Buen Abad: América Latina y Europa unidos contra la canalla mediática

Fernando Buen Abad Domínguez

por aporrea.org – AVN

Movimientos sociales de América Latina y Europa suman esfuerzos para derrotar la canalla mediática

20 Jun. 2015.- Los intelectuales y movimientos sociales de América Latina y Europa asumieron la tarea de organizarse para crear un frente común que permita vencer la guerra mediática internacional en contra de los pueblos de naciones progresistas.

“Para nosotros es vital que las fuerzas democráticas progresistas y revolucionarias asuman un papel de organización comunicacional para establecer un plan de unidad de medios que permita constituir cada una de nuestras luchas en un clamor mundial”, indicó el investigador mexicano Fernando Buen Abad.

Asimismo, planteó la necesidad de articular esfuerzos para enfrentar y contrarrestar las acciones de la canalla mediática internacional. “Es hora de que nuestros pueblos estén a la vanguardia y sumen esfuerzos comunes, porque si no somos capaces de organizarnos para dar una respuesta mediática potente no podremos derrotar a las grandes corporaciones mediáticas”, expresó a la Agencia Venezolana de Noticias (AVN).

Buen Abad sostuvo que las organizaciones sociales de América Latina y Europa deben establecer una agenda y definir los temas que se abordarán de manera unitaria.

“Hay luchas urgentes que son comunes a los ciudadanos de estos países que sufren los embates del capitalismo. Entre estos temas resaltan: la defensa de la soberanía y democracia de los pueblos, la defensa de los recursos naturales, y el objetivo de poder blindar con paz todas las regiones del planeta. Todos los esfuerzos comunicacionales deben tener estos tópicos como agenda base”, explicó.

El doctor en Filosofía y experto comunicacional aseguró que actualmente se está levantando la voz de luchadores europeos que tienen como referencia “los procesos revolucionarios y la gran batalla de las ideas que lideran, los gobiernos de Venezuela, Ecuador, Cuba y Bolivia”, para garantizar la mayor suma de felicidad posible para sus pueblos.

“Ahora mismo vemos a los núcleos de luchadores de países como Dinamarca, Suecia, Italia, España, Portugal y Grecia, tomando en sus manos la bandera de procesos de justicia y reivindicación como el socialismo bolivariano; y es necesario aprovechar ese gran caudal político y convertirlo en una fuerza organizativa que desde Europa nos permita difundir la verdad sobre la mentira de los imperios mediáticos”, dijo.

Cumbre de los pueblos para la comunicación

El intelectual señaló que durante la Cumbre “Una Alternativa al Neoliberalismo en América Latina y Europa”, que tuvo lugar la semana pasada en Bruselas, Bélgica, a la par de la segunda Cumbre de la Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños (Celac) y la Unión Europea (UE), los pueblos de ambos continentes denunciaron la campaña desestabilizadora y difamadora que ejecutan “los grandes monopolios mediáticos europeos asociados con los de Estados Unidos y América Latina”.

“Para profundizar la ofensiva que nos permita enfrentar y vencer a la gran maquinaria de guerra ideológica, recogimos en el foro internacional de Bruselas, la necesidad de realizar una gran cumbre de los pueblos en materia de comunicación, para generar el mandato que necesitamos tanto los movimientos sociales, como las autoridades”, expuso.

Precisó que esta propuesta será elevada a los organismos internacionales de integración como la Unión de Naciones Suramericanas (Unasur) y la Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños (Celac), para que se desarrolle con el apoyo de los movimientos sociales de cada país.

“Debemos actuar ya, y no esperar a que ante el desespero ocasionado por la crisis del capitalismo, los poderes burgueses intensifiquen su guerra contra todo lo que represente libertad de expresión, independencia, respeto a los derechos humanos y socialismo”, advirtió.

Campaña en contra de Venezuela

Durante su intervención en la segunda Cumbre de la Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños (Celac) y la Unión Europea (UE), el vicepresidente Ejecutivo de Venezuela, Jorge Arreaza, denunció que uno de los más importantes desafíos a los que el Gobierno y el pueblo de Venezuela se deben enfrentar es a la dictadura persistente de los medios de comunicación.

“No pueden ser los medios constructores de falsas realidades, de instrumentos arbitrarios y oscurantistas de desprestigios ocultadores de la verdad, adormecedores de pueblos y defensores de guerra, de sistemas de dominación”, en vez de cumplir “con su rol de mediadores de la realidad y la verdad de los pueblos”, cuestionó.

Arreaza indicó en aquel momento que esta campaña ha sido asumida también por corporaciones mediáticas en Europa, las cuales han dedicado portadas, titulares principales, editoriales y reportajes a mentir con sañas contra el Gobierno de Venezuela y contra su pueblo.

“Quizás (esa campaña) se deba a algunos temores internos de las clases dominante que nada tiene que ver con Venezuela, ni con su realidad o quizás sea una estrategia de distracción para que sus pueblos no se concentren en sus problemas y en sus procesos”, consideró.

Asimismo, los representantes de los movimientos sociales y los intelectuales que se dieron cita en Bruselas, rechazaron la tergiversación y manipulación de los poderes mediáticos sobre los procesos de cambio que se desarrollan en América Latina, y en especial en contra de Venezuela.

“Nos comprometimos a que los planteamientos de este encuentro no se queden aquí, por eso vamos a establecer una plataforma común de información que nos permita enfrentar y vencer la canalla mediática que es bestial, tanto dentro de Venezuela como en el exterior”, indicó a AVN la vocera de la Red Sueca de Solidaridad con Venezuela Revolucionaria, Ruth Cartaya.

Criticó el bombardeo malintencionado que forma parte de la agenda comunicacional de la derecha e incluso, señaló, que en una nación como Suecia, que queda a tantos kilómetros de distancia de Venezuela, se puede evidenciar en los medios de comunicación “un corta y pega de las falsedades que dicen los medios y agencias de noticias españolas e internacionales, con la finalidad de empañar los logros del proceso socialista que impulsó el comandante Chávez y prosigue el presidente Nicolás Maduro”.

A su vez, el vocero del Consejo Portugués por la Paz y la Revolución, Phillipe Ferrera, lamentó que en Europa no haya lugar para las noticias que reflejan la realidad política y social de Venezuela.

“Mientras que en Portugal el capitalismo ha generado desempleo, miseria y desahucio, en Venezuela existe un gobierno socialista que protege al pueblo, que ha generado puestos de empleo y ha construido cientos de miles de viviendas. Eso no le conviene a la agenda de corporaciones mediáticas al servicio del imperio. Por eso es importante que la voz de los medios alternativos se fortalezca y gane espacios”, manifestó.

Cumbre de los Pueblos: «Una alternativa al neoliberismo»

10387672_998910866809387_1642447445769539836_ndi Paola Di Lullo – SpondaSud 

14giu2015.- 1500 delegati in rappresentanza di 346 organizzazioni e movimenti sociali, provenienti da 43 paesi, hanno partecipato, a Bruxelles, alla Cumbre de los Pueblos, che si è svolta in concomitanza con la Cumbre CELAC-UE. Assadakah Napoli ha partecipato all’evento con la delegazione italiana, composta da 110 partecipanti. Durante le giornate sono intervenuti, fra gli altri Aleida Guevara, Abel Prieto, scrittore, politico cubano. Nella Basilica del Sacro Cuore di Bruxelles, grande partecipazione per gli interventi di Jorge Arreaza, Vice Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela e del Presidente dell’Ecuador, Rafel Correa.

Durante la prima giornata ci sono stati 2 tavoli di lavoro. Al primo hanno partecipato intellettuali e parlamentari latino-americani ed europei, al secondo i movimenti sociali dell’ALBA. Nel pomeriggio si è svolta una marcia per ricordare Simon Bolivar, nella piazza dedicata al Libertador, di fronte alla Gare Nord di Bruxelles, dove è stata allestita anche una mostra fotografica sui Logros de l’Alba”. Durante la seconda giornata si sono tenuti i tavoli tematici su Pace e solidarietà, Cambiamenti climatici, “accordi libero commercio liberi per chi?”. L’integrazione dei popoli, Diritti umani dell’America Latina e Caraibi-CELAC-UNASUR e ALBA, e sui i Mezzi comunicazione come strumenti dell’imperialismo.

Nel documento elaborato come atto di solidarietà allla Repubblica Bolivariana del Venezuela sono stati stilati i seguenti punti:

1. Sostegno ai processi di integrazione che danno priorità e rafforzano l’autodeterminazione e la sovranità dei popoli, come ALBA, UNASUR e CELAC.

2. Supporto alla Proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi, come zona di pace, libera dal colonialismo, respingendo gli interventi militari, le aggressioni e le minacce di ogni tipo, implementate dagli Stati Uniti e dai loro alleati contro la regione.

3. Affermazione che il cambiamento climatico rappresenta la più grande minaccia che l’umanità deve affrontare e che sta già colpendo i popoli dell’America Latina. “Il capitalismo neoliberale ha notevolmente aggravato la sostenibilità del pianeta intensificando in tal modo tutti i problemi legati ai cambiamenti climatici”.

4. Supporto al popolo cubano ed alla sua Rivoluzione, salutando il ritorno a casa dei cinque eroi cubani come risultato della solidarietà internazionale e della instancabile lotta del suo popolo. Appoggio pieno anche ai passi che gli Stati Uniti hanno avviato per cominciare un dialogo rispettoso con Cuba.

5. Revoca dell’embargo contro Cuba e risarcimento economico al suo governo.

6. Chiusura del carcere di Guantanamo.

7. Sostegno incondizionato e pieno alla Rivoluzione Bolivariana del Venezuela ed al suo legittimo governo guidato dal presidente Nicolas Maduro e respingimento dei continui piani di destabilizzazione, disegnati, finanziati ed organizzati da organismi statunitensi.

8. Revoca del Decreto Obama contro il Venezuela.

9. Solidarietà con le 43 vittime della Guarimba ed i loro familiari, uccise durante le violenze scatenate dall’opposizione fascista contro il Governo Bolivariano del Venezuela nel febbraio 2014.

10. Rifiuto di qualsiasi intervento ed ingerenza da parte degli Stati Uniti contro i governi progressisti dell’America Latina, e richiesta che siano rispettate la loro sovranità nazionale e la loro autodeterminazione.

11. Riconoscimento della sovranità dell’Argentina sulle Maldinas (Isole Falkland).

12. Indipendenza di Porto Rico, ricordando Lopez Rivera, prigioniero politico da oltre 34 anni.

13. Revisione dei rapporti tra Cile e Bolivia e restituzione dell’accesso al mare, perso dalla Bolivia 136 anni fa, in seguito alla sconfitta nella guerra del Pacifico contro l’alleanza composta da Cile e Perù.

14. Ferma condanna della scomparsa di centinaia di studenti e dell’uccisione di 43 di loro, prelevati nella scuola di Ayotzinapa in Messico.

15. Supporto di tutte le misure necessarie per lo sviluppo delle economie nazionali indipendenti che possono interagire con il mondo sulla base dell’uguaglianza, impedendo che l’ingiusto debito estero blocchi la loro crescita e sviluppo.

16. Necessità urgente di costruire una nuova società con giustizia sociale ed uguaglianza di genere, con la partecipazione attiva dei giovani e dei differenti gruppi sociali, con la solidarietà come principio fondamentale per lo sviluppo integrale e sovrano dei loro popoli.

17. Rifiuto del modello neoliberale come soluzione per i problemi ed i bisogni del popolo, dal momento che ha dimostrato di essere lo strumento conosciuto più efficace per aumentare la povertà, la miseria, la disuguaglianza e l’iniqua distribuzione.

18. Riaffermazione della lotta contro gli accordi di libero scambio come il NAFTA, il TPC, il TISA e l’Alleanza del Pacifico, perché «rappresentano un brutale attacco contro i diritti sociali, democratici e politici dei lavoratori e dei popoli in cui vengono attuate tali accordi. Noi continuiamo a sostenere che il debito estero dei nostri paesi è inesigibile ed impagabile perché illegittimo ed immorale».

19. Richiesta di una lotta globale per difendere le risorse naturali, la biodiversità, la sovranità alimentare, i beni comuni, la madre terra, le conquiste ed i diritti sociali.

20. Supporto per i diritti umani dei palestinesi: condanna della continua aggressione israeliana contro il popolo palestinese ed invito all’Unione Europea ed a tutti i suoi Stati membri a che seguano l’esempio del governo della Svezia, con il riconoscimento dello Stato Palestinese.

21. No all’espansionismo NATO: violenta condanna della militarizzazione e dell’aggressione della NATO nell’ Europa orientale ed in parte dell’Ucraina per ampliare la sfera di influenza dell’UE e degli USA.

22. Opposizione al razzismo e alla xenofobia: veemente condanna dell’attuale politica di immigrazione dell’Unione europea, la cui disumanità e mancanza della minima difesa del diritto alla vita, sta causando migliaia di morti nel Mediterraneo ed altrove.

23. Supporto per la trasformazione nel controllo dei mezzi di comunicazione: le più grandi società di mass media mostrano uno dei più alti livelli di centralizzazione e concentrazione del capitale sociale in tutto il mondo e quindi rispondono agli interessi delle grandi corporazioni, interessi diametralmente opposti a qualsiasi tentativo di affermazione della sovranità nazionale e di rifiuto del neoliberismo di qualsiasi governo del mondo. «Il principio guida dei nostri media è quello di sostituire l’ideologia neo-liberista dominante con un’ideologia progressista che abbia come filo conduttore lo sviluppo sociale e democratico, la partecipazione dei cittadini e i diritti sociali del popolo».

24. «Noi i popoli della Nostra America e dell’Europa continueremo a lottare per contrastare tutte le forme di discriminazione, oppressione, sfruttamento, razzismo, esclusione ed ingiustizia sociale, il neoliberismo e le guerre imperialiste, lottando per la pace, l’uguaglianza, la democrazia partecipativa, la giustizia sociale, cioè, continueremo a lottare per un mondo migliore».

Bruselas 10-11jun2015: La II Cumbre CELAC-UE y los Pueblos

CUMBRE DE LOS PUEBLOS LATINOAMERICANOS Y CARIBEÑOS Y EUROPEOS, A CELEBRARSE EN EL MARCO DE LA II CUMBRE CELAC-UE

 

Bruselas, 10 y 11 de junio de 2015

 

Programa preliminar

Jueves 11 de junio de 2015

 

Lugar: Pianofabriek. Rue du Fort 35, 1060 Saint-Gilles (Bruselas)

 

09h30 – 16h00: MESAS DE TRABAJO

 

Temas:

 

1)    Paz y solidaridad. Intervencionismo y sanciones (EE.UU., OTAN)

2)    Preservación de la madre tierra y la especie humana (retos para América Latina y El Caribe y Europa).

3)    Acuerdos de Libre Comercio ¿Libres para quién?

4)    La integración de los pueblos de América Latina y El Caribe (CELAC, UNASUR, ALBA)

5)    Todos los derechos humanos para todos en América Latina y El Caribe y Europa.

6)    Protección social en América Latina y El Caribe y Europa.

7)    El poder global de los medios como herramienta del imperialismo.

 

16h00 – 18h00: ACTO DE SOLIDARIDAD CON VENEZUELA

 

Lugar: Pianofabriek

 

 

19h00: Plenaria: Reunión de solidaridad con los Pueblos de América Latina y El Caribe y Europa, con la participación de líderes de América Latina y El Caribe y Europa.

Lugar: Passage 44. Boulevard du Jardin Botanique 44, 1000 Bruselas

Assad: «Le delegazioni che visitano la Siria contribuiscono alla verità»

da sana.sy

Il presidente Bashar al-Assad ha incontrato, oggi, una delegazione parlamentare e politica belga, guidata dall’ex deputato Filip Dewinter.

Durante l’incontro, il presidente al-Assad ha dichiarato che ciò che sta accadendo in Siria è completamente diverso rispetto a quanto raccontano alcuni politici e media che hanno forviato l’opinione pubblica dei loro paesi.

Egli ha sottolineato l’importanza delle delegazioni in visita in Siria che può aiutare a spostare l’opinione pubblica dei loro paesi nella giusta direzione, portando a conoscenza la guerra condotta contro il popolo siriano attraverso il terrorismo.

Il presidente siriano ha sottolineato che alcuni paesi europei hanno fattoo gravi errori quando si sono alleati con chi sostengono il terrorismo, sottolineando che le organizzazioni terroristiche e i loro sponsor non rappresentano l’Islam che rifiuta ogni forma di violenza e si basa su valori di tolleranza e fratellanza.

Nel frattempo, i membri della delegazione belga hanno dichiarato che la Siria rappresenta la prima linea di difesa contro il terrorismo e l’estremismo, ed è l’unico paese che si trova ad affrontare con i terroristi sul terreno.

Ha, inoltre, ribadito che, se la Siria crolla, il terrorismo raggiungerà i paesi europei, e quindi, bisogna sostenerla in questa guerra, sottolineando che diversi partiti e funzionari occidentali sono giunti a questa conclusione.

I parlamentari hanno, inoltre, elogiato la forza di vivere del popolo siriano  nonostante i quotidiani i crimini dei gruppi terroristici e il blocco economico che gli è stato imposto. A questo proposito, essi hanno sottolineato che questa volontà è il fattore più importante per sconfiggere il terrorismo e ripristinare la sicurezza Siria.

[Trad. dal francese per Albainformazione di Francesco Guadagni]

Parlamentari belgi: «Assad è la prima linea di difesa contro il terrorismo»

da hispan.tv

Una delegazione parlamentare del Belgio ha dichiarato che l’Occidente dovrebbe abolire le sanzioni contro la Siria per combattere il terrorismo.

 «Dobbiamo abrogare le restrizioni anti-siriani e cooperare con il governo del presidente del paese arabo, Bashar al-Assad, per fermare i terroristi», ha dichiarato un politico belga nel corso di una riunione tenutasi con i funzionari siriani, a Damasco.

A questo proposito, le delegazione ha sottolineato che il fenomeno del terrorismo minaccia non solo la Siria, ma tutto il mondo, dunque tutte le nazioni dovrebbe cercare di frenare gli atti di estremisti delle bande takfire.

Tutti, hanno ribadito i parlamentari belgi, dovrebbero essere consapevoli del fatto che il governo di Al-Asad è la prima linea di difesa contro il terrorismo.

Inoltre, è stata sottolineata la necessità di risolvere il conflitto con mezzi politici.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Un numero crescente di israeliani rinuncia alla nazionalità

da al manar

La percentuale di cittadini israeliani che rinunciano alla loro nazionalità è aumentato del 65% nel 2014. La maggior parte di coloro che hanno rinunciato alla nazionalità israeliana si sono stabiliti in Germania, Austria, Regno Unito, Olanda e Stati Uniti.

Lo scorso anno 765 israeliani hanno presentato documenti per rinunciare alla nazionalità israeliana contro i 478 presentati nel 2013, secondo l’Amministrazione delle Frontiere, Popolazione e Immigrazione delle ambasciate israeliane all’estero. Lo ha riferito il sito web Ynet.

Molti di questi ex cittadini israeliani hanno dichiarato di rinunciare alla cittadinanza israeliana perché vogliono acquisire un’altra o lasciare Israele a causa delle tensioni militari, per problemi di sicurezza o difficoltà economiche. La maggior parte di loro affermano di voler stabilirsi in paesi stranieri in via definitiva.

La legge israeliana stabilisce le condizioni per l’approvazione della rinuncia: Deve essere presentata in un’ambasciata israeliana all’estero, il richiedente deve dimostrare che la sua vita non si svolge in Israele e che possiede la cittadinanza di un altro Stato.

Inoltre, fa riflettere il desiderio di molti israeliani di lasciare il paese, più di 11.000 persone hanno aderito alla pagina “Olim lui Berlin” (Emigrare a Berlino) nelle ultime settimane. Il sito offre consigli per gli israeliani che vogliono emigrare a Berlino. Secondo i creatori della pagina, più di 9.000 israeliani hanno mostrato il desiderio di abbandonare Israele per stabilirsi nella capitale tedesca.

La pagina “Olim le Berlin” ha causato scalpore nel mese di ottobre, quando i suoi amministratori hanno pubblicato la scansione di uno scontrino di un supermercato a Berlino, dove i prezzi sono molto più bassi di quelli di Israele, per informare gli israeliani circa gli enormi costi di vita nell’entità sionista. Dopo la pubblicazione, i “Like” sulla pagina si sono moltiplicati e le reazioni sono anche giunte alla stampa locale.

[Trad dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Per Bahar Kimyongür finisce un incubo durato 15 anni

da 7sur7.be

L’attivista politico belga-turco Bahar Kimyongür ha dichiarato, venerdì scorso, all’agenzia Belga di essere stato informato giovedì notte che il suo nominativo è stato definitivamente rimosso dagli archivi dell’Interpol in data 22 agosto.

La Commissione dell’Interpol ha emesso questa direttiva nella sua ultima sessione di giugno. 

«Può darsi che ci siano residui di informazione che potrebbero giocare brutti scherzi, ma questa volta l’Interpol ha deciso di seppellire l’ascia di guerra», ha dichiarato Bahar Kimyongür. I suoi avvocati turchi hanno ottenuto un’audizione il 12 settembre davanti all’11esima Corte d’Assise Ankara per far valere il diritto di essere rappresentato a distanza per una revisione delle accuse contro di lui. Sua moglie Deniz Kimyongür ha ottenuto un non luogo a procedere il 16 luglio. Sulla base della propria relazione, le accuse turche relative ai suoi legami il gruppo politico DHKP-C, classificato come terrorista, si basa in gran parte sulla richiesta congiunta del ministro degli esteri turco Ismail Cem al Parlamento europeo il 28 novembre 2000.

Bahar Kimyongür è stato arrestato il 28 Aprile 2006 nei Paesi Bassi e rilasciato il 4 luglio dopo 68 giorni di carcere. Poi fu arrestato 17 giugno 2013 in Spagna e rilasciato su cauzione il 20 giugno L’Audiencia Nacional di Madrid ha rifiutato l’estradizione il 2 luglio. Il 21 novembre, è stato arrestato di nuovo in Italia. Il 21 febbraio Interpol ha bloccato temporaneamente la suasegnalazione e l’11 marzo, la Corte d’Appello di Brescia ha ordinato il suo rilascio.

Inoltre, Bahar Kimyongür è stato anche condannato a 4 anni di carcere il 28 febbraio 2006 dal giudice di merito a Bruges per l’adesione al DHKP-C, sulla base di una sua traduzione dal francese per una testata giornalistica.

Bahar è stato assolto in via definitiva il 23 dicembre 2009 dalla Corte d’appello di Bruxelles.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Strana storia italiana del reporter turco che sa tutto sulla Siria

Giornalista arrestato sitoL’arresto in Italia di un giornalista dissidente turco che lavora in Belgio e conosce troppi segreti sulla Siria.

Galera italiana per Bahar Kimyongur giornalista turco-belga. La guerra siriana diventata semi clandestina dopo il non intervento deciso dagli Stati Uniti si combatte sotto traccia. In Italia arriva il cronista turco-belga che denuncia le brame di guerra del governo di Ankara e lo accoglie la Digos

da remocontro.it

Dalla sala arrivi dell’aeroporto di Milano direttamente all’ufficio matricola del carcere di Bergamo. Operazione Digos nei confronti di un presunto sovversivo, il cittadino turco Bahar Kimyongur, giornalista per mestiere in Belgio e dissidente per coerenza nella sua Turchia di origine. Bahar collabora col gruppo di giornalisti del sito belga Investig’action del giornalista di Michel Collon, ed è da tempo bersaglio del governo di Ankara. Ordini di cattura via Interpol trasmessi da quella magistratura. Kimyongur era stato già arrestato tempo fa in Belgio e poi in Spagna e portato in giudizio con l’accusa mossa da Ankara di far parte di un gruppo terrorista. Questa volta l’accusa parla di minaccia a un ministro e fiancheggiamento del terrorismo, in particolare dell’ organizzazione turca Dhkpc. Per la stessa accusa Kimyongür era stato già assolto in Belgio e nei Paesi bassi.

Ma chi è Bahar Kimyongür, e cosa gli viene contestato? Certamente è un amico della Siria e scopertamente avversario della politica statunitense nell’area confinante col suo Paese d’origine. Nel 2000, durante una visita dell’allora ministro degli Esteri turco al Parlamento europeo, Bahar lo interrompe pubblicamente denunciando violenze e persecuzioni, e lanciando volantini. L’indomani la stampa turca lo descrive come amico di terroristi e nemico della nazione. In seguito la Turchia ne chiede l’estradizione accusandolo anche di far parte di un’associazione terroristica. Arrestato e poi assolto sia dalla giustizia olandese che da quella belga. Rimane però in piedi purtroppo il mandato di cattura internazionale. Nel 2012, Bahar si attira nuovamente le ire turche denunciando il ruolo diretto del governo Erdogan nell’addestramento, nel finanziamento e nel transito delle formazioni jihadiste attive in Siria.

La campagna Usa e turca anti siriana il bersaglio mirato delle critiche del giornalista e pacifista turco. «Se siete ancora scettici sulla questione del ruolo centrale degli Stati Uniti nel caos siriano, vi invitiamo a gettare uno sguardo più attento sulle operazioni in corso sul fronte nord-occidentale della Siria. Nella provincia turca di Hatay, cioè ai piedi della roccaforte siriana, gli jihadisti di Al Qaida o dell’Esercito siriano di Liberazione ASL, operano a stretto contatto con i soldati dell’esercito turco di Erdogan e con le truppe statunitensi. A qualche chilometro dalla frontiera siriana esiste una base radar della NATO, quella di Kisecik, situata sulla sommità della catena montuosa dell’Amanus. Gli abitanti del paese di Antiochia denominano questo sito come “il radar”». Infine il segreto del «Punto O della frontiera siriana sulla cima del Djebel El Aqrà, il monte Cassius».

Secondo le rivelazioni del giornalista detenuto a Bergamo, la Nato sarebbe impegnata a costruire sul monte Cassius – 1700 metri di altitudine – una nuova base-osservatorio sopra il villaggio siriano di Kassab. L’installazione militare dominerebbe la provincia siriana di Lattaia consentendo il controllo di tutta la Siria, per cielo, terra e mare. Nell’area, va ricordato che, situata a meno di 150 chilometri dalla frontiera siriana, c’è la base militare d’Incirlik. Secondo le rivelazioni del reporter incarcerato, da quella base aerea transiterebbero gli armamenti provenienti dalla Libia destinati agli insorti siriani. Ultima rivelazione, nel Golfo di Alessandretta (Iskenderun), a meno di un miglio dalle coste siriane, navi da guerra Nato fornirebbero agli insorgenti siriani informazioni e rilevamenti di natura militare. Nelle province di Hatay e di Adana la Cia disporrebbe di centri di addestramento ribelli.

Solidarietà con Bahar Kimiyongur

Da oltre un decennio Bahar Kimiyongur è impegnato, dal Belgio, nel denunciare i crimini del regime turco, un regime particolarmente reazionario, dove i prigionieri politici comunisti sono costretti a scioperi della fame: spesso sono stati condotti fino alla morte. Il regime turco è responsabile tra i peggiori crimini contro l’umanità, e in quanto tali sono sistematicamente ignorati dai media imperialisti, tanto negli USA quanto nell’UE. In solidarietà con un compagno, di cui abbiamo pubblicato sul nostro blog relativamente alla questione siriana, che abbiamo avuto l’onore di conoscere e di apprezzarne l’acuta intelligenza e verace umanità, pubblichiamo qui di seguito una significativa lettera a lui indirizzata. 

Bahar Kimiyongur è stato arrestato per l’ennesima volta ieri a Bergamo. Ogni volta che esce dal Belgio per denunciare i crimini dello Stato turco e la sua politica antipopolare e guerrafondaia non sa se riuscirà a tornare a casa dai sui compagni e dalla sua famiglia: negli anni scorsi è già stato arrestato in Spagna e in Olanda. Noi ci uniamo a tutti quelli che lottano oggi perché venga rimesso immediatamente in libertà, e gli esprimiamo la nostra piena solidarietà, ma vogliamo dirgli anche altro.

Caro compagno,

noi ci siamo conosciuti in una occasione importante, quando abbiamo organizzato il Simposio contro la tortura e l’isolamento a Firenze nel dicembre del 2003. Il Simposio è stato un successo enorme, comparato con le poche forze che avevamo a disposizione: le iniziative si sono svolte alla Regione Toscana e a Palazzo Vecchio nel Salone dei Duecento, cioè nei centri di governo della Regione Toscana e della città di Firenze, e la partecipazione è stata ampia e qualificata a livello nazionale e internazionale (vedi Allegato 1: lo riporto integralmente perché c’è un elenco di nomi di soggetti che sono stati allora coinvolti e che oggi possono e anzi sono tenuti a mobilitarsi per la tua liberazione).

La lezione che abbiamo tratto da quell’esperienza è preziosa: la solidarietà contro la repressione, e in quel caso la solidarietà contro la repressione dello Stato turco, va sviluppata in grande, obbligando le istituzioni, che si riempiono la bocca di diritti umani quando fa loro comodo, a mettere a nostra disposizione quelle risorse che sono nostre, nel senso che sono le masse popolari con il loro lavoro a mantenere in piedi le istituzioni che, in cambio, dovrebbero garantire l’unità sociale operando in modo giusto e intelligente, perché per questo i loro uomini sono pagati. Questo abbiamo deciso di fare in quella occasione, in contrasto con la tendenza a fare iniziative di nicchia, tra “addetti ai lavori”, cioè tra organismi e compagni che non c’è bisogno di convincere perché sono già convinti, tra di noi, tra le “solite facce”. Il grande successo dell’iniziativa testimoniò che quello scelto era il modo giusto.

Abbiamo poi fatto cose importanti con i tuoi compagni belgi di Clea, (un tour nazionale, e anche in quel caso la polizia pensò bene di fermarci, a Genova) e tante volte siamo stati sollecitati da voi ad organizzare nuovi Simposi internazionali e a partecipare a quelli che avete organizzato ad Atene, a Parigi, a Istanbul. Noi vi abbiamo spiegato che gli organismi di cui siamo parte, quelli della carovana del (nuovo)Partito comunista italiano, che comprendono il Partito dei CARC e l’Associazione Solidarietà Proletaria, si stanno sempre più impegnando con tutte le loro risorse ed energie per portare il maggiore aiuto ai rivoluzionari degli altri paesi, cioè a fare la rivoluzione nel nostro paese. Noi siamo impegnati nella costruzione della rivoluzione qui in Italia, per fare dell’Italia un nuovo paese socialista, cioè un paese dove le masse popolari organizzate hanno il potere statale e dove la produzione dei beni e dei servizi è affidata ad aziende pubbliche che hanno la funzione di soddisfare i bisogni della popolazione in condizioni di sicurezza per i lavoratori e la popolazione e di salvaguardia e miglioramento dell’ambiente e lavorano secondo un piano economico nazionale via via sempre più coordinato a livello internazionale, pubblicamente discusso e approvato. Un passaggio per realizzare questo obiettivo oggi è che si costituisca un governo di emergenza, un Governo di Blocco Popolare in grado di soddisfare gli interessi immediati delle masse popolari colpite dalla crisi in modo sempre più duro.

Tutto questo cosa ha a che fare con la tua vicenda, e con il tuo arresto di ieri? Questo: oltre alle dichiarazioni di solidarietà e all’impegno immediato noi dobbiamo e vogliamo che nel nostro paese si istituisca, da subito, un governo che non solo accolga un rivoluzionario come te con gli onori che ti sono dovuti, ma che ti chiami, ti inviti nel nostro paese a portare la tua esperienza per rafforzare i legami tra le masse popolari del nostro paese e quelle della Turchia, che tu rappresenti, che tu possa parlare nei posti più prestigiosi, e nei canali di informazione nazionali, nella stampa, nella televisione.

Questo, a dieci anni dal primo nostro incontro, è una evoluzione di quanto allora abbiamo appreso. Non si tratta nemmeno più di andare dalle istituzioni che governano il nostro paese per pretendere che facciano il loro dovere: dieci anni sono passati, e oggi quelle istituzioni sono a uno stadio di putrefazione tanto avanzato da riuscire a malapena a stare in piedi. Oggi si tratta di togliere il governo a quei partiti e a chi sta loro dietro, a quelli che stanno mandando in rovina il paese e che sono precisi ed efficienti solo nella rapina delle masse popolari e nella repressione dei rivoluzionari italiani ed esteri, pronti ad attenderti appena cali dall’aereo. Le forze e i singoli che si dichiarano a favore della democrazia, e che sono in prima linea nel sostenere anche la tua causa, si assumano responsabilità di governo.

La campagna per la tua liberazione sia quindi anche campagna per il governo di un paese dove tu e tutti i compagni di tutti gli organismi rivoluzionari del tuo paese e di ogni altro paese siate accolti con tutti gli onori, per un governo che porti sostegno economico e politico alla lotta di liberazione del tuo popolo e di tutti i popoli del mondo. Questo è il nostro augurio e il nostro impegno.

Accompagno ai saluti rivoluzionari da parte mia e del mio partito, come omaggio, l’immagine che feci per il manifesto dell’evento fiorentino di dicembre 2013, quella con gli Yorum che suonano sullo sfondo, con un nuova scritta.

Fino alla vittoria, sempre!

Paolo Babini

Partito dei CARC – Settore delle Relazioni Internazionali

Allegato 1 (Il programma del simposio del 2003)

Firenze 19-20-21 dicembre 2003: contro la Tortura e l´Isolamento Carcerario

Simposio Internazionale contro la Tortura e l´Isolamento Carcerario
Con il patrocinio della Regione Toscana

Tel: 00 39.347.138.09.80
 isolation@post.com

I prigionieri politici in Turchia sono entrati in sciopero della fame contro il progetto delle nuove carceri di massima sicurezza, quelle con le celle di isolamento (F-Type), dal 20 ottobre del 2000. I prigionieri sapevano che una volta separati sarebbero stati ancora più esposti a tortura e maltrattamenti. Erano consapevoli che l´isolamento totale, definito anche… tortura bianca…, era anche un modo coercitivo di spersonalizzazione e di sottomissione. E’ ormai provato che sia nei Paesi Europei, sia negli Stati Uniti dove da molti anni esistono le celle d’isolamento, che questo causa gravi problemi psicofisici. Il 19 dicembre 2000, due mesi dopo l’inizio dello sciopero della fame i militari turchi intervennero con un assalto a 20 prigioni per deportare i detenuti nelle nuove carceri F-Type. L’operazione, che causò la morte di 28 prigionieri e circa mille feriti e ustionati, fu cinicamente definita dalle autorità turche… ritorno alla vita… Dopo circa 1200 giorni di Death fast (sciopero della fame fino alla morte) sono decedute 107 persone e oltre 500, a causa dell’alimentazione forzata, hanno contratto la sindrome di Wernicke-Korsakoff (i sintomi principali sono: atassia, amnesia). 
La Piattaforma Internazionale di Lotta contro l´Isolamento – che è nata nel 2002 – ha stabilito dal 19-21 dicembre giornate internazionali di sensibilizzazione contro la tortura dell´isolamento carcerario. In questi tre giorni si svolgerà  a Firenze un Incontro internazionale con avvocati, medici, ex prigionieri e familiari di detenuti, rappresentanti politici, intellettuali, giornalisti.


Venerdi 19 dicembre

Salone de´ Dugento – Palazzo Vecchio – piazza Signoria


ore 10 Saluto del Presidente del Consiglio Regionale Toscano, 
Riccardo Nencini

Interventi dei rappresentanti istituzionali di Provincia e Comune

10.30-13.00 Interventi di ex-prigionieri politici sulle condizioni in carcere e sui diversi modi di resistenza alla repressione

Sadi Ozpolat – Presidente Ass.ne per i diritti e le libertà fondamentali (Turchia) 
Christofer Kelley – I.P.S.C. (Irlanda)
 Un rappresentante del Fronte Polisario (Sahara Occidentale) 
Yon Elorza – Pro Amnistia (Paesi Baschi)

11.30 – Conferenza stampa

13.00-14.00 Pausa pranzo

14.00-16.00 Testimonianze (associazioni, familiari e persone sensibili alla questione prigionieri)

Tekin Tangun – Presidente dell’Ass. dei prigionieri e dei familiari Tayad (Turchia) 
Ahmet Kulaksiz – Padre di due ragazze decedute nel 2001 nella Death 
fast a Istanbul
 – Yildiz Ercan – ex-guardia, testimone della strage del dicembre 2000 nel carcere di Bayrampasa
 Mohamed Safa – Presidente del Centro di Riabilitazione delle vittime della tortura nel Campo Al-Khiam (Libano)
 Haidi Giuliani – Madre di Carlo 
Elvira Penna – Addetta stampa all’Ambasciata di Cuba a Roma
 Madri di Plaza de Mayo (Argentina)

16.15-18.15 Solidarietà Internazionale con i prigionieri politici della Death Fast

Cezmi Ersoz – Scrittore (Turchia)
 Bilgesu Erenus – Cantatrice (Turchia) 
Mammad Suleymanov – Giornalista Azerbaijan
 Grazia Cecioni – Giornalista (Italia) 
Rappresentanti dei sindacati PAME e OLME (Grecia)

20.00 Cena alla Casa del Popolo Ponte a Greve via Pisana 809 (Bus n.26)

21.30 Film documentario “La morte silenziosa” Huseyin Karabey e letture di poesie di Nazim Hikmet

20 dicembre Auditorium Consiglio Regionale – via Cavour, 4


Sabato 20 dicembre

9.00-11.00 Aspetti medici e psicologici relativi 
alla detenzione, alla pratica dello sciopero della fame
e alle conseguenze dell’alimentazione forzata

Dott. Gianfranco De Maio, Neurologo – Italia
 Dott.ssa Antonella Sapio – Università di FirenzeDott. Paola Cecchi – Psicopedagogista
 Gina de Angeli, Infermiera, Massa

11.00-13.00 Aspetti giuridici dell´isolamento carcerario

Vainer Burani – Avvocato (Italia) 
Vesile Yucel – Avvocata (Germania)
 Julen Arzuaga – Osservatorio dei diritti umani, Behatokia (Paesi Baschi)
 Murat Demir – Avvocato (Germania) 
Giovanna Lombardi – Avvocata (Italia)
 Ibrahim Mahajna – Human Rights (Palestina)

13.00-14.00 Pausa pranzo

14.00-19.00 Interventi:

International Forum (Danimarca), Unione 18 ottobre (Germania), Marcella Delle Donne (Università la Sapienza), Arab-Palestine Club (Austria), Marian Price (IRPWA, Irlanda), Tayad Komite (Amburgo), Associazione dei rifugiati politici iraniani (Germania), Rote Hilfe (Germania), Comitato Free the Five (Germania), Silvia Petrini (Altro Diritto), Peter Novak giornalista (Germania), Initiativ E.V. (Germania), Laboratorio Marxista, DHKC International, Assemblea Nazionale Anticapitalista, Fausto Schiavetto (Soccorso Popolare), Nino Moscato (Comitato Antimperialista Antifascista “Spartaco Lavagnini”), Giulio Gori (rivista DEA), Collettivo Antinebbia Valdarno, CARC, ASP, “nuova unità ” (rivista di politica e cultura comunista), Linearossa, Comitato contro la repressione di Viareggio e Versilia, Alessandro Leoni (PRC), Lorenzo Marzullo Commissione per la Pace (Comune di Firenze), AFAPP (Spagna), AMDH (Marocco), WILPF, IRSP (Irlanda), Orsola Casagrande (Il Manifesto), Annahj Addimocrati (Marocco), Campo Antimperialista.

20.30 Cena al CPA, via di Villamagna 27/A (Bus 23,33, 8, 71)


Domenica 21 dicembre

Casa del Popolo Grassina, Bagno a Ripoli
 Piazza Umberto I, 14 (Bus n.31,32)

Giornata di Solidarietà con la Tayad
 A cura del Comitato Antimperialista Antifascista “Spartaco Lavagnini”

15.30 – Mostra fotografica e lettura di poesie di Nazim Hikmet
16.30 – Film “Il Muro”, di Yilmaz Guney
18.00 – Film “L´Assedio”, di Idil Yapim
 18.30 – Concerto di Strada del Gruppo “I Fiati Sprecati”
 20.00 – Cena di Finanziamento
21.30 Concerto con: Pol MacAdaim – Political Irish Folk Singer
 Gruppo Yorum (Turchia) 
I Briganti (Italia)

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: