Siria, la realtà sul campo di battaglia

da lantidiplomatico 

di Pedro García Hernández, inviato in Siria di Prensa Latina

Da Athriya, una città a nord della provincia di Hama, 210 chilometri da Damasco, l’esercito siriano ha iniziato un’offensiva per liberare Raqqa.

Fonti militari hanno confermato che le forze armate siriane sono riuscite ad avanzare otto chilometri verso l’aeroporto militare Tabqa diga, intorno alla “capitale” dello Stato islamico o Daesh,.

Questa nuova offensiva, sostenuta e coordinata pienamente con gli alleati russi, è lanciata su più assi ed è diretta da unità speciali come i Falchi del Deserto e dal Corpo dei Marines siriani.

La vasta esperienza di combattimento di questi distaccamenti è dimostrata sul campo di battaglia , nel mantenimento delle aree liberate, per esempio Palmira e nel rispetto della tregua dal 27 febbraio scorso.

Queste nuove azioni sono la dimostrazione che il metodo deterrente sostenuto da Siria e Russia dopo complessi negoziati per tutta la durata della tregua, ha funzionato a metà, soprattutto i doppi standard utilizzati dagli Stati Uniti e dei suoi alleati nella regione: Turchia, Arabia Saudita e Qatar.

Anche se la tregua ha fatto progressi nella politica di riconciliazione nazionale di Damasco e che finora è accettata da più di 120 località e da cinquanta gruppi armati, non è stata rispettata da gruppi terroristici come il Daesh e il Fronte Al-Nusra, tra gli altri.

Finora, secondo il governo siriano e il centro di coordinamento in russo di base a Hemymin in provincia di Latakia, la tregua è stata violata da questi gruppi più di 610 volte.

Mentre la realtà ha mostrato i pro e i contro della cessazione delle ostilità, gli Stati Uniti hanno aumentato il supporto per la cosiddetta opposizione siriana e le forze curde a nord di Aleppo e anche nella provincia settentrionale di Hasaka.

Stranamente senza coordinamento precedente e senza pianificazione, la cosiddetta coalizione guidata da Washington ha avviato l’attacco verso Raqqa, consolidando le posizioni conquistate dai curdi in quelle regioni con la possibilità pericolosa di molteplici incidenti dove vi è la presenza di più di 15 mila soldati di diverse tendenze e schieramenti.

Per gli esperti e gli analisti, gli obiettivi degli Stati Uniti e dei loro  alleati sembrano essere chiari. Propiziare lo smembramento della Siria, mantenere un caos operativo in scontri e in qualche modo evitare la distruzione totale di due altamente significativi per loro gruppi terroristici, come Daesh e il Fronte Al-Nusra.

Attualmente, la situazione sul combattimento a terra è molto complicata e richiede una maggiore e e più ampio coordinamento tra coloro che realmente lottano contro il terrorismo.

Da nord a sud, attraverso un arco geografico che si estende almeno su 13 fronti di battaglia, le forze armate siriane ed i suoi alleati hanno davanti a loro una delle più complesse fasi della lotta contro il terrorismo, i cui attori sono coinvolti in un lavoro che implica, come mai avvenuto prima nel Levante, la comparsa di numerosi “registi”.

L’Iran riconosce il prestigio della Rivoluzione cubana

da lantidiplomatico 

Il consigliere del Presidente degli affari culturali dell’Iran Hesamoddin Ashena ha riconosciuto il prestigio della Rivoluzione cubana e dei suoi capi storici, e ha chiesto più stretti legami bilaterali.

Ashena ha ricevuto l’ambasciatore di Cuba a Teheran, Vladimir Gonzalez, che era accompagnato dal secondo segretario della missione diplomatica, Norberto Escalona.

In una nota dell’ambasciata cubana è scritto che Quesada ha ringraziato per l’interesse dimostrato da parte del governo iraniano nel convocarlo ed ha spiegato in dettaglio il processo avviato tra Cuba e gli Stati Uniti al fine di normalizzare i rapporti bilaterali.

Tale questione ha attirato l’attenzione della nazione persiana, mentre le rivoluzioni di Cuba e Iran hanno operato per decenni in uno scenario avverso, per la politica aggressiva orchestrata da Washington, ha spiegato la fonte diplomatica.

A questo proposito, anche il direttore del Centro per gli Studi Strategici del Presidente della Repubblica islamica ha invitato l’ambasciatore per una conferenza di specialisti e studiosi di questa istituzione.

La discussione di Quesada si concentrerà sull’espansione e sul ripristino delle relazioni diplomatiche tra l’Avana e Washington, e le questioni affrontate nel corso degli ultimi 17 mesi di dialogo tra i due governi.

L’ambasciatore ha anche sottolineato l’importanza di rafforzare i legami tra la sua nazione e il paese persiano con tutti i mezzi possibili, per favorire gli scambi culturali e accademici.

Infine, ha anche ricordato i 37 anni della restaurazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi, che si celebreranno l’8 agosto.

Nasrallah: l’asse della Resistenza non sarà mai sconfitto

da lantidiplomatico 

Il segretario generale del Movimento della Resistenza Islamica (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah, ha detto che l’asse della resistenza non sarà sconfitto e sarà vittorioso in questa battaglia nella regione e la causa palestinese sarà al centro del conflitto vero e proprio.
In un discorso televisivo per celebrare il 16° anniversario della liberazione del Libano meridionale dal regime di occupazione israeliano, durato 18 anni, Nasrallah ha ricordato come Hezbollah ha costretto Israele a lasciare il Libano nel 2000.
 
Nasrallah ha ricordato i massacri commessi dall’occupazione israeliana contro il popolo palestinese, e come la responsabilità ricade su tutti coloro che hanno a che fare con l’entità israeliana e la sua occupazione della Palestina.
 
Egli ha anche avvertito che gli eventi nella regione e l’ideologia wahhabita, minacciano i paesi, le società ed i popoli in tutta la regione e oltre a realizzare gli interessi delle grandi potenze del mondo.
 
Nasrallah ha predetto “tempi caldi” in Medio Oriente nei prossimi mesi prima delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, perché l’amministrazione Usa vuole “rovesciare sangue nelle urne” e che la fine del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) “è molto vicina”.

 

 

 

Iran e Nord Corea sostengono la Siria contro il terrorismo

da lantidiplomatico 

L’Iran ha condannato fermamente, oggi, gli attacchi terroristici che hanno scosso la città di Jableh e Tartus, uccidendo decine di persone innocenti, e ha espresso la sua profondo dolore per il governo e il popolo siriano, in particolare le famiglie dei martiri e feriti.
 
Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano ha dichiarato che il terrorismo e l’estremismo rappresentano una grave minaccia per tutti i popoli della regione e per la pace e la sicurezza internazionale, che richiede alla comunità internazionale di assolvere ai suoi compiti e responsabilità sia legale che morale, in una campagna globale contro questo fenomeno disumano.
 
Pyongyang ribadisce la solidarietà con il popolo siriano contro il terrorismo
 
Il Ministero degli Esteri della Corea del Nord ha dichiarato che gli attacchi terroristici che hanno avuto luogo nelle città di Jableh e Tartus sono un prodotto delle trame sporche dei terroristi e delle forze che li supportano, ribadendo la solidarietà di Pyongyang con la giusta lotta del popolo e del governo siriano contro il terrorismo.

Un portavoce del ministero degli esteri della Corea del Nord ha ribadito il sostegno e la solidarietà con la giusta lotta del popolo e del governo della Repubblica araba siriana per contrastare le attività ostili.
 
Egli ha aggiunto che “questi atti terroristici sono stati il risultato di trame sporche dei terroristi e delle forze che sono dietro di loro per ostacolare il processo di risoluzione della crisi in Siria.”
 
Infine, la Corea del Nord ha ribadito la sua ferma posizione che rifiuta ogni forma di terrorismo.

 

Responsabili israeliani propongono di uccidere gli attivisti BDS

da lantidiplomatico

Funzionari israeliani infuriati per la campagna internazionale di boicottaggio contro Israele chiedono qualsiasi azione, anche di uccidere i seguaci del movimento pro-palestinese per fermare la sua crescita.

La questione è stata discussa, lunedì scorso, nella città palestinese di Al-Quds (Gerusalemme), dove un gran numero di giornalisti politici, militari e responsabili israeliani hanno partecipato ad una conferenza dal titolo ‘Stop BDS’, movimento internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento e sanzioni (BDS) contro Israele, che denuncia l’occupazione della Palestina.

Anche se le autorità israeliane tendono a sminuire gli effetti negativi che ha avuto il boicottaggio anti-israeliano a livello globale per l’economia di questo regime, la conclusione della manifestazione di lunedì scorso è stata sufficiente per dimostrare l’efficacia del movimento.

Gli organizzatori della conferenza hanno ammesso che “senza coltelli o missili”, il movimento BDS sta guadagnando sempre più seguito in Europa, Stati Uniti e altrove. Dal campus universitario della California (USA), ai supermercati Parigi (Francia), alle università, il boicottaggio economico e culturale diventa una minaccia palpabile per lo status internazionale di Israele, secondo i funzionari israeliani.

Parlando alla conferenza, Yisrael Katz, ministro dell’Intelligence del regime israeliano, ha chiesto di effettuare “omicidi mirati” degli attivisti che sostengono il movimento BDS, con l’aiuto dell’intelligenza del regime di Tel Aviv.

A sua volta, Tzipi Livni, ex agente del Mossad ha dichiarato che è ora di moda “essere vegetariani e odiare Israele”, riferendosi alla grande diffusione di odio in tutto il mondo per la politica aggressiva del regime contro i palestinesi.

Il direttore del quotidiano israeliano “Yedioth Ahronoth”, Ron Yaron, un altro oratore alla manifestazione, ha confrontato il regime israeliano con quello dell’apartheid in Sud Africa. Egli ha detto alla folla che il potere del BDS non può essere sottovalutato, e che Israele non dovrebbe essere nella posizione in cui è stato per 5, 10 anni il Sud Africa, ma subito ha precisato: non vi è alcuna relazione tra il Sudafrica e Israele.

La campagna internazionale BDS sempre più diffusa in tutto il mondo, è una risposta collettiva al genocidio, l’apartheid ed ai crimini contro l’umanità commessi dal regime israeliano negli ultimi decenni contro i civili palestinesi.

 

Assad: «In Siria e Iraq terrorismo turco, saudita, e di alcuni paesi UE»

da lantidiplomatico

Il presidente Bashar al-Assad, in un’intervista a “Sputnik” e “Ria Novosti,  ha dichiarato che le vittorie conseguite dall’esercito siriano avranno un impatto sui paesi che ostacolano una soluzione in Siria, in particolare, su Arabia Saudita, Turchia, Francia e Gran Bretagna, che scommettono sul suo fallimento, per imporre le loro condizioni nei negoziati.

Il presidente Assad ha dichiarato che il sostegno militare della Russia e degli Amici della Siria nei successi militari siriani contribuiranno ad accelerare una soluzione politica e non viceversa, notando che Damasco non ha cambiato le sue posizioni prima o dopo il supporto della Russia.

In risposta ad una domanda sul fatto che le vittorie conseguite da parte dell’esercito rafforzino la posizione del governo nei colloqui di Ginevra e mettano in pericolo il processo politico, il presidente ha risposto che «ci sono alcune parti che accusavano sia la Siria che la Russia che cercano di presentare il sostegno della Russia alla Siria nella lotta contro il terrorismo come il supporto per il presidente o il governo siriano, e che, quindi, ciò ostacoli il processo politico».

Inoltre, ha spiegato che il governo è stato flessibile fin dall’inizio, la politica in Siria per cinque anni ha risposto a tutte le iniziative volte a non far passare nessuna occasione senza cercare di risolvere la crisi».

Il presidente siriano ha affermato che il terrorismo che insanguina Siria e Iraq è sostenuto da Turchia, Arabia Saudita e diversi paesi europei, tra cui Francia e Regno Unito.

«Il terrorismo è il vero problema. Dobbiamo combatterlo a livello internazionale, perché il terrorismo non riguarda solo la Siria. esiste il terrorismo in Iraq ed è supportato direttamente dalla Turchia, dalla famiglia reale dell’Arabia Saudita, nonché da parte dei paesi occidentali, in particolare da Francia e Regno Unito», ha aggiunto Assad.

«Mentre gli altri paesi osservano solo. Non fanno nulla di serio per quanto riguarda questo problema», ha lamentato il presidente.

Il presidente siriano ha spiegato che la migrazione è stata causata non solo dalla mancanza di sicurezza, ma anche dalle sanzioni occidentali.

«Le cause delle migrazioni non sono solo il terrorismo e la mancanza di sicurezza, ma anche il blocco, le sanzioni occidentali imposte alla Siria. Molti erano in zone sicure dove non c’è il terrorismo. Le persone ora sono in grado di ottenere il necessario. Pertanto, in qualità di Stato dobbiamo agire, dalle prime esigenze elementari, per migliorare la situazione economica e il settore dei servizi in Siria. È quello che facciamo nel quadro della ricostruzione», ha detto.

Nell’intervista, ha spiegato che il governo siriano prende provvedimenti per garantire che i cittadini non abbiano motivo di emigrare.

«Abbiamo iniziato i lavori di ricostruzione prima che finisse la crisi, per quanto possibile, per mitigare le conseguenze del danno economico e allo stesso tempo ridurre il flusso di migranti all’estero», ha aggiunto.

Il presidente ha ricordato che il danno economico e alle infrastrutture supera i 200 miliardi di dollari, indicando che le questioni economiche possono essere affrontate solo quando la situazione si stabilizzerà, ma la ricostruzione delle infrastrutture richiede molto tempo.

Sul processo di ricostruzione, il presidente ha annunciati che Damasco sarà supportata da Russia, Cina e Iran.

A questo proposito, ha sottolineato che «la ricostruzione è vantaggiosa per le aziende che parteciperanno e si baserà su tre Paesi che hanno sostenuto la Siria durante la crisi; Russia, Cina e Iran».

Ha inoltre dichiarato che molti paesi che erano contro la Siria, riferendosi ai paesi occidentali, con  le loro aziende cercheranno di partecipare al processo, ma «i siriani di rivolgeranno ai paesi amici».

«Per quanto riguarda le infrastrutture, saranno necessaria, probabilmente più di decine, centinaia di persone in diversi campi e specializzazioni. Pertanto, si ritiene che le compagnie russe avranno un ampio spazio per contribuire alla ricostruzione della Siria», ha affermato Assad.

La transizione in Siria dovrebbe essere fatta da parte del governo di unità nazionale

«In primo luogo, prendiamo il “periodo di transizione”: questo concetto non esiste. In Siria si considera che la transizione politica passi da una Costituzione all’altra che definisce la struttura politica necessaria per avviare la fase successiva. Cioè, il periodo di transizione deve iscriversi nella attuale Costituzione e adottare una nuova, votata dal popolo siriano», ha spiegato.

Egli ha sottolineato che «il corpo di transizione o cosa determina il formato della transizione è un governo formato da varie forze politiche siriane: l’opposizione, indipendenti, appartenenti al governo attuale e gli altri».

L’obiettivo principale di questo governo, ha sostenuto, è «sviluppare una costituzione, poi sottoporla ai voti dei siriani e successivamente assicurare il trasferimento alla nuova Costituzione».

«Né la Costituzione siriana né di alcun altro paese del mondo corpo descrive qualcosa chiamato transizione. Mancherebbe di logica ed è incostituzionale. Quali sono i poteri di questo corpo? Come regolerà la vita quotidiana dei cittadini? Chi valuterà? Oggi ci sono il Consiglio del Popolo (Parlamento) e la Costituzione che determinano le azioni del governo e dello Stato. Pertanto, la soluzione è quella di creare un governo di unità nazionale che preparerà la nuova costituzione», ha sintetizzato.

Sui colloqui di Ginevra III, il presidente ha sottolineato che «al momento non si può dire che i colloqui di Ginevra diano risultati, ma si parte dalle basi, cioè lo sviluppo dei principi fondamentali che definiscono i colloqui, perché privo di alcuni principi diventa caotico e non porta a nulla perché permette a ciascuna delle parti di apparire terza e consentire interferenze da parte di altri paesi».

La delegazione di Damasco, ha ricordato, ha lavorato principalmente a Ginevra con l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria, Staffan de Mistura, e «non con il partito di opposizione con il quale dovremo negoziare».

«Continueremo le consultazioni e il dialogo sul documento nel prossimo turno. Al momento posso dire che ciò che è stato raggiunto nel precedente turno, può permettere il successo dei negoziati, e se continuiamo su questo trend i prossimi turni saranno produttivi», ha aggiunto.

Una Siria federale non avrà il consenso del popolo siriano in caso di votazione

E sul tema della federalizzazione della Siria, il capo di stato siriano ha detto: «Dal punto di vista geografico, la Siria è un paese troppo piccolo per essere una federazione. Probabilmente è più piccolo della maggior parte delle repubbliche russe. Dal punto di vista della sociologia, la federalizzazione è necessaria quando c’è la presenza di comunità che compongono la società e che, probabilmente, non possono coesistere pacificamente, che non esistevano nella storia della Siria, ed è un principio fondamentale. Non credo che la Siria è pronta per la federalizzazione, non ci sono fattori naturali per renderla possibile».

Assad ha aggiunto che come Stato «saremo d’accordo con tutto quello approverà il popolo».

«La questione della federalizzazione è legato alla Costituzione che deve avere il consenso del popolo, ma resta inteso che se si intendono cambiamenti sono necessari nell’entità federale dei curdi. La maggior parte dei curdi voglio vivere nel quadro di una Siria unita, con hanno  le autorità centrali a livello politico e non federale», ha precisato.

Non si dovrebbe «confondere i curdi che aspirano alla federalizzazione con tutti i curdi», aggiungendo che «è probabile che ci sono persone che non sono minoranza curda e globalmente anche aspirare ad esso; tuttavia questa idea non è stata proposta dalla società siriana e non credo che se ci sarà un voto, sarò approvata dal sostegno del popolo siriano», ha sostenuto Assad.

Per quanto riguarda il discorso della stesura di una nuova costituzione nel mese di agosto, il presidente Assad ha affermato: «probabilmente il progetto di Costituzione sarà pronto in poche settimane. Gli esperti sono presenti, ci sono proposte elaborate che possono soddisfare, più tempo viene speso in discussioni».

«Noi, come Stato oggi possiamo metterci d’accordo con la stesura del testo della Costituzione e lo presentiamo ai siriani. Ma quando si parla di forze politiche, di quale le altre forze politiche stiamo parlando? Non lo sappiamo. Lo abbiamo chiesto a De Mistura e non lo sa neanche lui. Non lo sanno neanche gli statunitensi e a volte neanche l’Occidente», ha spiegato ancora Assad.

Alcuni paesi e «in particolare l’Arabia Saudita», ha precisato, «vogliono ridurre l’altra parte in un’unica piattaforma oppositrice formata a Riyadh dai terroristi»

Analogamente Assad ha accennato alla necessità di una opposizione presente come una singola forza. «Quando ci sarà, si può parlare con loro della Costituzione. Per quanto riguarda il mese di agosto, si tratta di un periodo di tempo ragionevole e sufficiente», ha concluso.

 

L’esercito siriano ha liberato Palmyra!

da lantidiplomatico

Le forze armate siriane hanno cominciato la loro offensiva su larga scala l’8 marzo, colpendo le colline circostanti ed i frutteti, prima di iniziare l’assalto ai bastioni dell’ISIS. Il numero di terroristo dell’ISIS uccisi nella lunga battaglia durata 18 giorni non è stato confermato dall’esercito arabo siriano; tuttavia, una fonte, che ha accompagnato la Brigata Falchi del deserto durante la battaglia ha conformato ad Al-Masdar la notizia che centinaia di jihadisti sono stati uccisi, insieme a un gran numero di veicoli e armi pesanti distrutte. Il 21 maggio, 2015, iniziò il regno del terrore dell’ISIS su Palmira; questo gruppo terroristico ha brutalmente massacrato decine soldati e civili.

Al momento della cattura di Palmyra, il gruppo terroristico ha raso al suolo  santuari, templi e monumenti. Antichità inestimabili che hanno resistito a secoli di sfide, di catastrofi naturali e artificiali, sono stati tragicamente distrutti dall’ISIS. Palmyra è strategicamente importante perché situata in un deserto che si estende fino ai confini iracheni ad est, con la roccaforte del gruppo terroristico, Raqqa, a nord.

La caduta di Palmira, molto probabilmente aprirà la strada all’esercito siriano per avanzare verso la roccaforte del gruppo terroristico a Raqqa così come la città orientale di Deir ez-Zor. Attualmente, le forze della Guardia Repubblicana sono ancora a difesa della base militare di Deir ez-Zor, dove decine di migliaia di civili soffrono uno spietato assedio imposto dall’ISIS.

Hezbollah nega il ritiro delle sue truppe dalla Siria

da lantidiplomatico

Hezbollah ha smentito le notizie sul ritiro delle proprie forze militari dalla Siria, in parallelo con la decisione russa di ritirare la maggior parte del suo contingente militare dal paese arabo.

«Queste sono voci che non hanno niente a che fare con la realtà, fanno parte di una guerra psicologica, come al solito perdente», ha assicurato Hezbollah, in comunicato diffuso anche sul sito web della Tv del movimento di resistenza libanese, Al Manar.

«Notizie di agenzie e media arabi hanno lavorato con i gruppi terroristici per diffondere queste voci», si legge.

«Hezbollah ha ritirato centinaia di combattenti in Siria.., quelli di ritorno dalla Siria stanno per tornare alle loro città in Libano», ha scritto il sito di informazione, “Janoubia” guidato da un giornalista libanese filo-USA e finanziato dall’agenzia statunitense USAID.

«Avvertiamo i media a non cadere in questo tipo di trappola che ha lo scopo di diffondere menzogne ​​e dicerie», si avverte nella dichiarazione di Hezbollah. «L’ultima parola su ciò che sta accadendo spetta al campo di battaglia, dove l’esercito siriano realizza progressi giorno dopo giorno, isolando i terroristi, un segno della confusione all’interno dei paesi che li sostengono», conclude la nota del movimento di resistenza libanese.

In un’intervista al quotidiano del Qatar, Al-Quds Al-Arabi, il responsabile mediatico di Hezbollah, Mohammad Afif, ha respinto qualsiasi ipotesi di graduale ritiro delle forze della resistenza libanese dalla Siria ed ha precisato: «I combattenti di Hezbollah partecipano ai violenti scontri in corso contro il gruppo terroristico, ISIS, (Daesh in arabo) nella antica città di Tadmor (Palmira, ndr)».

(VIDEO) Miguel Fernández: La Siria Resiste

da Miguel Fernández Martínez 

La guerra in Siria vista da Miguel Fernández Martínez, giornalista cubano di Prensa Latina, nella sua esperienza di inviato nel paese arabo.

Il documentario di Miguel Fernández Martínez, il suo sguardo sul conflitto siriano dal di dentro, rivela come l’aggressione contro la Siria sia stata manipolata dai grandi circoli di potere.

___

La Bielorussia ribadisce il suo sostegno alla Siria

da lantidiplomatico

Il presidente siriano, Bashar al-Assad ha ricevuto, questa mattina, un messaggio di sostegno del presidente bielorusso Alexander Lukashenko consegnato dal segretario generale del partito comunista bielorusso, Igor Karpenko Vasilievic.

Nel messaggio, il presidente bielorusso ha espresso il forte sostegno del suo paese alla Siria, popolo e governo, nella sua guerra contro il terrorismo, confermando la volontà della Bielorussia di sviluppare ulteriormente le relazioni bilaterali in tutti i campi.
Da parte sua, il presidente al-Assad ha apprezzato le posizioni filo-siriane della Bielorussia, un paese che era stato precedentemente sottoposto alle stesse pressioni e campagne occidentali che la Siria si trova ad affrontare oggi, e tuttavia è riuscito a resistere e trionfare.
Il presidente al-Assad ha affermato che la Siria è in guerra contro il terrorismo ed i suoi sponsor ed è parte di un’offensiva occidentale sotto la guida degli Stati Uniti attraverso i collaboratori nella regione.

Questa guerra prende mira tutti i paesi che resistono egemonia occidentale e che difendono gli interessi dei loro popoli e l’indipendenza delle sue decisioni, con l’intenzione di ridisegnare una nuova mappa della regione e del mondo, ha dichiarato il presidente siriano.
A sua volta, Vasilievic ha affermato che il suo paese considera la necessità di unire gli sforzi di tutti i paesi che sostengono il popolo siriano contro il terrorismo, esprimendo fiducia nella capacità della Siria per raggiungere la vittoria e ripristinare la sicurezza nel suo territorio.
All’incontro hanno partecipato il vice segretario generale del partito Baath Arabo Socialista, Hilal al-Hilal e l’ambasciatore della Bielorussia a Damasco, Alexander Ponomarev.

Kinzer: «media USA ingannano opinione pubblica su Siria»

da lantidiplomatico

Secondo uno dei veterani del giornalismo USA ed ex corrispondente del New York Times, Stephen Kinzer, le notizie sulla Siria sono scritte a Washington, senza sentire le voci sul terreno. Una “vergogna per il giornalismo”, secondo Kinzer.

Stephen Kinzer, in passato inviato in oltre 50 paesi per il New York Times, ha denunciato uno degli episodi più vergognosi” della sua professione a causa della copertura distorta data al conflitto siriano ed al ruolo che svolgono i vari paesi coinvolti. La sua rubrica sul quotidiano The Boston Globe descrive ciò che sta accadendo in città e nel governatorato di Aleppo.
 
I militanti dei gruppi armati anti-governativi provocano devastazioni in città mentre esercito siriano e l’Air Force russa li spingono fuori da Aleppo, ha scritto Kinzer riferendosi a notizie “dal campo”.
 
Il giornalista cita la testimonianza di un abitante della città pubblicata nelle reti sociali: “I ‘ribelli’ moderati’ protetti da Turchia e Arabia Saudita attacano la periferia di Aleppo con razzi non guidati e bombole di gas.” Il politologo libanese Marwa Osma ha sostenuto che le truppe Damasco sono l’unica forza che, insieme ai suoi alleati, sta combattendo lo Stato islamico sul terreno. Stephen Kinzer lamenta che i media USA non sentono o non citano queste voci chiare.
 
«Questo non va bene per la narrazione di Washington”, ha spiegato. “Pertanto, la maggior parte della stampa nordamericana dice il contrario di ciò che effettivamente accade. Molte notizie suggeriscono che Aleppo è stata una ‘zona liberata’ per tre anni, ma ora è ridotta alla miseria», ha aggiunto Kinzer.

Secondo il giornalista, agli statunitensi  suggeriscono che è più decente che in Siria si combatta contro il governo di Bashar al Assad ed i suoi alleati russi e iraniani. Si presume che l’esito più auspicabile sarebbe la vittoria di una coalizione ‘onesta’ di americani, turchi, sauditi, curdi e ‘opposizione moderata.
 
“È una sciocchezza”, ha sostenuto Kinzer, rimettere in discussione l’esistenza stessa di un tale coalizione. Ma dice che non è colpa dei cittadini nordamericani, se crede a questa versione di ciò che sta accadendo in Siria. «Non abbiamo quasi nessuna informazione reale su chi combatte, obiettivi o tattiche. Gran parte della colpa è dei nostri media», ha sottolineato il giornalista.
 
«Sotto intensa pressione finanziaria, la maggior parte dei giornali, riviste e reti degli Stati Uniti hanno drasticamente ridotto le loro squadre di corrispondenti all’estero. Molti importanti novità sul mondo ora provengono da giornalisti con sede a Washington», ha lamentato Kinzer.
 
«In questo ambiente, l’accesso [alle informazioni] e la credibilità dipendono dalla accettazione dei paradigmi ufficiali. I giornalisti che coprono la Siria sono portati ad avere contatto con il Pentagono, il Dipartimento di Stato, la Casa Bianca e gli “esperti” dei centri di studio. Dopo un giro sulla giostra sporca pensano di aver coperto tutti i lati della storia”. In questo modo si genera in USA “l’unica fonte delle notizie sulla Siria», ha concluso Kinzer.

Assad: «80 Paesi con il terrorismo, l’aiuto di Russia e Iran è decisivo»

da lantidiplomatico

A quasi 5 anni dagli inizi della crisi nel paese arabo, il Presidente siriano Bashar Al Asad ha rilasciato un’intervista al quotidiano spagnolo “El Pais”. Tra i temi affrontati, il futuro della Siria, i negoziati di pace, il rapporto con l’America Latina, i progressi dell’esercito siriano nel paese e gli interventi di Russia e Iran.

Ecco il testo integrale dell’intervista apparsa oggi su “El País”

Domanda. Questa settimana è stato consentito l’accesso umanitario alle sette aree assediate. Ci sono stime secondo le quali in queste zone vivono 486.000 persone, molti assediati da più di tre anni fa. Perché è stato ritardato l’invio di tali aiuti?
 
Risposta. In realtà questo non è accaduto di recente. Avviene dall’inizio della crisi. Non abbiamo imposto alcun embargo in nessuna zona in Siria. C’è una differenza tra un assedio e un esercito che circonda una zona specifica, perché ci sono terroristi, e questo è qualcosa di naturale in questo caso, la sicurezza o la situazione militare. Ma il problema in queste aree è che i gruppi armati stessi hanno sequestrato cibo e altri beni di prima necessità agli abitanti per poi rivenderli a prezzi molto alti. Mentre il governo, non ha mai impedito l’arrivo degli aiuti a qualsiasi area, comprese quelle che sono sotto il controllo dello Stato Islamico come la città di Raqa nel nord del paese, prima sotto il controllo del Fronte al-Nusra, filiale locale di al Qaeda, per quasi tre anni. Sono state inviate in queste aree tutte le pensioni, gli stipendi dei dipendenti ed i vaccini per i bambini.
 
D. Quindi continua l’invio di cibo e salari a Raqa ed in altri bastioni dell’ISIS?
 
R. Sì. Se mandiamo i salari a Raqa è perché crediamo che ogni siriano ricade sotto la nostra responsabilità, del governo, quindi perché non farlo come in altre aree? Sarebbe contraddittorio. Ecco perché ho detto che la consegna degli aiuti umanitari non è una questione recente. Noi, fin dall’inizio, non abbiamo mai smesso di consentire l’invio di aiuti.
 
D. E ancora avviene?
 
R. Certo.
 
P. La Russia e gli Stati Uniti hanno annunciato la scorsa settimana una tregua. Il governo siriano è disposto a rispettare il cessate il fuoco e la sospensione delle operazioni militari in Siria?
 
R. Certo. Inoltre abbiamo annunciato che siamo pronti a questo, ma la questione non dipende solo da un annuncio. Dipende da che cosa si ha intenzione di fare sul campo. Ora, penso che il concetto di cessate il fuoco non è corretto, perché il cessate il fuoco avviene tra due eserciti e due paesi che si combattono. Sarebbe meglio usare il concetto di operazioni di posa. Essa dipende in primo luogo dal fermare il fuoco, ma anche da altri fattori complementari che sono più importanti, come ad esempio, impedire ai terroristi di usare la sospensione delle operazioni per migliorare le loro posizioni. Vietare dipende anche da altri paesi, in particolare dalla Turchia, che potrebbe inviare più uomini e armi o qualsiasi tipo di supporto logistico ai terroristi. Inoltre, una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite riguardo a questo punto  non è stata rispettata. Se non garantiamo tutti questi requisiti per la sospensione delle operazioni, tutto questo avrà un effetto negativo e potrà causare più caos in Siria, e può anche portare alla divisione di fatto del paese. Pertanto, applicando la cessazione delle operazioni, potrebbe essere positivo se fossero rispettati i requisiti necessari.
 
D. Quindi ci sarà lotta, nonostante il cessate il fuoco, almeno nei confronti di alcuni gruppi armati?
 
R. Sì, di sicuro, ad esempio contro ISIS, Al Nusra e altre organizzazioni o gruppi terroristici affiliati ad Al-Qaeda. Ora, la Siria e la Russia annunceranno quattro nomi: Ahrar Al-Sham e Jeish Islam [Esercito dell’Islam] oltre al Fronte al-Nusra e ISIS.

D. Le sue truppe intorno ad Aleppo, un bastione dell’opposizione. Quando riprenderete il pieno controllo di questa città?
 
R. In realtà siamo nel centro della città e gran parte della città è sotto il controllo del governo. La maggior parte degli abitanti dei sobborghi sono stati spostati dalla zona sotto il controllo di aree del governo. La domanda non è più riprendere il controllo della città. In realtà, la questione sta nel bloccare le strade tra la Turchia ed i gruppi terroristici. Questo è lo scopo delle battaglie di Aleppo ora, e recentemente siamo riusciti a chiudere le strade principali. C’è una chiusura completa tra Aleppo e la Turchia, ma rende il rapporto tra la Turchia ed i terroristi molto più difficile. È per questo motivo che la Turchia sta bombardando i curdi di recente.
 
D. Cosa avverrà dopo Aleppo? L’esercito siriano è pronto per raggiungere Raqa, capitale autoproclamata dell’ISIS?
 
R. In linea di principio, si andrà in tutte le aree, ma in questo momento stiamo combattendo in più di dieci fronti in Siria. Ci stiamo muovendo verso Raqa, ma siamo ancora lontani da essa. In linea di principio, sì, stiamo andando fino a Raqa e in altre aree, anche se il tempo dipende dai risultati dei diversi scontri attualmente in corso nel paese e, pertanto, non si può definire con esattezza il tempo necessario.
 
D. La Russia ha avviato un’intensa campagna di attacchi aerei contro le principali postazioni dell’opposizione. Questo è stato un punto di svolta nel conflitto. Chi ha l’iniziativa ora? Pensa che avrebbe potuto compiere questo senza pensare ad un aiuto esterno?
 
R. Senza dubbio, il sostegno russo e iraniano è stato essenziale per il nostro esercito per ottenere questa svolta. Ma chiedere se non saremmo stati in grado di raggiungere questi risultati è una domanda ipotetica. Voglio dire nessuno può avere una certa risposta. Ma sicuramente abbiamo bisogno di questo aiuto, per un semplice motivo: perché più di 80 paesi supportano in maniera diversa i terroristi. Alcuni direttamente con il denaro, il supporto logistico, armi o combattenti. E in altri paesi è stato offerto sostegno politico in varie sedi internazionali. La Siria è un paese piccolo. Potremmo combattere, ma in ultima analisi, vi è un sostegno incondizionato a quei terroristi ed è ovvio che in questa situazione c’è la necessità di un sostegno internazionale. Ma ancora una volta dico che questa domanda è ipotetica e non vi si può dare risposta certa.
 
D. Per quanto riguarda i raid aerei russi, non è preoccupato per le vittime civili? Lunedì è stato bombardato un ospedale che ha ucciso 50 persone. Gli USA accusano la Russia dell’attentato.
 
R. I funzionari Usa hanno detto di non sapere chi ha commesso l’attacco, è quello che hanno dichiarato in seguito. Queste dichiarazioni contraddittorie sono comuni negli Stati Uniti, ma nessuno ha un punto di prova di chi sia l’autore degli attacchi e il modo in cui si sono verificati. Per quanto riguarda le vittime, questo è un problema in ogni guerra. Certo che mi sento molto triste per la morte di ogni civile innocente in questo conflitto, ma è la guerra. Le guerre sono cattive, non c’è una guerra buona, perché ci sono sempre e sempre saranno civili innocenti a pagare il prezzo.
 
D. Quindi, come fa a spiegare al suo popolo, i siriani, che c’è un esercito straniero che opera nel suo territorio che ha causato vittime civili? Lo vede come inevitabile?
 
R. No, non ci sono prove che i russi hanno attaccato obiettivi civili. Sono molto precisi nei loro attacchi e attaccano sempre ogni giorno, le basi e le postazioni terroristiche. Sono i nordamericani che hanno ucciso numerosi civili nella parte settentrionale della Siria. Finora non si è verificato un solo incidente russo che abbia coinvolto i civili dal momento che i russi non attaccano i civili e gli attacchi si verificano soprattutto nelle zone rurali.
 
D. Parlando di eserciti stranieri, come risponderà se la Turchia e Arabia Saudita invieranno le loro truppe nel suo paese con il pretesto di combattere l”ISIS?
 
R. Come dici lei, è una scusa. Ma se succede li affronteremo come stiamo combattendo i terroristi. Difenderemo il nostro paese. Tale azione costituisce un’aggressione. Non hanno diritto di intervenire in Siria, né politicamente né militarmente. Sarebbe una violazione del diritto internazionale e per noi come cittadini siriani, la nostra unica scelta è quella di combattere e difendere la nostra patria.
 
D. La Turchia ha cominciato a bombardare le zone siriane dal proprio territorio.
 
R. Sì, e prima dei bombardamenti, la Turchia ha inviato terroristi e quindi sta lavorando verso lo stesso obiettivo con mezzi diversi. La Turchia è coinvolta negli eventi in Siria dall’inizio.
 
P. L’Arabia Saudita ha cercato di unire l’opposizione in una conferenza tenuta a Riyadh. Alcuni militanti legati ad al Qaeda erano presenti alle riunioni. Riconoscete qualsiasi gruppo di opposizione armata come un partito legittimo con il quale si può negoziare?
 
R. Si riferisce a chi combatte sul terreno?
 
D. Sì.
 
R. No. I dettami legali e costituzionali, ritengono che tutti coloro che utilizzano le armi contro il popolo e contro il governo è un terrorista, sia nel nostro paese o in qualsiasi altro paese del mondo. Non possiamo dire che queste persone godano di legittimità. Essi possono essere legittimi quando depongono le armi e partecipano al processo politico. Questo è l’unico modo possibile in qualsiasi paese per la ricostruzione o modificare la legge, la costituzione o il governo. Questo può essere fatto attraverso un processo politico, non a mano armata.
 
D. Quindi si considerano terroristi tutti quelli che combattono?
 
R. Finché non annunciano che essi sono disposti a partecipare al processo politico. Solo allora non avremo alcun problema con loro.
 
D. Per quanto riguarda i combattenti, a prescindere dalla loro intenzioni, se consegnano le armi e vogliono tornare, possono farlo?
 
R. Si concederà l’amnistia, e questo è successo negli ultimi due anni e si è accelerato negli ultimi tempi. Molti di loro hanno deposto le armi ed alcuni ingrossano le file dell’esercito siriano, attualmente combattono l’ISIS e sostengono l’esercito siriano ed i combattenti russi.
 
D. Quindi, se, come ha detto coloro che hanno preso le armi contro il governo sono tutti terroristi, con chi esattamente si negozia a Ginevra?
 
R. A Ginevra avrebbe dovuto esserci una mix. Da un lato i terroristi ed estremisti che sono stati addestrati in Arabia Saudita, alcuni dei quali appartenenti ad Al Qaeda. Inoltre sono avversari che vivono in esilio o in Siria. Siamo in grado di negoziare con l’altra parte, con i patrioti siriani legati al loro paese, ma senza dubbio non possiamo negoziare con i terroristi, e per questo è fallita la conferenza.
 
D. E i dirigenti e attivisti dell’opposizione che sono imprigionati in Siria da prima dello scoppio del conflitto nel 2011?
 
R. Sono stati liberati tempo fa dal carcere e la maggior parte di loro sono già parte dell’opposizione.
 
D. Tutti?
 
R. Tutti fuori prima del 2010, tra cui alcuni terroristi che erano stati condannati a diversi anni di carcere, scontata la pena, quando è iniziata la crisi hanno aderito a gruppi terroristici.
 
D. Ci sono le prove di quello che dice?
 
R. Sì. Uno di loro è morto di recente, Zahran Aloush. Condannato al carcere perché legato ad Al Qaeda, come è iniziata la crisi, ha formato il suo gruppo terroristico.
 
D. Secondo alcune stime ci sono 35.000 jihadisti stranieri in Siria, tra cui 4.000 dall’Europa. Il governo spagnolo ha dichiarato che ci sono circa 300 persone con passaporti spagnoli. Che ne sarà di loro se cadono nelle mani dell’esercito siriano?
 
R. Spagnoli?
 
P. Jihadisti stranieri in generale.
 
R. In primo luogo, ci comportiamo con loro come con altri terroristi. Dal punto di vista giuridico non c’è alcuna differenza in base alla nazionalità, ma le domande per estradarli nei loro paesi, si inoltrano attraverso le relazioni istituzionali dei due Paesi.
 
D. In questo contesto, dal suo punto di vista, che cosa è che attira il gran numero di stranieri in Siria?
 
R. In sostanza, è per il sostegno che ricevono. Essi ricevono un vero e proprio supporto esterno. L’Arabia Saudita è il principale finanziatore di questi terroristi. Li hanno messi su piani e li inviano in Turchia e poi in Siria. L’altro fattore di attrazione si trova nel caos, e il caos è un terreno fertile per i terroristi. Il terzo fattore è l’ideologia, perché appartengono ad Al Qaeda. Questa zona, nella nostra cultura religiosa, la cultura dell’Islam, occupa una posizione di rilievo dopo la Mecca, Gerusalemme e altri luoghi sacri. Essi pensano di poter venire qui per stabilire il loro stato. L’idea è che possono venire a combattere e morire per Allah e l’Islam, per loro questa è il jihad.
 
D. Se il governo impone il suo controllo in tutta la Siria, sarà avviato un processo politico? Sareste disposti ad andare alle elezioni di nuovo?
 
R. Sarebbe normale la formazione di un governo di unità nazionale che riunisce tutte le correnti politiche che desiderano essere parte di esso. Questo governo dovrebbe preparare le condizioni per la redazione di una nuova costituzione, perché se si vuole parlare del futuro della Siria e la discussione con le varie parti, e discutere su come risolvere il problema interno, si dovrebbe discutere la Costituzione. Indubbiamente la Costituzione deve essere sottoposta a un referendum popolare. E secondo la nuova costituzione ci dovrebbero essere elezioni anticipate. Se le persone o le diverse parti vogliono tenere le elezioni, si terranno. Ma per risolvere la parte politica del problema non ha nulla a che fare la mia opinione personale.
 
D. Dove si vede tra 10 anni?
 
R. La cosa più importante è come vedo il mio paese, perché io sono parte del mio paese. Pertanto, dopo dieci anni voglio essere in grado di salvare la Siria, ma questo non significa che io rimanga il presidente. Sto parlando della mia visione di quel periodo. Se la Siria andrà bene allora sarò la persona che ha salvato il suo paese. Questo è il mio lavoro ora e questo è il mio dovere. Così mi vedo per quanto riguarda la carica e la mia persona come cittadino siriano.
 
D. Ma ci sarà al potere tra 10 anni?
 
R. Questo non è il mio obiettivo. Non mi importa della mia presenza al potere. Per me, se il popolo siriano mi vuole al potere, allora lo sarò, in caso contrario, non  lo sarò. Se non posso aiutare il mio paese, allora devo lasciare immediatamente.
 
D. Mi permetta di citare una parte della relazione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite sulla Siria, pubblicato il 3 febbraio: “Alcuni detenuti da parte del governo sono stati picchiati a morte o sono morti a causa di ferite riportate durante la tortura”. E si aggiunge che il governo ha commesso crimini di guerra.
 
R. È simile a quello che il Qatar ha fatto un anno fa o giù di lì, quando ha falsificato un rapporto composto da immagini non verificate di feriti, sulla base di informazioni provenienti da fonti dubbie. Poi hanno mandato il rapporto alle Nazioni Unite. Questo fa parte della manipolazione dei media esercitata contro la Siria. Questo è il problema, l’Occidente e la sua campagna mediatica. Informazioni non verificate che accusano la Siria per poi adottare misure contro.
 
D. Il mondo è rimasto scioccato dalla immagine del bambino Aylan Kurdi, un rifugiato siriano che aveva tre anni, che è stato trovato morto su una spiaggia in Turchia. Come si è sentito di fronte a quell’immagine?
 
R. È una delle parti più tristi del conflitto siriano, che ci sono persone che lasciano il proprio paese per vari motivi. Ma al di là della sensazione, la domanda che a noi, come pubblici funzionari, ci fa la cittadinanza siriana è quello che faremo e se sono state adottate le misure per permettere ai rifugiati di tornare a casa. Ci sono due motivi. Il primo, che dobbiamo affrontare, naturalmente, è il terrorismo, perché quei terroristi minacciano non solo il pubblico, ma li privano dei loro mezzi di sussistenza di base. La seconda ragione è l’embargo che è stato applicato sulla Siria dall’Occidente, in particolare gli Stati Uniti, che ha causato più difficoltà per la vita delle persone qui, in particolare nel settore sanitario. Dobbiamo affrontare questi motivi per evitare questa tragedia e che non si estenda per un lungo periodo di tempo.
 
D. Lei ha detto che alcuni di questi profughi in fuga ISIS, ma alcuni dicono in fuga dal governo o dalle campagne realizzate dal governo siriano in alcune zone.
 
R. Potrei darle provai che contraddicono questo e lo avete potuto vedere durante il vostro soggiorno in Siria, ovvero che la maggior parte delle persone che vivono nella zona sotto il controllo dei terroristi sono migrati verso l’area sotto il controllo del governo. Quindi, se si vuole sfuggire al governo, perché andare dal governo? Questo non è reale. Ma ora, quando c’è una battaglia, ripresa o gli scontri tra il governo e i terroristi in alcune zone, è naturale per la maggior parte dei suoi abitanti lasciare quelle zone per altre, ma questo non significa fuga dal governo. Alcuni di coloro che emigrarono in aree sotto il controllo del governo sono parenti di combattenti ribelli stessi.
 
P. Secondo le stime internazionali, circa cinque milioni di rifugiati sono fuggiti dalla Siria. Un milione hanno attraversato il confine con l’Europa. Quali garanzie hanno queste persone di tornare liberamente e senza timore di rappresaglie?
 
R. Certo che possono tornare, voglio dire che è un loro diritto il ritorno. A meno che non si tratti di un terrorista o assassino, che non sia sfuggito al governo. E alcuni di loro, e penso che molti sono sostenitori del governo e non scappano da esso, ma come ho detto, le condizioni di vita sono peggiorate molto nel corso degli ultimi cinque anni. Vogliamo che la gente torni in Siria.
 
D. Che cosa può fare il vostro governo per fermare il flusso di profughi  ed evitare così che  tante persone anneghino nel Mediterraneo?
 
R. Come le ho detto, non dipende solo dalla Siria, ma anche dal resto del mondo. In primo luogo, l’Europa deve eliminare l’embargo contro il popolo siriano, perché non è in realtà un embargo contro il governo siriano, ma contro il popolo siriano. In secondo luogo, la Turchia dovrebbe interrompere l’invio di terroristi in Siria. In terzo luogo, come governo, dobbiamo combattere i terroristi, senza dubbio, e dobbiamo migliorare le condizioni di vita dei cittadini con tutti i mezzi a nostra disposizione per permettere ai siriani di rimanere a casa. Questo è l’unico modo che può portare queste persone indietro o convincerli a tornare nel loro paese. Sono sicuro che la maggior parte di loro vogliono tornare in Siria.
 
D. Quando è salito al potere, ha promesso riforme democratiche in un momento definito  “Primavera di Damasco”. Alcuni credono che se avesse fatto quelle riforme più rapidamente, avrebbe potuto salvare molte vite. Principalmente l’opposizione o gli Stati Uniti sostengono che se avesse lasciato il potere, molte di queste vite avrebbero potuto essere salvate. Che cosa significa questo?
 
R. La domanda è: qual è il rapporto tra ciò che lei ha citato e l’invio di denaro dal Qatar, l’invio di armi e sostegno diretto ai terroristi? Qual è il rapporto tra questa e il ruolo della Turchia nel sostenere i terroristi? Qual è il rapporto di questa con la presenza dell’ISIS e al-Nusra in Siria? Quindi questo rapporto non è corretto. Se si desidera cambiare il primo ministro, in qualsiasi regime, sia nel proprio paese o in qualsiasi altro paese, deve farlo attraverso un processo politico. Non è possibile utilizzare le armi. L’uso delle armi non può essere il modo per cambiare il regime o stabilire una democrazia. La democrazia non si ottiene a mano armata e l’esperienza degli Stati Uniti in Iraq, lo dimostra. La stessa situazione si verifica in Yemen. Il presidente [Ali Abdullah] Saleh ha lasciato il potere a causa delle stesse accuse. Che cosa è successo in Yemen? Forse è meglio ora? Questo non è corretto e non vi è alcuna relazione. Siamo in grado di ottenere la democrazia attraverso il dialogo. La vera democrazia deve essere stabilita sulla base della società stessa. Come si può accettare l’altro. Questa zona è un melting pot che riunisce diversi gruppi etnici, sette e religioni. Come possono accettarsi a vicenda? Se riescono a farlo, allora potrebbero accettare  l’altro politicamente e poi raggiungere una vera democrazia. Quindi il problema non dipende dal presidente. Hanno cercato di personalizzare il problema, solo per dimostrare che si tratta di un problema semplice e che se il presidente lascia il suo incarico, allora tutto andrà bene. Nessuno può accettare questo punto di vista.
 
D. In questi cinque anni, vedendo così tante vite perdute e siti archeologici distrutti, avrebbe fatto qualcosa di diverso?
 
R. In generale, se si parla di principi, fin dall’inizio abbiamo detto che avremmo combattuto il terrorismo e che avremmo sostenuto il dialogo. Abbiamo un dialogo aperto con tutti tranne che con i gruppi terroristici. Allo stesso tempo, abbiamo aperto la porta ai terroristi se avessero deposto le armi e fossero tornati alla vita normale, così abbiamo offerto un’amnistia generale. Quindi questo è l’inizio di una soluzione completa. Ora, cinque anni dopo, non posso dire che sia stato un errore, e penso che cambieremo questi principi. Le misure per attuarle sono diverse, a volte, perché dipende da diversi responsabili, diverse istituzioni, persone diverse e diversi individui. Chiunque può commettere errori. Quindi, se avessimo voluto cambiare qualcosa, se avessimo potuto correggere quegli errori che sono stati commessi in diversi punti, lo avremmo fatto; avrei fatto ciò se avessi potuto far tornare indietro le lancette dell’orologio.
 
D. Quindi dal suo punto di vista, a partire dall’inizio quelle proteste a Deraa e Damasco come terroriste, infiltrate da forze straniere. Come ha visto quelle prime manifestazioni contro il governo?
 
R. All’inizio c’era un mix di manifestanti. In primo luogo, il Qatar ha pagato questi manifestanti per portarli su Al Jazeera e quindi convincere l’opinione pubblica mondiale che la gente protestava contro il presidente. Il numero massimo raggiunto è stato di 140.000 manifestanti in tutta la Siria, che non era gran cosa, di conseguenza per questo non eravamo preoccupati. Poi hanno infiltrato i manifestanti con i militanti che hanno aperto il fuoco contro la polizia ed i dimostranti, al fine di provocare altre proteste. Quando hanno fallito, hanno iniziato l’invio di armi per sostenere i terroristi.

D. Ma c’erano manifestanti che hanno protestato onestamente? Che cambiamenti chiedevano?

R. Certamente, non si può dire che tutti coloro che partecipavano fossero terroristi.
 
D.Lei ha visitato la Spagna due volte ed ha incontrato i presidenti José María Aznar e José Luis Rodriguez Zapatero che hanno inoltre visitato la Siria quando erano in carica. Come sono stati i suoi rapporti con la Spagna da allora?
 
R. La Spagna in generale è contro qualsiasi soluzione rischiosa in Siria. È qualcosa che noi apprezziamo. Essi non hanno sostenuto alcuna azione militare contro la Siria ed hanno detto che complicherebbe ulteriormente la situazione. Non parlano di rovesciare il presidente o interferire nei nostri affari interni. Hanno detto che tutto deve avvenire sulla base di una soluzione politica attraverso un processo politico. Questo è molto. Allo stesso tempo, la Spagna fa parte dell’Unione europea, e quindi è limitata dalle decisioni dell’Unione. Speriamo che la Spagna trasmetta lo stesso messaggio con il suo punto di vista politico all’Unione Europea, per quanto riguarda il nostro conflitto.
 
D. In America Latina, secondo lei, dove godere del massimo sostegno?
 
R. In generale, e qualcosa di strano e spiacevole, allo stesso tempo, i paesi più lontani dalla Siria hanno una visione molto più realistica di ciò che sta accadendo in Siria rispetto agli europei, dove siamo più vicini e considerati il giardino di casa dell’Europa. Parlo a livello ufficiale e dei cittadini. Ci conoscono di più e sostengono la Siria in tutte le sedi internazionali e non hanno cambiato la loro posizione mai dall’inizio della crisi.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: