I media imperialisti “confondono” il Venezuela con l’Honduras

cuador-bebe.jpgdi Ciro Brescia 

Ancora una volta, e sempre di più senza vergogna, i media del mainstream imperialista provano a seminare confusione, che come insegna un vecchio adagio, è sempre buona quando si tratta di fare la guerra. 

Una guerra surrettizia, non dichiarata, ma con l’evidente obiettivo di intossicare coscienze e alzare cortine fumogene. 

La mobilitazione reazionaria internazionale contro il Venezuela prova ad utilizzare i bambini, che vanno sempre bene per colpire al cuore dell’opinione pubblica mondiale. 

Peccato che ancora un volta, qualcuno si sia, come è ovvio volutamente, sbagliato, ed abbia spacciato per venezuelane immagini che provengono da un altro tempo e da un altro spazio, quelli dell’Honduras del 2o14 (Santa Rosa de Copan, Ospedale dell’Honduras).

Le foto dei neonati honduregni, nelle scatole di cartone sono state utilizzare per ricamarci altri infamanti articoli contro la Rivoluzione Bolivariana sui media internazionali. Notizie prontamente smentite (El director del Hospital Dr. Guzmán Lander, José Zurbarán, desmintió la veracidad de las imágenes que circularon por las redes sociales), da  chi è stato tirato in ballo. A ondate si riattivano gli attacchi senza esclusione di colpi, prevalentemente mediatici ed economici, per adesso.

Quello stesso Honduras che faceva parte del blocco regionale del socialismo del XXI secolo, l’ALBA-TCP, di cui il Venezuela bolivariano, insieme a Cuba socialista, sono stati il nucleo fondatore, fino a quando, un golpe neoliberale, sostenuto come sempre dalle agenzie e dal governo targati USA, non ha scalzato il legittimo presidente Manuel Zelaya. Non ci stupiamo se poi la sanità honduregna sia ridotta a pezzi, senza nemmeno la Missione Barrio Adentro.

Dare un golpe neoliberale in Venezuela è il chiodo fisso delle oligarchie telecomandante da Washington. Come è già accaduto in Paraguay contro Lugo, e contro Dilma in Brasile più recentemente. 

Le oligarchie imperialiste provano disperatamente a gettare discredito per isolare il Venezuela bolivariano che tesse in maniera sempre più solida le sue relazioni internazionali, proprio perché in questo momento la Rivoluzione bolivariana ed il governo di Maduro si proiettano internazionalmente, in senso antimperialista e socialista, come mai prima. 

Il Venezuela bolivariano è stato premiato per due anni consecutivi dalla FAO per i successi ottenuti nell’ambito della lotta alla fame. Il programma di eradicazione mondiale della fame, non a caso porta il nome del Comandante Hugo Chávez.

Oggi il Venezuela è presidente di turno di 5 organismi internazionali: il Movimento dei Paesi Non Allineati (MNOAL), il Mercato Comune del Sud (Mercosur), il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite e l’Unione delle Nazioni del Sud (UNASUR). 

Motivi più che sufficienti per far sbavare di rabbia i nemici dichiarati della rivoluzione e del socialismo. Se a questo si aggiunge che meno di 48 ore fa la comunità afro e latinoamericana del Bronx ha invitato la Ministra del Potere Popolare della Repubblica Bolivariana del Venezuela nel popolare quartiere di New York per inaugurare un murale in occasione del decimo anniversario della prima visita nel Bronx del Comandante Chávez, il quadro è completo. 

Il Bronx riceve da anni dal Venezuela bolivariano il rifornimento energetico per garantire la copertura del riscaldamento delle famiglie che non possono permetterselo durante i rigidi inverni della Grande Mela.

Dove non sono arrivati i vari presidenti stars and stripes e i sindaci di New York – storicamente troppo impegnati a fare gli sceriffi e la guerra mondiale al “terrorismo”, quella che loro stessi alimentano (sic!) – arriva la solidarietà popolare ed operaia della Rivoluzione bolivariana e delle politiche socialiste.

La guerra mediatica ed economica continuerà senza esclusione di colpi, con l’obiettivo di innalzare il livello dello scontro, nel momento in cui la borghesia lo riterrà opportuno per i suoi interessi. Da parte nostra continueremo con il nostro granito de arena, con sempre maggiore entusiasmo a stare al fianco della Rivoluzione bolivariana e contro il terrorismo mediatico delle oligarchie e i loro mediocri lacché.

Leopoldo López condenado a 13 años y 9 meses: por fin se hizo justicia

Leopoldo-Lopez-CIAPor Alessandro Pagani

“Pon atención a los medios de comunicación, porque si no estás prevenido, ellos te harán amar al opreso y odiar al oprimido”, había escrito Malcolm X, el gran activista negro asesinado el 21 de febrero de 1965 dentro del terrorismo de estado estadounidense contra la comunidad afroamericana en los EEUU. Ahora bien, cuando leemos artículos como el de Massimo Cavallini en el “Fatto Quotidiano” del 11 de septiembre 2015 en relación a la condena de 13 años y 9 meses al fascista y golpista reo confeso Leopoldo López, no podemos hacer sino constatar como la frase mencionada de Malcolm X, justamente corresponde a este género de periodistas asalariados, que buscan hacer “amar al opreso y odiar al oprimido”. De hecho, éste acusa de “proceso farsa” y de “condena falsa” el poder jurídico de un país soberano reconocido por las Naciones Unidas. El habla de un país al borde del abismo, cuando, al contrario, sabemos que Venezuela ha sido premiada por la FAO, por haber erradicado completamente el problema del hambre en Venezuela, sin mencionar todas la misiones y proyectos sociales que han devuelto la esperanza a una población – la venezolana – que en su mayoria, hasta antes del triunfo de Chávez en 1999, se encontraba relegada a los márgenes de la sociedad.

El periodista, además, se permite emitir juicios de valor fuera de lugar y fuera de toda realidad, cuando afirma que “el gobierno bolivariano – hoy guiado por Nicolás Maduro, hijo y apóstol de Hugo Chávez – ha resultado del todo incapaz, no solamente de gobernar un País, arrastrándolo al borde del desastre económico, político y moral, sino también de preparar una, apenas decente, (decente en el sentido de no totalmente grotesca) parodia de justicia”. Ahora tales afirmaciones son falsas. Maduro – como sabemos – se está demostrando un óptimo sucesor de Chávez, si pensamos a la política interna e internacional que está llevando adelante conjuntamente con la colaboración del pueblo venezolano y mediante acuerdos que están re forzando el proyecto bolivariano y martiano de una Patria Grande en “Nuestra América”.

Desde cuando Maduro está en el gobierno, no ha faltado, por cierto, el ampliarse de la guerra de “Cuarta Generación” contra el proceso revolucionario. Esto se evidencia si pensamos a las campañas mediáticas en curso contra el gobierno de Maduro; si pensamos a la guerra económica, a la guerra sicológica y cultural; al paramilitarismo y a las “guarimbas”, que han llevado al país andino-amazónico al límite de una guerra a “baja intensidad”, y que si no se concluye en un golpe de estado o en una guerra civil, es debido a la gran capacidad política y humana del primer presidente obrero de “Nuestra América”, el compañero Nicolás Maduro. Un Nicolás Maduro, que ha sabido recoger y reforzar la bandera de la unidad civico-militar heredada del Comandante Eterno Hugo Chávez.

Las acusaciones de “proceso farsa” y de “condena falsa” denotan el ridículo, si no fuera que tales consideraciones van inmersas dentro de una campaña de odio orquestada por las agencias del imperio con sede en Washigton. No es un caso, de hecho, que el artículo de Cavallini es una verdadera y propia “copia y calco” de otros artículos “basura” de la prensa alineada a los intereses de estado estadounidenses (BBC, el País, El Mundo, etc) y que buscan “hacer amar al opresor”: el imperialismo yanqui y sus acólitos, y “odiar al oprimido”: los pueblos y gobiernos que hoy están demostrando a la opinión pública internacional que salir de la crisis del capital es posible sólo con la construcción del socialismo del siglo XXI; a través de la realización de aquello que los pueblos y los gobiernos miembros del ALBA-TCP definen – con razón – como “Nuestros Socialismos”.

Pero quién es Leopoldo López? Este fascista y golpista, reo confeso, que el mecionado periodista italiano lo dibuja como un “paladín de libertad”, un “oprimido”, un “combatiente por la libertad”?

López, de ciudadanía venezolana, es el jefe de la organización de extrema derecha “Voluntad Popular”, grupo que no ha escondido nunca las propias simpatías por otros grupos de extrema derecha que en el pasado, no tan remoto, durante los años de las dictaduras militares fascistas y de la Operación Cóndor en América Latina, se han manchado de los peores crímenes contra la humanidad; desde cuando se ha terminado la segunda guerra mundial. Para hacer una comparación con Italia podriamos decir que “Voluntad Popular” representa la misma fuerza política que entonces ha representado el Movimiento Social Italiano (MSI) en Italia.

Las actividades de Leopoldo López han iniciado en los años noventa del siglo pasado cuando éste emprende un curso de estudios en el Kennedy School of Government de la Universidad de Harvard, un Centro de altos estudios estratégicos y militares fianciados por la Agencia Central de Intelligence estadounidense (CIA). Fue en aquel entonces que Lopez conoce al general David Petraeus, que sucesivamente se ha descubierto ser un agente de la CIA.

En el 2002, luego del entrenamiento recibido de aquel tropel de espías y asesinos que son la CIA, lo vemos dirigir las protestas que provocaron decenas de muertos inocentes, propiciando el golpe de estado contra el gobierno revolucionario y bolivariano de Hugo Chávez. Siempre en aquellos días, se hace conocer tambien por el asedio contra la Embajada de la República de Cuba ubicada en Caracas.

No obstante una amistía recibida en el 2007, López se quedará en el centro de la atención, por el grande y considerable robo de los fondos de PDVSA, a través de “Primero Justicia”, el partido del que él ha sido dirigente principal.

Leopoldo López no ha escondido nunca su interés por convertirse en presidente de la República, algo que no es un crímen en Venezuela, a no ser que, para obtener tal objetivo y frente a la incapacidad de hacer brecha en la mayoría de la población venezolana, decidiera construír un “pacto criminal” con la extrema derecha narco-paramilitar colombiana y en el caso con Alvaro Uribe, acusado, no pocas veces, por sus estrechos lazos con las Autodefensas Unidas de Colombia (AUC) que, al contrario de haber sido desmanteladas durante su gobierno, han encontrado un resguardo jurídico detrás de su “mano dura” contra el pueblo colombiano y su “gran corazón” hacia los paramilitares.

En una entrevista Alvaro Uribe declaró: “Me he reunido con Leopoldo López, un dirigente político, joven y ambicioso, con grandes capacidades como dirigente político. Con el hemos delineado la lucha conta el narcotráfico”. Esta entrevista fue hecha cuando Uribe era presidente de Colombia.

Ahora bien, se necesitaría preguntar a Cavallini, que escribe para el “Fatto Quotidiano”, un periódico que hace de la “lucha conta la corrupción” su caballo de batalla: por qué un presidente de la República de una nación como Colombia se reunía con el jefe de la oposición – de una oposición además golpista y involucrada en el narcotráfico – y no con el gobierno elegido democráticamente y constitucionalmente presente en Venezuela, para hablar de lucha contra el narcotráfico? Qué cosa diría cualquier gobierno italiano, si el presidente de un país amigo se encontrase con los jefes de la mafia para hablar de lucha contra el narcotráfico, por ejemplo?

Resulta evidente que leyendo el artículo de Cavallini, quien está moviendo un “juicio farsa” no es el poder jurídico venezolano, sino, el periodismo italiano, que en lugar de investigar sin prejuicios ideológicos la compleja situación actualmente en curso en Venezuela, ha preferido dar cabida a las mentiras de una cierta prensa internacional alineada a la guerra no convencional en cruso contra Venezuela y contra de todos los países miembros del ALBA –TCP, que evidentemente molestan a los intereses económicos de los Estados Unidos en el hemisferio occidental, donde la América Latina ha sido considerada siempre como el propio “patrio trasero”.

Otro golpe contra la credibilidad del periodismo italiano.

Il Venezuela ha sconfitto la fame perché è socialista!

Arreaza2

di Alessandro Pagani

Il vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela s’incontra con i movimenti popolari di sinistra in Italia, a latere della premiazione da parte della FAO dovuto al grande successo del paese sud americano nell’aver sconfitto completamente il problema della fame nel Paese. 

Il Vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, il compagno Jorge Arreaza, ha tenuto un incontro sul Monte Sacro a Roma insieme ai movimenti politici e popolari italiani e nello specifico con la “Rete Caracas ChiAma”, costituita da un eterogeneo blocco popolare di forze squisitamente di sinistra; nonché, riflesso di quella preziosa cristalleria politica che è la solidarietà e l’amicizia tra i popoli.  In questo incontro – accompagnato da una sottile pioggia – Arreaza ha parlato del premio ricevuto dalla FAO per l’ottimo risultato ottenuto dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela nell’eliminazione della fame nel Paese e ha dialogato con i più degni rappresentanti dei movimenti popolari e rivoluzionari italiani. Ha lanciato, inoltre, l’appello a moltiplicare gli sforzi nella costruzione di un Fronte Internazionale di forze progressiste e rivoluzionarie in difesa della Rivoluzione Bolivariana; dinanzi ad una campagna mediatica che non pochi esperti definiscono come la guerra psicologica degli Stati Uniti contro il Venezuela bolivariano. 

«Sono venuto qua a Roma, in nome del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, del Primo Presidente Operaio della nostra Grande Patria Latinoamericana, il compagno Nicolás Maduro, che vi saluta calorosamente; sono qui in nome del popolo venezuelano, di quel popolo lavoratore che oggi difende il processo rivoluzionario iniziato dal nostro Eterno Comandante Hugo Rafael Chávez Frías; sono qui perché la FAO, organizzazione facente parte delle Nazioni Unite, ha deciso di premiarci con il più alto riconoscimento che un governo popolare e rivoluzionario possa ottenere: aver eliminato il problema della fame nei tempi prefissati; ovvero, nel 2015. In realtà avrebbero dovuto premiarci da molto tempo prima, fin dal 2012, giacché tale metà l’abbiamo raggiunta proprio quell’anno».

Il Vicepresidente Arreaza ha rilevato che «tali risultati non sono nient’altro che il riflesso della politica interna impostata dal primo giorno dell’avvento al potere del governo rivoluzionario e socialista del Presidente Hugo Chávez, là dove sono state messe in moto non poche politiche economiche e sociali basate sullo sviluppo dei servizi di base; in difesa di quei diritti umani collettivi (e non solo individuali!) che sono – tra i tanti – il diritto a vivere in una casa dignitosa, a ricevere tre pasti al giorno, a poter lavorare dignitosamente, ad un servizio nazionale medico gratuito e di alto livello, ad un istruzione pubblica e gratuita per tutto il popolo venezuelano». 

«Tutti questi traguardi e la premiazione alla FAO si devono non solo al Nostro Comandante Infinito Hugo Chávez e all’invitto popolo venezuelano, ma anche alla solidarietà dei popoli del mondo e in particolare del popolo cubano e del suo governo rivoluzionario; di Fidel e Raul, che con l’apporto di migliaia di lavoratori della salute e dell’educazione hanno contribuito fino ad oggi a rafforzare la nostra Resistenza popolare contro la guerra economica e le ingerenze di Washington».

Il vicepresidente venezuelano, durante il suo incontro con i movimenti sociali italiani ha posto l’accento sull’amicizia e la solidarietà tra i popoli e lo ha fatto in quello che – di certo – è un luogo sacro per il popolo venezuelano e per tutti quelli che lottano ogni giorno per la costruzione di un mondo basato sulla pace con giustizia ed eguaglianza sociale; verso il socialismo del XXI secolo. Proprio qui sul Monte Sacro, infatti, Simón Bolívar – di fronte al suo amico e maestro Simón Rodríguez – prestò il suo giuramento romano nel 1805 nel quale ebbe a dire: «Giuro per il Dio dei miei genitori, giuro per il mio onore e per la mia Patria, che non darò riposo al mio braccio né pace alla mia anima finché non avrò rotto le catene che ci opprimono per volontà del potere spagnolo».

«Voglio ringraziare l’invito a partecipare a tal evento così importante, che ha come obiettivo quello di rafforzare l’amicizia tra i popoli», ha affermato il vicepresidente di fronte a centinaia di attivisti sociali giunti da ogni angolo della penisola italiana per dare il benvenuto a uno dei più alti rappresentanti della patria di Bolívar e Chávez. 

Nel suo emozionante discorso il vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, ha spiegato che per eliminare completamente la fame e la povertà nel pianeta è necessario moltiplicare i nostri sforzi nella costruzione di un mondo basato sulla solidarietà e l’amicizia tra i popoli e che, pertanto, bisogna essere consapevoli di quali sono i pericoli o i modelli (economici) che rappresentano il principale ostacolo a tale progetto.

In questo senso, ha segnalato come oggi non è il Venezuela della Rivoluzione Bolivariana a rappresentare una minaccia per gli Stati Uniti, ma che, semmai, proprio questi ultimi, a causa del loro modello economico e sociale – per la loro sete di consumare le risorse del pianeta – sono un pericolo per la stabilità della pace nel mondo e per l’esistenza stessa della specie umana. Per questo la necessità di rafforzare attraverso progetti politici e culturali l’amicizia tra i popoli – e in questo caso con il popolo italiano – con la ratio di svelare, così, le menzogne che i mezzi di comunicazione diffondono contro la Rivoluzione Bolivariana e mostrare ai popoli che lavorano in tutto il mondo che uscire dalla crisi imposta dalle banche e dai padroni è possibile. Che oltre al neoliberalismo e al capitalismo ci sarà ancora vita e che il modello economico e sociale per l’emancipazione dell’uomo si chiama: Socialismo.

Fame zero, la Fao premia Caracas

di Geraldina Colotti – il manifesto

Venezuela. Intervista a Luis Salas Rodriguez, del Centro strategico latinoamericano

6giu2015.- Luis Salas Rodrí­guez è diret­tore del Cen­tro studi di eco­no­mia poli­tica dell’Università boli­va­riana del Vene­zuela, apprez­zato per le sue ana­lisi e i suoi studi a livello inter­na­zio­nale anche all’interno del Celag, il Cen­tro Estra­te­gico Lati­noa­me­ri­cano de Geo­po­li­tica. Con lui abbiamo discusso della situa­zione poli­tica in Vene­zuela nel qua­dro lati­noa­me­ri­cano, a ridosso della visita in Ita­lia del pre­si­dente Nico­lás Maduro, per rice­vere un pre­mio dalla Fao.

Pro­fes­sore, il Vene­zuela è sull’orlo di un col­lasso eco­no­mico e a rischio di guerra civile?
Biso­gna guar­dare in fac­cia il pro­blema: è in corso una guerra eco­no­mica, diretta dai poteri nazio­nali e trans­na­zio­nali che cer­cano di farla finita con il pro­getto di cam­bia­mento in corso. Impo­nendo di fatto un blocco eco­no­mico, vogliono otte­nere una resa per fame, e minare il morale della popo­la­zione. Non è una tat­tica nuova, ma costante negli ultimi 16 anni. La dif­fe­renza, oggi, è nell’intensità e nella durata.

Secondo la Fao, il paese è tutt’altro che affa­mato, però i pro­blemi ci sono.
Le ragioni si situano in parte nella fase di tran­si­zione che sta attra­ver­sando il cha­vi­smo dopo la morte del pre­sidente Chávez. Quando Chávez è scom­parso, il governo si appre­stava a met­tere in pra­tica quello che il Coman­dante aveva sin­te­tiz­zato nel “Golpe de timon”, una ster­zata che avrebbe spinto in avanti le riforme: verso il con­trollo del com­mer­cio spe­cu­la­tivo e verso la demo­cra­tiz­za­zione dell’apparato pro­dut­tivo che è ancora troppo mono­po­liz­zato, car­tel­liz­zato e pilo­tato a livello trans­na­zio­nale. Chávez lo aveva annun­ciato qual­che giorno prima di recarsi a Cuba per un nuovo ciclo di tera­pia con­tro il can­cro che poi se lo è por­tato via. Di fronte a una simile pro­spet­tiva, la destra eco­no­mica den­tro e fuori il paese, ha rea­gito. La forte spinta per il ritorno al dol­laro si inqua­dra in que­sta stra­te­gia. Si tratta, per così dire, del fronte esterno della guerra eco­no­mica unito alla spe­cu­la­zione per la caduta del prezzo del petrolio.

Alcune aree all’interno del cha­vi­smo sono però for­te­mente cri­ti­che verso la poli­tica del governo. Ora Marea Socia­li­sta cerca di capi­ta­liz­zare lo scon­tento e si pre­senta da sola alle pros­sime par­la­men­tari. Che sta suc­ce­dendo?
E’ dif­fi­cile dare un giu­di­zio secco su Marea Socia­li­sta. In parte rap­pre­senta un risul­tato non desi­de­rato ma pre­ve­di­bile data l’eterogenea con­for­ma­zione del cha­vi­smo. Ma credo sia anche la con­se­guenza di un cam­bia­mento gene­ra­zio­nale nella dire­zione del pro­cesso rivo­lu­zio­na­rio, e un coa­cervo di vel­leità nar­ci­si­sti­che non risolte. Marea è un sacco pieno di gatti, nel senso che oltre a essere una for­ma­zione ete­ro­ge­nea risponde a un’amalgama di inte­ressi e visioni la cui unica ragione sem­bra quella di opporsi alla lea­der­ship del pre­si­dente Maduro. A que­sto fine stru­men­ta­lizza pro­blemi che sono indub­bia­mente impor­tanti. Tutti siamo d’accordo a com­bat­tere la cor­ru­zione che si annida negli orga­ni­smi dello stato, pen­siamo tutti che debba esserci più dibat­tito in deter­mi­nate aree. Però que­sto è una cosa, l’altra è pian­tare una tenda a parte in un momento com­plesso come quello attuale. Come minimo è man­canza di chia­rezza…
Il cha­vi­smo ha scom­pa­gi­nato l’arco dei par­titi tra­di­zio­nali esi­stenti durante la IV Repub­blica, ricon­fi­gu­rando in base al “socia­li­smo boli­va­riano” le tra­di­zio­nali cate­go­rie di destra e sini­stra. Come stanno le cose adesso?

Una fetta della sini­stra interna accusa Maduro di per­se­guire un pro­getto social­de­mo­cra­tico.
Il cha­vi­smo ha pro­po­sto una piat­ta­forma ampia e uno spa­zio che ha reso pos­si­bile il ritorno della poli­tica dopo l’epoca oscura dell’antipolitica. Den­tro, ha però­sem­pre pre­do­mi­nato la sini­stra nelle sue dif­fe­renti sfu­ma­ture. Lo stesso Chávez si defi­niva socia­li­sta e ha impresso que­sto carat­tere alla rivo­lu­zione boli­va­riana, anche se non si è mai dichia­rato marxista-leninista. Que­sto gli è valso la cri­tica dei set­tori più orto­dossi, che lo hanno accu­sato di essere un pic­colo bor­ghese roman­tico o peg­gio un dema­gogo. Tut­ta­via, nes­suno di que­sti cri­tici ha fatto così tanto per la sini­stra e per la rivi­ta­liz­za­zione dell’ideale socia­li­sta come Chávez. Accu­sare Maduro di essere social­de­mo­cra­tico mi pare un’altra scioc­chezza. Vi sono di certo cose su cui si può dis­sen­tire o pen­sare che deb­bano essere acce­le­rate, com’è suc­cesso con Chávez. Può essere che il suo pro­filo non cor­ri­sponda a quel che secondo alcuni dovrebbe essere quello del per­fetto marxista-leninista, ma non è certo un bor­ghese, non solo per­ché è di ori­gine ope­raia, ma per­ché dal movi­mento ope­raio trae la sua visione del mondo e risponde alla classe a cui appar­tiene. Come dicevo prima, il cha­vi­smo attra­versa una crisi di cre­scita e un ricam­bio gene­ra­zio­nale, nei qua­dri diri­genti e nei mili­tanti, e que­sto sarà reso più visi­bile dalle pros­sime pri­ma­rie che pre­ve­dono almeno la metà di can­di­dati donne e gio­vani. Que­sto ricam­bio implica un mag­gior livello di matu­rità e tra­sver­sa­lità. Il cha­vi­smo sta adat­tando il discorso alle nuove realtà e alle domande. E nes­suna è più urgente di quella eco­no­mica. Più passa il tempo, più i danni e le sof­fe­renze aumentano.

Alcuni poli­tici delle destre, dete­nuti, sono in scio­pero della fame. Maduro è un dit­ta­tore che viola i diritti umani e che non deve rice­vere il pre­mio Fao come chiede una peti­zione?
La destra cerca di mani­po­lare il males­sere della popo­la­zione che non ha potuto capi­ta­liz­zare fino ad ora, come si è visto anche dalla scarsa par­te­ci­pa­zione alle pri­ma­rie interne. In mate­ria di diritti umani, il Vene­zuela non sta peg­gio dei paesi i cui governi l’accusano di vio­larli, ma anzi può dare lezioni. C’è chi indi­vi­dua piut­to­sto un pro­blema di las­si­smo, non di restri­zioni. A pro­po­sito di diritti: da noi è impen­sa­bile but­tare fuori casa qual­cuno che non può pagare l’affitto o il mutuo. E la Fao, un orga­ni­smo inter­na­zio­nale che non può certo essere con­si­de­rato “socia­li­sta” ha rico­no­sciuto che il Vene­zuela, nell’ultima decade, è il paese che più ha fatto sul piano del diritto all’alimentazione e con­tro la povertà. Quanto a Leo­poldo Lopez e altri dete­nuti si tratta di indi­vi­dui che sono andati in car­cere per vio­lenza, ter­ro­ri­smo, insur­re­zione armata e anche omi­cidi, non esat­ta­mente per reati di opi­nione, ma per delitti che ven­gono puniti in ogni parte del mondo. Nes­suno è in car­cere per quel che pensa o dice. Tutti godono dei diritti pro­ces­suali e umani, nes­suno viene tor­tu­rato. Se guar­diamo a quel che passa negli Stati uniti, in Colom­bia o in Mes­sico, si capi­sce di cosa stiamo par­lando. Pren­diamo il caso del Mes­sico: 43 stu­denti dete­nuti dalle forze armate e con­se­gnati ai nar­co­traf­fi­canti per­ché fos­sero tor­tu­rati e fatti scom­pa­rire. Se que­sto fosse suc­cesso in Vene­zuela ci avreb­bero invaso il giorno dopo in nome della demo­cra­zia e dei diritti umani. Invece, sic­come si tratta di un socio degli Stati uniti, tutti si vol­tano dall’altra parte.

Che fase sta attra­ver­sando l’America latina? A Panama, il Ver­tice delle Ame­ri­che si è stretto intorno a Cuba e Vene­zuela, ma die­tro le quinte non tutto qua­dra. La socia­li­sta Isa­bel Allende, figlia del pre­si­dente rove­sciato da Pino­chet appog­gia la causa dei gol­pi­sti vene­zue­lani…
Come ha detto il pre­si­dente dell’Ecuador, Rafael Cor­rea, in Ame­rica latina è in corso una cam­pa­gna restau­ra­trice: che si esprime sul piano poli­tico, come indica il ritorno in campo di ex pre­si­denti neo­li­be­ri­sti in tutto il con­ti­nente, e anche sul piano eco­no­mico. D’altra parte, il con­ti­nente sof­fre le con­se­guenze della reces­sione mon­diale, e anche quelle di non aver appro­fon­dito il cam­bia­mento fino a ridurre la dipen­denza e la vul­ne­ra­bi­lità, come per esem­pio si sarebbe potuto fare pun­tando di più sulla ricerca di una nuova archi­tet­tura finan­zia­ria. Poli­ti­ca­mente, il con­ti­nente ha gua­da­gnato dieci anni e un cam­bia­mento epo­cale che lascia intrav­ve­dere l’orizzonte del post-capitalismo. Quel che manca è una ulte­riore spinta ad avan­zare in que­sta dire­zione, e men­tre que­sto non si dà, si corre il rischio di retro­ce­dere. Le destre lo sanno e cer­cano di approfittarne.

La Fao esalta il lavoro del Venezuela per eliminare la fame nel mondo

maduro-fao_premioda Correo del Orinoco

Il direttore della Cooperazione Tecnica della FAO: «Il Venezuela può essere considerato come uno di quei paesi, al pari di Brasile e Cina, che contribuiscono maggiormente alla cooperazione Sud-Sud nel mondo»

Gli esperti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO il suo acronimo in inglese) hanno evidenziato che il Venezuela oltre ad aver raggiunto in anticipo ‘L’Obiettivo di Sviluppo del Millennio’, in merito all’eliminazione della fame il paese ha fornito assistenza ad altri paesi affinché anch’essi possano raggiungere questo importante obiettivo.

Il direttore della Cooperazione Tecnica della FAO, Laurent Thomas, ha segnalato che le politiche in materia alimentare applicate dal governo bolivariano, hanno fatto sì che il Venezuela sia uno dei 29 paesi riusciti a dimezzare il numero di persone denutrite entro il 2015, e oltre a essere un esempio per gli altri paesi risulta tra i maggiori contribuenti ai meccanismi di cooperazione internazionale in materia di alimentazione.

«Il Venezuela può essere considerato come uno di quei paesi, al pari di Brasile e Cina, che contribuiscono maggiormente alla cooperazione Sud-Sud nel mondo», ha dichiarato Thomas da Roma, in Italia, dove si sviluppa la 39° conferenza dell’organizzazione.

Il direttore dell’Ufficio per la Cooperazione Sud-Sud della FAO, Carlos Watson, ha evidenziato i progressi nelle relazioni di sostegno e contributo reciproco che il Venezuela ha raggiunto con gli altri paesi, nell’ambito della riduzione di fame e denutrizione nel mondo.

«La prima iniziativa di cooperazione Sud-Sud che abbiamo con il Venezuela, è diretta a 10 paesi dell’America Latina membri dell’ALBA (Alianza Bolivariana para los pueblos de Nuestra América), poi ci sono state altre esperienze e scambi», ha spiegato Watson.

In occasione della 39° conferenza, in fase di svolgimento dal 6 al 13 di giugno, il Venezuela riceverà un nuovo riconoscimento per i risultati raggiunti nell’ambito dell’alimentazione.

Un premio che arriva dopo quello del 2012, ottenuto per aver ridotto di oltre il 50% fame e povertà estrema, e il riconoscimento arrivato nel 2013 quando il Venezuela è riuscito ad abbattere il numero delle persone che soffrono la fame, dal 13,5% al 5%.

Nel 2014 è stato annunciato un nuovo riconoscimento da parte della FAO, espressamente diretto alla Misión Alimentación, iniziativa che promuove i programmi sociali implementati dal Governo Nazionale con giornate dedicate alla distribuzione di beni alimentari a prezzi equi per il popolo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

FAO premia Maduro per la lotta alla fame

Venezuela. Fao premia Maduro per lotta contro la fameda tribunodelpopolo.it

Per lo stupore della stampa occidentale, che non se ne capacita, la Fao (Food and Agricolture Organization) ha premiato il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, per il suo impegno e per i risultati conseguiti nella lotta contro la fame. Eppure secondo gli Usa, l’Europa e molti intellettuali alla “Saviano”, Caracas rappresenta un “regime”. Un “regime” talmente bizzarro da essere stato votato democraticamente.

Spesso quando si vuole perorare una causa piuttosto che un’altra sarebbe necessario partire da un punto fermo: conoscere i fatti. E’ sin troppo facile infatti definire buono o cattivo questo o quel paese sulla base del giudizio che spesso un pugno di opinion leaders affida troppo frettolosamente ai salotti Tv, più difficile approfondire e contestualizzare. A nostro avviso è quello che accade al Venezuela, paese vittima di una importante campagna di demonizzazione mediatica ormai da diversi anni proprio perché il suo governo, quello di Chávez prima, e di Maduro poi, è inviso all’occidente per ovvi motivi politici e geopolitici.

Il problema è che Hugo Chávez prima e Nicolás Maduro poi hanno vinto democraticamente le elezioni e di conseguenza la loro rivoluzione Bolivariana di stampo socialista è del tutto legittima. E quanti lamentano autoritarismo e tendenze autoritarie da parte del governo dovrebbero comunque compiere lo sforzo di ricordare che cosa fosse il Venezuela prima dell’avvento del chavismo, ovvero un paese poverissimo in balìa delle bande criminali, dell’analfabetismo e della corruzione spietata al servizio delle multinazionali e dei potentati stranieri.

Ai salotti non piaceva Chávez, militare dai modi spicci, e non piace Maduro, che con la sua semplicità fa arricciare il naso ai benpensanti opinion leaders di casa nostra, quelli che per intenderci abboccano ogni volta alle campagne di isteria e demonizzazione contro il “regime” di turno. Non piace nemmeno a personaggi come Saviano che, incautamente, hanno accusato Caracas di essere collusa con il narcotraffico prendendo per buone notizie di fonte Dipartimento di Stato Usa, ovvero lo stesso paese, gli Stati Uniti, che nel 2001 ha tentato un golpe contro il chavismo e che ininterrottamente finanzia e supporta l’opposizione di destra per destabilizzare il governo venezuelano.

Quella che però non si può occultare è la realtà, e infatti la Fao, ovvero il programma Food And Agricolture Organization delle Nazioni Unite, ha deciso di premiare proprio il presidente venezuelano Nicolás Maduro per il suo impegno nel combattere la fame in Venzuela.

“Il Venezuela è il Paese che ha combattuto di più la fame nel mondo, grazie ai programmi sociali di cibo e al lavoro quotidiano instancabile”, ha spiegato la Fao, che ha fatto riferimento al piano di sussidio istituito da Chávez nel 2003. Secondo recenti statistiche tale programma è riuscito nell’impresa di distribuire circa 26,5 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, sconfiggendo la fame in quasi tutto il Paese.

Ma non è finita qui, anche se il Venezuela sta attraversando una difficile congiuntura economica a causa della crisi dovuta anche ai prezzi del petrolio, secondo la tv sudamericana Telesur, Maduro avrebbe deciso di chiedere un aumento delle spese per l’allargamento del piano voluto da Chávez: “Tra il 2015 e il 2016 saranno stanziati 24 miliardi di BsF per la costruzione di nuovi centri di distribuzione e supermercati Mercal”. Ma non si tratta solo di propaganda dato che è stato lo stesso Fao a riconoscere che il governo venezuelano ha diminuito la povertà del 50% nel 2012. Di fronte ai dati gli opinionisti cosiddetti e sedicenti “democratici” semplicemente non ne parlano, preferendo dare invece spazio a tutte le rivendicazioni dell’opposizione venezuelana, dipinta invece sempre e comunque con toni positivi.

 

Roma: il G77+Cina rigetta le sanzioni Usa contro il Venezuela

pueblo_venzlada mre.gov.ve

I paesi membri del G77 e Cina accreditati presso la FAO e le altre organizzazioni delle Nazioni Unite con sede a Roma, riuniti in sessione pleanaria, lo scorso venerdì hanno approvato il comunicato emesso dal G77+Cina – capitolo New york, dove si rigetta la decisione del governo degli Stati Uniti d’America di estendere le sanzioni unilaterali contro il Venezuela.

Il comunicato invita il governo degli Stati Uniti ad abrogare le sanzioni imposte alla Repubblica Bolivariana del Venezuela, sottolineando che vanno contro la Carta delle Nazioni Unite e i principi che regolano il diritto internazionale.

Alla testa del gruppo di supporto al Venezuela il presidente del G77+Cina, l’ambasciatore della Repubblica Islamica dell’Iran, Majid Dehghan Shoar, seguito dai presidenti dei gruppi regionali che compongono il G-77: Africa, Asia, America Latina e Caraibi, e il Medio Oriente.

L’ambasciatrice della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso la FAO, Gladys Urbaneja Durán, ha ringraziato a nome del governo bolivariano e del popolo venezuelano, tutte le missioni diplomatiche indicando che questo appoggio totale ricevuto a Roma costituisce una dimostrazione di unità e coerenza del G77+Cina alle Nazioni Unite, e una prova della solidarietà che la comunità internazionale ha dato alla Rivoluzione Bolivariana.

Il G77+Cina è l’organizzazione intergovernativa dei paesi in via di sviluppo più grande in seno alle Nazioni Unite, sin dalla sua fondazione nel 1964 ha esortato ad adottare azioni efficaci e urgenti per eliminare l’uso di misure economiche coercitive unilaterali nei confronti di qualsiasi Stato, in particolare verso i paesi in via di sviluppo.

In questa sessione plenaria, è stato anche evidenziato il contributo della Repubblica Bolivariana del Venezuela a rafforzare la cooperazione Sud-Sud, la solidarietà e le relazioni di amicizia tra i popoli, in particolare attraverso l’attuazione dei programmi di cooperazione per l’eradicazione della fame.

A questo proposito, l’ambasciatrice Urbaneja, ha evidenziato che grazie a uno stanziamento iniziale di 12 milioni di dollari messi a disposizione dal governo venezuelano, si darà inizio al Programma di Cooperazione Triangolare di Sicurezza e Sovranità Alimentare e Nutrizionale per l’America Latina e i Caraibi (SANA), rivolto ai ventuno paesi aderenti l’accordo Petrocaribe e l’Alleanza Bolivariana per i Popoli di Nuestra America – ALBA.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

FAO reconoce a la Misión Alimentación

por Ciudad CCS

El presidente de la República, Nicolás Maduro, informó ayer durante un consejo de ministros realizado en el Palacio de Miraflores, que la Misión Alimentación recibió un reconocimiento por parte de la Organización de las Naciones Unidas para la Alimentación y la Agricultura (FAO, por sus siglas en inglés).

“Nos ha llegado un reconocimiento de la FAO. Venezuela hoy, 16 de octubre, recibe un reconocimiento mundial por todo lo que se hace en la Misión Alimentación para garantizar la soberanía alimentaria”, expresó.

El primer mandatario señaló que el reconocimiento especial es por los logros alcanzados en materia de seguridad alimentaria, con lo que se ha logrado mejorar el acceso de toda la población venezolana a los alimentos, como reza el documento que resalta los logros de la Misión Alimentación en todo el territorio nacional.

Esta iniciativa impulsa los programas sociales implementados por el Gobierno Nacional con jornadas de distribución de alimentos para sus trabajadores. También adelanta programas para la salud y nutrición de los niños de la Patria, a través del Programa de Alimentación Escolar, que elabora el menú que se ofrece en las escuelas públicas con alimentos sanos y soberanos.

“Vamos ganando prestigio en base a una obra. Venezuela hoy vuelve a recibir reconocimiento mundial por todo lo que hace la Misión Alimentación”, enfatizó el jefe de Estado.

En junio del año pasado, la FAO otorgó a Venezuela un reconocimiento por estar dentro del grupo de los 15 países que han realizado progresos por reducir la prevalencia de la subnutrición, que pasó de 13,5% en el período 1990-1992, a menos de 5% durante el lapso 2010-2012. De este modo, logró uno de los objetivos de desarrollo del milenio referente al hambre.

Punta de lanza

El presidente Nicolás Maduro destacó que la Misión Alimentación, puesta en marcha en abril de 2003 para garantizar la distribución de los alimentos en la población venezolana, avanzará hacia el impulso y consolidación del modelo económico productivo y de la soberanía alimentaria en el país.

“La Misión Alimentación debe ser, no solo para distribuir y colocar productos alimenticios (…), tiene que ser para producirlo”, dijo el mandatario nacional, al recordar que eso forma parte del legado del creador de este programa social, el Comandante Hugo Chávez.

“Es muy importante que la Misión Alimentación sea una productiva”, reiteró.

Maduro insistió en avanzar hacia una nueva etapa de esta misión, “que es la etapa donde vinculamos el desarrollo local, regional productivo con todo el sistema de tienda: mercados, hipermercados, abastos, Mercal y Pdval que tenemos en el país. Una nueva etapa”.

Renovarán Misión Agrovenezuela

El Gobierno prepara un evento especial para lanzar una nueva fase de la Gran Misión AgroVenezuela, dirigida a impulsar la producción agrícola.

“Vamos a renovarla completica, cada aspecto, para que funcione cada vez mejor”, puntualizó.

La Gran Misión AgroVenezuela nació en 2011 por iniciativa del líder de la Revolución Bolivariana, Hugo Chávez, a fin de incrementar la superficie de siembra en el país y la producción agrícola. Esta misión incluye un registro de productores agrícolas y apoyo financiero y técnico.

Maduro expresó que el país debe seguir avanzando en las hectáreas de siembra e industrializar procesos agroproductivos, para lo cual sostuvo que los recursos están garantizados.
“Nosotros garantizamos inversión para el desarrollo del campo como nunca antes en la historia, garantizamos apoyo al que trabaja, con créditos, subsidio y maquinarias cuando hace falta . No puede faltar ni fallar nada (…) en financiamiento para la producción, subsidio cuando hace falta para proteger al productor y al consumidor, en maquinaria, tecnología, semillas, apoyo moral, formativo, político, de todo tipo”, manifestó.

Maduro instó a los ministros que integran la Vicepresidencia de Seguridad y Soberanía Alimentaria a trabajar como un solo equipo o un Estado mayor en “una batalla que Venezuela tiene que seguir ganando, para la producción de alimentos y la garantía de seguridad y soberanía alimentaria”, sostuvo.

Por otro lado, Maduro llamó a los venezolanos a sumarse a la campaña del Estado que promueve una alimentación sana y a superar la comida chatarra.

Il piano della FAO contro la fame nel mondo porterà il nome di Hugo Chávez

10168095_659533854139192_4244273498399652536_nda telesurtv.net

La Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO, per il suo acronimo in inglese) a Caracas ha annunciato il 7 aprile ultimo scorso, che il piano per l’eradicazione della fame che propone questa agenzia sarà dedicato a Hugo Chávez Frías, in onore del leader della Rivoluzione Bolivariana; il modo migliore per onorare la memoria di colui che è stato tanto lungimirante in relazione a questo tema.

 «Questa è la migliore maniera che abbiamo per omaggiare quest’uomo che è stato così lungimirante su questo argomento. Ha anticipato di 10 anni il resto dei leader mondiali e lo reso effettivo», ha dichiarato il direttore regionale di tale organizzazione, Raúl Benítez, durante un’intervista al programma Cruce de Palabras, che trasmette Telesur.

Ha spiegato che attualmente l’organizzazione progredisce in attuazione ad un programma che permette l’accesso al cibo per i settori più svantaggiati. L’eliminazione della fame in America Latina e nei Caraibi è diventato il più grande impegno della FAO.

Raúl Benítez ha evidenziato l’integrazione e l’importanza che hanno dato i governi progressisti ai piani per combattere la fame nella regione.

Ha descritto come positivo il fatto che l’America Latina è la regione con i più alti livelli in materia di lotta contro la fame. Inoltre ha dichiarato che molto resta da fare, «lavoreremo per costruire una cultura alimentare che dipenda non solo da un governo, ma dalle famiglie», ha affermato Benítez.

Ha rivelato che circa 840 milioni di persone soffrono la fame nel mondo, una cifra che a suo parere, è allarmante e sventurata per la popolazione mondiale. Tuttavia, ha dichiarato che in America Latina e nei Caraibi si produce cibo per circa 750 milioni di persone.

«Il cibo è disponibile, ma non tutti ne hanno accesso», ha fatto sapere il direttore regionale della FAO. Ha sottolineato che, nonostante gli sforzi e la dedizione delle organizzazioni di tutto il mondo, ad oggi ci sono circa 47.000 persone in America Latina che vanno a letto senza mangiare.

Haiti rimane il paese con i livelli di povertà più problematici nella regione, un fatto che, secondo le sue stesse parole, si deve  ai problemi che hanno dovuto affrontare da diversi anni.

«Ci auguriamo che il popolo haitiano possa migliorare la propria situazione, grazie all’integrazione della Comunità dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC), la Comunità dei Caraibi (CARICOM), il Mercato comune del Sud (Mercosur) e Petrocaribe».

Ha dichiarato che il Nicaragua è il paese che più ha avanzato nella lotta contro la fame, registrando meno del 20 per cento della popolazione che vive in povertà.

A metà del 2013, il direttore generale della FAO, José Graziano da Silva si è congratulato con il Venezuela e altri 15 paesi per aver raggiunto con successo gli obiettivi per sradicare la fame e così continua ad avanzare.

Secondo i dati della FAO, tra il 1990 e il 1992, il Venezuela ha registrato il 13,5 per cento della sua popolazione con problemi legati all’insufficienza alimentare, mentre tra il 2007 e il 2012 questa cifra era pari a solo il 5 per cento.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

 

Il Venezuela vince il premio per lo sviluppo migliore

Maduro a Roma incontra il Papa. La Fao: «Avete sconfitto la fame»

di Geraldina Colotti

Il Manifesto, 18giu2013

Roma. Nell’ambito della Conferenza biennale della Fao, che si concluderà il 22 giugno, il Venezuela ha ricevuto un premio per aver raggiunto anzitempo sia il primo Obiettivo di sviluppo del millennio – dimezzare la proporzione di coloro che soffrono la fame entro il 2015 – sia quello stabilito dal Vertice Mondiale dell’Alimentazione, ovvero dimezzare per il 2015 il numero dei sottonutriti. Un traguardo raggiunto da 18 paesi. «Siete la prova vivente che quando una società decide di porre fine alla fame, e quando c’è un impegno politico da parte dei governi, possiamo trasformare quella volontà in azioni e risultati concreti», ha dichiarato il Direttore generale della Fao, il brasiliano Graziano da Silva. Un impegno eroico per il governo di Cuba, strozzata dal blocco economico Usa, che dura da oltre 50 anni. La platea della Conferenza – massimo organo di governo dell’Organizzazione, gremita di rappresentanze diplomatiche, capi di Stato e giornalisti – ha infatti tributato il più alto volume di applausi a Cuba e Venezuela.

Per la Repubblica bolivariana ha ritirato il premio il presidente Nicolas Maduro, eletto il 14 aprile dopo la scomparsa di Hugo Chávez, il 5 marzo.

«Ricevo questo riconoscimento a nome del popolo venezuelano e dell’uomo che ha reso possibile la lotta contro la fame nel mio paese e ne ha fatto una ragione di vita, Hugo Chávez», ha detto il capo di stato venezuelano rendendo omaggio al suo predecessore. «Non è vero, come pensano alcuni, che abbiamo bisogno di meno stato – ha aggiunto Maduro – occorrono politiche pubbliche in grado di tutelare la popolazione più esposta fortificando il quadro legale entro cui garantire il primo dei diritti umani, quello all’alimentazione». Quindi ha elencato i principali passi concreti compiuti in merito dal governo bolivariano: i 22.000 punti di distribuzione alimentare, i sussidi – rivolti al 61% delle famiglie – che coprono tra il 70 e l’80% dei prodotti basici; le Case di alimentazione, che forniscono cibo gratuito. Misure che «hanno consentito di ridurre la percentuale di sottonutriti dal 13,8% esistente prima della Rivoluzione, al 2,4% attuale». Oggi, la popolazione venezuelana consuma ogni giorno 3.182 calorie a persona. «Molto è stato fatto, ma tanto altro è ancora da fare. E per fortuna la rivoluzione è in buone mani», ha detto ancora Maduro, denunciando che il suo paese «soffre per una guerra economica contro il rifornimento di alimenti».

Un atto di accusa ai grandi gruppi privati che cercano di condizionare il clima politico in Venezuela facendo mancare i prodotti dai supermercati e organizzando il sabotaggio della produzione.

Anche per questo, per incrementare gli sforzi verso la diversificazione dell’economia in un paese che possiede le più grandi riserve di petrolio certificate al mondo, il presidente socialista ha chiesto aiuto alla Fao: per uno speciale programma di assistenza tecnica che estenda la produzione in ambito rurale e per il miglioramento della qualità dei prodotti alimentari. «In Venezuela – ha detto – abbiamo 33 milioni di ettari coltivabili per alimenti; ce ne restano da coltivare 30 milioni perché, come sanno i paesi petroliferi dell’Opec, i modelli di sultanato petrolifero che ci hanno imposto in precedenza ci hanno costretto ad abbandonare il campo e la sua cultura produttiva di cui ci stiamo riappropriando». In quest’ottica – ha annunciato – si svolgerà anche la prossima riunione di Petrocaribe, prevista per il 29 giugno in Nicaragua.

Insieme a una nutrita delegazione di governo, Maduro – al suo primo viaggio europeo da presidente -, ha anche incontrato il papa – con cui ha discusso anche del processo di pace in Colombia – e poi il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E ha visitato il monumento a Simon Bolivar, a Roma. Lì ha rinnovato il giuramento del libertador nella condanna «a un sistema di sfruttamento, egoista e feroce, che provoca fame, guerre e disuguaglianze». Il cammino di Bolivar – ha detto – «oggi deve avanzare su un terreno minato, ma continua nel socialismo bolivariano, cristiano e umanista».

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: