Pura hipocresía

por Sergio Rodríguez Gelfenstein

Dicen que luchan contra el terrorismo y que lo exterminarán en cualquier lugar del mundo, pero protegen en su territorio a Posada Carriles que es un criminal confeso de haber puesto una bomba contra un avión civil cubano. Así mismo, esconden a los asesinos del canciller chileno Orlando Letelier, asesinado en el propio Washington.

Dicen que combaten el terrorismo internacional pero crearon, armaron, financiaron y entrenaron el movimiento Talibán -para que combatiera al gobierno afgano en los años 80 del siglo pasado- y al Estado Islámico pensando que éste cumpliría sus objetivos de derrocar al gobierno sirio en años recientes, además cobijaron, protegieron y fueron aliados de Osama Bin Laden antes del año 2001.

Eligen un presidente negro, pero la policía sigue asesinando adolescentes y jóvenes afroamericanos con total impunidad y protección de la “justicia”.

Se dicen luchadores e insignias de la democracia en el mundo, pero han apoyado a las peores dictaduras del planeta. Fomentaron los golpes de Estado en Brasil, Bolivia, Uruguay, Chile y Argentina, que causaron centenares de asesinados, miles de desaparecidos y torturados y decenas de miles de exiliados. Protegieron las dictaduras criminales de Pérez Jiménez, Batista, Trujillo y Somoza. De éste dijeron “es un hijo de puta, pero es nuestro hijo de puta”. En su “defensa de la democracia” aúpan a las monarquías medievales del Medio Oriente como la de Arabia Saudita donde no hay parlamento, ni partidos políticos, ni sindicatos, ni elecciones y donde las mujeres son segregadas y discriminadas.

Dicen que luchan contra el narcotráfico, pero la DEA actuando como un cártel, regula, controla y manipula el mercado de la droga, sin actuar contra su propio sistema financiero a donde van a parar los miles millones de dólares que tan “lucrativo negocio”, inyecta a su economía, ¿quién ha visto un narcotraficante estadounidense preso?

Se ensañan inflexiblemente contra el nuevo gobierno griego de Alexis Tsipras por no plegarse a preceptos que significan seguir el hambre y la exclusión para el pueblo griego, pero tratan con “manos de seda” a la corrupta banca internacional, aportando miles de millones de dólares para el enriquecimiento de sus ejecutivos, mientras siguen apretando el dogal de los pueblos.

Dicen ser los mayores protectores del medio ambiente y la naturaleza, pero se niegan a ratificar el protocolo de Kioto sobre cambio climático.

Se dicen preocupados por la situación de la justicia en el mundo, pero no aceptan la jurisdicción de la Corte Penal Internacional encargada de juzgar delitos como el genocidio, los crímenes de lesa humanidad, los crímenes de guerra y la agresión. Lo hacen para actuar impunemente en sus prácticas intervencionistas y guerreristas, muchas veces al margen del derecho internacional. Tampoco acatan las decisiones de la Corte Internacional de Justicia de La Haya cuando sus fallos no le favorecen.

Dicen promover los derechos humanos en la región, pero no suscriben la Convención Americana sobre Derechos Humanos y teniendo la sede de la Comisión Interamericana de Derechos Humanos, no forman parte de ella a pesar que ambas fueron creadas a su imagen y semejanza bajo el alero del aún insepulto cadáver de la OEA.

Se gastan miles de millones de dólares en seguridad y no son capaces de proteger ni a su propio pueblo, mandan a sus hijos a inmolarse en guerras absurdas sin saber por qué lo hacen. Para ello, inventan armas nucleares en Irak, uranio enriquecido para fabricar misiles en Irán y tanques rusos en Ucrania. Nunca, nadie ha visto nada de eso.

Se ganan el Premio Nobel de la Paz, pensando que eso les servirá para legitimar el genocidio y la muerte de inocentes.

Dicen que van a normalizar las relaciones con Cuba, pero mantienen el inhumano bloqueo y la ley de ajuste que fomenta las salidas ilegales del país.

Se ufanan de tener grandes amigos, aliados y socios, pero espían a sus líderes, mientras admiten que los presionaron y obligaron a implementar sanciones contra Rusia y que en ocasiones les tuercen el brazo cuando no hacen lo que quieren.

Tienen un gigantesco déficit presupuestario, pero siguen financiando guerras de rapiña en todo el planeta. Respecto de eso, demócratas y republicanos no tienen contradicciones. Los debates en el Congreso solamente buscan definir si los gastos de guerra los pagan los pobres o los ricos. Al final, los pobres siempre pagan proporcionalmente más.

Se dicen muy preocupados por Venezuela, mientras amparan y aúpan acciones terroristas, golpes de Estado, sabotajes petroleros y maniobras desestabilizadoras violentas que ningún sistema democrático admite, en primer lugar el de ellos mismos. A los ejecutores de esas políticas la llaman “oposición que disiente del gobierno”.

Al respecto, el historiador estadounidense Morris Berman considera que aunque en su país afirman que “… disentir es patriótico, que es crucial para una sociedad democrática”, en realidad eso “… es pura hipocresía”.

Zelaya: “Detrás de sanciones a venezolanos está Hillary Clinton”

el ex mandatario hondureño felicitó la actitud soberana de Venezuela ante los frecuentes ataques de Estados Unidos.por Agencia Venezolana de Noticias

Durante la inauguración del décimo Encuentro de la Red de Intelectuales y Artistas en Defensa de la Humanidad el ex presidente de Honduras, Manuel Zelaya, denunció la participación de la ex secretaria de Estado norteamericano, Hillary Clinton, en las acciones contra Venezuela esto refiriéndose a las sanciones impuestas por el senado estadounidense a funcionarios venezolanos.

Señaló a la ex secretaria de Estado, Hillary Clinton, de estar detrás de esta maniobra de agresión contra Venezuela y aprovechó la oportunidad para hacerle un llamado a que no de declaraciones en función de su campaña electoral, sino que cuente más, que cuente cómo han participado en más de 144 golpes de estado en América Latina.

Además el ex mandatario hondureño felicitó la actitud soberana de Venezuela ante los frecuentes ataques de Estados Unidos, que realmente van en contra de las políticas de autodeterminación e independencia que el país caribeño ha impulsado con la Revolución Bolivariana y que han marcado un precedente para la región latinoamericana.

El encuentro que congrega a más de 131 intelectuales del mundo y 50 venezolanos fue inaugurado este jueves en la Galería de Arte Nacional, en Caracas, donde expresó que Venezuela debe reconocerse como un país agredido pero que se mantiene con pie firme, dando un ejemplo a los demás países del mundo.

“No son extrañas las prácticas de agresiones imperialistas en América Latina”, señaló, “Lo que es extraño es que un país por primera vez, igual que otros países de América del sur, se pone al frente (en contra del imperialismo)”, razón por la cual desde el país del norte lo denuncian, dijo quien participa en este encuentro junto a 50 intelectuales venezolanos y 131 extranjeros.

Este miércoles fue aprobada por el Congreso de Estados Unidos una ley que sanciona a funcionarios venezolanos acusados de presunta represión durante la guarimba golpista ocurrida en Venezuela a principio de 2014, en parte organizada y planificada desde el estado de La Florida por miembros de la ultraderecha venezolana.

Referente al tema añadió que Venezuela esta siendo agredida y rodeada, sin embargo está resistiendo de forma pacífica, popular y democrática.

“Estamos aquí apoyando la Idea de transformación de América latina y el mundo. Tenemos una necesidad más sentida que antes y es por eso estamos aquí acompañándolo y apoyando a Hugo Chávez por sus ideas, al pueblo Venezolanos y al comandante Nicolás Maduro”.

Mencionó que profundizar la democracia es lo que necesitan los países y no las imposiciones de las empresas trasnacionales. Zelaya, quien fue víctima de un Golpe de Estado en 2009 cuando fue presidente de Honduras, manifestó nuevamente su rechazo a las acciones injerencistas de los EEUU y criticó el proyecto de ley que plantea suspender visas y congelar activos de funcionarios venezolanos acusados de violaciones de derechos humanos.

“El presidente (Barack) Obama debería reaccionar sobre este ultraje (…) que ha puesto en evidencia la práctica imperialista en América Latina”.

Oliver Stone: «Gli USA sono putrefatti»

da Aporrea.org

Per il regista Oliver Stone il suo paese, gli Stati Uniti, «sono putrefatti… e nessuno ha avuto il coraggio di cambiare nulla», queste le considerazioni espresse in un’intervista rilasciata al quotidiano spagnolo, El Periodico, a proposito del recente lancio del suo ultimo lavoro intitolato «La storia non raccontata degli Stati Uniti», documentario in dodici capitoli che verrà trasmesso dalla Televisión Española.

Stone ha sottolineato la sua delusione dinanzi alla gestione del presidente Barack Obama. Ha dichiarato che la popolazione attendeva cambiamenti fondamentali nel sistema americano: con giustizia sociale e legalità, tuttavia, non vi sono grandi differenze rispetto al passato.

«Ogni volta che penso alle elezioni del 2008 mi si spezza il cuore. Mi sento ingannato da lui (Obama) perché il presidente non ha fatto ciò che ha promesso avrebbe fatto. Si è limitato semplicemente a prendere i soldi da Wall Street e mettere nel suo gabinetto conservatori come Hillary Clinton. E ha continuato le illegali politiche di Bush», ha detto Stone nell’intervista.

Il regista di 66 anni, che negli ultimi quattro decenni, si è dedicato a studiare il suo paese e descriverlo attraverso creazioni audiovisive, soprattutto in Salvador (1986) e Nixon (1995), dove il tema centrale è l’ingerenza statunitense e le irregolari politiche interne dei governi di questo paese, ritiene che negli Stati Uniti, vi siano stati solo due buoni presidenti: John Kennedy e Franklin Roosevelt.

Ha fatto anche riferimento al presidente Jimmy Carter, quello che, a suo parere, «ci ha provato, ma ha dovuto cedere e la sua presidenza ha finito per trasformarsi in uno dei peggiori esempi dell’impero americano».

Nel suo ultimo lavoro, la serie «La storia non raccontata degli Stati Uniti», ha voluto «capovolgere tutto, mettere in discussione ciò che è stabilito», mostrando che «gli Stati Uniti sono oggi il governo senza legge, siamo l’impero che controlla tutto, una società aggressiva e militarista, e racconto come ci siamo arrivati» ha spiegato Stone in una recente intervista con il quotidiano El Paìs.

In questa occasione ha definito Obama «un prodotto del sistema», come mostra nel documentario, e spiega che «nessun uomo può farcela contro l’impero soltanto Roosevelt e Kennedy sono riusciti a scuoterlo».

Stone, in quest’intervista, riflette: «Io sono parte dell’impero americano, vivo a New York, sono stato benedetto con un sacco di privilegi, ma devo ribellarmi a questi privilegi. Roosevelt lo fece nella sua presidenza. In caso contrario, tutto finirà come in La fattoria degli animali o 1984 di Orwell. Sono un regista con l’anima di uno storico».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Obama ricorre alla favola delle armi chimiche per invadere la Siria

di Achille Lollo*

Hilary Clinton ha fatto il suo “show” il due dicembre, a Praga, in occasione della riunione con il ministro degli esteri ceco, Karel Schwarzenber. Due giorni dopo è stata la volta del presidente Obama annunciare che gli Stati Uniti sarebbero pronti ad attaccare la Siria se l’esercito siriano attaccherà le posizioni dei ribelli con armi chimiche. Subito dopo, il giorno otto, è il ministro degli esteri dell’Inghilterra, William Hague, che manifesta l’intenzione dell’Inghilterra di intervenire in Siria.

(ROMA) — Per vincere le elezioni, Obama ha indossato la maglietta del “non-intervento armato”, nel frattempo i suoi uomini della CIA, approfittando dell’euforia elettorale, lavoravano per rafforzare i gruppi armati siriani che nel Comando Unificato dell’ELS rappresentano la linea politica degli USA. Motivo per cui il colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi è oggi considerato il leader più importante dell’ELS, poiché i suoi uomini controllano la rotta degli approvvigionamenti made in USA che dalla frontiera giordana si estende fino al centro della Siria.

Questo fatto, nel momento in cui l’esercito siriano ha intensificato i suoi attacchi aerei e terrestri, ha modificato gli equilibri all’interno dell’ELS, poiché solamente i gruppi legati al colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi sono stati rinforzati con nuovi battaglioni formati da volontari iracheni e armati con i nuovi lanciamissili capaci di distruggere carri armati, elicotteri e perfino aerei (si tratta dei missili terra-terra e terra-aria).

Invece, quasi niente, in termini di approvvigionamenti logistici, è arrivato alle “Brigate Rivoluzionarie” dei gruppi salafiti, jiddaisti e di quelli che hanno stretto rapporti con Al Qaeda. Infatti, le nuove unità, oltre ad aver ricevuto un intenso addestramento tattico-militare in Arabia Saudita, nelle operazioni in terreno siriano sono guidate da ufficiali del servizio segreto militare britannico e del Qatar che sono in permanente contatto con i rispettivi QG in Turchia e in Giordania ricevendo da questi preziose informazioni sui movimenti dell’esercito di Damasco. In questo modo il trasporto delle armi e le infiltrazioni di centinaia e centinaia di “nuovi volontari”, dalla frontiera giordana fino ai sobborghi di Damasco, riescono con molta facilità.

Così facendo gli uomini del colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi sono riusciti a lanciare un’altra offensiva contro la capitale Damasco e ad ampliare le loro posizioni nelle città di Aleppo, Durna, Hamouriah, Idlib e Marrat al Numaan, che è una piccola cittadina poco distante dalla frontiera giordana e dove passano le colonne di camion che scaricano le armi e la logistica per i gruppi ribelli dell’ELS legati alla CIA.

Da parte loro i gruppi salafiti, per mantenere intatta la loro immagine nel conflitto e per sopperire alla mancanza di lanciamissili e armi sofisticate, hanno cominciato ad attaccare con i mortai e le mitragliatrici i villaggi e le cittadine delle comunità druse e cristiane. Invece i Jiddaisti e i gruppi vicini ad Al Qaeda hanno preferito infiltrarsi nei quartieri di Damasco abitati dai cristiani e dagli alawiti per commettere con i suicidi “bomb-man”, orrendi attentati nelle panetterie e lungo le strade più affollate.

Gli USA e i Salafiti

Nel dicembre del 2011, il presidente del Consiglio Nazionale Siriano (CNS), Burhan Ghalioun, sbarcò nella capitale della Libia, Tripoli, dove incontrò i nuovi dirigenti del CNT libico. Ma fu con Abdelhakeem Belhaj e con Mahdi Al Harati – che in passato furono i capi di Al Qaeda in Libia e ora rivestono incarichi importanti nel nuovo governo libico – che Burhan Ghalioun ha mantenuto un forte legame politico.

La relazione politica del CNS con Abdelhakeem e Mahdi Al Harati è servita a definire il tipo di aiuti per i gruppi combattenti rappresentati dal CNS, che iniziarono con l’invio massiccio di munizioni e armi leggere (soprattutto AK-47 e RPG-7 ereditate dall’esercito di Gheddafi) e l’invio delle “brigate rivoluzionarie” formate da miliziani salafiti sotto il comando del generale Al-Maljhdi al-Harati, famoso per essere stato il primo a entrare in Tripoli dopo la cacciata di Gheddafi e il responsabile della sanguinosa repressione contro tutti gli emigranti africani e i funzionari pubblici.

L’accordo tra il CNS siriano e i rappresentanti del CNT libico, Abdelhakeem e Mahdi Al Harati, fu immediatamente approvato dall’ambasciatore statunitense in Libia, Chris Stevens, che per l’occasione aveva ricevuto l’OK dal Dipartimento di Stato, cioè da Hillary Clinton, che, a  sua volta aveva informato lo stesso presidente Barak Obama.

Nel frattempo, dopo l’attacco ad Aleppo, gli uomini dell’ESL legati alla CIA non riuscivano più a controllare l’attività militare dei gruppi salafiti. D’altra parte, nel Dipartimento di Stato mettevano a nudo un terribile sospetto scoprendo che Al Qaeda stava utilizzando la “guerra santa contro il dittatore Assad” per ricostituire le strutture dell’organizzazione terrorista. Per evitare che ciò accadesse, il governo degli Stati Uniti decise di riorganizzare l’ESL inviando più dollari e armi ai gruppi armati siriani leali con gli USA.

Un’operazione che ha coinvolto anche i grandi media che nei loro reportages hanno iniziato a promuovere l’immagine del colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi. Fatto questo, le cellule della CIA in Iraq hanno cominciato a reclutare “volontari” sunniti e a infiltrarli in Siria. Così facendo, a partire dal mese di agosto i gruppi legati al colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi, hanno potuto sferrare una pesante offensiva nella regione della città di Aleppo e, soprattutto nella periferia di Damasco.

Per non indietreggiare e perdere le posizioni conquistate ad Aleppo, Homs e Rastan, i comandanti delle brigate salafite hanno fatto ricorso al sacrificio umano per sopperire alla mancanza di armi sofisticate e di adeguati rinforzi che, in realtà, erano destinati soltanto ai gruppi del colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi. Una situazione che ha messo in evidenza la decisione degli uomini della CIA di sacrificare le brigate salafite usandole come carne da cannone, in quanto gli uomini del colonnello Abdel Jabbar al-Okeidi cominciavano a controllare il Comando Unificato dell’ESL.

Questa situazione ha provocato l’ira dei salafiti libici che nel simbolico giorno dell’11 settembre hanno convocato a Bengasi l’ambasciatore statunitense Chris Stevens e per rappresaglia lo hanno assassinato nella sede del consolato.

Il fallimento della diplomazia

Pochi sanno che nel lontano 2005, l’allora presidente degli USA, George W. Bush autorizzava la CIA a supervisionare e finanziare la creazione di una quinta colonna in Siria, capace di creare le strutture necessarie per organizzare un movimento insurrezionale, capace di sfruttare lo storico stato di conflitto tra i sunniti e gli alawiti che esercitano un’ influenza maggiore nel governo di Bashar Al-Assad.

Per questo motivo, quando a Homs, nel marzo del 2011, sono iniziate le prime manifestazioni pacifiche dell’opposizione, immediatamente a Damasco e Aleppo, gli uomini della quinta colonna realizzavano dei mortali attentati con l’obiettivo di evitare l’apertura di un dialogo sulle riforme politiche ed economiche proposte dal governo.

Il moltiplicarsi degli attentati contro i civili, l’esecuzione selettiva di alti funzionari, amministratori, intellettuali e militari legati al governo, associato al lavoro poco informativo dell’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR) di Rami Abdul Rahman (finanziato con i fondi segreti del Dipartimento di Stato), le manipolazioni e i falsi delle televisioni arabe Al Jazeera e Al Arabia, insieme all’assoluta parzialità dei media statunitensi ed europei, hanno determinato l’isolamento politico del governo siriano a livello internazionale, oltre a dire che gli storici equilibri politici e religiosi del governo siriano erano stati definitivamente rotti di modo che l’unica soluzione era liquidare Bashar Al-Assad e le forze che lo sostenevano.

In questo modo, USA, Francia, Inghilterra, Germania, Italia, Olanda e Israele, seguiti dai paesi sunniti del Medio Oriente (Turchia, Arabia saudita, Qatar, Emirati Uniti e Libia) accendevano la miccia della guerra civile contrabbandata come “guerra santa al dittatore”.

Un conflitto, che in realtà, persegue tre obiettivi strategici: 1) eliminare l’ultimo regime laico guidato da un partito socialista pan-arabo, il Baath; 2) dividere la Siria in quattro nuovi e piccoli stati privi di una qualunque importanza strategica, soprattutto nei  confronti di Israele e della Turchia; 3) così facendo le potenze della NATO, e soprattutto Israele, potrebbero finalmente controllare il Libano; 4) per poi iniziare l’accerchiamento militare all’Iran, che, insieme alla Siria e a Gaza, è l’unico paese arabo che si rifiuta di sottomettersi allo strapotere degli USA e di riconoscere lo Stato sionista di Israele.

È quindi abbastanza chiaro perché, con questo scenario politico, tutte le iniziative diplomatiche sono destinate al fallimento. Infatti, quando la Lega Araba incaricò Kofi Annam di riunire tutte le forze dell’opposizione per negoziare una nuova piattaforma politica con i gruppi politici che appoggiavano il governo di Bashar Al-Assad, gli “amici della Siria” (USA, Turchia, Qatar, e Arabia Saudita) sabotarono questa iniziativa appoggiando le provocazioni aeree e terrestri della Turchia lungo la frontiera, poiché l’ESL promuoveva attacchi in grande scala in quasi tutte le città del centro e del centro nord della Siria.

In seguito la Lega Arabe inviò una missione di osservatori internazionali, guidata dal generale sudanese Al Dabi, dopo aver presentato in una conferenza la sua prima relazione fu, praticamente, “cancellata” dai grandi media giacché in questa relazione il generale Al Dabi accusava l’ESL di aver realizzato diversi massacri di civili, che poi l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani aveva dichiarato essere invece stragi dell’esercito regolare di Damasco.

Per ultimo, il segretario generale delle Nazioni Unite, incaricava l’algerino Laskhdar Brahimi di guidare una missione speciale in Siria per verificare gli elementi coinvolti e l’ampiezza del conflitto oltre a registrare le posizioni politiche definite a livello internazionale, poiché la Russia e la Cina per ben tre volte avevano manifestato il loro veto nel Consiglio di Sicurezza, ricevendo l’appoggio di paesi emergenti importanti, tali come l’India, il Brasile, l’Africa del Sud, l’Argentina, il Venezuela e l’Angola.

Infatti, l’obiettivo della missione guidata da Laskhdar Brahimi prevedeva creare un ambiente favorevole per l’apertura di negoziati con la presenza dei gruppi dell’opposizione armata legati al CSN, i gruppi dell’opposizione indipendente e le forze politiche legate al governo. Comunque c’è da dire che il Dipartimento di Stato non manifestò nessun interesse nella missione di Laskhdar Brahimi né tanto meno accettava che le Nazioni Unite ottenessero degli importanti risultati diplomatici. Così, il 10 novembre, i “paesi amici della Siria” hanno organizzato la Conferenza di Doha, nel Qatar, dove il governo francese, quello statunitense e quelli  della NATO, insieme ai governi della Turchia e quelli degli Stati del Golfo, sancivano, unilateralmente che «…l’unico e legittimo rappresentante del popolo siriano era il Consiglio Nazionale Siriano» (il braccio politico dell’ELS controllato dalla CIA).

In questo modo oltre a rigettare qualsiasi tipo di negoziati con le forze che appoggiano il governo di Bashar Al-Assad, “i paesi amici del popolo siriano” screditavano a livello internazionale la missione di Laskhdar Brahimi, oltre a rifiutarsi di riconoscere la rappresentatività politica del Consiglio Democratico Siriano (CDS) in cui, tra gli altri, partecipano i partiti dei curdi-siriani, i differenti gruppi cristiani e i drusi.

Nonostante ciò, Laskhdar Brahimi non si è arreso e ha continuato la sua missione incontrando anche il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, e quello cinese, Hong Lei, giacché la Russia e la Cina, subito dopo il fallimento del copri-fuoco del 26 ottobre, suggerivano che il testo finale della risoluzione per il Consiglio di Sicurezza avesse come base le risoluzioni della riunione di Zurigo in cui si proponeva di chiamare ai negoziati anche i paesi della regione per rendere effettiva la vigenza del coprifuoco e l’attivazione di un reale processo di pacificazione.

Ahmet Davutoglu, il ministro degli esteri della Turchia – che con Benjamin Netanyahu, è il principale “cane da guardia” della strategia statunitense per il Medio Oriente – s’incaricava di rispondere a Laskhdar Brahimi dichiarando tassativamente che «la Turchia non accetterà mai di sedersi al tavolo con i rappresentanti di Bashar Al-Assad e non dialogheremo mai con un regime che uccide il suo popolo».

Peccato che il ministro Ahmet Davutoglu si sia dimenticato di come la Turchia risolse “la questione armena” e di come, oggi, le truppe speciali dell’esercito e i reparti anti-sommossa della polizia di Ankara stanno risolvendo “la questione curda”.

Ci vogliono invadere?

È con questa frase che il vice-presidente della Siria, Qadri Jamil, ha qualificato le minacce del presidente Barak Obama sottolineando che «gli USA vogliono sfruttare la favola delle armi chimiche montate sui razzi dei nostri caccia-bombardieri per giustificare l’invasione della Siria».

Infatti, persino la TV CNN ha dovuto rivedere la sua nota parzialità ricordando che fu grazie alla favola «dell’imminente uso delle armi chimiche da parte dell’esercito iracheno contro la popolazione civile fu così che il  presidente George W. Bush riuscì a ingannare l’opinione pubblica e lo stesso Segretario Generale iniziando l’invasione dell’Iraq e in seguito la distruzione del regime di Saddam Hussein».

Qadri Jamil, ha ricordato al ministro degli  esteri della Russia, Serghiei Lavrov, che il governo siriano accetta di negoziare anche un eventuale allontanamento del presidente Bashar Al-Assad che «però questo deve essere deciso attraverso un negoziato qualificato e con la partecipazione di tutte le  componenti politiche siriane dell’opposizione, degli indipendenti e di quelli che appoggiano il governo. Un negoziato che deve essere fatto per pacificare la Siria e non per dividerla. Non possiamo accettare di negoziare con la minaccia delle armi. Per questo le risoluzioni della Conferenza di Doha, in realtà equivalgono a una pura e  semplice dichiarazione di guerra contro la Siria».

In questo contesto, se si considera che l’esercito ribelle dell’ESL non è ancora riuscito a disarticolare l’esercito di Damasco e ciò rafforza l’ostinata resistenza del presidente Bashar Al-Assad e delle forze che lo sostengono, in Siria può succedere veramente di tutto. Per esempio, può capitare che nella periferia di Aleppo qualcuno spari “evidentemente per errore” il razzo del suo RPG7 colpendo i magazzini della fabbrica chimica che produce il cloro, recentemente occupata dagli uomini dell’ELS, la cui esplosione provocherebbe la morte di tutti quelli che vivono nei pressi della fabbrica fino a un chilometro di distanza. In questo caso, il Comando Unificato dell’ELS non si dichiarerà responsabile dell’accaduto, ma trasmetterà a Londra, all’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani e alla Tv Al Jazera che «l’esercito di Damasco ha bombardato Aleppo con  bombe al cloro provocando migliaia di  morti». Una notizia che gli uomini del Pentagono e della NATO aspettano da mesi per fare lo stesso che fecero in Libia.

Per evitare che questo tragedia si realizzi per la terza volta, il presidente della Siria, Bashar Al-Assad ha immediatamente avvisato il Segretario Generale dell’ONU affermando che «il governo siriano non userà mai le armi chimiche contra il suo popolo».

*Giornalista italiano, corrispondente in Italia del periodico “Brasil de Fato” e editore del programma TV “Quadrante Informativo”.

(VIDEO) Chávez rinnova il suo sostegno al legittimo governo siriano

Caracas, conferenza stampa del 9 ottobre 2012

“Bene, come possiamo non appoggiare il governo di Bashar Al-Assad!? Se il governo della Siria è legittimo, come non appoggiarlo? Chi dobbiamo appoggiare allora? I terroristi!? Quelli che chiamano Consiglio di transizione, vanno ammazzando la gente dappertutto, e non capisco come possano alcuni governi europei, che si dicono seri, ricevere certa gente e riunirsi con i terroristi, mentre disconoscono il legittimo governo di un paese, e per questo noi continueremo ad appoggiare l’unico e legittimo governo della Siria, caldeggiando la pace in Siria e la pace nel mondo.

Il presidente Bashar Al Assad ha fatto uno sforzo gigantesco per fare concessioni e riforme costituzionali, ha indetto elezioni, ma non serve a nulla, perché l’obiettivo di alcune potenze esterne, alleate con i terroristi, è di abbatterlo ed eliminarlo, come hanno fatto con Gheddafi.

Questa è la geopolitica imperiale  e se guardiamo la cartina possiamo vedere ciò che significa la Libia nel centro nord dell’Africa: gradi riserve di petrolio, grandi riserve di acqua, senza considerare il compito che stava svolgendo la Libia per l’integrazione dell’Africa.

Qualcuno ha studiato quello che ha fatto il governo libico di Muammar Gaddafi per i paesi più poveri dell’Africa? Qualcuno lo ha mai studiato la storia della Libia moderna? Qualcuno sa qual era il livello sociale di vita del popolo libico? Vi invito a studiarlo.

Mi ricordo del mio viaggio a Tripoli, andavamo in giro… e il viaggio a Damasco in giro in macchina con il presidente Bashar, che guidava andavamo in giro, kilometri e kilometri…io al suo lato, in macchina con sua moglie e Nicolas (il primo ministro venezuelano)”.

La nazione assassina

Obama: premio nobel per la pace o serial killer?

Obama: premio nobel per la pace o serial killer?

di Manuel E. Yepe
Fonte: Cubadebate

Un saggio con questo titolo pubblicato in Counterpunch considera sorprendente il riconoscimento ufficiale e la trasparenza con le quali è stato reso pubblico che gli Stati Uniti hanno, da oltre mezzo secolo, un programma di omicidi mirati che coincide ora con una visibilità senza precedenti dell’uso di aerei da guerra telecomandati in diverse parti del pianeta.

L’idea che esista una lista di persone da uccidere al più alto livello del potere esecutivo degli Stati Uniti ha dato alla questione una forte copertura mediatica che ha generato preoccupazioni anche in alcuni settori del “potere invisibile”.

Il Washington Post ha evidenziato in un editoriale che “nessun governo dipendeva in modo così estensivo dall’omicidio mirato per promuovere gli obiettivi della sicurezza nazionale come l’attuale”. Nel frattempo, il New York Times ha descritto come “senza precedenti nella storia il ruolo presidenziale di Obama come supervisore di questa guerra nell’ombra…”.

L’ex presidente Jimmy Carter, in un articolo pubblicato su The New York Times, ha insistito che “nessuno sa quante centinaia di civili innocenti sono morti in questi attacchi (con droni), ognuno dei quali approvato dalle più alte autorità di Washington. Ciò è qualcosa che prima era impensabile”.

Ma il fatto è che questi omicidi e gli omicidi mirati a distanza con l’approvazione presidenziale, si sono svolti in segreto da almeno mezzo secolo. L’unica cosa nuova è che le recenti rivelazioni sulle liste di persone da uccidere e l’omicidio con l’uso di droni sono realizzate in maniera pubblica e aperta.

“Coloro che sono preoccupati per le recenti rivelazioni sulle liste di Obama di persone da uccidere, dovrebbero essere informate, in una prospettiva storica, su quante persone ha ucciso il nostro paese nel mondo”, ha detto Noble.

L’autore passa in rassegna i cinquanta anni di massacri e omicidi degli Stati Uniti in tre parti. La prima descrive la storia del letale programma Phoenix (Phoenix, in inglese) contro il Vietnam, che egli definisce come la fonte originale di strategie e tattiche terroristiche messe in atto dagli Stati Uniti. La seconda è relativa alle liste più conosciute di persone da uccidere in America Latina, e le meno pubblicizzate di paesi in altri continenti. La terza tratta della risurrezione del programma Phoenix in Iraq, Afghanistan e un numero crescente di paesi con i quali “non siamo in guerra”.

Phoenix è un programma altamente segreto, sviluppato nel 1967 dalla CIA in Vietnam, al fine di “neutralizzare” l’infrastruttura Vietcong uccidendo civili sudvietnamiti sospettati di sostenere i soldati del Vietnam del Nord e Viet Cong.

Anche se l’allora direttore della CIA William Colby ha detto al Congresso nel 1971 che “Phoenix non è un programma di omicidio”, ha ammesso in seguito che le operazioni di Phoenix hanno ucciso 20.000 persone tra il 1967 e il 1972. Il massacro di My Lai era solo un’operazione tra le altre del programma Phoenix.

Con altri dati e argomenti, Doug Noble descrive l’impatto che questo programma ha avuto in America Latina. La comunità dell’intelligence americana ha adattato Phoenix al Sud America attraverso un progetto top-secret.

I metodi e le tecniche di Phoenix sono state usate nell’Operazione Condor, responsabile dell’uccisione di centinaia di migliaia di patrioti americani. Le organizzazioni criminali provenienti da quasi tutti i paesi della regione sono servite a Phoenix per la raccolta e lo scambio di informazioni e collaborazione nella repressione delle lotte e degli ideali in contrasto con l’egemonia degli Stati Uniti nel subcontinente.

Durante l’amministrazione Carter, gli Stati Uniti hanno sospeso il Progetto ipotizzando violazioni dei diritti umani, ma ben presto l’Amministrazione Reagan la riabilitò.

“Il programma di assassinio con l’utilizzo di droni negli Stati Uniti è saltato fuori dal cassetto. Noi, che per anni abbiamo protestato e combattuto contro l’uso illegale, immorale e strategicamente controproducente di droni, contro l’attitudine schizofrenica di uccidere a distanza, contro il terrore che genera un attacco di droni e l’inevitabile (o intenzionale) assassinio di numerosi civili ‘sospettati di terrorismo’, ora, denunciamo la proliferazione di droni in tutto il mondo ed il loro utilizzo da parte della polizia e delle pattuglie di frontiera per il servizio di vigilanza con obiettivi apparentemente non letali”, ha dichiarato Doug Noble, un attivista contro la guerra residente a New York nella città di Rochester.
Il programma Phoenix è diventato globale, contribuendo a proclamare gli Stati Uniti d’America autentica nazione killer.

[trad. dal castigliano di Ciro Brescia]

Il terrorismo anti-siriano e i suoi collegamenti internazionali

(En francais: Le terrorisme anti-syrien et ses connexions internationales)

http://www.comunistiuniti.it

Fin dall’inizio della “primavera” siriana, il governo di Damasco ha affermato di essere in guerra contro bande di terroristi. La maggior parte dei media occidentali denunciano questa tesi come propaganda di Stato, che serve per giustificare la repressione contro i movimenti di protesta. Se è evidente che questa tesi viene calata come sacrosanta dallo Stato baathista, che ha una reputazione di poca tolleranza verso i movimenti di opposizione che sfuggono al suo controllo, va detto comunque che non è falsa. Effettivamente, molteplici elementi senza ombra di dubbio accreditano la tesi del governo siriano.

In primo luogo, esiste il fattore della laicità.
La Siria è in questo caso l’ultimo Stato arabo laico.(1) Le minoranze religiose godono dei medesimi diritti della maggioranza musulmana. Per certe frange religiose sunnite, campioni dell’idea della guerra contro l’«Altro», chiunque egli sia, la laicità araba e l’uguaglianza inter-religiosa, incompatibili con la sharia (legge islamica), costituiscono una offesa contro l’Islam e rendono lo Stato siriano più detestabile di un’Europa «atea» o «cristiana». Ora, la Siria ha almeno dieci diverse chiese cristiane, con sunniti che sono Arabi, Curdi, Circassi o Turcomanni, con cristiani non arabi come gli Armeni, gli Assiri o i Levantini, con musulmani sincretisti e quindi non classificabili, come gli Alawiti e i Drusi. Pertanto, il compito di mantenere salda questa struttura etnico-religiosa fragile e complessa si dimostra così difficile, che solo un regime laico, solido e necessariamente autoritario può assolverlo.

Poi, esiste il fattore confessionale.
In ragione dell’origine del presidente Bachar El-Assad, il regime siriano è indebitamente descritto come «alawita». Questa definizione è totalmente falsa, diffamatoria, settaria, vale a dire razzista. Innanzitutto è falsa, perché lo stato maggiore, la polizia politica, i diversi servizi di informazione, i membri del governo sono nella grande maggioranza sunniti, come pure una parte non trascurabile della borghesia. I nostri media, per fare sensazione, non mancano di sottolineare l’origine sunnita della signora Asma al-Assad, moglie del presidente, con lo scopo di demonizzarla. Ma evitano deliberatamente di citare la vice-presidente della Repubblica araba di Siria, la signora Najah Al Attar, la prima ed unica donna araba al mondo ad occupare una carica così elevata. La signora Al Attar non è soltanto di origine sunnita, ma è anche la sorella di uno dei dirigenti in esilio dei Fratelli Musulmani, esempio emblematico del paradosso siriano.

In realtà, l’apparato statale baathista è il riflesso quasi perfetto della diversità etnico-religiosa che prevale in Siria. Il mito a proposito della «dittatura alawita» è talmente grottesco, che perfino il Gran Mufti sunnita, lo sceicco Bedreddine Hassoune, ed ancora il comandante della polizia politica Ali Mamlouk, anch’egli di confessione sunnita, sono a volte classificati come alawiti dalla stampa internazionale. (2) La cosa più strabiliante è che questa stampa medesima porta acqua al mulino di certi mezzi di informazione siriani salafiti (sunniti ultra-ortodossi), che diffondono la menzogna secondo cui il paese sarebbe stato usurpato dagli alawiti, che, secondo loro, sarebbero agenti sciiti. Questi stessi salafiti accusano gli sciiti di essere negazionisti (Rawafid, Sciiti estremisti eretici che maledicono i Compagni), perché rifiutano, tra le altre cose, la legittimità del Califfato, vale a dire del governo sunnita delle origini dell’Islam.

Tuttavia, da un lato, vi sono notevoli differenze tra alawiti e sciiti, sia sul piano teologico che nelle pratiche religiose. Nello specifico, la deificazione di Ali (nipote di Maometto), la dottrina trinitaria, la credenza nella metempsicosi ed inoltre il rifiuto della sharia da parte degli alawiti sono fonti di critiche da parte dei teologi sciiti, che non mancano mai di accusarli di estremismo (ghulat). D’altro canto, se esiste una religione di stato in Siria, questa è l’Islam sunnita di rito hanafita, rappresentato fra gli altri dallo sceicco Muhammad Saïd Ramadan Al Bouti e dal Gran Mufti della Repubblica, lo sceicco Badreddine Hassoune, i cui saggi discorsi contrastano con gli appelli all’omicidio e all’odio degli sceicchi wahhabiti. Ma tutto questo non importa. Per spiegare l’alleanza contro gli Stati Uniti e contro il sionismo formata dall’asse Damasco – Teheran – Hezbollah, la stampa e i mezzi di informazione agli ordini dei sunniti ultra-conservatori ripetono in coro che la Siria è sotto il dominio degli alawiti, che costituirebbero una «setta sciita». Visto che la Siria riceve l’appoggio della Cina, della Russia, del Venezuela, di Cuba, del Nicaragua e finanche della Bolivia, logicamente bisognerebbe concludere che Hu Jintao, Putin, Chavez, Castro, Ortega e Morales sono essi stessi degli alawiti, o almeno dei cripto-sciiti!

Per terzo, esiste il fattore nazionalista.
Conviene ricordare che per i salafiti la Siria proprio non esiste. Questo nome sarebbe, come quello dell’Iraq, una fabbricazione degli atei. Nel loro gergo ispirato dal Corano, l’Iraq si chiama Bilad al Rafidaïn (la terra dei due Fiumi) e la Siria, Bilad al-Cham (la terra di Cam). Colui che adotta l’ideologia nazionalista, e si consacra alla liberazione del proprio paese, commette un peccato di associazione (shirk). Egli viola il principio del tawhid, l’unicità divina, e per questo merita la morte. Per questi fanatici, la sola lotta approvata da Allah è la jihad, la guerra definita «santa», scatenata nel nome di Allah con l’obiettivo di estendere l’Islam. In quanto corollario del nazionalismo arabo, il pan-arabismo, questa idea progressista di unità e di solidarietà inter-araba, è a fortiori un sacrilegio, in quanto mina il concetto di «Umma», la madre patria musulmana.

Come ha ricordato di recente il presidente Bachar El-Assad in un’intervista accordata al giornale Sunday Telegraph, la lotta che si sta scatenando attualmente sul suolo siriano vede opposte due correnti inconciliabili fra loro: il pan-arabismo e il pan-islamismo (3). Questo conflitto originale introduce un fattore storico, su cui si fonda la minaccia terroristica in Siria. Dal 1963, la Siria baathista conduce in realtà una vera e propria guerra contro i movimenti jihadisti. L’esercito governativo e i Fratelli Musulmani si sono affrontati in numerosi scontri che si sono tutti risolti con la vittoria del potere siriano. Queste vittorie sono state strappate al prezzo di molte vittime, l’esercito non ha esitato a seminare il terrore per raggiungere i suoi scopi. Nel 1982, l’esercito di Hafiz al-Assad ha martellato interi quartieri della città di Hama per superare la resistenza jihadista, massacrando senza distinzione militanti e civili innocenti. Ci sono stati almeno 10 mila morti causati dai bombardamenti e negli scontri per le strade. Si sono susseguite delle vere e proprie cacce all’uomo lanciate contro i Fratelli Musulmani siriani attraverso tutto il paese, costringendoli all’esilio. Comunque, la repressione non è ancora riuscita a sradicare la tradizione guerriera e nemmeno lo spirito di vendetta degli jihadisti siriani.
Ora, analizziamo paese per paese quali sono i movimenti terroristici che le truppe siriane stanno attualmente affrontando.

Il fronte libanese

Nell’aprile 2005, l’Occidente si è rallegrato nel vedere le truppe siriane abbandonare il Libano, dopo 30 anni di presenza ininterrotta. Questo evento era stato attivato dall’attentato che aveva preso di mira l’ex primo ministro libanese-saudita Rafiq Hariri noto per la sua ostilità verso la Siria, attentato immediatamente imputato dall’Europa e dagli Stati Uniti al regime di Damasco, senza la minima prova e prima dell’inizio di una qualsiasi inchiesta. Una «rivoluzione dei Cedri», sostenuta dai laboratori «per i diritti dell’uomo» della CIA, aveva costretto le truppe siriane a lasciare il Libano. Appena i carri armati siriani si erano ritirati, i gruppi salafiti sono riemersi, sguainando le loro spade e la loro predicazione settaria. Questi movimenti si sono insediati nel nord del Libano, dalle parti di Tripoli di maggioranza sunnita, e poi, via via, nei campi palestinesi del Libano, profittando delle divisioni politiche e della debolezza militare delle organizzazioni palestinesi, così come della politica di non-intervento dell’esercito libanese in questi campi.

Tra il 2005 e il 2010, i gruppi jihadisti hanno condotto la guerra contro tutti i sostenitori veri o presunti del regime di Bashar al-Assad, come le popolazioni sciite, alawite o i militanti di Hezbollah. Alcuni di questi movimenti sono arrivati a varcare il confine siro-libanese per bersagliare le truppe del potere baathista sul loro stesso territorio. L’attivismo anti-siriano dei gruppi salafiti libanesi armati ha conosciuto una recrudescenza con l’inizio della crisi siriana del 2011. Comunque, queste formazioni sono state soppiantate da movimenti salafiti non combattenti. Il 4 marzo 2012, circa duemila salafiti guidati da Ahmad Al Assir, un predicatore della città di Saïda (Sidone) divenuto la stella in ascesa del sunnismo libanese, sfilavano a Beirut per protestare contro il regime di Bashar al-Assad. Dietro un imponente cordone di sicurezza composto da poliziotti e militari, alcune centinaia di contro-manifestanti del partito Baath libanese protestavano contro la parata.

Da Aarida a Naqoura, tutto il Libano ha trattenuto il respiro. E il suo cuore si stringe ogni volta che spari risuonano dai quartieri di Tripoli di Bab Tebbaneh e Jebel Mohsen. Dal momento che in questo paese la linea di frattura politica è prevalentemente confessionale, con una maggioranza sunnita anti-Assad e una maggioranza sciita pro-Assad, ed inoltre con i cristiani divisi che si ritrovano nei due campi, l’assillo della guerra civile è onnipresente. Ma il governo di unità nazionale cerca di calmare le acque e di garantire la neutralità rispetto al conflitto siriano. Per questo, certi gruppi salafiti non perdono nemmeno un’occasione per seminare il caos in questi due paesi geograficamente inter-dipendenti e complementari. Ecco una breve descrizione di alcuni di questi movimenti settari attivi in Libano, che minacciano la Siria da molti anni.

Gruppo di Sir El-Dinniyeh

Questo movimento sunnita, diretto fra il 1995 e il 1999 da Bassam Ahmad Kanj, un veterano delle guerre in Afghanistan e in Bosnia, è apparso in seguito alle lotte fra differenti correnti islamiche tendenti a controllare le moschee di Tripoli. Nel gennaio 2000, il gruppo di Dinniyeh ha tentato di creare un mini-Stato islamico nel Nord del Libano. I miliziani hanno assunto il controllo dei villaggi del distretto di Dinniyeh, ad est di Tripoli. 13.000 soldati libanesi sono stati inviati per domare questa ribellione jihadista. I sopravvissuti all’attacco si sono trincerati nel campo palestinese di Ayn el Hilwe, nel Libano meridionale. Dopo il ritiro delle truppe siriane, nell’aprile 2005, i combattenti del gruppo di Dinniyeh sono tornati a Tripoli, dove esistevano ancora delle cellule clandestine. Lo stesso anno, il Ministro degli Interni libanese ad interim, Ahmed Fatfat, che è appunto originario di Sir El-Dinniyeh e che, per altro, ha la cittadinanza belga, si è battuto per la liberazione dei prigionieri del gruppo di Dinniyeh, e questo con lo scopo di ottenere l’appoggio politico dei gruppi sunniti e salafiti del Nord del Libano.

Fatah al Islam

Movimento sunnita radicale del Nord del Libano. Fatah al Islam ha letteralmente occupato la città di Tripoli con la complicità di Saad Hariri e del suo partito, la Corrente del Futuro. Hariri voleva servirsi di questi sunniti radicali per contrastare gli Hezbollah sciiti libanesi e il governo siriano. Tra gli alleati di Hariri, il gruppo chiamato «Fatah el Islam», dissidente del movimento nazionale palestinese, ha assunto il controllo del campo di Nahr El Bared. Questo movimento terrorista ha assassinato 137 soldati libanesi in maniera brutale, soprattutto durante riti satanici che si concludevano con decapitazioni. Il 13 febbraio 2007, Fatah el Islam ha fatto saltare in aria due autobus nel quartiere cristiano di Alaq-Bikfaya. Dal maggio al settembre 2007, l’esercito libanese poneva l’assedio al campo palestinese di Nahr el Bared, dove i combattenti jihadisti si erano rintanati, e solo dopo intensi combattimenti degni dell’operazione siriana di Baba Amro riusciva a neutralizzarli.

Non meno di 30.000 Palestinesi sono fuggiti dai combattimenti. Per quanto riguarda il campo di Nahr el Bared, venne ridotto in macerie.Pochi mesi dopo, Fatah al Islam veniva coinvolto in un attentato mortale che scuoteva Damasco. Infatti, il 27 settembre 2008, il santuario sciita di Sayda Zainab a Damasco diventava l’obiettivo di un attacco suicida che uccideva 17 pellegrini. Fatah Al Islam è spesso citato quando scoppiano combattimenti a Tripoli tra il quartiere sunnita di Bab Tabbaneh e il quartiere alawita di Djébel Mohsen.

Jounoud Al Cham (I soldati del Levante)

Movimento radicale sunnita nel sud del Libano, dalle origini diverse.Alcuni dei suoi membri sarebbero arrivati dal gruppo di Dinniyeh, mentre altri sarebbero veterani dell’Afghanistan, avendo combattuto sotto il comando di Abou Moussab Al Zarqawi. La maggior parte dei suoi combattenti sarebbero Palestinesi «takfiri», vale a dire in conflitto contro le altre religioni e i non credenti. Jounoud Al Cham sarebbe responsabile di un attentato nel 2004 a Beirut, che ha ucciso un dirigente di Hezbollah. Per diversi anni, il gruppo ha cercato di assumere il controllo del campo palestinese di Ain el Hilwe situato vicino alla città di Sidone. Nel 2005, il gruppo fa parlare di sé per le sue scaramucce quotidiane con l’esercito siriano. Jounoud al-Sham si trova sulla lista delle organizzazioni terroristiche pubblicata dalla Russia. Tuttavia, non si trova sulla lista delle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. (4)

Ousbat Al Ansar (la Lega dei partigiani)

Presente sulla lista delle organizzazioni terroristiche, Ousbat al-Ansar si batte per «istituire in Libano uno Stato sunnita radicale». Noto per le sue spedizioni punitive contro tutti i musulmani «devianti», Ousbat al-Ansar ha fatto assassinare personalità sunnite come lo sceicco Nizar Halabi. Per lo stesso motivo, ha fatto saltare in aria strutture pubbliche giudicate empie: teatri, ristoranti, discoteche…Nel gennaio 2000, ha attaccato a colpi di razzi l’ambasciata russa a Beirut.Erede del gruppo di Dinniyeh, questa formazione si infiltra nel campo palestinese di Ain el Hilwe nel Libano meridionale. Quando, nel settembre 2002, ho visitato i campi palestinesi del Libano, l’inquietudine dei resistenti palestinesi era palpabile. Molti di loro erano stati uccisi durante i tentativi di assunzione del controllo dei campi da parte di questo gruppo, considerato essere vicino ad Al Qaeda. Nel 2003, quasi 200 membri di Ousbat Al Ansar hanno attaccato le sedi di Fatah, il movimento palestinese di Yasser Arafat, causando la morte di otto persone, di cui sei membri di Fatah.

Il mito dell’Esercito Libero Siriano (ELS)

Bisogna riconoscerlo: i cacciatori di dittatori che popolano le redazioni delle grandi testate giornalistiche sono diventati abilissimi nell’arte del camuffamento, quando si tratta di presentare i «resistenti» che servono gli interessi del loro campo. Nei panni di veri chirurghi estetici, trasformano l’Esercito Libero Siriano (ELS) in un movimento di resistenza democratica di bravi e simpatici militanti, composto da disertori umanitari disgustati dalle atrocità commesse dall’esercito regolare siriano. Non c’è dubbio alcuno che l’esercito del regime baathista non va tanto per il sottile, e commette imperdonabili abusi contro i civili, che costoro siano terroristi, manifestanti pacifisti o semplici cittadini presi fra due fuochi. A questo riguardo, gli importanti mezzi di comunicazione ci bombardano fino alla nausea dei crimini imputabili alle truppe siriane, qualche volta a ragione, ma più spesso a torto. Perché, in termini di crudeltà, l’ELS non si comporta veramente meglio. Solo qualche raro giornalista, come l’olandese Jan Eikelboom, osa mostrare il rovescio della medaglia, quello di un ELS sadico e ignominioso.

Anche la corrispondente a Beirut di Spiegel, Ulrike Putz, scalfisce la reputazione dell’ELS. In un’intervista pubblicata sul sito web del settimanale tedesco, Ulrike Putz ha evidenziato l’esistenza di una «brigata di becchini» incaricati dell’esecuzione dei nemici della loro sinistra rivoluzione a Baba Amr, il quartiere di Homs, insorto e poi ripreso dall’esercito siriano.(5) Un massacratore intervistato da Der Spiegel attribuisce alla sua brigata di beccamorti da 200 a 250 esecuzioni, quasi il 3% del bilancio complessivo delle vittime della guerra civile siriana dello scorso anno. Per quanto riguarda le agenzie umanitarie, è stato necessario attendere la data fatidica del 20 marzo 2012 perché un’eminente Organizzazione Non Governativa, vale a dire Human Rights Watch, la cui denominazione tradotta significa esattamente «Sentinella dei Diritti Umani», finalmente riconoscesse le torture, le esecuzioni e le mutilazioni commesse dai gruppi armati che si oppongono al regime siriano. Dopo 11 mesi di terrorismo degli insorti … Alla buon’ora dell’infallibile «sentinella»! «Sah Al Naum», come si dice in arabo a qualcuno che si risveglia. Passiamo ad altre informazioni, che vanno ad intaccare ancor di più la reputazione di questo Esercito libero siriano e dei suoi sostenitori atlantisti.

Secondo fonti militari e diplomatiche, l’ELS, questo esercito di cosiddetti «disertori», sarebbe carente di effettivi militari. Per ovviare a questa carenza di combattenti, l’ELS arruolerebbe dei salafiti, senza andare tanto per il sottile. Questo è il caso del battaglione dell’ELS «Al Farouq», che si è reso celebre per i suoi rapimenti di ingegneri civili e di pellegrini iraniani, per i suoi metodi di tortura e per le sue esecuzioni sommarie. La difficoltà di reclutare soldati di leva provenienti dall’esercito regolare è dopo tutto abbastanza logica, dato che un disertore è per definizione un uomo che abbandona il combattimento. Disertare significa abbandonare la guerra. Nel caso siriano, numerosi disertori abbandonano il paese e si costituiscono come rifugiati. La propaganda di guerra occidentale afferma che se costoro abbandonano l’esercito o non rispondono alla chiamata alle armi, questo avviene perché si rifiutano di uccidere manifestanti pacifici. In realtà, queste giovani reclute temono tanto di ammazzare quanto di venire ammazzate. Essi devono affrontare un nemico invisibile, rotto alle tecniche della guerriglia, che spara alla cieca indifferentemente contro i favorevoli o i contrari al regime, e che non esita a liquidare i suoi prigionieri secondo un sordido rituale di decapitazioni e smembramenti.

Il terrore che ispirano questi gruppi armati dissuade legittimamente numerosi giovani dal rischiare la loro vita circolando in uniforme. Ecco che allora fanno la scelta di abbandonare l’esercito regolare e il paese.Per esempio, i disertori Curdi siriani si rifugiano nella regione autonoma del Kurdistan iracheno. Soprattutto a Erbil, in un quartiere popolato da Curdi siriani, che per questo è stato soprannominato «la piccola Qamishli». [Qamishli è una città della Siria, a maggioranza curda e assira, N.d.T.] Altri raggiungono i campi di rifugiati in Iraq, Libano, Turchia o Giordania. Il termine «disertore», che serve a designare i militari che hanno fatto diserzione per raggiungere il campo avverso e sparare contro i loro vecchi camerati, risulta dunque inappropriato in questo caso. Sarebbe più corretto definire «transfughi» questi rifugiati. Ecco un’analisi di Maghreb Intelligence, un’agenzia che non può essere sospettata di collusione con il regime di Damasco, e che sostiene la tesi della smobilitazione dei giovani di leva, della debolezza dell’ELS e della presenza di salafiti armati presenti negli scontri:

«Secondo un rapporto proveniente da una ambasciata europea a Damasco e corroborato da inchieste condotte da centri ricerca francesi alla frontiera turca, l’Esercito Libero Siriano – ELS – nel suo complesso non conterebbe più di 3000 combattenti. Costoro sono per la maggior parte armati di fucili da caccia, diKalachnikov e di mortai di fabbricazione cinese provenienti dall’Iraq e dal Libano. Secondo questo documento, l’ELS non è stata in grado di arruolare la maggioranza dei ventimila militari che avrebbero disertato dall’esercito di Bachar Al Assad. D’altro canto, l’ELS è particolarmente presente nei campi di rifugiati insediatisi sul territorio della Turchia. A Hama, Deraa e Idlib, sono soprattutto gruppi armati salafiti che si contrappongono all’esercito siriano. Questi salafiti, particolarmente violenti e determinati, provengono per la maggior parte dai movimenti sunniti radicali attivi in Libano.»(6)

Oltre ad essere spietato, infiltrato da gruppi settari e in carenza di effettivi, l’Esercito Libero Siriano è disorganizzato. Non presenta una direzione centrale ed unificata.(7) Numerose indicazioni, tra cui importanti sequestri di armi condotti presso diversi posti di frontiera del paese, dimostrano che l’ELS riceve armi dall’estero e questo, sin dall’inizio della rivolta, veniva smentito dall’ELS, prima di arrivare a chiedere apertamente un intervento militare straniero sotto forma di bombardamenti, di supporto logistico, o la creazione di zone cuscinetto. Allo scoppio dell’insurrezione, il gruppo dissidente armato, ovviamente, non voleva fornire l’immagine di una quinta colonna che agisce per conto di forze straniere, nemmeno compromettere i suoi generosi mecenati, che comunque si possono indovinare. Ci si dovrà ricordare che nel documentario di propaganda anti-Bashar realizzato da Sofia Amara, dal titolo «Siria: Permesso di uccidere», e diffuso dalla catena televisiva franco-tedesca Arte nell’ottobre 2011, un soldato dell’ELS stava per rivelare i suoi rifornitori stranieri, quando un suo superiore gli intimava di tacere.

Il fronte giordano

La fedeltà della monarchia hashemita a Washington e a Tel Aviv è ormai un luogo comune.Per soddisfare i suoi alleati, la Giordania è stata anche il primo regime arabo ad invitare Bashar el-Assad ad abbandonare il potere.Il 22 febbraio 2012, il corrispondente de Le Figaro, Georges Malbrunot, rivelava che la Giordania aveva acquistato dalla Germania quattro batterie anti-missili Patriot usamericani «per proteggere Israele contro possibili attacchi aerei condotti dalla Siria.»(8) Questi missili sarebbero stati installati ad Irbid, non lontano dal confine siriano. Già nel 1981, questa Monarchia, sicura alleata degli Stati Uniti, aveva consentito all’aviazione da guerra di Israele di violare il suo spazio aereo per andare a bombardare il reattore nucleare iracheno di Osirak.

In politica interna, la Giordania non mostra un atteggiamento più progressista. Anzi, per decenni, Amman ha incoraggiato i Fratelli musulmani secondo un calcolo politico motivato dal desiderio di sradicare il nemico principale, vale a dire l’opposizione laica di sinistra (comunista, baathista e nasseriana). Secondo M.Abdel Latif Arabiyat, ex ministro ed ex portavoce del Parlamento giordano:«I Fratelli musulmani non rappresentano un’organizzazione rivoluzionaria, ma esaltano la stabilità. Con l’ascesa al potere dei partiti nazionalisti e di sinistra, noi abbiamo stipulato un’alleanza informale con le autorità»(9).

Nel 1970, i Fratelli musulmani si sono schierati con la Monarchia quando il re Hussein ordinava l’annientamento dei Fédayins palestinesi. La Fratellanza musulmana non ha detto una parola di fronte al massacro del «Settembre Nero», in cui furono massacrati circa 20 mila Palestinesi. Da questa strategia di manipolazione dei Fratelli musulmani in Giordania, in ultima analisi, sono costoro a risultare i vincitori, visto che attualmente costituiscono il principale movimento di opposizione nel paese. Per il Regno hashemita, i Fratelli musulmani rappresentavano un male minore rispetto sia alla sinistra, ma anche in relazione ai movimenti jihadisti. Questo matrimonio di interesse non è durato per tanto tempo. E alla fine, la Monarchia si è vista costretta a reprimere un movimento diventato troppo potente. Nel frattempo, la Giordania ha subito diversi attentati terroristici. Nel 2005, sono alcuni alberghi della capitale Amman ad essere presi di mira da gruppi salafiti. Abou Moussab Al Zarqawi, l’ex capo di Al Qaïda in Iraq, lui stesso è originario di Zarqa, una città giordana situata a nord-est di Amman.

La rivolta contro il regime siriano è scoppiata a Deraa, una città del sud della Siria vicina al confine con la Giordania, ed ha risvegliato gli appetiti di conquista delle fazioni jihadiste di base in Giordania, che si erano ben moderate in seguito alle numerose perdite subite all’interno dei ranghi di Al Qaïda. Fra le altre, troviamo la Brigata Tawhid, una piccola formazione armata jihadista formata da parecchie decine di combattenti, in precedenza attivi all’interno di Fatah Al-Islam, che si infiltrano in Siria per attaccare l’esercito governativo. (10) Il portale giordano di informazioni liberal Al Bawaba rivela che la città di confine di Ramtha accoglie mercenari libici pagati dall’Arabia Saudita e dal Qatar. D’altronde, essendo situato tra la Siria e l’Arabia Saudita, il Regno hashemita costituisce un passaggio obbligato per tutti gli jihadisti, gli istruttori e i convogli militari inviati da Riyad.

Il fronte saudita

Sull’esempio del Regno hashemita, la lealtà della dinastia Saud allo Zio Sam non è un segreto per nessuno, e questo dal momento del Patto di Quincy firmato sull’incrociatore americano (il Quincy, da cui il nome del Patto) tra Roosevelt e Saud Bin Abdulaziz nel febbraio del 1945. Questo accordo avrebbe permesso agli Stati Uniti di garantirsi un approvvigionamento energetico senza ostacoli in cambio della protezione del suo vassallo nell’affrontare i loro comuni avversari nella regione, in modo particolare il nazionalismo arabo e l’Iran, di cui alcuni territori erano passati sotto l’influenza sovietica.Allo scoppio della crisi siriana, gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita stavano festeggiando le loro «nozze di gelsomino» per i loro 66 anni di vita insieme, sigillando il più grande contratto di armamenti nella storia: 90 miliardi di dollari, che prevedono la modernizzazione della marina e dell’aviazione da guerra saudite. Come si può immaginare, lo Stato wahhabita non poteva restava immobile di fronte agli eventi che stanno scuotendo la Siria, un paese faro del nazionalismo arabo ed inoltre amico dell’Iran, nemico giurato dei Sauditi.

Riyad alimenta il terrorismo anti-siriano attraverso diverse modalità: diplomatiche, economiche, religiose, logistiche e, ben s’intende, militari. La Casa di Saud ha sponsorizzato gli jihadisti attivi in Siria, incoraggiandoli attraverso i suoi strumenti di propaganda, e accreditandoli a mettere il paese a ferro e fuoco. Ad esempio, dopo aver autorizzato la jihad in Libia, e aver invocato l’eliminazione di Mouammar Gheddhafi, lo sceicco Saleh Al Luhaydan, una delle più prestigiose autorità giuridiche e fatalmente religiose del paese, si è dichiarato favorevole allo sterminio di un terzo dei Siriani per salvarne gli altri due terzi. Sulla emittente televisiva saudita Al-Arabiya TV, il predicatore Aidh Al-Qarni ha dichiarato che «Ammazzare Bashar è più importante dell’ ammazzare Israeliani!»(11) È sempre da Riyadh, e attraverso la catena relevisiva Wessal TV, che Adnan Al Arour ha lanciato un appello per fare a pezzi gli Alawiti e dare la loro carne ai cani.
Le recenti dichiarazioni cristianofobe dello sceicco Abdul Aziz bin Abdullah, riportate da Arabian Business, sicuramente non giungono a rassicurare i Cristiani di Siria: sulla base di un hadith (narrazione secondo la tradizione orale) che riporta la dichiarazione del profeta Maometto sul letto di morte, «non dovranno esserci due religioni nella penisola arabica», lo sceicco saudita Abdullah, la massima autorità wahhabita al mondo, ne deduce che è necessario distruggere «tutte le chiese presenti nella regione». I Cristiani di Siria, prede dell’odio religioso, trovano in questa affermazione un motivo in più per sostenere Bashar al-Assad.

Molti sono i cittadini siriani ostili al regime di Bashar Assad, che tuttavia si preoccupano del padrinato del loro movimento democratico da parte di una teocrazia, che ancora decapita le donne accusate di stregoneria, che tortura i suoi oppositori politici nelle prigioni, e che non riconosce né un Parlamento né elezioni. Sotto il sole di Riyadh esiste anche Bandar, che non ha bisogno di presentazioni. Il suo ruolo torbido negli attentati di Londra, nel finanziamento di gruppi armati salafiti rivendicato dall’interessato, le sue collusioni con il Mossad, il suo odio verso Hezbollah, verso la Siria e l’Iran fanno del principe saudita Bandar bin Sultan, segretario generale del Consiglio Nazionale per la Sicurezza, un elemento fondamentale del piano per distruggere la Siria laica, multiconfessionale, sovrana e non sottomessa. Non vi è quindi alcun motivo reale per essere sorpresi quando la dittatura saudita si è impegnata ad aiutare il suo vicino e rivale Qatar nel pagare gli stipendi ai mercenari anti-Siriani, in occasione della riunione degli “Amici della Siria” ad Istanbul.

Il fronte del Qatar

Il Qatar è soprattutto una gigantesca base militare degli Stati Uniti, la più grande esistente all’esterno degli Stati Uniti. Ed inoltre, per inciso, è il regno di un piccolo emiro mediocre, falso e avido. Nel suo regno, non c’è Parlamento, nessuna Costituzione, nessun partito, tanto meno le elezioni. Nel 1995, ha organizzato un colpo di Stato contro il suo stesso padre.Appena arrivata al potere, la petromonarchia golpista si lancia in un vasto programma di partenariato economico con Israele, preconizzando in modo speciale la commercializzazione del gas del Qatar verso lo Stato sionista. Nel 2003, l’emiro del Qatar autorizza l’amministrazione Bush a servirsi del suo territorio per scatenare l’aggressione contro l’Iraq. Con il resto della sua famiglia, controlla tutta la vita economica, politica, militare e culturale del paese. La celebre catena televisiva Al Jazeera è il suo giocattolo personale. In poco tempo, ne ha fatto una potente arma di propaganda anti-siriana. Grazie alle notizie false, tendenziose e risibili di Al Jazeera, la CIA e il Mossad possono dedicarsi alle loro vacanze!

Il nome di Sua Maestà: Hamad Ben Khalifa al Thani. La «Primavera araba»? Ne è il principale procacciatore di fondi. Per lui, tutto si compra: lo sport, l’arte, la cultura, la stampa, e perfino la fede. Quindi, potete immaginare, una rivoluzione…! L’anno scorso, l’emiro Hamad ha inviato 5.000 commandos per sostenere la ribellione jihadista contro la Libia, Stato sovrano. Ora, il suo nuovo gioco del casinò è la Siria, e i ribelli di questo paese, gettoni da puntare. Quando questi ultimi hanno subito una battuta d’arresto da parte dell’esercito arabo siriano, l’emiro ha gridato al genocidio. Hamad e la sua cricca, è l’ospedale che si fa beffe della carità. E parlando della carità, egli ha appena assunto un notorio predatore della pace e della democrazia, lo sceicco Al Qardawi, tanto per islamizzare il messaggio dell’emittente televisiva. Ma, malgrado i suoi dollari e le sue campagne di mobilitazione contro la Siria, Al Jazeera è un esercito in rotta. Le colate di disinformazione che si riversano a proposito della Siria dagli studi della catena televisiva hanno determinato le dimissioni dei suoi personaggi più in vista.

Da Wadah Khanfar a Ghassan Ben Jeddo, da Louna Chebel a Eman Ayad, Al Jazeera ha dovuto subire importanti defezioni, che passano inosservate nella stampa occidentale. Nel marzo 2012, anche Ali Hachem e due suoi colleghi hanno abbandonato il bastimento della pirateria informativa del Qatar. Alcune e-mail di Ali Hashem trapelate hanno riguardato misure di censura assunte da Al Jazeera rispetto ad immagini di combattenti contro Bashar, che si infiltravano in Siria dal Libano, in data aprile 2011. Dunque, queste immagini fanno risalire la presenza di un’opposizione armata di natura terroristica agli inizi della cosiddetta «Primavera siriana». La loro pubblicazione avrebbe ridotto a brandelli l’impostura secondo la quale il movimento anti-Bashar non si sarebbe radicalizzato che alla fine dell’anno 2011, una tesi fatta propria da tutte le cancellerie occidentali.Malgrado questi scandali a ripetizione, i «nostri» media continuano a considerare Al Jazeera come una fonte affidabile, e il suo padrone, l’emiro Hamad, come un apostolo della democrazia siriana.

Il fronte iracheno

L’invasione dell’Iraq da parte delle truppe anglo-americane nel marzo 2003 ha svolto un ruolo cruciale nell’aumentare il numero dei jihadisti siriani. I posti di confine come Bou Kamal sono diventati punti di transito per i jihadisti siriani che vanno a combattere contro le forze di occupazione in Iraq. Numerosi sono stati i Siriani che sono accorsi ad ingrossare i ranghi dei battaglioni di Abu Musab al-Zarqawi. Dall’estate del 2011, il processo si è visibilmente invertito dato che ormai sono i miliziani iracheni sunniti ad attraversare la frontiera per andare a combattere contro le truppe siriane.

Al Qaeda

Il ramo iracheno di Al Qaeda denominato «Tanzim al-Jihad fi Bilad Qaidat al-Rafidayn» (Organizzazione della base della Jihad nella Terra dei Due Fiumi) conta molti reclutati provenienti dalla Siria. Si dice che il 13% dei volontari arabi presenti in Iraq erano Siriani.(12) Il terrore da loro scatenato era pari alla loro reputazione. Al Qaeda ha causato tali danni nell’ambito della resistenza sunnita irachena che i resistenti iracheni hanno dovuto rassegnarsi ad aprire un fronte anti-Al Qaeda. Nel 2006, vedeva la luce ad Anbar un Consiglio di emergenza che includeva la maggior parte dei clan e delle tribù della provincia ribelle. Il suo obiettivo era di fare pulizia dei terroristi di Al Qaida presenti nella provincia.(13) A Falloujah e a Qaim, i capi tribali, che inizialmente avevano aperto le braccia alla banda di Zarqawi, sono arrivati al punto da rovesciarle contro le armi. Per aver dichiarato guerra ad Al Qaeda, hanno ricevuto anche il sostegno da parte del governo iracheno.

Il terrore cieco di Al Qaeda ha fortemente neutralizzato la resistenza patriottica irachena. Tutti questi veterani della guerra contro gli Statunitensi, ma anche contro l’Iran, gli sciiti e i patrioti sunniti iracheni hanno trovato una nuova ancora nella guerra contro il regime di Damasco. Dal dicembre 2011 al marzo 2012, le città di Damasco, Aleppo e Deraa sono state bersaglio di numerosi attacchi suicidi o con autobombe, che hanno lasciato sul terreno decine di morti e feriti. Questi attentati sono stati rivendicati da Al Qaeda, o attribuiti all’organizzazione takfirista da parte delle autorità siriane e dagli esperti internazionali in questioni dell’anti-terrorismo, che confermano l’infiltrazione di terroristi provenienti dall’Iraq. [Al Qaeda, come organizzazione takfirista, accusa tutti gli islamici che non la appoggiano di essere apostati punibili con la morte, N.d.T.]

Jabhat Al-Nusra Li-Ahl al-Sham (Fronte di soccorso della popolazione del Levante)

Il 24 gennaio scorso, questa formazione ha annunciato la sua comparsa in vari forum islamici. Ma questa denominazione sembra essere una riduzione del titolo per esteso «Jabhat Al Nusra li Ahl Al Sham min Mujahideen al Sham fi Sahat al Jihad», ossia «Fronte di soccorso della popolazione del Levante dei Moudjahidines di Siria nei luoghi della Jihad». Secondo gli esperti del terrorismo, l’espressione «luoghi della Jihad» suggerisce che i membri di questo gruppo conducono la loro guerra santa su altri fronti come l’Iraq. Questo è anche ciò che viene rivelato dal leader del gruppo, Abu Mohammed al Julani, in un video pubblicato nella metà del mese di marzo. Al Julani significa Golanese, di provenienza dalle alture del Golan, con riferimento esplicito siriano. Come tutti i gruppi terroristici, Jabhat Al Nusra dispone di un organo di stampa: Al Manara al Bayda, il faro bianco.(14) Jabhat Al Nusra riceve l’appoggio di un prestigioso cyber-salafita, denominato Abou Moundhir al Shanqiti. Quest’ultimo ha emesso una fatwa, lanciando un appello a tutti i Musulmani a schierarsi nel campo di coloro che sollevano la bandiera della sharia in Siria.

Il fronte turco

In Turchia, paese membro della NATO da 60 anni, che presto ospiterà le strutture per lo scudo antimissilistico, è l’Esercito Libero Siriano che detiene il primato ed esercita il sopravvento. Il suo presunto leader, Riyadh Al Assaad, è ospitato nella provincia turca di Hatay, in precedenza siriana, e beneficia della diretta protezione del ministero degli affari esteri. Come tutti sanno, la Turchia è uno dei più acerrimi nemici del regime di Damasco. Temendo di «passare per imperialiste», le forze della NATO incitano Ankara a guadare il Rubicone, meglio dire l’Oronte nella circostanza, per muovere guerra contro la Siria. Numerose sono le fonti che danno conto di un asse Tripoli-Ankara nella guerra contro Damasco. Un trafficante d’armi libico sottolinea l’acquisto di attrezzature militari leggere da parte di Siriani a Misurata (15).

L’ex-ufficiale della CIA e direttore del Consiglio per l’interesse Nazionale degli Stati Uniti Philip Giraldi parla senza mezzi termini di un trasporto aereo di armi dall’arsenale del vecchio esercito libico verso la Siria, via la base militare usamericana di Incirlik situata nel sud della Turchia a meno di 180 km dalla frontiera con la Siria. Egli afferma che la NATO è già clandestinamente impegnata nel conflitto contro la Siria sotto la direzione della Turchia. Giraldi conferma inoltre le informazioni pubblicate lo scorso novembre dal Canard enchaîné, vale a dire che forze speciali francesi e britanniche assistono i ribelli siriani, mentre la CIA e forze speciali statunitensi forniscono loro dispositivi di comunicazione e spionaggio. Un altro agente della CIA, Robert Baer, nelle sue memorie(16) che hanno inspirato il film Syriana di Stephen Gaghan, con George Clooney come protagonista principale, ha dichiarato nell’estate 2011 che armi vengono inviate ai ribelli siriani dalla Turchia.(17)

Sibel Edmonds, l’interprete dell’FBI censurata per aver denunciato abusi commessi da parte dei servizi dello spionaggio degli Stati Uniti, puntualizza che la fornitura di armi ai ribelli siriani viene assicurata dagli Stati Uniti fin dal maggio 2011. Inoltre, gli Stati Uniti avrebbero installato in Turchia una «sezione per la comunicazione», il cui incarico è quello di convincere i soldati dell’esercito siriano a raggiungere le formazioni ribelli.(18) Il coinvolgimento di mercenari libici non sarebbe unicamente di natura logistica. Secondo molti testimoni oculari, fra cui un giornalista del quotidiano spagnoloABC, jihadisti libici e membri del Gruppo Islamico Combattenti Libici (GICL) sono concentrati alle frontiere siro-turche.(19)

Nella regione di Antiochia in Turchia, prevalentemente di lingua araba, che confina con la Siria, la popolazione locale si imbatte in un numero insolitamente elevato di Libici. Occupando gli alberghi più lussuosi della regione, costoro non passano inosservati. Alcuni di questi Libici sono autori di molteplici atti di vandalismo in certe zone turistiche, come ad Antalya. Miliziani libici che stazionano in Turchia hanno più di una volta attaccato e occupato la loro ambasciata ad Istanbul reclamando la loro paga.A questo strano panorama viene ad aggiungersi l’arresto di un Libico di 33 anni all’aeroporto di Istanbul in possesso di 2,5 milioni di dollari. Il primo di aprile, questo Libico faceva scalo ad Istanbul. La sua destinazione finale: la Giordania, un paese dove viene segnalato un numero significativo di Libici mercenari ammassati sul confine siriano. Bene, bene… (20)

E gli Stati Uniti in tutto questo?

Tenuto conto delle affermazioni di alcuni agenti della CIA concernenti il coinvolgimento degli USA nella destabilizzazione della Siria, è ragionevole credere che l’amministrazione Obama sarebbe indifferente, o meglio compiacente, rispetto alla destabilizzazione di un paese che figura ancora nella lista degli «Stati canaglia», dato il suo appoggio alla resistenza palestinese e alla sua alleanza strategica con gli Hezbollah e l’Iran? A questo titolo, la Siria è citata tra i sette paesi contro i quali «l’uso dell’arma nucleare è possibile». A coloro che credono nell’inazione delle forze occidentali in Siria e alla loro buona fede nella loro difesa dei civili siriani, conviene far ricordare che già un anno fa la NATO, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico sotto comando statunitense, giurava su tutti i santi di volere agire sotto la «responsabilità di proteggere» il popolo della Libia, e prometteva di attenersi alla Risoluzione1973 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, al fine di «impedire al dittatore Gheddafi di bombardare la sua popolazione», e che, immediatamente, la protezione dei cittadini libici si è trasformata in impegno militare in una guerra civile, in un colpo di stato, in attentati mirati e in bombardamenti alla cieca.

Ci si ricorderà anche che dopo aver annientato la città libica di Sirte, dove il leader libico si era trincerato, le forze della NATO lo hanno consegnato a bande di criminali che lo hanno torturato a morte. Questo sordido linciaggio è stato facilitato dagli Stati Uniti e dalla NATO, visto che in precedenza avevano dato la caccia e bombardato il suo convoglio. Tuttavia, Andres Fogg Rasmussen e i suoi compari, che hanno espresso soddisfazione per la morte di Gheddafi, avrebbero ripetuto per mesi che il leader libico non era il loro obiettivo. La cinica strategia degli USA e della NATO in Libia, che consisteva nel «non dire quello che si fa e non fare quello che si dice» è manifestamente quella che è stata scelta per la Siria. Effettivamente, e in via ufficiale, la NATO non ha l’intenzione di intervenire in questo paese. Rasmussen ha anche fatto presente che la sua organizzazione non armerà i ribelli.

Tuttavia, alcune e-mail da parte di una agenzia privata statunitense di spionaggio, la Stratfor Intelligence Agency, diffuse da Wikileaks il 27 febbraio scorso, indicano la presenza di forze speciali occidentali in Siria. Il verbale di una riunione, datato 6 dicembre 2011, sottintende che forze speciali sarebbero state presenti sul terreno alla fine del 2011. A questo proposito, una e-mail del direttore di analisi della Stratfor, Reva Bhalla, è inequivocabile.(21) Si parla di un incontro fra «quattro giovanotti, grado tenente colonnello, tra cui un rappresentante francese e uno britannico». Durante un colloquio della durata di quasi due ore, avrebbero accennato al fatto che squadre di Forze speciali erano già sul terreno, impegnate in missioni di ricognizione e nell’addestramento delle formazione delle forze di opposizione.

Gli strateghi occidentali riuniti negli Stati Uniti sembrano rifiutare l’ipotesi di un’operazione aerea sul modello Libia, e preferirebbero l’opzione di una guerra di logoramento attraverso attacchi di guerriglia e campagne di assassinio, in modo da «provocare un crollo del regime dall’interno». Avrebbero giudicato la situazione siriana molto più complessa di quella della Libia, e il sistema di difesa siriano molto più efficace, soprattutto per i suoi missili terra-aria SA-17 dislocati attorno a Damasco e lungo i confini con Israele e la Turchia. In caso di attacco aereo, l’operazione dovrebbe essere condotta dalle basi della NATO a Cipro. Queste le conclusioni dell’agenzia Stratfor. Se, finora, gli Stati Uniti non hanno mandato i loro bombardieri su Damasco, questo non è perché la conservazione del regime siriano gli conviene, ma perché questo regime non è un boccone facile. Comunque, fornendo il loro supporto ai gruppi armati, gli Stati Uniti si rendono nondimeno complici dei massacri in Siria. La NATO e gli Stati Uniti arrivano quindi a completare il simpatico quadretto familiare del terrorismo anti-siriano, a fianco delle monarchie del Golfo, dei mercenari libici, dei propagandisti salafiti e di Al Qaeda.

Conclusioni

Il terrorismo anti-siriano è una realtà che salta subito agli occhi, in senso proprio come in senso figurato. Il suo esordio arriva ben prima della primavera araba. Durante gli anni ‘70 e ‘80, i Fratelli musulmani siriani ne sono stati i principali attori. Dopo aver messo il paese a ferro e fuoco, furono schiacciati dall’esercito siriano, soprattutto ad Hama nel 1982. Il regime baathista puntava sui mezzi militari per sradicare questo flagello, ma come spesso accade, la repressione ha avuto al contrario l’effetto di prorogare o addirittura amplificare la minaccia. Con il ritiro siriano dal Libano nel 2005, i movimenti jihadisti si sono stabiliti e rafforzati nella regione libanese di Tripoli, quindi nei campi palestinesi del paese dei Cedri. Hanno ritrovato una nuova giovinezza e l’opportunità di prendersi la loro rivincita sul regime baathista, lanciando attacchi in territorio siriano. Poi hanno conosciuto una terza rinascita con la primavera siriana del marzo 2011.

Composti da tutte le nazionalità che popolano la regione, i movimenti jihadisti anti-siriani ostentano un radicale anti-nazionalismo, che non riconosce alcun limite territoriale. Quindi, non possono essere associati in senso stretto ad un solo paese della regione. Nelle loro fila si trovano Sauditi, Maghrebini, Giordani, Libici, ma perfino tanti Palestinesi ultraconservatori, che respingono l’idea di una lotta di liberazione nazionale in Palestina, mentre sono favorevoli ad una strategia di guerra di religione «contro gli Ebrei e i Crociati».

Questi gruppi politico-militari hanno causato danni significativi a molti movimenti di liberazione e a tutti i governi nazionalisti arabi. Ad esempio, in Iraq, i miliziani di Al Qaeda hanno ferocemente combattuto la resistenza sunnita che, comunque, combatteva contro le truppe usamericane. Attualmente, i governi libanesi e iracheni, alleati oggettivi del regime siriano e vittime di questi stessi gruppi armati, cercano di bloccare il passaggio di jihadisti verso la Siria. Ma la conoscenza del terreno da parte di questi ultimi, che dispongono di un appoggio logistico sofisticato da parte della NATO e dei suoi alleati del Golfo, rende le loro frontiere permeabili. Per esempio, alcune tribù sunnite transfrontaliere, che sono contro gli sciiti ed oggi ostili al regime di Damasco per motivi essenzialmente settari, trasportano armi, equipaggiamenti e combattenti dalla provincia irachena di Anbar verso il distretto siriano di Deir Ez-Zor.
Dunque, la NATO è del tutto coinvolta militarmente in Siria attraverso i suoi alleati arabi, ma anche, e soprattutto, tramite la Turchia che, secondo le dichiarazioni specifiche del primo ministro Recep Tayyip Erdogan, è un attore di primo piano nella realizzazione del progetto statunitense del Grande Medio Oriente, un piano che mira ad abbattere le ultime sacche di resistenza anti Stati Uniti della regione. Evitare di raffrontare le scene di distruzione, di massacri e di desolazione che ci pervengono dalla Siria con quelle della guerra civile in Algeria degli anni ’90, diviene sempre più difficile. Tanto più che la Siria e l’Algeria, paesi faro del nazionalismo arabo, hanno entrambe governi politico-militari originati da una guerra di liberazione contro la Francia coloniale, ed entrambe si devono confrontare con un terrorismo della stessa natura. Gli jihadisti algerini erano veterani dell’Afghanistan che avevano combattuto contro le truppe sovietiche, come gli jihadisti oggi attivi in Siria hanno combattuto sui fronti iracheno, afghano o libico. Nell’Algeria degli anni’90, come nella Siria del 2012, i gruppi terroristici procedono ad una pulizia etnica, ideologica e metodicamente confessionale. Tuttavia, rimane una grande differenza tra i due paesi: pur costituendo una minaccia, il terrorismo algerino, malgrado tutto, è stato neutralizzato grazie a metodi politici basati sul dialogo e sulla riconciliazione. Uno degli architetti della pace in Algeria è stato Ahmed Ben Bella, eroe rivoluzionario e primo presidente dell’Algeria indipendente. Ben Bella ci ha lasciato l’11 aprile scorso. Osiamo sperare che la Siria possa trovare il suo Ahmed Ben Bella.

[Traduzione di Curzio Bettio]

Note
(1) Con un avvertimento: il presidente della Repubblica deve essere obbligatoriamente musulmano. Questo articolo della Costituzione è stato mantenuto nonostante la nuova riforma, per evitare di alienarsi la maggioranza musulmana del paese.

(2) A proposito delle menzogne sull’appartenenza religiosa dello sceicco Hassoune, vedere Envoyé Spécial, 19 gennaio 2012. A proposito di Ali Mamlouk, consultare Le Figaro, 31 luglio 2011.

(3) Sunday Telegraph, 29 ottobre 2011

(4) vedereU.S. Department of State, Foreign Terrorist Organizations,27 gennaio 2012

(5) Ulrike Putz,The Burial Brigade of HomsinDer Spiegel, 29 marzo 2012

(6) Maghreb Intelligence, 17 febbraio 2012

(7) Nir Rosen,Al Jazeera online, 13 febbraio 2012

(8) Georges Malbrunot,Le Figaro, 22 febbraio 2011

(9) Vicken Cheterian, Le Monde diplomatique, maggio 2010

(10) David Enders,McClatchy Newspapers, 1 aprile 2012

(11) Sabq(giornale saudita on line), 26 febbraio 2012

(12) The Jamestown Foundation, Terrorism Monitor, 2 dicembre 2005

(13) Peter Beaumont,The Guardian, 3 ottobre 2006

(14) Ayfer Erkul,De Morgen, 20 marzo 2012

(15) Ruth Sherlock,The Telegraph, 25 novembre 2011

(16) Robert Baer,La chute de la CIA: les mémoires d’un guerrier de l’ombre sur les fronts de l’islamisme(trad. Daniel

Roche deSee not evil, Three Rivers Press, New York, 2001) collezione Folio documents, Ed. Gallimard, 2002

(17) Hürriyet, 8 marzo 2012

(18) Intervista di Sibel Edmonds,Russia Today, 16 dicembre 2011

(19) Daniel Iriarte,Islamistas libios se deplazan a Siria para «ayudar» a la revolucion, 17 dicembre 2011

(20) Milliyet, 2 aprile 2012

(21) Russia Today, 6 marzo 2012

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: