La Fao esalta il lavoro del Venezuela per eliminare la fame nel mondo

maduro-fao_premioda Correo del Orinoco

Il direttore della Cooperazione Tecnica della FAO: «Il Venezuela può essere considerato come uno di quei paesi, al pari di Brasile e Cina, che contribuiscono maggiormente alla cooperazione Sud-Sud nel mondo»

Gli esperti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO il suo acronimo in inglese) hanno evidenziato che il Venezuela oltre ad aver raggiunto in anticipo ‘L’Obiettivo di Sviluppo del Millennio’, in merito all’eliminazione della fame il paese ha fornito assistenza ad altri paesi affinché anch’essi possano raggiungere questo importante obiettivo.

Il direttore della Cooperazione Tecnica della FAO, Laurent Thomas, ha segnalato che le politiche in materia alimentare applicate dal governo bolivariano, hanno fatto sì che il Venezuela sia uno dei 29 paesi riusciti a dimezzare il numero di persone denutrite entro il 2015, e oltre a essere un esempio per gli altri paesi risulta tra i maggiori contribuenti ai meccanismi di cooperazione internazionale in materia di alimentazione.

«Il Venezuela può essere considerato come uno di quei paesi, al pari di Brasile e Cina, che contribuiscono maggiormente alla cooperazione Sud-Sud nel mondo», ha dichiarato Thomas da Roma, in Italia, dove si sviluppa la 39° conferenza dell’organizzazione.

Il direttore dell’Ufficio per la Cooperazione Sud-Sud della FAO, Carlos Watson, ha evidenziato i progressi nelle relazioni di sostegno e contributo reciproco che il Venezuela ha raggiunto con gli altri paesi, nell’ambito della riduzione di fame e denutrizione nel mondo.

«La prima iniziativa di cooperazione Sud-Sud che abbiamo con il Venezuela, è diretta a 10 paesi dell’America Latina membri dell’ALBA (Alianza Bolivariana para los pueblos de Nuestra América), poi ci sono state altre esperienze e scambi», ha spiegato Watson.

In occasione della 39° conferenza, in fase di svolgimento dal 6 al 13 di giugno, il Venezuela riceverà un nuovo riconoscimento per i risultati raggiunti nell’ambito dell’alimentazione.

Un premio che arriva dopo quello del 2012, ottenuto per aver ridotto di oltre il 50% fame e povertà estrema, e il riconoscimento arrivato nel 2013 quando il Venezuela è riuscito ad abbattere il numero delle persone che soffrono la fame, dal 13,5% al 5%.

Nel 2014 è stato annunciato un nuovo riconoscimento da parte della FAO, espressamente diretto alla Misión Alimentación, iniziativa che promuove i programmi sociali implementati dal Governo Nazionale con giornate dedicate alla distribuzione di beni alimentari a prezzi equi per il popolo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

FAO premia Maduro per la lotta alla fame

Venezuela. Fao premia Maduro per lotta contro la fameda tribunodelpopolo.it

Per lo stupore della stampa occidentale, che non se ne capacita, la Fao (Food and Agricolture Organization) ha premiato il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, per il suo impegno e per i risultati conseguiti nella lotta contro la fame. Eppure secondo gli Usa, l’Europa e molti intellettuali alla “Saviano”, Caracas rappresenta un “regime”. Un “regime” talmente bizzarro da essere stato votato democraticamente.

Spesso quando si vuole perorare una causa piuttosto che un’altra sarebbe necessario partire da un punto fermo: conoscere i fatti. E’ sin troppo facile infatti definire buono o cattivo questo o quel paese sulla base del giudizio che spesso un pugno di opinion leaders affida troppo frettolosamente ai salotti Tv, più difficile approfondire e contestualizzare. A nostro avviso è quello che accade al Venezuela, paese vittima di una importante campagna di demonizzazione mediatica ormai da diversi anni proprio perché il suo governo, quello di Chávez prima, e di Maduro poi, è inviso all’occidente per ovvi motivi politici e geopolitici.

Il problema è che Hugo Chávez prima e Nicolás Maduro poi hanno vinto democraticamente le elezioni e di conseguenza la loro rivoluzione Bolivariana di stampo socialista è del tutto legittima. E quanti lamentano autoritarismo e tendenze autoritarie da parte del governo dovrebbero comunque compiere lo sforzo di ricordare che cosa fosse il Venezuela prima dell’avvento del chavismo, ovvero un paese poverissimo in balìa delle bande criminali, dell’analfabetismo e della corruzione spietata al servizio delle multinazionali e dei potentati stranieri.

Ai salotti non piaceva Chávez, militare dai modi spicci, e non piace Maduro, che con la sua semplicità fa arricciare il naso ai benpensanti opinion leaders di casa nostra, quelli che per intenderci abboccano ogni volta alle campagne di isteria e demonizzazione contro il “regime” di turno. Non piace nemmeno a personaggi come Saviano che, incautamente, hanno accusato Caracas di essere collusa con il narcotraffico prendendo per buone notizie di fonte Dipartimento di Stato Usa, ovvero lo stesso paese, gli Stati Uniti, che nel 2001 ha tentato un golpe contro il chavismo e che ininterrottamente finanzia e supporta l’opposizione di destra per destabilizzare il governo venezuelano.

Quella che però non si può occultare è la realtà, e infatti la Fao, ovvero il programma Food And Agricolture Organization delle Nazioni Unite, ha deciso di premiare proprio il presidente venezuelano Nicolás Maduro per il suo impegno nel combattere la fame in Venzuela.

“Il Venezuela è il Paese che ha combattuto di più la fame nel mondo, grazie ai programmi sociali di cibo e al lavoro quotidiano instancabile”, ha spiegato la Fao, che ha fatto riferimento al piano di sussidio istituito da Chávez nel 2003. Secondo recenti statistiche tale programma è riuscito nell’impresa di distribuire circa 26,5 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, sconfiggendo la fame in quasi tutto il Paese.

Ma non è finita qui, anche se il Venezuela sta attraversando una difficile congiuntura economica a causa della crisi dovuta anche ai prezzi del petrolio, secondo la tv sudamericana Telesur, Maduro avrebbe deciso di chiedere un aumento delle spese per l’allargamento del piano voluto da Chávez: “Tra il 2015 e il 2016 saranno stanziati 24 miliardi di BsF per la costruzione di nuovi centri di distribuzione e supermercati Mercal”. Ma non si tratta solo di propaganda dato che è stato lo stesso Fao a riconoscere che il governo venezuelano ha diminuito la povertà del 50% nel 2012. Di fronte ai dati gli opinionisti cosiddetti e sedicenti “democratici” semplicemente non ne parlano, preferendo dare invece spazio a tutte le rivendicazioni dell’opposizione venezuelana, dipinta invece sempre e comunque con toni positivi.

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: