(VIDEO) En Nápoles el mural del Che más grande al mundo

por Rete Solidarietà Caracas ChiAma

En el “Bronx” de Nápoles nace el mega mural del Che Guevara más grande al mundo. Realizado por el artista napolitano Jorit Agoch, el mural es un detalle que el mismo artista hace al pueblo del barrio popular de Taverna del Ferro (San Giovanni a Teduccio en la periferia este de Nápoles).

El pueblo reconoce al artista que reconoce al pueblo y por esto la obra es autofinanciada por el mismo pueblo organizado, aunque el artista “clandestino” no da a conocer ni su cara ni su nombre verdadero.

Regresando de la entidad sionista donde pintó sobre el muro de la vergüenza el rostro de la activista palestina Ahed Tamimi (cosa que ha significado para el artista el arresto por parte de las fuerzas de represión sionistas pero también un empuje para la liberación de la misma activista que fue hace varios meses detenida por haber abofeteado a un soldado de la entidad sionista) Jorit de inmediato se puse en el nuevo trabajo.

Nos pidió alguna ayuda y la mejor ayuda que hemos podido proporcionar para él es contribuir en fortalecer la idea que el arma estratégica por cada iniciativa, también aquella artística, es la movilización revolucionaria de las masas populares que así se van organizándose tomando confianza en sus propias capacidades y sus propios esfuerzos.
___

De Pío al Che: poesía y revolución

Nessun testo alternativo automatico disponibile.por David Gómez Rodríguez
@davidgómez_rp

Algunos dicen que agua y fuego son elementos antagónicos, pero ¿qué sería de la humanidad sin el sol o sin los ríos? Resulta que tal antagonismo se diluye en nuestra propia vitalidad. Lo mismo pasa cuando hablamos de revolución y poesía porque generalmente evocamos a la revolución, rígidos, como imitando a Stalin frente a un manual. Y cuando decimos poesía caemos cursilerías y elitismos. Pero ni lo uno ni lo otro, para la humanidad la revolución y la poesía son tan vitales como el fuego y el agua, cuestión que se demuestra a través de la vida del José Pío Tamayo y Ernesto “Che” Guevara. Pero si nos dejamos llevar por el esnobismo y la moda, quedaríamos en blanco, porque del Che el cliché y de Pío ni pío… en este mundo superficial. ¡Hay que profundizar!

Francisco Tamayo asegura que la palabra Tocuyo significa «río de luna», y en esa lógica comprendemos a Pío cuando declara: «indio tocuyo soy». Y en la metáfora lo han querido minimizar en la poesía, borrar su compromiso con la humanidad y sus históricas luchas, pero es nuestro compromiso mostrar su tesón, porque es muy cierto que el llamado «floricultor de hazañas» desarrolló una obra literaria de vanguardia: escritos en la prensa, una novela, cartas y poemas sueltos en su gesta internacionalista, pero no es menos cierto que esa gesta fue profundamente revolucionaria y que constituye uno de los antecedentes del marxismo más importantes de nuestra abrazada América.

L'immagine può contenere: sMSEl 5 de este mes conmemoramos un año más de la muerte de José Pío Tamayo, muchos abrogan esa muerte a un poema llamado «Homenaje y demanda del indio» reduciendo en las palabras todo el peligro que representaba este hombre para el gomesismo. Es cierto que ese poema impactó tanto en los estudiantes de la época, que incluso los discursos de Jóvito Villalba y Rómulo Betancourt quedaron en un segundo plano. Pero el poema no fue más que el eco de toda una vida de militancia, donde el joven aportó a la organización campesina y obrera de más de seis países del continente, participó en la fundación del partido comunista cubano y formó políticamente desde el marxismo-leninismo a otros compañeros y compañeras en espacios como la llamada «Carpa Roja», la cual se convirtió en una escuela dentro de la cárcel que luego echaría las bases para la creación del partido comunista de Venezuela, influyendo en hombres como Miguel Acosta Saignes, Kotepa Delgado y el propio Andrés Eloy Blanco.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.No es extraño entonces que, Miguel Acosta Saignes exprese «Él fue un maestro del futuro en medio de jóvenes desorientados. Él alzó la mano del guía frente a los adolescentes que marchaban atropelladamente, llenos de impulsos juveniles por una justicia inconcreta y de intuiciones creadoras, pero sin conocimientos», y menos extraño es que un personaje llamado Rafael Ángel Arraiz le escribiera a Juan Vicente Gómez que Pío Tamayo era un «temible agente del comunismo internacional», cuestión que, como en el caso del Che, constituye la verdadera causa de su muerte.

L'immagine può contenere: 1 persona, sMSAhora, ¿por qué el Che Guevara en medio de un escrito sobre Pío Tamayo? –O viceversa– Pues porque sufren de un olvido similar: mientras a uno tratan de desconocerlo como revolucionaria al otro lo han desconocido como poeta. Sí, el Che también es un poeta, y está registrada su obra en un poemario publicado por la Editorial La Espada Rota y prologado nada más y nada menos que por Mario Benedetti.

Al Ché, colmado de loas por su carácter revolucionario, lo han querido borrar entre su propia gloria. Pero el Che en su humanidad resiste y siempre nos da nuevas oportunidades para mirarlo, no sólo como el guerrillero, sino como el hombre que a través de diarios y de una limitada poesía nos mostró la abrazada América desde la miseria y la esperanza.

El Ché realiza la mayor parte de sus poemas en México, antes de embarcar en el Granma junto a Fidel Castro y los ochenta hombres que tratarían de «tomar el cielo por asalto» en Cuba, y escribió: «El mar me llama con su amistosa mano / Mi prado –un continente– / se desenrosca suave e indeleble / como una campana en el crepúsculo». El Comandante Ernesto “Che” Guevara, un poeta que no podríamos tomar por ingenuo, porque basta era su lectura, prueba de ello es el llamado «Cuaderno verde» escrito en Bolivia, en el cual transcribe poemas de autores como León Felipe, Lorca y Pablo Neruda. Asimismo podríamos tomar como prueba los testimonios de escritores como Julio Cortazar, el cual lo caracterizó hablando de literatura como «un hombre cultísimo».

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, barba e sMSVemos entonces como la poesía y la revolución se hacen una, se complementan y se funden en las virtudes del pueblo. En ese sentido nos quedan grandes deudas: difundir la poesía del Ché y profundizar en su pensamiento, es una; y salvar a Pío de su peor muerte: el silencio y el olvido, es otra. Por ello volvemos a gritar ¡Pío Tamayo al Panteón Nacional!

Canto a Fidel

Vámonos,
ardiente profeta de la aurora,
por recónditos senderos inalámbricos
a liberar el verde caimán que tanto amas.

Vámonos,
Derrotando afrentas con la frente
plena de martianas estrellas insurrectas,
juremos lograr el triunfo o encontrar la muerte.

Cuando suene el primer disparo y se despierte
en virginal asombro la manigua entera,
allí, a tu lado, serenos combatientes,
nos tendrás.

Y cuando llegue el final de la jornada
la sanitaria operación contra el tirano,
allí, a tu lado, aguardando la postrer batalla,
nos tendrás.

El día que la fiera se lama el flanco herido
donde el dardo nacionalizador le dé,
allí, a tu lado, con el corazón altivo,
nos tendrás.

No pienses que puedan menguar nuestra entereza
las decoradas pulgas armadas de regalos,
pedimos un fusil, sus balas y una peña
nada más.

Y si en nuestro camino se interpone el hierro,
pedimos un sudario de cubanas lágrimas
para que se cubran los guerrilleros huesos
en el tránsito a la historia americana.
Nada más.

Ernesto “Che” Guevara

Onore alla combattente Monika Ertl!

di Nina Ramon – Cubadebate

Oggi veniva uccisa Monika Ertl mai ricordata come doveva. Onore a lei 

Monika Ertl: la donna che giustiziò l’uomo che tagliò le mani al Che.

Ad Amburgo, in Germania, erano le dieci meno venti della mattina del 1° aprile 1971. Una bella ed elegante donna dai profondi occhi color del cielo entra nell’ufficio del console della Bolivia e, aspetta pazientemente di essere ricevuta.

Mentre fa anticamera, guarda indifferente i quadri che adornano l’ufficio. Roberto Quintanilla, console boliviano, vestito elegantemente con un abito oscuro di lana, appare nell’ufficio e saluta, colpito dalla bellezza di quella donna che dice di essere australiana, e che pochi giorni prima gli aveva chiesto un’intervista.

Per un istante fugace, i due si trovano di fronte, uno all’altra. La vendetta appare incarnata in un viso femminile molto attraente. La donna, di bellezza esuberante, lo guarda fissamente negli occhi e senza dire nulla estrae un pistola e spara tre volte. Non ci fu resistenza, né lotta. Le pallottole hanno centrato il bersaglio. Nella sua fuga, lasciò dietro di sé una parrucca, la sua borsetta, la sua Colt Cobra 38 Special, ed un pezzo di carta dove si leggeva: “Vittoria o morte. ELN”.

Chi era questa audace donna e perché avrebbe assassinato “Toto” Quintanilla?

Nella milizia guevarista c’era una donna che si faceva chiamare Imilla, il cui significato in lingua quechua ed aymara è Niña o giovane indigena. il suo nome di battesimo: Monica (Monika) Ertl. Tedesca di nascita, che aveva realizzato un viaggio di undici mila chilometri dalla Bolivia persa, con l’unico proposito di giustiziare un uomo, il personaggio più odiato dalla sinistra mondiale: Roberto Quintanilla Pereira.

Lei, a partire da quello momento, si trasformò nella donna più ricercata del mondo. Accaparrò le prime pagine dei giornali di tutta l’America. Ma quali erano le sue ragioni e quali le sue origini?

Ritorniamo al 3 marzo 1950, data in cui Monica era arrivata in Bolivia con Hans Ertl –suo padre–attraverso quella che sarebbe stata conosciuta come la rotta dei topi, cammino che facilitò la fuga di membri del regime nazista verso il Sud-America, terminato il conflitto armato più grande e sanguinoso della storia universale: la II Guerra Mondiale.

La storia di Monica si conosce grazie all’investigazione di Jürgen Schreiber. Quello che io vi presento è appena una piccola parte di questa appassionante storia che include molti sentimenti e personaggi.

Hans Ertl (Germania, 1908-Bolivia, 2000) alpinista, innovatore di tecniche sottomarine, esploratore, scrittore, inventore e materializzatore di sogni, agricoltore, ideologo convertito, cineasta, antropologo ed etnografo affezionato. Molto presto ha raggiunto la notorietà ritraendo i dirigenti del partito nazionalsocialista quando filmava la maestosità, l’estetica corporale e le destrezze atletiche dei partecipanti nei Giochi Olimpici di Berlino (1936), con la direzione della cineasta Leni Riefenstahl, che glorificò i nazisti.

Tuttavia, ebbe l’infortunio di essere riconosciuto dalla storia (e la sua posteriore disgrazia), come il fotografo di Adolfo Hitler, benché l’iconografo ufficiale del Führer sia stato Heinrich Hoffman dello squadrone di difesa. Citano alcune fonti che Hans era assegnato per documentare le zone di azione del reggimento del famoso maresciallo di campo, soprannominato la “Volpe del Deserto” Erwin Rommel, nella sua traversata per Tobruk, in Africa.

Come dato curioso, Hans non appartenne al partito nazista però, malgrado odiasse la guerra, esibiva con orgoglio la giacca progettata da Hugo Boss per l’esercito tedesco, come simbolo delle sue gesta in altri tempi, ed il suo garbo ariano. Detestava che lo chiamassero “nazista”, non aveva nulla contro di loro, ma neanche contro gli ebrei. Per ironico che sembri fu un’altra vittima della Schutzstaffel.

Al termine della Seconda Guerra Mondiale, quando il Terzo Reich precipitò, i gerarchi, collaboratori e parenti del regime nazista fuggirono dalla giustizia europea rifugiandosi in diversi paesi, tra cui, quelli del continente americano, col beneplacito dei loro rispettivi governi e l’appoggio incondizionato degli Stati Uniti. Si dice che era una persona molto pacifica e non aveva nemici, cosicché optò per rimanere in Germania per un periodo, lavorando in assegnazioni minori al suo status, fino a che emigrò con la sua famiglia. Prima di tutto in Cile, nell’arcipelago australe di Juan Fernandez, “affascinante paradiso perso”, dove realizzò il documentario Robinson (1950), prima di altri progetti.

Dopo un lungo viaggio, Ertl si stabilisce nel 1951 a Chiquitania, a 100 chilometri della città di Santa Cruz. Fino a lì arrivò per stabilirsi nelle prospere e vergini terre come un conquistatore del XV secolo, tra la spessa ed intricata vegetazione brasiliano-boliviana. Una proprietà di 3.000 ettari dove avrebbe costruito con le sue proprie mani e con materia autoctona quella che è stata la sua casa fino ai suoi ultimi giorni; “La Dolorida”.

Il vagabondo della montagna, come era conosciuto dagli esploratori e scienziati, deambulava col suo passato in spalla, nell’immensa natura con la visione avida di sviscerare e catturare con la sua lente tutto quello percepito nel suo ambiente magico in Bolivia, mentre cominciava una nuova vita accompagnato da sua moglie e le sue figlie. La maggiore si chiamava Monica, aveva 15 anni quando è incominciato l’esilio e, qui incomincia la sua storia…

Monica aveva vissuto la sua infanzia in mezzo all’effervescenza dei nazismi della Germania e quando emigrarono in Bolivia imparò l’arte di suo padre, fatto che le è servito per lavorare poi col documentarista boliviano Jorge Ruiz. Hans realizzò in Bolivia vari film (Paitití e Hito Hito) e trasmise a Monica la passione per la fotografia. Certamente possiamo considerare Monica come una pioniera, la prima donna a realizzare documentari nella storia del cinema.

Monica è cresciuta in un circolo tanto chiuso come razzista, nel quale brillavano tanto suo padre come un altro sinistro personaggio al quale ella si abituò a chiamare affettuosamente “Lo zio Klaus”. Un imprenditore tedesco (pseudonimo di Klaus Barbie (1913-1991) ed ex capo della Gestapo a Lyon, in Francia) meglio conosciuto come il “Macellaio di Lyon.”

Klaus Barbie, cambierà il suo cognome per “Altmann” prima di invischiarsi con la famiglia Ertl. Nello stretto circolo di personalità a La Paz, dove quest’uomo guadagnò sufficiente fiducia in modo che, lo stesso padre di Monica, è riuscito a fargli ottenere il suo primo impiego in Bolivia come cittadino Ebreo Tedesco, che poi si dedicò ad essere consigliere delle dittature sud-americane.

La celebre protagonista di questa storia, si sposò con un altro tedesco a La Paz e visse vicino alle miniere di rame nel nord del Cile ma, dopo dieci anni, il suo matrimonio fallì ed ella si trasformò in una politica attiva che appoggiò cause nobili. Tra le altre cose aiutò a fondare una casa per orfani a La Paz, ora convertito in ospedale.

Visse in un mondo estremo circondata di vecchi lupi torturatori nazisti. Qualunque indizio perturbatore non gli risultava strano. Tuttavia, la morte del guerrigliero argentino Ernesto Che Guevara nella selva boliviana (ottobre del 1967) aveva significato per lei lo spintone finale per i suoi ideali. Monica –secondo sua sorella Beatriz–“adorava il “Che” come se fosse un Dio.”

A causa di questo, la relazione padre e figlia fu difficile per questa combinazione: un fanatismo aderito ad un spirito sovversivo; chissà fattori detonanti che generarono una posizione combattiva, idealistica, perseverante. Suo padre fu il più sorpreso e, con il cuore rotto, la cacciò dalla tenuta. Forse questa sfida produsse in lui una certa metamorfosi ideologica negli anni 60, fino a trasformarlo in un collaboratore e difensore indiretto della Sinistra in Sud-America.

“Monica fu sua figlia favorita, mio padre era molto freddo verso di noi e lei sembrava essere l’unica che amava. Mio padre nacque come risultato di una violenza, mia nonna non gli mostrò mai affetto e questo lo segnò per sempre. L’unico affetto che mostrò fu per Monika”, ha detto Beatriz in un’intervista per la BBC News.

Alla fine degli anni sessanta, tutto cambiò con la morte del Che Guevara, Monica ruppe con le sue radici e diede un drastico cambio per entrare in pieno nella milizia con la Guerriglia di Ñancahuazú, come aveva fatto il suo eroe in vita, per combattere la disuguaglianza sociale.

Monica smise di essere quella ragazza appassionata per la macchina fotografica per convertirsi in “Imilla la rivoluzionaria” rifugiata in un accampamento delle colline boliviane. Man mano che sparivano dalla faccia della Terra la maggior parte dei suoi membri, il suo dolore si trasformò in forza per reclamare giustizia, trasformandosi in una chiave operativa per l’ELN.

Durante i quattro anni che rimase nell’accampamento scrisse a suo padre solamente una volta all’anno, per dire testualmente: “non si preoccupino per me… sto bene”. Tristemente, non l’ha potuta vedere mai più; né viva, né morta.

Nel 1971 attraversa l’Atlantico e torna alla sua Germania natale, ed ad Amburgo uccide personalmente il console boliviano, il colonnello Roberto Quintanilla Pereira, responsabile diretto dell’oltraggio finale a Guevara: l’amputazione delle sue mani, dopo la sua fucilazione a La Higuera. Con quella profanazione firmò la sua sentenza di morte e, da allora, la fedele “Imilla” si propose una missione di alto rischio: giurò che avrebbe vendicato il Che Guevara.

Dopo avere raggiunto il suo obiettivo iniziò una battuta di caccia che attraversò paesi e mari e che solo trovò la sua fine quando Monica cadde nell’anno 1973, in un’imboscata che secondo alcune fonti fedeli gli tese il suo traditore “zio” Klaus Barbie.

Dopo la sua morte, Hans Erlt continuò a vivere ed a filmare documentari in Bolivia, dove morì all’età di 92 anni (anno 2000) nella sua tenuta ora convertita in museo grazie all’aiuto di alcuni istituzioni della Spagna e della Bolivia. Lì rimane sepolto, accompagnato dalla sua vecchia giacca militare tedesca, la sua fedele compagna degli ultimi anni. Il suo sepolcro rimane tra due pini e terra della sua Bavaria natale. Lui stesso si incaricò di prepararlo e sua figlia Heidi di rendere realtà il suo desiderio. Hans aveva espresso in un’intervista concessa all’agenzia Reuters:

“Non voglio ritornare al mio paese. Voglio, perfino da morto, rimanere in questo nuova mia terra”.

In un cimitero di La Paz, si dice riposino “simbolicamente” i resti di Monica Ertl. In realtà non sono mai stati consegnati a suo padre. I suoi appelli furono ignorati dalle autorità. Questi rimangono in qualche posto sconosciuto del paese boliviano. Giacciono in una fossa comune, senza una croce, senza un nome, senza una benedizione di suo padre.

Così fu la vita di questa donna che in un periodo, secondo la destra fascista di quegli anni, praticava “il comunismo” e per conseguenza “il terrorismo” in Europa. Per alcuni il suo nome rimane inciso nei giardini della memoria come guerrigliera, assassina o chissà terrorista, per altri come una donna coraggiosa, che ha compiuto una missione.

Secondo me, è una parte femminile di una rivoluzione che lottò per le utopie della sua epoca, e che alla luce dei nostri occhi c’obbliga a riflettere, un’altra volta su questa frase: “Non sottovaluti mai il valore di una donna.”

[Trad. dal castigliano per Cubadebate di Ida Garberi]

Napoli 19apr2016: Che Guevara è ancora qui

L’Assalto alla Caserma Moncada

f0008671da it.granma.cu

Il 26 di Luglio del 1953 fu la risposta del popolo cubano alla situazione creata da Fulgencio Batista con il colpo di Stato, il 10 marzo del 1952, e la ricerca di un cammino con una Rivoluzione che permettesse di sradicare i gravi danni economici e sociali provocati dal controllo nordamericano.

Il 26 di Luglio del 1953 fu la risposta del popolo cubano alla situazione creata da Fulgencio Batista con il colpo di Stato, il 10 marzo del 1952, e la ricerca di un cammino con una Rivoluzione che permettesse di sradicare i gravi danni economici e sociali provocati dal controllo nordamericano.

In quei giorni a Santiago di Cuba si realizzava il carnevale, una diversione, quando un gruppo di uomini guidati dal giovane rivoluzionario Fidel Castro attaccò la Caserma Moncada, la seconda fortezza dell’esercito batistiano.

Fu evidente che il fatto marcò un avvenimento storico, generazionale e rivoluzionario e la sua vigenza, dopo lo sbarco dello yacht Granma, è sempre assoluta tra gli eventi storici cubani e nello sviluppo politico successivo dell’America Latina.

Nessuno può negare che quando avvenne, l’Assalto alla Caserma Moncada fu un fatto slegato dalle politiche tradizionali esistenti in quell’epoca e con una visione distinta, che fece entrare in scena per lungo tempo la generazione del 1953, chiamata del Centenario per l’anniversario dell’Eroe Nazionale José Martí.

Dal principio proclamò la necessità d’effettuare cambi sociali nel paese, senza vincoli con nessuno dei partiti tradizionali, cercando l’autenticità di una Rivoluzione con tutti e per il bene di tutti, come proclamò José Martí, l’ispiratore intellettuale dell’azione.

Fidel Castro, in una conversazione sostenuta nel 1978 con dei giornalisti svedesi che lo accompagnarono e percorsero con lui gli scenari dei fatti del 26 di luglio, ricorda come pensava d’impadronirsi delle armi della caserma, chiamare ad uno sciopero generale e utilizzare le stazioni radio per convocare alla mobilitazione, partendo dalla situazione di scontento e odio verso Batista.

La piccola fattoria Siboney servì  per concentrare le armi e i partecipanti.

Tatticamente era il luogo migliore per quell’operazione, perchè lì passava una strada che giungeva vicino alla Moncada.

Il luogo aveva il pretesto d’essere un allevamento di pollame alla periferia di Santiago di Cuba.

I giovani in quella fattoria non si esercitarono assolutamente, perchè sarebbe stato molto rischioso, ma lo avevano a L’Avana, dove si erano addestrati a sparare più di mille uomini, in diversi luoghi.

Centotrentacinque giovani si riunirono all’alba del 26 di luglio, mentre un altro gruppo si trovava nella zona di Bayamo, per prendere la Caserma Carlos Manuel de Céspedes, con l’obiettivo d’avere un’avanguardia organizzata nella direzione principale di un possibile contrattacco di Batista.

L’elemento sorpresa era il fattore decisivo dell’operazione nella quale era in gioco l’occupazione della seconda fortezza militare del paese, con più di mille uomini, e si poteva realizzare.

«Ancora oggi penso che il piano non era un cattivo piano: era un buon piano», precisò Fidel Castro.

«L’azione fu pianificata durante il Carnevale di Santiago per poter mobilitare le forze precisamente in quei gironi in cui i militari raddoppiavano la guardia attorno al reggimento», osservò.

«Questo complicò la situazione decisamente. Fu lo scontro attorno alla caserma e per la strada principale che originò il combattimento al di fuori. Al contrario avremmo sicuramente occupato la caserma», spiegò ancora.

Alla domanda di quante macchine erano in tutto, rispose che: “Prima partirono le tre macchine che andavano a occupare l’ospedale civile, poi le due verso l’udienza con trentacinque uomini. Con me c’erano quattordici macchine e novanta uomini”.

Fidel e i giornalisti arrivarono alla Caserma Moncada, dove continuò la testimonianza.

«La crisi si produsse perché le guardie venivano in questa direzione, verso di noi. Una macchina era passata prima di noi – quella che doveva disarmare le guardie – e si trovava cento metri davanti a noi.

Le disarmò ma le altre guardie che avevano visto passare la prima macchina restarono a guardare e quando videro che l’automobile disarmava quella pattuglia, si posero in guardia e all’erta.

Come risultato, il combattimento cominciò fuori dalla Moncada mentre lo si doveva realizzare dentro la caserma.

Si mobilitò il Reggimento e si mobilitò la difesa.

Realmente la sorveglianza esterna con le guardie era una novità, organizzata per via del carnevale.

Il piano doveva cominciare quando la guardia terminava perché allora avrebbero camminato senza fare caso alla truppa disarmata, alle altre macchine e noi avremmo occupato il luogo», indicò.

«Se non fosse avvenuto quell’incidente noi prendevamo la caserma, perché la sorpresa era totale. Era un buon piano. E se fosse necessario pianificare oggi un altro assalto con l’esperienza che abbiamo, disegneremmo un piano più o meno uguale. Il piano era buono!», affermò ancora Fidel Castro.

La guerra del rum

resizedi Fabrizio Verde – lantidiplomatico.it

Cuba ha ancora una volta denunciato, a livello internazionale, le illegalità negli Stati Uniti sulla vendita del rum Havana Club, visto che con questa marca viene commercializzato – da Bacardi – in maniera illegale un rum di origine non cubana.

La protesta cubana, presentata dall’ambasciatrice presso le Nazioni Unite Anayansi Rodriguez, ha ricevuto l’appoggio di numerosi paesi tra cui Angola, Argentina, Bolivia, Brasile, Cina, Ecuador, El Salvador, India, Giamaica, Messico, Nicaragua, Perù, Repubblica Dominicana, Russia, Venezuela, Vietnam e Zimbabwe.

Probabilmente in pochi sono a conoscenza che dietro a una bevanda apprezzata e molto consumata anche in Italia come il rum, sia in corso una vera e propria ‘guerra’, condotta senza esclusione di colpi. Una battaglia che è parte integrante dell’incessante attività anti-cubana condotta globalmente dagli Stati Uniti d’America.

Sin dalla sua nascita, quando i ‘barbudos’ guidati da Fidel Castro ed Ernesto ‘Che’ Guevara rovesciarono il regime di Batista instaurando il nuovo governo rivoluzionario che nazionalizzò banche, ferrovie e imprese in mano agli Usa. Cuba, ha rappresentato, ed è tuttora una spina nel fianco per l’impero yankee. Un lembo della resistenza alla tracotanza imperialista, la prova vivida e pulsante che un altro mondo è possibile. Un’esortazione per il resto del mondo a valicare il limite dell’esistente.

Bene, adesso qualcuno si chiederà: ma cosa c’entra il rum in questa storia? C’entra eccome, visto che già all’indomani della rivoluzione l’azienda Bacardi – fondata a Santiago de Cuba nel 1862 e in seguito alla vittoria della Rivoluzione trasferita in Portorico – si è schierata al fianco dei vari governi statunitensi contro Cuba e il suo concorrente diretto Havana Club: celebre rum prodotto dalla Havana Club International SA, joint venture tra l’azienda di stato CubanaExport e la francese Pernod Ricard.

I metodi utilizzati sono stati tutt’altro che incruenti: Bacardi ha infatti finanziato gran parte del terrorismo che ha insanguinato Cuba, come è ben documentato nel libro «Cuba: la guerra occulta del ron Bacardi» di Hernando Calvo Ospina edito dalle Edizioni Achab. Il fondatore di Bacardi Pepin Bosch ha promosso e foraggiato sin dai primi anni 60′ la Rece (Rappresentanza Cubana dell’esilio) il cui comandante militare era un ex ufficiale dell’esercito di Batista ingaggiato dalla Cia, vice comandante nella famosa spedizione, fallita, della Baia dei Porci.

La Rece, che fu finanziata dal patron di Bacardi con ben 10000 dollari al mese, aveva l’obiettivo di spargere il terrore sull’isola: anche e soprattutto attraverso lo spargimento di sangue. Secondo un documento desecretato nel 1998 negli Stati Uniti, vi era un progetto per assassinare Fidel Castro e Che Guevara nel 1964, attraverso l’utilizzo di elementi della mafia statunitense. Finanziato sempre da Pepin Bosch.

Tra gli uomini di punta dell’organizzazione vi era il noto terrorista Luis Posada Carriles, arrestato nel 2000 a Panama mentre preparava un attentato a Fidel Castro. Lo stesso coinvolto nello scandalo Iran-Contras, coinvolto negli anni 90′ in una serie di attentati contro ristoranti ed hotel cubani al fine di stroncarne l’industria turistica. In uno di questi, siamo nel settembre del 1997, perse la vita il turista italiano Fabio Di Celmo.

Azione impunemente rivendicata dal terrorista Carriles – agente della Cia – che in un’intervista ebbe a dichiarare che l’italiano «si trovava nel posto sbagliato, al momento sbagliato». Attualmente Luis Posada Carriles passa una vecchiaia dorata, protetto negli Stati Uniti, e nessun governo italiano ha mai richiesto la sua’estradizione. La campagna bombarola fu apertamente rivendicata e appoggiata dalla FNCA (Fondazione Nazionale Cubano-Americana) nata su impulso dell’amministrazione Reagan nei primi anni 80′ e che vedeva ai suoi vertici azionisti di Bacardi, con lo scopo principale di ripulire la compromessa immagine dei controrivoluzionari invischiati negli attentati terroristici e nel traffico di droga.

Come abbiamo visto, questa storia, raccontata solo in minima parte, partita dal rum è terminata nel sangue. Epilogo tristemente comune quando in ballo vi sono gli interessi dell’impero.

Un’epopea lunga 56 anni

Entrada_de_Fidel_a_La_Habana-2-580x278di Atilio Borón – Cubadebate

In un giorno come quello di ieri, 56 anni fa, una nuova fase storica si apriva nella ‘Nuestra America’. Batista con i suoi accoliti, insieme ai mentori e complici nordamericani e l’oligarchia filo-yankee, fuggiva da L’Avana. Si compiva così il trionfo della Rivoluzione Cubana. A partire da quel momento nulla sarebbe rimasto più uguale a prima in America Latina.

L’infallibile istinto dell’impero non si sbagliò, e sin dal suo inizio la Rivoluzione fu combattuta a morte, osteggiata, sabotata, isolata e i suoi capi furono oggetto di innumerevoli attentati, così come il suo popolo. Fu vittima del criminale ‘bloqueo’ commerciale, finanziario, migratorio, informatico più lungo della storia umana, che ancora prosegue nonostante sia stato ferito a morte e i suoi fautori ed esecutori costretti ad ammettere il suo fallimento.

Tutte le armi sono state utilizzate per distruggerla. Ma non hanno avuto successo, e nonostante questi furiosi attacchi la Rivoluzione ha garantito alla sua popolazione alti indici in materia di salute, educazione, accesso alla cultura e allo sport; un grado di sicurezza sociale uguale o superiore a quello raggiunto dai paesi capitalisti sviluppati. E inoltre fatto dell’internazionalismo socialista, della solidarietà internazionale, una bandiera incancellabile di lotta, portando i suoi medici, infermieri ed educatori in tutto il mondo, mentre i suoi detrattori inviavano truppe e scaricavano bombe.

E quando il suo aiuto è stato richiesto per sferrare il colpo definitivo contro il razzismo, l’apartheid e i resti del colonialismo in Africa, i Cubani in Angola sconfissero definitivamente i baluardi della reazione, come testimonierà ripetutamente un emozionato Nelson Mandela.

Se questa Rivoluzione (così, sempre con la maiuscola) fosse stata schiacciata, la storia dell’America Latina e dei Caraibi, e le nostre piccole biografie, sarebbero state differenti. Per questo saremo eternamente grati e in debito con la Rivoluzione Cubana, con Fidel, Raúl, il Che, Camilo, “Barbarroja” Piñeiro, Almeida e con tutti gli uomini e le donne che hanno lottato sotto la loro guida. Un debito enorme e impagabile.

La nostra solidarietà verso la Rivoluzione e la sua difesa dev’essere incondizionata, permanente e attiva, come lo è stata la campagna che ha reso possibile la liberazione de «Los 5». Oggi dobbiamo continuare a lottare, più che mai, perché l’impero si appresta a cambiare tattica per raggiungere, utilizzando il cosiddetto «soft power» (un pericoloso eufemismo!) quello che non è riuscito a ottenere, per oltre mezzo secolo, con la forza.

Ma Cuba, con l’appoggio di tutti i popoli della Nuestra America, resisterà e sconfiggerà anche questo insidioso assalto architettato da Washington.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Che en la ONU: El mensaje imborrable

ernesto-che-guevaraPor Ricardo Alarcón de Quesada

cubadebate.cu – Hace cincuenta años, el 11 de diciembre de 1964, la Asamblea General de la ONU tuvo su encuentro definitivo con la Historia. En atuendo guerrillero, Ernesto Che Guevara compareció ante el gran salón repleto de delegados y un público que escuchó en silencio reverente sospechando quizás que les hablaba el futuro.

En discurso que aun se comenta en los pasillos del rascacielos neoyorquino, Che repasó los problemas principales que agobiaban al mundo y presentó la plataforma indispensable para una salida revolucionaria.

Aquel era año de definiciones y requería pensamiento claro capaz de mostrar el camino.

En el Golfo de Tonkin se había producido el incidente que luego se supo fue uno de los tantos embustes fabricados por Washington y le sirvió para escalar su intervención y desatar una guerra de la que sólo saldría, en humillante derrota, una década después. La intervención foránea en el Congo, usando ilegalmente el nombre de la ONU, y el alevoso asesinato de Lumumba frustró la independencia de ese país y lo hundió en el caos y el terror. En América Latina se afirmaba la hegemonía norteamericana con asesores militares y de seguridad que la imponían por todas partes. El derrocamiento de Joao Goulart en Brasil, seguido por el de Paz Estenssoro en Bolivia daría paso al sombrío capítulo de las dictaduras militares como instrumento de dominación. El intento de restaurar la democracia en República Dominicana, un año más tarde, habría de provocar la invasión militar norteamericana que la OEA santificó desvergonzadamente.

Estados Unidos había logrado que la OEA decretase la ruptura de relaciones con Cuba acatada por todos salvo México. La agresividad contra la isla condujo, también en 1964, a extender el bloqueo al área de la salud prohibiéndole adquirir medicinas y productos médicos. Desde el territorio usurpado en la bahía de Guantánamo se producían numerosas provocaciones, 1323 en 340 días, incluyendo 78 en que los marines dispararon contra las posiciones cubanas como ocurrió el 19 de julio cuando mataron al joven Ramón López Peña.

A esos temas se refirió el Che expresando solidaridad con todos los pueblos de África, Asia y América Latina y el Caribe sin olvidar a los que encaran las situaciones más complejas y suelen ser a menudo ignorados en la oratoria diplomática: Palestina y Puerto Rico (junto a él, integrando su delegación, estaba Laura Meneses, la viuda de Pedro Albizu Campos, el gran patriota puertorriqueño fallecido poco antes, luego de salir del sistema carcelario que lo encerró durante buena parte de su vida).

El discurso abordó también otros temas urgentes como la necesidad de lograr el desarme general y completo y la de poner fin a un orden económico internacional injusto que frustra el desarrollo de los países subdesarrollados. Trató especialmente la cuestión de la paz y lo que bajo el rótulo de “coexistencia pacífica” algunos concebían apenas como el equilibrio y el entendimiento entre las dos superpotencias a fin de impedir una nueva conflagración bélica. Para el Che la paz exigía mucho más. Para que fuese auténtica y perdurable debía alcanzar a todos los países independientemente de su poderío. Tampoco podía extenderse la “coexistencia” a la contradicción entre opresores y oprimidos, explotadores y explotados, a escala internacional o al interior de cada país. Su visión revolucionaria demandaba desplegar, junto al empeño por evitar un conflicto armado entre las potencias nucleares, la solidaridad efectiva con los pueblos que bregaban por emanciparse del yugo extranjero y con quienes querían conquistar un mundo mejor.

Era indispensable la acción de la comunidad internacional. Pero la ONU estaba paralizada. La Asamblea General, que normalmente concluía sus labores antes de la Navidad, a esas alturas aun no salía de su fase inicial, el llamado debate general y sus comisiones todavía no se habían instalado a mediados de diciembre. El estancamiento era consecuencia del chantaje norteamericano que amenazaba con privar del derecho al voto a la URSS y a sus aliados por su justa negativa a contribuir financieramente a la operación en el Congo. Para evadir el enfrentamiento y la crisis, sin consultar a los demás, se había llegado, tras bambalinas, a un arreglo tácito: no habría votaciones y todo quedaría en discursos. Che lo denunció al comenzar el suyo:

“Quisiéramos ver desperezarse a esta Asamblea y marchar hacia delante, que las Comisiones comenzaran su trabajo y que este no se detuviera en la primera confrontación. El Imperialismo quiere convertir esta reunión en un vano torneo oratorio en vez de resolver los graves problemas del mundo, debemos impedírselo. Esta Asamblea no debiera recordarse en el futuro sólo por el número XIX que la identifica”.

Algunos ejercieron el “derecho de réplica” intentando vanamente refutarlo. Lo hicieron el representante de Estados Unidos y los de varios gobiernos de una América Latina que ya no existe y no vale la pena nombrarlos.

Uno de ellos le reprochó que sus palabras apartaban a Cuba de lo que denominó la “órbita occidental”. Che respondió simplemente: “órbita tienen los satélites y nosotros no somos satélites. No estamos en ninguna órbita, estamos fuera de órbita”.

Otros, balbuceantes, ensayaron contrastar su acento argentino con el habla cubana mientras pretendían justificar la sumisión al amo yanqui.

A todos respondió el Che con voz serena, sin estridencia:

“si no se ofenden las ilustrísimas señorías de Latinoamérica, me siento tan patriota de Latinoamérica, de cualquier país de Latinoamérica, como el que más y, en el momento en que fuera necesario, estaría dispuesto a entregar mi vida por la liberación de cualquiera de los países de Latinoamérica, sin pedirle nada a nadie, sin exigir nada, sin explotar a nadie”.

Quien así hablaba pertenecía a una estirpe rara que se creía en peligro de extinción. Los que dicen sencillamente la verdad y respaldan sus palabras con la conducta.

Cuando habló ante la ONU ya el Che estaba enfrascado en los planes que lo llevarían a realizar la meta anunciada con toda naturalidad.

Unos meses después estaría combatiendo en África a los asesinos de Lumumba. Y luego en Bolivia entregaría su vida por la emancipación continental “sin pedirle nada a nadie”.

Mucho cambió el mundo desde entonces. De Indochina tuvieron que huir, derrotados, los agresores; Viet Nam es un país libre y próspero; China, ayer ignorada, es una potencia indispensable al nuevo equilibrio planetario; el Apartheid y el Imperio portugués quedaron como referencias del pasado; América Latina vive una época nueva y busca su destino“fuera de órbita”.

Nada de eso hubiera sido posible sin el ejemplo de Ernesto Guevara. Profeta militante no sólo anticipó el futuro, sacrificó su vida por alcanzarlo. Por eso vive hoy más que nunca.

P.S. Mientras Che hablaba, un tal Guillermo Novo Sampol, terrorista radicado en New Jersey, disparó un bazucazo contra el edificio de la ONU. Reportando el inusitado hecho, al día siguiente en primera plana, el New York Times señalaba que el artefacto utilizado sólo estaba al alcance de las fuerzas armadas. Iniciaba aquel personaje su larga carrera criminal que incluyó el asesinato de Orlando Letelier y Ronnie Mofit en plena capital norteamericana y más recientemente, el plan para atentar contra Fidel Castro y centenares de personas en Panamá. Perdonado por la ex Presidenta de ese país se instaló en Miami donde disfruta total impunidad junto a sus socios de la llamada Fundación Nacional Cubano Americana (FNCA). Aun busca inútilmente un arma capaz de matar al Che.

Publicado en Punto Final, Nº 818

[Gracias a los buenos oficios de Alfredo Viloria Pérez]

Lettera aperta a Ernesto Che Guevara

di Frei Betto*

Sono già passati quaranta anni da quando la CIA ti ha assassinato nella foresta boliviana, l’8 ottobre 1967. Allora avevi 39 anni. I tuoi carnefici pensavano che, nel ficcarti una pallottola in corpo, dopo di averti catturato vivo, avrebbero condannato la tua memoria all’oblio. Ignoravano che, al contrario degli egoisti, gli altruisti non muoiono mai. I sogni libertari non rimangono confinati in gabbie come uccelli addomesticati. La stella del tuo berretto brilla più forte, la forza dei tuoi occhi guida generazioni sulla strada della giustizia, il tuo aspetto sereno e fermo ispira fiducia a coloro che combattono per la libertà. Il tuo spirito trascende le frontiere dell’Argentina, di Cuba e della Bolivia e, come fiamma ardente, infiamma ancora oggi il cuore di molti rivoluzionari.

In questi quaranta anni ci sono stati cambiamenti epocali. È caduto il muro di Berlino e ha sepolto il socialismo europeo. Molti di noi solo adesso comprendono il tuo coraggio nel segnalare, ad Algeri nel 1962, le crepe nelle mura del Cremlino, che ci sembravano tanto solide. La storia è un fiume veloce che travolge gli ostacoli. Il socialismo europeo tentò di trattenere le acque del fiume con il burocratismo,  l’autoritarismo, l’incapacità di portare nella vita quotidiana il progresso tecnologico derivante dalla corsa spaziale e, soprattutto, si ammantò di una razionalità economicista che non era radicata nell’educazione soggettiva dei soggetti storici: i lavoratori.

Chissà se la storia del socialismo non sarebbe distinta oggi se avessero posto attenzione alle tue parole: «Lo Stato a volte si sbaglia. Quando ha luogo uno di questi sbagli, si percepisce una diminuzione dell’entusiasmo collettivo, dovuta a una riduzione quantitativa di ognuno degli elementi che lo costituiscono. Il lavoro si paralizza fino a ridursi a quantità insignificanti: è il momento di rettificare».

Che, molte delle tue preoccupazioni sono state confermate lungo questi anni e hanno contribuito al fallimento dei nostri movimenti di liberazione. Non ti abbiamo ascoltato abbastanza. Dall’Africa, nel 1965, hai scritto a Carlos Quijano, del periodico Marcha di Montevideo: «Mi lasci dirLe, anche al costo di sembrare ridicolo, che il vero rivoluzionario è guidato da sentimenti di amore. È impossibile pensare a un autentico rivoluzionario senza questa qualità».

Questo avvertimento coincide con quello con cui l’Apostolo Giovanni, esiliato nell’isola di Patmos, scrisse nell’Apocalisse duemila anni fa, in nome del Signore, alla Chiesa di Efeso: «Conosco la tua condotta, lo sforzo e la perseveranza. So che non sopporti i cattivi. Sono apparsi alcuni dicendo che erano apostoli. Tu li hai messi alla prova e hai scoperto che non lo erano. Erano bugiardi. Voi siete stati perseveranti. Avete sofferto a causa del mio nome e non vi siete scoraggiati. Eppure, c’è una cosa che disapprovo in te: hai abbandonato il primo amore».

Alcuni di noi, Che, hanno abbandonato l’amore per i poveri, che oggi si moltiplicano nella Patria Grande latino-americana e nel mondo. Hanno tralasciato di farsi guidare da grandi sentimenti di amore, per essere assorbiti da dispute partitiche sterili e, a volte, trasformano gli amici in nemici e i veri nemici in alleati. Logorati dalla vanità e dalla lotta per gli spazi politici, non hanno più il cuore acceso di idee di giustizia. Sono rimasti sordi ai clamori del popolo, hanno perso l’umiltà del lavoro di base e sono arrivati a scambiare utopie a fronte di voti. 

Quando l’amore si raffredda, l’entusiasmo si spegne e la dedizione si ritira. La causa come passione sparisce, come il romanticismo in una coppia che ormai non si ama più. Quello che era “nostro” suona come “mio” e le seduzioni del capitalismo ammorbidiscono i principi, cambiano i valori e, se ancora continuiamo la lotta, è perché l’estetica del potere esercita un fascino maggiore che l’etica del servizio.

Il tuo cuore, Che, batteva al ritmo di tutti i popoli oppressi e depredati. Tu hai peregrinato dall’Argentina al Guatemala, dal Guatemala al Messico, dal Messico a Cuba, da Cuba al Congo, dal Congo alla Bolivia. Per tutto questo tempo, sei uscito fuori da te stesso, acceso d’amore, che, nella tua vita, significava liberazione. Per questo, potevi affermare con autorità che «bisogna avere una grande dose di umanità, di senso della giustizia e di verità, per non cadere negli estremismi dogmatici, negli scolasticismi freddi, nell’isolamento dalle masse. È necessario lottare tutti i giorni perché questo amore verso l’umanità viva si trasformi in fatti concreti, in gesti che servano d’esempio e per mobilitare».  

Quante volte, Che, la nostra dose di umanità si è prosciugata o si è calcificata per dogmatismi che ci hanno gonfiati di certezze e ci hanno lasciati vuoti di sensibilità per i drammi dei condannati della terra. Quante volte il nostro senso di giustizia si è perduto in scolasticismi freddi che pronunciavano sentenze implacabili e proclamavano giudizi infamanti. Quante volte il nostro senso di verità si è cristallizzato nell’esercizio dell’autorità, senza che corrispondessimo più ai bisogni di chi sogna un pezzo di pane, di terra e di allegria. Tu ci hai insegnato un giorno che l’essere umano è «l’attore di questo strano e appassionante dramma che è la costruzione del socialismo, nella sua doppia esistenza di essere unico e membro della comunità». E che questo non è un prodotto finito. I difetti del passato si trasferiscono al presente nella coscienza individuale e bisogna affrontare un lavoro continuo per sradicarli.

Forse abbiamo mancato di dare più risalto ai valori morali, alle emulazioni soggettive, ai desideri spirituali. Con il tuo acuto spirito critico hai avuto premura di avvertirci che «il socialismo è giovane e presenta errori. I rivoluzionari mancano molte volte di conoscenze e dell’audacia intellettuale necessari per affrontare il compito dello sviluppo dell’uomo nuovo con metodi distinti dai convenzionali, poiché i metodi convenzionali subiscono l’influenza della società che li ha creati».

Nonostante tante sconfitte e errori, abbiamo realizzato conquiste importanti lungo questi quaranta anni. I movimenti popolari hanno fatto irruzione in tutto il Continente. Oggi in molti paesi i contadini, le donne, gli operai, gli indios e i neri sono meglio organizzati. Tra i cristiani, una parte significativa ha optato per i poveri e ha dato origine alla Teologia della Liberazione. Abbiamo tratto considerevoli lezioni delle guerriglie urbane degli anni ’60; dal breve governo popolare di Salvador Allende; dal governo democratico di Maurice Bishop, a Granada, massacrato dalle truppe degli Stati Uniti; dell’ascesa e caduta della Rivoluzione Sandinista; dalla lotta del popolo di El Salvador. In Messico, gli Zapatisti del Chiapas mettono a nudo la politici neo-liberale e nell’America Latina si propaga la primavera democratica, con gli elettori che ripudiano le vecchie oligarchie ed eleggono quelli che sono a loro immagine  e simili a loro: Lula, Chávez, Morales, Correa, Ortega, etc. Manca molto da fare, caro Che. Eppure, conserviamo con affetto le tue più grandi eredità: lo spirito internazionalista e la rivoluzione cubana. L’una e l’altra cosa oggi si presentano come un solo simbolo. Guidata da Fidel, la Rivoluzione cubana resiste all’embargo imperialista, alla caduta dell’Unione Sovietica, alla carenza di petrolio, ai mezzi di comunicazione che pretendono di demonizzarla. Resiste con tutta la sua ricchezza di amore e di umorismo, di salsa e di merengue, di difesa della patria e valorizzazione della vita. Attenta alla tua voce, essa mette in campo un processo di rettificazione, cosciente degli errori commessi e impegnata, nonostante le difficoltà attuali, a rendere realtà il sogno di una società dove la libertà di uno sia la condizione di giustizia dell’altro. Di dove sei, Che, benedici tutti noi che condividiamo i tuoi ideali e le tue speranze. Benedici anche quelli che si sono stancati, si sono imborghesiti o hanno fatto della lotta una professione a proprio beneficio. Benedici quelli che hanno vergogna a dirsi di sinistra e dichiararsi socialisti. Benedici i dirigenti politici che, una volta destituiti dai loro incarichi, non hanno più visitato una favela né hanno appoggiato una mobilitazione. Benedici le donne che hanno scoperto che i loro compagni, in casa, erano il contrario di quello che ostentavano fuori e anche gli uomini che lottano per vincere il machismo che li domina. Benedici tutti noi che, di fronte a tanta miseria che mina alla base vite umane, sappiamo che non ci resta altra vocazione che di convertire cuori e menti, rivoluzionare società e continenti. Soprattutto, benedicici affinché tutti i giorni siamo motivati da grandi sentimenti di amore, di maniera che possiamo raccogliere il frutto dell’uomo e della donna nuovi.

* frate domenicano, teologo della Liberazione, scrittore brasiliano.

[Trad. dal portoghese perALBAnformazione di Marco Nieli – tratto da Utopía y praxis latinoamericana, anno 12, n. 38, (Luglio-Settembre 2007), pp. 127-130.]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: