Ti conosco mascherina, non provare a imbrogliarmi!

di Luís Britto García

1
In un racconto di Gabriel García Márquez compare una pensione che al posto dei bagni offre ai suoi clienti maschere, affinché facciano i loro bisogni in mezzo alla strada. Nasconde il volto chi si vergogna delle proprie azioni. Che cosa nasconde il terrorismo incappucciato in Venezuela?

2
Una congiura dei mezzi di comunicazione nazionali e internazionali vorrebbe presentare i terroristi come studenti e pacifici. Le cifre dicono altro. All’inizio di maggio il procuratore Luisa Ortega Díaz rivela che dal 12 febbraio sono state fermate circa 800 persone, la maggior parte delle quali trattenute solo perché non proseguissero nelle violenze e liberate dopo poche ore, di cui 174 sono state sottoposte a custodia cautelare mentre procedevano le indagini. Di questi detenuti, appena 12 erano studenti, meno del 7%. Sempre all’inizio di maggio le autorità sgomberano vari accampamenti realizzati sulla pubblica via per mantenere focolai di disturbo permanenti, e arrestano 243 persone. Non più del 20% di quelle erano studenti. Il corpo di vigilanza della Università Centrale del Venezuela ferma nel campus cinque violenti armati. Solo uno era studente, ma di un’altra università. La rettrice fa licenziare i vigilanti per aver compiuto il loro dovere.

3
Il Procuratore Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, rivela venerdì 9 maggio che 49 degli 190 esami tossicologici che sono stati fatti agli oppositori arrestati durante lo sgombero dei loro accampamenti sono risultati positivi per il consumo di droghe. Circa un quarto degli esaminati era sotto l’effetto di stupefacenti. Non sembra un comportamento esemplare per dei cittadini che si dedicano alla difesa dei loro diritti politici. Vogliono prendere il potere per imporre al resto della popolazione i loro modelli di condotta?

4
Il ministro dell’Interno e della Giustizia dichiara che fra i detenuti figurano 58 stranieri. Di essi è stato dimostrato che 21 sono paramilitari colombiani, su altri pendono ordini di cattura dell’Interpol, altri sono terroristi ricercati nel Medio Oriente: alcuni erano in possesso di arsenali di armi e sostanze incendiarie, molti hanno prontuari di narcotraffico o terrorismo internazionale. è il metodo largamente collaudato in Nicaragua, libano, Libia, Siria, e tanti altri luoghi: inondare paesi pacifici di mercenari stranieri armati, per legittimare interventi distruttivi dall’esterno. Non ci sono venezuelani per fare opposizione politica? Se questi stranieri trionfano, eserciteranno le loro professioni pacifiche da una posizione di potere?

5
Basandoci sull’analisi delle notizie dei mezzi di comunicazione e i rapporti della Rete di Appoggio per la Giustizia e la Pace, Provea, Amnesty International, Rete di collettivi del Ragno Femminista, del Centro per la Pace e i Diritti Umani della UCV, del giornale online Aporrea, del rapporto scritto dal giornalista Luigino Bracci il 15 aprile 2014 e dei compendi realizzati dal comunicatore Modesto Emilio Guerrero, siamo arrivati a un conteggio ancora provvisorio delle vittime fra il 12 febbraio e metà aprile.

6
Dietro il cappuccio, mentono i media internazionali e nazionali, si nascondono persone pacifiche. La violenza che scatenano a partire dal 12 febbraio lascia un saldo di 42 morti. Questi si possono dividere nelle seguenti categorie: 1) vittime bolivariane, che comprendono: 9 militanti del PSUV e organizzazioni sociali affini, 10 membri dei corpi di sicurezza pubblica dello Stato (Guardia Nazionale Bolivariana, Polizia e Servizi Segreti) e 1 procuratore del Ministerio Público. 2) 15 cittadini la cui affiliazione politica non è nota, vittime di diversi episodi di violenza. 3) il resto delle vittime si potrebbero attribuire all’opposizione, delle quali solo 8 sono morte per azioni imputabili alle autorità, e 7 sono state vittime di incidenti o liti dovute ai loro blocchi stradali, o delle loro stesse azioni: uno è morto nell’azionare un mortaio improvvisato, un altro è rimasto folgorato nel risistemare un ostacolo per una barricata, un terzo è caduto dal tetto di casa sua. Non abbiamo incluso in questa lista orrendi omicidi commessi ai danni di bolivariani o di persone note con intenzioni presumibilmente terroristiche, ma in relazione ai quali non ci sono ancora prove definitive.

7
È significativa la sproporzione. Delle 42 vittime 20, quasi la metà, appartengono al bolivarianismo, tra cui 11 funzionari che compivano il loro dovere; e altre 15 non hanno affiliazione politica conosciuta, ma muoiono a causa della violenza dell’opposizione. Nelle file dell’opposizione si conterebbero 15 vittime, circa la terza parte del totale, ma solo 8 dovute in forma diretta all’azione delle autorità, meno di un sesto dei caduti. Tutti oggi sarebbero vivi se l’opposizione non avesse scelto la strada del rovesciamento con la violenza del governo legittimamente eletto.

8
Tutto ciò sconfessa l‘idea che la violenza omicida possa essere dovuta a studenti, disarmati e tanto meno pacifici. Una parte considerevole delle vittime tra i bolivariani è morta per colpi d’arma da fuoco alla testa, a volte messi a segno dalla lunga distanza. Una studentessa dell’opposizione è morta per un colpo alla nuca, ovviamente assestato dalle file della stessa manifestazione in cui marciava. Un’artigiana e una giovane incinta sono state uccise con colpi di arma lunga. Non sono tattiche da studenti, disarmati e per giunta pacifici. Non lo sono neanche l’incendio e la distruzione di circa un centinaio di unità di trasporto collettivo, di varie centrali elettriche, né l’incendio di università, biblioteche ed edifici pubblici, tra cui uno in cui erano presenti 89 bambini di un asilo. No, un primo sguardo sotto il cappuccio rivela una delinquenza terrorista, professionale, in buona parte estera e mercenaria.

9
L’incidenza delle morti segue come un’ombra il dominio politico della destra. Emilio Guerrero segnala che il 52% delle vittime è caduto nella capitale, e che di quelle 12 vittime 9 sono morte nei municipi dell’Est, dove i sindaci di opposizione e le loro polizie proteggono i terroristi; che a Mérida ci sono stati 4 morti e a San Cristóbal 6. Ci sono altre 3 vittime ad Aragua, in quartieri controllati da Voluntad Popular e 2 a Maracaibo, il cui sindaco è dell’opposizione. È una bugia che si tratti di un’insurrezione nazionale: le sue vittime cadono in uno scarso numero di municipi capitolini benestanti con autorità e polizie di opposizione complici degli assassini, e negli stati vicini alla frontiera, dove sono stati arrestati paramilitari e sicari.

10
Nessun proclama, nessun manifesto, nessun piano di governo è stato impiegato come scusa per questa ecatombe, eccetto la proposta che chi ha vinto le elezioni non debba governare. Occultiamo i nostri propositi quando sono più inconfessabili delle nostre azioni. Una massiccia campagna di distruzione e omicidi non si mantiene in piedi per più di tre mesi senza complicità né finanziamenti. Numerosi detenuti hanno confessato che ricevevano pagamenti di mille bolívares al giorno, e di tremila se partecipavano con motociclette. Solleviamo ancora un po’ il cappuccio del terrorismo? Dietro di questo si scorgono la CIA, la USAID e la NED, le mille e una ONG create per distribuire i loro fondi e quelli degli imprenditori per pagare mercenari, i partiti di opposizione che non hanno condannato il terrorismo, la Fondazione Internazionalismo per la Democrazia, di Álvaro Uribe Vélez, il Pacchetto Neoliberista che privatizzerà la Petróleos de Venezuela (PDVSA), e l’istruzione, la salute e lo stato sociale e riporterà i livelli di povertà al 70% del secolo scorso. Ti conosco, mascherina, non provare a imbrogliarmi.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Pier Paolo Palermo]

 

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: