El dilema neoliberal en las calles francesas

El dilema neoliberal en las calles francesas – Por  David Gómez Rodríguez*por David Gómez Rodríguez
@davidgomez_rp

¿Y acaso la Comuna de París no se desarrolló en la calle? Macron no cree que la calle, que es el escenario de la voluntad general pueda contra su voluntad particular ¡Que dirían los ilustrados franceses! En cualquier caso, los trabajadores opinan lo contrario, pues luego de haberle sido otorgado por parte del parlamento atribuciones legislativas que algunos llamaron «superpoderes» e incluso «golpe de estado social», la gente se volcó a la calle protestando contra la reforma laboral con la que el presidente Francés asegura disminuirá el desempleo en el país, el único problema es que es a costa de la seguridad laboral de los ciudadanos y ciudadanas francesas. Todo indica que Macron seguirá girando el timón cada vez más a la derecha asediando la tan renombrada seguridad social que el gobierno francés ha desarrollado por años ¿Quién podrá defenderla?

Es cierto que existen algunos precedentes que podríamos tomar como referencia para analizar la actual coyuntura enmarcada en la misma crisis global. Por ejemplo, las inmensas movilizaciones populares contra la ley del trabajo impulsadas por Hollande en el año 2016 o aquellas marchas contra la reforma de las pensiones que Sarkozy impulsó en 2010, ciertamente ninguna de ellas hicieron que los gobiernos de entonces retrocedieran frente a esas políticas, lo que nos hace preguntarnos ¿si no es el pueblo movilizado el que puede detener a su gobierno en decisiones que afectan la vida social y económica de la sociedad, ni son los mecanismo consultivos lo que se utilizan por parte del Estado, resultan estas medidas atentados a la democracia? Si la respuesta es afirmativa, estamos hablando de que más allá de un nuevo giro neoliberal en la economía francesa se está expresando una crisis profunda en Europa en lo que respecta a sus sistemas de gobierno, si es así habrá que retomar los libros de Rousseau e impulsar una discusión en torno a la democracia que podría incluir como ejemplo a las tan atacadas dictaduras latinoamericanas del siglo XXI y poner en contraste muchas cosas, conceptos y hasta situaciones. Por ejemplo, en Venezuela los sectores más pudientes apuestan al sabotaje de la economía mientras la clase media protesta contra medidas socialistas y en Francia los empresarios preparan despidos con una legislación blanda mientras protestan los trabajadores y trabajadoras contra medidas neoliberales del gobierno, pero resulta que los medios de comunicación muestran al mundo al revés y mientras en Venezuela se le dice dictadura a la instalación de una Asamblea Nacional Constituyente electa por los ciudadanos y las ciudadanas para discutir sobre la constitución y el futuro del país, en la democracia Francesa no pueden llamar a un referéndum por la reforma laboral ¡Que contradición!

Le queda a la CGT seguir convocando a manifestarse contra lo que ellos han llamado «una regresión social», en Latinoamérica ya hemos pasado por esas regresiones/agresiones, todo el siglo XX estuvo signado por este tipo de medidas que llevaron a la pobreza extrema a gran parte de la población de nuestros países, entre muchos casos podemos decir que en Venezuela existía un 41% de pobreza extrema y fue en ese caldo en el que se cocinó la explosión social a la que se bautizó como «Caracazo» y de la que resultaron más de 3.000 muertos en 3 días de protesta en manos de las fuerzas policiales y militares. Lo cierto es que hoy Macron mira a Francia y contrasta el 1.1% de crecimiento económico de su país frente a la media europea de 1.7%, también le preocupa el casi 10% de desempleo que afecta en gran medida a los jóvenes y prefiere arriesgarse con medidas que afectan a los trabajadores y trabajadoras y que también se ven reflejadas en números, pues según el instituto YouGov el mandatario ha disminuido su popularidad más de 12 puntos llegando a un 30% a inicios de septiembre. Macron debe recordar que incluso más allá de las teorías socialistas los trabajadores y las trabajadoras son la mayoría y que aunque en estos tiempos muchos han confundido plutocracia y democracia, la gente parece estar cansada de esas escaramuzas.

Este escenario político no es muy alentador para aquellos que proponen la reforma, pues teniendo en cuenta que el representante de la CGT, Jérome Vérité, aseguró que está previsto continuar con el paro hasta lograr que las autoridades se vean en la obligación de echar atrás las medidas, el descontento social seguirá creciendo y dependiendo de la radicalidad de los dirigentes de fuerzas políticas como la Francia Insumisa, me refiero a Jean-Luc Mélechon, Macron tendrá que sufrir una derrota fulminante o lanzar las fuerzas represivas del Estado a la calle ¿Será Macron capaz de involucrarse en un círculo de violencia de Estado tan contrario a la democracia?

En cualquier caso, si esto fuese un juego de ajedrez tanto el pueblo como el gobierno se encuentran en jaque, sin embargo, todos saben que más allá del tablero la reina corre cuando las calles se desbordan.

 

Caracas prevede di approfondire le relazioni bilaterali con Atene

il-presidente-maduro-e-il-premier-ellenico-tsipras_421031da mre.gov.ve

Durante un’intervista rilasciata all’emittente multi-statale Telesur, il capo di stato, Nicolás Maduro, ha reso noto che il governo bolivariano ha intenzione di approfondire le relazioni bilaterali con la Grecia al massimo livello, in ambito economico, energetico, turistico e commerciale.

Il Presidente ha dichiarato di essere già in contatto con il Primo Ministro greco, Alexis Tsipras. A tal proposito, ha annunciato di essere pronto a visitare questa nazione sorella «nel momento in cui si presentino le condizioni».

Maduro ha inoltre colto l’occasione per complimentarsi con Alexis Tsipras e manifestargli sostegno in seguito al rifiuto delle misure neoliberiste della Troika mediante il referendum del 5 di luglio, dove oltre 11 milioni di cittadini greci si sono opposti ai tagli sociali imposti dai creditori: il Fondo Monetario Internazionale, la Commissione Europea e la Banca Centrale Europea.

«L’intelligenza di questo giovane (Alexis Tsipras) è ammirevole, incredibile. (…) Alexis mi ha detto che questo referendum gli ricorda il referendum revocatorio contro il Presidente Hugo Chávez, per l’impatto che ha avuto sul mondo», ha sottolineato il Presidente Maduro.

Infine ha fatto appello ai popoli del mondo affinché seguano l’esempio della Grecia «liberandosi dal giogo del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale e del neoliberismo».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Giacché: «Europa destabilizzata dal potere di ricatto dei creditori»

renzi-merkel-510-2-7-2015da Marx21.it

Le ultime vicende sulla crisi greca hanno mostrato come un governo democratico, fedele al suo mandato elettorale, possa mettere in discussione la governance europea, rigida su regole punitive che nulla hanno a che fare con la virtuosità dei paesi dell’eurozona. Il fallimento più grande è proprio l’architettura della UE e dei suoi Trattati, che negano la possibilità di agire su obiettivi realmente strutturali, come l’occupazione, la capacità produttiva e i redditi. In questo contesto, la moneta unica è uno strumento di potere funzionale ad interessi altri, quali la stabilità dei prezzi e delle banche. Se è vero che bisogna rimettere in discussione regole e obiettivi europei, allo stesso tempo è necessario capire in quali tempi queste modifiche possono intervenire. Più i tempi sono lunghi più è inevitabile che anche la moneta unica possa essere rimessa in discussione, in quanto strumento di potere. Ne parliamo con Vladimiro Giacché, economista e Presidente del Centro Europa Ricerche.

Nonostante l’intransigenza mostrata dal governo tedesco e qualche gioco strategico, pare che la fermezza di Tsipras abbia mandato in tilt l’armonia della governance europea. Come lo interpreta?

Tsipras ha fatto una cosa nuova nell’Europa di questi ultimi anni: ha cercato di tener fede al mandato elettorale ricevuto. Ha trattato, ma quando ha visto che quello che veniva richiesto dalla controparte (peraltro senza contropartite immediate in termini di debt relief) era incompatibile col mandato elettorale ricevuto, ha detto che a quel punto soltanto gli elettori del suo Paese potevano decidere se accettare le proposte europee. In questo modo ha rotto il potere di ricatto dei creditori. Questo ha mandato in tilt la governance europea, che in questi ultimi anni è stata caratterizzata da un potere esorbitante dei creditori. L’Europa oggi viene destabilizzata non da Tsipras, ma proprio da quel potere esorbitante, che ha avuto conseguenze pesantissime per molte economie tra cui la nostra.

Tsipras ha fatto default, ma ha comunque rilanciato chiedendo ristrutturazione del debito, tema che sembrava sparito dal tavolo dei negoziati, e nuovi prestiti. Com’è finita la negoziazione dell’ultimo eurogruppo di fatto e cosa significa concretamente?

La ristrutturazione del debito greco la chiede la situazione prima ancora che Tsipras: l’entità attuale del debito greco è semplicemente impagabile. Lo era già nel 2010, ma allora si decise di non praticare un taglio del debito, perché questo avrebbe colpito le banche francesi e tedesche, fortemente esposte sulla Grecia. Non avendo ridotto il debito, il successivo intervento di BCE, fondo salva-Stati e FMI è servito unicamente a quelle banche per far rientrare la loro esposizione sulla Grecia senza troppi danni, ma non ha rappresentato alcun “salvataggio” della Grecia. A quanto è dato di capire l’Eurogruppo ha deciso comunque di chiudere la porta al governo greco sino al referendum, probabilmente confidando in un suo esito positivo (vittoria del Sì ndr).

Seppure sia stato un errore entrare nell’euro (cosa dimenticata da quasi tutte le sinistre europee), è possibile dire che è tutta colpa della moneta unica? Quanto pesano per i Paesi del Sud Europa le mancate politiche industriali a prescindere dalla moneta?

No, non è tutta colpa della moneta unica. Le mancate politiche industriali pesano, come pure gli insufficienti investimenti da parte delle imprese, che nella seconda parte degli anni Novanta ritennero di non averne bisogno potendo giovarsi dei maggiori profitti derivanti dall’abolizione della scala mobile. Il risultato è stata una perdita di competitività evidente nel decennio successivo, che però a quel punto, essendo nel frattempo partita la moneta unica, non poteva più essere corretta da una svalutazione. Il punto però è un altro: la moneta unica rappresenta comunque un elemento di rigidità che ostacola, e non favorisce, la convergenza tra le economie. Questa divergenza negli ultimi anni si è accentuata.

continua a leggere

Neoliberismo contro socialismo: 5 milioni di colombiani in Venezuela

resizedi Fabrizio Verde – lantidiplomatico.it

Mentre in Europa si pensa a come bombardare i barconi di immigrati, il Venezuela ha accolto 800 mila colombiani nel solo 2014

Di Venezuela e della rivoluzione bolivariana in corso nel paese in Italia leggete solo quando Saviano una mattina si sveglia e decide di diffondere falsità vecchie di mesi dalla peggiore stampa internazionale, quella stessa stampa che dal colpo di stato contro Chávez del 2002 ad oggi è il braccio armato ormai palesato di chi vuole imporre un cambio di regime forzato a Caracas e descrive il Venezuela come un paese senza controllo, destinato a schiantarsi. Un luogo dove il popolo è costretto a soffrire schiacciato dal tallone di ferro di un governo tirannico. Insomma, un posto da abbandonare il prima possibile.

Eppure, secondo i dati diffusi dal presidente Maduro e riportati in un’inchiesta del portale colombiano elespiadigital.com, la situazione è ben diversa, con milioni di colombiani che hanno abbandonato quello che potremmo definire un regime dove è in vigore il neoliberismo reale, per raggiungere il Venezuela Bolivariano e Socialista. È chiaro che c’è qualcosa che non torna nella narrazione del mainstream sul Venezuela.

Scrive elespiadigital.com: «Il presidente Maduro ha twittato le cifre sull’emigrazione colombiana in Venezuela. La quantità totale di emigrati è di circa 5 milioni, di cui 800mila nel solo 2014. Mentre furono 150mila nel 2013, e 12mila nel mese di gennaio di quest’anno. Cifre occultate dall’Istituto Nazionale di Statistica colombiano».

Secondo Félix de Alcázar, presidente dell’Associazione dei Colombiani e delle Colombiane in Venezuela, sono quattro i fattori fondamentali da prendere in considerazione per comprendere i motivi della migrazione colombiana in Venezuela.

Economico: lo stipendio base di un lavoratore colombiano (644.000 pesos al mese) non è sufficiente per mantenere se stesso e la sua famiglia a causa della forte inflazione e dell’elevato costo di beni e servizi. In Venezuela, invece, spiega Félix de Alcázar «in Venezuela difendono i diritti dei lavoratori e vengono assicurati prestazione mediche e sociali; non vi è sfruttamento come in un paese neoliberista come la Colombia».

Politico: in Colombia lo stato non si preoccupa che il popolo viva senza diritti; in Venezuela invece vige uno stato di diritto costituito da una rivoluzione.

Sociale: il problema sociale deriva direttamente da quello politico – scrive elespiadigital.com – perché vi sono persone che non hanno letteralmente da mangiare, oppure che ricevono una paga troppo bassa. Quindi il colombiano deve cercare di guadagnare attraverso il contrabbando.

Giudiziario: la violenza in Colombia resta impunita a causa della connivenza delle istituzioni.

Le cifre sull’emigrazione colombiana in Venezuela rese note da Maduro coincidono con i dati in possesso all’associazione che le conferma. Quindi dal paradiso neo-liberale, membro dell’Alleanza del Pacifico e modello per gli Stati Uniti per il futuro dell’America Latina si fugge letteralmente… e l’approdo è il “mostro” Venezuela. Basterebbe questa notizia per smontare in pochi minuti il 99% delle falsità che si scrivono su entrambi i paesi. E poi mentre in Europa si pensa ad affondare i barconi di immigrati, il “mostro Venezuela” ha accolto 800 mila colombiani solo nel 2014. Ma potete stare tranquilli perché di tutto questo in Italia non saprete mai nulla. E questo anche perché chi ha la possibilità di filtrare le notizie alla massa dell’opinione pubblica come Roberto Saviano non lo scriverà.

Carlo Marx, i rivoluzionari e i neoliberali

di Sergio Alejandro Gómez / internet@granma.cu

A 197 anni dalla sua nascita, il pensiero del filosofo ed economista tedesco continuano a girare il mondo

4 maggio 2015.- Carlo Marx non è solo un riferimento per chi lotta per un cambio sociale, anche i suoi più energici detrattori sono costretti a consultarlo in tempi di crisi. Di fatto, è quasi del tutto impossibile ignorare questo economista e filosofo tedesco del XIX secolo, che ebbe la lungimiranza di predire con esattezza l’instabilità del capitalismo e di lottare per tutto l’arco della sua vita a favore di un sistema che superasse le sue ingiustizie e contraddizioni. Sviato da taluni e demonizzato da altri, le sue idee rappresentano tuttora una miscela esplosiva in tempi di crisi. Un inchiesta della BBC del 1999 lo ha definito come il “pensatore del millennio”, superando per importanza non poche delle principali figure della scienza, come Albert Einstein.

Secondo lo storico britannico, Eric Hobsbawm, durante la seconda metà del Ventesimo secolo, quasi tre quarti dell’umanità viveva in un sistema politico con alcuni orientamenti di tipo socialista e che si ispiravano a Marx. Nonostante i cambiamenti e le convulsioni che viviamo oggi, che configurano un mondo invero differente a quello della Prussia che vide nascere Marx il 5 maggio 1818, questi ultimi due secoli non hanno fanno nient’altro che confermare molte delle sue tesi. Non è un caso, infatti, che solo nel 2009 la vendita dei “Il Capitale”, il miglior testo in circolazione che analizza con precisione il funzionamento del sistema capitalista, è andato a “ruba” sia negli Stati Uniti che in Europa. Ora di fronte all’incapacità d’analisi della crisi da parte dei “think thank” neo-cons – gli stessi che parlano della mano invisibile del mercato – molti politici come l’allora presidente francese Nicolas Sarkozy dovettero ammettere di aver dovuto leggere quell’opera per comprendere la crisi strutturale del capitalismo.

Ciò nondimeno, le “ricette” dell’economista britannico John Maynard Keynes – che di certo è colpevole di qualsiasi cosa tranne di essere un rivoluzionario – svolsero una funzione egemonizzante per un breve periodo, lasciando in ombra gli studi di Marx. Le sue ricette contro la crisi è sul ruolo strategico dello stato nel capitalismo segnarono la maggior parte degli studi e delle analisi del secolo passato; sebbene con la discesa del neoliberalismo i suoi scritti cominciarono ad essere dimenticati. Fu Marx che predisse con precisione che il peso della crisi sarebbe ricaduto sulle spalle dei lavoratori e che infine i pesci grandi avrebbero mangiato quelli piccoli, in quello che egli definiva come il costante processo di accumulazione della ricchezza. Ebbene, questa realtà la vivono oggi milioni di persone, ivi incluso nella ricca Europa, dove non solo cadde il Muro di Berlino, ma anche quello dello stato sociale, che salvaguardava i lavoratori dall’espropriazione capitalista, garantendogli i diritti sociali.

Ora, se certe categorie come borghesia e proletariato possono sembrare di primo acchito antiquate per i nostri tempi, le rivendicazioni di quel 99% che è stanco di quel 1% che prende le decisioni su tutte le questioni più importanti, è senz’altro una conferma che la lotta di classe è il motore della storia, come ebbe a dire Marx. Qualche tempo fa, un libro di 650 pagine scritto dall’economista francese Thomas Piketty si è convertito in un best seller mondiale, là dove prende spunto per le sue analisi da una delle principali tesi del pensiero marxista: la tendenza verso l’accumulazione del capitale, dove i poveri saranno sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi. Il testo ha generato una discussione per nulla pacifica e taluni economisti in doppio petto hanno cercato di confutare i dati degli ultimi trent’anni che ha utilizzato l’economista francese. E chissà che questo non è servito a qualcosa. Queste tesi così chiare e semplici smontano con precisione il mito che la modernità porterebbe con se i benefici dei potenti all’intera maggioranza della popolazione mondiale, come del resto lo aveva già spiegato lo stesso Marx.

Come dimostrano molte inchieste del cosiddetto “Primo Mondo”, gli adulti di oggi non si sentono sicuri che i loro figli riescano a vivere meglio di loro e – anzi – sono convinti che i loro genitori vissero una congiuntura migliore della loro. “Tutto ciò che è solido, svanisce nell’aria”, ebbe a scrivere Marx nel Manifesto Comunista in merito alla tendenza distruttiva e nel contempo creatrice del capitalismo. Era il 1848, non c’erano né internet e nemmeno i telefoni della Apple.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessandro Pagani

(VIDEO) Maduro a Tsipras: «Un altro mondo è possibile»

918da Correo del Orinoco

Il capo dello Stato ha confermato che Tsipras, uscito vincitore dalle elezioni tenutesi il 25 gennaio 2015 nel paese ellenico, realizzerà un tour in America Latina con l’obiettivo di tirare fuori il suo paese da quella crisi dove il «sistema neoliberista lo ha fatto sprofondare»

Il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, nel corso di una conferenza tenuta nello stato di Carabobo ha reso noto di aver sostenuto una conversazione telefonica con il primo ministro greco Alexis Tsipras.

«Ho invitato Alexis a venire il più presto possibile qui in Venezuela, visto che ha intenzione di recarsi in America Latina», ha confermato Maduro.

Il capo dello Stato ha confermato che Tsipras, uscito vincitore dalle elezioni tenutesi il 25 gennaio 2015 nel paese ellenico, realizzerà un tour in America Latina con l’obiettivo di tirare fuori il suo paese da quella crisi dove il «sistema neoliberista lo ha fatto sprofondare».

Il successore di Chávez ha poi sottolineato che Tsipras è stato vittima di una campagna diffamatoria, «ma nonostante questo attacco, dove sono stati utilizzati gli stessi sporchi trucchi di cui si è avvalsa la campagna antichavista, il popolo greco ha appoggiato la sua nuova proposta».

Maduro ha infine spiegato che il Venezuela e la Grecia stanno lavorando in maniera congiunta a una serie di accordi di cooperazione bilaterale: «La Grecia è un grande paese con un eccellente industria navale, una buona base industriale e sviluppo tecnologico. La Grecia può risollevarsi. Sosteniamo l’enorme sforzo di Alexis Tsipras, insieme vogliamo dimostrare che un altro mondo è possibile».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

___

(VIDEO) Podemos: «La Spagna è assetata di democrazia»

1978583_10152654876926179_1354263687835555640_oda Telesur

«L’Europa e la Spagna devono affrontare il totalitarismo finanziario (…) Possiamo sognare, possiamo vincere» ha dichiarato Pablo Iglesias

Il leader del partito spagnolo Podemos, Pablo Iglesias, ha affermato durante la mobilitazione di massa tenutasi a Madrid per la trasformazione sociale e politica del paese europeo, che «la Spagna è assetata di democrazia» e per questo «dobbiamo lavorare per vincere le elezioni del 2015».

Nell’emblematica cornice della piazza di Puerta del Sol nella capitale spagnola, Iglesias ha spiegato che con il partito «sogna un paese migliore (…) Vogliamo un paese dove nessuno sia lasciato fuori, e dove tutti possano godere degli stessi diritti».

Il portavoce ha poi sottolineato la necessità di un «piano di soccorso per i cittadini, in cui venga tesa la mano ai settori più vulnerabili ed esclusi», e che al contempo si adotti l’economia verde «cancellando il modello precario e instabile basato sul mattone che ha portato solo perdite».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

__

Quando il Brasile era neoliberista

Aécio Neves, herederero político de Fernando Henrique Cardoso (Foto: Archivo)da brasildecide.telesurtv.net

Il modello neoliberista è stato applicato in Brasile dal governo di Fernando Collor de Melo nel 1990 ed è continuato durante i due mandati di Fernando Henrique Cardoso.

Cardoso giunse al potere promettendo:

  • Stabilità monetaria come prodotto della lotta all’inflazione.
  • Sviluppo economico attraverso investimenti esteri.
  • La creazione di nuovi posti di lavoro.
  • Redistribuzione del reddito.
  • L’accesso del paese al primo mondo.

Cardoso ha governato potendo contare sulla maggioranza assoluta nel Congresso, grazie a una coalizione tra il suo partito, il Partito della Social Democrazia Brasiliana (PSDB), e la destra tradizionale. Ottenuto il sostegno dell’imprenditoria nazionale e internazionale, ha governato con il beneplacito della stampa mainstream.

Le promesse non furono mantenute e le trasformazioni portarono il Brasile in tutt’altra direzione.

L’eredità del PSDB

Non vi fu crescita economica. Le politiche d’indebitamento verso il settore privato e gli organismi internazionali comportarono un notevole aumento del deficit pubblico.

Il modello neoliberista aumentò le importazioni e produsse un deficit nella bilancia commerciale incrementato dall’afflusso di capitali speculativi. Le esportazioni passarono da 35 a 52 miliardi di dollari nel periodo 1992-1997, mentre le importazioni triplicarono passando da 20,5 a 61,3 miliardi di dollari. La bilancia commerciale da un surplus di 15,2 miliardi di dollari passò a un deficit di 8,3 miliardi dollari.

Ebbe luogo un processo di finanziarizzazione dell’economia, dove il ruolo egemonico fu assunto dal capitale finanziario. I grandi beneficiari di quel periodo furono gli istituti bancari.

Gli investimenti pubblici in sanità e istruzione diminuirono drasticamente. Il fondo per l’istruzione si ridusse dal 20,3% nel 1995 all’8,9% nel 2000, in contrasto con il pagamento degli interessi sul debito che salirono dal 24,9% delle entrate al 55,1% nel 2000.

Cardoso indebolì la capacità di regolamentazione dello Stato colpendo i diritti dei lavoratori. Come risultato, vi fu l’applicazione di una politica di “flessibilità del lavoro”, che significò per i lavoratori  non avere contratti regolari, precarizzando il lavoro.

Il lavoro precario raggiunse il 55% nel 2000, mentre i rapporti di lavoro regolari erano solo il 45%.

Aumento della disoccupazione, economia informale e servizi pubblici deteriorati. Le politiche neoliberiste di Cardoso colpirono principalmente la classe media.

Nelle aree povere delle periferie urbane (40% della popolazione) si aggravò la crisi sociale, aumentò la povertà, l’esclusione sociale, la violenza, il traffico di droga. L’assenza dello stato, consentì il maggiore insediamento dei gruppi criminali.

Questo fu il paese ereditato da Luis Inácio Lula da Silva e dal Partito dei Lavoratori, quando assursero al potere.

Nel 2014 sono di nuovo questi i due modelli di sviluppo che si affrontano. Dilma erede di Lula e delle politiche di inclusione sociale del governo attuale contro Aécio Neves, erede di Fernando Henrique Cardoso, il suo mentore principale.

I principali punti del programma di governo di Aécio Neves sono:

  • Decentramento
  • Semplificazione della burocrazia statale. Efficienza del pubblico per risolvere i problemi della popolazione. Migliorare i servizi pubblici
  • Trasparenza nell’attuazione delle politiche pubbliche.
  • Partecipazione popolare.

Sul fronte economico il programma di governo include:

Promuovere l’integrazione del Brasile nel commercio internazionale con particolare attenzione verso l’Unione Europea e gli Stati Uniti. Neves propone di definire una strategia di “integrazione competitiva delle società brasiliane nelle catene globali del valore”.

Alcune linee guida del suo programma contemplano:

Recupero della competività e stimolo all’inserimento del Brasile nel commercio internazionale.

Una riforma tributaria per facilitare il lavoro produttivo. Riduzione del carico fiscale sulle esportazioni.

Riprendere i negoziati sugli accordi commerciali e il sostegno agli investimenti esteri.

Concludere i negoziati con l’Unione Europea, blocco riconosciuto come il principale mercato per le esportazioni brasiliane.

Porre le basi per un accordo preferenziale con gli Stati Uniti

Rivalutare le priorità strategiche nei rapporti con la Cina.

Rivisitare politiche per l’integrazione regionale per – sotto la guida del Brasile – ristabilire il primato della liberalizzazione del commercio e l’approfondimento degli accordi vigenti nel Mercosur.

Recuperare gli obiettivi iniziali del blocco, considerato paralizzato e senza strategia, nonché rendere maggiormente flessibili le regole in modo da poter procedere nei negoziati con paesi terzi.

Temi come l’integrazione latinoamericana, l’UNASUR, il rafforzamento dei BRICS, non sono prioritari nell’agenda di Neves.

Il principale consigliere economico di Aécio Neves è Arminio Fraga, ex presidente della Banca Centrale durante la presidenza di Fernando Henrique Cardoso. Questo fattore elimina ogni dubbio circa la natura neoliberista della proposta di Neves.

In questo secondo turno elettorale Neves, candidato della destra brasiliana, può contare sul sostegno  dei media mainstream, del settore finanziario, dei settori più conservatori del mondo imprenditoriale brasiliano. La sua base sociale si concentra in gran parte nelle classi medio-alte urbane, delle regioni più ricche del Paese.

Domenica 26 ottobre il Brasile si troverà di fronte a un bivio: tornare alle pratiche neoliberiste dei tempi di Cardoso, oppure avanzare con il programma d’inclusione sociale dei governi di Dilma Rousseff e del PT.

 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: