Colombia: Ucrania latinoamericana y media Luna de Chávez

por Luigi Tini

Los principales objetivos de la dirigencia opositora venezolana y sus aliados internacionales siguen siendo desestabilizar el país hacia una economía precaria y propiciar las condiciones para una invasión militar por la frontera con Colombia.

En las elecciones regionales del 2017 se debe considerar cautamente las victorias de la oposición venezolana. Este análisis, se fundamenta en la zona llamada por el presidente Hugo Chávez en el año 2008 como “media luna”, correspondiente a los estados Táchira, Mérida, Zulia y Apure (más de 2.200 km de frontera colombo-venezolana). De esta franja, actualmente Táchira y Mérida pertenecen a la oposición y, en el caso zuliano deberán celebrarse nuevas elecciones el próximo diciembre.

El opositor Juan Pablo Guanipa del partido Primero Justicia, ganador de las elecciones en el Estado Zulia, mas no juramentado ante la ANC puede estar “jugando a la candelita”. Desde hace décadas, el deseo de la implantación de una zona territorial independiente para la creación de un Estado paralelo, es una ambición colombo-norteamericana. Recuérdese el descarado proyecto del Banco Interamericano de Desarrollo, que proponía fusionar al estado Zulia junto con dos provincias colombianas para que se convirtiera en la “República del Zulia”.

Así, Guanipa puede estar creando el “caldo de cultivo” para dar inicio a una serie de protestas y guarimbas en el Zulia, a las que se le sumarían los Estados Táchira y Mérida para crear más escenarios de desestabilización y violencia.

La “media luna” es sumamente estratégica para Venezuela. Así, puede ser posible el intento de sesionar estos territorios como independientes de Venezuela, impulsar un modelo de desarrollo neoliberal junto con Colombia y abrir los caminos de una posible guerra.

Algunos argumentos deben ser estudiados en la zona de la “media luna”:

– valorar que los estados venezolanos opositores son fronterizos con Colombia;

– considerar que las bases militares norteamericanas se encuentran en Colombia;

– estimar las alianzas estratégicas entre Colombia, USA y la oposición venezolana; 

– analizar que una salida al mar Caribe por el lago de Maracaibo, implica una alianza bélica y comercial directa con países aliados, en perjuicio de Venezuela;

– estimar la asociación oficial de Colombia en la NATO desde el 18 de mayo 2017;

– considerar las graves implicaciones de un posible fracaso del Acuerdo de Paz en Colombia;

– valorar el lavado de las grandes sumas de capital que realizan los narcotraficantes colombianos en esta zona como consecuencia de sus operaciones;

– valorar el intercambio del “Dólar Today” (principal causante de la hiperinflación);

– desarticular el acaparamiento, venta y contrabando de mercancía subsidiada por el gobierno venezolano, incluyendo los hidrocarburos;

– considerar la existencia de 26.000 millones de barriles de petróleo certificados, más de 500.000 millones de barriles de petróleo por certificar en el Golfo de Venezuela y más de 18.000 trillones de metros cúbicos de gas.

Para concluir, la dirigencia opositora sigue utilizando las mismas estrategias fraudulentas de corte neoliberal, conocidas a nivel planetario. Se debe considerar que la “media luna” puede ser el inicio de un modelo militar y económico utilizado actualmente por la Unión Europea-NATO en contra de los intereses de varios países eslavos, como por ejemplo Rusia. La copia de este modelo se aplicaría para intentar seguir desestabilizando a Venezuela y en consecuencia a América Latina.

Politólogo – Analista Internacional

luigi.tini@gmail.com

Colombia: otro crimen de Estado

por los abajo firmantes

Las organizaciones y personas aquí firmantes, CONDENAMOS Y REPUDIAMOS la masacre perpetuada contra la población civil colombiana del día 5 de octubre de 2017, en la comunidad de Alto Mira, Departamento de Nariño, Colombia. CONDENAMOS Y REPUDIAMOS también los hechos delictivos y terroristas del 8 de octubre del mismo año en la misma zona contra ONG y otras organizaciones de carácter civil nacional e internacional.

HECHOS

Efectivamente, desde el 28 de septiembre del año en curso existen manifestaciones pacíficas por parte de campesinos de la zona de Alto Mira. Estas tienen por objetivo de exigir el cumplimiento del Punto Cuarto (4to) de los Acuerdos de paz[1] que se realizaron entre el Gobierno Colombiano y las FARC-EP desde el 2012 hasta el año de 2016[2].

Según las fuentes de las comunidades campesinas, eran las 10 de la mañana del 5 de octubre, cuando para ese momento se contaba con 4 campesinos asesinados y más de 10 heridos por las Fuerzas Militares de Colombia y la Policía Nacional[3]. Al día siguiente se contaban con el preocupante balance de 9 muertos, más de 50 heridos[4], incluyendo un niño desaparecido[5].

Por otro lado, y de manera muy dudosa, surge la versión de las autoridades colombianas quienes le otorgan esta masacre a la disidencia de las FARC-EP. El ejército argumenta que estos últimos atacaron los manifestantes y las fuerzas del Estado con cilindros bomba y ráfagas de metrallas[6]. No obstante, la Federación Nacional Sindical Unitaria Agropecuaria asevera que es una manera más de las autoridades nacionales de evadir su acción desmesurada contra la población. De hecho, las comunidades admiten igualmente que no hay ninguna prueba de artefactos ni de rastro de los mismos y que si el ataque hubiera ido contra las autoridades, hubiese militares o policías heridos[7][8].

Adicionalmente a todo esto, el 8 de octubre de 2017, la Policía antinarcóticos atacó una misión humanitaria que fue previamente informada a todas las autoridades del sector. A pesar de esto y de anunciar en voz alta que eran una comisión humanitaria, la policía procedió a disparar con tres lanzas balas aturdidoras. El objetivo de la comisión era verificar y dialogar con las comunidades sobre lo ocurrido el 5 de octubre de 2017 en la zona. Antes de emprender la caminata hacia el lugar de los hechos, el ESMAD amenazó advirtiendo que si continuaban les iba a pasar algo. Esta última estaba compuesta por defensores de DDHH, miembros de la Misión de Apoyo al Proceso de Paz en Colombia de la OEA (MAPP/OEA), miembros del Alto Comisionado de Justicia de Derechos Humanos para Naciones Unidas (OACNUDH), defensores de DDHH y personal de la Gobernación del Departamento de Nariño[9][10].

El 9 de octubre del 2017, la Cumbre Agraria reveló también que aún había enfrentamientos entre las autoridades colombianas y los campesinos en la zona de Tumaco en el marco de la erradicación forzada de la zona.

NORMAS INTERNAS Y EXTERNAS VIOLADAS

Internas

La carta magna colombiana indica que son fines fundamentales servir a la comunidad, fomentar el bienestar general y proteger a todas las personas que residen en territorio colombiano en su vida, honra y otros derechos y libertades para asegurar el Estado social de derecho[11]. De esta manera, el derecho a la vida es inviolable[12] y nadie debe ser sometido a los malos tratos. Por otro lado, la carta magna estipula en su artículo 20 que toda persona tiene el derecho a opinar y expresar libremente sus pensamientos e ideales. Así, la paz se hace un derecho y un deber de obligatorio cumplimiento[13]. El pueblo en su soberanía, tiene también garantizado el derecho a la libre asociación para el desarrollo de las distintas actividades que las personas efectúan en sociedad[14]. Es de recordar igualmente que el artículo 44 de la constitución nacional garantiza los derechos básicos de los niños.

Externas

La declaración Universal de los Derechos Humanos garantiza el derecho a la vida, a la libertad y a la seguridad de los individuos[15]. Esta misma declaración indica también que nadie puede ser sometido a tratos inhumanos, degradantes y crueles[16]. Todo ello sin distinción alguna[17]. El artículo 19 de la misma garantiza a todos los seres humanos la libertad de expresión lo que incluye no ser molestado a causa de sus opiniones, de las investigaciones e informaciones que lleve a cabo para dichos efectos. Para terminar, el artículo que le sigue al último enunciado garantiza a las personas la libertad de reunión y de asociación pacífica.

CONCLUSIONES

Es evidente que las políticas de terror estatal siguen vigentes en el territorio nacional. Se ve un gobierno poco comprometido con destruir de raíz la injusticia social, factor que ha llevado a la república en toda su existencia a una guerra sin par. Esta última, siendo un negocio que solo beneficia países poderosos y regímenes antidemocráticos de este mundo.

Las actitudes belicistas y terroristas ocurridas desde que se firmó el acuerdo de paz, llevan una firma muy lamentable llamada “fascismo”. Evidentemente, ¿qué ejército o policía del mundo dispararía contra su propio pueblo, si no es una fuerza estatal guiada por el terror, por la injusticia, por la discriminación, por los intereses económicos de unos pocos y un fascismo similar al del régimen alemán de 39-45?

Es irresponsable que un gobierno presidido por un “nobel de paz”, promueva actos de guerra. Sus hechos asesinos ponen en duda ese título y la capacidad de gobernar un país por la vía más justa y correcta de hacer patria: escuchando al pueblo colombiano de toda índole, incluyendo al indígena y al negro que sediento de paz con justicia social, es masacrado de manera vil y humillante por aquellas fuerzas que deberían protegerlo.

Anunciamos que tanto y cuando el gobierno colombiano no aclare y no cese de tener nexos con el paramilitarismo, instrumento genocida e injusto de las políticas del Estado Colombiano, siempre habrá una reacción que triste y probablemente será violenta.

RECOMENDACIONES

Hacer las investigaciones pertinentes para condenar y castigar los actos delictivos y terroristas de los miembros de la fuerza pública realizados el 5 de octubre y el día 8 del mismo mes.

Reconocer la presencia del paramilitarismo en Colombia quien desde su existencia siempre ha servido, sin ideología alguna, a mantener por la fuerza y el terror los intereses de grandes multinacionales, apoderados y gamonales del país.

Velar porque los derechos de opinión y expresión que tiene el pueblo colombiano al sentirse inconforme con las políticas que responden solamente a un menor sector de la sociedad colombiana sean garantizados.

Que se cumplan con todos los puntos acordados en el proceso de paz. Tanto en lo concreto como en lo que tiene que ver con la agenda de este último.

Que se le garantice a las ONG y otras entidades nacionales e internacionales el derecho a realizar su trabajo en aras de promover la paz con justicia social que anhelan los colombianos y en general el pueblo latinoamericano.

Que cesen todo tipo de masacres, asesinatos selectivos y torturas contra el pueblo colombiano y contra todo aquel que piense diferente al gobierno y a los grupos de extrema derecha.

Que combata fuertemente todo tipo de terrorismo y promueva de manera clara y honesta todas las políticas suficientes que erradiquen la pobreza y la desigualdad. Factores que siempre nos han llevado a una guerra donde bastante sangre se ha derramado.

Exigirles a los medios de Comunicación más poderosos de Colombia que no sesguen la realidad social, económica, política y cultural promoviendo políticas de odio y de guerra en sus noticias y programaciones nacionales a internacionales donde no se informa, sino que más bien se desinforma.

 

Hecho en Ginebra (CH), a los diez (10) días del mes de octubre de 2017

Personas Firmantes

  1. Eladio Tovar – Economista (España).
  2. Ciro Brescia – Activista (Italia).
  3. David Lopez (Suiza).
  4. Lucía Martínez Vargas (Venezuela).
  5. Vladimir Ibarra Díaz (Venezuela).
  6. Eliécer Jiménez Julio, periodista exiliado político (Suiza).
  7. Ynes Gerardo (República Dominicana).
  8. Khrystina Kolodchak (Ucrania)

 

Organizaciones firmantes

  1. Plataforma Juvenil para el Poder Popular (Internacional).
  2. Aipazcomun Suiza (Suiza).
  3. Maloka Neuchatel (Suiza).
  4. ALBAinformazione – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli (Italia).
  5. Swedish Solidaritate Organisation (Suecia).
  6. Asolatino (Suiza).
  7. Constituyentes Exiliados Perseguidos por el Estado Colombiano (Suiza).
  8. Observatorio ddhh U.Distrital Bogotà, Capítulo Europa (Europa).
  9. Solidaridad Latinoamericana (Suiza).
  10. Partido Comunista Colombiano en Suiza (Suiza).
  11. On y va (Suiza).
    __
    Para sumarse entrar en este enlace

___

[1] COCCAM. Movimiento de Campe

[2] TELESUR. Colombia y los diálogos de paz, (en línea). 2015. 2017. https://www.telesurtv.net/telesuragenda/Colombia-tres-anos-de-avances-en-dialogos-de-paz-20141119-0011.html.

[3] Idem ref 1

[4] SEMANA. ¿Quien mato a los campesinos en Tumaco? Continúan versiones encontradas.

[5] EL ESPECTADOR. «Una masacre, esto no tiene un nombre distinto»: Diana Montilla, (en línea). 2017. https://www.elespectador.com/noticias/judicial/una-masacre-esto-no-tiene-un-nombre-distinto-diana-montilla-articulo-716731.

[6] EJÉRCITO NACIONAL DE COLOMBIA. Comunicado de prensa, (en línea). 2017. https://www.ejercito.mil.co/?idcategoria=423882.

[7] Idem ref 4.

[8] CARACOL. « Los policías nos dispararon a los campesinos » : sobreviviente de masacre en Tumaco, (en línea). 2017. https://noticias.caracoltv.com/colombia/los-policias-nos-dispararon-los-campesinos-sobreviviente-de-masacre-en-tumaco.

[9] NODAL. Violencia estatal en Colombia: la policía ataca misión humanitaria en Tumaco y asesina a periodista indígena en el Cauca, (en línea). 2017. https://www.nodal.am/2017/10/violencia-estatal-colombia-la-policia-ataca-mision-humanitaria-tumaco-asesina-periodista-indigena-cauca/.

[10] CONTAGIO RADIO. Policía ataca a misión humanitaria en el lugar de la masacre de Tumaco, (en línea). 2017. http://www.contagioradio.com/policia-ataca-mision-humanitaria-47729-articulo-47729/.

[11] CONSTITUCIÓN COLOMBIANA. Art 2.

[12] CONSTITUCIÓN COLOMBIANA. Art 11-12.

[13] CONSTITUCIÓN COLOMBIANA. Art 22.

[14] CONSTITUCIÓN COLOMBIANA. Art 36.

[15] DUDH. Art 3.

[16] DUDH. Art 5.

[17] DUDH. Art 7.

Colombia: Appello a sostegno del Sì alla Pace

da change.org

Noi firmatari uniamo le nostre volontà nell’impegno di contribuire ad una soluzione politica al conflitto che da oltre cinquant’anni affligge il popolo Colombiano.

Coscienti che la pace con giustizia sociale, dignità e sovranità per la Colombia è un tema d’importanza strategica per tutta l’umanità, che ènecessario sensibilizzare l’opinione pubblica assieme al maggior numero di parlamentari di tutti gli schieramenti politici, ai leader e militanti delle organizzazioni di volontariato, delle organizzazioni sindacali, di tutte le confessioni religiose per appoggiare il processo di pace ed il post-conflitto.

Ci uniamo a quanti nel mondo vogliono una chiara vittoria del SÌ al referendum che si svolgerà il 2 ottobre in Colombia sull’ accordo di pace   tra il governo Colombiano e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC-EP) sottoscritto all’Avana Cuba il 26-9-2016.

Dichiariamo il nostro appoggio al processo di pace e alla soluzione politica del conflitto armato, che in 50 anni ha provocato 220.0000 morti, 25.000 scomparsi, oltre 6 milioni di rifugiati interni ed oltre 400.000 esuli. 

Appoggiamo la campagna che realizza il Foro Internazionale delle Vittime, in Colombia e in oltre 20 Paesi, per unire i familiari di tutte le vittime, nella costruzione della pace, nella ricostruzione della memoria storica del conflitto e per ottenere una giusta compensazione per i danni subiti.

Per la pace con giustizia sociale in Colombia e nel mondo.

Primi firmatari:

 

Zanotelli Alex, Missionario comboniano.

Agnoletto Vittorio, medico, già parlamentare europeo, prof. Università degli Studi di Milano

Stefano Fassina, deputato Sinistra Italiana

Giovanna Martelli, deputato Sinistra Italiana

Basso Piero, Costituzione e Beni Comuni

Biacchessi Daniele, giornalista, scrittore, autore di cinema e di teatro di impegno civile

Camposampiero Anna, Resp. Esteri Federazione Milano PRC-SE

Ceriani Jorge, Casa del Popolo Torpignattara

Consolo Marco, analista internazionale

Del Roio Jose Luíz, già parlamentare

Ferrero Paolo, Segretario Nazionale PRC-SE

Gesualdi Franco, coordinatore Centro Nuovo Modello di Sviluppo.

Giudici Roberto, Fiom Milano

Grandi Cristina, Radio Redonda

Iacovino Luciano, Ass. La Villetta per Cuba

Limonta Paolo, maestro elementare e Consigliere Comunale a Milano

Mantovani Ramon, già parlamentare

Marcelli Fabio, Associazione Internazionale Giuristi Democratici 

Meriggi Maria Grazia, professoressa di storia, Università di Bergamo

Molinari Emilio, Contratto Mondiale per l’acqua

Muhlbauer Luciano

Notarianni Maso, giornalista

Pesce Tiziana

Piccardi Silvano, attore e regista

Pisa Gianmarco, Istituto Italiano di Ricerca per la Pace

Rizzo Basilio, Consigliere Comunale a Milano

Russo Spena Giovanni, già parlamentare

Somoza Alfredo Luis, presidente ICEI

Torelli Massimo, L’altra Europa con Tsipras

Zanchetta Aldo, Presidente Fondazione Neno Zanchetta

 

Associazione Pisorno

GIGA (Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati)

Gruppo Argentini per la Verità Memoria e Giustizia

Collettivo Beli

Comitato Immigrati in Italia (CII)

Rete Caracas ChiAma

Il rombo degli aerei sulla pace

di Geraldina Colotti – il manifesto 

Colombia, 28sett2016.- Da Cartagena al referendum del 2 ottobre.

Lunedì sera, in Colombia, una piazza stracolma vestita di bianco ha accolto la storica firma degli accordi di pace tra governo e Farc. In Plaza de la Banderas, a Cartagena, gran maestro di cerimonia, il presidente Manuel Santos, attorniato dai capi di stato di tutto il continente. Al suo fianco, il Segretario delle Nazioni unite, Ban Ki-moon e i rappresentanti dei paesi facilitatori che hanno accompagnato quattro anni di negoziato: Norvegia, dove hanno avuto inizio i colloqui tra le parti, Cuba, che ha ospitato le trattative, Venezuela, la cui diplomazia di pace ha messo in moto i dialoghi, e Cile. Il comandante Rodrigo Londoño (Timoshenko) ha rappresentato la controparte, la guerriglia marxista delle Forze armate rivoluzionarie colombiane (Farc).

Si chiudono così, almeno sulla carta, 52 anni di conflitto armato. A seguire, il referendum del 2 ottobre che passerà la parola ai cittadini. Le inchieste dicono che voterà a favore il 72%. In sospeso, le trattative con l’altra guerriglia storica, quella guevarista dell’Eln, che ha rispettato la cerimonia con una tregua, ma che non ritiene soddisfacenti gli accordi dell’Avana.

I negoziati tra Eln e governo si sono aperti il 30 marzo a Caracas, e subito arenati. Oltre i simboli e le cerimonie, in un paese di profonde e pervicaci storture, il post-accordo è tutto da costruire. A Cartagena, le Forze armate, ci hanno tenuto a farlo sapere, interpretando una scena centrale, che ha condensato più di tutte le minacce incombenti sull’accordo. Mentre Timoshenko terminava il suo discorso, svestendo di retorica la parola pace, tre aerei da guerra si sono alzati in volo in un fragore assordante.

Il leader delle Farc è apparso sorpreso, poi ha ripreso il controllo: “Questa volta vengono a salutare la pace e non a scaricare bombe”, ha affermato. Si riferiva agli attacchi aerei che, per tanti anni, hanno falcidiato la guerriglia con omicidi mirati e bombardamenti a tappeto finanziati dai miliardi Usa del Plan Colombia, ora rinnovato in altre forme. Attacchi particolarmente intensi quando Santos è stato ministro della Difesa di Alvaro Uribe.

Il presidente ha rivendicato il suo ruolo di “ferreo avversario” della guerriglia “in tempo di guerra”. Ma “questi aerei erano un saluto alla pace”, ha detto oscillando tra grandi questioni e retorica da cerimonia: con un occhio al Nobel e l’altro alle alleanze del continente che gli sono proprie (quelle neoliberiste). Dopo un omaggio a Garcia Marquez, ha ribadito la “distanza profonda” che esiste tra il suo modello di società e quello avanzato dalle Farc e dalla sinistra, ma ha affermato di essere disposto a difendere “il diritto delle Farc a esprimere le proprie opinioni in democrazia”, e ha accompagnato il grido della piazza “Mai più guerra”.

Un auspicio che Timoshenko ha prospettato con realismo, rinnovando l’impegno delle Farc a proseguire in altre forme la lotta per i medesimi ideali: “Questo non è un abbraccio tra il capitalismo e il socialismo – ha affermato – continueremo a batterci per i nostri ideali, per una società senza discriminazioni, che metta fine al patriarcato, alla guerra, strumento favorito dei potenti per imporre con la forza e la paura l’ingiustizia ai più deboli”.

Poi, Timoshenko ha reso onore agli assenti: al fondatore delle Farc, Marulanda, ai comandanti uccisi, ai prigionieri politici, e ha chiesto perdono “per il dolore provocato”. Le Farc – ha promesso – lavoreranno “per la rinascita etica della Colombia, rinnovando gli ideali di Eliecer Gaitan”, il leader liberale il cui assassinio, il 9 aprile del 1948, sancì la chiusura degli spazi di agibilità democratica per l’opposizione in Colombia. Timoshenko ha ringraziato in particolare l’apporto di Cuba e del Venezuela, ricordando l’impegno di Hugo Chavez, rinnovato da Nicolas Maduro.

Dietro le quinte della cerimonia, intanto, continuava la guerra sporca contro il governo bolivariano. Mentre Maduro incontrava John Kerry a margine dell’evento, il presidente del Perù Pablo Kuczynski (uomo del Fondo monetario internazionale) dichiarava: “La mia agenda è quella di parlare con i leader di Brasile, Cile, Colombia e Messico per promuovere una risoluzione comune e arrivare a una transizione ordinata in Venezuela, nei prossimi mesi o entro il 2019”: il progetto avanzato dalle destre venezuelane.

Colombia: FARC-EP e governo Santos firmano la pace “definitiva”

14040179_1036525379801679_7425274628399683124_ndi Geraldina Colotti – il manifesto

26ago2016.- Fumata bianca all’Avana per la firma dello storico accordo tra guerriglia marxista e governo colombiano. Da Cuba, sede delle trattative durate quattro anni e dove si è stabilito il definitivo cessate il fuoco il 23 giugno, è arrivato il comunicato congiunto, firmato sia dal presidente Manuel Santos che dalle Forze armate rivoluzionarie colombiane (Farc). Termina così, almeno sulla carta, il conflitto armato durato 52 anni, che è costato 220.000 morti, 45.000 scomparsi e oltre 6 milioni di sfollati. Ora – ha detto Santos – l’ultima parola «passa ai colombiani», che decideranno se approvare o respingere la pace nel referendum del 2 ottobre.

Giovedì, il presidente presenterà al Congresso le 200 pagine che compongono il documento finale. Ne sono state distribuite sette copie, due per le parti in causa, e gli altri per i paesi garanti (Cuba, Norvegia, Venezuela e Cile) e per l’Onu che – insieme alla Comunità degli stati latinoamericani e caraibici (Celac) – si occuperà di verificare l’applicazione degli accordi. «Tutto il mio ringraziamento a Cuba, Norvegia, Venezuela e Cile, paesi garanti e accompagnanti, e agli Stati uniti e all’Unione europea, determinanti in questo percorso», ha detto ancora Santos. In risposta, il plauso internazionale e all’orizzonte il Nobel per la Pace.

I colombiani sono scesi in piazza per manifestare il loro sostegno. Secondo diverse inchieste, la maggioranza della popolazione appoggia la soluzione politica. Il dibattito sul referendum è però già incandescente. Le destre capitanate dall’ex presidente Alvaro Uribe, grande sponsor del paramilitarismo, fanno quadrato e accusano Santos di voler consegnare il paese al «castro-madurismo». Uribe è stato ripetutamente chiamato in causa negli episodi destabilizzanti contro il governo venezuelano, complice la frontiera di 2.300 km che unisce i due paesi.

L’annuncio arriva in un contesto di alta conflittualità sociale in Colombia. Nel dipartimento del Chocó – il più povero dei 32 esistenti – non si è risolto il lungo sciopero contro la privatizzazione di beni e servizi. E, secondo studi recenti delle comunità di pace, in varie regioni in cui imperano povertà e disuguaglianza, dove le multinazionali hanno mano libera sui territori indigeni, aumentano le violenze dei paramilitari impiegati come guardie private, le uccisioni dei leader sociali e le espulsioni forzate. «Per una pace effettiva, bisogna prima risolvere i problemi sociali che hanno scatenato il conflitto armato», ha detto il deputato Ivan Cepeda, del Polo democratico alternativo.

Dello stesso tenore il comunicato delle Farc, che dall’Avana hanno spiegato i termini dell’accordo e i passi successivi. «Oggi possiamo dire che termina la guerra con le armi e comincia la battaglia delle idee – ha detto la guerriglia -. Terra, democrazia, vittime, politica senza armi, applicazione degli accordi con la supervisione internazionale, sono fragli elementi di un accordo che dovrà essere convertito quanto prima in norma granitica per garantire un futuro di dignità a tutte e a tutti… Abbiamo concluso la più gradita delle battaglie: quella di porre le basi per la pace e la convivenza».

L’accordo non è tuttavia «un punto di arrivo, ma di partenza perché un popolo multietnico e multiculturale, unito nella bandiera dell’inclusione, sia artefice e scultore del cambiamento e della trasformazione sociale che desidera la maggioranza». I punti chiave dell’accordo sono 6: quello sulla Riforma agraria integrale, che mira a risolvere le condizioni di miseria e di disuguaglianza imperanti nelle zone rurali del paese: costruendo «il buen vivir e lo sviluppo» a partire dalla consegna dei titoli di terra alle comunità contadine. L’accordo “Partecipazione politica: apertura democratica per arrivare alla pace”, il cui fulcro risiede nell’eliminazione dell’esclusione e che potrà avviarsi con l’espansione della democrazia che consenta la più ampia partecipazione dei cittadini.

L’accordo di “Soluzione al problema delle droghe illegali”, che disegna una nuova politica con un intento sociale e basato sui diritti umani per superare i danni e il fallimento della “guerra alla droga”.

E ancora l’accordo sulle Vittime, che prevede un Sistema integrale di verità, giustizia, riparazione e non ripetizione, una Giurisdizione speciale per la pace, un’Unità di ricerca delle persone date per scomparse nel contesto e per le cause del conflitto, piani di riparazione integrale, misure di restituzione delle terre e garanzie che i fatti non tornino a ripetersi. Accordi sul punto di Fine conflitto, che implica: la cessazione delle ostilità, bilaterale e definitiva; l’abbandono delle armi; il meccanismo di monitoraggio e verifica che le Nazioni unite hanno messo in campo mediante il dispiegamento degli osservatori dei paesi della Celac.

Si sono definiti gli accordi sulle garanzie di sicurezza e per farla finita con vecchi e nuovi paramilitarismi attraverso la creazione di una Unità di indagine e smantellamento delle organizzazioni criminali: però cercando soluzioni che evitino «ulteriori spargimenti di sangue e dolore».

Il quinto aspetto – realizzato recentemente – ha riguardato il rientro delle Farc nella vita civile: affinché, a partire da un indulto e dalla più ampia amnistia politica, si apra il cammino per la riconversione in partito o movimento politico legale nel nuovo scenario. Un punto molto dibattuto, perché l’ultimo tentativo di passaggio politico, le Farc lo hanno pagato con migliaia di morti, nel massacro dell’Union Patriotica degli anni ’80. La guerriglia avrebbe voluto recuperare per decreto i 14 seggi ottenuti allora, ma l’offerta del governo è stata al ribasso. Santos ha invece dovuto accettare che, durante i 180 giorni che seguono agli accordi, i guerriglieri possano convergere uniti nelle Zone di pace, anche se ne ha ridotto il numero da 80 a 23. A febbraio, tre esponenti Farc hanno lasciato l’Avana per recarsi nel nord della Colombia a parlare degli accordi ai loro effettivi, ma apparentemente senza permesso ufficiale. Dopo la pubblicazione di alcune foto, Santos ha ribadito che i guerriglieri potranno fare politica solo dopo il referendum, e lo ha ripetuto in questa occasione.

Ora, resta da vedere in quale cornice si svolgerà l’annunciata Conferenza nazionale guerrigliera, la massima istanza decisionale, che dovrebbe aver luogo in Colombia per ratificare gli accordi. Le Farc hanno anche derogato alla richiesta di un’assemblea costituente e si sono impegnate ad accettare i termini del referendum «che consenta i necessari cambiamenti normativi e le risorse finanziarie». Alla realizzazione di ogni punto, ha lavorato in parallelo la Sottocommissione di genere la cui analisi ha attraversato tutti gli impegni presi.

Nel comunicato, la guerriglia ha indirizzato poi un messaggio «di amore e di speranza ai compagni e alle compagne recluse nelle prigioni e nei sotterranei del paese e fuori dalle frontiere», con l’augurio di ritrovarli presto nella costruzione della Nuova Colombia, sognata dai «padri fondatori». Da qui, un appello al governo Usa affinché sostenga la pace e compia gesti umanitari «in linea con la bontà che caratterizza la maggioranza del popolo nordamericano, amico della concordia e della solidarietà», e liberi Simon Trinidad.

Ringraziamenti, poi, per i mediatori, e «riconoscimento e affetto a Maduro», per aver continuato l’opera di Chavez. In Venezuela si stanno svolgendo le trattative fra Santos e l’altra guerriglia storica, l’Esercito di liberazione nazionale (Eln), a cui le Farc hanno augurato «di trovare un cammino risolutivo» verso la pace. Per finire, un omaggio ai caduti della «guerra fratricida» e un invito a unire «le nostre mani e le nostre voci per gridare: mai più».

Nariño (FARC-EP): Ecco chi combatte davvero l’ISIS

Alexandra Nariñodi Alexandra Nariño, Delegazione di Pace delle FARC-EP
Cosa hanno in comune Vladimir Putin, Hugo Chávez, Fidel Castro, Kim Jong-un, Evo Morales y Bashar al-Assad? Se dovessimo dare credito a ciò che scrive la stampa cosiddetta occidentale, sono tutti uomini irrazionali, bugiardi e finanche ridicoli, con tratti principalmente antidemocratici, dittatoriali. Più sono non allineati alle direttrici neoliberali dettate dal FMI e dalla Banca Mondiale, tanto più sono disprezzabili. O almeno questo è il messaggio che arriva quotidianamente a milioni di persone che credono di essere informate grazie alle grandi agenzie di notizie.
Dopo aver letto diversi articoli che denunciavano le malintenzionate ed astute giocate politiche e militari di Vladimir Putin nel mondo, egli è riuscito a stimolare la mia curiosità quando l’ho sentito parlare durante il settantesimo anniversario dell’ONU. Sono riuscita ad ascoltare solo la ultima parte; non so se ciò che mi ha chiamato l’attenzione qualche frase sua, lo sguardo o il tono della voce. Ciò che è certo è che ho cercato l’intervento completo in internet ed ho scoperto che l’intervento di Putin ha qualcosa di cui sono carenti altri personaggi come per esempio Obama, Merkel o Rutte: la coerenza.

Privo di vuote e pompose dissertazioni sulla “freedom and democracy”, ha espresso in forma semplice una posizione democratica, pluralista e rispettosa della sovranità di altre nazioni. Inoltre, ha offerto ad i presenti ed al pianeta una spiegazione sensata della situazione nel Nord Africa e nel Medio Oriente, oltre ad un’analisi sulla relazione dei poteri geostrategici del mondo odierno.

Con una eloquente diplomazia, il presidente russo ha messo in evidenza alcune verità che già tutti sanno, ma nessuno nel mondo politico ha osato pronunciare con tanta veemenza: che le foerze governative di Assad e le milizie curde sono le uniche forze che davvero stanno combattendo i terroristi in Siria; che i gruppi estremisti si nutrono – tra gli altri – di soldati iracheni che sono rimasti senza lavoro dopo l’invasione del 2003, di libici il cui Stato è stato distrutto dopo il 2011 e anche, più recentemente, della oposizione “moderata” in Siria, sostenuta dall’Occidente, il quale fornisce armi ed addestramento, dopodiché molti disertano e si uniscono allo Stato Islamico.

Senza nominare nessuno nello specifico, ha definito ipocrita ed irresponsabile il pronunciare dichiarazioni sulla minaccia del terrorismo e allo stesso tempo fare finta di nulla quando si tratta del suo finanziamento attraverso il narcotraffico, il contrabbando di petrolio e di armi. In questo modo – senza riferimenti specifici – ha definito irresponsabile l’utilizzo strumentale di gruppi estremisti per raggiungere i loro propri scopi, ed illudersi di poter poi trovare successivamente il modo di disfarsi di loro.  

Inoltre ha dato anche spazio per la riflessione e l’autocritica “… ricordiamo gli esempi del nostro passato sovietico, quando l’Unione Sovietica pensò fosse possibile esportare esperimenti sociali, facendo pressione su altri paesi per ottenere trasformazioni per motivi ideologici. Ciò ha avuto molto spesso tragiche conseguenze ed ha prodotto degrado invece che progresso”.

Non vorrei essere accusata di devota di Putin; l’unica cosa che posso affermare è che – che ci presentino, noi membri delle FARC-EP, come narco-trafficanti senza ideali, che pretendano di dipingere Hugo Chávez come un ciarlatano e quindi poco serio, che vogliano far passare come disumano Bashar al-Assad – essere disallineato in un mondo nel quale il politicamente corretto sembra corrispondere a promuovere politiche neoliberali, xenofobe ed escludenti, di per sé rappresenta già un merito.

Colombia: la voce dei movimenti popolari

di Geraldina Colotti – il manifesto

2ago2016.- Fabian Torres fa parte della Commissione internazionale del Congreso de lo Pueblos. Un importante movimento colombiano che appoggia i dialoghi dell’Avana, considerato più vicino ai guevaristi dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln), una delle due principali guerriglie.

Il governo Santos accelera le tappe per arrivare a un referendum popolare sugli accordi di pace per fine settembre, qual è la vostra posizione?

In questo momento si stanno facendo grandi progressi nei colloqui tra i guerriglieri delle Farc e il governo colombiano di Manuel Santos. Il 23 giugno è stato firmato lo storico cessate il fuoco bilaterale. I movimenti sociali e parte della società colombiana ritengono però che questo processo di pace sia incompleto se non vi partecipa anche l’Eln. Il governo mantiene congelata in forma unilaterale la fase pubblica del negoziato che dovrebbe svolgersi in Ecuador, in base all’accordo sottoscritto da entrambe le parti il 30 marzo scorso. I movimenti sociali celebrano e salutano questo accordo storico, ma lo fanno in modo molto critico perché lo Stato ha risposto solo con la violenza parastatale e ha disatteso tutti gli accordi decisi durante le proteste a cui si vedono obbligate le organizzazioni sociali. In questo momento sono in gioco due modi di portare a termine la pace in Colombia, uno da parte del governo, che chiede pace per il gran capitale e per gli affari dell’oligarchia colombiana, e un altro che si costruisce dal basso, dai movimenti sociali che esigono la soluzione a problemi storici e strutturali a causa dei quali il conflitto sociale si è acuito. Il governo chiede solo la smobilitazione delle guerriglie senza che vi siano cambiamenti sostanziali. Inoltre, il popolo esige partecipazione della società civile, troppo ridotta negli attuali dialoghi dell’Avana. Altro obiettivo, molto importante, è che lo stato smantelli la sua forza parastatale e le bande narcoparamilitari che minacciano il libero esercizio dell’opposizione politica nel paese e che stanno crescendo nel territorio nazionale, questo in termini di garanzie per una possibile partecipazione degli insorti nella politica pubblica del paese.

Negli ultimi mesi vi sono stati forti movimenti di protesta, con quali risultati e prospettive?

In Colombia, non passa giorno senza che vi sia una lotta sociale. C’è sempre fermento e dissenso verso uno Stato che per decenni ha lasciato da parte il suo obbligo di fornire, come stato di diritto, un minimo di garanzie e di benessere alla popolazione. Le cifre della tragedia colombiana parlano di circa 8 milioni di persone sfollate a causa del conflitto interno, più di 18 milioni di disoccupati, più di 9.000 mila prigionieri politici che, insieme a centinaia di migliaia di detenuti soffrono condizioni disumane di sovraffollamento e di maltrattamento. Il 52% della terra è nelle mani dell’1,15% di latifondisti, per menzionare solo alcune cifre. Tutto questo in un paese con più di 47 milioni di abitanti e che, nonostante il dolore e la tragedia continua a lottare con la speranza che in Colombia si costruisca un nuovo paese di pace per tutta la sua gente. Attualmente i movimenti sociali in Colombia sono protagonisti del particolare momento politico che vive il paese. Hanno fatto proposte concrete di cambiamenti strutturali necessari per la realizzazione della democrazia, della sovranità, dell’uguaglianza, per la giustizia sociale e per una vita degna del popolo colombiano. Lo scorso giugno si è tenuta una forte giornata di mobilitazione e di protesta in tutto il territorio colombiano, convocata dalla Cumbre Nacional Agraria, contadina, etnica e popolare, in cui confluiscono numerose organizzazioni sociali e movimenti popolari nei settori sociali del paese, come Congresso dei popoli, l’organizzazione indigena della Colombia (Onic), il Proceso de Comunidades Negras (Pcn), Marcha Patriotica, tra gli altri, più altri di carattere regionale. Questi movimenti sono scesi in piazza per chiedere al governo Santos di rispettare gli accordi realizzati con la Cumbre negli anni 2013 e 2014, frutto di scioperi nazionali, che non ha rispettato, offrendo come unica risposta la violenza. Inoltre, hanno proposto soluzioni strutturali contro il modello economico imposto da Santos per ottenere la fiducia degli investitori stranieri e aumentare l’estrattivismo, in cui si continua a svendere risorse naturali al grande capitale transnazionale. I movimenti sociali in Colombia stanno acquisendo una visione strategica nella lotta contro questo modello. Un modello che, come ha chiarito il presidente colombiano alle guerriglie, non è in discussione. Ma la Minga Nacional è contro questo modello di morte, miseria e oppressione e propone punti di negoziato anche più radicali di quelli avanzati dalle guerriglie. E si scontra con una politica repressiva, di guerra e di assassinii,anche mentre il governo dialoga con la guerriglia delle Farc e decide un cessate il fuoco bilaterale.

Molti leader popolari di Marchia Patriotica e del Congreso de los Pueblos sono stati uccisi. Quali garanzie chiedete perché non finisca in un massacro simile a quello subito dalla Union Patriotica negli anni ’80?

Come hanno riportato le organizzazioni per i diritti umani, solo per quanto riguarda quest’anno, sono circa 35 i leader sociali assassinati. Nello sciopero di giugno, sono stati assassinati 3 leader indigeni del Congreso de los Pueblos dalla polizia e dall’esercito colombiano. Lo scorso 12 luglio è stato ucciso dalla polizia un giovane manifestante durante lo sciopero dei trasportatori e dei camionisti nella regione di Boyacá. Minacce, persecuzioni, esecuzioni extragiudiziali, sono in aumento nonostante i colloqui di pace. Marcha Patriotica denuncia che da quando si è fondato il movimento, nel 2012, sono già oltre 105 i militanti assassinati. Per questo rivolgiamo un appello internazionale a denunciare lo Stato colombiano che non consente le garanzie per l’esercizio politico, la difesa dei diritti umani, il diritto sindacale, quello della libertà di espressione e associazione.

Quali ripercussioni avrà il ritorno delle forze conservatrici in America latina?

Dall’anno scorso, come Coordinamento Continentale dei movimenti sociali verso l’Alba, di cui facciamo parte come Congreso de los Pueblos e Marcha Patriotica insieme ad altre organizzazioni sociali in Colombia, abbiamo iniziato una campagna che si chiama “La pace in Colombia è la pace del continente”, per riunire e rendere visibili le azioni di solidarietà negli altri paesi fratelli del Latinoamerica, perché altri si aggiungano e appoggino questa causa. Un’azione importante nel momento in cui l’imperialismo nordamericano vuole tornare egemone nel nostro continente. Da qui, la destabilizzazione del Venezuela, il golpe istituzionale alla presidente Dilma in Brasile e i passati golpe in Honduras e Paraguay. Quest’avanzata dell’estrema destra in America Latina e nel mondo deve essere contrastata con la costruzione del potere popolare nelle strade e con un’unità molto forte che assuma dimensioni continentali.

Ci sono più domande che risposte nella pace di Colombia

petrasdi James Petras – La Haine

11feb2016.- Ci sono stati migliaia di combattenti e sostenitori dell’FMLN che sono stati abbandonati dopo gli accordi di pace in El Salvador, e i leader hanno cercato solo di entrare in Parlamento

Hector Vicente: Una delle prime questioni che volevamo commentare con  te è  quello che è successo domenica ad Haiti, dove  Michel Martelly se ne è andato, ma l’instabilità rimane.

JP: Più che instabilità, vi è una rivolta popolare che cerca di imporre la democrazia contro le forze di occupazione e gli oligarchi, che rappresentano ad Haiti gli interessi imperiali. Mentre il popolo haitiano è contro l’occupazione delle forze armate che provengono dall’America Latina – incluso l’ Uruguay – e cerca un modo per migliorare la propria vita ed evitare il giogo delle potenze esterne.

Con Martelly abbiamo avuto un governo fantoccio che non ha mai avuto l’appoggio di oltre il 20% della popolazione. E ora, il popolo è riuscito a rovesciare questo personaggio, chiedendo elezioni libere, in cui almeno possano presentarsi i suoi candidati, tra cui l’ex-presidente Aristide, che è stato cacciato dalle forze imperialiste.

HV: Da questa sollevazione possono discendere nuove alleanze tra i settori popolari?

JP: C’è una massa democratica, vi è una massa di poveri che cerca soluzioni in termini di pratiche sociali ed economiche, ma è frammentata tra diverse tendenze e non c’è modo di sapere chi ha più consenso tra di loro. Perché adesso agiscono uniti per rovesciare quello che c’è, ma una volta che si ottiene la possibilità di presentare i propri candidati, immagino che se ne presenteranno vari, alcuni più social-democratici e altri più rivoluzionari, ma in ogni caso sono unificati dalla ricerca della democrazia e della giustizia sociale. E soprattutto dall’espulsione delle forze armate che stanno occupando il loro paese.

HV: Pochi giorni fa è venuto dall’Uruguay un nuovo distaccamento ad Haiti, di modo che il ruolo del nostro paese rimarrà lo stesso.

JP: Credo di sì, fino a quando il popolo haitiano fronteggerà unito le forze di occupazione e metterà sul tavolo la possibilità di un massacro o della partenza di queste forze di occupazione.

HV: La Repubblica Popolare Democratica della Corea ha lanciato un satellite spaziale, utilizzando un razzo potente, che ha causato malessere negli Stati Uniti, in Giappone, ma anche la Cina. Qual è la tua opinione su questo?

JP: Beh, quasi tutti i paesi europei e Israele hanno missili a lungo raggio, gli Stati Uniti hanno migliaia di missili e razzi, e non si capisce perché si sanzioni solo la Corea del Nord, piuttosto che tutti gli altri paesi che utilizzano e sviluppano questi missili.

Dobbiamo notare che altri paesi con missili a lungo raggio hanno realizzato guerre, ma la Corea del Nord non ha fatto la guerra con nessun altro paese del mondo. Penso che si dovrebbero punire tutti coloro che hanno tali missili o capire che devono negoziare un accordo di pace con la Corea del Nord senza applicare sanzioni.

HV: Una questione che genera incertezza è la situazione in Colombia. Come vedi la possibilità di una soluzione politica al conflitto armato in quel paese?

JP: È difficile capire gli accordi, perché la cosa più importante è l’implementazione e i paramilitari sono ancora in attività, abbiamo assistito a rapimenti, omicidi, ecc. tutti i giorni, nonostante le dichiarazioni che un accordo è molto vicino.

Dobbiamo capire che gli accordi sono fortemente dipendenti da ciò che si intende per opportunità economiche e politiche per i guerriglieri, gli insorgenti e i loro simpatizzanti. Nel caso del Centro-america, gli accordi di pace hanno lasciato la stragrande maggioranza della popolazione abbandonata e solo gli ex-guerriglieri hanno preso seggi in Parlamento, nel governo, nella società civile.

Spero che le FARC ottengano qualcosa di meglio, ma molto dipende dal Presidente Santos e dal governo della Colombia, perché essi applicheranno la macro-economia e se ci sono restrizioni sul bilancio non credo che applicheranno molte clausole dell’accordo.

Potrebbero dichiarare che faranno la riforma agraria, ma c’è bisogno di un sacco di fondi, c’è bisogno di protezione per i coloni che occuperanno la terra, per gli sfollati, e se il governo firma un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, è improbabile che abbia le risorse per realizzare una riforma agraria.

E oltre a questo, abbiamo il problema della sicurezza di coloro che partecipano al processo, i precedenti sono molto dubbi, perché dopo degli accordi precedenti, i paramilitari e l’esercito hanno lanciato un forte attacco contro gli ex-combattenti, uccidendo anche Senatori e candidati presidenziali.

Dunque, molto dipende da quello che otterranno le FARC come garanzia: territori smilitarizzati, bilancio garantito, una qualche forma di riforma agraria indipendente dalle restrizioni del FMI. Ci sono più domande che risposte in questa situazione che stiamo vivendo.

HV: Ricordo di aver conosciuto Salvadoregni che erano contadini, si erano arruolati nelle varie forze che combattevano per la liberazione del loro paese; e dopo gli accordi, quando ci fu una divisione delle terre, agli ex-guerriglieri toccarono le terre meno produttive.

JP: Sì, ci sono migliaia di combattenti e sostenitori dell’FMLN che sono stati abbandonati, e i leaders hanno cercato solo di entrare in Parlamento, e hanno finito per difendere gli interessi dell’agro-business. Mentre la stragrande maggioranza dei combattenti e degli abbandonati, ha deciso di prendere la via della strada, alcuni sono andati in altri paesi come gli Stati Uniti, altri hanno cominciato a unirsi a bande criminali e trafficanti. Ora ci sono più omicidi, attualmente sotto il governo dell’FMLN, che durante la guerra civile e la lotta rivoluzionaria.

Non hanno diminuito quasi per nulla la povertà, non hanno diminuito l’insicurezza, non hanno ottenuto alcuna trasformazione sociale che valga la pena discutere.

HV: Stiamo arrivado alla Siria. L’Arabia Saudita si dichiara disposta a partecipare a un’incursione di terra, se gli Stati Uniti lo richiedono. Per la Russia, questo costituirebbe una dichiarazione di guerra, come anche per il governo di Bashar Al Assad, che ha denunciato quest’intenzione.

JP: Non c’è niente di serio. L’Arabia Saudita non può difendere la monarchia senza il supporto di mercenari provenienti dalla Colombia, dal Pakistan e da altri paesi: come possono inviare truppe in Siria? Adesso sono in una guerra contro il paese più povero del Medio Oriente, e non riescono a vincere lo Yemen, che è il loro vicino di casa. Pur avendo aerei moderni e un arsenale di armi sofisticate.

L’Arabia Saudita è un regime oligarchico marcio e non è in grado di inviare truppe altrove. È un gesto vuoto. Penso che quello che l’Iran ha detto è che se l’Arabia Sauidta invia truppe in Siria, è possibile che l’Iran reagisca e non gli costerà molto sforzo distruggere tutti i pozzi di petrolio sauditi e lasciare il paese devastato. Non è serio.

HV: Su quali altre questioni stai lavorando?

JP: Beh, ce ne sono almeno quattro. Per esempio, in Siria dobbiamo riconoscere che l’esercito del presidente Bashar Al Assad, con il supporto dell’aviazione russa, sta avanzando, quasi eliminando i terroristi nel nord-ovest del paese.

La NATO e i suoi alleati ora cercano oppositori per rispondere a questa avanzata politico-militare, attaccando con la propaganda e la diplomazia la causa siriana. Essi cercano di usare le accuse di sterminio contro il governo, mentre sostengono – a partire dalla Turchia – i terroristi. Ma se il processo attuale continua, la Siria eliminerà tutte le forze dell’ISIS al confine con la Turchia e questo porrà fine all’origine delle armi e delle entrate, così in gran parte rimuovendo la minaccia dell’ISIS. La Siria è sulla strada giusta, avanzando, con il sostegno dei raids aerei russi, che sono direttamente coinvolti nella distruzione dei terroristi.

Il secondo punto che vorrei toccare è lo Zika, questa zanzara che è accusata di essere responsabile di difetti nei neonati. Ma credo che hanno fornito una versione molto distorta. Le zanzare sono dannose in relazione alle cattive condizioni della salute pubblica; la colpa non è solo della zanzara, è un contesto più ampio e non è chiaro se i problemi dei bambini provengano solo da questa zanzara. Abbiamo visto molte regioni povere dove le malattie di tutti i tipi – il dengue, la febbre gialla, ecc. -, sono, come in questo caso, prodotto del deterioramento del bilancio sanitario, delle politiche neo-liberiste, della spesa per i giochi olimpici e di altre cose perverse. Così, dare tutta la colpa a questa zanzara mi sembra esagerato.

C’è bisogno di un programma immediato, di servizi medici di emergenza, per migliorare le condizioni di salute della popolazione, soprattutto nei quartieri poveri. Credo che quest’esagerazione dello Zika a fronte di tutti i problemi sociali ed economici, è un modo per intrattenere e distogliere l’attenzione.

Insieme a questo, voglio citare due cose. Ieri abbiamo avuto il Superbowl, è un gioco di football americano, cui hanno dato un sacco di risonanza, un sacco di propaganda per settimane e settimane. Si tratta di un evento che è totalmente militarizzato, con aerei, truppe, attività militari prima, durante e dopo la partita. Durante la partita era pieno di propaganda commerciale. Si tratta di un carnevale per distogliere l’attenzione dai problemi economici degli Stati Uniti.

Infine, voglio parlare brevemente dei profughi che fuggono. Ieri ho ricevuto una chiamata dall’isola di Lesbo, un’isola vicino alla Turchia e mi hanno detto che 24 profughi sono annegati in mare cercando di raggiungere Lesbo.

E di chi è la colpa? La colpa è dell’Unione Europea, degli Stati Uniti, della Turchia, dell’Arabia Saudita, che hanno iniziato la guerra, distruggendo la vita dei Siriani e creando la necessità della fuga. Ma non si assumono la responsabilità, nessun media ha detto che i rifugiati sono un prodotto di guerre imperialiste contro la società siriana.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Marcha Patriotica: «Siamo in un momento determinante»

di Geraldina Colotti – il manifesto

16dic2015.- “Siamo in momento determinante della vita politica colombiana”, dice al manifesto Jorge Freytter, membro dell’organizzazione politico-sociale Marcha Patriotica.

Freytter è anche uno dei fondatori della Costituente degli esiliati e perseguitati dallo stato colombiano. Attualmente vive da rifugiato nello Stato Basco.

Perché ha dovuto lasciare il paese?
Sono figlio di un professore e avvocato colombiano assassinato dal paramilitarismo del “bloque norte” e da agenti delle forze militari dello stato. Una vittima del terrorismo di stato. Nel 2014 abbiamo pubblicato il libro “Presente y futuro de Colombia en tiempos de esperanzas” nel quale si raccolgono opinioni di importanti accademici e leader politici colombiani e viene descritta la situazione di violenza politica che soffrono le università pubbliche a causa dell’infiltrazione paramilitare e della persecuzione del pensiero critico in Colombia. Ho ottenuto lo status di rifugiato nel Paese Basco.

Quale lavoro svolge la Costituente degli esiliati?
Principalmente quello di sostenere la soluzione politica del conflitto colombiano con gli esiliati politici e generare solidarietà verso l’insieme del movimento sociale e politico che, in Colombia, lotta per il proprio riconoscimento. Lavoriamo per rendere visibili le rivendicazioni del popolo colombiano nell’agenda internazionale.

Qual è la situazione in Colombia, oggi?
Stiamo vivendo un momento molto importante in cui si sta costruendo un potere popolare basato su grandi mobilitazioni organizzate dai contadini, dalle donne, dagli studenti: per esigere un’Assemblea Nazionale Costituente per la rifondazione dello stato. Questo porterebbe a un cambio del sistema politico, un cambio nel sistema giuridico, una vera partecipazione e garanzie politiche per l’insorgenza. Il percorso attuale mostra le responsabilità dello stato colombiano nello sterminio dell’opposizione politica nel paese. In queste nuove conversazioni di pace possiamo parlare di questioni che il regime colombiano non ha mai permesso che si potessero trattare, come quelle riguardanti le vittime del conflitto, la condizione della donna nel conflitto colombiano. Un altro elemento estremamente rilevante del processo di pace è la possibilità di smantellare le strutture politiche ed economiche del paramilitarismo colombiano.

Quanto pesa negli accordi di pace il tema dei prigionieri politici, in Colombia e negli Stati uniti?
La situazione dei prigionieri negli Usa è di totale isolamento, manca ogni garanzia e riconoscimento della loro condizione di prigionieri politici, come nel caso di Simón Trinidad e di Sonia: che sono reclusi in condizioni subumane, senza la possibilità di vedere il sole, senza diritto a una difesa effettiva di fronte agli stati colombiano e nordamericano. Questi casi riassumono un tema importante in Colombia, che è quello dell’ingerenza degli Stati uniti nei nostri affari interni e la permanente violazione della sovranità. L’insieme del movimento carcerario e del movimento politico in Colombia, richiede immediatamente la loro libertà e l’amnistia, dato che questi due compagni apporteranno concetti ed esperienze chiave nella soluzione politica, nella costruzione della democrazia con giustizia sociale, per l’accordo che si delinea all’Avana. In Colombia, i prigionieri politici da una parte subiscono violazioni costanti ai loro diritti (tortura, mancanza di assistenza medica, impossibilità di visite familiari e dispersione sul territorio colombiano), dall’altra devono assumere lo scontro diretto con lo stato: ci sono mobilitazioni (recentemente c’è stato lo sciopero della fame dei prigionieri in varie carceri colombiane). I prigionieri esigono una partecipazione diretta e attiva nelle conversazioni di pace. Per questo a livello internazionale noi mettiamo l’accento sull’amnistia per tutti i compagni. Infine bisogna ricordare che la popolazione dei prigionieri è di circa 9.500 persone. Voglio citare tre casi di rilievo, che il regime cerca di mettere sotto silenzio: il leader agrario e contadino Huber Ballesteros, ilprofessor Miguel Angel Beltrán, e il caso della sindacalista Liliany Obando. Un aspetto importante della problematica riguarda il fatto che in molte regioni l’esercito e la magistratura realizzano montature giudiziarie contro i dirigenti contadini, gli studenti, i sindacalisti, ilavoratori e i difensori dei diritti umani. Questa situazione è in aumento e le carceri in Colombia sono sovraffollate, in una cella per due detenuti ce ne possono stare otto. E’ importante sottolineare che gli stessi impiegati dell’ente che amministra la sicurezza nelle carceri sono allo stesso tempo dei repressori e dei repressi nelle loro condizioni di lavoro, cosicché è importante far capire che vivono un po’ la stessa condizione dei soldati, allo steso tempo vittime e carnefici. Le carceri colombiane sono gestite a distanza dagli Stati uniti nel quadro del Plan Colombia-Plan Patriota.

I negoziati dell’Avana sembrano giunti a un punto di non ritorno, la soluzione politica sembra più vicina. La sconfitta elettorale in Argentina e quella più pesante in Venezuela – uno dei principali garanti della pace – possono deviarne il corso?
I tavoli dell’Avana devono essere letti nel contesto geopolitico dell’America latina: la Colombia è il paese della regione che riceve più assistenza militare dagli Usa, e gioca un ruolo destabilizzante verso i paesi integranti dell’Alba, e tuttavia non può rimanere isolata di fronte ai processi di decolonizzazione ed emancipazione continentale, per cui la pace della Colombia è la pace del continente americano. Il ritorno della destra in Venezuela rappresenta un forte condizionamento per le conversazioni di pace, è a rischio tutto il paradigma libertario e antimperialista di costruzione di un potere popolare, e può portare a un gigantesco arretramento della cooperazione sud-sud (Cuba, Venezuela, Ecuador, il progetto Alba) e nella creazione di nuovi spazi di integrazione delle politiche di sicurezza sociale per l’insieme dei paesi latinoamericani e del Caribe. Per questo la Nuestra America, la sinistra latinoamericana e la sinistra di altre latitudini, deve esprimere forte appoggio al popolo e al governo bolivariano e venezuelano: la sua è una lotta di resistenza contro le oligarchie di tutta l’America latina e dei Caraibi.

Quali obiettivi concreti si pongono le forze della trasformazione nel breve e medio periodo?
Dare soluzione politica al conflitto colombiano, unire tutte le organizzazioni popolari e la sinistra rivoluzionaria, dare all’insorgenza la possibilità di partecipare alla vita politica. Nel breve periodo, aumentare le mobilitazioni per arrivare a un’Assemblea Costituente.

FARC-EP: Venezuela requiere solidaridad en lugar de canibalismo

por FARC-EP

Posición oficial sobre la ofensiva imperialista y oligarquica contra la Revolución bolivariana de Venezuela: “Estamos acompañándolos, hasta la victoria final”

Diciembre 14, 2015

El resultado electoral del 6 de diciembre en Venezuela, a todas luces desfavorable al PSUV y a la revolución bolivariana, ha dado para que todo el mundo opine acerca de la situación que se presenta en el país hermano.

Lo primero que cabría señalar es que a la par del triunfo de la coalición temporal de la derecha, apoyada con todo furor desde Washington, Londres y Madrid, y de manera un tanto disimulada desde Colombia y los países latinoamericanos en que gobierna la reacción continental, también parece haberse producido un triunfo de la ideología neoliberal transnacional. De repente se ha puesto de moda irse lanza en ristre contra la obra de Hugo Chávez Frías, achacar la derrota a los fracasos económicos, sociales y políticos de la revolución, considerar como incapaces, ineptos y corruptos a los dirigentes del proceso renovador venezolano, además de pontificar con suficiencia acerca de la tímida posición adoptada contra el capital por el modelo socialista del país vecino.

Es como si de un momento a otro el capitalismo, su voracidad depredadora, el imperialismo y su histórica posición antidemocrática y desestabilizadora se hubieran esfumado del panorama mundial y de la vida de los pueblos de América Latina y el Caribe. Es como si en los últimos diecisiete años y en la hora presente la acción revolucionaria, sus avances y desarrollos no hubiesen encontrado más obstáculos que la negligencia y la descomposición de las vanguardias democráticas. Es como si de un momento a otro se comprendiera que se está cerrando el ciclo durante el cual los revolucionarios lo tuvieron todo fácil sin haberlo aprovechado, y por tanto no cabe más sino reprocharles su incapacidad e incompetencia.

Hay que advertirlo a tiempo e imprimir una rectificación clasista al pensamiento. Lo que se está haciendo y diciendo contra la revolución bolivariana desde variados matices de la izquierda, confundidos o enajenados repentinamente por la avalancha propagandista, mediática e ideológica del gran capital transnacional, constituye ni más ni menos que el más irresponsable acto de canibalismo político. Ni este ni ningún otro es momento para emprender en gavilla un ataque demoledor contra la revolución, amenazada ya seriamente por el imperialismo y la oligarquía venezolana. Eso de caerle al caído para acabar de despedazarlo no tiene nada de revolucionario y por el contrario sirve a los intereses de la derecha internacional.

Que los voceros del orden capitalista mundial estén de fiesta y preparando desde ya su embestida final es comprensible. Se trata de la misma clase que no tuvo piedad con los comuneros de París en 1871, ni contra ninguno de los movimientos democráticos y de avanzada organizados por los trabajadores desde entonces en los más diversos países. Pero que los voceros del movimiento democrático y popular, revolucionario, progresista o de avanzada estén dando la espalda al pueblo de Venezuela, alegando los mismos contenidos de la propaganda imperialista, eso sí que resulta equivocado, incomprensible y vergonzoso.

Los hijos de Simón Bolívar, los hijos de Chávez, el pueblo que a pie llevó libertad a gran parte de la América del Sur, requiere del apoyo cerrado de todos sus hermanos latinoamericanos y caribeños. No fue sino que Chávez ganara las elecciones en 1998 para que de inmediato se pusiera en movimiento el engranaje para impedirle gobernar, para evitar a toda costa la implementación de las transformaciones que anunciaba. Y son casi dos décadas continuas de sabotaje en todas las formas. Corrupción, cooptación, traición, golpe de Estado, golpe petrolero, ataques a la infraestructura, protestas internas financiadas desde fuera, acciones desestabilizadoras, guerra económica, guerra mediática, guerra ideológica, maniobras electorales. Negar la realidad de esos ataques o desconocer sus efectos corrosivos constituye un acto de imperdonable ceguera.

Y lo que es peor, borrar de un plumazo la obra liberadora, las conquistas democráticas alcanzadas, las igualdades étnicas y de género, las innumerables conquistas sociales, la elevación general del nivel de vida de la población más necesitada, el millón de viviendas construidas y entregadas, los visibles desarrollos en salud y educación, la invalorable labor cultural, ideológica y política, la soberanía alcanzada, la integración continental, la solidaridad y el respeto internacional obtenidos por todos nuestros pueblos, entre otras tantas acciones reales de la revolución bolivariana, para reemplazarlas por palabras fáciles como ineficiencia, corrupción y caos, echadas a rodar de manera masiva por las cadenas y redes internacionales al servicio de la explotación y opresión mundial, constituye la demostración más palpable de cuánto terreno se ha perdido en el campo de la batalla ideológica contra el capital y sus políticas totalitarias.

Ninguna obra humana es perfecta ni está completamente terminada. La revolución también es un proceso en construcción, en el que se cometen errores, se producen desviaciones y fallan en consecuencia los resultados esperados. Cuando la intención de la crítica es sana y constructiva, cuando el interés es el de perfeccionar y no destruir, con seguridad que pueden corregirse a tiempo y de manera positiva las deficiencias. Pero otra cosa muy distinta ocurre cuando deliberada o neciamente se engrandecen estas últimas, cuando se las convierte en el todo, cuando se sacan a relucir en los peores momentos sólo para debilitar y echar abajo el sueño de un pueblo. Esta última actitud merece la más abierta condena. Y debe rectificarse con urgencia.

Lo que resulta verdaderamente innegable es que hay en curso una arremetida brutal del imperialismo depredador en todo el planeta, acompañada de una campaña de dominación ideológica sin antecedentes, y del más espantoso despliegue militar y terrorista. Es esa avalancha que amenaza la humanidad entera y que asesina y somete pueblos inermes del modo más salvaje, la que debe ser blanco de todos los ataques, críticas y denuncias permanentes por parte de los movimientos políticos y sociales de avanzada. Es contra ella que deben movilizarse los pueblos, como lo han hecho valiente y heroicamente los revolucionarios venezolanos durante las dos últimas décadas. Ellos, en su sabiduría democrática, encontrarán el modo de superar sus dificultades actuales, para lo cual requieren de nuestra solidaridad y comprensión. Estamos acompañándolos, hasta la victoria final.

La Habana, Cuba, 13 de diciembre de 2015.

Por el Secretariado Nacional de Las FARC-EP

Timoleón Jiménez

Geopolitica dell’assedio

C20E783FCI militari USA nell’America del Sud [i]

di André Deak e Bianca Paiva

Agência Brasil defesanet.com.br

  1. In questa intervista rilasciata qualche hanno fa dal politologo brasiliano ed esperto di geopolitica, Moniz Bandeira, poneva l’accento sulla presenza di basi militari nordamericane in alcuni paesi (teatri di guerra) strategici dell’America meridionale, i quali sono selezionati dal complesso strategico-militare americano per conservare lo statu quo regionale. Questo tipo di strategia consente alle unità operative americane l’appoggio logistico necessario per la conduzione di azioni belliche nei diversi teatri di operazioni che dovessero sorgere nella regione. La strategia nazionale di Difesa degli Stati Uniti ha più volte rimarcato l’importanza di espandere le truppe e l’equipaggiamento logistico militare nel mondo e, nello specifico, nei diversi paesi dell’America meridionale e caraibica (Curaçao, Barbados, Colombia, Guiana, Ecuador, Perù, Paraguay) per consentire un maggiore controllo spaziale e operativo verso quei paesi considerati d’importanza geoeconomica e geostrategica – Brasile e Argentina e, non ultimo nell’ordine, il Venezuela -. L’adozione di questo tipo di disegno influenza la sicurezza dello Stato assediato, le sue relazioni commerciali, diplomatiche e di sviluppo, giacché sono subordinate agli interessi strategici e di sicurezza degli Stati Uniti. Fattori che fortemente influenzano le scelte in politica estera e che limitano di molto l’autonomia in sede internazionale.

Il Venezuela, considerato paese che erode l’influenza e il potere USA nell’America meridionale e caraibica, è stato inserito nel novero degli Stati che bisogna combattere e indebolire mediante lotte economiche (guerra economica), contrabbando, crimine organizzato, innesco di conflitti transfrontalieri, violazione delle libertà civili e dei diritti umani, guerra psicologica, ecc., dilatandoli nel tempo e con lo scopo di riconfermare l’incontrastata supremazia americana nella regione. Il controllo delle risorse naturali dei venezuelani costituisce un fattore molto importante per assicurare a lungo termine il dominio economico, politico e la stabilità della società nordamericana. Difatti il processo di sviluppo economico dei paesi iperindustrializzati dipende dall’approvvigionamento di energia e il petrolio è la più importante fonte energetica.  Ciò ha contrassegnato la storia economica, politica e militare dei nordamericani per il dominio del Venezuela degli ultimi cento anni.

  1. La concretizzazione di un’entità geografica comune che potesse coniugare l’aspetto economico con quello politico da proiettarsi su scala internazionale, si poteva solo ottenere attraverso l’elaborazione di nuovi schemi d’integrazione sub regionale. È stato così che è sorta l’idea della strutturazione di nuove entità (Mercosur, Unasur) come formule più avanzate di quelle già esistenti (Alalc, Sela, Pacto Andino, Comunidad del Caribe, Mercado Centroamericano) con l’obiettivo di coordinare la posizione dell’America Latina di fronte alle sfide del mondo.

Tuttavia questo continente fatto di capricci e dispersioni, diffidenze e aspirazioni di grandezza, continua a fare tutto il possibile affinché questi meccanismi restino limitati, ininfluenti per non produrre l’integrazione richiesta e tanto meno far ascoltare la voce di un’America Latina unita. In questi ultimi anni i governi di alcune nazioni hanno preferito la scelta di negoziare con gli Stati Uniti o con l’Unione Europea sul piano di una presunta uguaglianza o bilateralismo. Preferiscono agire con manifestazioni d’individualismo esacerbato (Colombia e la nuova Argentina di Macri) che in fin dei conti non sono altro che l’espressione di un nazionalismo da sottosviluppo: declamatorio in modo reboante ma privo di contenuti. Sono scelte politiche che non tengono in conto primario l’interesse nazionale, ma garantiscono solo il protettorato americano.

  1. Nella presente fase multipolare la voce dell’America Latina rischia di azzittirsi. La deriva populista a destra di alcuni attori importanti rischia di rendere nulli i criteri che riguardano la difesa dei prezzi delle materie prime o l’intercessione ai forum per un commercio più giusto. L’importanza geostrategica e geopolitica data ai progetti Alba, Celac e Unasur da parte dell’allora presidente venezuelano, Hugo Chávez, rispondevano alle richieste di una regione desiderosa di affermare nel mondo la propria immagine storica; la percezione di una responsabilità e di un destino compartecipe che incalzava verso la realizzazione di uno sforzo comune per combinare le risorse (primarie, energetiche, demografiche) di cui dispone e fare dell’America Latina un potere mondiale.

La presenza di alcuni meccanismi come il Mercosur nel panorama internazionale ha, seppure in modo impercettibile (economicamente e politicamente), confermato e quindi cominciato a produrre la certezza di sviluppi importanti. In più di un’occasione Hugo Chávez aveva segnalato che non si trattava più di una necessaria volontà politica di appoggio al processo d’integrazione, ma della costruzione di una vera e propria concezione politica comune che possa proiettarsi sia verso l’esterno sia verso l’interno. Nonostante le ragioni storiche e sociopolitiche che si avviano verso l’integrazione, il raggiungimento della stessa è piuttosto lastricato di ostacoli.  Esistono grosso modo due gruppi di pressione che ostacolano questo percorso, le multinazionali e gli interessi locali che lavorano in associazione con le prime. In particolare questi ultimi ignorano volutamente gli obiettivi globali di un’integrazione. Ed è proprio qui che non esiste un’intesa. Spesso si tralascia il principio fondamentale, ovvero, la nozione di giungere ad essere una unità, più grande. Invece, le borghesie locali preferiscono adottare la scelta subalterna di comodo, cioè quella delle piccole monadi. La riconsiderazione in termini geopolitici dell’interesse nazionale è una via obbligata che tutti i paesi dell’America Latina devono riconsiderare per evitare di essere dei semplici spettatori, di ruolo e di rango, nello scacchiere internazionale.

Vincenzo Paglione

 

*****************

 

Agência Brasil: Cosa ci vuole dire riguardo alla presenza degli Stati Uniti in America del Sud?

Moniz Bandeira: Gli Stati Uniti stanno realmente creando, da ormai molti anni, una fascia intorno al Brasile.

Agência Brasil: Di basi militari?

Moniz Bandeira: Proprio così, di basi militari si tratta. La Base di Manta, in Ecuador, e altre in Perù. Alcune di esse sono permanenti, altre sono solo occasionali. Come la base che si trova in Paraguay, che non è una vera e propria base. Hanno una pista di atterraggio costruita negli anni ’80, più grande della pista Galeão (in Rio de Janeiro, la maggior pista di atterraggio del Brasile, con 4.240 m di longitudine).

Ora circola la notizia che questa base sarà dotata di 400 soldati (nordamericani in Paraguay). Eseguono addestramenti insieme ai paraguaiani e formano gruppi di soldati per allenarsi vicino alla frontiera con il Brasile e in altri punti. La cosa più curiosa di tutto ciò e che fa insospettire è che: 1° è concessa l’immunità ai soldati sudamericani; 2° la visita di Donald Rumsfeld (segretario della Difesa degli USA) alla capitale, Asunción de Paraguay; 3° il fatto che Dick Cheney (vicepresidente nordamericano) ha ricevuto negli Stati Uniti il presidente del Paraguay. Che cosa rappresenta il Paraguay per gli Stati Uniti? Ciò costituisce solo una forma di perturbazione del Mercosur.

Agência Brasil: Gli analisti affermano che il Paraguay compie la funzione di alleato degli USA, che già in altro momento aveva svolto l’Argentina, con il presidente Carlos Menem, e in seguito l’Uruguay, con Jorge Battle.

Moniz Bandeira: È proprio quello che cercano di fare, prima con l’Argentina di Menem, dopo con l’Uruguay di Battle e ora vogliono manipolare il Paraguay. È una faccenda molto delicata. Il Paraguay non ha nessun peso. Anzi, se il Brasile decidesse di aumentare la vigilanza nella frontiera, finirebbe il Paraguay, perché la maggior parte delle esportazioni che effettua questo paese le compie attraverso il contrabbando con il Brasile.

Ufficialmente il Paraguay destina al Brasile più del 30% delle sue esportazioni. Se si prende in considerazione anche il contrabbando, la percentuale salirebbe a più del 60%. Ma anche per esportare verso altri paesi il Paraguay, in sostanza, dipende dal Brasile, attraverso i corridoi di esportazione che conducono verso i porti di Santos, Paranaguá e Rio Grande. Il Paraguay è un paese che presenta molte difficoltà, si sovrastima, ma non corrisponde alla realtà. Ogni paese dovrebbe riconoscere i propri limiti e le sue reali relazioni di potere. Il Paraguay è inagibile senza il Brasile e l’Argentina. L’Argentina è solidale con il Brasile e non ha alcun interesse verso il Paraguay come strumento degli Stati Uniti per ferire il Mercosur.

Agência Brasil: Dove si trovano, nello specifico, i militari nordamericani che formano questa “fascia” intorno al Brasile.

Moniz Bandeira: Si estendono dalla Guyana, passano per la Colombia … Bisogna evidenziare che non sono militari uniformati, ma imprese militari private che eseguono una serie di servizi terziarizzati per gli Stati Uniti. Il Pentagono sta terziarizzando la guerra. Già da qualche tempo, inizi degli anni ’90, hanno creato le Military Company Corporations, le quali eseguono i servizi militari per sfuggire alle restrizioni imposte dal Congresso americano. Pilotano gli aerei nella guerra d’Iraq, per esempio. Le compagnie militari private svolgono ogni sorta di lavoro, persino quello sporco: le torture. Con questa trovata eludono le restrizioni imposte.

Agência Brasil: Esistono anche delle operazioni segrete?

Moniz Bandeira: Sì, ma ciò rappresenta un’altra cosa. Abbiamo informazioni al rispetto. Se lei legge i giornali, qualche volta si segnalerà che è stato intercettato un aereo americano in Brasile che in modo clandestino proveniva dalla Bolivia verso il Paraguay. Queste informazioni si trovano un po’ ovunque.

Agência Brasil: Qual è il motivo per il quale ci sono i militari americani in America del Sud?

Moniz Bandeira: I fattori sono diversi. Le basi consentono il mantenimento del bilancio del Pentagono. Per causa dell’industria bellica e del complesso industriale militare, loro hanno bisogno di spendere negli equipaggiamenti militari per realizzare nuovi ordini. È un circolo vizioso. E qual è il migliore mercato per il consumo delle armi? La guerra.

Gli Stati Uniti s’interessano della guerra perché la loro economia dipende in larga parte dal complesso bellico per il mantenimento degli impieghi. Esistono alcune regioni degli USA sotto il totale dominio da parte di queste industrie. Esiste una simbiosi tra Stato e industria bellica. Lo Stato finanzia l’industria bellica e l’industria bellica ha bisogno dello Stato per dare sfogo ai suoi armamenti e alla sua produzione.

Agência Brasil: Esiste qualche ragione strategica dal punto di vista delle risorse naturali?

Moniz Bandeira: I paesi andini sono responsabili di più del 25% del consumo di petrolio negli Stati Uniti. Solo il Venezuela è responsabile di circa il 15% di questo consumo. Da una parte vogliono rovesciare il presidente venezuelano Hugo Chávez, dall’altra sanno che una guerra civile potrebbe far balzare il prezzo del petrolio a più di US$ 200 il barile.

Agência Brasil: Nel libro Formação do Império Americano, lei segnala la presenza di militari nordamericani in America del Sud. Gli Stati Uniti assicurano che molti di quei militari sono lì stanziati per combattere il terrorismo.

Luiz Alberto Moniz Bandeira: Combattere il terrorismo è una sciocchezza. Il terrorismo non è un’ideologia, non è uno Stato. Costituisce uno strumento di lotta, è un metodo di cui tutti ne hanno fatto uso nel corso della storia. Loro ora affermano di voler combattere il terrorismo islamico. Ma perché è sorto il terrorismo islamico?

Perché gli americani presenti in Arabia Saudita occupano i luoghi sacri, per esempio. Prima di ciò, gli USA introdussero il terrorismo islamico in Afganistan per combattere i sovietici. Da lì è iniziato tutto.

Agência Brasil: Gli USA classifica come terroristi all’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale del Messico e alle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia. Hanno ragione?

Moniz Bandeira: Loro desiderano che tutti quelli che insorgono contro di loro siano considerati terroristi. È sempre stato così. Hitler definì terroristi tutti quelli che si opponevano all’occupazione tedesca. I compagni che hanno combattuto nella lotta armata in Brasile contro il regime autoritario sono stati classificati come terroristi.

Il terrorismo è un metodo di guerra, usato persino dalla CIA. Che cosa ha fatto la CIA contro Cuba? Progettò un attentato, abbattendo un aereo, per accusare il governo cubano e giustificare l’invasione di Cuba. Progettò di far esplodere un razzo che avrebbe dovuto condurre allo spazio a John Gleen e accusarla per invaderla. La CIA è sempre stata uno strumento di terrorismo. Gli USA definiscono il terrorismo come un’organizzazione al servizio di uno Stato che pratica atti di violenza per il raggiungimento di obiettivi politici. Ed è ciò che sempre ha fatto la CIA.

La CIA, il Mossad [l’agenzia d’intelligence israeliana] e altre organizzazioni. Chi sono i terroristi? Ariel Sharon, David Ben Gurion e Menachem Begin sono stati dei terroristi. Loro hanno fatto esplodere il King David Hotel di Gerusalemme nel 1946, uccidendo delle persone contro il dominio inglese. Hanno vinto e oggi sono diventati statisti.

Agência Brasil: Gli Stati Uniti affermano che esistono dei terroristi nella triplice frontiera.

Moniz Bandeira: Un’altra sciocchezza. Lo dicono solo perché c’è una presenza d’islamici. Questi spediscono del denaro alle loro famiglie. Il fatto che quel denaro possa essere deviato per finanziare altre attività nessuno lo può impedire. È solo un pretesto per giustificare la loro presenza militare nel Paraguay e in altre parti dell’America del Sud. Gli Stati Uniti sono l’unico paese che possiede un esercito che non è pensato per la difesa del paese, ma per mantenere basi americane in tutto il mondo.

Agência Brasil: La presenza delle basi americane può attirare il terrorismo?

Moniz Bandeira: La maggior parte degli attacchi terroristi contro gli Stati Uniti, fino ad ora, sono avvenuti in America Latina. Un buon numero contro i militari, le aziende private nordamericane e contro gli oleodotti in Colombia. Ma possono inventarsi un attentato terrorista a Foz do Iguaçu per accusare i terroristi e, effettivamente, uno di questi attentati è stato organizzato dalla CIA. È il oro mestiere. Questo si chiama guerra psicologica. La CIA è abituata a fare queste cose, persino in Brasile. Veda il caso di Rio Centro: un attentato preparato per giustificare la repressione[ii].

 

NOTE:

[i] Articolo pubblicato da Agência Brasil il 18 gennaio 2006.

 

[ii]  È il nome con il quale si conosce un attentato che il 30 aprile 1981 si voleva perpetrare ai danni di uno spettacolo commemorativo il Primo Maggio, durante il periodo della dittatura militare in Brasile. In un primo momento il governo accusò la sinistra radicale. Ma in seguito si venne a sapere che l’attentato fu organizzato dai settori più radicali del governo militare. Questi ultimi volevano convincere quelli più moderati sulla necessità di avviare una nuova ondata di repressioni con l’obiettivo di paralizzare le manifestazioni di apertura politica che il governo stava attuando. [N.d.T]

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione da Vincenzo Paglione]

Le molte facce del Brasile

pho_Wallerstein300di

di Immanuel Wallerstein – jornada.unam.mx

Il Brasile è una potenza mondiale importante – in termini di grandezza, densità di popolazione e influenza -. Nonostante ciò, per molti versi è la combinazione di una così variegata e contraddittoria sfaccettatura che a chiunque è difficile, compresi gli stessi brasiliani, sapere in che modo definire le caratteristiche del Brasile come nazione e come forza all’interno del sistema–mondo.

In questo momento il volto più importante del Brasile è quello di Lula (Luiz Inácio Lula da Silva) e del suo partito, il Partido dos Trabalhadores (PT). Dopo tre infruttuose corse verso la presidenza, Lula vinse finalmente nel 2002. L’elezione di un leader sindacale di umili origini a ricoprire la carica di presidente rappresentò, almeno, la penetrazione sociale di una persona e di un partito che aveva sfidato le gerarchie sociali incuneate nel sistema politico.

Lula e il PT essenzialmente avevano promesso due cose. La prima fu di elevare significativamente il reddito reale dei settori più poveri del paese. E ci riuscì mediante il programma Fome Zero (Fame Zero ). Questo programma si contemperò a una serie di programmi federali di assistenza destinati all’eliminazione della fame in Brasile. Annoverava la Bolsa Familia (La Canasta Familiare), l’accesso a un credito ed era previsto anche l’aumento del salario minimo.

La seconda promessa è stata il rifiuto delle politiche neoliberali dei suoi predecessori e l’adempimento degli impegni presi dai governi precedenti verso il Fondo Monetario Internazionale.

Ma Lula, quasi all’improvviso, cambiò d’atteggiamento. Nominò come ministro delle Finanze e come presidente della banca Centrale a due persone precisamente impegnate con le politiche neoliberali e, in modo particolare, mantenere la promessa fatta al FMI di conservare un certo surplus primario delle entrate, che consiste nella conservazione di una porzione delle entrate statali che di solito s’impiegano nella spesa pubblica. Questo tipo di politica macroeconomica riduce i fondi disponibili per gli investimenti sociali. Il suo vanto è di rendere stabili i governi ed evitare l’inflazione. Il FMI pretese dal Brasile che serbasse un surplus del 4,25%. Sotto il mandato di Lula, il surplus aumentò a un livello mai visto prima, cioè del 4,5%.

Le politiche miste di Lula coesistevano all’interno della particolare cultura politica del Brasile, paese con un enorme numero di partiti politici, nessuno dei quali eccede la quarta parte dei seggi in Parlamento. La cultura politica del Brasile considera quasi normale che gli individui, compresi i partiti politici, effettuino con molta frequenza dei mutamenti d’indirizzo secondo le alleanze. Semplicemente vanno alla ricerca di potere e denaro. Una delle forme in cui Lula e il suo partito si sono mantenuti sulla cresta dell’onda, è stata quella del mensalão (i mensili pagati ai membri della legislatura). È molto probabile che il livello di corruzione del Brasile non sia realmente maggiore di quello della maggioranza degli altri paesi, ma i rapidi cambiamenti che si sono verificati durante le alleanze legislative l’hanno reso molto visibile.

Poi viene il Brasile come forza geopolitica, il Brasile del BRICS – gruppo di cinque economie soprannominate emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), la cui forza si basa nella capacità di poter rialzare i prezzi mondiali dei prodotti basici d’esportazione. All’improvviso ci fu nuova ricchezza in Brasile (come in altri paesi del BRICS), fino a quando non collassò il prezzo delle merci basiche. Da un punto di vista economico si ha l’impressione che, così come la ricchezza è arrivata in maniera facile, altrettanto se n’è andata.

Tuttavia il BRICS è stato un ulteriore tentativo d’incremento dell’accumulazione di capitale. È stato un tentativo per affermare la loro forza geopolitica. Anche sotto quest’aspetto si sono verificate delle inconsistenze. Da una parte il Brasile è diventato la principale forza che ha fatto l’intento di costruire (nel primo decennio del XXI secolo) un’unità dell’America Latina e dei Caraibi, indipendenti dagli Stati Uniti e dalle strutture da essi create per controllare il subcontinente. Il Brasile è stato il paese che ha capeggiato la creazione dell’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur) e riuscire a far convivere al suo interno paesi antitetici tra di loro come il Venezuela di Hugo Chávez e la Colombia di Juan Manuel Santos.

Il Brasile, che è stato campione dell’autonomia dell’America Latina, è stato anche il paese che ha cercato in mille modi d’imporsi verso i suoi vicini, soprattutto verso l’Argentina. È stato anche il Brasile che ha voluto istituire un gruppo lusofono che affinché lavorasse per i suoi interessi economici. È stato anche il paese i cui vincoli ravvicinati con la Cina (attraverso il BRICS) non s’inserivano in una struttura tra uguali geopolitici.

Oggigiorno tutte queste diverse forme del Brasile si muovono verso implosioni interne. Il successore di Lula alla presidenza, Dilma Rousseff, l’anno scorso ha avuto un catastrofico calo di popolarità. Anche Lula ha perso qualcosa del suo atteggiamento, una volta intoccabile. Il regime è minacciato dal processo alla Rousseff. Circolano voci che l’esercito stia prendendo in considerazione un eventuale colpo di Stato. La negazione di tale possibilità da parte del capo delle forze armate sembra già di per sé una quasi conferma di queste voci.

Tuttavia, non si vede una chiara alternativa, il che rende il processo e il colpo militare come qualcosa di poco probabile. Il fatto che si dichiari che esistono molti Brasile è qualcosa che si può asserire per tanti altri paesi, forse per quasi tutti. Ma in qualche forma ciò può sembrare più evidente nel caso del Brasile. Sarà davvero audace l’analista che riuscirà a predire come sarà il Brasile del 2016 o del 2017. Tuttavia, anche se i dettagli precisi sono imprescindibili, le forze del Brasile possono continuare a fare di questo paese un locus chiave del potere mondiale.

 [Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Vincenzo Paglione]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: