¡Con Maduro, la Constituyente y Democracia de los Consejos!

por ALBAinformazione

“ALBAinformazione per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli”, publicación de la “Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali d’Italia”, invita a todas y todos las y los internacionalistas, a todos los movimientos de solidaridad a apoyar de manera decidida a la Asamblea Nacional Constituyente de Venezuela propuesta por el obrero y el Presidente venezolano Nicolás Maduro Moros, de la que llevará a cabo la elección el 30 de julio de 2017. La legitimidad y la legalidad de la Asamblea Constituyente están escritas muy claramente en la actual Constitución Bolivariana (Título IX, Capítulo III, art. 348 CRBV, 1999), “La Pionera”, como la llamó el mismo Presidente Maduro.

Una elección democrática no sólo en la forma, como dicen que le gusta, de la boca para afuera, siempre a la burguesía, pero democrática y popular, en el contenido también, ya que los protagonistas serán los elementos más avanzados de las masas populares organizadas venezolanas: agricultoras y agricultores, trabajadoras y trabajadores, pescadoras y pescadores, jubiladas y jubilados, hombres, mujeres, profesionales, empresarias y empresarios, jóvenes y estudiantes, entre otros, que forjan su propia libertad practicándola, y aprenden de forma masiva y colectivamente en construir su propio futuro, haciendolo.

Somos perfectamente conscientes que las clases privilegiadas y dominantes en el mundo de hoy, ven la convocatoria de una Asamblea Constituyente genuinamente popular como una verdadera amenaza a su dominio, un ejemplo a evitar en los términos más enérgicos que amenaza con convertir a Venezuela en otra democracia popular que colisiona de forma reñida con el imperialismo y los intereses especulativos de los canales financieros internacionales. Estos señores hacen y harán de todo a que este ejemplo no se expanda en todos los rincones del mundo. Nosotros siempre vamos a hacer más y mejor para que, por el contrario, estos ejemplos, como la Revolución Bolivariana, sean apoyados y emulados creativamente y tengan el seguimiento más amplio, a partir de nuestro país. Para estos señores el peligro hoy en día es que la Venezuela Bolivariana se convierta completamente en un “régimen al estilo Castro, en una dictadura marxista”, como escuchamos en sus medios de distracción masiva, siempre orientados hacia la destrucción y la devastación de las conciencias, a la intoxicación y el desvío de las mentes y los corazones, el envenenamiento de las percepciones, sensaciones y sentimientos.

Resuenan de nuevo, con una nueva imagen, pero cada vez más oscura y sombría, las palabras que pronunció el Sr. Henry Kissinger, secretario de Estado en los tiempos de Nixon y Ford, con las cuales, de hecho, condenaron a muerte Allende y su gobierno de la Unidad Popular: “Él debe saber que no vamos a permitir que a Chile llegue ni un solo tornillo o ni un solo dado… no entiendo por que deberíamos permanecer inmóvil y ver un país que se vuelve comunista debido a la irresponsabilidad de su propio pueblo”.

Como suelen hacer todos los reaccionarios y fascistas, descargan la responsabilidad sobre el pueblo, los imaginan, y los describen como discapacitados, genéticamente incapaces de construir su propio futuro. Así como escribió el poeta venezolano Aquiles Nazoa, que, a diferencia de estos personajes, sí, nosotros también, creemos con él, en los pueblos y sus capacidades creadoras.

Las oligarquías de todas las latitudes, los capitalistas y las altas finanzas, las altas esferas de la mafia, cúpulas clericales los residuos feudales y aristocráticos que aún no han sido barridos, mucho más allá de las bellas palabras de Bergoglio, siempre más se estrechan en su “santa alianza” para restaurar su poder gubernamental en Venezuela, y desbancar a Maduro, como lo hicieron con Allende en Chile en el ’73, por citar un caso.

Todos unidos: desde PD del Sr. Renzi, el Polo de la Libertad de Berlusconi en Italia, desde la derecha reaccionaria de Europa hasta lo que fue la “Internacional Socialista”, hoy en día seguidora del golpista Ramos Allup representante de la banda criminal de MUD – “Internacional” que desde hace tiempo queda nada más que el nombre y un recuerdo borroso entre los pueblos del mundo – todos ellos al unísono en las redes unificadas salen con sus cantos de muerte y destrucción. Y como a menudo sucede en la historia, con la ayuda “externa” de lo que piensan ser o se definen los mas de “izquierda” de todos los demás y que con los primeros no pierde la oportunidad de ir de la mano.

Hoy más que nunca es el momento de las definiciones, tertium non datur, como siempre mostró el comandante Chávez. Quien hoy se imagina que podría existir, ahora menos que nunca, una tercera vía o es un estafadór, o a lo mejor es un ingenuo. En el medio tenemos solamente las barricadas de guarimberos, así que vimos la carga de odio irracional y criminal, que es precisamente de las escuadras fascistas de todos los tiempos.

Como en cualquier revolución que no es una farsa, todas y todos estámos llamados a tomar una posición y cada cambio de época cambian los individuos protagonistas, pero los roles se quedan. Los procesos se van depurándose y siempre el lugar de los protagonistas pertenece al pueblo, y quien lo encarna. Quien estaba allí antes, como tan a menudo acontece ya no está, y viceversa, quien aún no estaba allí ayer, allí está hoy. Como pasó con Douglas Bravo y sus seguidores, así pasó con el general Baduel, y unos cuantos mas.

La revolución siempre da la bienvenida a la contribución de todos, incluso los más indecisos, los atrasados y vacilantes, de los que llegan, de los que se van o de los que regresan, cualquiera que sea la razón que los animan. De los protagonistas del juramento del Samán de Guere, aunque se mantienen físicamente vivo sólo aquellos que han traicionado el juramento, cuando desaparezcan físicamente también, ya tienen reservado su lugar en el olvido de la historia. Nada es eterno, excepto la transformación popular, y quien la encarna.

Quien dice que la Constitución Bolivariana de 1999 no es perfectible, y no hay nada más democrático que se puede imaginar, sabes que lo que dice es pura mentira. Y su hipocresía va de la mano con la de quien esta misma Constitución del 1999 adversó con el cuchillo entre los dientes, y hoy dice, con ese mismo cuchillo entre los dientes, que quiere defenderla. Hypocresia complementaria.

Con la Asamblea Nacional Constituyente el pueblo venezolano se ha ganado la oportunidad muy útil para hacer un verdadero paso adelante en su revolución de nueva democracia hacia el socialismo. Lo acompañamos en este viaje.

¡Que se instale la Asamblea Nacional Constituyente!
¡Que Viva Maduro!
¡Que Viva Chávez!
¡Que Viva la Revolución Bolivariana!
¡Que Viva el Poder Popular!
¡Que Viva el Socialismo!

#LaConstituyenteSiVa
#VictoriaConstituyente

Con Maduro, l’Assemblea Costituente e la Democrazia dei Consigli!

di ALBAinformazione

ALBAinformazione per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli, pubblicazione dell’Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali d’Italia, invita tutti i movimenti di solidarietà internazionalisti a sostenere convintamente l’Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela proposta dall’operaio e presidente venezuelano Nicolás Maduro Moros, di cui si terrà l’elezione il 30 luglio 2017. La  legittimità e legalità della Costituente è scritta a chiare lettere nella attuale Costituzione Bolivariana (Titolo IX, Capitolo III, art. 348 CRBV, 1999) , “La Pioniera”, come l’ha definita lo stesso Presidente Maduro. 

Una elezione democratica non solo nella forma, come piace, a parole, sempre alla borghesia, ma democratica e popolare anche nella sostanza, poiché i protagonisti saranno gli elementi più avanzati delle masse popolari organizzate venezuelane: contadini, operai, pescatori, casalinghe, pensionati, donne, uomini, professionisti, imprenditori, giovani e studenti, tra gli altri, che forgiano la propria libertà praticandola, ed imparano massivamente e collettivamente a costruire il proprio futuro, facendolo.  

Siamo perfettamente coscienti che le classi privilegiate e oggi dominanti nel mondo, vedono l’indizione di una Assemblea Costituente autenticamente popolare come il fumo negli occhi, un esempio da evitare nella maniera più assoluta perché rischia di trasformare il Venezuela in un’altra democrazia popolare che collide in maniera stridente con l’imperialismo e gli interessi speculativi dei circuiti finanziari internazionali. Questi signori fanno e faranno sempre più e di tutto a ché questo esempio non rischi di espandersi in ogni angolo del mondo. Noi faremo sempre di più e meglio affinché, al contrario, questi esempi, come quello della Rivoluzione Bolivariana, siano sostenuti ed emulati creativamente ed abbiano un seguito sempre più ampio, a cominciare dal nostro paese. Per questi signori il pericolo oggi è che il Venezuela Bolivariano si trasformi completamente in un “regime di tipo castrista, ossia una dittatura marxista”, come sentiamo dire nei loro mezzi di distrazione di massa, sempre tesi alla distruzione e alla devastazione delle coscienze, alla intossicazione e alla diversione di menti e cuori, all’avvelenamento delle percezioni, delle sensazioni e dei sentimenti.

Risuonano di nuovo, con una veste nuova ma sempre più scura e cupa, le parole che pronunciò il signor Henry Kissinger, segretario di Stato ai tempi di Nixon e Ford, con le quali di fatto condannarono a morte Allende ed il suo governo di Unidad Popular: “Deve sapere che non lasceremo arrivare in Cile una sola vite o un solo dado … Non capisco perché dovremmo starcene immobili e guardare una nazione diventare comunista a causa dell’irresponsabilità del proprio popolo”.

Como sono soliti fare tutti i reazionari e i fascisti, scaricano le responsabilità sui popoli, li immagino e li descrivono come minorati, incapaci geneticamente di costruire il proprio futuro. Come scriveva il poeta venezuelano Aquiles Nazoa, noi, contrariamente ai lor signori, sì, crediamo nei popoli e nelle loro capacità creatrici.

Le oligarchie di ogni latitudine, i capitalisti e l’alta finanza, le alte sfere delle mafie, le cupole clericali, i residui feudali e nobiliari che ancora non sono stati spazzati via, ben al di là delle belle parole di Bergoglio, si stringono sempre più nella loro “santa alleanza” per restaurare il loro potere governativo in Venezuela, defenestrare Maduro, come hanno già fatto con Allende in Cile nel ’73, per citare un solo caso.

Tutti compatti: dal PD del signor Renzi, al polo delle Libertà di Berlusconi in Italia, dalla destra reazionaria europea fino a quella che un tempo fu la “Internazionale Socialista” oggi al carro del golpista Ramos Allup rappresentante della banda criminale della MUD – “Internazionale” di cui da tempo resta solo il nome ed un ricordo sbiadito per i popoli del mondo – tutti costoro intonano all’unisono e a reti unificate i loro canti di morte e distruzione. E come spesso accade nella Storia, con l’aiuto “esterno” di chi si immagina o si definisce più “a sinistra” di tutti gli altri che con i primi non perdono l’occasione di andare a braccetto.

Oggi più che mai è il tempo delle definizioni, tertium no datur, come evidenziava sempre il Comandante Chávez. Chi si immagina che ci possa essere, oggi meno che mai, una terza via o è un imbroglione, o al meglio è un ingenuo. In mezzo abbiamo solo le barricate dei guarimberos, di cui abbiamo ben visto il carico di odio irrazionale e criminale, che è proprio delle squadracce fasciste di ogni epoca.  

Come in ogni Rivoluzione che non sia una farsa, tutte e tutti sono chiamati a prendere posizione e ad ogni passaggio epocale i protagonisti cambiano, ma i ruoli restano. I processi vanno depurandosi e il posto dei protagonisti spetta sempre al popolo, e a chi lo incarna. Chi prima c’era, come spesso accade non c’è più, e viceversa, chi non c’era ieri c’è invece oggi. Da Douglas Bravo e i suoi seguaci, al generale Baduel.

La rivoluzione accoglie sempre il contributo di tutti, anche di quelli più indecisi, arretrati e titubanti, di quelli che vengono, di quelli che vanno o di quelli che tornano, qualsiasi sia esso il motivo che li muove. Dei protagonisti del Giuramento del Samán de Güere, anche se sono rimasti fisicamente in vita solo coloro che quel giuramento hanno tradito, quando spariranno anche fisicamente, costoro troveranno già riservato il loro posto nel dimenticatoio della Storia. Nulla è eterno tranne la trasformazione popolare, e chi la incarna.

Chi dice che la Costituzione Bolivariana del 1999  non è migliorabile, e non vi è nulla di più democratico che si possa immaginare, mente sapendo di mentire. E la loro ipocrisia va di pari passo con quella di chi questa stessa Costituzione del 1999 l’ha combattuta con il coltello tra i denti, e oggi dice, con quello stesso coltello tra i denti, di volerla difendere. Ipocrisie complementari.

Con l’Assemblea Nazionale Costituente il popolo venezuelano si è conquistato un’occasione molto utile per fare un passo avanti concreto nella sua rivoluzione di nuova democrazia verso il socialismo. Noi lo accompagniamo in questo percorso. 

Viva l’Assemblea Nazionale Costituente! 
Viva Maduro!
Viva Chávez!
Viva la Rivoluzione Bolivariana! 
Viva il Potere Popolare!
Viva il Socialismo!  

#LaConstituyenteSiVa
#VictoriaConstituyente

 

Colazione sull’erba a Cava de’ Tirreni

di Patrizia Reso – www.ilportico.it

Mi è venuto subito in mente Renoir, con i suoi dipinti, la sua “La colazione dei canottieri”, senz’altro tra i più famosi e noti dell’impressionista francese.

Quando sono giunta al Parco degli Ulivi, si era quasi terminato il pranzo. La prima persona che mi viene incontro una bella donna, dal sorriso aperto e gli occhi brillanti. Come se ci fossimo conosciute da sempre, mi abbraccia e mi saluta calorosamente, offrendomi una fetta di pane di Spagna, che stava distribuendo tra gli astanti. Solo poco dopo apprendo che è il Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Amarilis Gutiérrez Graffe, Decano del Corpo Consolare di Napoli. Il pranzo all’aperto, quell’amichevole scampagnata è stata organizzata proprio per lei, dalla famiglia Lambiase, col massimo spirito di’integrazione tra popoli di cultura, etnia, tradizione diversi. Uno scambio culturale tra Venezuela, Costa d’Avorio, Nigeria, Italia … Attraverso gli Ulivi, un momento di convivialità all’aperto. Quando sono giunta, stavano discutendo. Presso ogni tavolo ancora imbandito, le persone discutevano, rilassate, come avviene al termine di ogni pranzo, proprio come nel quadro di Renoir. Di lì a poco, giunge Filippo Giordano, sì il professore ben noto a Cava. Dall’ultima tavolata posta al termine dell’area picnic, simpaticamente con il seguito dei commensali, come un menestrello dei tempi remoti, si porta alla prima tavolata, dove si erano nel frattempo raccolte le ragazze nigeriane e ivoriane. Con la sua voce quieta e rilassante, recita una poesia del senegalese Leopold Sédar Senghor, “Donna Nera”.

Donna nera, donna oscura
Olio che alcun respiro riesce a increspare, olio calmo sui fianchi dell’atleta, sui fianchi dei principi del Mali
Gazzella dalle giunture celesti, le perle sono stelle sulla notte della tua pelle

Le ragazze, ospiti del convento cappuccino San Felice, diligentemente hanno ascoltato, forse non hanno capito nulla, dato che ancora non sono padrone della lingua italiana, ma avranno apprezzato lo spirito d’amicizia che si percepiva dalla voce di Filippo. Poco dopo si sono alzate e sono andate a giocare a pallone. Le abbiamo viste sorridere. Ancora non si può parlare d’integrazione, certamente però è stato donato loro, e loro a noi, un momento di riflessione.

Tra le melodie diffuse da mani esperte, che si destreggiavano tra tasti di fisarmonica e corde di chitarra, si sono consumate molte chiacchiere: la nascita di Favour, portatrice di vita e di speranza; Elia che ha messo su un altro chilo, nonostante sia nato prematuro su un barcone; Amarilis che si rende totalmente disponibile per incontri con studenti, scambi in lingua e adora parlare dell’arte culinaria della sua terra; quanto lavoro ancora è necessario perché queste ragazze, ognuna con la sua storia violenza, possano comprendere a pieno la disponibilità di molti di noi ad accoglierle e farle sentire al sicuro.

La città di Cava, con il loro arrivo, ha raggiunto il 2% di presenza d’immigrati sul territorio. Termino con l’auspicio che entrino a far parte del tessuto cittadino attraverso un’integrazione totale, fatta da mercato del lavoro e relazioni sociali, dando termine alla loro fuga.

Napoli 1giu2016: Con la Rivoluzione Bolivariana hasta la Victoria Final!

da Rete Caracas ChiAma

Il nascente Movimento Internazionale Antifascista (MIA) nato dalla spinta delle lavoratrici immigrate in Campania provenienti dai paesi dell’Ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche insieme alle compagne ed i compagni di ‘ALBAinformazione – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli’ di ANROS-Italia nell’ottica dell’internazionalismo proletario invita tutti i sinceri antifascisti e i democratici conseguenti ad intervenire al presidio di solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana insieme alla Rete “Caracas ChiAma” a Napoli per esprimere il proprio affetto, il proprio sostegno, la propria vicinanza al popolo venezuelano e al governo del compagno operaio e presidente Nicolás Maduro Moros in questo duro frangente in cui l’imperialismo USA, UE ed il sionismo sono impegnati senza risparmiare colpi nella loro guerra di discredito, terrorismo mediatico, economica, diplomatica e politica contro una delle esperienza di punta del progressismo internazionale e per l’integrazione latinoamericana. Una guerra che l’imperialismo ha iniziato contro la direzione di Chávez, oggi, a maggior ragione, contro Maduro.

Le nuove rivoluzioni democratiche nei paesi bersaglio dell’imperialismo sono ferocemente colpite dai movimenti reazionari, e non a caso, dal Brasile all’Ecuador, dal Venezuela all’Argentina, e in ogni angolo del mondo.

Le lavoratrici immigrate, la classe operaia in Italia, si stringono con i propri fratelli di classe dell’America latina e del mondo, oggi più che mai!

¡La lucha todavía es dura pero la victoria del socialismo está segura!

La lotta è ancora dura ma la vittoria del socialismo è sicura!

https://www.facebook.com/events/1727704314181422/

Venezuela expondrá conquistas de la Mujer en Matera

por Consulado General en Nápoles

Simposio Internacional “Matera: Capital Europea”, Sur de Italia

Italia. 09 de diciembre de 2015 (Prensa Consulado General. Nápoles). La ciudad de Matera de la Región Basilicata del Sur de Italia, fue declarada “Capital Europea de la Cultura 2019”. Con tal motivo, asociaciones sociales y culturales, vinculadas a la divulgación y al intercambio cultural, han proyectado una amplia agenda de eventos de aproximación al 2019, que tienen como objetivo acercarse a las experiencias de diversos países del mundo.

En el día de ayer la ciudad de Cava de Tirreni abrió las puertas de la asociación “Mundo Todo Nuevo” para la realización de la primera mesa de trabajo dedicada a recordar el Día de la Mujer, el próximo 8 de marzo de 2016. Para la ocasión la Asociación Independiente Mujeres Europeas (AIDE) dirigida por Anna Selvaggi, Emilio Lambiase Presidente de ANROS-Italia y el Consulado General de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles, intercambiaron sobre los objetivos de la actividad.

Como acuerdo, Venezuela será país invitado y a su vez servirá de intermediario para sumar al resto de los países de América Latina y el Caribe, para exponer sobre la situación actual de la Mujer, así como las leyes vigentes que la tutelan.

El Comité organizador felicitó a la República Bolivariana por haber fundado el Ministerio del Poder Popular para la Mujer y la Igualdad de Género, así como por la creación del Instituto Nacional de la Mujer (INAMUJER) y el Banco de Desarrollo de la Mujer (BanMUJER).

Anna Selvaggi se mostró interesada en difundir la experiencia venezolana del Centro de Atención y Formación Integral, que permite la capacitación personal y la insersión laboral femenina, así como su independencia económica.

Para la cita serán convocados artistas plásticos, poetas, intelectuales y diplomáticos de diversas naciones del mudo, para lograr un amaplio intercambio de experiencia.

Gutiérrez Graffe señaló que “la Mujer en Venezuela es activa socialmente y que se empeña en la lucha de una sociedad justa, humana y pacífica. Hizo alución a la experiencia del Movimiento de Mujeres por la Paz y la Vida, que agrupa una serie de asociaciones cuyo objetivo es la erradicación de la violencia contra la mujer, hacer valer la Ley Orgánica sobre el Derecho de las Mujeres a una Vida Libre de Violencia, identificado la violencia en cualquiera de sus manifestaciones, dando así acompañamiento, orientación, atención y prevención de estos delitos , se empeñan en la contraloría social de los entes receptores de denuncia, en la consolidación de los comités de igualdad de género en los consejos comunales como espacios para la organización, formación y movilización de las mujeres”

Matera 23nov2015: presentazione “Milagro Negro” di ANROS-Italia

da aquilonia-carbonara.it

La Basilicata, terra dei due mari, ambiente unico naturale e tanta cultura millenaria. Non a caso Matera, una delle città più affascinanti, è stata scelta per ricoprire l’ambito ruolo di Capitale Europea della Cultura per il 2019. La sua designazione è un esempio di civiltà e riscatto che dalla Basilicata e dal Sud arriva all’intero globo. In quest’ambito, per dare un ulteriore contributo su come la cultura possa trasformare un territorio, il Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela incontrerà, lunedì 23 novembre, il Presidente della Regione Basilicata, l’onorevole Marcello Pittella. La riunione, che si terrà alle ore 13,00 presso la Presidenza della Giunta Regionale a Potenza, si pone quale obiettivo quello di stabilire i primi contatti ufficiali tra Amarilis Gutiérrez Graffe,  Console Generale del Venezuela a Napoli e il Presidente della Regione Basilicata. L’incontro ricade nell’ambito della promozione e degli scambi culturali ed economici, auspicabili tra i due Paesi.

La Console, la cui giurisdizione copre tutta l’Italia meridionale e le Isole, presenterà l’esperienza e le conquiste sociali del processo rivoluzionario Bolivariano del Venezuela, necessario, oggi più che mai, al mantenimento della Pace nell’intero Cono Sur.

Susseguente all’incontro di Potenza, verrà presentato anche il progetto “Misiòn Milagro Negro” e “La Gran SemanaMartiana” per Matera città della Cultura Europea, curato dalla Associazione ANROS-Italia, con il Patrocinio del Consolato Generale.

La delegazione ospite, oltre al Console Generale del Venezuela, sarà composta da Indira Pineda,  Assistente Stampa e Pubbliche Relazioni, Massimo Rea del Corpo Consolare, dall’architetto Emilio Lambiase, Presidente nazionale di ANROS Italia, dall’avvocato Lello Gala, dall’avvocato Donato Cicenia, dal dottor Ciro Nasti, dall’ingegnere Rocco Di Geronimo e dal geometra Gerardo Di Geronimo.

Milano 16nov2015: Solidarietà con Palestina

Nápoles difunde Diplomacia Bolivariana de Paz

090915MPPREnapoles03webpor MPPRE

Nápoles, 09 de septiembre de 2015 (MPPRE).- Grupos de solidaridad del Sur de Italia, sostuvieron un encuentro con la cónsul general de Venezuela en Nápoles, Amarilis Gutiérrez Graffe, con el propósito de conocer la política del Gobierno Bolivariano en los estados fronterizos con la hermana República de Colombia y para denunciar la estrategia injerencista que ejecuta el imperialismo contra la Patria de Bolívar.

Durante el encuentro, la delegación diplomática ofreció información actualizada sobre las medidas que el presidente de la República, Nicolás Maduro —junto al gabinete que lo acompaña— están llevando a cabo para combatir la guerra económica, el contrabando de productos y el paramilitarismo desde el país neogranadino.

Gutiérrez Graffe argumentó que Venezuela quiere proteger, tanto los derechos humanos de sus nacionales como de los hermanos colombianos ya residentes en el territorio; también exige al Gobierno colombiano que asuma su responsabilidad y compromiso.

Los participantes señalaron que es necesario hacerse eco de estas informaciones, pues los medios de comunicación internacionales son parte de la campaña de ataque a Venezuela.

Respaldo al pueblo de Venezuela

Los miembros de la Red “Caracas Chiama” reafirmaron el apoyo al pueblo y Gobierno de Venezuela ante el constante bombardeo comunicacional contra el país, que a juicio de ellos, siempre parte de la estrategia imperialista norteamericana.

Los participantes acordaron reforzar el envío de información y contrarrestar la campaña mediática, así como dar máximo apoyo y visibilidad al próximo III Encuentro Italiano de Solidaridad con la Revolución Bolivariana en Ravenna el próximo mes de octubre.

Este encuentro se realizó en el contexto de una de las secciones de trabajo del II Encuentro de la Asociación Nacional de Redes y Organizaciones Sociales (ANROS) – Italia en Paestum.

Llamado a la solidaridad internacionalista

por ANROS Italia

Al día siguiente de las movilizaciones de inspiración fascista, racista e imperialista de la oposición que se desataron el domingo pasado en Brasil, el ex presidente del país Fernando Cardoso dijo que el gobierno es “ilegítimo” y que la compañera presidenta Dilma Rousseff tiene que renunciar a su mandato otorgado del pueblo soberano brasileño en su pleno y absoluto derecho.

Unos indigenas ecuatorianos, representantes de las tendencias más retrógradas y corporativas, lejos de aquellas que son las aspiraciones del movimiento internacional “La via campesina”, verdadero representante – a nivel planetario – de las reivindicaciones populares y sociales, de justicia social, de la mayoría de los campesinos en todo el Tricontinente, radicalizaron sus protestas actuando con violencia que manifiesta las infiltraciones de agrupaciones paramilitares entre ellos.

Como si no fuera suficiente, la guerra de baja intensidad sube aún más, es decir: la guerra mediática, psicológica, económica y cultural contra los pueblos trabajadores y los gobiernos revolucionarios, bolivarianos y martianos, de Venezuela, El Salvador, Nicaragua, Bolivia y Argentina.

Recientemente, fue difundida por parte de la Comisión internacional de los derechos humanos (CIDH) la noticia de que esta está investigando en México sobre la desaparición de los 43 normalistas de Ayotzinapa, hijos de la “mejor juventud”, heredera de aquel espíritu revolucionario y rebelde que siempre ha caracterizado el movimiento popular mexicano desde los tiempos de Emiliano Zapata y Pancho Villa, del robo y la degradación de las pruebas primarias que los jueces habrían dirigido contra los verdaderos culpables de tal crimen.

La juventud rebelde del mundo entero, los pueblos trabajadores, no pueden quedarse con los brazos cruzados ante dichas políticas de injerencia, hacia la creación de un segundo Plan Cóndor en todo el hemisferio occidental, por parte de la “Roma americana”, como la calificó José Martí, y por parte de aquellas oligarquías nacionales latinamericanas, seguidores de aquella clase dominante santanderista que, en aquel entonces, traicionó los sueños de emancipación social de Simón Bolívar y Manuelita Sáenz.

Por lo tanto, abogamos a la Red de intelectuales y artistas en defensa de la humanidad y a los movimientos progresistas demócraticos, a los pueblos de todo el mundo, a aquellos que participaron a las “Cumbres de los pueblos”, a los gobiernos revolucionarios de Cuba socialista, de la República bolivariana de Venezuela y, en general, a los pueblos y a los gobiernos integrantes el ALBA-TCP, a la movilización total y permanente de todos los verdaderos demócratas del mundo en defensa del proceso bolivariano y martiana de una Patria Grande latinamericana.

Pedimos, por ende, una convocatoria urgente de una nueva “Cumbre de los pueblos” que ha de realizarse en Cuba para poder coordenar y contrarrestar este viento fascista que sopla en toda America Latina y que hace recordar una época, aquella del Plan Cóndor, que jamás tiene que volver a su auge.

ANROS Italia – ALBAinformazione per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli – Assadakah Napoli – Progetto CubainformAzione

para adhesiones: albaredazione@gmail.com

Raul Capote eladversariocubano
Ronald Hernandez Torres  funcionario APS, Direccion Provincial de Salud Las Tunas presso MINSAP
Roberto Pazmino – Alianza Pais Ecuador
Emilio Lambiase
Luis Antonio Silva-Acosta
Mara Sarango Paredes
Ciro Brescia
Alessandro Pagani
Francesco Guadagni
Fabrizio Verde
Antonio Cipolletta
Sergio Nessi
– Associazione di Amicizia Italia – Cuba di Bergamo – Italia
Indira Pineda Daudinot – Sociologa cubana
Mario Neri – Circulo Bolivariano Antonio Gramsci – Caracas
Ida Garberi – Cubadebate

Etten Carvallo – ilustradora CiudadCCS
Danilo Della Valle
Gabriela Pereira –
Alianza Pais Ecuador
Evelyn Donoso – Alianza Pais Ecuador

 

(FOTO) Venezuela-Siria: quel filo nero dei servi dell’imperialismo

da ANROS Italia

C’è un sottile filo nero che collega da una parte gli squartatori di Caracas al soldo del partito fascista di Leopoldo López, di Maria Corina Machado e Capriles Radonski, e dall’altro i criminali tagliagole e decapitatori dello “Stato Islamico”.

Pur non conoscendosi tra loro, questi servi dell’imperialismo hanno lo stesso obiettivo: destabilizzare paesi che non sono in linea con gli interessi della borghesia imperialista, portando avanti una guerra di sterminio non dichiarata di cui sono solo gli utili idioti e tragici esecutori.

Si chiamava Khaled al Asaad, 82 anni, era il direttore del Museo Archeologico di Palmyra, in Siria.

Le orde barbariche della reazione più nera del cosiddetto “Stato Islamico” lo hanno giustiziato e decapitato perché difensore del sito archeologico che il fanatismo reazionario non ammette.

Nel 2001 l’attuale presidente della Red Anros Italia, Emilio Lambiase, lo incontrò durante il suo viaggio in bicicletta Damasco-Baghdad per denunciare l’aggressione imperialista degli USA contro l’Iraq.

A quell’epoca si sognava un progetto congiunto di cooperazione tra i siti Palmyra-Pompei-Paestum.

Oggi avremmo potuto avere un direttore archeologico siriano in Italia. Obama, Renzi, Merkel, e l’ISIS, hanno deciso diversamente.

Appello alla solidarietà internazionalista

Fermiamo la guerra contro i popoli! 

All’indomani delle manifestazioni di carattere fascista, razzista e filo imperialista dell’opposizione svoltesi domenica scorsa in Brasile, l’ex presidente Fernando Cardoso afferma che il governo è “illegittimo” e che la compagna presidentessa Dilma Roussef deve rinunciare al mandato che il popolo sovrano brasiliano nel suo diritto pieno e assoluto le ha concesso.

Taluni indigeni ecuadoriani, rappresentanti delle suggestioni più retrograde e corporative, distanti da quelle che sono le aspirazioni del movimento internazionale “La via campesina”, vero rappresentante – a livello globale – delle rivendicazioni popolari e sociali, di giustizia sociale, della maggioranza dei contadini in tutto il tricontinente, hanno radicalizzato le loro proteste con azioni violente che palesano le infiltrazioni tra loro di gruppi paramilitari.

Come se non bastasse, aumenta sempre di più la guerra a bassa intensità, vale a dire: la guerra mediatica, psicologica, economica e culturale contro i popoli lavoratori e i governi rivoluzionari, bolivariani e martiani, del Venezuela, di El Salvador, del Nicaragua, della Bolivia plurinazionale di Evo Morales e dell’Argentina di Cristina Kirchner.

Recentemente è stata diffusa la notizia da parte della Commissione Internazionale sui Diritti Umani (CIDH) che sta investigando in Messico sulla scomparsa di 43 studenti, figli della “meglio gioventù”, erede di quello spirito rivoluzionario e ribelle che sempre ha caratterizzato il movimento popolare messicano dai tempi di Emiliano Zapata e Pancho Villa, del furto e della distruzione delle principali prove che avrebbero potuto indirizzare gli inquirenti sui veri colpevoli di tale crimine.

La gioventù ribelle di tutto il mondo, i popoli lavoratori, non possono rimanere con le braccia incrociate dinanzi a tali politiche di ingerenza, verso la creazione di un secondo piano Condor in tutto l’emisfero occidentale, da parte della “Roma americana”, come la definiva José Martí, e di quelle oligarchie nazionali latinoamericane, gli epigoni di quella classe dominante santanderista che allora tradì i sogni di emancipazione sociale di Simón Bolívar e Manuelita Saenz.

Pertanto facciamo appello alla rete degli intellettuali e degli artisti in difesa dell’Umanità e ai movimenti progressisti e democratici, ai popoli di tutto il mondo, a coloro che hanno partecipato alle “Cumbres de los Pueblos”, ai governi rivoluzionari di Cuba socialista, della Repubblica Bolivariana del Venezuela, e più in generale ai popoli e ai governi membri dell’ALBA-TCP alla mobilitazione totale e permanente di tutti i veri democratici del mondo in difesa del processo bolivariano e martiano di una Patria Grande latinoamericana.

Chiediamo pertanto la convocazione urgente di una nuova “Cumbre de los Pueblos” da tenersi a Cuba per poter coordinare e contrastare questo vento reazionario e fascista che soffia in tutta l’America Latina e che fa tornare in mente un’epoca, quella del Condor, che mai più deve tornare in auge. 

ANROS Italia – ALBAinformazione per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli – Assadakah Napoli – Progetto CubainformAzione  

per adesioni: albaredazione@gmail.com 

Raul Capote eladversariocubano
Ronald Hernandez Torres – funcionario APS, Direccion Provincial de Salud Las Tunas presso MINSAP – CUBA
Roberto Pazmino – Alianza Pais Ecuador
Emilio Lambiase
Luis Antonio Silva-Acosta
Mara Sarango Paredes
Ciro Brescia
Alessandro Pagani
Francesco Guadagni
Fabrizio Verde
Antonio Cipolletta
Sergio Nessi
– Associazione di Amicizia Italia – Cuba di Bergamo – Italia

Indira Pineda Daudinot – Sociologa cubana
Mario Neri – Circulo Bolivariano Antonio Gramsci – Caracas
Ida Garberi – Cubadebate
Etten Carvallo – ilustradora CiudadCCS
Danilo Della Valle
Gabriela Pereira
– Alianza Pais Ecuador
Evelyn Donoso – Alianza Pais Ecuador

Verso la Missione “Milagro Negro”

dsas

da ANROS – Italia

Africa: Un medico oculista per ogni milione e mezzo di abitanti.
Abbiamo evidentemente un debito morale ed eticamente inaccettabile.

Patrocinio Morale e Politico del Consolato della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli

Progetto proposto dall’Associazione delle Reti e le Organizzazioni Sociali (ANROS – Italia)
Associazione di supporto Movimento Apostolico Ciechi

Proposta di Emilio Lambiase e Alessandro Pagani (ANROS Italia) e Francesco Scelzo (M.A.C.)

Si chiede il Patrocinio morale e politico del Venezuela, di Cuba e del Vaticano.

(da un articolo di Marinella Correggia)

“La Carta a Africa” è un testamento.

Il Comandante Eterno Hugo Chávez sta già molto male quando, nel febbraio del 2013, dispiaciuto di non poter partecipare al Terzo vertice dei capi di stato e di governo dell’ASA (America del Sud e Africa), nella Guinea equatoriale, manda ai partecipanti questa lettera, il suo ultimo grande documento di politica internazionale.
Egli auspica che l’ASA diventi un “foro della cooperazione solidale e complementare” fra i due continenti.
La lettera si conclude con questa frase: “Vivremo e vinceremo!”.

Ma il nostro “presidente infinito” muore a Caracas il 5 marzo 2013.

L’8 marzo, molto lontano, nella capitale del Burkina Faso, una donna e il suo bambino vanno a deporre la bandiera venezuelana sulla tomba dell’ex presidente Thomas Sankara, ucciso nel 1987, mentre alcuni artisti suonano in onore dei due rivoluzionari, mai conosciutisi ma così affini.

Nel suo testamento africano, il presidente del Venezuela parla di due continenti “più che fratelli, uniti da indivisibili legami storici e destinati a procedere insieme verso il pieno riscatto”. “(…) America del Sud e Africa sono uno stesso popolo. (…) Gli imperi del passato, colpevoli del sequestro e dell’assassinio di milioni di figli e figlie di madre Africa, col fine di alimentare un sistema di sfruttamento schiavista nelle sue colonie, seminarono nella nostra America sangue africano guerriero e combattivo, arso dal fuoco che produce il desiderio di libertà”.

Viene poi il secolo XX, e “le lotte di liberazione in Africa. Processi di indipendenza, nuove minacce neo-coloniali, eroi e martiri: Patrice Lumumba, Amilcar Cabral (…)”.

Il presidente venezuelano indica i temi e le caratteristiche della solidarietà afro-latinoamericana della quale auspica una grande crescita: “Nei nostri continenti si trovano sufficienti risorse naturali, politiche e storiche, che servono per salvare il pianeta dal caos in cui è stato condotto. (…)”.

daserDa sottolineare come Hugo Chávez per l’ennesima volta condanni la guerra della Nato in Libia nel 2011 e il suo obiettivo di frenare il consolidamento di un’unione fra popoli non occidentali, all’insegna dell’autodeterminazione e della ricerca della giustizia economica e sociale affinché, contando gli uni sugli altri, si raggiunga l’indipendenza e la maggiore felicità possibile”.

Dalla Carta all’Africa di Hugo Chávez all’incontro in Vaticano con Papa Francesco, di Nicolás Maduro, il 17 giugno 2013.
In quella occasione il presidente Maduro ha spinto per la canonizzazione del medico José Gregorio Hernández, conosciuto in Venezuela come il “medico del popolo”, venerato come un santo in Venezuela per il suo impegno in favore degli umili e dei poveri, che curava gratis.

Poi Maduro si è soffermato a illustrare al Papa il “debito sociale delle Missioni”, con particolare riguardo a la Misión Milagro.
Oggi vorremmo ripartire da quel discorso che ha affascinato i due capi di Stato e proporre di estendere al continente africano quel debito sociale, proponendo in questa occasione la MISION MILAGRO NEGRO, considerando, poi, che alcuni Paesi di quel continente, possiedono un medico oculista per ogni milione e mezzo di abitanti (sic!).

Questo progetto dovrà coinvolgere necessariamente il governo del Venezuela, quello di Cuba e lo Stato del Vaticano.

Cos’è la Misiòn Milagro?

La Misión Milagro, o Operazione Milagro, è un progetto umanitario che ebbe inizio l’8 luglio 2004 con l’impulso dei governi di Cuba e Venezuela. Ha lo scopo di aiutare quelle persone con scarse risorse affinché possano essere operate per vari problemi oculari. È un piano sanitario che fa capo in forma congiunta ai governi di Cuba e Venezuela e che cerca di dare soluzione a determinate patologie oculari della popolazione. È parte del piano di integrazione dell’America Latina, e si integra nei programmi per ottenere l’unità tra i popoli dell’Alleanza Bolivariana per le Americhe (ALBA).

Dalla sua creazione sono state operate, grazie all’avanzato sviluppo della medicina cubana, migliaia di latinoamericani di paesi come El Salvador, Guatemala, Ecuador, Colombia, Costa Rica, Venezuela, Bolivia, Argentina e Repubblica Dominicana, e si prevede la sua applicazione in altri paesi. Come parte del suo sviluppo sono sorti centri di Oftalmologia in Venezuela e Bolivia con personale, equipaggiamento e risorse cubane.

Nei centri dove vengono alloggiati i pazienti a Cuba sono assistiti da medici, operatori sociali e studenti universitari che dedicano parte delle loro vacanze a questo lavoro di solidarietà.

Parte di questa opera è raccontata da coloro che l’hanno vissuta nel libro di Katiuska Blanco, Alina Perera e Alberto Núñez, Voces del Milagro.

Obiettivi

Il piano prevede che, in un periodo di 10 anni, si presti attenzione chirurgica a circa sei milioni di persone affette da problemi oftalmologici.

Il piano, che ebbe inizio in Venezuela, si applica già in 31 paesi dell’America Latina, Caribe, Asia e Africa.[1] Come estensione di questo programma sono state create, con l’aiuto del personale medico cubano, cliniche in Venezuela e Bolivia che contribuiranno al trattamento gratuito di queste infermità, permettendo così maggior controllo e prevenzione.

Sviluppo

Nell’ottobre 2005, il governo dell’Avana inviò 2000 professionisti sanitari in Pakistan, installando 30 ospedali da campo che assistettero più di 1,5 milioni di persone, in seguito al terremoto avvenuto nel paese asiatico.[2]

In seguito al terremoto in Indonesia del 27 maggio 2006, Cuba inviò 135 medici e una delegazione che assistette 1000 pazienti al giorni nell’isola di java, fermandosi per un totale di otto mesi.[3]

Nel dicembre 2007, Cuba celebrò il raggiungimento di un milione di pazienti dall’America Latina, Caribe e Africa che hanno recuperato o migliorato la vista grazie all’ Operazione Milagro, essendo un fatto unico nella storia dell’umanità, grazie alla collaborazione dei governi rivoluzionari di Cuba e Venezuela.

Il 20 novembre 2008, Cuba e Angola si accordarono per la formazione di oftalmologi del paese africano sotto l’istruzione di specialisti cubani nel segno dell’ Operazione Milagro.

Copertura attuale

Nell’Operazione Milagro partecipano 165 istituzioni cubane. Dispone già di una rete di 49 centri oftalmologici con 82 postazioni chirurgiche in 14 paesi dell’America Latina e Caribe. Ci sono missioni dell’ Operazione Milagro in Venezuela, Bolivia, Costa Rica, Ecuador, Haiti, Honduras, Panama, Guatemala, Saint Vincent e Granadine, Guyana, Paraguay, Granada, Nicaragua e Uruguay. Nonostante l’importanza di portare assistenza medica a persone di scarse risorse, Stati come quello peruviano hanno visto in questa iniziativa un mezzo d’infiltrazione e propaganda. Dopo queste accuse, l’Operazione Milagro ha cessato le sue attività nel paese andino.

TABELLE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ SULLA DISABILITA’ VISIVA


Numero totale delle persone con disabilità visiva suddivise per macroaree (dati 2010)

Ciechi Ipovedenti Totale disabili visivi

Area Geografica Popolazione totale Numero e percentuale sul totale Numero e percentuale sul totale Numero e percentuale sul totale

Africa 805 milioni 5.888.000 (15) 20.407.000 (8,3) 26.295.000 (9.2)
Americhe 915 milioni 3.211.000 (8) 23.401.000 (9,5) 26.612.000 (9,3)
Medio-Oriente 580 milioni 4.918.000 (12,5) 18.581.000 (7,6) 23.499.000 (8,2)
Europa 890 milioni 2.713.000 (7) 25.502.000 (10,4) 28.215.000 (9,9)
Sud-Est Asiatico (esclusa India) 580 milioni 3.974.000 (10,1) 23.938.000 (9,7) 27.913.000 (9.8)
Asia Centrale/ Occidentale e Regioni del Pacifico (esclusa Cina) 442 milioni 2.338.000 (6) 12.386.000 (5) 14.724.000 (5,2)
India 1.182 milioni 8.075.000 (20,5) 54.544.000 (22,2) 62.619.000 (21,9)
Cina 1.345 milioni 8.248.000 (20,9) 67.264.000 (27,3) 75.512.000 (26,5)
Totale Mondo 6.739 milioni 39.365.000 (100) 246.024.000 (100) 285.389.000 (100)
Numero totale delle persone con disabilità visiva suddivise per età (dati 2010)
Età (in anni) Popolazione totale Ciechi Ipovedenti Totale disabili visivi
0-14 1.848 milioni 1.421.000 17.518.000 18.939.000
15-49 3.549 milioni 5.784.000 74.463.000 80.248.000
50 e oltre 1.342 milioni 32.160.000 154.043.000 186.203.000
Totale 6.739 milioni 39.365.000 246.024.000 285.389.000

CECITÀ IN AFRICA

Cataratta


In Africa, la cataratta è responsabile di quasi il 40% dei casi di cecità. Consiste nell’opacizzazione del cristallino, che è una lente naturale situata internamente all’occhio. In condizioni normali questa lente è trasparente, ma in conseguenza di alterazioni dovute ad invecchiamento, traumi, infezioni, raggi UV, disidratazione, malnutrizione, ecc., può diventare opaca. La cataratta ostacola la penetrazione di luce nell’occhio, riducendo l’acuità visiva fino alla sola percezione della luce o alla cecità totale. La terapia della cataratta è chirurgica mediante la sua estrazione e la sostituzione del cristallino naturale con una lente artificiale. Questo intervento, che ridona la vista, costa circa 30 euro per un adulto, e 130 euro per un bambino.

Tracoma

Le numerose iniziative di questi ultimi anni hanno ridotto la percentuale del tracoma nel mondo al 3%, ma questo non basta perché in molte zone dell’Africa questa patologia è ancora endemica. Il tracoma è una malattia infettiva cronica della congiuntiva e della cornea, causato da un micro-batterio chiamato Clamydia Trachomatis. Le prime manifestazioni consistono in arrossamento e bruciori oculare, lacrimazione e gonfiore delle palpebre; quando la malattia è evoluta le ciglia si rivoltano verso l’interno (trichiasi), così da creare graffi e ferite all’occhio ad ogni battito palpebrale; questa situazione è notevolmente dolorosa e progressivamente conduce ad una opacizzazione corneale e quindi a una cecità totale. La malattia viene trasmessa da un individuo all’altro per contatto diretto o anche indiretto, quindi le condizioni igieniche precarie e l’abbondanza di mosche facilitano la diffusione dell’infezione e della malattia. Il tracoma può essere curato prima che porti alla cecità, utilizzando una pomata oftalmica a base di tetraciclina e seguendo una serie di norme igieniche. Allo stadio più avanzato solo un’operazione chirurgica può salvare da una cecità definitiva. Per questi motivi, la strategia utilizzata per combattere la cecità da tracoma viene chiamata con l’acronimo inglese SAFE, che indica le quattro azioni necessarie nella lotta contro la malattia: Surgery (Chirurgia): operazione chirurgica di correzione di trichiasi, per rivoltare nuovamente la palpebra verso l’esterno quando la malattia è già evoluta. Quest’operazione può essere effettuata anche da infermieri qualificati direttamente nei villaggi o nei dispensari di zona. Antibiotics (Antibiotici): applicazione di una pomata antibiotica quando la malattia è allo stadio iniziale, per arrestare il processo infettivo e le sue conseguenze sulla palpebra. La pomata antibiotica (tetraciclina) sufficiente ad arrestare la malattia nelle fasi iniziali costa 1 euro Facial cleanliness (Igiene del viso): educazione alla corretta igiene/pulizia del viso che può ridurre i livelli di trasmissione dell’infezione e la diffusione della malattia Environmental Improvement (Sviluppo ambientale): miglioramento delle condizioni igienico-ambientali, contributo essenziale per sconfiggere l’infezione.


Glaucoma

Il glaucoma è una tra le principali cause di cecità/ipovisione per malattie oculari dopo la cataratta: diversi studi gliene attribuiscono la responsabilità del 10 % dei casi. Il glaucoma è una malattia caratterizzata dalla progressiva distruzione delle fibre del nervo ottico, causata da una eccessiva pressione interna all’occhio, che porta a una riduzione graduale, ed irreversibile, del campo visivo, fino alla cecità totale e permanente. Nella maggior parte dei casi l’ipertensione oculare non provoca dolore per cui è necessario uno strumento o una visita. Le conseguenze più devastanti del glaucoma possono essere prevenute con la riduzione, in tempo utile, della pressione intraoculare, che a sua volta può essere ottenuta mediante l’instillazione cronica di colliri o mediante un intervento chirurgico. La terapia medica (colliri) del glaucoma costa 12 euro all’anno, mentre la chirurgica 35 euro.

Oncocercosi o Cecità Fluviale

Attualmente 0,7% E’ una malattia infettiva causata dal parassita Onchocercas Volvulus, trasmesso con la puntura della mosca Simulium nera. Questi insetti si riproducono nella savana, nelle zone pluviali e nei fiumi a scorrimento veloce, da cui il nome “cecità fluviale”. Dopo circa un anno, le larve depositate nella pelle si trasformano in vermi adulti, che si riproducono a milioni e migrano attraverso il tessuto sottocutaneo fino a raggiungere gli occhi e a danneggiare irrimediabilmente la vista. Se diagnosticata in tempo, la cecità fluviale è curabile grazie all’assunzione di un farmaco a base di Ivermectina, che uccide le larve, mentre non riesce ad eliminare il verme adulto, per cui l’individuo infettato deve assumere il pillole per 20 anni (durata della vita media dei vermi), una volta all’anno, per eliminare le nuove larve prodotte dagli adulti e ridurre il rischio di diffusione dell’infezione. La società farmaceutica Merck & Co produce e regala questo farmaco (nome commerciale Mectizan®) che quindi non è in vendita. Sono sufficienti 20 centesimi per la distribuzione del farmaco ad ogni individuo che verrà così protetto per un anno.

Cecità Infantile

Nel mondo 1 milione e mezzo di bambini sono ciechi e ogni anno circa 400.000 bambini perdono la vista; più della metà di loro muoiono nell’arco di un paio di anni, in conseguenza o delle malattie che hanno portato alla cecità, o al modo in cui vengono trascurati una volta diventati ciechi (dati OMS, 2002).

Per i bambini perdere la vista equivale all’impossibilità di andare a scuola e di integrarsi nella propria comunità. In Africa la xeroftalmia, dovuta alla carenza di vitamina A, è la causa principale di cecità; altre cause importanti sono la cataratta, il tracoma, il glaucoma, l’oncocercosi, ecc. altrove descritti. Un apporto insufficiente di vitamina A secca le mucose, anche dell’occhio, ed infine porta ad un’opacizzazione corneale che causa una cecità irreversibile. Il primo strumento per sconfiggere la xeroftalmia è l’informazione. E’ necessario che le madri siano coscienti della necessità di somministrare ai propri bambini un’alimentazione corretta, integrata con frutta e verdura, e della opportunità di allattare al seno se possibile.

Nei casi più gravi, in cui la carenza di vitamina A nell’organismo ha già manifestato i suoi segni evidenti, diventa indispensabile somministrare tre capsule di vitamina A per bloccare gli effetti sulla vista, il cui costo è di soli 3 Euro. In generale, per ridurre drasticamente la cecità infantile e le sue conseguenze sarebbero necessarie: Visite oculistiche presso le scuole per identificazione dei bambini che hanno necessità di cure. Formazione delle ostetriche e del personale che insegnano alle partorienti come pulire gli occhi dei neonati per evitare infezioni. Informazioni relative all’alimentazione e distribuzione di Vitamina A ai bambini che ne mostrano segni di carenza. Distribuzione di Mectizan ai bambini di età superiore a cinque anni nelle zone endemiche di oncocercosi. Per bambini affetti da cecità irreversibile, programmi atti a promuoverne l’integrazione nelle scuole.

Questa situazione ci fa ancora più riflettere se si considera che in Africa, come in tutti i paesi in via di sviluppo le cause di cecità e/o ipovisione si potrebbero eliminare o prevenire in circa il 75%.

CECITÀ IN ETIOPIA

L’Etiopia è uno dei Paesi al mondo con la più alta incidenza di malattie visive, a causa soprattutto di infezioni, carenza di vitamina A e cattive condizioni igienico-sanitarie. Le patologie maggiormente diffuse sono la cataratta e il tracoma. Si stima che vi siano più di 1 milione di persone cieche, delle quali un terzo bambini.

I dati sulla cecità e l’ipovisione in Etiopia sono i seguenti: su circa 90 milioni di abitanti i non vedenti sono indicativamente l’1,6% della popolazione (un milione e duecentomila), mentre gli ipovedenti sono il 3,7% (due milioni e ottocentomila); infine sono circa 9 milioni i bambini affetti da tracoma, pari al 40% della fascia d’età fino ai 9 anni.

L’impossibilità di curare infezioni, la carenza di vitamina A e le cattive condizioni igienico-sanitarie sono le principali responsabili delle centinaia di migliaia di persone che ogni anno si ammalano di malattie oftalmologiche; spesso i nuovi malati vivono nelle zone rurali e più periferiche del paese e, oltre a non avere facilmente a disposizione un medico, sono anche privi della necessaria educazione sanitaria di base. Le principali malattie di cui soffrono gli etiopi, che poi degenerano in cecità, secondo ‘Orbis’ sono la cataratta, il glaucoma e il tracoma, oltre a una serie di altre patologie legate alla cornea.

CECITÀ IN BURKINA FASO

Secondo le stime più recenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, le persone non vedenti in Burkina Faso sono circa 250.000, cioè l’1,6 % della popolazione.

Le principali cause di cecità sono: cataratta, tracoma, emorragie retiniche causate da drepanocitosi, oncocercosi, infezioni e congiuntiviti non curate, dovute a scarsa igiene e mancanza di acqua pulita, glaucoma, carenza di vitamina A dovuta a malnutrizione Il numero di oculisti e specialisti in oftalmologia è estremamente basso: non più di 40 per una popolazione di oltre 16.000.000 di abitanti.

CECITÀ IN UGANDA

Le fonti ufficiali stimano che vi siano non meno di 500.000 ciechi in Uganda su una popolazione di circa 35 milioni di persone e che la maggioranza di questi lo sarebbero per cause facilmente prevenibili. Un migliore accesso alle cure e alla prevenzione delle affezioni oculari e una migliore qualità dei servizi ridurrebbe grandemente il numero di persone che ogni anno perdono la vista.

Il ministero della Sanità, proprio in questa prospettiva, ha lanciato una campagna per l’eradicazione del tracoma attraverso interventi di trattamento di massa nelle scuole e nei villaggi assieme a una serie di interventi per sostenere le cure oftalmiche primarie per cercare di ridurre dall’1 allo 0.8% la prevalenza degli invalidi da disturbi visivi.

CECITÀ IN KENYA

Si stima che in Kenya vi siano circa 400.000 persone cieche assolute e oltre 2 milioni di disabili visivi su una popolazione totale di 44 milioni. Le principali cause di cecità sono la cataratta, il tracoma e il glaucoma. In oltre il 75% dei casi, la cecità potrebbe essere evitata con cure e trattamenti adeguati. Allo stato attuale non vi sono più di 70 oftalmologi in Kenya e oltre la metà di essa opera nella capitale Nairobi. Il che significa che vi è la media di un oculista per 1 milione di persone nelle aree urbane e 1 ogni 2 milioni nelle aree rurali.

Il 43% dei casi di cecità in Kenya è causato dalla cataratta; vi sono circa 15.000 nuovi casi ogni anno che si aggiungono agli oltre 150.000 che già ne soffrono. Si stima inoltre che oltre 6 milioni di persone siano a rischio tracoma che è endemico in 18 degli 80 distretti amministrativi dello Stato. Nelle zone rurali l’accesso all’acqua potabile è limitato a solo il 49% della popolazione.

CECITÀ NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Nella R.D. Congo si stima che vi siano 5 milioni di disabili visivi (su una popolazione totale di circa 67 milioni) di cui 800.000 ciechi assoluti. Ogni anno 13.000 persone diventano cieche a causa del glaucoma, malattia che si potrebbe curare se trattata in tempo. Se non si interviene questo numero potrebbe triplicare nel giro di 15 anni.

Enti socio-assistenziali di ispirazione cattolica

Scheda per i media CEI

L’organizzazione

Nome organizzazione: Movimento Apostolico Ciechi (in sigla M.A.C.)

Anno di fondazione: 15 novembre 1951

Breve storia dell’organizzazione: Il M.A.C. nasce nel 1928 come Crociata Apostolica dei Ciechi, per iniziativa di Maria Motta, che riceve l’incarico dal Gesuita P.de Ivo Mollat, fondatore della Croisade des Aveugles in Francia. Dopo gli anni difficili della guerra, l’apostolato riprende nella Diocesi di Lodi e nel 1951 la Crociata ottiene il riconoscimento giuridico diocesano. Nel 1960 la Santa Sede ne approva lo Statuto e, su indicazione di Papa Giovanni XXIII, la denominazione cambia in Movimento Apostolico Ciechi. Nel 1963 anche lo Stato Italiano riconosce giuridicamente il M.A.C. Dopo il Concilio Vaticano II, il Movimento dà particolare impulso all’azione sociale avviando l’opera in favore dei ciechi anziani e attivando la cooperazione con il Sud del Mondo. Negli anni ’70 si sviluppa l’azione per l’integrazione scolastica e per i pluriminorati. Negli anni ’80 avvia l’azione per la catechesi e la pastorale dei disabili e l’attenzione alla famiglia. Negli anni ’90 il Movimento riorganizza la propria azione sociale in tre aree: inclusione ecclesiale, promozione sociale, cooperazione tra i popoli.

Breve descrizione dell’organizzazione (finalità principali e modo con cui vengono perseguite): Il Movimento Apostolico Ciechi è un’associazione riconosciuta dalla Conferenza Episcopale Italiana e dallo Stato; è riconosciuta idonea come ONG ed è iscritta nel Registro della Associazioni di Promozione Sociale. È diretta da un Consiglio Nazionale di tredici membri eletto dall’Assemblea e la sua gestione è affidata alla Presidenza di tre membri. È articolata in Gruppi Diocesani collegati in Consulte Regionali ecclesiastiche. Per ciascuno dei tre livelli viene nominato un presbitero come assistente dalla competente autorità ecclesiastica. La missione del Movimento si realizza nella formazione e nella promozione di persone, famiglie e comunità in presenza della disabilità visiva e, più in generale, di ogni altra disabilità. Il carattere identificativo della nostra visione è la condivisione di luoghi e percorsi comuni tra persone vedenti e non vedenti, tra persone disabili e non, chiamate a vivere insieme il frutto maturo della solidarietà nella reciprocità. I valori fondativi della nostra azione sono la dignità, la responsabilità, la dimensione spirituale e storica, l’apertura comunitaria, l’accoglienza, la prossimità, la solidarietà, l’attenzione all’altro e la sussidiarietà. I nostri progetti e le nostre strategie operative hanno l’obiettivo di attivare la comunicazione, costruire relazioni di reciprocità, avviare processi di inclusione, individuare soluzioni personalizzate.
Numero e caratteristiche dei soci/aderenti: circa 2.000 soci – persone non vedenti e vedenti.

Regioni e/o città in cui l’organizzazione è presente: Piemonte, Lombardia, Triveneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia – 57 gruppi diocesani

Principali beneficiari delle attività: persone con disabilità visive e persone vedenti alle quali viene offerto un percorso formativo per un’attiva partecipazione alla vita della Chiesa e all’impegno sociale e civile conseguente al conseguimento di un responsabile rapporto con la disabilità visiva.

I principali servizi offerti: sono destinati alle persone con disabilità visive (stampa Braille, registrazioni audio) e alle persone con disabilità complessa o pluriminorazione psicosensoriale, ai ragazzi che frequentano le scuole e alle famiglie in cui vivono persone in situazione di svantaggio nonché alle comunità parrocchiali e civili.

Ricerche/rapporti (co-)promossi recentemente

Iniziative con cadenze annuali: Premio “Don Giovani Brugnani” (Parrocchie inclusive, destinato alle parrocchie che si attivano con progetti a favore di persone con disabilità visiva o complessa), Premio “Diana Lorenzani” (Destinato ad iniziative e progetti per percorsi educativi ed inclusivi a favore di persone con disabilità grave o complessa e con pluriminorazione psicosensoriale e loro famiglie), Premio “Antonio Muñoz”(Destinato agli allievi della scuola primaria e secondaria allo scopo di realizzare la migliore qualità dell’inclusione scolastica di allievi con disabilità visiva), “Appello di Natale e di Pentecoste” (Campagne di sensibilizzazione e di raccolta fondi per richiamare l’attenzione delle comunità sulle condizioni di vita, sulla scolarizzazione e sulle emergenze sanitarie delle persone non vedenti che vivono nei Paesi più poveri del Sud del Mondo), “Giornate della Condivisione” (Raduno nazionale di incontro e confronto dei Gruppi M.A.C), Servizi stabili – Fornitura di opere a contenuto spirituale trascritti in Braille o registrati su supporto audio; Organizzazione di soggiorni per persone non vedenti in situazione di svantaggio presso Casa “Fusetti” (Corbiolo di Bosco Chiesanuova – VR),

Centro di formazione ed incontri del M.A.C.

Campagne promosse dall’organizzazione, o co-promosse con altri a cui si partecipa attivamente: ============================================================

Suggerimenti su temi/questioni/fatti che meriterebbero un approfondimento giornalistico:
1. La presenza e la partecipazione alla vita delle Parrocchie delle persone con disabilità grave;
2. Persone con disabilità e welfare con particolare attenzione alle famiglie che lo suppliscono e che sono oberate da situazioni di persone con disabilità complessa grave;
3. Divulgazione della necessità della prevenzione della cecità nel Mondo, in particolare nei Paesi poveri

Strumenti di comunicazione

Indirizzo sito web: www.movimentoapostolicociechi.it
Rivista cartacea e/o rivista/newsletter on line: Riviste cartacee: “Luce e amore” e “Città cristiana” nelle versioni a carattere comune, Braille, sonoro e digitale
Pagina Facebook: “Parrocchie inclusive”
Referente/i per la stampa
Francesco Maugeri – mail: info@movimentoapostolicociechi.it – Tel. 066861977 – Fax 0668307206

___
Caracas, 26 de julio de 2015.- El presidente de la República, Nicolás Maduro, ratificó este domingo su propuesta al Papa Francisco de expandir la Misión Milagro en países de América Latina y el Caribe, con el apoyo del Vaticano, la Iglesia Católica y la Alianza Bolivariana para los pueblos de Nuestra América (Alba).

A partir de esta propuesta, dijo el Mandatario Nacional, “podremos expandir la Misión Milagro, no sólo para mejorar la vista de las personas sino también para mejorar la salud de los pueblos del mundo. Esa es una causa noble, cristiana y justa”.

Durante un acto en el Cuartel de la Montaña, espacio ubicado en la parroquia 23 de Enero, en Caracas, el Jefe de Estado informó al país que desde la activación de este programa social, ideado por los gobiernos de Cuba y de Venezuela, un total de 4 millones de personas ha recuperado la vista en el mundo.

“Esta es una misión tan poderosa que se ha extendido tanto por todo el continente y más allá -inclusive en el continente africano- que la meta que nos fijaron Fidel y Chávez de 6 millones de pacientes atendidos es una meta que estamos cerca de cumplir cada vez más. Apenas en 10 años de esta misión, más de 4 millones de latinoamericanos y caribeños han sido atendidos”, manifestó el Jefe de Estado, al tiempo que ratificó que hasta ahora no existe en el mundo una misión humanitaria que haya atendido a 4 millones de personas.

“No existe en la tierra un proyecto que haya atendido a 4 millones de personas en el mundo, que les haya devuelto la visión”, agregó.

Este domingo, 14 ciudadanos de San Vicente y las Granadinas que recuperaron su visión con apoyo de la Misión Milagro asisten a un acto en el Cuartel de La Montaña, en el que también participa el vicepresidente de la República, Jorge Arreaza, y el primer ministro de San Vicente y las Granadinas, Ralph Gonsalves. / CLAA.

VTV con información de AVN

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: