Solidaridad Internacional con Julian Assange

L'immagine può contenere: 1 persona, testopor Solidaridad Internacional con Julian Assange

11apr2019.- Las organizaciones y personalidades firmantes expresamos nuestra solidaridad internacional con Julian Assange quien ha revelado información importante y necesaria para la humanidad toda acerca de las atrocidades y brutalidades cometidas por el Imperio en todo el mundo.

Así mismo repudiamos la actitud cipaya y traicionera del nefasto presidente de Ecuador Lenin Moreno. Esta no es más que una absurda maniobra de arrodillarse ante la Corona Británica y al presidente de EEUU Donald Trump.

La lucha contra el imperio, la justicia y la igualdad mundial nos hermana
Exigimos la inmediata libertad y el respeto de los derechos humanos. Y que no sea extraditado a los EEUU.

Firman Personalidades del Mundo:

1. Adolfo Pérez Esquivel, premio Nobel de la paz
2. Martin Almada (Paraguay) Premio Nobel Alternativo 2002, Miembro del Comité Ejecutivo de La Asociación Americana de Juristas Miembro de La REDH
3. Mel Zelaya, ex presidente de Honduras
4. Fernando Lugo; ex Presidente de Paraguay, actual Senador del Frente Guasu, Paraguay
5. Mariela Castro Espin, Diputada Nacional del Poder popular. Cuba
6. Piedad Córdoba, ex candidata a presidenta de Colombia
7. Yeidckol Polenvnky. Ex senadora. Presidenta de MORENA. Mexico
8. Manolo Pichardo, presidente de la Copppal, conferencia Permanente de partidos políticos de América latina y el caribe
9. Mónica Valente. Secretaria Ejecutiva del Foro de São Paulo
10. Ricardo Patiño, Canciller de Ecuador 2010-2016
11. Bélgica Guaña, Concejal Laborista distrito de Newham de Londres
12. Sixto Pereira, Senador Nacional del Frente Guasu. Paraguay 
13. Esperanza Martínez, Senadora Nacional del Frente Guasu. Paraguay
14. Carlos Filizzola, Presidente del Frente Guasu y Senador Nacional
15. Hugo Richer, Senador Nacional del Frente Guasu, Paraguay 
16. Jorge Querey, Senador Nacional del Frente Guasu, Paraguay
17. Adolfo Mendoza Leigue, Senador del Estado Plurinacional de Bolivia
18. Alejandro Navarro Brain, Senador de la República de Chile – Presidente de la Comisión de Derechos Humanos del Senado
19. Hugo Gutiérrez Diputado de Chile
20. Vladimir Cerrón, Presidente del Partido Perú Libre y Gobernador de la Región Junín
21. Mario Secco, Presidente Partido Frente Grande, Intendente del Municipio de Ensenada, Provincia de Buenos Aires, Argentina
22. Raúl Torres, diputado Asamblea Nacional, Cantautor, Cuba.
23. Ignacio Copani Canta-autor Argentino
24. Manuel Dammert Egoaguirre, congresista de Nuevo Perú, de Perú
25. Richard Arce Cáceres, congresista igualmente de Nuevo Perú
26. Jorge Rivas, ex diputado nacional. Titular de Socialismo para la Victoria. Argentina.
27. Rafael Méndez, diputado del PLD, República Dominicana. Copresidente de la Internacional Guevarista
28. Roy Daza, escritor y periodista venezolano, Integrante de la Comisión de Asuntos Internacionales del PSUV
29. Mónica Valente, Secretária Ejecutiva del Foro de São Paulo
30. Alicia Muñoz, ex ministra de gobierno de Bolivia
31. Nila Heredia Miranda, ex Ministra de Salud del gobierno del MAS – Bolivia
32. Hugo Moldiz, ministro de gobierno 2015 Bolivia
33. Carlos Fonseca Terán, Secretario Adjunto de Relaciones Internacionales del FSLN Nicaragua
34. Miguel Mejia, Ministro de Integración Regional y Secretario General del MIU Movimiento Izquierda Unida de República Dominicana
35. Juan Gómez, Fuerza de la Revolución, Rep. Dominicana
36. Nora Cortińas, Madres de Plaza de Mayo
37. Graciela Palacio de Lois, Fundadora de Familiares de Desaparecidos y Detenidos por Razones Políticas, Argentina
38. Atilo Boron, analista internacional
39. Stella Calloni, periodista y Analista Internacional
40. Ricardo Forster (filósofo, UBA, Argentina)
41. Oscar Laborde, diputado del Parlasur. Argentina
42. Fabio Basteiro, Presidente Unidad Popular. Caba. Argentina.
43. Álvaro Campana Ocampo, Secretario General del Movimiento Nuevo Perú.
44. Walter Aduviri líder aymara y gobernador de Puno y del partido mi región de ouno
45. Max Puig, presidente de la APD de República Dominicana, ex senador y ex ministro de medioambiente y recursos naturales y ex ministro de trabajo
46. Fidel Santana, diputado de República Dominicana. Presidente del Frente Amplio. Integrante de la internacional Guevarista
47. Alba Estela Maldonado, ex diputada al Congreso de Guatemala.
48. Carlos Aznarez (Coordinador del Periódico Resumen Latinoamericano)
49. Víctor Kot Secretario, General Del Partido Comunista De La Argentina
50. Alejandro Rusconi (Secretario de Relaciones internacionales Movimiento Evita)
51. Narciso Isa Conde (Presidente Ejecutivo de la Internacional Guevarista)
52. Jorge Kreines, Relaciones Internacionales del Partido Comunista De La Argentina
53. Lois Pérez Leira (coordinador General de la Internacional Guevarista)
54. Ezequiel Lopardo (Mesa Promotora de la Corriente NuestraPatria)
55. Jorge Drkos – Secretario de relaciones internacionales del Frente Transversal
56. Silvia Solorzano, Medica guatemalteca Miembro del Consejo Político del Partido URNG-MAIZ
57. Carolina Aedo, Vicepresidenta de Relaciones Internacionales. Partido Progresista de Chile.
58. Nestor Kohan, Universidad de Buenos Aires (UBA)
59. Juan Contreras, Coordinadora Simón Bolívar, la Radio Al Son Del 23 y el camarada Ex Diputado por el PSUV
60. Francisco Cafiero Vicepresidente Copppal
61. Osvaldo Chato Peredo. Copresidente Internacional Guevarista. Bolivia.
62. Graciela Rosenblum, Presidenta Liga Argentina por los Derechos humanos
63. Dra Fernanda Pereyra, Fundación de Investigación y Defensa Legal Argentina
64. Iris de Avellaneda, Copresidenta de la liga argentina por los derechos humanos
65. María Helena Nadeo, coprepresidenta Asamblea Permanente por los Derechos Humanos.
66. Tito Olivo, Alianza Democrática Republica Dominicana
67. Luisa Martin, presidenta de la Federación Republicana. Espańa.
68. Ricardo Gadea Acosta, presidente de la Coordinadora Peruana Ernesto Che Guevara Vicepresidente de la Internacional Guevarista Peru
69. Leonel Falcón Guerra, Secretario Nacional de Relaciones Internacionales del Partido Humanista Peruano y de Juntos por el Perú
70. Carlos Romainville Vasquez (Perú)
71. William Chavez (Perú)
72. Roberto Sánchez Palomino Presidente del Partido Humanista Peruano – Frente Político Junto por el Perú.
73. Balbina Mena Coordinadora Política Organización política Rojos Honduras
74. Alberto Gálvez Olaechea preso 27 años como dirigente del MIR y del MRTA Perú Vicepresidente de la Internacional GuevaristaVanessa Arce, Coordinara General, Internacional Guevarista Venezuela
75. Ricardo Canese. Secretario de Relaciones Internacionales del Frente Guasu y Parlamentario del Mercosur
76. Guillermo Verón De Astrada. Sub Secretario de Relaciones Internacionales del Frente Guasu.
77. Florencia Lagos Neumann. Corresponsal de Prensa de Crónica Digital y Analista Internacional
78. Belén Calcagno Valdés, Vice Presidenta Regional de Género, Partido Progresista de Chile, Región del Biobío
79. Camilo Lagos, Presidente Partido Progresista de Chile
80. Renzo Galgani, Vicepresidente Partido Progresista de Chile
81. Marcelo Cardenas, Vicepresidente Partido Progresista de Chile
82. Rodrigo Pinto, Presidente de la Juventud Progresista de Chile
83. Luis Jara Correa, Vicepresidente Nacional de Organizaciones Sociales, Partido Progresista de Chile
84. Pedro Abarca Castro, Vicepresidente partido Progresista de Chile, Encargado territorial
85. Carolina Ceballos, Presidenta Regional Bio Bio, Partido Progresista de Chile
86. Guillermo Pérez, Secretario General Juventud Progresista de Chile
87. Juan Bravo – Dirigente Secundario Juventud Progresista de Chile
88. Alan Fancelli – Vicepresidente de Organizaciones Juventud Progresista de Chile
89. Iván Escobar – Coordinador Estudiantil Juventud Progresista de Chile
90. Héctor Paz – Vicepresidente de la Juventud del Partido Progresista de Chile
91. Andrea Condemarin, tesorera Partido Progresista de Chile
92. Veronica Cifuentes, Vicepresidenta de comunicaciones Partido Progresista de Chile
93. Ricardo Godoy, Vicepresidente de Programas y Formación Partido Progresista de Chile
94. Esteban Silva Cuadra, Presidente Movimiento del Socialismo Allendista-MDP, Chile
95. Patricio Guzmán, Secretario General Movimiento del Socialismo Allendista-MDP, Chile
96. Guillermo Teillier del Valle, Presidente del Partido Comunista de Chile
97. Patricio Mery Bell, periodista chileno
98. Ciro Brescia, ALBAinformazione, Italia
99. Jandir Santin – Brasil
100. Paulo Gomes Neto – Brasl
101. Geraldo Jorge Sardinha –Brasil
102. Ricardo Zuniga Garcia – Niacarágua
103. Sandra Cabral Da Conceição – Brasil
104. Natal Aparecido Calixto Barbosa – Brasil
105. Leandro Nascimento Bertoldi – Brasil
106. Gina Carla Bastos – Brasil
107. Alberto Quintanilla congresista de Nuevo Perú
108. Richard Gonzáles secretario general de Poder Democrático Regional (PDR) Partido regional DEL Perú
109. Ana Muñoz, Rueda de la Secretaría de RRII del Partido Socialista del Perú
110. Julio Fuentes, Presidente Clate
111. Edgardo Depetri, Secretario General del Frente Transversal Argentina
112. Boris Ríos, Movimiento Guevarista – Cochabamba
113. Julio Gambina, Fundación de Investigaciones Sociales y Políticas, Argentina.
114. Rosa María Cabrera Lotfe, Ex Diputada Federal por el Partido de la Revolución Democrática. Internacionalista y defensora de derechos humanos. Feminista
115. Paula Klachko, Redh capítulo argentino
116. Mabel Franzone, (Investigadora-docente)
117. Lorenzo Canizares, de Venezuela
118. Guillermo Sequera, Director AXIAL, Naturaleza y Cultura Paraguay
119. Fernando Sánchez T, Instituto de Amistad Colombo-Coreano
120. Freddy Araque, Poeta venezolano.
121. Roland Denis, Movimiento 13 de abril Venezuela
122. Mauricio Macossay Vallado, activista social y profesor de la Universidad Chapingo, en Mérida, Yucatán, México.
123. Cesar Montes, ex comandante. Guatemala
124. Oswaldo Canica, presidente de Tupamaros Venezuela
125. Luis Semprún, Coordinador de La Red Informativa del Zulia (REDIZ)
126. Yhonny García Calles, Biólogo Venezuela
127. Prof. Arturo Menéndez Cabezas, Universidad de Ciencias Médicas de Camagüey, Cuba
128. Montserrat Ponsa, Periodista y Delegada en Catalunya de Fundación Cultura de Paz
129. Agustín Velloso Santisteban, Madrid España
130. Franklin Ledezma Candanedo, Fundador y Directivo de organizaciones Bolivarianas y culturales, de la Comisión Anti Bélica de Panamá y del Comité Panameño Mar para Bolivia
131. Guillermo Orrego Wauqi, prensa popular-Perú
132. Fabiola González Vivas, Diputada de la AN en desacato. Venezuela. Partido Redes.
133. José Eulícer, Mosquera Rentería Colombia.
134. Nelly Méndez, Plenario De La Militancia De Almirante Brown Argentina
135. Freddy J. Melo, venezolano, escritor.
136. Aldo Casas, antropólogo, Redacción de la Revista Herramienta
137. Fernando Medina, Docente en la Universidad Bolivariana de Venezuela
138. Claudia Viviana Norma Fernández, Ex-Comite por la Libertad de los Cinco. Movimiento de Solidaridad con Cuba.
139. Jesús Paredes (Profesor UCV, Venezuela)
140. Bernadette Paredes Vargas, Empleada Pública
141. Eugenio Alambario, VTV Canal 8, Venezuela
142. Lluís Alòs, Professor Universitat de Barcelona, Catalunya
143. Manuel Cabieses Donoso, periodista, Chile
144. Federico Tártara, Periodista
145. Alejandro Dausá, Teólogo – BOLIVIA
146. Nancy Espasandin, Maestra y Politologa (Uruguay)
147. Alberto Rabilotta, Periodista Argentino-Canadiense.
148. Prof. Elsa Bruzzone CEMIDA (Centro de Militares para la Democracia Argentina)
149. Gilberto Ríos Munguía, Secretario General OPLN Honduras
150. Mario Hernández, Periodista y escritor
151. Héctor Espínola, Animador Radio Canut, Lyon-Francia
152. Dr. Hassan Dalband, Ciudad de México
153. Susana Fernández Periodista. Locutora Nacional. Argentina
154. Alexéi Moraga, Chileno residente en Suiza, Lausanne
155. Dominique Salomon, Barcelona
156. Federico Lopardo, Docente de la Catedra Libre de Soberanía Alimentaria de la UNLP Argentina
157. Lucinda Hernández, Venezuela
158. Amable Fernández, Escritor venezolano.
159. Juana León Sánchez, Jubilada Diplomada en Psicología Madrid – España
160. Rubén Darío Guzzetti, IADEG (Instituto Argentino de Estudios Geopolíticos) – IDEAL (Instituto de Estudios de América Latina) – CTA.
161. Pedro Tostado Sánchez Sociólogo, Madrid (España)
162. Rubén Tamborindeguy, Docente Argentino
163. Ing. Carlos Yuli (Delegado Internacional del Movimiento al Socialismo).
164. Mariam Jesus Garcia Martin, Ciberactivista por los DDHH y la Justicia
165. Dolores Gandulfo, Directora Observatorio Electoral de la Conferencia Permanente de Partidos Políticos de América Latina y el Caribe (COPPPAL)
166. Ricardo Luis Plaul, (Escritor) Frente Popular Antiimperialista (Argentina)
167. Maglio Vargas, Coordinador Nacional Cenprofordh Venezuela
168. Manuel Pardo de Donlebún, miembro del Frente Antiimperialista Internacionalista, España
169. Antonio Maira, Politólogo, Analista en medios alternativos.
170. Gustavo Esmoris, escritor, Uruguay
171. Fernando Martínez-Pereda Girón
172. Ricardo Acuña, pensionado, socialista
173. Roberto Baschetti, Argentino. Sociólogo e Historiador
174. Nora Patrich, Argentina, Artista Plástica.
175. Javier Madrazo, Ex Consejero Gobierno Vasco
176. Gerardo Pisarello, teniente alcalde de Barcelona
177. Guillermo Fernández, Cantante Y Compositor. Argentina.
178. Alicia Muńos, ex Ministra de Gobierno de Evo Morales. Bolivia.
179. Duarte Correa, Analista Internacional De Galicia
180. Modaira Rubio, Poeta Y Periodista, Venezuela
181. Sergio Ortiz, Periodista Argentino, Secretario General Partido de La Liberación PL.
182. Carlos Raimundi, Solidaridad e Igualdad,
183. Aníbal Ibarra, ex Jefe de gobierno Ciudad de BsAs.
184. Pedro Wasiejko, CTA,
185. Silvia Vilta, Corriente Isauro Arancibia,
186. Juan Hubieres, Presidente del Movimiento Rebelde, Rep. Dominicana (firma)
187. Pedro Franco, Sec. de RRII del Frente Amplio, República Dominicana
188. Gallego Fernández, Peronismo Militante
189. José Manuel Rivero Pérez, Abogado. Presidente de la Asociación de Amistad Canario Cubana Antonio Pérez Monzón
190. Alberto López Girondo, Periodista, Argentina
191. Elsa Osorio, Escritora, Argentina
192. Luis Ubertalli O., periodista, poeta, escritor y músico, buenos aires, argentina
193. Annalisa Melandri, activista derechos humanos, República Dominicana.
194. Alejandro Álvarez, del Amo Responsable de Compromiso Socialista. España
195. Sonia Brito, Diputada MAS, Estado Plurinacional de Bolivia, Presidenta de la Comisión de Derechos Humanos de la Cámara de Diputados
196. Antonio Criado, responsable Estatal de ISA, Andalucía.
197. Acacio Puig, Editor de Afinidades Anticapitalistas. (España)
198. Juliana Marino, exembajadora en Cuba Dip. Nac. (mc)
199. Ramón Pedregal Casanova, Escritor, Antiimperialismo e internacionalismo.
200. Luis D. Zorraquino, Filhos e Netos por Memoria, Verdade e Justiça. Rio de Janeiro. Brasil
201. Luis Andrés Paniagua Rodríguez Lingüista, Corrector y Escritor Universidad de los Andes Mérida Venezuela
202. Elsa Laborde, IDEAL CTA
203. María Leonor Moyano (Nora), Docente Jubilada UNCUYO. Mendoza. Argentina.
204. Bill Hackwell, Resumen Latinoamericano Edicion EEUU
205. Alicia Jrapko, Resumen Latinoamericano Edicion EEUU y co-presidiente de la Red Nacional de Solidaridad con Cuba en EEUU
206. Ilda Marques, editora. (Argentina)
207. Nicolas Doljanin, periodista y escritor, Premio Casa de Las Américas 2013. (Argentina)
208. Lic. Amabe Amalia Molinari (licenciada en Gestión Cultural- ARGENTINA)
209. Lic. Silvia Graciela Fois, Bibliotecaria Facultad de Filosofia y
Humanidades de la Universidad Nacional de Córdoba. Argentina
210. María Eugenia Claros Bravo, Directora Periódico Visión Z, Bolivia
211. Ilda Teresa Lucchini, Carta Abierta, Argentina
212. Guillermo Wierzba, economista, Argentina
213. Gerardo Lugo Segarra, Presidente del Partido Nacionalista de Puerto Rico
214. María Cristina Meneses Albizu-Campos, Vice Presidenta del Partido Nacionalista de Puerto Rico
215. Carol Bendaña, Periodista, Nicaragua
216. Fernando Arellano Ortiz, director Observatorio Latinoamericano http://www.cronicon.net
217. Fernando Tapia Rivera, ex director de la Facultad de Psicología. México
218. Armando Acevedo Maestro, México
219. María Elena Luna Ortega, México
220. Erol Polat, periodista ,de Kurdistan
221. Eduardo “Negro” Soares, Convocatoria Segunda Independencia
222. Adriana Fernandez, psicoanalista, miembro del consejo de Carta Abierta
223. Pilar Estébanez, España
224. Pepe Mejía, periodista y activista social, miembro de la Asociación Puentes No Muros. Madrid-Spain
225. Ricardo Canese, Parlamentario del Mercosur Frente Guasu, Paraguay
226. Wiliam Gudiño, Vocero de la Red Nacional de Comuneras y Comuneros de Venezuela
227. Antonio Cipolletta, Rete Italiana Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

228. Eduardo Gonzales Viaña, novelista y escritor
229. Aida Garcia Naranjo, ex ministra de la Mujer y ex embajadora en Uruguay
230. Héctor Bejar Rivera, ex comandante del ELN y Sociólogo, Vicepresidente dela IG
231. José Pacheco Ampuero, maestro, Secretario General del Partido Pueblo Unido
232. Luis D Elia, preso politico, Presidente de Miles
233. Joel Linares Moreno, Poeta, Coordinador del Encuentro Poético del Sur, Venezuela/ Coordinador de Cultura de la Internacional Guevarista
234. Beatriz Talegon, periodista y abogada. Espańa
235. Carlos Pronzatto Cineasta y escritor. Brasil
236. Henrys Mogollón dirigente político PSUV, Venezuela
237. Julián Lacacta, Político Perú
238. Abelard Rodríguez i Llàcer (España)
239. Juan Carlos Tanus Tuiran, director asociación Colombianos en Venezuela y director nacional del Movimiento Colombianos por la paz . Venezuela
240. Félix de Alcazar, presidente Asociación de Colombianos en Venezuela.
241. Yolith campo Asociación Colombianos en Venezuela
242. Karelys Reyes, Coordinadora Nacional Chavez CONCHAVEZ, Dirigente político del Movimiento Electoral del Pueblo MEP, Directora del Círculo de Mujeres Loto Rojo
243. Jorge Diez, actor, director, escritor, docente. Director del grupo Planta Baja Teatro
244. Victoria Tedesco, Argentina
245. María Adela Antokoletz, Colaboradora de Madres de Plaza de Mayo Línea Fundadora Argentina
246. Nelson Magalhães da Costa Filho, Periodista Sao Paulo Brasil
247. Gustavo Guzman Castillo, España
248. José Luis Blanco, Argentina
249. Beatriz López Traductora Bs. As. Argentina
250. Cristian Mercado, Director Instituto Prisma, Argentina,
251. Xosé L. Rivera Jácome, Relacións Internacionais Confederación Intersindical Galega (CIG).
252. Rubén Sacchi, Poeta, Director de Revista Lilith
253. María Lucrecia Rovaletti, Prof. Emérita de la UBA, Argentina
254. Héctor Marrese, docente jubilado, Argentina
255. Félix Villarreal, Polo Ciudadano
256. Olmedo Beluche, Polo Ciudadano Panamá
257. Briseida Barrantes, Polo Ciudadano Panamá
258. Abdiel Rodríguez, Polo Ciudadano Panamá
259. Johana Garay, Polo Ciudadano Panamá
260. Aris Ridríguez, Polo Ciudadano Panamá
261. Mario De León, Polo Ciudadano Panamá
262. Alberto Espino, Polo Ciudadano Panamá
263. Tomás Correa, Polo Ciudadano Panamá
264. Jorge Rodríguez, Polo Ciudadano Panamá
265. Florencio Díaz, Polo Ciudadano Panamá
266. Virgínia Fontes – Historiadora – Rio de Janeiro – Brasil
267. Luciano Andrés, Valencia Escritor e historiador Argentina
268. Cintia Ini, Miembro de Carta Abierta y de Participación Popular\
269. Javiera Olivares M., ex presidenta del Colegio de Periodistas de Chile.
270. María Esther Burgos, Profesora Titular de la Universidad de Los Ades, Mérida, Venezuela
271. … 

Firman Organizaciones Políticas y Sociales:

Internacional Guevarista
Los Otros Judíos
Comité Internacional Paz, Justicia y Dignidad a los Pueblos

Alemania
CRC – HKB (comité Revolución Ciudadana en Hamburgo- Kiel – Berlin)

Argentina
CTA de Los Trabajadores
CTA Autónoma
Coordinadora Resistir y Luchar
Corriente NuestraPatria en Unidad Ciudadana
Movimiento Evita
Partido Comunista de la Argentina.
Resumen Latinoamericano
Liga Argentina por los Derechos Humanos
MPR Quebracho
Convocatoria Segunda Independencia
Frente Grande
Frente Transversal
REDH Capítulo Argentina
CTD “Aníbal Verón”
Tendencia Guevarista y el Movimiento Teresa Rodríguez
Movimiento De Los Pueblos – Por Un Socialismo Feminista Desde Abajo (Corriente Popular Juana Azurduy // Frente Popular Darío Santillán // Frente Popular Darío Santillán-Corriente Nacional // Izquierda Latinoamericana Socialista//Movimiento por la Unidad Latinoamericana y el Cambio Social)
CEMIDA (Centro de Militares para la Democracia Argentina)
Movimiento Estudiantil Liberación
Plenario De La Militancia De Alte Brown
FIDELA (Fundación de Investigación y Defensa Legal Argentina)
Solidaridad e Igualdad
RPL (Resistencia para la Liberación)
Centro Político, Social y Cultural El Plumerillo.
Red en Defensa de La Humanidad – Capítulo Argentina
Instituto Prisma

Asturias (Península Ibérica)
SOLdePaz.Pachakuti
Plataforma asturiana de Solidaridad con Chiapas.
Comité de Solidaridad con América latina.
Asamblea por la Paz de Siero.

Brasil
Coletivo Feminista Classista “Ana Montenegro”
Filhos e Netos por Memoria, Verdade e Justiça.
Partido Comunista Brasileiro – PCB,
União da Juventude Comunista – UJC,
Unidade Classista e o Coletivo Feminista Classista Ana Montenegro
Liga Latino Americana Dos Irredentos

Chile:
Partido Progresista
Movimiento del Socialismo Allendista-MDP,
Movimiento Democrático Popular- Frente Amplio.

Galicia (Península Ibérica)
Confederación Intersindical Galega (CIG).

Guatemala
Juventud del Movimiento Político Winaq

Honduras
Organización Política Rojo
Organización Política Los Necios (OPLN)

Líbano
Asociación de Solidaridad Árabe Latinoamericana ¨Jose Marti¨

México
Partido Comunista Mexicano
Juventud del Partido Comunista Mexicano
Partido del trabajo (PT)
Unidad de las izquierdas.
Sindicato Mexicano de Electricistas SME.
Movimiento de bases magisteriales de Tlaxcala.
Coordinadora Nacional de Trabajadores sin Salario Patronal.
Fundación desarrollo social y cultural Tlaneci a.c. México
Motor de Sueños.
Grupo Plural de San Luis Potosí.
Grupo Plural de Querétaro.
Movimiento Nacional Para la Construcción de Una Nueva Sociedad.
Unión de Ejidos de Lázaro Cárdenas, Michoacán.
Frente Amplio de Lucha Popular de Michoacán.
Frente Amplio de Lucha Popular de Querétaro.
Red de Municipios y Pueblos Costeros del Mar, Campo y Ciudad, Pueblos Indígenas y Actividades Múltiples.
Unión de Trabajadore Democráticos en Defensa del Petróleo.
Colectivo Sembrando Dignidad.
Frente Emiliano Zapata.
Colectivo Rosa Roja de Ecatepec.
Frente Nacional Para el Desarrollo Emiliano Zapata.
Coordinadora Socialista.
Movimiento Revolucionario del Magisterio.
Comité Ciudadano de Santa Inés, Azcapotzalco
Comuna en Ofensiva.
Colonos en Defensa de la Democracia de San Juanico.

Nicaragua
Frente Sandinista de Liberación Nacional.

Palestina
Frente Democrático para la Liberación de Palestina (FDLP)

Panamá
Polo Ciudadano
Coordinadora Victoriano Lorenzo “CVL”

Paraguay
Frente Guazu

Perú
Partido Humanista Peruano
Movimiento Comunitario Alfa y Omega
Partido Pueblo Unido
Asociación de Periodistas y Comunicadores de Prensa Nacional (ASPREN-PERÚ)
Partido Perú Libre
Movimiento Nuevo Perú

Puerto Rico
Partido Nacionalista de Puerto Rico
Movimiento Libertador
Juventud Nacionalista, Partido Nacionalista de Puerto Rico, Junta de Nueva York.
República Dominicana
Alianza por la Democracia
Fuerza de la Revolución
Frente Amplio
Movimiento Rebelde

Suecia
La Asociación Latinoamericana de Derechos Humanos de Gotemburgo

Uruguay
MLN Tupamaros
MPP

Venezula
Red Informativa del Zulia
PPT
PSUV
Tupamaros
Movimiento Nacional de Amistad y Solidaridad mutua Venezuela Cuba
Centro de promoción y Formación en Derechos Humanos (Cenprofordh)
Movimiento 13 de Abril
Asociación de Colombianos en Venezuela
Coordinadora Simón Bolivar

Mandar las Firmas en Adhesiones al Correo Elehctrónico: solidaridad.assange@gmail.com

(VIDEO) Julian Assange: el enemigo N°1

___

(VIDEO) Ricardo Patiño: «Noi cittadini sovrani e disobbedienti»

Roma, 5nov2013.- Intervista a Ricardo Patiño, ministro degli Esteri dell’Ecuador: «La rivoluzione cittadina di Correa sfida la Chevron e gli Usa, e si batte per liberare il cofondatore di Wikileaks dall’ambasciata ecuadoriana a Londra dove ha trovato rifugio»

di Geraldina Colotti – il manifesto

La sala è gremita. Quando il ministro degli Esteri ecuadoriano, Ricardo Patiño, arriva al centro sociale romano «el Chentro» di Tor Bella Monaca, martedì sera, non ci sono più posti a sedere. Al tavolo ha già parlato Gianni Minà e i rappresentanti delle comunità indigene amazzoniche in guerra con la Chevron. Dopo la cena, il concerto con Matices, Sigaro della Banda Bassotti e Assalti Frontali. Ci sono personalità politiche regionali e locali (5 stelle e Pd), docenti e studenti dell’università Roma Tre, che ieri hanno ospitato Patiño. Alle pareti, una mostra sui disastri ambientali delle multinazionali in Amazzonia.

«Un’amica giornalista mi ha chiesto perché scegliere un centro sociale e non una sede diplomatica per parlare della nostra battaglia contro Chevron – inizia a parlare Patiño – la verità è che la revolución ciudadana viene dalla società civile e che preferiamo la diplomazia dal basso per risolvere i nostri problemi». Musiche per le orecchie in sala. Scattano gli applausi. Patiño è simpatico e brillante. Rivolge un saluto a Julian Assange, il cofondatore di Wikileaks che ha pubblicato le rivelazioni del soldato Bradley (Chelsea) Manning sullo scandalo del Cablogate. L’Ecuador gli ha concesso asilo politico e da oltre un anno l’attivista è imbottigliato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra.
Il ministro si alza in piedi quando i militanti di Italia-Cuba srotolano uno striscione per la libertà dei 5 cubani prigionieri nelle carceri Usa, e dicono che «senza Cuba non ci sarebbe stato questo nuovo cambiamento in America latina». E a mezzanotte lascia il «Chentro» saltando agilmente una staccionata. L’Ecuador di Rafael Correa (economista cattolico che ha studiato in Belgio e negli Usa), è il più attento – fra i paesi del Latino-america che si richiamano al Socialismo del XXI secolo – alla comunicazione con l’Europa. Sovranità, indipendenza economica e partecipazione popolare sono state le parole chiave della serata, le stesse usate, prima, per rispondere alla nostra intervista, che si è svolta durante il tragitto in macchina dall’ambasciata ecuadoriana all’iniziativa.

Il ministro Alberto Acosta dice che Correa ha un discorso di sinistra e una pratica di destra e che state progressivamente dismettendo i temi forti della revolución ciudadana.
L’84% considera la gestione Correa buona o molto buona: una percentuale altissima, dopo 7 anni di governo, dovuta anche al livello di comunicazione permanente che abbiamo con la cittadinanza. Una volta al mese, come ministri ci riuniamo in un villaggio diverso. Abbiamo cambiato la costituzione: non al chiuso di una caserma militare, per tenere lontano la cittadinanza, come hanno fatto prima di noi, ma discutendo ogni singolo articolo con la popolazione. Crediamo nelle reti sociali e nella comunicazione alternativa. Nella nuova legge sui media, una terza parte delle frequenze va alle organizzazioni comunitarie, un altro terzo ai privati – che non sono stati contenti di non aver più il monopolio di quella che noi chiamiamo non opinione pubblica, ma pubblicata -, e il resto allo stato. Abbiamo fatto molto per il nostro paese, ottenendo livelli di crescita sorprendenti: la disoccupazione è diminuita fino al 4,3%, il potere d’acquisto del salario minimo delle famiglie è aumentato dal 60 al 90%, abbiamo messo fine alla terziarizzazione del lavoro, condotto politiche di inclusione dei diversamente abili, messo l’imposta sul reddito, duplicato il numero di iscritti alla previdenza sociale minacciando col carcere gli imprenditori che non mettevano in regola i dipendenti. La qualità dell’istruzione è notevolmente migliorata.

Una società che non cura i suoi talenti, è destinata a fallire, per noi l’istruzione è una priorità. Qualunque studente ecuadoriano che viva nel paese o fuori e sia iscritto in una delle 100 università migliori del mondo ha diritto al pagamento di tutte spese universitarie, di trasporto, di alloggio, non importa il suo corso di studi. Se invece studia in un’università classificata dal 101 al 500mo posto, queste facilitazioni può averle solo per gli indirizzi considerati prioritari per il nostro paese come energie pulite, scienze sociali… Non facciamo quel che è politicamente corretto, ma quel che dobbiamo fare. I grandi media dicono che siamo populisti, invece siamo un governo popolare. Prima, c’era il populismo del capitale che dava sussidi alle élite, il cui sport preferito era quello di non pagare le tasse. In un incontro con i ministri degli Esteri dell’America latina il mio omologo italiano ci ha chiesto come avessimo fatto a realizzare tutto questo. Ho risposto: ignorando i consigli dell’Fmi e della Banca mondiale, per favore fate altrettanto con la Banca europea. Il suo sorriso scomparve e l’incontro si concluse.

L’Ecuador ha scelto il campo dell’America latina indipendente e sovrana. Quali sono stati i passi principali?
Primo, liberarci delle grandi istituzioni internazionali: Fmi e Banca mondiale, che avevano emissari nel paese e che lo avevano devastato, imponendo le loro politiche monetarie e il resto. Sono stati cacciati, nonostante le minacce di embargo al nostro petrolio, quando abbiamo chiarito che avremmo pagato solo il debito legittimo, non quello illegittimo. Abbiamo rinegoziato i contratti con le compagnie petrolifere, facendo pagare le tasse. Abbiamo chiuso la base militare Usa, l’unica nel paese. Abbiamo rispedito a casa loro due alti diplomatici che pretendevano continuare a decidere la nomina del capo della polizia. In uno dei cablogrammi pubblicati da Wikileaks, grazie ad Assange abbiamo saputo che l’ambasciatrice Usa scriveva a Washington che il presidente Correa aveva nominato un corrotto in quell’incarico per tenerlo in pugno. Ho chiesto spiegazioni, e mi ha risposto che la posizione del suo governo era quella di non commentare Wikileaks. Allora abbiamo espulso anche lei. Snowden ha poi mostrato le proporzioni dell’ingerenza Usa nella vita privata e negli affari economici dei singoli paesi, i silenzi complici di chi non ha protestato perché ha la coda di paglia. Quale pericolo terrorista cercavano le Agenzie Usa nelle telefonate di Angela Merkel o di Papa Francesco? Per vederci fra ministri degli Esteri dovremo lasciare i cellulari in ambasciata e incontrarci in un parco, e sperare che non nascondano microfoni nel becco dei passerotti? La nostra disobbedienza, si chiama sovranità.


Cosa state facendo per risolvere il problema Julian Assange?
Abbiamo avuto due conversazioni con il ministro degli Esteri inglese, William Hague, ma senza esito. Hague sostiene che, in base ad accordi europei, devono estradare in Svezia Julian perché sia sottoposto a processo. Ma è intervenuto un fatto nuovo, l’asilo politico dell’Ecuador, basato sul diritto internazionale, e noi non siamo in Europa. Abbiamo proposto una commissione di esperti bilaterale. Ora ci rispondono che preferiscono un tavolo di lavoro. Lo chiamino come vogliono, ma che si arrivi a una soluzione. Assange subisce un’ingiusta limitazione della sua libertà, rischiando anche problemi di salute.


A che punto è la vertenza con la Chevron?
Ci scontriamo con una multinazionale che ha entrate pari a tre volte il nostro Prodotto interno lordo. E’ stata condannata da un tribunale dell’Ecuador – che ha dato ragione alle popolazioni indigene dell’Amazzonia -, a pagare 19 mila milioni di dollari per i danni compiuti dalla Texaco (comprata dalla Chevron nel 2001) tra il 1964 e il ’90. Anziché aspettare l’appello, si è rivolta alla Corte permanente di arbitraggio, e spesso questi tribunali emettono sentenze a favore delle multinazionali. Chevron vorrebbe farsi pagare la somma che deve dallo stato, mettendoci in ginocchio. Si rifanno a un trattato bilaterale firmato tra Ecuador e Usa, entrato in vigore nel 1997, quando Texaco se n’era già andata: ma intanto queste norme non hanno effetto retroattivo, e poi questa è una causa tra privati – le popolazioni che hanno sporto denuncia e la compagnia petrolifera – lo stato non c’entra. Per questo, ad aprile, 12 paesi latinoamericani colpiti come noi hanno fatto causa comune, creando un osservatorio del sud. Ma abbiamo bisogno della solidarietà internazionale.

E il progetto Yasuni? Perché lo avete abbandonato? Perché avete deciso di cercare il petrolio nel grande parco della foresta Amazzonica?
Per il bene del pianeta, avremmo rinunciato al 50% del ricavo calcolato dalle riserve petrolifere custodite nello Yasuni, ma la comunità internazionale avrebbe dovuto contribuire, e questo non è avvenuto. Allora abbiamo deciso di estrarre petrolio da una millesima parte di quel territorio, discutendone in Parlamento: abbiamo bisogno di quelle risorse per continuare la rivoluzione cittadina senza ricorrere allo sfruttamento del lavoro o al taglio della spesa pubblica come fanno altrove. Lo faremo però riducendo al minimo l’impatto ambientale e rispettando le popolazioni che hanno scelto di vivere isolate. A scavare sarà solo l’impresa pubblica Petroamazona, che ha i più alti standard di protezione ambientale, riconosciuta a livello internazionale.

[Si ringrazia Leonardo Landi per la segnalazione]

(VIDEO) Julian Assange solidale con la causa dei Cinque cubani

da vanguardia.co.cu

L’Avana, 26 set (PL).- Il fondatore del sito Wikileaks, Julian Assange, ha denunciato il blocco economico, finanziario e commerciale che gli Stati Uniti mantengono contro Cuba, durante una videoconferenza tenutasi a L’Avana. 

Julian Assange ha dichiarato la sua solidarietà con i Cinque cubani ingiustamente condannati negli Stati Uniti.

Nel corso della riunione, i giornalisti partecipanti, studenti di giornalismo e bloggers provenienti da diverse città, Assange ha espresso interesse per la situazione di Cuba a causa dell’accerchiamento anche informatico degli Stati Uniti.

Secondo la rivista digitale Cubahora, Assange ha affermato che tale scambio di opinioni ha permesso di rompere, almeno per un momento, il blocco immorale subito da Cuba da oltre 50 anni.

Ha anche detto che la sua organizzazione ha imparato dall’isola sugli sforzi per l’aggressione americana soprattutto sui principi, la determinazione, l’umanità, la chiarezza etica e l’intelligenza.

Inoltre ha espresso solidarietà con la causa dei quattro combattenti antiterroristi cubani imprigionati negli Stati Uniti per il monitoraggio delle azioni di gruppi violenti contro la nazione caraibica.

Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Antonio Guerrero, Fernando González e René González sono stati arrestati nel 1998 a Miami e condannati a pene lunghe in un processo che un gruppo di giuristi dell’ONU ha definito arbitrario.

Quest’ultimo è già a Cuba, perché dopo aver scontato la sua pena e posto sotto regime di libertà vigilata, ha rinunciato alla cittadinanza statunitense.

Per mostrare il suo sostegno a questi combattenti, Assange è apparso sullo schermo con un fiocco sul petto, simbolo giallo usato come parte della campagna internazionale per promuovere il suo ritorno all’isola dei quattro imprigionati.

Il dialogo ha rappresentato la chiusura di un workshop sul cibergiornalismo, tenuto da Pedro Miguel Arce, editorialista del quotidiano messicano La Jornada, evento promosso dall’Istituto Internazionale Cubano di Giornalismo José Martí.

[Si ringraziano per le segnalazioni Manolo Muoio e Gabriela Saiovici]

Assange: «Hugo Chávez è la figura politica più importante nel nuovo millennio»

di Fabrizio Verde

Dall’ambasciata ecuadoriana in quel di Londra, dove si trova bloccato da oltre un anno, torna a parlare Julian Assange, giornalista e attivista fondatore di Wikileaks intervistato da Infobae.

Nel corso dell’intervista, il giornalista australiano, rende onore al Comandante Hugo Chávez, definendolo «la figura politica più importante degli ultimi dieci anni». Sottolineado come la sua «eredità sia estremamente importante per l’America Latina». Prezioso lascito politico-ideologico raccolto senza esitazione alcuna da Nicolás Maduro, «un nuovo presidente – spiega Assange – che sta continuando sul suo cammino».

Un percorso decisamente irto di ostacoli e insidie, visti i ripetuti tentativi di destabilizzazione interna ed esterna in atto. Tuttavia il presidente Maduro, unito intimamente al suo popolo, e continuando sul cammino tracciato dal Comandante Chávez, prosegue risolutamente la marcia verso il socialismo del XXI secolo, dell’integrazione solidale dell’intera America Latina insieme ai paesi riuniti nell’Alianza bolivariana para América Latina y el Caribe (ALBA).

Numerose analogie e punti di contatto vi sono, evidenti, tra la vicenda che vede protagonista Julian Assange, che ha reso possibile insieme a Bradley Manning – attualmente imprigionato e sottoposto a trattamento inumano e degradante come confermato da Juan Mendez, relatore speciale delle Nazioni Unite – la più grande rivelazione di notizie riservate e secretate mai avvenuta, a quella di Edward Snowden, l’ex dipendente Cia, poi contractor della potentissima National Security Agency, che ha disvelato l’orwelliano progetto di spionaggio globale posto in essere dal governo statunitense.

Addirittura, secondo l’ex dipendente della NSA Bill Binney, l’agenzia, molto più ricca e potente della Cia, avrebbe la capacità di «immagazzinare le comunicazioni dell’intero mondo per i prossimi cento anni» grazie alla potenza di 12150 computer Narus – ognuno di essi capace di processare 100 miliardi al giorno di e-mail – attivi presso la struttura di Bluffdale, nello Utah.

Uno scenario di spionaggio permanente che investe fortemente l’America Latina. «Il 99% delle comunicazioni tra l’America Latina – racconta Assange – e il resto del mondo passano attraverso gli Stati Uniti e sono indicizzate e spiate in maniera permanente». Fondamentale risulta quindi il ruolo di Snowden che grazie alle sue rivelazioni ha svelato il programma di spionaggio massivo messo in piedi dagli Stati Uniti dietro la facciata della lotta al terrorismo internazionale. «Un fatto molto positivo» il commento del fondatore di Wikileaks, alla disponibilità a concedere asilo in Venezuela al tecnico informatico, palesata dal Presidente Maduro. Che mercoledì scorso ha lanciato un appello affinché Snowden, «questo ragazzo indifeso, non sia catturato e ucciso dagli Stati Uniti». Da Caracas, e da Quito, dove il governo ecuadoriano sta valutando la richiesta d’asilo politico formalmente avanzata da Snowden, ci arriva l’ennesima lezione di sovranità. La riprova che l’America Latina non tornerà più a essere il cortile di casa degli Stati Uniti.

Assange: «Chávez ha realizzato cose davvero impressionanti»

Fonte: RT (en castellano mas abajo)

Le nuove rivelazioni di Wikileaks mostrano la disperazione crescente dei funzionari degli Stati Uniti d’America, a causa delle capacità dimostrate dal presidente del Venezuela Hugo Chávez nel processo di costruzione della rete di alleanze nel continente americano. Questo è ciò che dichiara il fondatore del sito Julian Assange.

Sabato scorso il portale WikiLeaks ha pubblicato una grande quantità di documenti, relativa allo scambio di e-mail tra l’agenzia d’intelligence e spionaggio statunitense Stratfor e diversi paesi dell’America Latina, che comprende più di un milione di file.

Tra le decine di migliaia di e-mail riguardanti il Venezuela era possibile individuare ogni sorta di speculazione: previsioni sulla situazione economica del paese, riflessioni sulla nazionalizzazione del settore privato, pettegolezzi in materia di commercio con l’Iran o teorie sulla natura della malattia Chávez.

Come rivelato dal fondatore del sito, Julian Assange, in un’intervista rilasciata al quotidiano venezuelano Ultimas Noticias, i file che fanno riferimento al presidente Chávez mostrano chiaramente le preoccupazioni dei funzionari degli Stati Uniti per la crescente influenza del presidente venezuelano nelle vicende politiche della regione. «Hugo Chávez ha fatto cose davvero impressionanti», afferma Assange.

I documenti rivelati descrivono in che modo i diplomatici degli Stati Uniti hanno cercato di convincere, senza successo, il ministro della difesa del Brasile a prendere le distanze dal Venezuela. Un altro documento spiega come Washington abbia rinunciato all’idea di ricorrere ai bombardamenti in Colombia per il timore «dello scandalo che Chávez avrebbe creato a livello continentale».

Julian Assange resta bloccato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Non può recarsi a Quito, nonostante l’offerta di asilo diplomatico ricevuta dal presidente dell’Ecuador Rafael Correa, perché, una volta uscito dal palazzo dell’ambasciata, rischia di essere arrestato dalla polizia britannica.

Assange, perseguito per presunti crimini sessuali, è sicuro del fatto che, in riferimento al suo caso, le motivazioni reali siano di natura politica. L’attivista australiano non si è arreso e ha intenzione di candidarsi alle elezioni parlamentari nel suo paese di nascita. «Il mio progetto consiste nel propormi come candidato per le prossime elezioni parlamentari in Australia», ha detto Assange in un’intervista rilasciata ai media venezuelani, citando sondaggi che gli attribuiscono oltre il 25% dei consensi, un dato più che sufficiente per l’attribuzione un seggio nel parlamento australiano.

[trad. dal castigliano Massimo Scotti Galletta]

Los nuevos cables revelados por WikiLeaks demuestran la creciente desesperación de los funcionarios de EE.UU. por el avance de las alianzas del presidente venezolano, Hugo Chávez, en el continente. Así lo indicó el fundador del portal Julian Assange.

El sábado el sitio de filtraciones WikiLeaks publicó un enorme archivo de correos electrónicos de la empresa estadounidense de inteligencia y espionaje Stratfor relacionados con varios países de Latinoamérica, que implica más de un millón de documentos. Entre decenas de miles de correos electrónicos sobre Venezuela figuraban todo tipo de especulaciones: pronósticos sobre la situación económica del país, advertencias acerca de la nacionalización del sector privado en el país, rumores sobre el comercio con Irán o teorías sobre la naturaleza de la enfermedad de Chávez.

Según reveló el fundador del portal, Julian Assange, en una entrevista con el diario venezolano Últimas Noticias, los archivos dedicados al presidente Chávez demuestran claramente las preocupaciones de los funcionarios estadounidenses acerca del considerable crecimiento de la influencia del mandatario venezolano en la región. “Hugo Chávez ha logrado cosas realmente impresionantes”, afirma Assange.

Los cables filtrados describen cómo los diplomaticos norteamericanos intentaban convencer, sin éxito, al ministro de Defensa de Brasil de distanciarse de Venezuela. Otro documento explica cómo Washington no se atrevió a bombardear en Colombia por miedo al “escándalo que formaría Chávez a nivel continental”.

Julian Assange permanece encerrado en la embajada de Ecuador en Londres. El presidente ecuatoriano, Rafael Correa, le dio asilo diplomático aunque, no obstante, no puede viajar a Quito por amenaza de ser arrestado por la Policía británica justo al salir del edificio de la embajada.

Assange, perseguido por supuestos delitos sexuales, está seguro de que su caso es puramente político. El australiano no se da por vencido y planea presentarse a las elecciones parlamentarias en su país natal. “Mi plan es lanzarme como candidato para las venideras elecciones parlamentarias en Australia”, dijo Assange en una entrevista con el medio venezolano, y citó encuestas que le dan más de 25% de apoyo, más que suficiente para optar por un curul en el parlamento australiano.

Texto completo en: http://actualidad.rt.com/actualidad/view/86853-assange-nuevas-filtraciones-hugo-chavez-logrado-cosas-realmente-impresionantes

(VIDEO) Julian Assange intervista Rafael Correa

Il socialismo avanzerà. Il popolo ecuadoriano ha votato per il socialismo. Reiteriamo la nostra battaglia per la giustizia sociale, per la giustizia nel nostro continente. Continuiamo la battaglia per lottare contro ogni forma di sfruttamento dei lavoratori in accordo con le nostre idee socialiste: la prevalenza del lavoro umano sul capitale. Nessuno dubiti della nostra scelta a favore dei poveri: siamo qui per questo. Hasta La Victoria Siempre! (Rafael Correa)

Julian Assange intervista Rafael Correa, 28 Maggio 2012.

Julian Assange:
“Qual è l’opinione dell’Ecuador rispetto agli USA? Cosa ne pensa la popolazione? Non le chiedo una caricatura, ma un visione complessiva da parte sua, del suo popolo e dell’America latina nei confronti degli USA come Stato”

Rafael Correa: “Come diceva Evo Morales [il Presidente della Bolivia, NdT]: l’unico Stato che non potrà mai subire un colpo di stato sono gli Stati Uniti d’America, perché non hanno sul loro territorio un’ambasciata Statunitense… Vorrei precisare che nel tentativo di colpo di stato una delle cause del malessere della polizia fu dovuta ai tagli che imposi ai privilegi di cui godevano prima le forze dell’ordine, soprattutto da parte dell’Ambasciata USA, che finanziava Unità intere, spesso unità chiave, della Polizia per controllarne tutti gli aspetti. I direttori della Polizia erano pagati direttamente dall’Ambasciata USA che decideva chi doveva ricoprire quali cariche. Quando noi abbiamo tagliato alcuni privilegi ed equiparato gli stipendi delle forze dell’ordine con gli altri statali, molti di questi prezzolati poliziotti non si preoccuparono perché erano stipendiati dagli USA, ciò ci permise di capire e tagliare definitivamente i legami di questa parte delle forze dell’ordine. I nostri rapporti con gli Stati Uniti sono sempre stati ottimi, di amicizia e mutuo rispetto della nostra sovranità. Io stesso ho studiato in USA, ho moltissimo rispetto e amore per il popolo nordamericano e sicuramente non sono anti-americano, al contrario, però chiamerò sempre le cose col loro nome: una minaccia alla sovranità della mia nazione va denunciata frontalmente senza incertezze da qualunque parte arrivi.”

J.A.: “Il suo Governo ha fatto chiudere la base Americana (NATO) di Manta, mi può dire perché?”

R.C.: “…Lei accetterebbe una base militare straniera nel suo Paese, Julian? Se la domanda è tanto semplice, così come dissi allora: se deve essere un problema, a me può star bene tenere una base USA in territorio Ecuadoregno, se ci danno il permesso per istallare una base Militare Ecuadoregna a Miami, non c’è problema.”

J.A.: “Divertente. Perché lei è a favore della pubblicazione di documenti segreti da parte di Wikileaks?”

R.C.: “Molto semplice: non ho niente da nascondere. Ad esempio i documenti riservati dell’ambasciata Americana pubblicati da wikileaks ci hanno rafforzato. Le accuse che ci hanno gli ambasciatori erano di “eccessivo nazionalismo” e difesa della sovranità dello Stato dell’Ecuador da parte del nostro Governo. Molto bene, certo che siamo per la liberazione nazionale e certo che vogliamo difendere la nostra sovranità, non c’è niente di male in tutto ciò, anzi, e come ha dimostrato Wikileaks ci sono grandi interessi economici che influenzano i mezzi di comunicazione attraverso grandi Gruppi di potere. Noi non abbiamo nessun timore, pubblicate tutto quello che avete sul nostro Governo.”

J.A.: “Succesivamente alla pubblicazione di informazioni da parte di Wikileaks, lei espulse l’ambasciatrice degli Stati uniti in Ecuador? Perché? Non sarebbe stato più semplice mantenerla e cercare di dialogare con l’ambasciatrice?”

R.C.: “Ho fatto esattamente quello che lei Assange ha detto ma con che arroganza l’ambasciatrice disse di non sapere nulla di tutto ciò. Era una donna totalmente avversa al nostro nuovo Governo, una donna di estrema destra, rimasta ferma agli anni 60, ai tempi della guerra fredda con l’Unione Sovietica. La goccia che fece traboccare il vaso fu quando ci accusò di aver messo a capo della polizia un completo corrotto solo per poterlo controllare, noi la contattammo per avere spiegazioni in merito, ma la signora con la sua consueta arroganza, superbia e prepotenza imperialista ci disse che lei non doveva rendere spiegazioni in merito a nessuno, così, visto che qui si rispetta il paese l’abbiamo espulsa immediatamente dall’Ecuador e per dovere di cronaca il capo della polizia accusato dalla signora, dopo un anno di indagini fu totalmente prosciolto dalle accuse, giudicate totalmente infondate.”

J.A.: “Adesso che i suoi rapporti con gli USA sono cambiati e avete aperto le porte ai Cinesi non è solo passare da un Demonio ad altro?”

R.C.: “Prima di tutto noi non trattiamo con demoni, se si presentano così saremo lieti di dagli il ben servito. Secondo, questa osservazione è in gran parte una reazione dei mezzi di comunicazione neocolonialisti che non vedono di buon occhio le nostre politiche estere, avere investimenti da parte dei Cinesi è buono, anche se non sono alti, bianchi e con gli occhi azzurri, la Cina sta anche sostenendo l’economia USA e nessuno dice nulla, noi non abbiamo solo finanziamenti cinesi, c’è anche la Russia, il Brasile; cerchiamo di diversificare il più possibile i mercati.”

J.A.: “Come lei sa difendo una battaglia per la libertà di pubblicare informazioni riservate, lei come pensa di difendere la libertà di informazione in Ecuador?”

R.C.: “Direi che sono stati pubblicati molti suoi libri in Sud America, anche se ci furono censure da parte degli editori per non danneggiare i propri finanziatori. Per noi è sufficiente rispettare le convenzioni internazionali già esistenti per la difesa dei diritti umani, tutto il resto è superfluo. In America Latina il potere dei Media supera il potere politico, purtroppo molte persone credono che esistano poveri giornalisti che subiscono censura, è vero in piccola parte, per il resto è vero il contrario, cioè che molti giornalisti, molte TV hanno sottomesso alla loro Agenda, Governi, Presidenti ed istituzioni Giuridiche, come nel caso dell’Ecuador, anche molti Governi Sud Americani che intraprendono una nuova strada economica ricevono attacchi dai mezzi di informazione legati ai vecchi padroni che prendono sempre le difese delle organizzazioni private che li finanziano. Dobbiamo capirlo tutto questo. Quando sono arrivato in parlamento c’erano 7 canali di informazione Pubblica, 5 dei quali erano in mano ai banchieri. Si immagini lei quanta opposizione ebbero le mie manovre finanziarie di prevenzione della crisi del debito, che sta affliggendo l’Europa oggi, questi canali televisivi fecero una feroce campagna contro di me per difendere gli interessi dei loro padroni, le banche. Bisogna uscire da questi stereotipi, mi accusarono di attaccare i poveri giornalisti, di essere un tiranno, ma questi non sono giornalisti, sono travestiti da giornalisti, ma fanno politica nel chiaro intento di destabilizzare il nostro Governo e tutti quei Governi che provano ad imprimere un cambiamento di direzione rispetto al passato.”

J.A.: “Sono d’accordo con la sua lettura dei mezzi di comunicazione di massa, lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle più di una volta: The Guardian, El Pais, Der Spiegel hanno censurato il nostro materiale violando gli accordi presi con noi in precedenza e lo hanno fatto per ragioni politiche o semplicemente per protegger gli oligarchi, ad esempio non pubblicarono informazioni su Timoschenko in Ucraina per proteggere i suoi grandi investimenti a Londra, o come le imprese petrolifere italiane corrotte e corruttrici per operare in Kazakistan, abbiamo molte prove di questa censura, perché abbiamo i documenti originali forniti ai giornali e possiamo vedere che ne hanno pubblicato solo una parte, omettendo le informazioni scomode per i loro interessi. Io credo che la forma corretta di affrontare i Monopoli, i Duopoli e i Cartelli di mercato è bloccandoli e creando condizioni per una maggior diversificazione degli investitori. Non crede anche lei che bisogna proteggere i piccoli editori e non regolamentare troppo l’editoria per creare le condizioni di sviluppo da parte dei piccoli limitando però l’accesso da parte dei grandi gruppi?”

R.C.: “Ciò è quello che stiamo tentando di fare, sono già due anni che abbiamo creato una nuova legge per distribuire le frequenze televisive e radio, ad esempio, vorremmo che solo un terzo sia privato con fini di lucro, un’altro terzo sia proprietà senza fine di lucro, quindi comunitaria e sociale e l’ultimo terzo sia pubblica, ma non solo del governo centrale, bensì equamente distribuita tra gli enti Regionali e provinciali, questa legge è già stata varata e pubblicata, ma sistematicamente viene bloccata e attaccata dai mezzi di comunicazione e dalle parti del parlamento che ne difendono gli interessi, dobbiamo perciò democratizzare l’informazione proprio per questi motivi.”

J.A.: “Recentemente ho intervistato il presidente tunisino ed ho chiesto in merito alle difficoltà che si incontrano quando si è al potere e di quanto effettivamente si ha la possibilità di cambiare le cose, lei che ne pensa in merito?”

R.C.: “Guardi, una delle cause della crisi sud americana per l’attacco neoliberale è stata la mancanza di una vera leadership,una lidership al servizio delle politiche neoliberali è stata la costante in America latina per anni. Cos’è la leadership, è la capacità di comunicare con il popolo, ci possono essere buoni dirigenti politici o cattivi dirigenti. Buono significa essere leader al servizio del popolo e averne cura. Purtroppo in America Latina ci sono stati molti più cattivi leaders,che hanno utilizzato il loro potere per servirsi dei popoli, i dirigenti certamentente sono importanti; lo sono stati per gli USA per uscire dal colonialismo, lo sono stati per l’Europa per la ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, oggi invece si vuol dipingere tutti i dirigenti come cattivi populisti, oggi noi non stiamo amministrando un sistema, ma stiamo cercando di cambiarlo semplicemente perché il sistema così come è stato concepito per secoli, è un fallimento assoluto. Siamo stati ridotti ad essere la regione più diseguale del mondo, con una povertà diffusa. Quando abbiamo tutto per essere una delle regioni più ricche del pianeta, non come negli Stati Uniti, dove non vedo nessuna differenza sostanziale tra Repubblicani e Democratici. Io credo che c’è più differenza in quello che penso la mattina da quello che penso la sera; loro stanno amministrando un Sistema, noi stiamo cercando di cambiarlo e per cambiarlo serve potere legittimo e democratico da parte dei dirigenti in funzione della grande maggioranza del popolo.”

J.A.: “Mi sembra che il presidente Obama non sia capace di controllare come lei questo potere che la circonda, forse non è un buon leader. Qual è la forza che le permette di fare questi cambiamenti? E’ la sua ideologia, il suo partito politico? Perché Obama non riesce in tutto ciò?”

R.C.: “Mi permetta di dire che il consenso, l’impegno non deve mai essere un fine, ma un mezzo, se lei pone come fine il consenso, da solo non cambia assolutamente nulla, a volte è necessario intraprendere la strada del compromesso anche senza un consenso, come per la corruzione bisogna affrontarla direttamente, correndo anche alcuni rischi, senza fare compromessi ne concessioni, quello che sta succedendo in Ecuador non è per mio merito, un leader al massimo può coordinare, quello che mi ha dato potere è stata l’indignazione del popolo dell’Ecuador e questo forse manca ancora negli Stati Uniti, perciò credo che Obama non abbia la forza di apportare un cambiamento radicale, perché non ha l’appoggio incondizionato del popolo con la sua indignazione. I movimenti come Occupy Wall Street e molti altri, dovranno rafforzarsi e organizzarsi per dare forza ai politici come Obama per cambiare le cose.”

J.A.: “Vorrei sapere secondo lei dove sta andando l’Ecuador e l’America latina, parlando di tempi lunghi. Quale sarà il futuro che vi aspetta sul lungo tempo, appunto? Il miglioramento delle condizioni di vita e il distaccamento dalle politiche neo-liberali Nord americane dove vi porteranno nei prossimi 10 o 20 anni?”

R.C.: “Come detto si sta riducendo l’influenza degli Stati Uniti in America latina e questo è qualcosa di buono, perciò abbiamo manifestato che si sta passando dall’epoca del ‘consenso di Washington’ al ‘consenso senza Washington’ ed è ottimo, perché questa politica non era in funzione della crescita dell’America latina, era imperialista fine a se stessa, la politica estera è ed è stata sempre in funzione dei capitali finanziari, oggi le cose stanno cambiando, io ho molta speranza, so che ci sono ancora dei rischi e che c’è ancora molto da fare per uscire dal passato, ma se ce la faremo il cambio sarà irreversibile, la società deve prevalere sul mercato e non può essere il mercato a prevalere sulla società. Ho molta fiducia e speranza perché l’America latina può essere il futuro e se fino ad adesso non ci siamo riusciti è per colpa della politica e dei dirigenti del passato e questo è ciò che sta cambiando.”

J.A.: Grazie.

R.C.: “Davvero è stato un piacere e benvenuto nel club dei perseguitati!”

J.A.: “Si grazie,stia attento anche lei, non lasci che la uccidano.”

R.C.: “Certo, è quello che cerchiamo di fare tutti i giorni…”

[traduzione a cura di Ciro Brescia]

—-

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: