Una victoria en una batalla que nunca se detiene

por Marco Teruggi

Teníamos que ganar y lo hicimos. Por cuarta vez en menos de un año. Se dice fácil, se vive heroico. Lo que sucede a estas horas era lo previsto: el frente internacional multiplica ataques, amenazas, insultos, desde el Grupo de Lima, los Estados Unidos hasta la Unión Europea. Sabíamos ayer que el 21 sería más difícil que el 20, que cada día por venir seguramente lo sea más. Ganar tiene un costo alto cuando se está bajo asedio de una guerra que ha entrado a nuestras casas, calles y subjetividades. Una victoria significa un redoble de violencia que anuncian públicamente con impunidad.

Eso estaba en el imaginario de los días anteriores a la votación, durante todo el día de voto. Tanto en el chavismo como en los escuálidos y opositores. En el primer caso como elemento central para no rendirse, no entregarle el país a quienes sin haber tomado el poder político ya han demostrado hasta dónde son capaces de llegar -y es solo el inicio. En el segundo caso, y en particular de quienes llamaban a la abstención, como un mal necesario. Han llegado a la conclusión que la única manera de terminar con el chavismo -que reducen a un gobierno y una masa de pobres sumidos en la ignorancia y las dádivas- es a través del colapso económico y la intervención extranjera.

Sabíamos entonces que hoy vendrían, como suceden, nuevos anuncios desde el frente internacional. Los han venido preparando desde que decidieron que su estrategia sería vaciar las elecciones. Es seguro que acrecentarán el bloqueo económico como ya lo ha anunciado el gobierno norteamericano, queda por ver cómo se traducirá el no reconocimiento internacional a la victoria más allá de la retórica, y si buscarán nuevos asaltos finales. El anterior, entre abril y julio, les dejó un saldo de derrotas que todavía los mantiene en crisis.

¿Por qué ganamos el domingo? Por razones de política y clases sociales. Fuimos como fuerza unitaria con candidato único, con un discurso democrático coherente con la historia chavista, con la presencia de Chávez, la dimensión de lo que estaba sobre la mesa, y una base social que se estima en un tercio de la población. En esto último entra la cuestión de clase, que el día de ayer pudo graficarse nuevamente. Pondré como ejemplo un recorrido en La Vega, barrio popular de Caracas que tiene a los pies de su cerro zonas de clase media: cuanto más arriba, es decir, más humilde, más votantes, cuanto más abajo, menos votantes, hasta las zonas aledañas de clase media de El Paraíso, que eran de mucha soledad. A las cinco de la tarde había colas en la parte alta del cerro, desde donde Caracas parece una ciudad ajena. El corte de clases fue nítido, el chavismo como identidad se asienta sobre todo en sectores populares: retaguardia y vanguardia.

Se ganó también porque los adversarios no tenían peso suficiente. Falcón, de tradición traicionera, no midió lo que pensaba, su propuesta tramposa de dolarización no caló. Bertucci emergió, ya eso parece ser para él una victoria. Maduro era más candidato que ellos, el chavismo es más que ellos. La diferencia de votos está allí, grande, de más de cuatro millones de voto entre Maduro -con 6.157.185- y el segundo, Falcón -con 1.909.172- que en su discurso abrió la puerta del no reconocimiento de los resultados -¿qué dirán los opositores que afirmaban que era un candidato que había puesto el mismo chavismo? Falcón suma dos derrotas en siete meses, la primera como gobernador en octubre, la segunda el domingo. Peligra su perspectiva política, lo sabe, lanza cartas desesperadas que pueden traer peligros de violencia.

La diferencia entre ambos fue entonces más de lo previsto. En cuanto a la participación, 46% de la población, resulta importante verla en dos niveles. Al ser medida en parámetros internacionales -qué participación en Chile, Colombia, por ejemplo- resulta estar dentro de los números que se manejan en otros países, incluso más. Una aclaración necesaria: la derecha abstencionista conducida desde el extranjero iba a decir fraude con cualquier número que hubiera dado a Maduro por ganador, ya los titulares estaban escritos. La participación medida en términos nacionales arroja otras posibles conclusiones. En primer lugar, que la campaña abstencionista de las principales fuerzas opositoras tuvo impacto en su base social, y en segundo lugar que una parte de los sectores populares, del chavismo, no fueron a votar. Contestar por qué esto último sucedió implica acertar a posibles respuestas sobre cómo volver a acercar al voto y a la participación a quienes se han alejado.

Puesto a poner dos hipótesis diría que una es la situación material -que impacta de lleno en los sectores populares y las clases medias bajas- y cómo se han, o no, construido respuestas a esta situación. La segunda es la práctica política del chavismo, sus formas de hacer política, en particular en la dirección, ante este cuadro prolongado de dificultades, de retrocesos materiales.

Podemos decir que el chavismo votó, logró un triunfo necesario, y dejo ver descontentos acumulados. Ganar en esta situación económica y política dice aún más de la victoria alcanzada. La respuesta a esta situación no vendrá solamente de Nicolás Maduro. No significa que el presidente, la dirección cívico-militar, no tengan un rol central que cumplir, que solo ellos pueden hacer algunas acciones -políticas de Estado, decisiones de gobierno, medidas políticas- sino que el chavismo como un todo tiene que encontrar las formas de revertir esta situación. ¿Qué van a hacer los diferentes partidos políticos, los movimientos sociales, las comunas, los consejos de trabajadores, por ejemplo? ¿Qué política y estrategias de poder, disputa y movilización tienen en este cuadro donde vendrán más golpes internos y externos? Depositar la gloria y el mal en una sola persona no es justo. El chavismo necesita de todo el chavismo para combatir esta situación.

Estamos en un nuevo momento de la gran batalla, la guerra que nos han declarado. El 20 era imprescindible para el chavismo y se consiguió la victoria, que debemos subrayar por las dificultades en las cuales se enmarcó. No hay ni habrá tregua: vienen redobles programados de violencia económica, ensayos de nuevas formas de desenlace para hacerse con el poder político que no logran con los votos. ¿La urgencia? La economía, un diagnóstico conocido. ¿Con qué medidas y actores se puede resolver? Ahí la pregunta por el plan. Ayer se hizo historia.

 

El viejo y el machete

por Marco Teruggi – telesurtv.net

El viejo cuenta cuando le metieron la aguja en el ojo y se le aflojó todo. La imita con el dedo, de lejos hasta casi tocarse. Luego que le rasparon la parte de adentro y pensó que listo, no vería nunca más. A los días la luz pasó de tenue a entera, y ya Cuba no era Cuba sino nuevamente Venezuela, en la parte baja de Mérida, que a veces es Zulia, o también Trujillo, y se conoce como Sur del Lago. Volvió a agarrar el machete, calzarse las botas, andar con la camisa a medio abrir, y a rescatar tierras de manos de los terratenientes. Eso, se sabe, cuesta vida. Más de trescientos campesinos asesinados en dieciocho años. Quitarle poder a quien siempre lo ha tenido desata muerte.

Fue su primera vez en un avión, en una clínica de excelencia, todo fue gratuito. ¿Qué proceso político invierte dinero en los ojos de un campesino viejo? ¿Qué piensa un campesino viejo cuando recupera la totalidad de la mirada que daba por perdida? Fue junto a su compañera y varios contingentes de venezolanos. No se olvida de un solo detalle, tampoco de cómo se rescatan tierra: quince años después sigue ahí, terco con su machete y las botas con barro. El país ha cambiado en ese tiempo, la ola de avances contra la oligarquía se estancó, con un saldo de más de cuatro millones de hectáreas recuperadas y varios debates abierto. ¿Se hicieron productivas las tierras rescatadas? ¿Funcionaron de mejor manera las recuperaciones en manos del Estado o de los campesinos organizados?

Se podrían escribir miles de páginas de historias similares, de las masas de desposeídos que pudieron estudiar, tuvieron atención médica, pasaron de ser excluidos a centro de gravedad de un país, a politizarse, entrar a teatros, oficinas no solo para limpiarlas, a acceder a departamentos nuevos, imaginarios, a ser reivindicados por Chávez, proveniente él mismo de ese territorio histórico. Se trató de una democratización radical, en manos de la gente de a pie. El barrio, los pobres, campesinos, marginados, mujeres, sobre todo mujeres.

Como un dique que reventó, y los perdedores de traiciones de independencia y pactos de élites irrumpieron en la escena. Con pasiones alegres, impactantemente alegres.

La deuda histórica acumulada era inmensa al acceder Hugo Chávez a la presidencia. Falta de salud, acceso a la educación, la vivienda, la cedulación, el agua, la comida, los estragos de la avaricia de quienes condujeron a las mayorías de un un país petrolero a la pobreza. Es falso el mito de la Venezuela feliz pre-Chávez. Esa Venezuela había volado por los aires el 27 de febrero de 1989, y los protagonistas de esos días de plomo y multitud fueron quienes construyeron la columna vertebral del chavismo, su horizonte. Ahí puso Chávez la apuesta estratégica. Y lo primero fue esa deuda, resolverla de manera acelerada: abrir centros de salud, misiones para el estudio, agua para los barrios, comida en los platos.

Reducir la cuestión a lo material es como reducir el chavismo a un gobierno: un error. El proceso generó una revalorización de millones, como personas, historia nacional, popular, forma de vida, color de piel. La dignidad, el orgullo en su mejor sentido, esa fue la potencia que se puso en movimiento, enfrentó el golpe de Estado del 2002, el paro petrolero, permite resistir estos años en que las conquistas materiales -salvo excepciones como las viviendas- ya no avanzan, retroceden, y quienes son mayoritariamente afectados son las clases medias y bajas, centralmente la base social chavista.

El chavismo se configuró como algo propio, identitario, el nombre político de los que siempre estuvieron fuera del juego. Existe una ecuación que pocas veces falla: cuanto más humilde materialmente es un barrio, más chavista es su gente. La clase media emergente fue la primera en alejarse ante los impactos de una guerra diseñada y combinada con errores propios -las clases medias históricas asociaron mayoritariamente su destino al de los ricos miameros. La dimensión del chavismo como identidad, potenciada por el vínculo racional/sentimental con la figura de Hugo Chávez, se construyó por un protagonismo en la conquista de las cosas: no cayeron del cielo.

Lo escucho al viejo. Cuando tenemos sed corta un coco con el machete, convida el agua, cuenta de la producción, de los rescates de tierras que ahora producen maíz, yuca, plátanos, porque de lo que se trata es de democratizar la tierra y darle la productividad que nunca le dieron los terratenientes. El viejo no se ha hecho rico, tiene la piel como cuero, flaco con los músculos tensos, sigue en la de siempre. ¿Quién le quita el ser chavista? Aunque la situación esté difícil, se hayan dado desalojos a campesinos con la complicidad de quienes deberían ser chavistas y ante un monto en dólares se dieron vuelta, o tal vez siempre se acomodaron y nunca fueron. Él mismo es el chavismo.

Son millones como él. La base social dura del chavismo, el mismo chavismo. Que emerge cuando muchos dan la pelea por terminada. Como el 30 de julio del año pasado, cuando más de ocho millones de personas salieron a votar por la Asamblea Nacional Constituyente luego de cuatro mese de acorralamiento violento, donde ser chavista en una zona de clase alta era sentencia de muerte casi segura. ¿Por qué cruzaron ríos para sortear paramilitares e ir a votar? No fue por el gobierno, el partido, ni seguramente por la misma necesidad de cambiar la Constitución, fue por algo más grande, más hondo, una historia, una identidad, fue por uno mismo. La escala de prioridades, valores y capacidad de respuesta, es otra.

Si no se entiende a la clase, su pasado, formas territoriales, económicas, culturales, su manera de hacer política, no se entiende al chavismo. Ahí está la génesis. Y es ahí donde se debe comenzar a recomponer partes de lo perdido, lograr el sentido común otra vez. Porque muchos, en las mismas zonas populares, se han alejado, desafiliado, ingresado al ejército de quienes se levantan cada día para resolver los problemas materiales y dejaron de creer en la revolución como horizonte de posibilidades. No van a otra opción política, vuelven a lo privado, es el repliegue. Producto del desgaste de guerra -es uno de sus objetivos- y de las decepciones con dirigentes del chavismo que reproducen las formas de hacer política contra las que se alzó la revolución: clientelares, monopolistas de la palabra. Es el chavismo contra sí mismo, los muchos chavismos dentro del chavismo. El viejo lo tiene claro.

Chávez ya no soy yo, había dicho Chávez. 
Tenía razón.

Venezuela: cresce la minaccia dell’intervento

venezdi Ángel Guerra

da Telesur

15-02-2018.- L’esclusione anti-democratica del Venezuela dal Summit delle Americhe, concordata il 13 febbraio a Lima da parte di governi strettamente alleati agli Stati Uniti, mira a rafforzare l’assedio, l’isolamento e le condizioni per il rovesciamento con la forza del governo del presidente Nicolas Maduro.

È risaputo che Washington e le destre sono seriamente impegnati nel rovesciamento con la forza della Rivoluzione Bolivariana. Però, adesso i portavoce dell’impero lo dichiarano apertamente: lo hanno fatto, nel suo discorso presso l’Università del Texas, il Segretario di Stato, ex-CEO di Exxon, Rex Tillerson e, alcuni giorni dopo, il senatore di origine cubana Marco Rubio, al quale Trump ha affidato l’azione politica nei confronti di Cuba e del Venezuela.

Il cosiddetto Gruppo di Lima ha proclamato che non riconosce le elezioni presidenziali convocate per il 22 aprile dall’autorità elettorale venezuelana e ha ribadito il suo mancato riconoscimento dell’Assemblea Nazionale Costituente. Allo stesso tempo, ha invocato come giustificazione del suo atteggiamento un rapporto di parte della Commissione Interamericana per i Diritti Umani, che, in violazione delle regole che lo governano, non tiene conto del parere del governo venezuelano, come anche la decisione di istituire un’istruttoria preliminare sul Venezuela da parte del procuratore della Corte Penale Internazionale. Questo tribunale è uno strumento coloniale, in cui non è stata mai processata nessuna delle flagranti e pesanti violazioni dei diritti umani da parte degli Stati Uniti, né tantomeno nessuno degli incomparabili crimini contro l’umanità commessi nelle continue guerre di aggressione in cui essi si imbarcano.  Altri importanti aspetti della dichiarazione si riferiscono alla situazione umanitaria e al flusso di migranti dal Venezuela verso altri paesi.

È difficile imbattersi in un pronunciamento più mendace, ingerentista, asservito all’imperialismo e carico di disprezzo per la volontà del popolo venezuelano e per i principi del diritto internazionale, di questa dichiarazione sul Venezuela, operata da parte di quel gruppo. Contribuisce al fornire una giustificazione a un intervento militare o a un sanguinoso colpo di Stato nella terra natia di Bolivar, riprendendo le stesse accuse di Washington e dei grandi gruppi mediatici.

Questo risulta ancora più grave, dopo l’annuncio della nuova strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che considera la Russia e la Cina come minacce più importanti del terrorismo, tanto più che entrambi i paesi sono stretti alleati del Venezuela. Allo stesso modo, entrambe le potenze sono state oggetto di insulti da parte del Segretario di Stato Rex Tillerson in ciascuna scala del suo tour. In vista dell’incontro di Lima, risulta chiaro quale sia stato probabilmente l’argomento più importante tra quelli trattati da parte del Segretario di Stato nei paesi da lui visitati, sicuramente tra i più attivi contro il Venezuela nel gruppo di Lima.

Se a questo aggiungiamo la crescente presenza di militari degli Stati Uniti nella regione, la recente visita dell’ammiraglio Kurt Tidd in Colombia e il movimento di truppe provenienti da Colombia e Brasile al confine con il Venezuela, mentre si cerca di esacerbare il tema della migrazione venezuelana, sembra che si stia tentando di creare la tempesta perfetta per un intervento armato in Venezuela, con il minimo pretesto. Manca solo una provocazione: potrebbe essere un falso positivo, che dia l’occasione per un possibile attacco dalla Colombia o una qualche azione violenta in Venezuela, per giustificare l’intervento di uno o più eserciti dell’America Latina, il che creerebbe in qualche modo lo scenario per un intervento delle forze del Comando Sud.

Sulla base di questi elementi di giudizio, è più facile capire l’urgenza degli Stati Uniti e dell’oligarchia colombiana nel far saltare il tavolo di negoziazione nella Repubblica Dominicana tra l’opposizione e il governo venezuelano. Se l’accordo, già pronto e approvato dalle parti, fosse stato firmato, l’intervento contro il Venezuela sarebbe stato disinnescato, almeno per un lungo periodo.

Come se non bastasse, Luis Almagro, l’impresentabile segretario generale dell’OSA, ha messo in discussione la legittimità delle elezioni a Cuba e ha tacitamente suggerito che L’Avana non dovrebbe partecipare al Vertice delle Americhe, perché le ‘dittature’ non dovrebbero essere invitate. Cuba ha sempre bisogno di solidarietà. Come no. Ma, soprattutto, ne ha bisogno il Venezuela, da parte di tutte e tutti i veri democratici, progressisti e rivoluzionari. In Venezuela, viene condotta una lotta decisiva per la democrazia e l’autodeterminazione dei popoli. È la repubblica spagnola di oggi, ma dobbiamo impedire che finisca come lei.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

 

 

L’ordine è partito: la guerra di Santos contro il Venezuela

Santos

di Sergio Rodríguez Gelfenstein

da Telesur

Dalla Colombia, (non si sa se Santos o lo stesso Tillerson), hanno ordinato all’opposizione venezuelana di non firmare l’accordo raggiunto con il governo a Santo Domingo.

10feb2018.- I media internazionali hanno riferito con grande stridore che il viaggio del segretario di Stato Rex Tillerson in America Latina e nei Caraibi è stato concepito per creare un consenso nella regione contro il Venezuela e fare pressione su Caracas attraverso l’aumento delle sanzioni economiche, sebbene Tillerson si proponesse anche di influenzare la visione dei leader della regione, per ottenere sostegno agli Stati Uniti e alla Colombia nel loro sforzo di produrre un’aggressione militare contro il Venezuela.

Pertanto, ha visitato alcuni dei suoi più stretti alleati, specialmente quelli che sono stati particolarmente aggressivi contro il Venezuela. La visita in Giamaica, uno stretto alleato degli Stati Uniti nei Caraibi, perseguiva l’obiettivo di attrarre i piccoli paesi del Golfo, che finora hanno resistito con fermezza e decisione alle minacce di ogni genere provenienti dagli Stati Uniti, affinché smettessero di supportare il Venezuela. Se, politicamente, la Giamaica era il paese meno importante del tour di Tillerson, in termini diplomatici era la meta più ambita del viaggio del Segretario di Stato.

Tuttavia, sulla base dei fatti (come dato a sapere dallo stesso Tillerson prima di iniziare il suo giro), lo scopo del suo lungo viaggio nella regione è stato quello di contrastare la crescente presenza di Russia e Cina in America Latina e nei Caraibi, che si è manifestata attraverso un ampio e progressivo programma di cooperazione. Non è un caso che il tour di Tillerson si verifichi quasi subito dopo il II Forum Ministeriale Cina-CELAC a Santiago del Cile, con la presenza del ministro degli esteri Wang Yi.

In questo quadro, l’obiettivo tattico della visita è stato il Venezuela. In questa logica e come espressione del suo disprezzo per i paesi dei Caraibi, il Messico ha chiesto di sapere quanto petrolio potrebbe fornire per ‘comprare’ i governanti di queste nazioni insulari, al fine di ‘liberarli dall’obbligo’ di continuare a ricevere il petrolio venezuelano e per poter continuare a provare la via diplomatica in vista del VII Summit delle Americhe, che si terrà a Lima, il prossimo aprile.

Lo stesso disegno perseguiva il suo passaggio per il Perù, paese il cui presidente, in alleanza con il partito dell’ex-dittatore Fujimori, farà da anfitrione all’incontro, dove ancora una volta si cercherà di espellere il Venezuela dal sistema panamericano. L’Argentina è stata sondata da Tillerson, perché garantisse di assumersi la responsabilità politica dell’ aggressione, in vista dell’imminente (questa sì, imminente) uscita di scena di Bachelet e di Heraldo, che hanno giocato finora quel ruolo, in base alla convinzione statunitense che Piñera, il suo ministro degli esteri Ampuero e il loro gabinetto pinochetista, che governeranno il Cile, non hanno la capacità di guidare l’attacco contro il Venezuela.

Proprio come Giamaica era la scala più importante del tour di Tillerson in termini diplomatici, in termini operativi, la Colombia era la tappa più strategica per mettere a punto i dettagli dell’aggressione. Basti citare i seguenti fatti.

Se accettiamo la ben nota massima di Von Clausewitz che ‘la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi’, cui Lenin aggiungerà ‘… con mezzi violenti’, ci sarebbe da dire che,  per usare dei termini militari, ‘l’ordine di combattimento è stato dato’.  Dalla Colombia (non è noto se Santos o lo stesso Tillerson) hanno ordinato all’opposizione venezuelana di non firmare l’accordo raggiunto con il governo a Santo Domingo, testimoni il presidente dominicano Danilo Medina e l’ex-primo ministro spagnolo Jose Luis Rodríguez Zapatero. Se le cose stanno così, dovremmo accettare il fatto che, quando Santos, Macri e altri vassalli vociferano che non riconosceranno i risultati delle elezioni venezuelane, stanno dicendo all’opposizione che, anche in caso di loro vittoria, non saranno riconosciuti, perché l’unica strada che accetteranno è quella della guerra. Da qui, l’ordine di non firmare l’accordo.

La preparazione della guerra è già iniziata. Nella regione di Catatumbo, dipartimento Norte de Santander, al confine con il Venezuela, in particolare nelle città di Tibu e Tarra, gruppi armati illegali hanno preso il controllo della sicurezza, senza che i militari, la polizia o le istituzioni statali facciano nulla per evitarlo, come le vittime di queste bande armate hanno denunciato. Questi gruppi terroristici hanno approfittato della scomparsa del 33° Fronte delle FARC, che operava in quella zona, per compiere le loro azioni in totale impunità. Nel frattempo, a Villa del Rosario, nello stesso dipartimento, il gruppo armato ‘Los pelusos’ e le sedicenti Autodefensas Gaitanistas de la Colombia (AGC) combattono per cercare di prendere il controllo di sei quartieri (Galán, La Palmita, Pueblito Español, Montevideo, Primero de Mayo e San José) di questa città di 90 mila abitanti, dove sono stati dispiegati per preparare l’invasione del Venezuela sotto gli occhi dell’esercito e delle autorità dello Stato colombiano.

Nella stessa Cúcuta, in otto delle dieci municipalità che conformano il casco urbano della città, si segnala la presenza di bande armate. Allo stesso modo, i paramilitari hanno aree sotto controllo in Los Patios, Villa del Rosario, San Cayetano, La Parada, Juan Frío, Uchema, Palo Gordo, Ragonvalia e Puerto Santander,  sotto il comando di ‘Cochas’, alias Luis Jesús Escamilla Melo, capo dell’Esercito Paramilitare di Norte de Santander (EPN). Anche nelle città di frontiera operano Los Rastrojos. In Venezuela c’è già una presenza a Llano Jorge e a San Antonio del Táchira. Nonostante le numerose richieste della cittadinanza al governo nazionale, ai governi regionali e municipali, le autorità chiudono sospettosamente gli occhi su quest’evidente oppressione della cittadinanza e sulla minaccia al Venezuela.

Per giunta, si sono osservate mobilitazioni nelle basi militari statunitensi in Colombia e l’arrivo di un contingente di 415 membri della forza aerea degli Stati Uniti a Panama, giunti nel paese in modo illegale, senza che il governo autorizzasse la loro presenza nel paese, come denunciato dall’analista politico panamense Marco A. Gandásegui; come anche si devono considerare come parte di questi preparativi le manovre navali Tradewinds 2017 nelle Barbados nel giugno dell’anno passato (a meno  di 1100 km dalle coste venezuelane) e le esercitazioni militari AmazonLog17 nell’Amazzonia brasiliana, con la partecipazione delle truppe di questo paese (oltre a quelle della Colombia e del Perù) a novembre dell’anno scorso, a solo 700 km dalla fronteira con il Venezuela.

La teoria più elementare mostra che, indipendentemente dalla definizione un’aggressione militare straniera, il successo dipende dall’esistenza di un fronte interno. Così è stato in Afghanistan, in Iraq e in Libia. Lo Yemen non l’hanno avuto e hanno dovuto assoldare mercenari per fare la guerra, guarda caso il più grande reclutamento è avvenuto in Cile (ex-membri delle forze repressive di Pinochet) e in Colombia (membri dei numerosi gruppi paramilitari che pullulano in quel paese). Il problema è che in Venezuela, gli Stati Uniti non sono stati in grado di costruire quel necessario fronte interno. Nessuno si immagina che Henry Ramos Allup, Julio Borges o Henrique Capriles possano comandare truppe dalla clandestinità o da una qualsiasi montagna sul territorio nazionale. Per questo motivo, hanno cooptato Óscar Pérez, che ha dovuto interpretare il ruolo che, per incapacità dei leader, l’opposizione non riusciva ad assumere. Coloro che non sono stati in grado di dirigere la mobilitazione contro il governo, guidare un parlamento democratico, portare l’insurrezione nelle piazze in vista della vittoria e tanto meno attrarre un settore delle forze armate verso i loro oscuri disegni, difficilmente potranno guidare i destini di un contingente di guerra.

Questo è il compito che il cancelliere imperiale ha dato a Santos, all’oligarchia colombiana e al loro governo. Prima, ai tempi di Obama, gli fu ordinato di fare la pace con le FARC, per smobilitare l’unica forza militare, con l’ELN, che avrebbe potuto contrastare le azioni armate dell’esercito paramilitare protetto da Uribe e Santos.

Eppure, lo show era iniziato prima dell’arrivo di Tillerson a Bogotà: già nel novembre dello scorso anno, Lorenzo Mendoza era in quella città; un mese dopo l’ex-procuratore Luisa Ortega; suo marito; un tale Ferrer; la ‘leader sindacale’ Marcela Maspero e i ‘giudici’ spediti da Ramos Allup e Borges, che vanno in giro per il mondo alla ricerca di cosa fare e come sopravvivere, si sono incontrati sempre a Bogotà prima della fine dell’anno, per cercare di fornire un supporto legale all’invasione. Un mese più tardi, noti personaggi dell’opposizione venezuelana hanno viaggiato a Bogotà e nel comune di Usaquén si sono incontrati con gruppi radicali venezuelani che sono lì concentrati, con il sostegno delle autorità colombiane.

Nello stesso tempo, il ministro dell’Economia della Colombia Mauricio Cardenas diceva a Davos, in Svizzera, ancora una volta, che la caduta di Maduro era imminente e parlava della necessità di un piano economico per affrontare la situazione. Questo è lo stesso ministro, lo stesso governo che non hanno fatto nulla per risolvere il problema degli 8 milioni di deportati e ricollocati del proprio paese, e che non hanno dato risposte alla ricostruzione della città di Mocoa, capitale del dipartimento di Putumayo, quasi un anno dopo la tragedia che l’ha devastata.

Nella stessa ottica, monsignor Héctor Fabio Henao, segretario nazionale della Pastorale Sociale della Colombia e membro dello stesso partito politico che forma la Conferenza Episcopale Venezuelana (la quale, sotto la guida del cardinale Parolin, fa opposizione al Papa Francesco nel Vaticano) cova il suo piano di ‘aiuti umanitari’ per il Venezuela, senza spendere una parola per le migliaia di bambini Wayuu che muoiono tutti i giorni per malnutrizione, le centinaia di attivisti sociali e dei diritti umani uccisi nelle ultime settimane in Colombia, l’ultimo dei quali, Temistocle Machado, ha commosso il paese per la sua leadership e lealtà verso la sua comunità. Né Henao e il suo mentore Santos parlano dei maltrattamenti ai Colombiani che vogliono rientrare dal Venezuela nel loro paese e che sono segregati e torturati, perché hanno accettato di acquisire anche la cittadinanza venezuelana.

Mentre la Colombia cade a pezzi, con una disoccupazione che sta per raggiungere il 10%; una sospensione virtuale del sistema formativo nei prossimi giorni; il crollo del ponte Chirajara, che è caduto, anche se era il progetto vincitore del Premio Nazionale di Ingegneria, ma su cui nessuno dirà nulla (nonostante 9 colombiani innocenti siano morti), perché è stato costruito da Coviandes, una società di proprietà di Carlos Sarmiento Angulo, il più grande miliardario del paese; e quando un personaggio del paese  molto, molto in alto (così in alto che si dice che se cade, tutto il paese sarà  percorso da un brivido) è protetto vilmente e impunemente dalla sua immunità, in seguito a una denuncia di stupro presentata contro di lui da una nota giornalista, Santos si preoccupa per il Venezuela. La verità è che il suo partito è scomparso, non ha nessun candidato e non si sa cosa farà per garantirsi l’impunità in vista dell’imminente disastro… o, per meglio dire, sì che lo sa: pensa di riscattare le proprie colpe, guidando l’attacco contro il Venezuela per cercare protezione al nord. Ha tempo fino al 10 agosto. Bisogna impedirlo, il popolo venezuelano lo impedirà!

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Tillerson, un giro fallito

Tillerson

di Ánguel Guerra

da Telesur

08feb2018.– È fallito il tentativo da parte del Segretario di Stato Rex Tillerson di imporre nel suo giro dell’America Latina e dei Caraibi le ossessioni e gli incubi dell’imperialismo statunitense nella fase del suo più grande declino. Il suo scopo primario di arrivare al rovesciamento del presidente Maduro attraverso un colpo di stato o di altri modi violenti che già conosciamo, di liquidare la Rivoluzione bolivariana e di impadronirsi del petrolio del Venezuela, è ben lungi dal materializzarsi come risultato del suo percorso. Ha ricevuto un forte e immediato ripudio non solo da parte di Maduro, ma anche di Vladimir Padrino, comandante in capo delle Forze Armate Nazionali Bolivariane,  insieme ai comandi principali dell’istituzione, a gran voce supportati dai quadri e dalle masse chaviste.

Il tour è stato preceduto da un discorso irrispettoso, obsoleto e interventista contro Cuba e il Venezuela presso l’Università del Texas, dove ha avuto l’audacia di rivendicare la validità della Dottrina Monroe e mettere in discussione i rapporti della Cina e della Russia con la nostra regione. ‘L’America Latina non ha bisogno di nuovi poteri imperiali che perseguono solo il loro interesse. Gli Stati Uniti sono diversi: non cerchiamo accordi a breve termine con guadagni asimmetrici, cerchiamo partner’. Che cinismo!

Il segretario ha taciuto che è il potere che rappresenta, insieme alle sue multinazionali, e non la Cina e la Russia, che hanno sottoposto la nostra regione per oltre un secolo al saccheggio, allo sfruttamento, alle interferenze, agli interventi militari, ai colpi di stato e all’assassinio di centinaia di migliaia di lavoratori, contadini, studenti e indigeni.

Tillerson è arrivato a suggerire che il presidente eletto da una maggioranza di Venezuelani esca di scena e si è intromesso spudoratamente nel processo elettorale di Cuba. Il capo di Stato sembra non aver capito che gli Stati Uniti non sono quel potere assoluto che apparivano alla scomparsa dell’URSS e che l’attuale presenza cinese e russa nella nostra America è causata da decisioni sovrane dei governi della regione, tra cui alcuni molto a destra come l’Argentina e il Brasile. Tillerson può dire quello che gli viene in mente, ma come dimostrano gli esempi di Cuba e Venezuela, Washington non sempre raggiunge i suoi obiettivi con la politica delle sanzioni, con le minacce, con i tentativi di ricatto e gli interventi. Al contrario, essi sono controproducenti, come il presidente Obama ha capito dopo sei decenni di applicazione a Cuba.

Né i governi della regione cesseranno le relazioni con la Russia e la Cina per una maggiore pressione da parte di Washington, perché hanno bisogno di vendere le loro materie prime, che avvantaggiano le loro economie e arricchiscono le oligarchie e anche le transnazionali. Anche perché ci sono già progetti di infrastrutture congiunte con Pechino per miliardi di dollari e ce ne sono molti altri in programmazione, che il potere del nord non ha le risorse e la volontà di portare avanti. Questo è risultato molto chiaramente dall’ultimo vertice CELAC-Cina a Santiago del Cile. Per quanto riguarda le armi russe, oltre alla loro alta qualità e ai prezzi ragionevoli, è evidente che, per qualsiasi paese determinato a essere indipendente e a preservare la propria sovranità, sono un’opzione molto migliore rispetto alle statunitensi.

Tillerson non ha fatto altro che portarci la sua personale versione di disprezzo per i nostri popoli e per quelli africani – paesi di merda (sic) – a cui Trump ci ha abituato un giorno sì e pure l’altro. (Una versione) della maleducazione e dell’arroganza con cui il suo capo parla di noi. È venuto per la lana e se ne è andato tosato. Voleva che saltasse fuori un Pinochet ed è stato  respinto da un coro di patrioti venezuelani, per bocca del generale Padrino: ‘In Venezuela non accetteremo mai che nessun governo o potenza straniera intervenga in alcun modo’. Contrasta con il comportamento servile e suicida dei leader dell’opposizione venezuelana, che hanno ricevuto una telefonata da Tillerson da Bogotà per non firmare gli accordi della Repubblica Dominicana.

Il viaggio del segretario si è concentrato sui paesi del cosiddetto Gruppo di Lima. Si ricorda che gli Stati Uniti hanno dovuto ricorrere a questi governi ultra-neo-liberisti, perché i Caraibi e i paesi dell’ALBA gli impedivano di imporre sanzioni al Venezuela nell’ambito dell’OSA. Ma anche questi governi interventisti, come quello messicano, sottolineano che non sono favorevoli a una soluzione violenta in Venezuela. Immagino che si guardino allo specchio dell’Iraq, della Libia e della Siria. Come afferma la dichiarazione della cancelleria cubana in risposta a Tillerson: la nostra America si è risvegliata e non sarà così facile piegarla.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Brasile: grottesca farsa giudiziaria contro Lula

Luladi Ángel Guerra

da Telesur

25 gennaio 2018

Come previsto, il tribunale di Seconda Istanza di Porto Alegre ha ratificato la condanna per corruzione dello spudorato giudice della 13ma Corte Federale di Curitiba, Sergio Moro.  Non solo, le tre eccellenze hanno aumentato la pena richiesta da Moro da 9 anni e mezzo a 12 anni. Il sogno di Moro, magistrato responsabile dell’oscura operazione Lava Jato e il suo principale obiettivo nella vita, è di condannare Lula senza prove. Solo ‘basandosi su indizi’, come non si è stancato di ripetere, da quando ha iniziato questa farsa giudiziaria ingiusta, grottesca e spregevole.

Moro, un giudice mediocre e venale, con tutti i suoi studi a Harvard e i suoi corsi sul riciclaggio di denaro al Dipartimento di Stato, è cresciuto mediaticamente da quando conduce la cosiddetta Operazione Lava Jato e, soprattutto, da quando ha imputato Lula di corruzione, con l’accusa di aver accettato un appartamento di lusso di fronte alla spiaggia di Guarujá, nel municipio dello Stato di São Paulo, in cambio di favori all’impresa costruttrice OAS, appaltatrice con contratti pubblici della PETROBRAS.

Tuttavia, durante il processo, non si è potuto dimostrare che l’ex-presidente ne fosse il proprietario, tanto meno si è potuto identificare l’atto o l’omissione (reato di ‘corruzione passiva’), che sarebbe dietro la ricezione della proprietà. Tutto questo arzigogolio da legulei ha unicamente lo scopo di eliminare dalla corsa presidenziale del 2018 l’unico politico che, secondo tutti i sondaggi, vincerebbe con un margine molto ampio. Ecco perché la gente ha lanciato lo slogan ‘l’elezione senza Lula è una frode’.

C’è troppo in gioco nelle prossime elezioni in Brasile. Possono significare la vittoria di Lula (o di un eventuale candidato approvato da lui nel caso in cui gli sarà vietato candidarsi) e, insieme, la sconfitta dell’opzione neoliberista, subordinata agli Stati Uniti, il recupero della sovranità nazionale, la politica estera indipendente e l’unione latino-americana, le politiche di redistribuzione del reddito, la ricostruzione dello Stato e la maggiore estensione e gratuità dei servizi sociali alla popolazione. Ciò implicherebbe anche che il Brasile non sarebbe più il convitato di pietra nei BRICS, in cui il governo del golpe di Temer l’ha trasformato, ma uno dei suoi membri più attivi e dinamici. In breve, l’eventuale vittoria elettorale di Lula potrebbe fermare e invertire l’offensiva della destra nella nostra regione e, insieme alla rielezione di Maduro nel mese di aprile, in occasione delle elezioni presidenziali venezuelane, e all’eventuale trionfo di Lopez Obrador in Messico nel mese di luglio, potrebbe cambiare non solo la correlazione delle forze in America Latina e nei Caraibi a favore delle forze popolari, ma influenzare in modo significativo a livello mondiale le lotte sociali e delle forze politiche e sociali che, come la Russia e la Cina, lottano per la pace e la multipolarità nel mondo.

Speriamo di assistere, entro la fine dell’anno, alla reazione di sinistra all’escalation mediatico-legale-parlamentare della destra e dell’imperialismo, lanciato in Honduras (con il coinvolgimento dell’esercito fino ad oggi), continuato in Paraguay e consolidato nel Cono Sud col colpo di stato in Brasile e la stentata vittoria elettorale di Macri, convertita a questo punto in un tradimento del mandato che ha ricevuto e delle istituzioni democratiche. Questo insieme di azioni di Washington e della destra è già noto come fase II dell’Operazione Condor, che, come la sua omonima, cerca di liquidare tutti gli attivisti sociali e ogni governo rivoluzionario e progressista o di sinistra, che difenda gli interessi dei nostri popoli. Questa volta con pennivendoli, giudici e legislatori corrotti.

Lula ha già detto che continuerà la sua battaglia fino alla fine e con il popolo. Emir Sader così commenta il suo arrivo l’altro giorno alla mobilitazione di massa di Porto Alegre: Lula è venuto con un sacco di fiducia e di allegria, è venuto e, come sempre, ha salutato e ha dovuto farsi la foto con un sacco di gente… Circondato dai leader dei principali movimenti sociali in Brasile – CUT, MST, MTST … – e dai leader politici nazionali, Lula ha detto nel suo discorso… che non avrebbe parlato del suo processo. Che per questo ha avvocati competenti, che hanno fatto sì che nessun giurista abbia il coraggio di difendere le posizioni di coloro che lo accusano… perché non ci sono argomenti sostenibili. Di fatto, è stato raggiunto un consenso generale sul fatto che non vi siano prove contro di Lula. A tal punto, che il giudice Moro si rifugia nelle sue ‘convinzioni’ e ‘indizi’, in assenza di prove.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

 

Movilización en Italia: 25 años del inicio de la Guerra del Golfo

por Davide Angelilli – telesurtv.net

Los movimientos han organizado manifestaciones y acciones políticas en diferentes ciudades y lugares del país, denunciando la política exterior del Estado italiano, por su naturaleza opresora e imperialista a detrimento de la autodeterminación y de la paz en el Sur del mundo.

Un grito por la paz internacional desde el sur de Europa. Tras 25 años exactos de la explosión de la denominada guerra del Golfo, este sábado, 16 de enero, movimientos y organizaciones sociales de la izquierda italiana han llevado a cabo una movilización nacional contra la guerra. Los movimientos han organizado manifestaciones y acciones políticas en diferentes ciudades y lugares del país, denunciando la política exterior del Estado italiano, por su naturaleza opresora e imperialista a detrimento de la autodeterminación y de la paz en el Sur del mundo. Las marchas más multitudinarias, con algunas miles de personas, se han realizado en Roma y en Milán.

Contemporáneamente, activistas sociales, sindicales y antimilitaristas, han organizado concentraciones de protesta frente a bases militares estadounidenses en Sicilia, Trieste, Vicenza y en otras ciudades. El inicio de un cuarto de siglo de guerra y militarización sin tregua: el 16 de enero de 1991 se ha convertido en una fecha particularmente significativa para Italia. En un artículo recientemente publicado por el periódico Il Manifesto, el estudioso y experto en cuestiones bélicas, Manlio Dinucci, ha ilustrado cómo la invasión de Iraq fue determinante porqué abrió la actual fase de guerra permanente que está golpeando Oriente próximo. Una fase que está generando una cada vez mayor inestabilidad internacional. La agresión a Irak – continua explicando Dinucci – fue la primera vez en la que la República Italiana participó en una guerra guiada por la potencia norteamericana, violando así el artículo 11 de su propia Constitución, que declara el repudio a la guerra “como instrumento de ataque a la libertad de los otros pueblos y como medio de solución de las controversias internacionales”.

Las fuerzas sociales de la izquierda italiana han denunciado cómo -tras estos veinticinco años de operaciones e invasiones “realizadas en lugares lejanos de las metrópolis europeas y occidentales”- los acontecimientos bélicos se están convirtiendo también en un asunto de interior para los Estados europeos. Tras los ataques terroristas de Paris del último año, a la guerra provocada en el exterior se le está añadiendo una guerra social interna, animada por la islamofobia y por la voluntad de reprimir cualquier manifestación de disenso en nombre del Estado de emergencia. Colectivos feministas han puesto el énfasis en la necesidad de rechazar, por un lado, el uso instrumental de las “mujeres” para generar aversión al Islam en las sociedades europeas.

Y, por el otro, de desenmascarar la “absurda legitimación” de las intervenciones bélicas mediante la retórica de los derechos humanos y civiles de las mujeres violados en los países árabes. Evidenciando, al contrario, que la violencia contra las mujeres lamentablemente es un problema de todas las sociedades, “no tiene raza” y de ninguna manera puede ser fuente de justificación para las posturas racistas que apoyan las guerras internacionales.

Junto con la plataforma social Eurostop (entre los promotores de la iniciativa), diferentes personalidades de la cultura y de la política subrayan la naturaleza profundamente beligerante de la OTAN y la arquitectura antidemocrática de la Unión Europea. También, el alcalde de la ciudad de Nápoles, en el sur del país, Luigi De Magistris se ha adherido a la jornada No War. “Una parte de Occidente nunca ha dejado de tener una postura colonialista hacía los pueblos de Oriente próximo”, ha declarado el político en una nota de prensa a los medios. Más que una manifestación de protesta, las organizaciones sociales han definido la jornada como el primer paso de una movilización política y cultural, para evidenciar la relación directa entre las políticas de guerra en el exterior y las medidas cada día más represoras en el interior de Europa. El punto de inicio de una movilización inclusiva y popular contra el sistema de guerra permanente, en todas sus expresiones.

En el contexto de crisis social y económica que viven las sociedades europeas, los movimientos populares de Italia piden un cambio político radical. Contra la expansión social del racismo y de la xenofobia –afirman- se necesita un proyecto político que trasforme la democracia fósil de las sociedades europeas. Un proyecto que sepa imaginar y construir un modelo de sociedad diferente, con la participación protagónica de los migrantes. De quien, a menudo, escapa de escenarios de muerte y destrucción para llegar a una Europa cada día más injusta y desigual.

(VIDEO) Hace 11 años nació el ALBA por la integración latinoamericana

f3b1b62a-b93e-419b-b9f9-9307c0d250bapor telesurtv.net 

La canciller venezolana, Delcy Rodríguez, recordó que el ALBA-TCP es “motor de independencia y solidaridad” en América Latina. Hace 11 años nació la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP) con el propósito de fortalecer la integración latinoamericana y la autodeterminación de los pueblos. Fue fundada en 2004 por los mandatarios de América Latina, entre ellos el Líder de la Revolución Bolivariana en Venezuela, Hugo Chávez, y el Comandante cubano Fidel Castro.

El director general de la Organización de las Naciones Unidas (ONU) en Ginebra (Suiza), Michelle Møller, destacó que el ALBA-TCP es un mecanismo  ejemplar de integración regional, caracterizado por la solidaridad entre las naciones que lo conforman. Para Møller los países de Latinoamérica que pertenecen a la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América han contribuido al desarrollo sostenido del subcontinente, y se han convertido en socios fiables, sólidos, cooperadores y generosos, reseñó Prensa Latina.

__

(VIDEO) Piedad Córdoba entrevista Timoleón Jiménez – FARC-EP

por teleSUR

En entrevista exclusiva para teleSUR, Timoleón Jiménez “Timochenko”, líder de las Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (FARC-EP), expresó que “si seguimos con la misma voluntad de seguro vamos a encontrar la solución” para alcanzar la paz en ese país antes de seis meses. 

___

Lettera di Fidel Castro a Telesur per il decimo anniversario

fidel-y-chavezda Telesur

«La sua creazione fu un’iniziativa dell’indimeticabile Hugo Chávez, cosciente dell’importanza di promuovere l’integrazione latinoamericana»

«…Non vi è stato alcun importante accadimento politico, economico e sociale nel quale teleSur non sia stata presente con immediatezza, obiettività e veridicità…», ha scritto il leader della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, in una lettera inviata a teleSur in occasione del suo decimo anniversario.

TeleSur iniziò le sue trasmissioni il 24 luglio del 2005, grazie a un’iniziativa congiunta di Fidel stesso e del leader della Rivoluzione Bolivariana, Hugo Chávez, che furono i principali promotori del processo di integrazione tra le nazioni latinoamericane e caraibiche.

carta-pag-1.jpg_240508277

Sin dalla sua nascita, l’emittente televisiva ha trasmesso i principali eventi politici e sociali della regione così come del resto del mondo, offrendo sempre un punto di vista alternativo, diverso dai mezzi d’informazione egemonici.

carta-pag-2.jpg_240508277

carta_pagina_3.jpg.jpg_240508277

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Maduro: «La Spagna dietro il colpo di stato sventato in Venezuela»

maduro1da lantidiplomatico.it

Il presidente del Venezuela Maduro ha denunciato in modo chiaro che il tentato colpo di stato sventato recentemente da Caracas sarebbe stato finanziato dal governo della Spagna. Lo ha riferito in un’intervista a Telesur.
 
Maduro ha dichiarato che il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy promuove azioni di destabilizzazione contro il popolo venezuelano. “Rajoy vuole coprire i problemi interni della Spagna, parlando male delle conquiste della Rivoluzione bolivariana”, ha detto il capo dello Stato, citato da Telesur.
 
Il presidente del Venezuela ha anche ribadito che non permetterà ad alcun governo al mondo di minacciare la stabilità dei venezuelani. “E’ inconcepibile che sia proprio l’attuale governo spagnolo che ci critica, quando Rajoy è parte di un gruppo di corrotti che attaccano il Venezuela“, in riferimento ad i casi di corruzione di alcuni membri del partito Rajoy.
 
La scorsa settimana, il governo del Venezuela ha avviato un riesame “globale” dei rapporti con la Spagna, secondo quanto ha annunciato il ministro degli Esteri del Venezuela Delcy Rodríguez, dopo l’incontro presso la sede del Ministero degli Esteri a Caracas con l’ambasciatore spagnolo, Antonio Perez Hernández y Torra.

Delcy Rodriguez: «Unasur ratifica lo spirito di libertà e sovranità»

delcy rodriguez quitoda Correo del Orinoco

«Abbiamo ricevuto il sostegno delle nostre nazioni del Sud, il nostro popolo apprezza la fermezza con cui l’Unasur emesso questo comunicato, perché sappiamo che il Venezuela non è solo, nell’ambito diplomatico così come in quello della diplomazia dei popoli», ha dichiarato il Ministro degli Esteri

Il Ministro degli Esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha dichiarato che il comunicato emesso dall’Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) dove viene condannata l’ingerenza del governo degli Stati Uniti d’America e dove viene richiesta l’abrogazione del decreto legge che qualifica il Venezuela come una “minaccia inusuale e straordinaria”, ratifica lo spirito di unità, libertà, sovranità e indipendenza dei popoli latinoamericani.

Nell’ambito della trasmissione En contacto informativo in onda su Telesur, dalla sede di Quito, in Ecuador, Rodriguez ha affermato che la riunione dei ministri degli Esteri dei paesi membri dell’Unasur «è stata caratterizzata dallo spirito di libertà dell’America Latina, di quei popoli che da molto tempo hanno deciso di essere liberi e di non voler tornare mai più all’oscurantismo che pretende d’imporre l’imperialismo, in questo caso, con una decisione terribile e sproporzionata (…) con cui si vuole attaccare la sovranità e l’autodeterminazione del popolo venezuelano».

«Portiamo qui il messaggio del nostro popolo – ha spiegato il Ministro degli Esteri – del Presidente Maduro, un messaggio di fermezza, di apertura al dialogo, ma con fermezza e soprattutto uguaglianza con il governo degli Stati Uniti». Definendo il decreto di Barack Obama come un atto emanato da «una classe dirigente che non rispetta alcun principio del Diritto Internazionale, che non aderisce ai principi delle Nazioni Unite».

Il Ministro degli Esteri venezuelano ha espresso gratitudine ai suoi omologhi sudamericani presenti alla riunione di Quito, «coscienti della gravità che rappresenta l’ordine esecutivo, non solo per il Venezuela, ma per l’intera regione, perché potrebbe verificarsi un intervento militare che non sappiamo quando andrà a violare le frontiere del Venezuela».

Ha poi definito la decisione dell’Unasur come storica e affermato che con questa posizione l’organismo «si è opposto all’imperialismo in maniera ferma e contundente». Delcy Rodriguez ha inoltre evidenziato che «non si tratta di politicizzare o ideologizzare lo scontro in atto, ma di confermare che nellà diversita possiamo essere uniti di fronte a cose grandi, dinanzi a grandi sfide storiche».

Il popolo venezuelano continuerà a stare in trincea, a lottare in difesa della propria sovranità e autodeterminazione, «perché il Venezuela si pone dinanzi ai popoli con la diplomazia bolivariana, che è di pace. Di fronte alla politica bellicista dell’amministrazione statunitense, noi sosteniamo la diplomazia della pace».

«Abbiamo ricevuto il sostegno delle nostre nazioni del Sud, il nostro popolo apprezza la fermezza con cui l’Unasur emesso questo comunicato, perché sappiamo che il Venezuela non è solo, nell’ambito diplomatico così come in quello della diplomazia dei popoli», ha sottolineato la dirigente bolivariana.

Nel comunicato emesso dall’organismo sudamericano, i paesi membri ratificano «il rigetto del Decreto Esecutivo del Governo degli Stati Uniti d’America, approvato il 9 marzo del 2015, in quanto costituisce una grave minaccia interventista, diretta contro la sovranità e al principio di non intervento negli affari interni di altri Stati».

Inoltre, esigono che il governo degli Stati Uniti s’impegni a «valutare e implementare soluzioni alternative per il dialogo con il governo del Venezuela, basate sul principio di rispetto della sovranità e dell’autodeterminazione dei popoli. Di conseguenza – chiedono – l’abrograzione del Decreto Esecutivo».

Infine, il blocco di integrazione ha ribadito il suo impegno per la piena osservanza del Diritto Internazionale, la Risoluzione Pacifica delle Controversie e il principio di non Intervento.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione a cura di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: