Saracena (CS) 22ago2017: Milagro Sala libera!


___

progettodiritti.it

Martedì 22 agosto 2017 saremo a Saracena (CS) dove il gruppo Consiliare Saracena in comune organizza, presso la Sala Consiliare, un incontro dedicato alla campagna internazionale per la liberazione di Milagro Sala, la leader dell’organizzazione Tupac Amaru detenuta arbitrariamente dal 16 gennaio 2016 in Argentina.

Nell’incontro interverrà anche l’avvocato di Progetto Diritti Arturo Salerni, di recente tornato da una visita in Argentina dove ha incontrato le più importanti organizzazioni dei diritti umani con cui l’associazione Progetto Diritti ha stipulato dei protocolli d’intesa sui temi della lotta contro l’impunità per i crimini di lesa umanità e dell’impegno per la giustizia sociale. Oltre all’avvocato Salerni interverranno Leonide Spinelli (Saracena in Comune), Mario Occhinero (24marzo onlus), Salvador Gaudenti (maestro di pittura), Giulia Veltri (giornalista di Il Quotidiano), Alfredo Sprovieri (giornalista di Repubblica), Rossella Tallerico (ricercatrice), Claudio Di Benedetto (figlio del sindacalista Filippo Di B.), Marta Perrotta (attivista politica), Giuseppe Tiano (Unione Sindacale di Base), Luigi Pandofi (Saracena in Comune).

Lo scorso primo agosto il Comitato per la libertà di Milagro Sala ha consegnato al presidente argentino, Mauricio Macri, una petizione firmata da 45.970 persone per chiedere la liberazione immediata della dirigente sociale detenuta a Jujuy (nord dell’Argentina). I sottoscritti chiedono l’immediato rilascio della leader sociale e deputata di Parlasur Milagro Sala e degli altri prigionieri politici dell’organizzazione Tupac Amaru. ll governo argentino deve porre fine alle violazioni dei diritti umani e impegnarsi a non usare mai più arbitrarie reclusioni come una forma di persecuzione e repressione del dissenso politico. Nella petizione, pubblicata sul sito www.liberenamilagro.org, vi sono firme importanti tra le quali quelle di Dilma Roussef, Noam Chomsky, Julian Assange, Baltasar Garzón e Oliver Stone. Hanno inoltre aderito organizzazioni quali le Abuelas de Plaza de Mayo y Madres de Plaza de Mayo – Línea Fundadora, il Centro de Estudios Legales y sociales (CELS), la Liga Argentina por los Derechos del Hombre (APDH) e Human Rights Watch.

La consegna della petizione a Macri è avvenuta quattro giorni dopo che la Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani (CIDH) si era espressa a favore di Milagro Sala. L’ingiunzione era stata richiesta da CELS, Amnesty International e ANDHES. La CIDH, in seguito alla visita dei suoi commissari nel carcere di Alto Comedero avvenuta il 16 giungo scorso, ha invitato il governo argentino a provvedere al rilascio immediato richiesto dal Gruppo di lavoro sulle Detenzioni arbitrarie delle Nazioni Unite o, in alternativa, a concedere a Milagro Sala gli arresti domiciliari o la libertà vigilata elettronicamente. Il motivo della risoluzione sta nel fatto che Milagro “è in una situazione di gravità e urgenza, in quanto i suoi diritti alla vita e all’integrità personale corrono il rischio di un danno irreparabile”.

Milagro Sala, oltre ad essere deputata del Palasur, è la leader dell’organizzazione Tupac Amaru, il collettivo di base popolare e indigeno che lotta per i diritti economici, sociali e culturali nella provincia di Jujuy e in tutta l’Argentina. L’organizzazione è stata fondata negli anni Novanta nella città di San Salvador de Jujuy. Questa provincia ha indicatori sociali sotto la media nazionale e per questo il lavoro dell’organizzazione si è concentrato sull’empowerment dei gruppi più vulnerabili. Dal 2004, attraverso la gestione di programmi nazionali e provinciali, l’organizzazione sociale gestisce la costruzione di abitazioni, fornisce servizi sanitari e per l’istruzione, sviluppa attività di produzione e genera occupazione per oltre 4.500 persone, organizzate attraverso cooperative di lavoro.

L’arresto di Milagro ha suscitato sdegno e preoccupazione in tutto il mondo. In Argentina si sono costituiti cinquanta comitati per la sua liberazione e una decina all’estero, tra cui il Comitato italiano.

Per quanto riguarda il nostro Paese, occorre ricordare che numerose sono le imprese italiane coinvolte nello sfruttamento di litio nella provincia di Jujuy (terza riserva mondiale di litio). Il Governo Macri ha già detassato l’attività mineraria a favore delle multinazionali che possono così esportare le materie prime senza pagare imposte. Milagro Sala avrebbe tutelato le comunità indigene che subiranno le conseguenze ambientali e sociali dello sfruttamento del litio. Tra i veri motivi del suo arresto c’è infatti la sua proposta di costituire un’impresa statale che gestisca lo sfruttamento del litio, così come avviene per gli idrocarburi, nonché la sua capacità di organizzare la popolazione indigena locale per la difesa dei propri territori e diritti.

Recentemente, in una lettera al governatore della provincia di Jujuy, Gerardo Morales, il giornalista e scrittore Horacio Verbitsky aveva scritto: “La lista di perversioni che lei e i suoi complici hanno scaricato su questa donna non ha pari in tre decenni di democrazia in Argentina”.

Il 22 agosto l’iniziativa di Saracena vuole far conoscere l’opera della leader Tupaquera e denunciare la detenzione arbitraria degli attivisti, oltre al processo di criminalizzazione delle lotte sociali portato avanti dal governo argentino.

 

A no callar los actos de terrorismo

por Juan Carlos Monedero* 

Página/12, 3jul2017.- Cada vez que toleramos en Venezuela la quema de instituciones, la violencia callejera, los asesinatos, el asaltos a instalaciones militares, el desconocimiento de las leyes, nos estamos haciendo un enorme daño a nosotros mismos.

Nunca escarmentamos en cabeza ajena. Quizá por eso los ricos cada vez son más ricos y los pobres cada vez más pobres. Ya en el siglo XVI se preguntó un joven francés por qué los pobres escogen a sus verdugos. Le echó la culpa a la rutina. En Venezuela rompe la rutina un helicóptero robado y piloteado por un golpista que dispara contra el Tribunal Supremo de Justicia, unos opositores que prenden fuego vivo a un chavista, gente que odia tanto a Maduro que disparan desde las ventanas de los barrios caros y matan a los suyos.

Cuando Ulises y su tripulación llegaron a la isla de la hechicera Calipso, el problema no fue la hermosura del paisaje o la suculencia de los manjares, sino que la búsqueda de la patria había sido derrotada por la desmemoria. La maldición del olvido detiene el viaje. Sin memoria no hay proyecto y sin historia la nave se queda parada en un lugar sin gloria. En Venezuela llevan más de diez años repitiendo un manual de guerra escrito en las cancillerías imperiales.

Ocurrió en España en julio de 1936, cuando las potencias occidentales decidieron abandonar a la II República argumentando que se había escorado a la izquierda. Ocurrió en septiembre de 1973, cuando las democracias occidentales decidieron abandonar al Chile de Allende y el Frente Popular porque la Guerra Fría dictaba sus claves.

Lleva pasando en Venezuela desde diciembre de 1998 cuando Hugo Chávez rompió la maldición que condenaba a la soledad a Venezuela y a América Latina y el “mundo libre” entendió que la libertad no se comparte con las mayorías.
El modelo neoliberal no aguanta. Por eso cada vez está más violento. Y por eso las victorias cada vez son más luminosas.

Ahí está Lenín Moreno en Ecuador y Evo Morales en Bolivia. Ahí está Jeremy Corbyn en Gran Bretaña, Bernie Sanders en Estados Unidos, Podemos en España, como señales que avanzan frente a la decadencia de Theresa May, la insania de Donald Trump o la corrupción de Mariano Rajoy. Ahí están igualmente los pueblos alzados de América Latina enfrentados al corrupto Temer en Brasil, al envilecido Macri en Argentina, al peluche Peña Nieto en México o al mentiroso de Santos en Colombia. Y también están en las calles de Santiago defendiendo el Frente Amplio o en las calles de Caracas sosteniendo el gobierno de Nicolás Maduro porque saben que los corsarios de la oposición vienen con el cuchillo en la boca y pasaporte norteamericano.

En Caracas hay un choque de legitimidades: el Legislativo no reconoce al Ejecutivo, y el Ejecutivo busca salidas que todavía tiene que explicar mejor. También en España hay un choque de legitimidades. El gobierno catalán no reconoce la Constitución española ni las órdenes emanadas del gobierno. El gobierno de Rajoy apela a la ley en España. Calla sin embargo cuando la oposición comete actos de terrorismo en Venezuela. La oposición venezolana está buscando un golpe de Estado como en España en el 36, en Chile en el 73, en Venezuela en 2002. ¿Por qué calla la OEA? ¿Por qué calla Estados Unidos? ¿Por qué calla España? Solo hay una explicación: tienen una comunidad de intereses con los terroristas venezolanos. Es impensable que en España alguien contrario al gobierno robara un helicóptero y lanzara granadas y disparara contra instituciones del Estado. Sería señalado como un intento de golpe de Estado y como un acto de terrorismo. La Unión Europea se pronunciaría. Las policías se pondrían en alerta para detener a los terroristas. Pero Almagro calla, Rajoy calla, Trump calla. ¿Qué comparten con los golpistas?

Primero se llevaron a los judíos, pero como yo no era judío no dije nada… Así explicó el clérigo Martin Niemöller el nazismo. Cuando se dieron cuenta era demasiado tarde. Cualquier demócrata que calle ante lo que está sucediendo en Venezuela está comportándose como aquellos temerosos alemanes.

Sólo hay una solución en Venezuela: paz, diálogo y respeto a la ley. Y los opositores que están anegando una salida, que no son todos los que se sienten contrarios al gobierno de Maduro, debieran saber que en ningún lugar del mundo pueden tener favor ni apoyo. Cada vez que un gobierno recibe a golpistas, cada vez que un gobierno silencia actos terroristas, cada vez que una democracia mira para otro lado ante actos contrarios a la democracia, cada vez que toleramos en Venezuela la quema de instituciones, la violencia callejera, los asesinatos, el asaltos a instalaciones militares, el desconocimiento de las leyes, nos estamos haciendo un enorme daño a nosotros mismos. Es legítima y necesaria la oposición a cualquier gobierno. Pero cuesta demasiado levantar una democracia para no darnos cuenta de que hay en marcha un intento claro de tumbarla en Venezuela. Y si cae Venezuela, los autoritarios de siempre en América Latina creerán que les ha llegado la hora de la venganza.

Ha pasado en muchos otros lugares en muchos momentos de la historia. Hay gente en Venezuela que quiere salir del gobierno de Maduro con un golpe de Estado, con una guerra civil como en Libia o en Siria, con una golpe parlamentario como en Brasil. Es momento de que cada demócrata del mundo deje claro que eso no puede ocurrir con su silencio.

* Politólogo. Miembro de Podemos, España.

 

La “oposición democrática” en Venezuela: peor que el fascismo

por Atilio Borón

25 Abril, 2017.- La secuencia de los acontecimientos que tienen lugar en la República Bolivariana de Venezuela demuestran que la estrategia de la mal llamada “oposición democrática” es una conspiración sediciosa para destruir el orden democrático, arrasar las libertades públicas y aniquilar físicamente a las principales figuras del chavismo, comenzando por el mismísimo presidente Nicolás Maduro, su familia y su entorno inmediato. Los opositores están recorriendo metódicamente los pasos indicados por el manual desestabilizador de “no violencia estratégica” (¡sic!) del consultor de la CIA Eugene Sharp. No puede haber el menor equívoco en la interpretación de las criminales intenciones de esa oposición y de lo que, si llegaran a triunfar, serían capaces de hacer. Si sus jefes lograsen involucrar militarmente a Estados Unidos en la crisis venezolana propiciando la intervención del Comando Sur –con la tradicional colaboración militar de los infames peones de Washington en la región, siempre dispuestos a respaldar las aventuras de sus amos del Norte- arrojarían una chispa que incendiaría la reseca pradera latinoamericana. Las consecuencias serían catastróficas no sólo para nuestros pueblos sino también para Estados Unidos que seguramente cosecharía, como en Girón, una nueva derrota en nuestras tierras.

Esa es la apuesta de esta oposición, canallescamente exaltada por la prensa hegemónica mundial -como antes lo hiciera con “los combatientes por la libertad” en Nicaragua y, después, en Libia e Irak- y que miente descaradamente al presentar lo que realmente está ocurriendo en Venezuela. La tentación de la derecha venezolana de internacionalizar el conflicto y atraer al músculo militar del imperio cobró nuevos bríos al conocerse las recientes declaraciones del jefe del Comando Sur, Almirante Kurt Tidd, ante la Comisión de Fuerzas Armadas del Senado de Estados Unidos, y sobre todo cuando se hizo pública la designación de Liliana Ayalde como Vice Jefa Civil del Comando Sur. Esta se desempeñó como embajadora de Estados Unidos en Paraguay en vísperas del “golpe parlamentario” contra el gobierno de Fernando Lugo, ocasión en que se movió tras bambalinas para garantizar el éxito de los golpistas. Luego de unas breves vacaciones retornó a la región para ocupar el mismo cargo pero esta vez en Brasilia, donde alentó y auspició el “derrocamiento institucional” de Dilma Rousseff. Consumada su obra regresó a Estados Unidos en busca de nuevas misiones desestabilizadoras y la encontró en el Comando Sur. En otras palabras, la número dos esa organización es mucho más peligrosa que su jefe: hija de un médico colombiano radicado en Estados Unidos, Ayalde es una temible experta en demoliciones políticas, y fue designada (¡seguramente por obra del azar!) para el cargo que hoy ocupa en Febrero del corriente año, en coincidencia con la intensificación de las protestas violentas en contra del gobierno bolivariano. Según puede leerse en el sitio web del Comando Sur su misión es “monitorear el desarrollo y refinamiento de la estrategia regional del Comando Sur y sus planes de cooperación en materia de seguridad”. Lo que la oposición “democrática” venezolana desea es precipitar una violenta “transición” al pos-chavismo, re-editando en la patria de Bolívar y de Chávez la tragedia ocurrida en Libia o Irak. Ese es su plan, el modelo que se desprende de las desaforadas e irresponsables y belicosas arengas de sus líderes y lo que el Comando Sur y su tenebrosa vice jefa tienen en carpeta. Pocas designaciones podrían haber sido más oportunas que ésta para alentar a los sectores violentistas de Venezuela. Y pocas actitudes serían más suicidas del gobierno venezolano que pretender apaciguar a los violentos con concesiones de distinto tipo. Desgraciadamente ha llegado “la hora de los hornos” y sólo podrá verse la luz, como decía José Martí, si el estado aplica todo el rigor de la ley y apela a la eficacia de su fuerza para someter sin miramientos al vandalismo de la derecha y aplastar el huevo de la serpiente antes de que sea demasiado tarde.

¿Fascistas? Si, por sus métodos, similares a los empleados por las bandas armadas de Mussolini y Hitler para aterrorizar a italianos y alemanes sembrando destrucción y muerte por la nueva oleada terrorista; fascistas por su contenido político, pues su propuesta es intrínsecamente reaccionaria al pretender borrar de un plumazo, como infructuosamente se intentara en el golpe de estado del 11 de Abril del 2002, todas las conquistas populares alcanzadas desde 1999 en adelante. Fascistas también por la absoluta inmoralidad e inescrupulosidad de sus líderes, que alimentan el fuego de la violencia, incitan a sus bandas de lúmpenes y paramilitares a atentar contra la vida y la propiedad de los venezolanos y las agencias e instituciones –hospitales, escuelas, edificios públicos, etcétera- del estado y que no se arredran ante la posibilidad de sumir a Venezuela en una cruenta guerra civil o, en el improbable caso de prevalecer, convertir a ese país en un abominable protectorado norteamericano.

Dicho todo lo anterior los opositores venezolanos son peores que los fascistas en la medida en que estos conservaban, por lo menos, un cierto sentido nacional. Sus congéneres italianos y alemanes ni remotamente se arrastraron en el fango de la política internacional para ofrendar sus países a una potencia extranjera como lo hace, hundida para siempre en eterna ignominia, la derecha venezolana que alternativamente gime o aúlla para que su patria, la patria de Simón Rodríguez y Francisco de Miranda, de Simón Bolívar y Hugo Chávez, se convierta en una abyecta colonia norteamericana. Tratarlos de fascistas sería hacerles un favor. Son mucho peores y más despreciables que aquellos.

Solidali con la Ministra Delcy Rodríguez!

di Emilio Lambiase – Presidente ANROS ITALIA

COMUNICATO DI SOLIDARIETÀ ALLA MINISTRA DELCY RODRÍGUEZ

ALBAinformazione – ANROS Italia, in quanto parte di gruppi, associazioni, reti e movimenti sociali di solidarietà internazionalista con i paesi dell’ALBA-TCP e del Sud del mondo, rifiuta fermamente e categoricamente la dura e vile aggressione fisica di cui è stata vittima la Ministra degli esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela Delcy Rodríguez mentre esercitava il suo diritto a partecipare all’XI Riunione Straordinaria del Mercosur (Mercato Comune del Sud) tenutosi presso la sede del Ministero degli esteri argentino a Buenos Aires lo scorso 14 dicembre 2016.

In sintesi, la ministra è stata colpita da un poliziotto del corpo antisommossa vicino all’ingresso del palazzo governativo per evitare che partecipasse all’incontro tra i suoi omologhi dei paesi membri del blocco regionale per ragioni essenzialmente politiche, mancando di rispetto alla degna Delcy ed al governo del Presidente Nicolás Maduro che hanno realizzato molti sforzi per aggregare nuove forze ed unire le nazioni ed i popoli del Cono Sud.

Infatti, i rappresentanti diplomatici di Argentina, Brasile, Paraguay ed Uruguay vogliono rimuovere il Venezuela dalla presidenza pro tempore dell’organismo con il pretesto che il governo non ha “interiorizzato” le norme del Mercosur, ovvero in conformità alle leggi ed ai meccanismi interni del blocco quando, al contrario, il Venezuela ha realizzato il 95% dei suoi compiti istituzionali in quattro anni a differenza di Argentina e Brasile che in venticinque hanno soltanto portato a compimento il 50% delle loro funzioni e compiti.

Questi governi che incolpano e rendono invisibile il paese bolivariano vogliono mettere fine alla posizione sovrana, libera ed indipendente dell’organismo, disubbidendo al diritto internazionale ed alla volontà piena e legittima del Venezuela di dirigire il Mercosur e spingere i meccanismi di inclusione, equità, solidarietà e giustizia sociale che oggi più che mai bisogna realizzare nel continente latinoamericano.

Inoltre, occorre precisare che i rappresentanti diplomatici dell’entità, ad eccezione di quello boliviano solidale con Delcy, hanno manifestato il loro chiaro interventismo, violenza politica e deriva a destra nelle relazioni multilaterali tra paesi, popoli, e nazioni sorelle che da sempre lottano per la Libertà con Giustizia sociale, Solidarietà, Dignità ed Amicizia tra i popoli per favorire un nuovo modello sociale, politico, culturale ed ideologico per questo mondo.

In conclusione, sosteniamo in maniera leale e forte la posizione e azione della Ministra, del governo bolivariano del Presidente Nicolás Maduro e di tutte le donne rivoluzionarie del Venezuela dinnanzi a questo genere di atti irrispettosi verso le istituzioni venezuelane e sollecitare le autorità argentine, a partire dal presidente neoliberista Mauricio Macri, a chiedere scusa ai suoi omologhi venezuelani, cercando di recupare le relazioni bilaterali con l’Argentina, il cui popolo degno e fraterno si è da sempre unito ai tentativi del popolo bolivariano di migliorare e trasformare il continente sudamericano da una nuova e più giusta prospettiva politica.

#VenezuelaSeRespeta
#LasMujeresDelMundoSeRespetan
#DelcyMujerValiente
#MercosurUnido

¡Solidarios con la Canciller bolivariana Delcy Rodríguez!

por Emilio Lambiase – Presidente ANROS Italia

COMUNICADO DE SOLIDARIDAD A LA CANCILLER DELCY RODRÍGUEZ

ALBAinformazione – ANROS Italia, como parte de los grupos, asociaciones, redes y movimientos sociales de solidaridad internacionalista con los países del ALBA y del Sur del mundo, repudia de manera firme y tajante la vil y dura agresión física de la que fue víctima la Canciller de la República bolivariana de Venezuela Delcy Rodríguez al ejercer su derecho de participar a la XI Reunión Estraordinaria del Mercosur (Mercado Común del Sur) instalada en la Cancillería argentina el pasado 14 de diciembre 2016.

En breve, la ministra fue golpeada por un polícia del cuerpo antimotínes cerca del acceso al palacio gubernamental para que no asistiera al encuentro entre los cancilleres de los países integrantes del bloque por razones sencillamente políticas, faltando de respeto a la digna Delcy y al gobierno del Presidente Nicolás Maduro que tantos esfuerzos han llevado a cabo para sumar fuerzas y unir las naciones y los pueblos del Cono Sur.

De hecho, los representantes diplomaticos de Argentina, Brasil, Paraguay y Uruguay pretenden sacar a Venezuela de la presidencia del organismo con la excusa de que su gobierno no haya “internalizado” las normas mercosurianas, es decir el apego a las leyes y mecanismos internos del bloque cuando, al contrario, Venezuela ha cumplido con el 95% de sus tareas en cuatro años diferentemente de Argentina y Brasil que en veinticinco años sólo han totalizado el 50%.

Estos gobiernos que culpabilizan e invisibilizan al país bolivariano pretenden acabar con la postura soberana, libre e independiente del organismo, poniéndose en desacato ante el derecho internacional y la voluntad plena y legítima de Venezuela de dirigir el Mercosur y impulsar los mecanismos de inclusión, equidad, solidaridad y justicia social que hoy más que nunca hay que realizar en el continente latinoamericano. Además, es preciso denunciar que los representantes de la entidad, excepto lo de Bolivia solidario con Delcy, expresaron su claro injerencismo, violencia política y derechización en las relaciones multilaterales entre países, pueblos y naciones hermanas que siempre han estado luchando por la Libertad con Justicia Social, la Solidaridad, la dignidad y la amistad entre los pueblos para favorecer un nuevo modelo social, político, cultural e ideológico para este mundo.

En conclusión, respaldamos de forma leal y contundente a la postura de la Canciller y del gobierno revolucionario y todas las mujeres revolucionarias de Venezuela, del Presidente Nicolás Maduro ante este genero de actos irrespetuosos hacia las instituciones venezolanas e instamos a las autoridades argentinas, a partir del presidente neoliberal Mauricio Macri, a pedir disculpas a sus pares venezolanos y tratar de recuperar las relaciones bilaterales con Argentina, cuyo digno y hermano pueblo siempre se ha sumado a los intentos del pueblo bolivariano de mejorar y transformar el continente suramericano desde una nueva y más justa perspectiva política.

#VenezuelaSeRespeta
#Las MujeresDelMundoSeRespetan
#DelcyMujerValiente
#MercosurUnido

Comunicado CBSTV: solidaridad con la Canciller Delcy Rodríguez

por Central Bolivariana y Socialista de Trabajadores de Venezuela

Los recientes hechos donde la policía de un país hermano agrede a la Canciller de otro país y negar el derecho a la defensa tanto de ella como la del Canciller Choquehuanca de Bolivia es la expresión de la barbarie capitalista y la soberbia de una derecha fascista que violenta todas leyes y acuerdos de convivencia y paz que deben existir entre Naciones hermanas.

No sólo han desconocido el derecho de Venezuela a ejercer la presidencia de MERCOSUR con falsos argumentos leguleyos sino que pasando por encima de la legitimidad y soberanía de nuestra patria pretender pretenden despojar a Venezuela de la membrecia de la instancia regional cuando nuestro país ha cumplido en un 95% los acuerdos de integración, muchísimo más que lo que los demás países signatarios han refrendado en las décadas de existencia del MERCOSUR.

Para los trabajadores y trabajadoras de Venezuela es inaceptable esta conducta artera y agresiva contra nuestra Canciller Delcy Rodríguez y el Canciller de Bolivia David Choquehuanca, dignos representantes de nuestros pueblos y gobiernos.

La infame triple alianza es hija de gobiernos espurios nacidos del golpe de estado contra sus propios pueblos, por lo que no tienen ninguna autoridad moral ni política para desconocer nuestro gobierno que es el producto de proceso político surgido de las entrañas de nuestro pueblo y el genio de nuestro Comandante Supremo Hugo Chávez que hoy bajo la conducción de nuestro Presidente Obrero Nicolás Maduro se abre paso orgulloso en medio de las agresiones imperialistas y le de lacayos como Macri, Temer y Cartes quienes con su conducta pone en peligro la integración del sur subordinando los intereses de sus naciones a los nefastos planes restauradores del Imperio.

Hemos sentido con satisfacción y gratitud las manifestaciones de afecto y solidaridad de los pueblos y movimientos sociales de América Latina, en especial la de nuestros hermanos de clase en esta amarga hora de confrontación y desencuentro.

El capitalismo está en crisis y saca sus garras fascistas en esta nueva agresión contra la soberanía de un pueblo digno y valiente que ha soportado lo indecible en estos años de Revolución Bolivariana.

Hacemos un llamado a los hermanos y hermanas de clase de las centrales amigas, a los movimientos sociales y los pueblos a cerrar filas frente a esta inaceptable agresión y juntos defender la unidad de nuestros pueblos frente a los afanes de liquidar los sueños de emancipación que han costado vidas y luchas en largos años.

Repudiamos la agresión a los cancilleres de la dignidad David Choquehuanca y Delcy Rodríguez y exhortamos a nuestros camaradas a rechazar tan indigna actuación de quienes le vendieron el alma al diablo imperial por los espejitos de su esclavitud.

Adelante compañeros adelante compañeras que más temprano que tarde la verdad se impondrá. En Venezuela nos jugamos el destino de nuestra América. Los trabajadores y el pueblo de la Patria de Bolívar y Chávez sabremos hacer honor a nuestro legado. El presente es de lucha el futuro es nuestro.

Wills Rangel
Presidente

Siria: el centro del mundo

Ya a la venta en España

SIRIA ES EL CENTRO DEL MUNDO

José Antonio Egido.
238 páginas.
15 euros (+ gastos de correo).
Pedidos:
maimar_1@hotmail.com
Whtsp: 667538705
http://www.librosml.blogspot.com

INDICE
Introducción
Capítulo I. Una historia antigua como la Humanidad.
– Siria es una cuna prestigiosa de la humanidad.
– Una historia milenaria de resistencia.
– En el Creciente Fértil sirio se produce la mayor revolución cultural de la Historia: la escritura alfabética.
– Palestina y Siria son exactamente la misma región milenaria
– Una civilización comerciante.
– Las religiones y los dioses se superponen y entrelazan en el respeto y la fusión
– Damasco es capital y centro milenario de la cultura
– Alepo, ciudad milenaria, mártir y combatiente
– Siria, cuna del cristianismo
– La era arabo-musulmana
– Siria, centro del arabismo
– Siria es fragmentada y oprimida bajo el dominio imperialista occidental.
Capítulo II. Un gobierno progresista y antiimperialista
– El Partido Comunista sirio (PCS)
– El partido Baas Àrabe Socialista creado en Siria
– Toma del poder por el Partido Baas
– Republica Árabe Unida.
– Reforma agraria.
– Socialismo árabe sirio.
– Resistencia económica a la guerra terrorista.
– El Partido Baas, la fuerza rectora del país
– Bastión de la resistencia libanesa, palestina, kurda, turca, iraquí y libia
– Frente Nacional Progresista (FNP).
Capítulo III. ¿Por qué el imperialismo quiere liquidar Siria?
– Para aplastar el panarabismo
– Para liquidar todo gobierno progresista en la región
– Para frenar las rebeliones y resistencia árabes.
– Para consolidar las tiranías árabes y a Israel
– Para controlar el Mediterráneo Oriental.
– Para destruir los ejes geoestratégicos Irán-Irak-Siria-Palestina-Líbano, Siria-Rusia-China, Siria-Irán-Venezuela-Cuba y otros ejes emancipadores posibles y consolidar el eje reaccionario Turquía-Israel-Arabia Saudí.
– Para impedir toda revolución en Egipto, país clave en la región
– Para dividir y enfrentar entre ellos a los pueblos de Oriente Medio y del Mundo árabe.
– Para golpear a Irán, potencia regional emergente.
Capítulo IV. Las fases de la guerra de agresión imperialista contra Siria
– Primeros levantamientos terroristas y creación de una oposición marioneta del imperialismo
– Intervención de grupos terroristas creados por el imperialismo.
– Creación del grupo criminal Estado islámico
– Agresión militar de Turquía e Israel.
Capitulo V. La resistencia heroica del pueblo y gobierno sirios
– La unidad de sus diversos componentes políticos, sociales, religiosos, étnicos y culturales
– La cuestión kurda.
– La cuestión palestina en el interior de la República Árabe Siria.
– La izquierda revolucionaria nexo de enlace entre los luchadores turcos, kurdos y árabes contra el imperialismo.
– La unidad de los partidos en el Frente Nacional Progresista (FNP).
– El su
– frimiento de la clase obrera siria por la independencia y en apoyo al gobierno sirio.
– La política de reformas emprendida por Bashar
– Cambios dentro del Baas.
– ¿Quiénes apoyan en Siria al presidente Bashar al Assad?
– Ejercito Arabe Sirio, columna vertebral de la resistencia del Pueblo contra el ataque imperialista/terrorista/sionista/feudal.
Conclusiones

Argentina: tutte e tutti siamo Hebe de Bonafini!

di Alessandra Riccio

Hebe de Bonafini è una donna davvero tosta. Non l’hanno piegata i dolori, le battaglie, il terrore di stato e neanche le lotte interne al movimento delle Madres e la scissione dalle compagne della Linea fundadora che mettevano in discussione proprio la sua conduzione. Lo scandalo Schoklender l’ha gettate in guai economici, in storiacce di corruzione e di lucro proprio sui progetti sociali che le Madres de la Plaza de Mayo, ormai diventata una holding, offrivano agli argentini.

Il Premio Nobel per la Pace, Pérez Esquivel, vecchio amico delle Madri, in onore alla sua provata onestà, afferma che la corruzione e l’illegalità vanno perseguite sempre e comunque, e non gli si può dar torto. Ma come non solidarizzarsi con Hebe quando un giudice irruento (e magari fazioso) la vuole costringere con la forza di un apparato poliziesco, a recarsi in tribunale per dichiarare. Hebe è una donna molto anziana la cui storia induce al rispetto: il giudice non l’ha rispettata. Ha provveduto lei, con un atteggiamento ribelle e con la lettera che qui traduco, a indurre il giudice a più miti consigli.

Non molto tempo fa l’ex presidente del Brasile, Inacio Lula da Silva, si è visto arrivare in casa la polizia per tradurlo a dichiarare. La faccia di Lula, nelle foto che lo ritraggono in quel momento, è di quelle che non si dimenticano: rabbia, dolore, incredulità, sdegno in un uomo, un operaio metalmeccanico, che si è conquistato un posto nella storia del Brasile e del movimento operaio con la forza delle sue idee e la sua capacità di statista.

___
4 agosto 2016
Al sig. giudice della Nazione
Marcelo Martínez de Giorgi

Mi rivolgo a lei per manifestarle il motivo della risposta alla sua citazione.

Dal 1977, precisamente dal giorno 8 di febbraio di quell’anno, subisco le aggressioni della così detta giustizia, condotta dai giudici della Nazione. In quel momento è cominciato il mio calvario, ho presentato 168 denunce per mio figlio Jorge, poi quelle insieme per l’altro mio figlio Raúl, che è scomparso a dicembre dello stesso anno, con un costante pellegrinaggio per i tribunali, ho sempre sopportato le stesse ingiustizie, le stesse aggressioni. Poi, a maggio del 1978, è scomparsa anche mia nuora María Elena, niente è cambiato.

Sempre la stessa ignominia, la stessa indifferenza, io vedevo come la così detta giustizia era complice dei militari e dei marinai assassini. Una giustizia senza solidarietà, senza sentimento verso gli altri, senza sofferenza per loro.

Dopo anni, nel 2001, esattamente il 25 maggio, mia figlia María Alejandra, mentre era sola in casa e io ero in viaggio, è stata torturata fin quasi ad ucciderla. E allora di nuovo i miei pellegrinaggi sperando di trovare un giudice che ci mostrasse il valore della giustizia, che ci provasse che esisteva, ma di nuovo la burla e l’insensatezza.

Poi è arrivato il caso Schoklender, e allora noi madri, con grande sforzo abbiamo consegnato volontariamente 60 casse con le prove, insieme a 49 backup e altre prove al giudice Ovarbide e poi a lei, ma non avete letto proprio niente di quello che vi abbiamo consegnato.

Ci siamo presentate tutte le volte che ci avete chiamato a dichiarare, abbiamo fatto perizie delle firme che hanno affermato che non erano mie, sempre a disposizione della verità, addirittura qualche mese fa mi sono presentata volontariamente nel suo ufficio per avere notizie circa l’indegno progredire della causa.

Abbiamo ancora sofferto sulla nostra pelle la burla che castiga tutte noi, anziane dagli 85 ai 90 anni, e ci condanna a pagare debiti ingiusti e altrui.

Noi madri difenderemo sempre i valori della solidarietà sociale, porgeremo la mano agli offesi, ai loro sogni, in questo tempo e in quello che verrà. E lotteremo affinché venga il momento di trovarci di fronte a giudici onesti che ci aiutino a sentire sulla nostra pelle il valore della giustizia.

[Trad. dal castigliano di Alessandra Riccio]

(VIDEO) Siria es el centro del mundo

por José A. Egido

Excelente reportaje de Resumen Latinoamericano presentado por el periodista Carlos Aznárez de la presentación en Buenos Aires del libro “Siria es el centro del mundo” con reportaje de Russia Today y discursos extraordinarios del Sheik de la Comunidad Alauí Mosen Ali y de la militante del Partido Nacional Social Sirio Tamara Lalli.

Como autor mi satisfacción por contribuir al apoyo, solidaridad y comprensión con la lucha heroica del Pueblo Sirio. Ahora vamos a por la edición española con Templando el Acero y necesitaremos ayuda para romper el bloqueo mediático.

___

___

 

Hebe de Bonafini: «Ancora in piazza per rinnovare il sogno dei nostri figli»

30est1f01-hebe-bonanfinidi Geraldina Colotti – il manifesto

«I nostri figli hanno dato la vita per un sogno e noi lo rinnoviamo ogni giorno». Non tradisce il peso degli anni, la voce di Hebe de Bonafini, storica dirigente delle Madres de Plaza de Mayo, classe 1928. Oggi, l’organizzazione che ha contribuito a fondare, il 30 aprile del 1977, compie 39 anni. Il 24 marzo dell’anno prima, una giunta militare aveva preso il potere in Argentina, scatenando una repressione che, in sei anni, provocherà circa 30.000 scomparsi.

Sfidando il pericolo, quel 30 aprile le Madres lanciano al mondo un simbolo di resistenza, come una bandiera: un fazzoletto bianco con su scritto il nome dei loro figli scomparsi, un pannolino di tela con cui li hanno fasciati da piccoli. Donne semplici, via via sempre più coscienti e organizzate, consapevoli del rischio e disposte a continuare a prezzo della vita. Il 10 dicembre del 1977, nella giornata internazionale dei Diritti umani, il giornale delle Madres pubblica l’elenco dei ragazzi desaparecidos.

Quella notte, l’operaia Azucena Villaflor, una delle fondatrici viene sequestrata da uno squadrone della morte e condotta in uno dei campi di sterminio, probabilmente l’Esma. I suoi resti sono ritrovati l’8 luglio del 2005, durante la stagione dei processi ai responsabili della dittatura. Le ceneri vengono sepolte ai piedi della Piramide di Maggio, al centro della Plaza de Mayo, l’8 dicembre del 2005, a conclusione della 25ma marcia di resistenza delle Madres.

Oggi, il pañuelo è diventato un simbolo nazionale dell’Argentina «e per tutti i popoli del mondo rappresenta la lotta, la resistenza, la trasformazione collettiva», scrive Kabawil, il gruppo di appoggio italiano alle Madres. Per il loro 39mo compleanno, Kabawil ha organizzato una carovana, che si conclude oggi a Mar del Plata.

Cosa ricorda Hebe di quel 30 aprile di 39 anni fa? Com’è cominciata quella battaglia?
Da mesi, ci incontravamo al ministero degli Interni, nelle caserme, tutte alla ricerca dei nostri figli scomparsi. Un giorno, che può essere considerato il punto d’avvio, eravamo andate alla chiesa della marina Stella Maris, dal vescovo Emilio Gracelli che poteva avere notizie. E Azucena Villaflor ha detto: basta, andiamo in piazza. Eravamo stufe di girare a vuoto. Così ci rechiamo a Plaza de Mayo, di fronte alla Casa Rosada, il palazzo presidenziale argentino, con una lettera per il generale Videla. Era un sabato, e lì non c’era nessuno, mentre noi volevamo essere visibili. Qualcuna suggerisce di tornare il venerdì, ma c’è chi dice: no, venerdi è il giorno delle streghe. Così cominciamo a girare in piazza il giovedì alle 15,30: per rientrare prima del buio, perché eravamo seguite e perseguitate.

Quanti figli ha perso?
Due, più mia nuora, sposata al maggiore. Ma per le Madres la maternità è collettiva, abbiamo deciso di socializzarla, parliamo dei nostri figli per parlare della storia di questo paese, dei molti giovani coraggiosi che le famiglie non hanno voluto ricordare. Loro hanno dato la vita per un sogno, noi abbiamo deciso di condividerlo e di rinnovarlo, ogni giorno da allora. Per noi, non sono né vittime – perché hanno lottato, anche con le armi per i propri ideali – né tantomeno terroristi. Nessun terrorista dà la vita per amore degli altri. La rivoluzione è un atto politico d’amore: perché sempre i popoli hanno motivo di lottare e di guardare a quelli che lo hanno fatto prima di loro per costruire una speranza. In Argentina abbiamo avuto 12 anni meravigliosi con il kirchnerismo, la casa del governo era aperta, era parte della nostra vita. Con Nestor e Cristina, l’Argentina ha aperto la scatola nera del passato, ci sono stati i processi, si sono rimesse in moto le energie.

Ma adesso è tornata la destra…
E siamo tutti responsabili. Certo, ci sono stati errori di tipo diverso: candidati che non sono stati all’altezza, la corruzione, ma il più grave è stato l’aver dato le cose per acquisite. Non abbiamo capito cosa sia davvero la lotta di classe. Abbiamo dimenticato che, senza un adeguato lavoro politico, la gente più umile quando ottiene dei benefici si rivolge verso l’alto e non verso il basso, pensa che chi sta più in alto possa darle ancora di più, senza capire che quello che ha avuto è perché se lo è conquistato. E così è arrivata la destra con le sue promesse megagalattiche di lavoro, felicità, parole vuote e demagogiche dirette agli strati più umili. Macri ha promesso di tutto, salvo quello che sta mettendo in atto: licenziamenti, pallottole per chi protesta, chiusura delle università popolari e delle mense scolastiche per i bambini poveri…

Le Madres sono nuovamente a rischio?
Sì, ci hanno minacciato di morte, telefonate continue in cui dicevano che ci avrebbero uccise. Quattro tizi armati sono entrati nella sede della nostra radio, hanno sfondato la porta, ferito un compagno. Io sono stata citata tre volte in giudizio per incitamento alla violenza. Una prima volta mi chiama il giudice e mi dice di andare a deporre. Rifiuto. Mi manda una citazione. Non vado. Mi dice: mandi il suo avvocato. Rispondo: non nomino nessun avvocato perché non ho commesso alcun reato. Se volete arrestarmi, fate. Sto aspettando. Un giorno ci hanno impedito di entrare in piazza, una camionetta di polizia proibiva l’entrata. Ma sono arrivati i compagni, insieme a 40 deputati.

La deputata Milagro Sala è in carcere per presunte irregolarità amministrative.
Sì, purtroppo. Mi ricordo che anni fa lavoravamo a un progetto di case popolari chiamato Il sogno condiviso. Con quello abbiamo fatto uscire dal carcere due detenuti e due emarginati che si trovavano in un ospizio. E questi, con la complicità di funzionari governativi hanno messo su una truffa con cui hanno cercato di screditarci. E un giudice ci ha obbligato a pagare i danni. Abbiamo capito che la politica non va mischiata con il denaro, con il capitalismo che non puoi controllare perché stimola solo gli interessi individuali, la politica va intesa nel suo senso più alto, come la migliore azione collettiva. Per questo, a differenza delle altre associazioni, abbiamo rifiutato risarcimenti economici per i nostri figli. Non c’è prezzo per la vita e non serve dedicare una strada a qualcuno degli scomparsi. I nostri figli non sono morti, vogliamo che vivano nelle lotte presenti insieme a tutti i 30.000 scomparsi. Per via dell’età, siamo sempre di meno, ma il nostro impegno è lo stesso: mostrare ai giovani che la lotta non è inutile, neanche il sangue versato è inutile e che non bisogna sentirsi vittime.

Lei è tornata in piazza per difendere il socialismo bolivariano e ha denunciato i golpe istituzionali in marcia in America latina.
Sì, bisogna difendere Nicolas, Dilma… Prima, per eliminare i presidenti le destre usavano l’esercito, oggi si servono dei giudici, dei grandi media e degli imprenditori. Nel governo Macri sono quasi tutti imprenditori, schierati per riconsegnare il paese ai fondi avvoltoio. E la sinistra non capisce che deve riformulare il proprio pensiero politico. Ma il popolo, durante gli anni del kirchnerismo ha imparato a scendere in piazza. Macri ha fatto un decreto per impedirci di scendere in piazza, ma il 24 marzo eravamo un milione di persone a rendere carta straccia il suo decreto. Uno tsunami. Il popolo è uno tsunami e uno tsunami non si ferma per decreto. In America latina si è aperta una speranza, dobbiamo lottare perché diventi realtà, senza delegare tutto ai politici. Loro fanno il possibile, il popolo deve fare l’impossibile e lì stanno le Madres.

 

Atilio Boron: tamburi di guerra in Venezuela

Attilio Boron: Tamburi di guerra in Venezueladi Atilio Boron

L’impero ha mobilitato tutti i suoi ingranaggi e dispositivi per porre fine, a qualunque prezzo, alla Rivoluzione Bolivariana anche a costo di gettare il paese in un bagno di sangue
 
Dalle sue origini il processo bolivariano è stato identificato da Washington come un’escrescenza che doveva essere rapidamente rimossa dell’emisfero.

Si è tentato di farlo con tutti i mezzi ma niente ha dato risultati: né il colpo di stato, né la disoccupazione petrolifera, né le molestie diplomatiche, politiche e mediatiche hanno dato i loro frutti.

Sul terreno elettorale il predominio di Chávez era schiacciante: resisteva a piedi fermi alle pressioni ed il suo popolo lo seguiva con entusiasmo.

La Casa Bianca ha accelerato l’aggressione una volta scatenato il lento ma implacabile assassinio per tappe del Comandante. E dopo la sua morte l’offensiva ha assunto caratteristiche ancora più brutali. Ogni discrezione è stata lasciata da parte: bande mercenarie dell’uribismo (legate a Álvaro Uribe Vélez, ex presidente colombiano che si oppone al dialogo con le FARC, NdT) sono entrate seminando violenza e morte per tutto il paese, come oggi lo fanno i “mareros” che quotidianamente (sì, quotidianamente, secondo quello che riporta un’alta fonte ufficiale di El Salvador!) Obama rilascia dalle prigioni nordamericane per inviarli, con tutte le carte in regola, al rassegnato paese centroamericano affinché seminino il caos e la distruzione.

 
Si sono intensificati gli sforzi per “fortificare la società civile” con milioni di dollari per fabbricare o affittare politici da operetta (Capriles, López, Ledesma, eccetera); giornalisti in altri tempi ciechi davanti alle stragi della corruzione ed intellettuali delusi perché il “popolo” che anelavano redimere non era bianco come gli operai polacchi di Lech Walesa bensì meticcio o nero come Chávez, cosa che costituisce un affronto insopportabile.

In mancanza di una risposta politica nella cornice elettorale i soldi fluivano copiosamente verso Caracas: partivano da Washington, via USAID o tramite la NED, volavano a Madrid da dove il ruffiano leccapiedi di George W. Bush, José M. Aznar, lo ridistribuiva tra i suoi complici in America Latina con la benedizione di quel colossale monumento al narcisismo chiamato Mario Vargas LLosa. Ma tutto era vano: come un redivivo Cid Campeador (eroe nazionale spagnolo) tropicale, anche dopo morto Chávez continuava a vincere le elezioni. Le vinceva con Nicolás Maduro nelle presidenziali dell’Aprile del 2013 e dopo, per sovrappiù, nelle municipali del dicembre di quello stesso anno.

 
Falliti tutti questi tentativi, la guerra economica, perfezionando il piano criminale perpetrato contro il Cile di Allende, si è scatenata con tutta la furia.

La penuria programmata, l’accaparramento di articoli di prima necessità, la carestia, la feroce svalutazione della moneta, il contrabbando su grande scala, il terrorismo mediatico senza freno né misura, gli assassini selettivi e, agli inizi di 2014, il piano sedizioso materializzato nelle sinistre “guarimbas” (barricate per le strade), con un saldo di 43 morti, in maggioranza tra le forze di sicurezza del governo e simpatizzanti chavisti, e distruzione di veicoli, sedi di istituzioni governative, scuole, università ed ospedali valutate in centinaia di milioni di dollari.

I responsabili di tutto questo, in prigione, si lamentano che sono “prigionieri politici” quando i loro atti si inquadrano nel delitto di sedizione che in qualunque altro paese del mondo li avrebbe condannati alla prigione a vita. Nella “dittatura bolivariana”, invece, la giustizia ha operato con una sorprendente clemenza ed al capo di questi crimini ha imposto una sentenza di poco più di tredici anni. In Spagna o in Argentina sarebbe stato condannato all’ergastolo e negli Stati Uniti alla pena di morte. Ma così è la “dittatura” chavista.

 
Fallite tutte queste cospirazioni l’impero ha intensificato la guerra economica: insieme a sue infami creature, lo Stato Islamico, ha abbattuto il prezzo del petrolio da poco più di 100 dollari al barile a qualcosa meno di 30. Non contento di questo il Presidente Barack Obama ha emesso un ordine esecutivo che se non fosse criminale per le sue conseguenze sarebbe una presa in giro universale: Il “Venezuela è una minaccia inusuale e straordinaria alla sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti”. E’ stato l’ordine impartito ai cani da guardia dell’impero perché si lanciassero con ferocia contro la rivoluzione.
 
Da allora la vita quotidiana si è complicata fino a diventare un irritante calvario. Per questo motivo nelle elezioni per l’Assemblea Nazionale del passato 6 Dicembre l’opposizione ha ottenuto una maggioranza di due terzi, beneficiando dello scoraggiamento di più di due milioni di chavisti che non hanno dato i loro voti alla destra ma che si sono astenuti dal partecipare alle elezioni.

L’Assemblea ha appena approvato una legge di amnistia che libererebbe tutti i condannati per i crimini commessi nell’episodio sedizioso all’inizio del 2014. Il Tribunale Superiore ha dichiarato l’incostituzionalità della legge ed il presidente Maduro ha dichiarato che non promulgherebbe mai una diavoleria simile che aprirebbe la porta alla violenza e all’impunità in Venezuela.

La situazione si avvicina ad uno scontro catastrofico di forze ma il chavismo, senza alcun dubbio ed oltre i suoi problemi e le sue titubanze, ha chiaramente dalla sua parte il popolo che sa con istinto preciso che la destra viene col coltello tra i denti ed è disposta ad applicare un monito esemplare. Le istruttive lezioni del macrismo in Argentina hanno persuaso delle terribili conseguenze di un ritorno della reazione anche quelli che prima dubitavano che potesse essere così.

 
Dato tutto questo non sorprende che negli ultimi giorni ci sia stata un’intensificazione dell’offensiva destituente. Il Washington Post ha pubblicato un editoriale sfacciatamente golpista il 12 di Aprile dicendo che “il Venezuela ha disperatamente bisogno di un intervento politico dei suoi vicini, che per questo dispongono di un meccanismo appropriato nella Carta Democratica Interamericana dell’Organizzazione degli Stati Americani, la OSA, un trattato che contempla l’azione collettiva quando un regime violi le norme costituzionali”.

Il giornale, solitamente considerato dai neoliberisti il modello della “stampa imparziale ed indipendente”, si lamenta che i paesi della regione non si assumono le loro responsabilità per preservare la democrazia in Venezuela nonostante il fatto che, assicura, per il modo in cui stanno le cose “probabilmente non tarderà molto a prodursi di un’esplosione”.

Il Washington Post non fa altro che ripetere quello che poco prima aveva esposto un documento del Comando Sud, denominato “Operazione Venezuela Freedom-2” e siglato il 25 febbraio del corrente anno con la firma del suo attuale capo, l’ammiraglio Kurt Tidd. In esso si legge che “sebbene (l’opposizione) stia seguendo la strada pacifica, legale ed elettorale (per provocare la destituzione di Maduro) è cresciuta la convinzione che sia necessario fare pressioni con mobilitazioni di strada, cercando di fermare e paralizzare gli importanti contingenti militari che saranno dedicati a mantenere l’ordine interno e la sicurezza del governo, situazione che diventerà insostenibile nella misura in cui si scatenino conflitti multipli e pressioni di ogni tipo”.

 
Afferma l’ovvio: la destra non ha mai creduto nelle regole del gioco democratico. Quando le accetta è per convenienza, non per convinzione. E le abbandona non appena le circostanze suggeriscano di seguire il cammino verso la restaurazione violenta. In Venezuela e da tutte le parti, è fondamentale non sbagliarsi su questo punto. Tutto il clamore che l’opposizione antichavista fa in relazione al referendum revocatorio è un tappabuchi: quello che vuole è “l’uscita”  di Maduro, per opera e grazie alla violenza.
 
Aprile sembra essere il mese delle rese dei conti nella politica venezuelana. “Aprile è il periodo giusto”  ha detto il presidente Nicolás Maduro in una riunione coi partecipanti dell’Incontro di Intellettuali, Artisti e Movimenti Sociali che ha avuto luogo recentemente.

L’11 Aprile del 2002 c’è stato il colpo di stato contro Chávez, ed il 13 il paese lo reinstallò nel Palazzo di Miraflores. Non è casuale l’attacco del Washington Post proprio in questi giorni, né che una delle organizzazioni sediziose che distrussero il paese in passato, Volontà Popolare, abbia convocato una marcia il 19 di Aprile per esigere l’”uscita” del presidente Maduro. Non lo è neanche che il Segretario Generale dell’OSA, Luis “Giuda” Almagro, abbia dichiarato pochi giorni fa in un’intervista a El País di Spagna che è inammissibile mantenere la neutralità in Venezuela “quando ci sono prigionieri politici e la democrazia non sta funzionando.” Almagro ha ricevuto il chiaro ordine dei suoi capi a occuparsi solo di fustigare il Venezuela e di dimenticarsi dei massacri perpetrati in Honduras (Berta Cáceres), Messico (Ayotzinapa), Colombia (130 militanti di Marcia Patriottica assassinati nell’ultimo anno), e Paraguay (Curuguaty), per non menzionare nient’altro che i casi più emblematici. L’OSA ratifica la sua condizione di Ministero delle Colonie degli Stati Uniti, come opportunamente l’avevano definita Fidel ed il Che.

 
Come si può vedere, l’impero ha mobilitato tutti i suoi ingranaggi e dispositivi per porre fine, a qualunque prezzo, alla Rivoluzione Bolivariana anche a costo di gettare il paese in un bagno di sangue. Ma il paese chavista offrirà un’accanita resistenza ad un’invasione del Comando Sud ed accorreranno in suo aiuto volontari da tutta l’America Latina trasformando l’invasione nordamericana in una causa della Patria Grande che incendierà la rinsecchita prateria sociale della regione oltrepassando i confini venezuelani, estendendosi ai paesi vicini e compromettendo seriamente i Dialoghi di Pace tra le FARC ed il governo colombiano. Per questo, la solidarietà con il popolo ed il governo bolivariani è oggi più urgente ed importante che mai per impedire che la sinistra manovra interventista dell’impero giunga a compimento.
* Pubblichiamo su gentile concessione della redazione di MarxXXI

Argentina: la fine del post-neo-liberismo e la destra dura

macridi James Petras

19 feb 2016.La lotta di classe dall’alto ha trovato la sua espressione più intensa, completa e retrograda in Argentina, con l’elezione di Mauricio Macri (Dicembre 2015). Durante i primi due mesi in carica, attraverso l’assunzione arbitraria di poteri emergenziali, ha invertito, con decreti, un numero rilevante di politiche socio-economiche progressiste approvate nel decennio precedente e ha cercato di eliminare dalle istituzioni pubbliche le voci indipendenti.

Di fronte a una maggioranza ostile al Congresso, Macri ha usurpato i poteri legislativi e ha proceduto a nominare due giudici della Corte Suprema, in violazione della Costituzione.

Il presidente Macri ha “purgato” tutti i ministeri e le agenzie da sospetti critici e dai nominati dal governo precedente e ha sostituito quei funzionari con leali funzionari neo-liberisti. I leaders dei movimenti popolari sono stati incarcerati e gli ex-membri del Gabinetto sono stati incriminati.

Parallelamente alla ristrutturazione dello stato, il Presidente Macri ha lanciato una contro-rivoluzione neo-liberista: una svalutazione del 40%, che ha aumentato i prezzi della canasta basica di oltre il 30%; l’eliminazione di una tassa all’esportazione per tutti gli esportatori agro-minerari (ad eccezione degli agricoltori di soia); un tetto salariale e salari del 20% inferiori all’aumento del costo della vita; un aumento del 400% delle bollette elettriche e un aumento del 200% dei trasporti; licenziamento su larga scala di dipendenti pubblici e privati; repressione degli scioperi con proiettili di gomma; preparativi per le privatizzazioni su larga scala di settori economici strategici; un versamento di 6,5 miliardi di dollari ai detentori del debito dei fondi-avvoltoio e degli speculatori – un guadagno del 1000% – nel mentre contrae nuovi debiti.

La guerra di classe ad alta intensità del Presidente Macri ha lo scopo di invertire il benessere sociale e le politiche progressiste attuate dai regimi Kirchner nel corso degli ultimi 12 anni (2003-2015).

Il Presidente Macri ha lanciato una nuova virulenta versione della lotta di classe dall’alto, seguendo uno schema ciclico neo-liberista a lungo termine, che ha visto:

1.un governo militare autoritario (1966-1972), accompagnato da un’intensa lotta di classe dal basso seguita da elezioni democratiche (1973-1976)

2.una dittatura militare e un’intensa lotta di classe dall’alto (1976-1982), con la conseguente uccisione di 30.000 lavoratori;

3.Una transizione di politica elettorale (1983) con iper-crisi inflazionistiche e l’approfondimento del neo-liberismo (1989-2000) negoziato;

4.la crisi e il crollo del neo-liberismo con una lotta di classe insurrezionale dal basso (2001-2003);

5. i regimi di centro-sinistra Kirchner-Fernandez (2003-2015): un patto sociale tra lavoro, capitale e regime;

6. il regime autoritario neo-liberista di Macri (2015) e un’intensa lotta di classe dall’alto. La prospettiva strategica di Macri è quella di consolidare un nuovo blocco di potere di locali agro-minerari con oligarchi bancari, banchieri e investitori stranieri, appoggiato dall’apparato di polizia militare, per aumentare massicciamente i profitti abbattendo i costi del lavoro.

Le radici della nascita del blocco di potere neo-liberista si possono trovare nelle pratiche e nelle politiche dei precedenti regimi Kirchner-Fernandez. Le loro politiche sono state progettate per superare le crisi capitalistiche del 2000-2002, incanalando il malcontento di massa verso le riforme sociali, stimolando le esportazioni agro-minerarie e aumentando gli standards di vita attraverso le imposte progressive, i sussidi per l’energia elettrica e per i prodotti alimentari, e gli aumenti delle pensioni. Le politiche progressiste di Kirchner si basavano sul boom dei prezzi delle materie prime. Quando sono crollati, la ‘coesistenza’ capitale-lavoro si è dissolta e l’alleanza guidata da Macri tra la classe media capitalistica e il capitale straniero si era già insediata per trarre vantaggio dalla scomparsa del modello. La lotta di classe dal basso è stato gravemente indebolita dall’alleanza del lavoro con il regime di centro-sinistra dei Kirchner. Non perché il lavoro ne ha beneficiato economicamente, ma perché il patto ha smobilitato le organizzazioni di massa del periodo 2001-2003. Nel corso dei seguenti 12 anni il lavoro ha avviato negoziati settoriali (paritarie), mediati da un ‘governo amico’. La coscienza di classe è stata sostituita da alleanze “settoriali” e da questioni ‘pane e burro’. I sindacati hanno perso la loro capacità di condurre la lotta di classe dal basso – o addirittura di influenzare i settori delle classi popolari. Il lavoro è diventato vulnerabile e si è trovato in una posizione debole per affrontare l’offensiva virulenta contro-riforma neo-liberista del presidente Macri.

Tuttavia, le misure estreme adottate da Macri- tagli profondi del potere d’acquisto, la spirale dell’ inflazione e licenziamenti di massa – hanno portato alle prime fasi di un rinnovamento della lotta di classe dal basso.

Gli scioperi degli insegnanti e dei dipendenti pubblici contro i salari e i licenziamenti divampati in risposta alla raffica di tagli del settore pubblico hanno trovato eco nelle manifestazioni di massa indette dai movimenti sociali e dalle associazioni dei diritti umani, che reagivano allo smantellamento da parte di Macri delle istituzioni giudiziarie che hanno incriminato gli ufficiali militari responsabili dell’uccisione e della sparizione di 30.000 vittime durante la “guerra sporca” (1976-83).

Mentre il regime Macri procede ad approfondire ed estendere le sue misure regressive, destinate ad abbassare il costo del lavoro, le tasse sugli affari e le condizioni di vita, in modo da invogliare il capitale con profitti più elevati, mentre l’inflazione vola e l’economia ristagna a causa del declino degli investimenti pubblici e dei consumi, la lotta di classe dal basso è probabile si intensificherà – scioperi generali e relative forme di azione diretta sono probabili, prima della fine del primo anno del regime di Macri.

Le organizzazioni di classe su larga scala capaci di impegnarsi in un’intensa lotta di classe dal basso, indebolite dal ‘modello corporativo’ decennale dell’era Kirchner, richiederanno un tempo per essere ricostruite. La domanda è: quando e che cosa ci vorrà per organizzare un movimento politico (nazionale) a livello di classe, che possa muoversi al di là di un ripudio elettorale di Macri, con candidati coalizzati alle prossime elezioni legislative, provinciali e comunali.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: