Banda Bassotti per il Donbass

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

Suciedad civil

por Néstor Francia 

Análisis de Entorno Situacional Político
Martes 28 de noviembre de 2017

Suciedad civil

El imperialismo ha diseñado desde el siglo pasado programas destinados a infiltrar el conjunto de la sociedad con un parapeto que se ha llamado “sociedad civil”. Se trata de un entramado que reúne distintos tipos de organizaciones, como ONG, grupos y organizaciones de “Derechos Humanos”, movimientos sociales “independientes”, gremios profesionales, etc., con la finalidad de respaldar, bajo el manto de la civilidad, sus políticas intervencionistas en distintos países. Es una de sus estrategias más socorridas en los planes de intervención y subversión imperialistas contra gobiernos “incómodos”.

Los vasallos del imperialismo en los países donde rigen gobiernos que no se alinean con las geopolíticas imperiales, han utilizado con tino y suficiente proyección mediática esta deleznable y manipuladora figura para sembrar la matriz de que tales imposturas representan a los pueblos, aunque en general son expresión de las clases sociales dominantes en el capitalismo, tanto la burguesía como sectores importantes de la pequeña burguesía, también conocida como “clase media”.

Por supuesto, este contrabando social no puede colarse sin oposición de los sectores avanzados de la sociedad. Importantes intelectuales y estudiosos de la sociedad se han esforzado para desnudar el trasfondo del concepto de “sociedad civil” y sobre todo de las denominadas ONG (“organizaciones no gubernamentales”).

Isaa Shivji, un académico de Tanzania que ha estudiado a fondo la irrupción de las ONG en África, ha argumentado que el aumento repentino de las ONG en ese continente es parte de un paradigma neoliberal más que de motivaciones altruistas puras y que responde a la continuación de las políticas imperiales.

El historiador, periodista y pensador marxista hindú Vijay Prashad precisó que a partir de la década de 1970 “el Banco Mundial de Robert McNamara defendió a las ONG como una alternativa para el Estado, dejando intactas las relaciones globales y regionales de poder y producción”. Hay quienes opinan que muchas ONG, en cuanto agencias del imperialismo para la subversión, cumplen una función similar a la del clero durante la alta época colonial.

En la 43a Conferencia de Múnich sobre Política de Seguridad, en 2007, el presidente ruso Vladimir Putin, declaró que las ONG “son formalmente independientes pero están financiadas con un propósito y por lo tanto bajo control”. Además, el recientemente fallecido autor inglés Michael Bond escribió: “La mayoría de las grandes ONG, como Oxfam, Cruz Roja, CAFOD y Ayuda en Acción, se esfuerzan por hacer que su prestación de ayuda sea más sostenible. Pero algunas, sobre todo en los Estados Unidos, siguen exportando las ideologías de sus patrocinadores”.

Finalmente citaremos una opinión muy reveladora de Neera Chandooke, especialista hindú en Ciencias Políticas: “Para poner el punto crudamente: ¿son los ciudadanos de los países del sur y sus necesidades representadas en la sociedad civil global, o son los ciudadanos, así como sus necesidades, construidas por las prácticas de representación? Cuando nos demos cuenta de que las ONG casi nunca se encuentran cara a cara con las personas cuyos intereses y problemas representan, o que son responsables ante las personas a las que representan, las cosas se ponen aún más problemáticas”. Este último es el tipo de caso como el del “movimiento estudiantil” de la derecha en Venezuela, una entelequia que reúne a una pequeña élite concentrada en unas pocas universidades y que no posee ningún poder de convocatoria.

Lo cierto es que ahora la oposición venezolana acude al fantasma de la “sociedad civil” para reforzar sus equipos que participarán en el diálogo pautado para los primeros días del venidero mes de diciembre en República Dominicana. Un connotado representante de ese sector, Jorge Roig, ex presidente del gremio patronal Fedecamaras, ha declarado que “La delegación de demócratas venezolana se ha ampliado para incluir en la misma a técnicos representativos de los sectores laborales, obreros, productivos, académicos y de organizaciones de derechos humanos”.

Esta misma información ha surgido desde otros sectores de la oposición. De hecho, conforma el principal titular de primera plana de hoy del diario fascista El Nacional: “Sociedad civil acompañará a la MUD en negociaciones” La derecha intenta así generar la matriz de que en el diálogo participan, por un lado, el “pueblo” venezolano junto a sus representantes, y por el otro un Gobierno aislado con una representación “oficialista”.

¿Nos vamos a dejar pasar esa bola baja? Si se acepta que la MUD monte un circo con sus payasos de la “sociedad civil”, nosotros entonces deberíamos presentarnos acompañados por representantes legítimos del pueblo revolucionario: constituyentes, comuneros, trabajadores, campesinos, empresarios patriotas, estudiantes, intelectuales, artistas, representantes de víctimas del fascismo. Lo que es igual no es trampa.

Marinella Correggia y las verdaderas noticias falsas

por Marinella Correggia – sibialiria.org

Las verdaderas noticias falsas que producen las guerras

En la transmisión “L’aria che tira”, de La7, tv italiana, el diputado Andrea Romano del Partido Demócratade Italia ha dado un triple salto mortal en términos de noticias falsas.

Citamos textualmente. A partir del segundo -1: 20 en el segundo -0: 55, Romano explicó: “La OTAN, la organización internacional que nos protege de alguna manera desde el punto de vista militar, hace un par de años sigue invirtiendo dinero en contra de las noticias falsas, pero no tanto para hacer censura sino porque representan un instrumento de conflicto geopolítico normalmente organizado por Rusia. O incluso hace unos días resultó que Venezuela también, que tiene sus problemas, participó en motores de noticias falsas”.

Dejamos por un lado las noticias falsas sobre la participación de Venezuela en las noticias falsas: hace días el sitio de Venezuela Misión verdad puso por el contrario al descubierto los fondos de Estados Unidos (USAID, Ned, Departamento de Estado y el Departamento de Defensa.) con los que se producen noticias falsas sobre Venezuela, para decirlo con precisión. Por lo tanto, es todo lo contrario, querido diputado Romano.

Dejamos por un lado también el eufemismo con el que Romano define a la OTAN: una especie de Madre Teresa, pero más eficaz para protegernos bajo su manto.

Pero lo que se dice de la OTAN que combate las supuestas noticias falsas, en realidad es un poco ‘demasiado fuerte’. Dado que esa organización y sus estados miembros de mentiras producen en cantidad. También recientemente.

Y son falsas noticias mortales, porque legitiman el comienzo de las guerras y su continuación. El caso de Libia y Siria es paradigmático.

Es una lástima que, en este asunto, el caricaturista Vauro, también presente en el programa, solo recordara las noticias falsas de Bush y Powell en 2003 sobre Iraq; donde la OTAN no fue bombardeando directamente. Y este sincero olvido es otra prueba más que en los últimos años muy pocos de los antiguos pacifistas se han comprometido a contrarrestar las verdaderas noticias falsas, con las que actúa el Eje de la Guerraa OTAN/Golfo. Se han opuesto a ellas tan poco que ni siquiera las recuerdan.
  

[Trad. del italiano para ALBAinformazione por Ciro Brescia]

 

Marinella Correggia e la vera lotta alle “fake news”

da sibialiria.org

Le vere fake news che producono le guerre

Alla trasmissione “L’aria che tira”, de La7, il deputato Andrea Romano del Partito democratico ha compiuto un triplo salto mortale in tema di fake news.

Citiamo testualmente. Dal secondo -1:20 a al secondo -0:55, Romano spiega: “La Nato, l’organizzazione internazionale che ci tutela in qualche modo dal punto di vista militare, è da qualche anno che investe soldi contro le fake news, ma non tanto per fare censure ma perché esse rappresentano uno strumento di conflitto geopolitico normalmente organizzato dalla Russia. O addirittura qualche giorno fa è venuto fuori che anche il Venezuela, che c’ha i suoi guai, era coinvolto nei motori di fake news“.

Tralasciamo la fake news sul coinvolgimento del Venezuela nelle fake news: giorni fa il sito venezuelano Mision verdad aveva al contrario smascherato i finanziamenti statunitensi (Usaid, Ned, Dipartimento di Stato e Dip. della difesa) a chi poi produce bufale sul Venezuela, per l’appunto. Quindi è semmai il contrario, caro deputato. 

Tralasciamo anche l’eufemismo con il quale Romano definisce la Nato: una specie di Madre Teresa, però più efficace nel proteggerci sotto il suo manto.  

Ma che della Nato si dica che combatte presunte fake news, è davvero un po’ troppo forte. Visto che quell’organizzazione e i suoi Stati membri di menzogne ne producono in quantità. Anche di recente.
E sono fake news mortali, perché legittimano l’avvio di guerre e la loro prosecuzione. Il caso della Libia e della Siria è paradigmatico.


Peccato che in materia, il vignettista Vauro, anch’egli presente in trasmissione, si sia ricordato solo della fake news di Bush e Powell nel 2003 riguardo all’Iraq; dove non fu direttamente la Nato a bombardare. E questa sua sincera dimenticanza è un’ennesima prova che negli ultimi anni ben pochi fra gli ex pacifisti si sono impegnati a contrastare  le vere fake news, quelle che con le quali l’Asse delle Guerre Nato/Golfo agisce. Le hanno contrastate così poco che nemmeno le ricordano.

Cina e USA: un confronto nella selezione della leadership

Xi Jinpingdi James Petras

La selezione statunitense dei leader non ha praticamente nulla a che fare con processi democratici e risultati. Risulta utile confrontarla con il processo cinese. Nella maggior parte dei casi, la selezione dei dirigenti in Cina è molto più meritocratica, basata sul rendimento e sulle effettive realizzazioni. Sia negli Stati Uniti e che in Cina, il processo manca di trasparenza.

 

La leadership economica, politica e culturale negli Stati Uniti

La scelta dei leader economici, politici e culturali statunitensi si basa su diverse
procedure non democratiche:

  1. Ereditarietà tramite legami familiari;
  2. Accesso personale al credito e al finanziamento;
  3. Patrocinio politico;
  4. Vendita e acquisto di uffici e favori lobbistici e d’elite;
  5. Legami coi media;
  6. Repressione politica e manipolazione delle procedure elettorali;
  7. Durata in cariche pubbliche e uso delle risorse statali;
  8. Nepotismo etno-religioso;
  9. Gerarchia interna di partito;
  10. Decisioni a partito chiuso (opacità);
  11. Capacità di tenere segreti.

I leader, sia nominati, che auto-nominati o selezionati attraverso il denaro, i media, le reti d’elite, trasformano nel sistema U.S.A. il processo elettorale in un retro-pensiero virtuale. I leader economici statunitensi hanno aumentato il flusso di profitti produttivi e gli investimenti verso il settore finanziario e/o esternamente all’estero verso i paradisi fiscali.

I leader politici statunitensi hanno aumentato le spese militari e le guerre, deviando fondi pubblici provenienti dai servizi sociali interni e dal welfare, diminuendo la crescita economica interna e i mercati per gli investimenti e i commerci.
I leader culturali degli Stati Uniti sono stati premiati per la difesa, la promozione e la mistificazione delle conquiste imperiali e per denigrare nazioni e leader indipendenti.

Sono stati anche premiati per promuovere il consumismo più degradante e frivolo, minando la coesione sociale e delle comunità.

La mancanza di trasparenza, nel processo di selezione negli Stati Uniti, dei leader dellemaggiori banche d’investimento, dei partiti politici, degli uffici legislativi ed esecutivi e nell’accademia sta crescendo a un ritmo allarmante e con notevoli conseguenze negative: i leader negli Stati Uniti non devono passare rigorosi esami né affrontare confronti con i loro pari per competenza nei rispettivi settori di lavoro.

I leader aziendali degli Stati Uniti non sono giudicati dai loro successi economici e politici.

Responsabilità per guerre disastrose, salvataggi corrotti delle banche, crisi finanziarie spese di assistenza sanitaria schizzate alle stelle non squalificano un candidato per posizioni di leadership. I criteri  incentrati sul risultato non costituiscono la base per la selezione dei leader di Congresso e presidenziali. I fattori decisivi che influenzano la selezione politica sono la capacità di promuovere interessi d’elite, perseguire guerre imperiali, allo scopo di gratificare le ambizioni e l’avidità di civili militaristi e mascherare la corruzione diffusa che ingrassa le ruote della speculazione.

 

Cina: consultazione, meritocrazia e risultati

I leader cinesi sono selezionati sulla base di una consultazione multi-livello, della meritocrazia e dei risultati riportati in carica. Il recente congresso del partito della Cina ha evidenziato tre aspetti di vitale importanza: la riduzione delle diseguaglianze, il contrasto al degrado ambientale e l’assistenza sanitaria.

Al contrario, le elezioni del Congresso americano dello scorso anno si sono concentrate sull’impegno a ridurre le imposte sulle società per il super-ricco, nonostante la crescente disuguaglianza sociale ed economica, la rimozione delle regole statali e federali per la protezione della popolazione e dell’ambiente da inquinanti aziendali e a ridurre i finanziamenti pubblici per l’accesso a un’assistenza sanitaria competente,
minando il benessere del cittadino ed aumentando l’aumento delle morti premature e le aspettative di vita diminuite per i poveri e la classe operaia.

L’elite politica americana è piena di negazionisti del “cambiamento climatico” e dei peggiori tipi di inquinamento.

Il Congresso americano ha speso una quantità enorme di tempo e di energia a perseguire cospirazioni di parte, al tempo stesso in cui rifiutava di affrontare la furiosa epidemia di dipendenza narcotica a prescrizione, che ha ucciso oltre 600.000 americani in 15 anni.

Il presidente Xi Jinping ha chiesto ai dirigenti cinesi di dirigere i loro sforzi per correggere lo ‘sviluppo sbilanciato e inadeguato e le crescenti esigenze del popolo di  una vita migliore’. Il presidente Xi ha sottolineato l’obiettivo di ‘ecologizzare l’economia’, menzionandolo 15 volte nel suo indirizzo al Congresso del Partito – in confronto all’unica volta nella precedente riunione del Partito (FT
17/11/17, pag. 11).

Gli investitori pubblici e privati ​​cinesi hanno risposto alle priorità fissate da Xi e gli indici di investimento sono lievitati in questi settori (FT 11/11/17, pag. 11).
Al livello superiore, la direzione si impegna in consultazioni e dibattiti tra le elites in competizione, discutendo i risultati passati e presenti nello sviluppo di politiche attuali e future.

A livello intermedio, sono determinanti verifiche ultra-competitive da parte di organi pubblici nella selezione e nella nomina dei funzionari cinesi.

Al livello superiore e medio, il livello delle prestazioni di lavoro della leadership è uno dei fattori principali nella determinazione della selezione.

I quattro decenni di spettacolare crescita economica che hanno tirato fuori dalla povertà 500 milioni di persone cinesi sono un riflesso del sistema efficace di selezione e promozione dei leader.

Mantenere la pace e l’amicizia con altri paesi per oltre quarant’anni – eccetto un breve conflitto di confine con il Vietnam nel 1979 – è stato un fattore importante che influenza la selezione della leadership.

Al contrario, nonostante molte guerre disastrose e brutali, i presidenti Clinton, Bush e
Obama sono stati rieletti in carica in un sistema di duopolio di due partiti, considerato universalmente ‘truccato’. L’effetto di queste guerre sul deterioramento dell’economia domestica statunitense non si riflette sulla selezione dei candidati o sull’esito delle elezioni presidenziali o congressuali.

La Cina ha selezionato leader che hanno evidenziato capacità e serietà nell’indagare epunire oltre un milione di funzionari e plutocrati corrotti. Gli investigatori anti-crimine  sono stati riconosciuti come leader ‘puliti e dediti al lavoro’.

Al contrario, l’amministrazione statunitense ha ripetutamente nominato i criminali di Wall Street a posizioni di alto livello nel Tesoro, nella Federal Reserve e nel FMI con risultati disastrosi per la cittadinanza, senza capacità di analisi o correzione.
Uno dei meccanismi di partito più selettivi e prestigiosi si trova nel
Dipartimento delle organizzazioni (OD) del Partito comunista cinese (FT 10/30/17, pagina 9). L’OD incontra privatamente ed esamina i candidati alla leadership sulla base di una ‘complessa combinazione di nomine, esami scritti e orali, indagini, un voto a maggioranza dei ministri. I leader, così selezionati, assumono la responsabilità collettiva – e non si posizionano in base alla ‘fuga di decisioni” (FT ibid)….

 
Conclusioni

Sia negli Stati Uniti che in Cina la selezione dei leader non si basa su elezioni o
consultazioni dei cittadini
. Tuttavia, ci sono grandi differenze nel processo e nelle procedure di selezione dei dirigenti, con conseguenti enormi differenze nei risultati.

La Cina è in gran parte una meritocrazia, con vestigia di nepotismo familiare, specialmente in riferimento ad alcune interconnesioni stato-mondo degli affari.

I risultati contano molto, e la maggior parte dei cittadini approva la leadership del partito cinese per il successo economico e socio-economico di lungo periodo della Cina.

Al contrario, nella stragrande maggioranza, i cittadini degli Stati Uniti i cittadini sono cinici e insoddisfatti con gli appuntamenti economici più importanti, a causa dei loro
documentati guasti socio-economici passati e presenti. I cittadini rivolgono la loro più grande costernazione ai leader finanziari più importanti (che considerano oligarchi corrotti), che hanno fatto entrare il nostro Paese in crisi ripetute, guerre perpetue, crescenti disuguaglianze e profonda e diffusa povertà. La perdita di
impieghi stabili e ben pagati e il deterioramento della coesione della comunità e della famiglia ha oltraggiato i cittadini, perché questi sono in netto contrasto con la pervasiva e profonda corruzione nelle alte sfere e una quasi totale impunità giudiziaria per gli alti funzionari, i politici e gli oligarchi.

La persecuzione in Cina dei leader corrotti non ha alcuna controparte negli Stati Uniti.
Le tangenti dal mondo degli affari ai politici sono legalizzate negli Stati Uniti, quando sono chiamate ‘campagna’ di finanziamento o ‘onorari per consulenza’. Basti pensare agli onorari da mezzo milione di dollari a conferenza pagati ai Clinton da parte dei finanziatori di Wall Street per i loro 30 minuti di banalità e piazzismo da illusionisti.

Nel campo della politica estera, i leader cinesi difendono il loro interesse nazionale. I leader degli Stati Uniti si inchinano spudoratamente ai lobbisti israeliani, promuovendo gli interessi di Tel Aviv.

I leader cinesi emarginano i critici in nome dell’armonia, della stabilità, della pace e della crescita.

I leader americani emarginano, imprigionano e brutalizzano gli Afro-americani, gli immigrati, gli ambientalisti e gli attivisti anti-guerra, così come i denunciatori di corrotti di Wall Street, in nome di mercati liberi e nebulosi valori democratici liberali.

La Cina, con tutti i suoi inconvenienti in termini di procedure e diritti democratici, si muove verso una società dinamica meno corrotta, meno bellicosa e più responsabile, con una leadership attentamente controllata e sviluppata.

Gli Stati Uniti si muovono verso una società più corrotta e dispotica (‘stato di polizia’) con leader inaffidabili, guerrafondai e criminali al comando.

Il divario tra promesse e risultati si sta allargando negli Stati Uniti, mentre si restringe in Cina. Il rigoroso processo di selezione meritocratica della Cina ha dimostrato una maggiore capacità di rispondere alle nuove sfide e alle necessità della maggioranza rispetto alle elezioni statunitensi, disfunzionali e corrotte, che non possono nemmeno affrontare la crisi della dipendenza causata da sovraprescrizioni non regolamentate degli oppiacei, per non parlare delle crisi ambientali del cambiamento climatico e delle mega-tempeste che devastano le comunità statunitensi.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

ANC y críticas: lo cortés no quita lo valiente

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político
Viernes 27 de octubre de 2017

ANC y críticas

Las decisiones que tomó ayer la Asamblea Nacional Constituyente sobre convocatoria a elecciones en diciembre, una prevista, las de alcaldes, y otra sobrevenida, la del alzado Juan Pablo Guanipa, ex gobernador electo del estado Zulia, nos dicen mucho del carácter de esta institución temporal venezolana. Sobre esas elecciones en sí tendremos tiempo de presentar análisis, hoy queremos abordar el tema de las críticas a la ANC que hemos venido escuchando desde el chavismo.

Lo primero que queremos dejar sentado es que ante la crítica se puede asumir respuestas disímiles. Un ejemplo de esto son las posiciones de Pedro Carreño y de Delcy Rodríguez. Carreño dijo ayer en un programa de televisión que “El endilgarle a la Asamblea Nacional Constituyente la responsabilidad directa de la situación generada por la inflación inducida y el desabastecimiento programado… endilgarle todo ello a la Constituyente es para que digan que la Constituyente es un fracaso.

¡Mosca con esto! ¡No caigamos en este juego! No solo se lo digo a ustedes. Se lo digo al pueblo venezolano y se lo digo a algunos constituyentes, como el segundo vicepresidente, Isaías Rodríguez, que lo he escuchado con eso. ¡Mosca con eso! Si lo hacen de manera deliberada, eso es traición a la Patria. Y si lo hacen creyendo o de buena fe, son unos tontos útiles porque con estas acciones lo que ayudan es a los planes de la derecha reaccionaria”.

Nosotros decimos: ¡Mosca con estigmatizar la crítica! ¡Mosca con el sectarismo y la prepotencia! Lo expusimos en nuestro Análisis del pasado 25 de octubre: “… el tema más importante aquí no es si las críticas que se hacen a los constituyentes son justas o no, sino que quienes nos eligieron tienen pleno derecho a criticarnos, nos guste o no, sean las críticas correctas o no, lo cual es harina de otro costal”. Muy distinta a la actitud de Carreño es la que se manifiesta en el tuit de la presidenta de la ANC, Delcy Rodríguez: “A los hermanos que han hecho críticas y exigencias a @ANC_ve les agradecemos la esperanza que han depositado en nosotros. Tenemos un solo enemigo!”

Este tono amoroso, comprensivo hacia quienes nos eligieron, enaltece a la camarada Delcy. Eso sí, en lo que no estamos de acuerdo con ella es en que tengamos un solo enemigo. Tenemos un enemigo principalísimo, el imperialismo y sus lacayos.

Ante ese enemigo debemos estar férreamente unidos. Pero hay otros enemigos internos, los ha señalado más de una vez el propio presidente Maduro: el jalabolismo, el sectarismo, la burocracia, la corrupción, la ineficiencia. Pero de eso no hablaremos hoy, solo terminamos esta parte del Análisis opinando que ante estos distintos enemigos, los métodos de lucha son igualmente diferentes. Nuestro primer deber es mantenernos unidos ante la actual agresión inclemente contra la Patria. Expresamos de una vez nuestra palabra de respeto y solidaridad al fiscal de la dignidad, Isaías Rodríguez, en nuestra opinión uno de los líderes más queridos y respetables de esta Revolución.

Ahora bien, en ese mismo Análisis del 25 de octubre escribimos: “…cuando se dice que la Constituyente no ha hecho ‘nada’ se está desconociendo la realidad. Sí ha hecho muchas cosas y muy importantes, y ha cumplido un papel invalorable en esta etapa ¿Entonces por qué ha decaído en su popularidad?”, y también: “… lo que decide no es la realidad como tal, sino la percepción que se tiene de ella. Uno de los problemas de la ANC es lo comunicacional. Hasta ahora, la comunicación de lo que hacemos en la Constituyente ha sido dispersa, fragmentada, carente de estrategia, sectaria, ‘oficialista’”.

En estas ideas debemos insistir. Ayer hablamos con dos camaradas que no son constituyentes, pero que están muy involucrados con la ANC: el jefe de prensa de la Constituyente, Felipe Saldivia, y el principal asistente de la presidenta Delcy Rodríguez, Rolando Corao, quien además fue viceministro de planificación comunicacional del MINCI. Ante ambos planteamos la misma preocupación, la señalada en el último párrafo que hemos citado del Análisis del 25 de octubre, y la misma propuesta: la de que se realice a la brevedad posible una reunión de comunicadores de la Constituyente, con la participación de funcionarios del MINCI, para establecer una estrategia comunicacional propia de la ANC, que promueva una comunicación audaz, creativa, directa, sencilla, que haga conocer a nuestro pueblo los verdaderos objetivos y carácter de la ANC, así como sus grandes logros hasta ahora. No son asuntos fáciles de comprender, a nosotros mismos nos ha costado un tanto, y eso que somos espectadores de primera fila.

La gran verdad de la Constituyente la ha expresado el presidente Maduro, tal como referimos en el mismo Análisis varias veces citado acá: “La Constituyente es el gran anillo de protección de la paz para los años 2017, 2018 y 2019, para proteger la democracia, la constitución, la paz de la sociedad”. No nos quejemos de que el pueblo no haya entendido esto a plenitud, no es porque sea bruto, ni traidor, ni tonto útil, es porque nosotros no hemos sabido explicarnos.

La politica dell’escalation militare

images

di James Petras

27set2017

Introduzione

Gli Stati Uniti hanno esplicitamente esaltato il ruolo fondamentale dei militari nella politica estera e, per estensione, in quella interna. L’ascesa dei ‘generali’ a posizioni strategiche nel regime di Trump sono evidenti, così da approfondire il loro ruolo di forza altamente autonoma che determina le agende strategiche statunitensi.

In questo documento discuteremo i vantaggi che l’elite militare sta accumulando grazie all’agenda di guerra e in base alle ragioni per cui i ‘generali’ sono stati in grado di imporre la loro definizione delle realtà internazionali. Discuteremo l’ascesa del militare sul regime civile di Trump, come conseguenza dell’incessante logoramento della sua presidenza da parte dell’opposizione politica.

Il preludio alla militarizzazione: la strategia multi-guerre di Obama e le sue conseguenze

Il ruolo centrale dei militari nel decidere la politica estera statunitense ha le sue radici nelle decisioni strategiche adottate durante la Presidenza Obama-Clinton. Diverse politiche sono state decisive nell’accumulazione di un potere militare-politico senza precedenti.

  1. Il massiccio aumento delle truppe statunitensi in Afghanistan e i loro successivi fallimenti e ritiro hanno indebolito il regime Obama-Clinton e aumentato l’animosità tra l’esercito e l’amministrazione di Obama. Come risultato dei suoi fallimenti, Obama ha squalificato il settore militare e ha indebolito l’autorità presidenziale.
  2. Il massiccio bombardamento e distruzione della Libia da parte degli Stati Uniti, il rovesciamento del governo di Gheddafi e il fallimento dell’amministrazione Obama-Clinton nell’imporre un regime fantoccio, ha sottolineato le limitazioni del potere aeronautico statunitense l’
    inefficacia dell’intervento politico-militare statunitense. La Presidenza si è impantanata nella sua politica estera nel Nord Africa e ha dimostrato la sua inettitudine militare.
  3. L’invasione della Siria da parte di mercenari e terroristi ha coinvolto gli Stati Uniti con alleati inaffidabili in una guerra perdente. Ciò ha portato ad una riduzione del bilancio militare e ha incoraggiato i Generali a vedere nel controllo diretto delle guerre d’oltremare e della politica estera l’unica garanzia delle loro posizioni.
  4. L’intervento militare statunitense in Iraq è stato solo un fattore secondario nella sconfitta dell’ISIS; i principali attori e beneficiari sono stati l’Iran e le milizie sciite alleate degli Iracheni.
  5. Il colpo di stato e la presa del potere in Ucraina architettata da Obama-Clinton ha portato al potere a Kiev una giunta militare corrotta e incompetente e ha provocato la secessione della Crimea (verso l’unione con la Russia) e dell’Ucraina orientale (alleata della Russia). I Generali sono stati messi da parte e si sono trovati legati ai cleptocrati ucraini, mentre aumentavano pericolosamente le tensioni politiche con la Russia. Il regime di Obama ha dettato sanzioni economiche contro Mosca, progettate per compensare i loro vergognosi fallimenti politico-militari.

L’eredità Obama-Clinton

L’eredità Obama-Clinton che si trova a fronteggiare Trump è stata costruita attorno a uno sgabello a tre zampe: un ordine internazionale basato sull’aggressione militare e sul confronto con la Russia; un ‘pivot to Asia’, definito come accerchiamento militare e isolamento economico della Cina – attraverso le minacce belliche e le sanzioni economiche contro la Corea del Nord; l’uso dei militari come guardie pretoriane degli accordi di libero scambio in Asia escludenti la Cina. L’eredità di Obama è costituita da un ordine internazionale basato sul capitale globalizzato e su molteplici guerre. La continuità dell’’eredità gloriosa’ di Obama inizialmente dipendeva dall’elezione di Hillary Clinton. La campagna presidenziale di Donald Trump, da parte sua, ha promesso di smantellare o drasticamente rivedere la dottrina di Obama di un ordine internazionale basato su molteplici guerre, sulla costruzione di una ‘nazione’ neo-coloniale e sul libero commercio. Un furioso Obama ha ‘informato’ (minacciato) il neo- eletto presidente Trump che avrebbe affrontato l’ostilità combinata dell’intero apparato statale, di Wall Street e dei mass media, se avesse perseguito la sua promessa elettorale di nazionalismo economico e quindi minato l’ordine globale incentrato sugli Stati Uniti. L’offerta di Trump di passare dalle sanzioni di Obama e dal confronto militare
alla riconciliazione economica con la Russia è stata contro-bilanciata da un nido di vespe di accusatori riguardo a una cospirazione elettorale Trump-Russia, oscuramente suggerendo tradimenti e istigando processi mediatici contro i suoi stretti alleati e persino i membri della sua famiglia. La fabbricazione di una trama Trump-Russia è stato solo il primo passo verso una guerra totale nei confronti del nuovo Presidente, ma è riuscita a sconvolgere il nazionalismo economico dell’agenda di Trump e i suoi sforzi per cambiare l’ordine globale di Obama.

Trump di fronte all’ordine internazionale di Obama

Durante i primi 8 mesi in carica, il Presidente Trump ha avuto a che fare senza rimedio coi licenziamenti, le dimissioni e l’umiliazione di praticamente tutti i suoi funzionari  civili, in particolare di coloro che si erano impegnati a invertire l’ordine internazionale di Obama. Trump è stato eletto per sostituire le guerre, le sanzioni e gli interventi con trattati economici vantaggiosi per la classe lavoratrice e la classe media americana. Ciò avrebbe incluso ritirare i militari dalle loro missioni a lungo termine volte alla ‘creazione di nazioni’ (occupazione) in Iraq, Afghanistan, Siria, Libia e altre zone di guerra infinite individuate da Obama.

Le priorità militari di Trump

Le priorità militari di Trump dovevano concentrarsi sul rafforzamento delle frontiere domestiche e dei mercati d’oltremare. Ha cominciato chiedendo ai partner della NATO di pagare per le proprie responsabilità di difesa militare. I globalisti di Obama in entrambi i partiti politici sono stati sconvolti dal fatto che gli Stati Uniti potessero perdere il loro controllo decisivo della NATO; si sono uniti e si sono mossi immediatamente per strappare a Trump i suoi alleati economici nazionalisti e i loro programmi. Trump ha capitolato rapidamente e si è conformato all’ordine internazionale di Obama, tranne per una sola condizione – avrebbe scelto il Gabinetto per implementare il vecchio/nuovo ordine internazionale. Un Trump sconvolto ha nominato una coorte militare di Generali, guidata dal generale James Mattis (famigeratamente soprannominato ‘Mad Dog’) come Segretario alla Difesa. I Generali hanno effettivamente preso la presidenza in ostaggio. Trump ha abdicato al suo ruolo di presidente.

Il Generale Mattis: la militarizzazione dell’America

Il generale Mattis ha assunto l’eredità della militarizzazione globale e ha aggiunto le sue proprie sfumature, tra cui la ‘guerra psicologica’ integrata dalle eiaculazioni emotive di Trump su ‘Twitter’. La ‘Dottrina Mattis’ combinava minacce ad alto rischio  con provocazioni aggressive, portando gli Stati Uniti (e il mondo) all’orlo della guerra nucleare. Il generale Mattis ha adottato gli obiettivi e i campi delle operazioni, definiti dalla precedente amministrazione Obama, in quanto ha cercato di rinforzare l’ordine internazionale imperialista esistente. Le politiche della giunta si sono basate su provocazioni e minacce contro la Russia, con sanzioni economiche estese. Mattis ha gettato ancora più combustibile sui mass media americani già istericamente infiammate contro la Russia. Il generale ha promosso una strategia violenza diplomatica di bassa intensità, compreso il sequestro senza precedenti, l’invasione degli uffici diplomatici russi e l’espulsione in breve tempo di diplomatici e personale consolare. Queste minacce militari e atti di intimidazione diplomatica hanno significato che l’Amministrazione dei Generali sotto il Presidente-Fantoccio Trump si è resa pronta a rompere le relazioni diplomatiche con un potere nucleare mondiale e in effetti a spingere il mondo al confronto nucleare diretto. Quello che Mattis cerca con questi attacchi di aggressività non è niente di meno che la capitolazione da parte del governo russo per quanto riguarda vecchi obiettivi militari statunitensi – vale a dire la ripartizione della Siria (che è iniziata sotto Obama), le severe sanzioni per affamare la Corea del Nord (iniziata sotto la Clinton) e il disarmo dell’Iran (principale obiettivo di Tel Aviv), in vista del suo smembramento. La giunta Mattis che ha occupato la Casa Bianca di Trump ha aumentato le sue minacce alla Corea del Nord, che (nelle parole di Vladimir Putin) ‘preferisce mangiare erba che disarmare’. I megafoni dei mass media americani hanno rappresentato le vittime nordcoreane delle sanzioni e provocazioni statunitensi come una minaccia ‘esistenziale’ alla terraferma americana. Le sanzioni si sono intensificate. È stato intensificato il posizionamento di armi nucleari in Corea del Sud. Massicce esercitazioni militari congiunte sono state pianificate e sono in corso nell’aria, nel mare e sulla terraferma, intorno alla Corea del Nord. Mattis ha piegato il braccio ai Cinesi (principalmente burcorati legati al business e alle attività speculative) e ha assicurato il voto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sull’aumento delle sanzioni. La Russia si è unita al coro anti-Pyongyang, guidato da Mattis, sebbene Putin abbia avvertito sull’inefficacia delle sanzioni! (Come se il Generale ‘Mad Dog‘ Mattis potesse mai accettare seriamente il consiglio di Putin, soprattutto dopo che la Russia aveva votato per le sanzioni!) Mattis ha militarizzato ulteriormente il Golfo Persico, seguendo la politica obamiana di sanzioni parziali e provocazioni belliche contro l’Iran. Quando ha lavorato per Obama, Mattis ha aumentato le spedizioni statunitensi ai terroristi siriani filo-americani e ai fantocci ucraini, assicurando che gli Stati Uniti sarebbero stati in grado di sconfiggere qualsiasi ‘accordo negoziato’.

La militarizzazione: una valutazione

Il ricorso di Trump ai ‘suoi Generali‘ dovrebbe contrastare qualsiasi attacco da parte demembri del proprio partito e dei Democratici nel Congresso riguardo la sua politica estera. La nomina di ‘Mad Dog‘ Mattis, noto russofobo e guerrafondaio, da parte di Trump, ha un po’ pacificato l’opposizione nel Congresso e sottomesso ogni ‘scoperta’ di una cospirazione elettorale tra Trump e Mosca ipotizzata dall’Investigatore Speciale Robert Mueller. Trump mantiene un ruolo come presidente nominale, adattandosi a quello che Obama lo ha avvertito essere ‘il loro ordine internazionale’ – ora diretto da una giunta militare non eletta composta da sostenitori di Obama! I Generali forniscono una parvenza di legittimità al regime di Trump (specialmente di fronte ai guerrafondai democratici di Obama e ai mass media). Tuttavia, consegnare i poteri presidenziali a ‘Mad Dog‘ Mattis e alla sua coorte comporterà un pesante prezzo. Mentre la giunta militare può proteggere il fianco a Trump nella sua politica estera, non fa
diminuire gli attacchi alla sua agenda nazionale. Inoltre, il bilancio proposto da Trump nel compromesso con i democratici ha infuriato i leader del suo partito.

In sintesi, sotto un indebolito Presidente Trump, la militarizzazione della Casa Bianca beneficia la giunta militare e allarga il suo potere. Il programma di ‘Mad Dog‘ Mattis ha avuto risultati misti, almeno nella fase iniziale: le minacce della giunta di lanciare un attacco preventivo (forse nucleare) contro il Nord Corea hanno rafforzato l’impegno di Pyongyang a sviluppare e raffinare le sue capacità balistiche missilistiche di medio raggio e l’armamentario nucleare. Il bullismo non è riuscito a intimidire il Nord Corea.

Mattis non può imporre la dottrina Clinton-Bush-Obama del disarmo di sofisticati sistemi d’arma difensiva, come in Libia e in Iraq, come preludio a un’invasione statunitense, finalizzata a un ‘ cambio di regime’. Ogni attacco USA contro il Nord Corea porterà a serie risposte di rappresaglia con costi di decine di migliaia di vite di soldati USA e uccisione o  ferimento di milioni di civili in Sud Corea e in  Giappone.

Per lo più, ‘Mad Dog’ è riuscito a intimidire gli ufficiali cinesi e russi (e i loro compagni esportatori miliardari) affinché acconsentissero a sempre più sanzioni economiche contro il Nord Corea. Mattis e i suoi alleati all’ONU e alla Casa Bianca, il lugubre Nikki Hailey e un ridimensionato Presidente Trump, possono  ringhiare  guerra – ma non possono applicare la così detta  ‘opzione militare’, senza minacciare le forze militari USA di stanza in giro per la regione Asiatico-Pacifica. L’aggressione di Mad Dog Mattis verso l’Ambasciata russa non ha indebolito praticamente la Russia, ma ha rivelato l’inutilità della dilomazia conciliante di Mosca nei confronti dei cosiddetti ‘partners’ nel regime di Trump. Il risultato finale potrebbe portare a una rottura formale dei rapporti diplomatici, il che aumenterebbe il rischio di un confronto militare e una catastrofe nucleare globale.

La giunta militare sta facendo pressione sulla Cina contro il Nord Corea allo scopo di isolare il regime al governo a Pyongyang e aumentare l’accerchiamento militare da parte USA di Pechino. Mad Dog è riuscito parzialmente a mettere la Cina contro il Nord Corea, mentre consolidava le sue sofisticate istallazioni anti-missile THADD in Sud Corea, che saranno puntate contro Pechino. Queste sono, sul breve termine, le vittorie di Mattis sugli eccessivamente accondiscendenti burocrati
cinesi.

Comunque, se Mad Dog intensifica le minacce dirette contro la Cina, Pechino può in rappresaglia scaricare decine di miliardi di dollari del debito pubblico USA, rescindere patti commerciali, seminare il caos nell’economia USA e mettere Wall Street contro il Pentagono. La strategia di Mad Dog, specialmente in Afghanistan e nel Medio Oriente,
non intimidirà l’Iran né porterà a nuovi successi militari. Essa comporta costi elevati e scarsi benefici, come Obama ha realizzato dopo quasi un decennio di sconfitte, fiaschi e perdite di miliardi di dollari.

Conclusione

La militarizzazione della politica estera USA, l’insediamento di una giunta dentro l’Amministrazione Trump, e il ricorso alla minaccia nucleare non ha cambiato l’equilibrio globale  del potere. All’interno, la Presidenza nominale di Trump si appoggia ai militaristi, come il Generale Mattis. Mattis ha rafforzato il controllo USA sugli alleati NATO, e anche ricondotto al guinzaglio cani europei sciolti, come la Svezia, affinché partecipassero alla crociata militare contro la Russia. Mattis si è avvalso della propensione dei media per i titoli bellicosi e la sua adulazione di generali a quattro stelle.

Ma, nonostante tutto,  il Nord Corea rimane indomato, perché può praticare la rappresaglia. La Russia ha migliaia di armi nucleari e rimane un contrappeso a un pianeta dominato dagli USA. La Cina detiene il debito pubblico USA e appare imperturbabile, nonostante la presenza di una Flotta USA sempre più propensa allo scontro, che attraversa il Mare della Cina del Sud. Mad Dog cattura l’attenzione dei media, con giornalisti benvestiti, dalle mani scrupulosamente ben curate, che dipendono dalle sue truci dichiarazioni. Contrattisti di guerra lo corteggiano, come mosche su di una carogna. Il Generale a Quattro Stelle ‘Mad Dog’ Mattis ha raggiunto uno status presidentiale senza vincere nessuna elezione (truccata o meno). Senza dubbio, quando scenderà dal podio, Mattis sarà il più corteggiato consigliere d’amministrazione o consulente senior per mega-compagnie militari nella storia degli USA, ricevendo favolosi compensi per mezz’ora di ‘chiacchiere-spazzatura’ e assicurandosi ricche prebende nepotistiche per le prossime tre generazioni della sua famiglia. Mad Dog può anche candidarsi alle elezioni, come Senatore o persino Presidente per qualsiasi partito. La militarizzazione della politica estera USA fornisce alcune importanti lezioni: prima di tutto, l’escalation dalle minacce alla guerra non riesce a  disarmare avversari che possiedono la capacità di rispondere. L’intimidazione via sanzioni può riuscire a imporre significative sofferenze economiche su regimi dipendenti dall’importazione del petrolio, ma non su economie preparate alla lotta, autarchiche o altamente diversificate.

Le manovre belliche di bassa intensità e multi-laterali rafforzano le alleanze guidate dagli USA, ma esse convincono pure gli oppositori ad aumentare la loro preparazione militare. Le guerre intense di livello intermedio contro avversari non-nucleari possono portare alla presa delle capitali, come in Iraq, ma l’occupante fronteggia guerre d’attrito di lungo termine, che possono minare la morale militare, provocare problemi a casa e innalzare i deficits di bilancio. Ed esse creano milioni di rifugiati.

Lo scontro militare di alta intensità comporta elevati rischi di gravi perdite di vite, alleati, territorio e montagne di detriti atomici – una vittoria di Pirro!

Insomma: minacce e intimidazione riescono solo contro avversari concilianti. La violenza non-diplomatica verbale può elevare lo spirito del bullo e di alcuni suoi alleati, ma ha poche possibilità di convincere gli avversari a capitolare. La politica USA di militarizzazione globale estende oltremodo la presenza delle forze armate USA e non ha portato a nessuna vittoria militare permanente.

Ci sono voci tra i leader militari USA, quelli non confusi dalle proprie stelle e dai loro ammiratori idioti nei media USA, che potrebbero premere per una maggiore tolleranza globale e mutuo rispetto tra le nazioni? Il Congresso USA e i media corrottisono evidentemente incapaci di valutare i disastri passati, per non parlare dell’elaborare un’effettiva risposta alle nuove realtà globali.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Un primer balance de la ANC

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Lunes 18 de septiembre de 2017

ANC balance

Ha pasado mes y medio desde que se instaló la Asamblea Nacional Constituyente. No hemos faltado a una sola sesión ni hemos llegado una sola vez tarde. Es decir, hemos seguido minuto a minuto el desarrollo de este importante evento. Hemos observado con atención lo que allí ocurre, sin dejar por ello de compartir con nuestros camaradas de manera fraterna y tratando de sembrar alegría y positivismo, como hacemos en cualquier parte, ya que creemos que “la vida es bella”, como el título de la célebre y polémica película de Roberto Benigni. Creemos, pues, que ha llegado la hora de hacer nuestro primer balance.

Sin duda, la Asamblea Nacional Constituyente es el nuevo y gran factor político en Venezuela. Su elección e instalación ha cambiado de raíz el escenario general del país y se ha constituido en una relevante victoria del chavismo. Igualmente ha tomado notable e impactantes decisiones, como el despido de la perturbadora ex fiscal Luisa Ortega Díaz, y su sustitución por un luchador político probado y valiente, Tarek William Saab. Esta medida ya está dando resultados muy auspiciosos en la lucha contra la corrupción y las mafias incrustadas o amparadas en esa institución. Con la ágil gestión de Tarek, seguramente estas investigaciones se profundizarán y seguirán arrojando resultados.

También se aprobó en la Constituyente la Ley para la Comisión por la Verdad, Justicia y la Legitimidad Pública. De ella dijo la presidenta de la ANC, Delcy Rodríguez, que “esta ley es un poderosísimo instrumento para sofocar la violencia, el odio y la intolerancia”. Dentro de esa misma línea, está en discusión la Ley contra los Delitos de Odio, Intolerancia y Violencia, presentada por el presidente Maduro.

Se ha creado la Comisión de Economía Productiva, que discute actualmente las 8 leyes que presentó el Presidente para generar soluciones atinentes a las actuales dificultades económicas, y vías para superar el agotado modelo del rentismo petrolero y establecer un nuevo sistema económico productivo y solidario, sin dejar de plantear esquemas para tratar de aligerar la pesada carga que pesa sobre la economía cotidiana del pueblo, como el Plan 50. Son ideas positivas cuyo éxito dependerá de que el país las asuma y no se las deje como asunto exclusivo al Gobierno.

Ante la ANC se han presentado representantes de los distintos poderes públicos para subordinarse a su poder plenipotenciario, incluido el Presidente de la República, con la excepción de la Asamblea Nacional en desacato, cuya directiva fue convocada, pero no asistió.

También han hecho presencia en el Hemiciclo Protocolar del Palacio Federal Legislativo representantes de distintos sectores del país, como juventud y cultura. Se ha tomado otros acuerdos referidos a diversos temas, en defensa de la Patria y la Revolución, y con referencia a otros asuntos de importancia.

La ANC aprobó el adelanto para el mes de octubre de las elecciones regionales de este año. El hecho de que la oposición haya hecho elecciones primarias y haya postulado candidatos para esos comicios es un reconocimiento tácito a la autoridad de la Constituyente.

Se ha creado 22 comisiones que abordan desde distintas perspectivas los nueve puntos propuestos por el presidente Maduro como agenda constituyente (finalmente diez, con el agregado del tema sobre derechos de la mujer). Las comisiones son una de las cosas más interesantes y prometedoras de la Constituyente, pues allí se dará seguramente los debates sobre unos cuantos asuntos concretos aun no abordados, se manifestarán las distintas corrientes, tendencias y posiciones que conviven en el chavismo y se establecerá por lo tanto caminos para seguir construyendo los fundamentos legales y políticos que determinarán el futuro inmediato de la Revolución Bolivariana.

Una de las cosas más positivas de la Constituyente es su contribución a la reactivación, reorganización y movilización del movimiento popular. Nosotros mismos hemos promovido el Comité Popular Constituyente en Santa Rosalía-Centro, en pleno desarrollo, y hemos participado en otras asambleas y eventos con el Poder Popular.

El balance de estas primeras semanas de Constituyente es, en nuestra opinión, altamente positivo. Ha mostrado grandes diferencias con respecto al sector opositor. La ANC ha sido ejemplo de unidad en la diversidad, pues si bien todos sus integrantes son chavistas, se ha visto igualmente que el chavismo se nutre de muy variados sectores del pueblo que están representados allí: trabajadores de distintas áreas productivas y de servicio, estudiantes, mujeres, empresarios, profesionales, diversas etnias, entre ellas las originarias, pensionados, discapacitados, intelectuales, artistas, etc.

Mientras la Asamblea Nacional adeco-burguesa se ha convertido en una especie de entelequia inútil, que a menudo no se reúne por la falta de quórum, los constituyentes han mostrado una férrea disciplina, con la absoluta mayoría de ellos asistiendo a las sesiones y conformando con largura el quórum necesario para los debates. Es un cuerpo activo, omnipresente, sin duda revolucionario.

Y ahora vienen los “peros” (parafraseando a nuestro dilecto amigo Perucho Conde, decimos “¡que broma que siempre hay un bendito pero!”). Veamos. Una crítica que han hecho algunos, inclusive a lo interno de la ANC, es la unanimidad en la toma de decisiones, y en la aprobación de ideas y discursos. Nosotro creemos que, siendo que en las plenarias se ha presentado los grandes temas políticos del país, es natural que haya unanimidad básica, pues la Asamblea está conformada, en términos cercanos a lo absoluto, por militantes chavistas. El hecho de que la derecha se haya negado a participar, ha desembocado en la elección casi total de activistas políticos y sociales del chavismo. No obstante, nosotros somos de la opinión de que la dirección política de la Asamblea tiene la obligación de promover el debate de los temas. En buena parte lo ha hecho, al invitar a compatriotas que no están incluidos en la ANC y que han expresado interesantes ideas y propuestas. Esperemos que el trabajo de las comisiones fomente el necesario debate de ideas que luce inevitable.

También se ha criticado la toma de decisiones ejecutivas y verticales por parte de la directiva del cuerpo y de la dirección política chavista. Esto incluye definición de la agenda de las sesiones y determinación previa de las intervenciones en la plenaria.

Nosotros creemos que esto ha sido necesario en esta primera etapa, para evitar la dispersión y debates estériles sobre grandes temas en torno a los cuales hay acuerdo fundamental. Somos creyentes de la necesidad de la Dirección política en cualquier campo de la Revolución. Recordemos que se está hablando de una actividad que puede durar dos años y hasta más, por lo que ya habrá tiempo de democratizar más los debates, confrontar posiciones, corrientes y tendencias, y morigerar el verticalismo que sin duda ha imperado en las primeras de cambio.

Por nuestro lado, tenemos una crítica principal, que es consecuencia de un reiterado error del chavismo que se ha contagiado a la Constituyente: el sectarismo dogmático y repetitivo. Ha habido muchas intervenciones reflexivas, profundas, creativas, que aportan ideas e iniciativas. Pero también otras que, sinceramente, son más  de lo mismo: la arenga que reitera el discurso agotado que solo va dirigido a los convencidos, que no solo no suma, sino que inclusive nos aísla de importantes sectores del pueblo para los cuales somos ya parte del paisaje, lo que nos ha llevado a perder la conexión, al asemejarnos a una secta cerrada y en cierto sentido excluyente. Lo hemos dicho reiteradas veces: mientras no volvamos a tener al menos el 60% de decidido favor popular, seremos vulnerables y la derecha tendrá alicientes para la conspiración y la violencia.

Los constituyentes tienen el deber de elevar el nivel político de su discurso, hacerlo más amplio e inclusivo, convocar con mayor creatividad y novedad. Por ejemplo, no puede ser que esta destacada vanguardia aplauda a rabiar, como pasó, palabras como “somos el país más bello del mundo” y “los venezolanos somos el mejor pueblo del mundo”. Esto no es más que chauvinismo y arbitrariedad. Todos los países tienen cosas bellas, hemos viajado suficientemente como para constatarlo. Y todos los pueblos tienen valores, así como vicios. Hay que crecer en cultura política, en profundidad intelectual, en conciencia crítica. El país nos escucha y está pendiente de nosotros, tenemos que ser mucho más que fanáticos o miembros de una especie de religión política.

Nosotros, así lo confesamos, a menudo aplaudimos también, y hasta de pie, conceptos o palabras que no compartimos. No queremos romper el espíritu de cuerpo, la emoción chavista, que es en general una cosa buena y sana, más allá de los errores e incomprensiones. Además, la mayoría de quienes incurren en lo que señalamos, lo hacen con la mejor de las intenciones (siempre habrá algunos pocos que solo buscan la condescendencia del poder, la figuración o la lisonja). Pero también cabe recordar que “de buenas intenciones está empedrado el camino del infierno”. Reflexionemos, profundicemos, el compromiso es demasiado grande.

In Venezuela ci sono nuovi rapporti di forza

Chavez

di James Petras – La Haine

31ago2017.- L’Assemblea Costituente, la mobilitazione militare, la mobilitazione nazionale contro l’imperialismo interventista, hanno affondato la destra.

Efraim Chury Iribarne: Stavamo osservando che la situazione attuale in Afghanistan è abbastanza complessa e che Donald Trump in qualche modo prolunga la guerra in Afghanistan. È corretto?

Sì, è sotto il comando dei suoi generali, che hanno deciso che non è il momento di lasciare il paese, perché potrebbero subire un altro impatto negativo sull’immagine di un governo debole e fallito, in particolare nei media, che cercano qualsiasi pretesto per delegittimare il Presidente Trump.

Ma in realtà le cifre che danno per giustificare l’invasione nordamericana non corrispondono alla realtà, dicono che i talebani controllano solo il 50% del paese, ma gli esperti che hanno conoscenza sul campo dicono che è più dell’80%. Gli Stati Uniti controllano solo alcune città, soprattutto Kabul, la capitale, e molto di meno il resto. E voglio menzionare un altro fattore, tra i soldati dell’esercito afghano ci sono molti oppositori. Cioè, infiltrati talebani che, di tanto in tanto, eliminano i funzionari del governo nordamericano.

E, inoltre, anche nelle città presumibilmente controllate dagli Stati Uniti, ci sono costantemente incendi, attentati e altre azioni, che indicano che nemmeno nei centri che rimangono nelle loro mani sono sicuri. Quindi, l’idea che gli Stati Uniti con un aumento di 5.000 o 10.000 unità, possano invertire la situazione è totalmente falsa. È un atto suicida, nel senso che inviano truppe impossibilitate ad agire, nel senso di recuperare l’Afghanistan per conto degli Stati Uniti.

Credo che ci sono due possibilità alternative, o devono moltiplicare il numero di truppe, intensificare il bombardamento [che già si è dimostrato non funziona], o devono ritirarsi entro un termine dato, riconoscendo che inevitabilmente non sono in grado di invertire le tendenze verso i talebani.

EChI: Il Venezuela chiede all’ONU di prendere posizione sulle minacce statunitensi. Il capo della diplomazia venezuelana ha detto: l’ONU non può rimanere con le braccia incrociate e non condannare queste azioni, lo abbiamo fatto notare al suo segretario generale. D’altra parte, il ministro venezuelano della Difesa Vladimir Padrino López, ha detto sabato scorso che il popolo del Venezuela e delle Forze Armate Nazionali sono pronti a dare tutto per difendere la patria, “è scritto nella nostra Costituzione, siamo una Repubblica indipendente e sovrana e dobbiamo comprendere l’ampio concetto di ciò che è sovranità, la capacità di uno Stato, di una nazione e del suo governo di prendere le proprie decisioni.” Come vedi la situazione da quelle parti, Petras?

JP: L’ONU non ha molto peso, perché gli Stati Uniti hanno diritto di veto, hanno un controllo efficace sugli Europei, hanno il sostegno indiretto dei paesi neo-liberisti dell’America Latina, soprattutto la destra più dura. Quindi, l’idea è buona e il Venezuela deve presentarla, ma non si aspettano molto dalle Nazioni Unite.

Invece, hanno preso misure più positive, ad esempio, l’esercizio militare lo scorso fine settimana, con più di 700 mila soldati e miliziani. È un segno di forza, una capacità di mobilitare e proteggere il paese, che potrebbe servire da avvertimento agli Stati Uniti che un’invasione sarebbe molto costosa.

E ha anche un enorme effetto sull’opposizione interna. Dobbiamo analizzare i nuovi rapporti di forze. Trump, con la dichiarazione di intervento o di minaccia di intervento, ha neutralizzato e paralizzato l’opposizione. Perché su questo tema l’opposizione non ha alcun sostegno, tanto meno nelle piazze.

In secondo luogo, la mobilitazione militare e delle milizie serve pure a ridimensionare la presenza dell’opposizione. In altre parole, l’Assemblea Costituente, la mobilitazione militare, la mobilitazione nazionale contro l’imperialismo interventista, hanno al momento modificato i rapporti di forza. Non si sente molto da parte degli avversari, né dalle roccaforti di Caracas né da nessun altro posto. La destra insorgente è paralizzata, non ha voce o presenza in questo ultimo confronto.

E pure Almagro e l’OSA. Sono rimasti emarginati dal contesto, perché nemmeno Almagro osa sollevare la testa di fronte all’interventismo sfacciato degli Stati Uniti. Quindi, possiamo dire, che, almeno questa settimana, questo mese, c’è stato un cambiamento nei rapporti di forza favorevole al Venezuela, dovuto alla sua esibizione di forza, all’appoggio popolare e alle cattive politiche di Trump, tutti fattori che hanno avuto un impatto molto positivo per il presidente Maduro.

EChI: Petras, l’altro argomento che ci interessava è l’attacco permanente di Israele alla Palestina. Come va letto da una differente angolatura?

JP: In primo luogo, potremmo dire che la visita dell’’ultra’-sionista consigliere del presidente Trump, Jared Kushner, un ebreo israeliano ortodosso fanatico, va nella direzione del sostegno a Netanyahu nell’occupare più terre palestinesi. Questo è il primo fatto che dobbiamo capire. In secondo luogo, Israele sta ampliando la demolizione di case palestinesi in ogni quartiere di quello che resta della Palestina.

In terzo luogo, dobbiamo notare che Israele si basa fortemente sull’Arabia Saudita e sulla collaborazione delle destre nel Medio Oriente. E questo indica che, in questa situazione, dove la Siria e l’Iran stanno guadagnando peso in Iraq e altrove, Israele ha perso influenza tra i governanti e i terroristi coinvolti nei paesi colpiti.

Infine, dobbiamo riconoscere che la politica nordamericana è ancora totalmente controllata dai sionisti. Se analizziamo il regime di Trump, ci sono lo stesso numero o più sionisti nei primi posti dell’economia e della politica estera, che nel regime di Obama. Gli Stati Uniti sono ostaggio dei sionisti all’estero, che funzionano come una quinta colonna.

E questo non ha avuto nessuna risonanza in altri paesi. Ad esempio, esaminiamo i quotidiani considerati progressisti in Argentina, “Pagina 12”, “La Jornada” in Messico e forse anche in “Brecha”, non esiste una discussione approfondita sul peso israeliano nei governi nordamericani e su come formulano la politica nordamericana. Parlano di interessi petroliferi, parlano di interessi militari, ma, in realtà, riguardo al Medio Oriente, non esiste nessuna osservazione che possa negare che Israele è la principale forza della politica interna ed estera degli Stati Uniti.

Dobbiamo, infine, ricordare che Israele ha un’opposizione interna. Abbiamo visto come il gruppo pro-boicottaggio e anti-insediamenti in Palestina ha guadagnato molto consenso. Ci sono anche settori importanti di studenti ebrei che hanno respinto la politica israeliana. E nonostante il fatto che abbia ancora forze preponderanti nel Congresso, nella Presidenza, l’opposizione cresce anche tra la popolazione nordamericana.

EChI: Beh, Petras, come sempre ci aspettiamo di discutere qualche altro tema su cui al momento sta lavorando.

Potremmo cominciare con il caso della scomparsa di Santiago Maldonado, che sosteneva la lotta dei Mapuche in Argentina. La sua sparizione, la cui responsabilità è dei gendarmi sta provocando una grande mobilitazione di protesta. Non solo in Argentina. Oggi, ad esempio, nella BBC hanno dato un servizio sulla sua scomparsa e una messa in discussione delle versioni ufficiali. Più di ogni altra cosa, il mondo teme che l’atto di sequestro da parte di Macri sia un passo verso la licenza di uccidere che esisteva durante la dittatura. In altre parole, le dichiarazioni del ministro della “insicurezza” Patricia Bullrich, non hanno peso. Né all’estero né all’interno. Negli Stati Uniti, tra gli specialisti dell’America Latina, c’è molta preoccupazione e hanno convocato molte persone conosciute in America Latina, respingendo la versione ufficiale.

Ritengo che il caso Maldonado potrebbe comportare un grande colpo politico contro Macri alle prossime elezioni. Vorrei estendere il mio sostegno a tutto il movimento per la ricomparsa con vita di Maldonado.

Il secondo punto che voglio menzionare sono le inondazioni in Texas, in particolare nella grande città di Houston. Tutti parlano di pioggia, uragano, inondazioni, distruzione di centinaia di miliardi di dollari, ma nessuno parla del perché le inondazioni si ripetono. È perché non c’è investimento nelle infrastrutture. Quando la pioggia cade, riempie le strade perché i sistemi di drenaggio non funzionano. È curioso, una città con grandi raffinerie di petrolio, ha tunnel per canalizzare il petrolio dappertutto, ma non ha abbastanza infrastrutture per preservare la città dalle inondazioni.

Ancora una volta, sorge il problema delle catastrofi interne, ciò che i media di qui chiamano catastrofe. Il capitalismo non mette in campo investimenti e infrastrutture per salvare le proprie fonti di ricchezza. Da quelle parti, stanno perdendo 500.000 barili all’ora a causa della paralisi delle raffinerie. Vorrei sottolinearlo di nuovo, gli Stati Uniti sono un gigante con i piedi di argilla.

Infine, vorrei menzionare un altro fatto che dobbiamo prendere in considerazione, gli Stati Uniti stanno militarizzando la polizia, la stanno dotando di armi da parte dell’Esercito, le chiamano eccedenze e nuove armi, carri armati, macchine blindate, mitragliatrici, le stanno trasferendo alla polizia locale e statale.

Originariamente, la giustificazione era la lotta contro i cartelli di droga. Poi la scusa è diventata l’anti-terrorismo. Ed ora, è la polizia che è investita dei problemi delle comunità impoverite. Cioè, la militarizzazione delle città, indipendentemente da qualsiasi problema di droga e terrorismo.

Estratto da La Haine

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

La Costituente in Venezuela è una grande vittoria sull’imperialismo

index  di James Petras -02/08/2017

 

Efrain Chury Iribarne: Cominciamo con l’elezione dell’assemblea costituente in Venezuela.

JP: È stato un grande evento. Secondo le cifre che abbiamo, più di otto milioni di elettori hanno sostenuto l’Assemblea Costituente e più di un milione di persone hanno partecipato attivamente alla campagna per scegliere uno dei 545 membri.

È un atto eroico perché l’opposizione, con il sostegno di meccanismi nordamericani, ha organizzato atti di terrorismo, minacce e intimidazioni. Inoltre, minacce di sanzioni da parte di Washington, degli oppositori all’estero come la Colombia, il Brasile e altri governi pro-nordamericani, che sono intervenuti per intimorire i Venezuelani.

In altre parole, non è solo una vittoria politica per il governo, ma una vittoria per il paese, è una vittoria sull’imperialismo. È stato un grande successo, nonostante i grandi mezzi di comunicazione, che con le loro menzogne, hanno cercato di influenzare l’opinione pubblica interna ed esterna, il che mostra come la coscienza politica e l’esperienza del chavismo contano più degli investimenti in propaganda degli Stati Uniti, che hanno speso milioni di dollari, tentando di influenzare la visione dell’opinione pubblica venezuelana.

Dobbiamo capire allora come l’organizzazione, la coscienza, l’esperienza, sono più importanti delle pressioni che vengono dall’alto e dall’esterno.

Penso che l’altra cosa che dobbiamo considerare è che i cipayos che dall’estero sostengono la destra hanno avuto loro la loro brava sconfitta. Sappiamo tutti che in Brasile il governo attuale è un governo illegittimo, prodotto di un colpo di stato; sappiamo che in Argentina con Mauricio Macri abbiamo un governo che ha ingannato il popolo con la propaganda e che ha abbassato i suoi standard di vita; sappiamo che in Cile e in Perù abbiamo governi con alcune delle peggiori disuguaglianze del Terzo Mondo; sappiamo anche che i sostenitori dei paramilitari e quelli che entrano dalla Colombia per esercitare il mercato nero sono stati anche loro sconfitti.

La propaganda dice che ci sono stati dieci morti, ma la maggior parte delle uccisioni si è verificata prima delle elezioni. Cioè, le elezioni, con la protezione del governo, dell’esercito, della Guardia Nazionale, della Polizia, sono state sicure. Sappiamo che nei presunti referendum gli avversari, al meglio, hanno ottenuto circa sette milioni di voti, un milione di meno di quelli che hanno partecipato a queste elezioni. E sappiamo che tra i sette milioni ci sono state un sacco di frodi, perché il processo non ha avuto nessun osservatore, non aveva legalità, poi si sa che molti elettori dell’opposizione hanno votato una, due, tre e fino a 17 volte, perché non c’era controllo.

Quindi, dobbiamo capire che questo è stato un grande progresso per il processo politico venezuelano ed è stata una grande sconfitta per l’imperialismo. Sappiamo anche che l’Assemblea Costituente è un importante passo avanti rispetto al parlamentarismo borghese, perché molti degli eletti provengono da quartieri poveri, hanno rappresentatività, a differenza dei borghesi che ricoprono cariche nel parlamento attuale nei paesi capitalisti.

Infine, voglio sottolineare una cosa. L’astensione dell’opposizione danneggia la loro capacità di influenzare i Venezuelani neutrali: come possono proporre misure, come possono mobilitare se sono fuori dall’istituzionalità? Penso che come risultato di questo processo, l’opposizione si indebolirà molto, le attività diminuiranno, si sentiranno impotenti e gli Stati Uniti, in ogni caso, cercheranno di intervenire con nuove sanzioni, cercando di mettere alle strette il popolo che si suppone intendono aiutare.

E se ci saranno più sanzioni, il Venezuela dovrà approfondire i propri rapporti di scambio internamente. Bisogna pensare che ora, con la nuova Assemblea e la nuova Costituzione, le banche e le grandi società si potranno controllare meglio. La Rivoluzione deve avanzare a partire dall’Assemblea Costituente o regredirà e indebolirà la sua capacità di conservare la maggioranza che sostiene l’attuale processo.

 

EChI: È stato anche un duro colpo per l’Europa Occidentale, che voleva una sconfitta di Nicolas Maduro.
JP: Non v’è dubbio che gli Europei coinvolti, in particolare la Spagna e l’Inghilterra, hanno subíto un duro colpo, in quanto questo può servire come modello alternativo all’iter parlamentare capitalista, perché hanno eletto una Costituente che dà maggiore rappresentanza ai quartieri popolari, alle comunità dei lavoratori. Limitare l’effetto del denaro sul processo elettorale è un esempio importante.

Vedo il caso dell’Inghilterra, dove un governo di minoranza critica il Venezuela, quando l’attuale governo conservatore non è un governo di maggioranza, è un governo che ha ricevuto una minoranza di voti e deve affrontare una situazione di crisi, guardando al di fuori dell’Unione Europea; la Spagna con Mariano Rajoy è per giunta un governo pieno di corruzione. Non possono tollerare un esempio come l’Assemblea Nazionale Costituente.
EChI: Le ultime informazioni provenienti dalla Francia danno il Presidente Emmanuel Macron in forte calo nei sondaggi. A cosa si può essere attribuire?

JP: Beh, la situazione in Francia è molto complicata, perché l’opposizione è divisa tra il nazionalismo e la democrazia sociale, approfondita dall’avanzata di Jean-Luc Mélenchon. Ma in ogni caso, al momento Macron ha il controllo del processo politico, sebbene stia affrontando problemi importanti che non può risolvere.

Ad esempio, abbiamo il caso degli Stati Uniti, che einterferiscono e dettano la politica estera e finanziaria della Francia in relazione alla Russia. E questa politica di sanzioni sta andando a danneggiare molte società francesi che hanno rapporti commerciali – petrolio e gas – con la Russia. Potremmo dire che adesso Macron deve affrontare il problema di come può fare contenti gli Stati Uniti, senza danneggiare la propria economia.In Germania, è molto evidente che le pressioni nordamericane stanno affrontando una grande opposizione da parte di molti settori economici tedeschi. Poiché le leggi americane che applicano sanzioni alla Russia, condizionano la sovranità della Germania. Se Washington lo detta, possiamo dire che l’extra-territorialità americana, la legge nordamericana, è superiore alle leggi francesi, tedesche, ecc., a livello economico. Possiamo anche dire che la crisi con gli Stati Uniti, con quest’aumento dell’interventismo imperiale in Venezuela, Russia, Medio Oriente, Asia, sta causando molte emicranie e approfondendo la divisione tra l’Europa e gli Stati Uniti.


EChI: Beh, Petras, ci sono altri argomenti su cui vorresti fare un commento?

JP: La cosa più importante da considerare sono le sanzioni che Washington impone all’Iran, alla Russia e alla Corea del Nord; oltre alle pressioni militari che esercita in relazione alla Cina. Possiamo riconoscere che la Russia sta finalmente adottando misure di resistenza. Espellono 755 diplomatici statunitensi dalla Russia; stanno per chiudere alcuni edifici statunitensi in Russia. In altre parole, la Russia cessa di essere conciliatoria e di sottomettersi all’aggressione americana.
Le speranze della Russia di poter migliorare le relazioni con le concessioni sono finite. La politica di Donald Trump approfondisce i conflitti con la Russia, che sono cominciati con Obama e stanno ora provocando un nuovo confronto: la Russia sta adottando misure, mobilitando le forze armate, le forze aeree e marittime. Lo stesso vediamo che accade con l’Iran. E in questa situazione, possiamo dire che le sanzioni stanno rafforzando l’auto-sufficienza e la capacità di questi paesi di contrastare gli Stati Uniti. Della Cina, nemmeno vale la pena parlare. La Cina cresce ogni anno e le aggressioni nordamericane da parte di Trump stanno promuovendo l’opposizione all’interno del settore delle esportazioni verso gli Stati Uniti.

Le aggressioni di Washington hanno un effetto imprevisto, invece di sottomettere questi poteri, provocano più indipendenza, più collegamenti tra Russia e Germania, Iran e altri paesi del Medio Oriente e con la Cina tutti cercano di firmare accordi per partecipare a grandi progetti.
In altre parole: dal Venezuela, dalla Russia, dall’Iran, dalla Cina, ogni aggressione nordamericana ha avuto l’effetto di indebolire gli Stati Uniti e rafforzare le capacità di indipendenza dei governi cui abbiamo accennato.

 

Estratto da La Haine, Testo completo in: https://www.lahaine.org/la-constituyente-en-venezuela

[Traduzione dallo spagnolo per Albainformazione di Marco Nieli]

La solidaridad como acto de justicia: Venezuela

L'immagine può contenere: 1 persona, occhialipor David Gomez Rodriguez

@davidgomez_rp

La solidaridad no es un asunto utilitarista sino un acto que nace de un compromiso ético. Cuando decimos Venezuela debemos básicamente pensar en los principios que sustentan nuestra moral. En tal sentido, a los revolucionarios y las revolucionarias del mundo les exigimos manifestarse en contra del imperialismo y la muerte.

No es un asunto que debamos tratar desde las conveniencias políticas, estamos hablando de que el gobierno norteamericano ha amenazado de forma directa a un pueblo en revolución de ser intervenido militarmente, estamos hablando de que la quema de chavistas forma parte de una manifestación del fascismo y el odio de la derecha en Venezuela, estamos hablando de que los medios de comunicación mienten descaradamente sobre la realidad del país en donde vivo, estamos hablando de una guerra que se fragua en el territorio donde se encuentra la reserva de petróleo más grande del planeta y donde vive un pueblo que ha resuelto con el espíritu de Bolívar ser libre por siempre.

A aquellos que quieran seguir asumiendo análisis sesudos en torno a la democracia-dictadura de Maduro valdría la pena preguntarles qué opinan de la infame dictadura que los EEUU imponen sobre el mundo. No es un asunto en el que debamos hacer el papel de un jurado universitario, no estamos hablando de una tesis sobre el papel de Rousseau en la conformación del Estado, estamos hablando de una agresión imperialista contra un pueblo en revolución. Estamos hablando de que se necesita la voz de la izquierda en el mundo unida y fuerte.

A los revolucionarios y las revolucionarias del mundo les solicitamos que comiencen a hacer actos de cualquier tipo: hagan carteles y tómense una foto solidarizándose con Venezuela, hagan un foro sobre los logros de la revolución bolivariana, vayan hasta la embajada norteamericana y simplemente dejen una carta en repudio a su actitud imperialista, llamen a un camarada del otro lado del mundo y digánle que en América Latina hay un pueblo que está decidido a ser libre, hagan un twit, etiqueten a un amigo en una foto de Chávez, organicen una marcha, pinten un grafiti, insulten en un video a Donald Trump (hay muchas razones para hacerlo) y diga al final “Venezuela estamos contigo”. Cualquier cosa ayuda y es urgente.

No se los pide Nicolás Maduro, ni un Ministro o el jefe de un partido, no, mi nombre es David Gómez Rodríguez y se los pido como un militante más de la izquierda revolucionaria, al que el corazón llenito de rojo le sigue palpitando del lado del amor, se los pide un camarada.

Compártelo con los solidarios como primera acción.

*Escritor del Colectivo Cultural “El Cuarto de los Duendes”

 

“Disidentes” y Constituyente

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político
Miércoles 26 de julio de 2017

En los años 40 del siglo pasado, el poeta Andrés Eloy Blanco era diputado en el Congreso Nacional. Había allí otro parlamentario, José Camacho, un negro de procedencia humilde que militaba en el partido Copei, considerado la tolda de la derecha más aristocrática. A este desclasado, el poeta dedicó la siguiente estrofa humorística: “Cosas que no son de ley/siempre resultan un fiasco:/mujer orinando en frasco/y negro inscrito en Copei”. Fue una manera de plantear el ya viejo y siempre acertado concepto de la lucha de clases. Sin la compresión integral del mismo, toda visión de la Historia y de la sociedad quedará desenfocada. Es lo que le pasa a muchos en estos tiempos de Constituyente.

El imperialismo y la derecha mundial están muy claros en cuanto al peligro que resulta la Constituyente para sus intereses, por eso la estigmatizan, la rechazan y la enfrentan con tanta vehemencia. La Constituyente ha despertado a un gigante que parecía dormido, el pueblo chavista revolucionario. Aquí puede aplicarse la célebre y visionaria frase de Napoleón Bonaparte: “Cuando China despierte, el mundo temblará”.

La burguesía está temblando. Creía que la Revolución Bolivariana estaba ya muerta, que se había ido junto a Chávez de este mundo visible y material, y que solo era cosa de tiempo para que su fin se decretara. No solo se frotaron las manos con renovada esperanza de arrasar con el legado del Comandante, sino además se entregaron con empeño a la tarea de acelerar la caída. Es natural que fuese así, dado el papel preponderante que juega el chavismo en la lucha de clases mundial, porque es faro de los pobres, de los postergados, de los excluidos, de los oprimidos, de los perseguidos, de los execrados, de los masacrados. Es un faro con sus sombras, y su luz puede parecer a veces débil, pero es de todos el más luminoso, por todo lo que Chávez significa en los albores de este siglo XXI. Que la burguesía se oponga a la Constituyente es cosa de ley. Por eso sus amenazas, su violencia, su locura criminal de la cual somos testigos en nuestro país.

Pero hay otras reacciones que resultan un fiasco, como las posiciones que han asumido ante la Constituyente algunos factores que se dicen de izquierda, como la llamada “disidencia” chavista. Como siempre, evitaremos los insultos y las descalificaciones hacia ese sector, en el que hay gente que apreciamos y respetamos (tal aprecio no nos lo concitan todos allí, también es verdad).

El principal problema de ese sector, lo hemos dicho más de una vez, es que deja que los árboles le tapen el bosque. Para ellos Venezuela es una especie de aldea, un problema doméstico, además visto desde una perspectiva que no es propiamente de izquierda, como pasamos a explicar.

Según la Fiscal General de la República, Luisa Ortega Díaz, “… aquí se amenaza a las personas para que vayan votar por la Constituyente, cuando el voto debe ser libre, es un derecho disponer de la libertad de pensamiento, en democracia se gana y se pierde, pero hay que asistir obligatoriamente a votar por la ANC, se amenaza con que se les va a quitar el CLAP, las Misiones, las casas, los hacen firmar abajo y le tapan arriba, he recibido no sé cuántas denuncias exactas en el Ministerio Público de funcionarios públicos amenazados de que tiene que asistir a votar por la ANC”. ¿Será cierto esto de los funcionarios? Porque en el ministerio donde trabajo no ha ocurrido nada de esto. De todas formas, ese es un aspecto secundario, circunstancial, de todo el asunto. Aquí lo principal, como siempre, es lo que trasluce el fondo político de la situación. La Fiscal, dada su actual posición política, olvida (¿deliberadamente?) parte de la verdad. En este momento, quien amenaza el voto no es el Gobierno, sino la oposición, que quiere evitar que el pueblo revolucionario elija a los constituyentes.

Resulta paradójico que la Fiscal diga esto, mientras salió a saludar, con sonrisa y gorrita azul, a quienes participaban de un fraude anunciado, el “plebiscito” opositor, que por cierto se desarrolló sin contratiempos, y sin que el Gobierno lo evitara, a pesar de su carácter subversivo, ya que entre sus principales objetivos estaba el de echar gasolina al
fuego de la violencia terrorista.

Pero hay cosas aun más de fondo, como la consideración, por parte de la Fiscal, de la “libertad” como un valor absoluto, que es típica del pensamiento burgués. La burguesía, con el imperialismo a la cabeza, ha venido usando el concepto de “libertad” como uno de sus principales herramientas para evitar, precisamente, que los pueblos sean libres. Además que en su sistema electoral, que lamentablemente sigue siendo el mismo que se usa en Venezuela en las elecciones formales (la actual elección Constituyente ha empezado a cambiar eso, por lo que se comenzará a ver en ella muchas caras del pueblo de a pie) no hay verdadera capacidad de elegir para el pueblo. El pueblo vota, pero no elige.

Ahora bien, más en el fondo aun, lo que se desarrolla en la Venezuela de hoy no entra en el terreno de las formalidades de leguleyos. Es un gran combate político entre dos importantes fuerzas que no son autónomas de la lucha de clases mundial. Una de estas fuerzas, el chavismo, representa los intereses del las naciones soberanas y los pueblos emergentes. La otra, la MUD, sirve a los intereses del imperialismo y el capitalismo global. Lo que aquí ocurre no es sino un reflejo de la principal contradicción de la sociedad humana de esta época, que enfrenta, por un lado, al imperialismo norteamericano y sus aliados, y a las pueblos y a las fuerzas nacionalistas, por el otro. Ese es el bosque que el oportunismo de “izquierda” no puede (¿no quiere?) ver.

De todas formas, nosotros no descartamos que en el futuro la Fiscal y otros “disidentes” del chavismo nos reencontremos en la misma trinchera. Esta posibilidad subyace en una frase de un comunicado firmado por algunos de ellos (Héctor Navarro, Ana Elisa Osorio, Cliver Alcalá Cordones, Edgardo Lander, Esteban Mosonyi, Santiago Arconada y Freddy Gutiérrez), que reza: “Reiteramos nuestro rechazo a la política de la cúpula de la MUD dirigida a generar una fractura institucional a través de la creación de un gobierno y un Estado paralelo con el apoyo de Washington, con todas las implicaciones conocidas que esto tiene”. Aquí hay un asomo de antiimperialismo que no puede ser desconocido.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: