúsa a participar en la votación sobre la inmediata resolución 660, que pide la retirada de Iraq del territorio de Kuwait. Entre tanto, Jordania busca una solución negociable ante la Liga Árabe, pero después de la primera reunión, con divisiones evidentes (los únicos que no comparten la posición norteamericana son Libia, Jordania, Argelia y Yemen), pero EE.UU. siguen adelante en el Consejo de Seguridad y la Liga es expulsada.
 
En el Consejo de Seguridad George Bush y sus aliados refundan las Naciones Unidas, convirtiéndola en un instrumento de la voluntad y el poder norteamericanos. Como escribió Phillis Bennis en el libro Calling the Shots. How Washington Dominates Today’s UN (Olive Branch Press, 1995), las Naciones Unidas están entre las “víctimas de la guerra del Golfo”, “convertida en agente legitimador de las decisiones unilaterales de la única superpotencia que queda”. “Por lo demás, Washington necesitaba un enfrentamiento militar con una clara victoria garantizada y con la aprobación de la ONU para hacer entender que, aún siendo la única superpotencia estratégica, no tenía la intención de bajar las cortinas, y que Moscú ya estaba en línea con el nuevo orden mundial”.
 
La Unión Soviética, en total declive, próxima a la disolución y formalmente dependiente de la ayuda accidental, no pone el veto – al que tiene derecho como miembro permanente del Consejo de Seguridad- a las resoluciones sobre Iraq. “¿Quiénes somos nosotros – responde con tristeza el embajador soviético en Naciones Unidas a un periodista – para decir que el Pentágono no puede tomar todas las decisiones de una guerra que será conducida en nombre de la ONU?”
También China apoya al no oponerse a Washington, ya sea por tener un papel diplomático más influyente, o por obtener un aligeramiento de las sanciones a que estaba sometida después de los sucesos de la plaza Tienanmen (1989).
 
La resolución clave que lleva a la guerra, el llamado ultimátum a Iraq, es la 687 del 29 de noviembre de 1990, que autoriza a los países miembros a cooperar con Kuwait utilizando todos los medios necesarios, por tanto la fuerza. Los Estados Unidos y las petromonarquías preparan el terreno utilizando el bastón y la zanahoria para ganarse el consenso de los miembros no permanentes. Entre estos últimos, además de los países occidentales (Canadá, Finlandia) y la Rumanía post – muro, uniformemente alineados a favor de la decisión norteamericana, los demás miembros de turno, pertenecientes al grupo de los no alineados, fueron convencidos al sonido de paquetes de ayuda, militar y de otro tipo: Costa de Marfil, Colombia, Etiopía, Malasia, Zaire. La Unión Soviética obtuvo 4 000 millones de los saudíes.
 
Cuba y Yemen son los dos miembros de turno del Consejo de Seguridad que desde el inicio de la crisis se alzaron, varias veces solos, recordando al Consejo la Carta de Naciones Unidas que invoca soluciones pacíficas a las controversias, y tratando de convencer a los demás miembros de alejarse de la línea beligerante de Washington. Con ellos, EE.UU. y los saudíes utilizan el bastón. A la espera de la resolución crucial la presión sobre los dos desobedientes se intensifica.
 
Realmente el bloqueo contra Cuba dura décadas, por tanto Estados Unidos no tiene muchos instrumentos diplomáticos ni económicos. Pero de todas formas prueban: vísperas del voto se desarrolla en Manhattan el 28 de noviembre, el primer encuentro ministerial entre Washington y La Habana en 30 años. Es a todas luces una revisión de la posibilidad de convencer a los cubanos de desistir. Nada que hacer: el  29  de noviembre 1990 Cuba y Yemen votan contra la resolución 687, la resolución de guerra… China se abstiene, todos los demás votan a favor.
 
Yemen – el país más pobre de la región, recientemente unificado- paga un precio muy alto por la valentía de violar el consenso ordenado por los estadounidenses. Pocos minutos después de la votación, Estados Unidos le comunica al embajador Abdallah Saleh al-Ashtal: “Será el no más caro que jamás hayan dicho”, y cancelan el plan de ayuda de 70 millones de dólares. No era suficiente: por su parte Arabia Saudita expulsa a cientos de miles de trabajadores yemenitas. Una retorsión nazi.
 
La madrugada del 16 de enero de 1991 Estados Unidos y sus aliados comienzan a bombardear, a pesar de la respuesta positiva de Iraq a los últimos intentos de negociación por parte del secretario general de Naciones Unidas; de Irán (apoyado por Moscú), y de Nicaragua, La India y Alemania (Daniel Ortega fue el único jefe de Estado que se trasladó a Bagdad para evitar la guerra).
 
Mientras las ciudades iraquíes son destruidas por las bombas poco inteligentes  y los soldados que se retiran de Kuwait son sepultados vivos en el desierto por los marines, Moscú apoya la aceptación por la parte iraquí de la resolución 660: la retirada de Kuwait, pero EE.UU, y Gran Bretaña piden más inmediatamente y siguen bombardeando. 
 
 [Trad. Yenia Silva]

Dichiarazione dell’ALBA-TCP sulla crisi umanitaria nel mediterraneo

IV RIUNIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO POLITICO DELL’ALBA-TCP

I ministri degli Esteri del Consiglio Politico dell’ALBA-TCP di fronte alla terribile situazione umanitaria che si verifica nel Mediterraneo dichiarano:

  1. La causa principale delle tragedie umanitarie che hanno trasformato il Mediterraneo in una immensa e profonda tomba è il modello capitalista coloniale e neocoloniale, che ha precipitato i popoli di Africa e Asia nel sottosviluppo e distrutto i loro modelli produttivi, ponendoli al servizio delle metropoli occidentali. Nel 2015 oltre 2000 persone hanno perso la vita per sfuggire alle severe condizioni di vita e all’instabilità in Africa e Asia.

  1. Le economie africane sono state schiacciate sotto il pesante fardello della tassazione imposta dalle metropoli imperialiste europee, che ha generato crisi umanitarie in molti dei suoi paesi, e reso vani tutti i tentativi di rilanciare le loro economie a beneficio dei popoli africani.

  1. L’Occidente utilizza la violenza terroristica per rovesciare quei legittimi governi che si rifiutano di applicare il modello capitalistico di sfruttamento e non soddisfano i suoi voraci interessi.

  1. Con il patrocinio e la complicità dell’Occidente, la violenza si è diffusa nei paesi africani, l’Afghanistan, la Siria, l’Iraq e il Medio Oriente perpetrati da gruppi terroristici impuniti che hanno causato profonda sofferenza ai popoli di queste vaste regioni.

  1. I processi di destabilizzazione della regione sono andati a sommarsi alle già nefaste conseguenze del colonialismo e del neocolonialismo. Le modalità con cui la Libia è stata smembrata nel 2011 rappresentano il massimo esempio di questo. Il rovesciamento illegittimo del suo governo, in contrasto con il diritto internazionale, ha costretto al trasferimento di migliaia di cittadini, che, nel tentativo di attraversare il Mar Mediterraneo, rischiano la vita per sfuggire alla violenza terroristica e alle carestie provocate dall’Occidente.

  1. Allo stesso modo, l’Occidente intende rovesciare il legittimo e costituzionale governo della Siria, promuovendo ulteriore violenza terroristica e destabilizzazione in tutta la regione.

  1. Riteniamo che questa nuova avventura imperialista incrementerà l’attuale tragedia umanitaria, e renderà l’Europa l’obiettivo principale delle terribili conseguenze umane derivanti da questa azione che è in contrasto con i principi fondamentali del Diritto Internazionale.

  1. Facciamo appello all’Europa affinché si svegli e reagisca immediatamente, con sensibilità e giustizia, e accetti la sua responsabilità storica che supera i limiti della tragedia umana.

  1. I paesi dell’ALBA-TCP chiedono ai governi e ai popoli del mondo di costruire un Piano di Solidarietà per i popoli che subiscono oggi le conseguenze del terrorismo internazionale, e di investire il 20% della spesa militare mondiale per sostenere il diritto alla salute, istruzione, cibo, abitazioni e diritti umani fondamentali di milioni di cittadini colpiti dal terrorismo promosso e supportato dall’Occidente.

  1. Inoltre, esprimiamo la nostra costante e seria preoccupazione per le deportazioni e i trasferimenti forzati in corso di cittadini dominicani di origine haitiana, e riaffermiamo i diritti umani fondamentali di tutti coloro che sono sfollati, e chiediamo una soluzione giusta e pacifica di questa crisi in conformità con i principi del diritto internazionale.

Caracas, Repubblica Bolivariana del Venezuela, 10 agosto 2015.

La guerra del rum

resizedi Fabrizio Verde – lantidiplomatico.it

Cuba ha ancora una volta denunciato, a livello internazionale, le illegalità negli Stati Uniti sulla vendita del rum Havana Club, visto che con questa marca viene commercializzato – da Bacardi – in maniera illegale un rum di origine non cubana.

La protesta cubana, presentata dall’ambasciatrice presso le Nazioni Unite Anayansi Rodriguez, ha ricevuto l’appoggio di numerosi paesi tra cui Angola, Argentina, Bolivia, Brasile, Cina, Ecuador, El Salvador, India, Giamaica, Messico, Nicaragua, Perù, Repubblica Dominicana, Russia, Venezuela, Vietnam e Zimbabwe.

Probabilmente in pochi sono a conoscenza che dietro a una bevanda apprezzata e molto consumata anche in Italia come il rum, sia in corso una vera e propria ‘guerra’, condotta senza esclusione di colpi. Una battaglia che è parte integrante dell’incessante attività anti-cubana condotta globalmente dagli Stati Uniti d’America.

Sin dalla sua nascita, quando i ‘barbudos’ guidati da Fidel Castro ed Ernesto ‘Che’ Guevara rovesciarono il regime di Batista instaurando il nuovo governo rivoluzionario che nazionalizzò banche, ferrovie e imprese in mano agli Usa. Cuba, ha rappresentato, ed è tuttora una spina nel fianco per l’impero yankee. Un lembo della resistenza alla tracotanza imperialista, la prova vivida e pulsante che un altro mondo è possibile. Un’esortazione per il resto del mondo a valicare il limite dell’esistente.

Bene, adesso qualcuno si chiederà: ma cosa c’entra il rum in questa storia? C’entra eccome, visto che già all’indomani della rivoluzione l’azienda Bacardi – fondata a Santiago de Cuba nel 1862 e in seguito alla vittoria della Rivoluzione trasferita in Portorico – si è schierata al fianco dei vari governi statunitensi contro Cuba e il suo concorrente diretto Havana Club: celebre rum prodotto dalla Havana Club International SA, joint venture tra l’azienda di stato CubanaExport e la francese Pernod Ricard.

I metodi utilizzati sono stati tutt’altro che incruenti: Bacardi ha infatti finanziato gran parte del terrorismo che ha insanguinato Cuba, come è ben documentato nel libro «Cuba: la guerra occulta del ron Bacardi» di Hernando Calvo Ospina edito dalle Edizioni Achab. Il fondatore di Bacardi Pepin Bosch ha promosso e foraggiato sin dai primi anni 60′ la Rece (Rappresentanza Cubana dell’esilio) il cui comandante militare era un ex ufficiale dell’esercito di Batista ingaggiato dalla Cia, vice comandante nella famosa spedizione, fallita, della Baia dei Porci.

La Rece, che fu finanziata dal patron di Bacardi con ben 10000 dollari al mese, aveva l’obiettivo di spargere il terrore sull’isola: anche e soprattutto attraverso lo spargimento di sangue. Secondo un documento desecretato nel 1998 negli Stati Uniti, vi era un progetto per assassinare Fidel Castro e Che Guevara nel 1964, attraverso l’utilizzo di elementi della mafia statunitense. Finanziato sempre da Pepin Bosch.

Tra gli uomini di punta dell’organizzazione vi era il noto terrorista Luis Posada Carriles, arrestato nel 2000 a Panama mentre preparava un attentato a Fidel Castro. Lo stesso coinvolto nello scandalo Iran-Contras, coinvolto negli anni 90′ in una serie di attentati contro ristoranti ed hotel cubani al fine di stroncarne l’industria turistica. In uno di questi, siamo nel settembre del 1997, perse la vita il turista italiano Fabio Di Celmo.

Azione impunemente rivendicata dal terrorista Carriles – agente della Cia – che in un’intervista ebbe a dichiarare che l’italiano «si trovava nel posto sbagliato, al momento sbagliato». Attualmente Luis Posada Carriles passa una vecchiaia dorata, protetto negli Stati Uniti, e nessun governo italiano ha mai richiesto la sua’estradizione. La campagna bombarola fu apertamente rivendicata e appoggiata dalla FNCA (Fondazione Nazionale Cubano-Americana) nata su impulso dell’amministrazione Reagan nei primi anni 80′ e che vedeva ai suoi vertici azionisti di Bacardi, con lo scopo principale di ripulire la compromessa immagine dei controrivoluzionari invischiati negli attentati terroristici e nel traffico di droga.

Come abbiamo visto, questa storia, raccontata solo in minima parte, partita dal rum è terminata nel sangue. Epilogo tristemente comune quando in ballo vi sono gli interessi dell’impero.

Il drone, ovvero il ritorno di Enrico VIII

A drone designed and constructed by Concepcion University and the Chilean army is seen during a flight test at Concepcion citydi Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

L’uccisione nel gennaio scorso dell’ostaggio italiano Giovanni Lo Porto in seguito un attacco di un drone statunitense al confine tra Afghanistan e Pakistan ha reso ancora una volta evidente che il rapporto tra Roma e Washington è quello che intercorre tra il centro dell’Impero (un poco ammaccato e in discussione) e una colonia periferica, abituata da qualche lustro all’assoluta obbedienza e subito pronta a sollevare dalle responsabilità l’imperatore: «è colpa dei terroristi che li hanno usati come scudi umani», ha subito precisato il ministro Pinotti.

Non un minimo accenno è stato fatto per mettere in discussione – condannare sarebbe troppo! – la pratica omicida e illegale delle uccisioni mirate tramite invio di droni. Mirate sino ad un certo punto, visto che la morte dell’ostaggio italiano – e con lui di quello statunitense – dimostra che ogni attacco può causare l’uccisione di innocenti. Secondo uno studio della sorosiana Open Society Foundation sono circa 2.000 le persone uccise in Pakistan dai droni Usa e tra queste molte sono civili.

Nel 2013, in occasione della presentazione di un rapporto di Amnesty International sull’argomento, il ricercatore pakistano Mustafa Qadri ha dichiarato che «Grazie alla segretezza che avvolge il programma sui droni, l’amministrazione Usa ha licenza di uccidere senza controllo giudiziario e in violazione degli standard basilari sui diritti umani. È giunto il momento che gli Usa rendano noto il programma e chiamino a rispondere i responsabili delle violazioni dei diritti umani». Le azioni esaminate dal rapporto – 45 nel periodo compreso tra il gennaio 2012 e l’agosto 2013 nel solo Nord Waziristan – hanno lasciato sul terreno numerosi innocenti, per nulla collegati ad azioni o progetti terroristici. Basta un esempio: nel luglio del 2012  – si legge – «18 braccianti, tra cui un ragazzo di 14 anni, sono stati uccisi in un attacco multiplo contro un povero villaggio situato nei pressi della frontiera con l’Afghanistan. Stavano per cenare, al termine di una dura giornata di lavoro».

continua a leggere

Delcy Rodriguez: «Unasur ratifica lo spirito di libertà e sovranità»

delcy rodriguez quitoda Correo del Orinoco

«Abbiamo ricevuto il sostegno delle nostre nazioni del Sud, il nostro popolo apprezza la fermezza con cui l’Unasur emesso questo comunicato, perché sappiamo che il Venezuela non è solo, nell’ambito diplomatico così come in quello della diplomazia dei popoli», ha dichiarato il Ministro degli Esteri

Il Ministro degli Esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha dichiarato che il comunicato emesso dall’Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) dove viene condannata l’ingerenza del governo degli Stati Uniti d’America e dove viene richiesta l’abrogazione del decreto legge che qualifica il Venezuela come una “minaccia inusuale e straordinaria”, ratifica lo spirito di unità, libertà, sovranità e indipendenza dei popoli latinoamericani.

Nell’ambito della trasmissione En contacto informativo in onda su Telesur, dalla sede di Quito, in Ecuador, Rodriguez ha affermato che la riunione dei ministri degli Esteri dei paesi membri dell’Unasur «è stata caratterizzata dallo spirito di libertà dell’America Latina, di quei popoli che da molto tempo hanno deciso di essere liberi e di non voler tornare mai più all’oscurantismo che pretende d’imporre l’imperialismo, in questo caso, con una decisione terribile e sproporzionata (…) con cui si vuole attaccare la sovranità e l’autodeterminazione del popolo venezuelano».

«Portiamo qui il messaggio del nostro popolo – ha spiegato il Ministro degli Esteri – del Presidente Maduro, un messaggio di fermezza, di apertura al dialogo, ma con fermezza e soprattutto uguaglianza con il governo degli Stati Uniti». Definendo il decreto di Barack Obama come un atto emanato da «una classe dirigente che non rispetta alcun principio del Diritto Internazionale, che non aderisce ai principi delle Nazioni Unite».

Il Ministro degli Esteri venezuelano ha espresso gratitudine ai suoi omologhi sudamericani presenti alla riunione di Quito, «coscienti della gravità che rappresenta l’ordine esecutivo, non solo per il Venezuela, ma per l’intera regione, perché potrebbe verificarsi un intervento militare che non sappiamo quando andrà a violare le frontiere del Venezuela».

Ha poi definito la decisione dell’Unasur come storica e affermato che con questa posizione l’organismo «si è opposto all’imperialismo in maniera ferma e contundente». Delcy Rodriguez ha inoltre evidenziato che «non si tratta di politicizzare o ideologizzare lo scontro in atto, ma di confermare che nellà diversita possiamo essere uniti di fronte a cose grandi, dinanzi a grandi sfide storiche».

Il popolo venezuelano continuerà a stare in trincea, a lottare in difesa della propria sovranità e autodeterminazione, «perché il Venezuela si pone dinanzi ai popoli con la diplomazia bolivariana, che è di pace. Di fronte alla politica bellicista dell’amministrazione statunitense, noi sosteniamo la diplomazia della pace».

«Abbiamo ricevuto il sostegno delle nostre nazioni del Sud, il nostro popolo apprezza la fermezza con cui l’Unasur emesso questo comunicato, perché sappiamo che il Venezuela non è solo, nell’ambito diplomatico così come in quello della diplomazia dei popoli», ha sottolineato la dirigente bolivariana.

Nel comunicato emesso dall’organismo sudamericano, i paesi membri ratificano «il rigetto del Decreto Esecutivo del Governo degli Stati Uniti d’America, approvato il 9 marzo del 2015, in quanto costituisce una grave minaccia interventista, diretta contro la sovranità e al principio di non intervento negli affari interni di altri Stati».

Inoltre, esigono che il governo degli Stati Uniti s’impegni a «valutare e implementare soluzioni alternative per il dialogo con il governo del Venezuela, basate sul principio di rispetto della sovranità e dell’autodeterminazione dei popoli. Di conseguenza – chiedono – l’abrograzione del Decreto Esecutivo».

Infine, il blocco di integrazione ha ribadito il suo impegno per la piena osservanza del Diritto Internazionale, la Risoluzione Pacifica delle Controversie e il principio di non Intervento.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione a cura di Fabrizio Verde]

Ucraina, guerra globale alle porte: si mobiliti tutta la sinistra italiana!

soldato_donbass_2di Mauro Gemma – Marx21.it

Quando uno dei “potenti della terra”, il presidente francese Hollande, arriva a fare affermazioni che non escludono la possibilità dello scatenamento, nello scenario ucraino, di una guerra dalle proporzioni inimmaginabili tra l’Occidente imperialista e la Russia, non occorre essere particolarmente ferrati in politica internazionale per capire che ormai si corre il rischio di essere arrivati a un punto di non ritorno.

L’ipotesi di una spaventosa guerra globale non viene avanzata più solamente dalle voci isolate di qualche esperto preveggente, come quelle di coloro che già tempo fa la ipotizzavano nelle prime fasi del conflitto del Donbass, attribuendo all’imperialismo statunitense persino la volontà di utilizzare le armi più devastanti per affermare definitivamente il proprio progetto egemonico nell’intero spazio post-sovietico.

Ora, di fronte a quanto sta accadendo, con l’intenzione ormai dichiarata dell’amministrazione USA di scendere in campo prepotentemente a fianco dell’esercito dei golpisti di Kiev, rendendo esplicito il sostegno di armi e istruttori che già, sottobanco, era stato garantito fin dall’inizio alle operazioni “antiterroriste” nell’Ucraina sud orientale avviate dai dirigenti nazional-fascisti della giunta ucraina e sfociate in un autentico genocidio delle popolazioni dell’Ucraina sud orientale, si precisa un quadro che dovrebbe terrorizzare l’opinione pubblica dell’intero nostro continente.

Nella prospettiva dell’eventuale fallimento degli ultimi tentativi di composizione negoziata del conflitto, in grado di garantire almeno una parziale distensione della situazione, e della evidente determinazione degli Stati Uniti (e dei vertici della NATO) di procedere con le soluzioni estreme, le conseguenze più catastrofiche rischiano di investire anche l’Italia che sarebbe inghiottita nel vortice di un’avventura pianificata nell’altra parte dell’Oceano. E non bastano certo le dichiarazioni dei nostri ministri, di allineamento alle posizioni più possibiliste di Francia e Germania. Nel momento in cui le operazioni più aggressive verso la Russia fossero avviate, i vincoli che legano noi (e tutti gli altri alleati) alla NATO non lascerebbero alcuno spazio di manovra anche ai più riluttanti. Come afferma, senza timore di essere smentito, il presidente francese Hollande, “noi sappiamo che l’unico scenario può essere la guerra”. Del resto, a cosa, se non a una guerra micidiale, servirebbe ora la forza di intervento rapido di 30.000 soldati della NATO, che si sta dislocando nella regione baltica e nell’Europa orientale?

Ce ne sarebbe a sufficienza per rabbrividire e apprestarsi a una mobilitazione capillare delle coscienze in difesa della pace e per scongiurare un conflitto che già nelle dimensioni attuali comporta costi umani e materiali terribili, nel cuore stesso del nostro continente. Eppure i segnali che arrivano in merito alla reazione dell’opinione pubblica, nel nostro paese e in Europa, non sono certo confortanti.

A questa desolante inerzia non si sottrae neppure la sinistra. E nel nostro paese la sua sottovalutazione della pericolosità della situazione assume contorni persino deprimenti.

Stendiamo un pietoso velo sul comportamento della sinistra oggi presente in parlamento. Mentre quella interna al PD sembra allineata, senza particolari distinguo, alle posizioni ufficiali del partito di sostegno esplicito al golpe di Kiev e ai suoi dirigenti nazional-fascisti e di demonizzazione della Russia (è di pochi giorni fa la sconcertante esibizione televisiva della stessa segretaria generale della CGIL a giustificazione delle sanzioni alla Russia, con l’utilizzo degli argomenti propagandistici dei settori più oltranzisti dell’imperialismo), “Sinistra ecologia e libertà”, dopo avere inizialmente simpatizzato per i protagonisti del golpe di Kiev, continua a mantenere il più rigoroso (e complice) silenzio sulle vicende che sconvolgono le terre violentate dall’aggressione nazista ai confini della Russia, come se la cosa non la riguardi o le crei imbarazzo.

Ma, a essere obiettivi, non è che la sinistra extra-parlamentare se la passi meglio. Neppure da queste parti, con qualche lodevole eccezione, il tema della pace messa a repentaglio nel cuore dell’Europa sembra riscuotere un particolare successo. In tutte le ultime iniziative allestite all’insegna dell’unità della sinistra, pur caratterizzate da temi importanti e pregnanti come quelli del lavoro e della difesa della Costituzione, minacciata dalle manovre del governo Renzi, non sembra essercene traccia. Se si prova a leggere gli interventi di autorevoli dirigenti delle organizzazioni della sinistra extraparlamentare, di sue personalità storiche, a esaminare i contenuti di molti siti web di riferimento di partiti e componenti della cosiddetta “sinistra radicale”, si rimane colpiti dalla quasi completa assenza di contenuti che vadano oltre la semplice e sporadica registrazione delle notizie su quanto accade sul fronte di guerra del Donbass.

Fanno eccezione e meritano la massima considerazione e rilievo le iniziative messe in campo da tenaci personalità del giornalismo e della cultura (come Giulietto Chiesa, Manlio Dinucci, Domenico Losurdo e Vauro Senesi), da gruppi informali e da alcuni siti web (oltre al nostro Marx21.it che ha dato ampio spazio a materiali e campagne promossi dai comunisti ucraini e russi, ricordiamo quelli di Contropiano e del CIVG), le campagne di sensibilizzazione come quella che ha visto come protagonisti i musicisti della Banda Bassotti con i loro concerti nelle zone interessate dalla guerra, i presidi e le manifestazioni di comitati locali spesso purtroppo scollegati dalle forze più organizzate della sinistra, numerose pagine facebook (come “con L’Ucraina antifascista” e “Fronte Sud”) e, tra le forze politiche, il Partito Comunista d’Italia e la Rete dei comunisti che, fin dall’inizio, hanno messo a disposizione le loro strutture e i loro militanti per manifestazioni e dibattiti su quanto accade in Ucraina, che hanno coinvolto alcune migliaia di cittadini. Spicca poi il lavoro straordinario di Pandora TV che ha garantito una quotidiana controinformazione che ha cercato di contrastare il torrente di menzogne rovesciatoci addosso dall’apparato mediatico dominante. E mi scuso se ho dimenticato qualcuno.

Ma è la questione della nostra appartenenza alla NATO quella che ormai non può più essere derubricata dall’agenda dell’iniziativa politica di quella che si suole chiamare “sinistra” nel nostro paese. E’ la parola d’ordine dell’uscita dell’Italia dall’alleanza militare imperialista che oggi dovrebbe essere posta all’ordine del giorno della più grande mobilitazione di massa. E non è più giustificabile che iniziative come quelle che, negli ultimi mesi, sono state avviate con la proposta della creazione di un Comitato No Nato (http://www.marx21.it/internazionale/pace-e-guerra/24863-perche-dobbiamo-uscire-dalla-nato.html) siano delegate a un gruppo di attivisti volonterosi e determinati. Attorno a questa iniziativa non è più rinviabile la partecipazione e l’adesione di un vasto schieramento di forze che hanno a cuore la pace.

E invece la questione che più dovrebbe essere all’ordine del giorno, non solo per il popolo italiano ma per tutti i popoli del nostro pianeta, la questione della pace compromessa dalle guerre, dalle aggressioni e dall’ingerenza sfacciata dell’imperialismo e dei suoi disegni egemonici, che rischiano di trasformarsi in catastrofe globale, è quasi completamente assente nel confronto di chi si propone di chiamare a raccolta le forze della sinistra. Come se le sorti dell’umanità su cui incombe questa minaccia non riguardassero gli uomini e le donne del nostro paese, più di ogni altro problema.

E’ invece venuto veramente il momento di prendere piena consapevolezza della gravità della situazione che stiamo vivendo in queste ore. La guerra globale è alle porte. Non ci sono più giustificazioni. I comunisti, la sinistra, tutti i democratici si mobilitino finalmente, con tutte le loro forze, in modo corrispondente alle gloriose tradizioni del movimento per la pace del nostro paese, contro la scalata aggressiva di USA e NATO nel Donbass, contro la guerra imperialista. Prima che sia troppo tardi.

 

Anche la CIA tortura la lingua

di Robert Fisk – jornada.unam.mx

Articolo apparso sul quotidiano americano The Independent e tradotto allo spagnolo da Jorge Anaya per La Jornada, Messico, lunedì 22 dicembre 2014. 

Dio sia lodato per l’esistenza di Noam Chomsky. Non tanto per i suoi distruttivi interventi sulla nostra ipocrisia politica, bensì per la sua linguistica. Molto prima che lo conoscessi, ai tempi dell’Università, quando mi davo da fare nel corso di linguistica, il lavoro di Chomsky mi aveva allertato sull’uso pernicioso del linguaggio. Per questa ragione condanno immediatamente la vile semantica del Pentagono e della CIA. Non solo la vecchia frase lupesca “danno collaterale”, ma anche tutto il linguaggio concernente la tortura. O, come affermano i giovani che torturano in nostro nome, “tecniche ottimizzate d’interrogazione”.

Osserviamo il fatto un po’ più da vicino.

“Ottimizzare” è una parola che implica il portare a un risultato che possa essere considerato il migliore possibile. Suggerisce qualcosa di migliore, più informato, addirittura dai costi contenuti. Ad esempio, “medicina ottimizzata” presumibilmente implicherebbe una forma più semplificata per migliorare la nostra salute. Allo stesso modo le “scuole ottimizzate” suggerisiscono una educazione più efficace per un bambino.

“Interrogazione”, questa parola per lo meno rende l’idea di cosa si nasconde dietro tutto questo. Fare delle domande per ottenere –o non ottenere- una risposta. Ma il termine “tecnica” supera tutte le altre. Una “tecnica” suggerisce una abilità, non è così? Di regola, secondo quanto indica il dizionario, nel lavoro artistico.

Così dunque le persone abilitate alle interrogazioni posseggono delle abilità speciali, il che implica allenamento, erudizione, applicazione, prodotto dell’intelletto. Il che mi fa supporre che in qualche senso la tortura tratta di ciò. Questa non è solo la forma in cui io normalmente descriverei il processo di fustigare le persone contro una parete, affogarle al punto di ammazzarle o imbottirle di sterco via ano.

Ma se ciò diventa troppo schematico, i giovani della stampa americana l’hanno reso ancora più familiare. Tutto il processo delle “tecniche di ottimizzazione delle interrogazioni” ora ha preso il nome di EIT (dalle sigle inglesi enhanced interrogation techniques) come WMD (sigle inglesi che designano le armi di distruzione di massa) – un’altra menzogna nel nostro vocabolario politico-; tutto questo lavoro sporco è racchiuso in un acronimo formato da sole tre lettere.

E dopo veniamo a sapere che tutto ciò forma parte di un programma. Qualcosa di attentamente studiato, voi capite, un progetto, una interpretazione, regolare, approvata, persino teatrale. Il mio affidabile College Dictionary –pubblicato dalla Random House nel 1947- definisce programma (in inglese) come un intrattenimento che fa riferimento a pedine o numeri, che è quello che io immagino quando gli sfasati della CIA se la spassavano mentre lavoravano le loro vittime. Togliti gli abiti, mettigli uno straccio sulla faccia, versa l’acqua; oh, non troppe bollicine per favore. Ah, va bene, schiantalo nuovamente contro la parete. Un programma, proprio così.

Dick Lato Scuro Cheney utilizzò la parola “programma” quando condannò il rapporto sulla tortura della CIA. Tuttavia risulta strano che la descrizione che fece del documento come “pieno di merda” avesse un effetto laterale non intenzionale del processo che celebra. Perché spesso quelli che sono torturati orinano e defecano e, secondo quanto abbiamo appreso da coloro che hanno subito tali “progammi”, gli agenti della CIA erano soliti lasciare le vittime ferme e infangate di questi escrementi.

Cheney certamente vuole farci credere che quei poveri uomini hanno rilasciato informazione importante alle vili creature che li torturavano. Questo è precisamente quello che gli inquisitori medievali scoprivano quando accusavano di stregoneria a degli innocenti: quasi tutte le vittime, uomini e donne, riconoscevano di aver volato per aria.

Forse è stato quello che Khaled Sheikh Mohamed, dopo essere stato sottoposto a tortura con l’acqua (waterboarding) per 183 volte, rispose ai suoi torturatori della CIA: potevo volare per aria come un drone umano terrorista. Suppongo che quello è il tipo d’informazione vitale che Cheney assicura che le vittime hanno rilasciato alla CIA.

Indubbiamente è toccato al direttore dal viso gotico della CIA, John Brenman, forse percependo il fiato sul collo da parte di alcuni avvocati di diritti umani, dover affermare che alcune delle tecniche –sì, è proprio quella la parola- non erano state autorizzate e da considerare abominevoli. E in questa maniera ha avuto modo di somministrare con destrezza una nuova versione dei crimini della CIA. L’AIT – l’abominevole tortura – dev’essere ripudiata da tutti ma, a quanto sembra, non la vecchia e rispettabile EIT. Come disse Cheney, “la tortura è stato qualcosa che abbiamo saputo molto bene guardarci”. Faccio notare le parole “molto bene guardarci”. E rabbrividisco.

Il buono di Brennan ha riconosciuto: “siamo rimasti disorientati quando abbiamo dovuto chiamare a rapporto alcuni (sic) ufficiali”. Ma è perfettamente chiaro che i torturatori –o ufficiali- non saranno chaiamti a rapporto.

Ma nemmeno Brenman. E neanche Nick Cheney. Non voglio nemmeno menzionare i regimi arabi ai quali la CIA ha spedito le vittime che avrebbero sofferto un trattamento ancora più vile di quello che l’agenzia poteva offrire nelle proprie prigioni segrete.

Un povero cristo, Maher Arar, era un cittadino canadese, fu catturato dalla CIA nell’aeroporto John F. Kennedy a New York e spedito in Siria prima della guerra civile per ricevere un pò di AIT –no EIT, ricordatevelo- dietro esplicita richiesta degli americani. Rinchiuso in una buca poco più grande di una bara, la sua prima esperienza dell’AIT è stata quella di essere fustigato con cavi elettrici.

In questa maniera Cheney e i suoi ragazzi e ragazze esercitarono il loro sadismo mediante intermediari… compreso lo Stato, le cui tecniche d’interrogazione scandalizzano l’Occidente che invoca di abbatere il regime sirio (insieme a Isis e Jabhat al-Nusrah) a favore dei moderati appena armati che, presumibilmente, praticano solo la EIT e non la AIT.

Ma stando a quanto mi ha riferito il mio collega Rami Khouri, tra i 54 paesi del programma di esecuzione della CIA figurano l’Algeria, l’Egitto, l’Iran, l’Iraq, la Giordania, il Marocco, l’Arabia Saudita, la Siria, la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti e lo Yemen. La Libia di Ghedafi si può aggiungere a questa lista. Difatti, persino la polizia segreta italiana ha aiutato la CIA a sequestrare l’iman nelle strade di Milano e spedirlo a Il Cairo per ricevere un pò di AIT dalle mani degli uomini di Mubarak. Il che con molta probabilità spiega perché il mondo arabo e musulmano non ha pronunciato parola dopo la pubblicazione della relazione del Senato americano –compresa nella sua forma altamente censurata-, la settimana scorsa.

Il giornalista egizio Mohamed Hassanein è stato il primo a descrivere la forma in cui la CIA ha fatto girare il filmato di una donna iraniana mentre era torturata dalla polizia segreta dello sha, affinché le altre nazioni imparassero il metodo per far parlare le prigioniere di sesso femminile. Come è ovvio con la nuova e migliorata CIA non è più a stessa cosa, i suoi agenti hanno distrutto le loro video cassette prima che il Senato potesse acquisirle. Ma questa volta bisognerebbe studiare la natura subordinata dei regimi arabi, perché hanno torturato anche in nome del Regno Unito. Come Khouri ha domandato la settimana scorsa: Saremmo capaci di parlare delle nostre collusioni criminali e imperiali con tanta larghezza come gli Stati Uniti fanno con le loro, e saremmo capaci di rimediare? Non scomodatevi ad aspettare una risposta.

Le dispute sono proibite, solo le conversazioni sono consentite. Tornando al tema di Chomsky e a quello delle parole, prima di partire dal Canada verso Beirut ho acquistato un magnifico giubotto invernale. Come era ovvio made in China. Ma la garanzia m’informava che offriva una alta resistenza all’acqua e una buona traspirazione. Queste parole formano parte di quella orribile espressione che attualmente i governi e le aziende usano per riferirsi a un dibattito. Ci dicono che sono in discussione con qualcuno: vale a dire hanno una conversazione riguardo a un tema. Viene voglia di applicare l’AIT al colpevole.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Vincenzo Paglione]

Maduro esige rispetto per la Russia

rian_02213165.hr.en.sidi Rosmaira Flores – minci.gob.ve

Il Presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, si è schierato a favore della Federazione russa in relazione ai recenti avvenimenti in cui è stata coinvolta, cercando di provocare una guerra nel paese.

«Esigiamo da coloro che oggi attaccano la Russia, che cessino gli attacchi, che cessi la ricerca di una guerra contro la Russia», ha dichiarato il capo di stato durante la cerimonia di chiusura del primo Taller de Diseño del Sistema de Formación del Partido Socialista Unido de Venezuela (PSUV), a cui ha preso parte.

Maduro ha fatto riferimento alla questione dopo aver dato risalto all’importante analisi pubblicata dal leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, che nel suo testo intitolato «Trionferanno le idee giuste o trionferà il disastro», ha sottolineato come la politica anti-russa promossa per anni dalle forze imperialiste oggi abbia guadagnato maggior forza.

In questo senso, il presidente ha lanciato l’allarme circa gli attacchi di cui il paese è stato vittima e ha invitato tutti i dirigenti ed i leader rivoluzionari a prestare la massima vigilanza contro tali attacchi.

«Il monito (di Fidel Castro) riguarda i pericoli insiti nella politica anti-russa, che ancora una volta comincia a prendere piede tra i paesi della NATO o degli Stati Uniti d’Europa attraverso le minacce alla Russia, e quando la Russia si difende viene accusata di adottare una politica aggressiva nei confronti dell’Occidente», ha sottolineato il presidente venezuelano.

Maduro ha denunciato il tentativo di accerchiamento che stanno cercando d’operare nei confronti del paese più grande del mondo, indicando al contempo che, nel tentativo di arrestare la Russia vi è anche l’intenzione di frenare lo spirito rivoluzionario che sta emergendo nei popoli.

«Stanno cercando di fermare l’aumento della forza del gruppo BRICS (…) Cerchiamo di essere attenti compagni dirigenti, leaders, a questi eventi nel mondo che stanno accelerando con l’emergere di nuove minacce terroristiche», ha spiegato il leader venezuelano.

Il presidente esige pace per la Federazione russa e per quei popoli nel mondo dove sono in atto episodi di guerra, di fronte ai quali ha espresso con forza il proprio ripudio e la propria condanna.

«La pace è ciò che vogliamo per il mondo, pace e rispetto per la Russia, la pace in Siria, il rispetto per i popoli» ha dichiarato in chiusura Maduro.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Evo Morales: «Dobbiamo fermare il genocidio in atto a Gaza»

2014-07-25t191734z_1007890001_lynxmpea6o0ww_rtroptp_3_latinoamerica-elecciones-bolivia.jpg_1718483346da Telesur

Nel corso di una conferenza stampa tenuta questa domenica il presidente della nazione sudamericana ha chiesto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu e all’Alto Commissariato per i Diritti Umani di assumersi le proprie responsabilità di fronte al genocidio subito dal popolo palestinese

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha definito un genocidio l’assassinio di civili e bambini nella Striscia di Gaza da parte di Israele, che ha già provocato oltre mille morti.

Parlando della crisi che sta vivendo Gaza, Morales ha chiesto: «Dov’è il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite? Quando stati o popoli si oppongono alle politiche dell’impero lì ecco che c’è il Consiglio, ma quando l’impero umilia, uccide come in Palestina non c’è nessun Consiglio».

Il presidente boliviano ha inoltre manifestato la speranza che i media internazionali intendano cosa sta accadendo in questo nuovo millennio e ha chiesto alle organizzazioni per i diritti umani di assumersi le proprie responsabilità e giudicare coloro che stanno sterminando un popolo.

«Tutte queste morti sono inaccettabili», ha esclamato Morales.

Il bilancio delle vittime dell’offensiva israeliana a Gaza è salito a 1053 questa domenica. Alle 11 (ora locale) Hamas ha annunciato un cessate il fuoco della durata di 24 ore con l’esercito israeliano.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Tre anni dopo la morte di Gheddafi una nuova guerra civile minaccia la Libia

di Achille Lollo

Alla Casa Bianca e in tutte le cancellerie dei paesi della NATO, dell’Africa del Nord e del Medio Oriente si sapeva che, dopo l’ attentato contro il secondo primo ministro interino, Abdullah al-Thani (che ha rinunciato dopo cinque giorni dalla nomina) e il sequestro dell’ambasciatore della Giordania, la situazione politica a Tripoli e a Bengasi era fuori controllo, preannunciando l’inizio di una nuova guerra civile, molto accuratamente passata sotto silenzio nelle redazioni dei “grandi media”.

Di fatto, non è stato per caso che: 1º) il giorno 25 aprile, lo Stato Maggiore della NATO ha annunciato che tutti i sistemi mobili di difesa antiaerea Igla (circa 10 mila pezzi di origine russa) e i rispettivi missili erano spariti dai magazzini della Forza Aerea; 2º) il giorno 6 maggio, la compagnia aerea della Giordania (l’unica che realizzava 10 voli settimanali da Bengasi e Misurata) ha sospeso tutte le sue attività; 3º) il giorno 9 maggio, il governo dell’Algeria ha chiuso la sua ambasciata, ritirando tutti i suoi diplomatici e funzionari; 4º) il giorno 14 maggio, il Dipartimento di Stato ha chiesto al Pentagono di preparare una forza operativa per difendere l’ambasciata a Tripoli – per questo, nella base aero-navale di Sigonella, in Sicilia (Italia) quattro elicotteri Osprey, due aerei KC-130 e un distaccamento di 200 fucilieri navali sono stati messi in “allarme permanente”, per entrare in azione nella capitale della Libia.

Infine, domenica (18), il gruppo paramilitare auto-denominato “Esercito Nazionale Libico”, comandato dall’ex-generale Khalifa Hifter attaccava a Bengasi i quartieri e i comandi delle milizie islamiche e jihadiste legati ad Ansar Al-Sharia.

Poco dopo, il giorno 19, le milizie berbere Al Qaaqaa e Sawaaq della città di Zintan attaccavano e bruciavano il Parlamento per impedire l’insediamento del nuovo primo ministro, il fondamentalista Ahmed Miitig. In questo attacco, due deputati legati alla Fratellanza Musulmana erano sequestrati dai miliziani berberi.

La notte, il presidente del Parlamento, Nouri Abou Sahmein, denunciava in un comunicato che “…tutti quelli che hanno partecipato a questo tentativo di colpo di stato saranno perseguiti dalla giustizia…” In risposta, l’autore dell’operazione militare a Bengasi, il generale Khalifa Hifter: “…Il Parlamento è il cuore della crisi e lo Stato dà sostegno agli estremisti islamici. Questo non è un colpo di Stato. Non stiamo lottando per il potere, stiamo ingaggiando una battaglia nazionale contro i terroristi islamici, che hanno cominciato a usare le armi contro giudici, avvocati, giornalisti, poliziotti, officiali e funzionari pubblici non islamici…”.

Stato islamico o liberale?

Per rispondere a questa domanda, bisogna analizzare che cosa è successo in questi tre anni dopo la caduta di Gheddafi e, anche, identificare i centri di potere che si sono costituti in Libia a partire dal 2011, permettendo la costituzione di 489 “milizie popolari”. Una forza militare che oggi si è impossessata della Libia, mettendo insieme circa 1.700 gruppi armati, i quali mobilitano 300 mila uomini.

È evidente che per sostenere l’organizzazione e, soprattutto, i salari dei combattenti, i capi delle milizie hanno dovuto optare nel trasformarsi in guardiani di ministri, imprese, capi tribali, moschee, etc. Per esempio, il Ministero degli Interni ha passato alle milizie milioni di dollari e molti equipaggiamenti per compiti di polizia, mobilitando, così, circa 120 mila combattenti, che, evidentemente non accettano più la smobilitazione. D’altro canto, il Parlamento, la classe politica e il governo hanno fatto molto poco per disarmare le milizie e imporre il loro assorbimento nelle unità della polizia o del nuovo esercito.

Il motivo di questo errore ha molto a che vedere con l’ improvvisata “Rivoluzione Libica”, che non ha saputo proporre nessun tipo di riconciliazione nazionale, oltre a essere incapace di rifondare uno Stato dove il funzionamento dell’economia liberale, e il rispetto dei diritti umani fossero associati alla libertà confessionale. Insomma, un Stato che, allo stesso tempo, fosse capace di essere indipendente e laico, di disciplinare la forza politica dei nuovi partiti islamici, desiderosi di controllare l’ amministrazione pubblica, in vista della creazione di uno Stato islamico, con una giurisprudenza e un’organizzazione sociale basata, unicamente, sulle leggi del fondamentalismo islamico.

In questo contesto, è necessario dire che il primo ministro, Ali Zeidan, eletto con il voto dei partiti nazionalista e islamico, è stato uno statista incapace, oltre ad avere incoraggiato la trasformazione delle milizie in “eserciti particolari”. Di fatto, subito dopo di essere stato eletto, ha contrattato, per 1 miliardo di dollari, la potente “milizia di Misurata” (30 mila uomini super-armati), per “garantire al suo governo tre anni di stabilità”. Ufficialmente, Zeidan ha detto che lui stava pagando questo servizio con denaro proprio. In realtà, questo miliardo di dollari è stato messo insieme tra le transnazionali e le imprese legate al settore petrolifero (in particolare le francesi).

Tuttavia, questa protezione è scomparsa quando le milizie legate al Ministero degli Interni hanno sequestrato lo stesso Ali Zeidan, per non essere stato capace di impedire la proclamazione dell’ autonomia della regione del Fezzan e la scissione separatista della Cirenaica, dove si concentra l’80% dello sfruttamento degli idrocarburi (petrolio e gas) della Libia. Ufficialmente, il sequestro è stato attribuito ai gruppi jihadisti di Bengasi, avendo Ali Zeidan permesso alle truppe speciali degli USA di arrestare a Tripoli il rappresentante di Al-Qaeda Abu Anãs Al Lybi e portarlo prigioniero alla base italiana di Sigonella.

È evidente che, dopo di ciò, Ali Zeidan ha perso la sua autorità e prestigio politico, di modo che il giorno 11 marzo ha rinunciato, tornando a vivere in Svizzera.

Il suo successore, l’ex-ministro della Difesa, Abdullah al-Thani, è rimasto in carica appena cinque giorni, dopo di essere sfuggito a un attentato con esplosivo che aveva come obiettivo la sua morte e quella della sua famiglia. È bene ricordare che quando Abdullah al-Thani era ministro della Difesa, suo figlio era rimasto sequestrato durante quattro mesi dai gruppi islamici. Il giovane è stato liberato solo quando il padre ha permesso che le milizie islamiche passassero a controllare l’aeroporto di Mitiga, che è il secondo per importanza a Tripoli.

L’attacco fondamentalista

Dalla formazione del Consiglio Nazionale di Transizione (CNT), la Fratellanza Musulmana e i salafiti hanno cercato di conquistare l’apparato dello Stato, occupando tutti i suoi “centri nevralgici” per, in seguito, piazzare nei differenti settori e dipartimenti uomini di loro fiducia. Una tattica che è stata accompagnata da una profonda ristrutturazione “etnica” e “religiosa” dei servizi pubblici, con l’espulsione di tutti quelli che ostacolavano questo tipo di riforma.

Chi non accettava le nuove regole imposte dagli uomini delle milizie islamiche era arrestato con l’accusa di essere “complice dei terroristi di Gheddafi” o era vittima di un attentato mortale. Di fatto, nei primi cinque mesi del 2014, i gruppi armati islamici ( jihadisti, salafiti o fondamentalisti) hanno ucciso 215 funzionari pubblici, tra i quali capi di dipartimento, giudici, capi della polizia, giornalisti, avvocati e ufficiali dell’esercito. Forse, è stato l’ assassinio del capo dell’intelligence militare che ha causato l’ attacco dell’”Esercito Nazionale Libico” dell’ex-generale Khalifa Hifter contro i quartieri e i comandi delle milizie islamiche e jihadiste legate ad Ansar Al-Sharia a Bengasi.

È stato su questa onda anti-islamica che le milizie berbere Al Qaaqaa e Sawaaq, della città di Zintan (che non sono islamiche) sono entrate a Tripoli per attaccare e bruciare il Parlamento, controllato da una maggioranza di partiti islamici. Di fatto, con l’ elezione di Ahmed Miitig – un imprenditore di Misurata molto legato ai fondamentalisti – a primo ministro della Libia e con la maggioranza nel Parlamento con 121 deputati, i partiti islamici non avrebbero avuto difficoltà ad imporre la legislazione islamica (Sharia) e, conseguentemente, a tentare di trasformare lo Stato in un tipo di federazione etnico-islamica con i poteri centralizzati a Bengasi.

Un progetto politico che, fin dall’inizio, si è scontrato con gli ufficiali del nuovo esercito, i partiti nazionalisti, i liberali e, in generale, con tutti quelli che trovavano il fondamentalismo islamico una “forzatura” della religione per raggiungere obiettivi politici.

Khalifa Hifter

Recentemente, l’ex-generale Khalifa Hifter, nell’attaccare gli avamposti dei gruppi jihadisti e salafiti a Bengasi, ha assunto una posizione nazionalista, proponendosi come il nuovo salvatore della patria, in un momento drammatico nel quale la Libia, oltre a trovarsi al bordo del fallimento, con una produzione petrolifera che è caduta al 12,5%, si trova sprofondata in una guerra civile che può trasformarla nella Somalia del Mediterraneo.

Di fatto, l’ex-generale Khalifa Hifter, nel 1969, ha cospirato con Gheddafi nel colpo di stato contro il re Idris. Dopo, i due si sono allontanati e il generale ha commesso la sciocchezza di lasciarsi catturare dalle unità dell’esercito chadiano. Degradato pubblicamente a Tripoli, è stato liberato da un “comando di marines” statunitensi che lo hanno portato negli USA, dove ha ricevuto asilo politico, passando a lavorare come analista della CIA.

Nel giugno 2011, la CIA ha preparato il suo ritorno trionfale a Tripoli, dove il CNT gli ha dato il compito di organizzare il nuovo esercito. Tuttavia, tenendo in conto che nessuno voleva la ricostruzione di un esercito regolare, l’ex-generale Khalifa Hifter è stato nuovamente allontanato.

Insoddisfatto, ma con molto denaro a disposizione, Hifter ha fondato un partito politico che pretendeva rappresentare in Parlamento gli estremisti islamici. Questo partito ha fallito nelle elezioni e giudicandosi tradito dagli estremisti islamici, l’ex-generale è tornato a dialogare con i settori nazionalisti dell’ esercito e con le milizie berbere della città di Zintan, che odiano gli estremisti islamici.

Per questo, ha riunito vari gruppi armati, che ha chiamato “Esercito Nazionale Libico”. Con loro, a febbraio, ha tentato un primo attacco contro il Parlamento. In questo modo, ha riunito con sé vari ufficiali superiori dell’Esercito e della Forza Aerea che gli hanno garantito la logistica e una copertura politica e militare. Di fatto, lui non è stato mai arrestato preso e processato, riuscendo a muoversi con le sue truppe da Tripoli a Bengasi senza incontrare resistenza da parte della polizia.

Senza dubbio, il generale Khalifa Hifter e il suo “Esercito Nazionale Libico” sono l’”esercito particolare” di un settore del nazionalismo che, ancora, non vuole essere responsabile della guerra contro i partiti islamici. Per questo, Hifter deve giocare il ruolo specifico di promuovere il raggruppamento politico e militare delle forze non-islamiche, per poi tentare quello che i militari hanno fatto in Egitto, cioè, distruggere la Fratellanza Musulmana.

L’unica e grande differenza con l’Egitto è che in Libia i gruppi armati islamici sono molto bene armati, di modo che la previsione di una drammatica e duratura guerra civile giàè una realtà in Libia.

Achille Lollo è un giornalista italiano, corrispondente di Brasil de Fato in Italia, curatore del programma TV “Quadrante Informativo” e collaboratore del Correio da Cidadania.

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

 

Ucraina e Russia: aggressione degli Stati Uniti in stile jugoslavo

Immaginedi Miguel Angel Ferrer – Telesur

Convenzionalmente sono otto i paesi che possono essere considerati potenze: Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Francia, Canada, Italia, Giappone e Russia. Sono quelle nazioni che formano il noto gruppo del G8, cioè i paesi più industrializzati del mondo.

Ma se si vuol parlare di potenze vere, a questa lista di otto dobbiamo aggiungere la Cina ed eliminare Giappone, Italia, Canada, Inghilterra, Germania e Francia. Quindi, parlando seriamente di potenze, restano solo tre nazioni: Stati Uniti, Russia e Cina.

E questo perché la caratteristica essenziale di una potenza è quella non essere subordinata a qualsiasi altro potere, nessun’altra nazione, o qualsiasi altra entità. E questo non è il caso di Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Giappone e Canada.

Questi sei paesi non possono essere considerati potenze in quanto subordinati agli Stati Uniti. Dobbiamo ricordare che, ad eccezione della Francia, i rimanenti cinque sono occupati da militari degli Stati Uniti? E quanto alla Francia, che di certo non ha truppe statunitensi sul proprio territorio, già dalla lontana epoca del generale Charles de Gaulle, non ha dato alcuna prova concreta di essere libera dalla tutela degli Stati Uniti. Anche durante i mandati del falso socialista Francois Mitterrand e del suo attuale omonimo Hollande.

La questione è molto chiara nel conflitto in corso in Ucraina. Gli Stati Uniti hanno provocato la caduta del presidente Viktor Yanukovich a loro non gradito, al fine di circondare la Russia militarmente. Con la Russia che risponde ospitando lo spodestato Yanukovich, indurendo il suo discorso antistatunitense e spostando truppe nella penisola ucraina, ma russofona, di Crimea, dove è di stanza la Flotta russa del Mar Nero.

Si tratta, come è evidente, di un conflitto che ricorda i tempi della Guerra Fredda tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Dove la potenza americana viene accompagnata dalle sue semipotenze vassalle dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) e da Francia e Giappone schierate dalla sua parte nonostante non siano interessate dalla controversia russo – americana.

E sebbene la Russia adesso non sia più comunista (o socialista), venendo così meno il pretesto della lotta contro il comunismo per aggredirla militarmente e sottometterla al vassallaggio, nella memoria collettiva del popolo russo (e anche del suo governo) vi sono le immagini e i fatti della precedente aggressione imperialista del 1941-1945, da parte della Germania nazista.

Il suo popolo e il suo governo sanno, o si aspettano o temono che prima o poi questa aggressione possa ripetersi. Il rovesciamento di Yanukovych e il successivo sequestro dell’Ucraina (la zona occidentale) da parte degli Stati Uniti è stato il primo e più importante segnale che la temuta aggressione è in fase preparatoria.

Aggressione, in linea di principio, non necessariamente militare. Ma piuttosto un assalto in stile ucraino o simile al modello jugoslavo utilizzato per abbattere e assassinare Slobodan Milosevic e occupare militarmente l’ex Jugoslavia. Accerchiare, domare ed eliminare Vladimir Putin e i leader russi che si oppongono o si opporranno alla dominazione della Russia da parte degli Stati Uniti è il proposito di Washington nel medio termine.

Se le cose stanno così, vedremo presto in Ucraina – almeno per ora solo nella sua parte occidentale – l’installazione di basi militari, di armi atomiche e il dispiegamento di molte truppe statunitensi. E non sarà fatto, ovviamente, con finalità amichevoli, ma come sempre per dominare e sottomettere. La palla è ora dalla parte russa. E la Russia, che ha già iniziato, dovrà pianificare le sue prossime mosse. Dapprima difensive, poi vedremo.

http://www.miguelangelferrer-mentor.com.mx

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: