MST y las elecciones en Brasil

Risultati immagini per marcha MST BrasilCompañeros y Compañeras, Amigos y Amigas del MST en todo el mundo

Nos gustaría compartir algunos de nuestros puntos de vista sobre este delicado momento de la política brasileña en la última semana de la campaña electoral:

1. Esta elección es muy especial porque puede significar la victoria o la derrota del golpe contra la democracia iniciado en 2014, que prosiguió con el impeachment de la presidenta Dilma Roussef, se extendió al gobierno ilegítimo de Michel Temer. Para nosotros, el golpe no es sólo el impeachment. El golpe es el proyecto que las élites y el capital financiero no tuvieron fuerza para conquistar en las elecciones y que necesitaban la fuerza y la ilegalidad de otros aparatos como los medios y el poder judicial para ejecutar. Así, el golpe es también las reformas de retirada de derechos, el estímulo al desempleo y, principalmente, la prisión política del presidente Lula, sin pruebas y en velocidad acelerada, para impedir que el candidato favorito de la población disputara las elecciones.

2. Comprendemos también que el golpe es síntoma de la profunda crisis económica, social y política que afecta no sólo a Brasil, sino a todo el mundo, resultado de la hegemonía del capital financiero internacional y de la destrucción acelerada de los bienes de la naturaleza, de los derechos sociales y del Estado en todo el mundo. Es importante tener esta comprensión, porque las elecciones no resolverán esta crisis y probablemente, incluso con la victoria de las fuerzas populares, tendremos la continuidad de la crisis y de los enfrentamientos que marcaron este período.

3. La población brasileña comprendió que hubo un golpe y que era necesario derrotarlo. Pero no escogió el camino de las calles y de las movilizaciones. Con la excepción de la victoriosa huelga general que barrió la reforma de las pensiones. De esta forma, eligió en la candidatura a Lula la forma de manifestar su descontento y deseo de cambios. El MST defendió la candidatura de Lula hasta donde fue posible. Realizamos una hermosa marcha para registrar su candidatura y con otros movimientos populares hicimos una huelga de hambre que duró 26 días y denunció las manipulaciones del Poder Judicial. Y hemos mantenido el Campamento Lula Libre frente a la carcelería de la Policía Federal en Curitiba como testimonio vivo de nuestra convicción de la inocencia del presidente. A pesar de las protestas de la ONU y de un gran movimiento cívico por Lula Libre, el Poder Judicial impidió que el presidente Lula pudiera concurrir a las elecciones. Frente a ello, el Partido de los Trabajadores optó por lanzar al ex ministro de Educación y ex alcalde de Sao Paulo Fernando Hadadd como candidato. Y nosotros, como las demás fuerzas democráticas, decidimos apoyar su candidatura, porque representa la derrota del golpe, la libertad de Lula y la posibilidad de superar la grave crisis económica y política y reanudar un camino de desarrollo del país.

4. Por otro lado, en estos 4 años de golpe, la derecha brasileña se valió de innumerables herramientas: movimientos sociales fabricados, militancia activa del poder judicial y de los medios contra la democracia … Uno de los frentes de estos ataques fue el estímulo a los líderes con un discurso fascista como Jair Bolsonaro, un diputado federal por tres décadas (pero que se presenta como anti-sistema), ex capitán del ejército, defensor de la dictadura militar y de la tortura, además de la retirada de numerosos derechos sociales. Bolsonaro es asesorado por militares y economistas de fondos de capital extranjero. El discurso de violencia, homofobia y radicalidad de Bolsonaro creció con el apoyo de los medios, que esperaba que en la polarización entre él y la izquierda, la derecha tradicional pudiera presentarse como “moderada” o “centro”. Sin embargo, la población decidió castigar en las urnas a los partidos que realizaron el golpe, como el PSDB de Fernando Henrique Cardoso y Aécio Neves (cuyo candidato Geraldo Alckmin deberá quedar entre cuarto o quinto) y el MDB de Michel Temer (cuyo candidato Henrique Meirelles no debe estar entre los seis primeros puestos). Y la creación huyó del control de los creadores, tomando los votos de la antigua derecha.

5. Entendemos, por lo tanto, que en esta elección hay una disputa nítida de proyectos: entre la continuidad del golpe y sus reformas, representada por su versión más radical y autoritaria, Jair Bolsonaro, y la reconstrucción de la democracia y de los derechos, representado por Fernando Haddad. Es, por lo tanto, una elección marcada por la lucha de clases. Por un proyecto que combina los sectores más conservadores de nuestra sociedad y el capital internacional contra el proyecto de los trabajadores.

6. Desde el punto de vista de la política exterior, esta disputa de proyectos está representada por un lado por el proyecto de Bolsonaro, de una política más alineada a Estados Unidos, de no reconocimiento de Palestina y de ataques a Venezuela y a los gobiernos progresistas de América Latina. Por otro lado, por el proyecto de Hadadd, de retomada de la integración latinoamericana y de fortalecimiento de las relaciones con los países del Sur Global.

7. De esta forma, ésta será una elección difícil, disputada, tanto en las urnas, como en las calles, como demostró el gigantesco movimiento de mujeres #No el, en el último fin de semana. Sabemos también que los resultados de esta elección influenciarán decisivamente los rumbos de América Latina y pueden señalar a una nueva ofensiva progresista en todo el mundo. Por lo tanto, de nuestra parte, seguiremos luchando, por la reforma agraria popular y por un proyecto popular para Brasil, y pedimos a nuestros amigos en todos los continentes que permanezcan atentos a los desdoblamientos en Brasil y que puedan denunciar tanto la ofensiva conservadora y la prisión política del país, el presidente Lula.

Dirección Nacional del MST
São Paulo, 05 de octubre de 2018

Grillo ed Esquivel: appello al governo italiano per la liberazione di Lula

Risultati immagini per Luladi Beppe Grillo

Adolfo Maria Pérez Esquivel è un pacifista argentino, vincitore del premio Nobel per la Pace nel 1980, per le denunce contro gli abusi della dittatura militare argentina negli anni ’70. Ha incontrato in carcere Luiz Inácio Lula da Silva, ex presidente del Brasile, simbolo di coraggio e onestà, arrestato senza che siano state trovate prove delle accuse a lui mosse.

Quello che sta avvenendo in Brasile va contro ogni libertà e principio di democrazia, come avevo già manifestato sul mio Blog tempo fa. Per questo condivido l’appello di Adolfo Maria Pérez Esquivel che ha inviato al governo italiano.

Eccolo:

“Faccio appello al popolo e al governo italiano per la sua solidarietà e appoggio ai popoli di fronte alla grave situazione che vive il popolo del Brasile. Chiedo di pronunciarvi per la difesa dei diritti del popolo a vivere in democrazia. Il Brasile ha subito un colpo di Stato istituzionale che ha deposto senza alcuna ragione la Presidente Dilma Rousseff per procedere poi alla detenzione dell’ex Presidente Luiz Inácio Lula da Silva e impedirne la sua candidatura alle elezioni presidenziali. Sono riuscito a vedere Lula in prigione, dove è mantenuto isolato e senza alcun contatto con il popolo del Brasile. Lula è un prigioniero politico, questo è quanto ho manifestato pubblicamente il 13 agosto scorso alla riunione con la Presidente del Superior Tribunal Federal, dott.ssa Carmen Lucia, esortandola a considerare l’incostituzionalità di mantenere in prigione un leader che non ha commesso alcun delitto. Invece Lula è stato condannato a 12 anni di carcere sotto l’accusa di “fatti indeterminati”, senza sia stata trovata alcuna prova del delitto di cui è accusato. Molte altre voci si sono pronunciate in questo senso, personalità, legislatori e giuristi lo affermano: è in prigione per aver lottato contro la povertà e la fame, per aver sottratto dalla miseria 36 milioni di brasiliani e brasiliane, per aver restituito loro la dignità come persone, insieme alla capacità di educarsi, di essere persone degne, di avere casa e lavoro. Lula è un innocente in carcere e l’obiettivo è quello di impedirgli di essere candidato presidenziale. Le elezioni in Brasile senza Lula sono una frode, ed è ciò che cercano di portare a termine coloro che, con la complicità di giudici e legislatori, vogliono imporre politiche di austerità, capitalizzazione e privatizzazione a spese della vita del popolo; cercano di ricolonizzare il paese e oggi i fatti lo confermano con l’incremento della povertà, della fame e della repressione che soffre il popolo del Brasile. Venerdì 17 agosto le Nazioni Unite hanno esortato il governo brasiliano a concedergli il diritto di candidarsi alle elezioni e di avere libero accesso ai mezzi di comunicazione. Nella libertà e la candidatura di Lula sono in gioco non solo il ritorno alla democrazia e alla giustizia in Brasile, ma anche il valore delle sue politiche di governo per strappare milioni di persone dalla povertà e avere cura del prossimo, così come le sue politiche per unire i popoli fratelli con organizzazioni come la UNASUR e la CELAC che sono riuscite a proclamare l’America Latina una “Zona di Pace”. Lula è un grande costruttore di pace nel mondo e così il mondo lo riconosce. Proprio per questo, insieme a Rigoberta Menchu Tum, anche lei Premio Nobel, lo postuliamo al Premio Nobel per la Pace. Vi ringrazio tutto quanto possiate fare per il bene del popolo del Brasile e per la libertà di Lula: è un atto di Verità e Giustizia. Ricevete un forte abbraccio e i migliori auguri di forza e speranza.”

Adolfo Pérez Esquivel Premio Nobel per la Pace 1980

Buenos Aires, 8 settembre 2018

(traduzione di Claudio Tognonato)

Haddad al governo, Lula al potere. La strategia del Pt per rendere «il popolo di nuovo felice»

Risultati immagini per Lula Libredi Claudia Fanti – (Da Adista n. 32/18)

Non è bastata la pioggia di ricorsi presentati dai legali di Lula al Tribunale superiore elettorale e alla Corte Suprema né un nuovo e ancor più incisivo pronunciamento del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, che ha ribadito l’obbligatorietà per il Brasile di garantire l’immediato esercizio dei diritti politici dell’ex presidente: la corsa di Lula alla presidenza del Paese si è definitivamente infranta contro la giustizia golpista, secondo un copione che era già stato scritto al momento della farsa giudiziaria allestita dal giudice Sergio Moro e dal Tribunale di appello di Porto Alegre.

Eppure, l’obbligata rinuncia di Lula a candidarsi alle presidenziali del 7 ottobre non ha il sapore della sconfitta, ma solo quello di un momentaneo arretramento. Per l’ex presidente, per il Pt, per le forze pregressiste e di sinistra è insomma l’ora della cosiddetta «strategia Perón»: il metodo, cioè, impiegato con successo da Juan Domingo Perón nel 1973, quando, dal suo esilio in Europa, sostenne con forza la candidatura di Héctor Cámpora alla presidenza dell’Argentina, con lo slogan «Cámpora al governo, Perón al potere» (dopo la vittoria, Campora si sarebbe dimesso proprio per permettere a Perón di assumere la guida del Paese).

Non dal suo esilio, ma dalla sua cella a Curitiba, dove è rinchiuso illegalmente da cinque mesi, Lula ha seguito la stessa strada, indicando al Pt e alla coalizione “O Povo Feliz de Novo” (il popolo di nuovo felice) la sostituzione della sua candidatura con quella di Fernando Haddad e dunque chiedendo «con tutto il cuore» a tutti quelli che avrebbero votato per lui – e che di certo lo avrebbero portato alla guida del Paese, con ogni probabilità già al primo turno – di dare la loro preferenza al candidato da lui indicato. «Se vogliono far tacere la nostra voce e sconfiggere il nostro progetto di Paese si sbagliano di grosso», ha scritto Lula in una lettera al popolo brasiliano che, l’11 settembre, è stata letta a Curitiba dall’avvocato Luiz Eduardo Greenhalgh subito dopo l’annuncio della candidatura di Haddad alla presidenza della Repubblica, in coppia con la vice Manuela D’Avila del PCdB. E ha aggiunto: «Siamo ancora vivi, nel cuore e nella memoria del popolo. E il nostro nome ora è Fernando Haddad». E sarà esattamente questa la strategia del Pt: presentare Haddad, il cui numero resterà non a caso il 13, lo stesso dell’ex presidente, come “il candidato di Lula”, il suo rappresentante, la sua voce.

E per lui egli ha avuto parole di grande elogio: «Ministro dell’Educazione nel mio governo, è stato responsabile di una delle più importanti trasformazioni nel nostro Paese. Insieme, abbiamo aperto le porte dell’università per quasi 4 milioni di alunni delle scuole pubbliche, neri, indigeni e figli di operai, che non hanno mai avuto questa opportunità», come pure costruito «un numero di scuole tecniche quattro volte superiore a quanto fatto in cento anni. Abbiamo creato il futuro».

Solo note positive nella conclusione della lettera di Lula: «Io so che un giorno la giustizia, quella vera, sarà fatta, e sarà riconosciuta la mia innocenza. Quel giorno sarò insieme ad Haddad per fare il governo del popolo e della speranza. Noi tutti saremo lì, insieme, per rendere il Brasile nuovamente felice. Siamo già milioni di Lula e, d’ora in avanti, Fernando Haddad sarà lui per milioni di brasiliani».

E tutto indica che i brasiliani seguiranno Lula su questa strada. Non a caso, l’11 settembre, l’hasthag #HaddadÉLula occupava il primo posto tra i trending topics di Twitter nel mondo. E, soprattutto, dal sondaggio di Datafolha in cui Haddad, non ancora ufficializzato come sostituto di Lula, figurava già al 9%, con un balzo in avanti di cinque punti, è emerso come gli elettori certi di votare per il candidato indicato dall’ex presidente rappresentino il 33% dei brasiliani, più un altro 16% orientato a fare la stessa scelta. Mentre Jair Bolsonaro, malgrado la coltellata ricevuta e tutto il frastuono che l’ha accompagnata, è cresciuto di appena due punti, passando dal 22 al 24%, restando peraltro il candidato con il maggior indice di disapprovazione: gli elettori che non votebbero per lui in nessuna circostanza sono anzi aumentati di 4 punti, dal 39% al 43%. Ma ancor più favorevole si rivela il sondaggio, di poco successivo, dell’istituto Vox Populi, secondo cui Haddad, in questo caso indicato come il candidato di Lula, è già passato al primo posto con il 22% delle intenzioni di voto, seguito da Bolsonaro con il 18% delle preferenze.

Carta de Lula: el PT oficializa la candidatura de Fernando Haddad

Risultati immagini per Lula somos todospor tricontinental.cu

“Si quieren acallar nuestra voz y derrotar nuestro proyecto para el país, están muy equivocados. Nosotros seguimos vivos, en el corazón y en la memoria del pueblo. Y nuestro nombre ahora es Haddad”, afirmó el ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva, en una carta que oficializó a Fernando Haddad como candidato que reemplazará a Lula en la lista electoral del Partido de los Trabajadores a la presidencia. El anuncio tuvo lugar este martes (11), en frente a la sede de la Policía Federal en Curitiba.

Luiz Eduardo Greenhalgh, abogado de Lula, fue el responsable de leer la carta del exmandatario, junto con Fernando Haddad y Manuela D’Àvila, candidata a vicepresidente en la lista electoral y Gleisi Hoffmann, presidenta del Partido de los Trabajadores y parlamentarios del partido.

“Por acción, omisión y protección, el Poder Judicial brasileño ha privado al país de un proceso electoral con la presencia de todas las fuerzas políticas. Han impedido la realización del derecho del pueblo de votar libremente”, argumentó Lula.

Nosotros ya somos millones de Lulas y, a partir de hoy, Fernando Haddad será Lula para millones de brasileños, escribió.

“Pueden apresar injustamente a un hombre, pero no a sus ideas. Ningún opresor puede ser mayor que el pueblo. Por eso, nuestras ideas van a llegar a todo el mundo por la voz del pueblo, más alta y más fuerte que la Globo”.

Lea la carta completa:

CARTA AL PUEBLO BRASILEÑO

Mis amigos y mis amigas,

Ustedes deben saber ya que los tribunales han prohibido mi candidatura a presidente de la República. En verdad, han prohibido que el pueblo brasileño vote libremente para cambiar la triste realidad del país.

Nunca he aceptado la injusticia, ni la voy a aceptar. Desde hace más de 40 años camino junto al pueblo, defendiendo la igualdad y la transformación de Brasil en un país mejor y más justo. Y fue recorriendo nuestro país que vi de cerca el sufrimiento quemando en el alma y la esperanza brillando de nuevo en los ojos de nuestra gente. He visto la indignación ante las cosas tan equivocadas que están haciendo y las ganas de mejorar la vida otra vez.

Fue para corregir tantos errores y renovar la esperanza en el futuro que decidí ser candidato a presidente. Y pese a las mentiras y la persecución, el pueblo nos ha abrazado en las calles y nos ha llevado al liderazgo absoluto en todas las encuestas.

Desde hace más de cinco meses estoy preso injustamente. No he cometido ningún crimen y he sido condenado por la prensa mucho antes de ser juzgado. Sigo desafiando a los fiscales de la Lava Jato, al juez Sérgio Moro y al TRF-4 a que presenten una única prueba contra mí, pues no se puede condenar a alguien por crímenes que no ha practicado, por dinero que no ha desviado, por actos indeterminados.

Mi condena es una farsa judicial, una venganza política, siempre usando medidas de excepción contra mí. Ellos no quieren arrestar e impedir tan solo al candidato Luiz Inácio Lula da Silva. Quieren arrestar e impedir el proyecto de Brasil que la mayoría ha aprobado en cuatro elecciones consecutivas, y que solo fue interrumpido por un golpe contra una presidenta legítimamente electa, que no cometió ningún crimen de responsabilidad, golpe que lanzó al país al caos.

Ustedes me conocen y saben que yo jamás desistiría de luchar. He perdido a mi compañera Marisa, que se fue con la amargura de todo lo que le sucedió a nuestra familia, pero no he desistido, incluso en homenaje a su memoria. He enfrentado las acusaciones con base en la ley y en el derecho. He denunciado las mentiras y los abusos de autoridad en todos los tribunales, entre ellos el Comité de Derechos Humanos de la ONU, que reconoció mi derecho de ser candidato.

La comunidad jurídica, dentro y fuera del país, se indignó con las aberraciones cometidas por Sérgio Moro y por el Tribunal de Porto Alegre. Líderes de todo el mundo han denunciado el atentado a la democracia en el que mi proceso se ha convertido. La prensa internacional mostró al mundo lo que la Globo intentó esconder.

Aun así los tribunales brasileños me han negado el derecho que garantiza la Constitución a cualquier ciudadano, siempre y cuando no se llame Luiz Inácio Lula da Silva. Han negado la decisión de la ONU, violando el Pacto Internacional de los Derechos Civiles y Políticos que Brasil ha firmado soberanamente.

Por acción, omisión y protección, el Poder Judicial brasileño ha privado al país de un proceso electoral con la presencia de todas las fuerzas políticas. Han impedido la realización del derecho del pueblo de votar libremente. Ahora quieren prohibirme de hablarle al pueblo y hasta aparecer en televisión. Me censuran, como en la época de la dictadura.

Tal vez nada de esto habría ocurrido si yo no liderara todas las encuestas de intención de voto. Quizá yo no estaría preso si aceptara renunciar a mi candidatura. Pero yo jamás cambiaría mi dignidad por mi libertad, a causa del compromiso que tengo con el pueblo brasileño.

Me incluyeron artificialmente en la Ley Ficha Limpia para arrancarme de forma arbitraria de la disputa electoral, pero no permitiré que se haga de esto un pretexto para aprisionar el futuro de Brasil.

Es frente a estas circunstancias que tengo que tomar una decisión, en el plazo que se me ha impuesto arbitrariamente. Estoy indicando al PT y a la Coligación “El Pueblo Feliz de Nuevo” la sustitución de mi candidatura por la del compañero Fernando Haddad, que hasta este momento ha desempeñado con extrema lealtad la posición de candidato a vicepresidente.

Fernando Haddad, ministro de Educación en mi gobierno, fue responsable de una de las transformaciones más importantes de nuestro país. Juntos, hemos abierto las puertas de la Universidad a casi cuatro millones de estudiantes que nunca antes habían tenido esta oportunidad. Juntos creamos el ProUni, el nuevo Fies, la política de cupos, el Fundeb, el Enem, el Plan Nacional de Educación, el Pronatec e hicimos cuatro veces más escuelas técnicas que lo que habían hecho en cien años. Hemos creado el futuro.

Haddad es el coordinador de nuestro Plan de Gobierno para sacar al país de la crisis, recibiendo contribuciones de miles de personas y discutiendo cada punto conmigo. Él será mi representante en esta batalla para que retomemos el rumbo del desarrollo y de la justicia social.

Si quieren acallar nuestra voz y derrotar nuestro proyecto para el país, están muy equivocados. Nosotros seguimos vivos, en el corazón y en la memoria del pueblo. Y nuestro nombre ahora es Haddad.

A su lado, como candidata a vicepresidenta, tendremos a la compañera Manuela D’Ávila, confirmando nuestra alianza histórica con el PCdoB, y que también cuenta con otras fuerzas, como el PROS, sectores del PSB, líderes de otros partidos y, sobre todo, con los movimientos sociales, trabajadores de la ciudad y del campo, exponentes de las fuerzas democráticas y populares.

Nuestra lealtad, la mía, de Haddad y Manuela, es con el pueblo en primer lugar. Es con los sueños de quienes quieren vivir otra vez en un país en el que todos tengan comida en la mesa; en el que haya empleo, salario digno y protección de la ley para los que trabajan; en el que los niños y niñas tengan escuelas y los jóvenes tengan futuro; en el que las familias puedan comprarse su coche, su casa y seguir soñando y realizando cada vez más. Un país en el que todos tengan oportunidades y nadie tenga privilegios.

Yo sé que un día la verdadera justicia se hará y mi inocencia será reconocida. Ese día estaré junto a Haddad para hacer el gobierno del pueblo y de la esperanza. Todos nosotros estaremos allí, juntos, para hacer a Brasil feliz de nuevo.

Quiero agradecer la solidaridad de los que me envían mensajes y cartas, hacen oraciones y actos públicos por mi libertad, protestan en el mundo contra la persecución y luchan por la democracia, y especialmente a los que me acompañan a diario en la vigilia frente al sitio en el que estoy.

Pueden apresar injustamente a un hombre, pero no a sus ideas. Ningún opresor puede ser mayor que el pueblo. Por eso, nuestras ideas van a llegar a todo el mundo por la voz del pueblo, más alta y más fuerte que la Globo.

Por eso, quiero pedirles, de corazón, a todos los que me votarían a mí, que voten al compañero Fernando Haddad para presidente de la República. Y les pido que voten a nuestros candidatos a gobernador, diputado y senador para que construyamos un país más democrático, con soberanía, sin la privatización de las empresas públicas, con más justicia social, más educación, cultura, ciencia y tecnología, con más seguridad, vivienda y salud, con más empleo, salario digno y reforma agraria.

Nosotros ya somos millones de Lulas y, a partir de hoy, Fernando Haddad será Lula para millones de brasileños.

Hasta pronto, mis amigos y mis amigas. ¡Hasta la victoria!

Un abrazo del compañero de siempre,

Luiz Inácio Lula da Silva

Brasile: Lula, un amore di popolo!

da Rete Caracas ChiAma

#
Brasile
Guardatele bene perché non le vedrete sui media. Sono le foto di ieri di #Lula e dello sciopero generale in Brasile (22 settembre 2016) contro le misure economiche antipopolari del governo golpista di banchieri e corrotti messo lì da Washington. #ForaTemer #FuoriTemer#StandWithLula.
___

 

Argentina e Brasile: destre gemelle

derecha-latinoamericana-usada Marx21.it

Traduzione di Marx21.it

La destra latinoamericana non è mai stata così debole. Perde una dietro l’altra le elezioni in paesi come Brasile, Argentina, Uruguay, Bolivia, Ecuador, Venezuela, El Salvador. Non è mai stata così spesso sloggiata dal governo in questi paesi come in questo secolo.

Le trasformazioni sociali attuate dai governi di questi paesi, i progressi nei processi di integrazione indipendenti rispetto agli Stati Uniti d’America (USA), il recupero del ruolo attivo dello Stato, hanno portato all’isolamento della destra nella regione. La sconfitta dei governi neoliberisti e la loro incapacità di formulare un’alternativa diversa, fa in modo che essi paghino il prezzo dei danni causati da questo modello e che si voti contro chi lo rappresenta.

Gli USA hanno sempre giocato sulla divisione e la competizione tra i governi della regione per conservare il loro potere. E’ stato così, ad esempio, nel corso di tutto il processo di rinegoziazione del debito dei paesi, e non sono mai riusciti ad ottenerla collettivamente.

Un colpo durissimo a questo gioco è stata la solida alleanza stabilitasi tra i governi di Argentina e Brasile, con l’elezione di Lula e Néstor Kirchner a presiedere due dei tre più grandi paesi della regione. Questa alleanza, che non era mai stata così solida tra Argentina e Brasile, è l’asse a partire dal quale i processi di integrazione regionale si consolidano e si espandono, fattore del più grande isolamento degli USA in America Latina.

Le destre argentina e brasiliana hanno enormi somiglianze, perché entrambe si sono riorganizzate in presenza dei due più importanti governi popolari che hanno avuto questi paesi nel XX secolo: quelli di Peron e di Getulio Vargas. Per questo sono destre elitiste, oligarchiche, razziste, antinazionali.

continua a leggere

Tredici ragioni per rieleggere Dilma

no-planato-o-presidente-luiz-inacio-lula-da-silva-pt-emplacou-em-2010-o-nome-de-sua-ex-ministra-de-minas-e-energia-e-da-casa-civil-dilma-rousseff-para-ocupar-o-mais-alto-cargo-executico-do-1347567856804_615x300di Frei Betto* – Telesur

Voterò a favore dell’integrazione latinoamericana e caraibica; del supporto solidale ai governi di Cuba, Venezuela, Bolivia, Ecuador e Uruguay; per l’autonomia della Celac e del Mercosur

1 – Nonostante i mali e le contraddizioni che affliggono il PT e l’attuale governo, voterò Dilma per dare seguito alle politiche sociali che durante gli ultimi 12 anni, hanno ridotto la povertà di 36 milioni di brasiliani.

2 – Voterò perché il Brasile continui a essere indipendente e sovrano, libero dalle interferenze di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale, nonché dai dettami dell’Unione Europea e dalle azioni ostili degli Stati Uniti imperialisti.

3 – Voterò a favore dell’integrazione latinoamericana e caraibica; del supporto solidale ai governi di Cuba, Venezuela, Bolivia, Ecuador e Uruguay; per l’autonomia della Celac e del Mercosur.

4 – Voterò per l’adesione al diritto costituzionale in materia di sciopero e manifestazioni pubbliche, senza la criminalizzazione dei movimenti sociali e dei loro leader.

5 – Voterò a favore della Politica Nazionale di Partecipazione Sociale; per il mantenimento delle aliquote nelle università; per Enem, Pronatec e ProUni; e per l’aumento della percentuale di PIL investita nell’educazione.

6 – Voterò per il ‘Programa Más médicos’ che, grazie alla sua azione preventiva, ha reso possibile diminuire il tasso di mortalità infantile al 15,7 per 1000 nati vivi.

7 – Voterò per la concessione del credito e per l’aumento del salario minimo annuale, al fine di incrementare il potere d’acquisto delle famiglie brasiliane.

8 – Voterò affinché il lavoro in schiavitù nelle aziende agricole sia severamente punito e tali proprietà confiscate, voterò a favore della riforma agraria.

9 – Voterò affinché la Policía Federal continui a essere partigiana, a effettuare arresti anche di membri del governo, continui a lottare contro il traffico di droga, il contrabbando e la nefasta attività dei cambiavalute.

10 – Voterò a favore del mantenimento sotto controllo dell’inflazione e perché, in Brasile, l’Indice di Sviluppo Umano (HDI) sia considerato più importante del PIL (prodotto interno lordo). Anche se il nostro PIL cresce poco, il nostro HDI è il secondo al mondo dopo quello degli Stati Uniti, tenendo conto della dimensione della popolazione.

11 – Voterò perché la nostra diplomaziona continui a essere indipendente, alleata delle buone cause senza alcuna riverenza verso gli Stati Uniti, e perché continui a non avallare il terrorismo bellico degli Stati Uniti che diffonde lacrime e sofferenze in molte regioni del pianeta.

12 – Voterò per il mantenimento della ‘Zona Cero’ in internet, senza l’interferenza dei giganti delle telecomunicazioni, interessati a mercificare le reti sociali e mantenere il controllo della comunicazione digitale.

13 – Voterò, infine, per un Brasile migliore, anche se il governo attuale è contraddittorio e incapace di promuovere le riforme strutturali e punire i responsabili dei crimini della dittatura militare. Tuttavia, temo il riflusso e, in questo frangente, non cambio il noto per l’ignoto.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

* al secolo Carlos Alberto Libânio Christo è un teologo, scrittore e politico brasiliano

In Palestina c’è una rivolta popolare

dilma

Intervista a Marcelo Buzzeto, docente e membro del settore Relazioni Internazionali del MST (Movimento Sem Terra)

A cura di J. Coutinho Jr, J. F. Neto e M. Silva

da Brasil de fato, 7-13 agosto 2014, p. 14-15

In un’intervista per Brasil de fato, Marcelo Buzzeto, membro del Settore Relazioni Internazionali del MST e dottore in scienze politiche, ha analizzato l’origine del conflitto e la posizione attuale del Brasile in questo scenario.

B. d. F.: Qual è l’origine degli attacchi di Israele alla Palestina?

Per capire quello che sta succedendo oggi, bisogna capire che la creazione dello Stato di Israele nel 1948 è all’origine del conflitto attuale. Quando fu creato Israele, ad opera del movimento sionista, che è un movimento nazionalista, giudaico, conservatore, anti-democratico e razzista, non ci fu un referendum indirizzato alla popolazione palestinese. Nella divisione dell’ONU, il 56% del territorio diventò lo Stato di Israele, il 42% rimase alla Palestina e il 2% a Gerusalemme, che doveva essere una città neutrale, essendo Gerusalemme orientale la capitale dello Stato palestinese. Ma in questi 50 anni il movimento sionista ha impiantato un’economia, una società, un modello di vita e ha creato un esercito dentro la Palestina.

B. d.F.: Qual è la causa degli attacchi a Gaza?

Israele ha usato come pretesto per iniziare questa nuova operazione militare il sequestro, la sparizione e la morte di tre giovani soldati che davano protezione illegale agli insediamenti di Ebrei sionisti nella vecchia città di Hebron. Questi giovani avevano in passato commesso violenze contro i Palestinesi, ma questo non è stato evidenziato dai media. I Palestinesi hanno divulgato immagini di questi soldati nell’atto di partecipare a incarceramenti, torture e umiliazioni. Non si può negare che erano direttamente coinvolti nei conflitti. Israele, però, ha incolpato Hamas, che ha negato di essere l’autore di questi assassinii.

Due settimane dopo la morte di questi giovani, sono stati realizzati circa 6oo arresti da parte dell’esercito israeliano in Cisgiordania, prima dell’inizio dei bombardamenti a Gaza.

B. d.F.: Parte della popolazione israeliana è contraria agli attacchi, o no?

Perfino tra le forze armate di Israele e nel governo vi sono contraddizioni. Esistono dichiarazioni di ufficiali israeliani che criticano l’operazione di terra in Gaza. Un movimento di soldati israeliani si rifiuta di combattere in territorio palestinese. All’interno dello stesso governo, alcuni sostengono l’idea che è stato Hamas l’autore dei sequestri; al contrario, altri settori dichiarano che nessuna indagine ha comprovato che l’assassinio è stato realizzato dal partito.

B.d.F.: E sui diritti dei Palestinesi sanciti negli accordi di Oslo?

La valutazione di molti che stanno seguendo il conflitto è che c’è stato un fallimento degli accordi di Oslo – accordo firmato nella città di Oslo in Norvegia nel 1993, tra la Palestina e Israele, con l’obiettivo di consolidare la pace nella regione. Il fallimento degli accordi obbliga i Palestinesi a cercare altre vie per conquistare i proprio diritti, il che ha portato alla creazione dell’Autorità Nazionale Palestinese. Forze dentro l’OLP, principalmente la sinistra palestinese, come il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, vengono dialogando con Hamas e Fatah nel senso di combattere Israele. Da allora, c’è stato un tentativo negli ultimi anni di creare una coalizione nazionale da Fatah, che governa la Cisgiordania ed è il partito che guida l’OLP, fino ad Hamas, che governa Gaza dal 2005. Questi dialoghi tra Fatah e Hamas, indirizzati a costruire un governo, hanno fatto sì che Israele cercasse di creare una nuova situazione, per impedire questa unione.

B. d.F.: Gli attacchi si stanno concentrando su Gaza, ma negli ultimi giorni si stanno diffondendo in altre zone, inclusa la Cisgiordania. Credi che possa succedere in Cisgiordania quello che sta succedendo a Gaza? E in che modo il popolo si mobilita in queste aree?

La resistenza palestinese agisce in maniere differenti. Lì in Cisgiordania esiste un movimento di liberazione nazionale, che combina diverse forme di lotta e di organizzazione. A Gaza, la situazione differisce dalla Cisgiordania e dai territori occupati nel 1948. Per esempio, i Palestinesi che vivono in territorio israeliano si mobilitano, fanno manifestazioni. Eppure, per loro è difficile organizzarsi, c’è più repressione. Le organizzazioni palestinesi che stanno lottando a Gaza sono quelle che in Cisgiordania stanno mobilitando le loro basi per un confronto con l’esercito di Israele. L’unità politica e militare che esiste a Gaza sta influenzando i Palestinesi sia in Cisgiordania che a Gerusalemme contro Israele e contro i settori dell’Autorità Palestinese. C’è anche un sentimento di indignazione da parte dei Palestinesi verso il loro proprio governo. C’è una ribellione popolare in Palestina, che ha come obiettivo principale il governo e l’esercito di Israele, ma che presenta anche dure critiche all’Autorità Palestinese. È un movimento che sta denunciando il governo palestinese come gestore dell’occupazione.

B.d.F.: Qual è la posizione dell’ Autorità Nazionale Palestinese (ANP), in relazione all’offensiva di Gaza?

L’ANP sembra sempre più un’amministratore dell’occupazione coloniale israeliana. Penso che quello che sta succedendo oggi a Gaza e in Cisgiordania può cambiare la lotta di classe e la politica in Palestina, indebolendo l’ANP, che vuole sempre negoziare con Israele. L’Egitto ha proposto recentemente una trattativa e l’ANP si è subito offerta. Ma non è questo che vuole la popolazione. La popolazione vuole la tregua, ma non intende rinunciare ad alcune sue rivendicazioni. Se l’ANP non si unisce al popolo nella lotta contro Israele, anche loro cadranno. Provoca indignazione il silenzio in relazione agli attacchi di Gaza e la mancanza di iniziativa degli ambasciatori palestinesi nel mondo intero di fronte ai massacri. La resistenza palestinese a Gaza risponde al proprio popolo e non fa nessun accordo con Israele, fino a quando non si garantisce la fine del blocco economico. I Palestinesi vogliono un porto, un aeroporto e il diritto a costruire un esercito. Si erano preparati per l’eventualità che un giorno Israele tornasse ad attaccare Gaza da terra. È per questo che la quantità di soldati morti sta spaventando il governo israeliano. Già sono morti quasi 100 soldati e uno di loro è stato catturato. Bisogna ricordare che nel 2009 Hamas ha catturato un soldato israeliano e nel 2011 questi è stato scambiato con 1027 prigionieri politici palestinesi. Israele si trova nel bel mezzo di un’operazione difficile dal punto di vista politico e militare.

B.d.F.: Che si può fare dal punto di vista internazionale per impedire gli attacchi di Israele a Gaza?

Israele è una potenza. A la campagna di boicoaggio è ancora la migliore alternativa. Alcuni paesi hanno già rotto accordi economici e sociali con Israele, ma ancora non è sufficiente. Vari paesi dell’America Latina hanno convocato i suoi ambasciatori per chiedere spiegazioni.

B.d.F.: E dentro la Palestina?

Dentro la Palestina, i movimenti di liberazione stanno crescendo in Cisgiordania. Abbiamo una situazione favorevole di rafforzamento della mobilitazione popolare, sia attraverso i movimenti, i sindacati e altre organizzazioni. E questo arriverà a Gaza. Oggi, quello che chiede la maggioranza dei Palestinesi è uno Stato unico dove possano convivere tutti. La separazione è l’origine del conflitto. Una serie di intellettuali progressisti israeliani e palestinesi confermano l’idea di un unico Stato.

fim deB.d.F.: Come giudichi, fino a questo momento, la presa di posizione del governo brasiliano in relazione agli attacchi?

Sebbene la posizione di condanna brasiliana abbia costituito un progresso, si tratta ancora di una posizione timida. Il governo brasiliano è contraddittorio. Non ho speranza che condanni e porti Israele nei tribunali internazionali. La base sociale del governo brasiliano è a favore di Israele. Il Brasile dice che si è trattato di un attacco sproporzionato, ma non rompe nessun accordo economico con il governo di Israele. Israele non ha mai guadagnato tanti soldi con il Brasile come oggi. Lula, che è visto come quello che ha avvicinato il Brasile al mondo arabo, ha anche avvicinato il paese a Israele. In un’intervista, hanno chiesto a Dilma se quello che sta succedendo a Gaza è un genocidio, lei ha risposto che è un massacro. Sappiamo che quello ha luogo lì è una pulizia etnica, ma Dilma difende Israele. Non vuole condannare Israele per pratiche genocide, perché il livello di influenza della comunità sionista in Brasile è immenso. Una parte considerevole del governo del Rio Grande del Sud è formata da sionisti. Stanno costruendo un complesso industriale a Poá e il protagonista di quest’accordo è il governatore Tarso Genro, ex-ministro della Giustizia del governo Lula. Chi gestisce l’agenda di Lula è una sionista, una signora di nome Clara Ant, conosciuta in Brasile come la maggiore sostenitrice del governo di Israele. Chi vuole avere un incontro con Lula, deve passare per lei. Il PT ha relazioni con il Partito dei Lavoratori di Israele, ma non ha nessuna relazione con i partiti politici palestinesi. Nemmeno ha relazioni con il Partito Comunista di Israele, che è l’unico partito anti-sionista. Non esiste nessun protocollo di cooperazione con partiti politici palestinesi. C’è una relazione con l’ANP, ma il governo brasiliano non esplicita questa relazione, perché non vuole creare problemi con la lobby sionista che esiste dentro il PT. E quando c’è qualche cooperazione, gli alleati di Israele nel Brasile creano ostacoli. Un esempio è stato quando il governo brasiliano ha approvato presso il Ministero della Pesca un fondo per aiutare i pescatori palestinesi di Gaza. I soldi non arrivano. In primo luogo, perché Israele blocca tutte le transazioni finanziarie a Gaza, in secondo luogo, perché all’epoca, il Ministero della Pesca era in mano a Marcelo Crivella, pastore della Chiesa Universale e alleato di Israele.

B.d.F.: La Palestina riceve appoggio dai paesi della Lega Araba?

C’è una divisione molto grande tra i paesi arabi che rende difficile la lotta del popolo palestinese. La rivoluzione palestinese è parte della rivoluzione che deve avere luogo nel mondo arabo. Ma vari di questi paesi sono alleati del sionismo e dell’imperialismo. Le monarchie arabe hanno relazioni economiche con gli U.S.A., Israele e l’Unione Europea. Per questo, non esiste la prospettiva di mettere in piedi una coalizione contro Israele. Se i paesi arabi si unissero alla resistenza interna palestinese, Israele già non sarebbe più un problema.

B.d.F.: Praticamente, come si può far sì che la popolazione brasiliana comprenda di fatto quello che sta succedendo a Gaza?

Israele contribuisce a spiegare in maniera semplicistica il conflitto. Quando il popolo brasiliano vede il bombardamento di case civili, scuole e chiese, riesce a capire che lì c’è un genocidio in atto. Sono bambini, donne, anziani. Le morti dal lato israeliano sono di soldati.

B. d.F.: Che cosa possono fare i movimenti sociali brasiliani per dimostrare solidarietà alla lotta del popolo palestinese?

I movimenti devono rafforzare la campagna per la liberazione dei prigionieri politici palestinesi, appoggiare il boicottaggio contro Israele, il BDS, investigare e denunciare gli accordi politici ed economici brasiliani con il governo israeliano. Dobbiamo mostrare come queste imprese che operano in Brasile finanziano l’occupazione illegale, e denunciare le violazioni di diritti umani commesse da Israele. Le grandi mobilitazioni di appoggio, che hanno luogo nel mondo intero, devono continuare fino alla fine dei bombardamenti e del blocco di Gaza dal mare, dall’aria e da terra. I movimenti possono anche fare pressione sui paesi arabi affinché appoggino il popolo palestinese e sperare che l’ANP si unisca al suo popolo contro Israele e non il contrario, come sta avvenendo.

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Il Brasile alla sfida delle riforme politiche

papa

Pubblichiamo qui di seguito questo interessante articolo che può dare la stura ad un dibattito di sicuro interesse. 

di Adriana Bernardotti (Buenos Aires)

Dilma Roussef e il PT hanno capito che la strada per canalizzare le richieste di partecipazione giovanile espresse dai manifestanti e per avvicinare la politica alle necessità dei cittadini è la concretizzazione della  Riforma Politica, sempre rimandata: un dibattito vecchio di almeno venti anni ma ogni volta affossato in Parlamento. UN REPORTAGE SUL BRASILE CHE INTERESSA ANCHE L’ITALIA.

  • 1

Su un punto convengono Dilma Roussef, Lula e il Papa sudamericano – che ha deciso molto opportunamente di fare il primo bagno di folla all’estero nel paese leader dell’America Latina: la guarigione per i mali della società passa dal ripristino della politica, non dalla sua negazione.

“Il futuro esige oggi riabilitare la politica, una delle forme più alte di carità”, ha detto Papa Francesco davanti ad una platea gremita didirigenti politici, istituzionali e imprenditoriali brasiliani, giorni fa nel Teatro Municipale di Rio de Janeiro, “questo senso etico è una sfida senza precedenti”. Sono gli stessi uomini dell’establishment che resistono fieramente a qualsiasi intervento su un sistema politico, come quell’attuale brasiliano, che favorisce la corruzione e il potere incontestato dei caciques.

Concetti similari erano stati espressi dall’ex presidente Lula da Silva a metà del mese di luglio in una conferenza rivolta ai giovani in un campus universitario: “Il peggio che può accadere nel mondo è che le persone accettino la negazione della politica” e ha invitato i ragazzi a “non rifiutare i partiti” ma, al contrario, ad “entrare in politica, perché all’interno di ognuno di voi c’è il politico perfetto che desiderate. Al di là di questo non esiste una soluzione”.

In un editoriale pubblicato recentemente sulla web del New York Times, riflettendo sulle proteste che hanno sconvolto il Brasile, l’ex presidente Lula segnalava che “le preoccupazioni dei giovani non sono solo materiali. Vogliono un maggiore accesso alle attività ricreative e culturali. Ma soprattutto, chiedono istituzioni politiche più pulite e più trasparenti, senza le distorsioni del sistema politico ed elettorale anacronistico del Brasile, che ha recentemente dimostrato di essere incapace di gestire la riforma”. Lula sostiene senza esitazione la proposta di Dilma: un plebiscito popolare per garantire una riforma della politica.

dilma preocupada otraDopo l’iniziale stupore e tentennamenti di fronte alle massicce proteste di giugno, la Presidente Dilma Roussef ha cercato di cavalcare la tigre con una riforma del sistema politico che essenzialmente propone un cambiamento nella presentazione delle liste elettorali e – per quanto paradossale possa sembrare al lettore italiano – l’incorporazione del finanziamento pubblico per le campagne politiche. Oggi la politica è finanziata da miliardarie donazioni di privati, come negli Stati Uniti, con il risultato che lo Stato brasiliano è prigioniero dell’intricata rete degli interessi privati. Per quanto concerne le liste, la proposta di riforma di Dilmapunta a rafforzare la governabilità, dando maggiore autonomia ai Partiti nella definizione delle candidature. Il sistema attuale per l’elezione al Parlamento è di tipo proporzionale, nel senso che l’elettore esprime la sua preferenza e poi, con i voti sommati di tutti i candidati dello stesso partito, si costruisce un quoziente che, quanto maggiore è, più posti fa ottenere per il singolo partito.

Nel fragore delle giornate più calde di fine giugno, Dilma ha convocato i 27 Governatori di Regione (Stati) e i 26 Sindaci delle città capoluogo a un grande “patto nazionale” per sollecitare al Parlamento l’approvazione di un referendum popolare  sulla proposta di convocazione di un’Assemblea Costituente, con l’unica missione di discutere di riforme politiche. “E’ necessario costruire una vastariforma politica per ampliare gli orizzonti della cittadinanza“, diceva allora la Presidente, perché “il Brasile è maturo per avanzare” in quella direzione.

L’iniziativa è stata subito contestata da diverse sponde. I giuristi dell’Ordine di Avvocati (OAB) hanno voluto “manifestare alla Presidente il rischio istituzionale e il pericolo che significa per le istituzioni la convocazione di una costituente”, cercando di dimostrare che “allo lo scopo di fare una riforma politica è possibile, necessario, urgente, oltre che più veloce e più efficace, cambiare la legge elettorale e la legge sui partiti politici, senza alterare la Costituzione federale”, secondo quanto dichiarava il presidente dell’istituzioneMarcos Vinicius Coelho  ai giornalisti.

Per rifiutare l’iniziativa i politici dell’opposizione hanno attaccato su un altro punto, allegando che uno dei poteri del Presidente è proprio quello di convocare l’assemblea costituente, senza il passaggio da un referendum popolare. E’ evidente che il percorso scelto dall’Esecutivo, convocando la partecipazione popolare per la riforma, vuole porsi come una strategia per forzare o vincolare il raggiungimento di un’iniziativa che è stata ripresentata al Parlamento senza successo diverse volte e nella forma di differenti progetti dal 1995.

La riforma politica è soltanto uno dei cinque capitoli che compongono il grande Patto Nazionale proposto da Dilma ai capi regionali, ma è sicuramente il traguardo più difficile per il Governo. Gli altri “patti” vogliono dare risposte ai problemi dei trasporti, la salute, l’educazione e la corruzione, cioè tutti i principali argomenti sollevati dai manifestanti e sui quali stanno emergendo alcuni primi consensi e risposte concrete. Si avanza sulla destinazione delle royalties sull’esplorazione e sfruttamento del petrolio oceanico, sui servizi pubblici di educazione e salute; sull’inasprimento delle pene per corruzione e malversazione di denaro pubblico; sugli investimenti nel settore trasporto con, ad esempio, la riduzione dei costi del diesel per il settore. Tuttavia la riforma politica è tema urticante tanto per gli oppositori come per molti alleati del Governo: intervenire sull’attuale logica di finanziamento privato ai partiti politici è una minaccia per gli interessi di molti parlamentari.
Stracciando la proposta originale di assemblea costituente, Dilma ci riprova sulla via del referendum o plebiscito (che secondo la legge richiede l’approvazione delle due Camere), allo scopo di raggiungere l’agognata riforma entro le elezioni di ottobre 2014. Il Partito Trabalhista (PT) sostiene questa posizione in Parlamento, con il supporto dei suoi alleati del Partito Democratico Laborista (PDT) e delPartito Comunista di Brasile (PCdB), ma la coltellata arriva da un altro alleato, quello di maggior peso parlamentare e fondamentale nell’architettura di potere dell’Esecutivo: il Partito del Movimento Democratico Brasiliano (PMDB).

Il gruppo del Vicepresidente della Repubblica, Michel Temer, e del Presidente della Camera di Deputati, Henrique Eduardo Alves, annunciò il 10 luglio che non ci sono le condizioni per realizzare le consultazioni prima di ottobre e che qualsiasi riforma sarà applicabile soltanto nelle elezioni municipali del 2016 e non in quelle generali del 2014. L’alleato più forte si univa così alle voci dell’opposizione politica, guidata dall’ex presidente Fernando Henrique Cardoso, del Partito della Socialdemocrazia (PSDB), che aveva manifestato immediatamente la sua contrarietà al metodo proposto da Roussef.

PPPP

Il sistema brasiliano favorisce la frammentazione delle forze e un altissimo regionalismo a livello politico: è difficile per i partiti raggiungere una presenza nazionale, perciò la capacità per allestire e condurre alleanze è cruciale per garantire la governabilità. IL PT, nonostante il suo consolidamento grazie all’esperienza di governo, ha dovuto costruire, per le elezioni del 2010, un’alleanza con il PMDB e altri partiti minori, come il PSB, il PDT, il PR e il PCdoB, che hanno contribuito con proprie candidature a seconda della rispettiva forza nei diversi stati regionali.

In ogni caso non soltanto gli alleati pongono ostacoli alla riforma di Dilma: questi sorgono anche nelle file del suo stesso partito. Il deputato PT per San Paolo, Candido Vaccarezza, presidente della commissione di lavoro parlamentare per l’analisi del progetto, manifestò che le modifiche non dovevano entrare in vigore per le prossime elezioni presidenziali, meritandosi quindi una contestazione del capogruppo del partito di governo,  José Guimaraes. Lo stessoVaccarezza è autore di un progetto di legge per implementare un controllo elettronico bancario per identificare i finanziatori nelle campagne elettorali, un ruolo, questo di controllore, riservato finora alla giustizia elettorale mediante la semplice fiscalizzazione delle fatture consegnate dai partiti. Questa proposta a favore della “trasparenza” nei finanziamenti privati è stata accolta con dure critiche sia dai media (controllati dall’opposizione conservatrice) che dal potere giudiziario, che teme così perdere prerogative. 

Secondo il giornalista Rodrigo Vianna della pubblicazione brasiliana di sinistra Carta Maiorse fossero approvati i due item della riforma politica – finanziamento pubblico e lista elettorale unica –, la sinistra guadagnerebbe forza nelle future elezioni; è comprensibile quindi che i media conservatori si oppongano. Periodici come Globo, Veja y Folha “possono attaccare dicendo che il voto su una lista completa significa la dittatura di partito, la dittatura del PT o che il PT vuole impedire al popolo di votare liberamente per i loro candidati” e possono opporsi al finanziamento pubblico sostenendo che “significa una maggiore spesa a favore dei politici corrotti” e che è “più giusto che ognuno si paghi la propria campagna invece che i costi ricadano sulle spalle del popolo”.

La riforma politica deve seguir adesso l’iter parlamentare, che si prospetta travagliato.

 

  • 2

I patti tra elite, chiave del funzionamento del sistema brasiliano

Gli avvenimenti delle recenti proteste di massa hanno stupito tutti gli analisti ed esperti della realtà brasiliana. Un tratto che ha caratterizzato finora il paese, differenziandolo degli altri paesi sudamericani, è il silenzio delle masse sullo spazio pubblico, l’assenza di mobilitazioni popolari nelle strade. Molti si sono soffermati sulla constatazione che sin dal 1992, quando le proteste rovesciarono l’allora Presidente Fernando Collor de Mello, non si vedevano accadimenti similari. Lo stesso vale per il movimento operaio: le mobilitazioni di massa convocate dai sindacati per lo scorso 11 luglio sono state le prime dallo sciopero generale del 1991!

Ciò che caratterizza la politica brasiliana sono i patti tra le elite, il vero potere che governa nel paeseJose Natanson, un qualificato analista politico e giornalista argentino, fa un’illuminante riflessione sulle radici storiche di questa particolare idiosincrasia brasiliana, cioè  il fatto che “tutti i grandi cambiamenti si processano attraverso accordi di cupola  e in forma graduale, relativamente pacifica e di solito lenta” nei quali “il popolo mobilitato occupa un posto relativamente secondario”. E’ possibile risalire allo stesso processo d’indipendenza dove, a differenza delle lunghe e sanguinose guerre vissute dalle colonie ispaniche, il Brasile si separa dal Portogallo attraverso un accordo familiare all’interno della stessa monarchia portoghese. La stessa cosa vale per l’abolizione della schiavitù, che deve attendere fino il 1888 (l’ultimo paese del continente) ed è il prodotto di una decisione concordata, o con la nascita della repubblica nel 1899; o per il varguismo, versione brasiliana del populismo, “un movimento popolare, redistributivo e inclusivo, ma dove la componente della mobilitazione popolare appare marcatamente attenuata” rispetto al suo equivalente argentino del peronismo. Molto dopo, nei roventi anni ’60, il movimento guerrigliero sorto in Brasile è stato “entusiasta, diffuso e senza forza” paragonato con quelli cresciuti in Argentina, Uruguay o Cile e la stessa dittatura posteriore, anche se ha torturato e ucciso, non ha creato campi di concentramento o piani sistematici per rubare bambini (come accaduto in Argentina ndr). Anche al ripristino della democrazia si è arrivati mediante un processo concordato con i militari, tanto è vero che “il primo presidente democratico non è stato eletto con voto diretto, ma con il vecchio sistema di collegio elettorale creato dai militari”.

senadoPer Natanson la spiegazione di questa tradizione di cambiamenti graduali si trova nelle “caratteristiche di una struttura sociale in cui la distanza tra le classi è oceanica, mentre gli effetti sono paradossali: “se da un lato ha permesso al Brasile di evitare storie di sofferenza” come quelle registrate nei suoi vicini latinoamericani o negli stessi Stati Uniti con la guerra civile, “dall’altro ha fortemente limitato l’incidenza della popolazione nelle decisioni nazionali”.

Questa stessa tradizione di patti e accordi dall’alto, ha contaminato il funzionamento politico dell’alleanza progressista guidata dal PT, al governo dal 2003. Il Partito Trabalhista, e molte delle organizzazioni che lo accompagnarono negli anni di lotta, si è trasformato da partito di opposizione in partito di gestione,perdendo la capacità di canalizzare politicamente il malessere sociale, come ha riconosciuto lo stesso Lula nell’articolo sul New York Times, chiamando a una riforma politica dentro al suo stesso partito: “Anche il PT, che ho contribuito a fondare e che tanto ha fatto per modernizzare e democratizzare la politica in Brasile, ha bisogno di un profondo rinnovamento. Deve recuperare i suoi collegamenti quotidiani con i movimenti sociali e offrire nuove soluzioni per nuovi problemi, e fare entrambe le cose senza trattare i giovani in modo paternalistico”.

I governi di Lula e soprattutto di Dilma sono diventati “governi di sindacalisti e burocrati”. Il PT ha rinnovato, sempre seguendo la regola del gradualismo pacifico, l’elite politica, ma simultaneamente ha “creato nuove aree di confort per i dirigenti che oggi vivono assopiti al calore burocratico di uno Stato che è sempre stato molto generoso con coloro che ne fanno parte, dentro il Governo, ma anche nelle imprese statali, i consigli di amministrazione delle società private, le banche, le agenzie decentrate, i fondi pensione controllati dai sindacati … I tradizionali centri di resistenza anticonservatori – il movimento contadino, il sindacalismo militante, le chiese delle teologia della liberazione – ora fanno parte del nucleo di potere o sono i tuoi alleati”.

Un elemento aggiuntivo rilevato dagli analisti, è la trasformazione lungo questi anni della base sociale del partito di governo, quello che è stato caratterizzato come il passaggio dal pitismo (PT ndr) al lulismo (André Singer).   I principali sostegni elettorali del PT, mostrano i dati, sono cambiati dal nucleo tradizionale di lavoratori delle industrie moderne e settori medi liberali del sudest, agli abitanti del Nordest povero, assegnatari delle politiche sociali e programmi d’assistenza come il Bolsa Familia. Si tratta di un legame recente tra il leader e il sottoproletariato liberato dai caudillos conservatori popolari che li comandavano fino poco fa. Si tratta “tuttavia, di un legame fragile, perché è il riflesso di un inserimento che avviene essenzialmente attraverso il consumo e non è stato accompagnata da uno sforzo equivalente di costruzione di comunità militante e territoriale (come ha fatto, con tutti i suoi problemi, Chavez)”, segnala sempre Natanson.

Questi sono i problemi che deve risolvere Dilma e vuole farlo prima delle elezioni nazionali del 2014. Le stesse che, fino poco fa, tutti erano convinti che avrebbe vinto alla prima tornata, ma che oggi, con una perdita stimata nel 20% dei consensisono diventate una strada in salita per garantire, oltre il trionfo, la governabilità.

Una governabilità che appare oggi minacciata di continuo all’interno dell’alleanza di quasi 20 partiti con i quali deve co-governare, consultandosi e accordandosi con i 39 portafogli tra ministeri e segreterie con rango similare che sigillano questa alleanza. Un team di Governo nel quale c’è di tutto, “tranne un’identità comune a livello ideologico o programmatico. Si tratta di uno spazio di controversia tra interessi “di bassa lega”, dove spicca il peggio della politica, osserva un altro analista. “C’è il PT di Lula da Silva e Dilma; c’è il PMDB, un conglomerato di caciques regionali esperti nel ricatto politico e con un formidabile appetito d’incarichi, posizioni e soldi. Ci sono le destre più recalcitranti e alcuni rappresentanti delle sette evangeliche elettroniche, con un’ampia penetrazione attraverso la radio e la televisione, e ci sono i sopravvissuti del Partito Comunista del Brasile, che una volta era maoista ed ora nessuno può sapere esattamente che cosa sia. C’è il PSB, il Partito socialista brasiliano, che minaccia di lanciare un proprio candidato per la successione di Dilma, e ci sono quelli di un partito di nuova creazione, il Partito Social Democratico (PSD), il cui leader, l’ex sindaco di San Paolo, Gilberto Kassab, è stato enfatico nella sua definizione: “Non siamo un partito di destra, nè di sinistra né di centro.” (Eric Nepomuceno, “Dilma Roussef en su labirinto”, Pagina 12, 21/7/2013).

  • 3

E’ ora di voltare a sinistra!

Lula ha indicato la sua strada: recuperare i collegamenti con i movimenti sociali. Dilma, assediata invece dalle sue responsabilità di governo, si trova al bivio. Ci sono pressioni, soprattutto nell’ala sinistra e sindacale del PT, per candidare a Lula nel 2014, seguendo anche il verdetto dei sondaggi, che pongono all’ex presidente con un’intenzione di voto del 41%, abbastanza sopra il 33% di Dilma (la presidentessa aveva il 52,8% a giugno e addirittura il 65% a marzo). Lula però ha bloccato subito ogni rumore, affermando che non concorrerà nel 2014 e che il suo candidato è sempre Dilma.

abrazo lulaE’ opinione generalizzata che durante il governo Roussef, il Brasile ha rallentato e in certi casi fermato il processo di riforme iniziato da Lula e di avere – addirittura – sterzato a destra. Sono molti i dati a favore di questo argomento. Un’economia che favorisce le industrie estrattive altamente contaminanti delle miniere così come il sistema di fracking d’alto impatto ambientale per la soluzione del problema energetico del petrolio, è uno degli esempi. Dilma è accusata anche di aver praticamente fermato la riforma agraria decretata da Lula e di avvallare modifiche alle leggi sulla demarcazioni di terre indigene, misure entrambe a favore dell’avanzamento delle industria agro-alimentare di ogm e delle multinazionali, che esigono l’espulsione dei piccoli contadini o degli aborigeni dei loro territori. Processi similari si ripetono in ambito urbano, con i grandi investimenti del Piano Nazionale di Logistica (PNL) – per la realizzazione di autostrade, ferrovie, aeroporti e i tanto criticati megastadi per gli eventi del Mondiale di Calcio e delle Olimpiadi -, che hanno come conseguenza una lucrativa speculazione immobiliare e il relativo spostamento di popolazioni (e militarizzazione) delle baraccopoli e dei quartieri popolari. La presidentessa ha dimostrato di cedere alle pressioni dei gruppi evangelici, con forte rappresentanza in Parlamento, su proposte legislative fortemente lesive dei diritti civili in particolare delle donne, accusano altri. Un caso è quello dello Statuto del Nascituro, proposto dagli alleati dal PMDB, che oltre a stabilire l’inizio della vita dal concepimento, inasprendo di conseguenza le pene contro l’ivg (l’aborto è reato in Brasile), vorrebbe istituire l’assegno-stupro per le donne violentate, in modo di beneficiarle con una pensione dallo Stato o un contributo alimentare da parte degli stessi violentatori. Lo stesso alleato politico, che è la prima minoranza in Parlamento, aveva costretto a Dilma – in piena campagna del 2010 – a impegnarsi nel divieto e penalizzazione della ivg, considerando precedenti dichiarazioni di Roussef a favore di modifiche nelle legislazione. Altriarretramenti avvengono nell’ambito delle politiche di salute riproduttiva e nei diritti delle minoranze sessuali, come il blocco posto a campagne contro l’omofobia, a politiche di prevenzione sanitaria a favore delle lavoratrici sessuali, ecc.

Comunque,  sostengono altri, nemmeno il governo di Lula da Silva si è discostato mai totalmente dalle politiche ortodosse gradite ai mercati. Quando il PT ha assunto il potere, Lula “accettava le consuete restrizioni imposte dal neoliberismo ad un progetto di sviluppo economico e sociale”.  Queste includevano l’apertura finanziaria e una disciplina fiscale feroce per generare un ampio avanzo primario (per pagare i pesanti oneri finanziari) così come anche la presunta autonomia della banca centrale. Implicava inoltre non fare marcia indietro nel gran tema delle privatizzazioni e opporsi alle occupazioni di terra lanciate dai contadini del Movimento dei Senza Terra. “C’è stata una sola eccezione importante a questo modello: la politica salariale e i programmi sociali. Sotto i governi PT, gli stipendi sono cresciuti e hanno iniziato a recuperare un po’ di ciò che avevano perduto nei decenni precedenti. Molto è stato detto circa le politiche di welfare come il programma Bolsa Familia, ma quello che ha colpito maggiormente nella lotta contro la povertà è stato senza dubbio l’aumento dei salari”. (Alejandro Nadal, La Jornada, 3/7/2013)

Sia Lula che Dilma, segnala un altro commentatore, “applicarono una politica neo-sviluppista ed estrattivista di stampo neoliberista, addolcita dall’assistenza dello Stato ai poveri; favorirono gli affari dell’industria agroalimentaria nel settore rurale e delle grandi imprese nelle città. Il sostegno all’industria automobilistica, ad esempio, piantando canna per produrre etanolo invece di alimenti, o offrendo crediti per l’acquisto di autovetture, ha provocato il caos e l’inquinamento nelle città, così come la congestione crescente del traffico e l’abbandono del trasporto pubblico”.  (Guillermo Almeyra, La Jornada, 14.7.2013)

dilma preocupada1Per Dilma, tuttavia, le conseguenze politiche sono arrivate e pesantiDilma ha perso voti non soltanto tra i giovani della classe media, ma anche in altri gruppi urbani, specialmente nel sudest: quelli che“vivono in baraccopoli o quartieri più poveri della città, ricevendo meno del salario minimo o poco più”; “i lavoratori della salute e gli insegnanti della scuola pubblica, che lottano per salari più elevati; i residenti urbani che non hanno raggiunto la fantomatica classe media brasiliana”, così come anche, d’altra parte, “i lavoratori rurali e i lavoratori senza terra (MST e Via Campesina) per l’arresto della riforma agrarial’insieme dei popoli indigeni per lo stop della delimitazione delle loro terre e l’avanzata del settore agroalimentare e minerario su di loro; i pescatori artigianali che subiscono l’inquinamento per rifiuti industriale dei fiumi e gli oceani; le donne a basso reddito per l’inflazione e le donne di reddito più elevato e con un certo livello di istruzione per l’assurdo “statuto del non nato”.

Al contrario, “il governo di Dilma ha ancora il sostegno dell’elite di lavoratori: impiegati di banche, petrolio, assemblaggio di automobili nei grandi centri industriali, come ad esempio Campinas (SP) o di Caxias do Sul (RS), funzionari pubblici privilegiati, ecc” . (Juan Luis Berterretche, Argenpress, 17/6/2013)

Nei giorni più caldi delle proteste, tutti abbiamo seguito con preoccupazione le notizie sul rifiuto e su altre dure reazioni di contrarietà espresse dai manifestanti contro il tentativo di colonne di militanti del PT, di alleati di sinistra (partiti socialista e comunista) e dei sindacati, di partecipare ai cortei  degli auto-convocati dalle reti sociali e da movimenti come Passe Livre o Anonymus. Dopo questi primi tentativi un po’ goffi, le forze popolari vicine al governo hanno voluto misurarsi un’altra volta con la loro (per troppo tempo accantonata) capacità di mobilitazione.

La CUT (Centrale Unica di Lavoratoriha convocato l’11 luglio scorso una grande mobilizzazione sindacale di protesta, la prima dopo 22 anni, quando attraverso lo sciopero generale era stato costretto a rinunciare il presidente Collor di Mello. Alla denominata Giornata Nazionale delle Lotte hanno anche aderito e partecipato con i propri attivisti, le organizzazioni che hanno costituito la base sociale e politica per l’arrivo al potere del PT: il Movimento dei Sem Terra (MST), l’Unione Nazionale di Studenti (UNE) e lo stesso Partito dei Lavoratori (PT).

Diversi giornalisti hanno condannato la manifestazione, cercando di squalificarla come “protesta politica, non del popolo” in confronto con le proteste spontanee dei cittadini apolitici e senza partito. Tuttavia, lo scopo delle organizzazioni è stato piuttosto spingere Dilma a cambiare orientamento, rompendo compromessi con la destra e accogliendo le domande popolari finora inattese. La scommessa, quindi, è che il Governo capisca che è ora di voltare a sinistra.

Per il principale leader del Movimento dei Sem Terra (MST), João Pedro Stedile, “la rielezione di Dilma dipende dalle alleanze che farà da qui in seguitose continua privilegiando accordi d’indole conservatore, la destra potrà vincerla presentando candidati che appaiano come il nuovo anche se non lo sono. L’elezione di Dilma sarebbe più sicura se lei ascoltasse le voci delle strade e promovesse i cambiamenti sociali che si sollecitano. Se lo facesse, il governo farebbe una svolta a sinistra e consoliderebbe il sostegno popolare per il 2014”. E’ ora di fronteggiare la classe dominante su tutti i piani: riformando la politica fiscalepromuovendo un progetto di democratizzazione dei media, attuando la sempre posticipata riforma politica e, naturalmente, promuovendo una riforma agraria per porre fine all’ agro-business delle multinazionali. Il modello di crescita brasiliano di questi anni ha creato difficoltà nell’alleanza con il MST, che porta avanti una piattaforma di riforma agraria popolare, difesa dell’agroecologia, sovranità alimentare, democratizzazione della terra e la costruzione di scuole per diffondere l’agricoltura ecologica.

L’altro obiettivo manifesto delle organizzazioni popolari convocanti è stato allontanare i pericoli di una potenziale crescita della destra o, forse di più, dell’emergere di forme di antipolitica che possano sboccare in populismi.

Rede2Si pensa soprattutto all’enorme crescita di consensi di Marina Silval’ex ministro dell’ambiente di Lula, un’altra figura con una biografia da romanzo: cresciuta in una famiglia di seringueiros (gli sfruttati raccoglitori di caucciù nelle selve amazzoniche) non ha conosciuto scuole fino i 14 anni, ma poi è riuscita a diventare una pedagogista, una militante ecologista e una pastora evangelista. Quando ha abbandonato il PT, dopo 25 anni di militanza, ha corso per il Partito Verde nella campagna presidenziale del 2010, guadagnando a sorpresa il terzo posto e costringendo Dilma alla sfida del secondo turno elettorale. Lo scorso febbraio ha lanciato un nuovo partito, per il quale sta raccogliendo firme: la Rede Sustentabilidade o semplicemente Rede (La Rete), che include l’idea di associare la politica al protagonismo delle reti sociali (un modello che sembra pari pari quello italiano di Grillo) evocando, simultaneamente, la sua vocazione ambientalista. Anche questo partito è stato definito dalla sua leader come “né di destra, né di sinistra”, dichiarando che mira a “spezzare la logica che il Partito ha il monopolio della politica” offrendo, ad esempio, alla società un 30% del totale delle candidature affinché siano coperte da candidati indipendenti, cittadini non iscritti e che non abbiano vincoli di partito”.

Rede SilvaSecondo i sondaggi (è passata dal 12,5% al 20,7%) è la Silva la figura che riesce a capitalizzare il corpo elettorale perso da Dilma, più che il principale candidato dell’opposizione, il socialdemocratico Aécio Neves (PSDB), punito anche lui dalle proteste (dal 17% al 15,2%)Marina Silva guadagna consensi soprattutto nelle classi medie più abbienti. In più, diversi alleati del PT sembrano volere abbandonare Dilma per emigrare sulla nave di questa candidata o di altri oppositori, come Neves o il giovane Eduardo Campos, leader del PSB (Partito Socialista).

La CUT, non a caso, chiamando alla Giornata delle Lotte ci ha tenuto a puntualizzare soprattutto i rischi che nasconde ogni rifiuto delle organizzazioni politiche, come dichiarava il suo presidente Vagner Freitas: “Consideriamo conservatrice la protesta senza i partiti e senza i sindacati”. Si tratta non solo dell’organizzazione che ha dato origine a Lula, ma di quella dalla quale sono pervenuti l’80% dei ministri del suo governo. La posizione da tenere riguardo al Governo, tuttavia, è stato motivo di scontro all’interno delle organizzazioni sindacali aderenti alla convocazione, praticamente tutto lo spettro del movimento operaio brasiliano: le federazioni di opposizione Forza Sindacale (FS), di carattere burocratico e Conlutas (sinistra) volevano chiamare ad un vero e proprio sciopero generale contro il governo di Dilma Roussef.

Le rivendicazioni della giornata hanno incluso richieste specificamente sindacali, come l’aumento degli stipendi e riduzione degli orari di lavoro; questioni care al Movimento dei Sem Terra come la riforma agraria, ma anche domande dell’insieme della cittadinanza e presenti nell’agenda di reclami delle proteste cittadine precedenti: più investimenti nella sanità e nell’educazione e, ovviamente, trasporto pubblico di qualità. Anche se non ha raggiunto i livelli di partecipazione delle manifestazioni cittadine che la avevano preceduta, la giornata di lotta è riuscita a dimostrare la spinta e la forza dei lavoratori a favore di un approfondimento delle riforme popolari e democratiche, e, al contempo, è servita a sostenere il Governo contro i rischi di destabilizzare.

  • 4

Piove, governo ladro

Sono molto evidenti le manovre delle forze reazionarie per sfruttare l’onda di proteste a proprio vantaggio, attraverso uno strumento di grande potenza sul quale dominano indiscussi, cioè il monopolio sulla stampa, e focalizzando gli attacchi su un argomento unico, ma di alto reddito politico nelle classi medie, ovvero la corruzione (non per caso l’unico tema delle proteste di giugno assente della piattaforma della giornata sindacale).

E’ molto illustrativa l’evoluzione del trattamento delle proteste giovanili sui media della rete Globo, principale monopolio nel settore, evidenziato dallo studioso Laurindo Leal Filho in Carta Maior. In principio, quando non era ancora chiara la dimensione del movimento, la catena stampa mise il focus sulla violenza, subito dopo i vandali sono diventati “i cittadini”. Finché, di fronte alla magnitudine degli eventi, Globo produce un fatto storico per il Brasile: sostituisce la soap opera per la diretta TV delle protesteLeal Filho sintetizza dicendo che “dopo una prima tappa di direzione da parte del Movimento Pase Libre, Globo è passato a condurre le proteste”.

Una delle grandi debolezze dei governi PT è non esser stato in grado di costituire canali alternativi di radio e TV capaci di equilibrare la concorrenza informativa, come invece ha fatto il kirchnerismo, con le difficoltà che sussistono ancora per l’applicazione della Legge sui Media argentina. Il PT ha parlato in diverse occasioni di progetti per regolamentare i media elettronici e audiovisivi, ma nessuno è arrivato mai allo stato parlamentare a causa degli impedimenti che sorgono da alleati come il PMDB.

L’opposizione a Dilma – come succede anche con Cristina in Argentina – non è fatta dai partiti, ma dai media: “ i media conservatori sono quelli che operano all’opposizione e dettano le regole del gioco”, ha sintetizzato un altro giornalista brasiliano. E il successo per instillare argomenti di carattere populista è scontato: secondo gli ultimi sondaggi l’81% dei brasiliani considera corrotti a tutti i politici.

La costruzione nei Media dello “scandalo” della corruzione in forma di “spettacolo è un tratto caratteristico della politica sudamericana dagli anni ’90 in poi, ed è oggi – dicevamo – il principale terreno di battaglia della destra contro i governi progressisti. Nello stesso periodo, il fenomeno della corruzione ha acquisito un luogo privilegiato anche in altri scenari politici, come l’europeo (Italia in testa: si pensi a Tangentopoli), ed è sicuramente uno degli elementi che più ha contribuito alla crisi, ovunque, delle istituzioni democratiche e dell’immagine della politica agli occhi dei cittadini. Tuttavia un elemento che distingue il problema in Sudamerica rispetto all’Europa, è che prima c’è la “messa in scena” del caso di corruzione politica da parte dei giornali, la TV, ecc. e soltanto dopo, caso mai, si arriva all’investigazione giudiziaria.

corrupcion_giudice barbozaLa Giustizia, in quanto istituzione altamente corporativa e tradizionalmente dominata dai ceti privilegiati, è il giocatore “politico” di seconda istanza in questa scena, che è politica ma senza partiti. Non per caso, la stampa monopolista brasiliana cerca di promuove la candidatura politica del primo presidente nero della Corte Suprema di BrasileJoaquim Barboza, il giudice che ha raggiunto fama nazionale come relatore nel processo del “mensalao(concluso alla fine dell’anno scorso con 25 condanne)un grosso scandalo di corruzione che ha coinvolto il PT nel 2005, quando funzionari di governo vicinissimi a Lula sono stati accusati dalla stampa di pagare “mensilità” a legislatori dell’opposizione affinché approvassero progetti governativi.

Il Presidente Lula è riuscito a sopravvivere politicamente e a gestire la difficile situazione – che vedeva coinvolti nel caso tre figure principali del PT del primo governo: il suo braccio destro e ex ministro di Governo, Jose Dirceu; il Presidente del partito, Jose Genoino(entrambi ex guerriglieri durante la dittatura) e l’allora tesoriere Delubio Soares – promuovendo un positivo rinnovamento nelle file del partito.

Il sistema politico brasiliano fondato su accordi tra elite è confacente a queste forme degradate della vita pubblica, mentre la corruzione è un’arma infallibile per attaccare qualsiasi governo, perché – come spiega lo studioso del fenomeno Sebastian Pereyra – attaccando la condotta individuale di un singolo funzionario si accusa un intero governo e un partito, o addirittura la classe politica e il sistema. La corruzione inoltre, in tanto inaccettabile dal punto di vista etico, annulla la possibilità di realizzare valutazioni misurate sulla performance di un funzionario, di un governo o di un ciclo storico: è il carattere “cancellatore” del tema della corruzione ciò che spiega il suo carattere anti-politico.

Le classi dominanti e i loro portavoce appaiono in TV ogni giorno esprimendo il loro grande obiettivo: usurare al massimo il governo, indebolendo le forme d’organizzazione della classe operaia, per sconfiggere tutte le modifiche strutturali proposte. Tutto ciò per vincere finalmente le elezioni e ricomporre l’egemonia totale del comando dello Stato, che adesso è in discussione. Nelle reti sociali, controllate dalla destra, alcuni gruppi fascisti cominciano a far circolare una petizione per l’impeachment di Dilma. Agitano anche il discorso contro la corruzione, che può finire per rivoltarsi contro di loro, perché la borghesia brasiliana, i loro imprenditori e politici sono i più corrotti e i maggiori corruttori. Sapete chi si è appropriato delle spese e investimenti giganti del Mondiale? La Rete Globo e le imprese di costruzioni“, segnalava anche il dirigente del MST Stedile. Un’investigazione parlamentare, infatti, ha coinvolto recentemente la stampa privata in casi palesi di corruzione.

corrupcion1Il PT dovrebbe conservare il Governo ma la governabilità e la guida del processo di riforme popolari e di carattere progressista sono sotto assedio. Sono molti e spesso velati gli attori che si disputano il controllo del Brasile: lo scenario religioso e la recente visita del Papa è un altro buon esempio.

Quello che era stato programmato come un evento di proiezione mondiale del Brasile, una prova di scena per le future grandi feste mondiali dello sport, è capitato in un momento delicatissimo. Il governo è riuscito a tenere isolate dal Papa le proteste degli auto-convocati che sono scattate puntuali, comprese le sfilate di donne seminude e coppie omosessuali a difesa del matrimonio gay, il diritto all’aborto e la politica anticoncezionale.

Per quanto riguarda la lettura politica, che qui c’interessa, nella Giornata Mondiale della Gioventù, Papa Francesco ha incoraggiato i giovani a protestare e a credere nella possibilità di cambiare la realtàDilma aveva ribadito che le proteste sono legittime, e che avrebbe ascoltato la voce delle strade. Il Papa ha chiesto ai politici di lavorare per i veri interessi del popolo, specialmente i più bisognosi; Dilma lotta con le unghie e con i denti per ottenere una riforma politica che il Parlamento si rifiuta ad accettare. Il Papa ha denunciato la corruzione e ha chiesto di combatterla in modo esaustivo; Dilma ha avvertito che sarà all’erta per qualsiasi deviazione di condotta nel suo governo.

Date le circostanze e il carisma popolare dell’uomo che arrivava in Brasile, era prevedibile che la Presidente cercasse un’alleanza “politica” con il Papa, dando all’avvenimento il carattere di visita di Stato e proponendo a Francesco l’avvio congiunto di una crociata per sconfiggere la povertà nel mondo, considerando l’esperienza brasiliana recente – aver liberato dalla fame oltre 30 milioni di brasiliani – e i rapporti storici del Brasile con le nazione africane. L’abile diplomazia vaticana si è divincolata dall’abbraccio, escludendo dall’agenda la visita ufficiale a Brasilia, sede del governo, e limitando il viaggio al carattere “pastorale” (Francesco non ha trovato il tempo neanche per incontrare l’ex presidente Lula, nonostante le intenzioni degli ospiti sudamericani). Il portavoce del Vaticano, Federico Lombardi, ha risolto la questione riconoscendo i “punti di sintonia” tra il governo di Brasile e il Vaticano nella lotta contro la fame e la povertà, ma affermando anche che “non esistono impegni di nessun tipo in questo senso”.

papa4Andato via il Papa, valgono le riflessioni amare di un giornalista: “E’ lecito supporre che il discorso governativo affermerà che il Papa ha riconosciuto i loro sforzi e che sono insieme nella loro lotta, ed è altrettanto legittimo supporre che l’opposizione dirà il contrario, cioè che il Papa ha messo in rilievo gli errori e i fallimenti del governo. La verità è che, per ora, niente di tutto questo ha importanza. La questione decisiva sarà l’anno prossimo, in campagna elettorale. Sicuramente non solo i cattolici, ma anche le sette evangeliche che si riproducono ogni settimana, si scaglieranno con forza contro l’aborto, il matrimonio omosessuale o l’adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso. Allora, cattolici e pastori elettronici si daranno le mani, e i candidati progressisti saranno i loro obiettivi preferiti”. (Eric Nepomuceno, Pagina 12, 29/7/2013)

  • 5

A riflettori spenti

Intanto la trama degli avvenimenti va avanti. La Chiesa Cattolica, attraverso la Confederazione Nazionale di Vescovi del Brasile (CNBB), vuole rendere manifesto il suo impegno accanto alle necessità dei cittadini raccogliendo la maggior parte del milione e mezzo di firme della campagna Salute+10, alla quale partecipa assieme ad un centinaio di organizzazioni per sollecitare lo Stato a destinare il 10% delle entrate per la salute pubblica.

Proseguono questi giorni anche le proteste dei giovani nelle principali città, anche se con minore intensità. A Rio de Janeiro e San Paolocortei giovanili, collegati ai movimenti e gruppi no-global e anarchici, rivendicavano la “riapparizione” di Amarildo de Souzaun muratore di 42 anni scomparso due settimane fa nella favela La Rocinha di Rio dopo esser stato avvicinato dalla Polizia per un interrogatorio. I manifestanti sollecitano anche la rinuncia dei governatori dello Stato di Rio di Janeiro, Sergio Cabral, del PMDB (il partito alleato del governo) e di San Paolo, Geraldo Alckmin (del partito oppositore socialdemocratico PSDB) in quanto  “repressori e corrotti”.

Le denunce di corruzione, infatti, raggiungono i politici di tutti i fronti. Il sopra menzionato governatore di San Paolo, assieme al suo predecessore deceduto, Mario Covas e ad un altro ex governatore, Jose Serralo stesso che è stato candidato presidenziale per il PSDB prima contro Lula e poi contro Dilma, sono stati denunciati dal giornale Folha di Sao Paulo per un multimiliardario scandalo di corruzione con l’azienda tedesca Siemens, per l’acquisto di 40 treni per il trasporto urbano. (Da aggiungere che l’impresa tedesca è stata coinvolta in casi di corruzione in numerosi paesi: Venezuela, Cina, Israel, Bangladesh, Nigeria, Argentina, Vietnam, Russia, Messico, Kuwait, Grecia…)

Alla fine della scorsa settimana le proteste giovanili erano anche alle porte del Foro di San Paolol’incontro annuale dei leader della sinistra latinoamericana fondato quasi 20 anni fa da Lula e Fidel Castro. Rispondendo in qualche modo ai manifestanti, Lula da Silva ha affermato che la sinistra è invecchiata un po’ dappertutto e che nel caso europeo si è “ridotta”, perché “somiglia ormai alla destra”. Non ha risparmiato critiche al PT e ha avvertito i suoi dirigenti di non cadere negli errori di altre formazioni di sinistra, perché “soltanto una cosa può salvare a un partito che ha presso il potere: non perdere il contatto con la gente“, mentre si domandava quali messaggi offre il PT alla società e ai giovani che manifestano da settimane nelle strade.

Dilma già aveva segnalato, nel messaggio di benvenuto inviato per l’apertura del Foro, che “stiamo ascoltando le voci della strada” perché “siamo consapevoli che le manifestazioni fanno parte del nostro processo di miglioramenti sociali. Non chiedono di tornare indietro al passato, ma di andare avanti per un futuro con più diritti, più democrazia e più conquiste sociali”.

Alcune segnali positive ci sono. Proprio a questa città di San Paolo, cuore industriale del paese e delle proteste, Dilma è arrivata giorni fa per offrire un importante contributo di fondi federali (4 milioni di dollari) destinato al miglioramento dei servizi d’alloggio, acqua, fognature e trasporto, tra cui la costruzione di un corridoio di 99 chilometri per gli autobus urbani. Sul piano dei diritti civili, Dilma ha resistito alle pressioni dei gruppi religiosi e non ha posto il veto alla legge approvata in questi giorni dal Parlamento a favore delle donne violentategarantendo a queste vittime l’acceso alla pillola abortiva “del giorno dopo”. Un significativo passo avanti, considerando quanto la Presidente dimostrava di cedere ai suoi alleati conservatori e alla destra su questo terreno.

Il Foro di San Paolo ha concluso le sue sedute domenica scorsa con una dichiarazione finale che esamina le diverse sfide della sinistra in America Latina e, nell’ultimo punto si solidarizza con la posizione del governo brasiliano denunciando “la manovre politiche della destra brasiliana, attraverso i media e altri mezzi, indirizzate a sabotare il governo del presidente Dilma Rousseff e a terminare questa esperienza contrassegnata dai grandi progressi raggiunti negli ultimi dieci anni. Siamo solidali con la posizione del presidente Dilma Rousseff e le forze di sinistra e progressiste brasiliane che riconoscono l’importanza della voce delle strade, per avanzare sul sentiero dei cambiamenti ed evitare che quel sentiero conduca ad un arretramento nelle conquiste raggiunte”. Prima, nelle premesse, il Foro aveva riconosciuto la legittimità delle domande dei manifestanti che “rivelano la necessità di ampliare le opportunità di partecipazione e di espressione politica dei settori sociali che hanno raggiunto il progresso economico attraverso le politiche attuate dal governo”, riconoscendo come un dovere per la sinistra latinoamericana che “i nostri partiti e le organizzazioni sociali devono essere in grado di afferrare questi cambiamenti e trovare un modo per aprire questi spazi”.

Pochi giorni prima Lula aveva inaugurato il Foro con un’affermazione di fiducia: “L’America Latina è il faro della nuova sinistra. Sono convinto che possiamo costruire un nuovo modello per la sinistra”. Lo vogliamo in molti.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: