Le armi chimiche sono state usate dai “ribelli”

Crisi siriana, agosto 2013 – I Russi sono in possesso di prove che dimostrano come gli attacchi chimici siano opera dei miliziani dell’insurrezione e non delle forze regolari, come hanno tentato di far credere i responsabili dell’opposizione armata siriana e i loro alleati occidentali e arabi. Sono prove costituite da foto e documenti che mostrano i proiettili sparati a partire dalle regioni controllate dagli insorti e sono state presentate  dai rappresentanti russi alle Nazioni Unite nella notte tra il 21 e il 22 agosto scorso

Al-Manar, 24 agosto 2013 
Siria: sono stati i “ribelli” vicini ad Al Qaida a lanciare due missili chimici contro l’esercito, colpendo una cinquantina di soldati

Le armi chimiche sono state usate dai “ribelli”
Le autorità siriane hanno annunciato, sabato 24 agosto, di aver scoperto delle armi chimiche fabbricate in Turchia e in Arabia Saudita nelle mani dei ribelli a Jobar, un quartiere di Damasco sotto assedio da parte dell’esercito regolare

Secondo l’agenzia di informazione Sana, le truppe del governo hanno scoperto queste armi in un tunnel utilizzato dai miliziani che combattono contro il governo siriano a Jobar, nella Ghuta Orientale. Nello stesso tempo Damasco ha dato conto del fatto che 50 militari dell’esercito regolare sono stati colpiti nel corso di attacchi con armi chimiche nella stessa regione. Martedì scorso Damasco aveva smentito le accuse, proferite dai responsabili dell’opposizione armata siriana, di avere lanciato degli attacchi con armi chimiche contro i quartieri delle due Ghuta, orientale e occidentale, di Damasco, nella notte tra il 20 e il 21 agosto, che avrebbero provocato, secondo le fonti dell’insurrezione, centinaia di morti. Mentre queste ultime parlano di 1300 o 1660 morti, l’Osservatorio siriano per i diritti dell’uomo, organismo dell’insurrezione siriana con sede a Londra e accreditato presso le agenzie internazionali sui temi della crisi siriana, ha parlato invece di 100 o 170 morti.

Le prove dei Russi

Dal canto loro, i Russi sono in possesso di prove che dimostrano come gli attacchi chimici perpetrati contro le due Ghuta di Damasco siano opera dei miliziani dell’insurrezione e non delle forze regolari, come hanno tentato di far credere i responsabili dell’opposizione armata siriana e i loro alleati occidentali e arabi.

Queste prove, che sono costituite da foto e documenti che mostrano i proiettili sparati a partire dalle regioni controllate dagli insorti, sono state presentate  dai rappresentanti russi alle Nazioni Unite nella notte tra il 21 e il 22 agosto scorso, mentre l’Arabia Saudita faceva ogni sforzo perché si indicesse una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza.
A loro volta, i membri del Consiglio di sicurezza erano completamente stupefatti e ci si è accontentati di una riunione ordinaria, conclusasi con raccomandazioni di routine miranti a svolgere delle investigazioni preliminari.
Ciò che non ha però abbassato il tono della campagna diplomatica e mediatica condotta dagli occidentali e dalle monarchie arabe.

Foto satellitari a sostegno
Il corrispondente del giornale libanese As-Safir in Francia, Mohammad Balloute, ha scritto in un articolo datato 23 agosto, citando fonti arabe, che le delegazioni USA e occidentali hanno ricevuto dei documenti russi convincenti circa il coinvolgimento dei ribelli in questi attacchi.
Essi comprendono tra l’altro le foto satellitari di due missili lanciati a partire dalla Ghuta orientale, più precisamente dalla località di Duma, caposaldo della milizia Liwa Al-Islam (Brigata dell’Islam), forte di 25 mila elementi, al comando di Zahrane Allouche.
L’ambasciatore siriano alle Nazioni Unite, Bachar al Jaafari, in arrivo da Damasco, ha presentato anch’egli dei documenti che confermano la versione russa.
Secondo i Russi, questi proiettili sono dei missili chimici di fabbricazione locale. Il primo sarebbe caduto a Jobar, in prossimità della città vecchia, e il secondo in una regione situata tra Zmelka e Arbine.

I missili falliscono l’obiettivo
In proposito, il sito Syria Truth ha pubblicato una analisi diversa circa i veri obiettivi dell’attacco. Citando fonti francesi e inglesi concordanti, non meglio precisati, il sito afferma che, in un primo tempo, obiettivo dell’attacco chimico sarebbero stati i soldati dell’esercito regolare che stazionavano nella piazza degli Abbasidi,  a est d Damasco, e nelle periferie.
In preparazione della battaglia per la liberazione della Ghuta orientale, e prima di intervenire coi soldati e i carri armati, l’esercito siriano aveva avviato il bombardamento delle regioni limitrofe alle zone in cui stazionavano i propri uomini, questi fatti sono riportati anche da Assafir.

13 milizie di insorti che si erano raggruppati sotto il nome di “Fronte di conquista della capitale” vi stazionavano. Stranamente questi gruppuscoli e i loro sniper,  disseminati negli edifici della zona, si sono rapidamente ritirati.
E’ a questo punto che è scattato l’attacco chimico, vale a dire verso l’1,30 (ora locale) e non alle 3, come sostenuto dalla Commissione generale della rivoluzione siriana.

Secondo Syria Truth, i missili hanno fallito il bersaglio e invece di colpire la piazza degli Abbasidi, sono caduti sulle regioni situate tra Zmelka, Arbine e Jobar.

I 50 soldati feriti
Sembra che invece a Maadamiyya, nella Ghuta Occidentale, seconda zona dove vi è stato l’attacco chimico, il piano sia riuscito.
Secondo Syria Truth, una cinquantina di soldati regolari sono rimasti contaminati dal gas chimico il 21 agosto scorso. In forza alla quarta divisione della Guardia Repubblicana, essi si preparavano all’assalto della località e sono stati investiti in pieno dall’attacco chimico.
Feriti, sono stati trasportati a bordo di 39 ambulanze, assicura il sito, citando testimoni oculari del limitrofo quartiere Soumariyya. Il sito lascia intendere che il loro numero possa essere superiore a 50, dal momento che ogni ambulanza può trasportare 2 persone. Il sito assicura che le autorità siriane evitano di rivelare il caso per non abbassare il morale delle truppe.

[trad. a cura di Ossin]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: