Napoli 10giu2017: il Venezuela e l’edilizia popolare a Scampia

Il successo di un percorso di lotta dal basso per la garanzia dei diritti essenziali è fortemente influenzato dalla presenza di capacità critica e di confronto. Imparare a conoscere la propria storia, intesa in senso ampio come l’insieme delle esperienze di chi ha precedentemente intrapreso le stesse battaglie, rappresenta un momento di crescita imprescindibile.

In questa prospettiva il giorno 10 giugno alle ore 18:00, il Cantiere 167 ospiterà un importante dibattito e la presentazione di una mostra fotografica sull’edilizia popolare in Venezuela che vedrà ospite la Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela Amarilis Gutiérrez Graffe.

Questo paese rappresenta infatti uno dei più grandi esempi contemporanei di democrazia partecipata, in cui negli ultimi anni si è avviata una vera e propria rivoluzione in materia abitativa e riqualificazione urbana. Il dibattito sarà seguito da una cena sociale, nello spirito di condivisione e multiculturalità.

L’attuale fermento politico che caratterizza il tessuto sociale napoletano può sicuramente beneficiare e trovare nuova linfa in rapporti di mutualità con chi, come noi, ha provato e prova ad opporsi alla logica liberista della compravendita dei diritti.

Cantiere 167 Scampia

 

Venezuela: la rivoluzione sulle palafitte

1239-300x225di Geraldina Colotti – Caracas ChiAma

Nello stato del Delta Amacuro, in Venezuela, le popolazioni indigene che abitano le comunità fluviali si spostano sulle canoe e vivono su palafitte. Ma anche da loro è arrivata la Misión Vivienda, attraverso la quale il governo socialista si propone di fornire a chi ne ha bisogno una casa popolare arredata. Finora ne sono state costruite 700.000 in tutto il paese, e l’obiettivo è di arrivare ai 3 milioni entro il 2019. Per le comunità del Delta Amacuro, però, le case popolari vengono tirate su in forma di palafitte: ognuna di 70 mq, provviste di cucina e bagno. Nonostante le difficoltà incontrate per trasportare il materiale, finora ne sono state costruite 30, 15 per ogni località e si prevede di terminare l’intero lavoro entro fine anno. Un modo di rendere concreto quanto enunciato dalle linee strategiche del Plan de la Patria 2013-2019 in cui risulta centrale il tema dell’ambiente e il perseguimento di un nuovo modello di sviluppo: in grado di portare benessere e progresso ma senza distruggere le architetture originarie.

Un esempio del lungo cammino di civiltà compiuto dal socialismo bolivariano in soli 16 anni. Un approccio ai diritti e alle differenze ben distante da quel che accade nel mondo capitalista, dove i migranti muoiono nelle acque del Mediterraneo e i rom – anche se nati nel paese – vengono discriminati e scacciati. Un percorso in controtendenza rispetto ai canoni del neoliberismo per cui gli indigeni, prima di Chávez, non erano neanche censiti. Alla fine degli anni ’90, il 30% della popolazione controllava il 61% della ricchezza nazionale. Oggi, mentre in Europa la disoccupazione aumenta e i salari diminuiscono, in Venezuela avviene il contrario.

viviendas_palafito-300x225

Occultare i risultati ottenuti dall’economia socialista, che dedica più del 60% del Pil agli investimenti sociali, significa cancellare il “cattivo” esempio che può essere ripreso nel Nord del mondo. Per le classi dominanti europee, dar manforte alla borghesia parassitaria venezuelana, alla Confindustria, alle oligarchie che combattono con ogni mezzo per riconquistare il terreno perduto, significa quindi allontanare da sé lo spettro della disfatta e tutelare i propri privilegi. Dove non si arriva con la forza, con la guerra sporca e con il sabotaggio, si prova con la melina della cosiddetta ricerca del dialogo: per zavorrare il governo socialista, disinnescare le conquiste sociali, scontentare l’elettorato chavista, e intanto continuare a perseguire i propri affari.

Bene ha fatto, perciò, Nicolas Maduro, ad annunciare una virata a sinistra, rileggendo in questo senso la “lezione” di Allende in Cile. Le similitudini con le manovre dirette da Washington, che hanno portato al golpe pinochettista dell’11 settembre 1973, infatti non mancano. Allora, Nixon ordinava “di far piangere l’economia cilena”. Oggi, l’eco di quelle parole aleggia sul Venezuela bolivariano. Maduro ha spiegato che le politiche socialiste hanno mantenuto “tre paesi”: quello reale, che oggi ha un tenore sociale più alto da cento anni e che ha sconfitto la fame e ridotto drasticamente la disoccupazione; quello delle mafie interne, che prosperano sul contrabbando e sul mercato nero dei prodotti sussidiati; e quello delle mafie colombiane, che si arricchiscono con i traffici oltrefrontiera garantiti dai bachaqueros, gli accaparratori a pagamento. Un esempio per tutti: in Venezuela la benzina costa pochissimo, un pieno di 80 litri si paga 7,76 bolivares. In Colombia, la rivendono a 2.100 bolivares. Non passa giorno senza che la polizia scopra tonnellate di prodotti nascosti, pronti per il mercato nero. Un business che svuota il paese di quasi 40% dei suoi prodotti sovvenzionati. In questo, giocano la propaganda e gli allarmi, che spingono una popolazione ancora troppo influenzata dal consumismo, all’acquisto compulsivo. E poi c’è la piaga dei “raspacupos”: una rete di trafficanti si dedica a “raspare” le carte di credito su cui deposita il montante di dollari a prezzo agevolato richiesto per presunti viaggi che poi non vengono effettuati. In compenso, si passa la carta a qualcuno che va a “svuotarla” all’estero con acquisti inesistenti e rivende i dollari al mercato nero. Il chavismo ha istituito la possibilità che tutti possano richiedere una certa cifra annuale di dollari: così anche i meno abbienti possono effettuare viaggi all’estero. Le mafie, però, ne hanno subito approfittato. E ora il governo cerca di modificare le procedure per arginare il fenomeno.

Oggi, 7.000 imprese sono sotto inchiesta per uso irregolare di dollari. Una commissione speciale del Parlamento sta indagando sulla fuga di oltre 20.000 milioni di dollari sottratti da imprese fantasma, illegali o non iscritte al registro mercantile.

“Non ci sono più dollari per Fedecámaras”, ha detto Maduro rivolgendosi alla locale Confindustria, e ha fatto appello agli operai affinché assumano con più coscienza il controllo della produzione.

Negli ultimi 16 anni, la classe operaia ha ricevuto 28 aumenti del salario minimo, estesi anche ai pensionati. In questo anno determinante per il “laboratorio” bolivariano, comincia ora una nuova sfida.

Venezuela: alloggi pubblici per il 40% della popolazione entro il 2019

gmvv_arribo_a_trescientas_mil_casas_entregadasda Telesur

Gran Misión Vivienda è parte integrante del progetto di costruzione delle città in stile socialista

Quasi la metà della popolazione del Venezuela vivrà in un alloggio gratuito o a basso costo fornito dal governo entro la fine del decennio, secondo quanto illustrato dal ministro venezuelano per la Pianificazione Ricardo Menendez.

Il rapido sviluppo dell’edilizia residenziale pubblica ha spinto il governo a creare un comitato di alto livello incaricato di studiare nel lungo termine la creazione di città in stile socialista.

Menendez ha spiegato: «Entro il 2019, avremo il 40% della popolazione che vivrà in alloggi Gran Misión Vivienda (GMV), un’occasione d’oro…per ridisegnare il concetto di città».

Il ministro ha argomentato che una pianificazione urbana d’ispirazione socialista dovrebbe mirare a massimizzare l’accesso agli spazi pubblici come i parchi, e al contempo ridurre la congestione del traffico.

«Vogliamo collegare tutto quello che abbiamo finora realizzato – ha dichiarato il ministro – e sviluppare una nuova dottrina per la costruzione di una città socialista».

Una delle priorità del governo nella pianificazione delle città sarà quella di migliorare l’assegnazione delle case costruite nell’ambito della Gran Misión Vivienda. La missione è stata lanciata per fornire alloggi ai venezuelani che persero le loro case nelle devastanti inondazioni verificatesi nel 2010.

Tuttavia, da allora la Gran Misión Vivienda è stata ampliata per offrire alloggi a basso costo ad una fetta più ampia di popolazione. Nel 2011, l’allora presidente Hugo Chavez ha spiegato che la missione sarebbe stata utilizzata per ripagare il ‘debito sociale’ lasciato dai precedenti governi che non sono stati in grado di fornire alloggi di qualità a tutti i venezuelani. Negli ultimi quattro anni nell’ambito della missione sono state assegnate oltre 642.000 abitazioni – principalmente ai poveri. Le case possono essere gratis, o a basso costo, a seconda dei mezzi di sostentamento su cui possono contare i potenziali proprietari.

Menendez ha spiegato che il successo della Gran Misión Vivienda dimostra che la pianificazione urbana socialista è un’alternativa valida e concreta allo status-quo capitalista.

«La città socialista non è un’idea astratta, ma un modello per edificare una società migliore».

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: