ANC y críticas: lo cortés no quita lo valiente

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político
Viernes 27 de octubre de 2017

ANC y críticas

Las decisiones que tomó ayer la Asamblea Nacional Constituyente sobre convocatoria a elecciones en diciembre, una prevista, las de alcaldes, y otra sobrevenida, la del alzado Juan Pablo Guanipa, ex gobernador electo del estado Zulia, nos dicen mucho del carácter de esta institución temporal venezolana. Sobre esas elecciones en sí tendremos tiempo de presentar análisis, hoy queremos abordar el tema de las críticas a la ANC que hemos venido escuchando desde el chavismo.

Lo primero que queremos dejar sentado es que ante la crítica se puede asumir respuestas disímiles. Un ejemplo de esto son las posiciones de Pedro Carreño y de Delcy Rodríguez. Carreño dijo ayer en un programa de televisión que “El endilgarle a la Asamblea Nacional Constituyente la responsabilidad directa de la situación generada por la inflación inducida y el desabastecimiento programado… endilgarle todo ello a la Constituyente es para que digan que la Constituyente es un fracaso.

¡Mosca con esto! ¡No caigamos en este juego! No solo se lo digo a ustedes. Se lo digo al pueblo venezolano y se lo digo a algunos constituyentes, como el segundo vicepresidente, Isaías Rodríguez, que lo he escuchado con eso. ¡Mosca con eso! Si lo hacen de manera deliberada, eso es traición a la Patria. Y si lo hacen creyendo o de buena fe, son unos tontos útiles porque con estas acciones lo que ayudan es a los planes de la derecha reaccionaria”.

Nosotros decimos: ¡Mosca con estigmatizar la crítica! ¡Mosca con el sectarismo y la prepotencia! Lo expusimos en nuestro Análisis del pasado 25 de octubre: “… el tema más importante aquí no es si las críticas que se hacen a los constituyentes son justas o no, sino que quienes nos eligieron tienen pleno derecho a criticarnos, nos guste o no, sean las críticas correctas o no, lo cual es harina de otro costal”. Muy distinta a la actitud de Carreño es la que se manifiesta en el tuit de la presidenta de la ANC, Delcy Rodríguez: “A los hermanos que han hecho críticas y exigencias a @ANC_ve les agradecemos la esperanza que han depositado en nosotros. Tenemos un solo enemigo!”

Este tono amoroso, comprensivo hacia quienes nos eligieron, enaltece a la camarada Delcy. Eso sí, en lo que no estamos de acuerdo con ella es en que tengamos un solo enemigo. Tenemos un enemigo principalísimo, el imperialismo y sus lacayos.

Ante ese enemigo debemos estar férreamente unidos. Pero hay otros enemigos internos, los ha señalado más de una vez el propio presidente Maduro: el jalabolismo, el sectarismo, la burocracia, la corrupción, la ineficiencia. Pero de eso no hablaremos hoy, solo terminamos esta parte del Análisis opinando que ante estos distintos enemigos, los métodos de lucha son igualmente diferentes. Nuestro primer deber es mantenernos unidos ante la actual agresión inclemente contra la Patria. Expresamos de una vez nuestra palabra de respeto y solidaridad al fiscal de la dignidad, Isaías Rodríguez, en nuestra opinión uno de los líderes más queridos y respetables de esta Revolución.

Ahora bien, en ese mismo Análisis del 25 de octubre escribimos: “…cuando se dice que la Constituyente no ha hecho ‘nada’ se está desconociendo la realidad. Sí ha hecho muchas cosas y muy importantes, y ha cumplido un papel invalorable en esta etapa ¿Entonces por qué ha decaído en su popularidad?”, y también: “… lo que decide no es la realidad como tal, sino la percepción que se tiene de ella. Uno de los problemas de la ANC es lo comunicacional. Hasta ahora, la comunicación de lo que hacemos en la Constituyente ha sido dispersa, fragmentada, carente de estrategia, sectaria, ‘oficialista’”.

En estas ideas debemos insistir. Ayer hablamos con dos camaradas que no son constituyentes, pero que están muy involucrados con la ANC: el jefe de prensa de la Constituyente, Felipe Saldivia, y el principal asistente de la presidenta Delcy Rodríguez, Rolando Corao, quien además fue viceministro de planificación comunicacional del MINCI. Ante ambos planteamos la misma preocupación, la señalada en el último párrafo que hemos citado del Análisis del 25 de octubre, y la misma propuesta: la de que se realice a la brevedad posible una reunión de comunicadores de la Constituyente, con la participación de funcionarios del MINCI, para establecer una estrategia comunicacional propia de la ANC, que promueva una comunicación audaz, creativa, directa, sencilla, que haga conocer a nuestro pueblo los verdaderos objetivos y carácter de la ANC, así como sus grandes logros hasta ahora. No son asuntos fáciles de comprender, a nosotros mismos nos ha costado un tanto, y eso que somos espectadores de primera fila.

La gran verdad de la Constituyente la ha expresado el presidente Maduro, tal como referimos en el mismo Análisis varias veces citado acá: “La Constituyente es el gran anillo de protección de la paz para los años 2017, 2018 y 2019, para proteger la democracia, la constitución, la paz de la sociedad”. No nos quejemos de que el pueblo no haya entendido esto a plenitud, no es porque sea bruto, ni traidor, ni tonto útil, es porque nosotros no hemos sabido explicarnos.

No basta rezar

L'immagine può contenere: 10 persone, spazio all'apertopor Néstor Francia 

Análisis de Entorno Situacional Político

Viernes 07 de marzo de 2017

No basta rezar

No hubo sorpresas ayer. Quedó claro una vez más que la derecha apuesta a “acciones violentas que generen un estado de conmoción, propicien un intento de golpe de Estado de derecha y conduzcan a una intervención foránea en Venezuela en cualquier modalidad”, como dijimos en nuestro Análisis de ayer. Sin embargo, a juzgar por el carácter de lo ocurrido ayer, es evidente que la derecha planifica una escalada, un incremento de la violencia y el colapso de calles que sean más graves cada vez. Para ellos no es fácil, porque al igual que lo planteamos tamibén ayer, “la derecha parece seguir necesitando un nuevo 11 de abril, una manifestación de masas incontestablemente multitudinaria, decidida y con alguna permanencia que termine de justificar un alzamiento de sectores militares y, de ser necesario, la intervención”. Por ello están convocado otra vez para mañana sábado, en este caso hablan de una manifestación “nacional”, por lo cual es dado pensar que concentrarán aun más sus fuerzas, con refuerzos que acaso estarán llegando ya a Caracas, con la intención de armar un zafarrancho de marca mayor. No están muertos ni de parranda, están vivos y amenazantes, no podemos confiarnos.

Es verdad que aunque ayer reunieron más gente que el martes, su movilización de masas sigue siendo precaria y eso les representa un problema. Por el momento, la intención de representar una Venezuela convulsionada para vender esa imagen en el exterior, seguramente les estará dando algún rédito, con una “ayudaíta” de sus amigos.

Por otro lado, el guión de violencia tiene también otras intenciones. Sigamos citando el Análisis de ayer: “esta gente quiere muertos, alguna bandera ensangrentada para llevarla como trofeo a sus amos, y que acaso ayude a cumplir su esperanza de que los escuálidos salgan al fin de sus casas, se den a la calle y les sirvan la mesa para su menú conspirador”.

Ciertamente, como dijo el presidente Maduro anoche, “Venezuela está en paz. Toda Venezuela produciendo, trabajando, y pequeños focos violentos, bueno, con la autoridad de la Constitución fueron hoy neutralizados y no lograron su objetivo que era llenar de violencia toda Caracas. Caracas a esta hora está en absoluta paz”. Pero pareciera que la derecha no tiene más remedio que insistir, no puede dejar el plan a medio camino, inclusive porque se infiere de las grabaciones presentadas por Diosdado Cabello, que sus amos les están pidiendo resultados, si quieren contar con su ayuda in situ.

En ese trance, la derecha lanza amenazas que no debemos subestimar. El fascista vicepresidente de la Asamblea Nacional, Freddy Guevara, después del alboroto callejero de ayer, convocó a “estar muy pendientes de los anuncios y acontecimientos que vendrán en los próximos días” y afirmó que “Este 8 de abril el doble de personas saldrán nuevamente a las calles a protestar por la restitución del hilo constitucional”. Una pregunta nos hacemos: ¿qué pensará el pueblo venezolano de este espectáculo grotesco de violencia que ofrece una oposición completamente desprestigiada? Todos los estudios demuestran que la inmensa mayoría de los venezolanos quiere diálogo y paz ¿Una vez que terminemos de derrotar el plan golpista, y esperando que así sea, cómo quedará la ya maltrecha imagen de ese sector? En ese sentido, es acertada la aproximación que ha hecho el presidente Maduro en su cadena nacional de ayer: “Mientras nosotros estamos trabajando hay una minoría ambiciosa, llena de odio que ha buscado violentar el país. Se ha actuado hoy apegado a la ley… El vicepresidente Tareck El Aissami, como jefe del Comando Antigolpe, ha estado al frente para dirigir todas las operaciones y Venezuela está en paz”.

Otra cosa es la necesidad de una acción ejemplarizante de los cuerpos de seguridad del Estado. Vimos suficientes imágenes de video que muestran a muchos guarimberos a rostros descubiertos. Deben ser localizados en sus guaridas y apresados, como ya se está haciendo: anoche el Presidente anunció que ya estaban detenidos 30 facinerosos. En momentos como este, no puede haber indulgencia. Que les caiga, como se dice, todo el peso de la Ley y que se sepa, para disuadir o escarmentar a otros.

Se produjeron igualmente ayer dos hechos que tienen alto valor simbólico. Por un lado, en el partido de fútbol de la Copa Sudamericana entre Estudiantes de Caracas y Sol de América de Paraguay, el canal Fox Sports 3 emitió una etiqueta (#PrayForVENEZUELA) en la que se solidariza a favor de la oposición en su intento por desestabilizar a la Revolución Bolivariana. Por el otro, la Canciller Delcy Rodríguez declaró que “Quiero compartir con ustedes una propuesta que ha salido para que todos los hombres, mujeres de bien, unamos nuestras espiritualidades en todos los países de América Latina y del Caribe para que oremos por la paz en Venezuela, cuando las fuerzas del mal imperialistas amenazan la estabilidad y la paz de nuestro país, que se unan los buenos corazones en una sola oración por la paz, pronto anunciaremos el día para que salgamos todos en Oración”.

Bien, cada quien reza por lo suyo. Por supuesto, y como cantaba Alí Primera, en nuestro caso no basta rezar. Como afirmamos en nuestro citado Análisis de ayer, “Venezuela tiene otra poderosa arma para enfrentar el “Plan Almagro”: la movilización masiva y combativa del chavismo”. Mañana, ¡Pa’ la calle otra vez!

(VIDEO+TESTO) Delcy Rodríguez al Consiglio Permanente OSA

Risultati immaginida Embaveneit

Discorso del Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela
Delcy Rodríguez
al Consiglio Permanente dell’OSA

Sede dell’OSA-Washington-USA
Lunedì, 27 marzo 2017

Presidente del Consiglio Permanente:

Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori.

Ministro, le diamo il benvenuto nello spirito di dialogo, rispetto della democrazia e del diritto costituzionale emanati nei principi di base dell’OSA.

Durante la mia cerimonia d’insediamento come Presidente del Consiglio Permanente, Il 27 gennaio 2017, ho manifestato l’impegno a rispettare la Carta Democratica e gli altri strumenti interamericani e il loro funzionamento. Ho dichiarato che avrei lavorato incessabilmente per continuare a costruire i quattro pilastri di quest’organizzazione: Sviluppo Integrale, Sicurezza Multidimensionale, Diritti Umani e Democrazia. In quell’opportunità ho affermato che non ci può essere sviluppo senza la pace e la sicurezza nel nostro Emisfero; non ci può essere sviluppo economico sostenibile senza la stabilità politica e il rispetto dei diritti umani in tutti i settori della società che partecipano attivamente al medesimo sviluppo.

La nostra Carta Democratica stabilisce che la democrazia è essenziale per lo sviluppo sociale, economico e politico dei popoli delle Americhe. Il Ministero degli Affari Esteri, che lei rappresenta, Signora Ministro, si unisce al nostro processo in un momento importante in cui la solidarietà e la cooperazione tra i nostri stati ha bisogno di maggiore collaborazione che deve basarsi sull’esercizio efficace della democrazia rappresentativa e sulla crescita economica, così come sullo sviluppo sociale che ha le sue radici nella giustizia, nell’uguaglianza, nella democrazia, che sono interdipendenti e si rafforzano mutuamente.

È giusto che il Ministro degli Esteri possa avere voce nel Consiglio Permanente perché un dibattito efficace e il dialogo promuovono comprensione, rafforzano l’inclusione e la solidarietà, due principi che sono nel midollo dell’OSA. L’isolamento e la separazione non producono nessun beneficio agli Stati membri e ai suoi cittadini, pertanto, è giusto che lo Stato al centro delle tematiche di dibattito sulla sovranità, la democrazia costituzionale e lo stato di diritto, possa parlare in questo Consiglio Permanente.

Come Organizzazione abbiamo deciso di basare i nostri documenti fondanti su determinati principi, il cui spirito intende migliorare la pace, la stabilità, la partecipazione, lo sviluppo nelle nostre società.

Quando l’OSA è stata creata, nel 1948, l’Emisfero ha visto i benefici di un organismo che, grazie alla sua collettività, disponeva degli strumenti per raggiungere questi obiettivi piuttosto che individualmente. Gli Stati hanno visto nel multilateralismo e nella cooperazione di quest’organizzazione, un aiuto per risolvere le complesse problematiche che i nostri paesi affrontano. Questo Emisfero ha sofferto molte battaglie civili ed economiche, nonostante le ideologie politiche ed economiche. È innegabile che tutti cresciamo e ci sviluppiamo passando per la sofferenza. A beneficio di tutti i nostri popoli, bisogna trovare un’alternativa mantenendo aperti i canali di comunicazione. Dobbiamo discutere e riconciliare le nostre differenze per risolvere in modo pacifico e rispettoso le divergenze, pertanto Ministro Rodríguez, le do nuovamente il benvenuto e ribadisco l’impegno non solo di mantenere il dialogo con la Repubblica Bolivariana del Venezuela, ma con tutti gli Stati membri di quest’organizzazione, per i migliori interessi di tutti. Passo la parola al Ministro.

Ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez:

Grazie, Onorevole Ambasciatore Patrick Andrews, Presidente del Consiglio Permanente dell’OSA, Luís Almagro, Segretario Generale dell’OSA, illustri Ambasciatori, rappresentanti permanenti di quest’organizzazione, signore e signori.

Prima di tutto, dopo aver ascoltato le parole del Presidente di questo Consiglio, devo precisare che il Venezuela ha richiesto e ha ottenuto che questo Consiglio Permanente si riunisse oggi con l’obiettivo di denunciare le gravi azioni interventiste commesse, all’interno di quest’organizzazione, dal Segretario Generale e da una fazione minoritaria di alcuni paesi della nostra regione.

Ci troviamo nel Salone Simón Bolívar, e onoriamo i precedenti storici che hanno dato vita al concetto del progetto Bolivariano per il popolo della Patria Grande. Avevamo già dichiarato, l’anno scorso in questa stessa sala, che ci sono due modelli contrapposti e antagonisti in quest’organizzazione: il progetto Bolivariano, fondato sull’unione della Patria Grande, basato proprio sulla difesa e l’ampliamento dell’indipendenza e della sovranità dei nostri paesi; e un progetto espansionista dal punto di vista territoriale, culturale, militare e mediatico operato dal Nord egemone.

Rivolgo queste parole in nome del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros e del popolo venezuelano, allarmati dalle gravi azioni che si stanno commettendo dall’interno dell’Organizzazione degli Stati Americani contro il nostro paese.

Osserviamo con preoccupazione e allarme che, il Segretario Generale Luis Almagro, da quando svolge questa funzione, ha dedicato la sua amministrazione ad attaccare ossessivamente il Venezuela e il suo popolo. Il suo atteggiamento illecito, unilaterale, arbitrario, fuorviante e di parte ha portato, durante la 46° Assemblea Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani tenutasi il 13 giugno 2016 nella Repubblica Dominicana, all’approvazione di una risoluzione derivata dalla profonda preoccupazione espressa dai ministri degli esteri della regione riguardo l’atteggiamento fuorviante di Luis Almagro. Così hanno deciso di vigilare, in maniera continua, in un Consiglio Permanente, sul comportamento del Segretario Generale e sul suo rispetto delle istituzioni e dei regolamenti dell’OSA.

Dobbiamo fare la storia, i popoli del mondo devono sapere come questo discutibile personaggio è arrivato alla Segreteria Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani. Il presidente Nicolás Maduro aveva già avvertito l’amico presidente José Pepe Mujica delle irregolarità politiche del suo ministro degli Esteri Luis Almagro, al servizio dei settori imperialisti. Sapevamo che agiva come agente degli interessi degli Stati Uniti, ed è stato grazie all’intervento del presidente Mujica, che ha garantito al presidente Maduro che mai e poi mai Almagro avrebbe attaccato il Venezuela, che il presidente Maduro ha deciso di dare il suo appoggio per la sua elezione. È stata la cronaca di un tradimento annunciato.

Luis Almagro è entrato in carica il 26 maggio del 2015, dopo soli quindici giorni ha iniziato con gli attacchi e le aggressioni contro il Venezuela. Era arrivato con un chiaro mandato a quest’organizzazione, il primo era porre fine alla rivoluzione Bolivariana; il secondo, sostituire il governo del presidente Maduro e dare sostegno internazionale alle azioni violente dell’estrema destra venezuelana, minando la sovranità e lo Stato di diritto attraverso la destabilizzazione del paese. Dopo la scomparsa fisica del nostro caro e amato Comandante Presidente Hugo Chávez, leader della Rivoluzione Bolivariana, ha intensificato il piano per assediare il Venezuela.

Sono state attuate azioni che hanno provocato un blocco finanziario contro il nostro paese. Le esigue forze produttive private si sono raggruppate per boicottare la commercializzazione e la distribuzione di alimenti e medicine. Si è acuito il contrabbando d’estrazione dei beni essenziali verso la Colombia e il valore della moneta venezuelana, rispetto alla valuta statunitense, è stato manipolato attraverso un marcatore fittizio e virtuale al confine con la Colombia.

Quest’aggressione economica multiforme contro il Venezuela, è stata accompagnata dai poteri di fatto internazionali, finanziari e mediatici, incoraggiati da un piano articolato e sostenuto da Washington.

Almagro non agisce solo né per se stesso, ma seguendo i mandati dettati da questa città, e la sua gestione vede la complicità di una piccola fazione di un gruppo di paesi all’interno dell’OSA. Li unisce un obiettivo: creare l’idea, nella comunità internazionale, che in Venezuela sta accadendo qualcosa di grave per giustificare l’intervento in tutte le sue dimensioni.

Le norme generali per il funzionamento della Segreteria Generale stabiliscono che, chi svolge quest’incarico deve farlo con integrità, indipendenza e imparzialità. Queste sono esattamente le caratteristiche che il signor Almagro non possiede. Manca d’indipendenza, quando si sottomette volontariamente agli interessi dello stato più potente di quest’organizzazione e agisce come un suo funzionario burocratico, un operatore propagandistico, un assistente politico o come il suo estorsore locale. Manca d’integrità quando viola le norme dell’Organizzazione. Contravviene al diritto internazionale quando utilizza a proposito informazioni false. Contraddice apertamente le decisioni degli Sati Membri e minaccia chi non lo segue nella sua agenda di distruzione contro il Venezuela. Manca anche d’imparzialità nel momento in cui, senza alcuno scrupolo, mette in moto una campagna contro il Venezuela con le risorse di quest’Organizzazione per destabilizzare il paese e, allo stesso tempo, ignora le violazioni commesse da parte di quello stesso paese che gli paga lo stipendio. Il signor Almagro fa parte di una genesi infamante di Segretari Generali come Carlos Dávila, che nel 1954 ha sostenuto l’invasione del Guatemala di Jacobo Arbenz, o José Antonio Mora, che nel 1965 ha consentito l’invasione della Repubblica Dominicana.

Non sbaglio affermando che il Signor Almagro è un bugiardo, disonesto, farabutto e mercenario. Un traditore di tutto ciò che rappresenta la dignità di un diplomatico latinoamericano.

Voglio esporvi, con una presentazione, la campagna contro il Venezuela di chi oggi ricopre l’incarico di Segretario Generale.

Da quando Almagro è entrato in carica come Segretario Generale nel maggio del 2015, ha dedicato il 21% delle sue pubblicazioni su Twitter, ovvero uno su cinque dei suoi tweet, contro il Venezuela. Il 21% dei suoi tweet li dedica al Venezuela e la restante parte all’agenda emisferica.

Dal 14 al 24 marzo di quest’anno, durante le incessanti piogge che hanno colpito il vicino popolo del Perù, il Segretario Almagro ha dedicato il 73% dei suoi tweet alla campagna contro il Venezuela e il resto, ovvero quattordici tweet, all’agenda generale dell’OSA.

Ecco alcuni esempi dei tweet più vergognosi di tale personaggio. Ha chiamato “dictadorzuelo” ovvero dittatore e ladro il capo di Stato del Venezuela, inoltre quest’organizzazione si è allontanata dall’essere un’organizzazione intergovernativa in cui il Segretario Generale lavora con i settori più estremisti del Congresso statunitense.

Ci sono i tweet offensivi e altri tweet pubblicati da personaggi che attaccano e aggrediscono direttamente il popolo venezuelano. In una lettera del 18 maggio poi, raggiunge i massimi livelli di volgarità contro il Capo dello Stato e Presidente, Nicolás Maduro.

Non soddisfatto, c’è poi la partecipazione il 12 e 13 maggio 2016 in un forum dove apertamente l’ex presidente colombiano Uribe, invoca all’occupazione del territorio venezuelano da parte un esercito straniero. Questo tipo di atteggiamento è davvero molto grave.

Inoltre, il Segretario ha sostenuto, tra il 2016 e il 2017, ventisei riunioni con l’opposizione venezuelana, di cui il cinquantasette per cento con i militanti di Voluntad Popular, fazione dell’estrema destra violenta del nostro paese.

Per quanto riguarda i suoi viaggi, che sono anche elencati in questa presentazione, il signor Almagro, dal 4 al 7 settembre 2015 si è recato in Colombia. Il 14 gennaio 2016 in Italia. L’8 marzo in Cile. Giorno 11 aprile negli Stati Uniti, a Miami. Il 13 maggio a Miami. Dal 13 al 15 nella Repubblica Dominicana, dal 12 al 15 luglio in Paraguay. Il primo settembre 2016 in Georgia, Stati Uniti. Dal 20 al 21 settembre 2016 a New York, Stati Uniti. Il 5 ottobre 2016 in Paraguay. Il 6 ottobre 2016 in Brasile, il 21 ottobre a Miami, Stati Uniti. Dal 14 al 16 dicembre 2016, a Ottawa, in Canada. Il 24 gennaio 2017 in Belgio, Bruxelles. Dal 26 al 25 gennaio 2017 in Spagna. E in tutte queste visite e tutti questi viaggi il Signor Almagro ha fatto dichiarazioni contro il governo del Venezuela.

Voglio indicare inoltre le norme che sono state violate dall’atteggiamento offensivo, illecito, arbitrario e parziale del Signor Almagro.

L’Articolo 1 della Carta dell’OSA. Vorrei sottolineare che l’Organizzazione degli Stati Americani non ha nessun’altra competenza se non quelle espressamente conferitegli dalla presente Carta. Nessuna disposizione la autorizza a intervenire negli affari della giurisdizione interna degli Stati Membri.

L’articolo 107 e l’articolo 118, voglio sottolineare che nello svolgimento delle loro funzioni il signor Almagro e il personale della Segreteria, “non richiederanno né accetteranno istruzioni da alcun governo né da alcuna autorità estranea all’Organizzazione”. Il contrario è accaduto in ciascuno dei suoi viaggi, il contrario è accaduto quando si è riunito con i membri del Congresso, esponenti delle fazioni più estremiste del Congresso degli Stati Uniti, dove viene detto ciò che devono fare contro il Venezuela. “Essi si asterranno da ogni atto incompatibile con il loro status di funzionari internazionali responsabili solo di fronte all’Organizzazione”. Da qui deriva il principio di responsabilità di questo funzionario, la responsabilità internazionale nell’esercizio delle sue funzioni.

Inoltre, ai ministri degli Esteri nell’Assemblea Generale dell’OSA, durante una riunione realizzata nella Repubblica Dominicana, è stato chiesto di riconsiderare l’aderenza a queste norme, violando in questo modo anche le norme generali per il funzionamento della Segretaria Generale.
Articolo 29. Indipendenza nell’adempimento dei doveri. “Nell’adempimento dei loro doveri, i membri del personale non solleciteranno né accetteranno istruzioni da alcun governo né da alcuna autorità estranea all’Organizzazione”.

Articolo 139. “Il Segretario Generale e il suo Vice, si asterranno da qualsiasi azione, sia questa proibita o meno nelle suddette norme, che possano provocare o dare l’impressione della perdita completa d’indipendenza o assenza d’imparzialità nelle sue rispettive attuazioni”.

Il Venezuela ha dimostrato chiaramente, come queste norme siano state costantemente e sistematicamente violate dal signor Almagro.

Adozione di decisioni amministrative senza rispettare le procedure amministrative, tutto ciò a discredito del buon nome e dell’integrità della Segreteria Generale. Pertanto la Segreteria Generale è screditata.

Ciò che sta accadendo è realmente preoccupante.

Nel marzo 2015 l’OSA è caduta di fronte all’uso della forza da parte di un Paese Membro di quest’Organizzazione, un paese che è anche il più potente, la forza militare più potente del mondo che ha approvato un ordine esecutivo firmato dall’ex presidente Barack Obama che considera il Venezuela come una minaccia per la sicurezza e la politica estera degli Stati Uniti.
In seguito, nell’ottobre dello stesso anno, il Capo del Comando Sud degli Stati Uniti, ha dichiarato l’intenzione del suo paese d’invadere militarmente il Venezuela nell’eventualità di una crisi umanitaria che lo potesse giustificare.

Due forze all’interno dell’OSA hanno lavorato in questa direzione.

Ritornando al tentativo interventista che ha segnato la sua azione perniciosa nella storia dell’Emisfero, da un lato il suo Segretario Generale lavora instancabilmente per dichiarare la crisi umanitaria in Venezuela, la mancanza della democrazia e la violazione dei diritti umani. Dall’altro lato, un piccolo gruppo di paesi oppositori politici e ideologici della Rivoluzione Bolivariana, hanno implementato una sorta di diplomazia blanda articolata con l’ossessivo estremismo di Almagro, ma indissolubilmente legata al suo intento di danneggiare l’immagine internazionale del Venezuela per compromettere le relazioni con altri paesi della regione, e di etichettare il Venezuela come un paese problema che deve essere affrontato e risolto in fretta.

La storia dell’OSA è segnata da una serie di volgari interventi nel nostro Emisfero a favore del paese del Nord egemone. Uno strumento diplomatico attraverso cui gli Stati Uniti attuando come una macchina militare, commerciale, culturale e finanziaria, non solo hanno imposto il loro modello di depredazione, ma hanno anche sottoposto interi popoli alla più infame violazione dei diritti umani.

L’OSA è nata con questi due modelli contrastanti e in opposizione: il progetto di Monroe, di espansione territoriale e dominio imperialista, contro il progetto Bolivariano profondamente indipendentista e sovrano.

Nel 1962, una situazione simile a quella che sta accadendo oggi è stata vissuta nella Regione, un conclave immorale aveva decretato l’esclusione di Cuba per la sua natura ideologica. Cuba era stata criminalizzata ed economicamente assediata, provocando un blocco che ormai esiste da più di cinque decenni. Gli errori storici commessi da questo conclave immorale, così come era stato definito dall’Immortale Comandante Fidel Castro Ruz, hanno creato sofferenza, penuria e angoscia al popolo cubano. Tutto ciò ha portato, contrariamente a quanto previsto dal Ministero delle Colonie dell’epoca, a una storia di resistenza e dignità mai visto prima nel nostro continente.
Esprimiamo il nostro riconoscimento eterno al popolo di Cuba, per la sua resistenza, dignità, coraggio contro queste pretese che oggi rappresentano le forze oscure schierate contro il Venezuela.

Il silenzio complice dell’OSA ha avallato quasi cinquanta colpi di stato nella Regione, a partire dalla sua fondazione nel 1948, data macchiata con il sangue del leader Jorge Eliécer Gaitán. I colpi di stato sono stati organizzati dalla CIA contro il governo costituzionale di Jacobo Arbenz in Guatemala, nel 1954; il crudele e sanguinoso colpo di Stato di Stroessner in Paraguay; il colpo di stato contro il presidente Joao Goulart nel 1964 in Brasile. Nel 1973, nella più antica democrazia nel nostro continente dell’epoca, Augusto Pinochet rovesciò sanguinosamente il nostro amato presidente Salvador Allende.

L’OSA non ha mai condannato il colpo di stato contro il Comandante Chávez nel 2002. Nel 2011 il colpo di stato parlamentare contro Fernado Lugo, questo ciclo di vergogna e umiliazione si chiude nel 2016 con uno dei capitoli più vergognosi della nostra storia, il colpo parlamentare contro il presidente Dilma Rousseff.

L’OSA nel 1954 ha consentito apertamente l’invasione del Guatemala, nel 1961 l’invasione di Cuba, nel 1965 ha appoggiato l’invasione della Repubblica Dominicana, nel 1983 ha sostenuto l’invasione di Grenada. Tutti questi crimini sono stati commessi dagli Stati Uniti con l’approvazione o la silenziosa complicità dell’OSA. Quest’organizzazione ha ignorato la repressione dei governi neoliberali contro i movimenti popolari, progressisti e di sinistra così come ha ignorato l’uccisione di migliaia di leader contadini, popolari e attivisti per i diritti umani.

Per sua informazione signor Segretario, nel caso specifico del Venezuela, nel periodo della quarta repubblica ai cui leader lei oggi dà il suo sostegno internazionale, si contarono più di 10.000 vittime, delle quali 459 per sparizioni forzate e 1425 assassini per motivi politici, tra i quali anche l’assassinio obbrobrioso di mio padre Jorge Rodríguez. La Commissione Interamericana per i Diritti Umani non fa alcun riferimento a questi atti criminali. L’OSA da allora è diventata un’organizzazione disfunzionale che trasgredisce lo stato di diritto internazionale, e mina i modelli democratici non in linea con gli interessi e le pretese del paese egemone.

È stato possibile trasformare la natura di quest’organizzazione con una natura interventista, legata per motivi fiscali agli Stati Uniti, che fornisce il 60% del suo bilancio totale, ma anche all’Europa, che rappresenta il 30% del bilancio per fondi specifici. Per queste e per altre vie immorali tentano di sottomettere gli Stati membri al ricatto vile dei centri imperialisti che minacciano i governi della regione.

Il progetto Bolivariano, fedele alle radici indipendentiste che gli hanno dato origine, si pone come una vera e propria minaccia per quest’organizzazione, oggi non si sta cercando di punire o sanzionare il Venezuela, ma si cerca di far scomparire questo modello che promuove la difesa della sovranità, di una democrazia esercitata direttamente dal popolo, dell’indipendenza e dell’autodeterminazione dei popoli, della giustizia sociale inclusiva e della solidarietà internazionale intesa come l’esercizio per i rapporti tra gli Stati.

Siamo una minaccia per il sistema di privatizzazione dell’istruzione e della sanità perché oggi con 30 milioni di abitanti, siamo il quinto paese al mondo con il più alto numero di iscritti al sistema educativo e il nostro sistema di sanità pubblica assiste oltre l’82% della nostra popolazione. Nel 50% del paese questa copertura raggiunge già il 100%.

Siamo una minaccia per i monopoli alimentari globali perché conducendo una battaglia contro l’economica disuguale, abbiamo creato un programma popolare per sostenere dal punto di vista alimentare il nostro popolo. E, oggi, in un solo anno dalla creazione di questo nuovo modello di distribuzione e produzione di alimenti, abbiamo prestato assistenza a 6 milioni di famiglie.

Siamo una minaccia per la privatizzazione della cultura perché abbiamo rafforzato la musica e la poesia in Venezuela. Ottocento mila bambini e giovani del nostro Paese fanno parte del più grande sistema di orchestre sinfoniche del mondo e di maggior successo. Siamo un pericolo per i governanti oligarchi, perché in 16 anni siamo passati da avere 300 mila pensionati a 3 milioni fino a raggiungere, nel 2017 grazie alla Rivoluzione Bolivariana, il 95% della popolazione pensionabile, pagando il debito storico di 40 anni di negligenza in materia di sicurezza sociale.

Siamo una minaccia per l’atroce capitalismo perché abbiamo democratizzato e trasferito la ricchezza al popolo e abbiamo investito il 74% delle entrate del paese nel sociale. Di fronte alla cospirazione più brutale contro la nostra economia, oggi il programma delle Nazioni Unite ci pone tra i paesi del mondo, con il più alto livello di sviluppo umano nel rapporto che è stato pubblicato pochi giorni fa, il 24 marzo scorso, al di sopra di quasi tutte le nazioni di questo continente. Ciò significa, che 7 dei 14 paesi firmatari del vergognoso comunicato del 23 marzo, che minaccia l’imposizione di sanzioni contro il Venezuela, hanno un indice di sviluppo umano più basso del paese che cercano di punire.

Mentre il Venezuela si è classificato al 71° posto, tra i 7 paesi che fanno parte dei 14 che hanno firmato il comunicato: il Messico è al 77° posto, il Brasile al 79°, il Perù all’87 °, Colombia al 95°, Paraguay al 110°, Guatemala al 125° e Honduras al 130°. Ci chiediamo se un giorno firmeranno un comunicato per auto-sanzionarsi perché il loro livello di sviluppo è inferiore a quello del Venezuela.

Il Venezuela è al centro delle politiche nazionali e internazionali degli Stati Uniti. Da un lato è diventato uno strumento di transazione tra l’amministrazione e i settori estremi del congresso statunitense finanziati dall’estrema destra e dall’oligarchia venezuelana. Dall’altro lato è stato preso come un oggetto di negoziazione tra la nuova amministrazione e i governi di destra nella regione per mitigare i timori di questo fronte riguardo una nuova classe dirigente.

Il nostro modello sociale d’integrazione equo e di commercio giusto, è un fattore di stabilità e di pace in questo continente. Vogliamo evidenziare i pericoli che potrebbero generarsi dal proseguimento di questo piano interventista e destabilizzante contro il Venezuela.

Così era stato anticipato dal Comandante Chávez quando sosteneva che eravamo un fattore di stabilità e che potevamo progettare i nuovi meccanismi per garantire l’unità e l’equilibrio latinoamericano e caraibico, muovendoci collettivamente verso il benessere e la giustizia sociale, nel bel mezzo della terribile crisi del capitalismo predatore globale. Lo disse anche Juan Domingo Perón: “Il XXI secolo ci troverà uniti o ridotti in schiavitù”. Nonostante un secolo di saccheggio e dominazione imperialista, il XXI secolo non ci ha trovati schiavi ma invece in lotta per la liberazione, per la sovranità e il diritto di costruire il nostro futuro e l’indipendenza definitiva della Patria Grande.

Di fronte a questo modello, sorgono come una speranza all’orizzonte per l’integrazione e l’unione dei popoli: la Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi, l’Unione delle Nazioni Sudamericane, l’Alternativa Bolivariana per le Americhe e il Trattato sul Commercio e Petrocaribe.

Ciò che l’OSA non ha potuto costruire attraverso un dialogo genuino tra i paesi in cooperazione e solidarietà internazionale, è stato rivendicato da questi nuovi meccanismi che esprimono lo spirito del nuovo mondo immaginato dal Libertador Simón Bolívar.

Bolívar lo aveva immaginato, José Martí lo aveva sognato e Chávez lo ha forgiato con il gruppo di leader e donne leader del nostro continente e, tra loro, il Comandante Fidel Castro. Questa visione è incarnata dalla CELAC, nell’ALBA, nell’UNASUR e in Petrocaribe. Siamo sicuri che, prima o poi, anche le fazioni golpiste e intolleranti all’interno del MERCOSUR saranno sconfitte.

Con la CELAC, abbiamo dato vita a una comunità di nazioni latinoamericane e caraibiche, abbiamo redatto una dichiarazione che decreta il nostro territorio come un territorio di pace, tutela il diritto alla pace come un diritto sacro dei popoli. Oggi Petrocaribe e l’ALBA hanno ottenuto risultati straordinari a favore del diritto allo sviluppo e per il bene dei popoli. Voglio solo menzionare alcuni dei risultati straordinari ed eccezionali ottenuti da questi meccanismi.

Petrocaribe fin dalla sua creazione, il 29 giugno 2005, ha aumentato il PIL dei paesi che ricevono la fornitura di idrocarburi passando da 143.377 milioni di dollari a 216.806 milioni di dollari, ciò implica un incremento del 51,2%. Durante il 2016 la fornitura era pari a 14 milioni di barili per un importo di 800 milioni di dollari, di cui sono stati finanziati a lungo termine 300 milioni.

Dopo 11 anni di lavoro è aumentata nella regione la capacità di stoccaggio di idrocarburi di 652.000 barili e la capacità di trasporto marittimo a 980.000 barili. Inoltre è stato creato un circuito di raffinazione dei Caraibi, con capacità di trattamento di 135.000 barili giornalieri, distribuiti tra Giamaica, Cuba e Repubblica Dominicana. Abbiamo raggiunto 350.000 milioni di barili di petrolio corrispondente a un fatturato di 30.933 milioni di dollari, circa la metà fanno parte del finanziamento a lungo termine.

Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica, è aumentata la produzione di elettricità a 447 mega watt distribuiti a Haiti, St. Kitts e Nevis, Giamaica e Nicaragua. Sono state finanziate fonti alternative di energia, grazie alla creazione di un parco eolico in Nicaragua, uno in Giamaica e l’installazione di generatori di energia a bassa potenza e pannelli solari. Questo meccanismo di cooperazione ha anche permesso una compensazione commerciale in scambi di prodotti per 3,5 milioni di tonnellate di prodotti provenienti da Nicaragua, Repubblica Dominicana, Giamaica; che hanno pagato le bollette attraverso alimenti, medicine e altri servizi.

Ascoltate bene, in ambito sociale, abbiamo ottenuto dei risultati che non sono graditi al modello neoliberista né alle oligarchie della nostra regione: sono stati sviluppati 757 progetti, per un totale di un investimento vicino ai 7 miliardi e 500 milioni di dollari, il 60% dei quali ha finanziato progetti di produzione, distribuzione dell’energia elettrica e viabilità.

Risultati congiunti di Petrocaribe e l’ALBA: fino ad oggi grazie alla Misión Milagro si è prestata assistenza a 3 milioni 642 mila 623 persone con problemi legati alla vista; 1 milione 285 mila 87 persone disabili; sono stati assegnati 1.075 aiuti tecnici e sono state fatte 2 milioni 30 mila visite mediche gratuite a persone disabili. Nel settore della cardiologica infantile, il Venezuela, ha ricevuto pazienti da tutta la regione, eseguendo 10.446 interventi; 3 milioni 815 mila 92 persone sono state alfabetizzate nella regione; e di questi 3 milioni 815 mila, 1 milione 174 mila persone hanno completato la loro istruzione obbligatoria.

Vogliamo anche sottolineare che, grazie alla collaborazione di Cuba, sono stati dichiarati territori liberi da analfabetismo: Antigua e Barbuda, Bolivia, Nicaragua e Venezuela. Questo rappresenta la visione del nuovo mondo del nostro liberatore, idea che è stata poi ripresa dai grandi eroi della nostra patria, della Patria Grande latinoamericana, dal Comandante Chávez e Fidel Castro. Questo modello sorge come una speranza all’orizzonte per l’integrazione e l’unione dei popoli.

Illustri delegati, intendiamo respingere, nella sua interezza, la strategia del signor Luis Almagro e le infami dichiarazioni riportate nel rapporto contro il Venezuela, presentato il 23 giugno 2016 e il rapporto che è stato presentato qualche giorno fa in quest’organizzazione.

Vorrei attirare la vostra attenzione sulla menzogna organizzata dal Segretario, in combutta con un piccolo gruppo di paesi; ancora una volta una fazione minoritaria all’interno dell’OSA ha ingannato e manipolato i paesi dicendo che: “Il Venezuela non sarebbe stato sanzionato”, “né sarebbe stata attivata contro il paese la Carta Democratica”, invece poi abbiamo ascoltato il contenuto del rapporto presentato dal Segretario Generale.

Il risultato è stato conforme alle regole dell’organizzazione: è stata presa nota non solo della lettura del rapporto, ma anche degli interventi di solidarietà a favore del Venezuela, del suo governo e del suo popolo, tradotto dal gergo diplomatico questo significa che “è stato accantonato”.

Nonostante ciò, Almagro, l’oligarchia venezuelana e la destra continentale, hanno dichiarato falsamente l’attivazione della Carta Democratica contro il Venezuela; scatenando la partecipazione di settori venezuelani, estremisti e violenti, contro il dialogo promosso dal Presidente Maduro, accompagnato dall’Unasur, dal Santo Padre e dagli ex presidenti Fernández, Torrijos e Zapatero; dialogo che ha avuto anche il sostegno della maggioranza dei paesi di quest’organizzazione.

Almagro è diventato un militante contro il dialogo in Venezuela e ne abbiamo le prove; ha comunicato direttamente con l’opposizione venezuelana, dicendo: “Non dovete dialogare perché abbiamo attivato Carta Democratica”.

Così è andato contro le sue funzioni essenziali come funzionario con responsabilità internazionale. Da quest’organizzazione voglio ringraziare per la lettera che, in qualità di ministro degli Esteri, ho ricevuto oggi da parte degli ex presidenti Zapatero, Torrijos e Fernández in cui confermano il proprio impegno per il dialogo in Venezuela. Siamo anche grati al vostro sostegno onesto, dimostrato dalla maggior parte dei paesi della regione, a favore di un dialogo proficuo nel nostro paese.

A causa di questa campagna feroce e senza precedenti scatenata contro il Venezuela, avvertiamo la comunità internazionale di non farsi ingannare da false dichiarazioni secondo cui l’intenzione non è attaccare il Venezuela ma piuttosto discutere della situazione nel paese.

Ma io mi domando, che tipo di situazione, quella che hanno costruito con gli attacchi multiformi all’economia venezuelana per causare penuria e sofferenza contro un popolo, così come l’hanno fatto contro Cuba nel 1962 e contro Salvador Allende nel 1973, per ottenere la sua sconfitta.

A dispetto di questo macabro piano contro il Venezuela, contro il popolo venezuelano, Almagro e questo piccolo gruppo di paesi guidati dai centri imperialisti del potere, hanno ignorato i rapporti positivi che le agenzie specializzate delle Nazioni Unite come l’UNICEF, la FAO, UNDP Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, hanno presentato sul Venezuela. Inoltre l’ONU ha recentemente approvato il secondo esame periodico universale con un pieno riconoscimento al suo modello di diritti umani. Non sono riusciti a distruggere il Venezuela e non saranno in grado di farlo.

Il secondo rapporto pubblicato da Luis Almagro, violando le più elementari norme di quest’organizzazione non è un aggiornamento, ma la composizione di una complessa strategia d’intervento con azioni immediate nel medio e lungo termine. Nonostante si richieda nuovamente la sospensione del paese, come effetto giuridico, questo rapporto non è l’obiettivo della sua missione, ma un’azione in più nell’escalation della sua proposta contenente un piano interventista autentico e specifico contro il Venezuela.
Avvertiamo il mondo che tale intervento non sarebbe più solo per rovesciare il governo costituzionale del presidente Nicolás Maduro, ma per sviluppare uno schema interventista complesso, che intende non soltanto insediare un altro governo per soddisfare le aspirazioni dei settori dell’opposizione, ma anche permettere il rafforzamento di tutti i gruppi e settori che seguono la sua scia.

Quest’agenda –ascoltate- è diversa dalla strategia dello scorso anno, perché apre diverse vie d’intervento a lungo termine, che si tratti dell’abbandono in Venezuela del modello di diritti umani mediante la realizzazione di un altro modello, concorde con la strategia e l’offensiva neoliberista che mira a far tornare in condizioni di povertà milioni di cittadini, a favore del beneficio esclusivo delle oligarchie, rendendo la nostra regione una delle più diseguali del mondo.

In questo contesto, il Venezuela e l’Uruguay, paese di origine del Segretario Generale, condividono il primo posto nella regione come i paesi meno diseguali del nostro continente. Inoltre voglio evidenziare che, a questa strategia, si sommano le azioni del gruppo di quattordici paesi che hanno firmato l’infamante comunicato, fortemente interventista che promuove l’offensivo rapporto presentato da Almagro, così come la convocazione per la giornata di domani, di un Consiglio Permanente in cui si intende discutere della situazione del Venezuela senza che il paese interessato ne sia a conoscenza. Invitiamo questi stati ad abbandonare questo piano interventista e destabilizzante orchestrato dal paese egemone del nord contro la nostra Patria.

Con la convocazione spuria di questo Consiglio Permanente sono state violate le norme fondamentali della Carta dell’Organizzazione degli Stati Americani e le regole essenziali nella procedura di convocazione di riunioni di questo tipo. Si tratta di un’organizzazione alla deriva, senza bussola istituzionale. Il deragliamento assoluto delle sue regole, viene da un passato nefasto e costituisce un futuro fallimento.

Alcune ore fa il Tribunale Supremo di Giustizia della Repubblica Bolivariana del Venezuela, ha emesso una comunicazione che esorta il governo a richiedere la rimozione di Luís Almagro nell’assemblea generale, ai sensi dell’articolo 116 della Carta dell’OSA. Si richiede inoltre al Segretario Generale di rispettare il processo di dialogo che si sta attuando nella Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Infine il Venezuela annuncia che promuoverà l’organizzazione di alcuni consigli permanenti per:

1. Valutare le azioni del Segretario Generale secondo quanto stabilito dalla risoluzione approvata dall’assemblea generale dell’OSA, realizzata nel giugno 2016 in Repubblica Dominicana, che affronti anche l’uso illecito delle risorse dell’organizzazione e delle sue strutture a fini personali e di parte;

2. Discutere della situazione concernente i migranti che si trovano negli Stati Uniti e il muro;

3. Trattare della solidarietà e del sostengo al popolo peruviano, per le incessanti piogge che hanno colpito la fraterna popolazione;

4. Discutere dei cambiamenti climatici che interessano i piccoli Stati insulari dei Caraibi e l’Amazzonia;

5. Trattare l’attuazione degli accordi di pace in Colombia.

Tutti questi temi sono importanti per le popolazioni dell’Emisfero. Inoltre respingiamo le brutali minacce, manipolazioni e aggressioni che dai centri del potere statunitense vengono commesse contro i governi dei paesi fratelli che mantengono una posizione obiettiva su quanto realmente sta accadendo in Venezuela.

Allo stesso modo, annunciamo che, se gli attacchi e le aggressioni contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela proseguiranno, saranno prese azioni severe e decisive. Come avrebbe detto il gran argentino Julio Cortázar, quando infuriava l’aggressione contro la rivoluzione cubana, “Siamo nel tempo degli sciacalli e delle iene. Gli sciacalli vengono per le nostre ricchezze, le iene per gli avanzi della festa”.

Dall’anima Bolivariana del Venezuela, diciamo, siamo nel tempo dei coraggiosi e dei degni, non potranno vincere contro la forza inarrestabile dei nostri liberatori, eroi e martiri. È giunta l’ora per i popoli dell’America Latina e dei Caraibi e la costruzione della Patria Grande.

Chiudo parafrasando, il nostro grande Libertador Simón Bolívar, facciamo che l’amore unisca con un filo universale i figli dell’emisfero e che l’odio, la vendetta e la guerra, si allontanino dal nostro seno. Grazie mille.

Qui il testo in castigliano

___

OEA: unas de cal, otras de arena

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político, Miércoles 29 de Marzo de 2017

OEA: unas de cal, otras de arena

En tiempos del primer gobierno de Rafael Caldera corrió un chiste que tiene mucho sentido en cuanto al asunto de las posiciones y los juicios en torno a los eventos políticos. Entonces dos de los diarios nacionales más importantes del momento tenían perspectivas diferentes con relación a Caldera. El Universal lo apoyaba, El Nacional lo adversaba. Según el chiste, Caldera fue a visitar al Papa y este lo invitó a un paseo por los canales de Venecia. Un soplo de viento hizo que el capelo papal volara por los aires y fuera a dar al agua. Caldera se salió de la góndola, caminó sobre el agua y lo rescató.

Al día siguiente El Universal tituló: “Caldera caminó sobre las aguas”. Y El Nacional: “Caldera no sabe nadar”. Algo parecido ha sucedido con el tema de la reunión de la OEA de ayer. Mientras el Gobierno y los medios oficiales reseñan una “gran victoria”, El Nacional titula: “Gobierno venezolano no pudo evitar que OEA debatiera crisis” y 2001: “Almagro se sale con la suya” ¿Quién tiene la razón? Ambas partes y ninguna: la política se basa en la percepción y acepta todas las interpretaciones. Pero los analistas no podemos trabajar con mirada maniquea, tenemos el deber de problematizar, de ver más allá de las apariencias. Eso es lo que solemos hacer, si no, no vale la pena el esfuerzo.

Para nosotros el asunto no es quién ganó o perdió, porque no se trataba de un juego de pelota, aunque entendemos perfectamente que a veces hay que decir a toda voz lo que conviene y nada más. De manera que no se trata de purismos o de mentiras y verdades. En todo caso, creemos que fue un evento complejo, en el que para nosotros unas fueron de cal y otras de arena.

Antes de seguir adelante, recordemos un par de cosas que dijimos en nuestro Análisis de ayer: “En realidad, nos importa menos el resultado inmediato de esta reunión que el meollo real que reposa en el fondo del asunto”, y además: “La OEA es, en este momento, un medio de la derecha latinoamericana, no para decidir directamente la suerte de los países, carece de la fuerza para eso, sino para montar ollas político-mediáticas que contribuyan a ir construyendo los escenarios de intervención”. Esto es tal cual lo que ocurrió ayer. Por eso es que se le da un tratamiento mediático de acuerdo al interés de las tendencias, para favorecer o desfavorecer esa fabricación de matrices.

Viéndolo bien, 20 es un número redondo, por lo que tiene una sonoridad especial. Fue esa la cantidad de países que desestimaron la posición inicial que defendieron Venezuela, Nicaragua y Bolivia, y que se expresa en las siguientes palabras del representante venezolano Simón Moncada: “Nosotros pensamos que este Consejo no debe ocurrir y nos oponemos a su iniciación” y dejó constancia de la “flagrante violación de los principios de la organización, todo lo que ocurra lo protestamos, se hace contra nuestra voluntad, y lo combatiremos donde sea necesario”. Bien, esa la perdimos, porque la sesión se inició y se dio, no pudimos evitarlo. Punto para el enemigo.

Por otro lado, ni se aplicó la “Carta Democrática” ni se sancionó para nada a Venezuela, ni se llegó a ningún acuerdo efectivo: punto para la Patria.

Ahora bien ¿a qué engañarnos? Es claro que la derecha no alcanzó sus objetivos máximos en esta sesión, pero si tuvo algunos logros innegables para sus planes intervencionistas. Ha consolidado un grupo fuerte en la organización constituido por los 20 países que aprobaron una resolución conjunta que ni siquiera llegó a votarse porque se debía aprobar con el voto de las dos terceras partes, 18 países, y estaba aprobado de hecho al reunir el respaldo de 20. El carácter injerencista de esa declaración es evidente, pues señala, entre otras cosas, que la OEA habrá de “seguir examinando opciones, con la participación de todas las partes en Venezuela, para apoyar el funcionamiento de la democracia y el respeto al Estado de Derecho dentro del marco constitucional venezolano” y también: “Coincidimos en la necesidad de que encontremos propuestas concretas para definir un curso de acción que coadyuve a identificar soluciones diplomáticas, en el menor plazo posible, en el marco institucional de nuestra organización y a través de consultas incluyentes con todos los Estados miembros”. Nos han puesto en observación, pues, estamos siendo juzgados por el conjunto de la derecha continental, que pretende aplicarnos “un curso de acción” y se ha cuestionado el funcionamiento de la “democracia” y el “respeto al Estado de Derecho” en nuestro país.

Todo está claro para el que lea entre líneas. Además, se habló de una resolución “más concreta” que sí se votará en fecha próxima.

Por otra parte, el texto de los 20 no incluye las demandas de fijar un calendario electoral, liberar “presos políticos” y “respetar” las decisiones de la Asamblea Nacional de Venezuela, lo cual es bueno para nosotros. Es un texto genérico que no tiene efectos específicos inmediatos, por lo que tampoco fue que la derecha se las llevó todas consigo.

Esta pelea va a continuar y tendremos que seguir resistiendo los embates incrementados por las recientes victorias de la derecha en el continente. De cierto aumenta la importancia de lo que ocurra en próximo domingo en Ecuador.

El presidente Maduro se preguntó ayer “¿Para qué sirve la OEA? ¿para agredir a los gobiernos independientes, progresistas? ¿Tiene sentido la existencia de la OEA? ¿tiene sentido la permanencia en la OEA?”. Estas palabras parecieran contradecir la definición de lo ocurrido en la OEA como una “gran victoria”. Pero ya quedó dicho: en política se actúa según la conveniencia, así que todo es parte del difícil juego que está en desarrollo.

 

Kuczynski y las “lecciones de democracia” a Venezuela

por Yasmín Karín Díaz Gavilán – Periodista Peruana de Prensa Alternativa por la Paz Mundial

Quién es el presidente del Perú? Por qué gobernantes como él pretenden dar “lecciones de democracia” a Venezuela… a qué amo sirven?

Recordemos hace unos meses cuando la Canciller de la República Bolivariana de Venezuela, Delcy Rodríguez, quien asistió a la XXV Cumbre Iberoamericana, en representación del Presidente de la República Nicolás Maduro, dio una respuesta contundente ante las declaraciones impertinentes del presidente del Perú, Pedro Pablo Kuczynski, que en su intervención se refirió a Venezuela como “un tema candente” del que había que ocuparse en la Cumbre. Ya en anteriores declaraciones, incluso antes de asumir la presidencia, habló de “ hacer un esfuerzo latinoamericano para regresar a Venezuela a la democracia”.

En esta ocasión, la canciller venezolana le instó a que “atienda a su pueblo… hay mucha deuda social en Perú. Él debe quitarse su traje de empresario estadounidense, él siempre ha trabajado para las trasnacionales, para los intereses foráneos principalmente de los Estados Unidos”.

La campaña mundial mediática de desprestigio, que se cierne contra el gobierno venezolano, está atizada por una élite servil que obedece a esa consigna. Por qué? Basta con escudriñar sus vidas, y cuál es el denominador común.

Para tener un panorama claro, en este caso, acerca del proceder injerencista del actual presidente del Perú, como acérrimo defensor del modelo económico neoliberal, es necesario saber quién es el ciudadano Pedro Pablo Kuczynski Godard.

Como periodista peruana, me enfocaré sólo en tres hechos concretos y objetivos, para demostrar que el Sr. Kuczynski, es un vocero de quienes siempre han sido sus empleadores: el gobierno norteamericano y el poder transnacional; y que además no tiene la talla ética para dar lecciones de democracia y buen gobierno.

En primer lugar:  Nació en el Perú, pero casi toda su vida vivió en los Estados Unidos, como funcionario del FMI y el BM. Como dice bien la canciller Delcy Rodríguez, suscribo cada una de sus palabras: “ha trabajado para diversas transnacionales, para los intereses foráneos, principalmente de los Estados Unidos”. Por tanto, casi toda su vida ha tenido nacionalidad estadounidense; a la que ha renunciado en dos ocasiones: El 2011, cuando se presentó como candidato presidencial en Perú. Pero como no fue elegido, volvió a solicitar la nacionalidad norteamericana; la que le fue concedida, por supuesto. Hasta  que sus pretensiones presidenciales (2016), una vez más lo obligaron a renunciar a la nacionalidad estadounidense . Esta vez “valió la pena su sacrificio”, pues fue elegido presidente, y asumió el gobierno en Julio del presente año. La pregunta clave es: Al término de su mandato, volverá a solicitar la nacionalidad estadounidense y se la volverán a conceder? “Más claro no canta el gallo”, como reza un dicho popular. Y queda claro que con la investidura presidencial actual, continuará haciendo “méritos” ante sus amos, en la guerra mediática de desprestigio Mundial emprendida contra la República Bolivariana de Venezuela.

No es casual que en el año 1988, el actual Presidente del Perú, asistió a la invitación exclusiva del Club Bilderberg, del 3 al 5 de junio en Telfs Buchen, región de Tirol (Austria). Y en esa ocasión, como no nos ha de sorprender, figuraba en la lista de invitados como ciudadano estadounidense, representante del Banco First Boston International, donde tenía el más alto cargo directivo.

En este link, la palmaria evidencia:

https://unavoz.lamula.pe/2016/01/21/ppk-y-el-grupo-bilderberg/wilder/

En segundo lugar: Fue denunciado como agente de los Estados Unidos, en el gobierno del general Juan Velasco Alvarado (1968), por haber entregado a la IPC (International Petroleum Company, empresa de propiedad del magnate Nelson Rockefeller), un total de US$ 35 millones.

Otro antecedente comprobable, que nos demuestra claramente a quiénes sirve: En el segundo gobierno de Fernando Belaúnde Terry, fue autor de la Ley 23231 (Ley Kuczynsky), que impulsaba la explotación energética y petrolera; concediendo exoneraciones tributarias a las empresas petroleras extranjeras, entre las que figuran la Occidental Petroleum Company.Utilizó el cargo de gerente del Banco Central de Reserva del Perú para autorizar transferencias de dinero. Lo que fue denunciado (Las ediciones de los principales diarios de Lima desde octubre de 1968 así lo confirman).

En tercer lugar:  En el Perú existen leyes represivas que impulsan la impunidad y la criminalización de la protesta; un marco legal dictatorial que ningún país o gobierno que se jacte de ser democrático, permitiría.

Para citar sólo una de estas leyes:

La ley 30151: “Quedarán exento de responsabilidad penal el personal de la Policía Nacional y las Fuerzas Armadas que, en el cumplimiento de su deber y en uso de sus armas u otro medio de defensa, cause lesiones o muerte a una persona”.

Además, esta ley que viola con flagrante intencionalidad los derechos humanos, es una ley retroactiva. Es decir, se pueden acoger los militares o policías que están denunciados y procesados por estos crímenes de lesa humanidad, antes de promulgada la ley.

En estas condiciones deplorables en cuanto se refiere al respeto de los Derechos Humanos, transcurrido menos de 6 meses del gobierno del “abanderado de la democracia” PPK, con más de 200 conflictos sociales en el país, lo que ha originado justas protestas como la acontecida en octubre, reprimida como siempre, brutalmente,con armas de fuego, “a matar”, una vez más la fuerza militar amparada por las leyes de la impunidad, cobró la vida de un líder comunitario, Quintino Cereceda, quien recibió una bala en la cabeza…, como clara evidencia del ensañamiento con la que proceden las “fuerzas del orden” en la”democracia peruana”, que los medios por supuesto no denuncian ni señalan como dictadura, como sí lo hacen cínicamente contra Venezuela.

 

Estos conflictos sociales están causados por el abuso de las transnacionales y la extracción de recursos naturales sin la aprobación de la población, como es el caso de la minera Las Bambas que ha construido además una carretera que atraviesa 18 comunidades, originando contaminación, perturbación colectiva y un profundo malestar permanente

Sr. Presidente del Perú, Pedro Pablo Kuczynski, Ud. con estos precedentes y este funesto inicio de su gobierno (la vida de un hermano campesino tiene mucho valor, sabe?), puede dar lecciones de lo  que es democracia, y sentirse preocupado por los problemas internos de otro país como Venezuela; cuando en nuestro país, su país, existen problemáticas tan urgentes de solucionar, como el respeto a los derechos humanos, la alta tasa de desempleo, el elevado índice de desnutrición infantil, el analfabetismo y mucho más…?

La Canciller venezolana le dijo sus verdades. Ella sabe quiénes son y a quiénes sirven los”demócratas” del mundo, como Kuczynski, Macri, Peña Nieto, Uribe, Aznar, Rajoy…Y una larga lista de súbditos del imperio norteamericano y el poder financiero que maneja en las sombras los hilos de sus títeres asalariados…

Nuestra Patria Grande Libertaria RESISTE con dignidad, coraje y firmeza, al capitalismo y la manipulación masiva que orquestan, como estrategia terrorista en la contraofensiva preventiva fascista que aplican, con el objetivo de avasallar los avances independentistas en Latinoamérica. Los medios de comunicación y sus “líderes de opinión” de toda índole, en esta selva darwiniana, son su principal arma.

No pasarán, los pueblos que abrieron los ojos y están despiertos, no detendrán su “marcha de gigantes”, como lo afirmó El Che Guevara Nuestro.

Los proletarios del mundo unidos, jamás seremos vencidos!

 

Solidali con la Ministra Delcy Rodríguez!

di Emilio Lambiase – Presidente ANROS ITALIA

COMUNICATO DI SOLIDARIETÀ ALLA MINISTRA DELCY RODRÍGUEZ

ALBAinformazione – ANROS Italia, in quanto parte di gruppi, associazioni, reti e movimenti sociali di solidarietà internazionalista con i paesi dell’ALBA-TCP e del Sud del mondo, rifiuta fermamente e categoricamente la dura e vile aggressione fisica di cui è stata vittima la Ministra degli esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela Delcy Rodríguez mentre esercitava il suo diritto a partecipare all’XI Riunione Straordinaria del Mercosur (Mercato Comune del Sud) tenutosi presso la sede del Ministero degli esteri argentino a Buenos Aires lo scorso 14 dicembre 2016.

In sintesi, la ministra è stata colpita da un poliziotto del corpo antisommossa vicino all’ingresso del palazzo governativo per evitare che partecipasse all’incontro tra i suoi omologhi dei paesi membri del blocco regionale per ragioni essenzialmente politiche, mancando di rispetto alla degna Delcy ed al governo del Presidente Nicolás Maduro che hanno realizzato molti sforzi per aggregare nuove forze ed unire le nazioni ed i popoli del Cono Sud.

Infatti, i rappresentanti diplomatici di Argentina, Brasile, Paraguay ed Uruguay vogliono rimuovere il Venezuela dalla presidenza pro tempore dell’organismo con il pretesto che il governo non ha “interiorizzato” le norme del Mercosur, ovvero in conformità alle leggi ed ai meccanismi interni del blocco quando, al contrario, il Venezuela ha realizzato il 95% dei suoi compiti istituzionali in quattro anni a differenza di Argentina e Brasile che in venticinque hanno soltanto portato a compimento il 50% delle loro funzioni e compiti.

Questi governi che incolpano e rendono invisibile il paese bolivariano vogliono mettere fine alla posizione sovrana, libera ed indipendente dell’organismo, disubbidendo al diritto internazionale ed alla volontà piena e legittima del Venezuela di dirigire il Mercosur e spingere i meccanismi di inclusione, equità, solidarietà e giustizia sociale che oggi più che mai bisogna realizzare nel continente latinoamericano.

Inoltre, occorre precisare che i rappresentanti diplomatici dell’entità, ad eccezione di quello boliviano solidale con Delcy, hanno manifestato il loro chiaro interventismo, violenza politica e deriva a destra nelle relazioni multilaterali tra paesi, popoli, e nazioni sorelle che da sempre lottano per la Libertà con Giustizia sociale, Solidarietà, Dignità ed Amicizia tra i popoli per favorire un nuovo modello sociale, politico, culturale ed ideologico per questo mondo.

In conclusione, sosteniamo in maniera leale e forte la posizione e azione della Ministra, del governo bolivariano del Presidente Nicolás Maduro e di tutte le donne rivoluzionarie del Venezuela dinnanzi a questo genere di atti irrispettosi verso le istituzioni venezuelane e sollecitare le autorità argentine, a partire dal presidente neoliberista Mauricio Macri, a chiedere scusa ai suoi omologhi venezuelani, cercando di recupare le relazioni bilaterali con l’Argentina, il cui popolo degno e fraterno si è da sempre unito ai tentativi del popolo bolivariano di migliorare e trasformare il continente sudamericano da una nuova e più giusta prospettiva politica.

#VenezuelaSeRespeta
#LasMujeresDelMundoSeRespetan
#DelcyMujerValiente
#MercosurUnido

¡Solidarios con la Canciller bolivariana Delcy Rodríguez!

por Emilio Lambiase – Presidente ANROS Italia

COMUNICADO DE SOLIDARIDAD A LA CANCILLER DELCY RODRÍGUEZ

ALBAinformazione – ANROS Italia, como parte de los grupos, asociaciones, redes y movimientos sociales de solidaridad internacionalista con los países del ALBA y del Sur del mundo, repudia de manera firme y tajante la vil y dura agresión física de la que fue víctima la Canciller de la República bolivariana de Venezuela Delcy Rodríguez al ejercer su derecho de participar a la XI Reunión Estraordinaria del Mercosur (Mercado Común del Sur) instalada en la Cancillería argentina el pasado 14 de diciembre 2016.

En breve, la ministra fue golpeada por un polícia del cuerpo antimotínes cerca del acceso al palacio gubernamental para que no asistiera al encuentro entre los cancilleres de los países integrantes del bloque por razones sencillamente políticas, faltando de respeto a la digna Delcy y al gobierno del Presidente Nicolás Maduro que tantos esfuerzos han llevado a cabo para sumar fuerzas y unir las naciones y los pueblos del Cono Sur.

De hecho, los representantes diplomaticos de Argentina, Brasil, Paraguay y Uruguay pretenden sacar a Venezuela de la presidencia del organismo con la excusa de que su gobierno no haya “internalizado” las normas mercosurianas, es decir el apego a las leyes y mecanismos internos del bloque cuando, al contrario, Venezuela ha cumplido con el 95% de sus tareas en cuatro años diferentemente de Argentina y Brasil que en veinticinco años sólo han totalizado el 50%.

Estos gobiernos que culpabilizan e invisibilizan al país bolivariano pretenden acabar con la postura soberana, libre e independiente del organismo, poniéndose en desacato ante el derecho internacional y la voluntad plena y legítima de Venezuela de dirigir el Mercosur y impulsar los mecanismos de inclusión, equidad, solidaridad y justicia social que hoy más que nunca hay que realizar en el continente latinoamericano. Además, es preciso denunciar que los representantes de la entidad, excepto lo de Bolivia solidario con Delcy, expresaron su claro injerencismo, violencia política y derechización en las relaciones multilaterales entre países, pueblos y naciones hermanas que siempre han estado luchando por la Libertad con Justicia Social, la Solidaridad, la dignidad y la amistad entre los pueblos para favorecer un nuevo modelo social, político, cultural e ideológico para este mundo.

En conclusión, respaldamos de forma leal y contundente a la postura de la Canciller y del gobierno revolucionario y todas las mujeres revolucionarias de Venezuela, del Presidente Nicolás Maduro ante este genero de actos irrespetuosos hacia las instituciones venezolanas e instamos a las autoridades argentinas, a partir del presidente neoliberal Mauricio Macri, a pedir disculpas a sus pares venezolanos y tratar de recuperar las relaciones bilaterales con Argentina, cuyo digno y hermano pueblo siempre se ha sumado a los intentos del pueblo bolivariano de mejorar y transformar el continente suramericano desde una nueva y más justa perspectiva política.

#VenezuelaSeRespeta
#Las MujeresDelMundoSeRespetan
#DelcyMujerValiente
#MercosurUnido

Comunicado CBSTV: solidaridad con la Canciller Delcy Rodríguez

por Central Bolivariana y Socialista de Trabajadores de Venezuela

Los recientes hechos donde la policía de un país hermano agrede a la Canciller de otro país y negar el derecho a la defensa tanto de ella como la del Canciller Choquehuanca de Bolivia es la expresión de la barbarie capitalista y la soberbia de una derecha fascista que violenta todas leyes y acuerdos de convivencia y paz que deben existir entre Naciones hermanas.

No sólo han desconocido el derecho de Venezuela a ejercer la presidencia de MERCOSUR con falsos argumentos leguleyos sino que pasando por encima de la legitimidad y soberanía de nuestra patria pretender pretenden despojar a Venezuela de la membrecia de la instancia regional cuando nuestro país ha cumplido en un 95% los acuerdos de integración, muchísimo más que lo que los demás países signatarios han refrendado en las décadas de existencia del MERCOSUR.

Para los trabajadores y trabajadoras de Venezuela es inaceptable esta conducta artera y agresiva contra nuestra Canciller Delcy Rodríguez y el Canciller de Bolivia David Choquehuanca, dignos representantes de nuestros pueblos y gobiernos.

La infame triple alianza es hija de gobiernos espurios nacidos del golpe de estado contra sus propios pueblos, por lo que no tienen ninguna autoridad moral ni política para desconocer nuestro gobierno que es el producto de proceso político surgido de las entrañas de nuestro pueblo y el genio de nuestro Comandante Supremo Hugo Chávez que hoy bajo la conducción de nuestro Presidente Obrero Nicolás Maduro se abre paso orgulloso en medio de las agresiones imperialistas y le de lacayos como Macri, Temer y Cartes quienes con su conducta pone en peligro la integración del sur subordinando los intereses de sus naciones a los nefastos planes restauradores del Imperio.

Hemos sentido con satisfacción y gratitud las manifestaciones de afecto y solidaridad de los pueblos y movimientos sociales de América Latina, en especial la de nuestros hermanos de clase en esta amarga hora de confrontación y desencuentro.

El capitalismo está en crisis y saca sus garras fascistas en esta nueva agresión contra la soberanía de un pueblo digno y valiente que ha soportado lo indecible en estos años de Revolución Bolivariana.

Hacemos un llamado a los hermanos y hermanas de clase de las centrales amigas, a los movimientos sociales y los pueblos a cerrar filas frente a esta inaceptable agresión y juntos defender la unidad de nuestros pueblos frente a los afanes de liquidar los sueños de emancipación que han costado vidas y luchas en largos años.

Repudiamos la agresión a los cancilleres de la dignidad David Choquehuanca y Delcy Rodríguez y exhortamos a nuestros camaradas a rechazar tan indigna actuación de quienes le vendieron el alma al diablo imperial por los espejitos de su esclavitud.

Adelante compañeros adelante compañeras que más temprano que tarde la verdad se impondrá. En Venezuela nos jugamos el destino de nuestra América. Los trabajadores y el pueblo de la Patria de Bolívar y Chávez sabremos hacer honor a nuestro legado. El presente es de lucha el futuro es nuestro.

Wills Rangel
Presidente

(FOTO) USA: Chávez, un figlio del Bronx

da MPPRE

Bronx meridionale, New York, 22 settembre 2016. Questo giovedì 22 settembre negli spazi di “The Point”, organizzazione senza fini di lucro dedicata allo sviluppo della gioventù e la rivitalizzazione culturale ed economica del Bronx, gruppi e leaders sociali, sindacali e religiosi si sono riuniti per inaugurare un mural in onore al Comandante Hugo Chávez Frías, nello stesso spazio dove dieci anni prima il líder della Revolución Bolivariana si incontrò con diverse organizzazioni comunali del Bronx.

All’evento, ha partecipato la ministra del Poder Popular para las Relaciones Exteriores, Delcy Rodríguez, che ha ringraziato a nome del presidente venezuelano, Nicolás Maduro, per essere stata invitata all’incontro.

«Dieci anni fa il Comandante è stato qui e siamo orgogliosi di percorrere il cammino che lui ha aperto. Qui ci sentiamo popolo ed è un motivo di felicità ritrovarci riuniti con il popolo statunitense. Abbiamo gli stessi obiettivi condivisi: la pace e lo sviluppo dei popoli. Per me è un orgoglio portarvi le parole di riconoscimento del nostro Presidente operaio Nicolás Maduro, figlio di Chávez», ha affermato Rodríguez.

In questa occasione, la Canciller del Venezuela ha ricordato alcune delle conquiste sociali della Revolución: «Il 71% del nostro bilancio è dedicato agli investimenti sociali, non alle guerre. Più di un milione e centomila famiglie hanno ricevuto le loro abitazioni e continuiamo a lavorare affinché quest’anno ne siano consegnate di più. Abbiamo il riconoscimento dell’Organizzazione delle Nazioni Unite nella lotta per sradicare la povertà ed abbiamo il numero di nuovi iscritti nel nostro sistema educativo più alto del mondo, senza dimenticare l’eccezionale Indice di Sviluppo Umano ed il basso livello di diseguaglianza, questi risultati non li vedrete mai nei grandi media di comunicazione». 

Infine, la ministra Rodríguez ha ricordato ai leaders presenti l’impegno della Revolución Bolivariana con la giustizia sociale: «La Nostra Rivoluzione combatte contro la fame, la povertà e contro l’imperialismo, lo facciamo in nome di tutte e tutti voi. Il mondo intero sa che la politica internazionale del Venezuela è a favore dello sviluppo sociale e la pace. Il Venezuela non è una minaccia (riferendosi all’ordine esecutivo del marzo 2015 rinnovato quest’anno dal presidente statunitense, Barack Obama, il quale ha dichiarato il Venezuela ‘minaccia inusuale’ per gli USA). Venezuela è una speranza», parole accolte con applausi scroscianti da parte dei presenti.

Sul murale e i suoi creatori

Nel murale inaugurato dalla canciller Delcy Rodríguez e dai leaders sociali che hanno partecipato all’evento, si può apprezzare il Comandante Chávez che suona uno strumento musicale in compagnia di Omar Freilla, riconosciuto attivista del Bronx meridionale il quale è stato uno dei difensori più impegnati nel lavoro delle cooperative della zona, nonché di progetti ambientali.

Freilla ha partecipato all’evento e si è espresso con parole emotive per il Comandante Chávez: «Circa dieci anni fa, Chávez ci venne ad incontrare nel Bronx. Quando è passato per queste strade è stato incredibile. Io, in compagnia di una banda musicale stavo suonando dove oggi abbiamo questo murale e da lì vedevo chiaramente come Chávez si avvicinava e parlava con ognuna delle organizzazioni sociali del Bronx qui presenti per condividere con lui le loro preoccupazioni. Ascoltò ognuna di quelle persone, con tutta la calma e l’attenzione del caso. Non avevo mai visto prima un tale livello di impegno e di appoggio! Dopo, si avvicinò dove io mi trovavo e anche a me tese la sua mano e cominciò a suonare con noi. Grazie a questa visita di Chávez, tutte le organizzazioni che si trovavano qui presenti ricevettero la sua visita; se lui non ci avesse aiutato, noi oggi non ci troveremmo qui».

Oggi è importante ricordare i nomi di coloro che hanno avuto l’idea di dipingere il murale in onore a Chávez. Rebel Díaz, duo di hip hop politico del Bronx meridionale e di Chicago costituito dai fratelli cileni Rodrigo e Gonzalo Venegas,i quali hanno avuto l’idea di proporre di omaggiare il Comandante in questo modo. Entrambi i fratelli si sono incontrati con il Comandante Chávez nel Bronx nel 2005 ed affermano di avere una connessione diretta con la Revolución Bolivariana.

Bisogna anche ricordare il lavoro dell’autore materiale di questa opera, Andre Treiner, il quale per due giorni ha posto il suo impegno e il suo amore per la realizzazione del murale adornando le strade del Bronx e ricordando il lato più umano del Comandante Chávez.

Trenier è del Bronx ed è laureato in arte presso l’Università di Filadelfia. Ed è anche fondatore di un gruppo di creazione collettiva (Tangible Thoughts LL) conosciuto per la realizzazione di scarpe sportive di alta qualità ed altri articoli di abbigliamento.

Treiner si definisce un appassionato di arte ed afferma di essersi sentito «felice creando il murale, è stato un lavoro intenso di due giorni continui, ma ne è valsa la pena».

Messaggi di ringraziamento dei leaders sociali, sindacali e religiosi

La fondatrice di The Point, Maria Torres; la direttrice Esecutiva di “Mothers on the Move”, Wanda Salaman; il direttore Esecutivo di Zulu Nation, Shepard McDaniel; la vicepresidente Esecutiva del Sindacato 1199, Estela Vázquez; e il presidente e fondatore del Latino Pastoral Action Center, Reverendo Ray Rivera, sono stati tra coloro che hanno conversato con la Canciller venezuelana durante l’attività.

Salaman ha ricordato la visita del Comandante Chávez nel 2005 ed ha reiterato il suo interesse per continuare a lavorare con il Venezuela sui temi sociali e politici per lo sviluppo e l’emancipazione di entrambi i popoli.

Il Direttore Esecutivo di Zulu Nation, Shepard McDaniel, si è offerto di portare in Venezuela le sue esperienze comunitarie per aiutare nel lavoro di empowerment dei suoi cittadini.

La Vicepresidente Ejecutiva del Sindacato 1199, Estela Vázquez, ha aggiunto: «Non possiamo permettere che governi passati, presenti o futuri, limitino la nostra solidarietà operaia con il popolo venezuelano. Il Sindacato da me diretto si impegna a continuare il lavoro di solidarietà con il Venezuela perché è un esempio da seguire».

[Trad. castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

___

La solidarietà in Italia difende la diplomazia di pace bolivariana!

di Rete “Caracas ChiAma” *

Comunicato di denuncia contro le diffamazioni a danno della Console Generale di Prima della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, Amarilis Gutiérrez Graffe.

Il suo esempio e il suo duro lavoro hanno causato disagio ai nemici della Rivoluzione bolivariana ed è per questo che la stanno attaccando.

Noi, gruppi di solidarietà che svolgono le proprie attività sul territorio italiano, denunciamo fortemente la vile campagna denigratoria che stanno cercando di montare sui social network contro la combattente e diplomatica Amarilis Gutiérrez Graffe.

Ribadiamo il nostro sostegno alla diplomazia di pace bolivariana e al lavoro svolto dalla Console Generale. Fin dal suo arrivo a Napoli, alla fine del 2014, il consolato non aveva mai svolto un lavoro tanto intenso, implacabile in tutti gli ambiti di azione, sia lavorando con gruppi di solidarietà sia con i gruppi di opposizione.

Si tratta di una donna che rappresenta degnamente ciò che il comandante Chávez ha chiesto ai rappresentanti diplomatici di un progetto rivoluzionario bolivariano.

Amarilis Gutiérrez Graffe è una figlia del Comandante e del popolo venezuelano; dimostra una preparazione politica impressionante, con esperienza diretta di lavoro nella costruzione del potere popolare nei porti venezuelani, nell’autogestione operaia, è stata agente di polizia, insegnante, avvocato, una persona che conta con tutte le qualità accademiche, intellettuali e professionali per svolgere al meglio le proprie responsabilità.

Ma ribadiamo che la condizione che più la accredita per svolgere le proprie funzioni, e di essere una degna diplomatica del processo rivoluzionario, è la sua qualità umana. Lavora a stretto contatto con la linea politica del governo, senza mai perdere di vista la prospettiva della sua responsabilità.

La gestione da lei realizzata ed il gruppo di lavoro che ha creato con la sua missione diplomatica, ci ha rafforzato, come gruppi di solidarietà, e sono ormai un punto di appoggio prezioso per il nostro lavoro.

La compagna Amarilis Gutiérrez non ha orario, non ha fine settimana liberi, è stata in grado di portare il consolato come mai prima nelle regioni del Sud Italia e della Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia e Calabria. Il suo lavoro va dalla cura delle relazioni con il corpo diplomatico accreditato nel Sud, con le istituzioni, i sindaci, i consiglieri, le associazioni culturali, sportive, ecologiche, a lavorare a stretto contatto con i lavoratori, gli studenti, gli artisti, gli intellettuali, etc.

Con la compagna Amarilis, sosteniamo, come gruppi di Solidarietà della Rivoluzione bolivariana in Italia, con forza il lavoro del nostro ambasciatore a Roma Julián Isaías Rodríguez, del ministro Delcy Rodríguez e del presidente Nicolás Maduro.

___

Comunicado de denuncia de difamación en contra de la Cónsul General de Primera de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles, Amarilis Gutiérrez Graffe.

Su ejemplo y trabajo constante ha causado molestias al enemigo y por eso la están atacando.

Nosotros, grupos de solidaridad radicados en el territorio italiano, denunciamos firmemente la vil campaña de difamación que están intentando montar en las redes sociales contra la combatiente y diplomática Amarilis Gutiérrez Graffe.

Ratificamos nuestro apoyo a la diplomacia bolivariana de paz y al trabajo que la Cónsul General viene realizando. Desde su llegada a Nápoles a finales del 2014, nunca el consulado había realizado un trabajo tan intenso, incansable y en todos los ámbitos de acción sea con los grupos de solidaridad que con los grupos de la oposición.

Se trata de una Mujer digna representante de lo que el Comandante Chávez pedía a los representantes diplomáticos de un proyecto bolivariano y revolucionario.

Amarilis Gutiérrez Graffe es una hija de El Comandante y del pueblo venezolano; con una impressionante preparación política, con una experiencia directa de trabajo en la construcción del poder popular en los puertos venezolanos, en la autoigestión obrera, fue agente policial, profesora, abogado, una persona que le sobran las condiciones académicas, intelectuales y profesionales para desempeñar su cargo.

Pero reiteramos que la condición que más la acredita para sus funciones, y para ser una digna diplomática del proceso revolucionario, es su calidad humana. Trabaja codo a codo con la línea polítuca del gobierno, sin perder jamás la perspectiva de su responsabilidad.

La gestión que ha realizado, y el grupo de trabajo que ha logrado crear con su misión diplomática, nos ha reforzado como grupos solidarios, constituyen hoy un punto de apoyo invaluable para nuestro trabajo. La compañera Amarilis Gutiérrez no tiene horario, ni fin de semana, ha sido capáz de llevar el consulado como nunca antes a las regiones del Sur de Italia como la Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia y Calabria. El trabajo que desempeña va desde el intercambio con el cuerpo diplomático acreditado en el Sur, con instituciones, alcaldes, consejales, asociaciones culturales, deportivas, ecológicas, hasta el trabajo estrecho con los obreros, estudiantes, artistas, intelectuales, etc.

Apoyamos firmemente, juntos con nuestra compañera Amarilis, el trabajo de nuestro embajador en Roma Julián Isaías Rodríguez, la ministra Delcy Rodríguez y el Presidente Nicolás Maduro.

__

* Qui di seguito la lista dei comitati, delle associazioni, delle reti sociali, delle organizzazioni popolari ed operaie, sociali e politiche, che il 29 giugno 2014, presso lo SCUP, a Roma, hanno dato vita alla Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana che prenderà il nome di “Caracas ChiAma”: Albassociazione/AlianzaPaís-Italia/Amig@s MST-Italia/ANROS/Areaglobale/Associazione di Amicizia Italia-Cuba (Roma-Ravenna-Parma)/Associazione Italia-Nicaragua (Circolo Leonel Rugama)/Associazione LiberaRete/Associazione Nazionale Nuova Colombia/P-CARC/Casa dei Popoli/Casa del Popolo di Torpignattara/Centro Sociale Spartaco/Centro di Iniziativa Popolare Alessandrino/Centro Sociale La Talpa e l’orologio-Imperia/Centro Studi Antonio Gramsci/CESTES centro studi USB/CIRCinternazionale/Circolo Bolivariano “Alessio Martelli”/Circolo Bolivariano “Hugo C
hávez”/Circolo Bolivariano “José Carlos Mariátegui” -Napoli/Associazione dei Giuristi Democratici/CORTOCIRCUITO/CSPAAAL/Fronte della Gioventù Comunista/J-PSUV-Italia/Marx XXI/MAS-Bolivia en Roma/Militant/Partito Comunista(Italia)/PDCI/Piattaforma Comunista/Rete dei Comunisti/Rete in Difesa dell’Umanità/Rete No War/Rifondazione Comunista/SuramericAlba/(n)PCI

International Migrants Alliance/Lega Immigrati albanesi “Iliaria”/Misil (movimento integrazione sviluppo italo latinoamericano/Associazione “I Blu”/Fronte di liberazione del popolo.JVP (Sri Lanka)/Associazione Umangat-Migrante/Comitato Immigrati in Italia/Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia

Contropiano/Il Manifesto/Le Monde Diplomatique/LiberaTV/Radio Città Aperta/Rivista Nuestra America/Web Sibia-Liria

Associazione Sportiva Quartograd

Associazione di Amicizia San Marino-Cuba/Asociación Civil Canción Bolivariana/Asociación Euskadi-Cuba/Associazione Galego-Bolivariana Hugo Chávez/Comando Electoral Hugo Chávez–España/Coordinadora Estatal Solidaridad con Cuba-España/COSAL-Asturias/CUBADEBATE/ Guachirongo 98,5FM/Iniciativa Comunista-España/Movimiento América Libre y Socialista para Europa/Círculo Bolivariano “La Puebla” de Euskal Herria/Peña del Aljibe/Plataforma Bolivariana de Madrid/Plataforma Comunicacional Somos Sin Banderas/RESOLVER-Red de Solidaridad con Venezuela Revolucionaria-Suecia

Maduro: «La Colombia abbandona la sicurezza alla frontiera»

spi_20150826120125da Correo del Orinoco

«Domani il Ministro degli Esteri (Delcy Rodríguez) chiederà con forza a Cartagena che la Colombia riprenda l’attività di contrasto attraverso le forze di polizia, investigative e militari, contro le bande di assassini paramilitari. Adesso basta, noi andremo avanti con molta fermezza», ha affermato il Presidente

Il Presidente Nicolás Maduro Moros ha assicurato che il Venezuela esigerà dalla Colombia la riattivazione delle attività di sicurezza nelle zone di confine, perché a giudizio del capo dello stato, il governo di Bogotá ha letteralmente abbandonato la frontiera sul versante della sicurezza.

«Mi piacerebbe ascoltare l’opinione del presidente (Juan Manuel) Santos riguardo a tutti questi fenomeni di cui abbiamo fornito prova, la Colombia deve riattivare tutti i suoi organismi militari e di polizia contro il paramilitarismo alla frontiera, perché la Colombia dal punto di vista della sicurezza ha abbandonato la frontiera», ha spiegato.

Durante il suo programma ‘En Contacto con Maduro’ ha dichiarato: «Domani il Ministro degli Esteri (Delcy Rodríguez) chiderà con forza a Cartagena che la Colombia riprenda l’attività di contrasto attraverso le forze di polizia, investigative e militari, contro le bande di assassini paramilitari, contro i trafficanti di droga. Adesso basta, noi andremo avanti con molta fermezza».

Se Uribe si mette contro il Venezuela riceverà un’adeguata risposta

«Se si mette contro il Venezuela, riceverà un’adeguata risposta, nessuno mi può zittire, se (Álvaro) Uribe trama contro il Venezuela, arriverà una forte risposta del governo», ha evidenziato il Presidente venezuelano Maduro, in riferimento alle recenti dichiarazioni dell’ex presidente colombiano contro il Venezuela e la Rivoluzione Bolivariana.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

(Video) González a Caracas per organizzare un nuovo colpo di stato?

da lantidiplomatico.it

Il presidente venezuelano Maduro ha annunciato che chiederà spiegazioni formali alla Colombia per la partenza dell’ex primo ministro spagnolo Felipe González da Caracas su un aereo della Air Force colombiano assegnato alla presidenza di quel paese. «Purtroppo sono rimasto sorpreso nell’apprendere che un aereo della Air Force colombiana assegnata alla Presidenza della Repubblica di Colombia è venuto a prenderlo». Lo riporta Telesur.
 
Il presidente del governo spagnolo è giunto a Caracas per sostenere l’opposizione dell’estrema destra del paese in vista delle prossime elezioni parlamentari. «E’ chiaro che esiste un asse anti-venezuelano: Madrid, Bogotà, Miami abbiamo abbastanza esempi di come questo asse si muove e il signor Felipe è uno dei coordinatori della campagna contro il Venezuela», ha proseguito Maduro, che ha anche sottolineato come non abbia lasciato un buon ricordo tra i suoi concittadini dopo i suoi anni di governo ed ha fallito nel suo tentativo di creare una nuova sommossa.
 
Il ministro degli Esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez terrà un incontro con l’ambasciatore di Colombia in Venezuela per chiedere spiegazioni per quanto accaduto. Da parte sua, il governo colombiano ha dichiarato che il presidente Juan Manuel Santos ha autorizzato il trasferimento dell’ex presidente del governo spagnolo a Bogota da Caracas.
___

___

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: