Cuba: visita al Sur de Italia de la delegación gobernativa cubana

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedutepor Emilio Lambiase

Reporte de la visita al Sur de Italia de la delegación gobernativa cubana los días 17, 18 y 19 de agosto del 2017                 

Queridos amigos:

 

Con un imenso gusto recibí en casa a la delegación proveniente de Cuba compuesta por el Cro. Roberto Verrier Castro que es el director de ProCuba del MINCEX.

ProCuba es el “Centro de promoción del comercio exterior e inversión extranjera de Cuba”

El Cro. Verrier ha sido el presidente de la asociación de los economistas cubanos por más de 15 años, y a él se debe el impulso de la nueva ley 118 de la progresiva y controlada apertura de la economia cubana a capitales extranjeros.

 “Estamos promoviendo una amplia ventaja de oportunidad de inversión y de desarrollo comercial y economico, en esta actividad de promoción hemos observado un fuerte interés y presencia de empresas italianas.

Registramos un interés de inversores italianos en campos que consideramos prioritarios como el turismo, energias renovables, agricultura, biotecnologia y agroalimentario”

Bajo estos auspicios, los días 17, 18 y 19 de agosto del 2017 recibí los ilustres invitados guiados por el Cro. Verrier, presente también Roberto Rodriguez (ex Icap) y Michele Curto, presidente de AICEC en Torino.

 

  • Viernes, 17 de Agosto

Hora: 12 md, inicia la visita a la alcaldía de Napolés, siendo recibidos por el Vice alcalde el Dr. Raffaele del Giudice. (segue foto)

 

Hora: 03 pm , una importante entrevista en el Consulado General de la Republica Bolivariana de Venezuela con la Consul Amarilys Gutierrez Graffe. (MPPRE)

 

En la Sede del Consulado General de Venezuela en Nápoles se llevó a cabo un encuentro entre la delegación Pro Cuba, el Centro de Estudios de Tecnología Avanzadas (CETA), y la Cónsul General Amarilis Gutiérrez, con el fin de promover las relaciones cooperación y amistad de estos países caribeños con la hermana República Italiana.

A la actividad asistieron el director del Centro para la Promoción del Comercio Exterior y la Inversión Extranjero Pro Cuba, Roberto Verrier Castro Castro; el presidente de la Agencia para el Intercambio Cultural y Económico con Cuba, Michele Curto; el consultor del Centro de Estudios de Tecnología Avanzadas (CETA), Roberto Rodriguez Dicks y representantes del Centro Homólogo Pro Cuba para Italia.

Durante el evento los presentes mostraron su interés en realizar un trabajo conjunto con el Consulado, para difundir las potencialidades de invertir tanto en Cuba como en Venezuela, asimismo se sentaron las bases organizativas para la realización de un evento con el apoyo y patrocinio de las autoridades locales.

Por su parte, la Cónsul Gutiérrez Graffe aprovechó la ocasión para explicar la importancia de desarrollar relaciones económicas fructíferas sobre la base del respeto mutuo, y el bienestar del ser humano.

De igual manera, la Diplomática destacó que los principios de la política económica venezolana se basan en reinvertir las ganancias obtenidas en los sectores sociales, para continuar beneficiando a la población.

Igualmente, Gutiérrez señaló la intención de Venezuela de seguir trabajando en su diversificación económica, sustituyendo importaciones por exportaciones, con el interés de desarrollar aún más sus capacidades productivas dentro del territorio, en pro de defender la independencia y soberanía nacional.

Por su parte los presentes destacaron la importancia de seguir trabajando por la integración latinoamericana y caribeña, para hacer frente a la crisis económica y social provocada por el capitalismo.

Los representantes de Pro Cuba previamente sostuvieron un encuentro con el Vice Alcalde de Nápoles, Raffaele del Giudice, para definir estrategias con el objetivo de llevar a cabo una exposición que incentive el intercambio comercial entre Venezuela, Cuba e Italia. 

 

Hora: 07 pm, visita a la fábrica de pasta artesanal en el municipio “Gragnano” (Napolés) www.pastagentile.it

 

De Luciano Pignataro:

“Fábrica de pastas Gentile, la leyenda de la pasta de Gragnano. Gragnano, es decir una pasta artesanal, dibujado en bronce, un verdadero arte incluido en una historia de más de quinientos años.

Y es una historia que atrae, si sólo se piensa en el hecho de que, aún hoy, algunas de las pastas históricas siguen manteniendo intactas las tradiciones del pasado, aquellas que hicieron de la pasta Gragnano uno de los productos más populares del mundo.

El camino historico de esta pasta es que, el producto se seca al aire libre en Vía Roma gracias a “marino”, el viento proveniente de las bahías vecinas de Nápoles y Salerno.

Cabe destacar que el viento “marino” no siempre se hacia presente, por lo cual el ingeniero Cirillo, de Torre Annunziata, inventó este método para secar la pasta de manera artificial, un ventilador mecánico que distribuye el calor creado por un brasero en una caja de madera.

Hoy en día el calor es producido por el radiador, pero el ventilador mecánico está siempre allí.

Los hermanos Alberto y Pasquale Zampino, la tercera generación de la fábrica de pasta Gentile, junto con el valioso apoyo de su padre, Natale, cada día emplean sus fuerzas para promulgar la cultura de pasta de Gragnano en todo el mundo.

El oro es Spaghettone I.g.p. De un diámetro de 2,7 mm; Fusilli todavía están rizados a mano, con hierro, por los trabajadores de pasta.

Es importante conocer el origen de esta pasta y para ello tenemos que trasladarnos a la región de Basilicata, específicamente en Irsina, provincia de Matera, donde se cultiva el trigo utilizado en la fábrica de pasta.

En 2012 hubo un cambio: la familia Zampino distribuye por primera vez la pasta producida a partir de la calidad del trigo duro llamado “Senatore Cappelli”, un tipo de trigo hoy distribuido en Basilicata, Puglia y Cerdeña y utilizada durante la Segunda Guerra Mundial para alimentar a la población agotada. Es un grano orgánico, se reconoce por el bigote negro de la oreja.

Hay pocas fabricas certificadas que siguen creciendo en la agricultura ecológica, una de ellas es la empresa Scaraia, donde los dos hermanos Peppino y Felice, los productores de cereales, desde 1980 se dedican a este tipo de trigo y han recuperado el valor, obteniendo  la certificación de la Fondazione Bolognini.

La familia Zampino está dedicada no sólo a la masa, produce aceite, ortice y ravece, la madre María está dedicada a San Nicolás de Miri  de las latas de tomates San Marzano, albaricoques Vesubio y verduras y frutas de temporada.”

 

Hora: 09 pm, pausa en casa de Susy y Giovanni, amables acompañadores en el corazón de Gragnano, para un aperitivo de equilibrio glicémico. 

 

Hora: 10 pm, después de 14 horas consecutivas de actividad, fuimos invitados por Giovanni Lanzetta e Lucia, Presidente de Ong Goree, para una cena. 

 

– Viernes, 18 de Agosto

Hora: 11 am, anticipadamente, sentandos en un banco de plaza  en el ingreso del Tenuta Vannulo en Capaccio-Paestum (Salerno), esperando al proprietario Nicola Palmieri de la fabrica de Bufala, para un tour en la hacienda. www.vannulo.it

 

“…A la mañana siguiente, durante mucho tiempo,

Caminamos por senderos infranqueables

Y aquí y allá se hunden los pies

De dos hermosas montañas,

Cruzando canales y arroyos

Y encontrando búfalos

Del aspecto de hipopotamos

Y de ojos salvajes

E inyectados con sangre.”

  1. Goethe

 

“Hacienda biologica certificada por la ICEA.

Cultivamos el forraje necesario para alimentar a nuestros 600 búfalos.

Cada uno de ellos se cura sólo con remedios homeopáticos.

Duchas y cepillos, esteras de goma y música, técnicas de ordeño de vanguardia para salvaguardar el bienestar animal, la higiene y la calidad de la leche.

Los robots de ordeño permiten al animal autogestión con un ciclo de vida más natural y menos estresante.

El procesamiento de la mozzarella se realiza enteramente a mano, en el pleno respeto de una higiene escrupulosa, exclusivamente con leche, es el único lugar donde se vende la mozzarella.

Los productos tradicionales se combinan con la experimentación de nuevos sabores tales como yogur, budines y helados, en uso común de materias primas de alta calidad y artesanía de la mano de obra.

De la combinación de los granos de cacao crudos y de la leche del búfalo nacen los productos del chocolate, crema de chocolate, el pistacho y las avellanas.

Cereales cultivados siguiendo los dictados de la agricultura orgánica con molienda natural de grano entero y “levadura madre” para un producto más digerible y natural.

Una forma de degustar los productos de la empresa acompañados de platos sencillos preparados con las verduras del jardín cultivado a la entrada de la sala de degustación.

Cada objeto nace inspirado en las líneas del antiguo mundo campesino.

Exclusivamente piel de búfalo con planta de bronceado.

Hecho a mano por expertos artesanos.

Herramientas y utensilios de diversas epocas, de uso diario, alojadas en un Museo Permanente de la Agricultura.

Un paseo para admirar el búfalo, con olores y ruidos que se integran con la modernidad de los establos.

La sabiduría de la artesanía. El camino se cierra con la reunión y degustacion de los productos lácteos.”

 

 

Hora: 05 pm, encuentro a Cava de’ Tirreni con el alcalde, Enzo Servalli, en la sede de la sociedad Metellia Servizi, guiada por Giovanni Muoio. www.metelliaservizi.it

Esta empresa, de total propiedad pública, ha realizado un interesante proyecto de recuperación de residuos sólidos urbanos, junto con Cuba (La Habana Vieja y el Historiador Eusebio Leal Spengler), Haití y Santo Domingo.

Un proyecto financiado por la Comunidad Europea, que ya se ha completado.www.revime.org

Con el Cro. Verrier se discutió la posibilidad de completar la experiencia pasada con un nuevo proyecto que prevé la recuperación de la parte orgánica de los residuos sólidos municipales.

El proyecto se articula para módulos que se ajustan al tamaño variable de cada ciudad. La fracción orgánica del r.s.u. (Residuos sólidos urbanos) se convierte en “compost” para fertilizar las tierras agrícolas.

Sería interesante insertar este tipo de recuperación en un plan nacional de planificación territorial, que nos permita “avanzar” en la realización de instalaciones de tratamiento para cada ciudad, donde la perspectiva del financiamiento no sólo es proporcionada por Europa, sino también por la Cooperación Internacional de la FAO u otros organismos nacionales y supranacionales.

Hoy en día, la situación es paradójica: hay recursos financieros que no se explotan por falta de proyectos.

De hecho, en la edición anterior en el anuncio del concurso (2017), Italia no presentó ningún proyecto, a pesar de un flujo financiero sustancial en stock.

Por esta razón, y por los contactos con las instituciones encargadas, estamos motivados para presentar, hasta la fecha, propuestas de intervención para la realización de plantas de procesamiento para la parte orgánica del r.s.u. En las ciudades cubanas, según la prioridad dada por el Gobierno. 

 

  • Sábado 19 de Agosto

Hora: 10 am, visita al Area Arqueológica de Pompeya, con un guía de lengua española y apoyo logistico y de seguridad dispuesto por el Director Prof. Massimo Osanna, de la Dra. Giuseppina Tarallo y del inspectorado de la policia. www.pompei.it 

 

Después del almuerzo, y después de una parada en mi “Comandancia” donde hago el trabajo del arquitecto Martiano, concedo un cálido saludo, y ¡hasta la próxima! 

El Cro. Roberto Verrier, invitado de la Aicec (agencia de intercambio cultural y económico de Cuba), el centro homólogo de ProCuba en Italia, realiza la promoción de Cuba como destino de inversión extranjera, continuando su viaje hacía el norte de Italia.

La misión de la organización en el norte es visitar importantes empresas de producción en las ciudades de Siena, Roma, Florencia, Bolonia, Módena, Belluno, Milán y Turín, pero esto es otra historia.

 

Escrito en Cava de ‘Tirreni el 25 de agosto de 2017.

                                                            

Hasta la Victoria Siempre!

 

Arquitecto Emilio Lambiase

Presidente de la asociación Italia-Cuba-Salerno

 

Traducido por: Amarilys Sánchez Gutiérrez (estudiante de Lengua y Cultura Comparada de la Università degli Studi di Napoli l’Orientale)
___

(VIDEO) Venezuela: La Causa Oscura

___

Un documentario di Hernando Calvo Ospina.

Questo documentario non è un lavoro congiunturale. Sarà vigente fin tanto che gli Stati Uniti persistano nel cercare di terminare la Rivoluzione Bolivariana che il Venezuela sta costruendo per impossessarsi del suo petrolio e delle altre risorse naturali.

Nel 1902 l’Inghilterra, la Germania e altre nazioni europee volevano impossessarsi di questa nazione. Gli argomenti e le pratiche di destabilizzazione di quei tempi lontani sono quasi gli stessi che si utilizzano oggi contro il governo sovrano del Venezuela.

Un documentario basato su interviste a studiosi e ricercatori venezuelani che, in linguaggio semplice e didattico, ci raccontano una storia che i grandi media insistono a nascondere.

Durata: 38 minuti
Luglio 2017.

Declaración del Ministerio de Relaciones Exteriores de Cuba

La Habana, 26 de abril de 2017

Hemos sido testigos, una vez más, de otra decisión infame e inmoral de la desprestigiada OEA, en contra de la Revolución Bolivariana, que reedita las bochornosas páginas escritas contra la Revolución Cubana en la década del sesenta del pasado siglo.

La convocatoria de una Reunión de Consultas de Ministros de Relaciones Exteriores, para continuar hostigando al gobierno venezolano, constituye otra acción coherente con el tradicional papel de esa organización como instrumento de dominación imperialista en el hemisferio; a fin de resquebrajar la soberanía, la independencia y la dignidad de Nuestra América.

La OEA ha permanecido siempre de espaldas a los pueblos de América, con una historia de casi 70 años de subordinación a los intereses oligárquicos e imperialistas. Ha estado ausente cuando nuestra región ha sido víctima de intervenciones y agresiones políticas, económicas y militares, o de graves violaciones a la democracia y a los derechos humanos.

Es tiempo ya de reconocer que la OEA resulta incompatible con las necesidades más acuciantes de los pueblos de América Latina y el Caribe. Es incapaz de representar sus valores e intereses. Impuso un falso credo democrático, responsable de la muerte de cientos de miles de latinoamericanos y caribeños y de la pobreza y exclusión de millones. La OEA agrede e impone, y no concilia ni dialoga; desprecia la igualdad y la autodeterminación de los Estados. Conspira y subvierte a gobiernos genuinos y legítimamente constituidos con demostrado respaldo popular. Merece el más profundo repudio.

Venezuela ha adoptado la digna decisión de retirarse de la OEA, que firmemente apoyamos, luego de haber enfrentado con valentía el acoso, la injerencia y la ignominia de la que ha sido objeto en esa institución y por parte de su enfebrecido Secretario General. En aras de la defensa de los intereses colectivos de la región, tanto Chávez en su tiempo, como hoy el presidente Maduro, enfrentaron sus traiciones con dignidad y valor. Pero la OEA nunca se propuso aceptar a un gobierno popular y mucho menos ayudar a Venezuela, como predican algunos. Por el contrario, se alineó cada vez más con los propósitos de derrocar a la Revolución Bolivariana.

Las agresiones contra Venezuela y la despreciable conducta de la OEA en su contra, confirman que dondequiera que haya un gobierno que no convenga a los intereses de los círculos de poder imperial y a sus aliados, será atacado.  Los nuevos métodos de desgaste, más sutiles y enmascarados, sin renunciar a la violencia, para quebrar la paz y el orden interno, no ocultan la vieja estrategia de demostrar la inviabilidad del progresismo, de las izquierdas y de sus luchas por el desarrollo económico y social de nuestra región.

Cuba ratifica su firme compromiso de acompañar a Venezuela y la posición digna, valiente y constructiva del presidente Nicolás Maduro al frente de la Revolución Bolivariana. Expresamos nuestro apoyo y solidaridad al pueblo y gobierno venezolanos en este nuevo capítulo de resistencia y dignidad,  convencidos de lo mucho que nos queda por batallar para alcanzar la unidad y mantener vigentes los fundamentos de la Proclama de América Latina y el Caribe como Zona de Paz, firmada en 2014.

 

S.M. Capua Vetere (CE) 9mar2017: Cuba, attualità e prospettive

17021336_127689567755184_7737203290516265101_n

Cuba chiama Napoli: Incontro con una delegazione cubana!

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio all'apertodi Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo

MERCOLEDI’ 25 GENNAIO – ORE 18.30 –
CUBA INCONTRA NAPOLI!

Dibattito con una delegazione proveniente da Cuba, con a capo Vicente Jesús González Díaz, responsabile della logistica dei funerali di Fidel Castro; Alba Beatriz Soto Pimentel, ambasciatrice di Cuba in Italia;

Sarà inoltre proiettata, in anteprima europea, una delle quattro parti di cui si compone il documentario “Omaggio del popolo cubano al Comandante Fidel Castro”

——
Il 25 novembre moriva Fidel Castro, il “comandante en jefe” della rivoluzione cubana e tra i protagonisti della storia mondiale del XX secolo. All’indomani della conferma della notizia – tante volte annunciata dai media in tutto il globo, ma, con l’eccezione di quest’ultima volta, sempre smentita – in tanti hanno cominciato a speculare sul futuro della “Cuba socialista”. Morto Fidel, e in più con le aperture di Obama prima e l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti poi, il modello cubano è destinato a cambiare pelle, a soccombere anch’esso al capitalismo. Così, almeno, dicono tanti osservatori. Eppure, l’immensa folla di cubane e cubani corsi a dare l’ultimo saluto alla ceneri di Fidel, che hanno percorso tutta l’isola, qualche dubbio lo fa venire.
Sarà che la rivoluzione cubana, attaccata fin da subito – con le armi, col terrorismo, con il “bloqueo”, l’embargo statunitense in vigore dal 1962, con la propaganda, ecc. – e data per spacciata un giorno sì e l’altro pure, ha resistito e continua a resistere, ma le narrazioni dominanti non ci convincono. Non è che il potere popolare costruito sull’isola in questi sessant’anni ha portato con sé una legittimazione popolare ben al di là di quanto ci raccontano i nostri media? Non è che la definizione di “regime”, “dittatura”, sono formule buone per la propaganda che mira a veder finire l’esperienza cubana il prima possibile e non, invece, a capire nel profondo ciò che accade sull’isola, le sfide che si aprono all’orizzonte, i possibili scenari futuri? E, soprattutto, c’è qualcosa che possiamo imparare dal modello cubano, in termini di risposte ai bisogni della popolazione, di partecipazione popolare, di un diverso universo valoriale?

Ne parliamo mercoledì 25 gennaio!

L’eredità cubana di Fidel Castro

15181202_1816868731936049_8641418156679388569_ndi Gideon Polya

La vera democrazia fatta di buona salute pubblica, bassi tassi mortalità infantile, alta alfabetizzazione ed eco-socialismo.

 

1°dic2016.- Nonostante decadi di sanzioni U.S.A. illegali e un reddito annuo pro-capite di soli circa 7.000 dollari da paragonare ai 56.000 degli U.S.A., Cuba ha un buon sistema di salute di base, 100% di alfabetizzazione, un’aspettativa di vita di livello occidentale e una mortalità infantile al di sotto dei 5 anni, di 6 su 1.000, la stessa degli U.S.A. La vera democrazia significa fondamentalmente espressione della volontà del popolo e nella Cuba di Castro a un solo partito, ciò ha significato eco-socialismo e la sopravvivenza dei neonati, in vista di una vita decente, sana, alfabetizzata, istruita e lunga.

La cuba socialista di Fidel Castro è stata un modello per lo sviluppo civilizzato del Terzo Mondo, che rispetti il diritto umano fondamentale, quello alla vita, ed è in opposizione ideologica alla globalizzazione neo-liberista ecologicamente insostenbile, mossa dall’avidità, che favorisce in maniera spropositata l’Uno Per Cento a spese dell’Umanità e della Biosfera. Le conquiste della Cuba socialista di Fidel Castro sono elencate qui di seguito:

        1.Fidel Castro e la Cuba socialista sono sopravvissute all’ostilità criminale degli U.S., al terrorismo, all’invasione e al blocco economico.

Fidel Castro e i suoi compagni rivoluzionari socialisti rovesciarono la dittatura di Batista sostenuta dagli U.S.A. nel 1959. Fidel Castro (Fidel Alejandro Castro Ruíz) in seguito ha governato la Repubblica di Cuba per 47 anni, dapprima come Primo Ministro (1959-1976) e poi come Presidente (1976-2006). Gli U.S.A. hanno intrapreso un blocco economico contro Cuba nel 1961, che ancora persiste, nonostante un recente parziale riavvicinamento diplomatico da parte del Presidente U.S.A. Barack Obama, che il neo-eletto Presidente estremista di destra Donald Trump ha giurato di buttare all’aria. L’embargo U.S.A. impedisce le esportazioni verso Cuba che non siano cibo e medicinali, sotto minaccia di detenzione fino a dieci anni. Dal 1992, l’Assemblea Generale dell’O.N.U. ha approvato una risoluzione ogni anno, condannando l’embargo in quanto violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto Internazionale. Così, per esempio, nel 2014, delle 193 nazioni dell’Assemblea Generale dell’O.N.U., 188 hanno votato per condannare l’embargo U.S.A., con gli U.S.A. e il pro-apartheid Israele votanti contro e le ossequianti filo-americane micro-nazioni del Pacifico insulare Palau, Marshall e Micronesia astenute. Amnesty International, Human Rights Watch e la Commissione Interamericana per i Diritti Umani hanno condannato l’embargo U.S.A. Gli U.S.A., all’epoca del Presidente Kennedy, risposero militarmente alla Cuba di Castro con la fallita invasione della Baia dei Porci nel 1961. Quando Castro fece entrare i missili nucleari sovietici a Cuba, il Presidente U.S.A. John Kennedy porto’ il mondo al bordo dell’annientamento nucleare e i missili furono ritirati. La C.I.A. e gli esiliati cubani appoggiati dalla C.I.A. montarono senza successo circa 600 complotti criminali per assassinare Fidel Castro. Cuba sostenne i movimenti rivoluzionari in Africa e in Latino-America, al che gli U.S.A. risposero con invasioni belliche criminali, l’appoggio a dittature di estrema destra e l’allenamento e finanziamento di squadroni della morte, con il compagno rivoluzionario di Fidel, Che Guevara, come vittima più nota degli stessi.

 

  1. I diritti umani e la detenzione negli U.S.A. e a Cuba

Da una prospettiva dei diritti umani, una Cuba comunista a partito unico può essere legittimamente criticata per il governo mono-partitico, per la soppressione del dissenso e la detenzione dei dissidenti. Comunque, queste azioni del regime di Castro devono necessariamente essere viste nel contesto dell’embargo, della violenta ostilità, del terrorismo di stato e non di stato e dell’infinita sovversione verso Cuba da parte di un invasore seriale ed eccezionalista, il criminale di guerra seriale nonchè “stato canaglia”, gli U.S.A., che si considerano al di sopra della legge internazionale e in effetti dominano e sovvertono l’intero pianeta (2, 6 e 7). In termini di tassi di detenzione misurati come “numero di prigionieri per ogni 100.000 abitanti”, gli U.S.A. sono un leader mondiale, con 693 in paragone ai 510 di Cuba, ai 45 dell’Islanda e ai 265 del pro-apartheid Israele appoggiato dagli U.S.A. (37.300, se si includono tutti i Palestinesi Occupati e 15.900 se si considerano solo i due milioni di Palestinesi imprigionati nel Campo di Concentramento di Gaza). Gli U.S.A. hanno il 4% della popolazione mondiale ma hanno il 25% dei circa 10 milioni di prigionieri a livello mondiale. Milioni di Americani sono esclusi dalla partecipazione alla farsa elettorale a due partiti tipica del sistema U.S.A. da leggi fraudolente. Il libero discorso è vitale per il progresso sociale, ma una nuova Cuba, democratica e socialista, dovrebbe comunque proteggere la democrazia promuovendo un punto di vista rigorosamente scientifico o, quantomeno, fondato sull’expertise degli studiosi e (mantenendo) i meccanismi per bloccare la sovversione delle multinazionali del Grande Capitale, che ha trasformato le Democrazie Occidentali in Lobbycrazie e Corporatocrazie, e a titolo di esempio, ha trasformato il britannico parlamentare Partito Laburista nel neo-liberista Blair-ita New Labour.

 

  1. La vera democrazia di Cuba vs la plutocrazia degli U.S.A.

Come ampiamente dimostrato dalla recente Corsa Presidenziale, gli U.S.A. sono dominati da quel ricco Uno per Cento che è variamente descritto come il Sistema, lo Stato Profondo o l’Oligarchia. Il Sistema degli U.S.A. e i suoi servili media main-stream hanno esageratamente sostenuto la criminale seriale di guerra nonché neo-liberista Hillary Clinton nelle recenti elezioni presidenziali. L’oppositore della Clinton, il miliardario neo-liberista Donald Trump, si è ritratto come oppositore del Sistema e difensore degli “Americani comuni”. Comunque, il meno che 50% di “Americani comuni” che hanno votato per Trump si renderanno presto conto che hanno votato per un ingente taglio alle tasse dei ricchi di circa un trilione per anno, per un ipotetico “miglioramento economico, pompato da un aumento senza senso della spesa militare, per la mano libera alle ambienticide compagnie di combustibile fossile, per l’inerzia terricida verso il cambiamento climatico, per l’insicurezza riguardo le assicurazioni sulla salute adombrate dall’abolizione dell’Obamacare e, naturalmente, per il razzismo, la bigotteria, la misoginia e la regressione dei diritti conquistati a fatica dalle donne e dalle  minoranze. Il Sistema ha vinto con Trump proprio come avrebbe vinto con Clinton. Gli “Americani comuni” avrebbero vissuto immensamente meglio con le politiche socialiste pro-ambiente, a favore dell’educazione universitaria gratuita e della salute pubblica garantita di un Bernie Sanders (eliminato con l’aiuto del Sistema del Partito Democratico) o con il programma socialista del Dr Jill Stein (Partito Verde Americano), ignorato dai media main-stream, che ha guadagnato un misero 1 % dei voti.

La Cuba comunista è governata dal Partito Comunista a beneficio di tutti i Cubani, mentre gli U.S.A. sono governati da e per il Sistema dell’Uno per Cento. Negli U.S.A. la Democrazia è diventata una Plutocrazia, una Cleptocrazia, un’Omicidiocrazia, una Lobbycrazia, una Corporatocrazia e una Dollarocrazia, nella quale il Grande Capitale compra la gente, i politici, i partiti politici, la percezione pubblica della realtà, il potere politico e da ciò deriva sempre più profitto per i plutocrati. “Fabbricare il consenso” da parte dei media main-stream posseduti dall’Uno per Cento fa sì che quelli che non sono esclusi dal voto e che davvero si preoccupano di andare a votare, quase tutti votino per i candidati repubblicani o democratici.

In effetti, bisogna riflettere su cosa si intende per “democrazia”. Nel suo senso più profondo, “democrazia” o “governo del popolo” sicuramente significa realizzare i più profondi desideri del popolo, vale a dire una vita lunga, sana e significativa, la sopravvivenza per la propria prole, obiettivi che sono ottenuti con la pace, il buon governo, l’eguaglianza, una buona sanita’, 100% di alfabetizzazione e una buona istruzione. In questo senso, il socialismo altruistico sotto la guida di Fidel Castro ha assicurato una “vera democrazia” al popolo cubano, realizzando questi desideri fondamentali della gente comune.

  1. L’imperialismo U.S.A. produce infanticidi di massa, mentre la Cuba socialista, pur impoverita dagli U.S.A., ha raggiunto in maniera mirabile gli stessi tassi di mortalità infantile dei ricchi U.S.A.

È interessante considerare la “mortalità infantile sotto i cinque anni” in unità di “infanti al di sotto dei cinque anni su 1.000 nascite” (2015) e per “PIL pro-capite” in dollari U.S. ($; U.N., 2015): a) in riferimento a Cuba e agli Stati Uniti; b) ai paesi caraibici invasi dagli U.S.A. a memoria vivente (Repubblica Dominicana, Haiti, Grenada e Panama); c) ai paesi caraibici soggetti a violenti conflitti civili sobillati dagli U.S.A. a memoria vivente (Colombia, El Salvador, Guatemala, Honduras e Nicaragua) e d) agli altri paesi invasi dagli U.S.A. a memoria vivente.

  1. a) Cuba (7 morti sotto i 5 anni per 1.000 nascite; 7.274 dollari di PIL pro-capite; invasa dagli U.S.A. senza successo nel 1961); U.S.A. (7; 54,406 dollari di PIL pro-capite). Resistendo con successo all’invasione e all’embargo degli U.S.A. e con i mezzi del buon governo, di un’istruzione e di una sanità di qualità, la Cuba impoverita dagli U.S.A. ha raggiunto gli stessi bassi tassi di mortalità infantile dei ricchi U.S.A.;

b)paesi caraibici invasi dagli U.S.A. a memoria vivente – Repubblica Dominicana (28; 6.147 dollari; invasa dagli U.S.A. nel 1965), Grenada (13, 8.313 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 1983), Haiti (77, 813 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 20014), Panama (20, 12.712 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 1989);

  1. c) paesi caraibici soggetti a violenti conflitti civili sobillati dagli U.S.A. a memoria vivente – Colombia (25, 7.904 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1964-2016), El Salvador (20, 4.120 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1972-1992), Guatemala (32, 3.673 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1954-1999), Honduras (40, 2.449 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, dominio militare supportato dagli Stati Uniti, anni ’20-’80; “democrazia” sovvertita dagli U.S.A. che ha sovvertito violentemente i propri vicini a favore degli U.S.A., 1989-2009; 2009, colpo di stato supportato dagli U.S.A.) e Nicaragua (24, 1.963 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1979-1992);
  2. d) altri paesi a vario titolo invasi dalle forze U.S.A. dal 1950 – Afghanistan (93, 668 dollari; colpo di stato supportato dagli U.S.A. nel 1978, con conseguente guerra tra gli jihadisti supportati dagli U.S.A. contro gli invasori russi e i loro alleati, 1979-1989; occupazione U.S.A., 2001-presente), Cambogia (30, 1.095 dollari; guerra U.S.A., 1965-1975, che ha precipitato il Genocidio cambogiano, 1976-1979), Iran (16, 6.391 dollari; colpo di stato supportato dagli U.S.A. e installazione dello Scià pro-U.S.A., 1953-1979; raid militare fallito, 1979; guerra Iran-Iraq supportata dagli U.S.A., 1980-1988; letali sanzioni U.S.A. poi U.N. contro l’Iran sprovvisto di armi atomiche per conto di Israele praticante l’Apartheid e dotato di 400 testate nucleari, 1979-2016), Iraq (36, 6.391 dollari; guerra Iran-Iraq supportata dagli U.S.A., 1980-1988; guerra del Golfo guidata dagli U.S.A., 1990-1991; sanzioni U.N. promosse dagli U.S.A., 1990-2003; invasione da parte dell’Alleanza U.S.A., 2003-2011; Alleanza U.S.A. coinvolta nella guerra civile irachena, 2014-presente), Laos (54, 1.756 dollari; sovversione U.S.A. e guerra, 1958-1975, con bombardamenti a tappeto, 1964-1975), Libia (27, 6.602 dollari; distruzione della Libia, precedentemente uno dei paesi più prosperi dell’Africa da parte della Francia-Regno Unito-Stati Uniti (FUKUS), 2011-presente), Nord Corea (26, 696 dollari; guerra coreana promossa dall’Alleanza U.S.A., 1950-1953, con il 28% della popolazione uccisa; continue minacce e sanzioni), Pakistan (83, 1.358 dollari; bombardamenti U.S.A., 2001-presente, inclusi attacchi com droni, 2004-presente; invasione U.S.A., si presume per uccidere Osama Bin Laden, 2011), Filippine (29, 2.971 dollari; forze speciali U.S.A. in guerra a Mindanao, 2012-presente, nonostante l’opposizione dell’attuale governo delle Filippine), Siria (19, 1.418 dollari; vari tipi di suporto dell’Alleanza U.S.A. ai ribelli siriani, inclusi l’ISIS, 2011-presente), Vietnam (23, 2.015 dollari; Guerra U.S.A. nel Vietnam, 1955-1975), Yemen (70, 1.821 dollari; U.S.A. coinvolti con l’Alleanza a guida saudita nella guerra in Yemen, 2010-presente). Da notare che lo stato d’Israele pro-Apartheid (4, 38.261 dollari) appoggiato dagli U.S.A. domina violentemente sulla Palestina Occupata (23, 2.811 dollari).

Dovrebbe essere sottolineato: (i) che gli U.S.A. hanno basi in 75 paesi; (ii) che gli U.S.A. sovvertono attivamente tutti i paesi; (iii) che gli U.S.A. sono stati coinvolti in numerose guerre civili in Africa, in Latino-America e in Asia; (iv) che la struttura spionistica congiunta U.S.A.-Australia Pine Gap nel centro dell’Australia indirizza attentati coi droni in Libia, Somalia, Yemen, Siria, Iraq, Afghanistan e Pakistan; (v) che 40 milioni di Asiatici sono morti di violenza o deprivazioni imposte nelle guerre asiatiche post-anni ’50; (vi) che circa 32 milioni di Musulmani sono morti di violenza (5 milioni) o deprivazioni imposte (27 milioni) in 20 paesi invasi dall’Alleanza U.S.A. nella Guerra U.S.A. ai Musulmani (chiamata Guerra degli U.S.A. al Terrore) dall’11.09.2001, cioè dall’epoca degli orrori del falso attentato  del Governo U.S.A.

 

  1. Zero morti annuali evitabili a Cuba, in Cina e nei paesi occidentali

Per un paese in un certo período, la mortalità evitabile (morti evitabili, eccesso di mortalità, morti in eccesso, morti che non sarebbero dovute accadere) consiste nella differenza tra le morti reali in un paese e le morti attese in un paese pacifico e governato decentemente e con la stessa demografia. Il Dipartimento della Popolazione dell’O.N.U. fornisce dettagliati dati demografici per quasi tutti i paesi del mondo dal 1950, cioè dati sulla popolazione, i tassi di mortalità e di nascita, i crolli demografici e il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni. Per i paesi sviluppati ad alto tasso di natalità e con buoni risultati in termini di bassa mortalità infantile evitabile, il tasso di mortalità è di 4 morti per 1.000 su base annuale e, conseguentemente,  per i detti paesi  il “tasso di mortalità evitabile” (calcolato in morti annuali su 1.000 abitanti) = al tasso di morte attuale – 4. Usando i dati del Dipartimento della Popolazione dell’O.N.U., è stato possibile calcolare per il periodo 1950-2005 le “morti evitabili” (morti evitabili, eccesso di mortalità, morti in eccesso, morti che non sarebbero dovute accadere) per ogni paese del mondo. Il totale di mortalità evitabile per il periodo 1950-2005 [e i dati della mortalità infantile sotto i 5 anni nello stesso periodo calcolati indipendentemente nelle parentesi quadre] sono 1.303 milioni [878 milioni] (in tutto il mondo); 1.248 milioni [878 milioni] (il mondo non-Europeo); 55 milioni [25 milioni] (il mondo Europeo); e 0,6 miliardi [0,4 miliardi] (il mondo Musulmano) – un Olocausto da Mortalità Globale Evitabile, un Olocausto del Terzo Mondo e del Mondo Musulmano che è cento volte più grande che l’Olocausto Ebraico della Seconda Guerra Mondiale (5-6 milioni di morti, 1 su 6 morto per deprivazioni) o l’Olocausto bengalese “dimenticato” (Seconda Guerra Mondiale), la Siccità artificiale del 1943-45 nella quale i Britannici con la complicità degli Australiani hanno fatto morire di fame deliberatamente 6-7 milioni di Indiani in Bengala e nelle contigue province dell’Assam, dell’Orissa e del Bihar. Su questa base di stima, le “morti annuali evitabili” in percentuale rispetto alla popolazione sono approssimativamente dello 0% nella Cuba socialista, nella pluralista Cina, nel Giappone e nei paesi occidentali, ma sono dello 0.4% nel Sud-est asiatico, dello 0,6% per i Nativi Australiani e dell’1.0% per l’Africa non-araba. 

 

  1. Il governo altruistico stile cubano e una tassa annuale sulla ricchezza potrebbero abolire l’Olocausto da Mortalità Evitabile Globale

La Cuba di Castro fornisce un eccellente esempio di governo altruistico, razionale e umano e di come l’umanità può fermare l’Olocaustoda Mortalità Evitabile Globale nel quale 17 milioni di persone muoiono evitabilmente ogni anno per deprivazioni nel Terzo Mondo (eccetto in Cina). Così, l’Olocaustoda Mortalità Evitabile Global sta avendo luogo sulla navetta spaziale Terra con il ponte di comando in mano al 10% più ricco, che detengono circa il 90% della ricchezza del Mondo e che, a loro volta, sono controllati da quell’Uno per Cento, che possiede circa il 50% della ricchezza del pianeta. Una tassa annuale globale sulla ricchezza del 5% fornirebbe circa 20 trilioni di dollari all’anno, innalzando il reddito pro-capite di tutti i paesi all’equivalente dei circa 7.000 dollari per persona all’anno della Cina e di Cuba, paesi relativamente poveri per i quali il tasso di mortalità annuale evitabile è zero (0), grazie a un governo competente e altruistico. Si tratta di un’alternativa praticabile per fermare l’Olocausto da Mortalità Evitabile Globale. In effetti, una tassa annuale progressiva sulla ricchezza è stata proposta per ragioni di democrazia e di sostenibilità economica dall’economista francese Prof. Thomas Piketty nel suo importante libro “Il Capitale nel XXI Secolo”. La Francia ha una tassa annuale sulla ricchezza dell’1,5% circa e per 1.400 l’Islam ha avuto una tassa annuale sulla ricchezza (zakat) del 2,5%, considerata uno dei 5 Pilastri della Saggezza.

 

  1. L’eredità dell’eco-socialismo di Fidel Castro

Fidel Castro ha lasciato un’eredità finale di eco-socialismo a un mondo fortemente minacciato dal riscaldamento globale artificiale, da un’emergenza climatica che si va aggravando e da un genocidio climatico in via di peggioramento. La Cuba di Fidel Castro ha dimostrato che il governo altruistico e competente in una società socialista può fornire una vita decente a tutti con una buona sanità, 100% di alfabetizzazione, un’aspettativa di vita di livello europeo e un tasso di mortalità infantile molto basso in un paese con un P.I.L. pro-capite di soli circa 7.000 dollari, ovvero circa otto volte meno di quello degli U.S.A. Comunque, le economie devono essere non solo equitative ed efficienti in termini energetici ma anche sostenibili in riferimento alla nostra Biosfera fortemente minacciata. La sostenibilità ambientale è la grande sfida esistenziale all’Umanità di oggi, e deve essere affrontata con uneco-socialismo ambientalmente solido. Fidel Castro, a proposito della stessa sopravvivenza della società umana minacciata dal riscaldamento globale imposto dal Primo Mondo (ha detto a Copenhagen nel 2009): “I giovani sono più interessati di ogni altro al futuro. Fino a poco tempo fa, la discussione verteva intorno a che tipo di società vorremmo avere. Oggi, la discussione è intorno a se la società umana sopravviverà. Queste non sono frasi sensazionali. Dobbiamo essere preparati ai fatti reali. La speranza è l’ultima cosa che gli esseri umani possono abbandonare. Con argomenti veritieri, gli uomini e le donne di tutte le età, specialmente i giovani, hanno combattuto una battaglia esemplare al Summit e hanno insegnato al mondo una grande lezione.”

 

  1. L’alto tasso di alfabetizzazione, anche femminile, e l’importanza del raccontare la verità nella Cuba socialista

Una considerevole conquista della rivoluzione cubana del 1959 è stata l’aumento rapido dell’alfabetizzazione. La Campagna Cubana per l’Alfabetizzazione ha raggiunto il suo apice nel 1961 e, in seguito, ha avuto un grande impatto globale. L’alfabetizzazione è adesso al 99,7% (cioè, quasi al 100%) nella Cuba socialista, in confronto al 60,7% di Haiti, invasa dagli U.S.A. e occupata dalle potenze occidentali. Un’alta alfabetizzazione femminile è fondamentale per una buona salute di base, anche infantile, e questo si riflette nella bassa mortalità infantile tipica dell’Occidente, nella mortalità infantile evitabile pari a zero e nella lunga attesa di vita nella relativamente povera Cuba. Un’alta alfabetizzazione è fondamentale per la gestione del rischio razionale e fondata sulla scienza, che a sua volta è cruciale per la sicurezza sociale e che prevede, in ordine, (a) un’accurata informazione, (b) un’analisi basata su criteri scientifici e (c) cambiamenti sistemici per minimizzare il rischio basati su criteri scientifici. Una tale gestione del rischio a livello societale e anche globale è fondamentale per un’azione efficace contro il cambiamento climatico in un mondo in cui un innalzamento catastrofico di più di gradi centigradi di temperatura è ormai inevitabile.

Circa il 14% degli Americani sono funzionalmente analfabeti nella misura in cui sono incapaci di realizzare un’elementare lettura o scrittura in prosa nel quotidiano e si suppone che una percentuale molto maggiore di Americani, forse circa il 50%, non riescano a leggere e scrivere in prosa correttamente (a titolo di esempio, il 46% degli Australiani sono funzionalmente analfabeti in questo senso e il 53% sono funzionalmente incapaci di calcolare). Questa analfabetismo funzionale ha conseguenze terribili, per esempio un recente sondaggio ha mostrato che il 42% degli Americani crede che Dio ha creato l’essere umano proprio nella sua forma attuale in un’unica volta e negli ultimi 10.000 anni o cose così, che un ulteriore 31% crede che l’uomo sia evoluto ma con Dio come guida del processo e che solo il 19% crede nell’evoluzione umana senza un ruolo di Dio nel processo. Si suppone che siano stati questi “comuni Americani”, impoveriti e funzionalmente oltre che scientificamente analfabeti a votare in massa per il miliardario neo-liberista Donald Trump, che è contro la scienza e nega il cambiamento climatico. Circa 1,7 milioni di “Americani comuni” muoiono ogni anno in maniera evitabile per tutti i tipi di cause, dal fumo al suicidio, ma diversi governi U.S.A. si sono votati alla perversione fiscale di accrescere sul lungo termine di 6 trilioni il costo della Guerra al Terrore, stanziando trilioni di dollari per uccidere milioni di Musulmani all’estero, piuttosto che di mantenere milioni di Americani vivi a casa. Nel suo film “Sicko”, Michael Moore ha drammatizzato quest’indifferenza depravata del Sistema U.S.A. per le vite e le morti dei “comuni Americani”, portando alcuni eroi del primo soccorso del 09.11 gravemente malati a Cuba per un trattamento medico gratuito cui non avevano diritto a casa.

 

Commento conclusivo

Fidel Castro (1926-2016) non solo ha liberato Cuba da un dittatore corrotto appoggiato dagli U.S.A. ma ha anche liberato il popolo cubano dalla povertà, dalla corruzione, dall’analfabetismo, dalla mancanza di sanita’, dalla mortalità infantile evitabile e dalla mortalità precoce in generale. La Cuba di Fidel Castro ha fornito un ottimo modello per lo sviluppo del Terzo Mondo. Infatti, l’esempio cubano di un buon governo altruistico mostra come l’Umanità può finirla con l’Olocausto da Mortalità Globale Evitabile nel quale 17 milioni di persone muoiono di stenti inutilmente ogni anno. Sotto la straordinaria pressione dell’implacabile terrorismo di stato U.S.A., Cuba è stata uno stato a un solo partito, sebbene il libero discorso sia fondamentale per l’istruzione, la scienza e il progresso sociale. Un eco-socialismo democratico deve avere libero dissenso ma ha bisogno di una robusta narrazione del vero basata su criteri scientifici e di forti meccanismi per bloccare il pervertimento della democrazia da parte delle multinazionali. L’alta efficienza economica tipica di Cuba (eccellenti risultati per un paese con un reddito pro-capite così basso), insieme alla sostenibilità ed equità ambientale imposte per legge, puntano a un’alternativa in termini di eco-socialismo all’avidità neo-liberista delle multinazionali, che sta minacciando esistenzialmente l’Umanità e la Biosfera.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

(VIDEO) I diari del “Poderoso” con Cuba nel cuore

aaaaaaIl “Poderoso” è il furgone dell’Ex-Opg che – navigando sulla cresta dell’onda del controllo popolare e “battendo bandiera cubana”, ricorda Fidel (ma anche il Che…) nonché la rivoluzione caraibica da lui impersonata – si propone di costruire il Potere Popolare, il potere Costituente e in Azione nelle strade della metropoli partenopea.

In questa puntata viaggia con lui un protagonista del nuovo corso che attraversa la città, colui che si definisce “un sindaco di strada”, colui che taluni personaggi prostrati e servili ai padroni dei mezzi di produzione del contenuto comunicativo, hanno definito il “sindaco bolivarista” (sic!), bolivariano e populista, insomma, e chissà secondo loro pure un po’ scandalosamente comunista: Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli. 

di Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo

Eccoci arrivati all’ultima puntata di questo nostro viaggio sul furgoncino per il NO. In questo mese abbiamo ascoltato chi la censura del Governo la vive sul posto di lavoro, come giornalista, con Francesca Fornario, passando per la voce di uno scrittore importante e popolare come Maurizio de Giovanni, per arrivare alle voci di chi lotta tutti i giorni per strappare un presente e un futuro di dignità, gli operai della Fiat e dell’Alenia di Napoli.

Siamo stati in giro per fabbriche e periferie, mercati e quartieri popolari.

Oggi vi lasciamo con due chiacchiere con de Magistris, uno dei politici italiani più impegnati per il NO. Al di là delle ragioni tecniche per respingere questa riforma, abbiamo discusso con lui del Governo Renzi, di quale differenza ci sia fra legalità e giustizia, abbiamo parlato della necessità che i tanti fronti di lotta aperti negli ultimi anni in questo paese abbiano visibilità, si facciano proposta politica, perché le istanze che portano sono già un modello per un paese più giusto e egualitario.

E’ l’ultima puntata. Abbiamo spinto tanto su questa battaglia referendaria, perché, come abbiamo sempre detto, è una battaglia che va oltre i tecnicismi: è una battaglia per la democrazia e la giustizia sociale, una battaglia che dobbiamo vincere per iniziare davvero a riprenderci il potere di decidere delle nostre vite, dei nostri territori!
Domenica votiamo NO e iniziamo col mandare a casa questi buffoni! E poi costruiamo un’alternativa dal basso per questo paese!

___

 ___

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

 

 

Napoli 8dic2016: in GAlleЯi@rt con Chávez e Fidel

Ricordando l’esempio di Chávez e Fidel 

di GAlleЯi@rt

Faremo il punto sull’esito del referendum costituzionale del 4 dicembre.

A seguito del convegno previsto l’8 dicembre ci attiveremo con musiche e balli per festeggiare (o consolarci) per i risultati.

Nel corso del convegno, promosso dal Partito dei CARC, punteremo a valorizzare la spinta popolare a ragionare e agire insieme, per costruire concretamente l’alternativa politica per il nostro paese, facendo bilancio dell’esito referendario.
https://www.facebook.com/events/1141550799273763/

Balleremo senza regole come nelle precedenti “Scarde del Principe”
https://www.facebook.com/events/1151360021597646

Daremo sfogo ad ogni forma di ballo che ci venga proposta.

Balleremo Tango, Swing, Salsa e Caraibici, Mazurke e Popolari Europei, Flamenco, Balli Balcanici, e chi più ne ha più ne metta.

___

Torna anche quest’anno la #Festa federale campana della #RiscossaPopolare!

Siamo in una fase in cui la mobilitazione contro il governo Renzi e suoi progetti di smantellamento della coesione sociale del nostro paese a partire dall’attacco definitivo sferrato al cuore della Costituzione avanzano: a pochi giorni dalla data del 4 Dicembre si fa sempre più strada la consapevolezza che la Costituzione la si difende applicandone le parti più progressiste, quelle sempre disattese ed eluse (diritto al lavoro, alla dignità, all’istruzione, alla salute, alla casa, a spazi di aggregazione, ecc.). La #FestadellaRiscossaPopolare è un evento nel quale vogliamo valorizzare la spinta popolare a ragionare e agire insieme, per costruire concretamente l’alternativa politica per il nostro paese, facendo bilancio dell’esito referendario.

La Costituzione italiana e i diritti inalienabili che questa sancisce sono oggi lettera morta, non vengono applicati. Il miglior modo per #DifendereLaCostituzione è #ApplicareLaCostituzione. Qui ed ora.

Applicare la Costituzione vuol dire andare oltre il Referndum e aprire una stagione di lotta per fare da soli quello che i padroni e i loro governi non possono nè vogliono fare: costruire un governo che agisca negli interessi delle masse popolari, il #GovernoDiBloccoPopolare.

La Festa della Riscossa Popolare la promuove il #PartitodeiCARC, ma vogliamo che sia una festa costruita e realizzata con il contributo di tutti quei compagni e compagne, di tutte quelle persone che vogliono e lavorano al cambiamento di questo paese e della società, che lottano e già si organizzano per farlo.

È una festa degli operai, dei lavoratori, degli studenti, degli immigrati, delle donne, dei bambini anche, dei disoccupati. È un’opportunità di allargare il fronte delle lotte e delle mobilitazioni, per coordinare quanto oggi esiste di organizzato nel nostro paese, per rafforzare lo schieramento che non si limita a dire
#NO allo stato di cose presente, ma che si impegna a costruire il “per” e si cimenta nell’imparare a farlo.

Per questo sosteniamo e invitiamo alla discussione tutte le realtà organizzate che si mobilitano sul territorio e tutte le forme di autorganizzazione delle masse popolari della nostra città: il comitato in difesa dell’ospedale San Gennaro, reti e associazioni in difesa della sanità pubblica, collettivi studenteschi e comitati di quartiere.

La nostra città, Napoli, esprime con forza questa vitalità e sta a noi rompere l’isolamento tra queste esperienze e promuovere la riscossa che da qui può propagarsi nell’intero paese.

Non è una questione di legalità, né si tratta di delegare a qualcun altro; #legittimità e #protagonismopopolare sono le parole d’ordine per scrivere il nostro futuro!

NON SONO I PADRONI AD ESSERE FORTI, SONO LE MASSE POPOLARI CHE NON FANNO VALERE ANCORA LA PROPRIA FORZA!

__

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

Napoli 7dic2016: Ricordando Fidel all’Ex-OPG

di Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo

Proiezione di “Comandante” di Oliver Stone

mercoledì 7 novembre – dalle 20.30 

“Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni epoca e in ogni circostanza, ma mai, senza lotta, si potrà avere la libertà”.


Dopo la commozione e la tanta emozione iniziale per la morte di Fidel, ricordiamo insieme chi era Fidel Castro, cosa pensava, cosa ha significato materialmente la sua figura per la rivoluzione cubana e non solo!

Perché per milioni di uomini e donne sparse sul globo è stato e continua a essere un esempio e una speranza per chi si batte per la dignità e l’autodeterminazione dei popoli, l’ istruzione, la sanità, rifiuto dell’imperialismo statunitense e delle guerre fratricide…

Perché dell’insegnamento di Fidel, che sono i popoli da soli a liberarsi e cambiare il proprio destino, c’è ancora tanto bisogno…

—–
Je so’ pazzo è un ex-opg (ospedale psichiatrico giudiziario) occupato nel marzo 2015 da un gruppo di studenti, lavoratori, disoccupati, per sottrarlo all’abbandono e per restituirlo alla città, per ricostruire la memoria di questo luogo terribile di esclusione e tortura, e lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità.

—–
Come arrivarci?
– Metro Linea 1: Fermata Materdei
(5 minuti a piedi verso Salita San Raffaele)
– Dal centro storico (15 minuti a piedi):
arrivare al museo nazionale e salire via Salvator Rosa,
all’incrocio con via Imbriani ci trovate sulla destra.

__

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

Napoli 4dic2016: in Galleria a via Toledo ricordando Fidel

di Mimmo Mignano – Comitato di Lotta Cassintegrati e Licenziati Fiat

Crescono le adesioni per il 4 Dicembre ore 18 alla Galleria Umberto di Napoli per esprimere la vicinanza al popolo Cubano, per rivendicare che

FIDEL È ANCORA VIVO, ED È ANCORA VIVA IN NOI LA CONSAPEVOLEZZA CHE LA RIVOLUZIONE CUBANA CONTINUA! 

In occasione tutto il Consolato Venezuelano a Napoli è stato invitato a partecipare in modo attivo alla discussione con microfono aperto e la proiezione del fim/documentario su FIDEL…

NOI CI SAREMO E NON MOLLEREMO!

__

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

(FOTO) Comandante Fidel Castro recordado por la solidaridad italiana

113016MPPREconsuladoconsole04por MPPRE

Italia, 30 de noviembre de 2016 (MPPRE).- Desde Italia se alzó la voz para recordar el legado del Comandante Fidel Castro y dar apoyo al pueblo cubano. Las asociaciones y grupos de solidaridad han realizado una serie de iniciativas para vivir este importante momento histórico, manteniendo en alto el nombre de Cuba y su líder máximo.

Luego del sentido acto de solidaridad realizado en la noche del 26 de noviembre; en Plaza San Doménico, convocado por la Asociación Cultural “Ex-OPG”; y la marcha realizada en Roma contra la Violencia hacia la Mujer el 27 de noviembre, en la que se le rindió homenaje también al Comandante Fidel Castro con un bloque de banderas cubanas; tuvo lugar en el día de ayer, en la sede del Consulado General de Venezuela en Nápoles, el encuentro “Fidel Castro es y seguirá siendo historia viva”.

Se reunieron amigos de la solidaridad pertenecientes a asociaciones de obreros, partidos políticos, miembros de la comunidad italo – cubana, italo – venezolana e italo – rusa, estudiantes, profesores universitarios, periodistas y activistas en general para recordar el líder cubano y también su estrecha amistad con el Presidente Hugo Chávez.

La cónsul general de primera, Amarilis Gutiérrez Graffe, expresó “Fidel no ha muerto, al igual que el Comandante Chávez, Fidel se siembra y se multiplica en millones de revolucionarios en todo el mudo”.

Mimmo Mignano, presidió un grupo de trabajadores de la FIAT, Fabiola D’Alesio del Partido CARC, el grupo de voluntarios “NIKA”, Gian Marco Pisa del “Cuerpo Civil de Paz”, el Comité Internacional Antifascista, representantes de la Red Caracas ChiAma, AlbaInformazione, la Asociaciación para la Cooperación Italo – Venezolana “J.A.Anzoátegui”, la Asociación de Solidaridad con Cuba “Asach”, ANROS-Italia, expresaron todos su admiración por la figura de Fidel Castro, por la resistencia del pueblo cubano, incentivándolo a mantener las conquistas de la revolución.

Todas las manifestaciones de solidaridad, mensajes, cartas, poemas fueron recogidos en un libro de recuerdos itinerante, que estará presente en todas las actividades conmemorativas que tendrán lugar en Nápoles, hasta el 4 de diciembre, día en que se realizarán los funerales en Santiago de Cuba. Luego la red de solidaridad hará llegar este material al pueblo cubano. Consulado.
___

113016MPPREconsuladoconsole05

113016MPPREconsuladoconsole02

113016MPPREconsuladoconsole01

___

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

 

Napoli 4dic2016: un mural per Fidel

di Insurgencia

Mono Gonzalez e Tono Cruz, street artist di fama internazionale, saranno in via Mezzocannone 12 per commemorare il rivoluzionario Fidel Castro, nel giorno dei funerali, con un murales a lui dedicato sulla facciata del centro sociale Mezzocannone Occupato.

Ore 10 Inizio dei lavori, che proseguiranno fino a tarda sera

Ore 19 – aperitivo musicale nel bar di Mezzocannone occupato.

Mono Gonzàlez è un artista e scenografo cileno, famoso soprattutto nel campo dei murales.
Nel 1968 è tra i fondatori della Brigada Ramona Parra, brigata muralista legata al Partido Comunista de Chile, con la quale partecipa attivamente alla campagna elettorale del candidato presidente Salvador Allende.

Costretto alla clandestinità dalle persecuzioni del regime di Augusto Pinochet dopo il colpo di stato del ’73, lavora prima come carpentiere e poi, sotto falso nome, come pittore e scenografo del Teatro municipal de Santiago.

Qui, negli anni ’80 entra in contatto con personalità del mondo del cinema cileno, per cui inizierà a lavorare come scenografo, senza mai abbandonare i suoi ideali politici che lo porteranno a curare le scenografie della campagna nazionale per il NO al referendum nazionale del 1988 che metterà fine alla dittatura di Pinochet.

Prosegue ancora oggi la sua attività d’artista e il suo impegno politico, con numerosi lavori in strada -in Cile e nel resto del mondo- nonché con le scenografie per il cinema, tra cui ricordiamo quelle per Machuca di Andrés Wood e per La Danza de la Realidad di Alejandro Jodorowski.

___

Caracas ChiAma: Napoli risponde!
Verso il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la
Rivoluzione Bolivariana
Napoli, Aprile 2017

caracaschiama.noblogs.org

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: