(VIDEO) Chávez Radical: Las comunas deben convertirse en un sistema unificado nacional

__

El 11 de junio de 2009, el Comandante Chávez presentó la primera edición de su programa televisado Aló Presidente Teórico, en medio de un contexto determinado por la crisis económica que se cernía sobre Venezuela y que la Revolución logró sortear gracias a las medidas revolucionarias que el Comandante orientara oportunamente. Este día, el Teatro Teresa Carreño reunió a un nutrido grupo de activistas de Consejos Comunales de todo el país, quienes asistían a un formidable diálogo encabezado por el Comandante, que ofreció un gigantesco arsenal de profundas y valiosísimas reflexiones sobre el Poder Popular y su rol protagónico en la construcción del Socialismo. En este episodio de Chávez Radical, seleccionamos un conjunto de disertaciones, que de la mano del libro ¿Cómo es la comuna popular?, de Chu Li y Tien Chieh Yun, y del texto de Antonio Aponte “Elevar lo local” de la columna “Un grano de maíz”, el Comandante trazó el devenir del Poder Popular, que una vez constituido en Consejos Comunales, empezaba en 2009 a mostrar los primeros rasgos de la comuna como forma de agregación. Para el Comandante era fundamental empezar a edificar un sistema que le permitiera a las organizaciones sociales gestadas en Revolución procurarse el gobierno de toda la patria, como requisito fundamental en la transición hacia el Socialismo: “De aquí a 20 años las comunas nuestras deben ser esto, deben haberse convertido en un sistema unificado nacional”. De igual forma, el Comandante exhortó vehementemente sobre la necesidad de repensar la organización popular para trascender el carácter local que caracteriza a este tipo de organizaciones, y sentenciaba: “La Revolución debe, so pena de perecer, de ser capturada, modificar radicalmente la visión del mundo propia del capitalismo, debe emprender acciones que reconstruyan el tejido social, y para esto es principalísimo elevar lo local al nivel universal. Establecer relaciones políticas, sociales, económicas, organizativas y espirituales desde la base hasta el nivel nacional -desde el núcleo, diría yo, desde la célula hasta todo el nivel nacional”.

¿Por qué ya no se habla de comunas?

por albatv.org

Las comunas casi no son parte de los discursos oficiales. Tampoco los son dos instancias medulares creadas en años recientes: el Consejo Presidencial de Gobierno Popular de Comunas, y el Parlamento Nacional Comunal. ¿Qué son cada una de estas instancias, en qué situación están, por qué no se las nombra, qué dirá la Asamblea Nacional Constituyente al respecto? Entrevista con Jennifer Castillo, comunera, y militante de la Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora, en Táchira.

¿Qué son el Consejo Presidencial de Gobierno Popular para las Comunas y el Parlamento Nacional Comunal?

El Consejo Presidencial es la voz del bloque de comunas de cada estado, es el que lleva, ejecuta, planifica, controla, comunica, el que visiona la economía comunal de cada espacio territorial. El Consejo Presidencial y el Parlamento Nacional Comunal no son dos cosas diferentes sino la unidad que es la comuna grande, el autogobierno. Estas instancias deben estar en el mismo nivel que los ministros. El Consejo Presidencial debe reunirse con todos los ministros para desarrollar los planes de gobierno, cosa que no se ha hecho, hubo dos intentos y luego no se avanzó.

Estas estructuras nos han dejados muchos beneficios. Uno de ellos es el sentimiento de hermandad que tenemos un comunero con el otro. Cuando hablo de beneficio me refiero a lo que puede hacer una comuna por otra, el intercambio de rubros, la economía solidaria, comuna que produce otro rubro, hace intercambio con la otra, intercambia saberes, es el engranaje que necesita el Parlamento Comunal desde el debate con las bases, los cabildos abiertos, el que legisla, eso es el Parlamento Comunal.

En ese mismo orden de ideas, estamos creando las normas de la empresa gran comunal para su funcionamiento. Se va a llevar a todos los estados, a todas las comunas, a todos los consejos comunales, para que se debata hasta obtener un solo documento orientador para normar el sistema de la empresa de transporte gran comunal

¿Cómo describes la situación actual de esas instancias? ¿por qué no aparecen en la agenda pública?

La situación actual está cargada de mucho desanimo, no hay el mismo acompañamiento, el mismo entusiasmo de cuando iniciamos el Consejo Presidencial. Hay muchos proyectos, pero no trascienden. El ejecutivo nacional quedo en reunirse con nosotros una vez mes al mes y se ha quedado en el olvido. Igualmente se han creado estructuras paralelas al Consejo Presidencial como el Congreso de la Patria, y ¿dónde está la comuna? Porque la comuna es el núcleo fundamental donde están los consejos comunales, donde esta todos los sectores vivos de un territorio: los campesinos, los obreros, los sexos géneros diversos, todos están incluidos en las comunas. En este momento se le está dando visibilizacion a todo menos a las comunas.

No nos ponen en la palestra pública por pugna de poder. Consideramos que no debería haber una estructura paralela a las comunas, porque la comuna lo tiene todo para la solución de los problemas de la comunidad. Lo que pasa es que no se le ha dado el valor por parte de la institucionalidad. Lo que nos mantienen firme en esta lucha es porque nosotros y nosotras nos reconocemos como comuna en los territorios, no necesitamos que nos reconozca la institucionalidad.

La agenda pública del chavismo con toda su estructura debe poner el oído en la tierra para escuchar que allí están las comunas, aunque se nos ha sido cuesta arriba la gestión en lo local por la falta de reconocimiento de la institucionalidad.

El Parlamento Nacional Comunal por su parte ha tenido más despliegue, está organizado por redes, ha recorrido nueve estados del país, ha mantenido sesión permanente, ha recogido firmas en apoyo conta las injerencias de los Estados Unidos en asuntos internos del país. Hemos ido a la cancillería en apoyo a la patria, hemos hecho marchas.

¿Qué desafíos ves para el movimiento comunal en el marco de la Asamblea Nacional Constituyente? ¿Qué debería aparecer en la nueva Constitución?

Uno de los principales desafíos es lograr restructurar al movimiento comunal a través de los despliegues que estamos haciendo a nivel nacional para restructurar las comunas, los consejos comunales, ayudar a hacer el plan de desarrollo, acompañarlos en sus luchas.

La Asamblea Nacional Constituyente (ANC) debe servir para establecer el sexto poder, que es el poder popular, y en particular el poder comunal. El moviente comunal ha hecho debates sobre lo que debe establecerse en la Constitución, donde en uno de sus capítulos se deberían establecer los deberes y los derechos, las funciones de cada instancia para que quede sentada la capacidad de acción. Hemos propuesto además que las comunas tengan un porcentaje del PIB destinado a la producción de los territorios comunales, para que las comunas sean autosustentables en el tiempo.

También creemos que se debe estipular la capacidad de la organización en cuanto a la defensa territorial. Nosotros y nosotras hablamos de la Milicia Bolivariana, comunal, yéndonos a lo preventivo por que la Milicia es para defender nuestra patria cuando lo necesite. Así mismo, la defensa al deporte, la recreación, el estudio, la cultura, la defensa ambiental. La comuna debe ser la protectora del rio, de la naturaleza que está en ese espacio territorial.

Todo esto es un desafío para nosotros y nosotras del movimiento comunal, que aparezca en la nueva Constitución a través de la ANC. Los y las 24 constituyentistas que representan las comunas tienen el reto de levantar las propuestas que han surgido del seno del movimiento comunal, y que se unan al sector obrero, campesinos porque todos estos sectores están dentro de las comunas.

Il Venezuela ed il futuro delle comuni

di Marco Teruggi – 15yultimo.com

29mar2017.- Hanno ancora un futuro le Comuni? Le comuni sembrano un mito. Una parola d’ordine che ha condensato la strategia e non è potuta divenire realtà. Quando si riconosce la loro esistenza le si associa alla distanza: le comuni degli altipiani, delle montagne di Lara o Portuguesa, tutte contadine. Qualcosa di lontano, eroico, quasi romantico, che non ha a che vedere con la realtà delle grandi città, in particolare di Caracas. Comuni qui? Non si può.

Cos’è una comune? Detto meglio, cosa dovrebbe essere in funzione del progetto politico progettato? È più della somma dei passaggi legali. Significa dire, è più che vari consigli comunali che si riuniscono,  elaborano la carta fondativa della comune che sarà, la sottopongono a votazione della comunità, la registrano, e mettono in piedi il parlamento comunale, la banca, consigli di pianificazione, economia e controllo. Questa sarebbe la struttura formale, imprescindibile, ma incapace di dirci se al suo interno esiste ciò che indicava Chávez: lo spirito della comune.

 

La prima cosa è la partecipazione della comunità. Senza di essa non esiste democrazia radicale che tenga, né processo produttivo – di generazione di ricchezza – innovativo. Comunità significa qualcosa di più dei portavoce eletti per ogni compito comunale. Le comuni non corrispondono alle loro voci. Sono – dovrebbero essere – il governo di una comunità organizzata, che decide ed esegue politiche per ognuna delle aree che costituiscono la vita del proprio territorio: sport, salute, alimentazione, sicurezza, comunicazione, economia, trasporto, ecc.. Una strategia che non fu pensata per una comune isolata – questa idea degli anni ’90 del socialismo in un solo quartiere – bensì in vista di forgiare un tessuto comunale nazionale.

 

***

Esistono in qualche luogo del paese comuni con tali caratteristiche? Quante delle oltre 1730 assomigliano ai pilastri del progetto di società progettato? Due terzi, la metà, un terzo? È difficile averne certezza. Gli indicatori rimandano alle strutture: se hanno o meno tutti gli organi di potere conformati. Non al livello di partecipazione, coinvolgimento della comunità, relazione tra consigli comunali e parlamento comunale, ad esempio. Per saperlo è necessario stare sul territorio, condividere, demistificare, comprendere i tempi dell’organizzazione popolare.

Così come non esiste un soggetto puro/ideale, tanto meno si danno processi sociali esenti da contraddizioni, da periodi di flusso e riflusso. La stessa comune che in un momento ha un alto livello di partecipazione può perderlo in un’altra tappa – e viceversa. Sono inserite in questa realtà fatta di una sovrapposizione di colpi, domande, resistenze, una tappa che attualmente è segnata dalla logica del ripiegamento, un fenomeno spiegato da Rodolfo Walsh (1):

“Le masse non ripiegano verso il vuoto, bensì verso il terreno cattivo ma conosciuto; verso relazioni che dominano, verso pratiche comuni; in definitiva, verso la propria storia, la propria cultura e la propria psicologia, i componenti della propria identità sociale e politica.”

Il ripiegamento – se accettiamo che sia una delle tendenze attuali – non è verso la costruzione di un’impresa di proprietà sociale (2), bensì verso la compravendita di qualcosa che generi un profitto straordinario in breve tempo. La gente cerca risposte nel modello socialista da costruire o nella cornice della logica rentier/petrolifera del mercato? Una gran parte pare aver optato, com’era stato previsto, per la seconda. In particolare nelle città, più esposte alla cultura del capitale, alla logica speculativa, al consumismo e alla soluzione individuale. Ma un’altra parte non ha ripiegato: ha scelto alcune delle trame organizzative costruite in questi anni di processo chavista.

Capire questi tempi sovrapposti è elemento chiave per analizzare la fase comunale, così come per progettare la forza popolare. Nulla accade nel vuoto.

***

Un’autocritica: non abbiamo saputo, per ora, trasformare le comuni in tema di discussione. Non si dibatte in merito alle comuni, non sono nell’agenda militante, nell’opinione pubblica. Si può additare la linea ufficiale che le ha cancellate dal discorso per concentrare la forza unicamente nei CLAP (3). Non è un caso che accada, non c’è diritto all’innocenza politica. Senza dubbio, è poco onesto accusare l’altro senza assumere gli stessi limiti propri. Perché non siamo riusciti a “comunalizzare” il dibattito? Il movimento popolare non si è fatto in quattro per la costruzione delle comuni, non ha scommesso nel medio termine su di esse? A Caracas parrebbe di no – altro dibattito sarebbe sapere cosa sia il movimento popolare.

Nel Municipio Libertador esistono 44 comuni registrate. È difficile sapere quale sia il livello di partecipazione della comunità, che capacità produttiva abbiano. Quest’ultima è centrale, il bilancio è chiaro da anni: una comune che non produce è difficilmente sostenibile nel tempo. Deve poter generare lavoro ed eccedente comunale. Il tema produttivo emerge con chiarezza nelle zone contadine – si necessita di investimenti, semine collettive, camion, infrastrutture viarie, centri di approvvigionamento, punti di commercializzazione. In quei territori già esiste uno sviluppo della forza produttiva comunale.

Nelle città il panorama è complesso. Per la difficoltà dello stesso spazio fisico in cui installare un’impresa di proprietà sociale, e per capire in che campo concentrarsi. Si tratta di costruire una produzione sociale che si scontra con un’economia in stato di guerra. Produzione di pane, tessile, caffè, turismo, mercato, raccolta di immondizia? I tempi istituzionali – “mancano tanti progetti per domani” – sono soliti tradursi nell’urgenza non pianificata e, quindi, nella inattuabilità. Mancano avanzamenti, vittorie del quotidiano con obiettivi strategici.

È difficile, non potrebbe essere in altro modo. In particolare quando il processo comunale si scontra – oltre al ripiegamento e alla situazione economica – con due fattori nel territorio: l’acutizzazione della logica della politica clientelare attraverso i CLAP – denunciata dallo stesso Maduro – e la presenza di quadri di partiti di destra che hanno fatto un lavoro di penetrazione. Il secondo elemento era prevedibile. Il primo  è complesso, porta la tensione all’interno del chavismo: “tutto il potere ai CLAP” si traduce in una legittimità della negazione del processo comunale. Il processo sarebbe diverso se il PSUV (4) scommettesse sul potere delle comuni anziché guardar loro come ad una minaccia, qualcosa che debba essere controllato. Attraverso di esse avrebbe la possibilità di recuperare legittimità perduta, costruire leadership genuine, ricomporre forza popolare. Parlo per la realtà del territorio in cui militiamo nelle comuni a Caracas, per quelle che conosco nel paese, per quello che accade negli altri luoghi da cui ci arrivano informazioni.

***

Un’ipotesi non tanto negata: se il chavismo perdesse il potere politico, da quali spazi si resisterà? Non ci saranno borse CLAP, né ministeri, né vicepresidenze, né gestione di risorse materiali per convocare le persone. Questa è epoca per accumulare, tanto in vista della transizione al socialismo, quanto nella prospettiva di trovarsi di fronte ad un governo di destra che applichi un piano neoliberista frontale e una politica repressiva selettiva e/o di massa. Le comuni aumentano la potenza di risposta dinanzi a questi due scenari.

***

Quando indiciamo i tavoli di lavoro, nel processo di costruzione comunale, la risposta è buona.

Esiste un soggetto di quartiere che, malgrado riflussi e disillusioni, è disposto a darsi da fare. Soffre un certo abbandono. Se si mettono da parte le parole d’ordine, gli atti pubblici per gli applausi, cosa propone loro il chavismo? Di certo oggi non si può fare politica al di fuori della richiesta centrale che riunisce centinaia di persone in pochi minuti: il cibo. Per questo i Clap. È uno dei nodi centrali e si deve dare risposta, con la complessità che viene dal presentare una cassa di cibo come una vittoria politica – fino a che punto lo è?

Le comuni hanno la capacità di garantire mercati settimanali di verdure ortaggi e frutta carne pesce. Accade in varie parti del paese, anche a Caracas. È una risposta concreta ad una necessità concreta; ma manca solo il cibo? Si è ridotto tutto a questo? Si chiede anche, ad esempio, formazione politica, strumenti pratici per la battaglia nei territori, strumenti di comunicazione. Cosa chiede la gioventù nei territori? Non tutto è cibo.

Ci sono possibilità di consolidare e creare nuove comuni. Questa è la tappa per farlo, per gettare braccia, intelligenza, volontà in questo compito strategico. Questo pare essere lo spazio per la costruzione di una correlazione di forze migliore all’interno del chavismo, per dotare il processo del suo senso socialista, impegnarsi a ricomporre forza etica, trame che resistano al processo di distruzione dei legami di solidarietà popolare allentati dalla guerra.

Esiste un soggetto comunale che chiede di più. Non è un mito, e non succede solo sugli altipiani e sulle montagne di Lara e Portuguesa. Siamo dinanzi alla sfida di dibattere e contendersi i significati della rivoluzione, il futuro del processo che ha impostato le ipotesi di società più avanzate di questo secolo. Abbiamo l’obbligo di vincere: se la destra riprendesse il potere politico questo ciclo non aprirebbe un processo di chiarificazione delle contraddizioni – come a volte si sente dire – che permetterà poi di ritornare al governo con maggior chiarezza. La politica non è una partita a scacchi e il nemico non perdona.

Mettere il meglio di noi stessi nelle comuni invertirà la rotta attuale? Forse no, ma sicuramente non farlo toglie possibilità di vittoria al presente e a ciò che verrà.

___
(1) Rodolfo Walsh, giornalista e scrittore argentino, considerato padre del giornalismo investigativo per il suo libro Operación Masacre (1957). Entrato a far parte dei Montoneros, fu ucciso nel marzo 1977 in un’imboscata di agenti della giunta militare argentina mentre era cercava di spedire alla stampa nazionale ed internazionale la sua Carta Abierta de un Escritor a la Junta Militar , documento di denuncia dei crimini e delle depravazioni della giunta militare.

(2) Un’impresa di proprietà sociale è un’unità socio-produttiva costituita in un ambito territoriale di una o più comunità, in una o più comuni, a beneficio dei suoi integranti e della collettività, attraverso il reinvestimento sociale dei suoi utili a in cui i mezzi di produzione sono di proprietà comunale o più comuni, a beneficio dei suoi integranti e della collettività, attraverso il reinvestimento sociale dei suoi utili a in cui i mezzi di produzione sono di proprietà comunale o pubblica. 

(3) I CLAP, Comités Locales de Abastecimiento y Producción (Comitati Locali di Approvvigionamento e Produzione), sono un sistema di distribuzione di alimenti creato dal governo venezuelano nell’aprile 2016 per arrivare in maniera diretta alle famiglie. Si tratta di un tentativo di sconfiggere il problema del “bachacheo”, vale a dire del fenomeno per cui speculatori acquistano beni a prezzi calmierati per poi rivenderli al mercato nero a prezzi molto più alti.

(4) Il PSUV (Partido Socialista Unido de Venezuela) è il partito creato da Chávez per riunire le forze politiche che appoggiavano il processo. Al momento, con più di 5 milioni di iscritti, è il più grande partito politico latinoamericano.

[Trad. dal castigliano a cura di Giuliano Granato]

(FOTOS) Sigue el curso de pasta artesanal en los Consejos Comunales!

por Fundaroy

EL CURSO DE PASTA ESTE SABADO EN CATIA RUPERTO LUGO

Este sábado 15 de octubre 2016 le toco a la comunidad Ruperto Lugo de Catia en la Parroquia Sucre ubicada al norte-oeste de la ciudad de Caracas organizar un Curso De Pasta y Ñoquis.

Asistieron representante del Consejo Comunal Diamantes del Sol, el Consejo Comunal Los Flores y el Colectivo Fundación Para El Progreso Comunal de Venezuela.


RECETARIO POR PASTA CON HUEVO ARTESANAL

Cada 100g de harina 1 Huevo y un pisco de sal.

Por hacer tallarines, ravioli, cannelloni, hojas para pasticho recomiendo al pasar de más de medio kg de harina entonces de 5 huevo sería mejor 4 y medio vasito de agua mineral tibia, eso haces la pasta suave, más fácil de trabajar y meno pesada por la digestión en cuanto sus condimentos ya son suficientes.

Todo tipo de masa tiene que ser consistente, suave y no quede pegada en la mesa o manos, tener siempre harina al lado para espolvorear. NO echar toda la harina de una vez sino tener siempre más de medio vaso en caso es todavía húmedo.

Todo tipo de masa tiene que reposar almeno 15-20 minutos, si es más, mejor así se puede trabajar con facilidad. Por hacer tortellini, mariposas, guitarras, tornillitos es decir toda aquella pasta que necesita forma manual mejor poner un huevo más de la cantidad de harina sin agua y humedecer siempre las partes que se pegan. Tener siempre la pasta una vez echa cubierto sea la masa que la pasta NO tiene que estar en aire, meno donde haces calor o para secarlas siempre sin aire con una temperatura no menos de 34-35°.

Para congelar poner en una bandeja despegados uno con otro después de 1 o + hora se puede embolsar así no queda pegado. Para cocinar en particular los ravioli y tortellini una vez que el agua hierve bajar la temperatura sino las burbuja y alta temperatura rompe la pasta… Todo tipo de relleno tiene que ser ya cocinado y húmedo NO líquido sino rompe la pasta al cocinar.

Tipo de pasta que aprendimos en el curso Totellini, guitarra, mariposas, tornillos, Hojas, ravioli, canelloni, tallarine

RECETA NOQUIS de PAPAS

Ingredientes :1 kilo de papas 350 gr de harina 1 huevo 1 pizca de sal

Lavamos las papas y sin pelarlas, ponemos a cocer en una olla con abundante agua. Cuando estén cocidas las sacamos del agua, las pelamos y trituramos; podemos hacer esto con la ayuda de un pasa puré o con un tenedor. Le añadimos el huevo, una pizca de sal y mezclamos. Agregamos la harina poco a poco mientras vamos mezclando.

Debemos obtener una mezcla homogénea, algo pegajosa. Nos enharinamos las manos y dividimos la masa en porciones que estiramos sobre la mesa donde hemos puesto un poco de harina formando un cilindro. Con un cuchillo cortamos porciones de uno 1.5 cm o 2 cm.

Con un tenedor marcamos unas incisiones en la superficie, este rallado hará que la salsa con la que cocinemos nuestros ñoquis se adhiera a ellos quedando estando aún más ricos.

Se puede hacer esto también con un rallador de queso o simplemente con un dedo para crear un hundimiento de las porciones.

Ponemos abundante agua a hervir y añadimos los ñoquis, los vamos añadiendo en tandas, cuando el ñoqui suba a la superficie nos indica que ya está, en este momento los sacamos con una espumadera.

La cocción pude ser de 1 minuto o 1 minuto y medio. Si no se van a prepara en el momento se pueden congelar se ponene hante en una bandeja por una hora para que se endurecen y luego se pasan al congelador. Se pueden guardar por 1 a 2 meses.
___

 

 

Caracas: con le comunas, «un piano pilota contro la crisi»

di Geraldina Colotti – il manifesto 

27gen2014.- Un edi­to­riale del New York Times, com­parso lunedì, dà il tono dell’attacco in corso con­tro il governo vene­zue­lano: «Maduro nel suo labi­rinto», titola il Nyt accu­sando il pre­si­dente socia­li­sta di aver por­tato alla crisi un’«economia gestita disa­stro­sa­mente per diversi anni». I piani sociali? Una rete clien­te­lare messa in campo da Cha­vez e per­pe­trata in modo auto­ri­ta­rio dall’ex auti­sta di auto­bus eletto dopo di lui. Le code pro­vo­cate dall’accaparramento ille­gale dei grandi gruppi eco­no­mici e dalle mafie che le sosten­gono? Solo un’insopportabile ves­sa­zione impo­sta dal governo alla popo­la­zione repressa. Dopo aver assunto le pre­vi­sioni del Fondo mone­ta­rio inter­na­zio­nale, che pro­no­sti­cano una con­tra­zione del 7% dell’economia vene­zue­lana per il 2015, il Nyt ipo­tizza la pos­si­bi­lità di default dovuto all’inadempienza verso il debito estero, e la dra­stica limi­ta­zione dei sus­sidi verso i paesi alleati dei Caraibi, fra i quali Cuba. Segue un peana in difesa del diri­gente di destra — l’ex gol­pi­sta Leo­poldo Lopez, in car­cere come man­dante delle vio­lenze del feb­braio 2014 -, e l’elogio di un’altra ex gol­pi­sta, grande amica dell’ex pre­si­dente Usa George W. Bush, Maria Machado, pro­ta­go­ni­sta della cam­pa­gna «la salida»: che chiede l’espulsione di Maduro dal governo con un’azione di forza. In que­sti giorni, Machado ha invi­tato nel paese alcuni ex pre­si­denti lati­noa­me­ri­cani di destra, come il cileno Seba­stian Piñera, ex pupillo di Pino­chet, per dar lezioni sui «diritti umani».

Movi­menti sociali e per­so­na­lità poli­ti­che, pro­ve­nienti da tutto il mondo per par­te­ci­pare al semi­na­rio «Neo­li­be­ri­smo e diritti umani: par­lano le vit­time», hanno denun­ciato un attacco simile a quello por­tato con­tro il governo socia­li­sta di Sal­va­dor Allende in Cile. Ieri si sono riu­niti a Mira­flo­res per soste­nere il «piano pilota» annun­ciato da Maduro «per vin­cere la guerra eco­no­mica e scon­fig­gere il colpo di stato stri­stiante». Maduro ha salu­tato «la nuova ondata di spe­ranza che si è aperta in Europa con la vit­to­ria di Syriza in Gre­cia» e ha espresso soli­da­rietà all’Argentina.

Il Vene­zuela è in prima fila nei lavori del III ver­tice della Comu­nità degli stati lati­noa­me­ri­cani e carai­bici (Celac) in corso in Costa Rica oggi e domani. L’Ecuador assu­merà la pre­si­denza pro-tempore e i mini­stri degli Esteri dei 33 paesi ame­ri­cani (esclusi Usa e Canada) hanno pre­pa­rato un docu­mento con­giunto: per soste­nere la fine del blocco eco­no­mico a Cuba, il pro­cesso di pace in Colom­bia e riget­tare gli attac­chi al Vene­zuela. Anche i movi­menti sociali hanno orga­niz­zato vari incon­tri tema­tici. E pre­oc­cupa l’assenza del Vene­zuela dal primo ver­tice sulla Sicu­rezza ener­ge­tica dei Caraibi, in corso negli Usa. Il Vene­zuela è il motore di Petro­ca­ribe, un orga­ni­smo che for­ni­sce petro­lio a prezzo age­vo­lato ai paesi com­po­nenti quali Cuba per­ché lo riven­dano più caro, e in cam­bio riceve ser­vizi o pro­dotti che deve importare.

Secondo il Nyt, e a dispetto di quanto Maduro ha dichia­rato, il Vene­zuela messo in crisi dalla caduta del prezzo del petro­lio, dovrà tagliare gli aiuti a Petro­ca­ribe. Per que­sto, Washing­ton deve pre­mere sui paesi sus­si­diati. «Siamo pronti a sosti­tuire il Vene­zuela nelle for­ni­ture di Petro­lio», ha detto agli Usa il mini­stro degli esteri mes­si­cano. E il cap­pio del TTip si stringe un po’ di più intorno al socia­li­smo bolivariano.

Maduro: «Le comuni sono la base della nuova democrazia»

da aporrea

23ott2013.- Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha affermato martedì scorso che le comuni sono la forza sociale per la costruzione della nuova democrazia e del nuovo Potere Popolare.

Dalla centrale termoelettrica Furrial, nello stato Monagas, dove ha svolto una giornata della seconda fase del Governo di Strada, ha reso noto che durante il Censimento delle Comuni del 2013, realizzato nel settembre di quest’anno, si sono iscritti 986 consigli comunali, 9 comuni, 34 sale di battaglia sociale e 633 organizzazioni, collettivi e movimenti sociali dello stato orientale.

«È di vitale importanza costruire la nuova democrazia comunale», ha sottolineato il Capo di Stato, che l’ha indicato come uno dei compiti principali del Governo di Strada. «È la rivoluzione nella rivoluzione», ha affermato.

«Dobbiamo impegnarci per rafforzare i consigli comunali, le comuni, i movimenti sociali e le sale di battaglia, e costruire il Potere Popolare e il Governo Popolare, il Governo di Strada del popolo» ha aggiunto il titolare della leadership nazionale.

Ha inoltre sostenuto che il Governo Nazionale continuerà a seguire il cammino del Libertador Simón Bolívar e del Comandante Hugo Chávez nel consolidamento dell’indipendenza, della pace e della stabilità del popolo.

Il suddetto censimento si è concluso a livello nazionale con la registrazione di 33.223 consigli comunali, 1.234 comuni, 1.075 sale di battaglia e 17.322 movimenti sociali.

Lo scopo di questa iniziativa era consolidare il Potere Popolare, giacché ha implicato un aggiornamento della conformazione di tutte le organizzazioni che nascono in seno alla comunità.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Pier Paolo Palermo]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: