(VIDEO) 1917 La revolución rusa fue contra la guerra

por Marinella Correggia

Una de las grandes lecciones de la Revolución de Octubre fue la salida de la guerra mundial. “La Revolución bolchevique fue una revolución contra la guerra”, afirma una transmisión de Telesur, Empire Files.

En 1917 un país entra en el “inútil estrago” (para decirlo como el papa de la época) y otro se retira pidiendo a gritos la paz. El primer país: Estados Unidos que, oportuno, entra para no quedar fuera de la repartición del pastel.

Por el contrario, uno de los primeros actos del gobierno bolchevique nacido de la Revolución de Octubre en Rusia, es la propuesta enviada a todos los beligerantes de un armisticio general inmediato para llegar en poco tiempo a una conferencia por una paz “justa y democrática”.

Lenin lee la resolución delante de los soldados sobrevivientes a las trincheras y  un pueblo hambriento y mutilado: “El gobierno obrero y campesino, creado por la revolución del 24 y 25 de octubre y basado en los soviet de los diputados obreros, soldados y campesinos, propone a todos los pueblos beligerantes y a sus gobiernos iniciar inmediatamente negociaciones por una paz justa y democrática”.

La revolución se dirige a los gobiernos porque sin esos la paz tardaría demasiado en llegar, pero sostiene sobre todo que es necesario “ayudar a los otros pueblos a intervenir en las cuestiones de la guerra y de la paz.” Lenin explica que la revolución será acusada de violar los tratados, pero está orgullosa de eso: “Romper las alianzas de sangrientos robos es un gran mérito histórico”. La Rusia republicana y revolucionaria está dispuesta a examinar cualquier propuesta sin condicionamientos previos. Ignorada, salvo por Alemania, Rusia sale de la guerra unilateralmente, aceptando duras condiciones.

Por desgracia, en vez de imitar la sabiduría revolucionaria, las potencias capitalistas agredieron a Rusia, apoyando en la tremenda guerra civil que seguiría a los conservadores locales: los llamados blancos… con los que lamentablemente combatieron contra los bolcheviques, también autoproclamados grupos revolucionarios…

¡La historia se repite!

[Trad. dal italiano por Yenia Silva Correa]
___

ANC y el modelo post-petrolero

por Marinella Correggia (*)

La Constituyente venezolana, la independencia económica y el modelo post-petrolero

Entre los objetivos presentados por la Asamblea Constituyente votada el 30 de julio, figuran el camino hacia “un nuevo modelo de economía post-petrolera, productiva, diversificada, que satisfaga las necesidades de aprovisionamiento de la población”, “la consolidación de las nuevas formas de democracia participativa, con la constitucionalización de los consejos comunales y de las comunas” (unidades organizativas de base que con frecuencia son también unidades productivas), y además “la preservación de la vida en el planeta, protegiendo la biodiversidad y desarrollando una cultura ecológica”.

A inicios del siglo XXI, con el propósito de invertir en el sector agroalimentario las rentas del petróleo de Venezuela para avanzar hacia la independencia económica, el entonces presidente Hugo Chávez creó en Barinas (su estado natal) el Instituto de Formación Agroecológica Paulo Freire. Llamó como consultor para el desarrollo rural al Movimiento Sin Tierra (MST) de Brasil, en el marco de la cooperación Sur – Sur, y de lo que muy pronto será el intercambio paritario entre los países del ALBA: Cuba, Venezuela, Bolivia, Nicaragua y Ecuador.

Esta solidaridad internacional constructiva (concreta, no retórica) nunca se ha interrumpido. Desde 2005 la brigada internacionalista Apolônio de Carvalho (el MST tiene brigadas de trabajo en muchos contextos de crisis: Palestina, Haití, países africanos) hace un trabajo de formación y producción junto a campesinos y organizaciones populares venezolanas. En 2013 la brigada fue encargada por el Ministerio de la Agricultura de desarrollar un proyecto en la Unidad de Producción Social Agrícola (UPSA) Caquetíos, en el estado de Lara: 220 hectáreas. Cuatro años después (hoy) en el sitio del MST dice: “Involucramos colectivos, consejos de las comunas y movimientos rurales en la formación técnica y política, con la óptica de desarrollar también una cultura agrícola”.

Vista la coyuntura de guerra económica que el país está viviendo, “se dedica a dos frentes de trabajo: producción para el consumo, un pedido urgente, y producción de semillas autóctonas — del sector hortícola a los cereales y a la soya—, una perspectiva de estrategia para la soberanía y la independencia alimentaria a la que aspiramos”, explica Simón Uzcátegui, campesino que trabaja en la unidad; “la dificultad de acceder a fertilizantes e insecticidas nos ayuda a desarrollar sus alternativas agroecológicas. Preparamos 6 000 litros de insecticidas naturales”.

“Es un trabajo lento y escondido, pero se avanza. Y mientras más se aspira a la agricultura ecológica, más los propios jóvenes se interesan en ella”. Según Verena Vázquez (de 27 años, colaboradora del proyecto), con la coyuntura adversa la población acoge mejor la necesidad de trabajar en serio en el sector agrícola. También a nivel urbano: la creación hace pocos años del Ministerio de la Agricultura Urbana ha provocado la aparición de miles de pequeños huertos; han surgido mercados comunales, circuitos de hilera corta, sistema de adquisición colectiva como la Alpargata Solidaria, etc.

Hace pocos días, en ocasión de su VII Conferencia Mundial, el movimiento agrícola La Vía Campesina (LVC) —al que se adhiere en Venezuela el Frente Nacional Campesino Ezequiel Zamora (FNCEZ) y la Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora (CRBZ) — puntualizó en un documento: “La dinámica y las tendencias harían prever una situación de crisis prolongada, cuya evolución es difícil de predecir. Es cierto que se está cometiendo un acto violento, con elementos de odio fascista. Después de meses de esfuerzo, la derecha ha entendido que no tiene fuerza suficiente para vencer, a pesar de la guerra de cuarta generación que se lleva a cabo. Su debilidad de fondo (siempre la misma) es la falta de apoyo popular en las calles y de fuerza en el terreno. Y precisamente esto hace temer una escalada de la agresión por parte de fuerzas externas”.

El movimiento agrícola denuncia el plan de desestabilización encabezado por Estados Unidos, el cual “incluye, por una parte, la acción en la economía con el acaparamiento de productos y la destrucción de centros de almacenamiento y transporte para crear escasez, incrementar los precios y aumentar el costo de la vida de las personas de ingreso más modesto; por la otra, las acciones en las calles, con el asedio de áreas, terrorismo, asesinatos, saqueos y hogueras. El movimiento de oposición está actualmente en manos de los sectores más de derecha, como Voluntad Popular y Primero Justicia”.

El documento señala al interior del país los esfuerzos de movilización del mundo agrícola, organizado en defensa del territorio y de las comunas.

(*) Autora de El presidente de la paz, Ediciones Sankara 2015 (Premio Trisol del Alba), coautora de L’Alba dell’avvenire, Punto rosso 2007, y de La lunga marcia dei senza terra, Emi 2014.

ANC e il modello post-petrolifero

di Marinella Correggia (*) – cambiailmondo.org

La Costituente venezuelana, il Movimento Sem Terra, Via Campesina e il nuovo modello post-petrolifero

Fra gli obiettivi che sono stati dati all’Assemblea costituente votata il 30 luglio figurano il cammino verso «un nuovo modello di economia post-petrolifera, mista, produttiva, diversificata, che soddisfi le necessità di approvvigionamento della popolazione», «il consolidamento delle nuove forme della democrazia partecipativa, con la costituzionalizzazione dei consigli comunali e delle comunas» (unità organizzative di base che spesso sono anche unità produttive), e poi «la preservazione della vita sul pianeta, proteggendo la biodiversità e sviluppando una cultura ecologica».

Nei primi anni Duemila, proponendosi di investire nel settore agroalimentare i proventi petroliferi del Venezuela così da progredire verso l’indipendenza economica, l’allora presidente Hugo Chavez aveva creato a Barinas – suo Stato natale – l’Istituto di formazione in agroecologia Paulo Freire. Chiamò come consulente per lo sviluppo rurale il Movimento Sem terra (Mst) del Brasile, nel quadro della cooperazione Sud-Sud e di quello che ben presto sarà lo scambio paritario fra i paesi dell’alleanza Alba: Cuba Venezuela Bolivia Nicaragua Ecuador.

Questa solidarietà internazionalista costruttiva, concreta non retorica, non si è mai interrotta. Dal 2005, la brigata internazionalista Apolônio de Carvalho (il Mst ha brigate di lavoro in tanti contesti di crisi, Palestina, Haiti, paesi africani) fa un lavoro di formazione e produzione insieme a contadini e organizzazioni popolari venezuelane. Nel 2013, la brigata fu incaricata dal ministero dell’agricoltura di sviluppare un progetto nell’Unità di produzione sociale agricola (Upsa) Caquetíos, nello Stato di Lara, 220 ettari. Quattro anni dopo, oggi, si legge sul sito del Mst: «Abbiamo coinvolto collettivi, consigli delle comunas, movimenti rurali nella formazione tecnica e politica, nell’ottica di sviluppare anche una cultura dell’agricoltura».

Vista la congiuntura di guerra economica che il paese sta vivendo, «ci si dedica a due fronti di lavoro: produzione per il consumo, una richiesta urgente, e produzione di sementi autoctone – dal settore orticolo ai cereali e alla soia-, una prospettiva di strategia per la sovranità e l’indipendenza alimentare alla quale puntiamo», spiega Simón Uzcátegui, contadino che lavora nell’unità; «la difficoltà di accedere a fertilizzanti e insetticidi ci aiuta a sviluppare le loro alternative agroecologiche. Abbiamo preparato seimila litri di insetticidi naturali

«E’ un lavoro lento e nascosto, ma va avanti. E più si punta sull’agricoltura ecologica, più i giovani stessi se ne interessano»: secondo Verena Vásquez, 27 anni, collaboratrice del progetto, con la congiuntura avversa la popolazione coglie meglio la necessità di lavorare sul serio nel settore agricolo. Anche a livello urbano: la creazione pochi anni fa del Ministero dell’agricoltura urbana ha portato alla nascita di migliaia di piccolissimi orti; sono nati mercati comunali, circuiti di filiera corta, sistemi di acquisti collettivi come la Alpargata solidaria ecc.

Pochi giorni fa, in occasione della sua VII conferenza mondiale, il movimento agricolo La Vía Campesina (Lvc) – al quale aderiscono in Venezuela il Frente Nacional Campesino Ezequiel Zamora (Fncez)  e la Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora (Crbz) – ha puntualizzato in un documento: «La dinamica e le tendenze sembrerebbero far prevedere una situazione di crisi prolungata la cui evoluzione è difficile da prevedere. Certo è in atto un piano violento, con componenti di odio fascista. Dopo mesi di sforzi, la destra ha capito di non avere forza sufficiente a vincere, malgrado la guerra di quarta generazione messa in atto. La sua debolezza di fondo, sempre la stessa, è la mancanza dell’appoggio popolare nelle strade, di forza sul campo. E proprio questo fa temere una escalation dell’aggressione da parte di forze esterne

Il movimento agricolo denuncia il piano di destabilizzazione capeggiato dagli Usa, il quale «comprende da una parte l’azione sull’economia, con l’accaparramento di prodotti e la distruzione di centri di immagazzinamento e trasporto, così da creare scarsità, far crescere i prezzi e aumentare la fatica di vivere delle persone dal reddito più modesto; dall’altra le azioni nelle strade, con assedi di aree, terrorismo, uccisioni, saccheggi, roghi. Il movimento di opposizione è attualmente nelle mani dei settori più di destra, come Voluntad Popular e Primero Justicia».

Il documento segnala all’interno del paese gli sforzi di mobilitazione del mondo agricolo, organizzato nella difesa del territorio e delle comunas.

___

(*) Autrice de El presidente de la paz, edizioni Sankara 2015 (Premio Trisol del Alba), coautrice de L’Alba dell’avvenire, Punto rosso 2007 e de La lunga marcia dei senza terra, Emi 2014.

Ecosocialismo: un fondamentale della Rivoluzione bolivariana

«L’ecosocialismo può salvare la rivoluzione venezuelana»di Marinella Correggia – lantidiplomatico.it

 
Miguel Angel Núñez dirige l’Istituto universitario latinoamericano di agroecologia Paulo Freire, creato a Barinas in Venezuela nel 2008. E’ autore dei saggi Venezuela Ecosocialista e Vivir despierto entre los cambios sociales oltre a moltissimi articoli in tema di agroecologia, modelli di sviluppo, giustizia ecologica. Gli abbiamo rivolto alcune domande, di fronte a un contesto preoccupante, con il Venezuela nel mirino. Continua la guerra economica promossa dalle oligarchie nazionali e internazionali. Continuano gli attacchi da parte della dittatura mediatica. La destra fascista venezuelana organizza il referendum revocatorio contro il presidente Nicolas Maduro. Un documento del Comando Sud degli Stati Uniti rivela il micidiale piano golpista del Pentagono per destabilizzare e rovesciare la Rivoluzione bolivariana. E l’ex presidente colombiano Uribe praticamente invoca un golpe…
 
Miguel Angel, il tuo più recente articolo è sull’Utopia venezuelana che può e deve resistere all’intervento golpista dall’esterno e al sabotaggio dall’interno…

 
L’utopia che stiamo costruendo fra grandi difficoltà non è rinviabile ed è inarrestabile. Non la fermeranno le manovre politiche, i sabotaggi economici, gli assassini paramilitari, le minacce di intervento militare da parte di sedicenti «forze armate democratiche del continente». L’impero e i suoi narco-ambasciatori, gli Uribe, i González, gli Aznar in compagnia dei messaggeri anti-patrioti pensano di spaventarci con questa «minaccia inusuale» ma il popolo venezuelano è deciso a difendere la patria. Non possiamo sottovalutare il potere dell’impero, né sopravvalutare il nostro. Semplicemente, il popolo di Chávez è pronto. Del resto, con tutto il loro potere, non sono riusciti a sconfiggere i popoli del Vietnam, di Cuba, dell’Afghanistan, della Siria, dell’Iraq. Certo, queste forze sfruttano a proprio vantaggio i nostri errori, lentezze, irresponsabilità; e gli atteggiamenti antirivoluzionari. Gli infiltrati parlano di «raschiare la pentola» e con l’opposizione reclamano la «riconquista delle terre» che erano state cedute ai contadini… 
 
Eppure, in un contesto di minacce golpiste ed emergenze economiche, il Venezuela sta sviluppando migliaia di esperienze di autoproduzione agroecologica. Nel silenzio dei grandi media. Che cosa sta succedendo, quasi i protagonisti della riscossa agricola?
 
La creazione del Ministero dell’agricoltura urbana fa parte della promozione del motore agroalimentare, uno dei 14 messi in… moto per affrontare la grave crisi economica che stiamo vivendo. Il Ministero ha iniziato a lavorare lo scorso mese di febbraio con l’obiettivo di avviare unità produttive agroecologiche a decine di migliaia. Inizialmente si pensava a 8 città del paese per un totale di 1200 ettari, ma siamo già arrivati a seminare e piantare su 2800 ettari. L’idea è arrivare a coprire il 25% del consumo di ortofrutta. Gli spazi coltivati sono piccoli, non fanno ricorso a sostanze chimiche. Ovviamente abbiamo anche esperienze produttive agroecologiche di grandi dimensioni in vari Stati del Venezuela: a Mérida le patate e l’ortofrutta, a Barinas altri tuberi, cereali e frutta, a Portuguesa caffè e cereali.Vogliamo incrementare e consolidare le produzioni agroecologiche. Si tratta di produrre, innovare e ricercare, sostituendo l’agricoltura di sintesi con le ecotecnologie. Sono coinvolti nel processo diversi ministeri, università e molte famiglie contadine e urbane. Fino ad alcune settimane fa, erano state censite 25.000 unità produttive per un totale di 121.000 persone.
 
Il concetto di «ecosocialismo» è del tutto ignorato in Occidente, mentre in Venezuela c’è un ministero per l’ecosocialismo. E c’è una struttura statale dedicata all’agroecologia: l’Istituto che tu dirigi. E poi, il potere popolare punta sul sistema delle comunas. Quali sono i collegamenti fra le tre entità, ricordando che anni fa il presidente Maduro sottolineò come le comunas debbano essere produttive ed ecosocialiste?

La società venezuelana deve creare nuove organizzazioni sociali di produzione. L’obiettivo finale è la formazione e il consolidamento delle comunas. Per produrre alimenti, si spera, e per risolvere diversi problemi, aumentare la partecipazione popolare e la produzione di conoscenza. E’ uno dei modi per superare il perverso rentismo petrolifero con una nuova economia stabilmente centrata sullo sviluppo umano e sociale, come chiedono la nostra Costituzione e la Legge del Plan Patria. E’ una delle sfide principali per il  nostro popolo: superare l’incapacità produttiva e la pigrizia sociale, grazie a un miglior coordinamento e articolazione delle forze produttive. Questi legami aiuteranno ad avviare processi produttivi. Sta crescendo una nuova eco-etica, che cerca di costruire definitivamente una nuova società possibile e ci chiede di sradicare i vizi del passato.
 
In un paese tuttora estrattivista e vittima di una guerra economica, con l’esperienza delle penurie, l’agroecologia potrebbe aiutare a salvare la rivoluzione bolivariana? Hai anche detto che l’estrattivismo è un ostacolo per l’ecosocialismo.

Sì. L’estrattivismo è il peso storico, economico-sociale del Venezuela. Ci ha condannati a dipendere dalla rendita, ci ha spinti a un consumismo esasperato e a un’estesa corruzione. Per questo, con forza e determinazione alcuni settori fanno proposte ecoproduttive che diano forma alla proposta ecosocialista. L’agroecologia è una di queste. Siamo sicuri che aiuterà molto il motore agroalimentare. L’attività agricola deve essere centrale nel dinamizzare l’economia di un paese e di una società. Alla costruzione di una proposta sostenibile ci impegna il quinto obiettivo storico della Legge Plan Patria: preservare il pianeta Terra e salvare la specie umana. L’ecosocialismo è la proposta di costruzione di un nuovo modello di civiltà. E’ uno spazio in continua costruzione nel quale si articolano diversi processi di transizione e trasformazione sociale, economica, scientifica, tecnologica e politica in grado di portarci a nuovi rapporti sociali e di produzione.
 
La rivoluzione bolivariana guidata da Hugo Chávez in pochi anni riuscì a cambiare le strutture, le leggi, la politica, in parte l’economia del paese, ad appoggiare il cambiamento in un intero continente; ma solo una parte del popolo venezuelano ha interiorizzato una cultura rivoluzionaria, malgrado lo sforzo pedagogico del governo. In Occidente la stragrande maggioranza della popolazione è rovinata da decenni di consumismo fatuo e individualismo sistemico, ma in Venezuela? E’ possibile dire ai venezuelani – e in tempo di crisi – «non imitate l’Occidente»? 

La rivoluzione chavista ha avuto e credo abbia tuttora una legittimazione nella transizione verso l’ecosocialismo. Non c’è un’altra proposta politica e per la vita del nostro paese. La rivoluzione chavista ha gettato le basi per la creazione di un nuovo tessuto sociale. Ma in questo momento di crisi economica e sociale, possiamo notare un pericoloso sviamento da parte di alcuni settori, verso i dis-valori: individualismo, consumismo, incompetenza, burocrazia, corruzione. Un modello ego-ideologico perverso di matrice capitalista sta paralizzando le forze del cambiamento. E sembra imporsi nell’attualità. Ma certo, possiamo invertire la tendenza all’individualismo e alla corruzione, che alcuni adesso chiamano tendenza culturale – una follia, no? Per superare questa condizione nefasta e complessa dobbiamo impegnarci a capire le radici della crisi e le sue problematiche. Ogni giorno appare più evidente che la natura redditiera del capitalismo globale è insostenibile: dal punto di vista sociale, ecologico e finanziario. Conosciamo bene queste connessioni? Alcuni settori e responsabili politici, no. E’ dunque necessario formarci, studiare, ricercare: per saper ristrutturare le norme e le istituzioni che governano la globalizzazione, per dare impulso a un’agroecologia sostenibile e introdurre le innovazioni necessarie. Questo ci aiuterà a creare un nuovo tessuto sociale vitale capace di ridisegnare strutture fisiche, città, tecnologie, industrie. Verso l’ecosostenibilità. E se da una parte dobbiamo chiederci ogni giorno che cosa vale la pena comprare e quanto ci durerà, dall’altra dobbiamo iniziare a creare ecotecnologie che sostituiscano quelle inefficienti che ci hanno creato problemi sociali e ambientali. Abbiamo gente giovane, molta informazione e risorse tecnologiche adatte. Dobbiamo andare avanti nella costruzione di una nuova volontà politica. E’ una lotta planetaria; per questo ora più che mai dobbiamo affratellarci nelle lotte per la giustizia sociale e ambientale. 
 
Il Venezuela ha giocato un ruolo importante – molto apprezzato dagli attivisti frustrati dell’Occidente! – nella geopolitica mondiale, per la costruzione di un asse di solidarietà e pace nella resistenza all’egemonia belligerante nordamericana. Come evitare che si perda?
 
Il presidente Hugo Chávez ebbe la modestia e la capacità di riconoscere un ruolo importante e senza precedenti ai movimenti sociali e rivoluzionari del mondo. Ha dato loro forza, motivazione, ha dato loro uno spazio politico. Fra i risultati c’è stata la legge Plan Patria e il quinto obiettivo storico: contribuire a preservare la vita sul pianeta e a salvare la specie umana. Noi rivoluzionari patrioti non possiamo permettere che il processo torni indietro. Non è la stessa cosa ripetere e manipolare l’eredità di Chávez e saperla interpretare. Perciò lo stesso presidente Maduro ha sollecitato in modo chiaro ed energico il Congresso della Patria ad andare avanti in una nuova egemonia culturale che superi le diverse debolezze di cui il nemico ha saputo approfittare. Se non superiamo i modelli ego-ideologici dell’individualismo, del consumismo, della burocrazia e della corruzione corriamo il rischio di ostacolare o far arretrare il processo di costruzione dell’ecosocialismo. Ma sono sicuro che emergerà una nuova volontà politica.

Chávez… Che fare?

di Miguel Angel Núñez 

In diverse occasioni, il presidente Nicolás Maduro ha affermato: «La crisi post-capitalista che vive il Venezuela ci offre l’opportunità di andare avanti verso un nuovo modello economico che metta al centro l’essere umano». In occasione di incontri internazionali come il G77 (nel 2014) e all’Assemblea generale dell’Onu (2015), il presidente venezuelano, ispirandosi al Plan de la patria, ci ha sollecitati a lavorare  per un nuovo processo di civiltà, che dovrebbe cambiare le società dal loro interno e al tempo stesso i rapporti di potere nel mondo. Un processo che faccia dell’inclusione e della solidarietà gli assi essenziali per farla finita con la miseria e garantire il diritto all’educazione pubblica, gratuita e di qualità per tutti, il diritto alla salute, all’alloggio, a un ambiente sano, e così via; sono gli obiettivi del millennio.

Ma intanto, la guerra economica contro il popolo venezuelano continua, mettendo in pericolo la sopravvivenza stessa del processo rivoluzionario. Il decreto sull’emergenza economica, accompagnato dalla mobilitazione popolare e dalla creazione del Consiglio nazionale per l’economia produttiva (Cnep) è fra le ultime decisioni forti prese dall’esecutivo. Il Cnep, in particolare, è formato da un gruppo qualificato di personalità provenienti da diversi settori produttivi, le quali hanno la grandissima responsabilità di favorire il passaggio dal «rentismo petrolifero» a una «economia produttiva».

Appoggiando e lavorando alle proposte economiche che il Cnep sta mettendo insieme, non capiamo perché non si discuta e non si faccia nemmeno cenno alle vie d’uscita alternative alla crisi post-capitalista nella quale siamo immersi. Sembra contraddittorio cercare di intraprendere il difficile cammino verso un’economia produttiva affida ndosi alla crisi capitalista globale.

Vale la pena ricordare che dieci anni fa, in Paraná, Brasile — al tempo del Manifesto delle Americhe — Chávez fu il primo presidente a denunciare il degrado ambientale del continente, lanciando un appello in difesa della sua diversità biologica e culturale. «Una sinergia fra diverse sperimentazioni: A) il cammino verso il Socialismo del XXI secolo che mette al primo posto la morale (“el primer rasgo es el moral” disse più volte), b) il Buen vivir dei popoli andini; c) lo sviluppo delle Comunas; d) quello che si potrebbe chiamare “Ecosocialismo pratico especial di Cuba”» (3).

Chávez continua ad aver ragione: l’opzione ecosocialista a livello planetario, come parte della costruzione progressiva di questo nuovo «contratto sociale di civiltà» ci porta importanti elementi teorici e pratici. La transizione dal modello rentista capitalista a uno produttivo ed ecosocialista basato sul processo sociale del lavoro richiede tempo e spazio e ci impone di unire i nostri sforzi. Il quinto obiettivo del Plan de la patria ce lo dice con estrema chiarezza.  

Si fa appello alla costruzione di un modello economico produttivo ecosocialista, fondato su una relazione armoniosa fra esseri umani e natura, una relazione che ci garantisca un uso e un approvvigionamento ecologicamente sostenibile delle risorse naturali, dando valore e assicurando il rispetto dei processi e dei cicli naturali, confermando la difesa della sovranità dello Stato venezuelano rispetto alle basi naturali da preservare anche per le generazioni future.

Anche se molti non lo credono o non riescono a vederlo, in Venezuela si stanno costruendo proposte che vanno nella direzione dell’ecosocialismo. Per esempio: nella tutela delle risorse naturali di cui tuttora disponiamo, e rispetto alle quali dobbiamo avere un approccio non estrattivista; in varie proposte produttive alternative già consolidate; nelle basi costituzionali e giuridiche che rafforzano immensamente i processi partecipativi – e la partecipazione è uno dei principi di base dell’ecosocialismo. In tutto questo si articola la costruzione di 1.433 comunas, 503 delle quali strutturate nel 2015, e di 45.407 consejos comunales, 1.375 creati nel solo 2015.

Quel che è ironico, è che non tutti apprezzano queste conquiste, mentre in altri paesi del mondo i movimenti popolari sarebbero ben contenti di godere della situazione giuridica avanzata e dell’organizzazione del tessuto sociale che sono presenti in Venezuela. In quegli spazi di partecipazione si sono consolidati processi socioproduttivi eco-tecnologici che formano il substrato di un’economia sana in grado di misurarsi con la finitezza delle risorse naturali.

Dobbiamo comprendere che l’eredità di Chávez – nella costruzione di questo nuovo e complesso “contratto sociale” – si contestualizza da un punto di vista costituzionale e organico. Dobbiamo mettere in atto una molteplicità di iniziative, ed essere capaci di cambiarle e adattarle ai vari contesti e ai diversi processi socioproduttivi.

Qui di seguito una serie di proposte per il Consiglio nazionale dell’economia produttiva. Ci auguriamo che possano aiutare ad avviare diversi processi produttivi nella costruzione di questo nuovo modello economico, del quale c’è urgenza. Proposte di lavoro che spaziano a tutti i livelli: livello individuale, familiare, collettivo e istituzionale.

  • Creare un processo universale di dichiarazione di redditi e proprietà, piccoli e grandi, collegando con sistemi informatici in rete i conti bancari, i redditi dichiarati, le proprietà e i beni, i cresditi e i prestiti. Questo, insieme a una forte campagna pubblicitaria, ci permetterebbe di superare la corruzione, il contrabbando, il riciclaggio di denaro, per creare una società più vocata al lavoro e alla produzione che al commercio e alla frode.
  • Superare l’egemonia dei valori sociali riferiti alla rendita, che stimolano l’accumulazione, il consumismo eccessivo e voluttuario euna smisurata crescita economica.
  • Esercitare il controllo sulle politiche speculative, mercantiliste e finanziarie. Occorre avviare a diversi livelli e gradi la riflessione sulla transizione economica al post-capitalismo.
  • Riflettere sulla qualità dell’educazione a tutti i livelli, in particolare rispetto alla trasformazione dell’università, che deve mettere al centro il tema ambientale. E’ centrale affrontare la tematica della qualità dell’educazione (…)
  • Superare il predominio del modello produttivo neo-estrattivista, non sostenibile dal punto di vista energetico ed ecologico.
  • In forma immediata e prioritaria, portare avanti le politiche inter-istituzionali rispetto alla raccolta delle acque.
  • Far pressione affinché le politiche ambientali abbiano un peso reale nell’insieme delle politiche pubbliche settoriali. Occorre una visione olistica e una effettiva interconnessione con la sfera sociale, economica, politica.
  • Accordare le politiche pubbliche agli attuali limiti delle risorse naturali.
  • Precisare e razionalizzare, in modo sostenibile, le risorse naturali che ci rimangono e preservarle per le generazioni future.
  • Ridurre progressivamente la dipendenza dall’uso dell’energia fossile e dare impulso alla produzione e al consumo di energie alternative appropriate al contesto naturale e culturale. Iniziare a dar valore all’energia solare (ad esempio con il fotovoltaico sulle case della Gran Misión Vivienda).
  • Superare definitivamente l’agricoltura d’impresa, guidata dal modello obsoleto della rivoluzione verde, la quale a sua volta è spinta dal capitale multinazionale in un contesto di forte dipendenza alimentare.
  • Consolidare la rivoluzione produttiva agroecologica e bloccare l’avanzata degli organismi geneticamente modificati che l’oligarchia pretenderebbe di imporci.
  • Difendere e promuovere il diritto a un’alimentazione sana, di alto valore biologico, collegata al potenziale agroecologico dell’agrobiodiversità locale nei vari territori. Consolidare le eco-reti agroalimentari.
  • Andare avanti con urgenza nella formazione ideologica e politica ecosocialista. 
  • Incoraggiare le ricerche, le innovazioni e lo sviluppo scientifico e tecnologico sulle virtù terapeutiche del tropico.
  • Utilizzare subito le nuove tecnologie in sostituzione dell’improduttivo e obsoleto parco industriale, eccessivamente inquinante e scollegato dalla realtà scientifica e tecnologica che sta emergendo.
  • Dar valore alla nostra diversità culturale e alla sua integrazione nei nuovi processi formativi.
  • Incoraggiare l’attuazione dei diritti collettivi e diffusi.
  • Propiziare i valori dell’eco-cittadinanza in funzione della corresponsabilità e della convivialità sociale, incoraggiando e costruendo la partecipazione.
  • Usare in modo razionale mezzi di comunicazione, reti e spazi virtuali, valorizzando i passi avanti nelle diverse aree della conoscenza.
  • Centralizzare e automatizzare le risorse informatiche per migliorare le comunicazioni inter-istituzionali e quelle fra la popolazione e gli organismi pubblici. Questo permetterebbe inoltre di ottenere informazioni senza aspettare che i funzionari preparino i rapporti, evitare le duplicazioni e i costi eccessivi per le applicazioni, migliorare la capacità di immagazzinamento delle informazioni e renderle più valide e multidisciplinari con l’apporto delle varie istituzioni dello Stato, ottimizzare i costi per l’acquisto degli strumenti e standardizzare processi e meccanismi di sicurezza. Sarebbe anche favorito il mutuo sostegno fra i diversi processi produttivi.

  • Prestare attenzione ai cambiamenti sociali, che devono cominciare da noi stessi, e saper affascinare e convincere i collettivi dei quali facciamo parte.

Queste idee stanno circolando nei vari spazi, comunità, territori e regioni con risultati e passi avanti significativi. Sono proposte, come tante altre, orientate verso la vita; possiamo dar loro spazio e impulso per costruire un nuovo “contratto sociale”.

E’ chiaro che la somma degli sforzi individuali, familiari e comunitari darà forza e coerenza ai vari processi di costruzione dell’ecosocialismo. E’ il “che fare?”  che – ne siamo certi vista la coerenza e la visione strategica che lo hanno sempre caratterizzato – lo stesso presidente Chávez avrebbe guidato.

Bibliografia

1  Maduro Nicolás, Discurso ONU (2015) (Crear un nuevo modelo económico http://www.notiminuto.com/noticia/maduro-ofrece-discurso-en-la-asamblea-general-de-la-onu/).

2 Manifiesto de las Américas: En defensa de la naturaleza y la diversidad biológica y

cultural Los pueblos indígenas desarrollaron durante siglos la biodiversidad (2016)en linea http://www.nacionmulticultural.unam.mx/movimientosindigenas/docs/decl_051.pdf

2 Correggia, M. (2015) El Arbol Maestro. Hugo Chávez: Resistencia al Imperialismo Bélico, Solidaridad Internacionalista, Camino hacia el Ecosocialismo. Pensamiento y Obra Socialista “TRISOLALBA”.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

 

Scarsità, estrattivismo ed ecosocialismo

20160323114637di Miguel Angel Núñez 

La crisi alimentare che il Venezuela si trova ad affrontare non è nuova. Per certi versi è la stessa crisi che abbiamo ereditato dal secolo scorso, e affonda le sue radici nel boom del petrolio. Abbiamo abbandonato le campagne. L ragioni di questo fenomeno sono molteplici; ricerca di nuovi tipi di attività con redditi più elevati, maggiori opportunità di studio e lavoro; e poi, elemento di fondo, le popolazioni rurali non avevano accesso a servizi sanitari ed educatici adeguati; le terre erano in mano a latifondisti; i servizi di assistenza agri agricoltori erano precari quando non inesistenti. Emigrare in città era un tentativo di alimentare almeno la speranza.

Malgrado gli sforzi straordinari del nostro comandante supremo Hugo Chávez e le quantità incalcolabili di risorse finanziarie destinate all’agricoltura nazionale, l’85% della popolazione venezuelana vive attualmente nelle principali città del paese, soprattutto nella zona settentrionale costiera. Una sproporzione che dà luogo anche a grandi tensioni sociali e ambientali.

Al presidente NicolásMaduro è toccato un compito difficilissimo. Alla crisi delle campagne e quindi della produzione agricola del paese, si uniscono gli sforzi della destra venezuelana per farlo cadere a qualunque costo, con il sabotaggio economico e la congiuntura dovuta ai livelli critici dei prezzi del petrolio.

In questa situazione, l’agroecologia deve diventare la turbina che dà impulso al motore agroalimentare, il numero 3 dei 14 motori per lo sviluppo produttivo del Venezuela. Un motore che deve promuovere la sovranità alimentare, dalla produzione nelle campagne allo sviluppo dell’agricoltura urbana e dell’industria agroalimentare.  L’agroecologia è la nuova scienza con coscienza e pertinenza territoriale, culturale e ambientale.

La creazione di un ministero per l’agricoltura urbana, con innumerevoli attività produttive in diverse città, assume l’agroecologia come guida di base per il piano dei 100 giorni dell’agricoltura urbana, che cercherà di coprire 1.200 ettari. A livello di educazione media e di base, si riprende il programma Todaslasmanos en la siembra, che può contare su oltre 1.500 tecnici in questa nuova scienza agroecologica; appoggeranno la formazione, la produzione e la ricerca in tutti questi nuovi spazi.

Ricordiamo anche il centro Insai dove si sta ampliando la produzione di biofertilizzanti e preparati biologici destinati alle diverse iniziative agroecologiche. Si sta andando avanti nel passaggio alla produzione di caffè biologico e nella raccolta dell’acqua piovana. Ci sono progetti di ricerca nel campo della produzione delle sementi e del recupero dei suoli. Altri ministeri come quello della gioventù e dello sport, dell’educazione, delle comunas e delle forze armate nazionali bolivariane stanno partecipando al piano nazionale agroalimentare Zamora.

Su altri livelli di produzione, in diverse università crescono le attività agroecologiche e la produzione di alimenti sani. Si tratta di azioni irreversibili, che cercano di consolidare le eco-reti agroalimentari, nelle eco-comuni in costruzione.

In tutti questi spazi produttivi e negli altri, non si tratta solo di coniugare la necessità di produrre alimenti sani e quella di non arrecare pregiudizio agli ecosistemi, ma anche di reagire alla carenza di fertilizzanti azotati – dovuta alla mancanza di valuta straniera per acquistarli, per non dire della progressiva penuria di elementi come il fosforo (P), e il potassio (K) che mette a repentaglio la produzione di fertilizzanti azotati. Per questa ragione la ristrutturazione del Ministero dell’agricoltura, della produzione e delle terre, nei suoi piani, progetti e programmi deve necessariamente fare una selezione accurata degli agrosistemi produttivi, e di dove distribuire i fertilizzanti detti NPK. L’esaurimento mondiale degli elementi fondamentali nella produzione agricola come il complesso NPK, implica che dobbiamo rafforzare il sostegno ai diversi processi di innovazione scientifica e tecnologica nell’area dell’agroecologia.  Le università e i centri di ricerca devono rapidamente farsi carico di questa situazione critica: scarsità di risorse minerali, alee climatiche, mancanza di valuta.

Le tecniche colturali agroecologiche che non usano fitofarmaci di sintesi né altre sostanze nocive per l’ambiente e gli alimenti consentono un importante risparmio di valuta, e non pregiudicano la qualità dei suoli, la biodiversità e le risorse idriche. Di fatto, l’agroecologia agisce come un antidoto di fronte a ogni attività estrattivista rispetto alle risorse naturali. E’ così che l’ecosocialismo si nutre e si rafforza, con l’applicazione pratica dei suoi principi; le nuove proposte economiche devono puntare tutto sul vero benessere della popolazione e sulla preservazione degli ecosistemi nazionali.

Così come l’agricoltura basata sui fitofarmaci di sintesi, l’estrattivismo danneggia l’ambiente. A volte lo fa in modo evidente e più radicale. Una volta di più possiamo renderci conto di come l’estrattivismo sia un ostacolo per l’ecosocialismo, cfr TatuyTV (https://www.youtube.com/watch?v=9ybAXQSqA2I).

Da decenni l’ecosocialismo invita a una riflessione sul futuro dell’economia fondata sull’estrattivismo minerario e petrolifero. L’idea è che a partire da queste riflessioni ci si soffermi sull’enorme quantità di risorse biologiche ed energetiche che si perdono nell’attività estrattiva, che porta inoltre al definitivo esaurimento dei minerali utilizzati. Per esempio: diverse ricerche indicano che ci avviciniamo sempre di più al momento in cui per ottenere una tonnellata di petrolio occorrerà consumare altrettanta energia…

In questo senso, non è di nessun aiuto il sapere degli economisti secondo i quali tutto è una questione di prezzi, dal momento che il prezzo deve essere pagato nell’unica valuta forte di questo mondo, cioè l’energia (Scuthze 1991). Pensiamo anche all’oro: un metallo di grande valore per tutte le civiltà; gli esseri umani nei tempi lo hanno tesaurizzato e conservato (anche riciclandolo) come nessun altro materiale nella storia umana. Nonostante ciò, solo poco più della metà di tutto l’oro estratto nella storia umana è tuttora disponibile.

Indipendentemente dal fatto che la nostra economia nazionale ha un grande bisogno di ottenere valuta estera, e che per questo subiamo una pressione per consolidare politiche neoestrattiviste, come la recente decisione di sviluppare la zona strategica nazionale dell’arco minerario, da un punto di vista strategico non crediamo che questa scelta sia la più vantaggiosa per il futuro della nostra economia nazionale. Ci sono alternative ben più valide da promuovere.

La limitatezza delle risorse che possiamo destinare all’annunciato sfruttamento dei minerali; l’utilizzo di altri elementi che scarseggiano; le incalcolabili risorse biologiche che si perderanno; il grave impatto ambientale e sociale che è all’orizzonte, tutto ci porta alla domanda: ne vale la pena?

Aggiungiamo che tutte le attività di estrazione saranno sotto il controllo e il coordinamento tecnico di oltre 130 imprese di vari paesi, con tutte le implicazioni che questo comporta. Qualche capacità di controllo ambientale potremmo avere, di fronte a tanta devastazione?

Per ora, e viste le condizioni sociali ed economiche critiche che la nostra patria è oggi costretta ad affrontare, non intendo svalutare il lavoro degli specialisti del governo, né il governo stesso: queste valutazioni sono il frutto delle mie convinzioni; sto semplicemente esponendo una preoccupazione molto personale. Ma non mi sento solo in queste idee e principi, nel lavoro per in nuovo modello di civiltà. Nel novembre 1998, nella riunione politica del Caracas Hilton, discutendo della civiltà mineraria sviluppata dal capitalismo fossile e redditiero, Hugo Chávez espresse in modo chiarissimo l’idea: “Preferisco l’albero all’oro”. Queste parole risuonano nel mio cuore e mi accompagnano nelle mie lotte.

Ndt. Anche nel 2007, il presidente disse: “Fra la foresta e il carbone scelgo la foresta”, e bloccò i piani di espansione delle miniere di carbonio nello Stato di Zulia (da L’Alba dell’avvenire, Punto rosso 2007).

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

Kerry non si tocca nemmeno più con un cartello!

di Marinella Correggia e Stefania Russo


Daesh, figlio delle vostre guerre, del vostro denaro e delle vostre armi

Siria, Libia, Iraq, Yemen: le vostre vittime

Arabia saudita, Stati uniti, Turchia: stati sponsor del terrorismo”.
– 
Roma, 3feb2016.- Dicevano tutto questo i cartelli gialli bifronte in inglese che avremmo voluto mostrare,  azione diretta ai media del mondo, al segretario di Stato Usa, John Kerry e al suo omologo italiano Paolo Gentiloni, alla conferenza stampa affollatissima che concludeva i “lavori” dello “Small Group”ossia  la Coalizione antiDaesh. Lo Small Group contiene tutti i compagni di merende che negli anni hanno fatto crescere Il Nuovo Califfato: Arabia Saudita, Usa, Turchia, Qatar, la Nato e il Golfo nel suo complesso. Certo non sarebbe stato epico come la scarpa del giornalista iracheno a Bush, ma sarebbe servito.
– 
Questa conferenza stampa rappresentava una grossa occasione per dire la verità in faccia al sovrano e davanti a tutti i media, altrimenti irraggiungibili.
Giorni prima era stato proposto a vari mediattivisti di entrare per un’azione di gruppo, ma così non è stato. Senza entrare nel merito, è un fatto che se in conferenza stampa dieci, o anche cinque persone sparse in sala avessero per lo meno provato a estrarre ed esporre cartelli, vi sarebbe stato un grande impatto, quindi l’azione sarebbe comunque un successo. Un’occasione mancata.
Finalmente la conferenza stampa del sovrano con il seguito ha inizio. Dopo il racconto di Kerry sulle magnifiche gesta anti-Daesh e le non-domande pre-concordate (seguirà un resoconto) di giornalisti Usa e italiani (Washington Post, Corsera e Ansa), malgrado la mano ripetutamente alzata per chiedere di fare una domanda capiamo che non c’è spazio per altro: tutto sta finendo con i saluti e baci. Arriva dunque il momento di agire.
In altre due occasioni (pre-attentati di Parigi) le azioni erano tecnicamente riuscite, con domande ed esibizione di cartello: Roma, 28 febbraio 2013 conferenza stampa  degli “Amici della Siria” con Kerry, Terzi (l’allora ministro degli esteri) e l’oppositore siriano Khatib; conferenza stampa di Trident Juncture Nato, a Trapani, il 19 ottobre scorso.
Dagli attentati di Parigi però tutto è cambiato. Non appena mettiamo mano ai cartelli già pronti per essere aperti, carabinieri e Digos in divisa e in borghese ci saltano addosso addosso e ce li scippano.
Altro video
Nemmeno il tempo di tirarli su per un secondo. Una rapidità ed efficienza inusitate.
Strappano i cartelli per evitare che chiunque li possa leggere e ci portano via. Per lo stupore, solo sulla soglia mi viene in mente infine di urlare, e riesco a dire: “You created Daesh”, quando ormai Kerry stava purtroppo uscendo indenne e mentre la gran parte dei giornalisti non capisce nulla di quel che sta accadendo. 

Poggio Mirteto (RI) 20dic2015: El Presidente della Paz

‘El presidente de la paz’: il nuovo libro di Marinella Correggia

21secolo Andrea Tarallo El presidente de la paz. Il nuovo libro di Marinella Coreggia

di Andrea Tarallo – 21secolo.it

Giovedì 22 maggio alle ore 16.00 presso l’Associazione culturale ‘Massimo Gorki’ in Via Nardones 17, con il patrocinio del Consolato della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, si è tenuta presentazione del nuovo libro di Marinella Correggia: “El presidente de la paz. Hugo Chávez. Resistenza all’imperialismo bellico, solidarietà internazionalista, cammino verso l’ecosocialismo”.  Noi del ‘XXI Secolo’ lo abbiamo letto per voi.
Il testo, edito da Sankara – una piccola casa editrice romana nata nel maggio del 2000 e gestita interamente da volontari – e vincitore del Primo concorso letterario ‘El pensamiento y la obra socialista de Hugo Chávez Frías’ organizzato nel 2004 dall’Associazione Trisol (Tricontinental de las relaciones internacionales y de la solidaridad) che ha sede a Caracas, pure constando di poco meno di cento pagine è caratterizzato da un’alta densità di contenuti espressi in maniera chiara e diretta. Ricco di geniali espressioni che dipingono la realtà a noi contemporanea, che di certo impreziosiscono lo stile scrittorio dell’autrice senza però divenire mai orpelli dal gusto barocco, questo saggio sulla politica estera di Hugo Chávez si candida ad essere a tutti gli effetti un pratico strumento per aprire una breccia nella cortina di luoghi comuni che circonda la figura dell’ex Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela scomparso nel marzo del 2013.

21secolo Andrea Tarallo El presidente de la paz. Il nuovo libro di Marinella Coreggia

È l’autrice stessa a ribadire in più occasioni l’esistenza di una spessa coltre di disinformazione intorno all’operato dello statista di Sabaneta, valga da esempio quanto scritto a pagina 17: «Nella politica antimperialista e solidale di Hugo Chávez, la resistenza propositiva alle guerre da altri paesi scatenate e da altri paesi subite è stata fondamentale. Stranamente questo impegno per la pace, obbligo etico e politico, strumento e obiettivo, non è ricordato fra i meriti più importanti del defunto presidente». Dal 1999, con l’arrivo di Chávez al Palazzo di Miraflores – sede ufficiale del governo – Cuba non è più sola nella sua lotta contro le guerre imperialiste. Primo germoglio del socialismo del XXI secolo è costituto dall’Alba (Alianza bolivariana para América Latina y el Caribe), nata nel 2004 come alternativa all’ALCA (Área de libre comercio de las Américas) voluta dagli Stati Uniti.

Di pagina in pagina si apprende come quello voluto mettere in piedi insieme con Cuba non è stato soltanto un sistema di relazioni internazionali e internazionaliste all’insegna della complementarietà e della solidarietà, bensì un vero e proprio modello pacifico di mondo multipolare contrapposto alla globalizzazione bellicosa portata avanti dagli Stati Uniti. In quello che è un vero e proprio rovesciamento di termini l’Asse del Male non è più composto quindi da quei paesi che non si conformano ai diktat statunitensi ma dagli stessi Stati Uniti e dai loro «vassalli della Nato e dagli sceicchi, dai re e dagli emiri del Golfo».

Una lettura questa dell’autrice condivisa anche dalla rivista italiana di geopolitica Limes che non esita a definire Chávez uno dei grandi protagonisti della politica internazionale in quanto «grande punto di congiunzione che permette a elementi di contrapposizione al Nuovo Ordine Mondiale a guida USA di fare in qualche modo sistema».  Interessante ed originale è pertanto il «link virtuale fra due presidenti il cui incontro non fu permesso dai crimini della geopolitica e che oltre all’affinità di idee, strategie, piani rivoluzionari, riferimenti ideali, condividevano il lato umano» che inizia a pagina 44 e prosegue per tutto il secondo capitolo del libro: Hugo Chávez e Thomas Sankara, ex presidente del Burkina Faso assassinato nel 1987 nel corso di un cruento colpo di Stato.

21secolo Andrea Tarallo El presidente de la paz. Il nuovo libro di Marinella CoreggiaIl terzo e ultimo capitolo del libro è infine dedicato a un altro dei volti del socialismo del XXI secolo annunciato dal presidente Chávez il 30 gennaio del 2005: l’ecologismo. Il cambiamento della matrice produttiva non è più rimandabile, i cambiamenti climatici di cui noi tutti siamo testimoni altro non sono che un modo della Terra di chiederci il conto per decenni di sfruttamento scellerato. Ecco che allora dalla vulcanica mente dell’ex presidente venezuelano nasce l’appello alvivir bien e al buen vivir, allo scopo di riequilibrare il rapporto fra esseri umani e Madre Terra. Un appello a cui si è mostrata particolarmente sensibile anche Marinella Coreggia dal momento che, aderendo alla campagna ‘Scrittori per le foreste’ lanciata da Greenpeace, ha deciso di far stampare il proprio libro su carta riciclata.

Napoli 22ott2015: Hugo Chávez: due sguardi

Firenze 27ott2015: Presentazione del libro “El Presidente de la Paz”

Palmyra: l’Occidente ha armato la mano degli assassini

Riceviamo e pubblichiamo

Dopo l’ennesimo indicibile orrore, l’esecuzione a Palmyra dell’82enne archeologo siriano Khaled al Asaad, per mano dei terroristi del sedicente Stato islamico, in Occidente è una corsa da parte di tutti – governi, giornalisti, politici – a fregiarsi della sua memoria.  Strumentalizzando la sua morte. Ad esempio il martire sarà commemorato alle feste del Pd, ha comunicato il premier Renzi.

Peccato che molte delle organizzazioni e persone che ora si dichiarano commosse e indignate, in testa a tutti il Pd, da anni sostengano in vario modo la guerra in Siria e nel 2011 abbiano appoggiato la guerra Nato in Libia. A questi smemorati va ricordato quanto segue:

-Il sedicente Stato islamico (nato in Iraq dopo il 2003 grazie alla guerra di Bush) è cresciuto perché in Libia la Nato (Italia compresa) è stata la forza aerea delle milizie terroriste e razziste che hanno distrutto il paese e poi sono dilagate in Africa subsahariana e in Siria;

– In Siria lo Stato islamico è cresciuto (espandendosi dal 2014 anche in Iraq) con l’arrivo di combattenti stranieri grazie al 
flusso di aiuti materiali e all’appoggio politico dei paesi della Nato e delle petro-monarchie del Golfo, uniti nel cosiddetto gruppo di “Amici della Siria” (ora “Gruppo di Londra”), a vantaggio dei vari gruppi armati di opposizione. Questo ha alimentato – anche a colpi di propaganda e menzogne – una guerra che ha ucciso la Siria. E ha boicottato la pace.

-Eppure già dal 2012, come dimostrano documenti Usa desecretati e come tutti sapevano, l’opposizione armata era dominata da gruppi che miravano alla formazione di un califfato in Siria.

-Gli aiuti Nato/Golfo all’opposizione armata sono aiuti a gruppi estremisti, perché sono evidenti le porte girevoli fra le diverse formazioni, che sul campo o si alleano o cedono armi e uomini ai più forti. Il cosiddetto Esercito siriano libero è un guscio vuoto.

-L’appoggio a estremisti presenti o futuri continua: Usa e Turchia sono impegnati nel programma di addestramento e fornitura militare alla “Nuova forza siriana” (i cui adepti poi rifiutano di combattere contro l’Isis o si arrendono ad Al Nusra); Arabia saudita e Qatar continuano nell’appoggio finanziario perché la guerra vada avanti.

-L’Italia sta zitta. Pochi giorni fa il ministro Gentiloni ha accolto l’omologo saudita, impegnato anche a distruggere lo Yemen con la connivenza internazionale.
Lettera firmata da
Marinella Correggia, Torri in Sabina
Paolo D’Arpini, Treja
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: