(FOTO+VIDEO) ¡La Revolución Bolivariana baluarte internacional de dignidad!

logoALBA¡La Revolución Bolivariana baluarte internacional de la dignidad, la soberanía popular, la independencia nacional y la resistencia antiimperialista!

Han pasado más de dos décadas después del triunfo electoral del Movimiento Quinta República del Comandante Hugo Rafael Chávez Frías, máximo dirigente de la Revolución Bolivariana (diciembre de 1998) y este año se cumple el vigésimo aniversario de la primera Constitución de la República Bolivariana de Venezuela (1999- 2019).

El triunfo de la Revolución Bolivariana ha fortalecido “el eje de los países del bien” impulsado conjutamente a Cuba socialista, ha diseñado una nueva geopolítica internacional mediante la creación de mecanismos de integración necesarios y prometedores como, entre otros, el ALBA-TCP, nucleo fundamental para la construcción del sueño bolivariano de la gran patria latinoamericana: la Patria Grande, para la segunda y definitiva Independencia.

La Plenipontenciaria Asamblea Nacional Constituyente elegida democráticamente está activa y, junta al Constituyente Poder Popular en Acción tiene como objetivo desarrollar una segunda Constitución Bolivariana, para dar vida con ella a una nueva etapa de la Revolución Bolivariana, que siempre se basa en la democracia participativa y protagónica en estrecha unión con los Consejos Productivos de los Trabajadores.

Innumerables fueron los asaltos, trampas y viles provocaciones de todo tipo en contra de la soberanía del país: ataques económicos, políticos, de los medios de comunicación, diplomáticos, criminales, militares, paramilitares, hasta el terrorismo internacional, configurando un conjunto real de acciones de guerra economica, financiera y especulativa todavía en curso. Por no mencionar el seguro asesinato del Comandante Eterno Hugo Rafael Chávez Frías por parte del imperialismo estadounidense, como también lo reconocieron intelectuales, politólogos y políticos eminentes de diferentes países del mundo, como el italo-argentino Atilio Boron, Premio Libertador al Pensamiento crítico (2013).

Mañana, 10 de enero de 2019, el presidente Nicolás Maduro Moros asumirá oficialmente su cargo por su segundo mandato (2019-2025) mientras los imperialistas de Estados Unidos, la Unión Europea y los sionistas quieren desconocerlo utilizando a los gobiernos lacayos y contrarrevolucionarios que ahora están en cargo en América Latina, Colombia y Brasil a la cabeza.

Hoy más que nunca la Revolución Bolivariana necesita nuestra solidaridad, el apoyo y el respaldo incondicional internacional de los pueblos del mundo, aún más importante cuando se trata del apoyo popular desde adentro de los EE.UU. y los países imperialistas europeos.

Estamos seguros que mientras la Revolución Bolivariana será a la altura de guardar y alimentar la movilización revolucionaria de masas, de la Fuerza Armada Nacional Bolivariana (FANB) y las milicias obreras y populares, en perfecta union civico-militar, mientras contará principalmente sobre su propias fuerzas, mientras avanzará hacia el establecimiento de una sociedad socialista, la transición de la sociedad capitalista a la sociedad comunista, será invencible y abrirá el camino a la independencia, la soberanía, el bienestar social, la emancipación y la liberación, en una palabra el socialismo, para los otros pueblos del mundo también.

¡VIVA EL SEGUNDO MANDATO DEL CAMARADA PRESIDENTE NICOLÁS MADURO MOROS!
VIVA LA REVOLUCIÓN BOLIVARIANA!
VIVA LOS PUEBLOS DEL MUNDO!
¡VIVA EL SOCIALISMO!

ALBAinformazione – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli
Nápoles, 9 de enero de 2019

#NápolesConMaduro

__

L'immagine può contenere: 10 persone, persone che sorridono, persone in piedi

Risultati immagini per OPG mural Chavez  1512644_3957912922502_417955428_n

 

 

 

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 7 persone, persone che sorridono, persone in piedi e spazio all'aperto

 

[Immagini e video di repertorio]

(FOTO+VIDEO) La Rivoluzione Bolivariana baluardo internazionale di dignità!

La Rivoluzione Bolivariana baluardo internazionale di dignità, sovranità popolare, indipendenza nazionale e resistenza antimperialista!

Sono passati più di due decadi dal trionfo elettorale con il Movimento Quinta Repubblica del Comandante Hugo Chavez Frias, massimo dirigente della Rivoluzione Bolivariana (dicembre 1998) e quest’anno si celebra il ventesimo anniversario della prima Costituzione Bolivariana della Repubblica Bolivariana del Venezuela (1999-2019).

Il trionfo della Rivoluzione Bolivariana ha rafforzato “l’asse dei paesi del bene” alimentato da Cuba Socialista, ha disegnato una nuova geopolitica internazionale creando meccanismi di integrazione necessari quanto promettenti come, tra gli altri, l’ALBA-TCP nucleo fondante per la costruzione del sogno bolivariano della Patria Grande latinoamericana. Per la seconda e definitiva indipenza

La plenipotenziaria Assemblea Nazionale Costituente democraticamente eletta è attiva ed insieme al Potere Popolare Costituente in Azione ha come obiettivo, elaborando una seconda costituzione bolivariana, di dare vita con essa ad una nuova tappa della Rivoluzione Bolivariana che non potrà non essere sempre più fondata sul protagonismo popolare democratico e partecipativo in stretta unità con i Consigli Produttivi dei Lavoratori.

Innumerevoli sono state le aggressioni, le trappole e le infami provocazioni di ogni tipo contro la sovranità del paese: economiche, politiche, mediatiche, diplomatiche, criminali, militari, paramilitari e di terrorismo internazionale fino a configurare un vero e proprio insieme di azioni di guerra economico-finanziaria e speculativa tutt’ora in atto. Senza contare il sicuro assassinio del Comandante Eterno Hugo Chávez Frías da parte dell’imperialismo USA, così come l’hanno anche riconosciuto eminenti intellettuali, politologici, e politici di diversi paesi del mondo, come l’italo-argentino Atilio Boron, Premio Libertador al Pensiero Critico (2013).

Domani 10 gennaio 2019 il Presidente Nicolás Maduro Moros si insedierà ufficialmente per il suo secondo mandato (2019-2025) che gli imperialisti USA, dell’Unione Europea, e sionisti vogliono disconoscere utilizzando alcuni governi controrivoluzionari oggi in carica in America latina, colombiano e brasiliano in testa.

Oggi più che mai la Rivoluzione Bolivariana ha bisogno della nostra solidarietà, sostegno ed appoggio internazionale dei popoli del mondo, ancora più importante quando questo sostegno proviene dall’interno dei paesi imperialisti statunitensi ed europei.

Siamo certi che finché la Rivoluzione Bolivariana conserverà ed alimenterà la mobilitazione rivoluzionaria di massa, delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) e delle milizie operaie e popolari, finché conterà principalmente sulle proprie forze, finché avanzerà coerentemente verso l’instaurazione della società socialista, transizione dalla società capitalista alla società comunista, sarà invincibile ed aprirà la strada dell’indipendenza, della sovranità, del benessere sociale, dell’emancipazione e della liberazione, in una parola del socialismo, agli altri popoli del mondo.

VIVA IL SECONDO MANDATO DEL COMPAGNO PRESIDENTE NICOLÁS MADURO MOROS!
LUNGA VITA ALLA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA!
VIVA I POPOLI DEL MONDO!
VIVA IL SOCIALISMO! 

ALBAinformazione – per l’amicizia e solidarietà tra i popoli
Napoli, 9 gennaio 2019 

#NápolesConMaduro

(FOTO+VIDEO)

(VIDEO) Il Venezuela mostra la sua potenza militare

5599fbeec461881f508b4575da Russia Today

Il 5 luglio il Venezuela ha celebrato l’anniversario della firma della Dichiarazione di Indipendenza.

Il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha assistito a una sessione solenne dell’Assemblea Nazionale e presieduto una parata militare

In Venezuela il 5 luglio si sono tenute diverse manifestazioni per commemorare il 204° anniversario della firma della Dichirazione d’Indipendenza, guidate dal Presidente Nicolás Maduro. Le attività hanno avuto inizio nell’Assemblea Nazionale con una sessione solenne, alla quale hanno preso parte ministri, l’alto comando militare, i rappresentanti delle forze politiche e delegazioni diplomatiche.

In seguito, il Presidente della Repubblica Bolivariana ha presieduto una grande parata militare, tenutasi presso il Paseo Los Próceres nella città di Caracas (Venezuela). «Siamo la patria chavista, qui c’è il Venezuela, in questo 2015 e per sempre», ha annunciato il Presidente secondo quanto riportato da RNV.

Nicolás Maduro ha riconosciuto che, nonostante i 204 anni di indipendenza del Venezuela, vi è ancora un duro cammino da percorrere: «Il presente è di lotta, il futuro appartiene al popolo venezuelano, viva la Forza Armata Nazionale!»

5599e5e6c4618838068b45b7

«204 anni dopo – ha dichiarato inoltre Maduro attraverso il proprio account Twitter – qui abbiamo un popolo che si è alzato in piedi, più deciso che mai a essere libero e sovrano, percorrendo il cammino rivoluzionario di Bolívar e Chávez».

5599fc66c4618838068b45e7

Il 5 luglio del 1811, mediante il documento conosciuto come Atto della Dichiarazione di Indipendenza, il Congresso del Venezuela dichiarò in maniera solenne la sua separazione dalla Spagna. I rappresentanti delle sette province appartenenti alla vecchia Capitanía General de Venezuela (Caracas, Barquisimeto, Cumaná, Barcelona, Mérida, Margarita e Trujillo), riuniti nella Capilla Santa Rosa de Lima, a Caracas, resero effettiva la separazione dalla Corona spagnola e diedero vita a una nuova nazione sudamericana. Attraverso la Dichiarazione di Indipendenza, il Venezuela stabilì il principio di uguaglianza dei cittadini, l’abolizione della censura e la libertà d’espressione.

559a0aedc4618838068b460a

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

___

(VIDEO) L’Iran condanna le trame imperialiste contro il Venezuela

da hispantv

Una delegazione del Parlamento iraniano è giunta, ieri, in Venezuela, ricevuta al Palazzo federale legislativo, dove ha condannato l’ostilità dell’Occidente contro il popolo venezuelano.

«Condanniamo tutte le cospirazioni dell’impero, del colonialismo e dell’arroganza globale contro la Rivoluzione venezuelana», ha dichiarato Abdolreza Mesri, deputato iraniano che presiede anche il il gruppo parlamentare di amicizia Iran-Venezuela.

Nelle sue dichiarazioni rilasciate nel quadro di una riunione del gruppo, Mesri ha aggiunto che il Venezuela e l’Iran sono entrambi paesi indipendenti e sovrani e, pertanto, sono gli obiettivi della politica ostile degli Stati Uniti.

«Siamo lieti che i nostri governi e i nostri popoli sono uno accanto all’altro per unire gli sforzi per neutralizzare le cospirazioni contro le nostre rivoluzioni», ha sottolineato.

Il politico iraniano ha concluso che se il governo, l’Assemblea Nazionale (AN) e la nazione venezuelana mantengono la loro unità possono respingere qualsiasi trama del nemico.

D’altra parte, Diogene Andrade, un deputato dell’Assemblea Nazionale, ha sottolineato le buone relazioni nei settori politici e sociali, tra Teheran e Caracas, con 365 accordi di cooperazione che le due parti hanno firmato, nonché, diversi nuovi che si punta a realizzare nel prossimo futuro.

«Viva la Repubblica Islamica dell’Iran, il popolo iraniano. Viva tutti coloro che oggi più che mai serrano le fila intorno al nostro paese e alla nostra rivoluzione bolivariana», ha detto Andrade.

Il Gruppo di amicizia parlamentare Iran-Venezuela, proveniente da Teheran è giunto a Caracas per rafforzare le relazioni bilaterali.

I legami politici ed economici tra l’Iran e il Venezuela sono stati ulteriormente sviluppati, nel momento in cui, il presidente Hugo Chávez ha guidato la rivoluzione bolivariana nel 1998.

Da parte sua, il presidente Maduro si è recato in Iran lo scorso gennaio, dove ha espresso la disponibilità del suo governo a rafforzare i legami bilaterali.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

____

Maduro ribadisce l’appoggio del Venezuela alla Siria

da sana.sy

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, ha ribadito il sostegno del suo paese per la Siria, popolo, governo ed esercito, nella sua lotta contro il terrorismo che mette in pericolo il mondo intero.

Nel corso di una cerimonia in onore dell’ambasciatore cinese, a Caracas,  per celebrare la fine della sua missione in Venezuela, il presidente Maduro ha evidenziato il pericolo che minaccia il mondo intero, in particolare,l’Europa, la quale deve rivedere le sue politiche sbagliate nei confronti della Siria.

Egli ha aggiunto che il suo paese ha condotto i contatti e le riunioni con i paesi arabi ed europei per fermare il terrore contro la Siria, dicendo che c’è ancora la possibilità per prevenire il ripetersi dello scenario libico.

Il presidente venezuelano si è detto costernato per lo spostamento di migliaia di siriani da parte di organizzazioni e gruppi terroristici, sottolineando che bisogna usare ogni mezzo per fermare la sofferenza del popolo siriano.

A margine della cerimonia, il presidente Maduro ha incontrato l’ambasciatore siriano in Venezuela, Ghassan Abu Mazen e ha dichiarato il suo sostegno alla Siria nella sua lotta al terrorismo.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Il Venezuela denuncerà alle Nazioni Unite l’ordine esecutivo Usa

Venezuela ONUda venezuelanalysis.com

Il governo venezuelano ha annunciato che denuncerà alle Nazioni Unite l’ordine esecutivo del governo degli Stati Uniti d’America, approvato dal presidente Barack Obama, che definisce il paese sudamericano una minaccia alla sicurezza nazionale.

“Organizzeremo un’ampia sessione per denunciare l’aggressione che il nostro paese sta subendo”, ha spiegato Rafael Ramirez, Ambasciatore del Venezuela presso l’ONU.

Ramirez ha aggiunto che la delegazione venezuelana utilizzerà le dichiarazioni ufficiali rilasciate da CELAC, UNASUR e dal gruppo di nazioni riunite nell’ALBA per rafforzare la denuncia.

“Tutte queste dichiarazioni convergono sulla richiesta al presidente Obama di abrogare l’ordine esecutivo da lui illegalmente promosso e che viola ogni principio stabilito dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale”, ha spiegato l’Ambasciatore.

Il Presidente venezuelano Nicolas Maduro ha riunito lo scorso martedì il suo governo per discutere la risposta diplomatica da mettere in campo, in vista del Vertice delle Americhe che si terrà a Panama la prossima settimana.

Ufficialmente istituita la giornata “antimperialista”

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha annunciato ufficialmente l’istituzione della “Giornata Bolivariana dell’Antimperialismo”, che si celebrerà ogni anno il 9 di marzo.

La giornata sarà in commemorazione della reazione del popolo venezuelano all’ordine esecutivo firmato dall’amministrazione statunitense guidata da Obama, all’inizio del mese di marzo di quest’anno.

L’ordine esecutivo, dove il Venezuela viene dichiarato una “minaccia alla sicurezza nazionale” e che prepara il terreno per ulteriori sanzioni, ha trovato una forte risposta popolare con cortei di massa e imponenti manifestazioni in tutto il Venezuela per la difesa della sovranità nazionale, in aggiunta alle già oltre 6 milioni firme raccolte in una petizione nazionale dove viene richiesto a Obama di revocare l’ordine esecutivo.

“I libri di storia ricorderanno Obama come il presidente che ha cercato di intimidire un intero popolo con questo tentativo, ma che ha trovato sulla sua strada lo spirito patriottico e bolivariano di questo popolo”, ha spiegato Maduro ai microfoni del canale nazionale della televisione di stato, VTV.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Venezuela: dettagli finali per la Zona Economica Speciale

Paraguana Refineryda Telesur

L’iniziativa Zone Economiche Speciali è parte dell’offensiva governativa volta a rafforzare i settori delle telecomunicazioni, dell’energia elettrica e dei trasporti del paese.

La proposta venezuelana riguardante l’istituzione di una Zona Economica Speciale (ZEE) sarà presentata durante l’ultima settimana di aprile, secondo quanto dichiarato dal Vicepresidente alla Pianificazione e Conoscenza, Ricardo Menendez.

Il piano, parte integrante “dell’offensiva economica” lanciata dal Presidente Nicolas Maduro, includerà iniziative miranti al rafforzamento delle telecomunicazioni, dei trasporti e della capacità produttiva della nazione.

Nel 2015, il Presidente Maduro ha annunciato la creazione di una Zona Economica Speciale a Paraguana nel nord-ovest del Venezuela.

Con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente la Zona Economica Speciale di Paraguana, il governo venezuelano ha deciso d’incrementare la produzione di energia elettrica del Paese attraverso lo sfruttamento dell’energia eolica. Il parco eolico di Paraguana secondo le previsioni fornirà 100 megawatt, destinati ad alimentare la vicina raffineria di petrolio.

Il progetto ha cominciato a generare energia nel dicembre 2012, e da quel momento per la raffineria di Paraguana vi è stato un risparmio di 36,3 milioni di dollari, grazie all’utilizzo delle energie rinnovabili in luogo del vecchio diesel.

Il Presidente Maduro ha firmato un accordo da 2 miliardi di dollari per l’istituzione di una Zona Economica Speciale per le industrie manifatturiere e di materiali da costruzione cinesi.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione a cura di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: