L’Argentina ed il congelamento dei prezzi

EL “CONGELAMIENTO DE PRECIOS HACE AGUA”

da: http://libresdelsur.org.ar/noticia/el-congelamiento-hace-agua

 

In riferimento alle tardive misure prese dal governo di CFK per combattere lo spinoso problema dell’inflazione (accordi per il congelamento dei prezzi con le grandi catene di distribuzione e, ultimamente, una nuova misura che prevede il controllo da parte di non meglio specificati movimenti sociali sui prezzi di un 500 articoli basici (alimentari e di uso domestico), pubblico quest’articolo di Libres del Sur, movimento politico da tempo impegnato nel rilevamento del processo inflazionario con l’IBP (Index Barrial de Precios), alternativo all’oficialista INDEC.

[traduzione in italiano di Marco Nieli, in fondo al testo castigliano]

La variación de precios de la Canasta Básica Total indica que una familia tipo necesita $ 4.017,72 para superar la línea de pobreza en el Conurbano Bonaerense, un 147% más de lo que marca el INDEC.

Según el Indice Barrial de Precios, la variación de precios en el primer cuatrimestre del año fue de 3,93%, mientras que el INDEC establece para el mismo período un aumento de tan sólo 0,95%. De esta manera, se mantiene la tendencia al alza de precios, que ya durante el año pasado alcanzaron una variación anual superior al 30%.

Siguiendo los datos relevados en abril por el IBP en el Conurbano Bonaerense, una familia tipo, compuesta por 4 personas, necesita $ 4.017,72 para salir de la pobreza.

La Canasta Básica Alimentaria por su parte, que establece lo mínimo que necesita una familia para alimentarse durante todo el mes, se encuentra en $ 1.762,16, casi un 150% más que la publicada por el INDEC.

Isaac Rudnik, director del ISEPCi, sostuvo que “el fracaso del acuerdo de precios se vio claramente manifestado en una importante reducción de los niveles de consumo que se vieron mermados ante la suba sostenida de precios, en consonancia con el proceso inflacionario que se sostiene en nuestro país, y venimos verificando con el Indice Barrial de Precios de dos años a esta parte”. Y agregó que “el aumento sostenido de los valores de la Canasta Básica Alimentaria afecta principalmente a los sectores de más bajos recursos, que son los que destinan la mayor parte de sus ingresos a la compra de alimentos”.

A continuación se muestra la evolución de la CBA en las distintas regiones donde se realiza el IBP, en el primer cuatrimestre de 2013:

Variación Acumulada CBA 1° Cuatrimestre 2013 – IBP vs INDEC

REGION

Enero

Febrero

Marzo

Abril

ACUMULADO

Prom. Mensual

Mendoza (*)

2,09%

2,09%

2,09%

2,09%

8,35%

2,09%

Tucumán

1,14%

0,04%

4,38%

1,01%

6,57%

1,64%

Salta

1,35%

3,76%

2,30%

-1,18%

6,23%

1,56%

Mar del Plata

2,30%

3,24%

-1,08%

0,72%

5,18%

1,30%

Chaco

1,34%

0,34%

1,18%

1,41%

4,27%

1,07%

Conurbano

0,38%

3,75%

1,47%

-1,66%

3,93%

0,99%

INDEC

0,18%

0,14%

0,50%

0,13%

0,95%

0,24%

(*) IBP Mendoza, se publicó sólo el cuatrimestre por lo que se estimó la variación mensual según el promedio.

Fuente: ISEPCi en base a datos del IBP e Indec.

En el mes de abril, participaron en el relevamiento del IBP-CONURBANO, 72 vecinos y vecinas de las zonas más humildes del conurbano bonaerense, obteniendo una muestra de 5.284 precios para procesar.

Los mayores aumentos se dieron en Almacén (Queso Crema 27,27%, Lentejas 18%, Fideos 16%, Polenta 11%, Harina de trigo 11,9% y el Té 15,79%).

Línea de indigencia – Canasta Básica Alimentaria:

Abril 2013

Marzo 2013

Variación

IBP

$ 1.762,16 (*)

$ 1.791,82

-1,66 %

INDEC

$ 725,96

$ 725,01

0,13 %

DIFERENCIA IBP vs INDEC

142,73 %

(*) La Canasta Básica Alimentaria (CBA), que mide la línea de indigencia, indica que una familia tipo (2 adultos, una mujer y un hombre, y 2 niños) necesita a partir de abril de 2013 $1.762,16 para cubrir sus necesidades básicas de alimentación.

Línea de pobreza – Canasta Básica Total:

Abril 2013

Marzo 2013

Variación

IBP

$ 4.017,72 (*)

$ 4.085,35

-1,66 %

INDEC

$ 1.655,41

$ 1.649,84

0,34 %

DIFERENCIA IBP vs INDEC

147,62 %

(*) La Canasta Básica Total (CBT), que mide la línea de pobreza, indica que una familia tipo (2 adultos, una mujer y un hombre, y 2 niños) necesita a partir de marzo de 2013, $ 4.017,72 para cubrir sus necesidades básicas de alimentación, vestimenta, transporte y servicios.

Variación Mensual e Interanual:

La variación mensual de la CBA y CBT de abril 2013 con respecto a marzo 2013 es de -1,66%. La variación con respecto a igual mes del año anterior es de 18,80% y 22,56%, respectivamente, mientras que en lo que va del año 2013, el nivel general tuvo una variación de 3,93% y 5,78%.

Variación Interanual Enero 2013

CBA

CBT

IBP

18,80 %

22,56 %

INDEC

8,64 %

12,26 %

(*) La inflación mensual MARZO 2013 según IPC-INDEC es de 0,7%, mientras que en lo que va del año la variación anual es del 3,1%.

Acerca del IBP – INDICE BARRIAL DE PRECIOS:

El Índice Barrial de Precios (IBP) es el único índice de precios no oficial ni privado. Un índice social que mide el valor de la Canasta Básica Alimentaria (CBA) y las variaciones de los productos de la CBA de los sectores más humildes de la población en el conurbano bonaerense.

Son los vecinos y vecinas de las zonas más humildes del conurbano bonaerense quienes realizan la medición de los 50 productos que componen la CBA en 330 comercios distribuidos geográficamente en la 1era, 2da y 3era sección metropolitana. Lo que hace a esta iniciativa única e innovadora.

El IBP comenzó a realizarse en el Conurbano de Buenos Aires a partir del mes de junio de 2011 a raíz de un convenio entre el Centro de Investigaciones Participativas en Políticas Económicas y Sociales (CIPPES), el Instituto de Investigación Social, Económica y Política Ciudadana (ISEPCI) y el movimiento Barrios de Pie.

ISEPCi

www.isepci.org.ar | info@isepci.org.ar

La variazione dei prezzi della Cesta Basica Totale indica che una famiglia ha bisogno di $ 4,017.72 per superare la linea di povertà nella Grande Buenos Aires, 147% in più rispetto a quello che segna l’INDEC.

Secondo  l’Indice dei Prezzi di Quartiere, la variazione dei prezzi nel primo trimestre dell’anno è stata dello 3,93%, mentre l’INDEC prevede nello stesso periodo un aumento solo dello 0,95%. Così, si mantiene il trend di aumento dei prezzi, che lo scorso anno ha raggiunto un tasso annuo di oltre il 30%.

Secondo i dati rilevati nel mese di Aprile dall’IBP (Indice Barrial de Precios) nella Grande Buenos Aires, una famiglia tipo, composta da 4 persone, ha bisogno di 4,017.72 pesos argentini per sfuggire alla povertà.

Il paniere alimentare di base, che regola il minimo necessario per non morire di fame, per una famiglia per tutto il mese, vale 1,762.16 pesos, quasi il 150% in più rispetto a quella pubblicata dall’INDEC.

Izaak Rudnik, direttore dell’ISEPCI (Instituto de Investigación Social, Económica y Política Ciudadana), ha detto che “il fallimento dell’accordo prezzi si è reso chiaramente manifesto in una significativa riduzione dei livelli di consumo, eroso dalla crescita sostenuta dei prezzi, in linea con il processo di inflazione che si mantiene nel nostro paese, e che veniamo monitorando con l’IBP ormai da due anni.” Ha poi aggiunto che “il costante aumento dei valori della Cesta Alimentare Basica colpisce soprattutto i settori a basso reddito, che sono quelli che impiegano la maggior parte del loro reddito per il cibo.”

Di seguito è riportata l’evoluzione della CBA nelle regioni in cui l’IBP è stata eseguita nel primo trimestre del 2013:

Variazione accumulata della CBA nel 1° Quadrimestre 2013 – IBP vs INDEC

REGIONE

Gennaio

Febbraio

Marzo

Aprile

ACCUMULATO

Media. Mensile

Mendoza (*)

2,09%

2,09%

2,09%

2,09%

8,35%

2,09%

Tucumán

1,14%

0,04%

4,38%

1,01%

6,57%

1,64%

Salta

1,35%

3,76%

2,30%

-1,18%

6,23%

1,56%

Mar del Plata

2,30%

3,24%

-1,08%

0,72%

5,18%

1,30%

Chaco

1,34%

0,34%

1,18%

1,41%

4,27%

1,07%

Conurbano

0,38%

3,75%

1,47%

-1,66%

3,93%

0,99%

INDEC

0,18%

0,14%

0,50%

0,13%

0,95%

0,24%

(*) IBP Mendoza, si pubblica solo il quadrimestre, perché si è calcolata la variazione mensile secondo la media.

Fonte: ISEPCI, sulla base dei dati dell’IBP e dell’Indec.

Nel mese di aprile, hanno partecipato al sondaggio dell’IBP-CONTESTO, 72 residenti dei più umili quartieri di Buenos Aires, con l’ottenimento di un campione di 5,284 prezzi da elaborare.

I maggiori incrementi sono stati sul settore alimentare (formaggio cremoso 27.27%, lenticchie 18%, pasta 16%, polenta 11%, farina di frumento 11,9% e tè 15,79%).

Linea di indigenza – Cesta Alimentare Basica:

Aprile 2013

Marzo 2013

Variazione

IBP

$ 1.762,16 (*)

$ 1.791,82

-1,66 %

INDEC

$ 725,96

$ 725,01

0,13 %

DIFFERENZA IBP vs INDEC

142,73 %

(*) La Cesta Base (CBA), che misura la soglia di indigenza, indica che una famiglia tipica (2 adulti, una donna e un uomo, e 2 bambini) ha bisogno a partire da Aprile 2013 di pesos 1,762.16, per coprire i loro bisogni alimentari di base.

Linea di povertà – Cesta Basica Totale:

Aprile 2013

Marzo 2013

Variazione

IBP

$ 4.017,72 (*)

$ 4.085,35

-1,66 %

INDEC

$ 1.655,41

$ 1.649,84

0,34 %

DIFFERENZA IBP vs INDEC

147,62 %

(*) La cesta basica totale (CBT), che misura la soglia di povertà, indica che una famiglia tipica (2 adulti, una donna e un uomo, e 2 bambini) ha bisogno, a partire da marzo 2013, di pesos 4,017.72, per soddisfare i loro bisogni di base per i prodotti alimentari, l’ abbigliamento, i trasporti e i servizi.

Variazione mensile e interannuale:

La variazione mensile della CBA e della CBT nell’aprile 2013 rispetto al marzo 2013 è -1.66%. La variazione rispetto allo stesso mese dello scorso anno è di 18,80% e di 22,56% rispettivamente, mentre finora, nel 2013, il livello generale era una variazione del 3,93% e del 5,78% .

Variazione Interannuale Gennaio 2013

CBA

CBT

IBP

18,80 %

22,56 %

INDEC

8,64 %

12,26 %

(*) L’inflazione mensile di marzo 2013, secondo l’IPC-INDEC è dello 0,7%, mentre finora quest’anno, la variazione annua è del 3,1%.

Circa l’IBP – Indice di Prezzo di Quartiere:

L”IBP – Indice di Prezzo di Quartiere è l’unico indice dei prezzi non ufficiale e non privato. Un indice sociale, che misura il valore della Cesta di Base (CBA) e i cambiamenti nei prodotti della CBA per i settori più poveri della popolazione nella periferia di Buenos Aires.

Sono i residenti delle zone più umili della Grande Buenos Aires, che svolgono la misura dei 50 prodotti inclusi nella CBA in 330 esercizi commerciali, distribuiti geograficamente nelle sezioni metropolitane 1°, 2 ° e 3 °. Il che rende quest’iniziativa unica e innovativa.

L’IBP ha iniziato a realizzarsi nei sobborghi della Grande Buenos Aires, dal giugno 2011, in seguito a un accordo tra il Centro per la Ricerca Partecipativa in Politica Economica e Sociale (CIPPES), l’Istituto di Ricerca Sociale, Economica e di Politica Cittadina (ISEPCI) e il movimento Barrios de Pie.

 

Napoli: la partecipazione dal basso in Venezuela

NAPOLI -5 GIUGNO 2013 ore 19 – LA PARTECIPAZIONE DAL BASSO IN VENEZUELA
Ecco la presentazione dell’iniziativa che sarà al
LABORATORIO OCCUPATO SKA
NAPOLI -Calata Trinità Maggiore, presso Piazza del Gesù

FOCUS:
• Il tentativo di Golpe del 2002
• Accesso ad una sanità pubblica e gratuita
• Comitati di quartiere (Consejos Comunales)
• Radio comunitarie e media alternativi

Presentazione

Dopo la dittatura militare di Pérez Jiménez (1948-1958), il Venezuela visse un lungo periodo di democrazia formale, basata sull’alternanza di forze unite nella persecuzione della guerriglia e nella repressione della protesta. Nel 1989 quanti non arrivavano più a fine mese diedero vita al cosiddetto Caracazo, delle azioni di saccheggio represse dal Governo di Carlos Andrés Pérez. In un contesto di povertà, speculazione e parassitismo, nel 1992 Hugo Chávez venne arrestato mentre era alla guida di una sollevazione militare. Candidato a Presidente nel 1998, vinse contro la vecchia classe politica col progetto di una nuova Costituzione (1999); da allora è la Destra a mettere in campo tentativi di destabilizzazione.
A tal propostito, proietteremo alcuni frammenti sul tentativo di Colpo di Stato del 2002 tratti dal documentario Puente Llaguno. Claves de una masacre.

Passati gli anni dei sabotaggi e dei tentativi di rovesciamento, nel 2005 Hugo Chávez apre nuovi programmi sociali (Misiones) e lancia la Misiòn Barrio Adentro grazie alla collaborazione di migliaia di medici cubani. Si inizia a parlare del Socialismo del Siglo XXI ed il chavismo getta le basi per la costruzione di un’altra società, che fosse fondata su: l’accesso ad una sanità pubblica e gratuita; i programmi di alfabetizzazione (Misiòn Robinson); la nascita dell’Universidad Bolivariana de Venezuela; una legge che invita a costituire Comitati di Quartiere (Ley de los Consejos Comunales); l’incentivazione del cooperativismo e della gestione operaia delle fabbriche; la creazione di mercati alimentari a prezzi calmierati; investimenti nei trasporti pubblici e per la ristrutturazione delle case; crediti agevolati per la prima casa; e poi, la diffusione di libri gratuiti o a basso costo, la contro-informazione, le radio e le televisioni comunitarie…

Sul finire del 2006 Chávez viene rieletto con un 63% che premia le sue iniziative politiche. Forte dei consensi ottenuti, il 2007 viene dedicato al referendum per riformare circa 60 articoli della Costituzione in direzione del socialismo: ridefinizione delle istituzioni da quelle locali a quelle nazionali (Nueva Geometrìa del Poder); riduzione a 36 ore dell’orario di lavoro settimanale (44 ore per la legge vigente); definizioni dei vari tipi di proprietà (privata, mista e collettiva), e tante altre proposte che avrebbero cambiato di fatto l’impianto costituzionale. Tuttavia ci fu grande astensione e vinse di una manciata di voti il NO. Da allora il chavismo ha lavorato alla difesa ed al consolidamento dei passi in avanti compiuti.

Proveremo a concentrare il dibattito sulle iniziative politiche che hanno stimolato la partecipazione dal basso ed hanno così consentito la prosecuzione del processo politico venezuelano nonostante la morte del suo leader.

Intervengono:
Indira Pineda – sociologa cubana
Fabio Avolio – diariodacaracas.blogspot.com

Video-intervista da Caracas a:
Jonathan Ochoa – attivista culturale

Dieci domande sulla crisi

di Michel Collon

1.Subprimes?
Il punto di partenza è una vera truffa visto che la banche occidentali hanno guadagnato una enorme quantità di denaro a discapito delle case statunitensi, dicendo a coloro che avevano contratto un mutuo che se non erano in grado di pagare, gli avrebbero tolto le proprie case per quattro soldi.

2. E’ solo una crisi bancaria?
Assolutamente no. Si tratta di una vera crisi economica che è cominciata nel settore bancario, ma le cause di essa sono molto più profonde. In realtà, tutta l’economia degli Usa vive a credito da trent’anni. Le imprese si indebitano oltre le proprie possibilità, anche lo stato si indebita oltre le proprie possibilità (per fare la guerra) e hanno spinto sistematicamente i cittadini ad indebitarsi, l’unica maniera per mantenere, artificialmente, una crescita economica.

3. La vera causa?
Sicuramente i media di comunicazione tradizionali non ci dicono nulla. E senza dubbio i subprimes non sono più che la punta di un iceberg, la manifestazione più spettacolare di una crisi di sovrapproduzione che colpisce gli USA ma anche i paesi occidentali. Se l’obiettivo finale di una multinazionale consiste nel licenziare i lavoratori in massa per fare lo stesso lavoro con meno persone, se inoltre si comprimono i salari con ogni mezzo e con l’aiuto di governi complici, a chi vanno a vendere i capitalisti le loro merci? Non hanno smesso di depauperare i loro clienti!

4. E’ solo un altra crisi che si aggiunge?
La storia dimostra che il capitalismo è passato sempre da una crisi ad un’altra, con, di quando in quando, una buona guerra per uscire da essa (eliminando i suoi rivali, imprese, infrastrutture, ciò che permette un buon rilancio economico). In realtà le crisi sono anche un periodo del quale i grandi ne approfittano per eliminare o assorbire i più deboli. Quello che accade ora nel settore bancario statunitense, o nel caso di BNP che assorbe Fortis (e tutto ciò non è che l’inizio). Ma, se la crisi rafforza la concentrazione di capitali in mano ad un numero ancora più piccolo di multinazionali, quale sarà la conseguenza? Questi supergruppi avranno ancora più mezzi per eliminare ed impoverire la mano d’opera e trasformarsi in una competizione ancora più forte. Siamo di nuovo al punto di partenza.

5. Un capitalismo su basi etiche?
Sono centocinquant’anni che ce lo promettono. Persino Bush e Sarkozy lo hanno fatto. Ma è, in realtà, una cosa talmente impossibile come è impossibile che una tigre diventi vegetariana. Il fatto è che il capitalismo si appoggia su tre principi: 1. la proprietà privata dei grandi mezzi di produzione e di finanziamento. Non è la popolazione che decide sono le multinazionali; 2. La competitività: vincere la guerra economica, vale a dire, eliminare la concorrenza; 3. Il massimo profitto: per vincere questa battaglia non basta ottenere benefici normali o ragionevoli, bensì un saggio di profitto che permetta di distanziare la concorrenza. Il capitalismo è la legge della giungla, come già scrisse Carlo Marx: “il capitale è terrorizzato dall’assenza del profitto. Quando sente un profitto ragionevole, si inorgoglisce. Al 20% si entusiasma. Al 50% è temerario. Al 100% abbatte tutte le leggi umane ed al 300% non si ferma davanti a nessun crimine.”

6. Salvare le banche?
Ovviamente, è necessario proteggere i clienti delle banche. Ma, in realtà, ciò che lo stato sta facendo è proteggere i ricchi e nazionalizzare le perdite. Per esempio, lo stato belga non aveva 100 milioni di euro per aiutare la popolazione per mantenere il suo potere d’acquisto ma per salvare le banche è riuscito a trovare 5.000 milioni in due ore. Migliaia di milioni che noi dobbiamo rimborsare. Il fatto ironico è che Dexia era una Banca Pubblica e che Fortis ha acquisito una banca pubblica che funzionava molto bene. Grazie a questa banca i suoi dirigenti hanno fatto affari per vent’anni. E adesso che la cosa non funziona, si chiede a questi dirigenti che paghino i piatti rotti con i soldi che hanno guadagnato e che hanno accumulato?
No, si chiede a noi di pagare per loro.

7. I mezzi di comunicazione?
Lungi dallo spiegarci tutto ciò, focalizzano la loro attenzione su fatti secondari. Ci dicono che si deve cercare dove sono gli errori, i responsabili, combattere gli eccessi e bla bla bla. Di sicuro non si tratta di questo o di quell’altro errore, ma proprio del sistema. Questa crisi era inevitabile. Le imprese che stanno fallendo sono le più deboli o quelle che hanno avuto la sorte peggiore. Quelle che sopravvivranno avranno più potere sull’economia e sopra le nostre vite.

8. Il neoliberalismo?
La crisi non è stata provocata ma accelerata dalle modalità neoliberali degli ultimi venti anni. I paesi ricchi hanno provato ad imporre questo neoliberalismo in tutto il terzo mondo. In America Latina, cosa che finisco ora di studiare durante la preparazione del mio libro “I sette peccati capitali di Hugo Chávez”, il neoliberalismo ha portato milioni di persone alla miseria. Ma all’uomo che ha lanciato il segnale della resistenza, l’uomo che ha dimostrato che si può resistere alla Banca Mondiale, al FMI e alle multinazionali, l’uomo che ha insegnato che si devono voltare le spalle al neoliberalismo per ridurre la povertà, quest’uomo, Hugo Chávez, non smette di essere demonizzato a colpi di menzogne mediatiche e di diffamazioni infondate. Perché?

9. Il terzo mondo?
Si parla solo delle conseguenze della crisi nel Nord. In realtà, tutto il terzo mondo soffrirà gravemente a causa della recessione economica e della caduta dei prezzi delle materie prime che provocherà la crisi.

10. L’alternativa?
Nel 1989, un famoso autore statunitense, Francis Fukuyama, ci annunciava la Fine della Storia: il capitalismo aveva trionfato per sempre, ci disse.
Non è stato necessario molto tempo perché i vincitori fossero smentiti. L’umanità ha bisogno davvero di un altro tipo di società. Il sistema attuale fabbrica migliaia di milioni di poveri, affonda nell’angoscia quelli che hanno (provvisoriamente) la fortuna di lavorare, moltiplica le guerre e rovina le risorse del pianeta. Pretendono che l’umanità sia condannata a vivere sotto la legge delle giungla, tutto questo significa prendere la gente per imbecilli. Come dovrebbe essere una società più umana, che offra un avvenire degno per tutti? Questo è il dibattito che tutti abbiamo l’obbligo di lanciare. Senza tabù.

6 ottobre 2008

[10 ottobre 2008, trad. dal castigliano di Ciro Brescia]

(VIDEO) Cuba: Dissidenza o annessione?

 Festeggiano la data in cui gli USA si impadronirono di Cuba (+ video)

Di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación (versión en español: “¿Disidencia o anexionismo? Celebran fecha en que EEUU se apoderó de Cuba“)Traduzione di Vincenzo Basile (Capítulo Cubano)

Il 20 maggio del 1902 fu proclamata ufficialmente l’indipendenza di Cuba dalla metropoli spagnola. Ma questa data, oggi, non si celebra sull’Isola. Il motivo è che questo atto di indipendenza fu solo una formalità: Cuba passò dall’essere una colonia spagnola all’essere una neo-colonia degli Stati Uniti (1).
Gli Stati Uniti intervennero nella guerra combattuta dagli indipendentisti cubani contro la Spagna, fino alla sconfitta militare di questa. A Parigi negoziarono direttamente con il governo spagnolo i termini della “indipendenza” di Cuba, escludendo gli stessi indipendentisti cubani.
Washington impose poi a questi ultimi, quale condizione per il ritiro delle sue truppe dall’Isola, l’introduzione del cosiddetto “Emendamento Platt” nella prima Costituzione di Cuba. Questo emendamento diede agli Stati Uniti il ​​diritto di intervenire a Cuba, quando lo ritenessero necessario, e gli permise di installare -ad esempio- la base navale di Guantanamo.
Per questo, a Cuba, il 20 maggio non è considerato una data da ricordare. Ma lo è invece negli Stati Uniti, più precisamente a Miami, dove, all’atto di commemorazione di alcuni giorni fa, hanno partecipato rappresentanti della cosiddetta “dissidenza” interna cubana, come Guillermo Fariñas o Berta Soler (2).
È interessante notare che coloro che sono presentati dalla stampa dominante come rappresentanti di una presunta “società civile” cubana, festeggiano la data in cui Cuba divenne una colonia degli Stati Uniti. È lo stesso ruolo svolto, nel XIX secolo, dai cosiddetti annessionisti cubani, che volevano far diventare l’Isola un altro stato degli Stati Uniti (3).
Pertanto, risulta logico e coerente che questi “dissidenti”, durante la loro visita a Miami, abbiano ricevuto decine di riconoscimenti e siano stati presentati dai media come autentici “eroi” (4). Che appaiano in conferenze stampa con membri del Congresso che sostengono apertamente l’intervento militare a Cuba, come Ileana Ros-Lehtinen (5). O che abbiano ricevuto il plauso più entusiasta di criminali come Felix Rodriguez, che partecipò all’assassinio del Che Guevara in Bolivia (6) e al tentativo di invasione di Cuba nel 1961. Con tali parole elogiava la blogger Yoani Sanchez questo ex-agente della CIA: “Noi manteniamo la linea dura contro il regime di Castro, non c’è alcun dubbio. Come si dice, la cortesia non esclude il coraggio. Il lavoro che lei sta facendo è un lavoro straordinario, è stata ricevuta in ogni parte del mondo, e bisogna riconoscerlo. Oggi la lotta è diversa. Nella nostra epoca si poteva fare quel che abbiamo fatto, ora i tempi sono cambiati, e lei segue un percorso che tutti noi dobbiamo ammirare” (7).
Inoltre è perfettamente coerente con il ruolo annessionista della “dissidenza” cubana l’omaggio che ha reso Guillermo Fariñas (8) a uno dei maggiori finanziatori di azioni terroristiche in territorio cubano: Jorge Mas Canosa (9).
O la presenza come ospite, nel citato atto del 20 maggio, della cantante Gloria Estefan, figlia della guardia del corpo del dittatore Fulgencio Batista, autentico custode -per anni- degli interessi degli Stati Uniti a Cuba (10).
Ma se c’è un personaggio di questa “dissidenza” che ricopre perfettamente il ruolo che svolsero gli antichi annessionisti cubani è Berta Soler, leader delle Damas de Blanco. A Miami, ha partecipato a un evento con veterani che tentarono di invadere Cuba alla Baia dei Porci (11) e membri di Alpha 66, un’organizzazione paramilitare responsabile di numerose vittime in attentati terroristici a Cuba (12). Dinanzi ai politici dell’estrema destra cubano-americana, Berta Soler ha chiesto più fondi del governo degli Stati Uniti per la dissidenza interna, riconoscendo qualcosa che sarebbe un reato grave in qualsiasi paese del mondo (13). Ha chiesto, inoltre, che i cittadini statunitensi continuino a vedersi negato il diritto di viaggiare a Cuba. E, infine, ha chiesto di inasprire ulteriormente il blocco economico da parte del governo degli Stati Uniti contro il suo stesso popolo (14). Insuperabile, senz’ombra di dubbio, Berta Soler.
_

(VIDEO) Voci dall’America latina: la ELAM

La Scuola di Medicina latinoamericana a Cuba

L’estetica della sovversione sfodera profumi e aromi speziati

di Geraldina Colotti

«All’erta, all’erta che cammina il tratto di Bolívar per l’America latina…». Sfogliando le opere e il profilo degli artisti venezuelani presenti alla Biennale, si potrebbe sostituire così, giocando con le parole, il famoso slogan che, in originale, recita: «Alerta, alerta che camina la espada de Bolivar para América latina». Il sogno di una nuova indipendenza, basata sull’inclusione e sulla «vita buona» (il buen vivir) produce un immaginario senza lacci e steccati, disegna una nuova cartografia del presente in cui irrompe il futuro.

Nel Venezuela «bolivariano», l’arte è di strada e incontra il desiderio di partecipare. I fondi destinati alla cultura e alle tutele sociali degli artisti registrano anche quest’anno un aumento, e la vivacità del settore salta agli occhi in ogni angolo del paese. Così, collettivi di arte urbana, provenienti da diverse regioni sono al centro della proposta Arte urbano. Una estética de la subversiónche caratterizza il padiglione venezuelano, in cui i giovani artisti realizzeranno le loro opere in situ: attraversamenti multipli di nuovi linguaggi che combinano video documentali, gigantografie, immagini fotografiche, paesaggi sonori e dispositivi tridimensionali come metafore dei graffiti. Un grande museo immaginario della città, in cui i movimenti giovanili mostrano il cuore pulsante del «socialismo del XXI secolo». Una proposta – assicura il curatore del progetto, Juan Calzadilla – al diapason con il tema della Biennale (Il Palazzo enciclopedico), inteso come teatro delle ossessioni e del potere trasformatore dell’immaginazione.

«In questo modo – spiega Calzadilla, artista plastico, critico, storico, poeta e saggista – abbiamo voluto rompere la consuetudine di portare a Venezia solo l’artista venezuelano più affermato nel panorama nazionale». Tra i diversi collettivi di Crew (equipe, equipaggio, gang o bande) presenti a Venezia, Comando creativo, Colectivo cultural Toromayma, Pc, Silenciadores, Simbiosis perfecta, Cms…

Nel padiglione dedicato all’arte figurativa del continente, El Atlas del imperio, organizzato dall’Istituto italo-latinoamericano (Iila), la venezuelana Susana Arwas fotografa a sua volta i graffiti di natura politica, che raccontano la realtà con sarcasmo e ironia. Tra i venti Paesi aderenti all’Iila e presenti alla Biennale, c’è l’Uruguay. Il maestro del pop Martin Sastre – uno degli artisti selezionati dai curatori Alfons Hug e Paz Guevara e accompagnati dalla commissaria Sylvia Irrazabal – propone il video promozionale di un profumo che ha creato: un composto di essenze ed erbacce provenienti dalla campagna del presidente Pepe Mujica. Ex guerrigliero tupamaro che ha trascorso 13 anni nelle carceri sotterranee uruguayane ai tempi della dittatura, Mujica continua a vivere nella sua modesta fattoria fuori città coltivando fiori che poi vende nei mercati locali. E dona il 90% dello stipendio alla costruzione di opere sociali. Con lo stesso spirito, Sastre ha annunciato che con i proventi delle vendite verrà istituito un Fondo nazionale d’arte  contemporanea per il sostegno degli artisti uruguayani.

Si ispira all’Uruguay anche Il sol dell’avvenire, dell’italiano Luca Vitone, che disegna isole utopiche su una serie di biglietti in corso in vari periodi della storia uruguayana, mentre la boliviana Sonia Falcone propone a sua volta un tappeto di spezie nell’operaCampo de color.

Centinaia di vasi di argilla pieni di cacao, peperoncino, cannella, curcuma e altre intense fragranze modulano un quadro in stile color field, ma suscitano sensazioni opposte rispetto alle superfici colorate, lisce e fredde, del minimalismo nordamericano.

Gli ecuadoriani Miguel Alvear e Patricio Andrade, hanno invece girato il film surrealista Blak Mama in cui tre personaggi dediti al riciclaggio della carta nella capitale Quito compiono un viaggio metaforico che ha il potere di trasformare le persone.

E da Cuba, grande vivaio di artisti, arriva Humberto Diaz. Ha scelto di legare idealmente la sua isola con 150 metri di corda annodati a diversi oggetti che richiamano le tappe dello sviluppo umano.

Anch’egli proviene dai collettivi giovanili che animano il paese. Si è formato nell’Associazione Hermanos Saiz, ospite di recente dell’Arci con cui sta sviluppando progetti finalizzati alla pro promozione di giovani artisti cubani.

[fonte: Alias, 25 maggio 2013]

Il colpo di timone: «Nicolás, ti raccomando questo come ti raccomanderei la mia vita»

Colpo di timone

Primo Consiglio dei Ministri del Nuovo Ciclo della Rivoluzione Bolivariana

Il 7 ottobre 2012, dopo che fu resa nota la vittoria del candidato della patria con il 56% dei voti, il presidente Hugo Chávez Frías annunciò dal balcone del popolo che un nuovo ciclo iniziava all’indomani, 8 ottobre.

Pochi giorni dopo, il 20 di ottobre, si è svolto il primo Consiglio dei Ministri di questo nuovo ciclo, nel quale il comandante invita alla critica e all’autocritica, ad aumentare l’efficienza, rafforzare il potere comunale e sviluppare il Sistema Nazionale dei Media Pubblici, fra i vari temi relativi alla costruzione del socialismo.

Questo documento sintetizza le sue parole, come strumento per il dibattito al quale tutti dobbiamo partecipare.

… il capitalismo ha nella sua stessa natura l’essere antidemocratico, escludente, l’imposizione del capitale e delle élites capitaliste.

… il socialismo libera; il socialismo è democrazia e la democrazia è socialismo in ambito politico, sociale ed economico.

… potremmo anche dire che stiamo facendo bene, ma non proprio tutto il necessario per lasciarci alle spalle, in modo graduale e definitivo, il modello di sfruttamento capitalista, e creare un nuovo modello: il socialismo venezuelano, bolivariano, del secolo XXI.

Nicolás, ti raccomando questo come ti raccomanderei la mia vita: le comuni, lo stato sociale di diritto e di giustizia.

L’autocritica serve a rettificare, non a continuare a praticarla nel vuoto, o a lanciarla nel vuoto. Serve ad agire nell’immediato, signori ministri e signore ministre …

Attenzione, se non ci rendiamo conto di questo siamo finiti; non solo, saremmo noi stessi a causare la fine di questo progetto.

Abbiamo inaugurato da poco la strada … Abbiamo terminato la strada e non c’è una sola unità produttiva che abbiamo creato noi.

Crediamo che la strada sia l’obiettivo. Sarà la ferrovia l’obiettivo? Sarà la strada l’obiettivo? O cambiare tutti il rapporti geografico-umani, socio-territoriali e culturali all’interno dei territori che attraversano? Quest’ultima è la risposta, ma a volte non lo vogliamo capire; anzi, che dico a volte, non lo capiamo quasi mai.

… questo è il governo rivoluzionario del Venezuela, ratificato da un popolo due settimane fa, ma anche molto criticato da un popolo e per delle ragioni, ed ecco una di quelle ragioni: la mancanza di efficienza …

Abbiamo bisogno di un livello di interazione, di comunicazione, di coordinamento, di incrocio o intreccio di piani, di diagnosi, di problemi, di azione congiunta. È come una guerra: cosa può fare la fanteria da sola senza di noi, che siamo i carri armati? E che facciamo noi blindati senza la Fanteria, la Marina, l’Esercito?

Vedo alcuni programmi del nostro canale, il canale di tutti i venezuelani, e noto che continuiamo occuparci di quello che è già passato, peraltro dando voce a chi non ha quasi niente da dire al paese… è questa la cosa più importante in questo momento? E la gestione del governo?

Perché non fare programmi con i lavoratori? Laddove sorge l’autocritica, non dobbiamo avere paura della critica, né dell’autocritica. Ci alimenta, ne abbiamo bisogno …

In realtà non abbiamo, anche se ne parliamo, un Sistema Nazionale di Media Pubblici, non ce l’abbiamo … Lo creeremo; abbiamo gli strumenti. Quello che ci manca è maggiore volontà, forse, sicuramente maggiori capacità. Osiamo, facciamolo. È necessario.

Selezione degli estratti del discorso di Alfredo Viloria Perez

[trad. dal castigliano di Pier Paolo Palermo]

Dal Venezuela a Venezia: Arte Urbana, estetica della sovversione

Muri puliti popoli muti

55ª Esposizione Internazionale di Arte – La Biennale di Venezia

Arte Urbana nel Padiglione Venezuelano

Arte Urbana. Un’estetica della sovversione è il titolo della proposta ufficiale che, con la partecipazione di vari collettivi di artisti plastici, il Venezuela presenterà nel suo Padiglione nazionale alla 55ª Esposizione Internazionale di Arte – La Biennale di Venezia, che sarà innaugurato il prossimo venerdi 31 maggio alle 14.30. Il progetto espositivo è stato curato direttamente dal maestro Juan Calzadilla, ricercatore riconosciuto, poeta e artista venezuelano.

Essendo, l’arte urbana, un movimento di strada, eclettico, semianonimo, clandestino, sovversivo, amalgamato nella gente e di radice popolare, sottratto alle tentazioni e attrazioni presenti nel campo dell’arte colta, per integrare questa proposta sono stati invitati diversi collettivi di Writers (squadre, troupe, brigate o bande). Tra questi, ricordiamo: CMS, GSC, Via Oeste, PC, Simbiosis Perfecta, 346, Silenciadores, 58C, 3BC, S/N, AAA, SDN,ROS,Pacos Gratis, IMP, PSC, EMC, Slim, Chuo, Ker, Comando Creativo, Colectivo Cutlural Toromayma, 360° e La Kaza para la Raza. Questi gruppi agiscono in diverse regioni del nostro terrritorio. Mostreranno le loro conquiste, le loro esperienze, le loro forme di espressione estetica attraverso tecniche  diverse, come il graffitismo (nelle sue diverse modalità), gli stickers, la cartellonistica, le calcomanie, gli stencil e i murales.

Questi collettivi di artisti propongono un nuovo tipo di supporto per la città, in corrispondenza caotica con lo spazio architettonico. Non solo costituiscono una decorazione su scala umana, ma un ambito per condividere le funzioni della vita in modo quotidiano e democratico, in termini di uguaglianza. Ogni opera è stata concretizzata a beneficio di un mondo possibile, che si era potuto materializzare soltanto nelle utopie e nei sogni dei graffitari.

Con Arte Urbana. Un’estetica della sovversione viene infranto il mito di portare a Venezia l’artista venezuelano più famoso del panorama nazionale. In questa occasione, il Venezuela vuole portare giovani creatori che hanno conquistato la città lasciando la loro presenza, la loro impronta attraverso le loro opere. Attraverso questa proposta, viene   elevata a categoria di arte contemporanea una realtà ed un fenomeno socio-culturale che rimanda, in materia artistica, non soltanto alla necessità di dignificare e reinterpretare  lo spazio urbano in cui si espande quotidianamente, incontenibilmente, ma anche a ridimensionare le condizioni che potrebbero portarci alla nascita di un grande museo immaginario della città del XXI secolo.

Basate nel concetto di Palazzo enciclopedico, definito dal curatore della Biennale Massimiliano Giani, come un’esposizione sulle ossessioni e il potere trasformatore dell’immaginazione del Venezuela, mostrano queste occupazioni simboliche dell’urbe. A partire da questa premessa, viene ricreata l’idea di un gran museo immaginario, che ci rimanda a un territorio libero ed illimitato, in cui tutti inciampano in un insieme di opere che hanno superato il confinamento imposto dai tradizionali musei. Un sistema di rappresentazioni estetiche di apparenza seriale e senza frontiere, che straripa materialmente attraverso molteplici prospettive dalle strade, i palazzi e le vie del paese. Non si tratta di un proggetto ideato nella misura dei circuiti dell’ arte pura, ai quali l’accesso è stato negato.

Arte urbana con accento creolo

Una cartografia contemporanea dell’arte urbana mostrerà opere che sono state realizzate a partire da un processo creativo di strada, urbano e sotterraneo, per diffondere le immagini e le procedure eteroclite, tra mezzi e tecniche presi in prestito o inventati, che  offrono un’identità artistica a un fenomeno dalle caratteristiche sociali imprescindibili, di cui beneficiano le comunità escluse dall’arte degli artisti.

La proposta si basa su un contesto reale di città intesa come spazio urbano che, oltre ad essere abitato, è stato anche attraversato, modificato, profanato, interpretato e caricato di messaggi e immagini bizzarre, da un collettivo di artisti di strada che hanno messo in rilievo non solo il loro impegno sociale ma anche la qualità formale del loro lavoro.

L’arte urbana si impossessa del Padiglione del Venezuela per mostrare, nella sua esterna ed interna, le fantasie create da diversi collettivi di artisti. Una selezione di opere in loco, pezzi preparati per l’occasione, documentari, immagini fotografiche, gigantografie, ambientazioni sonore e dispositivi tridimensionali, insieme ad altre procedure e principi della cosiddetta Street Art che funzionano come metafora dei graffiti.

La proposta curatoriale

La proposta riconosce la trascendenza dell’universo polisemantico delle nostre città, che si è mischiato in un tale modo e con una forza tale nello spazio della convivenza comunitaria da fare di questa una realtà che è pubblica, collettiva e giovane, in cui si sta costruendo un’identità culturale urbana, eterogenea e attuale, che accade in tempo reale, perché rappresenta attualmente il perfetto riassunto della scena artistica più visibile delle nostre grandi città.

Il percorso museografico

La Terraza del padiglione riceverà i visitatori con un grande murale realizzato da diversi collettivi di graffitari e disegnatori grafici, tecniche di neo-cartellonistica, stencil e una grande scultura di graffiti. Nella Sala Maggiore verrà presentato un percorso digitale di quel  museo aperto che è la città e dei diversi modi di vedere questo spazio secondo i cambiamenti naturali della luce. Nella Sala Minore sarà realizzata una proiezione sulla base di una combinazione tra analogica, come proposta di registro, e i movimenti di animazione in 3D di graffits mapping.

Il concetto museografico integra opere emblematiche di carattere urbano in diversi formati e tecniche, che sono arrivati a disporre di un linguaggio che riflette i codci della venezuelanità, che offronto un terreno fertile per trasformare gli ambienti più vicini. Si tratta, in definitiva, di rendere fattibile il sublime tentativo di mostrare la collezione dell’urbe locale attraverso la ricostruzione di quel museo di passaggio ubicato nelle zone che percorriamo per andare a lavorare, a studiare o semplicemente a camminare. Riconoscere l’improtanza dell’immaginario esposto in questi spazi è un modo per cristallizzare la validità e la trascendenza di un fenomeno di spessore sociale ed estetico inconstestabile.

COMITATO ORGANIZZATIVO

Biografie

CURATORE

Juan Calzadilla (Altagracia de Orituco, Stato Guárico, Venezuela, 1930)

Artista plastico, critico, storico e curatore d’arte, poeta e saggista. Riconosciuto con il Premio Nazionale di Arti Plastiche nel 1966. Attualmente è  Direttore Generale della Galleria d’Arte Nazionale (Caracas, Venezuela). E’ uno dei critici d’arte che conta il maggior numero di pubblicazioni del paese.

COMMISSARIO

Edgar Ernesto González (Maracaibo, estado Zulia, Venezuela, 1973)

Museologo, museografo, curatore e graphic designer. Dottore in museologia comparata presso l’Universita delle Arti di Berlino e l’Istituto di Studi Museali dei Musei Statali della Fondazione del Patrimonio Culturale Prussiano di Berlino; specializzato in gestione e politica culturale presso l’Istituto di gestione culturale e gestione dei media della Scuola Superiore di Musica “Hanns  Eisler” di Berlin. Laureato in lettere presso l’Università del Zulia, Maracaibo. Attualmente, è Direttore del Museo della Stampa e del Disegno “Carlos Cruz Diez” (Caracas-Venezuela).

MUSEOGRAFI

Pedro Sanz (Los Teques, estado Miranda, Venezuela, 1947).

Architetto, artista plastico, museografo, professore universitario e curatore. Laureato presso la Facoltà d’Architettura dell’Università Centrale del Venezuela; corso post laurea in Psicologia dell’Architettura presso l’Università del Zulia (Venezuela). Attulamente è Coordinatore delle Arti Visive della Fondazione Centro Studi Latinoamericani “Romulo Gallegos” – CELARG- (Caracas- Venezuela).

Clemente Martínez (Valencia, estado Carabobo, Venezuela, 1967)

Museologo, museografo, artista plastico. Laureato in Arte, specializzato in Museologia presso l’Università Cattolica Cecilio Acosta (Maracaibo, Estado Zulia, Venezuela). Attualmente è Direttore d’ Integrazione Comunitaria presso la Galleria Nazionale d’Arte (Caracas, Venezuela).

GRUPPO DI RICERCA

Zuleiva Vivas (Caracas, Venezuela, 1951)

Curatrice, ricercatrice d’arte e conferenzista. Laureata in Arte presso l’Università Centrale del Venezuela. Ha ricoperto importanti incarichi in diverse istituzioni culturali e museali del paese. E’ stata Presidente della Fondazione Musei Nazionali. Attualmente è Direttrice di Cultura del Consiglio Nazionale Elettorale della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Félix Hernández (Caracas, Venezuela, 1960)

Fotografo, curatore e ricercatore d’arte. Laureato in Arte, specializzato in arti plastiche con Master in Studi del Discorso presso presso l’Università Centrale del Venezuela. Attualmente lavora come ricercatore specialista presso la Galleria Nazionale d’Arte.

Francisco Ardiles (Stato Carabobo, Venezuela, 1974)

Poeta, ricercatore, saggista e professore universitario. Laureato in Lettere presso l’Università Centrale del Venezuela. Master in Letteratura venezuelana e un Dottorato in Scenze Sociali, con specializzazione in studi culturali presso I’Università di Carabobo. Attualmente è Direttore di Ricerca e Studi Culturali del Museo delle Belle Arti (Caracas- Venezuela).

Carolina Sanz (Caracas, Venezuela, 1977)

Fotografa, designer, artista plastico e performer.Laureata in Belle Arti, specializzata in pittura presso l’Università Nazionale Sperimentale delle Arti (UNEARTE, Caracas, Venezuela). Ricercatrice nel campo della Street Art e graffitara, è anche museografa e curatrice indipendente.

Contatti:

Ufficio Stampa

Ambasciata della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso la Repubblica italiana

068079797 / 068079464 / 3408971781

prensa@ambavene.org

maylynl@hotmail.com

Maylyn López

Partecipazioni Nazionali – Giardini

Padiglione del Venezuela

Ecuador: La vida antes que la deuda

La vita viene prima del debito!

La Rete degli amici per la Rivoluzione Cittadina in Ecuador

La Red de Amigos de la Revolución Ciudadana organizza a Napoli (sala multimediale di via Verdi, 35) un dibattito in appoggio al progetto di profondo cambiamento politico e sociale, in atto in Ecuador, conosciuto come Revolución Ciudadana.

Con l’applicazione di nuove politiche pubbliche, l’Ecuador della Revolución Ciudadana ha ottenuto i suoi migliori risultati storici rispetto la riduzione della povertà e della diseguaglianza, occupazione lavorativa, investimenti in infrastrutture, nella salute, nell’educazione e nelle politiche abitative; grazie a una riuscita rinegoziazione del debito estero, che oggi è divenuto un esempio a livello internazionale e che dimostra che con la volontà politica l’economia può essere uno strumento al servizio degli esseri umani e della natura.

Ne discuteremo con:

Carlo Amirante – Costituzionalista

Davide Matrone – Coordinatore Red de Amigos de la Revolución Ciudadana

Indira Pineda – Sociologa e attivista cubana

Federica Zaccagnini – Coordinatrice Escuela de formacion continua sobre el buen vivir ecuatoriano del ministerio de relaciones exteriores del Ecuador

Alessandra Riccio – Condirettrice Latinoamerica

Arnaldo Maurino – Consigliere comunale

Bernardo Borges Arnese – Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli

[nota di Fabrizio Verde]

I giovani di Quarto (Napoli) omaggiano il ‘Comandante eterno’… e vincono il campionato!

 I giovani del comune di Quarto (Na) supporters della locale squadra di calcio giovanile, popolare e antifascista, Quartograd, recentemente promossa in Seconda categoria, hanno realizzato un murale in omaggio a Hugo Chávez, il ‘Comandante Eterno’ della Repubblica Bolivariana del Venezuela, proprio accanto al murale dedicato al loro compianto compagno Sergio. 

“Un altro mondo è possibile, se è socialista”, questo il titolo dell’opera che è visibile nei pressi del cavalcavia ferroviario che collega il Comune campano che, secondo recenti statistiche, è uno dei Comuni più giovani d’Europa, afferma Giorgio Rollin, Presidente della locale Consulta Giovani (nonché portiere del dinamico equipe calcistico), in lotta per evitare la minaccia di sgombero ventilata dalle politiche antipopolari della commissariata amministrazione

LA CONSULTA DEI GIOVANI DI QUARTO NON SI TOCCA!

RISPONDIAMO CON LA MOBILITAZIONE POPOLARE ALL’ENNESIMO ATTACCO DA PARTE DI FUNZIONARI E POLITICI CHE NON ASCOLTANO LE ESIGENZE DEI CITTADINI!

DIFENDIAMO E MOLTIPLICHIAMO GLI SPAZI DI AGGREGAZIONE E SOCIALITA’ PRESENTI SUL NOSTRO TERRITORIO!

L’assemblea chiamata dalla Consulta dei Giovani, tenutasi a Piazzale Europa il 22/05/2013, ha visto la partecipazione in massa di centinaia di singoli cittadini (giovani e non) oltre a partiti, associazioni e collettivi che con la propria presenza hanno dimostrato di tenere a cuore la vita sociale di Quarto oltre che riconoscere agli spazi di Piazzale Europa e agli organismi che vi risiedono un fondamentale ruolo sociale e aggregativo nel nostro Paese.

 Tutto ciò ci lascia solo più allibiti e ci fa chiedere come mai la sana aggregazione giovanile, volta al miglioramento dello status sociale della nostra cittadina è mal vista sul nostro territorio. Come mai le stesse istituzioni che si “dicono essere” contro la Camorra e per la Legalità, quelle stesse che “dicono”, attraverso i propri funzionari, di rappresentare lo Stato Italiano, mostrano impassibilità e “tolleranza zero” verso la parte sana di questo paese che con generosità e abnegazione ha dimostrato negli anni di essere sempre in prima linea nella lotta per un futuro migliore? Da Pianura al Castagnaro, passando per il Quartograd, piuttosto che per il Comitato per il Trasporto Pubblico, dal Presidio Permanete di Quarto contro Discariche ed Inceneritori al collettivo studenti medi, dai Cineforum di Piazza e al doposcuola per i bambini disagiati del Paese alle campagne informative sui metodi contraccettivi del Progetto Eva, questa scelta scellerata presa dai tre sceriffi di turno che nulla sanno di cosa vuol dire vivere in questa periferia degradata, dalla sera alla mattina e senza alternative, mette a repentaglio quanto fatto di buono finora in questo paese.

I Commissari Prefettizi rappresentano lo Stato Italiano, è vero, ma quale Stato? 

Di certo non quello che dovrebbe difendere i diritti dei cittadini e stare dalla parte dei più deboli. Piuttosto quello che licenzia e privatizza, quello che lascia fare a Marchionne l’aguzzino di turno e non interviene quando c’è da difendere i diritti di migliaia di operai, quello che invece interviene con il manganello e l’esercito quando una comunità in Val Susa insorge perché non vuole distruggere le proprie montagne, quello che senza scrupoli si ricorda della popolazione solo quando deve far pervenire le cartelle esattoriali di Equitalia. Ecco che Stato rappresentano i nostri Commissari Prefettizi, uno Stato ingiusto che vede una banda di criminali continuare a Governare un Paese allo sfacelo (quando non ci riescono con l’elezioni, ricorrono ad un vero e proprio Colpo di Stato, vedi cosa accaduto con la rinomina di Napolitano), nel bel mezzo di una crisi che non ha precedenti per drammaticità e conseguenze concrete sulla popolazione, nella storia.Non stiamo ancora qui a dirvi il perché difenderemo la nostra agibilità politica conquistata in anni e anni di sacrifici, ma invitiamo quanti ci hanno conosciuto e apprezzato per il lavoro portato avanti negli anni, a solidarizzare e a partecipare al presidio che terremo Martedì mattina in occasione del previsto sgombero.

Martedì mattina difendiamo la Consulta: giovani, anziani, famiglie, collettivi, raggiungete il presidio nei locali della consulta, presso piazzale Europa, a partire dalle ore 7.00.

DIFENDIAMO I LUOGHI DI AGGREGAZIONE SANA DEL NOSTRO TERRITORIO COME ABBIAMO DIFESO INSIEME IL CASTAGNARO O LE CAVE DI VIA SPINELLI!!

ADERISCONO:

Consulta dei giovani di Quarto, Progetto EVA, P.CARC sezione di Quarto,Comitato Disoccupati Quartesi, Comitato No alla discarica delCastagnaro, Collettivo ISIS di Quarto, A.S.D Quartograd, NostalgiaCanaglia, Torneo Antifascista e Antirazzista di calcio a 8.

Quartograd promosso in seconda
categoria: vince il «calcio popolare»

La «squadra antifascista» conclude una stagione straordinaria con centinaia di tifosi sugli spalti

di Alfonso Bianchi (dal Corriere del Mezzogiorno)

NAPOLI – Lo spettacolo che si è svolto sabato al comunale di Quarto è stato qualcosa di incredibile. Sulle gradinate centinaia di persone per un match di Terza Categoria, roba che nemmeno nelle serie superiori. Quando all’ingresso dei giocatori in campo sulla gradinate è stata srotolata un’enorme maglietta coi colori e il simbolo della squadra, sono state accese le torce e il pubblico ha cominciato a cantare “Devi vincere!”, sembrava di stare in una piccola “Bombonera” di periferia.

Quartograd, vince la squadra antifascista

Per uno strano scherzo del destino la capolista Quartograd, la squadra ‘antifascista’ di calcio popolare, si giocava, all’ultima partita di campionato, la promozione nello scontro diretto con la seconda in classifica, il Fulgor Marano. Tra le due un solo punto di differenza. Imbattuta la prima, una sola sconfitta per la seconda. Miglior attacco la prima, con 65 gol, miglior difesa la seconda, soltanto 10 reti subite in tutta la stagione. Sulle gradinate giovani, anziani e intere famiglie erano venute a sostenere questi ragazzi, i loro ragazzi, i loro compagni, amici e fratelli. Ma per 90 minuti per tutti loro, dentro e fuori dal campo, c’è stato da soffrire. Soffrire e stringere i denti, anche se bastava un solo punto per ottenere la tanto agognata promozione.

A neanche un minuto dal fischio d’inizio, infatti, il Marano è andato subito in vantaggio, il pareggio a opera di Daniele Gelotto è arrivato solo nel secondo tempo, ma i padroni di casa sono andati di nuovo sotto dopo pochi minuti. Il pubblico continuava a incitare, ma con l’avvicinarsi del 90esimo minuti a molti ormai si strozzava la voce in gola. «Ogni partita che abbiamo giocato in questo campionato ci ho sempre creduto fino all’ultimo secondo – spiega il mister Fabio Amazzini – Ma questa volta confesso che non ce l’ho fatta, all’ultimo minuto ho ceduto e mi ero rassegnato alla sconfitta. Ma i miei ragazzi no, non hanno mollato fino all’ultimo respiro e ci hanno regalato questa gioia immensa. Sono stati straordinari». La rabbia e la sete di vittoria non sono venute meno in campo neanche quando tutto sembrava perduto e così sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 94esimo, il difensore Gennaro De Vivo, novello Renato Cesarini, l’ha insaccata facendo esplodere lo stadio. Le gradinate sono ‘franate’ e la festa è iniziata con l’invasione di campo per concludersi solo a tarda notte, con una serata di musica organizzata da società e tifosi all’esterno della consulta giovanile. Per capire come sia possibile un tale entusiasmo e una tale partecipazione per una squadra di Terza categoria, l’ultima dei campionati ufficiali della Fgci, bisogna ripercorrere le tappe che hanno portato alla nascita di questa esperienza.

Il club è stato fondato lo scorso ottobre con i migliori giocatori del “Torneo antifascista”, una competizione inaugurata tre anni prima su iniziativa della sezione locale dei Carc e che era arrivata ad avere 40 squadre partecipanti, con molti calciatori di buon livello. Da lì l’idea di creare una sorta di azionariato popolare per mettere in piedi una società in cui giocatori, dirigenti e tifosi lavorassero insieme per gli stessi ideali: la riscoperta del calcio come forma di aggregazione pulita e lontana dalle logiche del mercato, e l’antifascismo, come principio fondante di ogni convivenza. «Vedere quelle centinaia di tifosi sugli spalti per la finale, vedere i ragazzi sostenerci anche in trasferte ‘scomode’ come quella a Procida, ci ha dato per tutto l’anno una marcia in più – afferma Amazzini – Ma sapete qual è la soddisfazione più bella? Vedere i tifosi agli allenamenti, una cosa che non succede neanche in serie C. E poi finta la preparazione andare a bere una birra tutti insieme».

È questa la vera vittoria del progetto Quartograd, aver creato una aggregazione vera e basata su principi nobili. «Nella squadra ci sono ragazzi dalle più diverse estrazioni sociali, dal giovane che proviene da una famiglia più fortunata, al disoccupato, dal lavoratore del mercato ortofrutticolo fino all’operaio». Tutti giovani spinti solo dalla passione e disposti al sacrificio per il proprio sogno. Come Paolo Rinforzi, detto ‘o gemell’, centrocampista da 5 gol a stagione, che ogni mattina si alza alle 6 per andare in cantiere «e non manca mai agli allenamenti, a costo di addormentarsi alla fine negli spogliatoi distrutto da una giornata di fatica. Non è da tutti» racconta con orgoglio il mister. E così lontano dai riflettori della serie A, dai blasoni della Champions league, dai milioni del calcio moderno, in un piccolo campo di periferia è possibile riscoprire la passione autentica per questo sport meraviglioso. Una passione che si è rivelata vincente, fuori e dentro dal campo. E ora conquistata la prima vittoria non resta che guardare al futuro. E ancora un volta che dire: Avanti Quartograd!

UNICEF: Cuba unico paese senza denutrizione infantile

da LiguriaNotizie

Secondo i dati pubblicati nell’ultimo report del Fondo delle nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), i bambini al di sotto dei cinque anni, con problemi gravi di denutrizione infantile, sono oggi circa 146 milioni in tutto il mondo. In particolare il rapporto dell’UNICEF, “Progresso per l’infanzia, un bilancio sulla nutrizione”, evidenzia come il 28% dei bambini denutriti si trova in Africa, il17% in Medio Oriente, il 15% in Asia, il 7% in America Latina e il 5% in Europa Centrale. Particolare attenzione viene posta al sudamerica ed in particolare a Cuba che, secondo gli studi, è attualmente “l’unico paese del continente ad aver eliminato il problema della denutrizione infantile.

Un risultato raggiunto grazie ad un enorme sforzo collettivo del governo e degli abitanti dell’isola caraibica”. Gli analisti dell’Onu hanno riscontrato l’importanza della “distribuzione di generi alimentari fra tutti coloro che hanno figli a carico, così come ai piani educativi che si concentrano sull’alimentazione infantile attraverso l’allattamento, come punti principali della politica vincente di alimentazione infantile sviluppata da Cuba”. Inoltre la legge cubana impone che la madre allatti il neonato fino al quarto mese di vita senza eccezioni.

Tutti bambini da zero a sette anni, inoltre, ricevono gratuitamente un litro di latte al giorno in tutta l’isola. A ciò si aggiunge la consegna di altri alimenti, quali composte, succhi e pietanze che, secondo le disponibilità economiche del paese, si distribuiscono in modo egualitario alle piccole classi di età dell’infanzia. Fino ai 13 anni di età si dà priorità alla distribuzione di prodotti complementari come lo yogurt di soia e in situazioni di calamità naturale si proteggono i piccoli mediante la consegna gratuita di alimenti di prima necessità.

I bambini che frequentano i Circoli Infantili, ovvero gli asili nido o scuole elementari ricevono, inoltre, alimenti con componenti dietetici lattei e proteinici e tutto questo a dispetto delle difficili condizioni economiche presenti. In più, il consumo sociale include la merenda scolastica che si distribuisce gratuitamente a 100.000 studenti ed operatori dell’istruzione. In questo elenco sono contemplate le donne incinte, le madri che allattano, gli anziani e i disabili, il supplemento alimentare per piccoli sotto peso e sotto altezza, e la somministrazione di alimenti ai municipi di Pinar del Ro, l’Avana e l’isola della Juventud. Le province di Holgu’n, Las Tunas, e cinque municipi di Camaguey soffrono attualmente la siccità. Proprio per questo si è aperta la collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale (PAM), che contribuisce al miglioramento dello stato nutrizionale della popolazione più vulnerabile nella regione orientale, da cui ne traggono beneficio più di 631.000 persone.

La cooperazione tra PAM e Cuba data dal 1963, quando questa agenzia offrì assistenza immediata alle vittime dell’uragano Flora che ha colpito Cuba lo scorso anno. Cuba, inoltre, è stata riconosciuta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Agricoltura e l’Alimentazione (FAO), come uno dei paesi più progrediti del mondo in quanto a tecnologie di sfruttamento ecosostenibile della terra e di produzione alimentare. L’obiettivo per Cuba è stato raggiunto: nessuno dei 146 milioni di bambini, con meno di 5 anni sotto peso, che oggi vivono nel mondo è cubano.

La difficile costruzione del Socialismo in Venezuela

di Juan Carlos Monedero

17/04/2013

Lo scenario presentato dall’opposizione al chavismo durante la breve campagna elettorale ha raggiunto apici apocalittici: quattordici anni di Governo (con quasi due generazioni che hanno conosciuto governi chavisti), la morte del carismatico leader e la sostituzione con qualcuno che non è  Chávez (cosa d’altronde evidente), blackout elettrici e problemi di somministrazione alimentare (provocati dai sabotaggi, anche se non lo dicono), una delinquenza che ha raggiunto livelli molto alti, innalzamento dei prezzi (dove le responsabilità degli accaparratori e speculatori sono evidenti, altra aspetto che non si evidenzia), corruzione nell’amministrazione… E, senza alcun dubbio, Nicolás Maduro ha vinto le elezioni. con un risultato al quale il chavismo non è certo abituato (ottenendo sempre un vantaggio a due cifre), che però non è lontano da quello ottenuto da altri presidenti (Calderón, Bush). Maduro ha vinto le elezioni e l’opposizione, como è stato di norma dal 1998, non riconosce il risultato. La destra pensa sempre che il potere le appartiene.

Per comprendere la vittoria di Nicolás Maduro è necessario lasciare da parte le consunta scienza politica e darsi invece alla letteratura (per esempio, Los pasos perdidos, di Alejo Carpentier). Ci si renderebbe conto in questo modo, che i ritmi del mare, dei fiumi infiniti e della terra non sono quelli delle fabbriche e delle autostrade. Sarebbe di aiuto inoltre, comprendere la logica delle telenovelas — nelle quali si reinventa costantemente il mito della Cenerentola, adesso con giudici ed eredità in mezzo — o anche il perché della necessità popolare dei santi quotidiani, quelli che danno la forza a coloro che si alzano alle quattro del mattino per andare al lavoro, un lavoro che li impegnerà tutta la giornata e per il quale riceveranno un salario che sarà sufficiente per andare a Disneyworld. Aiuterebbe altresì, comprendere l’umiliazione accumulata del popolo di fronte ai mantuanos e agli stranieri e la dignità recuperata grazie a qualcuno che era dei loro (pensate ai Santi innocenti di Miguel Delibes, moltiplicatelo per dieci, aggiungeteci il razzismo storico verso i neri e gli indios, conditelo con la penetrazione imperiale nordamericana; vi avvicinerete quindi a ciò che è stata la storia dell’America Latina negli ultimi secoli). In una assemblea comunale una donna venezuelana dice ad un’altra: “¡Chica, parli come Chávez!”, e lei le risponde: “No. In verità è che Chávez parla come parliamo noi”. Non ci sono bambini denutriti nelle strade del Venezuela e nelle scuole si affidano loro libri e computers portatili. Nell’ultimo anno sono state consegnati 200.ooo alloggi. Inoltre, i Venezuelani, non hanno più vergogna di essere venezuelani. Nell’editoriale di un periodico globale e disorientato di affermava: il populista Chávez spende il denaro del petrolio in educazione, per la sanità, in pensioni, in case popolari. Ovvio, chiunque vincerebbe in questo modo le elezioni.

Perché la sinistra avanza il America latina mentre in Europa precipita? Potrebbe essere che in Europa continua a disprezzare ciò che non conosce. A nulla serve la scuola di Francoforte che mette in guardia di fronte all’orrore moderno nel momento in cui usa la razionalità in maniera totalmente strumentale — nemmeno fosse Terminator—. Non le è servito neppure il buono che c’è in Bauman  ed il suo scommettere sul liquido, sul suo ammonimento sul fatto che esiste una linea quasi retta tra il pensiero della Modernità ed i forni crematori di Auschwitz. L’Europa continua a commettere “epistemicidi”, facendo del pensiero lineare una strada che non porta da nessuna parte, misurando il mondo con il suo eurocentrico bastone di comando.

Il Venezuela bolivariano continua a darle l’impressione dei discepoli delle dottrine filosofiche troppo frivole. Un presidente che canta? Un leader che ride con il suo popolo? Un dirigente che spende il suo tempo sporcandosi di fango nelle zone più umili? E come se non fosse abbastanza adesso anche un Presidente conducente di autobus! Se intendessero l’emotività di questo processo, capirebbero che non si può  sconfiggere il sogno dei poveri con un piccolo borghese che solo ieri diceva che avrebbe cacciato i medici cubani ed oggi promette di dare loro la cittadinanza, che ieri voleva mettere in carcere o rendere ineleggibile Chávez ed oggi si dichiara un suo fervente discepolo, che ieri insultava le missioni sociali ed oggi dice che vuole potenziarle. E lo dice circondandosi di gente di plastica —  come cantava Rubén Blades— per la quale è evidente il fastidio che mostrano per tutto ciò che ha a che vedere con il  popolo. Risulta chiaro che Capriles ha ottenuto un buon risultato. Ma non certo per proprio merito, piuttosto per la somma degli errori del chavismo.

Nicolás Maduro, un conducente di autobus che ha conseguito la sua laurea ed il suo dottorato in politica (attenzione con le concezioni elitarie: quanti laureati e dottori sono responsabili di aver rovinato interi paesi?), ha acquisito l’esperienza sufficiente per portare avanti il processo rivoluzionario, non solo, ma anche per superare i colli di bottiglia nei quali si è bloccato. Come sindacalista, como deputato, como Presidente della Assemblea, como ministro degli Esteri, como Vicepresidente. Se Chávez lo ha scelto in mezzo ad un ampio ventaglio di possibilità non è stato certo per un capriccio. Il Presidente caduto ha ritardato troppo prima di cominciare a pensare a quale sarebbe stato lo scenario dopo di lui. Ma quando la malattia l’ha messo di fronte all’urgenza e alla necessità di farlo, la formazione di Maduro era già un dato di fatto. Nel suo intervento nel giorno delle elezioni dal suo collegio elettorale, Maduro ha dimostrato che era pronto. I tic dell’emulazione del suo maestro sono stati superati. Al momento opportuno si è presentato per quello che lui stesso è. Forse con ritardo, ma un Maduro completo alla fine stava lì. I suoi gesti, il suo discorso, il suo temperamento, la sua tranquillità. Lui, come la maggioranza del popolo, “ha portato a termine l’impegno preso con Chávez”. Adesso possono continuare autonomamente. La grande sfida di avvicendarsi ad un Presidente “gigante” – ci che è stato Chávez, nonostante gli errori e tutto il resto – lo ha saputo fare per bene. Senza rinunciare al suo lascito; senza apparire un semplice clone del Comandante. Ed il popolo del Venezuela è stato chiaro: accompagniamo Chávez, ma accompagniamo anche un progetto. Non si può dubitare che l’opposizione ha ottenuto il suo migliore risultato. Maduro ha ottenuto però 300.000 voti in più.

Le sfide di Maduro sono grandi. Quando nell’incontro di chiusura della campagna si è fatto accompagnare da tutto il collegio ministeriale ha lanciato un primo messaggio: siamo un gruppo. Il carisma di Chávez sarà sostituito con la politica. Il secondo messaggio non era meno contundente: dal giorno successivo alle elezioni, Maduro comincia il giro del paese per due settimane, ascoltando il popolo, le sue rimostranze, le sue necessità, i suo desideri di collaborazione. Quasi il 50% degli elettori non ha compreso la proposta di Maduro. Quindi è necessario spiegarla. E, contemporaneamente, costruendo i nuovi accordi che permettano di governare il paese.

Maduro ha ereditato da Chávez la sua indicazione como la persona incaricata di  continuare la Rivoluzione bolivariana, però con questa eredità non è incluso  l’accordo che ha intrecciato Chávez in questi 14 anni. Obbiettivo del nuovo gruppo di governo è costruire il nuovo blocco e conquistare l’egemonia grazie all’inclusione di gruppi, sensibilità, professioni, partiti, ambiti geografici, ecc. Qui è dove esiste il rischio maggiore di rottura in qualsiasi processo di cambiamento, in maniera tale che la volontà dimostrata di connettere tutte queste questioni indica sensibilità politica e buona accortezza. Il terzo messaggio è ugualmente importante: nessun compromesso con la “borghesia” (cioè con coloro che scommettono per approfittarsi del lavoro degli altri) né con l’impero (i vicini del nord cospirano sempre  per destabilizzare chi  disobbedisce, ma anche le imprese transazionali,che credono che qualsiasi territorio gli appartenga e che sia un loro mercato). Per quanto riguarda il programma, Maduro sa, in quanto membro di diversi Governi di Chávez, che ci sono tre problemi urgenti: l’insicurezza, la corruzione e la inefficienza. Tre problemi strutturali, storici, di difficile soluzione ma dove il processo si gioca la sua credibilità popolare una volta che tutte le altre conquiste saranno percepite presto come diritti acquisiti. La crisi economica mondiale avrà le sue ripercussioni anche in America Latina, e in questo scenario è essenziale che l’intesa tra il popolo ed il governo sia totale. Per questo, la trasparenza e il comportamento probo del governo sono condizioni sine qua non.

Tutto ciò si può solo conquistare con la partecipazione popolare ed una immensa apertura alla critica e all’autocritica. La scomparse fisica di una figura tanto presente come quella di Chávez, apre moti spazi per molte cose. In un mondo senza modelli, la frase di Simón Rodríguez “inventiamo o sbagliamo”continua ad essere radicalmente valida. Il vivere e l’esperire sono sempre più importanti che la pedissequa ripetizione di modelli che hanno dimostrato la propria inadeguatezza. Perciò, il processo bolivariano ha bisogno di avere molta corda per ascoltare tutti i messaggi che provengono da tutti gli angoli affini al processo. Allo stesso modo è necessario imparare a condividere, da parte dello Stato, quote di potere che dovranno essere concesse al poder comunal. In caso contrario, lo Stato si burocratizzerà sempre di più, e la critica sarà un arma consegnata nelle mani dei nemici del processo. In tal caso, la conseguenza sarà l’impossibilità di costruire una nuova egemonia.

Il Venezuela ha avuto successo, a differenza di quella che è stata la norma della sinistra latinoamericana, per cinque ragioni. La trasformazione è stata accompagnata dalla redistribuzione della rendita (grazie all’alto prezzo del petrolio e la volontà di condividerlo), è stata democratica, tanto nei termini elettorali, come per la democrazia partecipativa, si è sviluppata come un’onda regionale, ha goduto delle possibilità offerte dalle nuove forme di comunicazione e non ha generato un rifiuto estremo come è accaduto con il comunismo negli anni 20 e 30. Ma, essendo una “rivoluzione” elettorale, se la gioca sempre nell’ultimo incontro. Quest’ultimo, forse, è stato il più difficile, essendo segnato dall’assenza del fondatore della V Repubblica. Anche se è stato superato. In qualsiasi caso, l’Europa continuerà a criticare il Venezuela. Sempre più comodo che guardare alle proprie miserie.

Publicato originalmente in Público.es

[trad. dal castigliano di Ciro Brescia]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: