Napoli 24mag2017: Incontro con Bahar Kimyongur

Nel 2014 GAlleЯi@rt aderiva alla campagna per la liberazione di Bahar. Oggi siamo lieti di ospitarlo in Galleria.

Relazione di Bahar Kimyongür, analista internazionale e attivista antimperialista, accompagnato da Gianfranco Castellotti.

Contributi introduttivi:

Roberto De Gregorio, segretario P. CARC Napoli Centro
Francesco Santojanni, Comitato contro le Sanzioni alla Siria
Gianmarco Pisa, resp. questioni internazionali, Rifondazione Comunista, Napoli

Bahar Kimyongür, giornalista turco-siriano, nato il 28 aprile 1974 a Berchem Sainte Agathe, membro di una famiglia proveniente dalla Turchia, è un attivista politico belga, e ha militato nel Partito del Lavoro del Belgio, formazione politica marxista-leninista. Tra le sue pubblicazioni: Turquie, terre de diaspora et d’exil, Éd. Couleur Livres, 2008, e Syriana. La conquête continue, Éd. Couleur Livres, 2011.

A seguire: Momento Conviviale

GAlleЯi@rt, Associazione Resistenza, ALBAinformazione, Comitato contro le Sanzioni alla Siria, P. CARC Napoli Centro, Rifondazione Comunista – Federazione di Napoli.

La PJPP contro i bombardamenti USA in Siria

Signor Bashar Al-Assad
Presidente della Repubblica Araba di Siria, Damasco – Siria
Ginevra, 7 aprile 2017
Comunicato

Noi, giovani della PLATAFORMA JUVENIL PARA EL PODER POPULAR (PJPP) costituita i giorni 10 e 11 giugno del 2015 nella città di Bruxelles (Belgio), RIPUDIAMO E CONDANNIAMO il bombardamento realizzato dagli USA nella mattina del 7 aprile del 2017, contro la Repubblica Araba di Siria.

Ripudiamo allo stesso modo tutti gli attacchi permanenti portati avanti dalla NATO, che, diretta e finanziata dal paese sopra menzionato, da diversi governi arabi ed europei, ha causato già 470 mila morti. In questa guerra sporca iniziata nel 2011, il popolo siriano insieme al suo legittimo governo ha fatto passi da gigante; ha saputo vincere il nemico, nei momenti più terribili, ha saputo dare speranza a tutto un popolo che chiede ai 4 venti una pace totale.

Doveroso ricordare che i problemi interni devono essere risolti in maniera autonoma, senza alcuna ingerenza e nella maniera più corretta possibile. Tristemente, governi come quello francese che dice di essere socialista quando in realtà è più fascista che progressista, governi come quello giapponese che sembra aver dimenticato che un giorno è stato il suo paese quello bombardato dagli USA (e in che modo!), governi come quello di Israele che dimentica che il popolo ebraico è stato vittima dell’olocausto o governi come il turco che dovrebbe smettere di prestare il suo popolo come carne da cannone in una guerra che non lo coinvolge, sono mossi da interessi economici ed individualisti dove il valore della vita si misura in barili di petrolio. Ciò ha portato questi governi, con le loro bombe assassine, a togliere la vita a migliaia di bambini siriani ai quali hanno negato la speranza di crescere e costruire un mondo migliore rispetto a ciò che ci offre questo sistema che ormai non ha più nulla da proporre, che oggi è in crisi e bagna di sangue il mondo intero.

Quale sarebbe la risposta del governo degli USA o di qualsiasi dei paesi summenzionati, se, per qualcuno dei loro problemi interni, subissero un criminale intervento militare da parte di qualsiasi altro paese del mondo? Di quale democrazia parlano gli USA e la NATO se considerano democratico un paese come l’Arabia Saudita che nega i diritti fondamentali delle donne? Noi appoggiamo gli sforzi di pace e dialogo realizzati dal Presidente Bashar Al Assad e dal suo governo. Appoggiamo totalmente la resistenza del popolo eroico siriano che ha dovuto sopportare tutti gli attacchi di tutti quei governi ed imprese che provano ad appropriarsi di territori di altri paesi della regione ed in questo modo creare il nuovo Stato di Israele.

Approfittiamo della presente per condannare anche gli attentati perpetrati a San Pietroburgo (Russia) il 3 aprile di questo stesso anno, nonché l’ingerenza portata avanti dagli USA contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, gli assassinii dei dirigenti sociali in Colombia ed ogni tipo di atto terroristico e neoliberale realizzato oggigiorno in ogni angolo del mondo.

Plataforma Juvenil Para el Poder Popular América Latina – Europa – África y otras organizaciones amigas

La PJPP contra los bombardeos de EEUU en Siria

Señor, Bashar Al-Assad
Presidente de la República Arabe Siría Damasco – Siria
Ginebra, 7 de abril del 2017
Comunicado

Los jóvenes de la PLATAFORMA JUVENIL PARA EL PODER POPULAR (PJPP) conformada los días 10 y 11 de junio del año 2015, en la ciudad de Bruselas (Bélgica), REPUDIAMOS Y CONDENAMOS el bombardeo perpetuado por los Estados Unidos de Norte América, la madrugada del 7 de abril del 2017, contra la Republica Árabe Siria.

Repudiamos al igual todos los ataques permanentes llevados por la OTAN, quien, dirigida y financiada por el país mencionado, por diversos gobiernos árabes y europeos, ha causado ya 470’000 muertos. En esta guerra sucia debutada en 2011, el pueblo sirio en compañía de su gobierno legitimo ha hecho pasos de gigantes. Ha sabido vencer al enemigo e incluso, en los momentos más terribles, ha sabido darle esperanza a todo un pueblo que pide a los cuatro vientos una paz total. Es de recordar que los problemas internos de los países han de resolverse de manera autónoma, sin injerencia alguna y de la manera más digna posible. Tristemente, gobiernos como el francés quien dice ser socialista cuando es más fascista que progresista, gobiernos como el japonés quien parece haber olvidado que un día fueron ellos los bombardeados por los EE. UU (y de qué manera), gobiernos como el de Israel quien olvida que fue víctima del holocausto judío o gobiernos como el turco quien debería dejar de prestar su pueblo como carne de cañón en una guerra que no le incumbe, tienen intereses económicos e individualistas donde el valor de la vida se eleva tan solo unos cuantos barriles de petróleo. Ello ha llevado a estos gobiernos, con sus bombas asesinas, a quitarle la vida miles de niñas y niños sirios a quienes les han matado la esperanza de crecer y construir un mundo mejor que el que nos ofrece el sistema agotado, que hoy en crisis bañar de sangre el mundo entero.

¿Cuál sería la respuesta del gobierno de los EE. UU o cualquiera de los países mencionados, si por sus problemas internos, tuviera una intervención militar y asesina por cualquier otro país de mundo? ¿De qué democracia hablan los EE. UU y la OTAN si consideran democrático a un país como Arabia Saudita que le niega los derechos fundamentales a las mujeres? Así pues, apoyamos los esfuerzos de paz y dialogo realizados por el Presidente Bashar Al Assad y su gobierno. Respaldamos totalmente la resistencia del pueblo heroico sirio quien ha tenido que soportar todos los embates de todos aquellos gobiernos y emporios que buscan quedarse con territorios ajenos de la región y así crear entonces el nuevo Estado de Israel. Aprovechamos también la presente para condenar los atentados perpetuados en San Petersburgo (Rusia) el 3 de abril de este mismo año al igual que la injerencia que llevan los EE.UU contra la República Bolivariana de Venezuela, la cantidad de asesinatos de que se han venido presentando contra los líderes sociales en Colombia y todo tipo de actos terroristas y neoliberales que se estén llevando hoy por hoy en cualquier rincón del mundo.

Plataforma Juvenil Para el Poder Popular América Latina – Europa – África Y otras organizaciones amigas

Solidaridad con el Pueblo y el Gobierno de la República Árabe Siria

por movimientodeapoyoasiria

Convocatoria de Conferencia en solidaridad con el Pueblo y el Gobierno de la República Árabe Siria 

Tras 6 años de brutal guerra de agresión contra la Siria progresista y laica ha llegado el momento de que las fuerzas amantes de la Paz se agrupen y eleven una voz contundente a favor del fin inmediato de la agresiones y sanciones, el fin del apoyo de diversos países del bloque imperialista a los diferentes grupos terroristas que lo asolan y devastan desde 2011, el fin de las injerencias imperialistas y el fin de la agresión militar de Israel y Turquía contra este heroico país.

La Paz inmediata en Siria es un grito unánime de los Pueblos del Mundo pero lamentablemente es una demanda despreciada por los países de la OTAN y sus aliados de Israel, Arabia Saudí y Qatar que buscan eternizar la guerra imperialista para que este país árabe siga siendo asolado, destruir su infraestructura y patrimonio cultural,  diezmar su población y borrar su pasado histórico.

Es demasiado el sufrimiento que se le ha impuesto al pueblo sirio y demasiada la injusticia que sufre a causa de las potencias occidentales para que no sea una obligación política y moral fundamental decir BASTA YA y mostrar una solidaridad completa con Siria y su Gobierno legítimo que viene encabezando y organizando la Guerra de todo el Pueblo por su Libertad, su Dignidad, su Existencia y su Vida.

Parte de esta criminal agresión contra Siria, para convertirla nuevamente en colonia, “mandato” extranjero o simple campo de ruinas en manos del imperialismo, es la mentira sistemática bien organizada por los poderes que controlan los medios de comunicación masiva. Por eso se hace necesaria una respuesta en dos terrenos:

  •  En el social y político creando un amplio frente que reúna a las fuerzas progresistas y ciudadanos amantes de la paz contra la guerra imperialista y en defensa de la República Árabe Siria.
  • En el mediático e informativo crear un altavoz alternativo para llegar a la sociedad con el mensaje de lo que realmente está ocurriendo en Siria, y que los medios ocultan y deforman de manera escandalosa.

 A pesar de la brutal campaña mediática de desinformación desatada y ante la participación no declarada y silenciosa de los estados  miembros de la OTAN en esta guerra de agresión, es posible levantar un movimiento de solidaridad con el digno pueblo de Siria y su legítimo gobierno al que se unan partidos políticos, sindicatos, organizaciones sociales, trabajadores, intelectuales y profesionales, ayudando de forma solidaria e internacionalista a parar esta guerra de rapiña, y a que el pueblo sirio pueda reconquistar la paz y recuperar la independencia y su unidad e integridad territorial.

Convocamos a todas las fuerzas amantes de la Paz a una Conferencia en solidaridad con la República Árabe Siria, a celebrar el próximo 22 de abril de 2017, coincidiendo con el mes en que se conmemora la Fiesta de la Independencia, cuando las tropas ocupantes francesas se retiraron en 1946 y fue proclamada la República.

Este encuentro tiene que servir para que llegue al pueblo y gobierno de Siria un mensaje claro e inequívoco de las fuerzas progresistas en solidaridad con su lucha, y de exigencia de paz a las potencias belicistas que la agreden, destruyen y ocupan desde 2011.

EN SIRIA NO HAY UNA REVOLUCIÓN, HAY UNA INVASIÓN IMPERIALISTA Y NEOCOLONIAL POR MEDIO DE MERCENARIOS DE MÁS DE 80 PAÍSES ARMADOS Y PAGADOS POR EE.UU. Y SUS ALIADOS.

SIRIA ES LA CUNA DEL SOCIALISMO ÁRABE.

SIRIA ES EN ESTOS MOMENTOS EL CENTRO DEL MUNDO.

 

ANDALUCÍA COMUNISTA · SOLIDARIDAD ARAGÓN-DONBASS · ATENEO REPUBLICANO DE LAVAPIÉS · OJOS PARA LA PAZ · PARTIDO COMUNISTA DE ESPAÑA · PARTIDO COMUNISTA DE LOS PUEBLOS DE ESPAÑA · PLATAFORMA GLOBAL CONTRA LAS GUERRAS · XEIRA · INICIATIVA COMUNISTA · PLATAFORMA UNITARIA Y POPULAR CONTRA LA GUERRA Y LA OTAN · NULLA POLÍTICA SINHE ÉTICA · LOS VERDES · EUSKAL HERRIA DONBASS ELKARTASUN KOMITEA · MOVIMIENTO DEL POBLE · COMITÉ DE SOLIDARIDAD Y APOYO INTERNACIONALISTA DE CUENCA · IZQUIERDA CASTELLANA · YESCA · EUSKAL HERRIA KOMUNISTEN BATASUNA · GAZTE KOMUNISTEN BATASUNA · A.C. ANTON MAKARENKO · A.C. LOS QUE SOMOS  · CONSTRUYENDO LA PAZ · L´ESQUERDA · COMITÉ ANTIIMPERIALISTA DE CATALUNYA · A.S.C. MAXIMILIANO TORNET · ALBA MALTA NORTH AFRICAN COORDINATION · AL WALADI · A.L. PCA FRANCISCO DÍAZ ALMENSILLA · BRIGADA ARTÍSTICA REVOLUCIONARIA TINA MODOTTI · PARTIDO REVOLUCIONARIO MARXISTA LENINISTA DE CHILE · C.C.A.D. VILLA SUR (COMUNIDAD PEDRO AGUIRRÉ CERDÁ) · PARTI DE L´UNITÉ POPULAIRE · ESCRITORES EN EL EXILIO SAKER TI NUEVO AMANECER · UNIDAD DEL PUEBLO (CANARIAS) · COMITÉ ANTI OTAN DE CANARIAS · A.I.N. LOSPUEBLOS HABLAN ·

>>>sigue>>>

L’imperialismo al contrattacco di fronte alla sua sconfitta in Siria

L'immagine può contenere: 1 persona, scarpe, barba, salotto e spazio al chiusodi Manuel Freytas

Non possono digerire la loro sconfitta ad Aleppo e del terrorismo made in USA in Siria.

Non possono digerire il patto politico tra Putin ed Erdogan, che ha tirato fuori la Turchia dal dispositivo terrorista della NATO sotto la direzione del Pentagono.

Non possono digerire una Russia che vince in Medio Oriente.

Non possono digerire la sconfitta degli USA, Israele, UE e Arabia Saudita con le monarchie del Golfo, nel progetto di dividere, atomizzare e controllare la Siria. Per poi attaccare l’Iran.

Hanno fallito, sono stati sconfitti militarmente. E non possono digerire la fine dello Stato Islamico. Una macchina terrorista ed assassina che ha sostituito i marines nella invasione della Siria, e nella nuova occupazione dell’Irak.

Hanno perso la guerra regionale, hanno perso la Turchia in quanto alleato strategico, hanno perso l’egemonia militare in Medio Oriente. Ed adesso si attivano per la distruzione dell’alleanza tra Russia e Turchia.

Questo era l’obiettivo strategico dell’assassinio filmato dell’Ambasciatore della Russia in Turchia. Ed è la prima volta che l’intelligence USA utilizza un fondamentalista suicida infiltrato e manipolato (vestito con giacca e cravatta) per uccidere e diffondere un messaggio in un set televisivo montato in una Galleria d’Arte.

Gli yankee, la CIA, il Mossad israeliano, e l’intelligence britannica vanno al contrattacco. Questa è la preparazione del nuovo scenario terrorista durante la presidenza Trump. L’assassinio mediatico dell’ambasciatore russo in Turchia, è stato solo l’inizio del nuovo processo della guerra tra le potenze capitaliste in Medio Oriente. Solo l’inizio di quello che ci aspetta nel 2017.

Accomodatevi pure sulla poltrona. Qui troverete tutte le spiegazioni sullo spettacolo, ed è gratis.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Danilo Della Valle]

(VIDEO) La Siria a Roma con il M5S e il monsignor Tobij

di Danilo Della Valle

“Una mezza verità non è una verità ma è una bugia”. Queste le parole d’accusa dell’arcivescovo cristiano-maronita di Aleppo Monsignor Joseph Tobji che rimbombano nella sala stampa della Camera dei Deputati durante la conferenza sulla Siria organizzata dalla Commissione Esteri del Movimento 5 Stelle con la partecipazione del deputato Manlio Di Stefano e del giornalista Alberto Negri.
– 
Una nuova puntata di ciò che Di Stefano chiama “un punto di vista alternativo a ciò che il mainstream ci dice” e che stavolta ha fatto scalo ad Aleppo, città martoriata da una guerra che in pochi vedono, che in pochi raccontano, ma della quale tutti parlano. Aleppo era la seconda città della Siria, la città degli scambi commerciali, dove vivevano quattro milioni di persone di diverse etnie e diverse confessioni. Oggi ad Aleppo vive poco meno della metà degli abitanti di un tempo, da quattro anni a questa parte la città è una nuova Berlino, divisa in 2 blocchi: quello est sotto il controllo dei “ribelli” e dei terroristi e quello ovest sotto il controllo dei lealisti al governo siriano. “Purtroppo i media Occidentali parlano solo della sofferenza di una parte della città, quella est sotto il controllo dei “ribelli” -asserisce Monsignor Tobji- “dimenticando che la guerra causa morte e distruzione anche nella parte Ovest. I terroristi si divertono a sparare sui civili, viviamo con la morte negli occhi, solo in questa settimana sono morte 85 persone, è stata bombardata l’Università Statale di Aleppo. Sono ormai anni che non abbiamo la corrente elettrica, la rete è stata danneggiata dai terroristi. E quando ad ucciderci non sono le bombe ci pensano le sanzioni economiche che i governi Occidentali, tra cui quello Italiano, infliggono alla Siria. Con le sanzioni economiche quasi tutta la popolazione vive sotto o poco sopra la soglia di povertà, è come una condanna a morte. Inoltre c’è il fenomeno dell’immigrazione che per noi è un grave problema. Le persone, soprattutto i giovani, scappano dagli orrori della guerra e questo fenomeno lascerà la Siria senza una generazione di giovani, senza futuro”.
Le parole del vescovo Maronita, sebbene molto dure, hanno lasciato anche un briciolo di speranza attraverso la proposta ripetuta in sala stampa dopo averla riferita al Senato. “L’unico modo per porre fine a questa guerra è smettere di vendere armi ai ‘ribelli’ e fermare i flussi di terroristi che attraverso la Turchia giungono in Siria. I governi stranieri dovrebbero favorire accordi politici, conciliazioni tra le religioni ed incoraggiare il commercio e la ricostruzione per far sì che il popolo siriano possa tornare a vivere una vita normale”.
A fare eco alle parole del vescovo è stato il giornalista Alberto Negri che ha raccontato in maniera molto chiara la sua lunga esperienza in Medio-Oriente. Il giornalista ha raccontato di come la città di Aleppo fosse il “crocevia dell’umanità” dove si incrociavano migliaia di iracheni, palestinesi, libanesi che vivevano in pace in Siria; di come la Siria fosse l’unico Paese che consentiva ai Palestinesi di vivere in pace e studiare senza alcun documento particolare. Secondo il reporter italiano infatti la Siria potrebbe esser paragonata alla Yugoslavia, un Paese multiculturale e multiconfessionale distrutto dalle ingerenze straniere che hanno fatto leva su alcune contraddizioni interne. Solo che oggi la Russia di Putin sembra esser più decisa a difendere l’alleato Siriano di quanto il governo russo dell’epoca lo fosse nei confronti della Yugoslavia.

“Ci sono tanti pezzi di questa storia, ognuno di essi è importante. Tutti gli Stati della regione sono stati disgregati e ridotti in polvere. Io sono stato ad Hama quando c’era una legittima protesta popolare contro il governo. Questa protesta che era senza dubbio pacifica si è trasformata in poco tempo in un conflitto. Il 6 Luglio 2011 l’ambasciatore Usa in Siria passeggiava in mezzo ai ribelli, per giunta in un Paese Arabo ostile, il giorno dopo si vide l’ambasciatore francese. Avete mai visto un Ambasciatore Usa passeggiare sul lungotevere?” -ha dichiarato poi Negri- “Da quel momento in poi sono cominciati ad arrivare mercenari dalla Tunisia, Libia, e molti atri paesi, passavano attraverso la Turchia. I feriti erano curati in una struttura privata, pagata dal Qatar, li abbiamo anche intervistati. Al ritorno dalla Siria era chiaro l’obiettivo: quello di trasformare il Paese in un nuovo Afganistan degli anni 80, quello che osteggiò l’Urss. Questa è una guerra caldissima, che ogni giorno lascia sul campo tantissimi morti, nonostante i media parlino di una guerra fredda. Da un lato c’è l’asse della Resistenza, formato da Russia, Iran, Libano ed esercito Siriano, e dall’altro c’è l’asse formato dai “ribelli”, dagli islamisti e dagli Usa che si appoggiano sia ai Curdi, acerrimi nemici dell’Isis e con un progetto politico ben definito, sia ai ‘ribelli’ che combattono direttamente con i terroristi”.

Parole forti quelle di Alberto Negro che hanno riscosso abbastanza consensi tra gli addetti ai lavori. Al termine delle testimonianze dirette è toccato al deputato Manlio Di Stefano concludere dicendo che è necessario che le forze politiche Italiane ed Europee che hanno a cuore la pace si facciano sentire nelle istituzioni nazionali ed Europee con iniziative pratiche atte a chiedere l’immediata cessazione dei commerci di armi con i terroristi e la cancellazione delle sanzioni economiche che affamano la popolazione.

Di Stefano, senza peli sulla lingua, ha accusato il governo Renzi di piangere per i morti della guerra in Siria ma allo stesso tempo di continuare a vendere armi ad una delle parti in causa in questa guerra che uccide ogni giorno centinaia di persone. Inoltre il deputato del M5S ha ribadito che in Occidente dovremmo smettere di fare delle ingerenze atte a sovvertire i governi di altri Paesi per scopi economici, come accade oggi in Siria e come accade in vari Paesi del Continente Latinoamericano.
Non sono mancate neanche le stoccate ad una certa stampa rea di raccontare solo “mezze verità” e di demonizzare una delle parti in causa di questa guerra e tacendo su ciò che realmente accade lontano dall’Italia.
___

https://www.youtube.com/watch?v=GCKDdVFcuwg

No guerra No NATO: non aderiamo all’evento della “Rete Kurdistan”

di Comitato No Guerra No Nato e Rete No War Roma

PERCHE’ NON ADERIAMO ALL’APPELLO ED ALLA MANIFESTAZIONE DEL 24 SETTEMBRE 2016

Pur avendo sostenuto per anni la lotta del popolo curdo, siamo molto preoccupati delle scelte che una parte della sua dirigenza ha imposto in Siria. Queste scelte e le loro conseguenze non sono assolutamente messe in discussione dall’appello per il 24 settembre:

1) Non viene minimamente condannato il fatto che l’esercito turco ha invaso uno stato indipendente, la Siria, in cui gli stessi Curdi vivono, violandone platealmente la sovranità.

2) Non viene chiarito che gli stessi Curdi della Siria, ed i loro alleati delle “forze democratiche siriane” (spezzoni di vecchie formazioni jihadiste facenti capo al sedicente Esercito Libero Siriano), hanno per primi essi stessi violato la sovranità del loro paese consegnando nelle mani dell’alleato esercito statunitense una serie di basi su suolo siriano.

3) Viene taciuto che gli stessi statunitensi si servono di queste basi per attaccare e minacciare l’esercito nazionale siriano che difende l’unità, l’indipendenza e la sovranità del paese, mentre contemporaneamente l’esercito nazionale viene bombardato anche da Israele, che cura anche i feriti di Fateh al-Sham (ex al-Nusra) e dell’ISIS nei propri ospedali.

L’ultimo deliberato bombardamento dell’esercito USA sulle posizioni dell’esercito siriano a Deir Es Zor, città assediata dalle bande dell’ISIS, che ha causato decine di morti, favorendo così gli attacchi dell’ISIS, dovrebbe far riflettere sulle reali intenzioni degli USA. Gli Statunitensi stanno anche sabotando la tregua umanitaria concordata con la Russia, non onorando l’impegno preso di costringere le formazioni armate da loro controllate a cessare il fuoco ed a distaccarsi dai terroristi estremisti dell’ex al-Nusra ed ISIS.

Fin dagli anni ’90 i neocons USA nei loro documenti indicavano una serie di paesi da distruggere perché non compatibili con i loro sogni di domino mondiale, tra cui la Siria, la Jugoslavia, l’Iraq, l’Iran, la Libia e altri paesi. A partire dall’amministrazione di Bush jr le indicazioni dei neocons sono state adottate ufficialmente come strategia della politica estera statunitense. Di questo ci sono oltre che i fatti, varie testimonianze, a partire da una famosa intervista rilasciata nel 2008 dal generale Wesley Clark.

Come conseguenza, fin dal 2011 è stata formata una vasta alleanza filo-imperialista con l’intento di distruggere lo stato siriano laico e progressista, uscito dalle lotte anticoloniali, così come già è stato fatto per la Jugoslavia, Libia, Iraq, Ucraina, Somalia, Costa d’Avorio, Sudan.

Di questa alleanza fanno parte USA, UE, NATO, Turchia, Arabia Saudita, Qatar, e bande di mercenari jihadisti terroristi che fanno capo all’ex al-Nusra, ISIS, e presunte formazioni “moderate” legate agli USA.

Il movimento curdo siriano, che dichiara di voler lottare per una Siria democratica, dovrebbe precisare se intende portare avanti le proprie rivendicazioni nell’ambito dello stato laico e progressista siriano, che ha assicurato pieni diritti alle donne, e alle numerose religioni ed etnie presenti nel paese, o cercare illusoriamente di realizzare le proprie aspirazioni a costo della distruzione della Siria, programmata da tempo dall’imperialismo, con la creazione di uno staterello fantoccio, stile Kosovo.

Altrettanta chiarezza richiediamo a tutte quelle organizzazioni sedicenti pacifiste e di sinistra, che non mancano occasione di attaccare e demonizzare il governo della Siria, e che oggi trovano un facile alibi nell’adesione all’ambigua manifestazione del 24.

Roma 19/9/2016 Lista Comitato No Guerra No Nato, Rete No War Roma

Per adesioni: comitatononato@gmail.com

 

Siria: el centro del mundo

Ya a la venta en España

SIRIA ES EL CENTRO DEL MUNDO

José Antonio Egido.
238 páginas.
15 euros (+ gastos de correo).
Pedidos:
maimar_1@hotmail.com
Whtsp: 667538705
http://www.librosml.blogspot.com

INDICE
Introducción
Capítulo I. Una historia antigua como la Humanidad.
– Siria es una cuna prestigiosa de la humanidad.
– Una historia milenaria de resistencia.
– En el Creciente Fértil sirio se produce la mayor revolución cultural de la Historia: la escritura alfabética.
– Palestina y Siria son exactamente la misma región milenaria
– Una civilización comerciante.
– Las religiones y los dioses se superponen y entrelazan en el respeto y la fusión
– Damasco es capital y centro milenario de la cultura
– Alepo, ciudad milenaria, mártir y combatiente
– Siria, cuna del cristianismo
– La era arabo-musulmana
– Siria, centro del arabismo
– Siria es fragmentada y oprimida bajo el dominio imperialista occidental.
Capítulo II. Un gobierno progresista y antiimperialista
– El Partido Comunista sirio (PCS)
– El partido Baas Àrabe Socialista creado en Siria
– Toma del poder por el Partido Baas
– Republica Árabe Unida.
– Reforma agraria.
– Socialismo árabe sirio.
– Resistencia económica a la guerra terrorista.
– El Partido Baas, la fuerza rectora del país
– Bastión de la resistencia libanesa, palestina, kurda, turca, iraquí y libia
– Frente Nacional Progresista (FNP).
Capítulo III. ¿Por qué el imperialismo quiere liquidar Siria?
– Para aplastar el panarabismo
– Para liquidar todo gobierno progresista en la región
– Para frenar las rebeliones y resistencia árabes.
– Para consolidar las tiranías árabes y a Israel
– Para controlar el Mediterráneo Oriental.
– Para destruir los ejes geoestratégicos Irán-Irak-Siria-Palestina-Líbano, Siria-Rusia-China, Siria-Irán-Venezuela-Cuba y otros ejes emancipadores posibles y consolidar el eje reaccionario Turquía-Israel-Arabia Saudí.
– Para impedir toda revolución en Egipto, país clave en la región
– Para dividir y enfrentar entre ellos a los pueblos de Oriente Medio y del Mundo árabe.
– Para golpear a Irán, potencia regional emergente.
Capítulo IV. Las fases de la guerra de agresión imperialista contra Siria
– Primeros levantamientos terroristas y creación de una oposición marioneta del imperialismo
– Intervención de grupos terroristas creados por el imperialismo.
– Creación del grupo criminal Estado islámico
– Agresión militar de Turquía e Israel.
Capitulo V. La resistencia heroica del pueblo y gobierno sirios
– La unidad de sus diversos componentes políticos, sociales, religiosos, étnicos y culturales
– La cuestión kurda.
– La cuestión palestina en el interior de la República Árabe Siria.
– La izquierda revolucionaria nexo de enlace entre los luchadores turcos, kurdos y árabes contra el imperialismo.
– La unidad de los partidos en el Frente Nacional Progresista (FNP).
– El su
– frimiento de la clase obrera siria por la independencia y en apoyo al gobierno sirio.
– La política de reformas emprendida por Bashar
– Cambios dentro del Baas.
– ¿Quiénes apoyan en Siria al presidente Bashar al Assad?
– Ejercito Arabe Sirio, columna vertebral de la resistencia del Pueblo contra el ataque imperialista/terrorista/sionista/feudal.
Conclusiones

(VIDEO) Siria es el centro del mundo

por José A. Egido

Excelente reportaje de Resumen Latinoamericano presentado por el periodista Carlos Aznárez de la presentación en Buenos Aires del libro “Siria es el centro del mundo” con reportaje de Russia Today y discursos extraordinarios del Sheik de la Comunidad Alauí Mosen Ali y de la militante del Partido Nacional Social Sirio Tamara Lalli.

Como autor mi satisfacción por contribuir al apoyo, solidaridad y comprensión con la lucha heroica del Pueblo Sirio. Ahora vamos a por la edición española con Templando el Acero y necesitaremos ayuda para romper el bloqueo mediático.

___

___

 

Nariño (FARC-EP): Ecco chi combatte davvero l’ISIS

Alexandra Nariñodi Alexandra Nariño, Delegazione di Pace delle FARC-EP
Cosa hanno in comune Vladimir Putin, Hugo Chávez, Fidel Castro, Kim Jong-un, Evo Morales y Bashar al-Assad? Se dovessimo dare credito a ciò che scrive la stampa cosiddetta occidentale, sono tutti uomini irrazionali, bugiardi e finanche ridicoli, con tratti principalmente antidemocratici, dittatoriali. Più sono non allineati alle direttrici neoliberali dettate dal FMI e dalla Banca Mondiale, tanto più sono disprezzabili. O almeno questo è il messaggio che arriva quotidianamente a milioni di persone che credono di essere informate grazie alle grandi agenzie di notizie.
Dopo aver letto diversi articoli che denunciavano le malintenzionate ed astute giocate politiche e militari di Vladimir Putin nel mondo, egli è riuscito a stimolare la mia curiosità quando l’ho sentito parlare durante il settantesimo anniversario dell’ONU. Sono riuscita ad ascoltare solo la ultima parte; non so se ciò che mi ha chiamato l’attenzione qualche frase sua, lo sguardo o il tono della voce. Ciò che è certo è che ho cercato l’intervento completo in internet ed ho scoperto che l’intervento di Putin ha qualcosa di cui sono carenti altri personaggi come per esempio Obama, Merkel o Rutte: la coerenza.

Privo di vuote e pompose dissertazioni sulla “freedom and democracy”, ha espresso in forma semplice una posizione democratica, pluralista e rispettosa della sovranità di altre nazioni. Inoltre, ha offerto ad i presenti ed al pianeta una spiegazione sensata della situazione nel Nord Africa e nel Medio Oriente, oltre ad un’analisi sulla relazione dei poteri geostrategici del mondo odierno.

Con una eloquente diplomazia, il presidente russo ha messo in evidenza alcune verità che già tutti sanno, ma nessuno nel mondo politico ha osato pronunciare con tanta veemenza: che le foerze governative di Assad e le milizie curde sono le uniche forze che davvero stanno combattendo i terroristi in Siria; che i gruppi estremisti si nutrono – tra gli altri – di soldati iracheni che sono rimasti senza lavoro dopo l’invasione del 2003, di libici il cui Stato è stato distrutto dopo il 2011 e anche, più recentemente, della oposizione “moderata” in Siria, sostenuta dall’Occidente, il quale fornisce armi ed addestramento, dopodiché molti disertano e si uniscono allo Stato Islamico.

Senza nominare nessuno nello specifico, ha definito ipocrita ed irresponsabile il pronunciare dichiarazioni sulla minaccia del terrorismo e allo stesso tempo fare finta di nulla quando si tratta del suo finanziamento attraverso il narcotraffico, il contrabbando di petrolio e di armi. In questo modo – senza riferimenti specifici – ha definito irresponsabile l’utilizzo strumentale di gruppi estremisti per raggiungere i loro propri scopi, ed illudersi di poter poi trovare successivamente il modo di disfarsi di loro.  

Inoltre ha dato anche spazio per la riflessione e l’autocritica “… ricordiamo gli esempi del nostro passato sovietico, quando l’Unione Sovietica pensò fosse possibile esportare esperimenti sociali, facendo pressione su altri paesi per ottenere trasformazioni per motivi ideologici. Ciò ha avuto molto spesso tragiche conseguenze ed ha prodotto degrado invece che progresso”.

Non vorrei essere accusata di devota di Putin; l’unica cosa che posso affermare è che – che ci presentino, noi membri delle FARC-EP, come narco-trafficanti senza ideali, che pretendano di dipingere Hugo Chávez come un ciarlatano e quindi poco serio, che vogliano far passare come disumano Bashar al-Assad – essere disallineato in un mondo nel quale il politicamente corretto sembra corrispondere a promuovere politiche neoliberali, xenofobe ed escludenti, di per sé rappresenta già un merito.

Nariño, FARC-EP: «Putin, Assad y los kurdos únicos combatiendo ISIS»

Alexandra NariñoPor Alexandra Nariño, integrante de la Delegación de Paz de las FARC-EP

¿Qué tienen Vladimir Putin, Hugo Chávez, Fidel Castro, Kim Jong-un, Evo Morales y Bashar al-Assad en común? Si tenemos que creerle a la prensa occidental, son todos hombres irracionales, mentirosos y hasta ridículos, la mayoría con rasgos anti-democráticos, dictatoriales. Entre más desalineados sean de las directrices neoliberales dictadas por el FMI y el Banco Mundial, más despreciables. O al menos es el mensaje que les llega diariamente a millones de personas quienes creen estar informadas a través de las grandes agencias de noticias.

Luego de leer varios artículos que denunciaban las malintencionadas y astutas jugadas políticas y militares de Vladimir Putin en el mundo, él logró despertar mi curiosidad cuando lo vi hablando en el setenta aniversario de la ONU. Solo pude ver la última parte; no sé si lo que me llamó la atención fuera alguna frase suya, la mirada o el tono de su voz. Lo cierto es que busqué la intervención completa en internet y descubrí que el discurso de Putin tiene algo de lo que carecen personajes como por ejemplo Obama, Merkel o Rutte: coherencia.

Sin disertaciones pomposas y vacías sobre “freedom and democracy”, expuso de forma sencilla una posición democrática, pluralista y respetuosa de la soberanía de otras naciones. Además,  ofreció a los presentes y al planeta una explicación sensata de la situación en el Norte de África y el Medio Oriente, así como un análisis de la correlación de poderes geoestratégicos en el mundo de hoy.

Con una elocuente diplomacia, el presidente ruso dejó al desnudo algunas verdades que ya todos sabían, pero nadie en el mundo político se había atrevido a pronunciar con tanta vehemencia: que las fuerzas gubernamentales de Assad y las milicias kurdas son las únicas fuerzas que realmente combaten a los terroristas en Siria; que los grupos extremistas se nutren – entre otros – de soldados iraquíes quienes quedaron en la calle después de la invasión en el 2003, de Libios cuyo Estado fue destruido luego del 2011 y también, más recientemente, de la oposición “moderada” en Siria, apoyada por el Occidente, que les entrega armas y entrenamiento, luego del cual muchos se desertan y se unen al Estado Islámico.

Sin nombrar a nadie en específico, calificó de hipócrita e irresponsable el hacer declaraciones sobre la amenaza del terrorismo y al mismo tiempo hacerse el de la vista gorda cuando de su financiación a través de narcotráfico, tráfico ilegal de petróleo y de armas se trate. Así mismo – sin referencias específicas – juzgó como irresponsable el manipular grupos extremistas para lograr sus propios objetivos políticos, y creer que de alguna manera se buscará la forma de deshacerse de ellos más adelante.  

También hubo espacio para la reflexión y la autocrítica: “…recordamos ejemplos de nuestro pasado soviético, cuando la Unión Soviética exportó experimentos sociales, presionando por cambios en otros países por razones ideológicas. Esto muchas veces tuvo consecuencias trágicas y produjo degradación en vez de progreso”.

No quisiera ser acusada de devota de Putin; lo único que puedo afirmar es que, así nos pinten a las FARC-EP como narcotraficantes sin ideales, así mostraran a Hugo Chávez como un charlatán sin seriedad, así quieran despojar de todo humanismo a Bashar al-Assad, ser desalineado en un mundo en el que lo políticamente correcto parece ser promocionar políticas neoliberales, xenofóbicas y excluyentes, es un mérito en sí.

Napoli 29lug2016: Con il Venezuela che resiste!

di #‎FestadellaRiscossaPopolare‬ 2016
Napoli, Parco dei Camaldoli

29 Luglio, GIORNATA PER LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LOTTA ALLA GUERRA
organizzata dal ‪#‎PartitodeiCARC‬ e dal Consolato della‪ #‎RepubblicaBolivarianadelVenezuela‬ di Napoli.

h.17.00 Dibattito
CON IL VENEZUELA CHE RESISTE!
CONTRO LE GUERRE IMPERIALISTE!
COMBATTIAMO IL NEMICO IN CASA NOSTRA!

La Comunità internazionale dei gruppi imperialisti americani, europei e sionisti sprofonda il mondo intero nella guerra. Questa è la sola via a disposizione della borghesia imperialista per fare fronte alla crisi generale del capitalismo in corso. Dilaga l’aggressione imperialista ai popoli dei paesi oppressi dall’America Latina al Medio Oriente all’Africa, da un capo all’altro del mondo si acuiscono gli scontri tra i gruppi imperialisti divisi nella lotta per spartirsi il bottino dei loro saccheggi (a costo di sconvolgere alleanze consolidate come ci insegna il golpe in Turchia e lo scontro tra Erdogan e Obama) e uniti nell’attacco alle masse popolari.

I paesi le cui Autorità e i cui popoli non si piegano ai voleri dei gruppi imperialisti sono i primi paesi ad essere colpiti con la guerra, i blocchi economici, i boicottaggi e i tentativi di golpe. E’ in questo contesto che si inseriscono i tentativi di destabilizzazione del Venezuela bolivariano, avamposto della resistenza antimperialista dei popoli dell’America Latina. Tuttavia l’elenco si allunga al golpe attuato in Brasile, alla guerra che da anni sconvolge la Siria, il Donbass e il Kurdistan, alcuni degli scenari in cui si manifesta la guerra in cui la Comunità Internazionale sprofonda il mondo. Una guerra che in altre forme e modi la borghesia imperialista promuove anche all’interno degli stessi paesi imperialisti principalmente tramite l’eliminazione sistematica delle conquiste dei lavoratori e delle masse popolari.

In Italia e anche negli altri paesi imperialisti i crimini di USA, UE e sionisti suscitano la rabbia, lo sdegno e la solidarietà dei comunisti, dei progressisti e dei sinceri democratici verso lotte eroiche come quella del popolo venezuelano e del suo governo che il 29 luglio, tramite il Consolato a Napoli della Repubblica Bolivariana, è co-promotore del dibattito.

I comunisti italiani sostengono la resistenza eroica del Venezuela, della Siria, del Donbass anzitutto costruendo la rivoluzione socialista in Italia. La più alta forma di solidarietà verso la lotta di questi popoli è sovvertire la Comunità Internazionale di USA, UE e sionisti a partire dalle sue roccaforti. Il primo paese imperialista in cui le masse popolari romperanno le catene della Comunità internazionale aprirà la strada e mostrerà la via anche alle masse popolari degli altri paesi imperialisti per rompere con l’attuale disastroso corso delle cose. Organizziamoci per combattere il nemico in casa nostra.

INTERVENGONO:
– Pietro Vangeli, segretario nazionale Partito dei CARC
– Amarils Gutiérrez Graffe, console della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli
– Giorgio Cremaschi, Piattaforma Sociale Eurostop

ADERISCONO:
– Egidio Giordano, Rete Kurdistan
– 99 Posse
– Patrick Boylan, Rete NO WAR
– Luke Alden, US Citizen for Peace
– Diana Volkova, Associazione Giovanile di Lugansk – Donbass
– Svitlana Hryhorchuk, Movimento Internazionale Antifascista

Sono invitati a partecipare al dibattito gli organismi politici, sindacali, sociali che vogliono contribuire alla riflessione collettiva al centro del dibattito.

A seguire

h.21.00: ‪#‎live‬
‪#‎U_Led‬
‪#‎99POSSE‬ – IL TEMPO. LE PAROLE. IL SUONO.
(sottoscrizione 5 euro)

Su Fb: https://www.facebook.com/events/313036735708271/?notif_t=plan_admin_added&notif_id=1468685759492130
_
__

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: