En el día de su cumpleaños: acatamos las Palabras de Maduro

por Ciro Brescia

En el día de su cumpleaños recordamos las palabras del Presidente Obrero Nicolás Maduro Moros:

“La candidata electa y el candidato electo Constituyente será el Vocero del Poder Popular en la ANC, esto quiere decir escuchar el clamor, las propuestas, entre otros, del pueblo y servir de canal para exponerlas en las sesiones de la Asamblea, no toma decisiones arbitrarias solo acata el mandato del pueblo sin darle madrugonazos al Originario, aquellas y aquellos otras y otros candidatas no electas y candidatos no electos se formarán como comités de profesionales y técnicos asesores de la y del Constituyente electa y electo y a la vez se encargarán de recoger a través de Asambleas en las Comunidades esas propuestas en cada sector a través de los Comités de Constituyentes Comunales. Estos estarán formados en su mayoría por cuadros reconocidos de amplia moral y disciplina revolucionaria entre dirigentes de base. Las propuestas deberán ser sistematizadas y entregadas a la Vocera o Vocero Constituyente para ser debatidas en el seno de la Asamblea. No quiero otro asesor que el pueblo, no quiero que el pueblo sea excluido, quiero máxima participación popular, quiero ver esos debates en la calle, no quiero ver se apoderen las instituciones de estos debates, no quiero que todas las propuestas se emanen de esos técnicos metidos en cuatro paredes que nunca han visto la calle y menos ido a un barrio, quiero máxima celeridad a lo que pido, Constituyente que no le guste no se hubiese postulado, será tomado como traidor del pueblo y puede irse por donde quiera. No quiero oportunistas, quien vea esta situación que se me informe de inmediato porque no podemos traicionar al pueblo que confió en nosotras y nosotros. Yo entrego mi cargo a la soberana ANC y que ella disponga de las y los demás Constituyentes. Ellas y ellos se deben al pueblo y a él le rendirán cuentas”.

Para que se puedan concretar estas palabras del Presidente Obrero Nicolás Maduro Moros, la ANC tiene que armar su propia Plataforma Comunicacional Oficial dando a conocer al pueblo los perfiles de las y los 545 constituyentes proclamadas y proclamados, donde cada constituyente tenga su correo institucional para que pueda ser contactado por el Poder Originario, vale decir el pueblo soberano, a lo que tienen la obligación de contestar. Además es necesario activar el art.70 de la CdRBV, como suguiere el constituyente Julio Escalona, organizando las Asambleas ciudadanas además con carácter constituyente donde los Consejos Productivos Obreros y Populares, y las Comunas, desarrollen sus tareas democráticas, protagónicas y participativas.

https://albainformazione.com/2017/09/27/18410/

7nov2017: 100 anni di Rivoluzione Bolscevica celebrati in Venezuela

L'immagine può contenere: 8 persone, persone che sorridono, sMS

L'immagine può contenere: 3 persone

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, sMS

Maduro en la ANC

por Néstor Francia 

Análisis de Entorno Situacional Político

Viernes 11 de agosto de 2017

Quien vive de ilusiones…

En su excelente discurso de ayer en la Asamblea Nacional Constituyente, el presidente Maduro planteó el problema político cardinal que se debate en el continente americano (y en el mundo todo): la confrontación entre las corrientes nacionalistas de las naciones soberanas, por un lado, y el imperialismo norteamericano y sus aliados, por el otro. Lo hizo de manera sólida, con aliento histórico y con una inteligente mezcla de firmeza y flexibilidad, pues mientras dejó en claro nuestra disposición a enfrentar al injerencista hasta con las armas, si es necesario, planteó también nuestra de voluntad de paz y extendió la mano al mismísimo Donald Trump, a quien hizo un llamado al encuentro y al diálogo.

Este es sin duda, el hecho que rompe las aguas entre los patriotas revolucionarios y los contrarrevolucionarios pro imperialistas. Es un asunto que no acepta medias tintas ni terceras posiciones. Sin duda nuestro Gobierno, como cualquiera, merece unas cuantas críticas e igualmente la dirigencia política revolucionaria, pero del mismo modo nadie puede negar que ninguna otra fuerza en este país está en capacidad, al día de hoy, de defender con eficacia la soberanía de Venezuela y el don más preciado que nos legaron nuestros padres libertadores: la independencia de la Patria.

Es por ello que hemos afirmado más de una vez que quien abandona la nave de la Revolución Bolivariana y compromete su apoyo al único líder real que tiene nuestra país en este momento, el presidente Maduro, se coloca objetivamente al lado de las fuerzas pro imperialistas, sea esa o no su voluntad.

La derecha agradece, por supuesto, a quienes abandonan al chavismo, pero normalmente solo lo hacen mientras les son útiles ¡Si ni siquiera son realmente agradecidos con muchos que les acompañan desde siempre, a quienes a menudo desechan una vez que caen en desgracia! Por eso han convertido hoy a Luisa Ortega Díaz en una de sus favoritas mediáticas, mientras ella rueda cuesta abajo hacia el foso de un futuro y seguro segundo plano político. De todos modos hay que cuidarla, porque anda ya expresando temores por su vida, lo que podría ser una suculenta tentación para la derecha extremista criminal en su hora menguada.

El editorial del diario El Nacional de ayer es una buena muestra de estas cosas que hemos venido diciendo. En esa ignominiosa muestra de complacencia con las sanciones ilegítimas impuestas por el Imperio a venezolanos y venezolanas por su condición de revolucionarios, solo incluyen tres nombres: el de Simón Bolívar, para ironizar, el de Nicolás Maduro, para atacarlo, y el de Luisa Ortega Díaz, para citarla a su favor: a esos fines es que les sirven los “disidentes”, aprovechando el desenfrenado nuevo hábito de estos, de entregarse a las maniobras de la oligarquía. Esta es la infeliz cita de la ex Fiscal que utiliza El Nacional: “Agradezco la solidaridad y el reconocimiento de los países que participaron en la cumbre de Lima” ¡Qué manera de extraviarse en la vastedad del universo!

En su ataque contra la Patria, El Nacional apela al mitológico concepto de la “comunidad internacional”, de la cual excluyen, muy según su costumbre, a la mayoría de los gobiernos y pueblos del mundo, solidarios con la Revolución Bolivariana y opuestos a la hegemonía imperial: “Luego de tantas insensateces, propias del autoritarismo más perverso, pretenden que la comunidad internacional no se sienta en el deber de prestar ayuda o de solidarizarse con la sociedad venezolana que lucha por sobrevivir en medio de tanta ineptitud y narcocorrupción del poder”.

Para desencanto de los vendepatria de El Nacional y de su nueva mejor amiga, estas veleidades del puñado de oscuros personajes que conforman la “comunidad internacional” del imperialismo y la burguesía, que ha venido alimentando la esperanza opositora de una intervención directa en Venezuela, carecen de real eficacia en cuanto a su intención de dar al traste con la Revolución Bolivariana. Ya ni siquiera sirven para animar a la base social opositora, derrotada, decepcionada y hastiada de los despropósitos y vaivenes de sus presuntos “líderes”.

De hecho, desde el propio Imperio actúan factores que contribuyen al desengaño. Por ejemplo, el general H. R. McMaster, asesor de Seguridad Nacional del presidente estadounidense Donald Trump, considera “improbable” una intervención militar de países vecinos o Estados Unidos en Venezuela. En eso estamos de acuerdo con él, tal como hemos asentado en varios de nuestros Análisis. Y también importantes factores del Congreso estadounidense han advertido a Trump sobre la inconveniencia de aplicar sanciones a Venezuela en el área de la industria petrolera con valederas razones vinculadas al poderoso sector energético de aquel país. En una comunicación enviada por varios congresistas a Trump, estos afirman que “Tememos que las posibles sanciones perjudiquen la economía de Estados Unidos, perjudiquen la competitividad global de nuestros negocios de energía, y aumenten los costos para nuestros”. No son nuestros amigos, pero sí lo son de los verdes que les proporcionan sus jugosos negocios y de la estabilidad social que requieren para seguir oprimiendo y exprimiendo al pueblo de Estados Unidos.

A El Nacional, a Ortega y a todos los que se ubican en el campo de los intereses imperiales, les recordamos que “quien vive de ilusiones, muere de desengaños”.

López en su casa, reacciones y especulaciones

L'immagine può contenere: 7 personepor Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Lunes 10 de julio de 2017

López en su casa, reacciones y especulaciones

Las reacciones ante el traslado de Leopoldo López de Ramo Verde a su casa han sido diversas, por supuesto, y las versiones sobre las causas de la decisión pertenecen sobre todo al campo de las especulaciones. Empecemos por el comunicado que emitió inmediatamente la MUD. Destaca ante todo el tono victorioso del mismo, cuando se afirma que “Para la Unidad Democrática, más que una concesión del régimen, la medida adoptada es el resultado de la insistente presión de calle que han ejercido los venezolanos desde hace ya 100 días, y de la solidaridad internacional para con nuestra lucha. En este sentido, y aunque parcial e incompleta, esto constituye un innegable triunfo del pueblo venezolano”. El peligro que encierra una afirmación como esa es evidente, pues de hecho puede servir de estímulo a los planes terroristas. Eso queda más claro aún en otro párrafo del comunicado: “Este triunfo parcial debe ser para todos un estimulo para no sólo continuar sino intensificar la lucha democrática y pacífica que hemos venido sosteniendo, y que tendrá una nueva dimensión a partir del próximo domingo 16, en lo que va a ser el histórico Proceso Nacional de Decisión Soberana”.

Como quedó dicho más arriba, las especulaciones en torno al caso están a la orden del día. Por ejemplo, la abogada y activista Eva Golinger se expresó por Twitter: “Buena pregunta: ¿La liberación de Leopoldo López es a cambio de qué? ¿Que ofreció la oposición o el gobierno de EEUU?”. Y luego especula: “No me sorprendería que esta decisión de liberar a Leopoldo tenga que ver con las sanciones contra PDVSA que Trump estaba a punto de imponer”. Golinger está sin duda en desacuerdo con la medida, al menos con la forma en la que se produjo: “¿Si Leopoldo López tiene problemas de salud porque no lo llevan a un hospital? Esta decisión amerita más explicación y transparencia”. Observación nuestra: no siempre las negociaciones políticas tienen que ser explicadas o develadas. Recordemos cuando Chávez se reunió con Gustavo Cisneros, por mediación de Jimmy Carter. De esa reunión se supo después de realizarse (y no por boca de Chávez) y nunca conocimos exactamente qué se negoció o se conversó allí. Hasta ahora, ni la oposición ni el Gobierno han dado detalles de ninguna negociación en torno a López, pero es difícil creer que no la hubo.

Por su parte, el diputado fascista Freddy Guevara niega que haya habido acuerdo alguno con el Gobierno para la sustitución de la medida de privación de libertad por la de casa por cárcel, afirmando que es una decisión unilateral del Gobierno “es el régimen que unilateralmente decide a donde mueve a los presos políticos, así como 30 hombres armados llevaron a Leopoldo a Ramo Verde, de la misma manera lo llevaron a su casa”.

Sin embargo, ya desde hace algunas semanas se venía hablando de que había un diálogo con López, el Gobierno lo reconoció así, y se asomó públicamente la posibilidad de que se diera una decisión como la que se conoció el sábado, aunque la oposición fue en ese sentido menos transparente que el Gobierno y negó lo que ahora parece un hecho cierto. Esto se ve reforzado por una declaración del presidente de la opositora Asociación Civil Venezolanos en España (ASOVENESP), Alberto Pérez Levy, quien afirmó que “Conocíamos que Zapatero estaba haciendo gestiones y la propuesta de arresto domiciliario desde hace un año y medio”.

Recordemos también que, en su papel de mediador de la Unasur, el ex presidente José Luis Rodríguez Zapatero visitó varias veces en el último año a López en prisión, la última el pasado 4 de junio. En esa visita estuvo acompañado por la entonces canciller venezolana, Delcy Rodríguez, y el alcalde del municipio Libertador de Caracas, Jorge Rodríguez, ambos representantes del gobierno para el proceso de diálogo con la oposición.

También se pronunció en tal sentido el ex secretario general de Unasur y ex presidente de Colombia, Ernesto Samper, quien aseveró que los ex mandatarios que participaron en la mesa de diálogo entre el Gobierno de Venezuela y la oposición conocían la medida humanitaria otorgada a Leopoldo López por parte de Tribunal Supremo de Justicia (TSJ): “La decisión del Tribunal Supremo de Justicia de Venezuela de aceptar el traslado de Leopoldo López a su domicilio como una forma de prisión domiciliaria, de la cual teníamos ya conocimiento los ex presidentes que hemos venido trabajando en la despolarizaron política de Venezuela, debe interpretarse como un gesto positivo por parte del Gobierno”.

Un vocero mediático de la derecha, Vladimir Gessen, sugirió otra versión del hecho: “Es muy probable que la conspiración militar que denunció Nicolás Maduro, el desastre del ataque perpetrado a la Asamblea Nacional, la consulta popular de la oposición en marcha, la próxima reunión de la OEA, ahora bajo la presidencia del Consejo Permanente del Brasil, y la calle tomada por la oposición, llevaron al gobierno a dar la casa por cárcel a Leopoldo López”.

Es interesante la mención que hace Gessen del incidente de la Asamblea Nacional que fuera achacado a colectivos chavistas y que hizo bastante daño al nivel internacional ¿Actuó el Gobierno para apresurar una decisión tal, a fin de enmendar la plana a quienes cayeron mansamente en las provocaciones de la derecha y nos dejaron tan mal parados internacionalmente, siendo que habíamos ganado recientemente algún terreno en ese ámbito? Fijémonos en algo más que afirma Gessen y que abona a esta posibilidad: “… este cambio de cárcel de Leopoldo abre un espacio que nos puede salvar de una guerra civil… Cambiar la casa de Leopoldo por cárcel en lugar de Ramo Verde, nos indica un camino para evitar que la confrontación existente en el país se convierta en una conflagración”.

En ese mismo sentido, es significativo que el canciller venezolano, Samuel Moncada, visitara la noche del viernes a López en la cárcel y que posteriormente, en la madrugada del sábado, este fuera trasladado a su domicilio en Caracas.

En cuanto al TSJ, este justificó la medida aduciendo “problemas de salud” de López, versión que su padre confirmó, aunque otros familiares afirman que su salud es óptima. Como se ve, hasta ahora seguimos en el terreno de las especulaciones.

Las reacciones de los opositores en el ámbito interno, incluso la de Lilian Tintori, en general reflejan el mismo tono triunfalista y retador del comunicado de la MUD. Tintori, por cierto, ha comenzado a recibir ataques opositores vía Twitter por haber felicitado a Delcy y Jorge Rodríguez por su contribución a la decisión sobre su esposo.

El propio López mantuvo su pose heroica, en una carta suya que leyó su conmilitón Freddy Guevara: “Venezuela, este es un paso hacia la libertad, no tengo resentimiento alguno y tampoco voluntad de claudicar en mi lucha; mantengo firme mi oposición a este régimen, y firme mi convicción de luchar por una verdadera paz, convivencia, cambio y libertad, palabras que aspira hacer realidad el pueblo y que hago mías. Si mantener mi convicción de lucha por la libertad significa correr el riesgo de volver a una celda en Ramo Verde, estoy más que dispuesto a asumirlo. Hoy estoy preso en mi casa, pero también está así el pueblo de Venezuela. Me mantuvo firme en la celda comprender que el sacrificio que yo pasaba era nada, en comparación con el de nuestro pueblo. Por lo tanto, hermanos y hermanas les reitero mi compromiso y convicción de conquistar la libertad”.

María Corina Machado blandió su conocido discurso impertinente: “El régimen se quiebra. Es hora de avanzar con más fuerza en la calle hasta el FINAL”.

El presidente de la AN, Julio Borges, consideró que la decisión a casi 100 días de protestas callejeras, es un “logro enorme” y da “más fuerza al pueblo para seguir luchando en la calle por la libertad”.

En el terreno internacional, las reacciones parecen positivas en cuanto al posicionamiento del tema del diálogo, lo cual es conveniente para nuestro Gobierno.

Luis Almagro se pronunció sin demora vía Twitter: “Saludamos liberación d @leopoldolopez, oportunidad d reconciliación nacional y salida democrática a grave crisis”, aunque por supuesto, la noticia no hizo que disminuyeran sus exigencias desafiantes: “La prisión domiciliaria d @leopoldolopez es solo un primer paso. ¡Exigimos liberación d todos los presos políticos!!”.

Varios mandatarios de Hispanoamérica valoraron el sábado el traslado de López a arresto domiciliario como un paso en favor de la paz y el diálogo en Venezuela. Es decir, hubo ganancia internacional para nuestro Gobierno, pero esa realidad no puede tapar el hecho de que la derecha externa sigue y seguirá atacando a nuestra Revolución, a pesar de su supuesta “alegría” por el beneficio dado a López. El presidente del Gobierno español, Mariano Rajoy, expresó su deseo de que la excarcelación de López suponga “un primer paso” en el proceso de “reconciliación nacional” y para la liberación de todos los presos políticos en Venezuela.

El mandatario de Colombia, Juan Manuel Santos, celebró la medida e insistió “en que Venezuela debe perseverar en el diálogo y solución pacífica”.

El ex presidente colombiano Andrés Pastrana aseguró que la medida le produce “alegría relativa”, pues considera que López sigue siendo “prisionero político de la narcodictadura” y pidió a Maduro liberar “ya a los más de 400 presos políticos”.

El presidente de Perú, Pedro Pablo Kuczynski, expresó su alegría por el traslado del opositor venezolano y deseó que pronto recupere “plenamente su libertad y el ejercicio de sus derechos políticos”.

El jefe de Estado de Panamá, Juan Carlos Varela, abogó por más acciones del Gobierno de Nicolás Maduro para lograr la “paz”, como suspender la convocatoria a una Constituyente.

Y Mauricio Macri: “Nos alegra mucho saber que @leopoldolopez ya está con su familia. Esperamos que pronto los demás presos políticos puedan hacer lo mismo”

La Cancillería mexicana confía en que esa medida “facilite una salida negociada a la difícil situación por la que atraviesa el país” y confirmó que el presidente mexicano, Enrique Peña Nieto, hizo “un llamado en la mesa del G20 (en Alemania) a poner atención a la situación en Venezuela”.

“Guatemala recibe con mucha alegría que Leopoldo López esté de nuevo al lado de sus seres queridos. #SíSePuedeVenezuela #GuatemalaApoyaaVenezuela”, publicó la Cancillería en sus redes digitales.

Human Rights Watch (HRW) consideró que la medida de arresto domiciliario que le fue concedida a López es un “signo” del impacto que tienen las protestas en la calle.

Ahora bien, en algunos sectores del chavismo la decisión parece no haber caído muy bien, a juzgar por comentarios escuchados y por algunos artículos publicados en medios como Aporrea.org. Inclusive Iris Valera manifestó públicamente su inconformidad con la medida, aunque dijo acatarla.

Hay que saber que el presidente Maduro afirmó ayer que aprobó un informe que le fue presentado por la llamada Comisión de la Verdad, la Justicia y la Paz, el cual fue llevado al TSJ, que finalmente tomó la decisión de beneficiar a Leopoldo López con la medida de casa por cárcel. El Presidente afirmó que “Ayer en las horas de la madrugada el Tribunal Supremo de Justicia , en uso de sus facultades, lo decidió por propuesta integral contundente de la Comisión por la Verdad, la Justicia y la Paz presidida por nuestra camarada Delcy Rodríguez, quien elevó un informe a mi persona el cual fue aprobado por mi”.

Por su parte, el ministro Ernesto Villegas, dijo a través de su cuenta en Twitter que la medida de casa por cárcel que le impuso el Tribunal Supremo de Justicia a López debe ser acatada “gústenos o no”. Claro, pues quien no la acate, estará por supuesto en desacato.

Villegas añadió que “Ojalá en sus nuevas condiciones @leopoldolopez llame a la reflexión a sus aliados y seguidores para que abandonen la violencia”. Y además: “Venezolanos debemos tramitar conflictos en paz y rechazar voces apátridas q claman x colapso e invasión extranjera como el Sr Requessens”.

Una opinión muy interesante y digna de tomar en cuenta es la del ministro para la Defensa, general en jefe Vladimir Padrino López, quien afirmó el sábado que “…el país amaneció con una noticia que es producto del diálogo nacional y el esfuerzo sostenido del presidente de la República, Nicolás Maduro, por mantener la paz”.

En todo caso, no debemos caer, como hacemos a menudo, en la tentación de confundir la categoría “pueblo” con la de “chavismo militante”. Son dos cosas distintas.

El chavismo militante de base es la vanguardia social del pueblo, pero no es “todo el pueblo”. Estamos casi seguros de que la mayoría de los venezolanos ve con buenos ojos esta medida del TSJ y la considera positiva para el diálogo y la paz. El debate sigue, veamos hacia donde termina yendo.

Con Maduro hacia la Asamblea Nacional Constituyente

Rinascimento latinoamericano contro dittature e neoliberismo

Venezuela, il Rinascimento latinoamericano contro dittature e neoliberismodi Fabio Marcelli – Il Fatto Quotidiano

Ho visto recentemente un bel film della regista venezuelana Patricia Ortega, El regreso, che parla del massacro di una comunità di pescatori indigeni Wayù da parte di una banda di paramilitari colombiani e della fuga della bambina unica superstite che si rifugia a Maracaibo in Venezuela. Un film che parla dei mali atavici dell’America Latina: la violenza, la sopraffazione, la miseria. Mali atavici che vengono da lontano e sono dovuti principalmente alla dominazione di ristrette oligarchie in combutta con poteri stranieri che ricorrono anche ai servigi di bande criminali come quella in azione nel film.

Contro questi mali atavici si è prodotta nell’ultimo ventennio la reazione di numerosi popoli latinoamericani. E’ stato il Rinascimento latinoamericano contro i decenni bui delle dittature e del neoliberismo. Con tutti i suoi limiti, risultato in gran parte del retaggio negativo di secoli di dominazione coloniale e neocoloniale, il Venezuela bolivariano ha determinato l’emersione sulla scena politica e sociale del Paese di enormi settori di popolazione tradizionalmente condannati all’emarginazione e alla miseria. Assoggettato ormai da anni a un pesantissimo attacco che vede coinvolta la potenza imperiale statunitense, le oligarchie locali e buona parte della stampa internazionale, unite dal poco nobile obiettivo di porre fine a questa importante esperienza rivoluzionaria,  il Venezuela bolivariano ha messo a segno negli ultimi tempi alcuni successi significativi. Si tratta di risultati che riguardano le varie sfere in cui si sviluppa l’attacco dell’imperialismo e delle oligarchie a questa esperienza.

In primo luogo sul piano della restaurazione dell’ordine pubblico contro la criminalità. Va segnalato, da questo punto di vista, il successo dell’operazione Popa 2017 che ha visto l’intervento di 180 effettivi delle Forze armate venezuelane contro un accampamento di paramilitari colombiani. Ripristinare la legalità smantellando i gruppi armati che minacciano la pace interna del Paese appare di estrema importanza anche per garantire condizioni normali di approvvigionamento dei beni fondamentali e dei medicinali, oggi oggetto di speculazione da parte di gruppi a volte apertamente criminali. Neanche in questo settore può essere consentito il permanere di sacche di illegalità e speculazione che si traducono in difficoltà e disagi gravi per vari settori sociali. La risposta consiste anche e soprattutto nell’allestimento dei Comitati locali di approvvigionamento e produzione (Clap), che registrano significativi progressi con grande scorno dei sostenitori della guerra economica.

I risultati positivi raggiunti dal Venezuela bolivariano sul piano dei diritti sociali sono stati accertati con l’attribuzione da parte del Programma delle Nazioni unite per lo Sviluppo (Pnud) di un punteggio estremamente lusinghiero, superiore a quello di vari, altri e importanti Paesi latinoamericani.

Risulta nuovamente sconfitto, inoltre, il tentativo di utilizzare l’Organizzazione degli Stati Americani, l’obsoleta istituzione internazionale oggi sostituita per moltissimi aspetti da Unasur e Celac, come più funzionali ed effettive sedi di cooperazione regionale, per avallare un’inaccettabile ingerenza negli affari interni del Venezuela.

Stretto tra l’aggressione esterna, marcata anni fa dall’incredibile e illegittima decisione statunitense di dichiarare il governo venezuelano “un pericolo” per la propria sicurezza nazionale, le difficoltà di liquidare un passato storico difficile fatto di corruzione, criminalità, inefficienza e dipendenza dalla rendita petrolifera, e l’egoismo di oligarchie inferocite per la perdita di privilegi e commercianti speculatori, il governo di Nicolas Maduro resiste e mette a segno taluni successi significativi, anche se certamente c’è ancora molto da fare. Tale resistenza è oggi punto di riferimento fondamentale per l’intera America Latina, vittima di un tentativo di restaurazione dei poteri tradizionali, e tutte le forze che nel pianeta si oppongono al disastro del neoliberismo.

La decisione del Tribunale supremo di affidare a Maduro pieni poteri va letta anch’essa nella chiave di questa lotta tra istanze contrapposte, nella prospettiva di garantire la continuità e l’approfondimento di irrinunciabili conquiste sociali e politiche. Su di essa mi riprometto di intervenire nuovamente a breve.

Riflettano quelli che, sghignazzando come iene appollaiate sulle spalle del potere, sono sempre disposti a farsi eco delle fake news diffuse da un sistema informativo che vede come fumo negli occhi il tentativo generoso di questo Paese di liberarsi finalmente, a caro prezzo e con molte difficoltà, dalle catene del passato coloniale e neocoloniale.

Esercito e popolo, difesa pacifica ma “integrale”

di Geraldina Colotti – il manifesto

21mag2016.- I manifestanti avanzano, un muro di scudi in plexiglas li controlla, ma le forze dell’ordine non reagiscono. Qualcuno scavalca gli scudi appoggiandosi sulle spalle dei militari, scarta di lato, viene allontanato. In Venezuela, l’opposizione cerca di raggiungere il centro di Caracas e la sede del Consejo Nacional Electoral (Cne). Il Cne sta esaminando le firme che dovrebbero mettere in moto la prima fase del referendum revocatorio (possibile a metà mandato per tutte le cariche politiche elette), per deporre il presidente Nicolas Maduro. L’opposizione preme per accelerare i tempi e accusa il Cne di parzialità. Per evitare devastazioni, il Comune non ha autorizzato il percorso richiesto e la Mesa de la Unidad Democratica (Mud) ha deciso di sfilare nei quartieri agiati della capitale, suoi bastioni.

Nei pressi di un ponte, la scena cambia. Un gruppetto mascherato, armato di spranghe e bastoni, ha isolato due giovani agenti, e attacca: la poliziotta perde l’equilibrio, cade, il gruppo colpisce e colpisce, prima che alcune persone intervengano. Un cronista filma la scena e la posta sulle reti sociali. Così le componenti oltranziste dell’opposizione venezuelana contano di rimettere in moto le violenze di piazza che, nel 2014, hanno provocato 43 morti (in maggioranza fra le forze dell’ordine, uccisi con colpi di arma da fuoco) e oltre 850 feriti. Intanto, le destre in colletto bianco moltiplicano le interviste sui grandi media Usa ed europei e chiedono l’intervento della “comunità internazionale”. L’ex candidato delle destre Henrique Capriles, battuto prima da Chavez e poi da Maduro, parla di un possibile “colpo di stato interno” e invita le Forze armate a scegliere “tra la costituzione e Maduro”, modulando al nuovo contesto il copione giocato nel 2013, quando il suo appello a “sfogare la rabbia” provocò 11 morti chavisti e milioni di danni alle strutture pubbliche, e poi nel 2014, quando – durante la campagna “la salida”, lanciata dalle destre più estreme (Lopez, Machado, Ledezma) – ha mantenuto il classico piede in due scarpe.

In una conferenza internazionale interattiva, durante la quale sono intervenuti ospiti dalle ambasciate accreditate in tutto il mondo, Maduro ha denunciato l’attacco concentrico che soffre il suo governo e il ruolo dei grandi media, che diffondono un “format” adatto a preparare aggressioni militari come in Libia. Per due volte – ha detto – aerei di ricognizione bellica provenienti dagli Usa hanno violato lo spazio di difesa venezuelano.

In questi giorni, si stanno svolgendo operazioni militari di “difesa preventiva e integrale”, che coinvolgono sia le Forze armate che le organizzazioni popolari. Presenti numerosi aggregati militari di altri paesi, anche europei. Il generale Vladimir Padrino Lopez, ministro della Difesa, ha spiegato il carattere delle operazioni e lo spirito che anima l’”unione civico-militare”, ossatura dello stato bolivariano: “Una simbiosi perfetta tra lotta armata e non armata per la difesa integrale delle conquiste sociali garantite dalla nostra Costituzione. Una dottrina pacifica del popolo organizzato.” Ieri, in tutto il paese si è svolta una giornata dimostrativa “di prevenzione delle imboscate”. Insieme ai militari, anche le milizie popolari, sorta di servizio volontario dei cittadini che si dispiegano in tutti i settori sociali e che agiscono come funzione di complemento alle Forze armate. In campo anche i Consigli comunali, le milizie operaie “delle imprese socialiste integrate” e i comitati che animano la vita e l’organizzazione delle Comunas. “Siamo qui per dire alla destra che non arretreremo di un centimetro nella difesa delle conquiste sociali realizzate in questi anni, e che il popolo è preparato psicologicamente, socialmente e militarmente”, dice una leader comunitaria. Dal Tachira, stato di confine e zona di infiltrazione del paramilitarismo colombiano, un’altra chavista, esponente dei comitati per la difesa della Mision Vivienda (case popolari), spiega: “ Questa è un’attività di prevenzione di qualunque attività controrivoluzionaria. In questi otto anni di esistenza della milizia popolare abbiamo imparato a svolgere azione di intelligence comunale, di vigilanza alle centrali elettriche e agli stabilimenti commerciali. L’unione civico-militare è una dottrina pacifica del popolo organizzato. Prima della difesa con le armi, viene quella del convincimento e delle idee. Non è tempo di tradimento, ma di lealtà”.

E intanto, non si placa la polemica tra Maduro e il capo dell’Osa, Luis Almagro, che vuole sanzionare il Venezuela. E martedì alle 16,30 a Roma, la Rete Caracas ChiAma organizza una manifestazione di sostegno alla rivoluzione bolivariana (Viale Parioli, angolo via Secchi).

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraq

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraqdi Fabio Marcelli – ilfattoquotidiano.it


Altro che referendum revocatorio nei confronti del presidente  Nicolas Maduro. Consapevole delle crescenti difficoltà che comporta una scelta del genere, dettagliatamente regolamentata dalla
Costituzione bolivariana (art. 72), che pone precisi requisiti in termini di firme da raccogliere e di voti da esprimere, evidentemente fuori dalla portata della destra di opposizione, i leader di quest’ultima stanno rivolgendo chiari appelli agli Stati Uniti affinché intervengano militarmente contro il governo chavista. Il “la” al vergognoso coro di invocazioni della guerra l’ha dato un professionista dei crimini contro l’umanità come l’ex presidente colombiano Uribe.

D’altronde bisogna capirlo, il raggiungimento dell’agognato accordo di pace fra governo colombiano e Farc lo metterebbe fuori gioco, con la prospettiva di finire addirittura di fronte alla Corte penale internazionale per i suoi molteplici misfatti. Quindi tanto vale tentare di buttarla in caciara dando fuoco a tutta l’area. Sulla scia di cotanto campione della pace e della democrazia si sono succedute le querule richieste di aiuto di vari esponenti della destra venezuelana.

Gli Stati Uniti del resto, pur consapevoli delle difficoltà e dei rischi di un intervento militare, non si lasceranno certo scappare tanto facilmente un’occasione d’oro di rimettere le zampe su uno dei principali giacimenti petroliferi del mondo. In tale ottica vanno lette scelte apparentemente incomprensibili, come quella di dichiarare il Venezuela una minaccia per gli interessi e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Come pure gli ingenti finanziamenti all’opposizione venezuelana, compresa la sua ala militare e l’utilizzo di apparati sofisticati di intercettazione e controllo come il Boeing 707 E-Sentry, che negli ultimi giorni ha violato più volte illegittimamente lo spazio aereo venezuelano. Più o meno nella stessa logica di ingerenza negli affari interni venezuelani si situano i patetici tentativi di riesumare un’organizzazione oramai fortemente delegittimata come l’Organizzazione degli Stati americani applicando la sua cosiddetta “Carta democratica“, che tuttavia si spinge al massimo fino a prevedere la sospensione dello Stato in cui si registrino violazioni della democrazia con voto dei due terzi degli Stati membri.

A dir poco buffo appare il fatto che il segretario di tale moribonda organizzazione, tale Almagro, iperattivo sulle vicende venezuelane, si sia limitato, per quanto riguarda la situazione brasiliana, a invocare con scarso successo il parere consultivo della Corte interamericana dei diritti umani; questo nonostante il fatto che in tale ultimo paese, a seguito del golpe giudiziario e parlamentare contro Dilma Rousseff, dovrebbe governare per lungo tempo un vicepresidente come Temer, notoriamente corrotto e appoggiato da un’irrisoria percentuale della popolazione. Tornando al Venezuela, il meccanismo dell’invasione è stato già messo in moto da tempo. Si parla al riguardo anche dei contingenti statunitensi già stanziati in Honduras, il paese dove ha avuto inizio, con l’illegittima destituzione del presidente Zelaya, la serie dei golpe più o meno blandi contro i presidenti democratici restii ad avallare la tradizionale subordinazione dell’America Latina a Washington. L’ultima tappa è stato il vero e proprio golpe giudiziario e parlamentare dei corrotti contro la presidente brasiliana Dilma Rousseff.

L’intervento militare statunitense contro il Venezuela bolivariano e chavista rappresenterebbe la ciliegina sulla torta di questa strategia di riconquista. Alla faccia ovviamente, come al solito, di qualsiasi principio giuridico internazionale. Si può ovviare con una massiccia campagna mediatica che vede schierati i pezzi forti della stampa dell’establishment, a partire dal New York Times eWashington Post. Per creare un clima adeguato, i settori violenti dell’opposizione vogliono rilanciare la guarimba, la campagna di disordini che fece 43 vittime due anni fa, tra le quali molti poliziotti o passanti casuali, uccisi da colpi di arma da fuoco o decapitati dai fili di ferro messi dai guarimberos per bloccare le strade. Continua inoltre la guerra economica, imboscando i beni di prima necessità e sabotando i servizi sociali fino al punto di incendiare, come è stato fatto in varie occasioni, gli asili nido e i centri di salute.

Questa strategia irresponsabile punta in sostanza a trasformare il Venezuela in un nuovo Iraq e tutta l’area caraibica in un nuovo Medio Oriente. Laddove non è in grado, e sempre meno lo è, di produrre egemonia e consenso, l’imperialismo dominante diffonde a piene mani sanguinaria destabilizzazione. Forte del consenso ottenuto alle elezioni di dicembre, l’opposizione avrebbe potuto imboccare la strada dell’unità nazionale e della leale collaborazione per risolvere i problemi economici del paese. Sarebbe stato peraltro troppo pretendere un atteggiamento responsabile nei confronti del popolo da oligarchi abituati a considerare sempre ed esclusivamente prioritari i propri interessi di bottega, a costo di sacrificare perfino un’indipendenza e sovranità nazionale delle quali in fondo non sanno proprio che farsene, data la limitatezza della loro visuale e la loro innata propensione alla servitù incondizionata nei confronti di Washington.

La prospettiva, quale che sia il vincitore alle prossime elezioni presidenziali statunitensi (con l’eccezione, peraltro purtroppo improbabile, di Bernie Sanders) è quella di scatenare una nuova guerra d’aggressione, stavolta vicino casa. Del resto l’abbondante petrolio venezuelano merita uno sforzo supplementare. Vittime predestinate di questo avventurismo sarebbero ovviamente il popolo venezuelano e la pace mondiale. Occorre quindi sperare che si fermi questa spirale verso la guerra, il che può avvenire solo, come ha dichiarato Maduro, con una ripresa ed estensione delle lotte popolari in Venezuela e in tutta l’America Latina, per una nuova fase della rivoluzione democratica, che superi i limiti di vario genere fin qui sofferti.

La solidarietà in Italia difende la diplomazia di pace bolivariana!

di Rete “Caracas ChiAma” *

Comunicato di denuncia contro le diffamazioni a danno della Console Generale di Prima della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, Amarilis Gutiérrez Graffe.

Il suo esempio e il suo duro lavoro hanno causato disagio ai nemici della Rivoluzione bolivariana ed è per questo che la stanno attaccando.

Noi, gruppi di solidarietà che svolgono le proprie attività sul territorio italiano, denunciamo fortemente la vile campagna denigratoria che stanno cercando di montare sui social network contro la combattente e diplomatica Amarilis Gutiérrez Graffe.

Ribadiamo il nostro sostegno alla diplomazia di pace bolivariana e al lavoro svolto dalla Console Generale. Fin dal suo arrivo a Napoli, alla fine del 2014, il consolato non aveva mai svolto un lavoro tanto intenso, implacabile in tutti gli ambiti di azione, sia lavorando con gruppi di solidarietà sia con i gruppi di opposizione.

Si tratta di una donna che rappresenta degnamente ciò che il comandante Chávez ha chiesto ai rappresentanti diplomatici di un progetto rivoluzionario bolivariano.

Amarilis Gutiérrez Graffe è una figlia del Comandante e del popolo venezuelano; dimostra una preparazione politica impressionante, con esperienza diretta di lavoro nella costruzione del potere popolare nei porti venezuelani, nell’autogestione operaia, è stata agente di polizia, insegnante, avvocato, una persona che conta con tutte le qualità accademiche, intellettuali e professionali per svolgere al meglio le proprie responsabilità.

Ma ribadiamo che la condizione che più la accredita per svolgere le proprie funzioni, e di essere una degna diplomatica del processo rivoluzionario, è la sua qualità umana. Lavora a stretto contatto con la linea politica del governo, senza mai perdere di vista la prospettiva della sua responsabilità.

La gestione da lei realizzata ed il gruppo di lavoro che ha creato con la sua missione diplomatica, ci ha rafforzato, come gruppi di solidarietà, e sono ormai un punto di appoggio prezioso per il nostro lavoro.

La compagna Amarilis Gutiérrez non ha orario, non ha fine settimana liberi, è stata in grado di portare il consolato come mai prima nelle regioni del Sud Italia e della Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia e Calabria. Il suo lavoro va dalla cura delle relazioni con il corpo diplomatico accreditato nel Sud, con le istituzioni, i sindaci, i consiglieri, le associazioni culturali, sportive, ecologiche, a lavorare a stretto contatto con i lavoratori, gli studenti, gli artisti, gli intellettuali, etc.

Con la compagna Amarilis, sosteniamo, come gruppi di Solidarietà della Rivoluzione bolivariana in Italia, con forza il lavoro del nostro ambasciatore a Roma Julián Isaías Rodríguez, del ministro Delcy Rodríguez e del presidente Nicolás Maduro.

___

Comunicado de denuncia de difamación en contra de la Cónsul General de Primera de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles, Amarilis Gutiérrez Graffe.

Su ejemplo y trabajo constante ha causado molestias al enemigo y por eso la están atacando.

Nosotros, grupos de solidaridad radicados en el territorio italiano, denunciamos firmemente la vil campaña de difamación que están intentando montar en las redes sociales contra la combatiente y diplomática Amarilis Gutiérrez Graffe.

Ratificamos nuestro apoyo a la diplomacia bolivariana de paz y al trabajo que la Cónsul General viene realizando. Desde su llegada a Nápoles a finales del 2014, nunca el consulado había realizado un trabajo tan intenso, incansable y en todos los ámbitos de acción sea con los grupos de solidaridad que con los grupos de la oposición.

Se trata de una Mujer digna representante de lo que el Comandante Chávez pedía a los representantes diplomáticos de un proyecto bolivariano y revolucionario.

Amarilis Gutiérrez Graffe es una hija de El Comandante y del pueblo venezolano; con una impressionante preparación política, con una experiencia directa de trabajo en la construcción del poder popular en los puertos venezolanos, en la autoigestión obrera, fue agente policial, profesora, abogado, una persona que le sobran las condiciones académicas, intelectuales y profesionales para desempeñar su cargo.

Pero reiteramos que la condición que más la acredita para sus funciones, y para ser una digna diplomática del proceso revolucionario, es su calidad humana. Trabaja codo a codo con la línea polítuca del gobierno, sin perder jamás la perspectiva de su responsabilidad.

La gestión que ha realizado, y el grupo de trabajo que ha logrado crear con su misión diplomática, nos ha reforzado como grupos solidarios, constituyen hoy un punto de apoyo invaluable para nuestro trabajo. La compañera Amarilis Gutiérrez no tiene horario, ni fin de semana, ha sido capáz de llevar el consulado como nunca antes a las regiones del Sur de Italia como la Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia y Calabria. El trabajo que desempeña va desde el intercambio con el cuerpo diplomático acreditado en el Sur, con instituciones, alcaldes, consejales, asociaciones culturales, deportivas, ecológicas, hasta el trabajo estrecho con los obreros, estudiantes, artistas, intelectuales, etc.

Apoyamos firmemente, juntos con nuestra compañera Amarilis, el trabajo de nuestro embajador en Roma Julián Isaías Rodríguez, la ministra Delcy Rodríguez y el Presidente Nicolás Maduro.

__

* Qui di seguito la lista dei comitati, delle associazioni, delle reti sociali, delle organizzazioni popolari ed operaie, sociali e politiche, che il 29 giugno 2014, presso lo SCUP, a Roma, hanno dato vita alla Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana che prenderà il nome di “Caracas ChiAma”: Albassociazione/AlianzaPaís-Italia/Amig@s MST-Italia/ANROS/Areaglobale/Associazione di Amicizia Italia-Cuba (Roma-Ravenna-Parma)/Associazione Italia-Nicaragua (Circolo Leonel Rugama)/Associazione LiberaRete/Associazione Nazionale Nuova Colombia/P-CARC/Casa dei Popoli/Casa del Popolo di Torpignattara/Centro Sociale Spartaco/Centro di Iniziativa Popolare Alessandrino/Centro Sociale La Talpa e l’orologio-Imperia/Centro Studi Antonio Gramsci/CESTES centro studi USB/CIRCinternazionale/Circolo Bolivariano “Alessio Martelli”/Circolo Bolivariano “Hugo C
hávez”/Circolo Bolivariano “José Carlos Mariátegui” -Napoli/Associazione dei Giuristi Democratici/CORTOCIRCUITO/CSPAAAL/Fronte della Gioventù Comunista/J-PSUV-Italia/Marx XXI/MAS-Bolivia en Roma/Militant/Partito Comunista(Italia)/PDCI/Piattaforma Comunista/Rete dei Comunisti/Rete in Difesa dell’Umanità/Rete No War/Rifondazione Comunista/SuramericAlba/(n)PCI

International Migrants Alliance/Lega Immigrati albanesi “Iliaria”/Misil (movimento integrazione sviluppo italo latinoamericano/Associazione “I Blu”/Fronte di liberazione del popolo.JVP (Sri Lanka)/Associazione Umangat-Migrante/Comitato Immigrati in Italia/Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia

Contropiano/Il Manifesto/Le Monde Diplomatique/LiberaTV/Radio Città Aperta/Rivista Nuestra America/Web Sibia-Liria

Associazione Sportiva Quartograd

Associazione di Amicizia San Marino-Cuba/Asociación Civil Canción Bolivariana/Asociación Euskadi-Cuba/Associazione Galego-Bolivariana Hugo Chávez/Comando Electoral Hugo Chávez–España/Coordinadora Estatal Solidaridad con Cuba-España/COSAL-Asturias/CUBADEBATE/ Guachirongo 98,5FM/Iniciativa Comunista-España/Movimiento América Libre y Socialista para Europa/Círculo Bolivariano “La Puebla” de Euskal Herria/Peña del Aljibe/Plataforma Bolivariana de Madrid/Plataforma Comunicacional Somos Sin Banderas/RESOLVER-Red de Solidaridad con Venezuela Revolucionaria-Suecia

Mentre l’aquila va a caccia di mosche, la crisi aumenta

venezuela

di Aram Aharonian* – rebelion.org

Il Venezuela è sommerso da una crisi ostinata e il sistema politico è bloccato, voltando le spalle alla stessa, la quale continua ad aumentare senza trovare risposte. Nel frattempo il presidente Nicolás Maduro è occupato a cacciare mosche nella sua ininterrotta guerra dei microfoni, quando invece la gente è lì ad aspettare che si trovino soluzioni alla scarsità di cibo, medicinali, ecc., all’inflazione, all’insicurezza. (Alcuni sostengono che la frase sia di Seneca, altri invece di Platone, ma chi l’ha resa popolare è stato Hugo Chávez: “L’aquila non va a caccia di mosche”).

C’è chi sostiene che esiste, di fatto, una certa forma di coabitazione nel paese, ma la realtà è che le fazioni che si contendono la guida della società, quella del governo e quella dell’opposizione, sembrano mancare di capacità – o interesse- per giungere a un accordo. Soprattutto quando l’autoproclamata Mesa de la Unidad Democrática (MUD), che raggruppa alla variopinta opposizione, ribadisce la sua promessa di espellere al presidente Nicolás Maduro dalla presidenza prima della metà di quest’anno.

I settori accademici di destra sono del parere che pian piano si sta costruendo un consenso il cui scenario più probabile e favorevole per cominciare a superare la crisi e aprire una transizione democratica deve passare attraverso la rinuncia di Maduro. Dello stesso parere è il segretario generale della MUD, Chúo Torrealba, il quale ha indicato che il primo passo è che il mandatario si metta da parte e consenta l’esecuzione di “un’uscita pacifica, costituzionale, elettorale, democratica e concordata dalla crisi”. Ha aggiunto che “Bisogna consentire che il Venezuela abbia un nuovo governo che inspiri fiducia al mondo e che possegga potere di convocazione sul piano interno”.

E il governo segue paralizzato, erratico, inoperoso (nonostante gli sforzi del vicepresidente dell’Esecutivo – Aristóbulo Istúriz- aperto al dialogo), diluito in incontri che convocano altri incontri e annuncia i prossimi annunci che mai arrivano, in balia ai canti di sirena della via capitalista e a soluzioni neoliberali, ma avviluppato nel recente ricordo della via al socialismo indicata da Hugo Chávez. Non solo sembra erratico, ma appare anche vuoto d’ideologia nello scontro con la MUD e la maggioranza oppositrice dell’Assemblea Nazionale.

La sociologa Maryclen Stelling ha segnalato che in questa congiuntura si sta potenziando la logica bellica della politica costruita intorno all’amico-nemico e fondata sulla dicotomia verità assoluta – errore assoluto. La dinamica del confronto tra i poteri, basata sulla concezione bellica della politica, danneggia la convivenza, il modo in cui affrontare la crisi multidimensionale che soffre il paese e, inoltre, le eventuali soluzioni pacifiche che dovrebbero essere sottoscritte in un clima di dissenso democratico.

Si tratta di stabilire i termini per una coabitazione di cui non sono abituati e sul come organizzarla nelle attuali circostanze, dove non sono accettate le idealizzazioni di approssimazioni consensuali. Si tratta di una convivenza fattibile e realista all’interno del confronto permanente che ha caratterizzato gli ultimi tre lustri, la quale si definirà quando si verrà a sapere a quale dei settori corrisponde l’egemonia. Non esistono spazi per un governo congiunto e men che meno per un’agenda unica.

La coabitazione sembra impossibile quando persiste la crisi economica e – parallelamente- la reticenza governativa d’introdurre dei cambi nella macroeconomia. Nel frattempo l’opposizione pubblicizza come irrevocabile la decisione di espellere a Maduro nei primi sei mesi dell’anno, un’iniziativa che difficilmente si potrà realizzare mediante l’impiego di mezzi legali.

Istúriz ha indicato che la guerra economica si fonda sull’attacco alla moneta – cappeggiato dal sito web, Dolar Today-, la distribuzione del cibo che è a carico dei privati e la caduta violenta del prezzo del petrolio, originata da fattori geopolitici che cercano di minare l’economia delle nazioni che difendono la propria sovranità.

“Dobbiamo fare un salto da un modello economico basato sulla rendita a un modello economico produttivo, abbiamo dei problemi perché non possediamo più una valuta come una volta, dobbiamo ragionare sull’importazione, dobbiamo unirci, da soli non ce la faremo, abbiamo bisogno della collaborazione di tutti i settori”, ha segnalato il vicepresidente. Tuttavia ha riconosciuto che il governo nazionale “non è stato capace” di risolvere problemi come le code, la scarsità di cibo e l’inflazione.

Julio Escalona ha avvertito che anche se in certa qual misura il petrolio è stato statalizzato, i principali profitti sono nelle tasche del capitale transnazionale; l’incremento delle entrate produce importazioni che distruggono la produzione interna, svalutano il bolívar, dollarizzano l’economia venezuelana, danneggiano la bilancia dei pagamenti, generano esportazione di capitali, indebitamento, inflazione. Un feticcio moltiplicatore dei conti bancari all’estero che rende più forte il dominio del capitale nella misura in cui siamo più dipendenti dal petrolio e gli imprenditori negoziano per continuare ad accumulare maggiori quantità di dollari.

Nonostante si sia aperto il dialogo con il settore produttivo, non ci sono progressi sul tavolo del dialogo politico. L’opposizione non dà segnali di avanzare nelle proposte, al di là di sbarazzarsi di Maduro e per quanto possibile (l’idea di un colpo di stato continua a ruotare intorno alle teste di non pochi, anche se bisogna avere l’appoggio delle forze armate) salvaguardando l’immagine della democrazia borghese: mediante una rinuncia o tramite un referendum revocatorio che non sembra nemmeno molto facile da realizzare.

Dall’egemonia alla “crisi umanitaria”

Antonio Gramsci aveva stabilito una differenziazione tra dominio – coercitivo- ed egemonia, di carattere culturale, ideologico, etico e spirituale. Mentre l’egoismo rappresenti il motore della società e il popolo conservi il culto dello Stato e le forme di coercizione statale siano dominanti, l’egemonia la possiede la borghesia, osserva il politologo Leopoldo Puchi.

La crisi avanza e non ci sono risposte. Le soluzioni acquisiscono carattere d’emergenza e all’interno della democrazia borghese il macchinario è del tutto bloccato.

Una situazione per nulla normale diventa normale, il linguaggio bellico diventa naturale. La nuova maggioranza nell’Assemblea nazionale disegna una strategia fondata sul confronto dei poteri e, più che un’apertura al dialogo, il parlamento si consolida come spazio di confronto e forza d’urto.

Quella stessa Assemblea che ha rifiutato il decreto d’emergenza economica del governo ha dichiarato l’esistenza di una “crisi umanitaria”. E’ la stessa cosa? Assolutamente no. Non si tratta di un problema semantico. Un anno fa il generale statunitense John Kelly, capo del Comando Sud, dichiarava ai quattro venti che quotidianamente pregava per “il popolo venezuelano” e si faceva garante che gli Sati Uniti sarebbero intervenuti solo se si dichiarasse una “emergenza umanitaria”. Per lo meno Kelly non è più al Comando Sud, ma altri lo stavano aiutando in quell’affermazione per avallare l’ingerenza esterna.

L’offensiva dell’opposizione continua a essere capeggiata dai mass media. L’editoriale del quotidiano EL Nacional, “¡Good Bye, Nicolás!”, è una chiamata al golpe. L’anticastrista, Fausto Masó, sulle pagine dello stesso giornale indicava che “Il governo è aiutato dall’inerzia e dalla mancanza di decisione dei suoi avversari, i quali non vanno oltre l’unità elettorale dello scorso dicembre, verso quella che dovrebbe essere una decisiva azione politica. Ciò arriverà più presto che tardi e allora entreremo in una nuova fase, si apriranno nuove porte”.

Perché e per chi si apriranno le porte?.

 

* Aram Aharonian è Magister in Integrazione, giornalista e docente uruguaiano, fondatore di Telesur, direttore dell’Osservatorio sulla Comunicazione e la Democrazia, presidente della Fondazione per l’Integrazione Latinoamericana.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Vincenzo Paglione]

 

Chi si lascia abbattere dalle sconfitte è finito! Chi impara vincerà!

da nuovopci.wordpress.com

Comunicato CC 30/2015 – 12 novembre 2015

Venezuela e Francia: importanti e salutari insegnamenti delle elezioni di domenica scorsa

L’esito delle elezioni parlamentari che si sono svolte in Venezuela domenica scorsa 6 dicembre hanno messo le ali ai piedi dei reazionari venezuelani e ai loro padrini e padroni della Comunità Internazionale (CI) dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti, in particolare ai bisonti del complesso finanziario-industriale-militare che di fatto governa gli USA. La grande maggioranza (più di due terzi) dei seggi del nuovo Parlamento venezuelano (entrerà in carica il prossimo 5 gennaio) è stata assegnata al coacervo di partiti, gruppi e bande, frammenti ed eredi del vecchio sistema politico che ha governato il Venezuela fino al 1998, un coacervo che i padrini americani sono riusciti a unire ai fini elettorali nella MUD (Tavolo di Unità Democratica) quando hanno deciso di tentare la via elettorale perché la destabilizzazione e la sovversione gli andavano male.

Ora la destra venezuelana e i suoi padrini e padroni della CI si sono aggiudicati una nuova arma nella guerra che senza risparmio di mezzi stanno conducendo da 17 anni a questa parte per stroncare la rivoluzione bolivariana e il processo messo in moto in Venezuela, in America Latina e a livello internazionale dalla vittoria di Hugo Chavez e della sua unione civico-militare nelle elezioni presidenziali del 6 dicembre 1998. I caporioni della MUD (uno per tutti: Ramos Allup di Accion Democratica) hanno già annunciato fuoco e fiamme grazie alla nuova arma. Il Segretario di Stato (ministro degli esteri) USA John Kerry ha fatto loro eco e l’Alto Rappresentante dell’UE per la politica estera e la sicurezza (la renziana Federica Mogherini) si è calorosamente congratulata con i vincitori delle elezioni. Non sappiamo se anche monsignor Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano (e nunzio apostolico in Venezuela dal 2009 al 2013), si è congratulato a nome del Papa Bergoglio con i vincitori, tra i quali brillano i maggiori esponenti della Chiesa Cattolica del Venezuela.

Cosa succederà ora? Impossibile dirlo con precisione, perché in definitiva dipende dalla linea che seguiranno i dirigenti della rivoluzione bolivariana e le masse popolari che essi mobilitano.

I dirigenti della rivoluzione bolivariana hanno da sempre sostenuto di essere in grado di proseguire la rivoluzione verso il socialismo (lo chiamano socialismo umanista e socialismo del XXI secolo: alcuni con allusione denigratoria al socialismo costruito in Unione Sovietica sotto la direzione di Stalin che non distinguono dalla sua corruzione e disgregazione promosse da Kruscev e Breznev) seguendo una strada che ad un osservatore esterno parrebbe avere molti punti in comune con esperienze che in un’altra epoca (ad esempio nel Cile negli anni ’70) sono finite nel sangue dei rivoluzionari.

Dopo essersi impadronita della Stato borghese anziché demolirlo, la rivoluzione bolivariana ha nazionalizzato l’industria petrolifera estromettendo (nel 2002) i dirigenti corrotti e sabotatori (che ora reclamano dal nuovo Parlamento la reintegrazione) e ha impiegato gran parte della rendita petrolifera (i proventi netti della vendita del petrolio) per elevare le condizioni di vita (alimentazione, abitazione, istruzione, sanità, pensioni, salari, ecc.) della massa della popolazione, per promuoverne la mobilitazione e la formazione politica e culturale. Ma i capitalisti e il clero continuano a essere padroni di gran parte delle aziende del settore commerciale (compreso il commercio estero), industriale e agricolo, delle banche e inoltre della stampa, delle TV, dei mezzi di comunicazione, delle scuole private e di altri mezzi di formazione e canali di influenza sulle masse. Il nuovo sistema politico ha introdotto in vari campi leggi e misure favorevoli alle masse popolari, ma la loro violazione viene trattata come un reato di diritto comune (i violatori se l’apparato giudiziario raccoglie le prove giuridiche vengono perseguiti individualmente, in base al reato e alle responsabilità individuali, senza distinzione di classe: il piccolo che lo fa per ignoranza, abbrutimento o bisogno, sullo stesso piano del ricco che lo fa per professione e vocazione). Inoltre promuove la formazione di cooperative e di altre forme non capitaliste di imprese nell’agricoltura e nell’industria e ha incominciato a creare strutture commerciali pubbliche (all’ingrosso e al minuto), in concorrenza con quelle capitaliste.

Molti individui, organismi e partiti comunisti venezuelani e di altri paesi criticano la “via al socialismo” della rivoluzione bolivariana. Ma finora non hanno saputo fare di meglio e nei diciassette anni trascorsi dalla vittoria elettorale del 1998, prima sotto la direzione di Hugo Chávez (morto il 5 marzo 2013, evento per cui rimandiamo al Comunicato CC 9/2013 – 5 marzo 2013) e poi di Nicolás Maduro (sulla sua elezione a Presidente il 14 aprile 2013 e a proposito della sua opera rimandiamo al Comunicato CC 16/2013 – 18 aprile 2013, al Comunicato CC 12/2014 – 18 marzo 2014 e al Comunicato CC 8/2015 – 5 marzo 2015) la rivoluzione bolivariana ha resistito con successo a un colpo di Stato, a tentativi di sovversione e alla guerra portata in varie altre forme e su vari terreni dalla borghesia e dal clero venezuelani, dallo Stato della Colombia (soprattutto tramite organizzazioni non ufficiali, i paramilitari) e dalla Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti ed è avanzata con gradualità ma continuità lungo la sua strada.

Inoltre né al tempo di Hugo Chávez né sotto la direzione di Nicolás Maduro i dirigenti della rivoluzione bolivariana hanno detto che i comunisti degli altri paesi devono nel proprio paese “fare come il Venezuela”; non hanno mai preteso che la via del Venezuela fosse la via universale. Noi combattiamo e disprezziamo personaggi e organismi italiani che vengono a proporre in Italia di “fare l’Alba mediterranea” o comunque di scimmiottare il Venezuela, ma sulla base sopra indicata rispettiamo e ammiriamo i promotori e combattenti della rivoluzione bolivariana per la loro opera a favore delle masse popolari venezuelane e a sostegno della resistenza antimperialista di Cuba e del movimento progressista e antimperialista in America Latina e nel mondo e cerchiamo di imparare da loro, dalle loro vittorie e dalle loro sconfitte, per far avanzare la rivoluzione socialista in Italia. L’obiettivo del comunismo è lo stesso per tutti i paesi perché è dettato dal percorso che l’umanità ha fatto dalle sue lontane origini a oggi e dal risultato a cui è giunta nella sua evoluzione, ma le vie per raggiungerlo non possono che essere diverse dato che diversi sono i punti di partenza. Ricordiamo ancora i documenti di triste memoria con cui negli anni ’80 alcuni compagni italiani passavano in rassegna decine di paesi e paese per paese indicavano la via che la rivoluzione doveva seguire. I comunisti devono ognuno “tradurre nella lingua del proprio paese” la comune concezione comunista del mondo: vi sono questioni universali e questioni particolari, come ben spiega Mao nello scritto Ancora sulle divergenze tra il compagno Togliatti e noi (febbraio 1963). I comunisti dei vari paesi devono mettere in comune l’esperienza della lotta di classe e gli insegnamenti di valore universale che ne traggono, sostenersi, collaborare, essere solidali e praticare l’autonomia e il rispetto reciproco.

Quindi noi auguriamo e auspichiamo che i promotori e combattenti della rivoluzione bolivariana facciano fronte con successo agli eventi di questi giorni e siamo certi che la parte migliore di essi sarà all’altezza del suo ruolo.

Perdere le elezioni è una sconfitta, ma nella storia del movimento comunista ci sono state sconfitte ben più gravi a cui i comunisti hanno saputo reagire conquistando grandi vittorie. Pensiamo alle ripetute aggressioni delle grandi potenze imperialiste negli anni subito dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 e all’aggressione hitleriana del 1941 sostenuta da gran parte della borghesia imperialista di tutto il mondo e dal Vaticano. Pensiamo alla sconfitta subita nel 1927 dalla rivoluzione in Cina e a tante altre. Anche di fronte a un colpo di Stato, ben diversa fu la risposta nella Spagna del 1936 e nel Cile del 1973. La rivoluzione socialista avanza non perché la borghesia e le altre classi reazionarie la lasciano avanzare, sono gentili, si attengono a leggi e a codici di condotta stabiliti di comune intesa, rispettano i “diritti umani” e la loro stessa “democrazia borghese”. Negli anni ’80 del secolo scorso abbiamo criticato quei membri e simpatizzanti delle Organizzazioni Comuniste Combattenti (OCC) e in particolare delle Brigate Rosse che attribuivano la sconfitta alla ferocia della borghesia, alla perversione dei revisionisti e alla cinica astuzia del clero, anziché attribuirla ai limiti dei dirigenti della OCC nella comprensione delle condizioni, delle forme e dei risultati della lotta di classe. La rivoluzione socialista e la rivoluzione di nuova democrazia avanzano perché i comunisti sanno far fronte alla violenza, agli intrighi, alle manovre e alla ferocia a cui le classi reazionarie ricorrono senza scrupolo e limite; perché sanno fare fronte al prestigio e all’influenza che esse ereditano dalla storia e che usano contro la rivoluzione; perché sanno condurre le masse popolari a liberarsi dall’ignoranza, dall’arretratezza e dall’abbrutimento che ereditano dalla storia e in cui sono sospinte con nuova dovizia di mezzi e di forme dal regime di controrivoluzione preventiva che la borghesia imperialista e il suo clero estendono a tutto il mondo.

In Venezuela la destra interna e i suoi padrini e padroni imperialisti hanno finora condotto la guerra con tutte le armi che avevano a disposizione. Non hanno risparmiato imbrogli, ricatti, violenze, il sabotaggio economico, il contrabbando, la manipolazione finanziaria, la corruzione, la sovversione, il terrorismo. Ora hanno a disposizione un’arma in più: il nuovo Parlamento eletto nell’ambito di elezioni previste dalla Costituzione bolivariana e organizzate dal governo bolivariano. Come se la sono presa questa nuova arma?

Hanno sfruttato a loro vantaggio alcuni risultati dei progressi compiuti dal paese grazie alla rivoluzione bolivariana (come in Italia nel 1948 i reazionari approfittarono del diritto di voto alle donne finalmente conquistato grazie alla vittoria della Resistenza) e li hanno distorti a loro vantaggio approfittando dei limiti della rivoluzione bolivariana nel mobilitare, organizzare e formare le masse popolari. Gli elettori registrati nelle elezioni di domenica erano un po’ più di 19.54 milioni mentre al tempo della prima elezione di Hugo Chávez, nel 1998, erano appena 11 milioni. Anche rispetto alle precedenti elezioni parlamentari del 2010, gli elettori iscritti per le elezioni di domenica 6 dicembre erano oltre 2 milioni in più, inoltre gli astenuti sono diminuiti e come risultato i voti validi sono aumentati di quasi 2.5 milioni rispetto al 2010, fino a un po’ più di 13.74 milioni. Grazie agli intrighi, alle manovre, alla intimidazione ed eliminazione di notabili irriducibili e ai ricatti compiuti dai reazionari, i voti dispersi in loro liste minori sono diminuiti e la MUD ha avuto circa 2.65 milioni di voti in più rispetto alle precedenti elezioni del 2010: è passata da 5.077.043 a 7.726.066 voti. Contemporaneamente la lista dei partigiani della rivoluzione bolivariana, PSUV e suoi alleati, ha avuto in più solo circa 350 mila voti: è passata da 5.268.939 a 5.622.844 (quindi non c’è però stato quel “tracollo elettorale” proclamato invece da maligni giornalisti e commentatori borghesi, anche della sinistra borghese). La composizione del Parlamento è passata da 96 PSUV contro 64 MUD del 2010, a 55 PSUV contro 112 MUD del futuro Parlamento.

Ma anche stando alla Costituzione, il Venezuela ha un sistema politico presidenziale e il presidente Maduro, erede di Chávez, ha dichiarato che la rivoluzione bolivariana ha perso una battaglia, ma non la guerra. Anzi ha dichiarato che la sconfitta sarà lo spunto per rafforzare le file dei rivoluzionari epurandole di corrotti, infiltrati, demoralizzati e disfattisti e portare la rivoluzione a un livello superiore.

Noi abbiamo da tempo salutato con calore e abbiamo fatto conoscere tra le masse popolari italiane i successi della rivoluzione bolivariana, i benefici economici, intellettuali e sociali che essa ha portato alle masse popolari venezuelane, l’aiuto che ha dato su tanti terreni al movimento progressista in America Latina e nel mondo, il contributo che ha dato alla rinascita del movimento comunista nel mondo. Nazionalizzando il petrolio e usandolo sia per sostenere i paesi progressisti della zona e in particolare Cuba e destinando gran parte della rendita del petrolio al miglioramento delle condizioni di vita delle masse popolari venezuelane, la rivoluzione bolivariana ha dato un grande slancio e un grande insegnamento. Si tratta ora di mobilitare e dirigere le masse popolari a difendere le conquiste e a rafforzare il potere popolare.

Cosa devono fare il presidente Maduro e i dirigenti della rivoluzione bolivariana, non siamo noi che lo possiamo dire. Come sopra detto, la rivoluzione socialista è un processo universale, riguarda tutto il mondo, ma essa avanza in ogni paese facendo leva sulle condizioni concrete del paese e delle sue relazioni con il contesto internazionale. Noi possiamo e dobbiamo condurre la rivoluzione socialista nel nostro paese e siamo sicuri che quando romperemo le catene con cui oggi i vertici della Repubblica Pontificia lo sottomettono alla Comunità Internazionale (CI) dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti, con questo daremo un grande contributo alla nuova ondata della rivoluzione proletaria che in tutto il mondo avanza facendo fronte al disastroso corso delle cose che la CI impone all’umanità intera. Non gareggiamo quindi con gli italiani esperti in rivoluzione venezuelana del genere del prof. Luciano Vasapollo che ai venezuelani insegnano cosa devono fare e a noi dicono che dobbiamo fare come i venezuelani. La capacità di far fronte alla sconfitta elettorale e a quello che essa implica e di rovesciarla in una controffensiva vittoriosa sarà la prova della concezione del mondo e dell’analisi della situazione internazionale e nazionale che guidano i comunisti venezuelani. La lotta porterà a un superiore sviluppo anche intellettuale e morale in primo luogo i promotori e combattenti della rivoluzione in corso. Ad essi va la nostra simpatia e al successo in Venezuela della comune causa contribuiamo principalmente facendo la rivoluzione socialista in Italia.

>>>continua>>>

(VIDEO) Unità: l’ultimo discorso del Comandante Chávez

Qui di seguito vi proponiamo la traduzione in italiano dell’ultimo discorso del Comandante Eterno Hugo Rafael Chávez Frías dell’8 dicembre del 2012, trasmesso in diretta TV a reti unificate. 

Buonasera a tutti! Buonasera a tutte!

Mi vedo obbligato dalle circostanze, voi sapete care amiche e amici venezuelani che non è nel mio stile chiamare una trasmissione televisiva a reti unificate di sabato sera, ma, come dicevo, mi vedo obbligato dalle circostanze, Mi rivolgo a voi, popolo Venezuelano, nazione venezuelana, amiche e amici tutti, compatrioti e amici e amiche di altre latitudini.

Come voi sapete, com’è risaputo, negli ultimi tempi ci siamo impegnati non solo nelle battaglie politiche, economiche, sociali, ma anche in questa battaglia storica che ci è toccato affrontare, e grazie a Dio è toccata a noi. Ci è toccato riprendere la bandiera di Bolívar, la bandiera strappata, la bandiera umiliata. La bandiera della nostra patria, proprio questa qua: gialla, blu e rossa, con le sue otto stelle, come Bolívar stabilì ad Angostura!

La bandiera del popolo, calpestata, strappata, umiliata, per quasi tutto il XIX secolo, dopo l’epopea, e durante quasi tutto il XX secolo. È toccato a noi riprenderla! Tra la fine del XX secolo e gli inizi del XXI secolo qui è iniziata una nuova era.

Fidel mi diceva, ieri sera, mentre ci stavamo salutando a L’Avana: “Chávez, questa scintilla si è trasformata in un continente. In un fuoco sacro! È stata come una resurrezione, quella che abbiamo vissuto! Il nostro era un continente addormentato, il nostro era un popolo assopito, quasi morto! Poi è arrivato una specie di Lazzaro collettivo, che ci ha fatti risorgere. Alla fine degli anni ‘8o, degli anni ‘90, alla fine del XX secolo, qui in Venezuela è nata una Rivoluzione! Il popolo si è svegliato ed è toccato a noi, ad alcuni di noi, a molti di noi, donne, uomini, assumerci le responsabilità, essere in prima linea, diventare leader e dirigenti, per diverse ragioni, civili, militari. E sono riuscite a confluire diverse correnti, alla fine del Secolo. In Venezuela è scoppiata l’ultima Rivoluzione del XX secolo e la prima del XXI secolo. Una Rivoluzione che nessuno può negare che ha avuto un forte impatto in America Latina, nei Caraibi e anche oltre e continuerà ad avere un forte impatto.

Ebbene, oltre a tutte queste battaglie, se n’è presentata un’altra, imprevista, improvvisa per me e per tutti noi, perché io sento di essere sempre accompagnato e di non essere solo! Sento di non essere solo. Così, abbiamo iniziato ad affrontare questo problema di salute, con molta spiritualità, molta fede, molta speranza, molta dedizione, sia come individui, che come famiglia e collettività! Come una grande famiglia! Abbiamo contrastato manipolazioni! Abbiamo combattuto contro… come si chiama… ah sì… la miseria! La miseria! O meglio le miserie! “Niente di ciò che è umano è per me strano!” Disse qualcuno, la miseria! Ma soprattutto, abbiamo affrontato tutto a testa alta, con dignità. Come popolo! Come nazione! E io come individuo, come uno fra i tanti di questa grande corrente bolivariana che si è scatenata!

All’inizio dell’anno c’è stata una ricaduta, che abbiamo affrontato con successo! Senza dubbio, con gran successo! Avevo finito la cura, la radioterapia, a maggio, e alcuni giorni dopo stavo presentando la candidatura alla Presidenza della Repubblica, come sapete. Io ho insistito molto, e così è stato: ho insistito molto, lottando contro il tempo, per fare tutti gli accertamenti medici sia qui in Venezuela che a Cuba, prima di presentare la candidatura. Tutti i risultati sono stati positivi: se ci fosse stato qualche risultato negativo in quegli esami,  potete stare certi che non avrei né presentato né assunto nessuna candidatura presidenziale.

Fortunatamente, questa Rivoluzione non dipende da un solo uomo. Abbiamo superato diverse tappe e oggi c’è una leadership collettiva, che si è diffusa dappertutto. Sono stato molto contento di poter constatare e sentire ancora una volta, in queste ore, dal mio arrivo ieri all’alba da L’Avana e durante questi ultimi dieci giorni, la forza di questa leadership collettiva. Guardate, ad esempio, la campagna per le elezioni dei governatori! I nostri leader sono in azione, così come tutti i nostri dirigenti. Uomini, donne, con un grande fervore per la patria: mi congratulo con voi! Sono sicuro che scriveremo un’altra pagina grandiosa la prossima domenica! Il 16 dicembre! Un fervore partecipativo, organizzativo! Fatto di proposte, idee, dibattiti! Un fervore organizzativo della base popolare. Fatto di partecipazione! Tutto questo non si era mai visto qui! Non si vedeva da molto tempo! Anzi, credo che negli ultimi 200 anni non era mai accaduto. Sono stato molto soddisfatto di aver visto e potuto constatare come procede la marcia, come si stanno chiudendo alcuni cerchi. No? Abbiamo fatto un grande sforzo per garantire il pagamento delle tredicesime, le tredicesime per tutti i dipendenti, lavoratori,  lavoratrici! E non solo del governo centrale, ma anche degli Stati e dei Comuni! Oltre al fervore politico, al fervore elettorale per il 16 dicembre, c’è un fervore familiare, natalizio, presente dappertutto.

Come procedono i principali progetti del Governo? La Misión Vivienda? È stata consegnata la casa numero 300.000 nello Stato Zulia. Nel campo economico, c’è stata l’entrata nel Mercosur, il vertice del Mercosur: tutto va avanti a passo spedito. Certo, l’ho sempre detto a questo tavolo. Anche il tema delle ispezioni procede molto bene! Le ispezioni, gli ispettori che servono per correggere in tempo gli errori, con decisione! Vedete, qui c’è l’Ammiraglio Carmen, la chiamano l’Ispettrice. Gli ispettori sono attivi dappertutto: mi hanno consegnato già diversi rapporti per assumere misure correttive e bisogna continuare a farlo in tutti i settori!

Beh, adesso, tornando al tema centrale, come dicevo, è iniziata la campagna elettorale. Un successo! Nei mesi di giugno, luglio, soprattutto luglio. Tutti gli eventi militari che abbiamo organizzato! Poi la campagna in giro per il paese. Poi abbiamo affrontato le inondazioni di Cumanacoa, poi la tragedia di Amuay, alla fine di agosto; poi settembre, quando abbiamo ripreso la campagna elettorale, i viaggi, l’ultima valanga di Sabaneta a Miraflores, il diluvio che ci è toccato qui, nelle sette Avenidas…l’Avenida Bolivar e altre sette Avenidas. Che si riempirono di Patria! Il Piano della Patria! I dibattiti!

Se io non ci fossi stato! Dico così perché si vocifera che tutto è stato un inganno. No! No! No! Ho affrontato questa campagna! Con tutte le mie forze! Come sempre! Accompagnato da questo popolo appassionato, facendo uno sforzo come sempre! Lo abbiamo fatto insieme! Per coronare la vittoria del 7 ottobre! La grande vittoria del 7 ottobre! A pochi giorni mi sono rifatto gli esami, lì a L’Avana, e tutto è andato bene. Anche se ho avuto qualche dolore, infiammazione, conseguenza dello sforzo della campagna e della stessa radioterapia in una zona molto sensibile. Per questo ho iniziato a prestargli molta attenzione. Ho ridotto le mie apparizioni pubbliche, per affrontare questa problematica con i medici e con i giusti trattamenti. Per diminuire l’infiammazione e i disturbi!

E in tutto questo processo è sorta la raccomandazione medica di sottopormi a un trattamento iperbarico. La camera iperbarica. Motivato da questa raccomandazione, per accelerare il recupero, il 27 novembre ho chiesto l’autorizzazione all’Assemblea Nazionale,  con una lettera, per uscire dal paese ed andare a Cuba, dove mi hanno seguito in tutto questo trattamento iperbarico. Sono partito il 27 e il 28 ho iniziato il trattamento, che è durato diversi giorni. Nonostante questo, per via di altri sintomi che ho iniziato a sentite, l’equipe medica ha deciso di farmi fare altri esami. Di fare un’altro esame approfondito, e purtroppo comunico al paese, che quest’ultimo esame ha individuato la presenza, sempre nella zona colpita dal male, di altre cellule maligne… di nuovo!

Questo ci ha obbligati a rivedere la diagnosi, ad analizzare l’evoluzione del trattamento, a consultare altri esperti. Così, mi è stato detto che c’è bisogno, c’è assolutamente bisogno di sottopormi ad un nuovo intervento chirurgico. E questo intervento ci sarà nei prossimi giorni. Anzi, vi dico che i medici mi avevano raccomandato di farlo ieri! Proprio ieri! Al massimo questo fine settimana! Ma io ho detto: “Nooo! Noo!”. Davvero, io ho chiesto il permesso di allontanarmi per sottopormi al trattamento iperbarico, ma ho bisogno di andare, ho bisogno di tornare in Venezuela! Ed è per questo che sono venuto. E così siamo arrivati ieri mattina, Fidel è stato molto disponibile! Anche Raúl! Ci siamo riuniti e abbiamo valutato la situazione.

Ieri mi sono riposato un po’ ho rivisto alcuni documenti. Ho firmato anche alcune carte in sospeso: nomine di ambasciatori, risorse per il Fondo Cinese e anche un rapporto su Mercosur, sul viaggio che Rafael Ramírez e Menéndez hanno fatto per partecipare alla riunione del Mercosur. La Commissione Mista a Pechino, che ha avuto molto successo: a quella hanno partecipato Giordani, Rafael e Edmee. Anche Asdrúbal ha partecipato, giusto Asdrúbal? Cina! Eccolo là Asdrúbal. 

Eh si, questo processo delle alleanze strategiche è un altro aspetto che qui non esisteva, Venezuela nel Mercosur. Pensate! Venezuela in un’alleanza strategica con la Cina, con la Russia e con molti altri paesi del mondo! E poi l’ ALBA! La Celac! Questo è tutto quello che è successo… sono tutti i passi che, piano piano, ha prodotto questa rivoluzione che si è scatenata in America latina!

Bene, io ho deciso di venire, facendo un grande sforzo, davvero, perché i dolori sono forti, comunque con le cure, i calmanti, mi trovo in una fase preparatoria. Domani devo tornare a L’Avana. Qui ho la lettera per l’Assemblea Nazionale, per il compagno presidente Diosdado Cabello. Anzi approfitto per firmarla, affinché la sovrana Assemblea Nazionale mi autorizzi ad assentarmi dal paese, e qui viene spiegato, con l’obiettivo di sottopormi ad un nuovo intervento chirurgico.

Datemi un minuto, per favore… un secondo! Ecco fatto: l’ho firmata. Consegno la richiesta di autorizzazione, Signor Presidente, ad affrontare questa nuova battaglia! Con l’aiuto di Dio, come nelle occasioni passate, usciremo vittoriosi! Andremo avanti! Ne ho piena fiducia! E così, come già da molto tempo, rimango stretto a Cristo, a Cristo…! Sono sempre passato da un miracolo all’altro! Siamo arrivati al 4 febbraio per miracolo! Aahhh, Molero, non è stato forse un miracolo?

Dopo tanti anni, dopo tante andate e tanti ritorni! Quanti anni! Ricordo i giorni da Tenente, eravamo a Maracay, là al poligono, ci riunivamo. Tra  carri armati e soldati! E là, c’erano anche i paracadutisti! A San Jacinto, a La Placera, laggiù, andavamo a correre. Eravamo Tenenti! Tenenti, 25 anni, 26 anni.

E così, è stato come un miracolo arrivare al 4 febbraio! Ed è un miracolo essere arrivato qui, al 27 novembre! E arrivare in questa casa del popolo! Sono stati un miracolo l’11 aprile, il 12 aprile, il 13 aprile! Tutto è stato un miracolo! E io resto ancora afferrato a questo miracolo! Anche adesso lo sono, nonostante tutto! Nonostante tutto debba essere pianificato per bene, tutti i dettagli di questa nuova battaglia! Certamente, tutti i processi comportano dei rischi! Chi può negarlo? In ogni operazione di questo tipo ce ne sono. Non è così? Eh… anche questo male comporta un rischio! Comporta un rischio! Questo non si può negare! Oggi noi dobbiamo essere felici, ne stavo parlando proprio ieri mattina! Forse, ne parlavo con l’Ammiraglio Molero, eravamo a Maiquetía! Abbiamo un patria, oggi! Abbiamo una patria! Il Venezuela non è lo stesso di vent’anni fa! Di quarant’anni fa!

¡No! Nooo! Nooooo! Abbiamo un popolo! Abbiamo le Forze Armate! Abbiamo l’unità nazionale! Sì, su qualcosa dobbiamo insistere in questo nuovo scenario, davanti a questa nuova battaglia! Davanti a questo nuovo ostacolo, direbbe un llanero! Bisogna rafforzare l’unità nazionale! L’unità di tutte le forze popolari! L’unità di tutte le forze rivoluzionarie! L’unità di tutte le Forze Armate! Miei cari soldati, camaradas e compagni! L’unità dell’Esercito, del mio Esercito, del mio amato Esercito! L’Esercito, la Marina, la mia amata Marina! Dico questo perché gli avversari, i nemici del paese non riposano mai e non smetteranno mai di tramare i loro intrighi con l’obiettivo di dividerci, approfittando soprattutto di circostanze come questa. E allora, qual è la nostra risposta? Unità, unità e ancora unità! Dev’essere questa la nostra divisa! La mia amata Forza Aerea, la mia amata Guardia Nazionale, le mie care Milizie! Unità, unità, unità! Il Partito Socialista Unito del Venezuela, i partiti alleati, il Grande Polo Patriottico, le correnti popolari rivoluzionarie, le correnti nazionaliste! Unità, unità, unità! Unità, diceva Bolívar! Uniamoci o l’anarchia ci divorerà: manca solo l’unità per completare l’opera della nostra rinascita!

E riguardo a ciò, perché non voglio nemmeno parlare troppo, sono quasi le dieci di notte. Riguardo a questo, come stabilito dalla Costituzione: lì c’è scritto tutto, una volta ricevuta l’autorizzazione per uscire dal paese, ci sarà il vicepresidente, compagno Nicolás Maduro, un uomo rivoluzionario fino in fondo, un uomo di grande esperienza nonostante la sua età, con grande dedizione al lavoro, grande capacità di lavorare, gestire gruppi e gestire le situazioni più difficili. L’ho visto! Lo abbiamo visto! Da quanti anni sei Ministro, Nicolás? “Sei anni e tre mesi!”. Sei anni e tre mesi… quanto tempo… quanto! In quante situazioni, in quante circostanze abbiamo visto, e io ho visto personalmente, Nicolás accompagnarmi in questo difficile compito! In tutti i diversi fronti di battaglia! È lui che resta alla Vicepresidenza esecutiva della Repubblica!

Come è sempre stato, in contatto permanente! Ma voglio dirvi una cosa… Voglio dirvi una cosa. Anche se suonerà un po’ dura, io voglio e devo dire una cosa. Devo dirla! Se, come dice la Costituzione, com’è che dice la Costituzione? Se si dovesse verificare qualche circostanza  improvvisa, così dice la Costituzione, che dovesse inabilitarmi, ascoltatemi bene per portare avanti la Presidenza della Repubblica Bolivariana del Venezuela, anche per portare a termine i pochi giorni che restano. Quanto resta… un mese? Oggi è… Sì: manca un mese… un mese, soprattutto per assumere il nuovo periodo per il quale sono stato eletto da voi. Ripeto: se dovesse accadere qualcosa che mi inabilitasse, Nicolás Maduro, in tale circostanza, deve assumere la Presidenza, così come stabilito dalla Costituzione, e non solo il periodo che manca. Secondo la mia ferma opinione… piena come la luna piena, irrevocabile, assoluta, totale, se in tale situazione si dovessero convocare, come stabilito dalla Costituzione, nuove elezioni presidenziali,  scegliete Nicolás Maduro come presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela!

Ve lo chiedo col cuore! È uno dei leader giovani con maggiore capacità per andare avanti, nel caso in cui io non potessi. Dio sa quello che fa! Se non potessi continuare, potrebbe continuare lui, la sua mano ferma, il suo sguardo, il suo cuore di uomo del popolo, la sua bontà, la sua intelligenza, il riconoscimento internazionale che ha saputo conquistare la sua capacità di dirigere. Lui: alla Presidenza della Repubblica, per portare avanti il paese insieme al popolo, sempre subordinato agli interessi del popolo, per il destino di questa nostra patria!

Alcuni compagni mi hanno detto che non serve dirlo! Loro credono che, in queste ultime ore, non ci sia bisogno di parlare di queste cose! Ma credetemi: stanotte, avrei potuto parlare da L’Avana. Ma in questa mezz’ora ho detto tutto quello che volevo dire. E credo che la cosa più importante, quella che mi arriva dall’anima, dettata dal cuore e dalla coscienza, la cosa più importante che sono venuto a dirvi qui, facendo lo sforzo del viaggio per ripartire domani, dopo che mi è stato concesso il permesso, è proprio questa! Nicolás è la più importante! La più importante!

Noi, in qualsiasi circostanza, dobbiamo garantire la marcia della Rivoluzione Bolivariana! La marcia vittoriosa di questa Rivoluzione! Per costruire una nuova democrazia, voluta da un popolo riunito in Costituente! Per costruire la strada del Venezuela verso il socialismo, con una grande partecipazione! Una grande partecipazione! E con delle grandi libertà, dimostrate ancora una volta in questa campagna elettorale degli Stati, dove ci sono candidature di qua e di la! Libertà! Piene libertà! Con questo messaggio, che di certo non avrei mai voluto trasmettervi perché mi fa molto male vedere che questa situazione stia causando dolore a molti di voi stia causando angoscia, abbiamo costruito una sola, una sola entità, perché, come abbiamo sempre detto e diciamo anche oggi, ormai Chávez non è soltanto questo essere umano: Chávez è una collettività! Come diceva lo slogan della campagna: Chávez, cuore di popolo! E il popolo è qui nel cuore di Chávez!

E ancora di più in questi giorni di Natale, ma va bene, queste sono le circostanze della vita. Io resto ancora aggrappato a Cristo, aggrappato al mio Signore, aggrappato alla speranza, e alla fede! Spero,  questo chiedo a Dio, di darvi buone notizie nei prossimi giorni, per continuare a costruire insieme quello che adesso abbiamo già, ma che dobbiamo continuare a costruire.

Abbiamo una Patria! Abbiamo una Patria! Quanto ci è costato averla! Quanto ci è costato recuperarla! Riviverla! Rialzarci insieme a lei, tra dolori e rimpianti! Ricordiamoci quanto è costato! Quanto è costato a milioni di persone! A milioni! Non dimenticherò mai, o meglio, in questo momento mi viene in mento quella frase di Simón Bolívar, il Padre Bolívar, che durante gli ultimi giorni  della sua battaglia fisica in questo mondo, diceva a  Urdaneta, al generale Urdaneta, “Io non ho una patria per la quale continuare a sacrificarmi.”. Vedete! Lo hanno cacciato, diffamato, vessato! “I miei nemici mi hanno tolto la Patria” diceva. Oggi, grazie a Dio, Padre Bolívar, com’è diversa la situazione per tutti noi, uomini e donne! Oggi sì che abbiamo una Patria ed è la tua Patria, Bolívar!

È quella che hai iniziato a forgiare tu! A costruire insieme a milioni di uomini e donne 200 anni fa!  E anche molto tempo prima avevano iniziato a costruirla. Oggi è il Giorno di Guaicaipuro! I nostri fratelli aborigeni e la loro lotta! La loro resistenza! 500 anni di lotta! Oggi, finalmente, dopo tanto lottare, abbiamo una Patria per cui continuare a sacrificarci!
Dal mio cuore di patriota rinnovo il mio appello a tutti i patrioti del Venezuela e a tutte le patriote del Venezuela! Perché, siamo rivoluzionari, siamo socialisti, siamo umani, siamo molte cose, ma siamo soprattutto patrioti! Patrioti! E ogni volta che parlo di patrioti, mi viene in mente quella vecchia canzone che cantavano i soldati venezuelani nei carri armati, che ho imparato da giovane! La porto qui nell’anima, sapete?

Al suono di trombe guerriero, arriva il corazzato / arriva veloce / con sospettosi draghi d’acciaio / che  proteggono la patria che ci ha dato il cielo / patria, patria, amata patria / tuo è il mio cielo, tuo è il mio sole / Patria, tua è la mia vita, tua è la mia anima, tuo è il mio amore /

Patria, patria! Oggi abbiamo una patria! E succeda quel che succeda, in qualsiasi circostanza, continueremo ad avere una Patria!Una Patria perpetua, come disse Borges! Una patria per sempre! Una patria per i nostri figli! Una patria per le nostre figlie! Patria! Patria! Patria! Patrioti del Venezuela. Uomini e donne, ginocchio a terra! Unità, Unità! Unità dei Patrioti!

Non mancheranno quelli che cercheranno di approfittare di momenti difficili per mantenere l’impegno con il capitalismo con il neoliberalismo per uccidere la patria. No! Non ci riusciranno! Di fronte a queste nuove difficoltà, di qualsiasi misura esse siano, la risposta di tutti i patrioti, rivoluzionari, di tutti quelli che sentiamo la patria fino alle viscere, come direbbe Augusto Mijares, dev’essere: la patria è unità, lotta, battaglia e vittoria! Nicolás, là c’è la spada di Bolívar! Portatela qui… Eh… La spada di Bolívar! La spada del Perú! Quella che diedero a Bolívar in Perú nel 1824! Bene, su questa spada giuriamo…su questa spada noi giuriamo! Giuriamo! Giuriamo su questa bandiera! Giuriamo davanti a Dio!  Giuriamo davanti al nostro Popolo! Dobbiamo stare molto attenti e chiedo tutto il vostro appoggio… tutto l’appoggio  del Popolo e di tutte le correnti…di tutti i settori della vita nazionale, dei patrioti del Venezuela. Civili! Militari! Uomini! Donne!

In questa circostanza, abbiamo bisogno di tutto l’appoggio, innanzitutto per il Governo Rivoluzionario, per continuare nella nostra marcia verso quello che si vede all’orizzonte: la grande vittoria del 16, non è così? La vittoria del 16 dicembre, negli Stati di tutto il paese. E l’appoggio, l’unità nelle decisioni che dovremo prendere nei prossimi giorni, nelle prossime settimane, nei prossimi mesi. Qualunque esse siano!

E con questo finisco. Oggi abbiamo una patria! Che nessuno lo dimentichi! Oggi abbiamo un Popolo! Che nessuno lo dimentichi! Oggi abbiamo una patria più viva che mai! Che arde in un fuoco sacro, in un fuoco sacro! Mi resta da dirvi soltanto, oltre a darvi la buonanotte, alle dieci e dieci di questo sabato sera. ¡Hasta la victoria siempre!

[Si ringrazia Doris Theis per il testo tradotto in italiano]

__

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: