Hezbollah nega il ritiro delle sue truppe dalla Siria

da lantidiplomatico

Hezbollah ha smentito le notizie sul ritiro delle proprie forze militari dalla Siria, in parallelo con la decisione russa di ritirare la maggior parte del suo contingente militare dal paese arabo.

«Queste sono voci che non hanno niente a che fare con la realtà, fanno parte di una guerra psicologica, come al solito perdente», ha assicurato Hezbollah, in comunicato diffuso anche sul sito web della Tv del movimento di resistenza libanese, Al Manar.

«Notizie di agenzie e media arabi hanno lavorato con i gruppi terroristici per diffondere queste voci», si legge.

«Hezbollah ha ritirato centinaia di combattenti in Siria.., quelli di ritorno dalla Siria stanno per tornare alle loro città in Libano», ha scritto il sito di informazione, “Janoubia” guidato da un giornalista libanese filo-USA e finanziato dall’agenzia statunitense USAID.

«Avvertiamo i media a non cadere in questo tipo di trappola che ha lo scopo di diffondere menzogne ​​e dicerie», si avverte nella dichiarazione di Hezbollah. «L’ultima parola su ciò che sta accadendo spetta al campo di battaglia, dove l’esercito siriano realizza progressi giorno dopo giorno, isolando i terroristi, un segno della confusione all’interno dei paesi che li sostengono», conclude la nota del movimento di resistenza libanese.

In un’intervista al quotidiano del Qatar, Al-Quds Al-Arabi, il responsabile mediatico di Hezbollah, Mohammad Afif, ha respinto qualsiasi ipotesi di graduale ritiro delle forze della resistenza libanese dalla Siria ed ha precisato: «I combattenti di Hezbollah partecipano ai violenti scontri in corso contro il gruppo terroristico, ISIS, (Daesh in arabo) nella antica città di Tadmor (Palmira, ndr)».

Leopoldo López condenado a 13 años y 9 meses: por fin se hizo justicia

Leopoldo-Lopez-CIAPor Alessandro Pagani

“Pon atención a los medios de comunicación, porque si no estás prevenido, ellos te harán amar al opreso y odiar al oprimido”, había escrito Malcolm X, el gran activista negro asesinado el 21 de febrero de 1965 dentro del terrorismo de estado estadounidense contra la comunidad afroamericana en los EEUU. Ahora bien, cuando leemos artículos como el de Massimo Cavallini en el “Fatto Quotidiano” del 11 de septiembre 2015 en relación a la condena de 13 años y 9 meses al fascista y golpista reo confeso Leopoldo López, no podemos hacer sino constatar como la frase mencionada de Malcolm X, justamente corresponde a este género de periodistas asalariados, que buscan hacer “amar al opreso y odiar al oprimido”. De hecho, éste acusa de “proceso farsa” y de “condena falsa” el poder jurídico de un país soberano reconocido por las Naciones Unidas. El habla de un país al borde del abismo, cuando, al contrario, sabemos que Venezuela ha sido premiada por la FAO, por haber erradicado completamente el problema del hambre en Venezuela, sin mencionar todas la misiones y proyectos sociales que han devuelto la esperanza a una población – la venezolana – que en su mayoria, hasta antes del triunfo de Chávez en 1999, se encontraba relegada a los márgenes de la sociedad.

El periodista, además, se permite emitir juicios de valor fuera de lugar y fuera de toda realidad, cuando afirma que “el gobierno bolivariano – hoy guiado por Nicolás Maduro, hijo y apóstol de Hugo Chávez – ha resultado del todo incapaz, no solamente de gobernar un País, arrastrándolo al borde del desastre económico, político y moral, sino también de preparar una, apenas decente, (decente en el sentido de no totalmente grotesca) parodia de justicia”. Ahora tales afirmaciones son falsas. Maduro – como sabemos – se está demostrando un óptimo sucesor de Chávez, si pensamos a la política interna e internacional que está llevando adelante conjuntamente con la colaboración del pueblo venezolano y mediante acuerdos que están re forzando el proyecto bolivariano y martiano de una Patria Grande en “Nuestra América”.

Desde cuando Maduro está en el gobierno, no ha faltado, por cierto, el ampliarse de la guerra de “Cuarta Generación” contra el proceso revolucionario. Esto se evidencia si pensamos a las campañas mediáticas en curso contra el gobierno de Maduro; si pensamos a la guerra económica, a la guerra sicológica y cultural; al paramilitarismo y a las “guarimbas”, que han llevado al país andino-amazónico al límite de una guerra a “baja intensidad”, y que si no se concluye en un golpe de estado o en una guerra civil, es debido a la gran capacidad política y humana del primer presidente obrero de “Nuestra América”, el compañero Nicolás Maduro. Un Nicolás Maduro, que ha sabido recoger y reforzar la bandera de la unidad civico-militar heredada del Comandante Eterno Hugo Chávez.

Las acusaciones de “proceso farsa” y de “condena falsa” denotan el ridículo, si no fuera que tales consideraciones van inmersas dentro de una campaña de odio orquestada por las agencias del imperio con sede en Washigton. No es un caso, de hecho, que el artículo de Cavallini es una verdadera y propia “copia y calco” de otros artículos “basura” de la prensa alineada a los intereses de estado estadounidenses (BBC, el País, El Mundo, etc) y que buscan “hacer amar al opresor”: el imperialismo yanqui y sus acólitos, y “odiar al oprimido”: los pueblos y gobiernos que hoy están demostrando a la opinión pública internacional que salir de la crisis del capital es posible sólo con la construcción del socialismo del siglo XXI; a través de la realización de aquello que los pueblos y los gobiernos miembros del ALBA-TCP definen – con razón – como “Nuestros Socialismos”.

Pero quién es Leopoldo López? Este fascista y golpista, reo confeso, que el mecionado periodista italiano lo dibuja como un “paladín de libertad”, un “oprimido”, un “combatiente por la libertad”?

López, de ciudadanía venezolana, es el jefe de la organización de extrema derecha “Voluntad Popular”, grupo que no ha escondido nunca las propias simpatías por otros grupos de extrema derecha que en el pasado, no tan remoto, durante los años de las dictaduras militares fascistas y de la Operación Cóndor en América Latina, se han manchado de los peores crímenes contra la humanidad; desde cuando se ha terminado la segunda guerra mundial. Para hacer una comparación con Italia podriamos decir que “Voluntad Popular” representa la misma fuerza política que entonces ha representado el Movimiento Social Italiano (MSI) en Italia.

Las actividades de Leopoldo López han iniciado en los años noventa del siglo pasado cuando éste emprende un curso de estudios en el Kennedy School of Government de la Universidad de Harvard, un Centro de altos estudios estratégicos y militares fianciados por la Agencia Central de Intelligence estadounidense (CIA). Fue en aquel entonces que Lopez conoce al general David Petraeus, que sucesivamente se ha descubierto ser un agente de la CIA.

En el 2002, luego del entrenamiento recibido de aquel tropel de espías y asesinos que son la CIA, lo vemos dirigir las protestas que provocaron decenas de muertos inocentes, propiciando el golpe de estado contra el gobierno revolucionario y bolivariano de Hugo Chávez. Siempre en aquellos días, se hace conocer tambien por el asedio contra la Embajada de la República de Cuba ubicada en Caracas.

No obstante una amistía recibida en el 2007, López se quedará en el centro de la atención, por el grande y considerable robo de los fondos de PDVSA, a través de “Primero Justicia”, el partido del que él ha sido dirigente principal.

Leopoldo López no ha escondido nunca su interés por convertirse en presidente de la República, algo que no es un crímen en Venezuela, a no ser que, para obtener tal objetivo y frente a la incapacidad de hacer brecha en la mayoría de la población venezolana, decidiera construír un “pacto criminal” con la extrema derecha narco-paramilitar colombiana y en el caso con Alvaro Uribe, acusado, no pocas veces, por sus estrechos lazos con las Autodefensas Unidas de Colombia (AUC) que, al contrario de haber sido desmanteladas durante su gobierno, han encontrado un resguardo jurídico detrás de su “mano dura” contra el pueblo colombiano y su “gran corazón” hacia los paramilitares.

En una entrevista Alvaro Uribe declaró: “Me he reunido con Leopoldo López, un dirigente político, joven y ambicioso, con grandes capacidades como dirigente político. Con el hemos delineado la lucha conta el narcotráfico”. Esta entrevista fue hecha cuando Uribe era presidente de Colombia.

Ahora bien, se necesitaría preguntar a Cavallini, que escribe para el “Fatto Quotidiano”, un periódico que hace de la “lucha conta la corrupción” su caballo de batalla: por qué un presidente de la República de una nación como Colombia se reunía con el jefe de la oposición – de una oposición además golpista y involucrada en el narcotráfico – y no con el gobierno elegido democráticamente y constitucionalmente presente en Venezuela, para hablar de lucha contra el narcotráfico? Qué cosa diría cualquier gobierno italiano, si el presidente de un país amigo se encontrase con los jefes de la mafia para hablar de lucha contra el narcotráfico, por ejemplo?

Resulta evidente que leyendo el artículo de Cavallini, quien está moviendo un “juicio farsa” no es el poder jurídico venezolano, sino, el periodismo italiano, que en lugar de investigar sin prejuicios ideológicos la compleja situación actualmente en curso en Venezuela, ha preferido dar cabida a las mentiras de una cierta prensa internacional alineada a la guerra no convencional en cruso contra Venezuela y contra de todos los países miembros del ALBA –TCP, que evidentemente molestan a los intereses económicos de los Estados Unidos en el hemisferio occidental, donde la América Latina ha sido considerada siempre como el propio “patrio trasero”.

Otro golpe contra la credibilidad del periodismo italiano.

(VIDEO) Napoli ripudia la campagna diffamatoria contro Cabello

YA_Italia_-_Napoles03da mre.gov.ve

I rappresentanti del Movimento di Solidarietà con il Venezuela a Napoli si sono recati presso la sede del Consolato Generale per manifestare sostegno al Governo Bolivariano e al Presidente dell’Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello.

Hanno consegnato alla Console Amarilis Gutiérrez, un documento elaborato dalla redazione di ALBAinformazione – pubblicazione dell’Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali (ANROS Italia) – e sottoscritto dalle associazioni Assadakah Napoli e Russkoe Pole. [Qui il VIDEO della lettura e consegna del documento]

Nel testo del documento si afferma: «… Ribadiamo il nostro sostegno al Presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana e dirigente fondamentale della Rivoluzione Bolivariana. Diosdado Cabello è vittima di accuse infamanti che non trovano alcun fondamento nella realtà e di intimidazioni dal sapore mafioso, come testimonia la squallida copertina di Newsweek che lo ritrae sotto tiro di un mirino telescopico».

È stato inoltre rilevato che in Italia alcuni media hanno preso parte a questa campagna mediatica, coinvolgendo giornalisti e intellettuali riconosciuti, come nel caso di Roberto Saviano.

I rappresentanti dei gruppi di solidarietà hanno evidenziato che «nonostante mistificazioni, menzogne, aberranti campagne mediatiche, tentativi di destabilizzazione violenta e guerra economica, il Venezuela Bolivariano gode di forza e prestigio internazionale».

Sottolineando che la Patria di Bolívar può far affidamento sul sostegno di grandi paesi come Cina e Russia, con i quali è in fase di costruzione il nuovo mondo multipolare.

«Il Venezuela socialista è forte perché il popolo è protagonista e ha in mano il proprio destino. È forte perché grazie alla Rivoluzione Bolivariana il reddito dei lavoratori è in continuo rialzo dal 1999, perché entro il 2019 il 40% dei venezuelani vivrà in una degna casa costruita per il benessere del popolo, perché sono state sconfitte fame e povertà con ampio anticipo rispetto al cosiddetto ‘Obiettivo del Millennio’ nonostante la pesante eredità lasciata dai governi neoliberali».

Il momento si è rivelato opportuno anche per coordinare il programma di lavoro della delegazione napoletana che si recherà a Bruxelles per il Vertice dei Popoli in programma da mercoledì 10 a giovedì 11 giugno 2015.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

La sconfitta dei mercenari a Cuba: Playa Girón

Fidel Castro alla guida delle operazioni militari

Fidel Castro alla guida delle operazioni militari

da mesaredonda.cubadebate.cu

Il piano d’invasione armata fu approvato dal presidente statunitense Dwight D. Eisenhower, che il 17 marzo 1960 dispose il reclutamento di mercenari d’origine cubana, incaricati dello sbarco presso la provincia occidentale di Matanzas.

Secondo i documenti storici, ad ogni mercenario furono offerti 225 dollari al mese, più 50 per il primo figlio e 25 per i restanti. In totale, vennero inizialmente stanziati 4,4 milioni dollari, una cifra che venne poi incrementata.

La CIA istituì 13 campi di addestramento disseminati in Guatemala, Nicaragua, Stati Uniti e presso le basi militari statunitensi in Puerto Rico e nella zona del Canale di Panama.

Dopo le elezioni negli Stati Uniti, il 18 Novembre 1960, la CIA illustrò i dettagli del piano al Presidente eletto John F. Kennedy, che diede la sua approvazione.

Il 15 aprile 1961, mentre il raggruppamento navale mercenario navigava verso Cuba scortato da navi della Marina Militare statunitense, otto bombardieri B-26 recanti le insegne della forza aerea cubana bombardarono due basi dell’aviazione e un aeroporto civile.

In seguito ai funerali delle vittime dell’attacco, fu proclamato il carattere socialista della Rivoluzione e decretato lo stato di allerta da combattimento per il paese.

In questa data, ogni anno, viene celebrato il ‘Día del Miliciano’.

Venne intensificato il sostegno ai gruppi mercenari presenti in Florida, incaricati delle azioni terroristiche contro Cuba e scatenata una forte campagna mediatica il cui obiettivo era quello di giustificare la futura aggressione diretta.

Furono demonizzate quelle misure rivoluzionarie adottate per recare beneficio al popolo, come la riforma agraria che consegnò la terra ai contadini, o la riforma urbana, che liquidava gli sfruttatori del bisogno popolare di alloggi.

Gli Stati Uniti utilizzarono tutto il proprio poderoso apparato propagandistico per convincere il mondo, attraverso notizie false, dell’esistenza di una ribellione interna del popolo cubano e dell’appoggio ad un fantomatico ‘governo in esilio’ composto da politici tradizionali e corrotti.

Lo sbarco a Cuba della Brigata 2506 ebbe inizio il 17 di aprile. Era composta da 500 mila uomini armati, carri armati e artiglieria. Con caratteristiche simili alle unità anfibie d’assalto degli Stati Uniti d’America.

Le Forze cubane erano formate da combattenti dell’Esercito Ribelle e della Polizia Nazionale Rivoluzionaria, ma per la maggior parte si trattava di militanti volontari dotati di poca o addirittura nessuna esperienza di combattimento.

Guidate personalmente dal leader della Rivoluzione, Fidel Castro, le truppe cubane non diedero tregua al nemico e alle 17.30 ora locale del 19 di aprile, l’invasione fu soffocata.

Guarda la fotogallery

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

 

Venezuela: oltre 8 milioni di firme contro il decreto di Obama

obama-deroga-el-decreto-ya-700x352da Telesur

C’è stata un’ondata di opposizione in Venezuela e nel mondo contro l’ultima aggressione degli Stati Uniti

La petizione lanciata in opposizione alle ultime sanzioni comminate dal presidente Barack Obama e contro l’etichettatura del Venezuela come una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha superato le 8 milioni di firme, secondo quanto è stato reso noto nella giornata di domenica.

Il presidente Obama ha emesso un ordine esecutivo il 9 di marzo definendo “un’emergenza nazionale, la minaccia inusuale e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti derivante dalla situazione in Venezuela”.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, attraverso il proprio account Twitter, ha ringraziato tutti i sostenitori della campagna volta a richiedere ad Obama di “abrogare il decreto”.

Le firme saranno consegnate nel corso del Vertice delle Americhe che avrà inizio questa settimana a Panama, e vedrà la partecipazione di tutte le nazioni dell’emisfero.

Il montare delle ostilità degli Stati Uniti verso il Venezuela sarà con ogni probabilità uno dei temi più caldi di dibattito durante il Vertice, dove è prevista la partecipazione del presidente Obama.

Inoltre, milioni di persone hanno espresso tramite Twitter la loro opposizione all’aggressione degli Stati Uniti. Secondo quanto reso noto, la scorsa settimana oltre 5 milioni di tweet inviati da 105 paesi hanno richiesto l’abrogazione delle misure.

Il governo venezuelano ha anche incassato un forte sostegno a in campo internazionale.

Molte personalità latinoamericane di alto profilo, come l’ex presidente uruguayano Pepe Mujica e il Nobel per la Pace Rigoberta Menchu, hanno pubblicamente espresso il proprio sostegno al governo democraticamente eletto del presidente Maduro.

Nel mese di marzo, tutti i 33 membri della Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) hanno espresso la loro opposizione alla mossa del governo degli Stati Uniti, così come gli altri organismi regionali, tra cui le Nazioni Unite del Sud America (UNASUR) che ha preso una posizione analoga.

In precedenza, il gruppo G77 + Cina, che comprende 134 paesi, aveva rilasciato una dichiarazione di rigetto dell’ordine esecutivo del presidente Obama contro il Venezuela.

La scorsa settimana, in relazione a queste nette prese di posizione, il Sottosegretario per l’America Latina degli Stati Uniti Roberta Jacobson si è detta ‘delusa’ dal livello di supporto ottenuto dal Venezuela dopo le ultime sanzioni.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Il Brasile a un incrocio

dilma-rousseff-brasileda Marx21.it

Lo sbarramento della disinformazione attorno al Brasile ha raggiunto il culmine in questi giorni. Pochi mesi dopo la rielezione di Dilma Rousseff, la grande borghesia brasiliana intensifica la campagna frenetica contro la presidente legittima e le forze della sinistra conseguente. Manovrando demagogicamente sul fenomeno della corruzione, la destra sconfitta nelle urne, invoca ora il “terzo turno”, avanzando apertamente la richiesta di “impeachment” di Dilma. Le marce reazionarie di domenica 15 marzo in diverse città del Brasile, smascherando l’odio viscerale e i piani antidemocratici delle classi privilegiate, sono arrivate al punto di invocare il ritorno alla dittatura e persino l’intervento militare straniero.

Affermare che il colosso sudamericano si trova letteralmente preso di mira  che si è passati a una nuova fase della controffensiva condotta dall’imperialismo nordamericano in tutta l’America Latina rappresenta una verità che non ignora affatto le radici interne del confronto esacerbato che emerge in Brasile.

continua a leggere

Decreto degli Stati Uniti contro il Venezuela: 5 punti per capire

VENEZUELA--Maduro-llam--a-un---8220-tuitazo-mundial--8221--contra-Obama----8220-A-Venezuela-no-la-toca-nadie--8221-di Jesùs Silva/Aporrea.org

Condivido con voi un’intervista recentemente concessa a Venevisión su una questione delicata che irresponsabilmente è stata oggetto di scherno da parte della MUD.

Link al video: http://t.co/Gjg29zYQlp

5 punti per comprendere il decreto di Obama:

  • Secondo la nostra ottica del Diritto Costituzionale, il decreto del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama dove si definisce il Venezuela una minaccia per la sicurezza del paese, crea la pericolosa possibilità che qualsiasi cittadino venezuelano sia catturato e arrestato, se ritenuto dagli Stati Uniti irrispettoso dei diritti umani. Questo perché il decreto si basa sul cosiddetto “International Emergency Economic Powers Act“, applicabile nel territorio statunitense così come sul suolo di tutti i paesi alleati agli Stati Uniti che obbediscono alla legge del cosiddetto “Impero”.

 

  • Paesi come l’ex Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Panama, tra gli altri, furono dapprima sanzionati con lo stesso decreto e poi attaccati militarmente dagli Stati Uniti. Sia ben chiaro, non stiamo dicendo che l’Impero invaderà domani il Venezuela, ma con molta responsabilità stiamo evidenziando che gli Stati Uniti stanno compiendo tutti i passaggi giuridici che storicamente hanno preceduto le invasioni militari; per questo è importante comprendere la gravità del decreto di Obama.

 

  • La qualifica di violatore dei diritti umani si espande quotidianamente in base al capriccio di Washington, in modo tale che un funzionario pubblico così come qualunque venezuelano può essere incluso nella lista nera del regime imperialista. Può essere arrestato il sospetto comunista, socialista o chavista che “viola i diritti umani” e dopo la cattura rendere pubblica la sua inclusione nella lista. Il decreto di Obama ha carattere extraterritoriale per i suoi alleati, questo apre le porte all’arbitraria cattura per gli avversari politici degli Stati Uniti o per chi semplicemente è portatore di un’ideologia proibita per la borghesia statunitense e i suoi scagnozzi venezuelani.

 

  • Mai prima d’ora la possibilità di un embargo commerciale o blocco economico generale contro il Venezuela è sembrato così vicino, soprattutto quando l’infausto e nefasto decreto coincide con una sentenza dell’ICSID (Centro internazionale per il regolamento delle controversie relative ad investimenti) che condanna il nostro paese a pagare milioni di dollari alla società Owens Illinois per un presunto esproprio illecito che avrebbe danneggiato questa multinazionale. Ciò si prospetta come l’inizio di un’ondata di attacchi economici contro il Venezuela mediante condanne e sequestri in ambito internazionale.

 

  • In questo contestola legge antimperialista proposta dal Presidente Nicolás Maduro è assolutamente corretta e necessaria in base al Principio di Reciprocità che nella cultura yankee è conosciuto come “Tit for Tat”, vale a dire, se mi attacchi io ti attacco. Per la lobby pro-yankee dell’opposizione venezuelana, questo decreto è motivo di gioia e festa perché risultato del lavoro che a Washington hanno svolto gli oppositori radicali contro la Rivoluzione Bolivariana.

 

Ribadiamo che “ingerenza” significa intervenire negli affari interni di un paese con la forza, non c’è dubbio che con la complicità dell’opposizione venezuelana, gli Stati Uniti intendono imporre un cambio di governo in Venezuela. Cinesi, russi o cubani non hanno mai attaccato la nostra patria. La borghesia yankee, invece, lo ha fatto. Non siamo anti-statunitensi, ma antimperialisti e vicini al popolo degli Stati Uniti, ma ripudiamo gli infami abusi del suo governo espansionista.

Contro la minaccia imperialista, unità rivoluzionaria e alleanza antimperialista. Serriamo le fila contro l’aggressione.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Argentina e Brasile: destre gemelle

derecha-latinoamericana-usada Marx21.it

Traduzione di Marx21.it

La destra latinoamericana non è mai stata così debole. Perde una dietro l’altra le elezioni in paesi come Brasile, Argentina, Uruguay, Bolivia, Ecuador, Venezuela, El Salvador. Non è mai stata così spesso sloggiata dal governo in questi paesi come in questo secolo.

Le trasformazioni sociali attuate dai governi di questi paesi, i progressi nei processi di integrazione indipendenti rispetto agli Stati Uniti d’America (USA), il recupero del ruolo attivo dello Stato, hanno portato all’isolamento della destra nella regione. La sconfitta dei governi neoliberisti e la loro incapacità di formulare un’alternativa diversa, fa in modo che essi paghino il prezzo dei danni causati da questo modello e che si voti contro chi lo rappresenta.

Gli USA hanno sempre giocato sulla divisione e la competizione tra i governi della regione per conservare il loro potere. E’ stato così, ad esempio, nel corso di tutto il processo di rinegoziazione del debito dei paesi, e non sono mai riusciti ad ottenerla collettivamente.

Un colpo durissimo a questo gioco è stata la solida alleanza stabilitasi tra i governi di Argentina e Brasile, con l’elezione di Lula e Néstor Kirchner a presiedere due dei tre più grandi paesi della regione. Questa alleanza, che non era mai stata così solida tra Argentina e Brasile, è l’asse a partire dal quale i processi di integrazione regionale si consolidano e si espandono, fattore del più grande isolamento degli USA in America Latina.

Le destre argentina e brasiliana hanno enormi somiglianze, perché entrambe si sono riorganizzate in presenza dei due più importanti governi popolari che hanno avuto questi paesi nel XX secolo: quelli di Peron e di Getulio Vargas. Per questo sono destre elitiste, oligarchiche, razziste, antinazionali.

continua a leggere

Farmatodo e il golpe economico

b45a8_farmatodo_verifica_frecuencia_de_compras_para_prevenir_la_reventa-1da Albaciudad.org

L’arresto e il perseguimento penale dei direttori della catena Farmatodo, principale distributore attivo nella vendita di farmaci e prodotti da bagno nel paese, ha dimostrato l’impegno del governo e delle istituzioni nell’affrontare l’offensiva condotta dalla borghesia commerciale-importadora contro il popolo venezuelano.

Questi sono alcuni punti chiave per comprendere i fatti:

1. Farmatodo conta oltre 166 negozi, più di cinquemila lavoratori e un centro di distribuzione nazionale (CENDIS) ubicato nella Valles del Tuy, la cui capacità operativa è stata triplicata nell’aprile del 2013, grazie a un investimento di 17 miliardi di bolivares.

2. La farmacia Lara, fondata in quel di Barquisimeto nel 1918, è all’origine dell’organizzazione Farmatodo. Il suo proprietario era Rafael Zubillaga, nonno dell’attuale leader della società, Teodoro Rafael Zubillaga. Si tratta di un gruppo familiare della borghesia regionale riuscita ad espandersi, avendo una grande influenza politica, sociale e istituzionale.

3. Nel 1984 la società ha cambiato il proprio paradigma di business focalizzandosi sulla vendita di prodotti per la cura della persona, l’igiene, e farmaci senza ricetta medica. Questo a seguito di una crisi di liquidità che li costrinse a vendere il centro di distribuzione all’ingrosso, e ad espandere i negozi al dettaglio.

4. Il piano di conversione fu diretto da David Sommer, fondatore della catena statunitense di farmacie Rite Aid, da dove è stato importato il concetto di business adottato da Farmatodo. Si tratta del secondo conglomerato statunitense di farmacie; in tutta la sua storia le autorità hanno più volte accertato frodi legate alla vendita di medicinali e cibo, oltre all’alterazione delle scritture contabili.

rite-aid-galt-001-632x421

5. Farmatodo è riuscita a negoziare in maniera diretta con i diversi fornitori offrendo sconti, senza l’intermediazione di distributori e rivenditori. Questo, insieme con i migliori prezzi, le ha offerto accesso prioritario allo smercio dei vari prodotti distribuiti dalle multinazionali del consumo.

6. La società ha consultato esperti e studiosi al fine di ottimizzare i processi logistici ed inoltre possiede invidiabili attrezzature e infrastrutture. Per questo è indubbio che Farmatodo sta usando il proprio “know how” e le sue risorse per agire da punta di lancia delle multinazionali nella «guerra economica» che affronta il Venezuela. Con il suo piano di razionamento dei prodotti forniti, Farmatodo, sta facendo esattamente il contrario di quello che ha promosso così duramente negli ultimi 30 anni.

farmacia

7. L’espansione nazionale (e poi internazionale) di Farmatodo include una certa identità architettonica e urbana: tetti blu, finestre e porte in vetro. Sedi ubicate in grandi appezzamenti su strade ampie e trafficate, con una generosa offerta di parcheggio. Tutto questo si ricollega perfettamente con i processi di urbanizzazione delle grandi e medie città del paese che comprendono: città dormitorio e lo smantellamento dei centri urbani come luoghi di commercio e pratica politica. Di conseguenza un cittadino con una militanza politica ‘mediatica’ che si reca da Farmatodo può ‘constatare’ che il paese è governato male come viene affermato su Twitter e in rete.

8. Con il servizio notturno, circa un centinaio di negozi Farmatodo effettua vendite ai propri clienti direttamente in auto attraverso una porta blindata. Questo servizio punta a sfruttare il senso comune d’insicurezza personale, specialmente durante la notte, e al tempo stesso lo riafferma.

Farmatodo-632x423

9. I locali Farmatodo da uno o due anni a questa parte si sono trasformati nei punti commerciali più dinamici; nei principali spazi pubblici di dibattito e confronto politico. Di fatto, durante la violenze o «guarimbas» del 2014, sono serviti come centro operativo e punto di incontro per l’attuazione di tali azioni.

10. Tutti questi elementi rendono Farmatodo il principale centro di promozione del «golpe economico», con capacità «scientifica» di produrre code e instabilità in maniera pianificata grazie alla sua quota di mercato, l’ubicazione geografica e l’orario prolungato. L’immagine più nitida della guerra economica è proprio la casetta con il tetto azzurro.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Maduro sulle ingerenze yankee: «Il Venezuela non è solo»

CHAVISTAS CELEBRAN ANIVERSARIO 24 DE "EL CARACAZO"da Correo del Orinoco

«Abbiamo ricevuto il pieno sostegno dell’Unasur, della Celac, ed anche del Movimento dei Paesi non Allineati che ha emesso un comunicato di sostegno totale al Venezuela, e di rigetto verso le illegali sanzioni imposte dagli Stati Uniti», ha spiegato il capo dello Stato

Riguardo alle sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti al Venezuela, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro Moros, ha spiegato che la sua nazione non è sola perché può contare sull’appoggio dell’America Latina e del mondo intero.

Il capo dello stato ha affermato: «Abbiamo ricevuto il pieno sostegno dell’Unasur, della Celac, ed anche del Movimento dei Paesi non Allineati che ha emesso un comunicato di sostegno totale al Venezuela, e di rigetto verso le illegali sanzioni imposte dagli Stati Uniti».

Durante una riunione delle più alte autorità del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV), trasmessa da Venezolana de Televisión, il dignitario nazionale ha confermato che il governo Bolivariano ha attivato meccanismi di protezione della costituzionalità, della pace e la sovranità del Venezuela per far «fronte alle minacce e alle aggressioni del governo degli Stati Uniti».

Il Ministro degli Esteri Delcy Rodríguez, ha riferito che i paesi che compongono l’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur), hanno confermato il forte sostegno contro l’applicazione delle sanzioni rivolte dagli Stati Uniti contro le funzionarie e i funzionari del Venezuela.

Inoltre, il 6 di febbraio, il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri (MPPFA) ha ricevuto un comunicato emesso dal Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM), di sostegno e solidarietà con il Venezuela, rigettando così la recente decisione del governo degli Stati Uniti di ampliare le misure unilaterali imposte contro la terra di Bolívar e Chávez.

«L’Ufficio di Coordinamento del Movimento dei Paesi Non Allineati – si legge nel documento – respinge categoricamente la decisione del governo degli Stati Uniti, di espandere le misure unilaterali coercitive imposte nei confronti della Repubblica Bolivariana del Venezuela, volte a minare la sua sovranità, l’indipendenza politica e il proprio diritto all’autodeterminazione, in chiara violazione del diritto internazionale».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Venezuela: Il colpo di stato in tempo reale

8d967de4fb0deac392e6fc1838a87d15_Lda lacittafutura.it

In Venezuela c’è un colpo di stato in corso. I pezzi del puzzle si stanno componendo come in un brutto film sulla CIA. A ogni passaggio si svela un nuovo traditore, un tradimento viene scoperto, pieno di promesse di svelare una prova inconfutabile che giustifichi l’ingiustificabile. Le infiltrazioni aumentano, le voci si diffondono come un incendio, e il sentimento di panico minaccia di prevalere sulla logica.

I titoli dei giornali gridano al pericolo, alla crisi e alla sconfitta imminente, mentre i sospetti di sempre dichiarano una guerra segreta contro un popolo il cui unico delitto è di essere il guardiano della più grande miniera di oro nero del mondo.

Questa settimana, mentre il New York Times ha presentato un editoriale che umilia e ridicolizza il presidente venezuelano Maduro, etichettandolo come “stravagante e dispotico” (Mr Maduro in his Labyrinth”, NYT, 26 gennaio 2015 – Il Signor Maduro nel suo labirinto), un altro giornale al di là dell’Atlantico, ha messo in prima pagina un pezzo da strapazzo che accusa il Presidente dell’Assemblea Nazionale del Venezuela, Diosdado Cabello, che è la più potente figura politica del paese dopo Maduro, di essere un boss della droga (“Il capo della sicurezza del numero due chavista diserta per gli Stati Uniti e lo accusa di traffico di droga”, ABC, 27 gennaio 2015). 

Le accuse hanno origine da un ex ufficiale della guardia presidenziale venezuelana, Leasmy Salazar, che è stato in servizio al tempo del Presidente Chávez e che è stato reclutato dalla DEA, U.S. Drug Enforcement Agency – Agenzia federale statunitense antidroga, che ora sta diventando la nuova “persona preziosa” nella guerra di Washington al Venezuela. 

Due giorni dopo, il New York Times ha pubblicato un pezzo in prima pagina attaccando l’economia venezuelana e l’industria del petrolio, e presagendo la sua rovina (Con il denaro del petrolio in diminuzione, gli scaffali in Venezuela sono vuoti”, 29 gennaio 2015, NYT). Omissioni stridenti nell’articolo e un titolo fuorviante erano su molti giornali statunitensi, stampati e online, che collegavano il Venezuela alle armi nucleari e a un piano per bombardare la città di New York (“Uno scienziato statunitense messo in prigione per aver tentato di aiutare il Venezuela a costruire una bomba”, 30 gennaio, 2015 NPR- National Public Radio). Mentre il titolo induce i lettori a credere che il Venezuela sia direttamente coinvolto in un piano terroristico contro gli Stati Uniti, il testo reale dell’articolo chiarisce che nessun venezuelano era implicato. Tutta la farsa è stata una trappola programmata dall’FBI, i cui gli ufficiali dell’FBI si sono finti ufficiali venezuelani per catturare un fisico nucleare deluso, che una volta lavorava a Los Alamos, Nuovo Messico.

continua a leggere

 

(VIDEO) Maduro a Tsipras: «Un altro mondo è possibile»

918da Correo del Orinoco

Il capo dello Stato ha confermato che Tsipras, uscito vincitore dalle elezioni tenutesi il 25 gennaio 2015 nel paese ellenico, realizzerà un tour in America Latina con l’obiettivo di tirare fuori il suo paese da quella crisi dove il «sistema neoliberista lo ha fatto sprofondare»

Il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, nel corso di una conferenza tenuta nello stato di Carabobo ha reso noto di aver sostenuto una conversazione telefonica con il primo ministro greco Alexis Tsipras.

«Ho invitato Alexis a venire il più presto possibile qui in Venezuela, visto che ha intenzione di recarsi in America Latina», ha confermato Maduro.

Il capo dello Stato ha confermato che Tsipras, uscito vincitore dalle elezioni tenutesi il 25 gennaio 2015 nel paese ellenico, realizzerà un tour in America Latina con l’obiettivo di tirare fuori il suo paese da quella crisi dove il «sistema neoliberista lo ha fatto sprofondare».

Il successore di Chávez ha poi sottolineato che Tsipras è stato vittima di una campagna diffamatoria, «ma nonostante questo attacco, dove sono stati utilizzati gli stessi sporchi trucchi di cui si è avvalsa la campagna antichavista, il popolo greco ha appoggiato la sua nuova proposta».

Maduro ha infine spiegato che il Venezuela e la Grecia stanno lavorando in maniera congiunta a una serie di accordi di cooperazione bilaterale: «La Grecia è un grande paese con un eccellente industria navale, una buona base industriale e sviluppo tecnologico. La Grecia può risollevarsi. Sosteniamo l’enorme sforzo di Alexis Tsipras, insieme vogliamo dimostrare che un altro mondo è possibile».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

___

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: