In Venezuela ci sono nuovi rapporti di forza

Chavez

di James Petras – La Haine

31ago2017.- L’Assemblea Costituente, la mobilitazione militare, la mobilitazione nazionale contro l’imperialismo interventista, hanno affondato la destra.

Efraim Chury Iribarne: Stavamo osservando che la situazione attuale in Afghanistan è abbastanza complessa e che Donald Trump in qualche modo prolunga la guerra in Afghanistan. È corretto?

Sì, è sotto il comando dei suoi generali, che hanno deciso che non è il momento di lasciare il paese, perché potrebbero subire un altro impatto negativo sull’immagine di un governo debole e fallito, in particolare nei media, che cercano qualsiasi pretesto per delegittimare il Presidente Trump.

Ma in realtà le cifre che danno per giustificare l’invasione nordamericana non corrispondono alla realtà, dicono che i talebani controllano solo il 50% del paese, ma gli esperti che hanno conoscenza sul campo dicono che è più dell’80%. Gli Stati Uniti controllano solo alcune città, soprattutto Kabul, la capitale, e molto di meno il resto. E voglio menzionare un altro fattore, tra i soldati dell’esercito afghano ci sono molti oppositori. Cioè, infiltrati talebani che, di tanto in tanto, eliminano i funzionari del governo nordamericano.

E, inoltre, anche nelle città presumibilmente controllate dagli Stati Uniti, ci sono costantemente incendi, attentati e altre azioni, che indicano che nemmeno nei centri che rimangono nelle loro mani sono sicuri. Quindi, l’idea che gli Stati Uniti con un aumento di 5.000 o 10.000 unità, possano invertire la situazione è totalmente falsa. È un atto suicida, nel senso che inviano truppe impossibilitate ad agire, nel senso di recuperare l’Afghanistan per conto degli Stati Uniti.

Credo che ci sono due possibilità alternative, o devono moltiplicare il numero di truppe, intensificare il bombardamento [che già si è dimostrato non funziona], o devono ritirarsi entro un termine dato, riconoscendo che inevitabilmente non sono in grado di invertire le tendenze verso i talebani.

EChI: Il Venezuela chiede all’ONU di prendere posizione sulle minacce statunitensi. Il capo della diplomazia venezuelana ha detto: l’ONU non può rimanere con le braccia incrociate e non condannare queste azioni, lo abbiamo fatto notare al suo segretario generale. D’altra parte, il ministro venezuelano della Difesa Vladimir Padrino López, ha detto sabato scorso che il popolo del Venezuela e delle Forze Armate Nazionali sono pronti a dare tutto per difendere la patria, “è scritto nella nostra Costituzione, siamo una Repubblica indipendente e sovrana e dobbiamo comprendere l’ampio concetto di ciò che è sovranità, la capacità di uno Stato, di una nazione e del suo governo di prendere le proprie decisioni.” Come vedi la situazione da quelle parti, Petras?

JP: L’ONU non ha molto peso, perché gli Stati Uniti hanno diritto di veto, hanno un controllo efficace sugli Europei, hanno il sostegno indiretto dei paesi neo-liberisti dell’America Latina, soprattutto la destra più dura. Quindi, l’idea è buona e il Venezuela deve presentarla, ma non si aspettano molto dalle Nazioni Unite.

Invece, hanno preso misure più positive, ad esempio, l’esercizio militare lo scorso fine settimana, con più di 700 mila soldati e miliziani. È un segno di forza, una capacità di mobilitare e proteggere il paese, che potrebbe servire da avvertimento agli Stati Uniti che un’invasione sarebbe molto costosa.

E ha anche un enorme effetto sull’opposizione interna. Dobbiamo analizzare i nuovi rapporti di forze. Trump, con la dichiarazione di intervento o di minaccia di intervento, ha neutralizzato e paralizzato l’opposizione. Perché su questo tema l’opposizione non ha alcun sostegno, tanto meno nelle piazze.

In secondo luogo, la mobilitazione militare e delle milizie serve pure a ridimensionare la presenza dell’opposizione. In altre parole, l’Assemblea Costituente, la mobilitazione militare, la mobilitazione nazionale contro l’imperialismo interventista, hanno al momento modificato i rapporti di forza. Non si sente molto da parte degli avversari, né dalle roccaforti di Caracas né da nessun altro posto. La destra insorgente è paralizzata, non ha voce o presenza in questo ultimo confronto.

E pure Almagro e l’OSA. Sono rimasti emarginati dal contesto, perché nemmeno Almagro osa sollevare la testa di fronte all’interventismo sfacciato degli Stati Uniti. Quindi, possiamo dire, che, almeno questa settimana, questo mese, c’è stato un cambiamento nei rapporti di forza favorevole al Venezuela, dovuto alla sua esibizione di forza, all’appoggio popolare e alle cattive politiche di Trump, tutti fattori che hanno avuto un impatto molto positivo per il presidente Maduro.

EChI: Petras, l’altro argomento che ci interessava è l’attacco permanente di Israele alla Palestina. Come va letto da una differente angolatura?

JP: In primo luogo, potremmo dire che la visita dell’’ultra’-sionista consigliere del presidente Trump, Jared Kushner, un ebreo israeliano ortodosso fanatico, va nella direzione del sostegno a Netanyahu nell’occupare più terre palestinesi. Questo è il primo fatto che dobbiamo capire. In secondo luogo, Israele sta ampliando la demolizione di case palestinesi in ogni quartiere di quello che resta della Palestina.

In terzo luogo, dobbiamo notare che Israele si basa fortemente sull’Arabia Saudita e sulla collaborazione delle destre nel Medio Oriente. E questo indica che, in questa situazione, dove la Siria e l’Iran stanno guadagnando peso in Iraq e altrove, Israele ha perso influenza tra i governanti e i terroristi coinvolti nei paesi colpiti.

Infine, dobbiamo riconoscere che la politica nordamericana è ancora totalmente controllata dai sionisti. Se analizziamo il regime di Trump, ci sono lo stesso numero o più sionisti nei primi posti dell’economia e della politica estera, che nel regime di Obama. Gli Stati Uniti sono ostaggio dei sionisti all’estero, che funzionano come una quinta colonna.

E questo non ha avuto nessuna risonanza in altri paesi. Ad esempio, esaminiamo i quotidiani considerati progressisti in Argentina, “Pagina 12”, “La Jornada” in Messico e forse anche in “Brecha”, non esiste una discussione approfondita sul peso israeliano nei governi nordamericani e su come formulano la politica nordamericana. Parlano di interessi petroliferi, parlano di interessi militari, ma, in realtà, riguardo al Medio Oriente, non esiste nessuna osservazione che possa negare che Israele è la principale forza della politica interna ed estera degli Stati Uniti.

Dobbiamo, infine, ricordare che Israele ha un’opposizione interna. Abbiamo visto come il gruppo pro-boicottaggio e anti-insediamenti in Palestina ha guadagnato molto consenso. Ci sono anche settori importanti di studenti ebrei che hanno respinto la politica israeliana. E nonostante il fatto che abbia ancora forze preponderanti nel Congresso, nella Presidenza, l’opposizione cresce anche tra la popolazione nordamericana.

EChI: Beh, Petras, come sempre ci aspettiamo di discutere qualche altro tema su cui al momento sta lavorando.

Potremmo cominciare con il caso della scomparsa di Santiago Maldonado, che sosteneva la lotta dei Mapuche in Argentina. La sua sparizione, la cui responsabilità è dei gendarmi sta provocando una grande mobilitazione di protesta. Non solo in Argentina. Oggi, ad esempio, nella BBC hanno dato un servizio sulla sua scomparsa e una messa in discussione delle versioni ufficiali. Più di ogni altra cosa, il mondo teme che l’atto di sequestro da parte di Macri sia un passo verso la licenza di uccidere che esisteva durante la dittatura. In altre parole, le dichiarazioni del ministro della “insicurezza” Patricia Bullrich, non hanno peso. Né all’estero né all’interno. Negli Stati Uniti, tra gli specialisti dell’America Latina, c’è molta preoccupazione e hanno convocato molte persone conosciute in America Latina, respingendo la versione ufficiale.

Ritengo che il caso Maldonado potrebbe comportare un grande colpo politico contro Macri alle prossime elezioni. Vorrei estendere il mio sostegno a tutto il movimento per la ricomparsa con vita di Maldonado.

Il secondo punto che voglio menzionare sono le inondazioni in Texas, in particolare nella grande città di Houston. Tutti parlano di pioggia, uragano, inondazioni, distruzione di centinaia di miliardi di dollari, ma nessuno parla del perché le inondazioni si ripetono. È perché non c’è investimento nelle infrastrutture. Quando la pioggia cade, riempie le strade perché i sistemi di drenaggio non funzionano. È curioso, una città con grandi raffinerie di petrolio, ha tunnel per canalizzare il petrolio dappertutto, ma non ha abbastanza infrastrutture per preservare la città dalle inondazioni.

Ancora una volta, sorge il problema delle catastrofi interne, ciò che i media di qui chiamano catastrofe. Il capitalismo non mette in campo investimenti e infrastrutture per salvare le proprie fonti di ricchezza. Da quelle parti, stanno perdendo 500.000 barili all’ora a causa della paralisi delle raffinerie. Vorrei sottolinearlo di nuovo, gli Stati Uniti sono un gigante con i piedi di argilla.

Infine, vorrei menzionare un altro fatto che dobbiamo prendere in considerazione, gli Stati Uniti stanno militarizzando la polizia, la stanno dotando di armi da parte dell’Esercito, le chiamano eccedenze e nuove armi, carri armati, macchine blindate, mitragliatrici, le stanno trasferendo alla polizia locale e statale.

Originariamente, la giustificazione era la lotta contro i cartelli di droga. Poi la scusa è diventata l’anti-terrorismo. Ed ora, è la polizia che è investita dei problemi delle comunità impoverite. Cioè, la militarizzazione delle città, indipendentemente da qualsiasi problema di droga e terrorismo.

Estratto da La Haine

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

In Venezuela ci sono tre alternative

petras

di James Petras – La Haine

21gen2016.- Una è la radicalizzazione per decreto del governo, la seconda è una soluzione temporale negoziata e la terza è una guerra civile.

Efraín Chury Iribarne: Una notizia che oggi si sta divulgando è il decreto del presidente francese François Hollande per la emergenza economica. Come si può interpretare?

JP: Bene, continuano le grandi questioni legate alla stagnazione, alla disoccupazione che supera il 10%, all’incapacità del governo di far ripartire l’economia, allo scontento che è generalizzato. E le misure che ha preso il governo a favore del capitale non hanno dato risultati. Per esempio, i tagli alle imposte, gli incentivi del governo per promuovere gli investimenti ancora non hanno dato nessun risultato.

Vi sono due interpretazioni di ciò: una è che devono cambiare il cammino e tornare a socializzare l’ economia, stimolare gli investimenti pubblici e uscire dalle restrizioni sul deficit fiscale. È quella che potremmo chiamare l’alternativa progressista. E l’altra, purtroppo mi pare, quella cui sta pensando il governo, è di approfondire la liberalizzazione e tagliare gli incentivi sociali, aumentare l’età per le pensioni, seguire un cammino più liberale e utilizzare la terminologia dell’emergenza e le frasi d’occasione, per giustificare una svolta a destra più profonda, più nella linea di Macri. Eliminare le 36 ore settimanali, tornare ai sistemi di pensione ristretti, etc.

Quindi, io credo che la dichiarazione non indica nulla nel senso che la crisi sia differente, è che la tattica del governo è molto più estremista nel senso di destra, e di fronte all’opposizione anticipata dei sindacati e della classe operaia sta tentando di mostrare una situazione di catastrofe. Ma la catastrofe viene dalla politica attuale del governo e semplicemente approfondire queste misure neo-liberiste tagliando pensioni, aumentando le imposte alla classe operaia, non risolverà il problema, continuerà ad arricchire le classi dominanti. Non usciranno dalla crisi economica, però sicuramente approfondiranno la polarizzazione sociale e il conflitto di classe. Credo che implementare il piano di emergenza che hanno dichiarato provocherà molti scioperi e proteste nei prossimi 6 mesi.

 

EChI: Un altro tema di interesse internazionale è il prezzo del petrolio: continuerà a scendere?

JP: Il prezzo del petrolio adesso sta al di sotto dei 30 U$S, qualcosa come U$S 28, U$S 27, e con la fine delle sanzioni all’Iran i prezzi scenderanno ancora, perché l’Iran dice che aumenterà di 500.000 barili al giorno nel prossimo periodo. Possiede sbocchi di mercato e tenterà di tornare a catturare i mercati persi nel passato. E per lo meno nei prossimi 6 mesi, credo che il prezzo del petrolio potrebbe scendere a U$S 25 o anche di più. E la Cina sta rallentando l’economia ed è stata nel recente passato il compratore di più del 60% delle nuove produzioni.

Quindi, con la ridotta domanda asiatica e con l’aumento della produzione in Medio Oriente, avremo un periodo di prezzi molto bassi, sebbene sia possibile che alcuni prezzi possano salire perché ormai il mercato sta assimilando le rimanenze. I piccoli produttori e gli indipendenti andranno verso il fallimento, perché non potranno continuare a produrre a questo prezzo così basso. Nel frattempo, io credo che parte dell’accordo degli USA prevedeva di promuovere la produzione iraniana per abbassare il prezzo e causare più problemi alla Russia, al Venezuela e a altri produttori che presentano alti costi.

 

EChI: In questo momento la posizione della Russia, del Venezuela e di altri produttori è abbastanza difficile?

JP: Sí, è molto difficile, perché il costo di produzione in Russia e Venezuela supera il prezzo che stanno ricevendo. Non hanno creato alternative. Vale a dire, il problema fondamentale della Russia e del Venezuela non è semplicemente che il mercato è sceso, ma il fatto che non hanno diversificato l’economia. Tanto Putin come Chávez e Maduro sono in gran misura dipendenti dalla esportazione di petrolio. E con l’alto costo degli impegni sociali che hanno preso, si trovano in una situazione difficile, nel senso che, per mantenere i programmi sociali che hanno iniziato, in un’ottica di progresso, devono cercare un’altra forma di far quadrare il bilancio ed è difficile, perché la Russia deve difendersi dalle aggressioni. Il Venezuela pure si trova in una situazione economica molto difficile, perché l’economia dipende tanto dai settori capitalisti.

La Russia si trova in migliori condizioni del Venezuela, perché l’opposizione in Russia è molto debole, invece in Venezuela controlla il Potere Legislativo e il partito chavista controlla l’Esecutivo. Quindi, sono attualmente in pareggio e non possono prendere misure al di là delle dichiarazioni di emergenza del governo di Maduro. La situazione è molto difficile.

In Venezuela ci sono tre alternative, una è che il governo radicalizza con decreti le misure economiche, prendendo il controllo dell’economia, però a questo il Congresso nelle mani dell’opposizione va a resistere in ogni modo possibile.

Secondo, che il governo cominci a negoziare con l’opposizione alcune misure di emergenza e per cercare qualche forma di attrarre investimenti, per cominciare a creare un’economia più diversificata a partire da accordi con l’opposizione e alcuni settori capitalisti. Il problema è che l’opposizione cerca di rovesciare il governo, è molto difficile prevedere un accordo, una riconciliazione che potrebbe permettere di far avanzare i programmi sociali. Però, è la cosa più praticabile.

La terza ipotesi è che il conflitto si approfondisca e sfoci, non solo in un conflitto istituzionale tra il Congresso e il presidente, ma che passi alla strada, in una guerra civile. Quindi, ci sono tre alternative, una è la radicalizzazione per decreto del governo, la seconda è una soluzione temporale negoziata e la terza è una guerra civile. È molto difficile vedere altre alternative.

 

EChI: Ci sono altre questioni sulle quali stai lavorando?

JP: Sì, per prima cosa dobbiamo salutare l’accordo dell’Iran con i cinque paesi interlocutori per porre fine alle sanzioni. Comunque, le sanzioni non sono finite del tutto, perché dentro degli USA c’è una grande divisione, da un lato stanno Obama e il segretario di Stato, il cancelliere John Kerry, che cercano una forma di evitare un conflitto e vogliono una riconciliazione con l’Iran, per creare più stabilità in Medio Oriente.

Però, dall’altro lato, stanno i sionisti di Israele, alla testa dell’opposizione e che tuttavia mantengono una forte presenza al Congresso nordamericano, persino nell’amministrazione di Obama. Il segretario del Tesoro e dell’Economia Jack Lew è contro l’accordo, e mentre il governo toglie le sanzioni sull’accordo nucleare, loro chiedono nuove sanzioni contro i missili che l’Iran utilizza per sua propria difesa.

Quindi, vi sono due fonti decisionali negli USA, una è controllata da Israele e l’altra è indipendente, cerca in qualche modo di realizzare una politica nordamericana a favore della riconciliazione. Queste sanzioni sono tolte ma ne cominciano altre, spero che siano di minore importanza e che non abbiano nessun effetto sul grande accordo.

E, a partire dall’accordo potremmo vedere più possibilità per la pace, laddove gli USA e l’Iran potessero lavorare insieme ed evitare le aggressioni dell’Arabia Saudita e di Israele. Ciò è molto in dubbio, la possibilità esiste però vi sono troppi fattori contro, l’Arabia Saudita ha molta influenza, per non parlare di Israele, sulla politica nordamericana. Comunque, l’opportunità di avanzare in termini di stabilità e pace esiste adesso, dobbiamo ringraziare quest’accordo.

Secondo, dobbiamo applaudire i progressi che la Siria sta facendo contro i terroristi grazie al sostegno russo. L’Arabia Saudita e la Turchia continuano a sostenere i mercenari terroristi, nonostante parlino di arrivare a un accordo di pace e dicano di lottare contro l’ISIS, i terroristi. Fanno un discorso doppio.

Ormai è ampiamente documentato che la Turchia sta appoggiando i terroristi, sta facendo il doppio gioco, utilizzando i terroristi contro i Curdi in Siria, mentre parlano di pace, stanno massacrando i Curdi dentro la Turchia. Abbiamo ricevuto comunicazioni di militanti di sinistra dalla Turchia, che sono in clandestinità, perché ormai la purga, la persecuzione è generalizzata. Oltre i Curdi, il governo di Erdogan sta catturando e imprigionando progressisti, militanti di sinistra, persone che sono accademici, per esempio. Io e altri abbiamo firmato un documento, 1.000 firme, incluso Noam Chomsky, però i nostri colleghi in Turchia sono stati imprigionati. I due accademici che hanno cominciato la petizione sono già in prigione, è una situazione molto drammatica come gli effetti dell’ intervento in Siria abbiano avuto ripercussioni negative in Turchia.

E, infine, vorrei commentare sulla crisi della Borsa negli USA, è crollato un 10%, c’è un panico a Wall Street adesso, non sanno come evitare la caduta catastrofica. JP Morgan, la banca più importante, ha detto che interverrà, hanno fatto dichiarazioni chiamando alla calma, che non c’è nulla di male, che non c’è nessuna crisi, che è totalmente irrazionale. Però, non hanno avuto molto effetto: il giorno dopo le dichiarazioni di JP Morgan il mercato è caduto di un altro 2%.

Quindi, non so dove andrà a parare questa caduta della Borsa, però abbiamo visto la perdita di centinaia di migliaia di milioni di dollari in soli tre giorni. E questo avrà ripercussioni in tutto il mondo, in Brasile, Uruguay, Argentina, etc., in Europa nemmeno a dirlo, perfino in Giappone. Dunque, dobbiamo mantenere la lucidità, questa è la conseguenza del dipendere dal settore finanziario per rivitalizzare l’economia, che non è la forma più razionale e stabile. Qualunque cosa può succedere perché ci sono molti speculatori, molti fondi che semplicemente entrano ed escono rapidamente e causano una grande volatilità, e i piccoli investimenti cadono di fronte ai pescecani.

EChI: Petras, stiamo finendo, però prima mi sono dimenticato di domandarti qualcosa sull’assunzione di Jimmy Morales come presidente del Guatemala.

JP: Sì, è un comico che non è un comico, perché ha preso iniziative molto reazionarie, anche con Ríos Montt, l’assassino di migliaia di indigeni guatemaltechi, il processo giudiziario è stato paralizzato. Le conversazioni che abbiamo avuto con contadini e gente progressista nei villaggi ci raccontano che non hanno nessuna speranza. Questo signor Morales è molto differente da Evo, l’altro polo, è un reazionario che utilizza la sua reputazione come comico per ingannare la gente con pretese che faccia qualcosa di differente. Però è parte dell’onda che abbiamo visto ultimamente in America Latina con Macri in Argentina, che tenta di annullare qualsiasi misura progressista, qualsiasi giudizio contro i carnefici.

Pensiamo che Jimmy Morales e Macri formano parte delle nuove dittature blande. Blande nel senso che ancora ci sono alcuni meccanismi costituzionali, però non si può dubitare che il cammino di Macri sia verso una dittatura, presidenziale certo, però utilizzerà tutti i decreti che hanno utilizzato Videla e gli altri militari. Non c’è nessuna differenza ed ecco perché per il cammino che scelgono, azzerare i cambiamenti sociali, concentrare il potere nel capitale straniero, privatizzare l’economia, l’unica forma per arrivare a queste mete è utilizzare il potere dittatoriale. Non c’è nessuna vera democrazia che permetta questa politica economica.

Se richiedi un’economia a favore di Wall Street nelle condizioni dell’Argentina, dovrai imporla con la forza. E in questo bisogna vedere come reagiranno le masse, Macri esclude qualsiasi protesta, qualsiasi sciopero, solo capisce il muro contro muro. Mi dispiace proprio che ciò debba succedere in Argentina, prima o poi assisteremo di nuovo a uno scontro tra la dittatura e qualche sollevazione popolare.

Estratto da La Haine – Testo completo in: http://www.lahaine.org/en-venezuela-hay-tres-alternativas

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: