Congreso de Comunas: ¿cómo trascender del compromiso a los hechos? 

Risultati immagini per comunas Venezuelapor crbz.org

Acaba de concluir una primera fase del Congreso Nacional de Comunas. Según anunció el presidente Maduro, éste se desarrollará durante sesenta días más para construir y desarrollar las propuestas a un nivel más detallado. Luego de días de debate, se dio el encuentro de cierre con el Presidente de la República, en el cual el propio Nicolás Maduro asumió como aprobadas las propuestas presentadas por los y las comuneros(as). Esto, sin duda, es de suma importancia, sobre todo si consideramos la pérdida de centralidad que viene experimentando en el discurso oficial el tema comunal y de la profundización del poder popular. Que el presidente Maduro haya asumido públicamente estos compromisos, significa que el gobierno nacional en su conjunto y las alcaldías y gobernaciones deben alinearse en función de su cumplimiento. Así, retoma nuevamente importancia en el accionar de gobierno el tema comunal, en virtud del compromiso asumido por la primera autoridad del Estado venezolano, del gobierno y del Psuv.

Esto no es un asunto menor, puesto que la profundización de la construcción comunal es nada más y nada menos que el horizonte estratégico definido por el comandante Chávez para el modelo de democracia revolucionaria y de transformación de nuestra sociedad en su tránsito hacia el socialismo. Es en la comuna, en sus sistemas de agregación, en su potencialidad de productividad económica, en su capacidad para generar formas de administración y gestión de los servicios y de la satisfacción de las necesidades básicas, desde estructuras organizativas basadas en la participación y el protagonismo de la gente, donde se gesta la posibilidad de una sociedad en la cual la propia gente tome las riendas de su destino para que éste no sea conducido por élites económicas y políticas. De allí la importancia de que se haya realizado el congreso y de que los resultados, expresados en el compromiso del presidente Maduro, apunten en esa dirección.

Ahora bien, creemos a su vez que estos nuevos acuerdos deben implicar un necesario balance de compromisos similares asumidos anteriormente por el Ejecutivo Nacional. Por ejemplo, la agenda de trabajo con la cual se comprometió el presidente Maduro el 15 de agosto de 2015, en la cual comprometió, además, un número importante de autoridades del alto gobierno.

En ese cuerpo de acuerdos se planteó avanzar en materias como la policía comunal, los planes de defensa territorial, la incorporación de los planes de desarrollo comunal al sistema de planificación nacional, la creación de un sistema nacional de imprentas comunales, la creación de una red para la distribución y comercialización de la producción comunal y de una empresa grancomunal de producción y distribución, la creación de una superintendencia del sistema económico comunal, la construcción de un plan de trasferencia de competencias para la administración y gestión de servicios, un plan de transferencia de administración y gestión de areneras, granzoneras, caleras, entre otros, la determinación por parte de la banca de carteras de financiamiento a las comunas, el impulso del sistema agrícola comunal que implicaba, entre otras cosas, la creación de un plan agroindustrial para las comunas y un banco de semillas, la asignación de un código único de compra de suministros para las comunas y otras organizaciones socioproductivas para acceder de manera preferencial a agroinsumos, cemento, materiales de hierro y acero, así como a la producción de empresas públicas de alimentos.

Haciendo un balance al día de hoy, preciso es señalar que muy poco fue lo que se cumplió y mucho fue en lo que ni siquiera se avanzó. Allí se impuso la lógica de la burocracia, del desgaste, de la dilación, de los intereses políticos grupales, de las cuotas de poder regional y municipal, y también de la corrupción y las mafias. ¿Cómo hacer para que el resultado de este balance no se repita y podamos, realmente, avanzar en los objetivos planteados? ¿cómo retomar parte de esta agenda pendiente e incorporarla a la agenda actual?

Primero, creemos que además del desarrollo detallado de las propuestas, es necesario la definición de prioridades, la construcción de planes y cronogramas de ejecución, y las orientación de recursos específicamente dirigidos, así como la definición de responsables de tareas en los distintos niveles de gobierno y de las instancias organizadas de las comunas; estos planes y cronogramas deben ser revisados periódicamente y deben ser evaluadas las razones de posibles incumplimientos y retardos para determinar responsabilidades y tomar decisiones al respecto.

Segundo, es impresdindible que esto se haga de cara al país, de forma pública y transparente, sin opacidades de ningún tipo; para ello, debe aprovecharse la utilidad de la internet y de las tecnologías de la información y la comunicación.

Tercero, es clave que las comunas cuenten con instancias y canales en el gobierno para poder elevar la denuncias sobre trabas, dilaciones, desvíos de recursos en la medida en que esto ocurra: estos canales deben ser de efectividad inmediata.

Cuarto, debe haber espacio y vías para que los medios de comunicación públicos se conviertan en altavoces tanto para los pasos que se vayan dando en los procesos de cumplimiento de los acuerdos, como para las críticas, alertas, denuncias que haya que hacer.

Quinto, debe haber un peso determinante de los y las constituyentes del Sector Comunas y Consejos Comunales electos por el pueblo comunero en elecciones libres y directas; el poder transferido por la base comunera a estos servidores públicos debe traducirse en una expresión concreta y debe ser reconocido en su justa magnitud por las instituciones del gobierno nacional, regional, municipal, así como por los demás órganos que conforman el Estado.

El pueblo comunero y quienes impulsamos y acompañamos la construcción comunal hemos demostrado ser uno de los acumulados de mayor trascendencia en todos estos años de revolución; es aquí donde se concentra la base popular más comprometida con las transformaciones profundas, esas que atañen a la profundización de la democracia, la defensa de la soberanía, el desarrollo productivo. Quienes formamos parte del sector comunero hemos demostrado, además, absoluta lealtad con la revolución, con el gobierno bolivariano y con el presidente Maduro. Aquí estamos, rodilla en tierra, firmes en la defensa del legado del comandante Chávez. Nuestra combatibidad y capacidad de lucha será puesta íntegramente en el esfuerzo de dar cumplimiento a estos nuevos acuerdos. La institucionalidad del gobierno bolivariano en todos sus niveles y la institucionalidad toda del Estado debe también dar un paso al frente y asumir la tarea. Está en juego el horizonte estratégico de la revolución.

Coordinación Nacional Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora

Venezuela: che possiamo fare dinanzi alla crisi sanitaria?

da crbz.org

Come parte integrante del lavoro territoriale della Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora (CRBZ) nella parroquia (unità amministrativa di terzo livello in cui si suddividono i municipi, NdT) La Pastora di Caracas, si sta realizzando il ripristino e l’inaugurazione di ambulatori medici popolari, lanciando e rilanciando altri programmi di salute spinti dal governo bolivariano. Il dottor Roberto Bermúdez, lavoratore di Barrio Adentro (grande Missione sociale e socialista di recupero e ristrutturazione gratuita delle abitazioni realizzate dalle organizzazioni di massa sotto la supervisione dello Stato venezuelano, NdT) e militante di CRBZ, ha analizzato la forma in cui si sta svolgendo questo processo.

Com’è nata l’iniziativa di recuperare ambulatori medici a La Pastora?

Tutto nasce a partire dall’iniziativa del presidente Maduro. Al termine del 2016, la Missione Barrio Adentro, nella quale i cubani stavano già dimostrando le loro capacità, propone di portare la copertura sanitaria al 100% della popolazione venezuelana, il che implica che ci sia un gruppo sanitario di base, ovvero un ambulatorio con un/a medico e un infermiere/a ogni 1500 o 2000 abitanti, fino a 2500.

Quest’ iniziativa del governo ha preso il nome di Barrio Adentro copertura 100%. Già dall’anno passato si ricercavano i locali nella comunità perché il governo non ha risorse né per prendere in affitto né per comprare. Quindi, nello stesso momento in cui cominciò la Missione, occorreva ricercare dei luoghi dove la comunità avrebbe potuto ospitare un ambulatorio. Questo lavoro fu fatto negli ultimi tre mesi del 2016 e durante il primo semestre 2017 sarebbe stato presumibilmente concluso.

Per La Pastora c’erano 19 ambulatori e bisogna aprirne 20 nuovi, per poter ottenere il 100% della copertura.

Ad aprile o maggio fu decretato il 100% della copertura. Ma la verità è che non era stato raggiunto. Dopodiché, la questione fu dimenticata e ciò che non fu raggiunto non fu raggiunto. E a La Pastora non era stato raggiunto.

Come è stato impostato il lavoro?

Quando la guarimba (violenze di strada organizzate dall’opposizione golpista, NdT) si trovava nel suo punto più delicato, la risposta che presentammo fu quella di organizzare a La Pastora un Tavolo Comunale di Salute, a cui dovevano partecipare i settori di  Manicomio, Lídice, Casco Central y Mecedores. All’inizio, parteciparono soltanto Manicomio e Lídice e dopo restò soltanto Manicomio. In questo posto, con una mappa di Manicomio, fu stabilito quanti ambulatori occorreva aprire lì. Da questo momento sino alla metà di giugno sino a dicembre, ci prefiggemmo di tentare di inaugurare un ambulatorio al mese. Questa è stata la nostra iniziativa per adempiere a quanto formulato dal governo, ma che non era stato raggiunto. Noi dicemmo: se il governo propone, noi realizziamo.

Gli spazi erano stati quasi tutti ottenuti. Ciò che mancava era la volontà di farlo. C’era anche il medico, ma gli spazi dovevano essere messi a nuovo e gli sviluppi che potevano aversi in qualcuno di essi dipendeva dai diversi livelli di organizzazione popolare che c’erano nella comunità.

Dunque, il primo passo fu delimitare la comunità che sarebbe stata assistita e dopo si tenne un’assemblea di cittadini/e, dove l’ideale sarebbe stato due o tre Consigli comunali per ambulatorio, ma questo è relativo; per esempio, nel primo c’era soltanto un Consiglio comunale ma molto grande. Quindi, per associarci alla comunità, vedemmo quanto mancava per avere un ambulatorio in ottime condizioni (sedie, lettini, attrezzature, medico, infermiera, ecc.) e si propose un gruppo all’interno della comunità che si incaricasse della messa a punto del ambulatorio; dall’altro lato, invece, da Barrio Adentro ci occupavamo che il medico facesse la distribuzione, cioè andare casa per casa osservando le malattie e le condizioni di salute e che analizzasse la situazione generale della salute. Questo fu il primo, quello di Canaima, mettendo una data simbolica per inaugurarlo, ovvero quella del compleanno di Chávez.

È un ambulatorio che sta così all’interno del quartiere che la gente stessa dice che sta molto sopra. È stato due giorni prima dell’elezione dell’Assemblea nazionale costituente, un po’ anche per stimolare le persone a difendere il processo politico.

Il secondo ambulatorio ha previsto un processo molto più lungo e complesso. Lo spazio era in condizioni pessime e, per di più, questo ambulatorio serve sette consigli comunali. L’urgenza era recuperarlo, perché funzionava, ma bisognava dargli amor proprio. Si è organizzata un’assemblea per ogni consiglio comunale e abbiamo approfittato di quest’assemblea per informare la comunità sugli altri progetti sanitari del governo, che la gente ignorava: il piano chirurgico, il piano per un parto umanizzato, il piano di vaccinazioni. In ognuna di queste assemblee sono state nominate tre persone delegate ad integrare la Commissione di Ripristino e Recupero del Ambulatorio El Molino. Dopo abbiamo iniziato a riunirci come Commissione nel ambulatorio stesso, e questa commissione ha finito per costituirsi come Comitato di Salute del settore. Abbiamo fissato una data per l’inaugurazione per darci pressioni. E, in secondo luogo, avevamo deciso di non aspettare l’arrivo di aiuti: abbiamo inviato richieste a Barrio Tricolor e a Barrio Adentro, ma non abbiamo aspettato il loro riscontro per poter fare le cose.

Abbiamo realizzato un’ispezione per verificare lo stato in cui si trovava lo spazio, abbiamo trovato un muratore, un elettricista, un idraulico della comunità, per capire cosa bisognava fare e quello di cui c’era bisogno, e questo l’hanno fatto i delegati nelle loro comunità: così abbiamo avuto pittura e cemento, e successivamente da Barrio Adentro ci hanno inviato materiale elettrico e idraulico, una compagna ha procurato detersivo speciale per pulire. Trovato tutto, abbiamo scelto una data per l’inaugurazione con la gente della comunità, con un po’ di cibo e festa. Cerchiamo sempre – questo è strategico – di fare in modo che la comunità partecipi a tutti i passaggi, dalla sistemazione fino a quello che dopo succede nel ambulatorio.

Qual è la filosofia di lavoro con cui affrontiamo il percorso per raggiungere la meta?

Nella guerra che l’imperialismo ci ha scatenato contro sappiamo che uno dei fronti principali è quello degli alimenti è l’altro è la salute. Nel tema della salute abbiamo due sfere della crisi: da un lato c’è la sfera materiale, la mancanza di materiali, medicine, reagenti; dall’altro abbiamo però una crisi etico-morale, che crea un circolo vizioso tra il personale sanitario e la comunità. Il personale sanitario si avvilisce perché non ha i materiali per lavorare, comincia ad assistere male, visto che non vuole uscire per andare nella comunità, non ci sono medicinali da dare e quindi la comunità si incazza, smette di partecipare e si iniziano ad abbandonare gli spazi. Questo circolo vizioso è quello che noi stiamo attaccando con questa politica di recupero dei ambulatori di Barrio Adentro e di Barrio Adentro in sé stessa.

Stiamo cercando di dimostrare col lavoro concreto che se prima, quando iniziò la rivoluzione, la gente organizzava, ad esempio, il Comitato di Salute, per ricevere il medico cubano, il Tavolo Tecnico dell’Acqua per ricevere Hidrocapital, oggi siamo in un periodo nel quale dobbiamo stringere la cinghia e dobbiamo organizzarci per fare.

La filosofia di lavoro ha a che vedere con la dimostrazione che, organizzandoci come comunità, il potere comunale può dare risposte ai problemi della gente. Di conseguenza la comunità rapidamente sente che sì, che può. Ad esempio, alle inaugurazioni che abbiamo fatto partecipano altre comunità e chiedono come si fa, come si è fatto e così inizia a correre la voce.

Quale ruolo assume la CRBZ in questo processo?

Anzitutto, siamo noi gli animatori politici nella parroquia. Il o la militante della CRBZ si nota per il suo modo di lavorare nella comunità perché lavora onestamente, cammina, batte la strada, ma non solamente tenendo discorsi ma lavorando concretamente, se bisogna intonacare intonachiamo, se c’è da imbiancare imbianchiamo.

Siamo qui, sforzandoci, diamo l’esempio di un lavoro responsabile e disciplinato, svolgiamo riunioni e convocazioni e portiamo a termine quanto ci prefiggiamo. 

Inoltre, una caratteristica che abbiamo come nostro marchio è che arriviamo in funzione del lavoro, che si svolga il lavoro ed invitiamo tutti/e a partecipare. Per esempio, in un paio di ambulatori abbiamo lavorato insieme ad altre organizzazioni rivoluzionarie, nel caso specifico con i Panalitos della Fuerza Patriótica Alexis Vive, in altri ambiti abbiamo lavorato con la gente del Partito a livello territoriale: il capo della UBCH di uno dei territori è stata quella che ha ceduto lo spazio per uno dei ambulatori. 

Quando ci sono state tensioni, abbiamo reagito con lavoro e tanto lavoro.

Le persone si rendono conto che i e le militanti della CRBZ lavorano e spingono in avanti il lavoro ottenendo risultati concreti. Io, per esempio, sono un lavoratore di Barrio Adentro e militante della CRBZ perché credo nella base ideologica di questa corrente viva dentro il PSUV ed abbiamo altri/e militanti attivi territorialmente nel PSUV.

Ognuno/a si distingue per la sua capacità di lavoro, per l’onestà e la propria chiarezza nel potenziare principalmente il Potere comunale, il potere delle persone nei processi di costruzione e ricostruzione sia della maggioranza che del benessere della popolazione.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione a cura di Antonio Cipolletta e Giuliano Granato]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: