(VIDEO) Il compleanno della libertà e le majunches a Posillipo

di Pier Paolo Palermo
Amici del Bradipo, buonasera. Anche oggi, ve lo confesso, ho fatto una marachella. Invece di andare a seguire la mia lezione di pedagogia all’Università, nell’ambito nel percorso formativo che mi porterà a diventare il professor Palermo, me ne sono andato a fare una gita fuori porta con alcuni amici sovversivi. Dovete sapere che in data odierna si celebra l’anniversario dell’indipendenza del Venezuela, e per l’occasione il personale del Consolato napoletano della patria di Bolívar si è recato, come di consueto, a ricordarlo presso il busto del Libertador, al Parco Virgiliano. In una splendida cornice di sole, mare e la famosa “aria fina” celebrata da tanti capolavori della canzone napoletana classica, hanno preso la parola il Console, alcuni suoi collaboratori, e infine un sovversivo del quale non faremo il nome, ma al quale faremo riferimento d’ora in poi come “il facinoroso”, per ragioni che vi appariranno chiare a breve.
Ebbene, era tanto una bella giornata, gli interventi erano stati estremamente misurati ed equilibrati, nonostante la situazione di grave tensione che ha vissuto il Venezuela negli ultimi giorni (che hanno prodotto otto morti e diversi feriti); poi, poco prima di schierarci per una bella foto ricordo, un misterioso personaggio con la maglia della Vinotinto si avvicina al facinoroso, pronunciando la fatidica locuzione “lei mi deve una spiegazione”, Vabbè, non ha detto proprio così, ma quello era il senso. Invitato a unirsi a noi per lo scatto, declina l’invito. Mmmhhh…
Poco dopo, ecco spiegato l’arcano: alcune giovani donne, munite di cartelli e striscioni antichavisti, si avvicinano (pur rimanendo alla debita distanza di sicurezza) ed esprimono il loro dissenso rispetto a qualcosa. Siccome non è facile (almeno per me) capire che cosa si possa mai imputare al proceso bolivariano, mi avvicino, preceduto peraltro da un gruppetto di compagne e compagni (scusate il termine). La curiosità mi mangia vivo, non ho mai visto dei majunches da vicino. Come avevo ipotizzato, sono venezuelane. Una di loro ha perfino una pentola con sé, che però ha il buon gusto di non percuotere. Leggo i cartelli, chiedono il riconteggio dei voti.
Care amiche, forse non vi è arrivata la notizia, ma i voti si stanno già riconteggiando. E verrà confermato il risultato annunciato, state tranquille. Sappiamo quanto sia affidabile il sistema elettorale venezuelano, ce lo hanno detto gli osservatori internazionali. Ce lo ha detto Jimmy Carter, che lo ha descritto come il più affidabile che avesse mai avuto modo di conoscere. Ma voi volete il riconteggio. E va bene, lo avrete. Non era necessario sparare, aggredire, appiccare incendi. Non lo era, perlomeno, se il vostro obiettivo era una verifica del risultato elettorale, e non far sprofondare il paese in un clima che potesse giustificare un intervento militare. Ma non facciamo i malpensanti, parliamo con le signore.
Se non che, le signore tanto signore non sono. La loro antipatia per il neo-eletto Nicolás Maduro è viscerale, una parola tira l’altra, e ben presto una di costoro invita il facinoroso ad andarsene a Cuba, che nella sua immaginazione dev’essere una specie di riserva per comunisti pedofagi e liberticidi. Si scatena il parapiglia. Il facinoroso ha un diavolo per capello (meno male che di capelli non ne ha tantissimi…), le majunches sono quasi in lacrime, dicono di volere la pace, ma allora poi uno si chiede perché siano venute a provocarci, proprio nel giorno in cui si celebra l’indipendenza del loro paese. Si scopre ora che l’uomo misterioso è il marito di una di loro, nonché sedicente militante del M5S, che rimprovera al facinoroso di aver accostato il Movimento a un’esperienza a suo giudizio negativa. In realtà, è facilmente verificabile che lo stesso Grillo ha più volte fatto riferimenti a Chávez ed altri leader latinoamericani di sinistra, indicandoli come modelli positivi. Il facinoroso viene calmato a fatica, si inizia a discutere più pacatamente, non si trovano punti in comune (era oggettivamente improbabile) ma spunta qualche timido sorriso, da una parte e dall’altra. Non fa niente che il vostro candidato fa schifo alla merda, il Venezuela è anche vostro, e l’ex autista che denigrate con tanto astio e tanta supponenza perché figlio del popolo sarà anche il vostro presidente. Alla fine il facinoroso arriva perfino ad abbracciare la moglie della talpa vinotinto, e andiamo via sereni.
Bilancio della giornata: non ci sono più le mezze stagioni, Posillipo è sempre meravigliosa, e questa primavera sta portando una bella ventata d’aria fresca: perché quando la borghesia prende striscioni e pentole e scende di casa per andare a difendere i suoi privilegi (ebbene sì, erano tutte signore benestanti), vuol dire che l’aria sta cambiando. Apriamo le finestre, lasciamola entrare, questa aria nuova. Ve lo faccio dire anche dal grande Vincenzo Russo, figlio del popolo come Nicolás Maduro, nuovo presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela.
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: