(VIDEO) El EcoSocialismo como Propuesta Civilizatoria

logo tatuytv por TatuyTv

Los últimos acontecimientos climatológicos que está viviendo nuestro planeta, demuestran el fracaso de las medidas de mitigación frente a los súbitos y sucesivos cambios climáticos, pero principalmente el rotundo fracaso del modelo de relaciones socio-económicas que representa el Capitalismo Neoliberal; con estas palabras de afirmación inicia el militante Eco-Marxista Miguel Ángel Núñez, frente a las cámaras de Tatuy Tv. quienes por segunda vez tienen el honor de entrevistarlo.

Según Núñez: “Todos estos cambios extraordinarios que estamos viviendo, son producto tanto del capitalismo extractivista-destructivo como del socialismo productivista-extractivo. Son producto de un proceso de transformación que la humanidad entera ha tenido en los últimos 60 años: la era del antropoceno, la era de la gran aceleración.

A este respecto Miguel Ángel nos ilustra con varias cifras que describen y nos alertan sobre esta era que, según diferentes antropólogos y geólogos, estamos viviendo: desde inicios de la revolución industrial hasta el 2016 el uso de energía se multiplicó por 40 veces, el crecimiento de la población por nueve al igual que el PIB. La producción de alimentos de 1950 hasta el 2015 se multiplicó por 7. Y así mismo, vemos un crecimiento exponencial en una serie de variables ambientales: gases efecto invernadero, la pérdida de bosques, la pérdida de la bio-diversidad, etc.; que describen el consumo/desgaste de la naturaleza por el o los modelo(s) económico-extractivista actual(es).

Frente a esta situación planetaria, Núñez hace extensivo el llamado de diversas expresiones organizativas que apuestan al diálogo amplio sobre un modelo civilizatorio, que tome en cuenta toda esta serie de embates socio-ambientales. Un diálogo actualmente propuesto e impulsado por el presidente Nicolás Maduro, y que es a su vez, legado del comandante supremo Hugo Chávez.

Es importante y alentador señalar que actualmente existen cinco propuestas (modelos) civilizatorias: “El Vivir Bien” (Ecuatoriana), “El Buen Vivir” (Boliviana), “La Encíclica Ecológica” (Papa Francisco), “El Ecosocialismo” (Zapatista), y “El Ecosocialismo” (Venezolano) estimado en la ley del Plan Patria que también nos legó nuestro comandante Chávez, que es una apuesta por la construcción de una economía eco-socialista que esté articulada a los ciclos y a las relaciones con la naturaleza. Esto implica dar el salto de la economía rentista a una economía de futuro que se defina sobre la base de los límites biofísicos del planeta tierra. Desde allí es que crearemos los circuitos económicos distintos, desde allí nos vamos a reencontrar con el metabolismo social, económico, productivo con la naturaleza como lo planteaba Carlos Marx.

La constituyente: un nuevo momento histórico 
El proceso constituyente no se agota en el diálogo coyuntural de 545 constituyentistas, es un poder derivado del poder originario que reside en el pueblo, y ésta -la constituyente- no es más que una manera de ejercerlo, cuyas expectativas, en el escenario actual de guerra económico-financiera, son sumamente grandes tanto en el plano nacional como mundial. La esperanza reside en la superación del debate estéril polarizador, del protagonismo conspirativo, y del diálogo de responsabilidades y culpas, que no permitan el debate amplio, nos advierte el entrevistado. Tenemos que avanzar hacia otra manera de presentar las discusiones, para que el pueblo pueda participar, para que el pueblo pueda sentirse identificado con sus propuestas, y entendiendo que somos una sociedad politizada, y que somos una sociedad participativa y protagónica, y mediante la profundización del conocimiento en cada debate en la localidad, entrará el tema socio-ambiental como uno de los temas prioritarios, así como ha venido aconteciendo, asegura Núñez.

En Venezuela se viene discutiendo el ecosocialismo desde diversos espacios y con diversos grupos. Desde los movimientos y organizaciones ecosocialistas, se ha planteado como insumo para esta fase constituyente de la Revolución, el documento político: “Hacia el Ecosocialismo de Chávez”. Este documento busca sensibilizar a la constituyente sobre la repercusión posible de nuestra nueva constitución a redactar a la razón de las futuras generaciones: Los derechos Transgeneracionales, no es más que el equilibrio entre los derechos y los deberes que tiene que tener la sociedad, y el estado incluso, para preservar los recursos naturales a las generaciones que vienen en camino.

Estructurado en seis grandes dimensiones: la eco-ética, la social, la ambiental, la economíca, la política y la jurídica; este documento expresa la necesitad de entender que nuestro proceso de formación social, económico y cultural se sustenta sobre la base de nuestra inter-culturalidad que no es más que el sustento de la vida. Promover una nueva economía a partir de la planificación basada en la gestión de la demanda, no de la relación oferta-demanda. Y desde el punto de vista político, se busca instar a los gobiernos locales al reacomodo de sus políticas sectoriales en función de los límites biofísicos de la naturaleza. Una propuesta para el debate amplio que recoge diversos aportes de movimientos ecosocialistas a lo largo y ancho del mundo, y que asume a la Asamblea Nacional Constituyente como la oportunidad para discutir y construir un proyecto societario y civilizatorio: El EcoSocialismo.

___

La Constituyente y el Ecosocialismo

la iguanapor Miguel Ángel Nuñez Nuñez

En anteriores oportunidades, hemos venido argumentando que la Asamblea Nacional Constituyente (ANC); ha de ser, o debiese convertirse, en el espacio más idóneo para debatir no sólo los temas del día a día, sino además, en el mejor espacio abierto, de interacción y reflexión posible, para los cruciales, necesarios, estratégicos y emergentes temas o áreas del conocimiento, que han de orientar el nuevo contrato social que el pueblo y la tierra de Bolívar están exigiendo.

Sencillo de expresarlo, pero complejo entenderlo y asumirlo. Nuestra emergencia prioritaria radica, en que ese nuevo contrato social debiese proyectar, la genuina confección y elaboración de una propuesta civilizatoria. Este es, sin ánimo de exagerar, el magno reto de los 545 constituyentistas y de la comisión número 17 (Protección Integral del Ambiente y Cultura Ecológica para el Derecho del Ambiente).

La exigencia contrato-civilizatorio, implica abordar la dinámica ambiental desde múltiples dimensiones. Donde aspectos sociales, educativos culturales, jurídicos, políticos, económicos, militares, geo-políticos, entre otros, van a estar sujetos a estudio en relación con los extraordinarios cambios climatológicos, que estamos y estaremos confrontando en los próximos años. No hay vuelta atrás, debemos aprender a andar, frente a los retos y las incertidumbres que la crisis ambiental nos proporciona.

Los cambios climáticos, no se desarrollan gradualmente, son cambios o saltos cualitativos que de manera súbita e inesperada están permanente emergiendo.

Por ello, es difícil que pueda existir la real planificación de una sociedad, si no se valora seriamente la dimensión ecológica y sus distintas tensiones socio-ambientales.

En esta planificación es imperativo reconocer las potencialidades, en términos de servicios y recursos naturales, que como país tenemos. Con ello, me adelanto a esta temeraria reflexión: Venezuela tiene enormes posibilidades y potencialidades de convertirse en una potencia ecosocialista, siempre que en su justa dimensión exista la voluntad política; la presión social organizada y que permanentemente, podamos saber re-valorar, los distintos procesos de transición que debemos asumir, en cada una de las áreas de la nueva economía productiva que se discute en la ANC.

La tabla “A” refiere información, del Instituto de Ciencias Atmosféricas de Zurich Suiza (2016) allí se sistematizan, los distintos eventos naturales climatológicos-meteorológicos anormales, que han ocurrido en lo que va del 2017 y como los modelos prospectivos acertaron en un 80% los eventos ocurridos. Estas apreciaciones coinciden con otros informes, que predicen que los próximos tres años serán críticos y severos para nuestros ecosistemas.

Las proyecciones de los 20 satélites de la Nasa(2016) que monitorean más de un centenar de factores atmosféricos-meteorológicos, presagian, que los bordes ecuatoriales, serán, en los años venideros, severamente afectados por la disminución de las precipitaciones y las prolongadas sequías que estaremos padeciendo.

Tales observaciones y predicciones, presagian que el sector agrícola-pecuario de la economía, será uno de los más afectados. Teniendo los productores, que acudir a prácticas fundamentalmente agro-ecológicas para poder enfrentar la variabilidad climática, y en lo posible, amortiguar los efectos. Socla (2103)

Es lógico entender, que nadie puede modificar la duración o la intensidad de una sequía o un período prolongado de lluvias, los cuáles, se van a presentar por los fenómenos planetarios. Pero en determinadas circunstancias si pueden adaptarse a tales eventos, restaurar la calidad y cantidad de los cultivos y recuperar los procesos productivos anteriores, añadiéndole el aprendizaje que ha ocasionado el impacto climático.

Es bien sabido, que para nuestros campesinos y agricultores, el clima constituye un buen ejemplo, de como un factor ecosistémico en el proceso productivo externo al agricultor campesino, puede ser culturalmente modificado: ellos por siglos lo han venido haciendo, instaurando sistemas de riego en zonas secas o déficit de períodos de agua o a través, del uso de invernaderos que aíslan los cultivos y que permiten el paso de determinadas ondas de luz solar y la regulación interna de las temperaturas diarias. Los agricultores modifican los microclimas a través, de varios manejos que se dan en la biodiversidad de los agroecosistemas. Por ejemplos: prácticas de los policultivos, rotación de cultivos, agroforestería, cultivos de coberturas, compost, abonos verdes, incorporación de materia orgánica, usos de distintas plantas de sombrío, el incremento de humedad en los suelos, sistemas de captación de aguas y otras prácticas culturales actúan con ciertos grados de eficacia y efectividad. 

Expresado de otra forma, las prácticas de nuestros campesinos agricultores ayudan a los distintos procesos de resiliencia (es la capacidad biofisica natural del agroecositema de recuperarse y volver a su estado inicial). Como bien lo señala Leon Sicardi(2014) estas habilidades, que se expresan en plataformas tecnológicas de manejos de fincas, se origina y se modifican al tenor de las demás variables simbólicas y organizacionales de la cultura.

La oportuna presencia del sector campesino en la ANC, es estratégica. No sólo para la re-definición de las políticas públicas del sector agropecuario, el cuál es uno de los sectores productivos, que hoy día contamina más, con agrotóxicos y con la producción de gases de efecto invernadero.

De esto último, se eleva la reflexión de que independientemente de que seamos un país, con la mayores reservas de petroleo, otro tanto de minería y agua, no nos exime de comenzar a avanzar en la des-carbonización de nuestra economía, es decir, crear una economía productiva, socialmente justa y limpia; lo cual nos es más, que re-comenzar a cambiar la matriz productiva por las fuentes de energías limpias, renovables y de condiciones masificadoras, como lo adelantan muchos pueblos hermanos, quienes también como nosotros, se encuentran encaminados en la construcción de un nuevo modelo civilizatorio. 

Como bien lo ha expresado, la Presidenta de la ANC Delcy Rodríguez(2017): la ANC avanza en obtener el equilibrio político del país, también será con el equilibrio económico, el cual, definitivamente impulse un proceso de modelo de producción limpia y de transición hacia la nueva realidad económica exigida.

Al momento de redactar estas reflexiones en la tierra de Bolívar, se realiza en (Veroes, Yaracuy), la 1ra. Internacional Ecosocialista, con la representación de más de 12 países. Para todas y todos los participantes nacionales e internacionales, un respetuoso saludo de bienvenida, agradeciéndoles el desprendimiento y la generosidad en sus enseñanzas, su solidaridad y apoyo a nuestro proceso revolucionario, el cual estamos seguros, nos conducirá: “Hacia el Ecosocialismo de Chavez.”

TABLA “A”

Predicciones cumplidas de los eventos climatológicos extraordinarios en el 2017

Países

Modelos-consecuencias

Consecuencias

Uruguay

Inundaciones

Si

Sur Africa

Inundaciones

Si

Turkya

Lluvias-Tormentas

No

China

Lluvias extremas e inundaciones

Si

Bangladesh

Inundaciones

SI

Nueva Zelandia

Lluvias extremas

No

Rusia

Heladas, granizo(junio); nieve, lluvias extremas e inundaciones

America

Golfo de Mexico

Cuenca Caribe.

USA

Luvias extremas, granizo, 5 huracanes (3 sólo previstos), Innudaciones, Ciclones varios, 3 Terremotos

Si

Fuente: Elaboración Propia. Fuente original: Instituto de Ciencias Atmosféricas y Climatológicas de Zurich. Suiza 24 de diciembre de 2016.

  

 

Referencias Bibliográficas

Instituto de Ciencias Atmosféricas y Climatológicas de Zurich. Suiza 24 de diciembre de 2016. En línea:

https://mail.google.com/mail/u/0/#inbox/15f0597dd1adab75?projector=1

 

NASA(2016) Dr. Piers Sellers, Astronauta. Director de Research Center Earth Science Division. NASA. USA. En línea:

https://www.youtube.com/watch?v=2YYyEsDWCL4

 

Leon Sicardi,T. Cordova C., Pradilla,G. (2014) Las dimensiones política y tecnológica de la resiliencia a la variabilidad climática: un enfoque ambiental. Semillas 57/58 ¿ Cambio Clmático o vulnerabilidad del territorio? p.31 En línea: 

http://www.biodiversidadla.org/Objetos_Relacionados/Revista_Semillas_57-58._Cambio_climatico_o_vulnerabilidad_del_territorio

 

Rodriguez Delcy(2017) Entrevista Con Amorin VTV(29/10/2017). En línea:

https://www.youtube.com/watch?v=3ySe1h-UpZY

 

Sociedad Científica Latinoamericana de Agroecología: La Agroecología y los Cambios Climáticos. (2013) En línea: 

https://www.socla.co/wp-content/uploads/2014/REDAGRESlibro2.pdf?iv=190

 

Hacia el Ecosocialismo de Chávez (2017). En línea:

https://www.gopetition.com/petitions/hacia-el-ecosocialismo-de-chavez.html

Verso l’ecosocialismo di Chávez

di Frente Ecosocialista Internacional Chico Mendes

Proposte per l’Assemblea Nazionale Costituente in Venezuela e per la comunità internazionale (qui in castigliano)

Malgrado tutti i progressi tecnologici degli ultimi decenni, che hanno reso possibile un accesso quasi istantaneo all’informazione, la società contemporanea continua a essere molto mal informata, anzi disinformata. Le imprese con fini di lucro che si fanno chiamare mezzi di comunicazione, condividono gli interessi delle principali multinazionali. Sono queste ultime a pagare la propaganda, e perfino le notizie che permettono a questi media di essere un buon business e tengono il pubblico in uno stato di ignoranza o disinformazione rispetto a quanto accade.

 

I media influenzano il nostro modo di vedere il mondo e di concepire il progresso dell’umanità, le nostre vite, le nostre relazioni. E ancor più, il modo di misurare questi fattori è strettamente legato a un modello distorto, che si basa sull’ansia sfrenata di ricchezza, sulla speculazione finanziaria e sulla convinzione che le risorse del pianeta siano infinite, e che la sostituzione di una risorsa con un’altra, una volta esauritasi la precedente, possa verificarsi all’infinito e facilmente, anzi magari risparmiando sui costi.

 

Dunque non è casuale che il modo di concepire quello che è accettabile o no per la costruzione e la realizzazione delle nostre società rimanga in qualche modo legato agli interessi della minoranza privilegiata. Ci hanno imposto questi interessi come legittimi, come la forma naturale affinché le cose funzionino. In questo modo diventiamo partecipi e complici di una cultura che depreda l’ambiente e gli umani.

 

Quel che è certo, è che abbiamo già esaurito o siamo sul punto di esaurire importanti risorse del pianeta; intanto, miliardi di persone vivono in povertà; i bacini idrici si deteriorano a causa dei rifiuti che vengono gettati ogni momento; la nostra atmosfera patisce gli effetti dell’incessante emissione di gas climalteranti e inquinanti; i nostri suoli si degradano per l’erosione dei pendii montuosi, la deforestazione dei boschi, la contaminazione da erbicidi e pesticidi, le piante geneticamente modificate…La temperatura media del pianeta continua ad aumentare…

 

Ma per la minoranza dominante del mondo, per l’1% che più dipende dal denaro delle principali multinazionali, dai suoi lussi ed eccessi, dalle sue guerre provocate in regioni opportunamente lontane dalle loro case e dalle loro vite, tutto questo non è preoccupante. Perché dovrebbe esserlo visto che loro vivono benissimo? Il problema è che stanno portando l’umanità all’estinzione. E i paesi della cosiddetta «periferia» sono considerati semplici fornitori di materie prime e ricchezza per il piccolo settore minoritario che domina nel mondo.

 

Tutte quelle nazioni che, come il Venezuela, si ribellano e cercano di sottrarsi alla dipendenza economica e al dominio geopolitico, volendo introdurre il cambiamento nelle proprie società, devono aspettarsi un’implacabile campagna mediatica di denigrazione e demonizzazione, che accompagna una spietata guerra economica. Quest’ultima approfitta del fatto che, per esempio i paesi latinoamericani, hanno economie deboli e generalmente mono-produttrici e dipendenti; vulnerabili dunque alle pressioni internazionali.

 

In passato, molti paesi latinoamericani sono stati invasi militarmente, e il Venezuela, già vittima di un decreto dell’ex presidente Usa Obama che definiva il paese «una minaccia inusuale»,  ha ricevuto minacce militari anche da parte del nuovo presidente Trump.  Minacce precedute da un sabotaggio che pesa su tutti gli aspetti della società; da una violenza terroristica durata circa 120 giorni; da una campagna mediatica molto aggressiva; e da pressioni politiche ed economiche senza precedenti avanzate da un dittatore (Temer del Brasile) e da leader impopolari di diversi altri paesi, da organismi finanziari e dall’Organizzazione degli Stati americani (Osa).

 

Che fare? Cedere alle pressioni? Augurarci che saremo fra i pochi sopravvissuti quando l’ambiente finirà di reagire alle nuove condizioni imposte dagli umani? O piuttosto, agire sin d’ora per sanare i danni che sarà possibile sanare; per stabilire una cultura diversa basata sulla coesistenza, e sull’uso razionale delle risorse limitate e finite del pianeta; per costruire sistemi e modelli economici, sociali, politici, culturali inclusivi e partecipativi che si avvalgano della creatività e dell’intelligenza della razza umana a vantaggio degli esseri viventi e del pianeta in generale, e non di una minoranza privilegiata? Crediamo che questo sia il cammino da percorrere, anche se richiede più lavoro. E crediamo che occorra farlo adesso, subito, pur contro forze potentissime.

 

Il compito non è facile. Ci sono fattori storico-culturali come la colonizzazione spagnola; la sconfitta del progetto di Bolívar di unità e indipendenza latinoamericana; la frammentazione sociale; il razzismo; la schiavitù; la diseguaglianza economica e sociale; la dipendenza culturale; la mancanza di identità nazionale; la tendenza all’individualismo, al si salvi chi può, tanto che per molti la patria non ha alcun significato.

 

L’economia petrolifera venezuelana, redditiera, mono-produttrice e dipendente, ha causato danni e deformazioni culturali, sociali e ideologiche. Ma il fattore che ha avuto l’impatto più nefasto sulla nostra cultura, sulla nostra politica, sulla nostra società in generale, è stata la struttura politico-culturale del dominio statunitense, al punto che una parte della popolazione e perfino alcuni partiti politici ritengono prioritari gli interessi degli Stati uniti rispetto a quelli del Venezuela.

 

E tuttavia, il Venezuela ha un potenziale enorme,  un popolo fiero, degno, combattivo e lavoratore, che ha ereditato gli ideali di Simón Bolívar, Hugo Chávez, Francisco de Miranda, fra altri leader di levatura mondiale.

 

Siamo coscienti della quantità di risorse energetiche e di biodiversità che il nostro paese, fortunatamente, possiede; rappresentano uno scenario geopolitico, strategico, territoriale invidiabile e ci garantiscono una serie di possibilità e molteplici contraddizioni culturali, sociali e ideologiche, che ci entusiasmano e ci motivano. Ancor più, ci portano a partecipare alla definizione di questa società possibile, e di questa identità venezuelana che in gran parte si è cancellata come conseguenza della colonizzazione spagnola, del dominio oligarchico, della ricolonizzazione statunitense e degli anti-valori del capitalismo dipendente dei quali siamo vittime.

 

In particolare, il popolo venezuelano, dopo aver fronteggiato e sventato 120 giorni di attacchi terroristici, ha varato, con voto universale, diretto e segreto, l’Assemblea nazionale costituente (ANC). Si tratta di uno spazio del potere popolare originario, che si trova al di sopra dei partiti politici e delle strutture di potere stabilite, per modificare la costituzione prendendo in considerazione temi vitali. L’idea è che la Costituzione risponda alla realtà che si vive, ma delinei anche il nuovo paese che vogliamo, e faciliti l’approvazione delle leggi e delle norme necessarie per costruirlo.

 

Ma l’ANC aveva solo 15 giorni di vita quando, dopo il fallimento dell’ultima offensiva terroristica contro il governo  democratico di Nicolás Maduro, Donald Trump si è messo a minacciare azioni militari dirette contro il paese.  Se questa avventura militare dovesse concretizzarsi, l’impegno per fronteggiare militarmente gli Stati uniti provocherebbe danni incalcolabili per il Venezuela, la sua popolazione, le sue infrastrutture, e l’ambiente. È uno scenario da evitare.

 

L’ANC deve rendere possibile il maggior numero di spazi di dibattito e formazione, orientati a sensibilizzare e far prendere coscienza delle complesse condizioni e tensioni di ogni tipo che dobbiamo affrontare. Questi spazi devono coinvolgere tutto il paese, per le ragioni suindicate, ma arrivare alla scala planetaria. Infatti le aggressioni perpetrate dal binomio capitalismo-imperialismo guidato dalla minoranza dominante, hanno portato la specie umana sull’orlo dell’estinzione.

 

Siamo obbligati a sconfiggere il modello capitalistico mono-produttore e dipendente, che nel nostro caso si chiama rentismo petrolifero. Parallelamente, dobbiamo sconfiggere la guerra economica che ci hanno imposto come punizione per esserci sollevati contro l’impero. Di fronte a queste sfide, proponiamo l’ecosocialismo come nuova proposta di civiltà.

 

Siamo certi che solo l’ecosocialismo  possa cambiare le condizioni del Venezuela e del mondo, in un modo radicale e rispondente agli interessi delle masse del paese e del pianeta.

 

La discussione deve dare la priorità e orientare: in che cosa crescere? In che cosa decrescere? Chi controlla i processi produttivi? Come produrre? Come operare la giusta distribuzione della ricchezza? Come mantenerci parchi ed evitare di credere che nuotiamo nell’abbondanza?

 

Il primo obiettivo nazionale del 5 obiettivo storico della legge Plan de la Patria dice con chiarezza: «Costruire e dare impulso a un modello economico produttivo ecosocialista, basato su una relazione armoniosa fra essere umano e natura, che garantisca l’uso e l’approvvigionamento razionale, ottimale e sostenibile delle risorse naturali, rispettando i processi e i cicli della natura.»

Il nostro paese deve intraprendere un cammino verso la produttività a tutti i livelli, ma questa produttività va assoggettata a limiti biofisici, imposti dall’ecosfera. Non sono possibili crescite economiche infinite. Il prelievo di risorse rinnovabili non può superare la loro capacità di rigenerazione. L’emissione di inquinanti non deve superare le capacità naturali di assimilazione e smaltimento. I flussi in entrata e in uscita dai sistemi e processi produttivi devono collegarsi in un unico flusso circolare, dunque sano; la produzione deve chiudere i cicli. Produzione-distribuzione-consumo-scarto-riuso/riciclaggio-produzione.

 

Il nostro comportamento deve rispondere alla bioetica. Una nuova etica che sia guidata dai valori della corresponsabilità sociale e da una relazione responsabile nei confronti della natura, ci permetterà di definire il nostro sviluppo con criteri di sostenibilità. Una sostenibilità delimitata dai ritmi sani degli ecosistemi; dall’uso preponderante dell’energia proveniente dal sole; dalla chiusura dei cicli della materia e dell’energia.

 

L’ecosocialismo deve riconoscere, ricreare e rafforzare il nostro carattere identitario e interculturale che, a sua volta, deve essere fondato sul nostro meticciato ricco e straordinario (caraibico, europeo, indigeno, afro-caraibico), i cui valori, significato, complessità sono il substrato della cultura e della sostenibilità.

 
Un processo di transizione verso l’ecosocialismo deve sostenersi e andare avanti in varie dimensioni e a vari livelli socio-politico-culturali. I quali devono avere coerenza, visibilità, potersi coordinare, articolare, agire in sinergia, completarsi a vicenda. Per questo abbiamo definito sei principi, chiamati Principi ecosocialisti, così da orientare il cammino verso la nuova società.

PRINCIPI ECOSOCIALISTI

1) autolimitazione

2) precauzione

3) interculturalità

4) eco-etica

5) eguaglianza sociale

6) partecipazione.

DIMENSIONI E AZIONI ECOSOCIALISTE

DIMENSIONE ETICA

 

Alle pagine 64, 75, 129, 135 della legge Plan de la Patria, Secondo piano socialista di sviluppo economico e sociale della nazione 2013-2019, è espressa la volontà di avanzare nella direzione di una nuova etica rivoluzionaria; una nuova etica ecosocialista; una nuova cultura ecosocialista; alla fine, l’eco-etica.

 

L’intera umanità ha sofferto per l’impatto del modello di dominio capitalistico neoliberista globalizzante. Un modello estrattivista che inquina e depreda, ed è anche inefficiente e fatto per creare profonde disuguaglianze sociali e gravi danni ambientali, spesso irrecuperabili.  E’ un modello che induce nei nostri bambini e giovani, nella popolazione in generale, una mentalità consumista, individualista, nella quale il denaro è l’obiettivo della vita. Questo modello presenta sempre squilibri fra gli input e gli output dei processi produttivi perché, checché ne dica, non è interessato all’ambiente naturale.

 

I mentori del sistema capitalistico continuano a imporci condizioni megalomani e false aspettative per confonderci. La verità è che il modello si è esaurito; non è un’opzione sostenibile per l’umanità a causa del suo produttivismo distruttivo e dello stile di vita contrario agli interessi dell’intera umanità.

I  nuovi rapporti sociali, e fra esseri umani e natura, esigono un ripensamento dell’etica, che sulla base dei valori della natura riconosca che la nostra Terra non va più considerata una semplice merce, e non se ne può abusare ad arbitrio. La Terra è e sarà un essere vivente, generatore di vita. Il capitalismo la considera qualcosa di inerte, una specie di negozio che vende risorse illimitate.

 

L’ecoetica concentra molteplici dimensioni culturali, psicologiche, psichiche, emotive che vanno valorizzate; per proteggere con cura i rapporti fra esseri umani, e fra questi e le risorse naturali del pianeta. Ancor più, dobbiamo considerarci garanti del benessere delle generazioni future, e in modo attivo assicurare il principio di solidarietà intergenerazionale e nei rapporti geopolitici e internazionali.

 

Come richiede il Plan de la Patria, la nostra nuova eco-etica, o etica ecosocialista, deve promuovere in modo permanente la trasformazione della persona e del suo rapporto con gli altri esseri viventi e il pianeta in generale, attraverso un processo di dialogo, riflessivo, cosciente e responsabile in grado di generare strategie e pratiche basate sul bene collettivo, appropriate all’ambiente naturale e culturale.

 
DIMENSIONE POLITICA

 

La corresponsabilità e la convivenza sociale armoniosa fra esseri umani ci richiede di promuovere e costruire la democrazia partecipativa e collettiva, protagonisti tutti i membri della comunità. Una democrazia che deve valorizzare le differenze e celebrare gli elementi di comunità, ed espletarsi attraverso l’integrazione sociale di tutti con tutti, sulla base della corresponsabilità sociale, responsabile nei confronti dell’ambiente.  Dobbiamo creare spazi sociali, riscattare quelli che si sono degradati e convertirli in spazi di incontro per le arti, la produzione artigianale ed ecologica, la discussione delle tematiche di interesse per tutte e tutti così da concretizzare i sogni collettivi.

 

I principi ecosocialisti sono orientati a combattere l’atteggiamento rentista, mercantilista, consumista e individualista, che stimola l’accumulazione non necessaria e i conflitti sociali. Occorre che i principi permettano di unire gli interessi collettivi nel perseguire la pace e gli obiettivi comuni.  

 

Si costruiranno man mano altri aspetti, con l’apporto delle diverse tendenze ideologiche e politiche, come l’ecologismo, l’ecologia politica, l’ecomarxismo, l’ecofemminismo, l’altermondialismo, il buen vivir, il vivir bien, la decolonizzazione.
DIMENSIONE AMBIENTALE

 

Il rapporto di valutazione degli ecosistemi del Millennio da parte dell’Organizzazione delle Nazioni unite conclude sulla base di evidenze scientifiche che il 60% dei servizi ambientali dai quali dipende il benessere umano, come la capacità di depurazione dell’acqua, la fertilità dei suoli e la regolamentazione climatica sono seriamente degradate.

 

L’ecosocialismo nella sostenibilità esige che questa tendenza sia invertita d’urgenza, prima di arrivare al collasso definitivo. E’ urgente; l’Assemblea nazionale costituente deve riformulare le politiche pubbliche settoriali sulla base dei limiti attuali delle risorse naturali.

 
Dobbiamo insistere che non è il pianeta in quanto tale a essere minacciato direttamente, quando i sistemi ecologici e la stessa base vitale; da essi dipendono il benessere e l’esistenza stessa della specie umana.

 

Il prelievo di risorse non dovrebbe superare le capacità di rigenerazione; e la produzione di scarti non dovrebbe superare le capacità ecologiche di assimilazione e smaltimento. In questo modo la “sostenibilità” rimane definita dal suo adattarsi ai ritmi degli ecosistemi; dal suo uso efficiente delle risorse energetiche e dalla capacità di chiudere i cicli di materia nei processi

produttivi.

 

DIMENSIONE SOCIALE

 

Dal punto di vista della sostenibilità, l’ecosocialismo promuove la cultura della tutela della vita. Questa condizione assoluta richiede di adempiere alle necessità umane vitali ed essenziali.  Necessità che devono articolarsi in una società egualitaria, formata da persone libere che rispettino e promuovano la diversità, e nella quale ogni aspetto sia ispirato alla tutela di tutti gli esseri viventi e delle condizioni che consentono la vita.

 

Le attività umane di produzione e riproduzione devono avere come base la biosfera e razionalizzare l’utilizzo dei nostri servizi naturali, d’accordo con i loro limiti. Questo significa creare e consolidare spazi ecosocialisti.

 
L’ecosocialismo e l’uguaglianza (intragenerazionale e intergenerazionale) richiedono che si tenga conto della giustizia ambientale.  E questo a sua volta implica la ricerca di soluzioni ai conflitti ecologici e distributivi, con un’equa ripartizione dei benefici (risorse naturali e servizi ambientali) e dei costi dei danni ambientali (contaminazione e scarti) legati allo sfruttamento economico della natura.

 

Per l’Assemblea Nazionale Costituente, un buon esempio di giustizia ambientale sarebbe intraprendere azioni legali contro i responsabili diretti e indiretti di atti di ecoterrorismo e di distruzione ambientale.

 

Come già detto, è naturale esercitare la pressione sociale organizzata affinché le nuove politiche ambientali abbiano un peso reale nell’insieme delle politiche pubbliche settoriali.

 

L’educazione ecosocialista è indispensabile a tutti i livelli dell’istruzione. In particolare nel  processo di trasformazione dell’università, luogo privilegiato nel quale coltivare un approccio ambientalista. L’università deve occuparsi con urgenza dei temi emergenti che richiedono innovazioni scientifiche e tecnologiche.

 

Quanto ai nuovi complessi residenziali costruiti nell’ambito della Gran Misión Vivienda, dovrebbero prevedere fra l’altro tetti fotovoltaici, biblioteche, centri di raccolta e lavorazione dei rifiuti, comprese le acque reflue, parchi naturali, centri di produzione agroecologica, che permettano la crescita di un atteggiamento di sana convivenza con la natura.

 

DIMENSIONE GIURIDICA

La nostra America latina è stata la prima al mondo a dare rango costituzionale all’ecologismo. I nostri popoli fratelli della Bolivia e dell’Ecuador per primi hanno introdotto i diritti di Madre Terra nelle rispettive costituzioni.

 

Questa scelta giuridica ha molteplici ripercussioni, specialmente rispetto agli organismi multilaterali, perché ha determinato un  nuovo orientamento nel diritto ambientale internazionale.  Si introduce il dovere di considerare Gaia (la Terra) come un essere vivente, finito e con limiti, che può morire; e si criticano le costituzioni neoliberiste, che tuttora non arrivano a riconoscere nemmeno i diritti sociali più elementari.

 

Si tratta di una svolta storica per l’umanità. Eleva le virtù creatrici dell’armonia dell’essere umano con la natura, sostenuta dalle visioni andine del “buen vivir” (sumak kawsay) e del “vivir bien” (sumak qamaña), per le quali Gaia è un sovra-organismo vivo che si autoregola per produrre e riprodurre vita.

 

Questa condizione dei diritti di Madre Terra è un’opportunità unica per andare avanti nell’approfondimento dei diritti degli stessi esseri umani finora riconosciuti come diritti di prima, seconda e terza generazione. La suddetta condizione si riferisce certamente ai diritti emergenti delle future generazioni (carattere trans-generazionale) convertiti oggi principalmente in obblighi delle generazioni attuali).

 

In virtù di quanto sopra, la specie umana deve ora assumere più obblighi che diritti rispetto a Madre Terra.  Ecco un’altra grande sfida per l’Assemblea nazionale costituente: trovare un equilibrio costituzionale fra i diritti umani già sanciti e quelli che non vi figurano espressamente, e con i doveri e gli obblighi della specie umana nei confronti di Madre Terra.

 

Per i propositi di questa dimensione giuridica, ci si può basare su proposte già elaborate, per la riscrittura di alcuni articoli della Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela del 1999 e i relativi obblighi e doveri.

DIMENSIONE ECONOMICA

In una situazione di conflitto, la natura si esprime in maniera improvvisa.  Possiamo fare danni all’ambiente naturale per anni senza percepire una reazione sfavorevole, e poi all’improvviso, ecco la risposta, che può assumere un carattere catastrofico, con effetti cumulativi.

Senza dubbio continuiamo a estrarre e sprecare le risorse produttive con una velocità che supera la capacità di rigenerazione. Un problema o conflitto ambientale può presentarsi in tre varianti: un consumo eccessivamente rapido di risorse e servizi; la velocità davvero eccessiva di produzione di scarti; la combinazione delle due varianti. Diversi autori a questo proposito hanno parlato di tappa della Grande accelerazione.

 

Negli ultimi 65 anni la popolazione mondiale è raddoppiata; il Pil mondiale è aumentato di 9 volte; il consumo energetico di 7; il consumo di acqua si è decuplicato; la produzione di alimenti è aumentata di 7 volte. Questi cambiamenti hanno prodotto a loro volta effetti esponenziali diretti nell’ambiente, con aumenti esponenziali nella produzione di biossido di carbonio, gas metano e altri gas serra , nell’acidificazione degli oceani e nella perdita di boschi e biodiversità.

 

Un’accelerazione-trasformazione di questa portata è insostenibile. Si tenga conto anche delle diverse conseguenze in termini climatici oltre agli altri danni ambientali già ben evidenti.

 

Ci chiediamo dunque: come possiamo ridimensionare la nostra crescita? Quali possono essere le aree prioritarie sulle quali indirizzarci in un nuovo modello economico?  Possiamo proporci di decrescere e vivere bene? Queste considerazioni come tante altre ci invitano a elaborare iniziative che ci possono aiutare a costruire il processo di transizione verso l’ecosocialismo.

 

Questo significa che ogni processo produttivo dovrebbe essere pulito. In altre parole, la produzione dovrebbe rispondere ai seguenti requisiti:

 

  1. Minimizzare l’uso di risorse naturali, limitandole a quanto indispensabile per la produzione,
  2. Ottimizzare energeticamente i processi produttivi, facendo uso di tecnologie appropriate e pulite, senza produrre scarti e riorganizzare anche il processo sociale del lavoro.
  3. Massimizzare i beni e i servizi, eliminando o minimizzando la produzione di residui o scarti di qualunque tipo, in atmosfera, in acqua e nel suolo. Approfittare dei vantaggi del riutilizzo dei materiali e nutrienti. Il nuovo modello deve evitare inefficienze di tutti i tipi. Ogni prodotto una volta utilizzato deve essere la base per un nuovo prodotto. 4. Applicare in permanenza il principio di precauzione. Prevedere le conseguenze future di quello che pensiamo di fare. 5. Per affrontare i diversi fattori che provocano penuria ed esaurimento di risorse naturali occorre progettare e avviare processi sulla base della gestione della domanda rispetto ai limiti biofisici dell’ecosistema, seguendo la strada dell’austerità responsabile. 6. Incorporare il concetto di biomimesis (fondato sulla saggezza della natura e degli esseri viventi) per guidare e innovare nella dinamica scientifico-tecnologica e nell’eco-industria. La biodiversità deve essere valorizzata e la sua ricchezza deve essere misurata.
  4. Promuovere l’economia familiare e circolare nelle reti, per privilegiare una nuova divisione del lavoro e il valore d’uso rispetto al valore di scambio.

 

Azioni da realizzare immediatamente:

 

  1. Riprendere e intraprendere i programmi e le proposte già esistenti nel paese, nella produzione di energie rinnovabili pulite: solare, eolica, dalle biomasse ecc.
  2. Uso razionale ed efficiente delle risorse, risparmio idrico, risparmio di materie prime di vario genere. 3. Ridurre progressivamente la dipendenza dall’uso di energia fossile e iniziare il processo di de-carbonizzazione dell’economia. Occorre dunque intraprendere il cammino dell’economia anticapitalistica e imparare a vivere con l’energia solare e altre fonti non inquinanti. 4. Consolidare la rivoluzione produttiva agro-ecologica e bloccare la strada al transgenico che i settori industriali vogliono imporci.
  3. Difendere e promuovere il diritto a un’alimentazione sana e di elevato valore nutritivo. Tutto questo in armonia con il potenziale agro-ecologico che l’agrobiodiversità locale presenta nel nostro territorio.
  4. In funzione delle caratteristiche culinarie e gastronomiche delle socio-bioregioni, occorre promuovere le eco-reti alimentari e i processi produttivi locali.
  5. Proseguire nelle ricerche, innovazioni e sviluppi scientifici e tecnologici sulle virtù terapeutiche del tropico.
  6. Incorporare le nuove eco-tecnologie, per sostituire il vecchio e obsoleto parco industriale, inquinante e antiquato rispetto alla realtà scientifica e tecnologia emergente.
  7. Esigere il trasferimento di tecnologie pulite nei rapporti Sud-Sud e Nord-Sud.
  8. Promuovere la mobilità sostenibile, trasporto collettivo e gratuito.
  9. Costruire e modernizzare nuovi eco-parchi, con un orientamento anche eco-turistico.
  10. Rendere effettiva e consolidare la gestione ambientalmente sostenibile delle imprese.
  11. Con la partecipazione attiva dei lavoratori e delle lavoratrici mirare all’eliminazione dei monopoli e oligopoli.
  12. Far sì che la classe lavoratrice partecipi attivamente alla distribuzione effettiva e al flusso dei beni primari.
  13. Analizzare la pertinenza dei debiti contratti dai settori pubblici e privati che hanno contribuito a destabilizzare l’economia dei nostri paesi.
  14. Nazionalizzare il sistema bancario e finanziario. 17. Introdurre attraverso le scuole del Potere popolare e altre istanze di formazione i concetti originari del Vivir bien e dell’Ecosocialismo per tutti i responsabili e portavoce dei consigli comunali, delle imprese di proprietà sociale, dei comitati locali di approvvigionamento e produzione (Clap) con l’obiettivo di mantenere una coerenza organica fra il pensare, il dire e il fare.
  15. Aumentare la relazione di bilancio (municipale e regionale) che dipenda dai progetti sviluppati in maniera congiunta (Stato – Potere Popolare) e che risponda alle aree strategiche di fornitura, produzione, trasformazione e distribuzione di beni e servizi di prima necessità identificati territorialmente dalla popolazione organizzata. 19. Accesso gratuito ai servizi di salute, educazione e altri servizi di base necessari a garantire la qualità della vita dei cittadini.
  16. Controllo serrato sulle proprietà, sui redditi, sui debiti e sulle finanze in generale dei membri della società per ricercare la maggiore uguaglianza di reddito possibile. Evitare l’accumulazione eccessiva, così come la corruzione e lo storno di denaro e risorse illecitamente ottenute – anche con amici e familiari che possono servire da prestanome. Tutte le cittadine e i cittadini devono dichiarare annualmente i propri redditi, così come le proprietà, i debiti e le prebende che ottengono; e dovranno pagare tutte le corrispondenti tasse.
  17. Promuovere un uso obiettivo e razionale di mezzi di comunicazione, reti e spazi virtuali valorizzando i passi avanti verificatisi in diverse aree della conoscenza. Introdurre dispositivi per evitare la manipolazione mediatica, le menzogne e l’assoggettamento a interessi corporativi dei mezzi di comunicazione. Punire seriamente l’incitamento all’odio, alla violenza e alla guerra, e qualunque atto di discriminazione o apologia dei crimini.

 

Le idee che abbiamo qui esposto si stanno consolidando in spazi produttivi e sociali, a livello individuale, di gruppo e di governo, in successione o simultaneamente. Tutte queste molteplici dinamiche hanno livelli diversi di sviluppo e si propongono un grande obiettivo: procedere nella costruzione di una proposta di civiltà. È già così nella pratica, attraverso il potere popolare; creando e consolidando spazi ecosocialisti; germe di un nuovo Stato, che ha come base le nostre comunas.

 

Ci è richiesto di creare per credere. È evidente l’esigenza di procedere verso lo sviluppo umano in una prospettiva ambientale ed ecologica. Queste dimensioni ci portano a consolidare la pace, ad avanzare nella giustizia sociale e nell’indipendenza e ad affermare progressivamente  equilibrio ed equità nella nostra vita.

Le rivoluzioni civilizzatrici saranno ecosocialiste o non saranno.

 
FRONTE ECOSOCIALISTA INTERNAZIONALE CHICO MENDES

>>Per aderire alla proposta>>>

 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

 

Hacia el ecosocialismo de Chávez

por Frente Ecosocialista Internacional Chico Mendes

Propuestas para la ANC y la comunidad internacional

A pesar de todos los avances tecnológicos de las últimas décadas, que han posibilitado el acceso casi instantáneo a la información, la sociedad contemporánea sigue muy mal informada o desinformada. Las corporaciones con fines de lucro, que se hacen llamar medios de comunicación, comparten los intereses de las principales corporaciones mundiales que son las que pagan la propaganda, y hasta las mismas noticias que mantienen a esos medios como negocios exitosos y a nosotros, ignorantes o al menos desinformados, de lo que realmente pasa.

Los medios influencian la manera como entendemos al mundo, nuestras relaciones, nuestras vidas, y la manera como entendemos el progreso de la humanidad. Aún peor, la manera como medimos estos factores, está ligada muy estrechamente a un modelo distorsionado basado en el ansia desenfrenada de riqueza, la especulación financiera y en la creencia, que los recursos del planeta son infinitos, o que la sustitución de un recurso por otro, una vez que el disponible se acabe, puede ser infinita y práctica, incluso más efectiva en términos de costo.

No es casual entonces que la manera como entendemos lo que es aceptable o no para la construcción y desempeño de nuestras sociedades, queda de alguna forma ligada a los mismos intereses de la minoría privilegiada. Nos han impuesto  estos intereses como legítimos, como la forma natural que las cosas funcionan. Siendo así, nos hacemos copartícipes y cómplices de una cultura depredadora del ambiente y de los humanos que habitamos el planeta.

Lo cierto es, que hemos agotado, o estamos a punto de agotar importantes recursos del planeta; mientras tanto, miles de millones de personas viven en la pobreza; nuestros cauces de agua se deterioran debido a los desechos que se arrojan en ellos cada minuto; nuestra atmósfera sufre los efectos de la incesante emisión de gases que causan estragos en diferentes aspectos de la vida; nuestros suelos se deterioran por la erosión de laderas montañosas, la deforestación de bosques, y la contaminación con herbicidas, pesticidas, y plantas genéticamente modificadas. La temperatura promedio del planeta aumenta… Pero para el sector minoritario dominante del mundo, para el 1% que está más pendiente de los stocks de las principales corporaciones del mundo, de sus lujos, de sus excesos, de sus corporaciones, de sus guerras provocadas en regiones apropiadamente alejadas de sus mansiones y vidas cotidianas, esto no es preocupante. ¿Por qué habría de serlo si ellos y ellas se están dando la gran vida? Aunque están llevando a la raza humana hacia su fin.

De esta misma manera se ve a los países llamados “de la periferia”. Que son entendidos como simples proveedores de materias primas y riqueza para el pequeño sector minoritario que domina al mundo. 

A Venezuela, y a todas aquellas naciones que se rebelan y tratan de salir de la dependencia económica, de la dominación geopolítica, y tratan de lograr cambios en sus sociedades, les espera una implacable campaña mediática de desprestigio y satanización que va acompañada de una despiadada guerra económica. Esto último aprovechando que, los Latinoamericanos, son países con economías débiles y generalmente monoproductores y dependientes; vulnerables a las presiones de los organismos financieros internacionales.

Muchos países Latinoamericanos han sido invadidos militarmente en el pasado, y Venezuela, que ya había sido víctima de un decreto de Obama declarándola una amenaza inusual, acaba de recibir amenazas militares por parte de Trump. Estas amenazas han sido precedidas de un sabotaje en todos los aspectos de la sociedad; de una violencia terorista que duró alrededor de 120 días; de una muy agresiva campaña mediática; y de presiones políticas y económicas sin precedentes que incluyó a un dictador (Temer, Brasil) y desgastados e impopulares líderes de diferentes países, organismos financieros internacionales y la OEA.

¿Qué nos queda? ¿Ceder ante las presiones? ¿Esperar estar al final entre los pocos sobrevivientes, cuando al reacomodarse a las nuevas condiciones impuestas por los humanos, el ambiente desate su cataclismo? ¿O empezamos a actuar ahora mismo para sanar los daños que sean posible sanar; para establecer una cultura diferente basada en la existencia y uso racional de los recursos limitados y finitos del planeta; para establecer sistemas y modelos económicos, sociales, políticos, culturales inclusivos y participativos que saque provecho de la creatividad e inteligencia de la raza humana para provecho de los seres vivos y del planeta en general, y no de una minoría privilegiada? Creemos que esto último es lo más razonable, aunque requiera más trabajo, y requiera empezar a actuar ya, en contra de fuerzas muy poderosas.

La tarea no es fácil. Hay factores histórico-culturales como la colonización española; la derrota del proyecto de Bolívar de unidad e independencia latinoamericana; la fragmentación social; el racismo; la esclavitud; la desigualdad económica y social; la dependencia cultural; la falta de identidad nacional; que nos han atrapado en una situación de individualismo, de sálvese quien pueda, donde la Patria para muchos carece de significado.

La economía petrolera venezolana, rentista, monoproductora y dependiente, ha generado distintos estragos y deformaciones culturales, sociales e ideológicas. Pero el factor más degradante e influyente de una manera malsana en nuestra cultura, nuestra política, nuestra sociedad en general ha sido la maquinaria político-cultural de dominación estadounidense, hasta el punto que una parte de la población y hasta algunos partidos políticos priorizan los intereses de los Estados Unidos por sobre los intereses de Venezuela.

Pero Venezuela tiene un potencial enorme, gente orgullosa, digna, luchadora y trabajadora; gente heredera de las ideas y luchas de Simón Bolívar, Hugo Chávez, Francisco de Miranda, entre otros importantes líderes de estatura mundial.

Estamos conscientes, del prodigio de recursos energéticos y de biodiversidad que afortunadamente nuestro país posee; éstos constituyen un envidiable escenario geo-político estratégico territorial y nos propician toda una serie de posibilidades y múltiples contradicciones culturales, sociales e ideológicas, que nos entusiasman y nos motivan. Más aún, nos conducen a participar en la definición de esa sociedad posible, y de ese ser venezolano/venezolana que en gran parte se desdibujó como resultado de la colonización española, de la dominación oligarca, de la recolonización estadounidense y de los antivalores del capitalismo dependiente que hemos padecido.

El pueblo venezolano, en particular, luego de enfrentar y derrotar un ataque terrorista que duró 120 días, ha puesto en marcha, a través del voto universal, directo y secreto, a la Asamblea Nacional Constituyente (ANC). La ANC es un espacio del poder popular originario, que se ubica por encima de los partidos políticos y de las estructuras de poder establecidas, para modificar la constitución tomando en consideración temas vitales. La idea es que la constitución responda a la realidad que se vive, pero que también perfile el nuevo país que se quiere, y facilite el establecimiento de las leyes y normas necesarias para construirlo.

Pero la ANC no tenía ni 15 días de funcionamiento, cuando, ante el fracaso de la última ofensiva terrorista contra el gobierno democrático de Nicolás Maduro, Donald Trump ya estaba amenazando con acciones militares directas contra el país. En caso que llegara a concretarse esta aventura por parte de Trump, la derrota militar estadounidense causaría daños incalculables para Venezuela, su gente, sus estructuras, su ambiente natural. Por eso preferimos evitar tener que derrotarlo militarmente.

La ANC debe propiciar el mayor número de espacios de debate/aprendizaje, orientados a sensibilizar y tomar conciencia de las complejas condiciones y tensiones de todo tipo que estamos confrontando.  Estos espacios deben abarcar a todo el país por las razones ya mencionadas anteriormente, pero también al planeta. Esto último, porque las agresiones del sistema capitalista/imperialista, liderado por el grupo minoritario dominante del mundo, hacia el planeta mismo, han llevado a la especie humana al umbral de su propia extinción.

Estamos obligados a derrotar el modelo capitalista monoproductor-dependiente, que en nuestro caso es llamado rentismo petrolero. Paralelamente debemos derrotar a la guerra económica que nos han impuesto como castigo por sublevarnos al imperio. Ante los retos planteados, proponemos al ecosocialismo como nueva propuesta civilizatoria.

Consideramos firmemente que sólo el ecosocialismo puede cambiar las condiciones de Venezuela y del mundo, de una manera realmente radical y consustanciada con los intereses de las grandes mayorías del país y del planeta.

La discusión debe priorizar y orientar: ¿En qué crecer? ¿En qué decrecer? ¿Quién controla los procesos productivos? ¿Cómo vamos a producir? ¿Cómo operamos la justa distribución de la riqueza? ¿Cómo mantenernos austeros y evitar creer que nadamos en la abundancia?

El primer objetivo nacional del 5to Objetivo Histórico de la ley Plan de la Patria dice claramente: “construir e impulsar un modelo económico productivo ecosocialista, basado en una relación armónica entre el hombre y la naturaleza, que garantice el uso y aprovechamiento racional, óptimo y sustentable de los recursos naturales, respetando los procesos y ciclos de la naturaleza.”

Nuestro país debe emprender un camino de productividad a todo nivel, pero esta productividad debe estar sujeta a los límites biofísicos, impuestos por la ecosfera. No existe tal cosa como crecimientos económicos perpetuos o recursos infinitos. La extracción de recursos renovables no puede superar la capacidad natural de regeneración de los mismos. La emisión de residuos no debe superar las tasas ecológicas de asimilación y procesado.

Los flujos de entrada y salida de los sistemas y procesos productivos se deben concatenar en un solo flujo circular, es decir, saludable; donde debe haber un cierre del ciclo  total de producción. Producción-distribución-consumo-residuo-reuso/reciclaje-producción.

Nuestra conducta debe estar sujeta a la eco-ética. Una nueva ética que guiada por valores de corresponsabilidad social y de una relación responsable hacia la naturaleza, nos permitirá definir nuestro desarrollo con criterios de sustentabilidad. Una sustentabilidad que quedaría delimitada por los ritmos saludables de los ecosistemas; el uso preponderante/exclusivo de la energía proveniente del sol; y el cierre de los ciclos de la materia y energía.

El ecosocialismo debe reconocer, recrear y fortalecer nuestro carácter identitario e intercultural. Este carácter, a su vez, debe estar fundado en ese extraordinario y rico mestizaje (caribeño-europeo-indo-afro-caribeño), con sus valores, signos, significaciones y complejidades que son los sustratos de la cultura de la sustentabilidad.

Un proceso de transición hacia el ecosocialismo debe sustentarse y avanzar en varias dimensiones y niveles socio-político-culturales. Los cuales se aspira tengan coherencia, visibilidad, coincidan, puedan coordinarse, articularse, hacer sinergia y complementarse. Para esto se han definido seis principios, llamados Principios Ecosocialistas, para orientar la marcha hacia la nueva sociedad.

PRINCIPIOS ECOSOCIALISTAS

1) La autocontención 2) La precaución 3) La Interculturalidad
4) La eco-ética 5) La igualdad social 6) La participación

DIMENSIONES Y ACCIONES ECOSOCIALISTAS 

DIMENSION ECO-ETICA

En las páginas nro. 64 (ob.2.2.7.1), 75 (ob.2.4.2.1), 129 (ob.5.1.2), 135 (ob.5.3.1.1) de la ley Plan Patria, Segundo Plan Socialista de Desarrollo Económico y Social de la Nación 2013-2019, se expresa la voluntad por avanzar en una nueva ética revolucionaria; en una nueva ética-ecosocialista; en una nueva cultura eco-socialista, en fin, en la eco-ética.

La humanidad entera ha sufrido el impacto del modelo capitalista neoliberal-globalizador de dominación. Este modelo contaminador, depredador y extractivista, es además ineficiente y creador nato de desigualdades sociales y de daños ambientales severos, muchas veces irrecuperables. Además pervierte a nuestras y nuestros niños y jóvenes, y a la población en general con una mentalidad consumista, individualista, donde el dinero es el objetivo de vivir. Este modelo siempre presenta desbalances entre las entradas y las salidas de los procesos productivos, porque, aunque a veces pregona lo contrario, no le interesa el ambiente natural.

Los mentores del sistema capitalista nos siguen imponiendo condiciones megalómanas y falsas expectativas para confundirnos. La realidad es que este modelo se agotó, no es opción viable para la humanidad por su productivismo destructivo y su estilo de vida contrario a los intereses de la humanidad entera.

Las nuevas relaciones en la sociedad y humano-naturaleza exigen una re-dimensión de la ética, donde los valores de la naturaleza partan por reconocer que nuestra Tierra dejó de ser una simple mercancía y que no se puede hacer con ella lo que nos dé la gana. Es, sigue y seguirá siendo, algo vivo y generador de vida. El capitalismo la considera algo inerte, una especie de tienda con recursos infinitos.

La eco-ética concentra múltiples dimensiones culturales, psicológicas, psíquicas, emocionales que debemos revalorar, para resguardar de manera muy atenta las relaciones entre seres humanos, y la de estos con los recursos naturales del planeta. Más aún, debemos considerarnos garantes del bienestar de las generaciones futuras, y activamente, debemos demostrar, la solidaridad intergeneracional y las relaciones geo-políticas e internacionales mediatas e inmediatas, que nos han de mantener unidos.

Como lo exige el Plan de la Patria, nuestra nueva eco-ética o ética ecosocialista, debe permanentemente promover la transformación de la persona y su relación con los demás seres vivientes y el planeta en general, a través de un proceso dialógico, reflexivo, consciente y responsable para generar estrategias y prácticas sustentadas en el bien colectivo, apropiadas al medio natural y cultural. 

DIMENSION POLÍTICA

La corresponsabilidad y la convivencia social armónica entre humanos, nos demanda promover y construir la democracia participativa,  protagónica y colectiva. Esta última debe valorar las diferencias y celebrar las comonalidades y desvelarse por la integración social de todos con todos, sobre las bases de la corresponsabilidad social adquirida y la relación responsable con el ambiente. Debemos crear espacios sociales, rescatar los que se han deteriorado y convertirlos en espacios de encuentro para las artes, para la producción artesanal y ecológica, para la discusión de asuntos de interés para todas y todos, para concretar los sueños colectivos.

Los principios ecosocialistas, están orientados, a combatir la conciencia rentista, mercantilista, consumista e individualista, que estimula la innecesaria acumulación y los conflictos sociales. Se aspira que los principios permitan unir intereses colectivos en la consecución de la paz y de los objetivos comunes.

El ecosocialismo tiene la misión de articular y apoyar herramientas teóricas y conceptuales. Algunas se crearán en el proceso; otras que han venido aportando y complementándose entre las distintas tendencias ideológicas y políticas, como: el ecologismo, la ecología política, el eco-marxismo, el eco-feminismo, el altemundismo, el buen vivir, el vivir bien, la descolonización, entre otras.

DIMENSIÓN AMBIENTAL

Las evidencias científicas recogidas en el informe de Evaluación de Ecosistemas del Milenio de la Organización de las Naciones Unidas concluye que el 60% de los servicios ambientales de los que depende el bienestar humano, tales; como la depuración del agua, la fertilidad de los suelos o regulación climática están seriamente deteriorados.

El ecosocialismo en la sustentabilidad, exige revertir esta severa tendencia de manera inmediata y urgente, antes que definitivamente nos venga el colapso. Urge y la Asamblea Nacional Constituyente debe redimensionar las políticas públicas sectoriales y territoriales, en concordancia con los límites actuales de nuestros recursos naturales.

Debemos insistir que no es el planeta en sí, que está directamente amenazado, sino los sistemas ecológicos y su soporte vital, de los cuales depende el bienestar y la existencia misma de la especie humana.

Los indicadores de extracción de recursos no deberían superar los niveles o tasas ecológicas de regeneración; ni la emisión de residuos debería superar las tasas ecológicas de asimilación y procesado. De esta forma la “sustentabilidad” queda delimitada por la adaptación de los ritmos de los ecosistemas; del uso o usos eficientes de los recursos energéticos y del cierre de los ciclos de materia en los procesos productivos.

DIMENSIÓN SOCIAL

Entendiéndose desde la óptica de la sustentabilidad, el ecosocialismo promueve la cultura del cuidado de la vida. Esta máxima condición, exige el cumplimiento de las necesidades vitales y esenciales humanas. Estas necesidades deben tener su  articulación mediante una sociedad igualitaria, integrada por personas libres que respeten y fomenten la diversidad, y donde predomine, el cuidado de todos los seres vivos y de las condiciones que permiten la vida. 

Las actividades humanas de producción y reproducción, han de tener como bases la biosfera y racionalizar la utilización de nuestros servicios naturales en concordancia con los límites de su uso racional. Esto significa la creación y consolidación de los espacios ecosocialistas.

El ecosocialismo y la igualdad (intrageneracional e intergeneracional) implica tener en cuenta la justicia ambiental. Esto implica la búsqueda de la resolución de los conflictos ecológicos y redistributivos, mediante el reparto equitativo de los beneficios (recursos naturales y los servicios ambientales) y los costos de los pasivos ambientales (contaminación y residuos) ligados al aprovechamiento económico de la naturaleza.

Para la Asamblea Nacional Constituyente, un buen ejemplo de justicia ambiental, sería asumir acciones legales contra los responsables directos e indirectos de los actos eco-terroristas: la quema de cauchos y basura, y la destrucción ambiental.

Por lo anteriormente expuesto, es natural ejercer la presión social organizada para que las nuevas políticas ambientales, tengan peso real en el conjunto de las políticas públicas sectoriales.

La educación ecosocialista es indispensable en todos los niveles de educativos. En particular, en el proceso de transformación universitaria, donde lo ambiental, debe priorizarse. La universidad debe atender con urgencia los temas emergentes que exigen de nuevas valoraciones e innovaciones científicas y tecnológicas.

Los nuevos urbanismos que se construyen a través de la Gran Misión Vivienda deberían tener techos de paneles solares, bibliotecas, centros de colección y procesamiento de residuos incluyendo tratamiento de aguas residuales, parques naturales, centros de producción agroecológica, entre otras cosas, que permitan la creación del hábito del trabajo, del ejercicio físico, y de la convivencia sana con la naturaleza.

DIMENSIÓN JURIDICA:

Nuestra Latinoamérica, fue la primera en el mundo en darle rango constitucional al ecologismo. Nuestros pueblos hermanos Bolivia y Ecuador establecieron en sus constituciones los derechos de la Madre Tierra.

Este trascendental hecho jurídico tiene repercusiones múltiples, en especial hacia los organismos multilaterales, por cuanto ha generado una nueva inflexión el derecho ambiental internacional. Se obliga a entender a Gaia (la Tierra) como un ente vivo, finito y con límites, que puede morir; y pone contra la pared a las constituciones neoliberales, que ni siquiera todavía llegan a reconocer los más elementales derechos sociales.

Este es un hito histórico para la humanidad. Eleva las virtudes creativas de la armonía del ser humano con la naturaleza, tal como las visiones andinas del “buen vivir” (sumak kawsay) y del “vivir bien” (sumak qamaña) promueven. Estas visiones ponen a Gaia como un super-organismo vivo que se autorregula para siempre producir y reproducir vida.

Esta condición de los derechos de la madre tierra, es una única oportunidad para avanzar en la profundización del catálogo de derechos humanos hasta ahora reconocidos como derechos de primera, segunda y tercera generación. Por ello, la condición en mención, definitivamente cuenta con los derechos emergentes de las generaciones futuras (carácter transgeneracional) convertidos hoy principalmente en obligaciones de las generaciones actuales.

En virtud de lo anterior, la especie humana, debe ahora tener más obligaciones que derechos para con la Madre Tierra.  Siendo otro magno reto para la Asamblea Nacional Constituyente, el encontrar un equilibrio constitucional en los derechos humanos consagrados, y aún, los que no figuren expresamente, con los deberes y obligaciones de la especie humana para con la Madre Tierra.

Para los propósitos de esta dimensión jurídica, se cuenta con propuestas elaboradas, en la reescritura de algunos artículos de la Constitución de la República Bolivariana de Venezuela de 1999 y los deberes u obligaciones que han de evaluarse para su consideración.

DIMENSIÓN ECONÓMICA

En situaciones de conflicto, la naturaleza se expresa de manera súbita. Podemos estar haciéndole daño al ambiente natural por años sin percibir una reacción desfavorable notoria, y de repente, surge su respuesta, que puede adquirir carácter catastrófico, con efectos de orden acumulativo.

Sin embargo, seguimos extrayendo y despilfarrando los recursos productivos con una velocidad que supera su capacidad de sustentación.

Un problema o conflicto ambiental, se puede enmarcar en tres variantes: la excesiva velocidad de consumo de recursos y servicios; la desmedida velocidad de producción de residuos; y la combinación de ambos. Tales condiciones, es lo que varios autores, han denominado la etapa de la Gran Aceleración.

En los últimos 65 años la población del mundo se ha multiplicado por 2; el PIB por 9; el consumo energético por 7; el consumo de agua por 10; la producción de alimentos por 7. Estos cambios, a su vez, han generado efectos exponenciales directos en el ambiente: la producción de dióxido carbono, gas metano y óxido nitroso, se han multiplicado por 155-150 y 120 respectivamente; la acidificación de los océanos por 30 veces, y la pérdida de bosques y de biodiversidad por 30 y 35 veces respectivamente. 

Esta gran aceleración-transformación, es insostenible. Ello, sin tomar en cuenta las distintas secuelas climatológicas, que conviven en nuestra humanidad y los pasivos ambientales que se están contabilizando.

Nos planteamos entonces varias reflexiones: ¿Cómo podemos redimensionar nuestros crecimientos? ¿Cuáles pueden ser las áreas prioritarias que debemos atender en el nuevo modelo económico? ¿Pudiéramos plantearnos decrecer (según los estándares de medición económica) y vivir bien? Estas, como otras tantas gruesas consideraciones, nos invitan a  elaborar iniciativas, las cuáles nos ayuden a construir el proceso de transición  hacia el ecosocialismo.

Esto quiere decir que la producción limpia debería regir cada proceso productivo. En otras palabras, la producción debería cumplir con los siguientes requisitos:

1ro. Minimizar el uso de los recursos naturales, valorando si es, o no, indispensable para la producción.

2do. Optimizar energéticamente los procesos productivos, haciendo uso de tecnologías apropiadas y limpias, sin la producción de residuos y también reorganizar el proceso social del trabajo.

3ro. Maximizar los bienes y servicios, eliminando o minimizando la producción de residuos y desechos de cualquier tipo al aire, suelo o agua. Aprovechar las ventajas de la reutilización de los materiales y nutrientes. El nuevo modelo debe evitar ineficiencias de todo tipo. Cada producto liego de usado debe ser la base para un nuevo producto.

4to. Aplicar permanentemente el principio de precaución. Prever las consecuencias futuras de lo que pensamos hacer.

5to. Los distintos factores causantes de carestía o de la desaparición de recursos naturales deben atenderse. Ello nos obliga a diseñar e iniciar procesos sobre la base de la gestión generalizada de la demanda y los limites bio-físicos de los ecosistemas. Se plantea avanzar en la austeridad responsable.

6to. Incorporar la noción de la biomímesis (basado en la sabiduría de la naturaleza y sus seres vivos) para guiar e innovar en la dinámica científica-tecnológica y en la eco-industria. La biodiversidad debe ser revalorada y resignificada en su riqueza.

7mo. Promover la economía familiar y circular en redes, para privilegiar la nueva división del trabajo y la dinámica del valor de uso sobre el valor de cambio.

Acciones que de inmediato deben implementarse:

1) Retomar y emprender los programas y propuestas existentes en el país, en la producción de energías renovables limpias, tales como: solar, eólica, de biomasa y avanzar en la generación de la distribución.

2) Empleo racional y eficiente de los recursos, ahorrando el agua y todo tipo de materias primas.

3) Reducir progresivamente la dependencia en el uso de energía fósil e iniciar el proceso de la descarbonización de la economía. Esto implica avanzar en una economía anticapitalista y aprender a vivir de el sol y otras fuentes no contaminantes.

4) Consolidar la revolución productiva agroecológica y cerrarle el paso a la bio-revolución de la transgenia, que sin necesidad ni conocimiento de causa, los sectores agroindustriales nos quieren imponer.

5) Defender y promover el derecho a una alimentación sana, de alto aprovechamiento biológico. Todo esto en correspondencia con el potencial agroecológico que la agrobiodiversidad local presenta en nuestro territorio.

6) En función de las características culinarias y gastronómicas de las socio-bioregiones, deben fomentarse las eco-redes agroalimentarias en función de los procesos socio-productivos locales.

7) Avanzar en las investigaciones, innovaciones y desarrollos científicos y tecnológicos sobre las virtudes terapéuticas del trópico.

8)  Avanzar en la incorporación de las nuevas eco-tecnologías, para desplazar el viejo y obsoleto parque industrial, excesivamente contaminante y desfasado de la realidad científica y tecnológica emergente.

9) Exigir las transferencias de tecnologías limpias en las relaciones: Sur-Sur y Sur-Norte.

10) Movilidad con criterio sustentable, transporte colectivo y gratuito.

11) Construcción y modernización de nuevos eco-parques, con enfoques y direccionalidad eco-turísticas.

12) Implementar y fortalecer la gestión ambiental de las empresas.

13) Participación activa de las y los trabajadores en la eliminación de los monopolios y oligopolios.

14) La clase trabajadora debe activamente participar, en la efectiva distribución y flujo de bienes de consumo masivo.

15) Analizar la pertinencia de las deudas contraídas por sectores políticos y privados que han contribuido a desestabilizar la economía de nuestros países.

16)  Nacionalización de la banca y el sistema financiero.

17) Introducir a través de las escuelas del Poder Popular y cualquier otra instancia de formación los conceptos originarios del Vivir Bien y de nuestro Ecosocialismo para todas y todos aquellos voceros y responsables de Consejos Comunales, Empresas de Propiedad Social y Comités Locales de Abastecimiento y Producción con la finalidad de mantener una coherencia orgánica entre el pensar, decir y el hacer.

18) Incrementar la relación presupuestaria (municipal y regional) que dependa de los proyectos desarrollados de manera conjunta (estado – poder popular) y que respondan a las áreas estratégicas de alimentación, producción, transformación y distribución de bienes y servicios de primera necesidad identificadas territorialmente por el pueblo organizado.

19) Acceso gratuito a los servicios de salud, de educación y otros componentes básicos para garantizar la calidad de vida de las y los ciudadanos.

20) Control estricto de las propiedades, ingresos, deudas y finanzas en general de los integrantes de la sociedad para buscar la mayor nivelación de ingresos posible. Evitar la acumulación desmedida, como la corrupción y el desvío de dinero y recursos ilícitamente obtenidos—hacia amigos y familiares que puedan servir de testaferros. Todos y todas las ciudadanas deben declarar sus ingresos anualmente, al igual que las propiedades, deudas y prebendas que adquieran; y deberán pagar todos sus impuestos cuando corresponda.

21) Darle uso objetivo y racional a los medios de comunicación, redes y espacios virtuales promoviendo las bondades de los avances, que en diferentes áreas del conocimiento se han manifestado. Implementar mecanismos para evitar la manipulación mediática, la mentira y la supeditación a intereses corporativos de los medios de comunicación. Castigar severamente la incitación al odio, a la violencia y/o a la guerra, y cualquier acto de discriminación o apología al delito.

Las ideas que hemos enunciado se vienen consolidando en espacios productivos y sociales, de manera singular, grupal, y gubernamental, de forma secuencial ó simultánea. Todas estas múltiples dinámicas tienen diferentes niveles de desarrollo y buscan el gran objetivo, de avanzar en la construcción de una propuesta civilizatoria. Dicho de otra manera, ya se está en la práctica, a través del poder popular, creándose y consolidándose los espacios ecosocialistas; germen de un nuevo estado, que tiene como base nuestras comunas.

Se nos exige crear para creer y también se nos convoca, a que avancemos hacia un desarrollo humano desde la visión ambiental y ecológica; dimensiones que nos conllevan a consolidar la paz, para alcanzar la justicia social e independencia y progresivamente encontrar los equilibrios y la equidad en nuestra calidad de vida.

Las revoluciones civilizatorias serán eco-socialistas o no serán.

FRENTE ECOSOCIALISTA INTERNACIONAL CHICO MENDES

>>>Para aderirse a la propuesta>>>

 

L’eredità cubana di Fidel Castro

15181202_1816868731936049_8641418156679388569_ndi Gideon Polya

La vera democrazia fatta di buona salute pubblica, bassi tassi mortalità infantile, alta alfabetizzazione ed eco-socialismo.

 

1°dic2016.- Nonostante decadi di sanzioni U.S.A. illegali e un reddito annuo pro-capite di soli circa 7.000 dollari da paragonare ai 56.000 degli U.S.A., Cuba ha un buon sistema di salute di base, 100% di alfabetizzazione, un’aspettativa di vita di livello occidentale e una mortalità infantile al di sotto dei 5 anni, di 6 su 1.000, la stessa degli U.S.A. La vera democrazia significa fondamentalmente espressione della volontà del popolo e nella Cuba di Castro a un solo partito, ciò ha significato eco-socialismo e la sopravvivenza dei neonati, in vista di una vita decente, sana, alfabetizzata, istruita e lunga.

La cuba socialista di Fidel Castro è stata un modello per lo sviluppo civilizzato del Terzo Mondo, che rispetti il diritto umano fondamentale, quello alla vita, ed è in opposizione ideologica alla globalizzazione neo-liberista ecologicamente insostenbile, mossa dall’avidità, che favorisce in maniera spropositata l’Uno Per Cento a spese dell’Umanità e della Biosfera. Le conquiste della Cuba socialista di Fidel Castro sono elencate qui di seguito:

        1.Fidel Castro e la Cuba socialista sono sopravvissute all’ostilità criminale degli U.S., al terrorismo, all’invasione e al blocco economico.

Fidel Castro e i suoi compagni rivoluzionari socialisti rovesciarono la dittatura di Batista sostenuta dagli U.S.A. nel 1959. Fidel Castro (Fidel Alejandro Castro Ruíz) in seguito ha governato la Repubblica di Cuba per 47 anni, dapprima come Primo Ministro (1959-1976) e poi come Presidente (1976-2006). Gli U.S.A. hanno intrapreso un blocco economico contro Cuba nel 1961, che ancora persiste, nonostante un recente parziale riavvicinamento diplomatico da parte del Presidente U.S.A. Barack Obama, che il neo-eletto Presidente estremista di destra Donald Trump ha giurato di buttare all’aria. L’embargo U.S.A. impedisce le esportazioni verso Cuba che non siano cibo e medicinali, sotto minaccia di detenzione fino a dieci anni. Dal 1992, l’Assemblea Generale dell’O.N.U. ha approvato una risoluzione ogni anno, condannando l’embargo in quanto violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto Internazionale. Così, per esempio, nel 2014, delle 193 nazioni dell’Assemblea Generale dell’O.N.U., 188 hanno votato per condannare l’embargo U.S.A., con gli U.S.A. e il pro-apartheid Israele votanti contro e le ossequianti filo-americane micro-nazioni del Pacifico insulare Palau, Marshall e Micronesia astenute. Amnesty International, Human Rights Watch e la Commissione Interamericana per i Diritti Umani hanno condannato l’embargo U.S.A. Gli U.S.A., all’epoca del Presidente Kennedy, risposero militarmente alla Cuba di Castro con la fallita invasione della Baia dei Porci nel 1961. Quando Castro fece entrare i missili nucleari sovietici a Cuba, il Presidente U.S.A. John Kennedy porto’ il mondo al bordo dell’annientamento nucleare e i missili furono ritirati. La C.I.A. e gli esiliati cubani appoggiati dalla C.I.A. montarono senza successo circa 600 complotti criminali per assassinare Fidel Castro. Cuba sostenne i movimenti rivoluzionari in Africa e in Latino-America, al che gli U.S.A. risposero con invasioni belliche criminali, l’appoggio a dittature di estrema destra e l’allenamento e finanziamento di squadroni della morte, con il compagno rivoluzionario di Fidel, Che Guevara, come vittima più nota degli stessi.

 

  1. I diritti umani e la detenzione negli U.S.A. e a Cuba

Da una prospettiva dei diritti umani, una Cuba comunista a partito unico può essere legittimamente criticata per il governo mono-partitico, per la soppressione del dissenso e la detenzione dei dissidenti. Comunque, queste azioni del regime di Castro devono necessariamente essere viste nel contesto dell’embargo, della violenta ostilità, del terrorismo di stato e non di stato e dell’infinita sovversione verso Cuba da parte di un invasore seriale ed eccezionalista, il criminale di guerra seriale nonchè “stato canaglia”, gli U.S.A., che si considerano al di sopra della legge internazionale e in effetti dominano e sovvertono l’intero pianeta (2, 6 e 7). In termini di tassi di detenzione misurati come “numero di prigionieri per ogni 100.000 abitanti”, gli U.S.A. sono un leader mondiale, con 693 in paragone ai 510 di Cuba, ai 45 dell’Islanda e ai 265 del pro-apartheid Israele appoggiato dagli U.S.A. (37.300, se si includono tutti i Palestinesi Occupati e 15.900 se si considerano solo i due milioni di Palestinesi imprigionati nel Campo di Concentramento di Gaza). Gli U.S.A. hanno il 4% della popolazione mondiale ma hanno il 25% dei circa 10 milioni di prigionieri a livello mondiale. Milioni di Americani sono esclusi dalla partecipazione alla farsa elettorale a due partiti tipica del sistema U.S.A. da leggi fraudolente. Il libero discorso è vitale per il progresso sociale, ma una nuova Cuba, democratica e socialista, dovrebbe comunque proteggere la democrazia promuovendo un punto di vista rigorosamente scientifico o, quantomeno, fondato sull’expertise degli studiosi e (mantenendo) i meccanismi per bloccare la sovversione delle multinazionali del Grande Capitale, che ha trasformato le Democrazie Occidentali in Lobbycrazie e Corporatocrazie, e a titolo di esempio, ha trasformato il britannico parlamentare Partito Laburista nel neo-liberista Blair-ita New Labour.

 

  1. La vera democrazia di Cuba vs la plutocrazia degli U.S.A.

Come ampiamente dimostrato dalla recente Corsa Presidenziale, gli U.S.A. sono dominati da quel ricco Uno per Cento che è variamente descritto come il Sistema, lo Stato Profondo o l’Oligarchia. Il Sistema degli U.S.A. e i suoi servili media main-stream hanno esageratamente sostenuto la criminale seriale di guerra nonché neo-liberista Hillary Clinton nelle recenti elezioni presidenziali. L’oppositore della Clinton, il miliardario neo-liberista Donald Trump, si è ritratto come oppositore del Sistema e difensore degli “Americani comuni”. Comunque, il meno che 50% di “Americani comuni” che hanno votato per Trump si renderanno presto conto che hanno votato per un ingente taglio alle tasse dei ricchi di circa un trilione per anno, per un ipotetico “miglioramento economico, pompato da un aumento senza senso della spesa militare, per la mano libera alle ambienticide compagnie di combustibile fossile, per l’inerzia terricida verso il cambiamento climatico, per l’insicurezza riguardo le assicurazioni sulla salute adombrate dall’abolizione dell’Obamacare e, naturalmente, per il razzismo, la bigotteria, la misoginia e la regressione dei diritti conquistati a fatica dalle donne e dalle  minoranze. Il Sistema ha vinto con Trump proprio come avrebbe vinto con Clinton. Gli “Americani comuni” avrebbero vissuto immensamente meglio con le politiche socialiste pro-ambiente, a favore dell’educazione universitaria gratuita e della salute pubblica garantita di un Bernie Sanders (eliminato con l’aiuto del Sistema del Partito Democratico) o con il programma socialista del Dr Jill Stein (Partito Verde Americano), ignorato dai media main-stream, che ha guadagnato un misero 1 % dei voti.

La Cuba comunista è governata dal Partito Comunista a beneficio di tutti i Cubani, mentre gli U.S.A. sono governati da e per il Sistema dell’Uno per Cento. Negli U.S.A. la Democrazia è diventata una Plutocrazia, una Cleptocrazia, un’Omicidiocrazia, una Lobbycrazia, una Corporatocrazia e una Dollarocrazia, nella quale il Grande Capitale compra la gente, i politici, i partiti politici, la percezione pubblica della realtà, il potere politico e da ciò deriva sempre più profitto per i plutocrati. “Fabbricare il consenso” da parte dei media main-stream posseduti dall’Uno per Cento fa sì che quelli che non sono esclusi dal voto e che davvero si preoccupano di andare a votare, quase tutti votino per i candidati repubblicani o democratici.

In effetti, bisogna riflettere su cosa si intende per “democrazia”. Nel suo senso più profondo, “democrazia” o “governo del popolo” sicuramente significa realizzare i più profondi desideri del popolo, vale a dire una vita lunga, sana e significativa, la sopravvivenza per la propria prole, obiettivi che sono ottenuti con la pace, il buon governo, l’eguaglianza, una buona sanita’, 100% di alfabetizzazione e una buona istruzione. In questo senso, il socialismo altruistico sotto la guida di Fidel Castro ha assicurato una “vera democrazia” al popolo cubano, realizzando questi desideri fondamentali della gente comune.

  1. L’imperialismo U.S.A. produce infanticidi di massa, mentre la Cuba socialista, pur impoverita dagli U.S.A., ha raggiunto in maniera mirabile gli stessi tassi di mortalità infantile dei ricchi U.S.A.

È interessante considerare la “mortalità infantile sotto i cinque anni” in unità di “infanti al di sotto dei cinque anni su 1.000 nascite” (2015) e per “PIL pro-capite” in dollari U.S. ($; U.N., 2015): a) in riferimento a Cuba e agli Stati Uniti; b) ai paesi caraibici invasi dagli U.S.A. a memoria vivente (Repubblica Dominicana, Haiti, Grenada e Panama); c) ai paesi caraibici soggetti a violenti conflitti civili sobillati dagli U.S.A. a memoria vivente (Colombia, El Salvador, Guatemala, Honduras e Nicaragua) e d) agli altri paesi invasi dagli U.S.A. a memoria vivente.

  1. a) Cuba (7 morti sotto i 5 anni per 1.000 nascite; 7.274 dollari di PIL pro-capite; invasa dagli U.S.A. senza successo nel 1961); U.S.A. (7; 54,406 dollari di PIL pro-capite). Resistendo con successo all’invasione e all’embargo degli U.S.A. e con i mezzi del buon governo, di un’istruzione e di una sanità di qualità, la Cuba impoverita dagli U.S.A. ha raggiunto gli stessi bassi tassi di mortalità infantile dei ricchi U.S.A.;

b)paesi caraibici invasi dagli U.S.A. a memoria vivente – Repubblica Dominicana (28; 6.147 dollari; invasa dagli U.S.A. nel 1965), Grenada (13, 8.313 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 1983), Haiti (77, 813 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 20014), Panama (20, 12.712 dollari, invasa dagli U.S.A. nel 1989);

  1. c) paesi caraibici soggetti a violenti conflitti civili sobillati dagli U.S.A. a memoria vivente – Colombia (25, 7.904 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1964-2016), El Salvador (20, 4.120 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1972-1992), Guatemala (32, 3.673 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1954-1999), Honduras (40, 2.449 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, dominio militare supportato dagli Stati Uniti, anni ’20-’80; “democrazia” sovvertita dagli U.S.A. che ha sovvertito violentemente i propri vicini a favore degli U.S.A., 1989-2009; 2009, colpo di stato supportato dagli U.S.A.) e Nicaragua (24, 1.963 dollari; guerra civile supportata dagli Stati Uniti, 1979-1992);
  2. d) altri paesi a vario titolo invasi dalle forze U.S.A. dal 1950 – Afghanistan (93, 668 dollari; colpo di stato supportato dagli U.S.A. nel 1978, con conseguente guerra tra gli jihadisti supportati dagli U.S.A. contro gli invasori russi e i loro alleati, 1979-1989; occupazione U.S.A., 2001-presente), Cambogia (30, 1.095 dollari; guerra U.S.A., 1965-1975, che ha precipitato il Genocidio cambogiano, 1976-1979), Iran (16, 6.391 dollari; colpo di stato supportato dagli U.S.A. e installazione dello Scià pro-U.S.A., 1953-1979; raid militare fallito, 1979; guerra Iran-Iraq supportata dagli U.S.A., 1980-1988; letali sanzioni U.S.A. poi U.N. contro l’Iran sprovvisto di armi atomiche per conto di Israele praticante l’Apartheid e dotato di 400 testate nucleari, 1979-2016), Iraq (36, 6.391 dollari; guerra Iran-Iraq supportata dagli U.S.A., 1980-1988; guerra del Golfo guidata dagli U.S.A., 1990-1991; sanzioni U.N. promosse dagli U.S.A., 1990-2003; invasione da parte dell’Alleanza U.S.A., 2003-2011; Alleanza U.S.A. coinvolta nella guerra civile irachena, 2014-presente), Laos (54, 1.756 dollari; sovversione U.S.A. e guerra, 1958-1975, con bombardamenti a tappeto, 1964-1975), Libia (27, 6.602 dollari; distruzione della Libia, precedentemente uno dei paesi più prosperi dell’Africa da parte della Francia-Regno Unito-Stati Uniti (FUKUS), 2011-presente), Nord Corea (26, 696 dollari; guerra coreana promossa dall’Alleanza U.S.A., 1950-1953, con il 28% della popolazione uccisa; continue minacce e sanzioni), Pakistan (83, 1.358 dollari; bombardamenti U.S.A., 2001-presente, inclusi attacchi com droni, 2004-presente; invasione U.S.A., si presume per uccidere Osama Bin Laden, 2011), Filippine (29, 2.971 dollari; forze speciali U.S.A. in guerra a Mindanao, 2012-presente, nonostante l’opposizione dell’attuale governo delle Filippine), Siria (19, 1.418 dollari; vari tipi di suporto dell’Alleanza U.S.A. ai ribelli siriani, inclusi l’ISIS, 2011-presente), Vietnam (23, 2.015 dollari; Guerra U.S.A. nel Vietnam, 1955-1975), Yemen (70, 1.821 dollari; U.S.A. coinvolti con l’Alleanza a guida saudita nella guerra in Yemen, 2010-presente). Da notare che lo stato d’Israele pro-Apartheid (4, 38.261 dollari) appoggiato dagli U.S.A. domina violentemente sulla Palestina Occupata (23, 2.811 dollari).

Dovrebbe essere sottolineato: (i) che gli U.S.A. hanno basi in 75 paesi; (ii) che gli U.S.A. sovvertono attivamente tutti i paesi; (iii) che gli U.S.A. sono stati coinvolti in numerose guerre civili in Africa, in Latino-America e in Asia; (iv) che la struttura spionistica congiunta U.S.A.-Australia Pine Gap nel centro dell’Australia indirizza attentati coi droni in Libia, Somalia, Yemen, Siria, Iraq, Afghanistan e Pakistan; (v) che 40 milioni di Asiatici sono morti di violenza o deprivazioni imposte nelle guerre asiatiche post-anni ’50; (vi) che circa 32 milioni di Musulmani sono morti di violenza (5 milioni) o deprivazioni imposte (27 milioni) in 20 paesi invasi dall’Alleanza U.S.A. nella Guerra U.S.A. ai Musulmani (chiamata Guerra degli U.S.A. al Terrore) dall’11.09.2001, cioè dall’epoca degli orrori del falso attentato  del Governo U.S.A.

 

  1. Zero morti annuali evitabili a Cuba, in Cina e nei paesi occidentali

Per un paese in un certo período, la mortalità evitabile (morti evitabili, eccesso di mortalità, morti in eccesso, morti che non sarebbero dovute accadere) consiste nella differenza tra le morti reali in un paese e le morti attese in un paese pacifico e governato decentemente e con la stessa demografia. Il Dipartimento della Popolazione dell’O.N.U. fornisce dettagliati dati demografici per quasi tutti i paesi del mondo dal 1950, cioè dati sulla popolazione, i tassi di mortalità e di nascita, i crolli demografici e il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni. Per i paesi sviluppati ad alto tasso di natalità e con buoni risultati in termini di bassa mortalità infantile evitabile, il tasso di mortalità è di 4 morti per 1.000 su base annuale e, conseguentemente,  per i detti paesi  il “tasso di mortalità evitabile” (calcolato in morti annuali su 1.000 abitanti) = al tasso di morte attuale – 4. Usando i dati del Dipartimento della Popolazione dell’O.N.U., è stato possibile calcolare per il periodo 1950-2005 le “morti evitabili” (morti evitabili, eccesso di mortalità, morti in eccesso, morti che non sarebbero dovute accadere) per ogni paese del mondo. Il totale di mortalità evitabile per il periodo 1950-2005 [e i dati della mortalità infantile sotto i 5 anni nello stesso periodo calcolati indipendentemente nelle parentesi quadre] sono 1.303 milioni [878 milioni] (in tutto il mondo); 1.248 milioni [878 milioni] (il mondo non-Europeo); 55 milioni [25 milioni] (il mondo Europeo); e 0,6 miliardi [0,4 miliardi] (il mondo Musulmano) – un Olocausto da Mortalità Globale Evitabile, un Olocausto del Terzo Mondo e del Mondo Musulmano che è cento volte più grande che l’Olocausto Ebraico della Seconda Guerra Mondiale (5-6 milioni di morti, 1 su 6 morto per deprivazioni) o l’Olocausto bengalese “dimenticato” (Seconda Guerra Mondiale), la Siccità artificiale del 1943-45 nella quale i Britannici con la complicità degli Australiani hanno fatto morire di fame deliberatamente 6-7 milioni di Indiani in Bengala e nelle contigue province dell’Assam, dell’Orissa e del Bihar. Su questa base di stima, le “morti annuali evitabili” in percentuale rispetto alla popolazione sono approssimativamente dello 0% nella Cuba socialista, nella pluralista Cina, nel Giappone e nei paesi occidentali, ma sono dello 0.4% nel Sud-est asiatico, dello 0,6% per i Nativi Australiani e dell’1.0% per l’Africa non-araba. 

 

  1. Il governo altruistico stile cubano e una tassa annuale sulla ricchezza potrebbero abolire l’Olocausto da Mortalità Evitabile Globale

La Cuba di Castro fornisce un eccellente esempio di governo altruistico, razionale e umano e di come l’umanità può fermare l’Olocaustoda Mortalità Evitabile Globale nel quale 17 milioni di persone muoiono evitabilmente ogni anno per deprivazioni nel Terzo Mondo (eccetto in Cina). Così, l’Olocaustoda Mortalità Evitabile Global sta avendo luogo sulla navetta spaziale Terra con il ponte di comando in mano al 10% più ricco, che detengono circa il 90% della ricchezza del Mondo e che, a loro volta, sono controllati da quell’Uno per Cento, che possiede circa il 50% della ricchezza del pianeta. Una tassa annuale globale sulla ricchezza del 5% fornirebbe circa 20 trilioni di dollari all’anno, innalzando il reddito pro-capite di tutti i paesi all’equivalente dei circa 7.000 dollari per persona all’anno della Cina e di Cuba, paesi relativamente poveri per i quali il tasso di mortalità annuale evitabile è zero (0), grazie a un governo competente e altruistico. Si tratta di un’alternativa praticabile per fermare l’Olocausto da Mortalità Evitabile Globale. In effetti, una tassa annuale progressiva sulla ricchezza è stata proposta per ragioni di democrazia e di sostenibilità economica dall’economista francese Prof. Thomas Piketty nel suo importante libro “Il Capitale nel XXI Secolo”. La Francia ha una tassa annuale sulla ricchezza dell’1,5% circa e per 1.400 l’Islam ha avuto una tassa annuale sulla ricchezza (zakat) del 2,5%, considerata uno dei 5 Pilastri della Saggezza.

 

  1. L’eredità dell’eco-socialismo di Fidel Castro

Fidel Castro ha lasciato un’eredità finale di eco-socialismo a un mondo fortemente minacciato dal riscaldamento globale artificiale, da un’emergenza climatica che si va aggravando e da un genocidio climatico in via di peggioramento. La Cuba di Fidel Castro ha dimostrato che il governo altruistico e competente in una società socialista può fornire una vita decente a tutti con una buona sanità, 100% di alfabetizzazione, un’aspettativa di vita di livello europeo e un tasso di mortalità infantile molto basso in un paese con un P.I.L. pro-capite di soli circa 7.000 dollari, ovvero circa otto volte meno di quello degli U.S.A. Comunque, le economie devono essere non solo equitative ed efficienti in termini energetici ma anche sostenibili in riferimento alla nostra Biosfera fortemente minacciata. La sostenibilità ambientale è la grande sfida esistenziale all’Umanità di oggi, e deve essere affrontata con uneco-socialismo ambientalmente solido. Fidel Castro, a proposito della stessa sopravvivenza della società umana minacciata dal riscaldamento globale imposto dal Primo Mondo (ha detto a Copenhagen nel 2009): “I giovani sono più interessati di ogni altro al futuro. Fino a poco tempo fa, la discussione verteva intorno a che tipo di società vorremmo avere. Oggi, la discussione è intorno a se la società umana sopravviverà. Queste non sono frasi sensazionali. Dobbiamo essere preparati ai fatti reali. La speranza è l’ultima cosa che gli esseri umani possono abbandonare. Con argomenti veritieri, gli uomini e le donne di tutte le età, specialmente i giovani, hanno combattuto una battaglia esemplare al Summit e hanno insegnato al mondo una grande lezione.”

 

  1. L’alto tasso di alfabetizzazione, anche femminile, e l’importanza del raccontare la verità nella Cuba socialista

Una considerevole conquista della rivoluzione cubana del 1959 è stata l’aumento rapido dell’alfabetizzazione. La Campagna Cubana per l’Alfabetizzazione ha raggiunto il suo apice nel 1961 e, in seguito, ha avuto un grande impatto globale. L’alfabetizzazione è adesso al 99,7% (cioè, quasi al 100%) nella Cuba socialista, in confronto al 60,7% di Haiti, invasa dagli U.S.A. e occupata dalle potenze occidentali. Un’alta alfabetizzazione femminile è fondamentale per una buona salute di base, anche infantile, e questo si riflette nella bassa mortalità infantile tipica dell’Occidente, nella mortalità infantile evitabile pari a zero e nella lunga attesa di vita nella relativamente povera Cuba. Un’alta alfabetizzazione è fondamentale per la gestione del rischio razionale e fondata sulla scienza, che a sua volta è cruciale per la sicurezza sociale e che prevede, in ordine, (a) un’accurata informazione, (b) un’analisi basata su criteri scientifici e (c) cambiamenti sistemici per minimizzare il rischio basati su criteri scientifici. Una tale gestione del rischio a livello societale e anche globale è fondamentale per un’azione efficace contro il cambiamento climatico in un mondo in cui un innalzamento catastrofico di più di gradi centigradi di temperatura è ormai inevitabile.

Circa il 14% degli Americani sono funzionalmente analfabeti nella misura in cui sono incapaci di realizzare un’elementare lettura o scrittura in prosa nel quotidiano e si suppone che una percentuale molto maggiore di Americani, forse circa il 50%, non riescano a leggere e scrivere in prosa correttamente (a titolo di esempio, il 46% degli Australiani sono funzionalmente analfabeti in questo senso e il 53% sono funzionalmente incapaci di calcolare). Questa analfabetismo funzionale ha conseguenze terribili, per esempio un recente sondaggio ha mostrato che il 42% degli Americani crede che Dio ha creato l’essere umano proprio nella sua forma attuale in un’unica volta e negli ultimi 10.000 anni o cose così, che un ulteriore 31% crede che l’uomo sia evoluto ma con Dio come guida del processo e che solo il 19% crede nell’evoluzione umana senza un ruolo di Dio nel processo. Si suppone che siano stati questi “comuni Americani”, impoveriti e funzionalmente oltre che scientificamente analfabeti a votare in massa per il miliardario neo-liberista Donald Trump, che è contro la scienza e nega il cambiamento climatico. Circa 1,7 milioni di “Americani comuni” muoiono ogni anno in maniera evitabile per tutti i tipi di cause, dal fumo al suicidio, ma diversi governi U.S.A. si sono votati alla perversione fiscale di accrescere sul lungo termine di 6 trilioni il costo della Guerra al Terrore, stanziando trilioni di dollari per uccidere milioni di Musulmani all’estero, piuttosto che di mantenere milioni di Americani vivi a casa. Nel suo film “Sicko”, Michael Moore ha drammatizzato quest’indifferenza depravata del Sistema U.S.A. per le vite e le morti dei “comuni Americani”, portando alcuni eroi del primo soccorso del 09.11 gravemente malati a Cuba per un trattamento medico gratuito cui non avevano diritto a casa.

 

Commento conclusivo

Fidel Castro (1926-2016) non solo ha liberato Cuba da un dittatore corrotto appoggiato dagli U.S.A. ma ha anche liberato il popolo cubano dalla povertà, dalla corruzione, dall’analfabetismo, dalla mancanza di sanita’, dalla mortalità infantile evitabile e dalla mortalità precoce in generale. La Cuba di Fidel Castro ha fornito un ottimo modello per lo sviluppo del Terzo Mondo. Infatti, l’esempio cubano di un buon governo altruistico mostra come l’Umanità può finirla con l’Olocausto da Mortalità Globale Evitabile nel quale 17 milioni di persone muoiono di stenti inutilmente ogni anno. Sotto la straordinaria pressione dell’implacabile terrorismo di stato U.S.A., Cuba è stata uno stato a un solo partito, sebbene il libero discorso sia fondamentale per l’istruzione, la scienza e il progresso sociale. Un eco-socialismo democratico deve avere libero dissenso ma ha bisogno di una robusta narrazione del vero basata su criteri scientifici e di forti meccanismi per bloccare il pervertimento della democrazia da parte delle multinazionali. L’alta efficienza economica tipica di Cuba (eccellenti risultati per un paese con un reddito pro-capite così basso), insieme alla sostenibilità ed equità ambientale imposte per legge, puntano a un’alternativa in termini di eco-socialismo all’avidità neo-liberista delle multinazionali, che sta minacciando esistenzialmente l’Umanità e la Biosfera.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Ecosocialismo: un fondamentale della Rivoluzione bolivariana

«L’ecosocialismo può salvare la rivoluzione venezuelana»di Marinella Correggia – lantidiplomatico.it

 
Miguel Angel Núñez dirige l’Istituto universitario latinoamericano di agroecologia Paulo Freire, creato a Barinas in Venezuela nel 2008. E’ autore dei saggi Venezuela Ecosocialista e Vivir despierto entre los cambios sociales oltre a moltissimi articoli in tema di agroecologia, modelli di sviluppo, giustizia ecologica. Gli abbiamo rivolto alcune domande, di fronte a un contesto preoccupante, con il Venezuela nel mirino. Continua la guerra economica promossa dalle oligarchie nazionali e internazionali. Continuano gli attacchi da parte della dittatura mediatica. La destra fascista venezuelana organizza il referendum revocatorio contro il presidente Nicolas Maduro. Un documento del Comando Sud degli Stati Uniti rivela il micidiale piano golpista del Pentagono per destabilizzare e rovesciare la Rivoluzione bolivariana. E l’ex presidente colombiano Uribe praticamente invoca un golpe…
 
Miguel Angel, il tuo più recente articolo è sull’Utopia venezuelana che può e deve resistere all’intervento golpista dall’esterno e al sabotaggio dall’interno…

 
L’utopia che stiamo costruendo fra grandi difficoltà non è rinviabile ed è inarrestabile. Non la fermeranno le manovre politiche, i sabotaggi economici, gli assassini paramilitari, le minacce di intervento militare da parte di sedicenti «forze armate democratiche del continente». L’impero e i suoi narco-ambasciatori, gli Uribe, i González, gli Aznar in compagnia dei messaggeri anti-patrioti pensano di spaventarci con questa «minaccia inusuale» ma il popolo venezuelano è deciso a difendere la patria. Non possiamo sottovalutare il potere dell’impero, né sopravvalutare il nostro. Semplicemente, il popolo di Chávez è pronto. Del resto, con tutto il loro potere, non sono riusciti a sconfiggere i popoli del Vietnam, di Cuba, dell’Afghanistan, della Siria, dell’Iraq. Certo, queste forze sfruttano a proprio vantaggio i nostri errori, lentezze, irresponsabilità; e gli atteggiamenti antirivoluzionari. Gli infiltrati parlano di «raschiare la pentola» e con l’opposizione reclamano la «riconquista delle terre» che erano state cedute ai contadini… 
 
Eppure, in un contesto di minacce golpiste ed emergenze economiche, il Venezuela sta sviluppando migliaia di esperienze di autoproduzione agroecologica. Nel silenzio dei grandi media. Che cosa sta succedendo, quasi i protagonisti della riscossa agricola?
 
La creazione del Ministero dell’agricoltura urbana fa parte della promozione del motore agroalimentare, uno dei 14 messi in… moto per affrontare la grave crisi economica che stiamo vivendo. Il Ministero ha iniziato a lavorare lo scorso mese di febbraio con l’obiettivo di avviare unità produttive agroecologiche a decine di migliaia. Inizialmente si pensava a 8 città del paese per un totale di 1200 ettari, ma siamo già arrivati a seminare e piantare su 2800 ettari. L’idea è arrivare a coprire il 25% del consumo di ortofrutta. Gli spazi coltivati sono piccoli, non fanno ricorso a sostanze chimiche. Ovviamente abbiamo anche esperienze produttive agroecologiche di grandi dimensioni in vari Stati del Venezuela: a Mérida le patate e l’ortofrutta, a Barinas altri tuberi, cereali e frutta, a Portuguesa caffè e cereali.Vogliamo incrementare e consolidare le produzioni agroecologiche. Si tratta di produrre, innovare e ricercare, sostituendo l’agricoltura di sintesi con le ecotecnologie. Sono coinvolti nel processo diversi ministeri, università e molte famiglie contadine e urbane. Fino ad alcune settimane fa, erano state censite 25.000 unità produttive per un totale di 121.000 persone.
 
Il concetto di «ecosocialismo» è del tutto ignorato in Occidente, mentre in Venezuela c’è un ministero per l’ecosocialismo. E c’è una struttura statale dedicata all’agroecologia: l’Istituto che tu dirigi. E poi, il potere popolare punta sul sistema delle comunas. Quali sono i collegamenti fra le tre entità, ricordando che anni fa il presidente Maduro sottolineò come le comunas debbano essere produttive ed ecosocialiste?

La società venezuelana deve creare nuove organizzazioni sociali di produzione. L’obiettivo finale è la formazione e il consolidamento delle comunas. Per produrre alimenti, si spera, e per risolvere diversi problemi, aumentare la partecipazione popolare e la produzione di conoscenza. E’ uno dei modi per superare il perverso rentismo petrolifero con una nuova economia stabilmente centrata sullo sviluppo umano e sociale, come chiedono la nostra Costituzione e la Legge del Plan Patria. E’ una delle sfide principali per il  nostro popolo: superare l’incapacità produttiva e la pigrizia sociale, grazie a un miglior coordinamento e articolazione delle forze produttive. Questi legami aiuteranno ad avviare processi produttivi. Sta crescendo una nuova eco-etica, che cerca di costruire definitivamente una nuova società possibile e ci chiede di sradicare i vizi del passato.
 
In un paese tuttora estrattivista e vittima di una guerra economica, con l’esperienza delle penurie, l’agroecologia potrebbe aiutare a salvare la rivoluzione bolivariana? Hai anche detto che l’estrattivismo è un ostacolo per l’ecosocialismo.

Sì. L’estrattivismo è il peso storico, economico-sociale del Venezuela. Ci ha condannati a dipendere dalla rendita, ci ha spinti a un consumismo esasperato e a un’estesa corruzione. Per questo, con forza e determinazione alcuni settori fanno proposte ecoproduttive che diano forma alla proposta ecosocialista. L’agroecologia è una di queste. Siamo sicuri che aiuterà molto il motore agroalimentare. L’attività agricola deve essere centrale nel dinamizzare l’economia di un paese e di una società. Alla costruzione di una proposta sostenibile ci impegna il quinto obiettivo storico della Legge Plan Patria: preservare il pianeta Terra e salvare la specie umana. L’ecosocialismo è la proposta di costruzione di un nuovo modello di civiltà. E’ uno spazio in continua costruzione nel quale si articolano diversi processi di transizione e trasformazione sociale, economica, scientifica, tecnologica e politica in grado di portarci a nuovi rapporti sociali e di produzione.
 
La rivoluzione bolivariana guidata da Hugo Chávez in pochi anni riuscì a cambiare le strutture, le leggi, la politica, in parte l’economia del paese, ad appoggiare il cambiamento in un intero continente; ma solo una parte del popolo venezuelano ha interiorizzato una cultura rivoluzionaria, malgrado lo sforzo pedagogico del governo. In Occidente la stragrande maggioranza della popolazione è rovinata da decenni di consumismo fatuo e individualismo sistemico, ma in Venezuela? E’ possibile dire ai venezuelani – e in tempo di crisi – «non imitate l’Occidente»? 

La rivoluzione chavista ha avuto e credo abbia tuttora una legittimazione nella transizione verso l’ecosocialismo. Non c’è un’altra proposta politica e per la vita del nostro paese. La rivoluzione chavista ha gettato le basi per la creazione di un nuovo tessuto sociale. Ma in questo momento di crisi economica e sociale, possiamo notare un pericoloso sviamento da parte di alcuni settori, verso i dis-valori: individualismo, consumismo, incompetenza, burocrazia, corruzione. Un modello ego-ideologico perverso di matrice capitalista sta paralizzando le forze del cambiamento. E sembra imporsi nell’attualità. Ma certo, possiamo invertire la tendenza all’individualismo e alla corruzione, che alcuni adesso chiamano tendenza culturale – una follia, no? Per superare questa condizione nefasta e complessa dobbiamo impegnarci a capire le radici della crisi e le sue problematiche. Ogni giorno appare più evidente che la natura redditiera del capitalismo globale è insostenibile: dal punto di vista sociale, ecologico e finanziario. Conosciamo bene queste connessioni? Alcuni settori e responsabili politici, no. E’ dunque necessario formarci, studiare, ricercare: per saper ristrutturare le norme e le istituzioni che governano la globalizzazione, per dare impulso a un’agroecologia sostenibile e introdurre le innovazioni necessarie. Questo ci aiuterà a creare un nuovo tessuto sociale vitale capace di ridisegnare strutture fisiche, città, tecnologie, industrie. Verso l’ecosostenibilità. E se da una parte dobbiamo chiederci ogni giorno che cosa vale la pena comprare e quanto ci durerà, dall’altra dobbiamo iniziare a creare ecotecnologie che sostituiscano quelle inefficienti che ci hanno creato problemi sociali e ambientali. Abbiamo gente giovane, molta informazione e risorse tecnologiche adatte. Dobbiamo andare avanti nella costruzione di una nuova volontà politica. E’ una lotta planetaria; per questo ora più che mai dobbiamo affratellarci nelle lotte per la giustizia sociale e ambientale. 
 
Il Venezuela ha giocato un ruolo importante – molto apprezzato dagli attivisti frustrati dell’Occidente! – nella geopolitica mondiale, per la costruzione di un asse di solidarietà e pace nella resistenza all’egemonia belligerante nordamericana. Come evitare che si perda?
 
Il presidente Hugo Chávez ebbe la modestia e la capacità di riconoscere un ruolo importante e senza precedenti ai movimenti sociali e rivoluzionari del mondo. Ha dato loro forza, motivazione, ha dato loro uno spazio politico. Fra i risultati c’è stata la legge Plan Patria e il quinto obiettivo storico: contribuire a preservare la vita sul pianeta e a salvare la specie umana. Noi rivoluzionari patrioti non possiamo permettere che il processo torni indietro. Non è la stessa cosa ripetere e manipolare l’eredità di Chávez e saperla interpretare. Perciò lo stesso presidente Maduro ha sollecitato in modo chiaro ed energico il Congresso della Patria ad andare avanti in una nuova egemonia culturale che superi le diverse debolezze di cui il nemico ha saputo approfittare. Se non superiamo i modelli ego-ideologici dell’individualismo, del consumismo, della burocrazia e della corruzione corriamo il rischio di ostacolare o far arretrare il processo di costruzione dell’ecosocialismo. Ma sono sicuro che emergerà una nuova volontà politica.

Chávez… Che fare?

di Miguel Angel Núñez 

In diverse occasioni, il presidente Nicolás Maduro ha affermato: «La crisi post-capitalista che vive il Venezuela ci offre l’opportunità di andare avanti verso un nuovo modello economico che metta al centro l’essere umano». In occasione di incontri internazionali come il G77 (nel 2014) e all’Assemblea generale dell’Onu (2015), il presidente venezuelano, ispirandosi al Plan de la patria, ci ha sollecitati a lavorare  per un nuovo processo di civiltà, che dovrebbe cambiare le società dal loro interno e al tempo stesso i rapporti di potere nel mondo. Un processo che faccia dell’inclusione e della solidarietà gli assi essenziali per farla finita con la miseria e garantire il diritto all’educazione pubblica, gratuita e di qualità per tutti, il diritto alla salute, all’alloggio, a un ambiente sano, e così via; sono gli obiettivi del millennio.

Ma intanto, la guerra economica contro il popolo venezuelano continua, mettendo in pericolo la sopravvivenza stessa del processo rivoluzionario. Il decreto sull’emergenza economica, accompagnato dalla mobilitazione popolare e dalla creazione del Consiglio nazionale per l’economia produttiva (Cnep) è fra le ultime decisioni forti prese dall’esecutivo. Il Cnep, in particolare, è formato da un gruppo qualificato di personalità provenienti da diversi settori produttivi, le quali hanno la grandissima responsabilità di favorire il passaggio dal «rentismo petrolifero» a una «economia produttiva».

Appoggiando e lavorando alle proposte economiche che il Cnep sta mettendo insieme, non capiamo perché non si discuta e non si faccia nemmeno cenno alle vie d’uscita alternative alla crisi post-capitalista nella quale siamo immersi. Sembra contraddittorio cercare di intraprendere il difficile cammino verso un’economia produttiva affida ndosi alla crisi capitalista globale.

Vale la pena ricordare che dieci anni fa, in Paraná, Brasile — al tempo del Manifesto delle Americhe — Chávez fu il primo presidente a denunciare il degrado ambientale del continente, lanciando un appello in difesa della sua diversità biologica e culturale. «Una sinergia fra diverse sperimentazioni: A) il cammino verso il Socialismo del XXI secolo che mette al primo posto la morale (“el primer rasgo es el moral” disse più volte), b) il Buen vivir dei popoli andini; c) lo sviluppo delle Comunas; d) quello che si potrebbe chiamare “Ecosocialismo pratico especial di Cuba”» (3).

Chávez continua ad aver ragione: l’opzione ecosocialista a livello planetario, come parte della costruzione progressiva di questo nuovo «contratto sociale di civiltà» ci porta importanti elementi teorici e pratici. La transizione dal modello rentista capitalista a uno produttivo ed ecosocialista basato sul processo sociale del lavoro richiede tempo e spazio e ci impone di unire i nostri sforzi. Il quinto obiettivo del Plan de la patria ce lo dice con estrema chiarezza.  

Si fa appello alla costruzione di un modello economico produttivo ecosocialista, fondato su una relazione armoniosa fra esseri umani e natura, una relazione che ci garantisca un uso e un approvvigionamento ecologicamente sostenibile delle risorse naturali, dando valore e assicurando il rispetto dei processi e dei cicli naturali, confermando la difesa della sovranità dello Stato venezuelano rispetto alle basi naturali da preservare anche per le generazioni future.

Anche se molti non lo credono o non riescono a vederlo, in Venezuela si stanno costruendo proposte che vanno nella direzione dell’ecosocialismo. Per esempio: nella tutela delle risorse naturali di cui tuttora disponiamo, e rispetto alle quali dobbiamo avere un approccio non estrattivista; in varie proposte produttive alternative già consolidate; nelle basi costituzionali e giuridiche che rafforzano immensamente i processi partecipativi – e la partecipazione è uno dei principi di base dell’ecosocialismo. In tutto questo si articola la costruzione di 1.433 comunas, 503 delle quali strutturate nel 2015, e di 45.407 consejos comunales, 1.375 creati nel solo 2015.

Quel che è ironico, è che non tutti apprezzano queste conquiste, mentre in altri paesi del mondo i movimenti popolari sarebbero ben contenti di godere della situazione giuridica avanzata e dell’organizzazione del tessuto sociale che sono presenti in Venezuela. In quegli spazi di partecipazione si sono consolidati processi socioproduttivi eco-tecnologici che formano il substrato di un’economia sana in grado di misurarsi con la finitezza delle risorse naturali.

Dobbiamo comprendere che l’eredità di Chávez – nella costruzione di questo nuovo e complesso “contratto sociale” – si contestualizza da un punto di vista costituzionale e organico. Dobbiamo mettere in atto una molteplicità di iniziative, ed essere capaci di cambiarle e adattarle ai vari contesti e ai diversi processi socioproduttivi.

Qui di seguito una serie di proposte per il Consiglio nazionale dell’economia produttiva. Ci auguriamo che possano aiutare ad avviare diversi processi produttivi nella costruzione di questo nuovo modello economico, del quale c’è urgenza. Proposte di lavoro che spaziano a tutti i livelli: livello individuale, familiare, collettivo e istituzionale.

  • Creare un processo universale di dichiarazione di redditi e proprietà, piccoli e grandi, collegando con sistemi informatici in rete i conti bancari, i redditi dichiarati, le proprietà e i beni, i cresditi e i prestiti. Questo, insieme a una forte campagna pubblicitaria, ci permetterebbe di superare la corruzione, il contrabbando, il riciclaggio di denaro, per creare una società più vocata al lavoro e alla produzione che al commercio e alla frode.
  • Superare l’egemonia dei valori sociali riferiti alla rendita, che stimolano l’accumulazione, il consumismo eccessivo e voluttuario euna smisurata crescita economica.
  • Esercitare il controllo sulle politiche speculative, mercantiliste e finanziarie. Occorre avviare a diversi livelli e gradi la riflessione sulla transizione economica al post-capitalismo.
  • Riflettere sulla qualità dell’educazione a tutti i livelli, in particolare rispetto alla trasformazione dell’università, che deve mettere al centro il tema ambientale. E’ centrale affrontare la tematica della qualità dell’educazione (…)
  • Superare il predominio del modello produttivo neo-estrattivista, non sostenibile dal punto di vista energetico ed ecologico.
  • In forma immediata e prioritaria, portare avanti le politiche inter-istituzionali rispetto alla raccolta delle acque.
  • Far pressione affinché le politiche ambientali abbiano un peso reale nell’insieme delle politiche pubbliche settoriali. Occorre una visione olistica e una effettiva interconnessione con la sfera sociale, economica, politica.
  • Accordare le politiche pubbliche agli attuali limiti delle risorse naturali.
  • Precisare e razionalizzare, in modo sostenibile, le risorse naturali che ci rimangono e preservarle per le generazioni future.
  • Ridurre progressivamente la dipendenza dall’uso dell’energia fossile e dare impulso alla produzione e al consumo di energie alternative appropriate al contesto naturale e culturale. Iniziare a dar valore all’energia solare (ad esempio con il fotovoltaico sulle case della Gran Misión Vivienda).
  • Superare definitivamente l’agricoltura d’impresa, guidata dal modello obsoleto della rivoluzione verde, la quale a sua volta è spinta dal capitale multinazionale in un contesto di forte dipendenza alimentare.
  • Consolidare la rivoluzione produttiva agroecologica e bloccare l’avanzata degli organismi geneticamente modificati che l’oligarchia pretenderebbe di imporci.
  • Difendere e promuovere il diritto a un’alimentazione sana, di alto valore biologico, collegata al potenziale agroecologico dell’agrobiodiversità locale nei vari territori. Consolidare le eco-reti agroalimentari.
  • Andare avanti con urgenza nella formazione ideologica e politica ecosocialista. 
  • Incoraggiare le ricerche, le innovazioni e lo sviluppo scientifico e tecnologico sulle virtù terapeutiche del tropico.
  • Utilizzare subito le nuove tecnologie in sostituzione dell’improduttivo e obsoleto parco industriale, eccessivamente inquinante e scollegato dalla realtà scientifica e tecnologica che sta emergendo.
  • Dar valore alla nostra diversità culturale e alla sua integrazione nei nuovi processi formativi.
  • Incoraggiare l’attuazione dei diritti collettivi e diffusi.
  • Propiziare i valori dell’eco-cittadinanza in funzione della corresponsabilità e della convivialità sociale, incoraggiando e costruendo la partecipazione.
  • Usare in modo razionale mezzi di comunicazione, reti e spazi virtuali, valorizzando i passi avanti nelle diverse aree della conoscenza.
  • Centralizzare e automatizzare le risorse informatiche per migliorare le comunicazioni inter-istituzionali e quelle fra la popolazione e gli organismi pubblici. Questo permetterebbe inoltre di ottenere informazioni senza aspettare che i funzionari preparino i rapporti, evitare le duplicazioni e i costi eccessivi per le applicazioni, migliorare la capacità di immagazzinamento delle informazioni e renderle più valide e multidisciplinari con l’apporto delle varie istituzioni dello Stato, ottimizzare i costi per l’acquisto degli strumenti e standardizzare processi e meccanismi di sicurezza. Sarebbe anche favorito il mutuo sostegno fra i diversi processi produttivi.

  • Prestare attenzione ai cambiamenti sociali, che devono cominciare da noi stessi, e saper affascinare e convincere i collettivi dei quali facciamo parte.

Queste idee stanno circolando nei vari spazi, comunità, territori e regioni con risultati e passi avanti significativi. Sono proposte, come tante altre, orientate verso la vita; possiamo dar loro spazio e impulso per costruire un nuovo “contratto sociale”.

E’ chiaro che la somma degli sforzi individuali, familiari e comunitari darà forza e coerenza ai vari processi di costruzione dell’ecosocialismo. E’ il “che fare?”  che – ne siamo certi vista la coerenza e la visione strategica che lo hanno sempre caratterizzato – lo stesso presidente Chávez avrebbe guidato.

Bibliografia

1  Maduro Nicolás, Discurso ONU (2015) (Crear un nuevo modelo económico http://www.notiminuto.com/noticia/maduro-ofrece-discurso-en-la-asamblea-general-de-la-onu/).

2 Manifiesto de las Américas: En defensa de la naturaleza y la diversidad biológica y

cultural Los pueblos indígenas desarrollaron durante siglos la biodiversidad (2016)en linea http://www.nacionmulticultural.unam.mx/movimientosindigenas/docs/decl_051.pdf

2 Correggia, M. (2015) El Arbol Maestro. Hugo Chávez: Resistencia al Imperialismo Bélico, Solidaridad Internacionalista, Camino hacia el Ecosocialismo. Pensamiento y Obra Socialista “TRISOLALBA”.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

 

Scarsità, estrattivismo ed ecosocialismo

20160323114637di Miguel Angel Núñez 

La crisi alimentare che il Venezuela si trova ad affrontare non è nuova. Per certi versi è la stessa crisi che abbiamo ereditato dal secolo scorso, e affonda le sue radici nel boom del petrolio. Abbiamo abbandonato le campagne. L ragioni di questo fenomeno sono molteplici; ricerca di nuovi tipi di attività con redditi più elevati, maggiori opportunità di studio e lavoro; e poi, elemento di fondo, le popolazioni rurali non avevano accesso a servizi sanitari ed educatici adeguati; le terre erano in mano a latifondisti; i servizi di assistenza agri agricoltori erano precari quando non inesistenti. Emigrare in città era un tentativo di alimentare almeno la speranza.

Malgrado gli sforzi straordinari del nostro comandante supremo Hugo Chávez e le quantità incalcolabili di risorse finanziarie destinate all’agricoltura nazionale, l’85% della popolazione venezuelana vive attualmente nelle principali città del paese, soprattutto nella zona settentrionale costiera. Una sproporzione che dà luogo anche a grandi tensioni sociali e ambientali.

Al presidente NicolásMaduro è toccato un compito difficilissimo. Alla crisi delle campagne e quindi della produzione agricola del paese, si uniscono gli sforzi della destra venezuelana per farlo cadere a qualunque costo, con il sabotaggio economico e la congiuntura dovuta ai livelli critici dei prezzi del petrolio.

In questa situazione, l’agroecologia deve diventare la turbina che dà impulso al motore agroalimentare, il numero 3 dei 14 motori per lo sviluppo produttivo del Venezuela. Un motore che deve promuovere la sovranità alimentare, dalla produzione nelle campagne allo sviluppo dell’agricoltura urbana e dell’industria agroalimentare.  L’agroecologia è la nuova scienza con coscienza e pertinenza territoriale, culturale e ambientale.

La creazione di un ministero per l’agricoltura urbana, con innumerevoli attività produttive in diverse città, assume l’agroecologia come guida di base per il piano dei 100 giorni dell’agricoltura urbana, che cercherà di coprire 1.200 ettari. A livello di educazione media e di base, si riprende il programma Todaslasmanos en la siembra, che può contare su oltre 1.500 tecnici in questa nuova scienza agroecologica; appoggeranno la formazione, la produzione e la ricerca in tutti questi nuovi spazi.

Ricordiamo anche il centro Insai dove si sta ampliando la produzione di biofertilizzanti e preparati biologici destinati alle diverse iniziative agroecologiche. Si sta andando avanti nel passaggio alla produzione di caffè biologico e nella raccolta dell’acqua piovana. Ci sono progetti di ricerca nel campo della produzione delle sementi e del recupero dei suoli. Altri ministeri come quello della gioventù e dello sport, dell’educazione, delle comunas e delle forze armate nazionali bolivariane stanno partecipando al piano nazionale agroalimentare Zamora.

Su altri livelli di produzione, in diverse università crescono le attività agroecologiche e la produzione di alimenti sani. Si tratta di azioni irreversibili, che cercano di consolidare le eco-reti agroalimentari, nelle eco-comuni in costruzione.

In tutti questi spazi produttivi e negli altri, non si tratta solo di coniugare la necessità di produrre alimenti sani e quella di non arrecare pregiudizio agli ecosistemi, ma anche di reagire alla carenza di fertilizzanti azotati – dovuta alla mancanza di valuta straniera per acquistarli, per non dire della progressiva penuria di elementi come il fosforo (P), e il potassio (K) che mette a repentaglio la produzione di fertilizzanti azotati. Per questa ragione la ristrutturazione del Ministero dell’agricoltura, della produzione e delle terre, nei suoi piani, progetti e programmi deve necessariamente fare una selezione accurata degli agrosistemi produttivi, e di dove distribuire i fertilizzanti detti NPK. L’esaurimento mondiale degli elementi fondamentali nella produzione agricola come il complesso NPK, implica che dobbiamo rafforzare il sostegno ai diversi processi di innovazione scientifica e tecnologica nell’area dell’agroecologia.  Le università e i centri di ricerca devono rapidamente farsi carico di questa situazione critica: scarsità di risorse minerali, alee climatiche, mancanza di valuta.

Le tecniche colturali agroecologiche che non usano fitofarmaci di sintesi né altre sostanze nocive per l’ambiente e gli alimenti consentono un importante risparmio di valuta, e non pregiudicano la qualità dei suoli, la biodiversità e le risorse idriche. Di fatto, l’agroecologia agisce come un antidoto di fronte a ogni attività estrattivista rispetto alle risorse naturali. E’ così che l’ecosocialismo si nutre e si rafforza, con l’applicazione pratica dei suoi principi; le nuove proposte economiche devono puntare tutto sul vero benessere della popolazione e sulla preservazione degli ecosistemi nazionali.

Così come l’agricoltura basata sui fitofarmaci di sintesi, l’estrattivismo danneggia l’ambiente. A volte lo fa in modo evidente e più radicale. Una volta di più possiamo renderci conto di come l’estrattivismo sia un ostacolo per l’ecosocialismo, cfr TatuyTV (https://www.youtube.com/watch?v=9ybAXQSqA2I).

Da decenni l’ecosocialismo invita a una riflessione sul futuro dell’economia fondata sull’estrattivismo minerario e petrolifero. L’idea è che a partire da queste riflessioni ci si soffermi sull’enorme quantità di risorse biologiche ed energetiche che si perdono nell’attività estrattiva, che porta inoltre al definitivo esaurimento dei minerali utilizzati. Per esempio: diverse ricerche indicano che ci avviciniamo sempre di più al momento in cui per ottenere una tonnellata di petrolio occorrerà consumare altrettanta energia…

In questo senso, non è di nessun aiuto il sapere degli economisti secondo i quali tutto è una questione di prezzi, dal momento che il prezzo deve essere pagato nell’unica valuta forte di questo mondo, cioè l’energia (Scuthze 1991). Pensiamo anche all’oro: un metallo di grande valore per tutte le civiltà; gli esseri umani nei tempi lo hanno tesaurizzato e conservato (anche riciclandolo) come nessun altro materiale nella storia umana. Nonostante ciò, solo poco più della metà di tutto l’oro estratto nella storia umana è tuttora disponibile.

Indipendentemente dal fatto che la nostra economia nazionale ha un grande bisogno di ottenere valuta estera, e che per questo subiamo una pressione per consolidare politiche neoestrattiviste, come la recente decisione di sviluppare la zona strategica nazionale dell’arco minerario, da un punto di vista strategico non crediamo che questa scelta sia la più vantaggiosa per il futuro della nostra economia nazionale. Ci sono alternative ben più valide da promuovere.

La limitatezza delle risorse che possiamo destinare all’annunciato sfruttamento dei minerali; l’utilizzo di altri elementi che scarseggiano; le incalcolabili risorse biologiche che si perderanno; il grave impatto ambientale e sociale che è all’orizzonte, tutto ci porta alla domanda: ne vale la pena?

Aggiungiamo che tutte le attività di estrazione saranno sotto il controllo e il coordinamento tecnico di oltre 130 imprese di vari paesi, con tutte le implicazioni che questo comporta. Qualche capacità di controllo ambientale potremmo avere, di fronte a tanta devastazione?

Per ora, e viste le condizioni sociali ed economiche critiche che la nostra patria è oggi costretta ad affrontare, non intendo svalutare il lavoro degli specialisti del governo, né il governo stesso: queste valutazioni sono il frutto delle mie convinzioni; sto semplicemente esponendo una preoccupazione molto personale. Ma non mi sento solo in queste idee e principi, nel lavoro per in nuovo modello di civiltà. Nel novembre 1998, nella riunione politica del Caracas Hilton, discutendo della civiltà mineraria sviluppata dal capitalismo fossile e redditiero, Hugo Chávez espresse in modo chiarissimo l’idea: “Preferisco l’albero all’oro”. Queste parole risuonano nel mio cuore e mi accompagnano nelle mie lotte.

Ndt. Anche nel 2007, il presidente disse: “Fra la foresta e il carbone scelgo la foresta”, e bloccò i piani di espansione delle miniere di carbonio nello Stato di Zulia (da L’Alba dell’avvenire, Punto rosso 2007).

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

Ecosocialismo in Venezuela: dal ventre della Madre Terra

Venezuela's President and presidential candidate Hugo Chavez speaks in the rain during his closing campaign rally in Caracasda Correo del Orinoco

La recente creazione del Ministero per l’Ecosocialismo e le Acque ribadisce la volontà della nostra Repubblica Bolivariana del Venezuela di mettere in pratica l’Ecosocialismo come un principio irrinunciabile, in accordo con il nostro modello politico di inclusione sociale

Ogni anno, il 22 di aprile si celebra la Giornata della Terra, un’iniziativa dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Il Governo Rivoluzionario del Venezuela, attraverso il 5° Obiettivo del Plan de la Patria – parte essenziale dell’eredità del Comandante Eterno Hugo Rafael Chávez Frías – concentra il suo interesse nel contribuire alla conservazione della vita sul pianeta e alla salvezza della specie umana. A tal fine è necessario costruire e promuovere il modello economico produttivo eco-socialista, basato sul rapporto armonico tra l’uomo e la natura, che garantisce l’uso e la gestione razionale, ottimale e sostenibile delle risorse naturali, nel rispetto dei processi e dei cicli natura.

La salvaguardia delle nostre risorse idriche, la protezione dei bacini idrici, il rispetto per Madre Natura, l’equilibrio dei suoi ecosistemi, sono tutti obblighi fondamentali per la creazione di una nuova cittadinanza socialista – una nuova etica socio-produttiva – che affonda le sue radici negli insegnamenti dei nostri popoli ancestrali. Solo così possiamo superare il modello predatorio capitalista che ha posto l’umanità di fronte a limiti insostenibili.

La nostra visione ecosocialista trascende gli ambiti nazionali, perciò l’Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP) e la Comunidad de Estados Latinoamericanos y del Caribe (CELAC) dovrebbero garantire la tutela degli interessi regionali di fronte alle nuove forme di dominio e dipendenza che possono emergere dall’imposizione egemonica dei paesi sviluppati nella gestione delle risorse naturali.

Vediamo la questione ambientale come parte integrante della sovranità: la gestione ambientale del nostro territorio, e delle aree ecologiche di interesse comune che condividiamo con i paesi vicini, dev’essere esercitata in accordo al diritto internazionale. E così tanti altri aspetti di un tema tanto delicato da cui dipende la sopravvivenza dei nostri popoli, legata alla cura del fragile equilibrio dei nostri ecosistemi e la biodiversità che li caratterizza.

La recente creazione del Ministero del Potere Popolare per l’Ecosocialismo e le Acque ribadisce la volontà della nostra Repubblica Bolivariana del Venezuela di mettere in pratica l’Ecosocialismo come un principio irrinunciabile, in accordo con il nostro modello politico di inclusione sociale, che ha rivendicato il diritto della classe operaia e contadina, ad assumere il suo ruolo partecipativo fondamentale.

Tra gli elementi che la nostra patria ha integrato per la necessaria creazione di una cultura rivoluzionaria, troviamo il salvataggio dei valori ancestrali dei nostri popoli; il rapporto di venerazione per la Madre Terra; il culto rispettoso dei cicli naturali; l’adorazione delle acque; il rispetto per tutte le specie viventi con cui condividiamo l’esistenza; l’amore per le piante: guaritrici dei nostri disturbi.

L’Ecosocialismo in Venezuela è l’eredità di Hugo Chávez, uomo di origine contadina, il cui messaggio ci ha sempre portato la voce profonda della Madre Terra.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Osorio: «L’unità dell’America Latina ha sconfitto il modello unipolare»

resizeda lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi e Marinella Correggia

Ana Elisa Osorio. Deputata per il Parlatino (Parlamento latinoamericano) ed ex ministro dell’ambiente in Venezuela

– Dopo diverse settimane di lotte e milioni di firme raccolte in tutto il mondo, alla fine Obama si è dovuto arrendere e ha dichiarato come il Venezuela non rappresenti più una “minaccia”. Quanto dovremmo aspettare prima che arrivi anche la deroga del decreto presidenziale?

E’ stata chiaramente una buona notizia l’ammissione di Obama che il Venezuela non rappresenti una minaccia per la loro sicurezza. Ora il presidente americano deve derogare questo decreto che ha portato alla mobilitazione di massa nel mondo con oltre undici milioni di firme raccolte. Lo deve fare non solo per il Venezuela, ma per il processo anti-imperialista in corso nel sud America. La minaccia sta altrove, sta in chi vuole imporre un impero.

 

– Da questo punto di vista, è stata molto significativa la VII Cumbre de las Américas a Panamá che ha ribadito il sostegno del continente al Venezuela. Cosa rappresenta oggi l’America Latina rispetto al modello unipolare neo-liberista che gli Stati Uniti vogliono ad esempio imporre in Europa attraverso il TTIP?

L’incontro di Panama è stato molto importante. Si è avuta la dimostrazione di come l’America Latina sia oggi unita nella diversità, con paesi molto diversi tra loro – alcuni si definiscono socialisti, altri progressisti, altri di destra – ma uniti in un blocco, il Celac, che riproduce in parte il progetto originario di Simón Bolívar, che sognava una grande nazione di Repubblica unita.

A Panama è stato accolto questo messaggio. Un’esigenza nata con Chávez, con Lula, con Fidel, con Kirchner e che si sta materializzando attraverso uno spazio di unità, di integrazione dove la solidarietà e la condivisione vengono prima dei bisogni economici. Il mondo unipolare voluto dagli Stati Uniti, e dall’Europa, su tutto il pianeta, per questo, non esiste già più.


Nel suo progetto politico, Chávez voleva un sistema multipolare per la pace, non solo per la “Nuestra América” ma per tutto il mondo, per il rispetto dei diritti umani, per la lotta alla povertà. Oggi tutto questo non è un’esigenza solo dell’America latina unita, ma anche di Russia e Cina, ad esempio. Si va verso quella multipolarità importante per mantenere l’equilibrio del pianeta e che di fatto segna la sconfitta dell’idea unipolare dell’impero.
– 
– Recentemente alla Camera dei deputati, il Movimento Cinque Stelle ha organizzato un convegno sull’organizzazione solidale e compensativa ALBA-TCP dove ha partecipato anche il Segretario Generale Bernardo Álvarez. E’ giunto il momento di pensare per l’Europa del sud un modello di integrazione similare per non divenire il cortile di casa della Troika?
L’idea di un’Alba mediterranea è meravigliosa. I modelli non sono esportabili di per sé, perché l’ALBA-TCP ha delle caratteristiche tipiche dell’America latina, è stata la nostra seconda indipendenza, che ha raccolto poi un’esigenza comune di Venezuela, Ecuador, Bolivia e altri paesi. Si tratta di un’integrazione solidale in cui il petrolio viene scambiato per cibo, il petrolio viene scambiato per servizi medici ed educazione, etc… E’ una relazione in cui guadagnano tutti i paesi e che va contro le logiche del profitto del capitalismo dove uno domina sull’altro. Noi abbiamo dimostrato che è possibile. Ed è straordinario che di tutto questo si discuta anche in Europa del sud: è un salto qualitativo per l’Europa quello che sta accadendo in Grecia, in Spagna e anche in Italia. E può essere un esempio in un continente dove il modello di integrazione è quello della logica economica tedesca della disuguaglianza e di un paese che domina sugli altri. Simón Bolívar diceva che l’unità è la forza. Anche nell’Europa del sud si deve comprendere come il potere risiede nei popoli, i popoli devono prendere coscienza di questo e assumersi le responsabilità storiche.
– Lei è stata ministro dell’ambiente nel governo Chávez. Ci può spiegare come si combina la cosiddetta visione di “Ecosocialismo” in un paese estrattivo come il Venezuela?
 
Il Venezuela è stato il primo paese di tutta l’America Latina ad istituire negli anni ’70 un ministero dell’ambiente, il terzo paese al mondo a farlo. Con l’annuncio del “Piano della Nazione” da parte di Chávez, il ministero ha fatto un salto qualitativo enorme con l’obiettivo di attuare l’”ecosocialismo”. Partendo dal presupposto che il modello di sviluppo capitalista è predatorio, si scaglia sui più poveri e sta determinando disastri all’ambiente come il cambiamento climatico e il fracking, l’ecosocialismo si compone di diversi aspetti tutti volti al rispetto della Madre terra, come enunciato nelle costituzioni della Bolivia e dell’Ecuador, e al rispetto della donna. Noi in Venezuela abbiamo vigente un diritto che garantisce alla donna di vivere una vita libera da violenze. Questo non avviene in Spagna o in Italia.
Per costruire la via verso il socialismo, tuttavia, dobbiamo superare la nostra dipendenza dal petrolio e costruire un’economia che sappia diversificare la ricchezza con un’idea di economia che sappia valorizzare le piccole imprese, le imprese sociali, le cooperative contro l’appropriazione del grande capitale, dei monopoli finanziari, proteggendo l’ambiente, le famiglie, la nostra libertà e i nostri diritti.

[Intervista rilasciata a Napoli sabato 11 aprile in occasione del Secondo Incontro Italiano di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: