ANC, Isaías y PDVSA

por Julio Escalona

La ANC ha cumplido y cumple un importante papel. Siempre hay y habrá críticas y yo las tengo. Para que no haya críticas es necesario no actuar y la ANC ha actuado y está construyendo historia.

Cualquiera que piense con angustia venezolana y latinocaribeña, como Isaías, tendría críticas y reconocimientos. Lo conozco hace casi 40 años y lo menos que ha sido es traidor o tonto útil. “Resteao” sí, con lo que dice y con lo que hace. Por eso fue clave en abril de 2002. Su integridad y consecuencia no están en discusión.

PDVSA, es decir, el petróleo, durante el último siglo, sigue siendo la clave de la sociedad venezolana, incluso, en la formación de nuestra cultura y en episodios decisivos de nuestra historia. La corrupción ha estado ligada al desenvolvimiento de la industria petrolera como negocio transnacional. La corrupción ha sido parte de ese negocio.

Se fue estructurando simultáneamente con la llamada siembra del petróleo y se formalizó con la creación de la CVF, por Rómulo Betancourt, en 1946. Significó una masiva transferencia de renta petrolera desde el Estado hacia el capital privado, representado por grandes familias de Venezuela, las que, con la complicidad de altos y medianos funcionarios públicos. se convirtieron en milmillonarios a nivel internacional. Los comerciantes y banqueros, las clases que siguen dominando a la sociedad venezolana, afirmaron su hegemonía, económica y cultural. Hoy son fundamentales en la guerra de precios y otros actos criminales contra el pueblo.

La corrupción no es sólo un problema ético. Es un mecanismo económico de transferencia de capital público al capital privado, vía transferencia de renta petrolera fundada en la siembra del petróleo, plena de complicidades.

He denunciado cómo desde los barcos donde llegan alimentos y productos en proceso, el 92% se entrega a canales privados y ahí, presumiblemente, se organizan el bachaqueo corporativo y otros delitos. ¿Habrá ocurrido lo mismo con las 30.000 TM de harina de soya que acaban de llegar por Puerto Cabello? Parece que fueron entregadas a Bs. 10/$

¿A qué precio estarán circulando? ¿A quién se entregó esta importación? ¿Los órganos competentes no deberían hacerle seguimiento? ¿Estará en la guerra de precios? Sr. Fiscal, querido hermano, parece que Ud. tiene la palabra.

Pensando la Constituyente: “Aquí no se privatiza más nada”

___

por Tatuy Tv Comunistaria

¡Dígalo ahí! – Pensando la Constituyente: “Aquí no se privatiza más nada”

El petróleo ha signado la historia de Venezuela en los últimos 100 años, por ser la principal fuente de riquezas y base del modelo capitalista rentista que se impuso a lo largo del siglo XX.

Dicha fuente de recursos, ha sido propiedad de la nación desde tiempos de Simón Bolívar, quien emitiera el decreto de Quito de 1829, que expresa, entre otras cosas que “las minas de cualquier clase corresponden a la República”, garantizando así la propiedad nacional de los recursos del subsuelo.

Sin embargo, a lo largo de todo el SXX, a partir de que el patriota Cipriano Castro fuera derrocado por el traidor Juan Vicente Gómez en 1908 el estado propietario de dicho recurso, se comportó, salvo escasas excepciones, como una agente entreguista al gran capital transnacional, cuyas empresas no solo incrementaron astronómicamente sus tasas de ganancias, sino que impuso, con la colaboración de la burguesía comercial y financiera, el esquema rentista, exportador de crudo e importador de toda clase de mercancías manufacturadas de las principales metrópolis del planeta, especialmente de EEUU.

A finales de la década de los 80′ se inicia la tendencia privatizadora de la industria con la apertura petrolera al capitalismo transnacional y el proceso de internacionalización, que buscaban revertir la llamada “nacionalización chucuta” que hizo la cuarta república en 1976.

Con la promulgación de la constitución del año 1999 y la posterior aprobación de la Ley Orgánica de Hidrocarburos se frena la tentativa privatizadora y se inicia el camino de la plena soberanía petrolera, que ha puesto la industria petrolera al servicio del pueblo venezolano. Sin embargo, ciertos gazapos y amenazas aún se ciernen sobre la industria, especialmente lo que respecta al artículo 303 al que el Comandante Chávez hacía referencia en su discurso de investidura como presidente en el año 2007:

El Artículo 303 también dice que el Estado se reserva la soberanía, por razones de soberanía económica, política y de estrategia nacional, el Estado conservará la totalidad de las acciones de Petróleos de Venezuela o del ente creado para el manejo de la industria petrolera, pero viene aquí el pero, exceptuando la de las filiales, asociaciones estratégicas, empresas y cualquier otra que se haya constituido, o se constituya como consecuencia del desarrollo de negocios de Petróleos de Venezuela, la privatización, pues, esto hay que cerrarlo, hay que modificarlo, ni filial, ni nada, aquí no se privatiza más nada…”

Es por todo esto, que para blindar la propiedad social de los hidrocarburos, y evitar la privatización nacional y transnacional de nuestro principal recurso energético, se propone la modificación del artículo 303 de la Constitución del 99 en los siguientes términos:

Artículo 303. Por razones de soberanía económica, política y de estrategia nacional, el Estado conservará la totalidad de las acciones de Petróleos de Venezuela, S.A., o del ente creado para el manejo de la industria petrolera, incluyendo la de las filiales. En el caso de las asociaciones, empresas mixtas y cualquier otra que se haya constituido o se constituya como consecuencia del desarrollo de negocios de Petróleos de Venezuela el Estado mantendrá la mayoría accionaria de acuerdo a lo establecido a partir de la Migración a Empresas Mixtas de los Convenios de Asociación de la Faja Petrolífera del Orinoco; así como de los Convenios de Exploración a Riesgo y Ganancias Compartidas. La Corporación Venezolana del Petróleo, S.A., u otra filial de Petróleos de Venezuela, S.A., que se designe al efecto, será la empresa estatal accionista de las nuevas Empresas Mixtas, correspondiéndole como mínimo, en cada una de ellas, una participación accionaría del sesenta por ciento (60%).

L’eredità di Chávez nel settore del petrolio

produccion Venez.

consultabile anche su: marcoiane.wordpress.com

1)INTRODUZIONE

Sarebbe molto difficile capire l’eredità di Chávez nel settore petrolifero, senza spiegare l’essenza del conflitto con le potenti élites che si erano impadronite della PDVSA. […] I gestori del petrolio della Quarta Repubblica, prima di consegnare al fisco qualsiasi aumento dei proventi del petrolio, preferivano destinarlo ad aumentare le capacità di estrazione, allo scopo di conquistare una quota crescente nel mercato internazionale, anche se questo poteva causare notevoli diminuzioni nei prezzi del petrolio. […] Ricostruire l’OPEP, richiedere un prezzo equo per il petrolio, aumentare il contributo fiscale proveniente dal petrolio, risollevare la PDVSA, smascherare la meritocrazia senza patria, sconfiggere il colpo di stato petrolifero, superare il sabotaggio della PDVSA, destinare una crescente percentuale della rendita all’investimento sociale e raggiungere la piena sovranità petrolifera, costituiscono parte dell’enorme eredità lasciata dal Presidente Chávez nel settore  petrolifero,  resa possibile dalla battaglia intensa e decisiva intrapresa dal leader della Rivoluzione Bolivariana per sconfiggere il dominio della tecnocrazia e delle multinazionali.

 

2) LA RICOSTRUZIONE DELL’OPEP E LA RIVENDICAZIONE DI UN PREZZO GIUSTO PER IL PETROLIO


Non appena al governo la prima volta nel 1999, il presidente Chávez ha avviato una politica volta ad affermare la sovranità nazionale sul petrolio e sulla politica fiscale del petrolio […]. Chávez si è proposto di ricostruire la disciplina delle quote all’interno dell’OPEP, allo scopo di difendere i prezzi e recuperare i proventi del petrolio. Con questo scopo evidente, organizzò a Caracas, nel settembre 2000, il Secondo Vertice dei Capi di Stato dell’OPEP, nel quale si diede vita a un accordo di successo tra i membri dell’OPEP e gli altri paesi esportatori, per ripristinare il sistema delle quote, il che ha contribuito alla ripresa del prezzo del petrolio.
[…] Le entrate derivanti al paese dalle esportazioni di idrocarburi sono aumentate considerevolmente, il che ha fornito le risorse al governo bolivariano per finanziare l’investimento sociale, attraverso il quale è stata realizzata una drastica riduzione degli elevati livelli di disoccupazione, povertà ed esclusione sociale .

 

3) IL NUOVO REGIME FISCALE PETROLIFERO A FAVORE DELLA NAZIONE

La rendita petrolifera è quello che ottiene la PDVSA dalle vendite totali di crudo e dei suoi derivati, compresi i proventi delle esportazioni e delle vendite realizzate in Venezuela. Mentre il gettito fiscale petrolifero è ciò che lo Stato venezuelano percepisce in qualità di proprietario delle risorse del sottosuolo e della PDVSA, comprensivo delle royalties, delle imposte sulla rendita e dei dividendi.
La chiave del sistema fiscale petrolifero è la percezione delle royalties, che rappresentano la forma più sicura di reddito per lo Stato, in quanto proprietario della risorsa naturale. […] La legge del 1943 stabiliva un canone di 1/6, pari al 16,67 % della produzione totale. Uno dei punti chiave della riforma della Legge sugli Idrocarburi promossa dal primo Chávez è stato un significativo aumento della partecipazione della Nazione all’estrazione del petrolio, concretizzato nel raddoppio delle royalties. Infatti, a partire dalla nuova legge, le royalties sono aumentate dal 16,67 % al 33 % . […]

4) IL RISCATTO DELLA PDVSA: UNO STATO NELLO STATO

Inizialmente, l’industria petrolifera ha lavorato sotto il regime delle concessioni alle corporazioni multinazionali. Ciò è durato fino al 1976, quando l’industria è stata nazionalizzata. […]
Dalla sua fondazione nel 1976 fino al 2002, la PDVSA ha operato come uno Stato nello Stato. Dirigenti, managers e colletti bianchi venezuelani hanno lavorato a stretto contatto con le compagnie petroliere internazionali, condividendo la loro visione del business del petrolio. […] Teoricamente, trasferendo il business del petrolio nelle mani dello Stato, si promuoveva un controllo fiscale sempre più rigoroso e trasparente. Ma è successo il contrario: le ispezioni alla compagnia – […] – si sono rilassate e il controllo della compagnia da parte del suo unico azionista (lo Stato) si è sempre più indebolito.

L’obiettivo della tecnocrazia della PDVSA era eludere i controlli dello Stato, per scalzarlo come  principale beneficiario della rendita del petrolio. Negli anni prima dell’arrivo al governo di Chávez, la gestione della PDVSA è incorsa in una frequente violazione della quota fissata da parte dell’OPEP a ogni paese, evidenziando chiaramente il suo scopo di smantellare il sistema delle quote e innescare un conflitto senza ritorno, che causasse il ritiro del Venezuela dall’organizzazione. […]. Il sequestro della PDVSA da parte della tecnocrazia e il rifiuto di questa a cooperare per ripristinare il sistema delle quote, rafforzare l’OPEP e recuperare il gettito fiscale petrolifero, ha suggerito a Chávez l’imperativo di riscattare la PDVSA, per metterla in linea con gli obiettivi del governo.

 

5) LO SMASCHERAMENTO DELLA  MERITOCRAZIA SENZA PATRIA

 

Usando come alibi il deterioramento del sistema politico ed economico venezuelano nella IV Repubblica […], la tecnocrazia giustificò il suo sfuggire al controllo fiscale dello Stato […]. La tecnocrazia si chiuse sempre più al controllo statale e impose un crescente controllo sulla  PDVSA. A questo scopo, creò un numero esagerato di imprese fuori del Venezuela, realizzando una gestione degli affari di raffinazione e commercio al margine dei controlli dello Stato e delle influenze politiche.

In opposizione all’interesse di incassare del governo, la dirigenza della compagnia era mossa dall’interesse di minimizzare il pagamento delle obbligazioni fiscali e amministrare direttamente la maggior parte della rendita petrolifera. […]. La partecipazione del governo alla rendita petrolifera cadde a livelli molto bassi, anche quando le entrate petroliere della compagnia tendevano ad aumentare. Secondo i propri dati statistici del Ministero dell’Energia e delle Miniere (oggi, Ministero del Potere Popolare per il Petrolio), per ogni dollaro di ricavo netto che si ottenne nel 1981, la PDVSA pagò al governo 71 centesimi in rendita, royalties e imposte, ma solo 39 centesimi nell’anno 2000. […] Investire e spendere tutta la rendita petrolifera era una questione di principio per le potenti élites che avevano sequestrato la PDVSA, sebbene questa pratica non sempre contribuisse a massimizzare i profitti della compagnia. Al contrario, risultava favorevole all’interesse delle  multinazionali petroliere e alle grandi potenze consumatrici di petrolio.

 

6) LA FINE DEI TRASFERIMENTI DEI GUADAGNI ALL’ESTERO

[…] Questa tecnocrazia, meglio conosciuta come meritocrazia, promuove a partire del 1989 la Politica di Apertura Petrolifera, orientata a privatizzare l’industria e a minimizzare il suo ruolo nel gettito fiscale. […]. A causa dei bassi livelli impositivi promossi dalla tecnocrazia, la politica fiscale della massimizzazione delle entrate fiscali del petrolio fu sostituita da una politica di minimizzazione del pagamento di royalties, imposte e dividendi, il che favoriva largamente l’interesse delle corporazioni multinazionali e delle principali potenze consumatrici di petrolio.

[…] Il capitale straniero, in associazione con la PDVSA, diventò nuovamente un importante produttore in Venezuela. Un 40 % del petrolio venezuelano rimase dentro i termini di questa politica. […] La maggior parte di questa produzione non solo non era soggetta alla quota OPEP, ma per giunta violava apertamente gli accordi dell’organizzazione.

Per portare avanti la politica di internazionalizzazione e apertura, la tecnocrazia della PDVSA comprò con metodo raffinerie in altri paesi, sottoscrivendo con queste contratti di fornitura a lungo termine, nei quali si garantivano sostanziali riduzioni. Per mezzo del meccanismo dei prezzi di trasferimento, la PDVSA offriva generosi sconti sui prezzi di vendita nelle sue filiali all’estero.

[…] Le filiali straniere della PDVSA non pagarono mai dividendi alla compagna madre. […] Generare entrate per il paese non fu mai l’oggetto di questa politica né l’interesse di queste filiali.

 

 

7) LA SCONFITTA DEL COLPO DI STATO E DEL SABOTAGGIO ALLA PDVSA

 

Chávez diventò presidente nel febbraio del 1999, in mezzo al peggior crollo dei prezzi del petrolio da mezzo secolo. In aggiunta a questo, il controllo che arrivò a imporre la dirigerenza della PDVSA sulle transazioni petroliere, minimizzò il contributo dell’industria al gettito fiscale. […]

Per invertire questa tendenza, Chávez si vide obbligato a strappare alla meritocrazia il controllo sulla compagnia statale. Questa determinazione fu portata avanti fino alle estreme conseguenze e fu proprio essa a causare il Colpo di Stato dell’aprile del 2002, per mezzo del quale Chávez fu deposto temporaneamente. Alla fine di quell’anno, sarebbe sopraggiunta una nuova offensiva  con il peggiore atto di sabotaggio commesso contro l’industria petrolifera nazionale in tutta la sua storia. Il sabotaggio si estese fino al marzo del 2003, distruggendo il cervello elettronico dell’ impresa, che vide paralizzate durante mesi le sue operazioni, soffrendo perdite multimillonarie e ingenti danni materiali.

[…] Il Governo Bolivariano aveva deciso di rivendicare la sovranità nazionale sul petrolio ed eliminare i prezzi di trasferimento che concedeva la PDVSA alle sue filiali straniere. Queste furono obbligate a pagare royalties basate sui prezzi del mercato internazionale e a pagare dividendi per la prima volta. Inoltre, si ingiunse alla tecnocrazia di spendere meno e pagare più imposte.

Una volta sconfitto il Colpo di Stato e recuperata l’industria petrolifera, il ristabilimento del sistema di quote contribuì al recupero del prezzo dell’offerta petrolifera venezuelana, che passò dai $ 7 al barile con cui lo trovò Chávez, fino a rompere la barriera dei $ 100.

[…]

8)  PIENA SOVRANITÀ PETROLIFERA

Allo scopo di completare il controllo del business del petrolio e massimizzare la rendita, il presidente Chávez ha lanciato il Piano Piena Sovranità Petrolifera: Nazionalizzazione della Cintura Petrolifera dell’Orinoco.[…]

Con questo decreto, il governo venezuelano ha terminato la ripresa del controllo del proprio petrolio e rafforzato la politica della sovranità completa del petrolio. I partenariati esistenti tra le società controllate dalla PDVSA e il settore privato, operanti nella Cintura dell’Orinoco, diventano joint ventures, in cui una quota di maggioranza è di proprietà del governo venezuelano, per mezzo della compagnia petrolifera di Stato.[…] 

Se è vero che attraverso il Piano Piena Sovranità Petrolifera si è rivendicata la sovranità nazionale del petrolio, rimane da portare avanti la progettazione e l’attuazione di una politica di industrializzazione degli idrocarburi che permetta di sostituire le importazioni e diversificare l’offerta esportabile. […]

 

9) LE SFIDE IMPELLENTI: IL SUPERAMENTO DELLA RENDITA

 

[…] Aumentare la produzione di petrolio e raccogliere più gettito sono obiettivi spesso contraddittori, poiché la produzione alle stelle in genere si traduce in prezzi più bassi e viceversa. La rendita petrolifera proviene dalla captazione di un plusvalore internazionale. Quindi, il controllo dell’estrazione del petrolio è stato motivato dall’interesse d i massimizzare i proventi del petrolio, ma non come strategia per iniziare la transizione del Venezuela da importatore rentier verso un modello produttivo esportatore. In prospettiva, non dobbiamo dimenticare che i piani di sviluppo e gli obiettivi del Venezuela come potenza energetica sono focalizzati su di un aumento dell’ estrazione di petrolio, per portarla a 6 milioni di barili al giorno.
[…] Di fronte a ogni picco della rendita abbiamo un picco nel consumo, l’abbondanza di valuta porta alla sopravvalutazione della moneta e questo rende più facile e più redditizio importare che produrre. Questa pratica è aggravata dalla politica monetaria di riferimento che tende a congelare il prezzo della moneta per diversi anni, il che si traduce in una sovvenzione al dollaro e, quindi, in una sovvenzione alle importazioni che si pagano con un dollaro ufficiale sempre più economico rispetto al prezzo raggiunto sul reale mercato valutario. I produttori si trasformano in importatori e la crescente e inarrestabile tendenza ad importare tutto soppianta l’industria nazionale. […]
La Rivoluzione Bolivariana ha come compito urgente la trasformazione del modello basato sulla rendita in un nuovo modello produttivo. Si tratta di un’impostazione costante nei programmi di governo, ma non si è ancora concretizzato in una strategia specificamente progettata, per superare il modello della rendita e per facilitare l’entrata in piena sovranità del Venezuela nell’economia mondiale. […].

Víctor Álvarez R.

twitter: @victoralvarezr

blog: http://victoralvarezrodriguez.blogspot.com

EL LEGADO DE CHÁVEZ. Reflexiones desde el pensamiento crítico, a cura di Luis Bonilla Molina Centro Internacional Miranda, Caracas, pp. 31-44

[Traduzione dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Il Venezuela somministra combustibile agli emarginati negli USA

PDVSA cartel

di Davide Brooks – Corrispondente del Periodico La Jornada

Caracas somministra agli emarginati USA combustibile per il riscaldamento. Lanciata l’ottava edizione del programma di solidarietà del Venezuela con gli USA

Sabato 2 febbraio 2013, pag. 25

New York, 1° Febbraio. Il progetto di solidarietà del Venezuela con gli USA, attraverso un programma di consegna di combustibile per il riscaldamento alle comunità marginali e vulnerabili che aiuterà circa 100mila famiglie in 25 stati – inclusi più di 240 comunità indigene – per resistere al freddo invernale, ha iniziato il suo ottavo anno questa settimana, così come ha annunciato l’impresa petrolifera statunitense Citgo, sussidiaria della Petróleos de Venezuela e la sua socia Citizens Energy Corporation.

Durante una cerimonia in un albergo per famiglie a Baltimora, il responsabile esecutivo della Citgo, Alejandro Granado, insieme con Joseph P. Kennedy II, presidente della Citizens Energy Corporation, impresa energetica senza fine di lucro, hanno lanciato l’ottava edizione annuale del programma di combustibile da riscaldamento Citgo-Venezuela.

Di questo piano hanno beneficiato più di 1.7 milioni di persone dal 2005, quando si è dato inizio alla donazione venezuelana per aiutare le vittime degli uragani Katrina e Rita. Il programma è evoluto fino a diventare insieme all’organizzazione di Kennedy, donando più di 200 milioni di galloni di combustibile, per un valore superiore ai 400 milioni di dollari.

Tale programma, ha dichiarato Granado, “è uno degli sforzi di assistenza di energia più importanti del paese”. Ha informato che la percentuale delle risorse che l’impresa ha speso in programmi sociali negli USA è stata fino a cinque volte maggiore di quelle delle altre società petrolifere di questo paese. Ha affermato che quest’anno sarà ancora più importante poiché la donazione darà beneficio anche a molte delle vittime dell’uragano Sandy che ha colpito la costa est.  Ha sottolineato che il programma è “un perfetto esempio dei principi umanitari attuati” dalla Petróleos de Venezuela SA (Pdvsa).

L’ex rappresentate federale Joseph Kennedy – figlio maggiore di Robert F. Kennedy – ha dichiarato che queste donazioni “del popolo del Venezuela” hanno aiutato migliaia di famiglie negli USA degli ultimi anni e ha evidenziato che “è importante continuare ad appoggiare famiglie statunitensi attraverso tale programma”. Ha affermato che quest’anno “aiuteremo più di 400 mila persone a mantenersi caldi e sicuri quest’inverno”.

Ha ricordato di essersi riunito con rappresentanti delle principali imprese petrolifere degli USA e di altri paesi produttori di crudo per sollecitare il loro aiuto in questo tipo di sforzo: “Tutte loro hanno detti di no, ad eccezione della Citgo, il presidente Chávez ed il popolo venezuelano”. Il progetto è stato originariamente avviato nel 2005 dall’allora ambasciatore venezuelano negli USA, Bernardo Álvarez, che adesso è rappresentante del suo governo in Spagna.

Per maggiori informazioni: www.citizensenergy.com e http://www.citgo.com

[trad. dal castigliano di Ciro Brescia]

Caracas suministra a marginados de EEUU combustible para calefacción
Lanzan octava edición de programa solidario de Venezuela con EU

David Brooks Corresponsal Periódico La Jornada
Sábado 2 de febrero de 2013, p. 25

Nueva York, 1º de febrero. El proyecto de solidaridad de Venezuela con Estados Unidos, mediante un programa de entrega de combustible para calefacción a comunidades marginadas y vulnerables que ayudará a que unas 100 mil familias en 25 estados –incluyendo más de 240 comunidades indígenas– enfrenten este invierno, empezó su octavo año esta semana, anunciaron la empresa petrolera estadunidense Citgo, subsidiaria de Petróleos de Venezuela, y su socia Citizens Energy Corporation.

En una ceremonia en un albergue para familias en Baltimore, el ejecutivo en jefe de Citgo, Alejandro Granado, junto con Joseph P. Kennedy II, presidente de Citizens Energy Corporation, empresa energética sin fines de lucro, lanzaron la octava edición anual del programa de combustible de calefacción Citgo-Venezuela.

El plan ha beneficiado a más de 1.7 millones de personas desde 2005, cuando se inició como donación venezolana para ayudar a los afectados por los huracanes Katrina y Rita. El programa ha evolucionado hasta convertirse en conjunto con la organización de Kennedy, donando más de 200 millones de galones de combustible, que tienen un valor superior a 400 millones de dólares.

Este programa, declaró Granado, “es uno de los esfuerzos de asistencia de energía más importantes en el país”. Informó que el porcentaje de recursos que la empresa ha gastado en programas sociales en Estados Unidos ha sido hasta cinco veces mayor al de otros de las principales petroleras de este país. Afirmó que este año será aún más importante, ya que la donación beneficiará también a muchos de los afectados por el huracán Sandy en la costa este. Subrayó que el programa es “un ejemplo integral de los principios humanitarios endosados” por Petróleos de Venezuela SA (Pdvsa).

El ex representante federal Joseph Kennedy –hijo mayor de Robert F. Kennedy– declaró que estas donaciones del “pueblo de Venezuela” han ayudado a cientos de miles de familias en Estados Unidos en los últimos años, y subrayó que “es crítico continuar apoyando a familias estadunidenses a través de este programa”. Dijo que este año “ayudaremos a más de 400 mil personas a mantenerse calientes y seguras este invierno”.

Recordó que se reunió con representantes de las principales empresas petroleras de Estados Unidos y otros países productores de crudo para solicitar su ayuda en ese tipo de esfuerzos. “Todos dijeron que no, excepto Citgo, el presidente Chávez y el pueblo de Venezuela.”
El proyecto fue originalmente impulsado en 2005 por el entonces embajador venezolano en Estados Unidos, Bernardo Álvarez, quien ahora es el representante de su gobierno en España.

Para mayor información: http://www.citizensenergy.com y http://www.citgo.com

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: