Venezuela no será un nuevo Irak

por Fabio Marcelli | 20 de mayo de 2016

ilfattoquotidiano.it

Nada a que ver con el referéndum revocatorio contra el presidente Nicolás Maduro. Consciente de las dificultades cada vez mayores asociadas a la opción revocatoria, regulada en detalle en la Constitución Bolivariana (art. 72), donde se establecen los requisitos precisos en términos del número de firmas a ser recogidas y del número de votos válidos, claramente fuera del alcance de la oposición de derecha, los líderes de esta última están haciendo desesperados llamados a los Estados Unidos para que intervengan militarmente contra el gobierno chavista. La nota “la” al vergonzoso coro de invocaciones guerreristas la ha dado el ex presidente colombiano Álvaro Uribe, experto profesional en crímenes contra la humanidad.

Sin embargo, es importante comprender que si se alcanza el esperado acuerdo de paz entre el gobierno colombiano y la guerrilla de las FARC-EP, el nefasto personaje quedaría fuera del juego, con la perspectiva incluso de terminar ante la Corte Penal Internacional por sus muchos delitos; razón por la cual busca sembrar confusión para incendiar la región. Siguiendo la ruta trazada por semejante “defensor de la paz y la democracia” se han escuchado las quejumbrosas peticiones de ayuda de varios exponentes de la derecha venezolana.

Los Estados Unidos por su parte, aun siendo conscientes de las dificultades y los riesgos de una intervención militar, no dejaran escapar, así de fácil, una oportunidad de oro para poner sus garras en uno de los principales yacimientos de petróleo del mundo. En este contexto, hay que interpretar decisiones aparentemente incomprensibles, como la de declarar a Venezuela “una amenaza para los intereses y la seguridad nacional de Estados Unidos”, así como la de asignar importantes montos de dólares para financiar la oposición venezolana, incluyendo ayuda militar y el uso de equipos sofisticados para la interceptación y el control como el Boeing 707 E-Sentry que, en los últimos días, violó repetidamente el espacio aéreo venezolano. Más o menos con la misma lógica de intromisión en los asuntos venezolanos, encontramos los patéticos intentos para exhumar una organización tan deslegitimada como la Organización de los Estados Americanos (OEA), mediante la aplicación de la llamada “Carta Democrática”. A pesar de su moribunda condición, la OEA está presionando al máximo para provocar la suspensión de los países en los que aparentemente se registren violaciones de la democracia, con el voto de dos tercios de los Estados miembros.

Pero, lo menos divertido es el hecho de que el secretario de esa desprestigiada organización, un tal Almagro, hiperactivo en los asuntos venezolanos, se ha limitado en lo que respecta a la situación de Brasil, a invocar con poco éxito, la opinión consultiva de la Corte Interamericana de Derechos Humanos; a pesar de que en este último país, como consecuencia del golpe de Estado judicial y parlamentario contra Dilma Rousseff, deberá asumir el control del gobierno, durante mucho tiempo, un vicepresidente como Temer, notoriamente corrupto y apoyado por un irrisorio porcentaje de la población.

Volviendo a Venezuela, el mecanismo de invasión ya se ha puesto en marcha desde hace algún tiempo. Hablamos de los contingentes estadounidenses anclados ya en Honduras,  país donde empezó, con la destitución ilegal del Presidente Zelaya, la serie de golpes más o menos blandos contra los presidentes democráticos reacios a apoyar la tradicional subordinación de América Latina a Washington. La última expresión fue el golpe judicial y parlamentario de los corruptos, contra la presidente de Brasil, Dilma Rousseff.

La intervención militar de Estados Unidos contra la Venezuela Bolivariana y chavista sería la guinda de la torta de esta estrategia de reconquista. Descaradamente, por supuesto y como siempre, y obviando cualquier principio jurídico internacional, puede justificarse tal ignominia mediante una masiva campaña mediática que incorpore nombres destacados de la prensa del statu quo, como The New York Times y The Washington Post. Para crear el clima adecuado, los sectores violentos de la oposición venezolana reviven las Guarimbas, campañas de agitación que provocaron 43 víctimas mortales hace dos años, incluyendo muchos policías y transeúntes al azar, muertos por disparos o decapitados por las guayas con las cuales los guarimberos bloqueaban los caminos. Continúa también la implacable guerra económica, acaparando los bienes de primera necesidad y saboteando los servicios sociales al punto de incendiar, como lo han hecho en otras ocasiones, guarderías y centros de salud.

Esta estrategia irresponsable, apunta esencialmente a transformar Venezuela en un nuevo Irak y toda el área caribeña en un nuevo Medio Oriente. Cuando no es posible, y cada vez menos lo es, generar hegemonía y encontrar consenso, el imperialismo dominante promueve y genera procesos de desestabilización sangrienta. Fortalecida por una mayoria que la favoreció en las elecciones de diciembre, la oposición podría haber tomado el camino de la unidad nacional y la cooperación sincera para resolver los problemas económicos del país. Pero era demasiado esperar una actitud responsable hacia el pueblo por parte de oligarcas acostumbrados a tener como prioridad exclusiva sus propios intereses, aún si eso significa sacrificar la independencia y la soberanía nacional, conceptos que nunca han comprendido, dada la estrechez de su visión y su propensión innata a la servidumbre incondicional a Washington.

La perspectiva, sea quien sea el vencedor en las próximas elecciones presidenciales en Estados Unidos (probablemente y por desgracia no será Bernie Sanders) es desencadenar una nueva guerra de agresión, esta vez cerca de casa. Después de todo, el abundante petróleo venezolano bien merece un esfuerzo extra. Las víctimas elegidas de esta aventura, obviamente, serían las del pueblo venezolano y la paz mundial. Por lo tanto, esperamos que se detenga esta espiral guerrerista, que sólo puede prevenirse como ha acertadamente señalado Maduro, con la reanudación, el crecimiento y la consolidación del proceso de lucha popular en Venezuela y en toda América Latina, en una nueva fase de la revolución democrática, que supere los límites de diverso calibre que, hasta ahora, ha evidenciado.

 

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraq

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraqdi Fabio Marcelli – ilfattoquotidiano.it


Altro che referendum revocatorio nei confronti del presidente  Nicolas Maduro. Consapevole delle crescenti difficoltà che comporta una scelta del genere, dettagliatamente regolamentata dalla
Costituzione bolivariana (art. 72), che pone precisi requisiti in termini di firme da raccogliere e di voti da esprimere, evidentemente fuori dalla portata della destra di opposizione, i leader di quest’ultima stanno rivolgendo chiari appelli agli Stati Uniti affinché intervengano militarmente contro il governo chavista. Il “la” al vergognoso coro di invocazioni della guerra l’ha dato un professionista dei crimini contro l’umanità come l’ex presidente colombiano Uribe.

D’altronde bisogna capirlo, il raggiungimento dell’agognato accordo di pace fra governo colombiano e Farc lo metterebbe fuori gioco, con la prospettiva di finire addirittura di fronte alla Corte penale internazionale per i suoi molteplici misfatti. Quindi tanto vale tentare di buttarla in caciara dando fuoco a tutta l’area. Sulla scia di cotanto campione della pace e della democrazia si sono succedute le querule richieste di aiuto di vari esponenti della destra venezuelana.

Gli Stati Uniti del resto, pur consapevoli delle difficoltà e dei rischi di un intervento militare, non si lasceranno certo scappare tanto facilmente un’occasione d’oro di rimettere le zampe su uno dei principali giacimenti petroliferi del mondo. In tale ottica vanno lette scelte apparentemente incomprensibili, come quella di dichiarare il Venezuela una minaccia per gli interessi e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Come pure gli ingenti finanziamenti all’opposizione venezuelana, compresa la sua ala militare e l’utilizzo di apparati sofisticati di intercettazione e controllo come il Boeing 707 E-Sentry, che negli ultimi giorni ha violato più volte illegittimamente lo spazio aereo venezuelano. Più o meno nella stessa logica di ingerenza negli affari interni venezuelani si situano i patetici tentativi di riesumare un’organizzazione oramai fortemente delegittimata come l’Organizzazione degli Stati americani applicando la sua cosiddetta “Carta democratica“, che tuttavia si spinge al massimo fino a prevedere la sospensione dello Stato in cui si registrino violazioni della democrazia con voto dei due terzi degli Stati membri.

A dir poco buffo appare il fatto che il segretario di tale moribonda organizzazione, tale Almagro, iperattivo sulle vicende venezuelane, si sia limitato, per quanto riguarda la situazione brasiliana, a invocare con scarso successo il parere consultivo della Corte interamericana dei diritti umani; questo nonostante il fatto che in tale ultimo paese, a seguito del golpe giudiziario e parlamentare contro Dilma Rousseff, dovrebbe governare per lungo tempo un vicepresidente come Temer, notoriamente corrotto e appoggiato da un’irrisoria percentuale della popolazione. Tornando al Venezuela, il meccanismo dell’invasione è stato già messo in moto da tempo. Si parla al riguardo anche dei contingenti statunitensi già stanziati in Honduras, il paese dove ha avuto inizio, con l’illegittima destituzione del presidente Zelaya, la serie dei golpe più o meno blandi contro i presidenti democratici restii ad avallare la tradizionale subordinazione dell’America Latina a Washington. L’ultima tappa è stato il vero e proprio golpe giudiziario e parlamentare dei corrotti contro la presidente brasiliana Dilma Rousseff.

L’intervento militare statunitense contro il Venezuela bolivariano e chavista rappresenterebbe la ciliegina sulla torta di questa strategia di riconquista. Alla faccia ovviamente, come al solito, di qualsiasi principio giuridico internazionale. Si può ovviare con una massiccia campagna mediatica che vede schierati i pezzi forti della stampa dell’establishment, a partire dal New York Times eWashington Post. Per creare un clima adeguato, i settori violenti dell’opposizione vogliono rilanciare la guarimba, la campagna di disordini che fece 43 vittime due anni fa, tra le quali molti poliziotti o passanti casuali, uccisi da colpi di arma da fuoco o decapitati dai fili di ferro messi dai guarimberos per bloccare le strade. Continua inoltre la guerra economica, imboscando i beni di prima necessità e sabotando i servizi sociali fino al punto di incendiare, come è stato fatto in varie occasioni, gli asili nido e i centri di salute.

Questa strategia irresponsabile punta in sostanza a trasformare il Venezuela in un nuovo Iraq e tutta l’area caraibica in un nuovo Medio Oriente. Laddove non è in grado, e sempre meno lo è, di produrre egemonia e consenso, l’imperialismo dominante diffonde a piene mani sanguinaria destabilizzazione. Forte del consenso ottenuto alle elezioni di dicembre, l’opposizione avrebbe potuto imboccare la strada dell’unità nazionale e della leale collaborazione per risolvere i problemi economici del paese. Sarebbe stato peraltro troppo pretendere un atteggiamento responsabile nei confronti del popolo da oligarchi abituati a considerare sempre ed esclusivamente prioritari i propri interessi di bottega, a costo di sacrificare perfino un’indipendenza e sovranità nazionale delle quali in fondo non sanno proprio che farsene, data la limitatezza della loro visuale e la loro innata propensione alla servitù incondizionata nei confronti di Washington.

La prospettiva, quale che sia il vincitore alle prossime elezioni presidenziali statunitensi (con l’eccezione, peraltro purtroppo improbabile, di Bernie Sanders) è quella di scatenare una nuova guerra d’aggressione, stavolta vicino casa. Del resto l’abbondante petrolio venezuelano merita uno sforzo supplementare. Vittime predestinate di questo avventurismo sarebbero ovviamente il popolo venezuelano e la pace mondiale. Occorre quindi sperare che si fermi questa spirale verso la guerra, il che può avvenire solo, come ha dichiarato Maduro, con una ripresa ed estensione delle lotte popolari in Venezuela e in tutta l’America Latina, per una nuova fase della rivoluzione democratica, che superi i limiti di vario genere fin qui sofferti.

Diga di Mossul: geologia e geopolitica

di Francesco Cecchini

Intervistato lo scorso marzo 
dal giornalista di Al Monitor Wilson Fache, che si era recato nell’area della diga per un reportage, un abitante della parte di hinterland di Mosul sotto il controllo dei peshmerga curdi (come la diga), ha usato le parole del condottiero berbero Tariq Ibn Ziyad per descrive la situazione degli abitanti dell’area: “Ora ci troviamo con il nemico davanti a noi e il mare profondo dietro di noi”.

LA GEOLOGIA

La diga di Mosul, originalmente conosciuta come Saddam Dam, sul fiume Tigri, nel governatorato occidentale iracheno di Ninawa, si trova circa 50 chilometri a nord della città di Mosul, controllata dall’Isis, meglio detto, capitale del Califfato. La sua costruzione, cominciata nel 1980, fu decisa da Saddam Hussein, nel quadro di un piano di “arabizzazione” del nord curdo dell’Iraq. Fu costruita da un consorzio italo-tedesco HochtierAktiengesellschaft – Impregilo, che la completò nel 1984.Lo sbarramento è lungo 3,2 chilometri per un’altezza di 131 metri.Ė la quarta diga più grande del Medio Oriente e la più grande dell’Iraq. Componente chiave dell’energia elettrica nazionale: 4200 megawatt di turbine generano 320 MW di elettricità al giorno.

I lavori di impermeabilizzazione e di consolidamento furono eseguiti dall’impresa italiana Ing. Rodio S.p.A. di Milano. Fin dai lavori di indagine geologica, eseguiti sempre dalla Rodio, e che compresero anche lo scavo di un tunnel esplorativo si sapeva che il suolo di fondazione, argilla e gesso carsico, non era adatto alla struttura. Il consorzio non si curò delle caratteristiche non idonee del suolo del territorio scelto per la “grande opera” del governo di Saddam Hussein. I lavori furono completati nel 1984.

La diga ha sofferto fin dall’inizio problemi, che resero, quasi immediatamente, necessarie iniezioni di cemento microfine. Una stima parla di circa 90 milioni di chili di cemento iniettato che però furono inefficaci e non hanno risolto il problema. Anzi sembra abbiano causato ulteriori deterioramenti agli strati di gesso carsico di fondazioni e alla struttura. Le continue iniezioni di cemento hanno fatto si che le aperture nel gesso si aprissero sempre più, lasciando cavità al posto del dissolto gesso, movimenti di ingenti quantità di cemento e in superfice sussidenze tutt’intorno alla diga. 

Nel 2007 la diga di Mosul fu oggetto di due rapporti dei tecnici dell’americano Corp of Engineers (USACE) che misero in luce caratteristiche e pericolosità:

Geologic Setting of Mosul Dam and Its Engineering Implications

http://el.erdc.usace.army.mil/elpubs/pdf/tr07-10.pdf

e

GeologicConceptual Model of Mosul Dam.

http://www.dtic.mil/dtic/tr/fulltext/u2/a472031.pdf

Martedì 19 e mercoledì 20 aprile scorsi il Centro studi americani, in collaborazione con l’Ispi, ha ospitato l’Iraq Crisis Conference, un ciclo di conferenze promosso dal Pafi (Peace Ambassadors for Iraq). Nadhir al-Ansari, docente presso la facoltà di ingegneria del Politecnico di Lulea alla costruzione della diga ha preso parte in prima persona,ha fornito un quadro completo dei numerosi problemi geotecnici.

GLI ALLARMI

A fine febbraio 2016, Il governo iracheno e l’ambasciata Usa a Baghdad hanno messo in guardia i residenti lungo il fiume Tigri su un possibile cedimento della diga di Mosul. Hanno affermato che Il rischio di caduta è “serio e senza precedenti. Un’evacuazione rapida rappresenta lo strumento più efficace per salvare vite di centinaia di migliaia di iracheni”.

Ultimamente anche l’ONU ha lanciato l’allarme: “Rischio catastrofe, fatepresto” Secondo gli analisti, il cedimento della diga potrebbe travolgere tra i 500mila e l’1,4 milioni di iracheni che vivono lungo le rive del fiume Tigri.In una riunione, il 10 marzo scorso, presieduta dall’ambasciatrice Usa Samantha Power e dall’ambasciatore iracheno Mohamed Alhakim si è fatto un appello alla comunità internazionale di “effettuare al più presto i lavorinecessari” e di istruire la popolazione sulle vie di fuga in caso di inondazione. Il cedimento della struttura potrebbe avvenire anche con scarsissimo preavviso e le conseguenze sarebbero devastanti: “se si dovesse aprire una falla – ha detto la Power – l’onda raggiungerebbe i 14 metri di altezza, spazzando via ogni cosa, persone, auto, case, ordigni inesplosi, scorie e altro materiale pericoloso”. La città di Mosul, che conta oltre 600 mila abitanti, sarebbe sommersa dalle acque in meno di quattro ore. “La posta in gioco è altissima –ha sottolineato l’ambasciatrice Usa – e le conseguenze possibili devastanti per non affrontare immediatamente il problema”L’onda potrebbe anche raggiungere la città di Baghdad.

Nel recente ciclo di conferenze a Roma, menzionato prima, al-Ansari si è unito al coro di allarmi affermando che “la diga cederà di certo”.

RENZI, PINOTTI E LA DIGA

Le truppe italiane in Iraq supereranno tra pochi mesi il migliaio di effettivi con l’arrivo di un battaglione destinato a presidiare la diga sul fiume Tigri a nord di Mosul, contesa aspramente nell’estate del 2014 dalle milizie dell’Isis e dai curdi che la riconquistarono con l’appoggio aereo statunitense.

La nuova missione militare è stata annunciata dal Presidente del Consiglio  Matteo Renzi a una  trasmissione televisiva Porta a Porta del dicembre 2015: “siamo in Iraq per l’addestramento ma anche con un’operazione importante nella diga di Mosul, cuore di un’area molto pericolosa al confine con lo Stato Islamico: è seriamente danneggiata e se crollasse Baghdad sarebbe distrutta.L’appalto è stato vinto da un’azienda italiana, noi metteremo 450 nostri uomini insieme agli americani e la sistemeremo”. Il nuovo impegno dell’Italia era stato anticipato da Barack Obama, che aveva dichiarato che “l’Italia è pronta a fare di più nella lotta al Califfato”.

Roberta Pinotti, ministro della Difesa  ha affermato al programma televisivo Agorà:  Non andiamo a combattere bensì a compiere interventi per preservare la diga, un’infrastruttura fondamentale per il futuro dell’Iraq, che se abbandonata rischia di provocare un grave danno ambientale. Quella di Mosul è una missione nuova e importante, in una zona molto calda perché la città è considerata la capitale del califfato in Iraq, città centrale anche per i collegamenti con la Siria”. La Pinotti inoltre ha parlato di 500 soldati  coinvolti nell’iniziativa oltre a dire: “bombardare non è un tabù”.

L’IRAQ E LA DIGA

Non tutti in Iraq sono d’accordo con Renzi, perché finora il governo iracheno ha mostrato poca disponibilità ad accogliere forze straniere da combattimento sul territorio nazionale.Recentemente il premier al-Abadi ha criticato il dispiegamento di forze speciali statunitensi in Iraq e ha condannato l‘arrivo di un reggimento meccanizzato turco a nord di Mosul, penetrato in Iraq col via libera dei curdi ma non di Baghdad. Il direttore iracheno della diga di Mosul, Riad Ezziddine intervistato dall’emittente tv irachena al-Sumaria news ha affermato riguardo l’invio di soldati italiani alla diga di Mosul: “Chiacchere che mirano a creare confusione. Alcune dichiarazioni diffuse ultimamente circa un imminente crollo della diga non si basano sulla realtà”

Perché gli iracheni dovrebbero accettare che truppe italiane presidino un obiettivo sensibile di quel valore? Non è un caso che le notizie sull’invio dei soldati italiani alla diga vengano definite “chiacchere che mirano a creare confusione” dal direttore iracheno della diga di Mosul, Riad Ezziddine intervistato dall’emittente tv irachena al-Sumaria news.Il ministro delle Risorse idriche, Mushsin Al Shammary, ò il 20 dicembre scorso, ha dichiarato che l’Iraq “non ha bisogno di alcuna forza straniera per proteggere il suo territorio, i suoi impianti e la gente che ci lavora”

Anche le potenti milizie sciite irachene hanno reso noto che qualsiasi forza straniera in Iraq sarà considerata come una forza occupante, compresi gli italiani. Ė l’avvertimento lanciato dal portavoce delle Brigate sciite irachene Hezbollah, Jaafar al Husseini. “La nostra posizione è chiara: qualsiasi forza straniera in Iraq sarà considerata una potenza occupante a cui dobbiamo resistere”. Il leader radicale scita Moqtada Sadr, uno dei protagonisti dell’insurrezione contro le truppe alleate d’occupazione nel 2004 (sue milizie uccisero e ferirono anche molti militari italiani nell’area di Nassiryah “tra il 2004 e il 2006) ha affermato che “l’Iraq è diventato una piazza aperta a chiunque voglia violare i costumi e le norme internazionali”. Oltre ai miliziani sunniti del Califfato, i nostri militari dovranno guardarsi anche dalle milizie sciite filo iraniane che combattono a sud di Mosul e che sono poi le stesse che hanno ucciso o ferito tanti militari italiani a Nassiryah durante l’Operazione Antica Babilonia tra il 2003 e il 2006.

Per Baghdad anche l’urgenza dei lavori di ristrutturazione della diga non sembra essere poi così urgente. A fronte dei continui allarmi per il possibile cedimento dell’infrastruttura lanciati dagli americani, vedi i citati rapporti dell’Army Corps of Engineers, il ministro al-Shammary ha affermato che  “Tali previsioni sarebbero corrette se la quantità di acqua nel bacino fosse al massimo, mentre attualmente è solo a un quarto”. Una situazione dovuta alla carenza di piogge e alla riduzione della quantità di acqua lasciata passare dalla Turchia negli ultimi due anni.Sulla base dei risultati raccolti al-Shammary e altri quattro ministri hanno presentato al governo un rapporto in cui non si fa alcun riferimento a un possibile imminente crollo e ha confermato che l’appalto assegnato alla Trevi prevede di “aumentare e rafforzare” le iniezioni di cemento nelle fondamenta e di riparare un’apertura di scarico che serve a ridurre la pressione dell’acqua sulla diga in caso di emergenza. Quindi lavori limitati.

L’APPALTO

La Farnesina ha informato il 2 marzo che è stato firmato il contratto tra la società Trevi S.p.A. di Cesena con le autorità irachene, Ministero delle Risorse Idriche, per i lavori di consolidamento della diga di Mosul. Il progetto prevede due interventi da svolgere in contemporanea. Il primo riguarda il rafforzamento delle fondamenta con iniezioni di cemento. Il secondo la riparazione di una delle due paratoie, cioè le aperture a monte che vengono azionate quando è necessario scaricare acqua per diminuire la pressione sulla diga.

La tv di Stato irachena, che ha diffuso per prima la notizia, ha indicato in 273 milioni di euro il valore del contratto. Nella versione originale il valore dell’intero progetto era di circa a 1,9 miliardi di dollari da realizzare in 5-7 anni.L’impatto di questa commessa sul conto economico di Trevi è stato positivo, A Piazza Affari il titolo Trevi ha avuto un aumento del 5,26% .In un’intervista al Quotidiano Nazionale Stefano Trevisani AD della Trevi da dichiarato: “I lavori dureranno un anno e mezzo, fino a ottobre dell’anno prossimo. Gli italiani saranno una settantina, i locali almeno 250. Poi stranieri di altre nazionalità. Il cantiere sarà pienamente operativo da metà settembre e e riprenderemo la manutenzione che si faceva prima, certo con tecnologie più all’avanguardia”.Carlo Crippa, area manager per l’Iraq ha spiegato sempre a QN che “bisogna intervenire con perforazioni e iniezioni di miscele cementizie”.

Circola l’ipotesi che la Trevi abbia una relazione importante con il governo  di Renzi. Ipotesi che potrebbe essere provata anche dalla presenza nel Consiglio d’Amministrazione di Marta Dassù come consigliere non esecutivo e indipendente. Esperta di politica internazionale di area PD già sottosegretario e viceministro degli Esteri con i governi Monti e Letta, la Dassù è stata consigliere di Massimo D’Alema e recentemente è stata voluta da Renzi all’interno del cda di Finmeccanica, che a differenza della Trevi però è un’azienda pubblica.

Il contratto è del tipo ‘cost plus’: la quantità dei finanziamenti sarà calibrata passo dopo passo secondo quelli che saranno i costi e il profitto dell’impresa è garantito.

Per finanziare il progetto Baghdad ha chiesto e ottenuto un prestito alla Banca Mondiale.

SITUAZIONE ATTUALE

L’agenzia di notizie Il Velino, riprendendo fonti curde, ha diffuso la notizia Il 10 aprile ha inviato nel Kurdistan iracheno a Erbil, distante da Mosul un’ottantina di chilometri, nuovo contingente di soldati e mezzi nel quadro della lotta contro lo Stato Islamico.Questo contingente, composto da 130 soldati e 8 elicotteri, ha sostituito un reparto americano privo di elicotteri d’attacco. Negli stessi giorni l’ANSA, sempre da fonti locali ha informato che militari italiani hanno effettuato un’ispezione in diga e perso contatto con i peshmerga che la presidiano per organizzare le truppe,450 soldati, che saranno addette alla sicurezza del cantiere e dei lavoratori della Trevi.

L’ Associated Press ha scritto che il primo team di tecnici italiani della ditta Trevi è arrivato giovedì 14 aprile a Mosul per iniziare la preparazione del campo in cui sarà posizionato il resto della squadra che si occuperà dei lavori di sistemazione della grande diga. Fonti italiane ben informate dicono che, in realtà, si tratta di un solo responsabile, inviato momentaneamente per seguire l’avvio dei lavori per la realizzazione del compound che ospiterà i lavoratori. Dunque se ne occuperanno gli iracheni della realizzazione del campo che ospiterà i tecnici della Trevi previsti per metà, fine giugno. I militari italiani forniranno la sicurezza all’intera area della diga mentre la protezione ravvicinata al personale italiano della Trevi sarà affidata a contractors della società britannica Pilgrims, presente da ben 12 anni in Iraq e che ha il 27 febbraio scorso ha visto rinnovata la sua licenza operativa dal Ministero degli Interni di Baghdad.

RIFLESSIONI

Durante L’Iraq Crisis Conference tenutasi a Roma il 19 e 20 aprile scorsoJamal al-Dhari Presidente del Pafi e partigiano del principio di autodeterminazione dei popoli in Iraq, ha ben raccontato l’Iraq di oggi che ha descritto come un paese “schiavo dell’occupazione ed esportatore del terrorismo” ed non ben compreso. L’origine della situazione sono gli Stati Uniti, che hanno invaso l’Iraq pur non avendo ottenuto alcuna legittimazione dalle Nazioni Unitee hanno contribuito a creare un sistema politico che con il tempo si è rivelato fatale per la stabilità del Paese. Tale sistema non ha fatto altro che alimentare il settarismo, perché fondato su una spartizione del potere su base etnico-religiosa. Al-Dhari ha accusato gli americani anche di “essersi ritirati dall’Iraq lasciando i suoi confini aperti”, il che non ha fatto altro che facilitare “l’ingerenza iraniana e l’insorgenza della guerra civile”. Al-Dhari ha avuto parole dure anche per la classe politica irachena, corrotta e inetta, in cui figurano un Parlamento, “che a oggi non ha mai svolto le sue mansioni”, e “dei ministri che sono al servizio delle diverse fazioni ideologiche, piuttosto che del popolo iracheno”. Da qui, la piaga del terrorismo, di cui l’Iraq è esportatore, che nasce dalla corruzione e che spinge, a sua volta, i cittadini, insoddisfatti della gestione della res publica, a radicalizzarsi e a sostenere quelle organizzazioni terroristiche.

Questo è il quadro generale dove si inserisce l’ulteriore invio di soldati italiani.

Con l’avventura di Matteo Renzi nell’area della diga di Mossul nella divisione dei compiti della coalizione anti Isis, guidata dagli Stati Uniti, l’Italia passa da sostegno militare e fornitura di armi a un ruolo attivo di vero e proprio intervento militare. Il contingente militare con l’invio di 450 militari diventerà il contingente straniero più numeroso in Iraq. Nel cuore poi del confronto armato con l’Isis. L’obiettivo di difendere il cantiere di un’impresa privata con consistenti forze militari, uomini e mezzi, è incongruente. La partenza del contingente è attualmente stimata tra maggio e giugno 2016.

Analisi Difesa un magazine on-line che si occupa tematiche militari in un articolo dal titolo significativo, Roma invia in Iraq forze da combattimento per fare la guerra, fornisce in articolo recente importanti informazioni sulla reale portata dell’operazione.

http://www.analisidifesa.it/2016/04/roma-invia-in-iraq-forze-da-combattimento-per-fare-la-guerra/

I punti dell’articolo sono i seguentiVerso la diga, Perplessità, Quali obiettivi reali? Verso un ruolo “combat” dell’Italia?

Restano tutti gli interrogativi per uno sforzo militare nazionale ancora una volta richiesto dagli Stati Uniti, ad alto rischio per i nostri militari ma che garantirà la sicurezza anche ai lavori di riparazione dell’impresa italiana Trevi.Schierare 500 militari in quell’area comporterà un costo stimabile in almeno 50 milioni annui senza contare le spese logistiche per schierare mezzi, armi ed elicotteri, necessari ad assicurare i collegamenti ed eventuali evacuazioni sanitarie tra Erbil e la base istituita nella diga.

A livello istituzionale la vicenda dovrebbe essere discussa in dettaglio in Parlamento. Lo scorso 16 gennaio Basilio parlamentari M5s presentarono un’interrogazione, ma la riposta del sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano è stata ampiamente insufficiente.

A livello di movimento deve crescere l’opposizione a questa decisione del governo di Matteo Renzi di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mossul. Vanno cercate delle alternative all’intervento militare a difesa della diga, per esempio il controllato svuotamento del bacino d’acqua, fino a che la riparazione potrà avvenire in una situazione di pace.

Si segnala il link con un articolo pubblicato da Pressenza i primi di marzo 2016 dove si raccontano alcune iniziative di opposizione che vanno sviluppate.

http://www.pressenza.com/it/2016/03/mosul-lintervento-italiano-rischi-delle-grandi-dighe/

Il mio Iraq e quello degli altri: 25 anni dall’inizio dell’olocausto

da fulviogrimaldi.blogspot.it

In Siria e in Iraq le forze patriottiche sono all’offensiva.

“Quando racconto la verità, non è tanto per convincere coloro che non la conoscono, quanto per difendere quelli che la sanno”. (William Blake)

E finché facevano guerre, il loro potere veniva preservato, ma quando ottennero l’impero, caddero. Perché dell’arte della pace non sapevano niente e non si erano mai dedicati a nulla che fosse meglio della guerra”. (Aristotele. Gli Usa, dalla nascita, hanno fatto in media una guerra all’anno)

Una partita con tre campi da gioco

In tutte le guerre, rivoluzioni, aggressioni che ho vissuto e ho provato a raccontare, si configuravano sempre tre schieramenti. Il primo stava sul campo “Realtà” ed era costituito dal popolo sotto attacco e dai suoi amici in giro per il mondo; il secondo stava sul lato opposto, in un campo chiamato “Menzogna” ed erano le armate e le parole di soldati, politici, banchieri, industriali colonizzatori. In mezzo, con una gamba di qua e una di là, in un campetto di nome “Né-Né”, ciondolavano gli Astenuti. Ho sempre pensato che, per primi, dovevano essere tolti di mezzo questi qua. Confondevano sia la vista, sia i suoni  dello scontro, che quelli della “Realtà” si sforzavano di percepire. Spargevano, anche all’occhio di chi guardava dalla finestra, una nebbiolina che offuscava i contorni. Per me combattere quelli del campo “Menzogna” significa far piazza pulita degli “Astenuti”.  Dopo, si sarebbero potuti affrontare i nemici, meglio identificati grazie alla scomparsa dei mistificatori. Con gli Astenuti, va detto, gli irreali non se la sono mai presa.

Sono parecchi i luoghi dove ho visto questi soggetti manifestarsi, sempre nella formazione appena descritta: Palestina 1967, Irlanda 1969-1990, Jugoslavia 1999-2001, Iraq 1977-2003, Venezuela, Argentina, Bolivia, Ecuador 2002-2006, Cuba 1995-2005, Libano 1997-2006, Libia 2011, Siria dal 2012. Non mi sono mai potuto privare della scoperta di trovare, in tutti questi campi, immancabilmente gli Astenuti o “Né-Né”. In Palestina, pur biasimando il regime sionista, predicano la nonviolenza a coloro cui andavano sfasciando la testa le SS sioniste e arrivano a dare del “terrorista” a quelli a cui orde di robocop trovano (o mettono) un coltello addosso. Pur alzando il ciglio sull’occupazione  britannico-fascista dell’Irlanda del Nord, rampognavano la risposta dei repubblicani, troppo dura, e ne festeggiarono la resa, come trionfo della pace, con l’Accordo del Venerdì Santo (1998). In Palestina il “diritto dello Stato di Israele di esistere” si confonde con i pat-pat sulle spalle degli espropriati e genocidati. Fino a inebriarsi della truffa di Oslo e dei “Due Stati”.e caldeggiare marcette pacifiste di 10 palestinesi e 4 israeliani.

Con la Jugoslavia, l’epistemologia sulla natura di cosa andava succedendo e chi erano gli attori in scena ha visto la prima manifestazione della sindrome schizofrenica che colpisce gli Astenuti. Nato cattiva, ma Milosevic dittatore. Dunque, eticamente, né-né. Tra chi bombardava televisioni, ospedali, case, ponti, treni, scuole, fabbriche petrolchimiche, per ridurre in frantumi e contaminare un paese e chi questo trattamento lo subiva, fiorì rigoglioso il né-né. Né con la Nato, né con Milosevic. Ma in fondo, un po’ meno di meno, con quei ipernazionalisti del dittatore serbo. E così, succhiando linfa dall’informazione totalitaria e oligarchica, lastricavano di buone intenzioni la strada per l’inferno.

Con una coerenza invidiata da tutti noi, in Libia si incupirono più degli inesistenti “bombardamenti di Gheddafi sulla propria gente” degli spavaldamente esistenti missili a pioggia. E rivestirono di panni sgargianti di arcobaleno invasati terroristi che decollavano e scuoiavano civili e prigionieri. Spettacolino ripetuto per Iraq e Siria. Su un popolo cui per 25 anni hanno riservato un destino mostruoso, paragonabile a quello palestinese solo perché questo dura da settant’anni, hanno fatto pendere, e continuano a farlo, la spada di Damocle del dittatore Saddam. Ha sterminato 200mila curdi (sono ancora tutti lì e si mangiano pezzi di Iraq su mandato USraeliano), divorato il Kuweit (provincia irachena rescissa dai britannici), represso il suo popolo, sterminato 5000 comunisti (mai successo). E in fondo, ignominia!, anche amico degli Americani che lo hanno armato (mai amico, mai armato, se non dall’URSS). Così ha potuto essere tranquillamente preso a calci e appeso.

Oggi si esercitano con passione sulla Siria dove, con un copia-incolla dal Pentagono, trascrivono e diffondono  l’anatema contro “i governi che fanno la guerra ai propri popoli” (si sa quali) e l’auspicio, con un’ occhiata al “dittatore Assad”, “per la pace e la democrazia in ogni paese” (dove si sa cos’è questa democrazia e chi la esporta). Ma ovviamente, pur condividendone la ragioni, sono contro le guerre Nato. Né-né. Un messaggio che fa facile presa su gente che non vuole problemi.

Il 12 maggio del 1977, mio genetliaco,  un candelotto centrò il mio ginocchio. Mi inseguirono e fotografarono. Era la manifestazione pro-divorzio nella quale, anche sotto i miei di occhi, a Ponte Garibaldi di Roma, i “Falchi” omicidi di Cossiga ammazzarono Giorgiana Masi. La notte e il giorno dopo, rastrellamenti. Ne avevo viste e subite abbastanza per togliere il disturbo. Il compagno medico, Giorgio Alpi, papà della mia collega Ilaria, mi fece avere un certificato medico per il lavoro. Arrivai nello Yemen. Fu nell’estate di quell’anno che, dallo Yemen, il mio settimanale, “The Middle East”, mi spedì in missione a Baghdad.

>>>Continua a leggere>>>

 

Geopolitica dell’assedio

C20E783FCI militari USA nell’America del Sud [i]

di André Deak e Bianca Paiva

Agência Brasil defesanet.com.br

  1. In questa intervista rilasciata qualche hanno fa dal politologo brasiliano ed esperto di geopolitica, Moniz Bandeira, poneva l’accento sulla presenza di basi militari nordamericane in alcuni paesi (teatri di guerra) strategici dell’America meridionale, i quali sono selezionati dal complesso strategico-militare americano per conservare lo statu quo regionale. Questo tipo di strategia consente alle unità operative americane l’appoggio logistico necessario per la conduzione di azioni belliche nei diversi teatri di operazioni che dovessero sorgere nella regione. La strategia nazionale di Difesa degli Stati Uniti ha più volte rimarcato l’importanza di espandere le truppe e l’equipaggiamento logistico militare nel mondo e, nello specifico, nei diversi paesi dell’America meridionale e caraibica (Curaçao, Barbados, Colombia, Guiana, Ecuador, Perù, Paraguay) per consentire un maggiore controllo spaziale e operativo verso quei paesi considerati d’importanza geoeconomica e geostrategica – Brasile e Argentina e, non ultimo nell’ordine, il Venezuela -. L’adozione di questo tipo di disegno influenza la sicurezza dello Stato assediato, le sue relazioni commerciali, diplomatiche e di sviluppo, giacché sono subordinate agli interessi strategici e di sicurezza degli Stati Uniti. Fattori che fortemente influenzano le scelte in politica estera e che limitano di molto l’autonomia in sede internazionale.

Il Venezuela, considerato paese che erode l’influenza e il potere USA nell’America meridionale e caraibica, è stato inserito nel novero degli Stati che bisogna combattere e indebolire mediante lotte economiche (guerra economica), contrabbando, crimine organizzato, innesco di conflitti transfrontalieri, violazione delle libertà civili e dei diritti umani, guerra psicologica, ecc., dilatandoli nel tempo e con lo scopo di riconfermare l’incontrastata supremazia americana nella regione. Il controllo delle risorse naturali dei venezuelani costituisce un fattore molto importante per assicurare a lungo termine il dominio economico, politico e la stabilità della società nordamericana. Difatti il processo di sviluppo economico dei paesi iperindustrializzati dipende dall’approvvigionamento di energia e il petrolio è la più importante fonte energetica.  Ciò ha contrassegnato la storia economica, politica e militare dei nordamericani per il dominio del Venezuela degli ultimi cento anni.

  1. La concretizzazione di un’entità geografica comune che potesse coniugare l’aspetto economico con quello politico da proiettarsi su scala internazionale, si poteva solo ottenere attraverso l’elaborazione di nuovi schemi d’integrazione sub regionale. È stato così che è sorta l’idea della strutturazione di nuove entità (Mercosur, Unasur) come formule più avanzate di quelle già esistenti (Alalc, Sela, Pacto Andino, Comunidad del Caribe, Mercado Centroamericano) con l’obiettivo di coordinare la posizione dell’America Latina di fronte alle sfide del mondo.

Tuttavia questo continente fatto di capricci e dispersioni, diffidenze e aspirazioni di grandezza, continua a fare tutto il possibile affinché questi meccanismi restino limitati, ininfluenti per non produrre l’integrazione richiesta e tanto meno far ascoltare la voce di un’America Latina unita. In questi ultimi anni i governi di alcune nazioni hanno preferito la scelta di negoziare con gli Stati Uniti o con l’Unione Europea sul piano di una presunta uguaglianza o bilateralismo. Preferiscono agire con manifestazioni d’individualismo esacerbato (Colombia e la nuova Argentina di Macri) che in fin dei conti non sono altro che l’espressione di un nazionalismo da sottosviluppo: declamatorio in modo reboante ma privo di contenuti. Sono scelte politiche che non tengono in conto primario l’interesse nazionale, ma garantiscono solo il protettorato americano.

  1. Nella presente fase multipolare la voce dell’America Latina rischia di azzittirsi. La deriva populista a destra di alcuni attori importanti rischia di rendere nulli i criteri che riguardano la difesa dei prezzi delle materie prime o l’intercessione ai forum per un commercio più giusto. L’importanza geostrategica e geopolitica data ai progetti Alba, Celac e Unasur da parte dell’allora presidente venezuelano, Hugo Chávez, rispondevano alle richieste di una regione desiderosa di affermare nel mondo la propria immagine storica; la percezione di una responsabilità e di un destino compartecipe che incalzava verso la realizzazione di uno sforzo comune per combinare le risorse (primarie, energetiche, demografiche) di cui dispone e fare dell’America Latina un potere mondiale.

La presenza di alcuni meccanismi come il Mercosur nel panorama internazionale ha, seppure in modo impercettibile (economicamente e politicamente), confermato e quindi cominciato a produrre la certezza di sviluppi importanti. In più di un’occasione Hugo Chávez aveva segnalato che non si trattava più di una necessaria volontà politica di appoggio al processo d’integrazione, ma della costruzione di una vera e propria concezione politica comune che possa proiettarsi sia verso l’esterno sia verso l’interno. Nonostante le ragioni storiche e sociopolitiche che si avviano verso l’integrazione, il raggiungimento della stessa è piuttosto lastricato di ostacoli.  Esistono grosso modo due gruppi di pressione che ostacolano questo percorso, le multinazionali e gli interessi locali che lavorano in associazione con le prime. In particolare questi ultimi ignorano volutamente gli obiettivi globali di un’integrazione. Ed è proprio qui che non esiste un’intesa. Spesso si tralascia il principio fondamentale, ovvero, la nozione di giungere ad essere una unità, più grande. Invece, le borghesie locali preferiscono adottare la scelta subalterna di comodo, cioè quella delle piccole monadi. La riconsiderazione in termini geopolitici dell’interesse nazionale è una via obbligata che tutti i paesi dell’America Latina devono riconsiderare per evitare di essere dei semplici spettatori, di ruolo e di rango, nello scacchiere internazionale.

Vincenzo Paglione

 

*****************

 

Agência Brasil: Cosa ci vuole dire riguardo alla presenza degli Stati Uniti in America del Sud?

Moniz Bandeira: Gli Stati Uniti stanno realmente creando, da ormai molti anni, una fascia intorno al Brasile.

Agência Brasil: Di basi militari?

Moniz Bandeira: Proprio così, di basi militari si tratta. La Base di Manta, in Ecuador, e altre in Perù. Alcune di esse sono permanenti, altre sono solo occasionali. Come la base che si trova in Paraguay, che non è una vera e propria base. Hanno una pista di atterraggio costruita negli anni ’80, più grande della pista Galeão (in Rio de Janeiro, la maggior pista di atterraggio del Brasile, con 4.240 m di longitudine).

Ora circola la notizia che questa base sarà dotata di 400 soldati (nordamericani in Paraguay). Eseguono addestramenti insieme ai paraguaiani e formano gruppi di soldati per allenarsi vicino alla frontiera con il Brasile e in altri punti. La cosa più curiosa di tutto ciò e che fa insospettire è che: 1° è concessa l’immunità ai soldati sudamericani; 2° la visita di Donald Rumsfeld (segretario della Difesa degli USA) alla capitale, Asunción de Paraguay; 3° il fatto che Dick Cheney (vicepresidente nordamericano) ha ricevuto negli Stati Uniti il presidente del Paraguay. Che cosa rappresenta il Paraguay per gli Stati Uniti? Ciò costituisce solo una forma di perturbazione del Mercosur.

Agência Brasil: Gli analisti affermano che il Paraguay compie la funzione di alleato degli USA, che già in altro momento aveva svolto l’Argentina, con il presidente Carlos Menem, e in seguito l’Uruguay, con Jorge Battle.

Moniz Bandeira: È proprio quello che cercano di fare, prima con l’Argentina di Menem, dopo con l’Uruguay di Battle e ora vogliono manipolare il Paraguay. È una faccenda molto delicata. Il Paraguay non ha nessun peso. Anzi, se il Brasile decidesse di aumentare la vigilanza nella frontiera, finirebbe il Paraguay, perché la maggior parte delle esportazioni che effettua questo paese le compie attraverso il contrabbando con il Brasile.

Ufficialmente il Paraguay destina al Brasile più del 30% delle sue esportazioni. Se si prende in considerazione anche il contrabbando, la percentuale salirebbe a più del 60%. Ma anche per esportare verso altri paesi il Paraguay, in sostanza, dipende dal Brasile, attraverso i corridoi di esportazione che conducono verso i porti di Santos, Paranaguá e Rio Grande. Il Paraguay è un paese che presenta molte difficoltà, si sovrastima, ma non corrisponde alla realtà. Ogni paese dovrebbe riconoscere i propri limiti e le sue reali relazioni di potere. Il Paraguay è inagibile senza il Brasile e l’Argentina. L’Argentina è solidale con il Brasile e non ha alcun interesse verso il Paraguay come strumento degli Stati Uniti per ferire il Mercosur.

Agência Brasil: Dove si trovano, nello specifico, i militari nordamericani che formano questa “fascia” intorno al Brasile.

Moniz Bandeira: Si estendono dalla Guyana, passano per la Colombia … Bisogna evidenziare che non sono militari uniformati, ma imprese militari private che eseguono una serie di servizi terziarizzati per gli Stati Uniti. Il Pentagono sta terziarizzando la guerra. Già da qualche tempo, inizi degli anni ’90, hanno creato le Military Company Corporations, le quali eseguono i servizi militari per sfuggire alle restrizioni imposte dal Congresso americano. Pilotano gli aerei nella guerra d’Iraq, per esempio. Le compagnie militari private svolgono ogni sorta di lavoro, persino quello sporco: le torture. Con questa trovata eludono le restrizioni imposte.

Agência Brasil: Esistono anche delle operazioni segrete?

Moniz Bandeira: Sì, ma ciò rappresenta un’altra cosa. Abbiamo informazioni al rispetto. Se lei legge i giornali, qualche volta si segnalerà che è stato intercettato un aereo americano in Brasile che in modo clandestino proveniva dalla Bolivia verso il Paraguay. Queste informazioni si trovano un po’ ovunque.

Agência Brasil: Qual è il motivo per il quale ci sono i militari americani in America del Sud?

Moniz Bandeira: I fattori sono diversi. Le basi consentono il mantenimento del bilancio del Pentagono. Per causa dell’industria bellica e del complesso industriale militare, loro hanno bisogno di spendere negli equipaggiamenti militari per realizzare nuovi ordini. È un circolo vizioso. E qual è il migliore mercato per il consumo delle armi? La guerra.

Gli Stati Uniti s’interessano della guerra perché la loro economia dipende in larga parte dal complesso bellico per il mantenimento degli impieghi. Esistono alcune regioni degli USA sotto il totale dominio da parte di queste industrie. Esiste una simbiosi tra Stato e industria bellica. Lo Stato finanzia l’industria bellica e l’industria bellica ha bisogno dello Stato per dare sfogo ai suoi armamenti e alla sua produzione.

Agência Brasil: Esiste qualche ragione strategica dal punto di vista delle risorse naturali?

Moniz Bandeira: I paesi andini sono responsabili di più del 25% del consumo di petrolio negli Stati Uniti. Solo il Venezuela è responsabile di circa il 15% di questo consumo. Da una parte vogliono rovesciare il presidente venezuelano Hugo Chávez, dall’altra sanno che una guerra civile potrebbe far balzare il prezzo del petrolio a più di US$ 200 il barile.

Agência Brasil: Nel libro Formação do Império Americano, lei segnala la presenza di militari nordamericani in America del Sud. Gli Stati Uniti assicurano che molti di quei militari sono lì stanziati per combattere il terrorismo.

Luiz Alberto Moniz Bandeira: Combattere il terrorismo è una sciocchezza. Il terrorismo non è un’ideologia, non è uno Stato. Costituisce uno strumento di lotta, è un metodo di cui tutti ne hanno fatto uso nel corso della storia. Loro ora affermano di voler combattere il terrorismo islamico. Ma perché è sorto il terrorismo islamico?

Perché gli americani presenti in Arabia Saudita occupano i luoghi sacri, per esempio. Prima di ciò, gli USA introdussero il terrorismo islamico in Afganistan per combattere i sovietici. Da lì è iniziato tutto.

Agência Brasil: Gli USA classifica come terroristi all’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale del Messico e alle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia. Hanno ragione?

Moniz Bandeira: Loro desiderano che tutti quelli che insorgono contro di loro siano considerati terroristi. È sempre stato così. Hitler definì terroristi tutti quelli che si opponevano all’occupazione tedesca. I compagni che hanno combattuto nella lotta armata in Brasile contro il regime autoritario sono stati classificati come terroristi.

Il terrorismo è un metodo di guerra, usato persino dalla CIA. Che cosa ha fatto la CIA contro Cuba? Progettò un attentato, abbattendo un aereo, per accusare il governo cubano e giustificare l’invasione di Cuba. Progettò di far esplodere un razzo che avrebbe dovuto condurre allo spazio a John Gleen e accusarla per invaderla. La CIA è sempre stata uno strumento di terrorismo. Gli USA definiscono il terrorismo come un’organizzazione al servizio di uno Stato che pratica atti di violenza per il raggiungimento di obiettivi politici. Ed è ciò che sempre ha fatto la CIA.

La CIA, il Mossad [l’agenzia d’intelligence israeliana] e altre organizzazioni. Chi sono i terroristi? Ariel Sharon, David Ben Gurion e Menachem Begin sono stati dei terroristi. Loro hanno fatto esplodere il King David Hotel di Gerusalemme nel 1946, uccidendo delle persone contro il dominio inglese. Hanno vinto e oggi sono diventati statisti.

Agência Brasil: Gli Stati Uniti affermano che esistono dei terroristi nella triplice frontiera.

Moniz Bandeira: Un’altra sciocchezza. Lo dicono solo perché c’è una presenza d’islamici. Questi spediscono del denaro alle loro famiglie. Il fatto che quel denaro possa essere deviato per finanziare altre attività nessuno lo può impedire. È solo un pretesto per giustificare la loro presenza militare nel Paraguay e in altre parti dell’America del Sud. Gli Stati Uniti sono l’unico paese che possiede un esercito che non è pensato per la difesa del paese, ma per mantenere basi americane in tutto il mondo.

Agência Brasil: La presenza delle basi americane può attirare il terrorismo?

Moniz Bandeira: La maggior parte degli attacchi terroristi contro gli Stati Uniti, fino ad ora, sono avvenuti in America Latina. Un buon numero contro i militari, le aziende private nordamericane e contro gli oleodotti in Colombia. Ma possono inventarsi un attentato terrorista a Foz do Iguaçu per accusare i terroristi e, effettivamente, uno di questi attentati è stato organizzato dalla CIA. È il oro mestiere. Questo si chiama guerra psicologica. La CIA è abituata a fare queste cose, persino in Brasile. Veda il caso di Rio Centro: un attentato preparato per giustificare la repressione[ii].

 

NOTE:

[i] Articolo pubblicato da Agência Brasil il 18 gennaio 2006.

 

[ii]  È il nome con il quale si conosce un attentato che il 30 aprile 1981 si voleva perpetrare ai danni di uno spettacolo commemorativo il Primo Maggio, durante il periodo della dittatura militare in Brasile. In un primo momento il governo accusò la sinistra radicale. Ma in seguito si venne a sapere che l’attentato fu organizzato dai settori più radicali del governo militare. Questi ultimi volevano convincere quelli più moderati sulla necessità di avviare una nuova ondata di repressioni con l’obiettivo di paralizzare le manifestazioni di apertura politica che il governo stava attuando. [N.d.T]

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione da Vincenzo Paglione]

Yemen y Cuba hace 25 años votaron contra la guerra

Per non dimenticare. 25 anni fa, Cuba e Yemen soli contro la prima guerra del Golfopor Marinella Correggia
 
El 29 de noviembre tendria que ser uno de los dias de agradecimiento a Cuba para su acción historica para la paz, la solidaridad y la humanidad, contra el imperialismo de la guerra y de los privilegios. Hace 25 años Yemen y Cuba fueron los únicos que resistieron en el Consejo de Seguridad ante el secuestro de Naciones Unidas por parte de EE.UU. en la preparación de la devastadora “Tormenta del desierto”
 
 
• El 2 de agosto de 1990 Iraq invade Kuwait, al que acusa de llevar a cabo una guerra económica porque, al invadir el mercado con su petróleo, contribuyó a hundir el precio con enormes pérdidas para los iraquíes recién salidos de la desastrosa guerra con Irán. Pocos días antes el embajador estadounidense, April Glaspie, dio al presidente Saddam Hussein una suerte de  (engañosa) luz verde a la acción militar.
 
En los meses sucesivos EE.UU. obstaculiza cualquier posible solución diplomática y prepara la legitimación de la ONU a su guerra aérea: la “Tormenta del desierto”, operación que destruiría Iraq a partir de la madrugada del 16 de enero de 1991, con la participación de diversos países árabes y occidentales, entre ellos Italia. Pero ya desde agosto Bush padre manda a Arabia Saudita cientos de miles de hombres. Es la operación “Escudo del desierto”.
 
Yemen es el único país árabe en el Consejo de Seguridad de Naciones Unidas y, tomando en serio la tarea de representar el conjunto de la región, se rehúsa a participar en la votación sobre la inmediata resolución 660, que pide la retirada de Iraq del territorio de Kuwait. Entre tanto, Jordania busca una solución negociable ante la Liga Árabe, pero después de la primera reunión, con divisiones evidentes (los únicos que no comparten la posición norteamericana son Libia, Jordania, Argelia y Yemen), pero EE.UU. siguen adelante en el Consejo de Seguridad y la Liga es expulsada.
 
En el Consejo de Seguridad George Bush y sus aliados refundan las Naciones Unidas, convirtiéndola en un instrumento de la voluntad y el poder norteamericanos. Como escribió Phillis Bennis en el libro Calling the Shots. How Washington Dominates Today’s UN (Olive Branch Press, 1995), las Naciones Unidas están entre las “víctimas de la guerra del Golfo”, “convertida en agente legitimador de las decisiones unilaterales de la única superpotencia que queda”. “Por lo demás, Washington necesitaba un enfrentamiento militar con una clara victoria garantizada y con la aprobación de la ONU para hacer entender que, aún siendo la única superpotencia estratégica, no tenía la intención de bajar las cortinas, y que Moscú ya estaba en línea con el nuevo orden mundial”.
 
La Unión Soviética, en total declive, próxima a la disolución y formalmente dependiente de la ayuda accidental, no pone el veto – al que tiene derecho como miembro permanente del Consejo de Seguridad- a las resoluciones sobre Iraq. “¿Quiénes somos nosotros – responde con tristeza el embajador soviético en Naciones Unidas a un periodista – para decir que el Pentágono no puede tomar todas las decisiones de una guerra que será conducida en nombre de la ONU?”
También China apoya al no oponerse a Washington, ya sea por tener un papel diplomático más influyente, o por obtener un aligeramiento de las sanciones a que estaba sometida después de los sucesos de la plaza Tienanmen (1989).
 
La resolución clave que lleva a la guerra, el llamado ultimátum a Iraq, es la 687 del 29 de noviembre de 1990, que autoriza a los países miembros a cooperar con Kuwait utilizando todos los medios necesarios, por tanto la fuerza. Los Estados Unidos y las petromonarquías preparan el terreno utilizando el bastón y la zanahoria para ganarse el consenso de los miembros no permanentes. Entre estos últimos, además de los países occidentales (Canadá, Finlandia) y la Rumanía post – muro, uniformemente alineados a favor de la decisión norteamericana, los demás miembros de turno, pertenecientes al grupo de los no alineados, fueron convencidos al sonido de paquetes de ayuda, militar y de otro tipo: Costa de Marfil, Colombia, Etiopía, Malasia, Zaire. La Unión Soviética obtuvo 4 000 millones de los saudíes.
 
Cuba y Yemen son los dos miembros de turno del Consejo de Seguridad que desde el inicio de la crisis se alzaron, varias veces solos, recordando al Consejo la Carta de Naciones Unidas que invoca soluciones pacíficas a las controversias, y tratando de convencer a los demás miembros de alejarse de la línea beligerante de Washington. Con ellos, EE.UU. y los saudíes utilizan el bastón. A la espera de la resolución crucial la presión sobre los dos desobedientes se intensifica.
 
Realmente el bloqueo contra Cuba dura décadas, por tanto Estados Unidos no tiene muchos instrumentos diplomáticos ni económicos. Pero de todas formas prueban: vísperas del voto se desarrolla en Manhattan el 28 de noviembre, el primer encuentro ministerial entre Washington y La Habana en 30 años. Es a todas luces una revisión de la posibilidad de convencer a los cubanos de desistir. Nada que hacer: el  29  de noviembre 1990 Cuba y Yemen votan contra la resolución 687, la resolución de guerra… China se abstiene, todos los demás votan a favor.
 
Yemen – el país más pobre de la región, recientemente unificado- paga un precio muy alto por la valentía de violar el consenso ordenado por los estadounidenses. Pocos minutos después de la votación, Estados Unidos le comunica al embajador Abdallah Saleh al-Ashtal: “Será el no más caro que jamás hayan dicho”, y cancelan el plan de ayuda de 70 millones de dólares. No era suficiente: por su parte Arabia Saudita expulsa a cientos de miles de trabajadores yemenitas. Una retorsión nazi.
 
La madrugada del 16 de enero de 1991 Estados Unidos y sus aliados comienzan a bombardear, a pesar de la respuesta positiva de Iraq a los últimos intentos de negociación por parte del secretario general de Naciones Unidas; de Irán (apoyado por Moscú), y de Nicaragua, La India y Alemania (Daniel Ortega fue el único jefe de Estado que se trasladó a Bagdad para evitar la guerra).
 
Mientras las ciudades iraquíes son destruidas por las bombas poco inteligentes  y los soldados que se retiran de Kuwait son sepultados vivos en el desierto por los marines, Moscú apoya la aceptación por la parte iraquí de la resolución 660: la retirada de Kuwait, pero EE.UU, y Gran Bretaña piden más inmediatamente y siguen bombardeando. 
 
 [Trad. Yenia Silva]

NATO complice ISIS nella vendita di petrolio rubato a Siria e Iraq

da hispantv

Un media tedesco ha rivelato la complicità della NATO nel contrabbando di petrolio rubato dall’Isis (Daesh, in arabo) alla Siria e all’Iraq.

I paesi membri della NATO, in particolare Turchia, Stati Uniti e il Regno Unito, fanno finta di non vedere su queste attività, facilitando la continuazione di questo saccheggio economico. Lo ha riferito il sito web di informazione tedesco DWN.

Inoltre, si aggiunge che il gruppo terroristico Daesh sta beneficiando del furto e della vendita illegale di petrolio, con un profitto di tre milioni di dollari al giorno, per una vendita giornaliera di 45.000 barili di petrolio.

L’Isis ha il controllo del 60% della produzione del siriano e sette dei campi petroliferi dell’Iraq.

La fonte aggiunge che i più stretti alleati di Londra e Washington, come il governo regionale del Kurdistan iracheno e l’Organizzazione di intelligence nazionale della Turchia (MIT), facilitino il contrabbando di petrolio.

Le autorità del Kurdistan iracheno e il governo turco, negano qualsiasi coinvolgimento nel contrabbando di idrocarburi svolto da questo gruppo, evidenziando le misure adottate per rallentare questo traffico.

Nafiz Ahmed, un giornalista del portale di notizie online Middle East Eye, citando una fonte del governo iracheno, che ha parlato a condizione di anonimato, ha sottolineato l’omertà delle autorità curde sulla vendita del petrolio iracheno sul mercato nero.

«Gli USA sanno molto bene ciò che sta accadendo, ma Erdogan ha buoni rapporti con il presidente Obama; Erdogan fa quello che vuole e gli USA approvano», ha aggiunto il funzionario iracheno.

Come ulteriore prova della complicità della NATO, DWN aggiunge che la compagnia petrolifera anglo turca Genel Energy legata ai parlamentari britannici, ha ricevuto un ordine per la fornitura alle raffinerie della società curda Gruop Nokan, che è sospettata di sostenere la vendita illegale di petrolio dell’Isis alla Turchia.

Tra i clienti del greggio rubato all’Iraq e alla Siria figurano alcuni paesi europei che lo comprano ad un prezzo speciale, come indicato alla fine del 2014 dal direttore del Servizio federale di sicurezza russo (FSB), Alexander Bortnikov.

Oltre al contrabbando di petrolio, Daesh ha altre fonti di finanziamento, quali il traffico di organi e la vendita di reperti archeologici e storici.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

L’Isis utilizza Facebook per vendere reperti antichi rubati in Siria e Iraq

da hispantv

Il gruppo terroristico Isis (Daesh in arabo) utilizza il social network Facebook per vendere oggetti di antiquariato di inestimabile valore saccheggiati in Siria e Iraq.

La rete televisiva statunitense Fox News ha riferito che Daesh offre su alcune pagine di Facebook una serie di monete antiche, tavolette di argilla, statue d’oro e manoscritti in ebraico e aramaico, tra i vari altri oggetti.

«Non è sempre possibile identificare i manufatti rubati, ma siamo in grado di agire e si può essere certi che saremo in grado rimuovere tali contenuti», afferma Matt Steinfeld, responsabile delle politiche sulla Privacy di Facebook.

Facebook sostiene di aver rimosso queste pagine immediatamente che, secondo gli esperti, ogni oggetto offerto proviene dal saccheggio dei siti archeologici siriani.

Il primo che ha riportato notizie della vendita di reperti archeologici su Facebook è stato il giornalista Zaid Benjamin, che ha segnato almeno cinque pagine di questa piattaforma sociale in cui sono stati esposti oggetti antichi, alcuni numeri di telefono ed e-mail, compresi i dati per contattare il venditore.

L’Isis cerca di vendere questi oggetti di valore tramite intermediari nelle reti sociali, perché i musei e le case d’asta di tutto il mondo sono stati avvertiti che questo commercio è illegale.

Nel frattempo, Sung-hee Kim, un portavoce della casa d’aste Christie, ha dichiarato che l’azienda è sempre in allerta per questo tipo di operazioni ed è pronta a cooperare strettamente con l’UNESCO e l’Interpol, per la cattura di questi venditori senza scrupoli.

Purtroppo, i terroristi hanno ottenuto quasi 100 milioni di dollari dalla vendita di manufatti antichi saccheggiati da oltre 4.500 siti archeologici in Siria e in Iraq, secondo una fonte dell’intelligence irachena.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(VIDEO) Terrorista confessa: «aerei USA hanno fornito armi all’Isis»

da hispantv

Un membro dell’Isis (Daesh in arabo), ha ammesso che aerei USA hanno inviato aiuti al gruppo estremista, che opera in Iraq e la Siria.

Il terrorista dell’Isis, arrestato dalle forze tribali irachene, ha confessato che gli aerei statunitensi hanno lanciato due volte armamento e aiuti alimentari al Daesh in Iraq, come dimostra un video pubblicato, ieri, sul sito web indipendente Veteranstoday.

«Ho visto due volte con i miei occhi l’aereo USA lanciare aiuti ai combattenti dell’Isis a Mosul, nel nord dell’Iraq», ha raccontato il terrorista quando è stato interrogato da un ufficiale dell’esercito iracheno.

«Un aereo cargo statunitense ci ha inviato scatole piene di armi, proiettili, razzi, granate, pezzi di armi pesanti made in USA», ha proseguito. Inoltre, ha aggiunto: «Dagli aerei ci hanno lanciato anche cibo e bevande».

Gli aerei da guerra coalizione anti-Isis, guidata dagli Stati Uniti, hanno ripetutamente inviato una grande quantità di armi e munizioni ai terroristi del Daesh in Iraq e la Siria, sostenendo che si trattava di un errore.

Queste sovvenzioni degli Stati Uniti terroristi non stupiscono nessuno: Majed al-Qarawi, un membro della Commissione per la sicurezza e la difesa del parlamento iracheno, ha rivelato all’inizio di gennaio scorso, che un aereo delle forze armate statunitensi ha lanciato armi ai takfiri nella provincia di Salah al-Din, Iraq centrale.

Secondo Edward Snowden, ex analista del National Security Agency degli Stati Uniti, NSA, il gruppo terroristico Isis è nato dagli sforzi congiunti dei servizi segreti degli Stati Uniti, Regno Unito e  regime israeliano.

Un rapporto recentemente pubblicato dall’agenzia Bloombergview ha dimostrato che gli Stati Uniti erano a conoscenza del piano dell’Isis di occupare la città irachena di Al-Ramadi, capoluogo della provincia di Al-Anbar (ovest), ma non ha avvertito il governo iracheno.

L’Isis, con migliaia di membri stranieri, attualmente operanti in Iraq e Siria, commettono crimini contro l’umanità contro tutti i gruppi etnici e religiosi, tra cui sciiti, sunniti, curdi e cristiani.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

___

Iraq, armi israeliane in mano all’Isis

da al manar

La rete televisiva Al Mayadeen ha annunciato la scoperta di armi di fabbricazione israeliana nei bastioni dell’organizzazione takfira Isis nella provincia di Anbar, ad ovest dell’Iraq.

Le Forze di difesa popolare hanno scoperto in una postazione dell’Isis a Al Karama armi israeliane, ha riportato il canale libanese.

In precedenza, l’esercito iracheno e le forze tribali hanno scoperto e sequestrato armi di fabbricazione israeliana est di Ramadi, capoluogo della provincia Anbar.

Di tanto in tanto, i politici iracheni denunciano e la collaborazione israeliana degli Stati Uniti con i terroristi a livello di servizi di intelligence e di sicurezza.

«Gli Stati Uniti hanno lanciato numerose volte le spedizioni di armi ai terroristi dell’Isis, ma dal Pentagono sostengono che queste armi sono state consegnate “per errore” nelle mani del gruppo terroristico», ha affermato una fonte politica irachena ad Al Mayadeen.

250 terroristi uccisi

Un alto funzionario iracheno ha annunciato che l’esercito e le forze popolari irachene stanno riguadagnando il controllo della provincia al Anbar, attualmente in mano ai terroristi.

A questo proposito, le forze speciali irachene hanno concentrato l’artiglieria e distribuito centinaia di soldati nella città di Karmah ed anche ad Anbar, ha dichiarato il capo del Comando Operativo di Baghdad, il tenente generale, Abdul Amir al Shammari.

Ha, inoltre, sottolineato che le sue forze stanno facendo progressi. «Abbiamo ucciso più di 250 terroristi nei giorni scorsi», ha riferito.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Lavrov: La Russia invia armi a Siria e Iraq per combattere il terrorismo

da al manar

La Russia sta armando l’Iraq e la Siria per aiutare questi paesi a combattere il terrorismo. Lo ha affermato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov dopo aver descritto il gruppo estremista come una “grave minaccia” anche per la sicurezza del suo paese.

«L’Isis è il nostro nemico principale in questo momento. E questo è perché centinaia di cittadini russi, europei e americani lottano con l’Isis», ha detto Lavrov in un’intervista con alcune radio. «Stanno già arrivando… e potrebbero compiere atti efferati in casa nostra».

La Russia ha criticato gli attacchi aerei a guida Usa contro le postazioni del’Isis in Siria e in Iraq ed ha incoraggiato Washington a lavorare con il presidente siriano Bashar Assad, per la lotta contro il gruppo terroristico.

«Stiamo aiutando l’Iraq e la Siria, nella maniera più efficace possibile,  con la fornitura di armi a questi paesi e alle loro forze di sicurezza», ha dichiarato Lavrov senza precisare che tipo di armi sono state consegnate.

Mosca affronta una rivolta islamista nella regione a maggioranza musulmana del Caucaso e il presidente russo Putin ha avvertito che alcuni paesi potrebbero tentare di utilizzare i gruppi estremisti per indebolire la Russia.

La Russia ha già annunciato lo scorso settembre che avrebbe fornito armi a Damasco. Questo è ciò che fu comunicato a una delegazione del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, che era in visita a Mosca.

La delegazione del FPLP guidata da Maher al-Taher, incontrò anche il vice-ministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov.

«La Russia fornisce all’Esercito siriano tutto ciò di cui ha bisogno, come le armi e attrezzature militari, e continuerà a farlo», affermò all’epoca Bogdanov.

 [Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

 

La FEARAB condanna l’aggressione imperialista contro il Venezuela

da fearabvenezuela.org

La Federazione delle entità e delle associazioni arabe del Venezuela si è espressa contro l’aggressione al Venezuela respingendo le bugie e le manipolazioni mediatiche.

Il consiglio direttivo di FEARAB, presieduto dal deputato Adel El Zabayar, ha ribadito la sua dura condanna  e la sua forte preoccupazione di fronte alle sanzioni annunciate dal Presidente degli Stati Uniti contro la nostra amata Repubblica Bolivariana del Venezuela, definita come una “grave minaccia nazionale” per la sicurezza del suo Paese, usando lo spregevole pretesto della violazione dei diritti umani con false argomentazioni, senza alcun fondamento giuridico e legale.

La FEARAB ha osservato molto da vicino il corso degli eventi politici e socio economici del paese, sempre, inequivocabilmente e tempestivamente, ogni volta che lo chiedevano le circostanze. Certamente, in questa occasione, non abbiamo fatto eccezione.

Sappiamo, come la Storia ha dimostrato ripetutamente che le invasioni degli Stati Uniti generano solo la morte e miseria per i popoli che soffrono i loro attacchi, come è accaduto in Vietnam, Afghanistan, Iraq, Libia e molti altri paesi in tutto il mondo, che hanno subito i loro interventi.

Usando il falso pretesto di eliminare le armi di distruzione di massa in Iraq nel 2003, e poi da qualche anno attraverso la “primavera araba”, gli Stati Uniti, la NATO e i loro lacchè, hanno potenziato i gruppi estremisti fondamentalisti e il braccio armato di Al-Qaeda, Al-Nusra e ora il cosiddetto Isis (DAESH) per eseguire il piano sionista del Nuovo Medio Oriente. Hanno iniziato in Tunisia, Egitto e Libia e hanno proseguito, ma sono stati fermati in Siria da un popolo, un esercito patriottico pan-arabo, anti-imperialista e anti-sionista, sotto la guida ferma del governo legittimo e sovrano, guidato dal suo degno Presidente Bashar Al Assad.

La difesa dell’autonomia di ogni popolo degno e sovrano deve essere la bandiera principale dei movimenti sociali di tutto il mondo per continuare la nostra giusta lotta.

I patrioti venezuelani-arabi che fanno riferimento alla FEARAB, dichiariamo lo Stato di massima solidarietà e di allerta permanente per denunciare questa nuova e vile aggressione imperialista, come è già sta facendo il valoroso popolo venezuelano, guidato dal nostro compagno coraggioso, il Presidente Nicolas Maduro, seguendo la strada del Comandante Supremo, Hugo Rafeal Chávez Frías ratificando il  nostro rifiuto categorico delle azioni del governo degli Stati Uniti d”America nel suo ruolo di poliziotto del mondo, ora comandati da un “Nobel per la Pace”, che cerca di violare le nostre istituzioni, la pace e la stabilità della nostra nazione. No Pasaran!!!!

Nel perseguire questa nuova pazzia, questa nuova mania, gli Stati Uniti ed i loro alleati, tra cui la NATO, e i loro lacchè Qatar, Arabia Saudita, Turchia e lo Stato sionista di Israele, saranno giudicati dalla storia come complici di quello che potrebbe diventare un nuovo conflitto di dimensione globale, ma i popoli del mondo li condanneranno per aver mentito, di nuovo, nel trascinarli nelle guerre ingiuste, inutili e criminali.

Per una vera pace nel mondo con la giustizia sociale, l’indipendenza e la sovranità dei popoli del mondo.

Abbiamo chiesto di denunciare con ogni mezzo questa grave situazione.

Viva il Veneuzela Indipendente, degno, libero e sovrano!

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: