300 giorni di guerra allo Yemen: la distruzione di un paese in cifre

da lantidiplomatico 

Il bilancio dei 300 giorni di guerra contro lo Yemen condotta dalla coalizione capeggiata dall’Arabia Saudita è spaventoso, in primis, in termini umanitari: 8000 morti, di cui 1996 bambini e 1519 donne e 16.000 feriti. E non solo.

Più di 8.000 yemeniti sono stati uccisi, tra cui 1996 bambini e 1519 donne e quasi 16.000 sono stati feriti, secondo il coordinatore dell’alleanza contro i crimini commessi dai sauditi, Ali al-Assemi, dettagliata in una conferenza stampa a Sana’a.

Inoltre, ci sono 1,2 milioni di sfollati e 325,137 mila case danneggiate.

Secondo l’infografica distribuita, sono anche state totalmente o parzialmente distrutte 615 moschee, 238 strutture sanitarie, 569 tra scuole e istituti, e 16 postazioni dei media.

In termini di infrastrutture, gli attacchi della coalizione saudita hanno colpito: 19 aeroporti, 10 porti, ponti 512, 125 centrali elettriche, 167 stazioni di comunicazione, 164 reti idrauliche.

Per quanto riguarda il settore della produzione, il bilancio della distruzione è il seguente: 970 edifici pubblici, 546 depositi di approvvigionamento, 353 tra centri commerciali e mercati, 409 camion di prodotti alimentari, 175 navi cisterna, 238 stazioni di servizio, 59 siti archeologici, 119 siti turistici, 190 industrie, 42 centri sportivi, 7 depositi di grano, 125 centri di ricovero.

Yemen y Cuba hace 25 años votaron contra la guerra

Per non dimenticare. 25 anni fa, Cuba e Yemen soli contro la prima guerra del Golfopor Marinella Correggia
 
El 29 de noviembre tendria que ser uno de los dias de agradecimiento a Cuba para su acción historica para la paz, la solidaridad y la humanidad, contra el imperialismo de la guerra y de los privilegios. Hace 25 años Yemen y Cuba fueron los únicos que resistieron en el Consejo de Seguridad ante el secuestro de Naciones Unidas por parte de EE.UU. en la preparación de la devastadora “Tormenta del desierto”
 
 
• El 2 de agosto de 1990 Iraq invade Kuwait, al que acusa de llevar a cabo una guerra económica porque, al invadir el mercado con su petróleo, contribuyó a hundir el precio con enormes pérdidas para los iraquíes recién salidos de la desastrosa guerra con Irán. Pocos días antes el embajador estadounidense, April Glaspie, dio al presidente Saddam Hussein una suerte de  (engañosa) luz verde a la acción militar.
 
En los meses sucesivos EE.UU. obstaculiza cualquier posible solución diplomática y prepara la legitimación de la ONU a su guerra aérea: la “Tormenta del desierto”, operación que destruiría Iraq a partir de la madrugada del 16 de enero de 1991, con la participación de diversos países árabes y occidentales, entre ellos Italia. Pero ya desde agosto Bush padre manda a Arabia Saudita cientos de miles de hombres. Es la operación “Escudo del desierto”.
 
Yemen es el único país árabe en el Consejo de Seguridad de Naciones Unidas y, tomando en serio la tarea de representar el conjunto de la región, se rehúsa a participar en la votación sobre la inmediata resolución 660, que pide la retirada de Iraq del territorio de Kuwait. Entre tanto, Jordania busca una solución negociable ante la Liga Árabe, pero después de la primera reunión, con divisiones evidentes (los únicos que no comparten la posición norteamericana son Libia, Jordania, Argelia y Yemen), pero EE.UU. siguen adelante en el Consejo de Seguridad y la Liga es expulsada.
 
En el Consejo de Seguridad George Bush y sus aliados refundan las Naciones Unidas, convirtiéndola en un instrumento de la voluntad y el poder norteamericanos. Como escribió Phillis Bennis en el libro Calling the Shots. How Washington Dominates Today’s UN (Olive Branch Press, 1995), las Naciones Unidas están entre las “víctimas de la guerra del Golfo”, “convertida en agente legitimador de las decisiones unilaterales de la única superpotencia que queda”. “Por lo demás, Washington necesitaba un enfrentamiento militar con una clara victoria garantizada y con la aprobación de la ONU para hacer entender que, aún siendo la única superpotencia estratégica, no tenía la intención de bajar las cortinas, y que Moscú ya estaba en línea con el nuevo orden mundial”.
 
La Unión Soviética, en total declive, próxima a la disolución y formalmente dependiente de la ayuda accidental, no pone el veto – al que tiene derecho como miembro permanente del Consejo de Seguridad- a las resoluciones sobre Iraq. “¿Quiénes somos nosotros – responde con tristeza el embajador soviético en Naciones Unidas a un periodista – para decir que el Pentágono no puede tomar todas las decisiones de una guerra que será conducida en nombre de la ONU?”
También China apoya al no oponerse a Washington, ya sea por tener un papel diplomático más influyente, o por obtener un aligeramiento de las sanciones a que estaba sometida después de los sucesos de la plaza Tienanmen (1989).
 
La resolución clave que lleva a la guerra, el llamado ultimátum a Iraq, es la 687 del 29 de noviembre de 1990, que autoriza a los países miembros a cooperar con Kuwait utilizando todos los medios necesarios, por tanto la fuerza. Los Estados Unidos y las petromonarquías preparan el terreno utilizando el bastón y la zanahoria para ganarse el consenso de los miembros no permanentes. Entre estos últimos, además de los países occidentales (Canadá, Finlandia) y la Rumanía post – muro, uniformemente alineados a favor de la decisión norteamericana, los demás miembros de turno, pertenecientes al grupo de los no alineados, fueron convencidos al sonido de paquetes de ayuda, militar y de otro tipo: Costa de Marfil, Colombia, Etiopía, Malasia, Zaire. La Unión Soviética obtuvo 4 000 millones de los saudíes.
 
Cuba y Yemen son los dos miembros de turno del Consejo de Seguridad que desde el inicio de la crisis se alzaron, varias veces solos, recordando al Consejo la Carta de Naciones Unidas que invoca soluciones pacíficas a las controversias, y tratando de convencer a los demás miembros de alejarse de la línea beligerante de Washington. Con ellos, EE.UU. y los saudíes utilizan el bastón. A la espera de la resolución crucial la presión sobre los dos desobedientes se intensifica.
 
Realmente el bloqueo contra Cuba dura décadas, por tanto Estados Unidos no tiene muchos instrumentos diplomáticos ni económicos. Pero de todas formas prueban: vísperas del voto se desarrolla en Manhattan el 28 de noviembre, el primer encuentro ministerial entre Washington y La Habana en 30 años. Es a todas luces una revisión de la posibilidad de convencer a los cubanos de desistir. Nada que hacer: el  29  de noviembre 1990 Cuba y Yemen votan contra la resolución 687, la resolución de guerra… China se abstiene, todos los demás votan a favor.
 
Yemen – el país más pobre de la región, recientemente unificado- paga un precio muy alto por la valentía de violar el consenso ordenado por los estadounidenses. Pocos minutos después de la votación, Estados Unidos le comunica al embajador Abdallah Saleh al-Ashtal: “Será el no más caro que jamás hayan dicho”, y cancelan el plan de ayuda de 70 millones de dólares. No era suficiente: por su parte Arabia Saudita expulsa a cientos de miles de trabajadores yemenitas. Una retorsión nazi.
 
La madrugada del 16 de enero de 1991 Estados Unidos y sus aliados comienzan a bombardear, a pesar de la respuesta positiva de Iraq a los últimos intentos de negociación por parte del secretario general de Naciones Unidas; de Irán (apoyado por Moscú), y de Nicaragua, La India y Alemania (Daniel Ortega fue el único jefe de Estado que se trasladó a Bagdad para evitar la guerra).
 
Mientras las ciudades iraquíes son destruidas por las bombas poco inteligentes  y los soldados que se retiran de Kuwait son sepultados vivos en el desierto por los marines, Moscú apoya la aceptación por la parte iraquí de la resolución 660: la retirada de Kuwait, pero EE.UU, y Gran Bretaña piden más inmediatamente y siguen bombardeando. 
 
 [Trad. Yenia Silva]

Yemen: oltre 5.000 civili uccisi dalla coalizione saudita

da l’antidiplomatico

Sono 5.412 i civili yemeniti uccisi dagli attacchi aerei avviati della Coalizione saudita dal marzo scorso: 1.603 sono bambini sotto i 14 anni e 1.258 donne.

Il portale web di notizie sul mondo arabo, Al Masdar, ha riportato la dichiarazione del ministro della Salute dello Yemen, Tamim Al-Shami, secondo la quale, gli attacchi aerei della coalizione saudita hanno ucciso un totale di 5.412 civili yemeniti dall’inizio di questi attacchi disumani per preservare il potere politico del presidente esiliato, Abd-Mansour Hadi Rabbah.
Il 25 marzo 2015, l’impopolare presidente yemenita, ‘Abd-Rabbah Mansour Hadi, è scappato dalla sua città natale, Aden, per trovare rifugio nella capitale saudita Riyadh, lasciando il suo paese senza leader e in completa confusione, in fuga dalla resistenza popolare yemenita che lo ha inseguito nel suo palazzo presidenziale di lusso a Sanaa.
In rappresaglia per aver tentato di deporre il loro più grande alleato politico nel paese, la famiglia reale saudita ha risposto con attacchi aerei implacabili su Sanaa e la campagna occidentale dello Yemen, uccidendo oltre 1.000 civili in soli due mesi di attacchi aerei.

Per ottenere sostegno al loro sforzo violento, i reali sauditi hanno creato una coalizione composta da alcuni stati arabi per bombardare la forza di resistenza conosciuta come “Houthi.”

Non volendo fare marcia indietro di fronte ai loro oppressori, gli Houthi e le fazioni di resistenza popolare yemenite hanno combattuto i tentativi ripetuti della Coalizione saudita per conquistare il loro territorio.
 
L’Arabia Saudita ha rifiutato di fare marcia indietro, nonostante questo elevato numero di vittime; al contrario, ha recentemente aumentato il numero di personale militare sul campo di battaglia nello Yemen, avviando un impegno a lungo termine.

Rete NoWar: «Italia si dissoci dalle politiche di guerra in Siria e Yemen»

da Rete No War Roma

COMUNICATO STAMPA DI RETE NO WAR ROMA

Roma, 15-16 settembre, Parlamento.

Rete No War promuove, dalle 15 alle 21, un presidio affinché «L’Italia si dissoci dalle nefaste politiche di guerra in Siria e Yemen».

Concentrazione e conferenza alle ore 17.00 di martedì. 

Scopo del presidio è chiedere:

Che l’Italia si adoperi per la fine delle sanzioni dell’UE contro il popolo siriano, già sfiancato da oltre 4 anni di guerra fomentata dall’esterno. E per la ripresa dei rapporti diplomatici con la Siria come da interrogazione parlamentare dello scorso luglio 2015, ancora in attesa di risposta;

Che l’Italia si dissoci dalla politica di guerra di Usa, Turchia, Arabia saudita, Qatar, Israele, Francia, Regno unito che in Siria da anni sostengono in vario modo milizie armate estremiste (note come tali al governo Usa fin dal 2012), fino al Nuovo Califfato;

Che l’Italia ponga fine agli strettissimi rapporti militari con i monarchi sauditi (fra i primi acquirenti di armi nel nostro paese) che bombardano e affamano lo Yemen, in spregio alla legge 185/90, come da interrogazione parlamentare dello scorso giugno 2015 relativa allo Yemen, ancora in attesa di risposta;

Che l’Italia si impegni in modo serio nel boicottaggio economico del Nuovo Califfato, un’organizzazione in continua crescita economica. Chi compra il petrolio di cui si è impossessato? Chi lo rifornisce di armi? Perché ancora non si è riusciti a tagliare le linee di approvvigionamento?

Che l’Italia non taccia più su una delle maggiori cause delle crisi migratorie. E dichiari anche in sede europea che le aggressioni all’Iraq, alla Libia, alla Siria ed ora allo Yemen hanno devastato i loro territori e umiliato le loro popolazioni spingendole a esodi forzosi.

Concentrazione e conferenza alle h. 17 del 15 settembre.

Per informazioni: 3312053435

Mugabe: «CPI non è benvenuta in Africa»

09280828_xlda HispanTv

«La Corte Penale Internazionale non è benvenuta in Africa», ha dichiarato Robert Mugabe, in un discorso tenuto in occasione di un vertice dell’Unione Africana in Sudafrica.

La critiche di Mugabe arrivano dopo che un tribunale sudafricano ha vietato l’uscita del presidente del Sudan Al-Bashir dal paese – dove si era recato per partecipare al vertice – su richiesta della Corte Penale Internazionale.

La CPI ha emesso due mandati di cattura contro al-Bashir, nel 2009 e nel 2010, per il conflitto nella regione del Darfur, nel Sudan occidentale. Il primo è relazionato a crimini di guerra e crimini contro l’umanità, mentre il secondo all’accusa di genocidio.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Análisis jurídico sobre la intervención de Arabia Saudí en Yemen  

alwaght.com

Alwaght- Arabia Saudí  inició una intervención militar en Yemen, en forma de ataques aéreos y bajo en nombre de Tormenta Decisiva, en fecha 25 de marzo de 2015, al tiempo que anunció que la operación militar se llevaba a cabo como respuesta a una invitación del presidente de Yemen, Mansur Hadi, a apoyar a este país y a su pueblo ante la amenaza permanente de los hutíes, sobre la base del principio de legítima defensa enmarcado en el artículo 51 de la carta Magna de Naciones Unidas, para lo cual se emplearían todos los medios necesarios incluyendo la intervención militar.

 

Resulta importante preguntarse lo siguiente: ¿Acaso este ataque militar, desde el punto de vista jurídico es legal y legítimo?

 

Es posible analizar la legitimidad de la intervención de Arabia Saudí en Yemen desde tres puntos de vista: la legislación interna, el derecho internacional y el derecho humanitario de Yemen.

 

A) Legislación interna de Yemen

 

Sobre la base de los artículos 37 y 38 de la constitución de Yemen las condiciones que posibilitan la intervención de un país extranjero para estabilizar la situación interna de este país han sido consideradas en tal manera que no coinciden con las situación existente. En esta legislación existen dos vías para legitimar el uso de fuerzas militares foráneas en la estabilización de los asuntos internos de Yemen. La primera se refiere a la aprobación del Parlamento (artículo 37) y la segunda es la aprobación del Consejo de Defensa Nacional, encabezado por el presidente de la República (artículo 38)

 

El artículo 37 de la constitución de Yemen establece que: “tras la aprobación del parlamento corresponde al presidente anunciar la movilización de las tropas”. A pesar de que según el artículo 111 de dicha constitución, el presidente es la máxima autoridad de las fuerzas armadas, este no puede decidir de manera independiente y sin la obtención del voto de aprobación del parlamento, sobre la movilización de las tropas y/o la intromisión de otro gobierno en los asuntos internos, incluyendo la intervención militar.

 

Por otra parte, y en relación al artículo 38 de la constitución yemenita, la instancia suprema del Consejo de Defensa Nacional hasta antes de la agresión de los saudíes a Yemen, no había sido convocada para este particular y no se había aventurado tomar una decisión en este sentido.

 

Por lo tanto, la presencia e invasión de la coalición de países árabes a Yemen, al tiempo que vulnera claramente la constitución de ese país, constituye una violación de las normas del derecho internacional, y el uso de la fuerza, la intervención en los asuntos internos de otro país o el quebrantamiento de la integridad territorial de Yemen, tres principios reconocidos oficialmente por la Carta Magna de Naciones Unidas y las resoluciones del Consejo de Seguridad resultan injustificables. 

 

B) Derecho Internacional

 

Teniendo en cuenta la centralidad de la Carta Magna de Naciones Unidas en el accionar de los países en la arena internacional, y partiendo de que Arabia saudí y los países aliados han apelado a este documento, se hace imprescindible el análisis de los artículos y párrafos relacionados con el tema en cuestión.

 

De acuerdo con el tercer párrafo del artículo 2 del primer capítulo de la Carta Magna: “Los Miembros de la Organización arreglarán sus controversias internacionales por medios pacíficos de tal manera que no se pongan en peligro ni la paz y la seguridad internacionales ni la justicia”. Este párrafo prohíbe claramente la recurrencia a cualquier medio no pacífico por parte de los estados miembros.  Asimismo el párrafo 4 de ese mismo artículo prohíbe a todos los miembros recurrir a la amenaza o al uso de la fuerza, así como a cualquier otro método incompatible con los propósitos de las Naciones Unidas contra la integridad territorial o la independencia política de cualquier Estado. La Carta Magna en su segundo capítulo, artículo 6 dice: “Todo Miembro de las Naciones Unidas que haya violado repetidamente los Principios contenidos en esta Carta podrá ser expulsado de la Organización por la Asamblea General a recomendación del Consejo de Seguridad.”

 

En todos los casos anteriormente expuestos se pone claramente de manifiesto la reprobación del uso de la fuerza por parte de los miembros de Naciones Unidas contra otro miembro al ser incompatible con los propósitos de esa Organización (la paz, la seguridad internacional, etc.)

 

Las acciones que Arabia Saudí ha llevado a cabo hasta el momento en Yemen, no se corresponden en ningún modo con los propósitos de Naciones Unidas.

 

El capítulo sexto de la Carta Magna, que hace referencia a la solución pacífica de las controversias establece que los estados antes de realizar cualquier acción deben apelar a la negociación, la investigación, la mediación, la conciliación, el arbitraje, el arreglo judicial, el recurso a organismos o acuerdos regionales u otros medios pacíficos de su elección como vía de solución  (artículo 33, párrafo 1)

 

Algo significativo en este capítulo es el modo de intervención del Consejo de Seguridad en la solución de estos diferendos. Sobre esta base, primero el Consejo pedirá a las partes involucradas que solucionen las diferencias por dichos medios, (artículo 33, párrafo 2). En caso contrario las partes (no solamente una de las partes) deberán someter el diferendo al Consejo de Seguridad (artículo 37); y más importante aún es el rol que al final de este capítulo (artículo 38) se le ha asignado al Consejo de Seguridad y es simplemente el de hacer recomendaciones a las partes en conflicto.

 

El capítulo séptimo de la Carta Magna (artículos 39-51) está dedicado al quebrantamiento de la paz y los actos agresión. El artículo 51 de este capítulo establece que: “Ninguna disposición de esta Carta menoscabará el derecho inmanente de legítima defensa, “individual o colectiva”, en caso de ataque armado contra un Miembro de las Naciones Unidas, hasta tanto que el Consejo de Seguridad haya tomado las medidas necesarias para mantener la paz y la seguridad internacionales. Las medidas tomadas por los Miembros en ejercicio del derecho de legítima defensa serán comunicadas inmediatamente al Consejo de Seguridad, …”

 

En este sentido se debe recordar que la justificación de Arabia saudí, basada en la solicitud de Mansur Hadi para estabilizar la situación interna de Yemen, en ningún modo es justificable, puesto que él renunció antes de la fecha de la agresión saudí a este país y no es posible referirse a tal solicitud de agresión como algo legítimo. Arabia Saudí solamente podría justificar su acción en caso de que: Primero: Mansur Hadi estuviese ocupando aún la presidencia del país; segundo: Arabia Saudí, previo a la agresión, habiendo informado de la situación al Consejo de Seguridad, hubiese obtenido el permiso necesario. Mansur Hadi solamente se había legitimado en Yemen no en calidad de presidente legítimo de la República sino como la persona encargada del proceso de la etapa de transición de poder y no puede solicitar la intervención del gobierno de Arabia saudí, como si fuese un presidente legítimo. Esto es algo que se puede comprender tambien en la resolución 2204 del Consejo de Seguridad, donde no se hacer referencia a él como presidente legítimo.

 

En este sentido, el primer párrafo del artículo 53 de la carta magna la invasión a Yemen, es corrupto, ilegítimo e ilegal, según el párrafo 1 del artículo 53 de la carta magna que establece que los países deben contar primeramente con la aprobación del Consejo de Seguridad antes de llevar a Cabo acciones contra cualquier otro país. Este es un paso que de ninguna manera han dado las autoridades de Arabia Saudí antes  de la invasión a Yemen, contrariando de forma clara y evidente lo establecido en la Carta Magna de las Naciones Unidas. Es obvio que el Consejo de Seguridad, mediante la resolución 2216 de fecha 14 de abril de 2015 se vendó los ojos ante esta notoria violación de los saudís, una violación que ha ocasionado un matanza de civiles y niños inocentes, así como la destrucción  de las infraestructura yemenita y en la práctica la citada resolución ha perdido su legitimidad.  

 

B) Derecho humanitario

 

Los intensos ataques y los bombardeos que los saudíes llevan a cabo en zonas residenciales y civiles ha causados numerosas perdidas humanas entre la población civil y en  especial mujeres, niños y acianos. Entre los objetivos de los saudís para doblegar al pueblo yemenita  ha estado el destruir la infraestructura de las ciudades, como por ejemplo las redes de abasto de agua, electricidad y los hospitales. Tales daños y agresiones entran en contraposición con la declaración de la Liga de Naciones del 16 de septiembre de 1924 en apoyo a los infantes, la cual fue aprobada bajo el nombre de “Declaración de Ginebra” y también con la de los derechos del niño aprobada el 20 de noviembre de 1959, con la declaración de la Asamblea general de las Naciones Unidas de fecha 14 de diciembre de 1974, concerniente al apoyo a las mujeres y niños en situaciones de crisis y conflictos armados y con el artículo 77 del primer Protocolo Adicional de los Convenios de Ginebra de 1977 sobre el respeto especial a los niños, protegiéndolos ante cualquier forma de “atentado al pudor”. Asimismo las resoluciones 2244 (23) del 19 de diciembre de 1968,  la 2597 (24) del 16 de diciembre de 1969, la 2674 (25) y 2675 (25) del 9 de diciembre de 1970 hacen referencia al tema del respaldo a los derechos humanos y los principios básicos sobre el apoyo a la población civil en situaciones de conflictos armados.

 

Si bien todos estos documentos determinantes y vinculantes prohíben todo tipo de ataque contra la población civil, los militares saudíes, con el apoyo de los Estados Unidos y el Consejo de Seguridad, así como con la tolerancia de los países islámicos, continúan llevando a cabo estas acciones día y noche.

Nasrallah: «Siriani, noi Hezbollah saremo sempre al vostro fianco»

da al manar

Il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ancora una volta ha assicurato che l’offensiva contro le Yemen dell’Arabia ha subito una sconfitta schiacciante ed evidente, mentre il popolo yemenita è uscito chiaramente vittorioso.

Parlando in diretta sul canale televisivo Al-Manar, Sayyed Nasrallah ha chiamato coloro che sostengono il raggiungimento degli obiettivi dell’offensiva di nominare uno degli obiettivi raggiunti.

Per lui, l’offensiva saudita continua e ha preso una piega più pericolosa con il maggiore sostegno di al-Qaeda e il divieto di consegna degli aiuti umanitari al popolo yemenita.

In Iraq, Sayyed Nasrallah ha lanciato l’allarme contro gli Stati Uniti per la fornitura di armi ai curdi e ai sunniti scavalcando il governo iracheno. «Una misura che è un preludio alla divisione del paese e che tutti devono combattere», ha avvertito.

Ribadendo il sostegno iraniano, russo e degli Hezbollah in Siria, ha denunciato la campagna di notizie false da parte dei media, ha assicurato che «vincere una battaglia non significa vincere tutta la guerra».

Riguardo il Libano, Sayyed Hassan Nasrallah ha dichiarato che la battaglia del Qalamoun avrà luogo e che Hezbollah non fornirà dettagli. L’obiettivo è la protezione della popolazione, mentre lo stato non è in grado di farlo.

Di seguito, le linee essenziali del discorso televisivo di Sayyed Nasrallah:

«40 giorni fa, l’Arabia Saudita ha dichiarato guerra allo Yemen. 26 giorni dopo la coalizione ha annunciato la fine dell’offensiva dell’operazione” Tempesta”e il passaggio a “Restore Hope”».

«Hanno parlato degli obiettivi e hanno sostenuto che la coalizione li ha raggiunti per passare all’operazione successiva. Da allora, l’assalto continua. Siamo davanti a una grande e pericolosa campagna di disinformazione», ha aggiunto.

«Pretendere che il conseguimento degli obiettivi dell’offensiva è la più grande truffa che ha avuto luogo. Gli alleati dei sauditi hanno accolto con favore i risultati dell’offensiva. Sfortunatamente, i media hanno scatenato una loro offensiva. Hanno cominciato a celebrare la vittoria saudita, ma mi citatemi un solo obiettivo realizzato, un successo ottenuto».

«L’Arabia ha restaurato la presunta legittimità nello Yemen? É riuscita a fermare l’avanzata dell’esercito yemenita? Ha disarmato Ansarullah come ha sostenuto? Nulla è stato fatto. L’Arabia è stata in grado di rafforzare la sua posizione in Yemen? No.»

«Datemi un obiettivo e o uno della lista che sostengono di aver raggiunto.

Siamo di fronte ad un fallimento plateale saudita e yemenita vittoria netta. La tenacia e l’unità del popolo yemenita sono dietro questa vittoria. Parliamo della prima operazione».

«La seconda operazione è stata chiamata “Restore Hope” per nascondere i primi fallimenti. Hanno creato grandi obiettivi che richiedono molto tempo e un’incursione terra. Essi fissano un nuovo elenco di obiettivi raggiungibili e modesti questa volta».

 Tra questi obiettivi, citiamo:

  1. Avviare il processo politico.
  2. Continuare a proteggere i civili.
  3. Garantire la fornitura di aiuti internazionali.
  4. Fermarei  movimenti militari Houthi e impedire loro di usare le armi sequestrate nei depositi.
  5. L’esecuzione di un’azione internazionale per privare di armi gli Houthi.

Il vero obiettivo è quello di portare lo Yemen alla dominazione saudita, altrimenti distruggerà il suo popolo.

I sauditi possono affermare che gli obiettivi sono stati raggiunti. In pratica, i sauditi hanno abbassato il target dei loro obiettivi. Essi sostengono di difendere il popolo yemenita, ma allo stesso tempo, lo stanno bombardando.

Dall’inizio dell’operazione Restore Hope, i sauditi hanno bombardato le case con l’uso di bombe a grappolo, vietate, armi molto pericolosi, che ancora soffriamo in Libano.

Lotta al terrorismo: essi forniscono armi ad al-Qaida e garantiscono la sua espansione. Bombardano le posizioni dell’esercito per evitare che la loro avanzata in zone controllate da al-Qaeda!

Hanno bombardato l’aeroporto per vietare agli aerei il trasporto di aiuti umanitari alla popolazione yemenita.

Invece di permettere agli organismi internazionali di organizzare un dialogo in un luogo neutrale, Abd Rabbo Mansour Hadi ha invitato al dialogo in Arabia Saudita. Ciò complica le cose e dimostra che l’Arabia non è alla ricerca di una soluzione politica alla crisi.

SIRIA

Quando  i gruppi armati hanno conquistato Idlib, abbiamo affrontato una campagna di false voci sulle pagine dei social network. La guerra psicologica è stata condotta per gioire di ogni exploit nemico per distruggere il morale della popolazione. Queste voci si basano su elementi confessionali.

Dopo la caduta di Jisr el-Choughour, hanno sostenuto che il governo siriano è finito,  che l’esercito è crollato, che gli alleati hanno abbandonato la Siria, che la situazione è molto complicata. Hanno detto che molti alawiti si dirigono verso il confine libanese e che gli Hezbollah metteno pressione sul governo libanese per consentire loro di entrare. Tutto questo è senza fondamento.

È una guerra psicologica che vuole fiaccare il morale del popolo siriano, al fine di raggiungere gli obiettivi che non sono stati raggiunti negli anni della guerra.

  1. Che nessuno presti attenzione a queste voci. I siriani devono rendersi conto che questa è una guerra psicologica, e non è nuova. Le circostanze in Siria quattro anni fa erano ancora più difficili e non sono girate queste voci.
  2. 2- Che cosa si dice circa la posizione iraniana non è vero. Alcuni giorni fa, Sayed Khamenei ha ribadito che il suo paese sta negoziando solo per il nucleare e non lascerà mai sola la Siria. Anche la Russia ha ribadito il suo sostegno al suo alleato. Cercate i fatti sul terreno per capire se il piano crolla. Come si può sostenere che il governo sta crollando, mentre nuovi successi sono raggiunti? In guerra, vincendo una battaglia non significa vincere la guerra. Ciò che accadde in Idlib è una vittoria di una battaglia non della guerra. Noi abbiamo vinto numerosi altri combattimenti. La situazione cambierà a Idlib inchallah con i continui combattimenti. Ma ciò che è incredibile, avviene in Libano, alcune partiti sono davvero ansiosi di festeggiare qualsiasi vittoria, e quando capiscono la situazione sul terreno, si rendono conto che non c’è nemmeno un grande risultato da celebrare.
  3. Caro popolo siriano, noi di Hezbollah, confermiamo che saremo sempre al tuo fianco, e saremo dove dobbiamo essere. Siamo andati in Siria sulla base di una valutazione chiara e logica, secondo cui i gruppi terroristici cercano di distruggere la Siria, il Libano e l’intera regione. Immaginate cosa avrebbero fatto se questi gruppi avessero trionfato in Siria.

 

LIBANO

Diverse questioni importanti da discutere: le minacce israeliane, la situazione interna, la paralisi degli organi costituzionali, la situazione della sicurezza nella periferia sud, gli omicidi di alcuni fratelli di Ain el-Helwe.

Oggi voglio parlare solo della situazione sul terreno Anti-Libano e vedere le altre domande per il prossimo discorso:

Per quanto riguarda Qalamoun: Quando dissi qualche tempo fa che la “neve che si scioglie”, ho detto che il Libano si trova ad affrontare una scadenza.

 

Contrariamente alle affermazioni dei media di opposizione, queste osservazioni sono state fatte prima degli ultimi sviluppi in Jisr el-Shughour, e quindi, non hanno nulla a che fare con gli eventi recenti.

 

Eravamo consapevoli delle intenzioni dei gruppi armati che stavano progettando di compiere attentati in Libano. Vedete dopo lo scioglimento della neve, questi gruppi hanno lanciato attacchi e uccidono persone in Libano, come è il caso in Aarsal.

Circa l’Anti-Libano, non stiamo parlando di una minaccia virtuale, ma un’offensiva efficace attraverso attacchi contro postazioni dell’esercito, l’occupazione di gran parte del Jurd, gli attacchi permanenti contro l’esercito contro i civili ad Aarsal, il protrarsi della prigionia dei soldati libanesi, il bombardamento della regione e le minacce di continuare tali attentati. Quindi, queste minacce sono effettive, reali.

INCAPACITÀ DELLO STATO LIBANESE

Lo stato non è in grado di affrontare questa minaccia. Non è in grado di liberare i soldati o proteggere le aree esposte ad attacchi terroristici. È chiaro che lo Stato non è in grado di proteggere la patria.

Di fronte a questo fallimento, noi ci assumeremo questa responsabilità. Non abbiamo fatto alcuna dichiarazione ufficiale sui piani di Hezbollah. Sì, ci sono i preparativi che il popolo osserva. Non abbiamo parlato della grandezza di questa battaglia, o quando avverrà e dei suoi obiettivi. Questa battaglia si svolgerà, e Hezbollah non vuole aggiungere dettagli.

Quando l’operazione inizia, tutti potranno comunicare i fatti sul terreno. Non è nel nostro interesse parlare dei dettagli della prossima battaglia.

Certamente stiamo assistendo all’intimidazione e alle critiche, come quella che la resistenza deve garantire l’unanimità delle forze politiche. Se aspettiamo l’unanimità, non ci sarà alcuna resistenza, né contro l’occupante sionista né contro gruppi terroristici.

Si tratta di un dovere religioso e patriottico che tutti devono prendere. Alcune forze politiche ci sostengono, che ringraziamo. Quanto a noi, ci sacrifichiamo per proteggere il nostro popolo.

A coloro che hanno finanziato i gruppi armati non hanno alcun valore, applicano una versione distorta dell’Islam, e sono una minaccia per tutti e una minaccia per l’Islam.

Nel frattempo, e fino a quando l’altra parte non si capirà il pericolo dei gruppi takfiristi, ci affidiamo a Dio ed è Lui che ci darà la vittoria in ogni grande battaglia che ha l’obiettivo di proteggere i luoghi santi e la patria. La vittoria è quindi una vittoria divina.

La pace di Dio sia con voi.

[Trad. dal francese per ALBAinformaizone di Francesco Guadagni]

 

Houthi: «Il popolo yemenita non si arrenderà»

da al manar

Per la seconda volta dall’inizio dell’aggressione degli USA e dell’Arabia Saudita contro lo Yemen, avviata alla fine di marzo, il capo del movimento Ansarulá ha pronunciato un discorso televisivo in cui ha attaccato violentemente il regime saudita.
Sayyed Abdel Malek al-Huthi ha accusato Riad di “agire con ferocia verso gli yemeniti,” spiegando che «l’obiettivo dell’ Arabia Saudita è quello di invadere e occupare il paese e sottometterlo alla sua volontà»
«Riad non ha alcun diritto di interferire negli affari interni dello Yemen. Si tratta di una violazione della sovranità del nostro paese », ha ribadito Al Huthi.
Ha spiegato che «tutti i pretesti utilizzati da alcuni per legittimare l’aggressione contro Yemen sono infondati». Inoltre, si è chiesto: «Come questa aggressione può essere benefica per il popolo yemenita se si distruggono la sue ricchezze e le sue infrastrutture?»
Dopo aver salutato tutte le posizioni di solidarietà con il popolo yemenita, Huthi ha affermato che il «vero arabismo non può esistere sotto la tutela di Israele e il comando degli Stati Uniti» ed ha accusato Washington di essere responsabile per il sangue di vittime morte per le armi degli Stati Uniti.
«Gli statunitensi hanno riconosciuto che sono loro che forniscono gli obiettivi da colpire al regime saudita», ha aggiunto.
Per quanto riguarda l’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU sullo Yemen, l’ha definita “ingiusta, ma non sorprendente.” A questo proposito, ha precisato che «solo il popolo yemenita può decidere il suo futuro».
Per quanto riguarda il dialogo tra le diverse parti del popoli yamenita, Ansarulá ha affermato che ci sono stati colloqui prima della aggressione , ma «sono gli agenti stranieri che hanno lavorato per sabotare qualsiasi accordo».

Allo stesso tempo, ha evidenziato che è per volere dell’Arabia che Al Qaeda controlla gran parte dello Yemen. «Al Qaeda ha un ruolo importante nel Sud, con l’appoggio dell’Arabia Saudita», ha spiegato.

In questo contesto, Huthi ha promesso che il popolo yemenita non si piegherà e «resisterà contro l’aggressione brutale. Coloro che credono che la loro aggressione feroce possa intimidire il popolo yemenita si sbaglia».
Infine, ha avvertito che «è diritto del popolo yemenita combattere contro questa aggressione con tutti i mezzi».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Haykal: «Gli arabi hanno perso l’Iran»

da al manar

«Abbiamo perso l’Iran, per il solo fatto di mantenere le nostre relazioni con gli Stati Uniti, e questo è assolutamente deplorevole», ha dichiarato Mohamed Hassanein Heikal, eminente giornalista egiziano, che ha denunciato l’attuale interazione dei paesi arabi con Teheran.

 Sul canale televisivo egiziano, CBC, Mohamed Hassanein Heikal, ha aggiunto: «È davvero un peccato che abbiamo perso le nostre relazioni con l’Iran, senza alcun motivo, e per il solo beneficio degli americani. Gli americani sapevano che alcuni paesi arabi stavano vivendo qualche incomprensione verso la rivoluzione islamica in Iran, e hanno fatto abuso di questo fatto, nel senso dei loro interessi. Gli americani hanno fatto in modo che ci dimenticassimo la guerra contro Israele, occupando noi stessi con i conflitti tra sciiti e sunniti».

Per quanto riguarda la situazione in Siria, Mohamed Hassanein Heikal ha ribadito: «Non possiamo ignorare la forza di Bashar al-Assad. La realtà è che rimasto al potere negli ultimi cinque anni. L’Egitto, a sua volta, potrebbe avere un ruolo positivo nella risoluzione della crisi in Siria».

Heikal è poi soffermato sullo Yemen, se da un lato lo ha definito un vulcano spento, nel sud della penisola arabica, da un altro versante è un vulcano la cui eruzione interesserà la regione nella sua interezza, compresi i paesi arabi del Golfo Persico.

Heikal ha criticato Riyadh per il ricorso all’opzione militare contro lo Yemen: «la guerra non è un’opzione alla qualle si può far subito ricorso. È stato necessario, in primo luogo, se l’Arabia Saudita sarà in grado di pagare le conseguenze. Allo stato attuale, i paesi arabi sono impantanati nella divisione, distruzione, confusione, la disperazione e nella mancanza di una leadership. Tutto ciò alimenta le sconfitte, il caos e il fenomeno del terrorismo. Ci sono eserciti arabi che sono del tutto incapaci di affrontare il terrorismo».

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Yemen: ennesima guerra degli USA

Angel Guerra Cabreradi Angel Guerra Cabrera – cubadebate.cu

Nel discorso inaugurale del suo secondo mandato, il presidente Barack Obama sostenne: “Un decennio di guerra sta terminando proprio ora”.

Indubbiamente, il Nobel per la Pace ha realizzato operazioni militari contro la Libia, nuovamente in Iraq (dove presumibilmente la guerra era terminata) ed in Siria, oltre ad allargare l’invasione in Afghanistan.

Pakistan, Somalia e Yemen sono stati lo scenario di continui attacchi di droni ordinati personalmente dall’inquilino della Casa Bianca, che hanno provocato migliaia di morti e feriti, in maggioranza civili, comprendendo molti bambini, secondo l’Ufficio di giornalismo investigativo con sede a Londra.

Qualche giorno fa, senza richiedere il permesso al Congresso né informare minimamente l’opinione pubblica, Obama ha deciso di appoggiare “logisticamente e tecnologicamente” l’aggressione all’impoverito Yemen da parte di dieci paesi arabo-musulmani capeggiati dal ricco vicino saudita. Tra loro, Egitto e Pakistan, che possono contare su potenti forze armate.

La coalizione opera sotto la bandiera della Lega Araba che, al contrario, si è disinteressata della liberazione della Palestina.

I droni statunitensi sono provvisti di video per permettere ai sauditi di scegliere gli obiettivi della loro aviazione. Apparentemente, è proprio lasciandosi guidare da questi video che si son prodotti massacri di civili da quando la coalizione ha cominciato gli attacchi aerei. Il capo delle operazioni saudita ha affermato che un’invasione terrestre seguirà i bombardamenti.

Si è voluto presentare l’aggressione allo Yemen come un’azione per proteggere il popolo yemenita da un presunto intervento iraniano, un pretesto simile a quelle delle armi di distruzione massiva in Iraq. È illegale attaccare qualsiasi paese salvo se deciso dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, in maniera tale che non sia valida questa motivazione sul piano giuridico.

Il fatto che gli yemeniti zaidi appartengano ad un ramo sciita dell’Islam, sicuramente eterodosso ed il più vicino all’unnismo non significa, neppure più di tanto, che siano marionette di Teheran, sebbene questa condanni l’aggressione del suo nemico saudita e mantenga buone relazioni con loro. Gli zaidi, ora chiamati anchi houthi, devono il loro nome al cognome di Husayn Badr Addin Al-Houthi, capo religioso morto in combattimento durante la rivolta armata del suo popolo contro il governo di Sa’ana nel 2004. Lo devono anche al fatto che i tre fratelli del primo sono parte integrante della leadership attuale della ribellione. Gli zaidi, che costituiscono la terza parte della popolazione yemenita, chiedevano autonomia politica per il governatorato di Sa’dah, dove risiedono in maggioranza, così come rispetto per i loro credi religiosi e cultura ancestrali. Questo popolo governò lo Yemen del Nord per quasi mille anni sino al 1962.

Nel febbraio del 2010, durante la cosiddetta “primavera araba”, il Governo ed i ribelli houthi stipularono un cessate il fuoco.

Nel 2011, gli houthi si unirono alle proteste contro il futuro presidente deposto Saleh ed estesero il loro controllo territoriale nella provincia di Sa’dah e nella vicina ‘Amran. Successivamente, parteciparono alla Conferenza per il Dialogo nazionale, svoltasi tra marzo 2013 e gennaio 2014.Il presidente Hadi, successore di Saleh, annunciò un piano per febbraio 2014, che consisteva nel trasformare lo Yemen in una federazione di sei regioni, proposta rigettata categoricamente dagli houthi, per cui ripresero la lotta armata contro il governo appoggiata dall’Arabia saudita.

Ferventi guerriglieri, i montanari houthi condussero a termine una campagna-lampo sostenuti da unità delle forze armate leali all’ex presidente Saleh che li portò ad assumere il controllo di Sa’ana, la capitale; Taiz, terza città del paese e poi la seconda e strategica città di Aden che domina il golfo omonimo, da dove misero in fuga Hadi, il quale stava tentando di fortificarsi proprio lì.

Piuttosto che una disputa religiosa della versione fanatica dell’Islam dominante a Riyad contro gli zaidi, l’enorme coalizione creata dall’ultrareazionario regno saudita contro la ribellione houthi esprime il suo incredibile timore per un movimento popolare armato, capace di imporsi militarmente in un esteso territorio che la dinastia Saud ha sempre tentato di sottomettere.

Inoltre, il regno saudita teme la presenza nel sud dello Yemen sia di Al-Qa’ida che dello Stato islamico, ora avversario, della cui creazione sono massimi responsabili Washington e Riyad.

Chi controlla lo Yemen, controlla anche lo stretto di Bab al-Mandib che comunica con il canale di Suez ed il Mar Rosso con il golfo di Aden, da dove passano oltre tre milioni di barili di greggio ogni giorno.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Antonio Cipolletta]

Yemen: gli Houti avanzano, arrestato il Ministro della Difesa

da Spondasud.it

Il ministro della Difesa dello Yemen Mahmud al-Subaihi è stato arrestato nella città di Houta, nella provincia di Lahj, nel sud del paese. Lo ha detto il portavoce dei miliziani sciiti Houthi, Mohammed Abdulsalam, citato dalla televisione al-Massira.

Subaihi era fuggito dagli arresti domiciliari impostigli dai ribelli sciiti a Sanàa e si era recato ad Aden, dove aveva raggiunto il presidente Abed Rabbo Mansour Hadi. Anche quest’ultimo era evaso dagli arresti domiciliari a metà febbraio.

Abdulsalam ha quindi spiegato che Subaihi e le altre persone arrestate sono state «trasferite a Sanàa e sono in custodia delle forze armate». Intanto continuano gli scontri a Houta tra i sostentori di Hadi e gli houthi, sempre più vicini ad Aden. In precedenza l’emittente televisiva al-Masirah aveva riferito che gli Houthi avevano conquistato la base aerea di al-Annad, a soli 60 chilometri da Aden.

Nei giorni scorsi i miliziani sciiti hanno preso possesso dell’aeroporto di Taiz, terza città del Paese, quasi interamente sunnita, situata 300 km a sud della capitale. Taiz rappresenta un avamposto strategico e la sua conquista rappresenta un passo importante in direzione dello stretto di Bab el-Mendeb, situato nell’estremità occidentale dello Yemen verso il Corno d’Africa.

Intanto gli Houthi hanno fatto sapere che non parteciperanno ai colloqui di riconciliazione nazionale tra le fazioni yemenite che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni a Doha, in Qatar. Lo ha annunciato il portavoce del gruppo, Mohammed Abdulsalam, citato dal sito del quotidiano Yemen Post.

Il portavoce ha motivato la decisione spiegando che il Qatar, così come l’Arabia Saudita (indicata all’inizio come sede dei colloqui), è su posizioni «ostili» agli Houthi in quanto sostiene il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi. I paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC), di cui Arabia Saudita e Qatar fanno parte, hanno definito un «golpe» la conquista di Sanaa da parte dei ribelli e hanno sempre ribadito il loro supporto al governo di Hadi.

Resta aperta a questo punto l’ipotesi di un intervento militare del Peninsula Shield Force (le truppe di difesa del GCC, già intervenute in Bahrain nel marzo 2011 durante le sommosse popolari portate avanti principalmente dalla comunità sciita). Con le sue 40mila unità e una base permanente nelle provincia orientale dell’Arabia Saudita, il corpo di protezione del Golfo è già stato allertato.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: