Movimiento de Países No Alineados: Encuentro de Visiones Socialistas

por Ernesto Wong Maestre

Desde el fin de la segunda guerra mundial, cuando los pueblos del mundo apreciaron que el socialismo soviético pudo vencer al fascismo, fundamentalmente de la alianza italo-alemana-española-nipona, se reiniciaron con mucha fuerza las luchas por la independencia contra el colonialismo europeo impuesto en Asia y África, así como las batallas políticas y guerrilleras en América Latina y El Caribe contra el neocolonialismo estadounidense y también europeo.

En ese contexto hay que comprender como las ideas socialistas se expanden como pólvora por el mundo del sur y del norte. Sobre este último espacio geográfico valga recordar las motivaciones que animaron al senador Joseph Mc Carthy para lanzar, y lograr el apoyo del Congreso, de medidas represivas que cercenaron la democracia estadounidense al violar constantemente los derechos de expresión de la ciudadanía y el debido proceso legal para poner en prisión o asesinar a cuanta persona le pareciera al FBI o a la CIA de simpatizar con el ideal socialista. Estas pasaron a la historia con el nombre de “macarthismo” debido a que se convirtieron en política de Estado. En contraste, el mundo del sur fue testigo del avance del ideal socialista, desde China hasta Brasil y desde Cuba hasta Irak, donde el poder de las clases dominantes fueron sacudidas con movilizaciones, huelgas, combates guerrilleros, declaraciones independentistas, protestas, marchas y también leyes dictadas por gobiernos populares en función de consolidar las independencias con definida orientación socialista.

Por ello, es claramente identificable que para 1961, año en que se logra fundar el Movimiento de Países No Alineados, las ideas socialistas ya habían comenzado a romper la hegemonía capitalista en el mundo del sur, colonizado por Inglaterra o por Francia, o neocolonizado por EEUU. Esta es la principal razón por la que desde los medios corporativos globales se escamotea la verdad, se omiten los datos históricos y se castiga con fuerza aquellos periodistas o editores que no cumplen las líneas editoriales imperiales.
Y el rompimiento de la hegemonía capitalista ocurre porque significativos líderes independentistas abrazan el ideal socialista y comienzan a aplicarlos, en diferentes niveles y extensión, con determinadas limitaciones o alcances, en varios países que se convierten en líderes regionales. Tales son los casos del Gamal Abdel Nasser quien impactó con el “socialismo árabe” en todo el Medio Oriente y en África Islámica, o el caso del marxista-leninista Kwame Nkrumah que desde 1947 le ganó a la Reina de Inglaterra las elecciones de Gobernador y en 1957 ganó las elecciones que dieron la independencia al país africano, hasta ese momento conocido como Costa de Oro. O el caso de Ahmed Sukarno, líder indonesio que desde la conferencia preparatoria de Bogor para organizar en 1955 el gran encuentro afroasiático de Bandung, ya enarbolaba el ideal del “socialismo asiático” muy influido por el triunfo del socialismo marxista-leninista chino de 1949 y por el partido comunista indonesio que se había convertido en el de más miembros entre todos los creados en el mundo. Es por ello que el mariscal Joseph Broz Tito, con su “socialismo autogestionario” y ante su conflicto no antagónico con la URSS, por un lado y el peligro de caer completamente en las garras de la OTAN, creada en 1949, por el otro, se lanza -entre 1956 y 1959- en una intensa carrera de visitas diplomáticas hacia esos cuatro líderes regionales para unirse con ese movimiento afroasiático que a su vez crece con ese actor europeo. Y como colofón y complementación de ese movimiento afroasiático, el surgimiento del “socialismo cubano”, de raigambre marxista-leninista, proporciona al movimiento afroasiático una nueva fuerza geopolítica aliada a la URSS y encabezada por el carismático y “líder alejandrino” Fidel Castro al frente de la 1ra Revolución Socialista de América Latina y El Caribe.

Los seis líderes socialistas unieron sus ideales de independencia, de paz, de autodeterminación, de condenar el uso del arma nuclear, de buscar la cooperación y el desarrollo para sus pueblos, de visión antiesclavista, de proteger al ser humano contra las prácticas capitalistas depredadoras –como había dicho Albert Einstein en 1949-, en fin, ideal socialista aplicado a cada condiciones concretas que se corresponde plenamente como ideal viable con los contenidos de la famosa Declaración de Bandung (Toro Salvaje en el idioma indonesio) y la fundacional de Belgrado (1961), así como con las siguientes declaraciones de El Cairo (1964), Lusaka (1970), Argel(1973), Sri Lanka (1976), La Habana (1979), Nueva Delhi (1983), Harare (1986), Belgrado (1989), Jakarta (1992), Cartagena de Indias (1995), Durban (1998), Kuala Lumpur (2003), La Habana (2006), Charm el Cheij (2009) y Teherán (2012).

El MNOAL centró su acción desde su inicio en que sus miembros no estuvieran en ninguno de los dos pactos militares dominantes (bloque capitalista OTAN-OTASO-CENTO-ANZUS y Pacto de Varsovia reservado a los países socialistas europeos), lo que es diferente a lo que pretendían los yugoslavos y seguidores de Edvard Kardelj (muy influyente en Tito quien se preocupaba mucho por mantener la unidad étnica yugoslava) de abogar contra los “dos imperialismos” y quienes después contribuyeron (por su etnicismo) a facilitar la destrucción de Yugoslavia por los bombardeos de la OTAN y por las políticas desintegradoras de los gobiernos europeos para recolonizar los territorios africanos, mediorientales y asiáticos, algo que después de treinta años es evidente hasta en América Latina y El Caribe.

De manera que la visión de que el MNOAL surgió para “no estar alineados a ninguno de los dos imperialismos” fue una posición unilateral de Yugoslavia y no el consenso del Movimiento, ya que los principales líderes como Nkrumah, Nehru, Nasser, Sukarno y Fidel tenían excelentes relaciones de cooperación (económica, militar, política, cultural) con la URSS. Y ellos rebatieron muchas veces la tesis de “los dos imperialismos”. Esa es la verdad histórica. La presencia de Cuba Revolucionaria fue lo que le dio la posibilidad a Bandung de extender su influencia hacia América Latina y formarse el MNOAL en 1961 y de que el FLN de Argelia fuera un miembro fundador, sin ser gobierno aún. Ese fue el significado de Cuba y de Fidel para la gestación del movimiento cuatricontinental que hoy celebra en Margarita, Venezuela, su XVII Cumbre, enriquecida hoy con el legado del indómito Hugo Chávez.
En su 55 Aniversario, el MNOAL recordará sin dudas el ideal de los Fundadores y tomará un nuevo impulso desde la isla de Margarita para impulsar la reestructuración integral de la ONU y de su Consejo de Seguridad, defendiendo los principios del derecho internacional e introduciendo nuevos principios que ya se han consolidado en los organismos de integración del siglo XXI en el sur.

Hoy, el gobierno revolucionario de Venezuela, con su pueblo en revolución pacífica y organizado para la defensa integral, ejerce su deber hacia el Movimiento de Países No Alineados, no solo organizando la Cumbre, sino que con su visión del “socialismo bolivariano” alimentará el ideal socialista mundial que resurge con nuevas fuerzas desde los ciento veinte pueblos que integran el Movimiento y será también ejemplo de ideal para los pueblos europeos y norteamericanos que hoy sufren de crisis estructural económica, cultural y política.

@ProfeWong

L’Algeria ribadisce il rifiuto alle basi straniere sul suo territorio

da al manar

Per bocca del suo ministro per gli Affari del Maghreb, dell’Unione africana e della Lega araba, Abdelkader Messahel, intervenuto alla vigilia dell’apertura della Conferenza internazionale sulla lotta contro l’estremismo, l’Algeria ha ribadito il suo rifiuto a qualsiasi base straniera sul suo suolo.

Per giustificare una tale posizione, Messahel ha usato un linguaggio diplomatico abbastanza rilevante. Egli ha sostenuto che uno “stato capace” non ha bisogno di basi straniere per combattere la minaccia terroristica, sapendo che le potenze straniere che vogliono stabilire basi militari in Nord Africa in genere utilizzano il pericolo del terrorismo per giustificare la loro richiesta.

Messahel ha affermato per l’ennensima che lo Stato algerino ha tutte le capacità per affrontare la minaccia del terrorismo ai suoi confini e nel suo territorio, ma è stato un modo intelligente per ingraziare alcune potenze straniere interessate a installare  le basi militari.

La posizione algerina così come è stata esposta da Messahel aiuta a respingere le pressioni, che stanno aumentando ultimamente, per stabilire basi straniere sul territorio nazionale, evitando che il rifiuto algerino venisse interpretato come un segno di ostilità nei confronti di questi stessi paesi la cui facoltà di nuocere non deve essere mai trascurata.

Il richiamo della posizione algerino su questa delicata questione da parte del Ministro Messahel è quello di mantenere i contatti con l’ultimo punto di un altro alto funzionario algerino. Infatti, come parte della sua ultima apparizione mediatica, Ahmed Ouyahia, come segretario generale della RND (un partito politico algerino) e capo di Gabinetto della Presidenza della Repubblica ha chiaramente ribadito i motivi che potrebbero spiegare le sfide Algeria nella attuale situazione regionale e internazionale.

Ouyahia ha ricordato, in particolare, il fatto che l’Algeria si rifiuta di inviare il suo esercito in guerra al di fuori dei suoi confini (in Libia e Medio Oriente) e per il fatto che, oltre alla Siria (si sa cosa è accaduto) l’Algeria è l’unico paese arabo a rimanere in piedi a fianco del popolo palestinese contro l’occupazione israeliana. Ouyahia è giunto al punto di dichiarare che l’Algeria giuridicamente è ancora in guerra contro Israele.

Gli osservatori diplomatici non esitano a mettersi in relazione queste posizioni ufficiali dell’Algeria contro l’interventismo delle grandi potenze nella regione e le pressione ricevute, compresa la forma di azioni di destabilizzazione per minare la pace civile e l’unità nazionale, come è accaduto di recente nel wilaya di Ghardaia.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Paulo Freire e la psicologia della liberazione di Frantz Fanon

di Alain Goussot

Quando si affronta l’opera pedagogica di Paulo Freire si dimentica spesso la grossa influenza che ebbe sulla sua riflessione il pensiero dello psichiatra militante anticoloniale afro-martinichese Frantz Fanon. Nel 2011 si sono commemorati i cinquant’anni della scomparsa di quest’ultimo; vi sono stati molti convegni in diverse parti del mondo ma ben poco in Italia, eppure la sua opera rimane di una grandissima attualità per chi si occupa di esclusione sociale, di meccanismi di dominazione e di disumanizzazione ma anche di società multiculturale nonché di razzismo.

Paulo Freire e Frantz Fanon erano quasi coetanei; il brasiliano Freire nasce nel 1921 mentre il creolo Fanon nasce nel 1925; il primo ebbe una lunga vita di esperienze e riflessioni, il secondo morì giovanissimo di una leucemia fulminante all’età di 36 anni, lasciando però un ricco e ancora attuale patrimonio di riflessioni e considerazioni sul rapporto tra lotta di liberazione, sviluppo psicologico e identità.

Notiamo che queste due figure sono vissute in due paesi del cosiddetto Terzo Mondo e ambedue rapidamente svilupparono una teoria della liberazione dall’oppressione, Freire in campo educativo, Fanon in campo psicologico. Ambedue saranno militanti impegnati e schierati con i diseredati, i poveri, gli oppressi, cioè con i «dannati della terra». Pure nelle differenze di percorsi vi sono diversi punti di contatto; Freire studia filosofia e pratica la pedagogia critica nel suo paese, il Brasile, poi in molti paesi dell’America latina, mentre Fanon studia medicina, arriva alla psichiatria mediata dalla riflessione filosofica e dall’impegno politico, facendolo nel contesto coloniale dell’Algeria ancora occupata dai francesi. Ambedue si concentrano sui meccanismi dell’oppressione e sull’alienazione degli oppressi dipendenti in modo ambiguo e contraddittorio dai loro oppressori. Freire nella dialettica educativa tra educatore e educando e Fanon nella dialettica tra medico e paziente vedono il nocciolo del processo di alienazione; che sia nella relazione educativa o nella relazione terapeutica quello che tentano di evidenziare è proprio il meccanismo della dominazione, solo possibile se in qualche modo l’oppresso finisce per identificarsi con chi lo disumanizza, e anche la possibile emancipazione dalla struttura di dominio. Riprendendo quasi testualmente le analisi di Fanon, il pedagogista brasiliano parla della dualità esistenziale degli oppressi che accolgono dentro di loro l’oppressore e che, in questo modo, sono insieme sé stessi e un altro. Frantz Fanon studiando la sofferenza psichica sottolinea come la relazione trasformata in rapporto di dominio diventa il fattore preponderante della costruzione del complesso d’inferiorità e della dipendenza anche emozionale dell’oppresso dall’oppressore, del malato dallo psichiatra.

 

Paulo Freire e Frantz Fanon: la liberazione come processo di conoscenza di sé

 

Nella sua Pedagogia degli oppressi Paulo Freire fa esplicitamente riferimento al testo di Frantz Fanon I dannati della Terra lì dove parla della situazione di oppressione e del vissuto degli oppressi; cita anche l’altra grande figura del pensiero antirazzista francese, l’intellettuale di origine tunisina Albert Memmi facendo riferimento al suo libro Ritratto del colonizzato-ritratto del colonizzatore. Questi due testi hanno effettivamente molti punti in comune e in particolare pongono una grande attenzione sull’aspetto psicologico della condizione di oppressione nella relazione oppressore/oppresso. Analizzando la situazione di oppressione Paulo Freire riprende la riflessione di Fanon sulla dualità della psicologia del colonizzato che costruisce con chi l’opprime un rapporto da doppio legame: repulsione e attrazione, respingimento e identificazione, odio e amore. Questa condizione rende confuso l’oppresso che non riesce a localizzare concretamente il focus del meccanismo di dominio; il processo educativo, che opera con gli adulti attraverso la partecipazione attiva alla costruzione del proprio percorso autoformativo, attiva un processo di presa di coscienza che struttura gli strumenti della decodifica del mondo e della situazione di oppressione. Non capendo i motivi della propria sofferenza l’oppresso finisce per agire una aggressività orizzontale che colpisce i suoi compagni di miseria e di esclusione ; non riesce a trasformare questa aggressività in una azione critica di tipo verticale rivolta verso chi lo domina, lo disumanizza calpestando la sua dignità e provocando dentro di lui un sentimento di svalorizzazione totale della propria persona. Sfogandosi verso gli altri «compagni di sfortuna» diventa così anche lui oppressore:

In questa «immersione», gli oppressi non possono chiaramente discernere «l’ordine» al servizio degli oppressori poiché vivono per così dire dentro di loro quest’ordine che li frustra nella loro esistenza e li spinge spesso ad esercitare un tipo di violenza orizzontale nei confronti dei propri compagni (Freire 2002, 40).

Più l’oppresso s’identifica con chi lo domina e lo tratta come cosa più aggredisce che gli assomiglia in nome della diversità dell’altro, mentre colui che aggredisce è chi è oppresso come lui, purché sia tuttavia un tantino più basso nella gerarchia sociale. Quello che desidera disperatamente è assomigliare all’oppressore, adottare il suo stile di vita e quindi diventare come il dominatore per sentirsi finalmente qualcuno. Ma tutto ciò avviene attraverso un processo spesso lacerante che provoca violenza interiore ed esteriore.

V’è d’altronde, ad un certo punto dell’esperienza esistenziale degli oppressi, una irresistibile attrazione nei confronti dell’oppressore, del suo stile di vita. Accedere a questo stile di vita costituisce una potente aspirazione. Nella loro alienazione gli oppressi vogliono ad ogni costo essere simili agli oppressori, imitarli, seguirli (Freire 2002, 41).

Questa situazione porta l’oppresso a costruirsi un falso sé che non si rende conto di essere posseduto dall’Altro; questo processo relazionale che reifica chi si trova in posizione di subalternità diventa un meccanismo che rende la persona estranea a se stessa. Questa falsa visione di sé porta ad una falsa visone del mondo e del suo funzionamento e anche all’accettazione della situazione di oppressione che costituisce la base stessa del processo di disumanizzazione che fa perdere ogni dignità e annulla la coscienza. Senza liberarsi dell’oppressore che ha interiorizzato, e che invidia, l’oppresso non potrà mai umanizzarsi e costruire una società più giusta e umana. Freire è fortemente influenzato dalle analisi di Fanon sui meccanismi psicologici della dominazione nella situazione coloniale ma anche sui processi di disumanizzazione del colonizzato descritti da Albert Memmi. Quest’ultimo scrive in Ritratto del colonizzato:

Questo meccanismo non è sconosciuto: è una mistificazione. L’ideologia di una classe dirigente, lo sappiamo, viene adottata in grande misura dalle classi dirette. Orbene ogni ideologia di lotta, comprende, come parte integrante di se stessa, una concezione che proviene dall’avversario. Adottando questa ideologia le classi dominate, in fondo, adottano il ruolo che le classi dominanti hanno assegnato loro. Ciò spiega, fra l’altro, la relativa stabilità delle società, l’oppressione vi è più o meno tollerata dagli stessi oppressi. Nella relazione coloniale, il dominio si esercita da un popolo su un altro popolo, ma lo schema è sempre lo stesso (Memmi 1985, 107).

La questione delicata toccata da Memmi, e da Fanon, come si vedrà più avanti, è per Paulo Freire la questione centrale: cioè il consenso dell’oppresso allo schema del dominio, uno schema interiorizzato e replicato, riprodotto nel momento stesso della sua stessa lotta contro l’oppressore. È come se l’oppresso fosse nel suo agire e nel suo modo di essere esattamente speculare all’oppressore, avendone in qualche modo introiettato e assimilato tutti gli atteggiamenti. Questo spiega perché le società con i loro meccanismi di oppressione sono in fondo relativamente stabili e si riproducono nonostante i sussulti rivoluzionari. Frantz Fanon descriverà con profondità la psicologia del colonizzato che nel processo stesso della sua lotta per liberarsi dall’oppressore finisce per riprodurne gli atti, i gesti e gli stessi pensieri; sapeva che questo avrebbe portato l’Africa e gli africani ad essere dominati dagli stessi meccanismi anche se, questa volta, gestiti dagli stessi africani.

Ma tra i punti di connessione tra l’approccio pedagogico di Freire e quello psicologico di Fanon vi sono i riferimenti teorici: ambedue leggono con attenzione Hegel, in particolare la sua Fenomenologia dello spirito con l’analisi della dialettica tra il padrone e lo schiavo; una dialettica nella quale uno domina l’altro, ma anche piena di contraddizioni, con una interiorizzazione da parte del dominato del mondo del padrone e in parte viceversa. La dialettica hegeliana che fa della complessità e della contraddizione il motore della storia umana influenza sia la pratica pedagogica di Freire che l’approccio psicologico di Fanon: il filosofo tedesco descrive il processo complesso che vede il passaggio dall’essere in sé all’essere per sé, dall’esistere nell’immediatezza alla coscienza dell’esistere e quindi all’autocoscienza. Hegel spiega come si costruisce la ragione dialettica e quindi la capacità dell’uomo di diventare autenticamente libero. È quello che fa Freire quando descrive il processo di apprendimento come processo progressivo di coscientizzazione che vede l’alunno passare dal pensiero magico a quello transitivo per arrivare alla coscienza critica, all’autocoscienza. Frantz Fanon parla del processo di disumanizzazione presente nel rapporto coloniale: il colonizzatore deve disumanizzare il colonizzato, in senso sociale e simbolico-culturale, per giustificare e legittimare la sua pratica di oppressione. Ma deve farlo in modo tale che il colonizzato finisca per comportarsi effettivamente in modo disumano per confermare lo sguardo dominante e il meccanismo stesso della dominazione. Per Freire la questione che si pone è come il processo pedagogico possa fare passare l’oppresso (che può essere l’alunno, l’immigrato, il povero, il disabile…) dall’essere meno all’essere di più; per Fanon la questione centrale è quella della capacità dell’oppresso , nella sua lotta di liberazione, di riappropriarsi della propria storia e quindi della propria personalità. Oltre a Hegel v’è anche la lettura di Marx e Engels; la loro analisi della dialettica storica attraverso la dialettica oppressi/oppressori nei diversi modelli di produzione; l’importanza dei rapporti sociali e della strutturazione di rapporti di sfruttamento dell’uomo sull’uomo produttori di diseguaglianza. Ma tutto ciò viene anche filtrato da parte di Fanon con la fenomenologia di Merleau-Ponty (soprattutto per quanto riguarda l’importanza delle percezioni come base delle rappresentazioni) e con l’esistenzialismo di Jean-Paul Sartre. Per Freire come per Fanon nessuno libera l’altro e nessuno si libera da solo; solo l’impegno dell’uomo nella relazione liberatrice con gli altri uomini può permettere a ciascuno di liberarsi insieme agli altri.

 

Frantz Fanon , i dannati della terra e il processo di liberazione

 

Ancora oggi Fanon è visto come un eretico; un eretico anche negli ambienti intellettuali bien pensants in Francia (di quelli che non sopportano Jean-Paul Sartre accusandolo di avere danneggiato la cultura e la filosofia francese, ma che in realtà non riescono ad accettare il suo «tradimento» verso la sua classe sociale e verso la sua «patria»); un eretico sul piano politico per essersi schierato ed essere diventato, colpa grave, l’«ideologo» dei disperati del mondo. È anche considerato come un eretico negli ambienti scientifici della medicina psichiatrica per la sua critica alla logica manicomiale e alla concezione della malattia mentale come pericolo da normalizzare ad ogni costo. In effetti è proprio partendo dal suo lavoro concreto come medico specializzando in psichiatria all’ospedale di Saint-Alban, nel sud della Francia, che Fanon mette in discussione i meccanismi della dominazione, la trasformazione della relazione terapeutica tra medico e paziente in un rapporto di dominio del primo sul secondo. Influenzato dallo psichiatra e psicanalista di origine spagnola (repubblicano e libertario) François Tosquelles che sperimenta le prime forme di deistituzionalizzazione, cioè di apertura del manicomio alla società e di libertà per i malati di mente, Frantz Fanon fa subito il collegamento tra le pratiche di disumanizzazione nei manicomi e nella situazione coloniale, vede le medesime pratiche discriminatorie e di negazione della dignità della persona umana. È nella sua prefazione ai Dannati della terrache Jean-Paul Sartre spiega ai francesi perché sono in molti a respingere il testo di Fanon:

Per due motivi, il primo è che Fanon vi spiega ai suoi fratelli e dimostra loro i meccanismi delle nostre alienazioni: approfittatene per scoprirvi nella vostra verità oggettiva. Le nostre vittime ci conoscono a causa delle loro ferite e delle loro catene: è ciò che rende la loro testimonianza irrefutabile. Basta che ci mostrano ciò che abbiamo fatto di loro per conoscere per conoscere quello che abbiamo fatto di noi (Fanon 1991, 43).

Sartre è estremamente tagliente e questo non gli sarà perdonato in Francia:

Gli altri si fanno uomini contro di noi, appare che siamo noi i nemici del genere umano; così l’élite rivela la sua vera natura , quella di una gang (Fanon 1991, 51).

La disumanizzazione è il cuore del rapporto tra colonizzatore e colonizzato; questo rapporto crea separazione e un legame dove v’è sfruttamento; la posizione psicologica del colonizzato nei confronti del mondo del colonizzato è doppia, è, come dirà più tardi Gregory Bateson, dadoppio legame:

È dominato, ma addomesticato. È interiorizzato ma non convinto della sua inferiorità. Aspetta pazientemente che il colonizzatore rilascia la sua vigilanza per saltarli addosso. (…) Di fronte all’organizzazione coloniale il colonizzato si trova in uno stato di tensione permanente. Il mondo del colonizzatore è un mondo ostile, che rigetta, ma nello stesso tempo, è un mondo che invidia (Fanon 1991, 83).

È anche interessante vedere come Fanon s’interessa alla natura della relazione che si costruisce partendo anche dal linguaggio; essendo medico psichiatra, conosceva bene la funzione del linguaggio tecnico-specialistico come strumento d’inferiorizzazione dell’altro (nel rapporto medico-paziente); mostra quanto il linguaggio tecnico mascheri spesso il desiderio d’ingannare, di manipolare il popolo, di lasciarlo fuori dal processo decisionale per cui il potere rimane in mano all’élite. Si tratta di una vasta operazione psicologica di spoliazione della dignità di chi vive all’interno di questa logica di dominazione e la subisce pure non rendendosi completamente conto di quel processo di estraniazione: qui Fanon fa il parallelo tra il potere dello psichiatra e quello del colonizzatore; mostra che sia con la violenza che con la manipolazione la struttura di oppressione si concretizza in un rapporto dove non v’è eguaglianza ma dipendenza e subalternità. Fanon parla del colonizzato come dell’immigrato; farà le prime esperienze di psicoterapia con degli africani immigrati in Francia, questo prima di essere mandato in Algeria all’ospedale di Blida, il principale nosocomio del Maghreb coloniale. Riporta la sua esperienza di terapeuta in un libro di una grande profondità e di una grande attualità per chi si occupa oggi di psicologia transculturale; in effetti in Pelle nera e maschere bianche (Fanon 1971) applica le teorie di Alfred Adler (l’allievo eretico di Freud) sulla costruzione del complesso d’inferiorità e quelle dello psicanalista Jacques Lacan sulla funzione dello specchio nella formazione dell’identità per capire la sofferenza dei migranti che vivono il disprezzo razzista dei bianchi francesi; definisce i migranti e i colonizzati come «mutilati psico-affettivi». Fa notare come gli africani tentano di assomigliare il più possibile ai bianchi: è quello che definisce a livello psicologico come processo di lattificazione, un processo dove avviene una identificazione ambivalente con il bianco che domina: da una parte diventare come lui, vestirsi come lui, mangiare come lui e pensare come lui, dall’altro lacerarsi interiormente per reprimere l’odio verso il dominatore. L’alienazione socio-culturale provoca una rottura dell’equilibrio psico-affettivo e quello che Fanon chiama (usando i testi di Anna Freud sui meccanismi di difesa) una ritrazione dell’Io.

Fanon critica anche l’atteggiamento degli intellettuali africani che in nome della lotta contro la dominazione parlano di «negritudine», esaltando la bellezza e la superiorità nera, atteggiamento speculare alla logica razzista dei bianchi. In questo senso senza rendersene conto l’intellettuale africano colonizzato nel momento stesso in cui lotta finisce per fare suo lo sguardo del colonizzatore e per comportarsi come lui. Queste analisi di Fanon sono state profetiche per spiegare quello che è successo in molti paesi dell’Africa dopo l’indipendenza; cioè per comprendere il comportamento delle nuove classi dirigenti che finirono per costruire con i propri popoli lo stesso tipo di rapporto di dominazione che avevano conosciuto durante il periodo coloniale. Fanon, come Freire che riprenderà queste sue riflessioni, pensa che per umanizzarsi il colonizzato deve liberarsi dell’oppressore che ha dentro di sé, deve sapere dove va e perché, insomma deve avere sviluppato una coscienza critica sensibile ad ogni forma di dominazione. Fanon parla del processo di liberazione come del trionfo dell’uomo totale, come di un processo di emancipazione umana che rida dignità ad ogni cittadino, che arricchisce spiritualmente, che «riempie gli occhi di cose umane», che fa diventare l’oppresso sovrano e capace di un rapporto fraterno. Solo il riconoscimento della dimensione universale dell’umanità di ogni uomo può favorire il riconoscimento delle differenze e quindi realizzare la piena uguaglianza.

 

Bibliografia

 

Fanon F. (1971), Peau noire et masques blancs, Seuil, Paris.

Fanon F. (1991), Les damnés de la terre, Gallimard, Paris.

Freire P. (2002), La pedagogia degli oppressi, tr. it., Edizioni Gruppo Abele, Torino.

Memmi A. (1985), Portrait du colonisé-Portrait du colonisateur, Gallimard, Paris.

[Tratto da Educazione Democratica]

Raúl Castro: «Siamo vicini all’Algeria e la sosteniamo»

da granma.cu

Ieri pomeriggio il presidente algerino, Abdelaziz Bouteflika ha ricevuto nella sua residenza ufficiale il Generale Raúl Castro Ruz, che, nelle sue prime parole, ha portato il saluto del Comandante in Capo Castro Ruz e il suo desiderio di vedere in buona salute un caro amico di Cuba.

Il leader cubano ha dichiarato che non ha mai dimenticato quando nel 2006 durante la grave malattia del Comandante in Capo, Bouteflika si è detto disposto a dare il suo sangue per il leader della Rivoluzione cubana.

Il colloquio è durato alcune ore, in un primo momento in privato e poi con la partecipazione delle delegazioni dei due paesi. Dopo l’incontro, Raul ha tenuto un vivace dialogo con la stampa cubana e algerino che ha dato copertura alla visita ad Algeri, dove ha parlato delle sue impressioni di questi giorni e dell’amicizia tra i due paesi.

Ad una domanda di un giornalista algerino sullo stato delle relazioni bilaterali, il Presidente Raúl Castro ha risposto:«Sono buone, come sempre. Il presidente ed io abbiamo parlato a fondo di varie questioni, la situazione internazionale e delle regioni in cui operiamo, la politica internazionale dell’ Algeria, così come della nostra».

«La cosa più importante è che abbiamo piena coincidenza dei nostri punti di vista sulle questioni, ha Gli ho fatto i complimenti per le sue posizioni e la politica estera del suo governo. Siamo accanto all’ Algeria e la sosteniamo», ha aggiunto Raúl Castro.

Il presidente dell’Isola ha posto un quesito: «Che cosa ne sarebbe di questa parte del nord Africa, senza la stabilità che ha oggi l’Algeria?», riconoscendo il buon senso dei principi algerini in ambito internazionale.

«Quando guardo il quadro globale, ho la sensazione che stanno impazzendo tutti, guerre da queste parti, bombardamenti di là, gli interventi di qua, distruggendo i paesi, una follia, dove arriveremo? Quindi penso che senza esitazione, e quindi condivido con la mia delegazione, che la politica estera della Repubblica d’Algeria è molto positiva».

«Con grande soddisfazione ribadiamo la nostra posizione sull’Algeria eroica e combattente, come di consueto ama definirla Fide»l, ha aggiunto.

Raúl ha poi ha annunciato ai giornalisti che tornerà presto nella nazione nordafricana, forse quest’anno, e ha ricordato che questa è stata la terza volta che ho viaggiato qui in qualità di Presidente di Cuba. «Ora ogni volta che passare attraverso l’area devo atterrare qui senza visto, ho il permesso di Bouteflika. È avvertito», ha scherzato.

Tra gli argomenti trattati durante questa conferenza, Raúl ha citato l’interesse di entrambe le parti per la produzione di vaccini e farmaci, nonché la cooperazione continua in materia di salute pubblica. Di conseguenza, ha ricordato che la prima missione internazionale di medicina cubana fu proprio in Algeria, nel 1963, e che ora è seguita dal secondo segretario del Partito Comunista di Cuba, José Ramón Machado Ventura.

Ha ricordato il lavoro eroico dei medici cubani in continenti come l’Africa e l’America Latina, evidenziando il lavoro dei cooperanti caraibici nell’affrontare Ebola, che non si limita solo al trattamento diretto nelle zone colpite, ma comprendeva, in aggiunta, la preparazione di migliaia di specialisti da molte parti del mondo per contenere l’epidemia.

Raul ha parlato con i giornalisti in merito a diverse questioni sull’isola, tra cui il ruolo cruciale delle donne cubane nello sviluppo del paese e le sfide demografiche che attendono la nazione.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(VIDEO) Mussa Ibrahim. Una voce dalla Libia che resiste

di Leonor Massanet Arbona – lahaine.org

Dall’ultimo portavoce della Jamahiriyah libica un riassunto breve di quello che è successo in Libia, ma abbastanza chiaro per avere un’idea.

 Ero un’osservatrice straniera nel giugno 2011 a Tripoli, in Libia. Sono testimone di tante cose che sono avvenute che Mussa Ibrahim spiega e altre che non spiega. Sono stata testimone che c’erano giornalisti di media internazionali provenienti da tutto il mondo che non hanno informato di quanto stava accadendo. Erano testimoni diretti, fotografati, filmarono e visionarono quella realtà, ma non hanno mai pubblicato nulla.

 Ho assistito ogni giorno come gli aerei della NATO sono entrati in Libia, lanciando bombe sulle città. Non hanno ricevuto risposta libica e non so se si può immaginare che cosa significa la caduta di bombe su una città popolata da Tripoli, i morti, l’onda d’urto, la distruzione, … ogni giorno gli aerei iniziavano i bombardamenti su Tripoli all’alba e poi si ripetevano all’inizio della mattina. Impossibile per qualsiasi libico poter riposare più di quattro ore.

 Molte associazioni e gruppi internazionali sono venuti in Libia per essere diretti testimoni su ciò che stava accadendo, come l’associazione degli avvocati in testimoni del Mediterraneo. Dopo aver vissuto e assistito all’aggressione alla Libia,  non riesco più fidarmi dei media dei politici e dei governi che hanno sostenuto e nascosto qualcosa di così disumano, crudele, assurdo … RT e Telesur erano lì e hanno testimoniato tutto quella che c’era da riferire, per quanto ne so, hanno sempre detto la verità.

 Conferenza stampa 2014

 Parole di Mussa Ibrahim, ultimo portavoce della Jamahiriyah libica appartenente al Movimento nazionale del popolo libico che lavorar congiuntamente con il Consiglio di tutte le tribù libiche e le città cercando di risolvere la situazione libica dopo l’attacco della NATO e le sue conseguenze. Parla per 622 politici libici che si trovano in Libia e in esilio, rappresentano la Resistenza Verde. Difendono la riconciliazione di tutti i libici, lo sviluppo, i diritti umani.

 Noi apparteniamo a tutta la Libia e sosteniamo tutti i libici che non sostengono la NATO, non gli assassini fondamentalisti criminali, che stanno torturando, emarginando, cambiando le leggi per costringere i libici all’esilio.

 Cerchiamo il vostro supporto per farvi conoscere la nostra realtà. Nel 2011 sono stato responsabile per la comunicazione con i media internazionali, ho cercato di fare del mio meglio, ma i veri eroi sono quelli che hanno perso la vita sotto le bombe della Nato, nelle prigioni di Al qaeda. La sofferenza della Libia ha a da un avuto inizio con un attacco straniero dopo la risoluzione delle Nazioni Unite su cinque temi:

 

  1. Secondo i documenti ufficiali delle Nazioni Unite, 10.000 manifestanti sono stati uccisi a Bengasi nei primi giorni. Tuttavia, il Consiglio nazionale di transizione, testimone Abdul Jalil, ha ammesso pubblicamente e si possono anche ascoltare on-line le sue parole, dice hanno mentito. Sapevano che il governo libico della Jamahiriyah, aveva dato l’ordine di non intervenire nelle manifestazioni.

 

  1. Secondo i documenti ufficiali della NATO, i bombardamenti di Gheddafi avevano distrutto diverse aree di Tripoli come Suk al Juma, Fashlum, e altri. Oltre 1.000 giornalisti e osservatori internazionali hanno visitato e hanno visto con i loro occhi, potevano parlare con la gente e quindi controllare che non era vero, che queste zone erano completamente normali.

 

  1. Secondo i documenti ufficiali delle Nazioni Unite, più di 8.000 donne libiche erano state violentata dall’esercito libico le prime tre settimane del conflitto. Quando hanno cercato di dimostrarlo non si è presentato nemmeno una donna.

 

  1. Secondo i documenti ufficiali delle Nazioni Unite la Jamahiriyah libica aveva 35.000 mercenari africani. Non era vero e non avrebbero mai potuto dimostrare. Tuttavia è stato usato dalla Nato per uccidere migliaia e migliaia di libici neri e, ovviamente, una volta morti non poteva dichiarare nulla. La più terribile strage che si è tenuto nella città libica di Tawerga i cui cittadini che non sono stati uccisi, non gli è stato concesso di tornare a casa.

 

  1. Secondo i documenti ufficiali delle Nazioni Unite l’esercito libico della Jamahiriyah si muoveva verso Bengasi a placare con le armi le manifestazioni e radere al suolo la città. Secondo il documento ufficiale delle Nazioni Unite, la NATO doveva intervenire per fermare l’esercito e salvare la vita dei libici. Tuttavia la realtà è che il governo della Jamahiriyah aveva colloqui diretti con rappresentanti di Francia e Stati Uniti per dimostrare e promette che l’esercito libico non sarebbe entrato a Bengasi. Il governo della Jamahiriyah aveva ordinato all’esercito di non intervenire in alcun modo nelle manifestazioni qualsiasi cosa fosse successa. La Libia ha fatto l’errore di fidarsi della parola di Francia, Stati Uniti e l’Inghilterra che promisero che non sarebbero intervenute. La NATO ha mentito, è entrata in Libia e la prima cosa che fece fu di attaccare e uccidere l’esercito accampato fuori Bengasi.

 

La NATO intervenne sulla base di queste cinque bugie

 La Jamahiriyah Libia ha cercato di fare un “Fact Finding Mission” (una commissione per stabilire la verità dei fatti), così ha chiamato tutti i principali mezzi di comunicazione di tutto il mondo come la BBC, New York Times, RT, Telesur, … significa che il mondo poteva accertare i fatti, inoltre, furono invitati osservatori internazionali provenienti da tutto il mondo in modo da poter costatare la realtà.

 I Media Internazionali hanno detto che non potevano fare una ricerca sul campo (‘missione conoscitiva’) in quanto:

 

  1. Non avevano budget per farlo.

 

  1. Non avevano la stoffa giusta per dimostrarlo.

 

La Commissione dell’Unione africana ha cercato di creare un ‘Fact Finding Mission’, ma non gli è stato permesso.

 Tutti questi fatti sono stati ignorati dai media e dai politici internazionali.

 Ora sappiamo perché siamo stati attaccati: Per la posizione che occupava la Libia in Africa, sostenendo l’Unione africana, lavorando per il mercato comune africano, che lavora per l’Unione araba, sostenendo gli oppressi…

 Tutto questo ha causato l’attacco occidentale alla Libia perché non vogliono un Africa indipendente.

 In questo momento i problemi più grande di libici sono:

 

  1. Gli esuli: secondo il governo tunisino ci sono 1,5 milioni di rifugiati libici in Tunisia, il governo egiziano ha 1,25 milioni di rifugiati libici, oltre a tutti i rifugiati libici in Algeria, Niger, e molti altri paesi.

 Tuttavia, secondo le nostre stime ci sono circa due milioni di rifugiati libici all’estero. Ricordiamo che la Libia aveva una popolazione di sei milioni di persone, il che significa che il 30% dei libici sono stati costretti ad abbandonare il proprio paese e stanno soffrendo.

 

  1. Controllo della Libia da parte degli estremisti come Al qaeda, in quanto, hanno i soldi, hanno armi e sostegno straniero e migliaia di mercenari. In questo momento i peggiori terroristi del mondo sono in Libia.

Il terrorista più importante è Abdul Hakim Bilhaj che è stato in Somalia, Iraq, Afghanistan, è stato in prigione a Guantánamo e Libia. Nel settembre del 2011, quando la NATO è entrata a Tripoli BilHaj è stato nominato responsabile della sicurezza a Tripoli. È stato pagato dall’Occidente per il suo lavoro scolto con le loro aziende ed è diventato un milionario. Lo hanno ripulito ed è ora ricevuto dai governi occidentali. Oltre a Abdul Hakim Bilhaj, c’è l’ elite del terrorismo in Libia.

3.  Ci sono 35.000 prigionieri politici, in carceri illegali e sconosciute. Essi sono stati torturati, maltrattati, violando tutti i diritti umani. Ci sono anche intere famiglie bloccate. Ogni settimana escono corpi senza vita di questi prigionieri, alcuni sono sepolti direttamente e altri sono tornati alle famiglie.

 

  1. Balcanizzazione della Libia: Stanno cercando di dividere la Libia in tre parti. I fondamentalisti non vogliono una Libia forte, vogliono paesi piccoli e deboli per operare meglio.

I Libici piangono non solo per la Libia, ma cercano soluzioni per non essere “colonizzati”, ci affidiamo a un dialogo in cui includiamo tutti i libici tranne fondamentalisti e mercenari della NATO.

Il dialogo continua, lavoriamo duro per questo. Sarebbe molto più facile se non ci fosse per l’intervento occidentale.

La maggior parte dei libici sognano questi ultimi 42 anni di Jamahiriyah Libia. Questo non è per dire che tutto era perfetto, ci sono stati molti problemi, ma noi i libici li possiamo risolvere e stavamo lavorando per risolverli.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

__ 

Norman Finkelstein: «Charlie Hebdo non è satira, è sadismo»

di Norman Finkelstein

Nella Germania nazista, c’era un settimanale antisemita “Der Stürmer”. Diretto da Julius Streicher, era conosciuto come uno dei sostenitori più accesi della persecuzione degli ebrei nel corso degli anni ‘30. Tutti ricordano le caricature morbose di Der Stürmer sugli ebrei, popolo che in quegli anni doveva affrontare diffuse discriminazioni e persecuzioni.

Le vignette evidenziavano tutti gli stereotipi comuni sugli ebrei: naso storto, l’avidità, l’avarizia.

«Immaginiamo che in mezzo a tutta questa morte e distruzione, due giovani ebrei avessero fatto irruzione nella sede del giornale Der Stürmer e avessero ucciso tutto il personale che li aveva umiliati, degradati, avviliti, insultati», si chiede Norman Finkelstein, professore di scienze politiche e autore di numerosi libri, tra cui “L’Industria dell’Olocausto”. Riflessioni sullo sfruttamento della sofferenza ebraica e Metodi e demenza [dedicato all’aggressione israeliana contro Gaza].

«Come potrei reagire a questo?», si chiede Finkelstein, che è figlio di sopravvissuti all’Olocausto.

Finkelstein si è soffermato in un’analogia tra un ipotetico attacco contro il giornale tedesco e l’attacco fatale del 7 gennaio scorso, presso la sede di Parigi della rivista satirica Charlie Hebdo, che ha ucciso 12 persone, tra cui il suo direttore e alcuni dei suoi maggiori vignettisti. Il settimanale è noto per il suo contenuto polemico, tra cui le degradanti caricature del profeta Maometto, nel 2006 e nel 2012.

L’attacco ha innescato una massiccia protesta globale, con milioni di persone in Francia e in tutto il mondo che sono scesi in piazza a sostegno della libertà di stampa dietro il grido di battaglia: «Je suis Charlie».

Le vignette del profeta Maometto che Charlie Hebdo ha realizzato «non è satira» e non hanno sollevato un “dibattito”, secondo Finkelstein.

«La Satira genuina si esercita contro di noi, per portare la nostra comunità a pensare due volte le proprie azioni e parole, o contro le persone che hanno potere e privilegio», ha aggiunto.

«Ma quando le persone sono infelici e sconsolate, senza speranza, impotenti, allo stesso modo se voi prendeste in giro una persona senza fissa dimora, non si tratta di satira», ha affermato Finkelstein.

«Questo non è altro che sadismo. C’è una grande differenza tra satira e sadismo. Charlie Hebdo è il sadismo. Questa non è satira».

La «comunità disperata e disprezzata» di oggi, sono i musulmani, ha precisato, citando il gran numero di paesi musulmani in preda a morte e distruzione, come la Siria, l’Iraq, Gaza, il Pakistan, l’Afghanistan e lo Yemen.

«Allora due giovani disperati esprimono la loro disperazione contro questa pornografia politica che non è diversa da quella di Der Stürmer, che in mezzo a tutta questa morte e tutto questa distruzione, dichiarò che era nobilitato a degradare, avvilire, umiliare e insultare i membri di questa comunità. Mi dispiace, può essere molto politicamente scorretto dire questo, ma non ho alcuna simpatia per questi [la redazione di Charlie Hebdo]. Dovevano essere uccisi? Ovviamente no. Ma, naturalmente, Streicher non avrebbe dovuto essere impiccato. Io non ho sentito dire questa cosa da molte persone», ha sottolineato Finkelstein.

Streicher era uno di quelli che sono stati accusati e giudicati al processo di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale. Egli è stato impiccato per le sue caricature.

Finkelstein ha fatto riferimento anche al fatto che alcune persone sosterranno il loro diritto di prendere in giro tutti, anche le persone disperate e bisognose, e probabilmente hanno questo diritto, «Ma hai anche il diritto di dire: “Io non voglio pubblicarlo sul mio giornale…”. Quando si pubblica, ci si assume la responsabilità».

Finkelstein ha confrontato le vignette controverse di Charlie Hebdo alla dottrina dei “propositi incendiari”, una categoria di propositi passibili di condanna nella giurisprudenza statunitense.

Questa dottrina si riferisce ad alcune dichiarazioni che probabilmente porteranno la persona contro cui sono diretti a commettere un atto di violenza. Si tratta di una categoria di proposito che non sono protetti dal Primo Emendamento.

«Tu non hai il diritto di emettere propositi incendiari, perché sono l’equivalente di uno schiaffo sul viso e chi li pubblica cerca guai», secondo Finkelstein.

«Beh, le vignette di Charlie Hebdo non sono l’equivalente dei propositi incendiari? La chiamano satira. Questa non è satira. Questi sono solo epiteti, non c’è niente di divertente a riguardo. Se lo trovate divertente, quindi rappresentate gli ebrei con grandi labbra e il naso storto».

Finkelstein ha sottolineato le contraddizioni nella percezione occidentale della libertà di stampa facendo l’esempio della rivista pornografica Hustler, il cui editore, Larry Flynt, fu colpito e restò paralizzato nel 1978 da un serial killer che predicava la supremazia della razza bianca, dopo aver pubblicato foto di sesso interrazziale.

«Non mi ricordo che tutti abbiano lanciato lo slogan “Siamo Larry Flynt” o “Noi siamo Hustler”. Merita di essere attaccato? Ovviamente no. Ma nessuno ha improvvisamente trasformato questo evento in un qualsiasi principio politico».

Per Finkelstein, l’adesione occidentale alle vignette di Charlie Hebdo deriva dal fatto che i disegni mettono in ridicolo i musulmani.

«Il fatto che i francesi descrivano i musulmani come barbari è ipocrita alla luce delle uccisioni di migliaia di persone durante l’occupazione coloniale francese dell’Algeria, e la reazione dell’opinione pubblica francese sulla guerra in Algeria dal 1954 al 1962».

La prima manifestazione di massa a Parigi contro la guerra, «ha avuto luogo nel 1960, due anni prima della fine della guerra», ha ricordato. «Tutti hanno sostenuto la guerra francese di annientamento in Algeria».

Lo scrittore di origine ebraica ha citato il filosofo francese Jean Paul Sartre, il cui appartamento è stato attaccato due volte, nel 1961 e nel 1962, così come gli uffici della sua rivista, “Les Temps Modernes”, dopo aver dichiarato la sua assoluta contrarietà alla guerra.

Finkelstein, che è stato descritto come un “americano radicale”, ha ribadito che le affermazioni occidentali al codice di abbigliamento islamico mostrano notevole contraddizione rispetto all’atteggiamento dell’Occidente verso gli indigeni ai quali hanno occupato le terre durante il periodo coloniale.

«Quando gli europei arrivarono in America del Nord, quello che dicevano circa gli indiani è che erano davvero barbari, perché camminavano nudi. Le donne europee indossavano tre strati di vestiti. E ora camminiamo nudi e proclamiamo che i musulmani sono indietro perché indossano così tanti vestiti».

«Potete immaginare qualcosa di più barbaro di questo? Escludere le donne che indossano il velo?» Si è chiesto, riferendosi al divieto di indossare il velo negli impieghi di pubblico servizio francese emanato nel 2004.

Il lavoro di Finkelstein, che accusa i sionisti di sfruttare la memoria dell’Olocausto per fini politici e denuncia Israele per la sua oppressione dei palestinesi, lo hanno reso una figura controversa, anche all’interno della comunità ebraica.

La sua nomina a professore presso la De Paul University nel 2007, è stata annullata dopo un querelle molto pubblicizzata con il suo collega accademico Alan Dershowitz, un forte sostenitore di Israele. Dershowitz avrebbe fatto pressione sull’amministrazione De Paul, una università cattolica di Chicago, per evitare la sua nomina. Finkelstein, che attualmente insegna all’Università di Sakarya in Turchia, ha dichiarato che questa decisione si è basata su «ragioni chiaramente politiche».

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Algeria: L’Ue offre fino a 150.000 euro a chi “gioca a fare l’oppositore”

di Meriem Sassi – Algerie Patriotique

L’iniziativa della delegazione dell’Unione europea in Algeria che vuole sovvenzionare associazioni algerine, fino a 150 000 euro, per svolgere attività legate alla “difesa dei diritti umani,” è in buona fede? La questione si pone per l’obiettivo che potrebbe nascondersi dietro una tale iniziativa che, con il pretesto di assistenza ad azioni pacifiche, potrebbe essere interpretata come un chiaro incentivo per le azioni di “sovversione”, sostenute da cospicui finanziamenti.

La delegazione dell’Unione europea, in ogni caso, gioca sulla “trasparenza” pubblicando la sua offerta sul suo sito web e si nasconde dietro il termine “pace”, come se volesse escludere la responsabilità per probabili perdite o azioni di deviazione che potrebbero essere condotte attraverso il suo finanziamento.

La delegazione dell’Unione europea in Algeria si è, infatti, prefissa di lanciare un invito a presentare proposte con l’obiettivo dichiarato di sostenere le organizzazioni della società civile, al fine di «consolidare e rafforzare il loro ruolo e le strategie nella promozione dei diritti umani e delle riforme democratiche», si legge sul suo sito web.

«La sovvenzione per ogni azione verrà fissata tra i 50 000 e 150 000 euro» e le azioni di finanziamento ammissibili deve soddisfare almeno una delle priorità, che l’Unione europea specifica nel «sostegno alla libertà di espressione e promozione dei valori democratici, la promozione della libertà di riunione pacifica, l’adozione di misure per lottare contro gli ostacoli all’esercizio di tali libertà. Sostenere lo sviluppo del dibattito democratico con lo scopo di promuovere la libertà di espressione, in particolare, attraverso la formazione professionale di avvocati dei diritti umani e giornalisti, prevenire e combattere la corruzione, aumentare la consapevolezza e promuovere la cittadinanza attiva dei giovani».

La Ue in Algeria prevede anche il finanziamento di azioni in relazione alla «tutela e alla promozione dei diritti e del ruolo delle donne, giovani e bambini nella società, comprese le azioni relative all’integrazione sociale, il dialogo e la lotta contro la violenza».

Si evidenziano, tra l’altro, anche le azioni che prevedono un «programma di sovvenzioni a cascata, permettendo, ad esempio, alle organizzazioni di nuova costituzione senza capacità di gestione dei progetti su larga scala e alle organizzazioni che non hanno familiarità con le procedure dell’Unione europea, di beneficiare dell’accesso ai finanziamenti comunitari, al rafforzamento delle capacità e/o per implementare le attività mirate ad alto valore aggiunto, per amplificare così la portata e la qualità dell’azione». L’UE avverte che saranno scelti i progetti, in particolare, «sulla base della loro pertinenza, sui risultati attesi e la loro potenziale efficacia».

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Daily Star: 600 soldati britannici addestrano i terroristi del Daech

 da algeriepatriotique.com

È una vera bomba quella ha gettato il quotidiano britannico The Daily Star sul coinvolgimento dei servizi segreti occidentali nel supporto logistico al terrorismo islamico, che attualmente devasta il mondo musulmano. Sulla base di una propria indagine e citando fonti di intelligence britanniche, il giornale riporta che i terroristi islamici responsabili delle atrocità in Iraq sono formati da ex membri dell’esercito britannico.

Le fonti invocate dal quotidiano hanno affermato di aver individuato le “similitudini” tra gli estremisti islamici e l’esercito britannico nella loro modalità operative e di organizzazione. Il Daily Star riferisce, infatti, che 600 terroristi britannici che lottano per il gruppo terroristico Daech-Isis sono controllati e formati da musulmani con un background militare in Gran Bretagna.

La fonte citata dal giornale ha aggiunto che il Servizio segreto britannico (MI6) e statunitense(CIA) hanno intercettato conversazioni telefoniche e scambi di e-mail, il cui contenuto suggerisce che molti ex membri dell’esercito britannico combattono in Iraq. Formatori di gruppi islamisti armati, hanno, secondo il giornale, servito in unità dell’esercito regolare o in quella Territoriale britannica. La stessa fonte assicura che le persone che parlano “con un accento inglese” e “utilizzando il gergo militare”, sono responsabili della formazione di base dei gruppi islamici in Iraq e in Siria. «Usano le stesse tecniche e gli esercizi – in particolare la gestione delle armi e tattiche – dell’esercito britannico». E aggiunge. «Abbiamo ricevuto informazioni da cui risulta che molti giovani uomini britannici che sono andati a combattere in Siria e Iraq ricevono una formazione militare da altri cittadini britannici». Questa stessa fonte rileva che le reclute che hanno aderito al Daech devono avere un livello di addestramento “abbastanza decente”, prima di essere autorizzati a prendere parte a una battaglia. Viene loro insegnato, per esempio, come conservare munizioni e a non colpire obiettivi fuori portata.

 Il giornale ha rivelato, inoltre,che le reclute hanno ricevuto istruzioni su come progettare e realizzare imboscate alle pattuglie di giorno e di notte. Questi fatti dimostrano ancora una volta il coinvolgimento diretto delle agenzie di intelligence occidentali per incoraggiare il terrorismo islamico in tutto il mondo. Il tempo, in ogni caso, comincia a dar ragione a tutti coloro che hanno espresso delle supposizioni circa il coinvolgimento dei servizi segreti americani, britannici, francesi e persino israeliani nel sostenere e incoraggiare la creazione di cellule presunte islamiste, ma che sono lì per indebolire gli stati della regione e, quindi, consentire all’Occidente di prosperare, mettendole mani sulla ricchezze dei paesi: petrolio e gas.

 [Traduzione dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

 

(VIDEO) RT intervista il Comandante Ilich ‘Carlos’ Ramírez Sánchez

da Rt

Sullo sfondo dell’offensiva israeliana a Gaza, RT è riuscita a parlare con Ilich Ramírez, membro del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), detenuto in una prigione francese.

Parlare con Ilich Ramírez non è stato un compito facile se si considera che sta scontando una pena in una prigione in Francia e che non ha alcun permesso di rilasciare interviste ai media. L’anno scorso, la Corte Suprema francese ha confermato la condanna all’ergastolo per Ilich Ramírez per quattro attentati mortali sul territorio francese negli anni ’80.

Ramírez, che è stato membro del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, ha riflettuto sulla situazione nella Striscia di Gaza dopo l’ultima operazione militare israeliana che, in meno di due mesi, ha ucciso più di 2.000 palestinesi.

«Quello che sta accadendo in Palestina, in effetti, è la prova del tradimento delle élite politiche arabe. Tutti coloro che hanno resistito sono stati uccisi. Restano solo l’Algeria e la Siria. L’Algeria perché c’è Bouteflika come presidente e la Siria, perché c’è Bashar al-Asad. Tutti gli altri Paesi sono controllati dal nemico, in sostanza», ha detto Ilich nell’intervista telefonica.

Quello che sta accadendo in Palestina dimostra che la nostra posizione, il nostro percorso politico ha sempre avuto successo. Cioè, il denaro è dalla parte del nemico. Eppure con tutto quello che hanno, con le loro armi nucleari, non rispettano il diritto internazionale e vivono nella paura. E tutta la Palestina, che non combatte se non per il suo sangue, e il sangue dei suoi figli, delle mogli e dei combattenti che sono in prima linea, sta vincendo perché non possono uccidere milioni di Palestinesi. No, non li possono uccidere», ha ribadito Illich, che ha anche raccontato la sua vita in prigione, che ha definito “isolamento totale”.

«Alle guardie è fatto divieto di parlare con me. Vedo solo il mio avvocato, Isabelle Coutant-Peyre. Nel giro di pochi anni il mio avvocato mi ha sposato. Ci siamo sposati», ha raccontato.

Il fratello di Ilich Ramírez, Vladimir Ramírez che RT è anche riuscito a intervistare, ha riferito ulteriori dettagli sulla detenzione del fratello in carcere, la storia del suo arresto, la formazione della sua filosofia, come si arruolò nel Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e gli obiettivi perseguiti nelle sue azioni.

«Non c’è dubbio che Ilich per la destra pro-imperialista, pro-sionista,  è considerato come un terrorista, un criminale, come un mercenario e, per questo motivo, è chiaro che, allo stesso tempo, coloro che sono rivoluzionari, che sostengono le cause dei popoli oppressi dall’imperialismo e dal sionismo non possono vedere in Ilich Ramírez che un internazionalista, anti-imperialista, combattente anti-sionista», ha spiegato Vladimir Ramírez.

«Le azioni genocide, sfacciate, frontali e brutali di Israele contro il popolo palestinese rifugiato nel territorio di Gaza mostra il suo status criminale e, ovviamente, tutti coloro che hanno combattuto contro il regime genocida e dei suoi sostenitori, come gli Stati Uniti e la NATO, possono essere definiti oltre che combattenti per la libertà, combattenti per la giustizia», ha sottolineato Vladimir Ramírez, il quale evidenzia che dal momento dell’arresto del fratello, in Sudan nel 1994, definendolo semplicemente rapimento, «tutto ciò che è stato fatto contro Ilich in Francia non è legale».

«Prima di tutto noi solleviamo la questione che è stato rapito ed è detenuto illegalmente in Francia. […] Egli è imprigionato lì, è stato sottoposto a torture, come privazione del sonno per un anno intero. Hanno acceso e spento la luce nella cella ogni ora dalle nove di sera e fino all’alba.

Questa che è stata applicata è una tecnica di tortura britannica, a seguito della quale, per inciso, ha generato in Ilich il diabete, di tipo 2, ed è dimostrato che i processi di privazione del sonno possono portare a tali disturbi. Inoltre, ha subito aggressioni fisiche da parte di altri detenuti», ha affermato il fratello del Comandante Carlos.

«Devo chiarire che nessuna delle azioni attribuite a Ilich sono state provate in modo affidabile e insindacabile da parte delle autorità francesi. Quello che c’è stato contro Ilich è una mistificazione mediatica e anche nel processo del 2011, così come quando è stato giudicato per quattro attentati che ipotizzano egli avesse ordinato», dice Vladimir Ramírez, ricordando che «da quello che ho capito due degli attacchi apparsi nella serie che ha realizzato il regista Olivier Assayas, con finanziamenti franco-tedesco. Ovviamente, il sionismo è dietro tutto questo, hanno realizzato una miniserie in 3 parti, che dovrebbe essere la vera versione della vita di Ilich», ha aggiunto.

Rispondendo alla domanda su chi sono i principali nemici di Ilich Ramírez, suo fratello ha ricordato l’imperialismo e il sionismo, e «i complici che li sostengono in Europa, negli Stati Uniti, e, purtroppo, anche in Venezuela».

«Non è necessario essere scaltri per capire che il sionismo ha i suoi tentacoli in Venezuela. L’imperialismo li ha, e sono stati lì ferocemente ad attaccare il governo rivoluzionario attualmente guidato dal presidente Nicolás Maduro, come ha fatto nel corso degli anni contro il comandante Chávez. Questi sono i nemici, nel monotono e nel costante attacco contro Ilich. Ed hanno una duplice strategia. Quando non lo attaccano, cercano di mettere a tacere e rendere invisibile l’intera situazione di Ilich».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

__

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: