Con la iglesia hemos dado, Sancho

por Néstor Francia

Análisis de Entorno

Situacional Político
Martes 06 de diciembre de 2016
 
Con la Iglesia hemos topado
 
Amanece confuso este día, cuando corresponde la nueva reunión de diálogo entre el Gobierno y la MUD. No se puede estar seguros de nada y están a la orden las sorpresas ¿Se mantendrá sentada la MUD o pateará finalmente la mesa? ¿Cuál será la actitud de los facilitadores, después de la famosa carta confidencial que el Vaticano enviara a Nicolás Maduro y a ellos mismos, con copia para la alianza opositora? ¿Cuál es el tenor de esa comunicación que alegra a la derecha? Algunas de estas interrogantes acaso tengan respuesta hoy mismo, otras quizá no.

Las señales más recientes parecen indicar que hay una resurrección de los más radicales en los predios de la oposición. Las amenazas de gente como Chuo Torrealba y Ramos Allup de abandonar el diálogo hoy “si no hay resultados” están a la orden del día, mientras los extremistas montan un show. Mitzy de Ledezma, Lilian Tintori y Antonietta López, la madre del delincuente preso Leopoldo López, se encadenaron a las puertas del Vaticano en Roma (¿acción concertada con los curas?) y alimentan la sospecha de que el pequeño Estado dictatorial regentado por los católicos adelanta una jugarreta para favorecer a la derecha. Mitzy de Ledezma carga directamente contra el diálogo y afirma que “Vemos que el gobierno de Maduro se burla hasta de la Iglesia católica, convirtiendo la Mesa de Diálogo en una burla, donde lo que se quiere es ganar tiempo para seguir destruyendo al país y seguir hundiendo en la pobreza a todos los venezolanos” y también: “Es una manera de respaldar a nuestra iglesia, porque sabemos que tiene la más noble intención, pero esa forma de manejar esta Mesa ha sido un fraude y exigimos rectificaciones, soluciones, que desde ahora mismo se defina una salida electoral, tal como lo solicitamos cuando firmamos para revocar a Maduro”. Bien, todo esto se afirma sin que el Papa ni nadie más en el Vaticano digan ni pío.

Por otra parte, catorce políticos presos, recluidos en la sede del SEBIN en el Helicoide, se declararon ayer en “huelga de hambre indefinida”: “14 de los presos políticos que se encuentran en el SEBIN se declaran en huelga de hambre para exigir cumplimiento de acuerdos del diálogo”, escribió la diputada opositora Adriana Pichardo en su cuenta de Twitter. Y también el diputado por la MUD Rosmit Mantilla y Rosa Orozco, madre de Geraldine Moreno, fallecida durante las guarimbas de 2014, se encadenaron ayer en las inmediaciones de la Nunciatura Apostólica de Caracas para apoyar la liberación de los “presos políticos. Estamos ante una acción concertada para atentar contra el diálogo, aparentemente con el apoyo tácito del Vaticano.

Sin embargo, para contribuir a la confusión general, Chuo Torrealba es ambiguo y no termina de decir si se va o no se va de la mesa: “Seguimos con nuestra posición, como sale en el comunicado (del 30 de noviembre), de que si no se produce el cumplimiento del Gobierno, nosotros vamos a revisar nuestra participación en ese diálogo”. En ese comunicado, la MUD aseveró que permanecerá en contacto permanente con los representantes del Gobierno, así como con los acompañantes del Vaticano y de Unasur, para verificar el cumplimiento de los acuerdos, “y de esa forma poder continuar con la agenda de la mesa de diálogo”.

Por su parte, el presidente Maduro ha asegurado que “Hay maniobras para implosionar la mesa del diálogo con la complicidad de uno de los factores acompañantes que invitamos al diálogo, tengo las pruebas en mis manos, las tengo, están tratando de implosionar la mesa, la derecha que ha decidido irse al golpe de Estado otra vez en diciembre”. Ya todos sabemos quién es el cómplice al cual se refiere el Presidente. Tal complicidad es dejada en claro por Henry Ramos Allup, el presidente derechista de la Asamblea Nacional, quien expresó que “Si mañana martes, 6 de diciembre, el régimen no cumple los compromisos que se plantearon en la mesa de diálogo, Acción Democrática se retirará. Estamos de acuerdo en 100% con la carta enviada por el Vaticano, que ahora es acusado por Maduro como ‘infiltrado’ y ‘saboteador’, por haber emplazado al régimen a cumplir los compromisos adquiridos”.

Y Torrealba: “La única persona que está haciendo todo lo que está a su alcance para implosionar el diálogo es Maduro. Puedo afirmar que el contenido de la carta del Vaticano desmiente la postura del gobierno”. De manera que el Vaticano es ahora un invitado abusador y fastidioso en la fiesta que dio inicio el 30 de octubre en el Museo Alejandro Otero, como esos borrachos pendencieros que comienzan a importunar en casa ajena.
 

El dirigente socialista Diosdado Cabello trata de desvincular al Papa de la jugada: “El Papa no ha mandado ninguna carta, quien mandó la carta fue el señor Pietro Parolin, falta de respeto, irresponsable, creer que desde El Vaticano van a condenar a Venezuela, usted está equivocado”. Esta declaración se entiende políticamente, pero en realidad Parolin es el canciller del Vaticano, así que cuesta imaginar que Francisco no conozca y apruebe la tal misiva, aun ignota para todos nosotros. Cabello dijo además que “El Vaticano está ahí como invitado, un facilitador, no tiene derecho a veto, ni hacer propuestas, debería ser totalmente objetivo, oyó Pietro Parolin”. También refirió que Parolin, cuando era nuncio apostólico en Venezuela, se reunía frecuentemente con la derecha.

 

Pietro Parolin es un viejo burócrata del Vaticano (desde 1986, hace treinta años) a quien el Papa Francisco no ha hecho sino darle más y más poder. Lo nombró miembro de la Congregación para los Obispos el 16 de diciembre de 2013; miembro del Comité de supervisión de los cardenales en el Instituto para las Obras de Religión el 15 de enero de 2014; miembro de la Congregación para las Iglesias Orientales el 19 de febrero de 2014; miembro de la Congregación para la Evangelización de los Pueblos el 22 de mayo de 2014 y miembro de la Congregación para la Doctrina de la Fe el 28 de mayo de 2014. Después de participar en varias reuniones del Consejo de Cardenales, cuerpo establecido por Francisco para asesorar sobre la reforma de la Curia, se convirtió en miembro de hecho, pasando de un total de ocho a nueve el número de cardenales que participan. Ahora es su Secretario de Estado (el John Kerry católico, pues, pero con más poder) El secretario de Estado es el máximo exponente de la actividad tanto diplomática como política de la Santa Sede, y puede llegar a representar al propio Papa, una especie de vice Papa ¿Vamos a seguir creyendo que Francisco no tiene las manos metidas en la trapisonda? Evocaremos aquí el famoso pasaje del Quijote:
 
-Con la iglesia hemos dado, Sancho.
-Ya lo veo -respondió Sancho-, y plega a Dios que no demos con nuestra sepultura…
 
Nosotros no creemos ni en Papas ni en curas, gracias a Dios.

L’educazione cattolica: arma di guerra contro il popolo

adadi Ronald Muñoz – CiudadCCS, 18 luglio 2013

Alla fine del XIX secolo l’umanità si trovava agli albori del dominio capitalista. La miseria e la povertà generate da questo nuovo modello imperante già si facevano palpabili nella dinamica sociale dei popoli. I grandi pensatori del socialismo sorsero analizzando le contraddizioni interne al miserabile sistema.

Sotto la direzione dei nascenti partiti rivoluzionari, i popoli erano la maggioranza e adesso lo sapevano. Il movimento operaio metteva sotto scacco il capitalismo e la sua depredatrice logica di sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

Da parte sua la Chiesa aveva perso gran parte della sua influenza mondiale grazie al sorgere del capitalismo come nuovo sistema socio-economico dominante. Nell’ambito del sistema feudale la chiesa era tutto: non influiva soltanto nel piccolo della quotidianità della vita delle persone ma controllava anche la geopolitica mondiale con la sua dottrina del “diritto divino” secondo il quale i re erano re perché “Dio” così lo voleva. Si diceva che lottare contro la nobiltà e la monarchia significava lottare contro Dio e quindi le monarchie per essere legittimate dovevano essere avallate dal papa; in questo modo il Sommo Pontefice cattolico era una specie di imperatore dei re che agiva come arbitro delle dispute inter-nobiliari e internazionali.

Imposto il capitalismo come sistema dominante, la Chiesa vedeva crollare il suo mondo davanti ai suoi occhi, ma essendo un’organizzazione che vanta tanta esperienza accumulata nel controllo dei popoli, c’era da aspettarsi che si sarebbe potuta accordare per risorgere. Soprattutto quando il capitalismo e il feudalesimo hanno un elemento comune: entrambi si sostengono sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

Con l’apparizione dei sindacati – allora diretti dai socialisti dell’epoca – che iniziarono una lotta senza quartiere contro la classe dominante, il capitalismo cominciò a tremare… ed è stato qui che il Vaticano ha incontrato l’opportunità che cercava per riposizionarsi dentro le nuove alte sfere del potere.

Nel 1891 nell’ambito delle lotte popolari delle società già industrializzate, Papa Leone XIII lanciò la sua enciclica Rerum Novarum. Con questa, approfittando dell’ascendenza religiosa ancora esistente su gran parte del popolo, “Sua Santità” spiegava che non poteva esistere la lotta di classe così come teorizzata da Marx, ma che tutto doveva essere una questione di mutua accettazione tra la classe sfruttatrice e le grandi maggioranze sfruttate.

In un’altra sua enciclica Quod Apostolici muneris, Leone XIII lo spiega più chiaramente affermando che “è opportuno favorire le organizzazioni di operai e proletari che collocate sotto la tutela della religione si abituano ad accontentarsi della propria sorte. A sopportare debitamente il lavoro e a condurre una vita dolce e tranquilla”. In questo modo Leone XIII aveva creato una nuova corrente ideologico-politica: il cristianesimo sociale, dando vita ad una forma alternativa di organizzazione operaia con sindacati cristiano-sociali.

Approfittando della fede cattolica delle masse sfruttate, la Chiesa in questo modo salvava il capitalismo da quella che sarebbe stata una morte imminente. Da lì in avanti la Chiesa che già nel feudalesimo controllava in maniera quasi assoluta tutto ciò che era relativo all’educazione, stabiliva nuove alleanze con le nuove classi dominanti continuando a controllare i nuovi sistemi educativi moderni.

L’educazione cattolica nelle dittature del secolo XX

Nelle dittature fasciste nel XX secolo la Chiesa cattolica continuava ad essere responsabile nella missione di garantire l’agibilità a tali regimi nel tempo, seminando in maniera non dichiarata valori politico-ideologici nella popolazione insieme a valori religiosi che sono sempre serviti alle minoranze dominanti. Dopotutto, se qualcosa ha insegnato sempre il cristianesimo creato dalla Chiesa, è la rassegnazione davanti all’ingiustizia. Per il suo lavoro educativo la Chiesa è stata sempre ricompensata da tali regimi con il riconoscimento in denaro e proprietà e questa a sua volta ricambiava questi regimi avallandoli politicamente e lodandoli pubblicamente, come avvenne con l’assassino Pinochet in Cile o Francisco Franco in Spagna, che la Chiesa battezzò come “Caudillo per grazia di Dio”.

La Chiesa cattolica e l’educazione in Venezuela

La grande influenza della Chiesa nell’educazione venezuelana è una realtà di vecchia data. Solo per ricordare che la Chiesa gestiva in grande misura l’educazione durante la dittatura clerico-fascista di Marco Pérez Jiménez e che Romolo Gallegos fu defenestrato, tra le altre ragioni, per la sua riforma dell’educazione che toglieva il controllo alla Chiesa sul sistema educativo nel nostro paese.

Oggi la realtà è evidente davanti ai nostri occhi: è sufficiente che la reazione convochi una manifestazione contro il governo affinché i primi ad appoggiarla, spinti dalle loro autorità educative, siano gli studenti delle università private cattoliche e collegi privati cattolici. Un chiaro esempio di ciò è il collegio di Nostra Signora di Guadalupe, a Sabana Grande, dove ci sono casi di bambini fino alla terza classe che non sanno quasi leggere, o non sanno chi era Bolivar; a causa di ciò un rappresentante ha protestato con la scuola e gli è stato risposto che per queste cose c’è “la famiglia”.

Inoltre bisogna ricordare che l’educazione in Venezuela è laica e che non esiste nessuna materia conosciuta come “religione” nei documenti ufficiali del MPPE. Quindi è un reato utilizzare le ore regolari di lezione, ed anche giorni interi per il loro addottrinamento religioso. Cosa fa il MPPE? Le riunioni dei genitori e dei rappresentanti le utilizzano le monache per parlare male del governo. I libri consegnati gratuitamente dal governo non li usano ma ne mandano a comprare altri che hanno un approccio diverso. E come se non bastasse, il 14 aprile di quest’anno le monache hanno aperto le porte del Collegio ai gruppi violenti della destra per minacciare i testimoni del PSUV, che in maggioranza erano donne, fra le quali una anche incinta. A questa gente il nostro governo ingenuamente riconosce risorse per educare i nostri figli, bambini e adolescenti.

Non è possibile che vista la situazione si debba continuare a dipendere dal ricatto della gerarchia ecclesiastica per sostenere l’educazione. Questo modello di articolazione educativa risponde ad un momento storico diverso, nel quale le nostre comunità non avevano la capacità organizzativa necessaria.

Oggi esistono istanze organizzative comunitarie come le comuni e i consigli comunali che in breve o medio termine potranno gestire l’amministrazione dei centri educativi nelle loro rispettive comunità, prescindendo in questo modo dall’addottrinamento massivo cattolico che nel fondo è caratterizzato da una profonda carica ideologica reazionaria.

Continuare a lasciare l’educazione di migliaia e migliaia di giovani in mano alla sempre reazionaria Chiesa è un errore che con l’andar del tempo può costare la caduta di questo processo e di tutto ciò che a livello mondiale dipende da esso.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

 

L’Arabia Saudita invitava il Vaticano a sostenere l’opposizione Anti-Assad

da al manar

Alla fine di marzo 2012, la stampa internazionale aveva riferito che il 90% della  popolazione cristiana di Homs, aveva dovuto lasciare le loro case confiscate dai combattenti “ribelli” del FSA(free syrian army).

All’epoca l’Arabia Saudita sosteneva pubblicamente l’opposizione, e, per così dire, clandestinamente forniva sostegno militare. Il regno saudita era pienamente consapevole che il problema cristiano avrebbe potuto spostare l’ago della opinione pubblica mondiale contro i “ribelli” siriani.

È in questo contesto che bisogna analizzare il documento segreto saudita pubblicato da Wikileaks. Questo documento dimostra che il Vaticano sia stato invitato dall’Arabia Saudita a sostenere pubblicamente la rivolta in Siria, come parte di un accordo che potrebbe essere riassunto così: «Aiutaci a far cadere Assad e faremo in modo che per i cristiani non ci saranno ritorsioni».

Ecco la traduzione del documento(originale in foto):

Custode delle due Sacre Moschee,

Dio salvi la preservi

Sono onorato di fare riferimento alla direttiva n 24616 del 05/15/1433 [ 7 aprile 2012], che contiene l’approvazione di inviare una delegazione per incontrare il ministro degli Esteri del Vaticano e portare un messaggio verbale esortandola a incoraggiare i cristiani a sostenere il movimento del popolo siriano e rassicurarlo. Dite loro che tutti i partiti che sostengono il popolo siriano si sono impegnati a rispettare i diritti delle minoranze in Siria e, in caso di caduta del regime siriano, non verranno commesse rappresaglie.

Sono felice di annunciare che ho delegato l’ambasciatore Raed bin Khaled per un incontro con Sua Eccellenza il ministro degli Esteri Domenico Mamberti (Arcivescovo in Vaticano), Giovedi, 20/05/1433 [12 Aprile 2012]. Ha trasmesso a Sua Eccellenza un messaggio verbale sulla Siria (…) Noi affermiamo che, con il resto degli Amici della Siria, il nostro totale impegno per i diritti e le libertà di tutti i membri del popolo siriano di tutte le religioni e etnie. Anche il fatto che non sarà assolutamente accettato che gli elementi della società siriana siano sottoposti ad atti di vendetta, esclusione o di emarginazione. Noi continueremo a lavorare per unire l’opposizione siriana per istituire un regime che garantisca i diritti, le libertà e l’uguaglianza di tutti, senza eccezione. Inoltre, noi sosteniamo una soluzione politica e un trasferimento pacifico del potere, per questo chiediamo che si metta la massima pressione possibile sul regime per fermare il massacro (…)

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Papa Francesco scomunica i mafiosi e i torturatori

con il bracciale del VenezuelaEntrambe le questioni vanno nella direzione di rendere il progetto di rinnovamento della Chiesa Cattolica sempre più incisivo – con lo scopo di guadagnarsi un maggiore sostegno e non soccombere sotto gli attacchi dei “lupi della Curia”.

di Achille Lollo*

Roma (Italia)- Quest’anno, papa Francesco ha dovuto affrontare, per due volte, la reazione dei “lupi della Curia”, cioè, di quei cardinali e vescovi che lo giudicano “troppo frate francescano, eccessivamente influenzato dalle tematiche della Teologia della Liberazione”. Di fatto, i vaticanisti (cioè, gli analisti specializzati nella storia del Vaticano) suppongono che, in questo momento, sia in corso un poderoso confronto di idee nel Vaticano, tra quello che potremmo definire, da un lato, il partito del mantenimento dello status quo e, dall’altro, le istanze di un rinnovamento universale – il che per gli ecclesiastici moderati odora a rivoluzione.
Di fatto, ancora è presto per parlare di rivoluzione nella Chiesa Cattolica. Tuttavia, è un fatto che, dopo i cambiamenti radicali promossi da Giovanni 23mo, nel decennio del 1970, soltanto adesso con Francesco la Chiesa comincia a essere più comunitaria e conseguentemente, passa a ridiscutere il ruolo e le funzioni dello Stato del Vaticano. Dibattito questo che ha provocato una messa in discussione più aperta sulla necessità della Chiesa di condannare chiaramente la pratica della pedofilia e, dall’altro lato, riformulare il modus vivendi delle strutture finanziarie del Vaticano, per evitare che diventino filiali del “dio Denaro”

Un nuovo IOR?

La riformulazione dello IOR (Istituto per le Opere Religiose), che Francesco ha insistito a imporre alla Curia Vaticana, per dare una nuova prospettiva “cristiana” alle potenzialità finanziarie della banca del Vaticano è stata la prima grande battaglia che il papa ha affrontato per affermare il suo potere decisionale. Di fatto, in Italia, lo IOR è conosciuto non soltanto per essere la banca del Vaticano, ma anche per essersi fatto coinvolgere in torbide transazioni con le banche legate al sistema di speculazione/corruzione e al lavaggio dei profitti del narco-traffico. Tanto che, negli anni novanta, il suo presidente, l’arcivescovo Paul Casimir Marcinkus, si è salvato dalla prigione grazie al passaporto diplomatico e per essersi rifugiato nel ristretto territorio del Vaticano dove vige il principio dell’ inviolabilità da parte delle autorità italiane.

Una storia sporca e negativa per la Chiesa Cattolica, che è cominciata il 21 agosto del 1967, quando Marcinkus ha aderito alla loggia massonica P2 di Licio Gelli – lo stesso che negli anni settanta realizzò molte operazioni politiche e finanziarie con il governo golpista dell’Argentina, attraverso l’intermediazione del generale Massera.

Bisogna dire che la scoperta del processo di degrado delle strutture dello IOR ha avuto luogo quasi per caso. Mentre i giudici italiani conducevano indagini sul mondo della corruzione politica, dovettero indagare, anche, sull’assassinio del presidente del Banco Ambrosiano Roberto Calvi, del consulente finanziario del Vaticano Michele Sindona (intimamente legato alla mafia siciliana e alla Cosa Nostra statunitense) e del giornalista Mino Pecorelli; nel corso di queste indagini, furono scoperti documenti che collegavano 121 dignitari ecclesiastici alla loggia massonica P2.

Tra di loro, Jean-Marie Villot (cardinale Segretario di Stato), Agostino Casaroli (responsabile del ministero delle Relazioni Esteriori del Vaticano), Pasquale Macchi (segretario del papa Paolo VI), Ugo Poletti (vicario generale di Roma), Virgilio Levi (direttore associato del giornale del Vaticano L’Osservatore Romano), Roberto Tucci (direttore di Radio Vaticana) e Donato De Bonis (massimo dirigente dello IOR).

Secondo la rivista L’Espresso, l’arcivescovo Marcinkus, nel 1971 – grazie all’intermediazione di David Matthew Kennedy, allora banchiere della Continental Illinois National Bank e, in seguito, ministro del Tesoro durante il governo Nixon – fondò con Roberto Calvi nella capitale delle Bahamas la Cisalpina Overseas Nassau Bank – che dopo divenne Banco Ambrosiano Overseas. Una banca offshore che, con la guida di Michele Sindona, si specializzò nel riciclaggio dei profitti del narco-traffico e di altre attività della mafia.

È chiaro che questa colata di fango provocata da Marcinkus rischiava di mettere in crisi la legittimità dello Stato del Vaticano, così il nuovo papa Giovanni Paolo II ha protetto Marcinkus, mentre i servizi segreti italiani e la CIA manipolavano e dirottavano ogni tipo di responsabilità sui tre “defunti” (Calvi, Sindona e Pecorelli), finché il Tribunale di Roma ha “assolto” Marcinkus – che è morto “in silenzio” nel 2006.

Secondo i “vaticanisti”, la soluzione adottata da Giovanni Paolo II e anche da Benedetto XVI di passare sotto silenzio le attività occulte dello IOR ha moltiplicato nella Chiesa Cattolica la necessità di ripulire “davvero” lo Stato del Vaticano. Ed è stato per questo che Jorge Mario Bergoglio è stato eletto 266º papa della Chiesa Cattolica e capo dello Stato del Vaticano.

Scomunicare i mafiosi

I critici del papato sottolineano che la maggior parte dei dignitari ecclesiastici ha sempre difeso i potenti e, poche volte, hanno avuto il coraggio di condannare pubblicamente fatti e comportamenti che andavano contro lo spirito e la dottrina cristiana. Per esempio, Pio XII, pur avendo informazioni dettagliate sui campi di concentramento dove i nazisti sistematizzarono il massacro degli Ebrei, degli zingari, degli omosessuali e dei prigionieri politici, praticamente, non denunciò mai Hitler e lo Stato nazista e rimase in silenzio anche quando il dittatore fascista italiano, Mussolini, introdusse le leggi razziali.

Di fatto, Pio XII è stato il papa che, durante la Guerra Civile spagnola scomunicò gli anarchici e i comunisti, e che in seguito, il 16 aprile 1939, celebrò alla Radio Vaticana il golpista Francisco Franco per la “vittoria contro i nemici di Gesù Cristo”.

In Italia, la Chiesa Cattolica è stata accusata di chiudere gli occhi di fronte ai crimini della mafia e di tacere quando i mafiosi si impossessavano delle istituzioni. Uomini che, dopo aver commesso assassinii, sequestri, aggressioni ed estorsioni, entravano tranquillamente nelle chiese, partecipavano ai riti e alle omelie, trasformandosi in padrini di santi e, persino benefattori di chiese.
Un contesto che soltanto alla fine dei novanta ha cominciato a venire a galla, quando, con la fine del potere politico della Democrazia Cristiana, divenne chiaro che, nel Sud dell’Italia, la mafia indirizzava fisicamente le competizioni elettorali a favore dei candidati locali della DC, mentre i vicari e i vescovi legittimavano questa operazione allo scopo di “combattere i comunisti, agenti di Lucifero”.

Questo cordone ombelicale è stato tagliato definitivamente da Francesco, il giorno 21 giugno, quando, in occasione della visita all’istituto penitenziario della città di Cassano, in Calabria, davanti a 200 mila persone si è indignato contro le mafie, pronunciando la seguente condanna: “Questo male deve essere combattuto ed eliminato. Coloro che nelle loro vite seguono questo cammino del male, come i mafiosi, non sono in comunione con Dio, sono scomunicati” – riaffermando durante la messa che “la ‘Ndrangheta, la mafia calabrese, non è nulla più che il culto del male e il disprezzo del bene comune.”

Non c’è dubbio che, adesso, papa Francesco ha un altro nemico, oltre ai “lupi della Curia”. Un nemico che contestualmente – secondo alcune indiscrezioni dei carabinieri – può attentare contro la vita di questo papa, dal momento che la scomunica permette alle popolazioni di rifiutare “il rispetto” che le mafie ancora esigono, soprattutto dagli strati più poveri e umili. Di fatto, in termini politici, la scomunica della Mafia è di un’ importanza estrema, perché permette, soprattutto ai vicari e ai vescovi di mantenere un comportamento di tipo nuovo, liberando la Chiesa Cattolica degli innumerevoli compromessi con i candidati dei partiti dell’area del potere, con i gruppi oligarchici, nella loro grande maggioranza legati ai clan mafiosi.

Contro la tortura

Il giorno 26 giugno, le Nazioni Unite ricordano e celebrano le vittime della tortura. Per questo, Francesco, che sa che cosa significa vivere in un regime dittatoriale che usa la tortura per liquidare l’opposizione, ha deciso di aprire il dibattito senza dover aspettare il giorno 26.

Così, il giorno 22, durante la cerimonia dell’Angelus, davanti a 100 mila persone che riempivano la piazza della cattedrale di San Pietro, a Roma, il papa ha affermato: “Torturare le persone è un peccato mortale, è un peccato molto grave. Il giorno delle Nazioni Unite a favore delle vittime della tortura che cade il prossimo 26 non rimane limitato alla denuncia. La Chiesa deve agire, invece di rimanere in cima al muro a guardare. I cristiani devono impegnarsi a collaborare per abolire la tortura e appoggiare le vittime e i loro familiari”.

Una dichiarazione che colpisce il vergognoso comportamento di settori della Chiesa Cattolica che, soprattutto in Argentina, in Cile, in Uruguay, in Bolivia e in Brasile appoggiarono i regimi dittatoriali, sebbene fossero a conoscenza del fatto che gli agenti della repressione praticavano la tortura, uccidendo e facendo poi sparire i corpi delle loro vittime.

Una tale omelia da parte di Francesco non intende mettere in discussione soltanto il passato. Essa interessa anche i civilizzati centri penitenziari e le polizie europee, degli Stati Uniti, di Israele, della Russia, del Brasile, del Messico, dell’Africa del Sud e di tanti altri paesi, dove molti giovani muoiono al momento della cattura o durante gli interrogatori, vittime di una indiscriminata pratica della tortura.

In questo contesto, non possiamo dimenticare che anche i regimi penitenziari ossessivi per “terroristi come quelli di Guantánamo, di Imrali, in Turquia o di Karameh, in Israele, sono uno strumento di tortura che in molti casi provocano la spersonalizzazione dei prigionieri e addirittura la disarticolazione delle funzioni cerebrali, alimentando così la sindrome del suicidio o della follia”.
Praticamente, Jorge Mario Bergoglio, più conosciuto come papa Francesco, nell’Angelus del giorno 22, ha chiesto a tutti i cristiani di puntare il dito non solo contro i “Videla” e i “Pinochet” di ieri. Ha chiesto anche di non rimanere in silenzio quando nei comizi elettorali qualcuno dovesse dire che la tortura è un crimine contro l’umanità e, dopo, nel ritornare al proprio ministero, dovesse giustificare l’uso della tortura per far ottenere ai poliziotti una confessione facile.

* giornalista italiano, corrispondente di Brasil de Fato in Italia e curatore del programma TV “Quadrante Informativo”

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione a cura di Marco Nieli e Iane de Abreu]

(FOTO) Roma: Pasqua di solidarietà con il Venezuela Bolivariano!



di Gian Giacomo Girona

Nell’ottica dell’internazionalizzazione del dialogo, per la Pace con Giustizia Sociale, rappresentanti di collettivi ed organizzazioni sociali italiane, venezuelane, ecuadoriane ed argentine, hanno esposto, in piazza San Pietro in Vaticano durante l’intervento papale della domenica di Pasqua, uno striscione in solidarietà con la Repubblica Bolivariana del Venezuela e in appoggio al dialogo voluto con determinazione dal legittimo governo bolivariano.

La mobilitazione permanente del popolo venezuelano, la politica per la pace e il dialogo sono riusciti ad isolare la violenza reazionaria da altri alimentata ed a cementificare ulteriormente le alleanze regionali a cominciare dall’ALBA-TCP e dalla UNASUR.

Seguid el ejemplo que Caracas dió!

 

 

 

 

 

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: