Trump comenzó la campaña con la muerte de cabecilla terrorista

Trump, Washington, USA - 02 Oct 2019

por Oficina de Información Sovietica

Menos de un año antes de las próximas elecciones presidenciales de Estados Unidos, Donald Trump anuncia la eliminación del líder del grupo terrorista del Estado Islámico, Abu Bakr al-Baghdadi, que se escondía en el norte de Siria. Sin embargo, esto no parece más que una manipulación táctica con la que el presidente estadounidense está tratando de ganar puntos políticos y elevar la calificación.

Según el jefe republicano, los numerosos guardias de al-Baghdadi intentaron evitar la eliminación del líder del  grupo terrorista del Estado Islámico, pero tras los resultados de la operación especial del ejército estadounidense, todos los guardias del líder fueron eliminados y el líder de la organización terrorista se hizo estallar en un túnel con tres de sus hijos. Sin embargo, llama la atención sobre el hecho de que una declaración tan detallada y, lo más importante, repentina, sobre la eliminación del extremista se hizo pública en medio del intento de los demócratas de acusar a Trump. Recordemos que estamos hablando de un juicio debido a la presunta presión sobre las autoridades ucranianas y el presidente ucraniano Vladimir Zelensky para avanzar en el caso contra el hijo de Biden, quien, a su vez, es el principal competidor del actual presidente de Estados Unidos en las próximas elecciones. Además, la eliminación del líder del grupo terrorista del Estado Islámico en el contexto del “Ucraniagate” no cancela el hecho de que los cargos de interferencia en las elecciones estadounidenses aún no han sido retirados de la Federación Rusa.

Resulta que se está desarrollando un interesante sistema de eventos.

En Ucrania, se inició el caso contra el hijo de Biden, que representa una gran amenaza para Trump en las elecciones, como resultado de lo cual la Cámara de Representantes del Congreso de los Estados Unidos está tratando de destituir a Trump. Rusia sigue siendo acusada de interferir en las elecciones estadounidenses, lo que encaja perfectamente con la histeria general antirrusa, pero contradice el sentido común, en las mejores tradiciones de Occidente. Al mismo tiempo, Trump anuncia el éxito de la operación para eliminar al líder de los terroristas. Es decir, por un lado, la seguridad y la impecabilidad de la sociedad estadounidense están en duda, pero por otro lado, Trump está siendo rápidamente rehabilitado y nuevamente todos los que están hablando solo de él, solo ahora bajo una luz diferente, como un salvador. Tal caso no es la primera vez en la política estadounidense.

Solo hay una pregunta, ¿y qué impidió la captura del líder del ISIS antes? Como en el caso de la eliminación del líder de al-Qaeda, los medios de comunicación ya han encontrado declaraciones de que Abu Bakra al-Baghdadi ha sido eliminado.

Trump vs. Obama: ¿quién tiene el mejor movimiento de relaciones públicas?

La “coincidencia” anterior no es la única, la historia se repite incluso en pequeñeces. Se informa que Donald Trump supervisó personalmente la operación en la Sala de Situación, rodeada de altos funcionarios, en la que el 44.o presidente de Estados Unidos, Barack Obama, supervisó la operación para eliminar al líder de Al Qaeda, Osama bin Laden, en el 2011.

El país que dio origen al terrorismo está luchando contra él, organizando campañas electorales. Esta no es la primera vez que el presidente de los Estados Unidos, tratando de quedarse por un segundo mandato, comenzó a elevar sus calificaciones al eliminar al próximo líder del grupo terrorista. Sin embargo, el cuerpo del terrorista fue arrojado en el mar, las fotos y videos de las operaciones realizadas solo prometen hacerse públicos, y después de eso se olvidan de sus promesas.

Nuevamente, se culpó repetidamente a Rusia de la “culpa” de los Estados Unidos de que su presencia en el Medio Oriente se justificaba por la concentración de terroristas allí. Los medios de comunicación han revelado en repetidas ocasiones la exposición de los verdaderos objetivos de encontrar representantes militares de los “socios” estadounidenses en Siria: campos petroleros ricos y el comercio de armas. Además, las maniobras constantes entre la “retirada de las tropas” y el fortalecimiento de las posiciones llevan a la idea de que, en realidad, Occidente persigue sus intereses en la guerra en el Medio Oriente.

Al mismo tiempo, no es un secreto para nadie en el mundo quien realmente lucha contra el terrorismo en Siria y ayuda a establecer la vida en la región, Rusia, mientras que los Estados Unidos solo están preocupados por su enriquecimiento. Por lo tanto, Trump tiene otro motivo para anunciar la eliminación de al-Baghdadi: ocultar la vergonzosa derrota del valiente ejército estadounidense, que vigila la seguridad internacional.

Ecuador: un Ottobre che è stato un Febbraio

Risultati immagini per protestas en ecuador 2019di Atilio Boron

Conclusa la presunta trattativa tra la leadership del CONAIE e Lenin Moreno, il 14 ottobre, è stata decretata la sconfitta della rivolta popolare. La mobilitazione era iniziata, secondo un TWEET ufficiale del CONAIE, per porre fine “alle politiche economiche di morte e miseria generate dall’FMI e alle politiche estrattivistiche che interessano i nostri territori”. Nella più che completa e dettagliata “Dichiarazione dell’agenda per la lotta delle organizzazioni dei popoli indigeni e amazzonici, delle nazionalità e delle comunità, a sostegno della mobilitazione nazionale e dell’esercizio della nostra autodeterminazione”, approvata a Puyo (Pastaza), il 7 ottobre 2019, risaltavano, tra i contenuti più importanti, il rifiuto di “misure economiche, chiamate “pacchetto”, e si aggiungeva: “chiediamo la piena inversione della lettera d’intenti firmata con il Fondo Monetario Internazionale, il cui contenuto non è stato reso pubblico, in violazione dell’obbligo di trasparenza delle azioni dell’esecutivo; nonché l’abolizione dei tentativi di privatizzare le imprese pubbliche segrete sotto il termine di “concessioni””.

L’Agenda e altre dichiarazioni del CONAIE hanno anche denunciato “gli enormi benefici che la borghesia continua a ricevere attraverso molteplici politiche di rilancio dell’economia” e affermando che era giunto “il tempo dell’azione per realizzare le rivendicazioni popolari e impedire che il bulldozer delle riforme passasse sull’economia delle famiglie povere”. Ciò si è tradotto, secondo i leader del movimento, in misure oltraggiose a favore delle banche e delle grandi società, che sono state esentate dal pagamento di 4,295 milioni di euro di tasse e nella “colonizzazione” da parte dei loro rappresentanti dei principali servizi civili, nonché nella deregolamentazione e nella precarizzazione implicita nelle richieste del “pacchetto” dell’FMI.

Va ricordato che le misure annunciate da Moreno il 1° ottobre prevedevano che i lavoratori delle imprese pubbliche “dovessero contribuire ogni mese coi loro salari” e che, al fine di “ridurre la massa salariale, i contratti occasionali sarebbero stati rinnovati col 20% in meno di retribuzione, come anche il tempo della loro vacanza sarebbe stato ridotto da 30 a 15 giorni. A ciò si è aggiunto l’enorme aumento del prezzo dei carburanti, causato dall’eliminazione delle sovvenzioni stabilite quarant’anni fa, che renderebbero quasi tutti i beni di consumo popolari più costosi e genererebbero un netto taglio dei redditi della popolazione. È sorprendente che quest’articolata agenda sia stata completamente esclusa dalla discussione tra la leadership dei popoli originari e il presidente ecuadoriano.

Il trionfalismo di alcuni protagonisti e osservatori del conflitto nel parlare del “negoziato” che ha posto fine alla rivolta non è quindi comprensibile. Fatta eccezione per la questione del prezzo della benzina – certamente importante – tutto il resto rimane intatto, come se l’enorme mobilitazione popolare contro le imposizioni dell’FMI non ci fosse mai stata. Le questioni che hanno reso sorprendente il “pacchetto” sono state lasciate fuori dalla discussione, così come la denuncia, precedentemente espressa dalla leadership indigena, di invertire “in maniera inconsulta” la lettera di intenti firmata con il FMI. Non solo questo: è stato anche sepolto nell’oblio, almeno per ora, il fatto che Moreno era venuto al governo con il programma della Rivoluzione Cittadina dell’ex presidente Rafael Correa, che prevedeva di continuare ad attuare le misure di tipo post-neoliberali, le quali erano state ferocemente combattute dalle élite economiche dell’Ecuador e con un’agenda che ha riposizionato quel paese in linea con i governi progressisti della regione, lottando per emanciparsi dalla pesante protezione, che Washington aveva tradizionalmente esercitato sulle nazioni situate in quello che, in maniera davvero rispettosa per i nostri popoli, era chiamato il “cortile posteriore” degli Stati Uniti d’America.

Attraverso una spettacolare giravolta politica, Moreno ha tradito tale mandato con una velocità e radicalità inusitate, al tempo stesso che ha convertito Rafael Correa – che, fino al giorno dell’insediamento non si era stancato di dire, era stato una delle più significative figure dell’Ecuador, secondo solo a Eloy Alfaro – in un personaggio nefasto, responsabile delle più grandi disgrazie mai subite dall’Ecuador e da perseguitare – tuttora lo perseguita – con accanimento patologico e senza tregua.

Moreno non solo ha invertito la strada di Correa, ma lo ha fatto sottomettendosi da vile ai mandati di Washington: ha lasciato l’ALBA; ha consegnato una base militare nelle Galapagos (uno degli ultimi rifugi incontaminati dell’umanità); ha sfrattato le autorità e i funzionari dell’UNASUR dall’edificio costruito alla periferia di Quito, proprio sulla linea equatoriale; e si è inginocchiato davanti a Donald Trump, per soddisfare con ignominia ineguagliabile (in un continente pieno di lacchè dell’impero) i minimi capricci dell’imperatore. Per cominciare, ha cercato di distruggere Unasur e promuovere il nefasto Gruppo di Lima, per attaccare la rivoluzione bolivariana.

In breve, l’Ecuador è passato dall’autodeterminazione nazionale conquistata dal governo Correa a un “alleato-vassallo”, o meglio: uno stato-servo, che obbedisce semplicemente agli ordini emanati da Washington e alle oligarchie corrotte dominanti in Ecuador. Nulla, assolutamente nulla di tutto questo, è emerso nelle “negoziazioni”, che la leadership del CONAIE ha intrapreso con Moreno e che hanno posto fine al conflitto. Né in questa peculiare “negoziazione” vi è stata una condanna della brutalità della polizia e della repressione militare, delle uccisioni (almeno dieci), delle quasi 100 scomparsi, delle centinaia di ferimenti e delle migliaia di arresti e nulla si è detto della richiesta di dimissioni degli ultra-reazionari ministri dell’interno e della difesa e delle violazioni dei diritti umani. Tutta la confusione che ha scosso l’Ecuador era solo per il prezzo della benzina? E il “pacchetto” dell’FMI? A quanto pare, la montagna partorito il topolino.

Ci sia consentito di offrire qualche congettura, per cercare di svelare ciò che è successo e le sue ragioni.

In primo luogo, ciò che ha caratterizzato questa rivolta è stata la sua tremenda debolezza ideologica e politica, che si poteva difficilmente occultare sotto la sua mobilitazione di massa. Eppure, mancava una direzione politica, motivata da un genuino desiderio di cambiamento e di opposizione al regime al potere. Infatti, considerate le cose con il vantaggio del senno del poi, si potrebbe dire, con una certa esagerazione, che si è trattato di una disputa all’interno del progetto morenista e niente di più, e che lo spontaneismo della protesta innescata dal decreto del 1 ottobre è stato interpretato favorevolmente dai leader, per niente interessati a un’elevazione di consapevolezza delle masse insorgenti. Il resto sono stati fronzoli retorici aventi lo scopo di confondere le masse, più che chiarire la loro consapevolezza e il significato della loro lotta.

In secondo luogo, il tradimento di Moreno trova il riflesso in quello di alcuni dei più noti leader CONAIE, in particolare Jaime Vargas, che ha gettato fuori bordo i propri morti e dispersi, per ottenere in cambio la promessa – sia bene inteso, “la promessa” – di un nuovo decreto, che solo un illuso o un complice perverso può credere possa significare invertire la rotta della totale sottomissione all’FMI. Possiamo aspettarci una discussione approfondita all’interno del CONAIE, perché ci sono segnali che una parte della direzione, e non pochi alla base, non sono d’accordo con quanto pattuito con il regime morenista. Non solo con ciò su cui si è accordato Vargas, ma anche con il ruolo svolto da Salvador Quishpe, ex prefetto di Morona e feroce nemico di Correa, la cui animosità nei suoi confronti lo ha portato a entrare oscenamente in combutta con Moreno. Non è avventato prevedere che questo conflitto latente esploderà presto.

In terzo luogo, il presidente si è mosso astutamente, ben consigliato da Enrique Ayala Mora, presidente del Partito Socialista dell’Ecuador e da alcuni altri mercenari della politica ecuadoregna (uniti dal rancore malato che hanno verso l’ex-presidente Correa) come Pablo Celi, Juan Sebastiàn Roldàn e Gustavo Larrea, visitatori regolari e correveidiles dell'”ambasciata” (per non definirli “agenti segreti”), che gli indicavano come doveva negoziare con gli indigeni: promesse, gesti simpatici, foto, un montaggio televisivo, esaltazione della falsa unità del tipo “siamo tutti ecuadoregni”, una fraternità da operetta, messa in scena dal più grande camaleonte della politica latino-americana, Lenín Moreno, per far sì che i ribelli ritornino alle loro comunità, lasciando il campo liberato, in modo che il governo procedesse senza intoppi con il suo progetto.

In quarto luogo, il successo della strategia del governo è stato anche causato da un fatto tanto vero quanto deplorevole: la profonda penetrazione delle idee dell’”anti-politica” nella società civile dell’Ecuador, che concepisce i partiti come inguaribili nidi di corruzione, da qui l’attacco virulento e prolungato al correismo e a tutto ciò che gli assomiglia, la complicità della magistratura nel convalidare la violazione sistematica dello Stato di diritto durante il mandato di Moreno e il ruolo manipolativo dell’oligarchia mediatica, che non ha mai cessato di informare male e disinformare durante tutto il conflitto.

In quinto luogo, sebbene l’insurrezione indigena fosse sostenuta da ampie sezioni della popolazione, queste erano solo un coro che accompagnava passivamente le iniziative della leadership CONAIE. Non si può interpretare in maniera diversa il fatto anomalo che solo la leadership di tale organizzazione (molto influenzata, è noto, da alcune ONG, che agiscono in Ecuador e che sono i tentacoli invisibili dell’impero e anche di alcune agenzie federali del governo degli Stati Uniti) si è seduta al tavolo dei negoziati.

E gli altri settori del campo popolare? Nulla. Improvvisamente, tutti gli altri suoi componenti sono scomparsi e tutto quella materia solida “si è dissolta nell’aria”, senza lasciare tracce di sé nel conflitto. L’indebolimento dei partiti e dei sindacati ha reso le cose più facili per il governo e per la leadership conservatrice del CONAIE. È vergognoso e stravagante che il principale obiettivo dell’attacco di questa sarebbe risultato Rafael Correa e non il boia, che stava massacrando i suoi sostenitori per le strade di Quito.

Ciò rivela la profondità del conflitto tra l’ex-presidente e quell’organizzazione che, in questo frangente, ha servito a impedire al correismo, così come ad altre forze politiche e sociali, di convergere sulla guida della rivolta. Inoltre, il governo ha arrestato alcuni dei più importanti leader del correismo, a partire da niente meno che la prefetta di Pichincha, Paola Pabàn, senza la minima protesta da parte della leadership della CONAIE di fronte a una tale ingiustizia.

Per concludere: lungi dall’aver trionfato, ciò che è realmente accaduto è stata la consumazione di una sconfitta dell’insurrezione popolare, il cui enorme sacrificio è stato offerto senza nulla di concreto in cambio e, per giunta, a un falso tavolo negoziale. Una leadership indigena ingenua o corrotta perché, parafrasando ciò che il Che diceva a proposito dell’imperialismo, “a Moreno non si può credere nemmeno un pochino, niente!”. E questa leadership ha creduto al “capo” di un regime francamente dittatoriale e corrotto fino alle viscere. Ha creduto a un personaggio come Moreno, un traditore seriale che, se avesse tradito le sue promesse cento volte, le tradirebbe ancora un’altra volta, senza scrupoli e ridendo dei negoziatori indigeni! Naturalmente, il presidente è risultato anche indebolito dal conflitto: è dovuto fuggire da Quito e impostare una negoziazione, fraudolenta ma attraente e persuasiva, di fronte alle telecamere. Il FMI lo rimprovererà per il suo atteggiamento e tornerà all’accusa, costringendolo a mantenere ciò che ha accettato, nonostante le promesse al CONAIE.

Non ci vorrà molto, prima che le masse popolari dell’Ecuador, non solo i popoli originari ma anche gli strati poveri della città e della campagna, i settori medi impoveriti e depotenziati, in breve, la maggior parte della popolazione dell’Ecuador si renda conto della grande truffa perpetrata da Moreno e dai suoi torvi consiglieri con l’imperdonabile complicità della leadership CONAIE e decida di scendere di nuovo in piazza. È una tradizione del popolo ecuadoregno degna di nota, quella di aver rovesciato diversi presidenti reazionari. E se questa volta, quando ha fatto uno sforzo incredibile, le cose sono andate male, è probabile che nella sua rinascita sicura i risultati saranno molto diversi.

Tracciando un parallelo con la storia della rivoluzione russa, quello che abbiamo visto in Ecuador sembrava essere un ottobre e si è rivelato un febbraio. Ecco perché il “Kerenski” ecuatoriano rimane ancora al potere, come il russo è rimasto al potere fino a quando è giunto il suo ottobre. Prima o poi, anche per l’ecuadoregno arriverà il suo ottobre e, se le masse popolari hanno imparato qualcosa da questa lezione, in futuro non si sbaglieranno. Quando si ribelleranno contro la loro opportunista leadership, metteranno fine a un regime servile, immorale e retrogrado come pochi nella storia della Nostra America.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

(FOTO+VIDEO) La storia si ripete: Venezuela come Cuba, il blocco incombe

L'immagine può contenere: 6 persone, tra cui Antonio Cipolletta, Massimo Marzano Terzo e Svetlana Svetlana, persone che sorridono, persone in piedidi Romina Capone

#NoMoreTrump la petizione contro il blocco economico finanziario e commerciale.

Non vogliamo più Trump! Il grido all’unisono della popolazione venezuelana si innalza nel corso della campagna raccolta firme che unisce l’Italia da Nord a Sud in questo torrido mese di agosto tanto da diventare un hashtag. Lo scorso 5 agosto il presidente americano Trump, ha firmato un ordine esecutivo che dichiara un embargo sul Venezuela, embargo che ancora una volta viola i diritti umani e la libertà del popolo venezuelano. Gli Stati Uniti D’America violano per l’ennesima volta il principio democratico dell’auto determinazione dei popoli di essere liberi e di seguire un modello sociale completamente nuovo: il socialismo del XXI secolo. Nella lettera delle venezuelane e venezuelani spedita al Segretario Generale delle Nazioni unite Antonio Gutierrez si denunciano una serie di aggressioni pianificate e brutali da parte degli USA con il sostegno di minoranze politiche del governo venezuelano, a livello economico, politico e psicologico contro la popolazione venezuelana al fine di provocare un cambio di “regime”; in termini reali non è altro che un rovesciamento del governo Maduro scelto attraverso elezioni libere, universali e segrete in conformità con la legge del paese.

Era il 2015 quando il governo Obama indicava il Venezuela come una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza degli Stati Uniti: il cosiddetto Ordine Esecutivo. Da allora è stato ufficializzato e si cerca di legittimare davanti al mondo l’assedio e la distruzione del Venezuela. Tali aggressioni sono state esacerbate da Donald Trump il quale in meno di due anni ha incrementato l’ostilità economica e finanziaria per soffocare lo stato venezuelano e portare la popolazione alla fame.

Negli ultimi giorni Trump ha formalizzato la depredazione delle risorse nazionali e minacciato i paesi partner mettendo a rischio la sicurezza di 30 milioni di abitanti. Le conseguenze di tale atto criminale raggiungono limiti brutali e disumani, impedendo l’accesso al cibo, alle medicine e alle forniture essenziali importate, inclusi i trattamenti medicinali di emergenza e alcune forniture essenziali per il lavoro collettivo. Tutti, bambini, anziani, uomini e donne, sostenitori ed oppositori sono vittime di questo attacco crudele. contrario ai principi fondamentali e ai diritti umani.

Alla luce di quanto scritto non sono mancati presidi di raccolta firme nella città metropolitana di Napoli. Uno di essi è stato allestito negli spazi recuperati di GAlleЯi@rt in Galleria Principe di Napoli, di fronte al Museo Archeologico Nazionale. Un incontro non solo volto alla raccolta firme bensì un momento di scambio interculturale caratterizzato da canti e vestiti tipici del Venezuela. Firme raccolte e consegnate al Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli nella giornata mondiale di protesta, con l’impegno comune ad accompagnare il popolo bolivariano in questa campagna diventando sempre di più difensori della libertà.

___

L'immagine può contenere: Svetlana Svetlana, persona seduta

L'immagine può contenere: una o più persone

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui Fatima Dos Santos, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedute


___

Dialogo plurale e l’altro dialogo

Risultati immagini per Néstor Franciadi Néstor Francia*

Il 23 agosto si è tenuta una riunione di personalità di varia provenienza, conclusa con una dichiarazione pubblica nel corso di una conferenza stampa, che fa riferimento alla necessità di quello che i partecipanti chiamano “Dialogo Plurale”. Vi hanno preso parte diverse persone che godono del mio rispetto e alcuni anche della mia amicizia, come Carlos Azpurua, Vladimir Villegas, Gustavo Márquez Marín, Oscar Schemel, Maryclen Stelling, Héctor Navarro e altri. Ho avuto con tutti convergenze ma anche divergenze, il che non è affatto singolare, perché è la stessa cosa che mi è sempre successa con il governo bolivariano, con il PSUV, con Chávez, con Maduro e con il chavismo in generale. Credo nella diversità e nelle differenze reali non per una questione di fede, ma perché entrambe le categorie esistono evidentemente: per questo motivo è impossibile per chiunque riuscire ad imporre un pensiero unico. L’unanimità è irrealizzabile. Questo fatto non pienamente compreso è stato una delle cause principali del crollo dell’Unione Sovietica e dei sistemi politici dei paesi sottoposti alla sua tutela politica negli anni della cosiddetta “Guerra Fredda”.

Allo stesso modo, non è strano che non concordi con tutti i termini posti nella citata Dichiarazione; tuttavia, ho comunicato via e-mail sia a Gustavo Márquez Marín che a Vladimir Villegas che desidero aderire, poiché concordo con la sua essenza e scopo, a contenuti in più passaggi del testo e in particolar modo nei due paragrafi finali: “Esprimiamo parimenti il nostro categorico rifiuto verso qualunque forma di violenza, interferenza o imposizione straniera. Invitiamo le parti ad avviare il dialogo con il fermo impegno a raggiungere accordi che garantiscano, con mezzi pacifici, costituzionali, elettorali e democratici, le trasformazioni necessarie per garantire la governabilità… (…) La soluzione non verrà da altri. È alla nostra portata, se lo vogliamo veramente, se agiamo con modestia repubblicana e se si ha come bussola l’interesse superiore del paese e non altri interessi”. Non è forse ciò che tutti proclamano, non con tutta la credibilità che una questione così seria meriterebbe?

Questa mia posizione non è estemporanea. Qualche settimana fa mi sono unito a un gruppo di consiglieri convocato da un’alta dirigente del PSUV per avanzare alcune proposte allo stesso PSUV sul tema e sul discorso della pace. Lì ho presentato la mia proposta che ho chiamato “L’Altro Dialogo”. Riporto testualmente alcuni estratti della mia proposta: “La Rivoluzione è obbligata a remare in due direzioni per sensibilizzare due basi elettorali. Da un lato, c’è il movimento popolare chavista cosciente e determinato che, secondo il risultato ottenuto il 20 maggio 2018, raccoglie circa il 30% dell’elettorato (6.245.862 voti su 20.526.978). Questo settore determinato è stato efficacemente sostenuto dal PSUV e dovrebbe continuare ad esserlo, al fine di rafforzarlo e garantirsi il suo sostegno attivo. L’altra base, che sarebbe determinante, è formata da quelli che definiti “né-né” o “non allineati”, che secondo studi credibili potrebbe rappresentare circa il 40% della platea elettorale (circa 8.000.000 di elettori).

La proposta dell’Altro Dialogo mira a favorire un’ampliamento dello spettro politico nazionale che promuova l’immagine di stabilità, distensione, pace e unità nazionale (…) L’altro dialogo aiuterebbe anche a combattere il cliché internazionale della “dittatura”, immagine promossa dall’imperialismo e dalla destra (…) La proposta ha come scopo quello di favorire un altro dialogo politico, diverso da quello inaugurato in Norvegia e che proseguirà alle Barbados. Il dialogo di Oslo, assolutamente conveniente, vantaggioso per le politiche del governo bolivariano e coerente con esse, riproduce tuttavia la polarizzazione politica, almeno dal punto di vista della percezione. S’impone mediaticamente l’immagine di un dialogo tra il governo e l’opposizione, rappresentata fondamentalmente da un solo settore dell’opposizione, la destra estremista. Infatti, il principale portavoce interno a questa fazione è il golpista pro-imperialista Juan Guaidó. Dovremmo chiederci: se è legittimo incontrare questi estremisti, perché non considerare l’avvio di un dialogo pubblico con altre fazioni dell’opposizione che non fanno parte dello spettro estremista e con i settori chavisti che non hanno direttamente responsabilità di governo? Settori che hanno almeno due punti di contatto con il PSUV e il Governo: il rifiuto dell’intervento imperialista e della violenza da un lato e la preferenza per la via pacifica, costituzionale ed elettorale dall’altro (…) È bene che l’Altro Dialogo sia convocato dal Governo, per conferirgli carattere ufficiale. Vediamo alcune delle sue caratteristiche: 1) si convocherebbero elementi di partito e persone organizzate in movimenti di opposizione o non direttamente coinvolti nella gestione del Governo, oltre al PSUV, alla sola condizione che si siano pubblicamente pronunciati contro l’intervento straniero e l’esercizio della violenza. 2) Alcuni di questi elementi potrebbero essere: MAS, Redes, PCV, UPV, Somos Venezuela, Plataforma por el Referéndum Consultivo, Plataforma Ciudadana en Defensa de la Constitución, Soluciones por Venezuela (Claudio Fermín), Concertación por el Cambio (Henry Falcón), Esperanza por el Cambio (Javier Bertucci). 3) L’ordine del giorno dovrebbe essere aperto, ma il dialogo dovrebbe mantenersi nel solco della trattativa per concludere accordi sull’inviolabilità del territorio della Patria, sulla necessità di privilegiare mezzi pacifici e costituzionali per risolvere le divergenze politiche, sull’opposizione alla promozione d’odio, sulla diffusione della tolleranza e la pace (…) Dovrebbero essere convocati dei garanti internazionali, ad esempio l’Ufficio locale della Commissione per i Diritti Umani dell’ONU come convenuto recentemente con la Commissaria Michelle Bachelet. Questo dialogo promuoverebbe, inoltre, la conflittualità politica di settori oppositori diversi rispetto alla destra estremista e filoimperialista, venendo così a costituire nuovi riferimenti che annullino la polarizzazione dello scenario politico.

Ci saranno settori estremisti del chavismo che mi bolleranno come “debole” o “riformista” a causa di questa proposta. Vado avanti e gli rispondo. Sostengo il dialogo promosso dalla Norvegia e di cui il governo si avvale… ma con chi si dialoga? Con la destra fascista, che cospira, promuove la violenza e richiede l’intervento imperialista. D’altra parte, il governo ha riconosciuto di aver avviato da tempo colloqui con il governo degli Stati Uniti, il peggior nemico dell’umanità, che ci impone ampie sanzioni economiche, ruba i nostri beni, sostiene l’isolamento diplomatico del nostro paese e ci minaccia con la forza militare. Sono d’accordo con questa azione diplomatica del governo. Il Presidente Maduro ha ripetutamente affermato di essere pronto ad incontrare Donald Trump. Devo ammettere che non odio nessuno, ma con Trump ci vado molto vicino. Ciononostante, sosterrei un tale incontro. Mi chiedo, quindi, se il governo si mette al tavolo con il peggio del peggio, perché non convoca un dialogo con settori con i quali ha almeno due punti di convergenza, il rifiuto della violenza e l’opposizione all’intervento straniero?

Sto commettendo qualche tipo di infedeltà rivelando parte della mia proposta sostenuta dai consiglieri? Sono passati quasi due mesi da quando l’ho articolata e almeno un mese e mezzo da quando l’ho presentata. Recentemente ho comunicato nella chat Whatsapp del gruppo che, poiché non avevo ancora ricevuto alcuna risposta dal PSUV e se questa non ci fosse stata prontamente, l’avrei spostata su altre strade, poiché sono troppo vecchio per lavorare invano e le mie idee sono sostanzialmente disponibili per tutti, senza escludere che siano giuste o meno. Io stesso ho detto che avrei aspettato che passasse il Forum di San Paolo, dato che il PSUV era sicuramente molto impegnato in questa attività. Ma la dichiarazione a cui ho fatto riferimento ha segnato la svolta, perché ci sono indubbiamente altri venezuelani con idee che si avvicinano alle mie.

Non ho dubbi sulla mia posizione radicalmente anti-imperialista, che mantengo fin da quando ero molto giovane. Né nascondo la mia totale e assoluta contrapposizione al settore criminale rappresentato da quel personaggio irrilevante e passeggero chiamato Juan Guaidó e dal suo partito estremiesta e fascista, Voluntad Popular. Dopo aver chiarito questo punto, dico senza mezzi termini che chiunque rifiuti l’intervento straniero nel mio Paese, si opponga alla violenza e favorisca il dialogo e la pace, può considerarmi uno dei suoi.

* Membro della Assemblea Nazionale Costituente della Repubblica Bolivariana del Venezuela 
__

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione a cura di Alessio Decoro e Antonio Cipolletta]

 

Radicalizzarsi contro l’imperialismo?

Risultati immagini per Milicia popular bolivarianadi Néstor Francia 

Le ultime mosse degli Stati Uniti contro il Venezuela potrebbero voler dire che la disperazione e lo smarrimento imperversa nei circoli governativi della metropoli Imperiale. Questo, in termini assoluti, non vuol dire che il conflitto in corso sia pacificato, al contrario, ancora di più incombe il pericolo che l’imperialismo si radicalizzi e passi ad un superiore livello di aggressione, come il concretizzarsi della minaccia di esercitare un blocco navale. Questa mossa sicuramente non è semplice per gli Stati Uniti, significherebbe imbarcarsi in un’avventura dall’esito incerto; quello che è certo è che non sarà tentata prima delle elezioni presidenziali di novembre. Il risultato di queste elezioni, d’altra parte, potrebbe segnare cambiamenti nella politica estera degli Stati Uniti rispetto a questioni come la Cina, la Corea del Nord, Cuba e l’Iran, probabilmente anche il Venezuela, soprattutto se Donald Trump risulterà sconfitto. Questo sarà un bene o un male? Chissà, dovremo aspettare e vedere dove ci porterà la realtà.

Per ora, l’imperialismo continua a combinare strategie, facendo leva su fatti, minacce e manipolazioni mediatiche. Le sanzioni aumentano, continuano a fare dichiarazioni come quella fatta dal Capo del Comando Sud degli Stati Uniti, Craig Faller, in occasione delle esercitazioni militari Unitas, e seguono le operazioni come quella in corso contro Diosdado Cabello. 

Su quest’ultimo punto è oltraggiosa l’impunità con cui alcune agenzie di stampa internazionali agiscono nel nostro paese. È il caso dell’agenzia spagnola EFE, che si unisce all’ultimo attacco mediatico basato sulla presunta trattativa tra Diosdado Cabello e Stati Uniti. Ci sono alcuni che credono sia una manovra per favorire una spaccatura all’interno delle file chaviste. Non nego del tutto che nel governo gruppi diversi competono tra loro, ma queste contrapposizioni riguardano unicamente la distribuzione di posizioni e incarichi, e non la permanenza del chavismo nel governo né la leadership interna di Nicolás Maduro. Sono più incline a pensare che ciò che si cerca con questo tipo di bufale sia rafforzare le speranze, in forte calo, della base sociale oppositrice che Guaidó  possa ottenere la “cessazione dell’usurpazione”. Per l’imperialismo e i suoi alleati della destra nazionale e internazionale, è chiaro che senza un acceso conflitto sociale interno difficilmente si potrà chiudere la partita col governo bolivariano.

Hanno bisogno che la base sociale dell’opposizione sia incoraggiata e mobilitata come unica possibilità che un tale conflitto possa avere luogo.

Alla ”informazione” fabbricata da EFE sono evidenti tutte le magagne. Si basa su una presunta notizia pubblicata domenica scorsa su Axios, un portale di notizie inaugurato nel 2017 e fondato da personaggi che sono collegati alla Casa Bianca. Inoltre Axios è finanziato dai grandi monopoli statunitensi come JP Morgan e Chase, Boeing, BP, Bank of America, Koch Industries, S&P Global, UnitedHealth Group, Walmart e PepsiCo.

La notizia di EFE sul presunto contatto di Diosdato con funzionari statunitensi si regge su una frase: “gli Stati Uniti assicurano che questo lunedì, figure chiave della cerchia del presidente venezuelano, Nicolás Maduro, sono in frequente collegamento per negoziare l’uscita di scena del presidente, in questi tempi di notizie false su un dialogo tra la Casa Bianca e quello che viene indicato come il numero 2 del chavismo, Diosdato Cabello”.

Tuttavia, la stessa agenzia confessa che l’attribuzione dei commenti agli “Stati Uniti” sia un falso, negando il rango ufficiale a questa bufala: “La Casa Bianca e il Dipartimento di Stato hanno evitato di confermare direttamente queste informazioni”, e le attribuiscono a funzionari che restano anonimi, dell’amministrazione statunitense. Una fonte truccata usata nella guerra dei media per le loro invenzioni malevole.

Citando fonti dubbiose come quella di un ex consigliere di Donald Trump, EFE costruisce una realtà virtuale, facendo leva sul suo contorto linguaggio.

Verso la fine, l’agenzia spagnola cala la maschera e parla delle voci come se fossero una verità dimostrata: “non è chiaro quali sono gli obiettivi del contatto con Cabello. Ci sono alcuni che sostengono che la Casa Bianca stia solamente cercando di destabilizzare l’ambiente vicino a Maduro, quasi sette mesi dopo aver riconosciuto il leader oppositore Guaidò come presidente ad interim del Venezuela“.

Lasciano intendere che la voce sia vera, ci sarebbero dubbi solo sulla reale natura degli obiettivi del contatto con Cabello. Questa è pura sfacciataggine, caradurismo [attitudine ad essere sfrontati e senza vergogna, NDT] e assenza totale di etica giornalistica.

Di fronte a una probabile intensificazione dell’aggressione imperialista, alcuni si domandano cosa dobbiamo fare, e propongono una radicalizzazione proprio su questo fronte di lotta: dichiarare lo stato di emergenza e di guerra, espropriare le imprese statunitensi, espellere dal paese le canaglie bugiarde come EFE, incarcerare subito i traditori che chiedono l’intervento militare dell’impero, sciogliere le organizzazioni terroristiche come Voluntad Popular, interrompere la fornitura petrolifera agli Stati Uniti e ai loro alleati. Io non propongo niente, resto ostaggio dei dubbi, cioè che al momento è conveniente agire con la pazienza degli indios. Quello che dico è che tutte “le opzioni dovrebbero essere sul tavolo”.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

 

Gli zapatisti occupano nuovi territori: “Rotto l’assedio!”

Risultati immagini per EZLNdi Resumen Latinoamericano

18 agosto 2019.- Comunicato del Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno – Comando Generale dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale. Messico

17  AGOSTO 2019

AL POPOLO MESSICANO

AI POPOLI DEL MONDO

AL CONGRESSO NAZIONALE INDIGENO-CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO

ALLA SESTA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

ALLE RETI DI APPOGGIO, RESISTENZA E RIBELLIONE

 

SORELLE, FRATELLI

COMPAGNE, COMPAGNI

 

Vi riportiamo le nostre parole, che sono le stesse di ieri, oggi e domani, perché sono parole di resistenza e ribellione.

 

Nell’ottobre del 2016, quasi 3 anni fa, nel suo ventesimo anniversario, i popoli fratelli organizzati nel Congresso Nazionale Indigeno, uniti all’EZNL, si sono impegnati a passare all’offensiva per la difesa del territorio e della Madre Terra. Perseguitati dalle forze del malgoverno, dai signori della guerra, dalle imprese straniere, dai criminali e dalle leggi; considerando i morti, le ingiustizie e le provocazioni, i popoli originari, i guardiani della terra, si sono  riuniti per passare all’offensiva e diffondere la parole e l’azione resistente e ribelle.

 

Con la nascita del Consiglio Indigeno di Governo e la nomina della sua portavoce, Marichuy, il Congresso Nazionale Indigeno si è impegnato nel compito di portare, ai fratelli e alle sorelle della campagna e della città, la parola di allerta e organizzazione. Anche l’EZLN è passato all’offensiva nella sua battaglia della parola, delle idee e per l’organizzazione.

 

 

E’ giunto il momento di rendere conto alla CIG-ICC e alla sua portavoce. La sua gente dirà se abbiamo adempiuto al nostro compito e non dobbiamo rendere conto solo a loro. Lo dobbiamo anche alle organizzazioni, gruppi, collettivi e individui (specialmente la Sesta e le Reti, ma non solo), che, in Messico e nel mondo, hanno a cuore i popoli zapatisti e, secondo i loro tempi, coordinate geografiche e modalità, indipendentemente dalla loro distanza in chilometri, indipendentemente dai muri e dai confini, o dalle barriere che ci impongono, continuano a far battere il loro cuore accanto al nostro.

 

L’arrivo di un nuovo governo non ci ha ingannato. Sappiamo che il Padrone non ha altra patria che il denaro, e governa il mondo e la maggior parte delle fattorie che chiama “Paesi”.

 

Sappiamo anche che la ribellione è proibita, così come la dignità e la rabbia. Ma in tutto il mondo, nei suoi angoli più dimenticati e disprezzati, ci sono esseri umani che resistono per non essere divorati dalla macchina e non si arrendono, non si vendono e non si arrendono. Hanno molti colori, molte sono le loro bandiere, molte le lingue che parlano, e colossali sono la loro resistenza e la loro ribellione.

 

Il padrone e i suoi capataz costruiscono muri, frontiere e recinzioni per cercare di contenere ciò che dicono sia un cattivo esempio. Ma non ci riescono, perché la dignità, il coraggio, la rabbia e la ribellione, non possono essere fermati o rinchiusi. Anche se si nascondono dietro mura, confini, recinzioni, eserciti e polizia, leggi e decreti, questa ribellione prima o poi li chiamerà a rispondere delle loro azioni. E non ci sarà né perdono né dimenticanza.

Sapevamo e sappiamo che la nostra libertà sarà solo opera nostra, dei popoli originari. In Messico nonostante il nuovo Capataz, ancora seguono persecuzioni e morte: in pochi mesi, una dozzina di compagni del Congresso Nazionale Indigeno – Consiglio del Governo Indigeno e attivisti sociali, sono stati assassinati. Tra questi, un fratello molto rispettato dai popoli zapatisti: Samir Flores Soberanes, ucciso dopo essere stato segnalato dal Capataz che, peraltro, porta avanti mega-progetti neoliberali che cancellano interi popoli, distruggono la natura e trasformano il sangue dei popoli originari in profitto per il Capitale.

 

Per questo motivo, in onore delle sorelle e dei fratelli morti, perseguitati, scomparsi o in carcere, abbiamo deciso di chiamare la campagna zapatista “SAMIR FLORES VIVE”, che si conclude oggi e che rendiamo pubblica:

 

Dopo anni di lavoro silenzioso, nonostante l’assedio, le campagne di menzogne, le diffamazioni, i pattugliamenti militari, la Guardia Nazionale, le campagne di controinsurrezione mascherate da programmi sociali, l’oblio e il disprezzo, siamo cresciuti e ci siamo rafforzati.

 

E abbiamo spezzato l’assedio.

 

Siamo partiti senza chiedere il permesso e ora siamo di nuovo con voi, sorelle e fratelli, compagne e compagni. L’assedio del governo è stato superato, non ha funzionato e non funzionerà mai. Seguiamo strade e percorsi che non esistono su mappe e che i satelliti non vedono perché si trovano solo nei pensieri dei nostri vecchi.

 

Con noi zapatisti, nei nostri cuori, facciamo camminare anche la parola, la storia e l’esempio dei nostri popoli, dei nostri figli, anziani, uomini e donne. Fuori troviamo casa, il cibo, ascolto e parole. Ci siamo capiti come si intendono solo coloro che condividono non solo il dolore, ma la storia, l’indignazione e la rabbia.

Così abbiamo compreso non solo che le recinzioni e i muri servono solo per la morte, ma anche che la compravendita delle coscienze dei governi è sempre più inutile. Non ingannano più, non convincono più, si arrugginiscono, si rompono, hanno già fallito.

 

E’ così che usciamo. Il Grande Capo è stato lasciato indietro, pensava che il suo recinto ci avrebbe trattenuti. Da lontano abbiamo visto le sue spalle fatte di guardie nazionali, soldati, poliziotti, progetti, aiuti umanitari e menzogne. Siamo andati avanti e indietro, dentro e fuori. 10, 100, 1000 volte l’abbiamo fatto e il Grande Capo faceva la guardia ma non riusciva a vederci, confidando nella paura che incuteva.

 

Abbiamo lasciato gli assedianti come una macchia sporca, accerchiati essi stessi all’interno di un territorio ora molto più esteso, un territorio che diffonde ribellione.

 

Fratelli e sorelle, compagni e compagne:

 

Ci presentiamo davanti a voi con nuovi Caracoles e Municipi Autonomi Ribelli e Zapatisti in nuove aree del Messico sudorientale.

 

Ora avremo anche centri di resistenza autonoma e ribellione zapatista. Nella maggior parte dei casi, questi centri ospiteranno anche Caracoles [centro politico-culturale e legislativo], Consigli del Buon Governo e Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti.

 

Anche se lentamente, come suggerisce il loro stesso nome[ Caracol significa lumaca], i 5 Caracoles originali sono nati dopo 15 anni di lavoro politico e organizzativo; e anche i Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti e i loro Consigli del Buon Governo hanno dovuto proliferare e aspettare per vedere i risultati. Ora ci saranno 12 Caracoles con i loro rispettivi Consigli di Buon Governo.

 

Questa crescita esponenziale, che oggi ci permette di uscire di nuovo dall’assedio, è dovuta fondamentalmente a due fattori:

 

Uno, il più importante, è il lavoro politico-organizzativo e l’esempio delle donne, uomini, bambini e anziani che sono la base di appoggio zapatista. In special modo le donne e i giovani zapatisti. Compagne di ogni età si sono mobilitate per parlare con altre sorelle, con o senza organizzazione. I giovani zapatisti, senza abbandonare i loro gusti e desideri, hanno imparato ancora di più dalla scienze e dalle arti contagiando sempre più giovani. La maggior parte di questa gioventù, principalmente donne, si sono assunte questo compito immergendolo nella creatività, ingegno e intelligenza che le è propria. Così possiamo dire, senza dolore e con orgoglio, che le donne zapatiste non solo vanno avanti, come l’uccello Pujuy, per indicare il cammino e non smarrirci, ma sono anche al nostro fianco per evitare che deviamo dal percorso e alle nostre spalle per non farci rallentare.

 

 

 

Il secondo fattore è la politica governativa che mira a distruggere la comunità e l’ambiente naturale, in particolare la politica dell’attuale governo autodenominato “Quarta Trasformazione”. Le comunità tradizionalmente partitiche sono state danneggiate dal disprezzo, dal razzismo e dalla voracità dell’attuale governo, e stanno passando alla ribellione aperta o nascosta. Chiunque pensasse che con la sua politica controinsurrezionale di sussidi, il governo attuale, avrebbe diviso lo zapatismo e comprato la fedeltà dei non zapatisti, alimentando lo sconto e la sfiducia, ha prestato solo le motivazioni che mancavano per convincere i fratelli e le sorelle che è necessario difendere la terra e l’ambiente naturale.

Il Mal Governo ha creduto, e tuttora crede, che quello di cui i popoli hanno bisogno e aspettano siano sussidi economici.

Oggi, i popoli zapatisti e molti altri che non lo sono, così come i popoli fratelli del CNI della zona sudorientale del Messico e in tutto il Paese, rispondono e dimostrano che si sono sbagliati.

Sappiamo che l’attuale Capataz si è formato nella fila del PRI e nella concezione “indigenista” secondo la quale i popoli originari desiderano solo vendere la propria dignità e smettere di essere ciò che sono, che gli indigeni sono pezzi da museo, pezzi di artigianato colorato che i potenti usano per occultare il grigio del proprio cuore. Al Capataz preoccupa solo che i suoi Muri-Treni (quello dell’Istmo e quello ignobilmente chiamato “Maya”) passino attraverso le rovine archeologiche di un’antica civiltà, in modo da deliziare la vista dei turisti-passeggeri. [da dicembre 2018 è stato lanciato il piano del Tren Maya, una nuova linea di 1.525 chilometri pensata per collegare lo stato del Chiapas alla penisola dello Yucatan, con l’obiettivo di rilanciare il turismo e l’occupazione.  Il treno passerà attraverso le aree in cui risiede la comunità etnica dei Maya, ma anche i principali siti archeologici della civiltà Maya, come quelli patrimonio Unesco di Cancun e Chichén Itzá NDT]

Ma noi popoli originari siamo vivi, ribelli e in resistenza. Il Capataz ora intende rimettere in circolazione uno dei suoi caporali, un avvocato che un tempo è stato indigeno, e che ora, come sempre nella storia del mondo, si dedica a dividere, perseguitare e manipolare quelli che un tempo erano i suoi simili. Ma noi indigeni siamo vivi, ribelli e resistenti. Il capo dell’INPI si sfrega ogni giorno la coscienza con la pietra pomice per eliminare ogni traccia di dignità. Crede che così che la sua pelle diventerà bianca e la sua ragione quella del Padrone. Il Capataz si congratula con lui e si congratula con se stesso: non c’è niente di meglio per cercare di controllare i ribelli che un pentito, un apostata a pagamento, per trasformarli in marionette dell’oppressore.

Negli ultimi 25 e più anni abbiamo imparato.

Anziché scalare posizioni all’interno del Mal Governo o diventare una cattiva copia di coloro che ci umiliano e ci opprimono, l’intelligenza e conoscenza che abbiamo è stata dedicata alla nostra crescita e forza.

 

Grazie alle sorelle e ai fratelli del Messico e del mondo che hanno partecipato agli incontri e ai seminari che abbiamo convocato, la nostra immaginazione e creatività, così come la nostra conoscenza, si sono aperte e sono diventate più universali, cioè più umane. Abbiamo imparato a guardare, ascoltare e parlare all’altro senza derisione, condanna o pregiudizi. Abbiamo imparato che un sogno che non abbraccia il mondo è un piccolo sogno.

 

Ciò che ora è noto e pubblico, è stato un lungo processo di riflessione e di ricerca. Migliaia di assemblee di comunità zapatiste, nelle montagne del sud-est del Messico, pensavano e cercavano strade, modi e tempi. Sfidando il disprezzo dei potenti, che ci indicavano come ignoranti e sciocchi, abbiamo usato intelligenza, conoscenza e immaginazione.

 

Qui li chiamiamo i nuovi Centri di Resistenza Autonoma e Ribellione Zapatista (CRAREZ). Ci sono 11 nuovi centri, più i 5 Caracoles originali. Inoltre, sommando i Municipi Autonomi originari, che sono 27, in totale i  centri zapatisti sono 43.

 

Nomi e posizione delle nuove Caracoles e Marez[Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti]:

1 – Nuovo Caracol, chiamatoColectivo el corazón de semillas rebeldes, memoria del Compañero GaleanoLa Giunta di Buon Governo ha preso il nome di: Pasos de la historia, por la vida de la humanidad. Sede La Unión. Terra recuperata. A fianco dell’ejido[terreno comune di uso pubblico] San Quintín, dove si trova la caserma dell’esercito del Mal Governo; Municipio di Ocosingo.

2 – Nuevo Municipio Autónomo, chiamato: Esperanza de la Humanidad; sede: ejido Santa María. Municipio ufficiale di Chicomuselo.

3 – Otro Nuevo Municipio autónomo, chiamato: Ernesto Che Guevara. Sede: El Belén. Municipio ufficiale di Motozintla.

4 – Nuevo Caracol chiamato: Espiral digno tejiendo los colores de la humanidad en memoria de l@s caídos. La Giunta di Buon Governo ha assunto il nome: Semilla que florece con la conciencia de l@s que luchan por siempre. Sede:Tulan Ka’u, terra recuperata. Municipio ufficiale di Amatenango del Valle.

5 – Otro Caracol Nuevo. chiamato: Floreciendo la semilla rebelde. La Giunta di Buon Governo ha assunto il nome: Nuevo amanecer en resistencia y rebeldía por la vida y la humanidadSede: PobladoPatria Nueva, terra recuperata. Municipio ufficiale di Ocosingo.

6Nuevo Municipio Autónomo, chiamato: Sembrando conciencia para cosechar revoluciones por la vidaSede: Tulan Ka’u. Terra recuperata. Municipio ufficiale di Amatenango del Valle.

7 – Nuevo Caracol. Chiamato: En Honor a la memoria del Compañero ManuelLa Giunta di Buon Governo ha assunto il nomeEl pensamiento rebelde de los pueblos originariosSede: Dolores Hidalgo. Terra recuperata. Municipio ufficiale di Ocosingo.

8 – Otro Nuevo Caracol, chiamato: Resistencia y Rebeldía un Nuevo HorizonteLa Giunta di Buon Governo ha assunto il nome: La luz que resplandece al mundo. Sede: el Poblado Nuevo Jerusalén. Terra recuperata. Municipio ufficiale di Ocosingo.

9 – Nuevo Caracol, chiamato: Raíz de las Resistencias y Rebeldías por la humanidadLa Giunta di Buon Governo ha assunto il nomeCorazón de nuestras vidas para el nuevo futuro. Sede: ejido Jolj’a. Municipio ufficiale di Tila.

10Nuevo Municipio Autónomo, chiamato: 21 de Diciembre. Sede: Ranchería K’anal Hulub. Municipio ufficiale di Chilón.

11 – Nuevo Caracol, chiamatoJacinto CanekLa Giunta di Buon Governo si chiama: Flor de nuestra palabra y luz de nuestros pueblos que refleja para todosSede: Comunidad del CIDECI-Unitierra. Municipio ufficiale di San Cristóbal de las Casas.

 

Cogliamo l’occasione per invitare la Sesta, le Reti, la CNI e tutte le persone oneste a venire e, insieme ai popoli zapatisti, a partecipare alla costruzione della CRAREZ, sia procurando materiali e sostegno economico, che martellando, tagliando, trasportando, orientando e vivendo con noi. O nella forma e nel modo che ritengono più opportuno. Nei prossimi giorni renderemo pubblica una lettera che spiegherà come, quando e dove sarà possibile registrarsi per partecipare.

Convochiamo la CNI-CIG per incontrarci e far conoscere il lavoro al quale ci siamo dedicati, per condividere i problemi, le difficoltà, i contraccolpi, gli errori, i semi che servono per mietere il meglio dalla lotta, ma anche i semi che vediamo che non ci danno un raccolto migliore, ma tutto il contrario, in modo da non ricadere negli stessi errori. Per incontrare chi vuole davvero organizzare la lotta e che incontriamo per parlare di buoni e cattivi raccolti. Nello specifico, proponiamo la realizzazione congiunta, in uno dei Caracol, di quello che potrebbe essere chiamato FORUM IN DIFESA DEL TERRITORIO E DELLA TERRA MADRE, o come meglio credete, aperto a tutte le persone, gruppi, collettivi e organizzazioni che sono impegnati in questa lotta per la vita. La data che vi proponiamo è il mese di ottobre 2019, nei giorni che crederete più opportuni. Allo stesso modo, vi offriamo uno dei Caracol per tenere la riunione o l’assemblea della CNI-CIG, nella data che converrete.

 

Invitiamo LA SESTA E LE RETI ad avviare l’analisi e la discussione per la formazione di una Rete Internazionale di Resistenza e Ribellione, Polo, Nucleo, Federazione, Confederazione, o come si chiamerà, basata sull’indipendenza e l’autonomia di chi la forma, rinunciando esplicitamente all’egemonia e all’omologazione, in cui la solidarietà e il sostegno reciproco sono incondizionati, le esperienze positive e negative delle reciproche lotte sono condivise, e si lavora per diffondere le storie dal basso e da sinistra.

 

A tal fine, come zapatisti, convocheremo incontri bilaterali con gruppi, collettivi e organizzazioni che lavorano nelle loro territori. Non faremo grandi riunioni. Nei prossimi giorni vi metteremo a conoscenza del come, quando e dove questi incontri bilaterali che vi proponiamo si terranno. Naturalmente, sarà comunicato a coloro che accettano e tenendo conto dei loro calendari e latitudini.

 

A chi dell’Arte, della Scienza e del Pensiero Critico ne ha fatto la sua vocazione e la sua vita, saranno invitati a festival, incontri, seminari, feste, scambi, o come vorrete chiamarli. Vi faremo sapere come, quando e dove si svolgeranno. Questo include il CompArte [ gioco di parole che unisce condividere arte] e il Festival del cinema “Puy ta Cuxlejaltic”, ma non solo. Abbiamo pensato di realizzare delle CompArtes speciali secondo le singole Arti. Per esempio: Teatro, Danza, Arti Plastiche, Letteratura, Musica, ecc. Ci sarà un’altra edizione delle ConCiencias [gioco di parole che unisce coscienza e scienza], magari a partire dalle Scienze Sociali. Ci saranno i semenzai del Pensiero Critico, magari partendo dal tema della Tempesta.

 

E SOPRATTUTTO A COLORO CHE CAMMINANO CON DOLORE E RABBIA, CON RESISTENZA E RIBELLIONE, E SONO PERSEGUITATI:

 

Inviteremo a riunioni con i parenti di coloro che sono stati uccisi, scomparsi o imprigionati. A queste riunioni saranno presenti anche le organizzazioni, i gruppi e i collettivi che accompagnano il dolore di queste famiglie, la loro rabbia e la loro ricerca della verità e della giustizia. L’unico obiettivo sarà quello di conoscersi e scambiarsi non solo dolori, ma anche e soprattutto le esperienze in quella ricerca. I popoli zapatisti si limiteranno ad essere ospiti.

 

Le compagne zapatiste convocheranno un nuovo Incontro delle Donne che lottano, nei tempi, luoghi e modalità che decideranno, e comunicando quando e attraverso il mezzo di informazione che riterranno più opportuno. Una volta per tutte avvertiamo che l’incontro sarà solo per le donne, motivo per cui non è possibile fornire altri dati.

 

Vedremo se c’è un modo per tenere un incontro con gli Otroas [coloro che non sono né uomini né donne gli zapatisti li chiamano Otraoas], con l’obiettivo di condividere, oltre che il dolore, anche le ingiustizie, le persecuzioni e altre stronzate che subiscono, ma soprattutto per condividere le loro forme di lotta e la loro forza. Noi popoli zapatisti ci limiteremo ad essere ospiti.

 

Vedremo se un incontro di gruppi, collettivi e organizzazioni che difendono i diritti umani sarà possibile, nella forma e nelle modalità che essi stessi decideranno. I popoli zapatisti si limiteranno ad essere ospiti.

 

-*-

 

Compagni e fratelli:

 

Siamo qui, siamo zapatisti. Per essere visti, ci siamo coperti i volti; affinché ci chiamassero, abbiamo nascosto negavano il nostro nome; puntiamo sul presente per avere un futuro e, per vivere, moriamo. Siamo zapatisti, per lo più indigeni con radici Maya, non ci vendiamo e tanto meno ci arrendiamo.

 

Siamo ribellione e resistenza. Siamo uno dei tanti martelli che abbatteranno i muri, uno dei tanti venti che spazzeranno la terra e uno dei tanti semi da cui nasceranno altri mondi.

 

Siamo l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.

 

Dalle montagne del sud-est messicano.

A nome delle basi di supporto zapatisti, uomini, donne, bambini e anziani e del Comitato Rivoluzionario Indigeno Clandestino – Comando Generale degli Zapatisti.

Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

Subcomandante Insurgente Moisés

Messico, agosto 2019

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

La sconfitta di Macri e lo spettro della crisi generale del capitalismo

di Marco Nieli

Diceva Albert Einstein che se si vogliono cambiare i risultati delle proprie azioni, bisogna cambiare le proprie azioni. Non pare abbia seguito questo criterio di elementare logica dialettica la maggioranza degli elettori argentini che, nell’ormai lontano dicembre 2015 decise di ritornare al modello neo-liberista – questa volta impersonato dall’ex-governatore della provincia di Buenos Aires Mauricio Macri, ingegnere civile e imprenditore, appartenente all’élite porteña e fondatore delle coalizioni di destra PRO e Cambiemos – che aveva già portato il paese al default economico nell’anno 2001.

In questi 4 ultimi anni alla guida del paese, Macri e la sua “scuola” politica hanno avuto la costanza (qualcuno potrebbe dire la “faccia tosta”) di riesumare e applicare in maniera dogmaticamente sconcertante le ricette tradizionali del neo-liberismo dell’epoca di Menem ed epigoni (anni ’90), come se, nel  frattempo, nel paese e nel mondo “reale” non fosse successo nulla.  Uno dei capisaldi di questa politica di riconquista della “credibilità internazionale” del paese  è consistita  nella ripresa dei pagamenti integrali all’FMI e ai cosiddetti fondi-avvoltoio (fundos-buitre), dopo la parentesi del canje de deuda (rinegoziazione del debito) e della strenua resistenza contro le aggressioni dei rapaci speculatori della “comunità internazionale”, intrapresa dai coniugi Kirchner, alternatisi alla Presidenza dal 2003 al 2015. Con l’F.M.I. l’Argentina di Macri ha stipulato, tra l’altro, un nuovo patto-capestro per la cifra non del tutto irrisoria di 57 miliardi di dollari, uno dei prestiti più elevati concessi dall’organismo di strozzinaggio internazionale a un paese (ri)-“emergente” o del sud del mondo. I fenomeni corollari della fuga di capitali e dell’aumento esponenziale degli interessi sul debito, che hanno sottratto linfa vitale a un tessuto economico-industriale appena in fase di rivitalizzazione, sono stati solo in minima parte compensati da discutibili ripetute misure di blanqueo de dinero (lavaggio di capitali), per un totale di circa 100 milioni di dollari.

Come risultato di questo approccio di accondiscendenza estrema verso le richieste della “comunità internazionale” (leggi: dell’imperialismo U.S.A.-U.E.), simbolicamente riappacificata col mondo (vedi:  il G20 della cumbre tenuta a Buenos Aires nel 2018), l’Argentina di Macri si è tornata ad avvolgere nella spirale dell’austerity, ormai ampiamente sconfessata da gran parte dei governi dell’area U.E., con le ben note conseguenze disastrose già sperimentate alle nostre latitudini, a partire dalla crisi del 2008: un debito estero in salita vertiginosa ed esponenziale (107.525 milioni di dollari nel 2018), un aumento sensibile della disoccupazione e della sotto-occupazione (tra il 12,8 di Rosario e Mar del Plata e il 4 circa del Nord-est e altre zone della “periferia”, dove, però, è più radicata la pratica dell’economia informale), un’ascesa costante dell’inflazione reale, che ormai galoppa verso il 40% (con la corrispondente svalutazione del peso, arrivato sul mercato parallelo a un rapporto col dollaro a doppia cifra) e, ovviamente, un ritorno della povertà e dell’esclusione sociale agli indici dell’epoca della dittatura, vale a dire circa il 35% della popolazione (su circa 40 milioni di abitanti).

Con i risultati delle recenti elezioni primarie (PASO) per i candidati alle presidenziali (del prossimo 27 ottobre), che hanno assegnato a Macri il 33,27% e il 48,86% al Frente de Todos capeggiato da Alberto Fernández come candidato a Presidente e da Cristina Kirchner come vice e il conseguente crollo dell’indice della Borsa di Buenos Aires (il Merval) di 30 punti, con subitanea ascesa del dollaro a circa 56 pesos, si apre una nuova inquietante pagina nelle fluttuazioni dell’economia argentina, che rischia una nuova drastica regressione. Non si sa ancora se questa assumerà i termini della recessione seguita dalla stagnazione o un brusco collasso come quello del 2001, ma sicuramente il trionfalismo della prima ora ha subito un brusco ridimensionamento alla prova dei fatti. Al di là di tutte le congiunture e i fallimenti di circostanza, quello che torna ad agitarsi anche alle latitudini australi è lo spettro di una crisi strutturale e definitiva del sistema del capitalismo globalizzato nella sua fase imperialistica e finanziarizzata.  

In effetti, il caso dell’Argentina di Macri riveste senza dubbio un interesse emblematico, almeno nell’ambito del contesto latino-americano, perché, a suo tempo, fece parlare di una “svolta a destra” del continente, in netta controtendenza rispetto alle politiche d’integrazione d’area, promosse dal genio politico del Comandante Supremo Hugo Chávez Frias, e prontamente condivise da Nestor e Cristina Kirchner in Argentina e dai Presidenti Lula e Rousseff in Brasile. Le stesse che, sulla base di una piattaforma politica ed economica paritetica, basata sui progetti dell’ALBA e della CELAC, configuravano una vera apertura “orizzontale” al mondo del multipolarismo emergente (i paesi del blocco BRICS, tra cui le potenze russa e cinese) e al gruppo dei paesi non allineati e, in termini di cooperazione equitativa, ai paesi in via di sviluppo dell’Africa e, in generale, del sud del mondo. Nel rigetto condiviso delle politiche di integrazione libero-scambista, cavallo di battaglia dell’imperialismo a matrice U.S.A.-Canada, che già avevano messo in ginocchio l’emergente economia  messicana (chi si ricorda dell’AL-CA…RAJO decretato alla proposta di Bush figlio proprio a Mar del Plata neel 2005 dal Comandante della Repubblica Bolviariana, insieme ai coniugi Kirchner e a Lula?).

Il macrismo si è, in effetti, decisamente orientato, in campo di interscambio economico come anche di proiezione geopolitica, verso l’asse nord-sud, recuperando una stretta relazione con gli U.S.A. e l’U.E. (ha iniziato le trattative per un’area di libero scambio con l’Europa, a tutto detrimento del Mercosur, dal quale ha tra l’altro cercato di far espellere il Venezuela di Maduro) e con l’area di libero commercio del Pacifico (U.S.A., Giappone, Cile, Peru; l’Argentina di Macri è stata anche una delle maggiori promotrici del gruppo di Lima, ancora una volta in funzione anti-Maduro). Ha ridimensionato enormemente lo scambio economico con la Cina di Xi Jinping e con la Russia, preferendo ritornare a indebitarsi con il F.M.I., nonostante le disastrose esperienze del passato.

Alla luce della recente sconfitta del macrismo alle primarie presidenziali in Argentina, tuttavia, sembrano più adeguate le linee interpretative di un Néstor Francia, che parla di vittorie “circostanziali”, legate al momento più che all’epoca, dal momento che l’inizio del XXI secolo ha segnato l’avanzamento continentale di politiche e governi “progressisti”, se non apertamente rivoluzionari e che la politica di piazza è sempre rimasta, anche nell’Argentina e nel Brasile “svoltate” a destra, in mano ai movimenti di resistenza ed opposizione sociale, sindacale e politica. Anche politologi di chiara fama internazionale, come Atilio Borón, ci hanno messo in guardia contro le facili interpretazioni trionfaliste dei media, generalmente inclini in questi paesi ad avallare una narrazione dei fatti più in linea con le tradizionali concentrazioni di potere, risalenti spesso all’epoca delle dittature (si pensi ai grandi gruppi monopolistici Clarín in Argentina e al gruppo Globo in Brasile, in larga misura corresponsabili dei suddetti cambi di regime), magari ammantate in salsa post-ideologica e stile “post-verità”. Il che non significa che regimi parzialmente o populisticamente “cesaristi di destra” (come anche quello di Jair Bolsonaro in Brasile), per usare una categoria gramsciana ripresa anche da Borón, non possano causare lacrime e sangue con le loro misure anti-popolari, per quanto passeggeri.

La crescente resistenza/opposizione sociale, sindacale e politica nel paese reale a quest’ostinata reiterazione di schemi, che ormai si pensava potessero essere considerati sepolti nelle cloache della storia, è stata dal governo Macri trattata con un’abile combinazione di brutale repressione (come nei casi di Milagros Sala in Jujuy e di Santiago Maldonado in Chubut) e manipolazione mediatica, in pieno stile contro-rivoluzione preventiva. In un paese dove l’Esercito si è reso responsabile, con Videla & co. della tortura ed eliminazione fisica di circa 30.000 persone, appare quanto meno ambigua la riforma per decreto dell’anno passato sulle funzioni dello stesso, chiamato a intervenire, oltre che in difesa da eventuali aggressioni esterne, anche all’interno, contro gli attacchi portati da “organizzazioni transazionali e terroristiche” contro “obiettivi strategici”.  Troppo evidente appare il progetto di colpire repressivamente l’opposizione di piazza (basta pensare ai movimenti di resistenza Mapuche al confine in Chubut e Patagonia contro le trivellazioni o l’alienazione di terre a favore dei vari Benetton di turno), perché non desti preoccupazione.

Va ricordato che uno dei (tutto sommato pochi, a parte il sostegno reciproco con il Venezuela chavista e la nazionalizzazione di Aerolineas Argentinas, dell’industria petrolifera YPF e la decisa politica a sostegno dei giudizi contro i genocidi della dittatura) meriti storici del governo di Cristina era stata l’approvazione della Ley de medios (Legge sui media), che avrebbe dovuto contribuire a smembrare l’oligopolio del gruppo Clarín nella prospettiva di un’effettiva democratizzazione del sistema delle concessioni pubbliche e dell’informazione (legge poi sospesa per sospensiva in seguito a ricorso giudiziario) e che oggi il governo Macri ha, di fatto, annullato, in nome della libertà di espressione, della concorrenza (???) e del libero (???) mercato. Principi tutti, ovviamente, contraddetti dalla persecuzione in sede giudiziaria delle reti comunitarie.

Sulle prospettive politiche di un cambio a breve respiro, bisognerebbe, in attesa di una quasi sicura vittoria imminente del Frente de Todos alle presidenziali del prossimo ottobre, sospendere un attimo il giudizio, ricordando che questa coalizione assomiglia più a un’armata Brancaleone, con Alberto Fernández ex collaboratore-oppositore dei Kirchner, che viene dalla destra moderata e lo stesso Partido justicialista (=peronista) di Cristina, con all’interno, tipicamente, le classiche contraddizioni interclassiste del peronismo storico.  Tenendo presente che il Partito Comunista, in Argentina, si è bruciato con il suo appoggio strategico alla Dittatura del 1976-84, e che le uniche due forze politiche strutturate che tengono la piazza oggi nel paese solo il trotzkijsta Partido Obrero, attualmente coinvolto in una profonda crisi interna tra la frazione “pubblica” di Altamira e Ramal e un CC saldamente nelle mani dei vari Gabriel SolanoNéstor Pitrola y Romina Del Plá e i movimenti di base del Partido Justicialista (=peronisti pro-Cristina), tipo il Movimiento Evita, La Cámpora, Peronismo militante e i Descamisados).    

Un’opposizione politica nel paese reale tutta da costruire, puntando a far moltiplicare le esperienze locali dei comitati operai operanti contro i tarifazos (aumenti delle bollette e dei mezzi di trasporto), dei movimenti indigeni anti-industria mineraria e anti-latifondo, delle fabbriche recuperate e delle associazioni operanti negli asentamientos (baraccopoli) del tipo Barrios de Pié, ma sotto la direzione illuminata di un Partito Rivoluzionario tutto da costruire, a partire dall’organizzazione, dai mezzi, dalla strategia e dalla concezione scientifica del mondo, mutuata dal materialismo storico-dialettico. Perché, come ricordava Engels anni dopo l’esperienza della Comune di Parigi, la rivoluzione non scoppia, ma bisogna costruirla. Nonostante, ma semmai approfittando delle crisi ricorrenti e ormai sempre più globalizzate del capitalismo.

Bilancio e proposte in base all’esperienza vissuta in Rivoluzione

Risultati immagini per mision caracas 2003di Thaís Rodríguez Gómez

Dopo un’assenza di circa due mesi, Caracas mi accoglie con una brezza gelida davanti alla collina Mario Briceño Iragorry a Propatria. Questa collina mi ricorda tante cose dalla fase più felice della mia gioventù: l’inizio della Rivoluzione Bolivariana. Nel 2003, il Comandante Chávez affidò il compito di realizzare la Missione Caracas al primo gruppo di giovani del Fronte Francisco de Miranda, con l’obiettivo di entrare nei quartieri più poveri della capitale, vivere con la gente e realizzare una valutazione sociale che individuasse i bisogni più urgenti della popolazione. Ci andai, da Barquisimeto a Caracas, ispirata da un vortice di idee e speranze, appena quindicenne, con centinaia di giovani provenienti da diverse parti del paese.

Risultati immagini per mision caracas 2003“Ragazzi andate, siate i miei occhi, ovunque fate come se foste Chávez, aiutatemi”, ci disse.

Per quelle coincidenza della vita, il gruppo 5 degli operatori sociali di cui facevo parte doveva arrivare nel quartiere Mario Briceño Iragorry, lo stesso nome del liceo nel quale cominciavo il quinto anno di studi superiori a Barquisimeto.

Mario Briceño era un giovane storico di quella generazione che ha combattuto la dittatura gomezista e che scrisse uno dei più importanti documenti patriottici e antimperialisti “Mensaje sin destino”, nel quale definiva l’intero settore alienato e filo-imperialista della nostra popolazione come “piti yanquis”… per me non fu un caso dover vivere e lavorare per quasi due mesi in un quartiere che porta il suo nome.

In quel quartiere, sin dal primo giorno, compresi appieno Chávez, la sua insistenza, la sua impazienza e la sua urgenza di trovare soluzioni, caratteristiche che l’avrebbero accompagnato dall’inizio della sua vita politica fino al suo ultimo respiro.

Mario Briceño è un quartiere come ce ne sono tanti a Caracas e in Venezuela, dove la povertà si percepisce sui volti della gente. La cosa peggiore non era la miseria materiale, bensì quella spirituale che generalmente l’accompagna: bambini senza padre, senza scuola e con problemi di malnutrizione.

Risultati immagini per mision caracas 2003La prima esperienza che ho avuto è stata quando sono entrata nella casa che ci avrebbe ospitato. Mentre cercavo di raggiungere la finestra (per ogni ragazza che viene da una città pianeggiante è irresistibile arrivare in alto per poi guardare in giù), ma non mi lasciarono nemmeno affacciare poiché, con calma ma con fermezza, mi ammonirono: “No ragazza, non affacciarti. C’è una sparatoria dall’altra parte della collina e un proiettile può arrivare pure qui”. Il monito mi fu dato da Helen, la padrona di casa, donna instancabile e di convinzioni granitiche, una di quelle attiviste di quartiere che sono più importanti di qualsiasi leader politico. In questi 16 anni, da quando l’ho incontrata, ogni volta che la rivedo, le domando: Helen, come stai? E lei risponde puntualmente: sempre uguale, in lotta.

Helen aveva una piccola casa dove viveva con le sue tre figlie, ognuna delle quali aveva un compagno e un figlio. Ci disse senza riserve: “tutti rimarranno qui”; eppure il nostro gruppo era formato da 25 giovani e in aggiunta di tanto in tanto Daniel (uno dei ragazzi del gruppo) portava a casa qualche cucciolo che faceva pipì ovunque. Durante la notte non si poteva circolare nell’appartamento perché il pavimento era ricoperto di materassi che, solo la mattina molto presto, venivano tolti. Dopo un mese che abitavano con Helen, lo spazio si ridusse ancora di più perché fu data una delle tre stanze alla prima coppia di medici cubani che arrivarono nel quartiere.

Che cosa facevamo lì? Ci dividemmo in gruppi di tre persone per andare in giro, entrare nelle case e parlare con la gente, riempiendo un questionario dove si chiedevano varie informazioni: nucleo familiare, grado di istruzione, occupazione, reddito, aspirazioni di miglioramento della comunità, quali mezzi di informazione e che tipo di divertimento preferissero. Pochi giorni dopo eravamo già molto conosciuti nel quartiere e cominciammo a coordinarci con i leaders della comunità per organizzare attività culturali e sportive.

Durante le mie passeggiate nel quartiere ho avuto un compagno inseparabile che mi assicurava che mi avrebbe protetto da qualsiasi cosa, era Manuel, otto anni. “Tu sei la mia ragazza e io mi prenderò cura di te”, mi disse. Aveva perso la vista da un occhio e uno scarso sviluppo fisico ne denunciava la malnutrizione. Era il primo di sei fratelli, gli ultimi due nati con malformazioni genetiche. Vivevano in una specie di grotta, un luogo dove la luce del sole non entrava mai, la madre era tossicodipendente e non c’erano indizi che i genitori si riavvicinassero. Chi era sempre al suo posto era la nonna, una donna che appariva già anziana, ma probabilmente non era tanto vecchia. Bastava guardarle le mani e gli occhi per intuire quanto dura fosse stata la vita con lei. Questa famiglia è stato uno dei casi che abbiamo segnalato con insistenza e a cui facemmo ottenere l’assistenza sociale.

Lì a Briceño ho capito cosa c’è veramente dietro le statistiche, perché è facile dire: 65% di povertà, 25% di povertà estrema, 3 miliardi di dollari persi durante il sabotaggio petrolifero… ma solo quando ti confronti con la realtà le cifre ti entrano come un pugnale fin nel profondo dell’anima.

Nel 2003, periodo in cui portammo a terminare la valutazione sociale e allo stesso tempo svolgemmo altri compiti, Chávez promosse la realizzazione più amorevole ed efficace della nostra Rivoluzione: Le Missioni Sociali. I medici venivano da Cuba, perché in Venezuela i pochi che avevamo non volevano andare nei quartiere popolari o in campagna; mentre le cubane e i cubani si inerpicavano sulle colline, attraversavano fiumi, montagne, savane e dormivano sui materassini. Con una provvista di medicinali, organizzarono, insieme alla comunità, ambulatori di fortuna. Successivamente furono costruiti i moduli sanitari, i Centri di diagnosi integrale e i Centri ad alta tecnologia.

In quel periodo furono creati anche i Mercales e Mercalitos, le case del cibo dove le donne del quartiere si rimboccavano le maniche per cucinare per famiglie come quella del piccolo Manuel. Allo stesso tempo, i gruppi di volontari per la Missione Robinson cominciavano a formarsi. La Missione Robinson ha insegnato ad adulti e anziani a leggere e scrivere e così nel 2005 il Venezuela è stato dichiarato territorio libero dall’analfabetismo, nonostante i media di destra li deridessero affermando: “pappagallo vecchio non impara a parlare”. Alla fine di quell’anno, il 2003, iniziarono i censimenti per la Missione Rivas e Missione Sucre, per le scuole superiori e l’università.

Risultati immagini per mision caracas 2003Passarono gli anni e si aggiunsero un numero infinito di conquiste sociali: l’Università Bolivariana del Venezuela (dove mi sono laureata come comunicatrice sociale), villaggi universitari in tutto il paese, fu fondata ViVe Televisión (dove imparai a raccontare le storie della nostra rivoluzione), si promossero miglioramenti nelle comunità attraverso i comitati per i terreni urbani, per la salute, per la pianificazione e più tardi i Consigli Comunali. Si raggiunse il risultato di ridurre la povertà all’8%, ottenemmo la piena sovranità sul petrolio (recuperando PDVSA), la nazionalizzazione della fascia petrolifera dell’Orinoco (azione che permise di garantire le risorse economiche per la politica di assistenza sociale). Se citassi una ad una le opere compiute durane la rivoluzione, certamente potrei scrivere un libro di centinaia di pagine.

Nel 2012 a Caracas conobbi il mio amico Javier, che vive nel quartiere Isaías Medina Angarita, proprio di fronte a Mario Briceño e fu inevitabile non fare un bilancio. La prima cosa che mi sono detta è stata: “Ce l’abbiamo fatta!”. Anche se c’era ancora molto da fare, non avevamo più bambini denutriti come Manuel. I ragazzini erano in salute, disputavano tornei di calcio organizzato dal Consiglio Comunale, le facciate degli edifici del Barrio Nuevo e del Barrio Tricolor erano vivacemente colorate, e insomma, nei volti della gente non si leggeva più miseria spirituale, bensì gioia e ottimismo.

Questo risultato fu conseguito grazie alle missioni nate dall’impegno febbrile di centinaia di migliaia di patriote e patrioti disposti a riprendersi il Paese; e, già consolidata la rivoluzione, progetti di successo come la Grande Missione Abitativa Venezuela e una lunga lista di altre cose straordinarie, noi le rendemmo ordinarie. Purtroppo alcuni smemorati attribuiscono questi risultati alla 4a Repubblica, quando invece sono conquiste sociali raggiunte col chavismo.
Questo abbiamo fatto, e dico abbiamo, perché tutti insieme, patrioti e patriote, abbiamo raggiunto questi risultati e di questo sarò sempre orgogliosa. Oggi, 20 luglio 2019, torno a casa di Javier e inevitabilmente ancora una volta si deve fare bilancio: mi rendo perfettamente conto che in termini materiali siamo regrediti, una percezione della realtà che coincide con i dati recentemente pubblicati dalla Banca Centrale del Venezuela, che indicano che siamo tornati agli stessi indici economici del 1999, cioè, che in sei anni di crisi, sotto il profilo economico, siamo tornati al punto di partenza. Tutto questo per i molteplici motivi che hanno generato la crisi iniziata nel 2013. Tuttavia, al di là delle cifre, dobbiamo valutare il campo soggettivo, e lì ci rendiamo conto che la rivoluzione ha inciso, perché c’è un popolo impoverito ma che resiste, con espedienti, speranza e con autostima.

Conosciamo bene le cause di questa crisi. Ce ne sono di esterne: il crollo del prezzo del petrolio, in caduta libera per 2 anni consecutivi, l’attacco alla moneta (componente principale della crisi), il blocco e le sanzioni economiche degli Stati Uniti, il furto del complesso delle raffinerie Citgo, la rapina di parte delle nostre riserve auree e del denaro dallo Stato Venezuelano depositato su conti bancari, e per finire, il sabotaggio della borghesia parassitaria.

La crisi però è dovuta anche cause interne, che ci rendono vulnerabili alle aggressioni: la fuga di capitali operata da una parte del settore imprenditoriale con il consenso di un’amministrazione pubblica corrotta, l’inefficienza, la negligenza nelle istituzioni e nelle aziende dello Stato, con il popolo che patisce per la scarsa qualità dei servizi di base (avvertita pesantemente nella maggior parte degli stati del paese, e molto prima che cominciassero gli attacchi al sistema elettrico); inoltre è necessario sottolineare la problematica fornitura del gas, perché, benché il nostro paese sia una delle maggiori potenze nel settore degli idrocarburi, intere popolazioni, anche all’interno delle grandi città, cucinano con la legna, prassi che provoca effetti dannosi alla salute oltre a produrre un forte impatto sull’ambiente a causa dell’abbattimento indiscriminato degli alberi; la scarsa attenzione, i ritardi e in molti casi la richiesta di indebite commissioni per lo svolgimento delle pratiche nella pubblica amministrazione; l’azione senza scrupoli dei funzionari della GNB (Guardia Nazionale Bolivariana), lungo autostrade e superstrade, che esigono mazzette da chi trasporta forniture (alimenti compresi) affinché tutto fili liscio; la corruzione, che non costituisce solo un problema etico, ma ha assunto dimensioni strutturali al punto da aggravare le dinamiche economiche del paese (quest’ultimo punto meriterebbe un articolo intero), e si potrebbe continuare.

È importante analizzare le responsabilità dirette di chi governa oggi, per mutare il corso delle cose. Ovviamente dalla destra, dai nemici, non ci aspettiamo cambiamenti, al contrario, ci aspettiamo ancora sabotaggi e azioni contro il popolo. Ci tocca continuare a resistere, ma in condizioni di uguaglianza, con un’amministrazione rivoluzionaria delle risorse, senza scuse assurde che fanno perdere legittimità alla dirigenza. Perché è evidente che non tutti abbiamo vissuto la crisi nelle stesse condizioni, che c’è un popolo che si sacrifica da solo, resistendo nonostante alcuni godano di privilegi grotteschi, addirittura alcuni dirigenti che si dicono chavisti, oltre che il settore commerciale, imprenditoriale e la classe politica d’opposizione. In breve, la gestione della crisi si è svolta nel quadro dell’economia capitalistica e quindi è toccato ai lavoratori e alle lavoratrici soffrire, ma la piramide deve essere invertita.

Mi chiedo:

Perché non affrontare i problemi con lo stesso spirito febbrile che ha caratterizzato l’inizio della rivoluzione, in modo da risolvere i bisogni più urgenti della popolazione? Che siano coinvolti i sindaci, i governatori, i ministri, che girino in lungo e largo il paese, organizzando e accompagnando il popolo! Purtroppo li vediamo tutti molto distanti, muoversi su grandi SUV, temendo di avvicinare il popolo, e quando appaiono in TV, sono quasi tutti ingrassati.

Perché non attivare un piano di risanamento di PDVSA, con la partecipazione di tecnici e ingegneri patrioti che, con le loro conoscenze, creatività e onestà, promuovano un programma di lavoro che recuperi le molte aree attualmente inattive o carenti? Sì, è possibile! L’Esercito Produttivo (un gruppo di lavoratori ingegneri che su base volontaria hanno superato ogni genere di ostacoli, compreso il sabotaggio della burocrazia), l’anno scorso ha raggiunto gli obiettivi prestabiliti della Battaglia Produttiva nel complesso di raffinazione del Paraguaná: in brevissimo tempo hanno riparato numerose strutture con le proprie sole forze. Esperienze come queste dovrebbero essere parte di un Programma Statale e non solo un’iniziativa popolare nata dalla lotta contro strutture amministrative, che per oscure ragioni, vi si oppongono.

Perché non implementare un metodo di gestione trasparente che miri a sradicare le pratiche di corruzione nell’industria, in particolare nel settore Commercio e Forniture, cervello commerciale della PDVSA? Il recupero dell’industria, in questo momento particolare, è la cosa più urgente per garantire le risorse necessarie alla società.

Perché non vediamo piccoli mercalitos nei quartieri? Per di più se diamo un’occhiata ai negozi Clap nel CCCT [Centro Ciudad Comercial Tamanaco, un centro commerciale situato a Caracas, NdT] troveremo prodotti importati a prezzi inaccessibili alla maggioranza della popolazione. Molti di questi articoli: liquori, condizionatori d’aria, trucco e altri beni d’importazioni, non sono certo beni di prima necessità!

In piena crisi alimentare, perché non dichiariamo guerra ai latifondi, come fece Chávez nel 2006, incentivando la produzione, invece di sfollare i contadini per garantire la terra ai privati? Perché criminalizzare i contadini più poveri, che hanno dato sangue e sudore per la rivoluzione, invece di sostenere con i fondi statali la mafia agraria che cospira contro il governo?

Si potrebbe preparare un piano di lavoro per la terra, stabilendo obiettivi di produzione dove, dal Presidente al Ministro, fino ai funzionari, i quali con il loro esempio incentivano, contribuendo con giornate di lavoro volontario, il raggiungimento degli obiettivi. È necessaria una grande alleanza con i contadini organizzati nelle Comuni.

Perché non vediamo coinvolti i militari nei compiti urgenti di piantare, produrre e recuperare le aree, come è stato fatto all’inizio della rivoluzione con il Piano Bolivar 2000, quando la necessità di superare la povertà è stata affrontata senza disporre di risorse anche perché all’epoca PDVSA non era ancora stata nazionalizzata? Torniamo all’unità civico-militare proposta dal Comandante Chávez e sradichiamo gli abusi e la corruzione all’interno della FANB.

Correggiamoci, torniamo sulla strada indicata da Chávez, perché la gente resiste e questo si aspetta.

La dirigenza, almeno la parte ragionevole che ancora resta, deve scendere per le strade, incontrando i bambini che deambulano per Sabana Grande, o in qualche altro angolo del paese, parlare con le donne che bloccano le strade perché manca il gas, guardarle in faccia, impegnarsi e non voltare le spalle a quella speranza che vive ancora negli occhi della gente… scuotersi e agire, come fece Chávez. Farlo con urgenza, senza indugio.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

Bloqueo Económico Total

Risultati immagini per Bloqueo economico total Curciopor Pascualina Curcio

Lunes, 12 agosto 2019.- Llevan 20 años poniendo en práctica todas las doctrinas de la guerra no convencional para derrocar a la revolución bolivariana. Desesperados, arremeten ahora con un bloqueo económico total. Esta nueva orden ejecutiva firmada por Trump busca afectar a todo el pueblo venezolano. Es un crimen de lesa humanidad.

Según el último informe de la Organización Mundial del Comercio, del total de las exportaciones petroleras de Venezuela, el 41% tiene como destino final los EEUU. En cuanto a las importaciones, el 38% proviene de allá. Son cifras del 2017.

El 38% de los bienes importados se desagrega de la siguiente manera: 18% en combustible, tanto bienes refinados, como insumos para la producción petrolera; 6% corresponde a maquinarias, repuestos y tecnología en general; 4% son productos químicos, léase medicamentos; 3% son alimentos; 2% son bienes para el sector transporte; la diferencia está repartida en otros rubros.

Afortunadamente, el petróleo es muy demandado en los mercados internacionales. Debemos preocuparnos y sobre todo ocuparnos en solucionar la dependencia del 18% en combustible e insumos para la producción petrolera, así como del 6% en tecnología.

En medio de las dificultades son muchas las oportunidades que se abren. Fortalezcamos aún más las relaciones comerciales y financieras con los países aliados; apostemos a la producción nacional pero no en manos de los grandes monopolios trasnacionales; apoyemos la producción comunal y estadal. Para ello es imprescindible, ahora más que nunca, controlar el uso de las divisas. Permitir que los grandes capitales, los que nos bloquean, se las lleven libremente, es por decir lo menos, una torpeza.

Atendamos el asunto del ataque a la moneda, que en orden de prioridades, causa más daños que el propio bloqueo económico. Fortalezcamos el bolívar, respaldémoslo en oro, deslindémoslo del dólar, aumentemos las reservas en oro, que al estar en las bóvedas del BCV no podrán ni robarlas, ni bloquearlas. Empeñémonos en la recuperación de la producción petrolera.

Los bloqueos no derrocan revoluciones, mucho menos si éstas cuentan con la mayor reserva de petróleo y oro del planeta, pero sobre todo cuando cuentan con un pueblo consciente y en unión cívico militar que, ni en la peor de las tormentas, desvía su rumbo.

Dittatura mondiale

Nessuna descrizione della foto disponibile.di Néstor Francia

Dio sa che non sono servile con il governo. La gente sa che sostengo il governo di Nicolás Maduro, essendo un avversario critico attivo di tutti i batteri che infettano alcune parti del suo corpo e causano dolore: burocrazia, corruzione, inefficienza, indolenza, settarismo, dogmatismo.

Mali che è possibile curare, quando siamo in grado di fare la giusta diagnosi e con coraggio applicare il trattamento adeguato. Ho scritto una poesia in cui affermo: “Prima tirare il collo all’aquila / poi avvelenare i topi / Prima rompere il becco all’aquila / poi estirpare le zanne al serpente”. Mi spiego qui di seguito.

Da molto tempo non cado nel falso dilemma tra democrazia e dittatura. Innanzitutto, ciò che considero l’unica democrazia possibile, una democrazia socialista profonda e diffusa, non esiste in nessuna parte del mondo. Tutti i paesi sono governati da dittature: di un gruppo, di un partito, di una classe sociale. Nessuno dovrebbe sentirsi allarmato per ciò che affermo. Carlo Marx si riferiva già alla dittatura del proletariato come forma di governo consustanziale al socialismo. Secondo questo concetto, il proletariato diventerebbe la classe dominante esercitando la sua dittatura sulla borghesia mentre completa la transizione dal socialismo alla società senza classi, alla società superiore, al comunismo.

Certo, ci sono dittature e dittature. Le dittature di Cuba e Venezuela sono esercitate da rappresentanze che sostanzialmente esprimono gli interessi generali dei lavoratori, almeno per buona parte delle loro azioni. La dittatura della Colombia è diretta da una classe politica legata al grande capitale, al traffico di droga e al paramilitarismo.

Tuttavia, la transizione verso una vera democrazia socialista (con la maggiore partecipazione che sia possibile e con solo la quantità di rappresentanza che sia necessaria) in paesi come Cuba e il Venezuela sarà lunga e avrà luogo tra grandi contraddizioni e lotte.

Poi c’è la dittatura delle dittature, la grande dittatura mondiale, la dittatura del grande capitale transnazionale, la dittatura di una manciata di famiglie che prendono le grandi decisioni economiche e politiche che pesano su tutta l’umanità, la dittatura capitalista, la dittatura universale della borghesia. La massima rappresentazione politica di questa dittatura è il governo degli Stati Uniti d’America, l’imperialismo statunitense, con tutta la congerie di leccaculo che lo accompagnano, quelli che si sono riuniti martedì a Lima sotto il comando di John Bolton, senza mettere in questo pacchetto Messico e Uruguay, che se ne sono andati prima che fosse troppo tardi, e senza smettere di mostrare le contraddizioni interne dell’alleanza imperiale, come dimostrato dalla dichiarazione simultanea dell’Unione Europea contro l’uso di sanzioni unilaterali.

Di fronte alla dittatura mondiale oppressiva, che grava ferocemente e odiosamente contro il popolo venezuelano, in me non vi è dubbio alcuno. Oltre ogni differenza, sostengo il governo bolivariano e il presidente Nicolás Maduro, uno dei fattori fondamentali nella lotta antimperialista globale, senza se e senza ma. La sconfitta della Rivoluzione Bolivariana sarebbe una sconfitta dolorosa e molto dannosa per tutta l’umanità. La responsabilità dei venezuelani oggi ha un significato storico. Unirsi in difesa della Patria, della Rivoluzione e del governo Maduro di fronte alla brutale aggressione imperiale è un dovere imprescindibile di tutti gli antimperialisti.

Sabato 10 agosto, che tutte le voci si alzino contro la dittatura fascista degli Stati Uniti.

E per concludere in bellezza, qui di seguito la mia poesia “Prima l’aquila”:

Prima l’aquila

Prima tirare il collo all’aquila
poi avvelenare i topi

Prima rompere il becco all’aquila
poi estirpare le zanne al serpente

Prima strappare il cuore all’aquila
poi schiacciare i parassiti

Prima spennare l’aquila
poi uccidere le pulci al cane

Guardare la linea dell’orizzonte distante con la strada da percorrere
sapendo che non la raggiungeremo

perché il mondo è rotondo e il camminante non si ferma
Prima l’aquila, poi continuare a remare

_

* Membro dell’Assemblea Nazionale Costituente della Repubblica Bolivariana del Venezuela

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

Come Ho Chi Minh rispose al Presidente USA Johnson

Risultati immagini per Ho Chi MinhRISPOSTA DI HO CHI MINH AL PRESIDENTE LYNDON B. JOHNSON

15 FEBBRAIO 1967 (*)

A Sua eccellenza Lyndon B. Johnson, presidente degli Stati Uniti.

Eccellenza,

il 10 febbraio 1967 ho ricevuto il Suo messaggio. Ecco la mia risposta.

Il Vietnam si trova a mille miglia dagli Stati Uniti. Il popolo vietnamita non ha mai minacciato gli Stati Uniti. Ma, contrariamente agli impegni assunti dal suo rappresentante alla Conferenza di Ginevra del 1954, il governo degli Stati Uniti non ha mai smesso di intervenire in Vietnam, ha scatenato e intensificato la guerra di aggressione al Sud Vietnam in vista di perpetuare la divisione del paese e di trasformare il Sud Vietnam in una neocolonia e in una base militare americana. Da più di due anni, con l’aviazione e con la marina militare, bombarda la Repubblica Democratica del Vietnam, un paese indipendente e sovrano.

Il governo degli Stati Uniti ha commesso crimini di guerra, crimini contro la pace e crimini contro l’umanità. Nel Sud Vietnam, mezzo milione di soldati americani e satelliti hanno fatto ricorso alle armi più disumane e ai metodi di guerra più barbari, quali il napalm, i prodotti chimici e i gas tossici, per massacrare i nostri compatrioti, per distruggere i raccolti e radere al suolo i villaggi. Nel Nord Vietnam migliaia di apparecchi americani hanno rovesciato centinaia di migliaia di tonnellate di bombe, distruggendo città, villaggi, officine, strade, ponti, dighe, sbarramenti e perfino chiese, pagode, ospedali, scuole. Nel Suo messaggio, Lei si mostra afflitto dalle sofferenze e dalle devastazioni inflitte al Vietnam. Mi permetta di domandarle: chi ha commesso quei crimini mostruosi? I soldati americani e i loro satelliti. Il governo degli Stati Uniti è interamente responsabile della gravissima situazione nel Vietnam.

La guerra di aggressione americana contro il popolo vietnamita costituisce una sfida ai paesi del campo socialista, una minaccia per il movimento di indipendenza dei popoli e un grave pericolo per la pace in Asia e nel mondo.

Il popolo vietnamita ama profondamente l’indipendenza, la libertà, e la pace. Ma di fronte all’aggressione americana si è sollevato unito come un sol uomo, non temendo né i sacrifici né le privazioni; è deciso a condurre la resistenza fino a quando non abbia conquistato l’indipendenza e la libertà reali e una pace vera. La nostra giusta causa gode dell’approvazione e dell’appoggio dei popoli del mondo intero e di larghi strati del popolo americano.

Il governo degli Stati Uniti ha scatenato una guerra di aggressione contro il Vietnam. Deve fermare quest’aggressione: è questa la sola via che possa portare al ristabilimento della pace. Il governo degli Stati Uniti deve cessare definitivamente e incondizionatamente i bombardamenti e ogni altro atto di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam, ritirare dal Sud Vietnam tutte le truppe americane e satelliti, riconoscere il Fronte Nazionale di Liberazione del Sud Vietnam e lasciare che sia il popolo vietnamita a regolare da solo i propri affari. Tale è il contenuto fondamentale della posizione in quattro punti del governo della Repubblica del Vietnam, che è l’espressione dei principi e delle disposizioni essenziali degli Accordi di Ginevra del 1954 sul Vietnam. È a base di ogni soluzione politica corretta del problema vietnamita.

Nel suo messaggio, Lei suggerisce colloqui diretti fra la Repubblica Democratica del Vietnam e gli Stati Uniti. Se il governo degli Stati Uniti desidera realmente questi colloqui, deve dapprima smettere incondizionatamente i bombardamenti e tutti gli altri atti di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam. Soltanto dopo la cessazione incondizionata dei bombardamenti e di tutti gli altri atti di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam, quest’ultima e gli Stati Uniti potrebbero avviare colloqui e discutere questioni interessanti le due parti.

Il popolo vietnamita non cederà mai davanti alla forza; non accetterà mai colloqui sotto la minaccia delle bombe.

La nostra causa è giusta. È da auspicare che il governo degli Stati Uniti agisca conformemente alla ragione.

(*) Pubblicata nel libro Ho Chi Minh. Patriottismo e internazionalismo. Scritti e discorsi 1919-
1969, a cura di Andrea Catone e Alessia Franco, Marx Ventuno edizioni, Bari, 2019.

[Trascrizione in italiano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

La dictadura mundial

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'apertopor Néstor Francia*

Sabe Dios que no soy gobiernero. Sabe la gente que apoyo al Gobierno de Nicolás Maduro siendo activo opositor crítico de todos las bacterias que afectan algunas partes de su cuerpo y causan dolor: burocratismo, corrupción, ineficiencia, indolencia, sectarismo, dogmatismo.

Males acaso curables, si somos capaces de diagnosticarlos con coraje y aplicarles tratamiento. He escrito un poema donde digo “Primero torcerle el pescuezo al águila/después envenenar a las ratas/Primero romperle el pico al águila/después sacarle los colmillos a la serpiente”. Me explico de aquí en adelante.

Desde hace mucho tiempo no soy dado al falso dilema de democracia y dictadura. Primero que nada, lo que considero la única democracia posible, la democracia socialista profunda y generalizada, no existe en ninguna parte del mundo. Todos los países son gobernados por dictaduras: de un grupo, de un partido, de una clase social. Nadie debe alarmarse por lo que afirmo. Ya Carlos Marx hablaba de la dictadura del proletariado como la forma de gobierno consustancial al socialismo. Según este concepto, el proletariado se convertiría en clase dominante y ejercería su dictadura sobre la burguesía mientras se completaba la transición del socialismo a la sociedad sin clase, la sociedad superior, el comunismo.

Por supuesto, hay dictaduras de dictaduras. Las dictaduras de Cuba y Venezuela son ejercidas por representaciones que básicamente expresan los intereses generales del pueblo trabajador, al menos en buena parte de sus ejecutorias. La dictadura de Colombia es dirigida por una clase política vinculada al gran capital, al narcotráfico y al paramilitarismo.

Sin embargo, el tránsito hacia una real democracia socialista (con tanta participación como sea posible y solo tanta representación como sea necesaria) en países como Cuba y Venezuela será largo y se dará en medio de grandes contradicciones y luchas.

Ahora bien, existe hoy la dictadura de las dictaduras, la gran dictadura mundial, la dictadura del gran capital transnacional, la dictadura del puñado de familias que toman las grandes decisiones económicas y políticas que afectan a toda la Humanidad, la dictadura capitalista, la dictadura universal de la burguesía. La máxima representación política de esa dictadura es el gobierno de los Estados Unidos de América, el imperialismo norteamericano, con toda la sarta de lameculos que lo acompañan, los que ese reunieron el martes en Lima bajo el comando de John Bolton, sin meter en ese paquete a México y Uruguay, que se fueron antes de que se les hiciera demasiado tarde, y sin que dejaran de asomarse las contradicciones internas de la alianza imperial, como se demostró con la declaración simultánea de la Unión Europea contra el uso de sanciones unilaterales.

Frente a la dictadura mundial opresora, que carga con saña y odio contra el pueblo venezolano, no hay en mí ni ápice de dudas. Por encima de cualquier diferencia apoyo sin cortapisas al Gobierno Bolivariano y al presidente Nicolás Maduro, uno de los factores fundamentales de la lucha antiimperialista mundial. La derrota de la Revolución Bolivariana sería una dolorosa y muy dañina derrota de toda la Humanidad. La responsabilidad de los venezolanos hoy día es de trascendencia histórica. Unirnos en defensa de la Patria, de la Revolución y del gobierno de Maduro frente a la brutal agresión imperial es un deber insoslayable de todos los antiimperialistas.

El sábado 10 de agosto, que se escuchen todas las voces contra la dictadura fascista de Estados Unidos.

Para finalizar en buena onda, va mi poema “Primero el águila”:

Primero el águila

Primero torcerle el pescuezo al águila
después envenenar a las ratas

Primero romperle el pico al águila
después sacarle los colmillos a la serpiente

Primero arrancarle el corazón al águila
después aplastar a las alimañas

Primero desplumar al águila
después matarle las pulgas al perro

Mirar el horizonte lejano con el camino por delante
sabiendo que nunca terminaremos de llegar

porque el mundo es redondo y el caminante no se detiene
Primero el águila, después seguir remando

_
* Miembro de la Asamblea Nacional Constituyente de la República Bolivariana de Venezuela 

___

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui Mario De Luca e Ciro Imperato, persone in piedi e spazio all'aperto

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: