La Cina rossa sempre più “verde”

resizedi Diego Angelo Bertozzi – lantidiplomatico.it

Greenpeace e Energydesk China: nei primi quattro mesi del 2015 l’uso del carbone è sceso dell’8% e l’emissione di CO2 del 5%

Passi da gigante: è questo il giudizio che può essere dato alla lotta ingaggiata dalla Repubblica popolare cinese contro l’inquinamento, rappresentato nello specifico dall’emissione di anidride carbonica. Secondo le analisi sulla produzione di energia condotte da Greenpeace e Energydesk China, nel gigante asiatico «l’uso del carbone continua a calare precipitosamente» e con esso, quindi, l’emissione nell’atmosfera di CO2. I dati dell’analisi mostrano che nei primi quattro mesi del 2015, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, l’uso del carbone nella prima economia del mondo è sceso dell’8% e l’emissione di CO2 del 5%. Sempre rispetto al primo quadrimestre del 2014, la produzione di carbone ha segnato un calo di oltre il 6%.

Dati che sono il risultato della volontà del governo cinese di rivolgersi sempre più a fonti di energia rinnovabili e meno inquinanti. Mentre la produzione globale di energia è aumentata dell’1% nel mese di aprile (445 miliardi di kWh), quella di energia termica, quasi totalmente derivata dal carbone, ha segnato un calo di circa il 3%.

Per rendere l’idea dei risultati conseguiti, basta sottolineare che la riduzione delle emissioni di anidride carbonica nei primi quattro mesi del 2015 è pari a quella emessa dalla Gran Bretagna nello stesso periodo, e la riduzione dell’uso di carbone è pari a quattro volte il consumo totale sempre della Gran Bretagna.

Ecosocialismo in Venezuela: dal ventre della Madre Terra

Venezuela's President and presidential candidate Hugo Chavez speaks in the rain during his closing campaign rally in Caracasda Correo del Orinoco

La recente creazione del Ministero per l’Ecosocialismo e le Acque ribadisce la volontà della nostra Repubblica Bolivariana del Venezuela di mettere in pratica l’Ecosocialismo come un principio irrinunciabile, in accordo con il nostro modello politico di inclusione sociale

Ogni anno, il 22 di aprile si celebra la Giornata della Terra, un’iniziativa dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Il Governo Rivoluzionario del Venezuela, attraverso il 5° Obiettivo del Plan de la Patria – parte essenziale dell’eredità del Comandante Eterno Hugo Rafael Chávez Frías – concentra il suo interesse nel contribuire alla conservazione della vita sul pianeta e alla salvezza della specie umana. A tal fine è necessario costruire e promuovere il modello economico produttivo eco-socialista, basato sul rapporto armonico tra l’uomo e la natura, che garantisce l’uso e la gestione razionale, ottimale e sostenibile delle risorse naturali, nel rispetto dei processi e dei cicli natura.

La salvaguardia delle nostre risorse idriche, la protezione dei bacini idrici, il rispetto per Madre Natura, l’equilibrio dei suoi ecosistemi, sono tutti obblighi fondamentali per la creazione di una nuova cittadinanza socialista – una nuova etica socio-produttiva – che affonda le sue radici negli insegnamenti dei nostri popoli ancestrali. Solo così possiamo superare il modello predatorio capitalista che ha posto l’umanità di fronte a limiti insostenibili.

La nostra visione ecosocialista trascende gli ambiti nazionali, perciò l’Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP) e la Comunidad de Estados Latinoamericanos y del Caribe (CELAC) dovrebbero garantire la tutela degli interessi regionali di fronte alle nuove forme di dominio e dipendenza che possono emergere dall’imposizione egemonica dei paesi sviluppati nella gestione delle risorse naturali.

Vediamo la questione ambientale come parte integrante della sovranità: la gestione ambientale del nostro territorio, e delle aree ecologiche di interesse comune che condividiamo con i paesi vicini, dev’essere esercitata in accordo al diritto internazionale. E così tanti altri aspetti di un tema tanto delicato da cui dipende la sopravvivenza dei nostri popoli, legata alla cura del fragile equilibrio dei nostri ecosistemi e la biodiversità che li caratterizza.

La recente creazione del Ministero del Potere Popolare per l’Ecosocialismo e le Acque ribadisce la volontà della nostra Repubblica Bolivariana del Venezuela di mettere in pratica l’Ecosocialismo come un principio irrinunciabile, in accordo con il nostro modello politico di inclusione sociale, che ha rivendicato il diritto della classe operaia e contadina, ad assumere il suo ruolo partecipativo fondamentale.

Tra gli elementi che la nostra patria ha integrato per la necessaria creazione di una cultura rivoluzionaria, troviamo il salvataggio dei valori ancestrali dei nostri popoli; il rapporto di venerazione per la Madre Terra; il culto rispettoso dei cicli naturali; l’adorazione delle acque; il rispetto per tutte le specie viventi con cui condividiamo l’esistenza; l’amore per le piante: guaritrici dei nostri disturbi.

L’Ecosocialismo in Venezuela è l’eredità di Hugo Chávez, uomo di origine contadina, il cui messaggio ci ha sempre portato la voce profonda della Madre Terra.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: