Cristina Kirchner: «Se mi succede qualcosa, non guardate al Medio Oriente, ma a Nord»

da al manar

Il presidente dell’Argentina, Cristina Fernandez de Kirchner, ha dichiarato, in un discorso, che gli Stati Uniti e diversi circoli finanziari argentini stanno complottando per rovesciare il suo governo, attraverso una campagna economica e speculativa, e persino progettando il suo assassinio.

Kirchner ha aggiunto che alcune comunità imprenditoriali argentine e le banche stanno cospirando per rovesciare il governo utilizzando tattiche come l’accaparramento degli alimenti, lo stoccaggio di veicoli e altre tattiche di pressione. «Vogliono rovesciare il governo con l’aiuto straniero».

Il presidente argentino ha aggiunto che durante la sua recente visita a Papa Francisco, è stata allertata circa l’organizzazione di un assassinio contro di lei da parte del gruppo terroristico Isis.

Inoltre, poco dopo l’ambasciata degli Stati Uniti a Buenos Aires ha emesso un avvertimento ai suoi cittadini che vivono in Argentina per adottare le misure di sicurezza nel paese, fatto che ha irritato il presidente. «Dopo aver visto le cose che vengono fatte dalle rappresentanze diplomatiche (denuncia dell’insicurezza in Argentina), non vengano da noi a creare la storiella dell’Isis che cerca di uccidermi», ha spiegato.

«Quindi, se mi succede qualcosa, non guardate al Medio Oriente, guardate a Nord (USA)» ha precisato.

Andando su un cortile interno della Casa Rosada, ha detto ai suoi sostenitori di «raddoppiare gli sforzi per l’unità e la militanza in difesa del governo».

Kirchner ha anche promesso che Buenos Aires indagherà sulle istituzioni finanziarie operanti nel mercato monetario che stanno cercando di destabilizzare l’economia del paese.

«C’è una manovra a tenaglia sull’Argentina fatta dagli esportatori che hanno perso denaro a causa della loro incompetenza e idiozia. I produttori di auto dicono ai consumatori che le hanno. Quindi, sperano in una svalutazione», ha affermato.

L’Argentina è coinvolta in una disputa con diversi fondi finanziari Usa, chiamati “avvoltoio”. Questi investitori, guidati da NML, hanno acquistato titoli di Stato dall’Argentina dopo che il paese ha dichiarato la sospensione dei pagamenti nel 2001.

Un tribunale di New York ha condannato nel mese di giugno l’Argentina a pagare un gruppo di questi fondi avvoltoio, attraverso un risarcimento sproporzionato. Il governo argentino ha respinto questo insolito bug che ha avuto luogo poco dopo la conclusione di un accordo con il 93% dei suoi creditori. L’Argentina ha chiesto l’intervento del governo degli Stati Uniti, facendogli notare che è responsabile per le sue istituzioni finanziarie, ma l’amministrazione americana ha rifiutato di impegnarsi su questo tema.

Il governo argentino accusa anche i suoi avversari politici di voler destabilizzare il paese speculando sul dollaro, la cui negoziazione sul mercato nero è cresciuta negli ultimi mesi. Un dollaro è cambiato a 8,5 pesos presso gli uffici di cambio ufficiali e raggiunge i 16 nel mercato informale.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Maradona: un campione intimamente legato a Fidel, a Cuba e al suo popolo

di Fabrizio Verde

it.cubadebate.cu – In Italia per partecipare al lancio di una collana di video dedicata alla sua vita: «Maradona, non sarò mai un uomo comune» – curata dal giornalista Gianni Minà a cui ha rilasciato un’intervista inedita di oltre cento minuti – l’asso argentino Diego Armando Maradona, rinnova ancora una volta il suo totale appoggio e sostegno alla causa cubana.

Ospite del popolare quotidiano sportivo «La Gazzetta dello Sport», che nella redazione centrale in quel di Milano ha organizzato un vero e proprio Maradona day, il campione argentino ancora molto popolare in Italia – soprattutto a Napoli dove è venerato come una divinità – ha risposto alle domande dei giornalisti Paolo Condò e Gianni Minà. Proprio una domanda di quest’ultimo ha dato modo a Maradona di ribadire ancora una volta il forte legame verso Fidel Castro, «Che» Guevara, Cuba e il suo popolo.

«Fidel e il Che sono i miei eroi – ha dichiarato Maradona – perché non hanno vinto comprando i voti, ma mettendo in gioco le loro vite a Cuba». Inoltre l’asso del calcio si è detto ancora riconoscente verso Cuba che lo accolse e gli permise di curarsi, in uno dei momenti più difficili della sua esistenza quando nessuno neanche nella sua Argentina fu disposto ad accoglierlo. Ma non è stata di certo quella di ieri la prima occasione dove Maradona ha sostenuto apertamente la causa di Cuba e della sua Rivoluzione.

Lo fece dopo aver vinto il premio Fifa come calciatore del secolo, allorquando in una diretta televisiva internazionale dedicò  il riconoscimento appena ricevuto a Fidel Castro, «Che» Guevara, e all’indomito popolo cubano. Appoggio poi ribadito nel 2002, quando ospite in Giappone, in relazione al terrorismo si espresse così: «Io sono contro il terrorismo e condanno l’attentato alle torri gemelle, ma gli Usa fanno terrorismo contro Cuba da sempre: c’è l’embargo e muoiono bambini e adulti, non arrivano medicine. Questo non è terrorismo? Castro avrà mille difetti, come tutti noi. A Cuba non si sguazza nel lusso, ma meglio mille volte la Cuba di Fidel Castro che l’America di Bush. Anche in Argentina la gente non può mangiare: vi pare giusto?».

Insomma, Maradona non perde occasione per rimarcare di essere intimamente legato a Cuba e al suo popolo, così come di essere a disposizione della «nuova» America Latina, socialista e integrazionista, che faticosamente giorno dopo giorno cerca di costruire un futuro migliore per quelle popolazioni martoriate da oltre un ventennio di scellerate e criminali politiche neoliberiste. Un aspetto che ha portato il giornalista Condò a definire Diego come una sorta di moderno Bolívar. «Se parlano loro – ha spiegato Maradona riferendosi a i vari presidenti dell’America Latina, Maduro, Correa, Morales, Ortega – i media li ignorano. A me invece danno ascolto. Faccio loro da portavoce».

Non sono mancate nel corso dell’intervista, grazie anche alla sensibilità sul tema del giornalista Gianni Minà  autore di memorabili servizi televisivi su Cuba, altre bordate lanciate dall’ex calciatore argentino dirette all’imperialismo statunitense. Parafrasando il titolo della collana di video dedicata alla carriera di Maradona, possiamo affermare che sì, l’argentino non sarà  mai un uomo comune. Mai farà propria la visione del mondo propinata dal mainstream, anche perché intimamente e sinceramente legato a Cuba, Fidel e alla Rivoluzione.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al fascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: