Yemen: ennesima guerra degli USA

Angel Guerra Cabreradi Angel Guerra Cabrera – cubadebate.cu

Nel discorso inaugurale del suo secondo mandato, il presidente Barack Obama sostenne: “Un decennio di guerra sta terminando proprio ora”.

Indubbiamente, il Nobel per la Pace ha realizzato operazioni militari contro la Libia, nuovamente in Iraq (dove presumibilmente la guerra era terminata) ed in Siria, oltre ad allargare l’invasione in Afghanistan.

Pakistan, Somalia e Yemen sono stati lo scenario di continui attacchi di droni ordinati personalmente dall’inquilino della Casa Bianca, che hanno provocato migliaia di morti e feriti, in maggioranza civili, comprendendo molti bambini, secondo l’Ufficio di giornalismo investigativo con sede a Londra.

Qualche giorno fa, senza richiedere il permesso al Congresso né informare minimamente l’opinione pubblica, Obama ha deciso di appoggiare “logisticamente e tecnologicamente” l’aggressione all’impoverito Yemen da parte di dieci paesi arabo-musulmani capeggiati dal ricco vicino saudita. Tra loro, Egitto e Pakistan, che possono contare su potenti forze armate.

La coalizione opera sotto la bandiera della Lega Araba che, al contrario, si è disinteressata della liberazione della Palestina.

I droni statunitensi sono provvisti di video per permettere ai sauditi di scegliere gli obiettivi della loro aviazione. Apparentemente, è proprio lasciandosi guidare da questi video che si son prodotti massacri di civili da quando la coalizione ha cominciato gli attacchi aerei. Il capo delle operazioni saudita ha affermato che un’invasione terrestre seguirà i bombardamenti.

Si è voluto presentare l’aggressione allo Yemen come un’azione per proteggere il popolo yemenita da un presunto intervento iraniano, un pretesto simile a quelle delle armi di distruzione massiva in Iraq. È illegale attaccare qualsiasi paese salvo se deciso dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, in maniera tale che non sia valida questa motivazione sul piano giuridico.

Il fatto che gli yemeniti zaidi appartengano ad un ramo sciita dell’Islam, sicuramente eterodosso ed il più vicino all’unnismo non significa, neppure più di tanto, che siano marionette di Teheran, sebbene questa condanni l’aggressione del suo nemico saudita e mantenga buone relazioni con loro. Gli zaidi, ora chiamati anchi houthi, devono il loro nome al cognome di Husayn Badr Addin Al-Houthi, capo religioso morto in combattimento durante la rivolta armata del suo popolo contro il governo di Sa’ana nel 2004. Lo devono anche al fatto che i tre fratelli del primo sono parte integrante della leadership attuale della ribellione. Gli zaidi, che costituiscono la terza parte della popolazione yemenita, chiedevano autonomia politica per il governatorato di Sa’dah, dove risiedono in maggioranza, così come rispetto per i loro credi religiosi e cultura ancestrali. Questo popolo governò lo Yemen del Nord per quasi mille anni sino al 1962.

Nel febbraio del 2010, durante la cosiddetta “primavera araba”, il Governo ed i ribelli houthi stipularono un cessate il fuoco.

Nel 2011, gli houthi si unirono alle proteste contro il futuro presidente deposto Saleh ed estesero il loro controllo territoriale nella provincia di Sa’dah e nella vicina ‘Amran. Successivamente, parteciparono alla Conferenza per il Dialogo nazionale, svoltasi tra marzo 2013 e gennaio 2014.Il presidente Hadi, successore di Saleh, annunciò un piano per febbraio 2014, che consisteva nel trasformare lo Yemen in una federazione di sei regioni, proposta rigettata categoricamente dagli houthi, per cui ripresero la lotta armata contro il governo appoggiata dall’Arabia saudita.

Ferventi guerriglieri, i montanari houthi condussero a termine una campagna-lampo sostenuti da unità delle forze armate leali all’ex presidente Saleh che li portò ad assumere il controllo di Sa’ana, la capitale; Taiz, terza città del paese e poi la seconda e strategica città di Aden che domina il golfo omonimo, da dove misero in fuga Hadi, il quale stava tentando di fortificarsi proprio lì.

Piuttosto che una disputa religiosa della versione fanatica dell’Islam dominante a Riyad contro gli zaidi, l’enorme coalizione creata dall’ultrareazionario regno saudita contro la ribellione houthi esprime il suo incredibile timore per un movimento popolare armato, capace di imporsi militarmente in un esteso territorio che la dinastia Saud ha sempre tentato di sottomettere.

Inoltre, il regno saudita teme la presenza nel sud dello Yemen sia di Al-Qa’ida che dello Stato islamico, ora avversario, della cui creazione sono massimi responsabili Washington e Riyad.

Chi controlla lo Yemen, controlla anche lo stretto di Bab al-Mandib che comunica con il canale di Suez ed il Mar Rosso con il golfo di Aden, da dove passano oltre tre milioni di barili di greggio ogni giorno.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Antonio Cipolletta]

I commenti sono chiusi.
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: