MST y las elecciones en Brasil

Risultati immagini per marcha MST BrasilCompañeros y Compañeras, Amigos y Amigas del MST en todo el mundo

Nos gustaría compartir algunos de nuestros puntos de vista sobre este delicado momento de la política brasileña en la última semana de la campaña electoral:

1. Esta elección es muy especial porque puede significar la victoria o la derrota del golpe contra la democracia iniciado en 2014, que prosiguió con el impeachment de la presidenta Dilma Roussef, se extendió al gobierno ilegítimo de Michel Temer. Para nosotros, el golpe no es sólo el impeachment. El golpe es el proyecto que las élites y el capital financiero no tuvieron fuerza para conquistar en las elecciones y que necesitaban la fuerza y la ilegalidad de otros aparatos como los medios y el poder judicial para ejecutar. Así, el golpe es también las reformas de retirada de derechos, el estímulo al desempleo y, principalmente, la prisión política del presidente Lula, sin pruebas y en velocidad acelerada, para impedir que el candidato favorito de la población disputara las elecciones.

2. Comprendemos también que el golpe es síntoma de la profunda crisis económica, social y política que afecta no sólo a Brasil, sino a todo el mundo, resultado de la hegemonía del capital financiero internacional y de la destrucción acelerada de los bienes de la naturaleza, de los derechos sociales y del Estado en todo el mundo. Es importante tener esta comprensión, porque las elecciones no resolverán esta crisis y probablemente, incluso con la victoria de las fuerzas populares, tendremos la continuidad de la crisis y de los enfrentamientos que marcaron este período.

3. La población brasileña comprendió que hubo un golpe y que era necesario derrotarlo. Pero no escogió el camino de las calles y de las movilizaciones. Con la excepción de la victoriosa huelga general que barrió la reforma de las pensiones. De esta forma, eligió en la candidatura a Lula la forma de manifestar su descontento y deseo de cambios. El MST defendió la candidatura de Lula hasta donde fue posible. Realizamos una hermosa marcha para registrar su candidatura y con otros movimientos populares hicimos una huelga de hambre que duró 26 días y denunció las manipulaciones del Poder Judicial. Y hemos mantenido el Campamento Lula Libre frente a la carcelería de la Policía Federal en Curitiba como testimonio vivo de nuestra convicción de la inocencia del presidente. A pesar de las protestas de la ONU y de un gran movimiento cívico por Lula Libre, el Poder Judicial impidió que el presidente Lula pudiera concurrir a las elecciones. Frente a ello, el Partido de los Trabajadores optó por lanzar al ex ministro de Educación y ex alcalde de Sao Paulo Fernando Hadadd como candidato. Y nosotros, como las demás fuerzas democráticas, decidimos apoyar su candidatura, porque representa la derrota del golpe, la libertad de Lula y la posibilidad de superar la grave crisis económica y política y reanudar un camino de desarrollo del país.

4. Por otro lado, en estos 4 años de golpe, la derecha brasileña se valió de innumerables herramientas: movimientos sociales fabricados, militancia activa del poder judicial y de los medios contra la democracia … Uno de los frentes de estos ataques fue el estímulo a los líderes con un discurso fascista como Jair Bolsonaro, un diputado federal por tres décadas (pero que se presenta como anti-sistema), ex capitán del ejército, defensor de la dictadura militar y de la tortura, además de la retirada de numerosos derechos sociales. Bolsonaro es asesorado por militares y economistas de fondos de capital extranjero. El discurso de violencia, homofobia y radicalidad de Bolsonaro creció con el apoyo de los medios, que esperaba que en la polarización entre él y la izquierda, la derecha tradicional pudiera presentarse como “moderada” o “centro”. Sin embargo, la población decidió castigar en las urnas a los partidos que realizaron el golpe, como el PSDB de Fernando Henrique Cardoso y Aécio Neves (cuyo candidato Geraldo Alckmin deberá quedar entre cuarto o quinto) y el MDB de Michel Temer (cuyo candidato Henrique Meirelles no debe estar entre los seis primeros puestos). Y la creación huyó del control de los creadores, tomando los votos de la antigua derecha.

5. Entendemos, por lo tanto, que en esta elección hay una disputa nítida de proyectos: entre la continuidad del golpe y sus reformas, representada por su versión más radical y autoritaria, Jair Bolsonaro, y la reconstrucción de la democracia y de los derechos, representado por Fernando Haddad. Es, por lo tanto, una elección marcada por la lucha de clases. Por un proyecto que combina los sectores más conservadores de nuestra sociedad y el capital internacional contra el proyecto de los trabajadores.

6. Desde el punto de vista de la política exterior, esta disputa de proyectos está representada por un lado por el proyecto de Bolsonaro, de una política más alineada a Estados Unidos, de no reconocimiento de Palestina y de ataques a Venezuela y a los gobiernos progresistas de América Latina. Por otro lado, por el proyecto de Hadadd, de retomada de la integración latinoamericana y de fortalecimiento de las relaciones con los países del Sur Global.

7. De esta forma, ésta será una elección difícil, disputada, tanto en las urnas, como en las calles, como demostró el gigantesco movimiento de mujeres #No el, en el último fin de semana. Sabemos también que los resultados de esta elección influenciarán decisivamente los rumbos de América Latina y pueden señalar a una nueva ofensiva progresista en todo el mundo. Por lo tanto, de nuestra parte, seguiremos luchando, por la reforma agraria popular y por un proyecto popular para Brasil, y pedimos a nuestros amigos en todos los continentes que permanezcan atentos a los desdoblamientos en Brasil y que puedan denunciar tanto la ofensiva conservadora y la prisión política del país, el presidente Lula.

Dirección Nacional del MST
São Paulo, 05 de octubre de 2018

Stédile (MST) a Napoli: dalla parte degli ultimi e dei beni comuni

di Antonio Cipolletta 

Nell’ambito dell’evento intitolato “Verso i nuovi modelli di controllo sociale sui beni pubblici: dalla parte degli Ultimi” organizzato presso il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università Federico II di Napoli, il 7 novembre 2016, abbiamo avuto il piacere di ascoltare due ospiti molto speciali: Alex Zanotelli e João Pedro Stédile.

Nella nostra città, il primo è noto per essere stato un missionario comboniano, difensore dei diritti umani e delle strenue lotte sul diritto all’acqua, bene comune per eccellenza che – ricordiamo – è ad oggi rispettato qui a Napoli grazie alla reale applicazione del risultato referendario del 2011.

Il secondo, invece, è ben conosciuto in America Latina – terra di pace, dignità, inclusione e cooperazione – oltreché nel mondo intero per essere il leader del MST (Movimento dos trabalhadores rurais sem terra), movimento popolare e progressista nato in Brasile nel lontano 1984 sulla spinta delle lotte condotte da decine di migliaia di contadini provenienti dalle aree meridionali più degradate e martoriate del paese che, all’epoca, stava cominciando a vedere l’uscita dalla terribile dittatura militare (1964-1984).

Ad oggi, il Movimento è presente in 24 stati del paese e coinvolge un milione e mezzo di persone. Grazie alle sue lotte, 350.000 famiglie hanno conquistato la terra, mentre 150.000 stanno ancora lottando nei campamentos disseminati in tutto il paese carioca; l’obiettivo da sempre chiaro e definito dell’organizzazione è l’ottenimento di una riforma agraria, di redistribuzione equa della terra su scala nazionale, che restituisca potere e dignità alle masse contadine; al momento, giusto per citare alcune cifre statistiche significative, l’1,6% dei proprietari con immobili al di sopra dei mille ettari possiedono il 46,8% dell’area totale esistente nel paese, il 51,4% degli immobili classificati come grandi proprietà è improduttivo, ossia più di 133 milioni di ettari di terre non rispondono alle esigenze di produttività e potrebbero essere espropriate per la riforma agraria, secondo il dettato costituzionale.

Nel corso del suo duplice intervento (in apertura ed in chiusura dell’evento), João Pedro, in forma semplice e sempre efficace, ci ha descritto lo stato attuale in cui versa il Brasile golpista presieduto da Michel Temer (presidente incostituzionale, tra i principali fautori dell’impeachment ai danni della legittima Presidente Dilma Rousseff nell’agosto di quest’anno) connettendo la condizione del paese più esteso del Latinoamerica a quella dei suoi vicini (Venezuela, Ecuador, Bolivia, Uruguay e Argentina, principalmente), muovendo il discorso dalla difesa delle classi popolari, degli umili, di quelli che Frantz Fanon definiva “i dannati della terra” in un’ottica post-coloniale e terzomondista.

Con il suo tono colloquiale ed amichevole (è stato spontaneo rivolgerci a lui come “compagno”, nonostante il clima accademico-formale, quando gli abbiamo posto una domanda sulla criminalizzazione dei movimenti di massa in difesa della democrazia partecipativa e protagonistica nel paese, tra cui lo stesso MST) ci ha espresso le sue profondissime preoccupazioni sul ritorno della “larga noche neoliberal” in alcuni paesi dell’emisfero occidentale che sinora si erano distinti per avanzamento nella realizzazione di politiche sociali, di crescita eco-sostenibile, di innalzamento della matricola universitaria, di costruzione di case popolari per migliaia di cittadini, sanità gratuita o semigratuita, aumento delle speranze di vita media ed assottigliamento progressivo dell’indice di povertà (assoluta e relativa); tra questi, ha citato il caso del suo Brasile che negli ultimi mesi non riconosce, dominato com’è dal potere enorme dell’oligarchia finanziaria, politica e mediatica che per tredici anni circa (primo governo Lula, primo e secondo governo Dilma, interrotto bruscamente come abbiamo visto) è stato moderatamente arginato ma non ancora azzerato e, successivamente, del Cile (“Il popolo cileno sta vivendo realmente in una democrazia o è una pura, illusoria rappresentazione della realtà?”) ed infine dell’Argentina governata dal “imprenditore” Mauricio Macri (“Il paese sta ritornando di fatto alle pratiche neoliberiste tanto rigettate e bandite durante la decada ganada dei Kirchner).

Al termine del suo primo intervento realizzato interamente in portoghese così come il secondo e reso magistralmente in italiano da Serena Romagnoli, membro del Comitato MST Italia, il coordinatore del tavolo prof. Sergio Moccia ha concesso del tempo alle domande degli studenti presenti in aula, i quali ne hanno approfittato per conoscere attentamente la situazione particolare del Brasile, chiedendo a Stédile essenzialmente quale fosse il miglior modello di gestione dei beni comuni (da lui differenziate dalle risorse naturali, generalmente mercificate e svilite); di tutta risposta, il nostro ospite ribadisce ancora una volta che l’alleanza tra il pubblico (leggasi amministrazione statale) e le comunità di base autorganizzate in una prospettiva di liberazione economica, sociale e culturale è l’uscita dal dilemma, la forma più efficiente, maggioritaria ed accettata dalla stragrande maggioranza della popolazione, non solo in Sudamerica ma in tutto il pianeta.

In conclusione, gli abbiamo chiesto, consapevoli della pesante difficoltà nel risponderci, quale possa essere l’alternativa al modo di produzione capitalistico entrato nella sua fase ultraliberista, predatoria, parassitaria e, quindi, alle sue evidenti contraddizioni intrinseche che, oggi più che mai, mostrano il loro volto disumano; convinti di una risposta contundente e puntuale, siamo stati soddisfatti quando immediatamente ha reagito con un “Serve autorganizzazione popolare di massa, unità e soprattutto una concezione del mondo fondata su Libertà con Giustizia sociale, protezione dell’ambiente e del diritto alla vita, all’acqua, alla salute, alla sanità ed all’istruzione gratuite, solidarietà internazionalista con tutti i popoli in lotta per un futuro migliore dove venga abolito lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, ma soprattutto più socialismo, riferimento ideologico che attualmente la sinistra su scala mondiale sta smarrendo e rigettando ogni giorno che passa”.

Estamos entrando en un nuevo periodo de la lucha de clases

CARTA DE CARUARU

 

1. La actual crisis mundial del capitalismo, iniciada desde 2008, causa el aumento del desempleo, el aumento de la desigualdad social, la concentración de renta y riquezas, además de intensificar el uso de aparatos represivos del Estado en todas las partes del Mundo.

2. El gran capital se muestra incapaz de aportar salidas para esa crisis del capitalismo. Se enfatiza que será una crisis profunda, prolongada, que requerirá reformas estructurales. Sus consecuencias sociales son impredicibles.
3. En el escenario nacional, a la crisis internacional del capitalismo se suma el agotamiento del modelo neodesarrollista, basado en el crecimiento económico y distribuición de renta con conciliación de clases, iniciado en 2003.
4. Frente a la gravedad de la crisis, la clase dominante demuestra no tener unidad alrededor de un nuevo proyecto hegemónico para el país. Hay sectores de la burguesía que persisten en la defensa del modelo neodesarrollista. Y tiene la otra porción que anhelan la reanudación y profundización del modelo neoliberal.
5. La presidenta Dilma Rousseff, desde el inicio de su 2º mandato, erró en presentar un programa económico de medidas neoliberales, adoptado de su adversario político, derrotado en las urnas. Tal equivoco generó el agravamiento de la crisis económica y fragilizó el apoyo popular que aseguró su victoria en las elecciones presidenciales.
6. Así mismo, el gobierno siguió cediendo al gran capital, retirando derechos sociales y laborales y seguindo com el ajuste económico, que se hay mostrado fracassado em 2015.
7. Las anunciadas reformas laborales y de la seguridad social – que penalizan a la clase obrera y, especialmente, a las mujeres campesinas – son inaceptables; y si se concretizan provocarán una ola de luchas populares en todo el país contra el gobierno.
8. De la misma forma requerimos que el gobierno enfrente el modelo de agricultura del agronegocio. Es una agricultura financiada por el ahorro social y subvencionada con recursos públicos, destinada a atender las demandas del mercado internacional. Este modelo de agricultura causa la concentración de renta y de la propriedad de la tierra, aumenta la desigualdad social, produce alimentos con pesticidas, promueve una irracional destrucción ambiental en nuestro país y subordina toda la cadena de producción agropecuaria al control e interés de las empresas transnacionales y del capital financiero.
9. Todo este contexto señala un nuevo período histórico de la lucha de clases. Cabe a la clase obrera enfrentar el desafío de estimular las luchas populares en las calles, construir la unidad de clase y alimentar el Pueblo con los ideales de una sociedad avanzada, socialmente justa y democrática.
10. Urge a la clase obrera construir colectivamente, a través de todas la mediaciones: sindicatos, movimentos populares y partidos progressistas, un nuevo proyecto político para todo el país. Un proyecto fundamentado en la defensa y profundización de la democracia popular, en la distribución de la riqueza y en la soberanía nacional.
11. La Frente Brasil Popular (FBP), creado en septiembre/2015, en Belo Horizonte/MG, logro la unidad de una parte de la clase obrera alredor de una plataforma política mínima de un proyecto político para Brasil. Como miembros del FBP, vamos a hacer todo nuestro esfuerzo para su consolidación en todos los Estados y municipios. Nos corresponde también la tarea de ampliar el Frente con otros sectores y organizaciones, además de profundizar el diálogo con otros Frentes existentes.
12. En el campo, ante la ineficiência y apatía del gobierno en adoptar medidas a favor de la Reforma Agraria, intensificaremos las movilizaciones populares, las ocupaciones de latifúndios improdutivos y de fincas, según lo establecido por la Constitución Federal de 1988, que no cumplen con la función social.
13. Lucharemos por la Reforma Agraria Popular, centrada en la distribución de tierras para las famílias campesinas y en un nuevo modelo de agricultura basada en la agroecología que priorize la produción de alimentos sanos, y la cooperación agrícola, asociada con la implantación de agroindustrias en las áreas de Reforma Agraria.
14. La Reforma Agraria Popular es inseparable del derecho de la población del campo tener acceso a la educación y al conocimiento. Así, lucharemos contra el cierre de las escuelas de las zonas rurales y exigiremos, para cada área de asentamiento, la existencia física de escuelas que proporcionen una educación pública, de calidad social y gratuita. ¡La educación es un derecho, no una mercancía!
15. Juntos con la Via Campesina y los demás movimentos populares del campo, lucharemos por la soberania alimentaria de todos los pueblos, en defensa de las semillas como un patrimonio de la humanidad, y para que el alimento sea un derecho del ser humano y no uma mercancia que solo busca las ganancias de las empresas transnacionales, a expensas de la miseria y el hambre de millones de seres humanos.

 

Asumimos el compromiso de continuar e intensificar las luchas populares de 2015. En 2016 volveremos a las calles contra las fuerzas imperialistas, la derecha partidaria, el conservadorismo del Congreso Nacional, el oligopolio de los médios, los sectores reacionários y golpistas incrustrados en el aparato estatal. Estos quieren hacer retroceder el país en las conquistas sociales ya obtenidas, en los derechos laborales ya logrados y en el avance de las políticas económicas que reducen la desigualdad social.

Será un año de muchas luchas y superación de desafíos en la construcción de la unidad de la clase obrera, de la retomada de las luchas populares, de la solidariedad con todos los pueblos en lucha y la construcción de un proyecto político popular para nuestro país.

  

Caruaru/PE, 30 enero de 2016.
Coordinacción Nacional del Movimiento de los Trabajadores Rurales Sin Tierra (MST)

MST a Roma: la lunga marcia dei senza terra dal Brasile al mondo

La lunga marcia dei senza terra. Dal Brasile al mondoROMA – Giovedi 30 ottobre, Libreria Feltrinelli via V.E. Orlando, 78/81, ore 18:00
 
Presentazione del libro:
“La lunga marcia dei senza terra,
dal Brasile al mondo” di Claudia Fanti,
Serena Romagnoli, Marinella Correggia
(Emi editore)
 
La prima storia del Movimento dei Lavoratori Rurali Senza Terra, nato 30 anni fa in Brasile per coordinare le lotte dei contadini schiacciati dai latifondisti. Oggi il Movimento è in rete con l’organizzazione internazionale Via Campesina. Il Movimento ha creato una vera e propria nuova cultura popolare, grazie anche all’alleanza con la “Pastorale della terra” della chiesa brasiliana, con le comunità di base, i vescovi e i teologi della liberazione. Di particolare rilievo è la figura di João Pedro Stédile, leader storico del Movimento.
 
Interverranno:
Joao Pedro Stedile,
fondatore e leader
storico del Movimento dei
Senza Terra del Brasile.
Padre Alex Zanotelli,
comboniano, attivista nei
movimenti sociali italiani
Saranno presenti le
autrici
____

In occasione della presenza a Roma di João Pedro Stédile del Movimento sem Terra del Brasile, che partecipa all’Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari che avrà luogo il 27, 28 e 29 ottobre, tra differenti movimenti popolari dell’intero pianeta, insieme al Consiglio Pontificio Giustizia e Pace e all’Accademia Pontificia delle Scienze Sociali con l’appoggio esplicito di Papa Francesco si terrà la seguente iniziativa:

GIOVEDI 30 OTTOBRE, dalle ore  9:00 – 14:00  sala della Mercede della Camera dei deputati (Palazzo Marini), via della Mercede 55
NUTRIRE IL PIANETA CON CIBO DI QUALITA’:
l’agricoltura italiana incontra 


il Movimento Sem Terra e Via Campesina  internazionale

 

iniziativa promossa da Amig@s MST-Italia con Adriano Zaccagnini vicepresidente della Commissione Agricoltura della Camera.
 
Parteciperanno:
João Pedro Stédile (MST) e altri esponenti di Via Campesina Internazionale
Pietro Bevilacqua (storico)
Dino Scanavino (presidente CIA)
Stefano Masini (responsabile ambiente Coldiretti)
Giovanni Mininni (segreteria FLAI)
Domenico Finiguerra (Salviamo il paesaggio)
Vincenzo Vizioli (Aiab)
Coordinano Riccardo Rifici (esperto di sostenibilità, funzionario Ministero Ambiente) e Adriano Zaccagnini.Comunicare la propria partecipazione a
assalto_al_cielo@yahoo.it
(gli uomini devono indossare la giacca)

 

Cooperativa Sociale Assalto al Cielo
Via delle ciliegie, 42
00172 Roma

 

Incontro mondiale dei movimenti popolari a Roma

di Geraldina Colotti – il manifesto

25ott2014.- Un’alternativa dal basso alla «glo­ba­liz­za­zione dell’indifferenza». Que­sto il senso dell’Incontro mon­diale delle orga­niz­za­zioni popo­lari che si svolge a Roma da domani al 29 e che acco­glie dele­gati pro­ve­nienti dai cin­que con­ti­nenti. La con­fe­renza di pre­sen­ta­zione, che si è tenuta nella sala stampa del Vati­cano, ha messo in luce la par­ti­co­la­rità dell’evento, signi­fi­cata dalla pre­senza al tavolo di due car­di­nali – Peter Kodwo Appiah Turk­son, pre­si­dente del Pon­ti­fi­cio Con­si­glio della Giu­sti­zia e della Pace, e Mar­celo San­chez Sorondo, Can­cel­liere della Pon­ti­fi­cia Acca­de­mia delle Scienze sociali – e di un atti­vi­sta argen­tino, Juan Gra­bois, della Con­fe­de­ra­cion de Tra­ba­ja­do­res de la Eco­no­mia Popu­lar (Ctep), una delle strut­ture che ha orga­niz­zato l’incontro internazionale.

Un con­sesso degli esclusi for­te­mente appog­giato da papa Ber­go­glio – ha spie­gato padre Fede­rico Lom­bardi, gesuita come il pon­te­fice argen­tino. E così, a fianco del Movi­miento mun­dial de Tra­ba­ja­do­res Cri­stia­nos tro­viamo i Movi­menti delle fab­bri­che recu­pe­rate in Argen­tina (ci sono anche l’italiana Rima­flow, Com­mu­nia Net­work e Genuino clan­de­stino), cen­tri sociali come il Leon­ca­vallo, la Banca etica, e orga­niz­za­zioni popo­lari mar­xi­ste e lai­che, dall’Asia all’Africa, agli Stati uniti e all’America latina: a par­tire dal Movi­mento dei Sem Terra, uno dei prin­ci­pali organizzatori.

L’egemonia? Se ne è discusso per qual­che mese, non senza defe­zioni e malu­mori, ma alla fine ha pre­valso la parola «incon­tro», nel «cam­mino aperto da papa Fran­ce­sco, che sostiene di avere molti amici tro­tski­sti e che ci ha aiu­tato a situare il tema dell’ingiustizia e dell’esclusione», ha detto Mon­si­gnor Sorondo, e ha pre­ci­sato: «D’altronde, Gesù è arri­vato prima del mar­xi­smo, e poi dopo la caduta del socia­li­smo i mar­xi­sti non sono più un pericolo».

E comun­que, la chiesa di Ber­go­glio è tor­nata a «vedere» quei preti che incro­ciano il con­flitto sociale, e a misu­rarsi per­sino coi momenti e coi luo­ghi in cui è neces­sa­rio disob­be­dire. Per l’Incontro mon­diale arri­verà anche il pre­si­dente della Boli­via, Evo Mora­les, appena rie­letto a grande mag­gio­ranza: però non come capo di stato, ma come ex sin­da­ca­li­sta indi­geno e «cocalero».

Dopo la con­fe­renza stampa, Juan Gra­bois ha spie­gato al mani­fe­sto che «per supe­rare osta­coli e dif­fe­renze e affron­tare insieme un capi­ta­li­smo sel­vag­gio che distrugge la natura e con­danna i gio­vani a non avere futuro», si è pre­fe­rito rac­chiu­dere il senso dell’Incontro intorno alle «3 T, Tierra, Techo e Tra­bajo», terra, casa, e lavoro, «diritti ele­men­tari che tutti desi­de­riamo, ma che neces­si­tano di una forte e tenace orga­niz­za­zione popo­lare: per spin­gere i governi pro­gres­si­sti ad appro­fon­dirli e com­bat­tere quelli che pro­gres­si­sti non sono».

Obiet­tivi prio­ri­tari per i set­tori sociali mag­gior­mente esclusi: «i lavo­ra­tori pre­cari, i migranti, i disoc­cu­pati e chi par­te­cipa al set­tore dell’economia infor­male e auto­ge­stito, senza pro­te­zione legale, rico­no­sci­mento sin­da­cale o coper­ture sociali. E poi i con­ta­dini, i senza terra, i popoli ori­gi­nari e le per­sone che rischiano di essere espulse dalle cam­pa­gne a causa della spe­cu­la­zione agri­cola e della violenza;le per­sone che vivono ai mar­gini delle metro­poli, dimen­ti­cati da una strut­tura urbana ina­de­guata». Tra gli obiet­tivi, c’è dun­que «la riforma agra­ria, quella del lavoro e la costi­tu­zione di Con­si­glio dei movi­menti popo­lari, arti­co­lato a livello globale».

In Argen­tina, il Ctep rac­chiude oltre 500 orga­niz­za­zioni, come il Movi­mento delle fab­bri­che recu­pe­rate, e quello dei Car­to­ne­ros, «com­po­sto da oltre 5.000 lavo­ra­tori che gesti­scono il rici­clag­gio a Bue­nos Aires e che ten­gono alle pro­prie con­qui­ste aperte dalle lotte dei pique­te­ros nel 2001. Da noi, gli infor­mali sono il 30% della classe lavo­ra­trice, un set­tore che dev’essere rico­no­sciuto in un nuovo sindacato».

Nes­sun dub­bio, per Gra­bois, che i movi­menti argen­tini deb­bano lot­tare per la sovra­nità del paese e con­tro i fondi avvol­toi per riba­dire ai poteri forti inter­na­zio­nali «che c’è un limite da non vali­care». L’attivista ha al collo un faz­zo­letto kurdo, e il movi­mento fede­ra­li­sta è pre­sente all’incontro «Lo porto appo­sta — dice — per appog­giare la loro resi­stenza con­tro una banda di mer­ce­nari che mas­sa­cra la popo­la­zione con le armi della Nato. Nella fede­ra­zione kurda si pra­tica la demo­cra­zia diretta e la parità di genere, un esem­pio che disturba».

E i movi­menti in Europa?«Qui la situa­zione dei migranti è ben peg­giore che da noi, dove almeno pos­sono orga­niz­zarsi e lot­tare. Ne ho visti lavo­rare in ogni strada di Roma, e come me li vedono tutti, ma restano invi­si­bili e senza diritti. Il cuore di chi ha tutto è chiuso, ma noi dovremmo costruire un’alleanza glo­bale tra gio­vani pre­cari e migranti e farne la linea prin­ci­pale della bat­ta­glia con­tro l’ingiustizia».

João Pedro Stédile: «Per i lavoratori è necessario che vinca Dilma»

di Geraldina Colotti – il manifesto

15ott2014.- Se la bor­ghe­sia batte la sini­stra, si aprirà un periodo di scon­tro per­ma­nente», dice al mani­fe­sto Joao Pedro Ste­dile, coor­di­na­tore del Movi­mento dei senza terra (ma lui pre­fe­ri­sce pre­sen­tarsi solo come uno dei com­po­nenti la Dire­zione nazio­nale). La par­tita è quella per le pre­si­den­ziali del 26 otto­bre, decise al secondo turno tra l’attuale capo di stato Dilma Rous­seff e il con­ser­va­tore Aecio Neves

Per­ché il Mst appog­gia Dilma?

Il Mst non prende deci­sioni elet­to­rali. Man­tiene la sua salu­tare auto­no­mia nei con­fronti dei par­titi, dei governi, dello stato, della chiesa. Tut­ta­via i suoi mili­tanti, la sua base sociale e i suoi diri­genti devono pren­dere posi­zione come cit­ta­dini di fronte alle sfide poli­ti­che che si pre­sen­tano con le ele­zioni. Il popolo chiede sì un cam­bia­mento, ma che porti a con­di­zioni di vita migliori. E per que­sto sarà neces­sa­rio fare una serie di riforme strut­tu­rali, a comin­ciare dalla riforma poli­tica, quella tri­bu­ta­ria, la riforma agra­ria, dell’educazione.… Di fronte a que­sta situa­zione, Aecio rap­pre­senta gli inte­ressi della classe domi­nante che chiede il ritorno ai tempi duri del neo­li­be­ri­smo, durante i quali, come Mst, abbiamo subito due mas­sa­cri, quello de Eldo­rado dos Cara­jas e la strage di Corum­biara. E le forze che stanno con Dilma scom­met­tono sulla con­ti­nuità del suo pro­gramma però spin­gendo più avanti il cam­bia­mento nel senso delle riforme sociali neces­sa­rie. Non è dif­fi­cile capire per­ché per i lavo­ra­tori sia neces­sa­rio che Dilma scon­figga Aecio.

Marina Silva ha subor­di­nato il suo appog­gio a Neves all’assunzione di riven­di­ca­zioni che riguar­dano Mst e gli indi­geni. Che pensa della sua cam­pa­gna e del suo personaggio?

È una tro­vata elet­to­rale, un atteg­gia­mento pro­prio della sua per­so­na­lità poli­tica ondi­vaga. In realtà lei non rap­pre­senta classi sociali o forze popo­lari che abbiano un pro­getto pro­prio per dia­lo­gare con altre forze.

Quale sarà lo sce­na­rio in Bra­sile sul piano eco­no­mico, poli­tico e sociale in caso di vit­to­ria dell’una o dell’altro candidato?

Il Bra­sile ha esau­rito il suo pro­gramma neo­svi­lup­pi­sta. La dipen­denza della nostra eco­no­mia dal capi­tale inter­na­zio­nale ci ha messo in ginoc­chio. I pro­blemi sociali neces­si­tano di cam­bia­menti strut­tu­rali. E la poli­tica è un pan­tano, per­ché c’è una crisi di rap­pre­sen­tanza, per­ché la demo­cra­zia è stata seque­strata da 117 imprese che finan­ziano ed eleg­gono chi vogliono con il loro denaro e i loro tenu­tari. Così, entre­remo in un periodo sto­rico di neces­sità di cam­bia­menti. Se la bor­ghe­sia ci scon­figge e ci imprime un pro­gramma neo­li­be­ri­sta, sarà un periodo di scon­tri per­ma­nenti. Se vince Dilma, dovrà fare un governo più di cen­tro­si­ni­stra, abban­do­nare alcune alleanze con­ser­va­trici che man­tiene, e avvi­ci­narsi di più al popolo. E noi dei movi­menti sociali, chiun­que sia a vin­cere, abbiamo sem­pre lo stesso com­pito: aumen­tare la coscienza del popolo, orga­niz­zarlo e fare lotta sociale, per migliori con­di­zioni di vita. E spe­riamo che nel pros­simo periodo oltre a con­qui­stare un’Assemblea costi­tuente, otter­remo un nuovo periodo di avan­zata del movi­mento di massa, nel quale il popolo assuma il suo ruolo, nelle piazze.

Il Mst pone il tema di un’Assemblea costi­tuente, che è una richie­sta avan­zata da tutti i movi­menti di sini­stra in Ame­rica latina nei paesi in cui non c’è un cam­bia­mento, come in Colom­bia, o dove sta cer­cando di farsi strada, come in Cile. Come imma­gina le tappe di que­sto pro­cesso in Brasile?

Il pros­simo passo sarebbe l’approvazione di un decreto da parte del Con­gresso, l’unico abi­li­tato a farlo, per con­vo­care un refe­ren­dum legale, obbli­ga­to­rio, in cui ogni let­tore decida se vuolo o no un’Assemblea costi­tuente. Se vince il sì, il Con­gresso dovrà con­vo­care le ele­zioni dei depu­tati costi­tuenti in forma indi­pen­dente dallo stesso Con­gresso in carica, e dovrà sta­bi­lire un tempo — per esem­pio di un anno -, per­ché vi siano nuove leggi di tutto il sistema poli­tico bra­si­liano. I movi­menti cre­dono che sia pos­si­bile nel 2015 fare il refe­ren­dum e con­vo­care l’assemblea affin­ché diventi ope­rante nel 2016, in modo che le pros­sime ele­zioni pos­sano svol­gersi già con nuove regole. Se non otte­niamo que­sto, con­ti­nue­remo con la lotta sociale, nelle piazze e con sem­pre più forza, per­ché la gente non si rico­no­sce nei poli­tici eletti.

Poco tempo fa, il Mst si è riu­nito a Cara­cas con altri movi­menti sociali. Che cosa è stato deciso? E che ne è dei movi­menti sociali «alter­mon­dia­li­sti» di Porto Ale­gre? Molte di quelle istanze sono parte della «demo­cra­zia par­te­ci­pa­tiva» del Vene­zuela e di altri governi socialisti.

Come parte di que­sto pro­cesso dei Forum sociali mon­diali, e della loro arti­co­la­zione, posso dirti che attual­mente ci tro­viamo in una tappa supe­riore in Ame­rica Latina, e stiamo cer­cando di costruire un’articolazione con­ti­nen­tale dei movi­menti sociali all’interno dell’Alba (l’Alleanza boli­va­riana per il popoli della nostra Ame­rica, ndr). Alba intesa come un pro­getto di inte­gra­zione popo­lare di tutti i popoli del con­ti­nente, dal Canada al Cile. Men­tre i governi e gli stati fanno le loro arti­co­la­zioni, con Una­sur, Celac, ecc, noi stiamo costruendo la nostra. Abbiamo già oltre mille movi­menti in rete, abbiamo orga­niz­za­zioni nazio­nali, e un coor­di­na­mento con­ti­nen­tale for­mato da due diri­genti per paese, di tutto il con­ti­nente. E con­ti­nuiamo a riu­nirci e ad arti­co­lare le atti­vità e le lotte comuni nel con­ti­nente. Chia­ra­mente, il tema della soli­da­rietà tra le lotte dei popoli è sem­pre pre­sente, così siamo in cam­pa­gna per la par­tenza delle truppe stra­niere da Haiti, o per la soli­da­rietà con il Vene­zuela in un momento in cui l’impero e la destra interna cer­cano di fare un golpe con­tro Maduro. Così come siamo soli­dali con l’Argentina con­tro il ten­ta­tivo di rapi­narle il capi­tale da parte degli Stati uniti che chie­dono il paga­mento di un debito impagabile…

In tema d’ambiente, i movi­menti sociali han fatto pro­po­ste su un cam­bia­mento di modello pro­dut­tivo. Qual è lo spa­zio del Mst?

Su que­sto tema, vi sono molte riu­nioni, dibat­titi, assem­blee che si sono svolte a Rio, nell’ambito della Rio+ 20, poi ci sono state riu­nioni in Boli­via, più di recente in Perù: que­sto è un tema molto pre­sente nelle lotte sociali del con­ti­nente, soprat­tutto di fronte all’aggressione delle imprese mul­ti­na­zio­nali per le risorse natu­rali dei nostri paesi, siano esse mine­ra­rie o ener­ge­ti­chem petro­li­fero, o di bio­di­ver­sità, così come c’è un’offensiva per appro­priarsi delle fore­ste dei nativi, tra­sfor­marle in valori di cre­dito di car­bo­nio e nego­ziare con le imprese inqui­na­trici dell’Europa. Una ver­go­gna. Nel movi­mento Sem Terra e nei movi­menti con­ta­dini del con­ti­nente della Via Cam­pe­sina abbiamo accom­pa­gnato e lot­tato inten­sa­mente con­tro il domi­nio del capi­tale sui beni naturali.

Uno dei «demoni» per la destra in Bra­sile e a livello inter­na­zio­nale è il peri­colo del «cha­vi­smo». Che pensa di quel che suc­cede in Vene­zuela, paese in cui il Mst è molto ascoltato?

Cha­vi­smo, intanto, è un ter­mine poco appro­priato. Cha­vez è stato un lea­der popo­lare geniale, con una chia­rezza poli­tica e un corag­gio e un impe­gno con il popolo vene­zue­lano e lati­noa­me­ri­cano che mai potremo dimen­ti­care. Però quel che è in corso in Vene­zuela fa parte di un pro­getto di pro­spet­tiva più ampia. C’è una crisi del domi­nio capi­ta­li­sta in tutto il con­ti­nente, eppure non riu­sciamo ancora ad avan­zare verso un pro­getto di mag­gior inte­gra­zione popo­lare, per­ché que­sto dipende dalla con­giun­tura di ogni paese. Per que­sto le dif­fi­coltà dei cam­bia­menti in Vene­zuela sono così grandi, per­ché è molto dif­fi­cile fare una tran­si­zione, affron­tare l’imperialismo a par­tire da un solo paese.

In que­sti giorni la Fao orga­nizza gli incon­tri per la gior­nata mon­diale dell’alimentazione, che fa il Mst?

La Fao è un orga­ni­smo dei governi, e vive le con­trad­di­zioni che al suo interno hanno i diversi tipi di governi, dalle dit­ta­ture, a quelli neo­li­be­ri­sti, fino ai governi di sini­stra. Il nuovo diret­tore, che è bra­si­liano, è nostro amico. Però il pro­blema non è di ami­ci­zia, riguarda la natura dell’organismo. Per que­sto la Via cam­pe­sina man­tiene sì delle rela­zioni, appog­gia ogni tipo di dibat­tito, però noi sap­piamo che i cam­bia­menti sostan­ziali dipen­dono dall’organizzazione e dalla lotta dei con­ta­dini, e que­sto è il nostro com­pito principale.

João Pedro Stédile: «Para los trabajadores es necesario que Dilma derrote a Aecio»

por Geraldina Colotti

1) Por qué el MST ha decidido respaldar Dilma?

El Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra nunca toma deliberaciones electorales. Mantiene su saludable autonomía frente a partidos, gobiernos, estado e iglesia. Sin embargo sus militantes, su base social y sus dirigentes, sí deben posicionarse como ciudadanos frente a los retos políticos que se presenten en las elecciones. El pueblo quiere cambios, pero cambios que representen mejores condiciones de vida. Y para eso será necesario hacer una serie de reformas estructurales, empezando por la reforma política, la reforma tributaria, la reforma agraria, la reforma en la educación, etc. Frente a esa situación, Aecio representa los intereses de la clase dominante que quiere regresar a los duros tiempos del neoliberalismo, donde como MST tuvimos dos masacres, la de Carajas y la de Corumbiara. 

Y las fuerzas sociales que están con Dilma, apuestan a la continuidad de ese programa pero haciendo cambios hacia adelante, con las reformas necesarias. Por eso no es difícil entender que para los trabajadores es una necesidad que Dilma derrote a Aecio. 

2) Marina Silva ha dicho que va a apoyar al candidato Aecio, ahora que él incluye reivindicaciones del  MST y de los indígenas. Qué piensa de eso, de su campaña y del personaje? 

Creo que es una trampa que ella inventó. Es propio de su personalidad política de inestabilidad, porque en realidad ella no representa a las clases sociales o fuerzas populares que tuviesen un proyecto para dialogar con las otras fuerzas. 

3) Cuál va ser el escenario en Brasil en relación al plan económico, político y social si gana una o el otro?

Brasil agotó el programa neodesarrollista. Los problemas de la dependencia económica de nuestra economía frente al capital internacional nos pusieron de rodillas. Los problemas sociales necesitan de cambios estructurales. Y la política, es una mierda, porque hay una crisis política real de representación, porque la democracia fue secuestrada por 117 empresas que financian y eligen a quien quieren con su dinero y sus mercaderes. Así, entramos en un período histórico de necesidad de cambios. Si la burguesía nos derrota y nos impone un programa neoliberal, será un período de enfrentamientos permanentes. Si gana Dilma, ella tiene que hacer un gobierno mas de centro-izquierda, abandonar algunas alianzas conservadoras que tenía, y aproximarse mas al pueblo. Y nosotros, los de los movimientos sociales, gane quien gane, nuestra tarea sigue siendo la misma: concientizar al pueblo, organizar al pueblo y hacer lucha social, por mejores condiciones de vida. Y esperamos que el próximo período ademas de conquistar una asamblea constituyente, logremos un período de reascenso del movimiento de masas, para que el pueblo asuma su rol, en las calles…

4) El MST pone el tema de una Asamblea costituyente, que es un tema difundido por todos los movimientos de izquierda en América Latina donde no hay cambio (como Colombia). Cómo imaginas tu las etapas de ese proceso en Brasil?

Bueno, por la ley, el próximo paso… el congreso tiene que aprobar un decreto ley, y solo él puede, convocar un plebiscito legal, obligatorio, para que cada elector decida si quiere o no una asamblea constituyente. Si gana el sí, el congreso entonces convocaría las elecciones de los diputados constituyentes de forma independiente al congreso, y daría un plazo por ejemplo de un año, para que ellos hagan las nuevas leyes de todo el sistema político brasileño. En eso estamos, los movimientos creen que sería posible en 2015 hacer el plebiscito y convocar la asamblea, para que ya funcionara en 2016, y así las elecciones ya serían con las nuevas reglas. Si eso no se logra, seguirá la lucha social, en las calles, cada vez con más fuerza, porque la gente no se reconoce en los políticos electos.

5) Los movimientos sociales se reunieron en Caracas hace poco. Que pasó? Y que pasó para los movimientos sociales después de Porto Alegre? Podemos decir que en Venezuela hay muchísimo de “Porto Alegre” cumplido…

Bueno, como parte de ese proceso de foros sociales mundiales, y de articulación, ahora estamos en una etapa superior en Latinoamérica, y logramos construir una Articulación Continental de Movimientos Sociales hacia el ALBA. El Alba entendido como un proyecto de integración popular de todos los pueblos del continente desde Canadá hasta Chile. Mientras los gobiernos y estados hacen sus articulaciones, con Unasur, Celac, nosotros vamos construyendo la nuestra. Ya tenemos mas de mil movimientos articulados, tenemos capítulos nacionales, y una coordinación continental conformada por dos dirigentes por país, de todo el continente. Y seguimos reuniéndonos y articulando actividades y luchas comunes en el continente. Y claro, siempre el tema de solidaridad entre las luchas de los pueblos está presente, como ahora estamos en campaña por la salida de las tropas extranjeras de Haití, o en solidaridad hacia Venezuela, cuando el imperio y la derecha interna intentaron un golpe contra Maduro. Así como estamos solidarios con Argentina, por el intento del capital rapiña de Estados Unidos que quieren cobrar su deuda, impagable. 

6) Los movimientos sociales han hecho propuestas sobre un cambio de modelo productivo por el tema ambiental. Cual es el plazo del MST?

Sobre ese tema hay muchas reuniones, discusiones, hicimos diversos debates y asambleas en Río, en la Río+ 20, luego hubo reuniones en Bolivia, mas recientemente en Perú, o sea, es un tema presente en las luchas sociales del continente, sobretodo frente a la agresión de las empresas transnacionales por los recursos naturales de nuestros países, sea minería, energía eléctrica, petróleo y la biodiversidad… así como hay una ofensiva de ellos para apropiarse de las florestas nativas, transformar en valores de crédito de carbono y negociar con las empresas contaminantes de Europa. Una vergüenza. Bueno, el MST y los movimientos campesinos del continente de la Vía campesina hemos acompañado y luchado intensamente contra el dominio del capital, sobre los bienes naturales.

7) Uno de los “demonios” para la derecha en Brasil y a nivel internacional es el peligro del “chavismo”. Qué piensas tú de lo que pasa en Venezuela donde el MST es muy escuchado?

Chavismo ya es un apodo poco apropiado. Chávez fue un líder popular genial, con clareza política y coraje y compromiso con el pueblo venezolano y latinoamericano, que jamás olvidaremos. Pero lo que está en curso en Venezuela, es parte de un proyecto mayor. Hay una crisis de la dominación capitalista en todo el continente, sin embargo, no logramos avanzar para un proyecto de mayor integración popular, porque depende de la coyuntura de cada país. Por eso las dificultades de los cambios en Venezuela también son grandes, porque es muy difícil hacer una transición, enfrentar al imperialismo, a partir de un solo país.  

8) Ahorita aquí hay convenio con la Fao, que hace el MST?

La FAO es un organismo de Gobiernos, y vive las contradicciones que dentro de ella tiene todo tipo de gobierno, desde dictaduras y regímenes neoliberales, hasta gobiernos de izquierda.

El nuevo director, que es brasileño es nuestro amigo. Pero el problema no es de amistad, es de naturaleza del organismo. Por eso la Vía campesina, mantiene relaciones, apoya todo tipo de debate, pero sabemos que los verdaderos cambios, dependen de la organización y lucha de los campesinos, y esa es nuestra tarea principal. 

Lettera del MST alle candidate e candidati alla Presidenza e ai governi statali

Sem terra

Lottiamo ed esigiamo una politica efficace, strutturale e di massa di Riforma Agraria Popolare, indispensabile per la permanenza delle famiglie nel campo, con produzione e distribuzione delle ricchezze.

02set2014

dalla Direzione Nazionale del MST

I periodi elettorali devono essere momenti di dibattito sulle grandi questioni strutturali della società brasiliana, in cui si analizzino la natura dei nostri problemi e le soluzioni necessarie. Purtroppo, a ogni nuova occasione, il potere del capitale sequestra la politica e le istituzioni pubbliche, impedendo le trasformazioni politiche ed economiche, che interessano al popolo brasiliano.

Da 30 anni, l’MST contribuisce alla democratizzazione della terra, attraverso la lotta per la Riforma Agraria. Nel febbraio 2014, abbiamo realizzato il nostro VI Congresso, con l’approvazione del nostro Programma Agrario in difesa della Riforma Agraria Popolare. Lottiamo per i cambiamenti nella relazione con i beni della natura, nella produzione di alimenti e nelle relazioni sociali nel cam­po. Vogliamo contribuire in maniera permanente alla costruzione di una società giusta, egualitaria e democratica.

La terra ha bisogno di essere democratizzata e compiere la sua funzione sociale. Il campo deve essere uno spazio di buona qualità di vita, dove le persone vedano i loro diritti rispettati, con la garanzia di condizioni degne di vita. Lottiamo ed esigiamo una politica, efficace, strutturale e di massa, di Riforma Agraria Popolare, indispensabile per la permanenza delle famiglie nel campo, con la produzione e distribuzione delle ricchezze.

 

Riforma agraria

Esigiamo l’attualizzazione immediata degli indici di produttività previsti dalla legislazione brasiliana, rendendo possibile l’accesso alla terra a migliaia di famiglie. Abbiamo bisogno dell’elaborazione e dell’esecuzione di un nuovo Piano Nazionale di Riforma Agraria – PNRA, con mete di insediamento di famiglie, in base all’individuazione di priorità per regioni. È necessaria la messa a disposizione delle terre confiscate dall’Unione e l’espropriazione dei latifondi in tutti gli stati. Inoltre, le terre recuperate invase dai fazendeiros e principalmente, dal capitale bancario e dalle imprese transnazionali dell’agro-negozio, devono essere espropriate per gli obiettivi della Riforma Agraria. Lo stesso deve accadere con le fazendas indebitate con le banche pubbliche e gli organi del governo, con le aree dove viene individuato lo sfruttamento del lavoro schiavo e con quelle che non compiono la loro funzione sociale.

Chiediamo l’insediamento immediato delle più di 120 mila famiglie che stanno vivendo in condizioni precarie in centinaia di accampamenti in tutto il paese. È necessario destinare alla Riforma Agraria le terre dei progetti di irrigazione e quelle intorno ai canali di trasporto delle acque. Per questo, si rende necessario il rafforzamento, la riorganizzazione e la qualificazione dell’INCRA, come organo responsabile della Riforma Agraria e che garantisca le condizioni per implementarla.

Ci uniamo alle lotte e alle rivendicazioni, insieme alle altre forze sociali del campo, per l’immediata demarcazione e legalizzazione di tutte le aree indigene, dei quilombos e quelle in possesso dei fiumaroli, pescatori e comunità tradizionali, come stabilisce la Costituzione Federale del 1988.

La non realizzazione della Riforma Agraria aggrava i conflitti sociali nel campo. Invochiamo la giustizia e la punizione dei mandanti e assassini dei lavoratori e lavoratrici del campo.

 

MSTAgro-ecologia

L’agricoltura brasiliana deve priorizzare la produzione di alimenti sani, come un diritto umano e come principio di Sovranità Alimentare. Gli alimenti non possono essere merce, fonte di sfruttamento, lucro e speculazione. Per questo, esigiamo politiche pubbliche che garantiscano le condizioni per la produzione agro-ecologica, senza agro-tossici, con qualità, diversità e prezzo economico per tutta la popolazione brasiliana. I governi, federale e statali, devono incentivare e garantire la produzione, la selezione e l’immagazzinamento di semi da parte degli stessi contadini, combattendo così i semi transgenici e la dipendenza politica ed economica dalle imprese transnazionali che monopolizzano la loro produzione e commercializzazione. Siamo contro le leggi dei brevetti e la privatizzazione dei nostri semi.

È indispensabile, per lo sviluppo sociale ed economico del campo, riprendere, ampliare e garantire gli strumenti di compra-vendita di tutti gli alimenti prodotti dall’agricoltura contadina, per finanziare  scuole, sistema di salute, sicurezza e università, sull’esempio del Programma di Acquisizione di Alimenti – il PAA e Programma Nazionale di Alimentazione Scolastica – il PNAE.

L’educazione è un diritto fondamentale di tutte le persone e deve essere soddisfatto nello stesso luogo dove vivono, rispettando l’insieme delle loro necessità umane, culturali e sociali. Abbiamo bisogno che tutte le aree di insediamento e accampamenti abbiano la loro propria scuola, con condizioni necessarie al loro funzionamento. Non accettiamo la chiusura di nessuna scuola del campo ed esigiamo l’implementazione di un programma di sradicamento di massa dell’analfabetismo. Lottiamo per la difesa, l’universalizzazione, l’ampliamento delle risorse e l’accesso effettivo al Programma Nazionale di Educazione nella Riforma Agraria – il PRONERA, garantendo che giovani e adulti, che vivono nel campo, possano avanzare nella scolarizzazione.

 

Campo

L’insediamento è il nostro territorio di lotta, di produzione e di riproduzione e la garanzia della nostra vita, il luogo di difesa e costruzione di un modello di agricoltura, con la produzione di alimenti sani e l’accesso ai beni sociali e culturali. Per questo, è necessario assicurare condizioni degne di vita alle popolazioni contadine e urbane, producendo una nuova socialità.

Esigiamo politiche di protezione dei beni naturali, delle acque e delle sorgenti, assicurando che tutte le famiglie contadine abbiano accesso all’acqua potabile e di qualità, con requisiti basilari. Ripudiamo il processo di privatizzazione dell’acqua.

Lottiamo per l’implementazione di un programma di stanziamento popolare nel campo, che ne garantisca l’accesso in maniera rapida e sburocratizzata, eliminando il deficit attuale di più di 1 milione di case per la popolazione contadina.

Rivendichiamo l’ampliamento e l’esecuzione di un programma di agro-industrie nelle aree della Riforma Agraria, a partire dalle cooperative di lavoratori e lavoratrici, in maniera  sburocratizzata.  Bisogna assicurare lo sviluppo di tecnologie appropriate alla realtà delle comunità contadine, con lo sviluppo di programmi di macchine e attrezzature agricole.

È urgente la riorganizzazione e rafforzamento del sistema pubblico di Assistenza Tecnica ed Estensione Rurale, convertito e subordinato alle necessità e agli obiettivi dei contadini e delle contadine. A ciò deve essere aggiunto un programma di credito rurale che contribuisca alla strutturazione dell’insieme di tutte le unità e i sistemi produttivi, stimolando e rafforzando il cooperativismo, la commercializzazione e l’industrializzazione della produzione. Esigiamo la garanzia e l’ampliamento dei diritti lavorativi e previdenziali per i lavoratori e lavoratrici del campo e i salariati rurali.

È necessario l’impegno di tutti e di tutte per la realizzazione di un’ampia riforma politica, che democratizzi le istituzioni e renda possibile per il popolo il diritto di scegliere i propri rappresentanti.  E per questo esigiamo la convocazione di un’Assemblea Costituente sovrana ed esclusiva, nel 2015.

Sono queste alcune delle trasformazioni urgenti e necessarie, volte a migliorare le condizioni di vita e di reddito nel campo, che tutti i governanti eletti dovrebbero implementare. Riaffermiamo la nostra disposizione a lottare, in maniera permanente, a difesa e per la costruzione della Riforma Agraria Popolare e di una società socialista.

 

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

 

Il Brasile chiede più Stato-sociale. O Globo sarà d’accordo?

di Tito Pulsinelli

selvasorg.blogspot.com, Caracas.- Secondo i dati della Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (CEPAL) relativi al  Brasile al tempo di Lula e Dilma Rousseff, la povertà è stata ridotta dal 37,5% al 20,9%, e l’indigenza è calata dal  13,2 al 6,1%, il che significa che circa 30 milioni di brasiliani sono entrati nel basso ceto medio, migliorando sensibilmente il loro potere d’acquisto. Si stima che il 53% dei brasiliani (circa 104 milioni di persone) fanno parte della classe media, rispetto al 38% di dieci anni fa.

Negli ultimi cinque anni il reddito reale del 10% dei più poveri è aumentato del 10%, nel contempo sono stati creati 18 milioni di posti di lavoro. Circa 11 milioni di famiglie (40 milioni di persone) sono iscritti al programma statale “Borsa Familia”, che dà 68 reais mensili a quelli che guadagnano meno di 70 reais al mese, più assegni familiari per ogni figlio. Il salario minimo è stato aumentato quest’anno di 667 reais (330 dollari) al mese. E’ un percorso opposto a quello in voga in Europa e USA dove le classi subalterne hanno perso reddito e diritti.

Il 50 per cento dei terreni coltivabili, secondo la CEPAL, sta nelle mani dell’1% della popolazione. L’85% delle migliori terre è utilizzato solo per coltivare soia, mais, pascoli e canna da zucchero e il 10% dei proprietari terrieri detiene l’85% del valore della produzione agricola.

Il Brasile è il principale protagonista del MERCOSUR, UNASUR e CELAC. Nel 2005 Lula da Silva, assieme a Chávez, Evo Morales e gli altri Paesi latinomaericani, ha partecipato attivamente alla sconfitta del mega-trattato di libero commercio denominato ALCA. Era la deregulation dell’economia dell’intero continente americano, che l’ex presidente George W. Bush voleva ridisegnare alla misura dei dogmi  liberisti e degli interessi nazionali degli USA.

Nell’ultimo decennio, a differenza del passato, sia Lula da Silva che Dilma Rousseff hanno dimostrato solidarietà con il Venezuela e Cuba, rilanciando la proiezione del Brasile anche in Africa. Per il Fondo Monetario Internazionale, l’economia  brasiliana sta dietro solo a quella degli USA, Cina, Giappone, Germania e Francia; è membro prominente del BRICS, vale a dire del blocco geoeconomico emergente, che ha reso fittizie le gerarchie dei “7 grandi (G7).

La crisi senza uscita in cui versa l’area “occidentale” -Paesi Industrializzati Altamente Indebitati (PIAI) – fa sì che i globalisti rompano gli indugi e passano a incrociare i guantoni con la “concorrenza”. Non sopportano più, per esempio, che i brasiliani -nel commercio con la Cina- abbiano sostituito il dollaro con le rispettive monete nazionali.

E’ assai curioso che l’apparato mediatico dell’elite di San Paulo, che crocifigge sempre qualsiasi rivendicazione popolare, oggi soffi sul fuoco di una protesta che -in ultima istanza- sta rivendicando che il governo investa di più in scuole e ospedali (1). Il monopolio mediatico privilegia lo sputtanamento immediato del governo. Presto, però, riprenderanno a combattere contro le politiche tese ad ampliare lo Stato sociale, o che pongano qualche limite al latifondismo della soia transgenica, che non dà molti posti di lavoro. Il Venezuela destina il 42% del bilancio agli investimenti sociali. Il governo chiede al parlamento che approvi una legge per destinare i proventi dei megagiacimenti Presal alla salute, istruzione e pensioni.

L’arrivo di 10mila medici dall’estero farà cadere la maschera a molti. Si opporranno, come già hanno anticipato, all’arrivo di medici cubani? L’alleanza illusoria tra i lupi e il gregge avrà una definizione: gli interessi degli utenti delle “reti sociali” differiscono da quelli dei proprietari di satelliti, monopoli radiotelevisivi e cartacei, che oggi concedono una sponda di rilancio per massificare la protesta. Non è gratuita, ha un prezzo salato. Il governo brasiliano è alle prese con la prima guerra mediatica ad ampio spettro d’impatto, com’è avvenuto in varie riprese contro il Venezuela, Bolivia, Ecuador ed Argentina e -come questi- supererà la prova rafforzando le politiche sociali.

 

NOTA
(1) – Il sistema privato della comunicazione, che in Sudamerica svolge funioni di vero e proprio partito politico, con una singolare piroetta è passato dalla iniziale condanna della protesta a una repentina approvazione e promozione su larga scala. Perché?
(2) – La direzione dei Senza Terra fa questa valutazione: Ieri, 20 giugno, più di un milione di giovani sono scesi in piazza in 15 capitali del paese.
C’è di tutto. In ogni città si stanno disputando i cuori e le menti.

In San Paolo e Rio, settori di destra hanno preso la testa , attaccando militanti di sinistra e provocando la violenza per creare il caos. Ma in altre città è la sinistra che da il ritmo all’iniziativa.
Alcuni brevi riflessioni:
1.La mobilizzazione è sociale, di un settore nato dopo il neoliberismo. Sono giovani della classe media e della classe medio bassa. I lavoratori sono ancora in silenzio. Si tratta di un settore che comunica solo tramite i social network e non è influenzato dalla televisione e dai grandi media.
2. E’ il frutto di 12 anni di conciliazione delle classi (come in Cile) che ha escluso la gioventù dalla partecipazione politica. E i giovani vogliono partecipare in qualche forma, anche camminando per strada, senza repressione.
3. E’ il risultato di una grave crisi strutturale urbana, causata dal capitale finanziario speculativo con il risultato di un aumento dell’affitto, una vendita massiccia di automobili finanziata dalle banche e il traffico caotico, senza mezzi di trasporto pubblico, in cui le persone perdono due, tre ore per andare a lavorare, a scuola ..
4. Nessuno li controlla. Sono senza direzione politica.
5. Per ora i di gran lunga più colpiti sono i politici tradizionali, la politica borghese, e, naturalmente, il metodo sviluppato dal governo PT in questi anni di governo, i governi, tutti, di destra, di centro o di sinistra ..
6. La destra si infiltra e tenta di generare un clima di violenza, di caos e dar la colpa al PT e a Dilma.
7. Il governo Dilma è paralizzato nella sua non-politica. Voleva solo gestire, e ora non sa che amministrare.
8.I movimenti sociali cercano di generare una politica, per andare avanti (vedi la lettera alla presidentessa ..) e ampliare le richieste perché si avanzi verso una riforma politica, una riforma dei media, una riforma fiscale, e la riforma agraria.
9.Nessuno sa cosa succederà: andremo verso la Spagna (dove la destra ha capitalizzato alle urne, cosa che potrebbe accadere nel 2104) o verso l’Argentina (2001), con progresso .. o in una situazione di impasse come in Grecia?
Probabilmente nessuno di queste cose , ci sarà una formula brasiliana, nessuno lo sa per ora
10. Ma è certo che abbiamo necessità e ci saranno cambiamenti, in tutti i sensi!
Abbracci dalla strada
La segreteria nazionale del MST – (Movimento dei Sem Terra del Brasile) 

 

Stedile, MST: significato e prospettive delle mobilitazioni in Brasile

brasil2013

da A Sud

Alleghiamo di seguito una intervista con João Pedro Stedile del Movimento Sem Terra sul portato e le prospettive delle mobilitazioni sociali che stanno scuotendo il Brasile nelle ultime settimane.

1. Come analizza le manifestazioni che stanno scuotendo il Brasile nelle ultime settimane? Quali sono le ragioni economiche da cui nascono?

Ci sono molte valutazione a proposito del perché stiano avvenendo queste manifestazioni. Mi associo all’analisi della professoressa Ermínia Maricato, che è la nostra maggior esperta sui temi urbani e ha lavorato in passato nel Ministero delle città durante la gestione di Olivio Dutra. Lei sostiene la tesi che c’è una crisi urbana presente nelle città brasiliane, provocata da questa tappa del capitalismo finanziario. C’è stata un’enorme speculazione immobiliare che ha fatto salire i prezzi degli affitti e dei terreni del 150% negli ultimi tre anni. Il capitale ha finanziato, senza nessun controllo da parte del governo, la vendita delle automobili per inviare denaro all’estero e ha trasformato il nostro traffico in un caos. E negli ultimi dieci anni non ci sono stati investimenti nel trasporto pubblico. Il programma per la casa “Casa mia, vita mia” ha spinto i poveri verso le periferie, senza infrastrutture. Tutto questo ha creato una crisi strutturale. Le persone stanno vivendo in un inferno, nelle grandi città, perdendo tre o quattro ore giorno nel traffico, quando potrebbero invece stare con la famiglia, studiare o svolgere attività culturali. Oltre a questo, c’è la pessima qualità dei servizi pubblici, in particolare nel settore sanitario e anche in quello educativo, dalla scuola di base, alle scuole di livello medio dalle quali gli studenti escono senza saper scrivere un testo. L’insegnamento superiore si è trasformato in un mercato per la vendita di diplomi a rate, per il 70% degli studenti universitari.

2. E dal punto di vista politico, cosa è successo?

I 15 anni del neoliberismo, e in particolare gli ultimi dieci anni di un governo di composizione di classi, hanno trasformato il modo di fare politica, rendendola ostaggio degli interessi del capitale. I partiti sono diventati vecchi nei loro comportamenti e si sono trasformati in mere sigle che raccolgono, in gran parte, degli opportunisti desiderosi di ottenere cariche pubbliche o accaparrarsi risorse pubbliche per i propri interessi. Tutti i giovani nati dopo l’epoca delle “diretas já” non hanno avuto l’opportunità di partecipare alla politica. Oggi, per concorrere a qualsiasi carica, per esempio, di consigliere, la persona interessata deve avere più di un milione di reais; diventare deputato costa circa 10 milioni. I capitalisti pagano e poi i politici obbediscono. La gioventù è stufa di questa forma di fare politica borghese, mercificata.

Ma la cosa più grave è stata che i partiti della sinistra istituzionale, tutti, si sono adeguati a questi metodi. E questo ha creato nella gioventù una profonda ostilità nei confronti del modo di comportarsi dei partiti. La gioventù non è apolitica, al contrario, tanto è vero che ha portato la politica per le strade, anche senza avere coscienza del suo significato. Ma sta dicendo che non sopporta più di vedere in televisione queste pratiche politiche che hanno sequestrato il voto delle persone e sono basate sulla menzogna e la manipolazione.

3. E perché le manifestazioni sono esplose solo ora?

Probabilmente per la somma di diversi fattori legati più al carattere della psicologia delle masse che ad una decisione politica pianificata. Si sono sommati il clima complessivo di cui ho già parlato, più le denunce di sovra fatturazione delle opere degli stadi, che costituisce una provocazione per il popolo. Esaminiamo alcuni episodi. La Rete Globo ha ricevuto, dal governo dello Stato di Rio e dalla prefettura, 20 milioni di reais di soldi pubblici per organizzare lo spettacolino di sole due ore, del sorteggio dei giochi della Coppa delle confederazioni. Lo stadio di Brasilia è costato 1,4 miliardi e non ci sono autobus in città! La dittatura esplicita che la FIFA ha imposto e a cui tutti i governi si sono sottomessi. La reinaugurazione del Maracanã è stato uno schiaffo al popolo brasiliano. Le foto erano chiare, nel maggior tempio del calcio mondiale non c’erano né un nero né un meticcio! E poi con l’aumento delle tariffe degli autobus, è arrivata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E’ stata solo la scintilla che ha fatto scoppiare il sentimento diffuso di rivolta, di indignazione. Per fortuna che la gioventù si è svegliata.

4. Perché la classe lavoratrice non è ancora scesa in strada?

E’ vero, la classe lavoratrice ancora non è scesa in strada. In strada ci sono i figli della classe media, della classe medio bassa, e anche alcuni giovani che Andre Singer definirebbe del sottoproletariato, che studiano e lavorano nel settore dei servizi, che hanno migliorato le condizioni di consumo, ma vogliono essere ascoltati.

La riduzione della tariffa interessava molto tutto il popolo e questo è stato l’elemento vincente del Movimento biglietto gratuito, che ha saputo convocare mobilitazioni in nome degli interessi del popolo. E il popolo ha appoggiato le manifestazioni e questo si vede dagli indici di popolarità dei giovani, soprattutto quando sono stati repressi.

La classe lavoratrice tarda a muoversi, ma, quando si muove, colpisce direttamente il capitale, cosa che non è ancora cominciata a succedere. Penso che le organizzazioni che fanno la mediazione con la classe lavoratrice non hanno ancora capito il momento e sono un po’ timide.

Ma la classe, come classe, penso che sia disposta a lottare anch’essa. Si può rilevare che il numero di scioperi per aumenti salariali ha già recuperato i livelli degli anni 80. Penso che sia solo una questione di tempo e legata al fatto che le mediazioni riescano a cogliere obiettivi che possano motivare la classe a muoversi. Negli ultimi giorni, già si vede che in alcune città minori e nelle periferie delle grandi città hanno cominciato a essere organizzate manifestazioni con obiettivi di rivendicazione molto localizzati. E questo è molto importante.

5. E voi del MST e i contadini, non vi siete ancora mossi…

E’ vero. Nelle capitali vicino alle quali ci sono nostri insediamenti e piccoli agricoltori stiamo già partecipando. E sono anche testimone del fatto che siamo stati accolti molto bene, con la nostra bandiera rossa e la nostra rivendicazione della Riforma agraria e di alimenti sani e a buon mercato per tutto il popolo. Penso che nelle prossime settimane ci potrà essere un’adesione maggiore, anche con la realizzazione di manifestazioni di contadini nelle strade e nei comuni dell’interno. I nostri militanti muoiono dalla voglia di entrare nella lotta e mobilitarsi. Spero che si muovano al più presto.

6. Che cosa pensa delle violenze che sono successe all’interno di alcune manifestazioni?

Prima di tutto bisogna relativizzare. La borghesia, attraverso le sue televisioni, ha usato la tattica di spaventare il popolo mostrando solo gente che provoca disordini e rompe tutto. Si tratta di gruppi minoritari e insignificanti di fronte alle migliaia di persone che si sono mobilitate. Alla destra interessa far passare nell’immaginario della popolazione che si tratta solo di disordine e, alla fine, se ci sarà caos, dare la colpa al governo e esigere la presenza delle forze armate. Spero che il governo non commetta questa bestialità di chiamare la guardia nazionale e le forze armate per reprimere le manifestazioni. E’ quel che sogna la destra! Ciò che sta provocando scene di violenza è il modo di intervenire della Polizia Militare. Ci sono gruppi di destra organizzati con il preciso obiettivo di fare provocazioni e saccheggi. A São Paulo hanno agito gruppi fascisti. A Rio de Janeiro sono intervenute milizie organizzate che proteggono i politici conservatori. E’ chiaro, c’è anche un substrato di proletariato che compare in qualsiasi mobilitazione popolare, negli stadi, a carnevale, perfino nelle feste religiose, tentando di trarne qualche profitto.

7. Quindi c’è una lotta di classe nelle strade o si tratta solo di giovani che manifestano la loro indignazione?

E’ chiaro che c’è una lotta di classe nelle strade. Anche se ancora concentrata su uno scontro ideologico. E la cosa più grave è che la stessa gioventù mobilitata, per la sua origine di classe, non ha coscienza del fatto che sta partecipando ad una lotta ideologica. Vedete, loro stanno facendo politica nella miglior forma possibile, nelle strade. E poi scrivono negli striscioni: siamo contro i partiti e la politica? E per questo sono stati tanto diffusi i messaggi degli striscioni. Sta succedendo in ogni città, in ogni manifestazione, uno scontro ideologico permanente tra gli interessi delle classi. I giovani vengono contesi dalle idee della destra e della sinistra, dai capitalisti e dalla classe lavoratrice.

8. Quali sono gli obiettivi e le proposte della destra?

La classe dominante, i capitalisti e i loro portavoce ideologici che compaiono tutti i giorni in tv hanno un grande obiettivo: logorare il più possibile il governo di Dilma, indebolire le forme organizzative della classe lavoratrice, indebolire le proposte di cambiamenti strutturali nella società brasiliana e vincere le elezioni del 2014, per ricomporre un’egemonia totale nella direzione dello stato brasiliano che ora è oggetto di contesa.

Per raggiungere questi obiettivi stanno ancora procedendo a tentoni, alternando le loro tattiche. A volte provocano la violenza per oscurare gli obiettivi dei giovani. A volte inseriscono negli striscioni dei giovani i loro messaggi. Per esempio, la manifestazione di sabato, piuttosto piccola, a São Paulo, è stata totalmente manipolata da settori di destra che hanno puntato solo sulla lotta contro la PEC37, con striscioni tutti uguali… parole d’ordine uguali. Certamente la maggioranza dei giovani non sa nemmeno di che si tratta. Ed è un tema secondario per la classe lavoratrice, ma la destra sta tentando di sventolare le bandiere della moralità, come fece con la UDN in tempi passati.

Ho visto nelle reti sociali controllate dalla destra, che le loro bandiere, oltre alla PEC 37, sono: l’uscita di Renan, una CPI sulla trasparenza delle spese della Coppa; dichiarare la corruzione crimine odioso e porre fine al tribunale speciale per i politici. Già i gruppi più fascisti tentano FUORI DILMA e raccolte di firme per l’ impeachment. Per fortuna queste bandiere non hanno niente a che vedere con le condizioni di vita delle masse, anche se possono essere manipolate dai media. E oggettivamente si danno la zappa sui piedi. Alla fine è la borghesia brasiliana, i suoi imprenditori e i politici che sono i maggiori corrotti e corruttori. Chi si è appropriato delle spese esagerate della Coppa? La rete Globo e gli appaltatori.

9. Quali sono le sfide che hanno di fronte la classe lavoratrice, le organizzazioni popolari e i partiti di sinistra?

Le sfide sono molte. Prima di tutto dobbiamo prendere coscienza della natura di queste manifestazioni e andare tutti per le strade, contendere cuori e menti dei giovani alla destra, per politicizzare questa gioventù che non ha esperienza di lotta di classe. Poi, la classe lavoratrice deve muoversi, andare in strada, manifestare nelle fabbriche, nei campi, nei cantieri, come direbbe Geraldo Vandré. Far sentire le sue richieste per risolvere i problemi concreti della classe, dal punto di vista economico e politico.

Dobbiamo prendere l’iniziativa di mettere all’ordine del giorno il dibattito nella società e esigere l’approvazione del progetto della riduzione della settimana lavorativa a 40 ore; esigere che le priorità, negli investimenti pubblici, siano la salute, l’educazione, la riforma agraria. Ma per questo il governo deve tagliare gli interessi e spostare risorse dal superavit primario; quei 200 miliardi che ogni anno finiscono nelle mani di soli 20.000 ricchi, che vivono di rendita, creditori di un debito interno che non abbiamo mai contratto; bisogna spostare questi soldi verso investimenti produttivi e sociali.

Approvare in regime di urgenza, in modo che vada in vigore dalle prossime elezioni, una riforma politica di grande respiro, che come minimo istituisca il finanziamento pubblico della stessa campagna, il diritto alla revoca dei mandati e plebisciti popolari auto-convocati.

Abbiamo bisogno di una riforma tributaria che che torni a riscuotere l’ICMS  sulle esportazioni primarie, penalizzi la ricchezza dei ricchi e alleggerisca le imposte dei poveri, che sono quelli che pagano di più.

Abbiamo bisogno che il governo sospenda le aste pubbliche del petrolio e tutte le concessioni di privatizzazione delle miniere e di altre aree pubbliche. Non serve molto applicare tutte le royalties del petrolio in educazione, se le royalties rappresenteranno solo l’8% della rendita del petrolio e il 92% andrà alle imprese transnazionali che otterranno il petrolio nelle aste!

Una riforma urbana strutturale, che torni a mettere al primo posto il trasporto pubblico, di qualità e a tariffa zero. E’ già stato dimostrato che non è troppo caro né difficile istituire il trasporto gratuito per le masse delle capitali. E controllare la speculazione immobiliare.

E infine, dobbiamo utilizzare e approvare il lavoro della Conferenza nazionale della comunicazione, ampiamente rappresentativa, il progetto di democratizzazione dei mezzi di comunicazione. Per farla finita con il monopolio della Globo e perché il popolo e le sue organizzazioni popolari abbiano un ampio accesso alla comunicazione, possano creare i propri mezzi di comunicazione, con risorse pubbliche. Ho sentito da diversi movimenti della gioventù che stanno organizzando le manifestazioni, che forse questa è l’unica bandiera che unifica tutti: Abbasso il monopolio della Globo!

Ma queste parole d’ordine avranno risonanza nella società e eserciteranno pressione su governo e politici soltanto se si muoverà la classe operaia.

10. Voi dei movimenti sociali avete presentato un documento chiedendo di incontrare la presidente Dilma e lei ha accettato rispondendo per televisione. Che cosa le direte?

Spero che questa udienza ci sia presto! E in quella occasione, certamente, l’insieme dei movimenti sociali manderà i propri rappresentanti più giovani che sono stati nelle strade e porteranno a Dilma la piattaforma che ho descritto. Spero che abbia la sensibilità di ascoltare i giovani.

11. Cosa dovrebbe fare il governo ora?

Spero che il governo abbia la sensibilità e l’intelligenza di approfittare di questo appoggio, questo clamore che viene dalle strade, che è solo una sintesi di una coscienza diffusa nella società, che è il momento di cambiare. E cambiare a favore del popolo. E per questo il governo deve affrontare la classe dominante sotto tutti gli aspetti. Affrontare la borghesia che vive di rendita, spostando i pagamenti degli interessi verso gli investimenti in aree che risolvano i problemi del popolo. Promuovere subito le riforme politica, tributaria. Avviare l’approvazione del progetto di democratizzazione dei mezzi di comunicazione. Creare meccanismi per investimenti significativi nel trasporto pubblico, che vadano nella direzione della tariffa zero. Accelerare la riforma agraria e un piano di produzione di alimenti sani per il mercato interno.

Garantire subito l’applicazione del 10% del PIL in risorse pubbliche per l’educazione a tutti i livelli, dagli asili infantili nelle grandi città alla scuola di base di qualità fino all’universalizzazione dell’accesso dei giovani all’università pubblica.

Senza questo ci sarà profonda disillusione e il governo lascerà nelle mani della destra l’iniziativa di proporre parole d’ordine, che porteranno a nuove manifestazioni con l’obiettivo di logorare il governo in vista delle elezioni del 2014. É ora che il governo si allei con il popolo o pagherà il conto nel prossimo futuro.

12. E queste mobilitazioni, dove porteranno il paese nei prossimi mesi?

E’ ancora tutta una incognita. Perché i giovani e le masse sono oggetto di contesa. Per questo le forze popolari e i partiti di sinistra devono impegnare tutte le loro energie per andare in strada. Manifestare, inserire le bandiere di lotta delle riforme che interessano al popolo. Perché la destra farà la stessa cosa e cercherà di imporre le sue parole d’ordine conservatrici, arretrate, di criminalizzazione e stigmatizzazione delle idee del cambiamento sociale. Siamo in piena battaglia ideologica e nessuno sa al momento quale sarà il risultato. In ogni città, in ogni manifestazione, dobbiamo contendere alla destra menti e cuori. E chi resterà fuori, sarà fuori dalla storia

[Trad. dal portoghese di Serena Romagnoli]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: