ANC: nuestras primeras necesidades

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Viernes 19 de mayo de 2017

ANC: nuestras primeras necesidades

¿Está languideciendo la escalada terrorista de la derecha? Hay quienes piensan que sí ¿o le quedan aun arrestos para prolongar por más tiempo el criminal atentado contra Venezuela que adelantan estos heraldos de la muerte? Eso está por verse. La invitación de la Conferencia Episcopal Venezolana al presidente de la comisión presidencial para la Constituyente, Elías Jaua, no parece de buen augurio para la oposición, aunque no se sabe a ciencia cierta qué hay detrás de esta sorpresiva acción.

Por otro lado, Donald Trump se pronuncia junto a Juan Manuel Santos contra Venezuela y aparecen nuevas sanciones contra funcionarios venezolanos, lo que es sobre todo un ataque con proyecciones mediáticas y muy poco efecto práctico, que no sea alentar a los terroristas a seguir actuando. Al parecer Santos, el “nuevo mejor amigo” de Chávez, se convierte ahora en el “nuevo peor enemigo” de Venezuela. Todo un menú en la mesa ensangrentada del fascismo, con pocas novedades de fondo.

En todo caso, nosotros seguiremos por ahora enganchados en la discusión en torno a la Asamblea Nacional Constituyente.

Según el documento de Redes que hemos venido manejando (Aporrea.org, 10/05/17), “Gramsci pensaba que una Asamblea Nacional Constituyente podía palear la tensión de la refriega pero no resolver el conflicto, sino tal vez postergarlo. Lo único que puede resolver el conflicto, decía Gramsci, es la democracia directa, disolver las instituciones del Poder dividido devolviendo e integrando la soberanía en el sujeto de la transformación histórica. De manera que el nuevo Estado era la solución al conflicto y el nuevo Estado no es más que todo el Poder en manos de los Consejos y las Comunas que disuelven los poderes separados y los absorbe en las nuevas instituciones de la democracia directa”.

Bien, nosotros creemos que las condiciones objetivas y subjetivas de la sociedad venezolana actual no permiten plantearse un objetivo máximo como el que propone Gramsci, sin embargo es claro que su visión apunta hacia logros estratégicos que deben ser el faro en el puerto de la victoria socialista de la Humanidad. Si bien no se puede llegar de sopetón al nuevo Estado, sí se puede y se debe avanzar en esa dirección, que es la única realmente revolucionaria. El nuevo Estado, con todo el Poder en manos de los Consejos y las Comunas, sería el verdadero salto revolucionario postrero que liquide la sociedad capitalista burguesa. Si la Revolución no continuara por ese derrotero, dando pasos en ese camino, se estancaría -que es lo que está a punto de ocurrir en América Latina- y solo le quedaría retroceder hacia la restauración neoliberal. La Revolución solo lo es si no pierde sus fines estratégicos y sigue avanzando hacia ellos, cada vez con mayor profundidad, cada vez con más fuerza, manteniendo vivo el proceso que conduciría a la victoria final y definitiva del socialismo. Esto es lo que al parecer no entienden las corrientes conservadoras en el seno del movimiento revolucionario. Y son esas fuerzas las que tratan de que se obvie, en la ANC, los temas atinentes a la estructura del Estado, las relaciones de poder, y la realización concreta y paulatina del Poder Popular.

Los sectores conservadores tratarán de encerrar el debate en los temas económicos, inclusive habrá quienes pretendan impulsar visiones desarrollistas y hacer concesiones al neoliberalismo. Por supuesto, los revolucionarios no pueden obviar el tema económico, pero mucho menos pueden hacerlo con los temas políticos, los relacionados con la calidad del poder político. Si se mantiene en alto la primacía de los temas políticos, las visiones económicas desarrollistas tendrán dificultades para imponerse. Para Chávez la relación entre economía y política estaba clara, por eso dijo, recordemos: “Sin una transformación a fondo de las estructuras del Estado y del sistema político venezolano no hay posibilidades de impulsar un proceso realmente productivo de desarrollo económico y social” (29 de abril de 1999).

También algunos querrán emprender cambios superficiales que en el fondo apunten a atornillar el statu quo, e imponer el inmovilismo y el conformismo: mejorar lo que hay y no transformar lo que hay, en el sentido estratégico revolucionario.

Veamos otra interesante cita de Gramsci que propone el comunicado de Redes: “Para Gramsci, por el contrario, el problema es la limitación de la Democracia Representativa, que cuando se entroniza en los procesos de cambios se convierte en un obstáculo para avanzar hacia la Democracia Directa: ‘el Estado burgués y sus instituciones de mediación deben ceder el paso a los Consejos Obreros y a la Comunas de democracia directa, sólo así se avanzará a la solución de la crisis orgánica. Si la Revolución sólo se contenta con ocupar las instituciones del Estado separado de la democracia burguesa, el impulso constituyente de los trabajadores se irá degradando y disolviéndose en la burocracia, en los procedimientos, en la jerarquía y tarde o temprano todo proceso sucumbirá a la fuerza de la restauración’” ¿No es este un peligro cierto que se asoma a diario tras los muros un tanto descarapelados de la Revolución? ¿No se siente en las calles el marasmo cotidiano que clama que avancemos, que rompamos paradigmas, que corramos los riesgos heroicos que brillan en la historia de lucha de los pueblos? Solo la Revolución puede recuperar la emoción de sí misma. Audacia, creatividad y radicalismo social son nuestras primeras necesidades. Seguiremos comunicando.

Verso il 2017: vi sconfiggeremo signori della borghesia imperialista!

da umbvrei.blogspot.it

Con questa indicazione del Comandante Chávez nello storico discorso del 2 giugno 2007 tenuto al termine di una immensa mobilitazione popolare che ha visto come protagonisti centinaia di migliaia di Venezuelane e Venezuelani vogliamo chiudere questo 2016, ricordando, a dieci anni di distanza, il chiaro messaggio rivoluzionario di Chávez inviato alle classi dominanti: “Vi sconfiggeremo di nuovo, signori della borghesia imperialista!” e come in questa occasione, ricordando Gramsci, evidenzia che “Una vera crisi storica si ha quando ciò che muore non finisce di morire e ciò che nasce non smette di nascere”. Ma ne possiamo essere certi: il vecchio morirà e il nuovo nascerà! Buona fine, e miglior inizio 2017!

Caracas, Sabato 2 Giugno 2007

Viva la dignità del nostro popolo, viva la sovranità, viva quindi il Venezuela libero e sovrano, degno e grande. Ottimo giorno il 2 giugno.

Vi voglio dire qualcosa dal  profondo del mio cuore, dal profondo della mia anima: quel grido che sembra una canzone, quel grido che viene dalle gole del popolo, quella canzone che viene dall’anima popolare e che sento da diversi anni, dal 1992, da quei giorni difficili quando iniziava a nascere la Patria nuova, da quei giorni terribili in cui ero dietro le sbarre della prigione, la prigione della dignità, iniziai a sentire da lontano il canto: “Chávez, amigo, el pueblo está contigo”.

Voglio che sappiate che quel grido, che quel canto popolare che avete inventato, per me è sacro. Voglio che sappiate che quel grido popolare arriva fino al profondo delle mie viscere, e mi dà una forza misteriosa, magica, una forza senza limiti, incommensurabile.


È la forza dell’amore, della fede, della speranza, che mi ha accompagnato nei grandi eventi di massa e nei momenti di solitudine in questi ultimi 15 anni della mia vita. Per questo vi rispondo “Pueblo, amigo, Chávez estará siempre contigo”.


Questo umile Chávez, questo umile contadino, questo umile soldato sarà sempre e per sempre con te, popolo, dignitoso, grande, eroico; ti amo popolo venezuelano, più della mia vita.

E tutta la vita che mi resta, voi lo sapete, non è mia, è vostra, è del popolo venezuelano; oggi è il 2 giugno, là in fondo è uscito un arcobaleno. Mi ha detto Juan Barreto: “Guarda l’arcobaleno che è uscito, è il simbolo di TVeS, Televisione Venezuelana Sociale”.

Non so chi l’abbia progettato, sembra un gigantesco proiettore. Guardate, alcune luci che escono a oriente di Caracas e proiettano nel cielo semicoperto di questo 2 giugno l’arcobaleno, che è il simbolo della più profonda, della più armoniosa delle diversità che formano con i propri diversi colori l’armonia nell’unità.

La TVeS, una bambina che cammina appena, muove i primi passi. Ieri ho parlato al telefono brevemente con la Presidentessa di TVeS, la compagna Lil Rodríguez, grande professionista. A lei, a tutto il personale della direzione, ai lavoratori, va l’apprezzamento del popolo venezuelano ed il benvenuto in questa prima settimana di lavoro. […]

Le nuove Università che la rivoluzione ha creato per chiudere con la volgare esclusione che tanti danni ha fatto al Venezuela e soprattutto al popolo. Bene compagni, oggi facciamo un omaggio.

Voi sapete che mi appassiona molto la storia, perché la storia è maestra, è specchio, è la fonte da cui dobbiamo bere per comprendere i nostri tempi, è la base della filosofia, così dice Marx in diversi scritti. I grandi hanno dovuto appoggiarsi necessariamente alla storia. La filosofia non è altro che l’espressione degli eventi storici interpretati dai pensatori e strutturati in corpo filosofico. Quello che oggi vediamo, quelle strutture, quegli edifici, questa valle, quei barrios, questa strada, sono il prodotto di una storia. Noi siamo il prodotto di una storia. […]

Oggi si compiono 45 anni dalla ribellione civico-militare patriottica e rivoluzionaria de “El Porteñazo”, e rendo omaggio ai martiri del 2 giugno 1962. Rendo tributo a tutti i soldati, gli uomini e le donne che caddero innalzando le bandiere della ribellione contro quel primo governo del “Patto di Punto Fijo” (ndr: dal nome della residenza “Punto Fijo” di Rafael Caldera dove si riunirono gli esponenti dell’oligarchia), che cominciò ben presto a pugnalare alla schiena le speranze del popolo venezuelano venute alla luce il 23 gennaio del 1958.

Il Porteñazo, così come il Carupanazo e molti altri eventi rivoluzionari, popolari, civico-militari, furono i primi segnali, le prime risposte al tradimento preparato nel “Patto di Puntofijo” da una delle élite maggiormente subordinate all’imperialismo nordamericano.

Noi veniamo da questa storia, e io come soldato e come uomo di questo popolo non voglio aspettare che passi la data di oggi senza dire: viva il Porteñazo! Viva i suoi soldati, i suoi uomini, la sue donne, i suoi martiri che portiamo nell’anima, nel sangue, nel respiro e nella speranza.

Da quel cammino siamo giunti e per quel cammino siamo arrivati al 4 febbraio, ed è lo stesso cammino che ci ha portato qui 45 anni dopo il Porteñazo. […]

Ricorderete che l’ho detto molte volte: il 3 dicembre non sarà un punto d’arrivo, ma un punto di partenza. L’ho ripetuto il 10 gennaio quando abbiamo assunto l’incarico per il nuovo periodo di governo 2007-2013. […]

Dal 10 gennaio sono passati solo 140 giorni e noi possiamo dire che il nuovo governo, il nuovo ciclo, il nuovo periodo, si è caratterizzato per l’accelerazione del processo di trasformazione rivoluzionaria. In soli 140 giorni abbiamo recuperato pienamente la capacità operativa, strategica, di quell’esteso territorio sotto il quale si trova la riserva di petrolio più grande del mondo. Voi sapete che mi riferisco al lembo petrolifero dell’Orinoco, adesso totalmente controllato dal Venezuela, dai venezuelani e dalle venezuelane, dalla nostra PDVSA.

In questi 140 giorni, abbiamo nazionalizzato un impresa di alto valore strategico, adesso controllata dal Venezuela, dai venezuelani. Era in mani straniere la Compagnia Anonima Nazionale dei Telefoni del Venezuela (CANTV), e adesso è una compagnia nazionale. In questo breve periodo abbiamo nazionalizzato imprese elettriche, settore altamente strategico e indispensabile per lo sviluppo nazionale, per citare solo alcune delle cose che sono successe. In questo breve periodo abbiamo lanciato con forza il processo di costruzione del Partito Socialista Unito del Venezuela, e il popolo ha dato, una volta ancora, una risposta che per molti è sorprendente. Una risposta chiara, forte, orientante. Ad oggi si sono registrati, come aspiranti militanti del partito, 4 milioni 735 mila venezuelani!

Questo sarà un super partito! E voglio ricordare che domani si chiuderanno le iscrizioni, e sono sicuro che domani supereremo i cinque milioni di iscritti, cosa mai vista prima d’ora in Venezuela ed in America Latina.

Stiamo scrivendo pagine della nuova storia, e in così poco tempo è successo molto. Come abbiamo scritto, segnalato e deciso, si è chiuso con la concessione del Canale 2 dello spettro elettromagnetico venezuelano, che da 53 anni l’élite oligarchica venezuelana utilizzava, abusandone, esclusivamente a proprio vantaggio; e oggi abbiamo un Canal 2 libero, che non è dell’oligarchia, né mai tornerà ad essere dell’oligarchia. Adesso è del popolo venezuelano, adesso è della società venezuelana. […]

In questi giorni ho ricevuto il segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista del Vietnam, il compagno Man, col quale abbiamo ricordato una delle massime, uno degli appelli, una delle linee strategiche fondamentali del compagno Ho Chi Minh, liberatore del popolo vietnamita, quando diceva “Unità, unità, unità, vittoria, vittoria, vittoria”: solo l’unità ci permetterà di continuare a conseguire vittorie, e ci assicurerà le future vittorie di cui hanno bisogno il nostro popolo, la nostra patria, la nostra rivoluzione.

Approfitto di queste parole per insistere sul processo unitario del partito, di tutto il popolo, della classe operaia, dei contadini, dei movimenti culturali; per sottolineare l’importanza dell’unità nazionale, dell’unità delle forze armate bolivariane, dell’unità del popolo bolivariano. Ricordiamo Simón Bolívar, che con il suo impegno, con la sua speranza, col suo fuoco libertario continua ad insegnarci. Diceva Bolívar: “Se non fondiamo l’anima, lo spirito, il corpo, la speranza nazionale in un tutto unico, la società finirà per essere un combattimento corpo a corpo per la sopravvivenza, e un nuovo colonialismo sarà ciò che lasceremo ai posteri.”

Compagni venezuelani di tutte le latitudini, continuiamo a rafforzare la grande unità nazionale per assicurare la vittoria sempre, la vittoria per sempre.

L’unità dev’essere estesa a tutti gli ambiti della realtà, della struttura e della sovrastruttura, direbbe Antonio Gramsci, e voglio tornare al suo pensiero per utilizzarne le idee.

Utilizzando il suo pensiero illuminante capiamo ogni giorno di più ciò che sta succedendo oggi qui in Venezuela, dove l’oligarchia venezuelana insieme ai suoi alleati, l’oligarchia mondiale e la borghesia internazionale, si sono nuovamente scagliati contro il popolo, contro la morale, contro l’etica, la verità, contro il governo bolivariano, contro la sovranità nazionale, ed hanno attaccato di nuovo questo umile soldato presidente del Venezuela.

Per quanto riguarda la mia persona non m’importa, dicano pure di me ciò che vogliono! Che i rappresentanti della borghesia internazionale vadano lontano, fuori dalle palle! Molto lontano! Glielo imponiamo dalle strade del popolo libero. Questa è una patria libera. Un popolo libero! Alcune sere fa è passato di qui un mio buon amico nordamericano, rappresentate democratico nel Congresso degli USA. Abbiamo parlato alcune ore di temi d’attualità, ora che contro il Venezuela si scagliano di nuovo il Congresso USA, una frazione minoritaria dell’Europarlamento, perfino il Parlamento brasiliano, e i giornali e le televisioni delle grandi catene mondiali manipolate dai loro padroni, rappresentanti dell’élite mondiale, che pretende di imporre ai popoli la volontà imperiale. Gli ho detto che per quel che mi riguarda non mi importa essere paragonato, da questi poderosi mezzi di comunicazione mondiale e in questi spazi dominati dall’élite mondiale, a Hitler e Mussolini. Non mi interessa.

Qualcuno, qualche giorno fa, mi chiedeva infatti come mi sentivo per il fatto che tutti o quasi tutti i media del mondo mi hanno rappresentato come il tiranno del Venezuela, il dittatore, il carnefice, il repressore dei giovani venezuelani.

In sostanza che mi chiamino Hitler o Mussolini non m’importa. Lo dico a tutti, borghesia venezuelana inclusa: m’importa solo della dignità del popolo del Venezuela, della sovranità nazionale; posso morire ma non torno indietro.

Al contrario, se l’oligarchia venezuelana crede di frenarci con le sue minacce, con le sue manipolazioni, con i suoi piani destabilizzatori, può toglierselo dalla testa. Ogni piano eversivo dell’oligarchia diretta dall’impero nordamericano, avrà come risposta una nuova offensiva rivoluzionaria. Qui lo dico e così sarà. Attenzione dunque all’importanza dell’unità, alla coscienza per interpretare la realtà, per comprendere le nostre debolezze e combatterle: le minacce che ci pioveranno addosso sempre.

Per vedere i nostri punti deboli e rafforzarli, per intendere dunque la situazione complessiva nella quale siamo. Per questo torno ad avvalermi del pensiero di quel grande rivoluzionario italiano, Antonio Gramsci. Che nessuno si scoraggi, che nessuno rallenti nel lavoro quotidiano e nell’assunzione delle proprie responsabilità per far avanzare i piani rivoluzionari in tutti i fronti di lotta, da quello economico a quello sociale e politico, da quello territoriale e internazionale a quello della morale. […]

Per interpretare ciò che stiamo vivendo, compagni, ci  è molto utile Antonio Gramsci,  l’autore di quella tesi che abbiamo ripetuto molte volte: “Una vera crisi storica si ha quando ciò che muore non finisce di morire e ciò che nasce non smette di nascere”. In quello spazio si presenta una autentica crisi organica, crisi storica, crisi totale.

Qui in Venezuela non ce ne dimentichiamo, da vari anni siamo in una crisi gramsciana, storica. Quello che sta morendo non ha ancora finito di morire, e quello che sta nascendo, non ha smesso di nascere. All’inizio degli anni ’80 il Venezuela era già entrato in una crisi storica, e oggi dopo 20 anni siamo nell’epicentro della crisi, buona parte dei prossimi anni faranno parte di questa crisi storica fino a che non sarà definitivamente morta la IV repubblica e non sarà compiutamente nata la V, la Repubblica Socialista e Bolivariana del Venezuela. Saremo sempre in una crisi dalle diverse sfumature, dai diversi colori, che si esprime in svariate forme nella realtà fenomenica, nella realtà visibile in superficie.

Dunque Gramsci ha abbozzato e sviluppato la tesi del blocco storico, l’egemonia di una classe che riesce a creare un blocco storico nel quale si possono ben identificare le strutture e le sovrastrutture. Perdonatemi se sono un po’ accademico, ma so che il livello culturale del nostro popolo ha fatto un enorme salto di qualità, e che in ogni luogo e momento siamo tutti in grado di riflettere su queste teorie che illuminano la realtà per meglio comprenderla, e Gramsci, quando parla di sovrastruttura, ascoltate bene, la sovrastruttura del blocco storico dominante, dice che essa ha due livelli: la società politica e la società civile. La prima possiamo riassumerla bene nelle istituzioni dello Stato e del governo, dunque nelle istituzioni politiche; la seconda è un complesso di istituzioni economiche, di organismi o istituzioni comunemente dette “private”, attraverso le quali la classe dominante può diffondere, estendere e collocare in tutti gli spazi della vita la sua ideologia, e qui arriviamo alla odierna realtà venezuelana. Una delle grandi contraddizioni che abbiamo oggi in Venezuela, è precisamente lì, tra la società politica – lo Stato che ha sperimentato un processo di trasformazione e liberazione – e una società, detta civile, di istituzioni comunemente private, che adesso non controllano lo Stato. La classe dominante del Venezuela si era strutturata in un blocco storico con il nome di “Patto di Puntofijo“.

Essa riuscì a subordinare lo Stato alla società civile, quindi la società politica venne subordinata alla società civile, intendendo questa nel senso gramsciano che ho menzionato.

Che succede quando Hugo Chávez arriva al governo del Venezuela per volontà della maggioranza della popolazione? La società civile dominante cerca di impadronirsi di Chávez, ma Chávez non si è mai subordinato, né mai lo farà, a questa vecchia società civile del “Patto di Puntofijo“.

La società cosiddetta civile possiede un insieme di istituzioni, Gramsci le elenca, e una di esse è la Chiesa, perciò la élite cattolica si scaglia contro di noi, la spiegazione storico-scientifica è questa. L’élite cattolica, con alcune eccezioni, che non sono altro che eccezioni, sempre e in tutto il mondo si è alienata, ha fatto parte dei blocchi dominanti del capitalismo.

È triste dire ciò per me che sono cattolico, anche se sono essenzialmente un cristiano. Cristo è il mio signore, mio padre, il mio redentore. Mia nonna Rosa Inés Chávez – ovunque tu sia ti ricordo sempre – quando mi vestivo da chierichetto mi diceva: “Non credere che perché indossi quest’abito e per il fatto che vai in chiesa tu stia con Dio”, mi diceva: “Non credere a tutto quello che dice il prete”, me lo diceva sempre, e si è molto rallegrata quando ho smesso di fare il chierichetto. Accendeva ceri ai santi affinché smettessi di fare il chierichetto. Sembrava una contraddizione, ma ora la capisco bene. […]

In quasi tutta l’America, durante gli ultimi 100 anni e più, la chiesa, i mezzi di comunicazione e il sistema scolastico, sono stati i tre grandi corpi organici che Gramsci segnala come le istituzioni fondamentali della società civile, usate per diffondere nelle classi sociali e nei ceti popolari la propria ideologia dominante. Gramsci classifica l’ideologia in strati. La forma più elaborata dell’ideologia è la filosofia. Visto che non possiamo essere tutti filosofi, le classi dominanti hanno elaborato diversi strati di ideologia e così esse hanno i loro filosofi, le loro scuole e i loro libri di filosofia attraverso i quali impregnano dell’ideologia dominante la società.

Ma c’è un secondo livello sotto quello della filosofia: il neoliberalismo, per esempio, possiede una sua filosofia, ma a livello filosofico è molto elaborato e non è digeribile dagli strati sociali subalterni. La classe dominante, quindi, elabora le tesi della libertà del mercato e di espressione (intesa come la intendono loro, manipolandola), le tesi dell’integrazione in un modello tipo ALCA, che è la proposta dell’impero nordamericano. Elabora un corpus di idee che si riferisce alla democrazia borghese, con la divisione dei poteri, l’alternanza, la rappresentanza come fondamento della democrazia, grandi menzogne, ma sono il corpo ideologico di quella filosofia egemonica che in Venezuela e in buona parte dell’occidente ha dominato per più di 100 anni.

Un terzo livello negli strati ideologici secondo Gramsci è quel che egli chiama il senso comune, che è il prodotto dell’immersione nella filosofia e nell’ideologia dominante, in diverse forme, attraverso le telenovele, i film, le canzoni, la propaganda, etc. […]

Compagni, qui ci sono alcuni elementi – ripeto –  per comprendere bene ciò che sta succedendo. Noi stiamo liberando lo Stato, perché la società civile borghese controllava lo Stato venezuelano a proprio piacere, manipolava il governo, il potere legislativo, quello giudiziario, le imprese statali, la Banca pubblica, il bilancio nazionale. Stanno perdendo tutto questo, se non totalmente, nella sostanza. E ora sono ripiegati nei nuclei duri della società civile borghese, utilizzando, a volte in modo disperato, gli spazi che gli rimangono in quelle istituzioni segnalate da Gramsci: la Chiesa, i mezzi di comunicazione e il sistema educativo. Da qui l’importanza di capire lo scenario della battaglia.

L’oligarchia venezuelana è in una situazione disperata, vi dico anche che poteva convivere con la rivoluzione, questa poteva essere una contraddizione, però poteva essere così. Non avevamo nessun piano per radere al suolo l’oligarchia, la borghesia venezuelana, e ora lo abbiamo sufficientemente dimostrato, in più di otto anni.

Quindi se l’oligarchia venezuelana non capisce ciò, non accetta l’appello alla pace e alla convivenza che noi, la grande maggioranza dei rivoluzionari, gli abbiamo lanciato, se la borghesia continua a scagliarsi disperatamente utilizzando gli spazi che gli rimangono, continuerà a perdere, uno ad uno, questi spazi.

Li perderà uno per uno. Dominavano le Forze Armate e le hanno perse; dominavano il Canal 2 della TV, l’hanno perso e non lo recupereranno mai più. Quindi questo messaggio è per la classe borghese venezuelana: vi rispettiamo come venezuelani, voi rispettate il Venezuela, la nostra costituzione, le nostre leggi. Se non lo farete ve ne pentirete, vi faremo ubbidire alle leggi venezuelane. Se ne pentiranno, vi giuro che se ne pentiranno! […]

In tutto ciò, a noi non rimane che continuare a conformare il nuovo blocco storico. Ricade su di noi la responsabilità di continuare con pala e piccone, impiegando mattoni e cemento per fare più grande e più solido delle torri del Parque Central il nuovo blocco storico venezuelano. […]

Continuiamo con i cinque motori costituenti, a pieno ritmo, nella costruzione del socialismo, a livello politico, costruendo la democrazia socialista; a livello economico costruendo l’economia socialista; etico, attivando la nuova morale socialista; sociale, costruendo la maggior quantità di felicità possibile; la nuova geopolitica nazionale; la nuova geometria del potere; la nuova geopolitica internazionale; il mondo multipolare.

A proposito di politica internazionale, sappiamo sicuramente tutti che i grandi mezzi di comunicazione in mano alle élite ci hanno messo davanti al plotone di esecuzione, ma questo non ci indebolisce, quelle critiche insane e manipolate stanno piuttosto producendo una reazione mondiale. Ieri stavo guardando un programma della Tv spagnola, e c’è stato un gruppo di spagnoli che ha difeso il Venezuela.

Ho visto la televisione francese, io guardo molta Tv perché sono cosciente del fatto che questa battaglia si gioca su uno scenario di guerra mondiale, una vera guerra mondiale mediatica. In Francia si sono esposti leader della sinistra, intellettuali – tra gli altri il nostro amico Ignacio Ramonet –  per difendere il Venezuela. Si sono aperti i giochi nei loro stessi territori. Quindi l’oligarchia mondiale non si rende conto, o meglio se ne rende conto troppo tardi, che l’attacco contro il Venezuela si converte in un attacco altrove, un contrattacco nel proprio territorio.

Non se ne rende conto in tutta l’America Latina. La commissione del Congresso in Brasile, ha emesso un comunicato volgare che mi obbliga a rispondere: non accettiamo alcuna ingerenza negli assunti interni del Venezuela, assolutamente nessuna. Solo ora la destra brasiliana se ne rende conto. Oggi per esempio c’è un dibattito in una Tv di Brasilia sul “tema Venezuela”, perché lo stesso Congresso del Brasile si è portato la bomba in casa, e lì ora la devono maneggiare; lo stesso è successo in Perù, in Centro America, negli Usa, lo stesso sta succedendo in Europa. Si sono portati la bomba in casa.

Chiaro, le élite internazionali sono preoccupate, e per questo attaccano con tanta furia, perché temono che l’esempio del Venezuela si estenda ad altri paesi dove credono di essere i padroni.

Padroni di tutto, e non lo credono soltanto, sono stati padroni di tutto in molti casi. A proposito di questo tema, il tema internazionale, mi ha chiamato stamattina, poco dopo mezzogiorno, il presidente del Nicaragua, comandante Daniel Ortega, che mi ha raccomandato di salutarvi, e mi ha espresso, come molti altri, la sua solidarietà, e domani verrà nel nostro paese per una visita di lavoro. Il presidente Evo Morales ha chiamato per dire che tutta la Bolivia sta col Venezuela, con il diritto che abbiamo come Venezuelani alla libertà, alla sovranità. Addirittura ha chiamato il presidente Uribe, e mi ha detto che la Colombia non entra negli affari interni del Venezuela, e questo è un affare interno.

Continuano ad arrivare messaggi dall’Asia, stanotte ho parlato col Presidente dell’Unione Africana, il dottor Alpha Konarè, che è venuto a trovarci e mi ha detto: l’Africa non si immischia in questo, perché l’Africa rispetta la sovranità del Venezuela.

Ovviamente non poteva mancare il messaggio solidale, profondo, illuminante, degno del Comandante Fidel Castro, Presidente della Repubblica sorella di Cuba.

Da qui, per tutti loro e specialmente per te, Fidel, l’applauso del popolo venezuelano, della Rivoluzione Bolivariana. Un’alta delegazione cinese si trova ora in Venezuela, portando i saluti del presidente della Cina, il presidente russo ha telefonato per invitarci ad alcune celebrazioni nei prossimi mesi a Mosca, e in una città dell’interno della Russia. Qualche giorno fa ho letto un messaggio del presidente russo Vladimir Putin, è molto positivo che dopo tanti anni un presidente russo metta il dito nella piaga. Ha parlato dell’imperialismo nordamericano. Da molto tempo un presidente russo non parlava dell’imperialismo nordamericano. I tempi stanno cambiando, il mondo si alza in piedi; abbiamo visto la risposta che ha dato il governo della Repubblica Popolare Cinese al governo degli Usa, pretendendo il rispetto dovuto alla propria sovranità. Abbiamo visto le risposte del mondo arabo, della causa palestinese, le risposte dei Caraibi. L’impero nordamericano continuerà a indebolirsi ogni giorno di più. E in questo secolo sotterreremo l’impero nordamericano, affinché ci sia un mondo veramente libero.

Noi, dunque, continuiamo a lavorare a due mani per costruire il nuovo blocco storico, costruendo il socialismo, la nuova società politica che sarà lo Stato sociale, lo Stato socialista, la Repubblica socialista, in tutti i suoi livelli: il potere centrale, i poteri locali, i governi comunali. Voi dal basso, dalla base, continuate a costruire il nuovo Stato, la nuova società politica. La vecchia società civile elitaria, borghese, filofascista, che indossa le camice nere di Mussolini per accusarmi di essere come Mussolini, che indossa le camice brune di Hitler per paragonarmi a Hitler, quella vecchia società civile borghese deve essere trasformata, ascoltate bene, nella nuova società socialista. Società socialista, Stato socialista, Repubblica socialista, struttura socialista, sovrastruttura socialista! E questo è ciò che teme la borghesia venezuelana, che seguendo le istruzioni di Washington cerca una volta ancora di realizzare qui una di quelle chiamate, tra virgolette, rivoluzioni colorate.

Bisogna riconoscere che in alcuni luoghi l’impero ci è riuscito. Ha funzionato per esempio in Ucraina la cosiddetta rivoluzione arancione, ma ha funzionato sì e no, perché chi guarda la realtà di oggi si rende conto che il presidente attuale ha dovuto chiamare il vecchio presidente rovesciato dalla rivoluzione arancione, per farsi aiutare a governare il paese.

Quindi abbiamo una situazione in cui la rivoluzione arancione, finanziata dalla CIA e dalla fondazione Albert Einstein, che è una fondazione che utilizza indebitamente questo nome, che è una fondazione fascista, con i suoi rappresentanti anche qui in America Latina, che con molti soldi finanzia movimenti controrivoluzionari anche in Venezuela, riuscì e non riuscì. Ciò che oggi c’è in Ucraina è una situazione di ingovernabilità e le forze filorusse o amiche della Russia che furono rovesciate, stanno ritornando ad occupare gli spazi che competono loro.

Possiamo dire che se questa strategia della Casa Bianca, dei cosiddetti colpi di stato di velluto, o rivoluzioni colorate, ha funzionato relativamente, qui la polverizziamo. I simboli che usa sono gli stessi, le camice nere, la bandiera rovesciata, incluso quello show in cui alcuni ragazzi quando arriva la stampa soprattutto internazionale, corrono e si inginocchiano davanti ad una polizia che non gli sta facendo niente, si abbassano e alzano le mani. È uno show preparato affinché quella foto faccia il giro del mondo. È in questo modo che hanno potuto generare alcune crisi in paesi i cui governi non si sottomettono a Washington. Qui stanno cercando di farlo, utilizzando certi mezzi di comunicazione, giocando coi sentimenti dei venezuelani, con il sentimentalismo a buon mercato, con il quale diedero l’addio a quel vecchio canale che non voglio neanche nominare, che non mi ricordo neanche come si chiamava, non me lo ricordo, l’unica cosa che so è che oggi il canale 2 è TVeS, la nuova televisione venezuelana sociale, questo è ciò che so.

Quindi stanno cercando, come dicono, di surriscaldare la piazza, utilizzando alcuni ragazzi, alcuni attori televisivi, alcune attrici che vanno per le strade piangendo, inscenando un dramma, una telenovela, un teleshow, ma per questo non dico di abbassare la guardia, no, tutto il contrario. Con queste grandi manifestazioni di oggi, il popolo venezuelano ha dato una risposta molto ferma e precisa. Un piccolo segnale di ciò che succederà all’oligarchia venezuelana se continuerà nel suo impegno destabilizzatore, un piccolo segnale del fatto che qui non possono farcela. Stiano allerta da tutte le parti, i lavoratori, i contadini, i governi locali, regionali, gli studenti, le donne, gli uomini, le Forze Armate. Tutti allerta, non passeranno! Vi sconfiggeremo di nuovo, signori della borghesia imperialista!

Noi, nel caso del vecchio canale borghese abbiamo avuto molta pazienza, abbiamo sopportato molto, fino al termine della concessione, ma che nessuno pensi che sia sempre così; una concessione può terminare anche prima del tempo stabilito. Può finire, secondo quanto dice la legge, per violazione della Costituzione, delle leggi, per terrorismo mediatico etc. Ci sono molti motivi ed io ho fatto un appello ai mezzi di comunicazione privati, soprattutto a quelli che si prestano al gioco della destabilizzazione, e al golpe di velluto, come lo chiamano gli strateghi gringos. Il golpe di velluto per rovesciare Chávez! Non cadete in errore, meditate bene dove state andando, perché ripeto, e come lo dico lo faccio, se la borghesia venezuelana si dispera e continua a scagliarsi contro il popolo bolivariano, continuerà a perdere i suoi spazi uno ad uno, uno ad uno continuerà a perderli.

Come ho già detto all’inizio, compagni, mi complimento con tutti per questa contundente dimostrazione di unità popolare, di coscienza popolare e rivoluzionaria. A partire da oggi, che si mantenga il contrattacco bolivariano in tutto il paese, nelle strade! Il popolo nelle strade, nelle fabbriche, nelle università, nei licei, da tutte le parti un vero contrattacco ideologico, politico, popolare, nazionale e internazionale. Oggi comincia quel che a me più piace: il contrattacco!

A me piace molto il contrattacco!

L’oligarchia venezuelana dovrà lasciarci in pace, dovrà stare tranquilla nei suoi spazi e convivere con la nuova realtà. Anche se non vogliono accettare tutto ciò, questa rivoluzione è arrivata per restare, sono passati solo 140 giorni di questo nuovo ciclo bicentenario della Rivoluzione Bolivariana. Mancano più di 5.000 giorni di rivoluzione fino al 24 giugno del 2021, quando avremo consolidato il progetto del Venezuela Socialista, della Repubblica Bolivariana e Socialista.

Continuiamo dunque a giocare il nostro ruolo, e soprattutto voi, ragazzi, assumete il vostro ruolo, questo è il tempo in cui occorre che il movimento studentesco si metta all’avanguardia insieme alla classe operaia e con i contadini al fianco dei soldati venezuelani, per fare la storia.

Costruendo la Patria, costruendo il nuovo Venezuela, continuiamo dunque secondo il punto di vista gramsciano a sotterrare il vecchio blocco, il vecchio blocco storico, e a costruire quello nuovo. Tornate a casa con tutta calma, perché domani ci si svegli ben riposati, perché è l’ultimo giorno del processo di iscrizione e registrazione dei militanti del grande Partito Socialista Unito che sta nascendo in questo momento… sta nascendo per accompagnare il popolo, gli studenti, gli indigeni, i contadini, le donne, la classe operaia, cavalcando gli orizzonti della Patria Nuova.

Vi saluto col grido di sempre: Patria, Socialismo, o Muerte! Venceremos!


[Trad. a cura del Comitato 10 aprile di Milano]

Gramsci e il genocidio degli armeni

di Francesco Guadagni

Il 24 aprile prossimo ricorreranno i 100 anni dal genocidio armeno ad opera del governo ottomano guidato dai Giovani Turchi. Durante la Prima guerra mondiale (1914-1918), nel 1915, 1.500.000 Armeni furono massacrati. Il primo sterminio di massa del XX secolo, un genocidio che ha sempre conosciuto un colpevole oblio, salvo rare eccezioni, di storici e giornalisti. Una di queste, è rappresentata da Antonio Gramsci, tra i fondatori del Partito comunista d’Italia, esponente fra i più originali del pensiero marxista, nonché il pensatore italiano più tradotto e studiato all’estero.

Gramsci l’11 marzo del 1916, su  “Il Grido del popolo” dedicò un articolo al genocidio degli Armeni dove sottolineava come un massacro commuova quando avviene vicino alla nostra realtà e ci è indifferente quando avviene in un posto lontano “dal cerchio della nostra umanità”. Proprio per questo Gramsci sottolinea, quindi, l’importanza del giornalismo nel diffondere ogni avvenimento, in qualsiasi parte del mondo, per evitare che si cada nell’oblio, che trionfi l’ingiustizia per le vittime ed evitare, soprattutto, che si ripetano i massacri.

Ecco il testo*

Avviene sempre così. Perché un fatto ci interessi, ci commuova, diventi una parte della nostra vita interiore, è necessario che esso avvenga vicino a noi, presso genti di cui abbiamo sentito parlare e che sono perciò entro il cerchio della nostra umanità. Nel Père Goriot, Balzac fa domandare a Rastignac: «Se tu sapessi che ogni volta che mangi un arancio, deve morire un cinese, smetteresti di mangiare aranci?», e Rastignac risponde press’a poco: «Gli aranci e io siamo vicini e li conosco, e i cinesi son così lontani e non sono neppure certo che esistano».

La risposta cinica di Rastignac noi non la daremmo mai, è vero; ma tuttavia, quando abbiamo sentito che i turchi avevano massacrato centinaia di migliaia di armeni, abbiamo sentito quello strappo lancinante delle carni che proviamo ogni volta che i nostri occhi cadono su della povera carne martoriata e che abbiamo sentito spasimando subito dopo che i tedeschi avevano invaso il Belgio?

É un gran torto non essere conosciuti. Vuol dire rimanere isolati, chiusi nel proprio dolore, senza possibilità di aiuti, di conforto. Per un popolo, per una razza, significa il lento dissolvimento, l’annientarsi progressivo di ogni vincolo internazionale, l’abbandono a se stessi, inermi e miseri di fronte a chi non ha altra ragione che la spada e la coscienza di obbedire a un obbligo religioso distruggendo gli infedeli.

Così l’Armenia non ebbe mai, nei suoi peggiori momenti, che qualche affermazione platonica di pietà per sé o di sdegno per i suoi carnefici; “le stragi armene” divennero proverbiali, ma erano parole che suonavano solo, che non riuscivano a creare dei fantasmi, delle immagini vive di uomini di carne ed ossa. Sarebbe stato possibile costringere la Turchia, legata da tanti interessi a tutte le nazioni europee, a non straziare in tal modo chi non domandava altro, in fondo, che di essere lasciato in pace. Niente mai fu fatto, o almeno niente che desse risultati concreti. Dell’Armenia parlava qualche volta Vico Mantegazza nelle sue prolisse divagazioni di politica orientale.

La guerra europea ha messo di nuovo sul tappeto la quistione armena. Ma senza molta convinzione.

Alla caduta di Erzerum in mano dei russi, alla probabile ritirata dei turchi in tutto il paese armeno non è stato dato nei giornali neppure lo stesso spazio che all’atterramento di un “Zeppelin” in Francia. Gli armeni che sono disseminati in Europa dovrebbero far conoscere la loro patria, la loro storia, la loro letteratura. É avvenuto in piccolo per l’Armenia ciò che in grande per la Persia. Chi sa che i più grandi arabi (Averroè, Avicenna etc.) sono invece… persiani? Chi sa che quella che si è soliti chiamare civiltà araba è invece in gran parte persiana? E così quanti sanno che gli ultimi tentativi di rinnovare la Turchia furono dovuti agli armeni e agli ebrei? Gli armeni dovrebbero far conoscere l’Armenia, renderla viva nella coscienza di chi ignora, non sa, non sente.

A Torino qualcosa si è fatto. Esce da qualche mese una rassegna intitolata appunto “Armenia” che con serietà di intenti, con varietà di collaborazione dice cosa sia, cosa voglia, cosa dovrebbe diventare il popolo armeno. Dalla rivista dovrebbe partire l’iniziativa di una collana di libri che con più efficace persuasione e dimostrazione desse all’Italia un quadro di ciò che è la lingua, la storia, la cultura, la poesia del popolo armeno.

*Articolo Firmato A. G., “Il Grido del Popolo”, 11 marzo 1916, anno XXII, n.607, inserito nelle Opere di Antonio Gramsci. Scritti giovanili (1914-1918).

“I nuovi Cantori di Sala Consilina” e l’amore per Gramsci

di Stefano Guarguaglini – resistenciasiempre.blogspot.it

In Italia da anni la figura di Gramsci viene volutamente ignorata, ci sono stati convegni e dichiarazioni che hanno tentato solo di distruggere la sua immagine o separarla dal comunismo… alcuni studiano Gramsci, a volte con acume filologico, ma né i governanti né i dirigenti politici traggono spunto dalla sua lezione o dichiarano di volerla applicare nella realtà odierna.

Ben diverso è “l’uso” di Gramsci tentato dalla Rivoluzione bolivariana, da Chavez e da Maduro, ma anche da Evo Morales, è studiato attentamente in Brasile, e perfino da molti nord-americani, che considerano Gramsci come il principale ispiratore teorico della rivoluzione possibile nel XXI secolo.

Quando il presidente del Venezuela bolivariano, il compagno Nicolàs Maduro, è venuto a Roma, nel giugno 2013 a ritirare un premio conferito dalla FAO al Venezuela di Hugo Chavez per gli straordinari successi conseguiti in pochi anni dalla rivoluzione bolivariana nel campo della lotta alla povertà, naturalmente la cosa non ha interessato la nostra “libera” stampa né le nostre “libere” Tv, Rai compresa e stampa “di sinistra” compresa; e meno che mai ha loro interessato il fatto che il presidente compagno Maduro si sia recato – per prima cosa – alla tomba di Gramsci, nel cimitero acattolico di porta San Paolo, per rinnovare in quel luogo il solenne giuramento (che già era stato del presidente Chavez) di proseguire e dare nuovo impulso alla “Rivoluzione Gramsciana” (come i Venezuelani stessi definiscono il proprio progetto rivoluzionario in atto).
Noi conosciamo il tramite diretto fra Gramsci e Chavez: si tratta del compagno Jorge Giordani, un italo-venezuelano, ex-ministro dell’economia a cui si deve fra l’altro la nazionalizzazione e la restituzione al popolo del petrolio venezuelano… Giordani è figlio di antifascisti italiani, poi combattenti della guerra di Spagna, infine dopo la sconfitta della Repubblica esuli in America Latina; e fu il figlio di questa coppia antifascista a portare a Hugo Chavez (nel periodo in cui questi si trovava in carcere) una copia dei Quaderni di Gramsci; ecco come, fra mille difficoltà e lotte eroiche, vive e si trasmette fra gli internazionalisti un pensiero rivoluzionario!

Chavez in carcere lesse dunque interamente Gramsci e vi trovò un’ispirazione preziosa per la Rivoluzione che, anni dopo, avrebbe portato alla vittoria, così che noi possiamo ben dire che quando il compianto presidente Chavez affermava che la rivoluzione bolivariana era, è, e sarà “una rivoluzione gramsciana”, egli parlava con cognizione di causa, sapeva bene quello che diceva (R.M), … Interrompo qua l’ introduzione di un documento redatto da Raul Mordenti, per far notare che nel vuoto culturale di questa Italia qualcosa di antagonista qua o là ancora resiste, magari fuori dalle sigle di partiti storici di sinistra, che per complicità e appiattimento alle scelte liberal capitaliste quando furono in area di governo, hanno perso sia in rappresentanza sia in aggregazione, quindi nel buio totale o quasi, aspettiamo speranzosi la nascita di un movimento che aggreghi nelle differenze i mille rivoli della sinistra italiana, possibilmente guidato da gente nuova che sulle linee tracciate da Podemos in Spagna e Syriza in Grecia, sia “veramente” capace (e non a promesse) di opporsi ai diktat autoritari della Merkel padrona dell’Europa… dunque, come accennato in Italia esistono focolai Resistenti, sono CSA, CSOA, radio o piccole tribù che lavorano come possono, con poche risorse economiche a disposizione e le porte istituzionali rigorosamente chiuse (porte che invece si spalancano ai gruppi fascisti di Casapound), … per esempio Piombino, una cittadina sulla costa Livornese, un tempo 2° polo siderurgico italiano, che con l’arrivo dell’attuale crisi sistemica vive il momento più drammatico della sua ultrasecolare storia industriale, vede la presenza di un gruppo di compagni marcatamente di sinistra che da tre anni, tra non pochi ostacoli e dinieghi, tra gli altri, porta avanti un progetto dedicato a Antonio Gramsci , … sì quel Gramsci oscurato in casa e studiato fuori dalle mura dagli studenti che vanno dalle università degli Stati Uniti a tutto il Continente Latino Americano, … nel loro progetto iniziato nel 2012 questi compagni piombinesi sono perfino riusciti a coinvolgere (cosa quasi impossibile oggi) gli studenti della IIIa M della scuola media “A Guardi” di Piombino, realizzando con loro il video “l’ombra di Gramsci”, per girarlo si sono recati anche a Torino nei luoghi frequentati in gioventù da Antonio Gramsci, la prima fase del progetto terminò nel salone Coop di Piombino con la proiezione del video durante una conferenza di alto spessore, che vide la presenza degli studenti, insegnanti e noti conoscitori della figura del politico comunista incarcerato e ucciso dal fascismo di Mussolini.

L’indomito gruppo militante di via Cairoli (sede del loro laboratorio culturale) per mantenere vivo il progetto, nel novembre 2014 ha presentato l’opera musicale “l’amore di Gramsci” preparato e adattato dal gruppo folk-popolare “I nuovi cantori di sala Consilina” che altro non sono che gli stessi compagni ideatori del progetto.

Il professor Stefano Guarguaglini, arrangiantore, compositore, cantante e chitarra acustica del gruppo, riguardo a questa ben curata iniziativa musicale, di alto valore culturale, afferma: (M.C.) Il progetto del cd “L’amore di Gramsci” nasce come Prima versione del Gruppo a continuazione del precedente cd “Oltre la notte”. In questo, come suggerisce il titolo, venivano toccati alcuni temi da salvare nella “notte” della politica e della sinistra, da portare “oltre” questo periodo buio in cui sembrano essere dimenticati i principi fondamentali di un’identità sociale e collettiva, di una storia che ha generato speranze, lotte, saperi e le canzoni ricordano i protagonisti, gli avvenimenti, le situazioni di questa storia.

In questo contesto, Antonio Gramsci non poteva essere ricordato soltanto con un brano: la sua storia, la sua vita, il suo impegno dovevano approdare ad un lavoro autonomo, ad un progetto interamente a lui dedicato.

Così è nato il cd “L’amore di Gramsci”. La vita di Gramsci viene raccontata attraverso quella che è stata l’esperienza forse più intensa: la vicenda d’amore per Giulia. Una vicenda in cui amore e impegno politico diventano tutt’uno. Negli otto brani del cd si è cercato di dare voce agli entusiasmi del giovane Gramsci e al senso di sconfitta, anche individuale, degli ultimi anni della sua vita. Gramsci non perde mai però la capacità di provare amore, inteso come un sentimento forte di continuare a ragionare sulla storia, di tenersi attaccato agli affetti per le persone care, ai compagni che non lo comprendono e sembrano averlo dimenticato. E’ anche questa storia interiore di Gramsci, legata a Giulia e al sacrificio della vita per un’idea, che viene raccontata nel cd.

“L’amore di Gramsci” non è soltanto un progetto musicale, ma si presenta come un lavoro teatrale, in quanto i brani sono introdotti da un “parlato” che racconta sinteticamente la vita di Gramsci in relazione alle singole canzoni e dalla lettura di brani estratti dalle lettere. Inoltre si accompagna ad una mostra intitolata “L’ombra di Gramsci” (realizzata coinvolgendo il lavoro dei ragazzi di una classe di scuola media) che, attraverso fotografie, filmati, pannelli, costruisce un percorso di conoscenza della vita e del pensiero di Antonio Gramsci.

Il lavoro svolto, ovviamente, non è nient’altro che un gesto di affetto verso un uomo, un dirigente politico comunista, che ha rappresentato una delle menti più lucide del Novecento, uno dei pochi intellettuali di cui il nostro paese dovrebbe andare orgoglioso e coltivarne il ricordo, non soltanto per ciò che è stato, ma soprattutto per tutto ciò che ancora può insegnare per il futuro.

[Redatto su testi di: Raul Mordenti, Stefano Guarguaglini, Maurizio “Sandino” Cerboneschi]

Napoli, 19dic2014: Insegnamenti di Gramsci tra Italia e Venezuela

[…] nel periodo romantico della lotta, dello Sturm und Drang popolare, tutto l’interesse si appunta sulle armi più immediate, sui problemi di tattica, in politica e sui minori problemi culturali nel campo filosofico. Ma dal momento in cui un gruppo subalterno diventa realmente autonomo ed egemone suscitando un nuovo tipo di Stato, nasce concretamente l’esigenza di costruire un nuovo ordine intellettuale e morale, cioè un nuovo tipo di società e quindi l’esigenza di elaborare i concetti più universali, le armi ideologiche più raffinate e decisive. […] Si può così porre la lotta per una cultura superiore autonoma; la parte positiva della lotta che si manifesta in forma negativa e polemica con gli a‑ privativi e gli anti‑ (anticlericalismo, ateismo, ecc.). Si dà una forma moderna e attuale all’umanesimo laico tradizionale che deve essere la base etica del nuovo tipo di Stato.

(Antonio Gramsci, Q 11, nota 70)

La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, è conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri.

(Antonio Gramsci, Scritti politici, 1910-1926)

Gramsci è vivo. In che senso lo spiega lui stesso in una lettera alla cognata del 24 luglio 1933 dove racconta di avere parlato per una intera notte “dell’immortalità dell’anima in un senso realistico e storicistico, cioè come una necessaria sopravvivenza delle nostre azioni utili e necessarie e come un incorporarsi di esse, all’infuori della nostra volontà, al processo storico universale […]”. Un materialista obietterebbe schiettamente che chi è morto è morto, ma, dice Marx, il difetto di ogni materialismo fino a oggi “è che l’oggetto, il reale, il sensibile è concepito solo sotto la forma di oggetto o di intuizione; ma non come attività umana sensibile, come attività pratica, non soggettivamente.” (Marx, Tesi su Feuerbach). È il fare che è reale, dice Marx.

La realtà di questo fare si incorpora nel processo storico universale, dice Gramsci, nel senso che diventa parte integrante e organica del movimento comunista, perché il movimento comunista è il “processo storico universale”, perché il senso della storia procede verso la realizzazione del comunismo.

Riprendere Gramsci, allora, gli obiettivi da questi perseguiti, i metodi indicati, capirli, (ri)pensarli alla luce dell’attuale crisi generale del capitalismo, significa guadagnarsi a coscienza pratica del processo storico di trasformazione rivoluzionaria, avanzare nella costruzione di una rivoluzione che non scoppia se non la si costruisce, far rinascere, più che recuperare, la partitura teorica e pratica della rivoluzione, inedita, nei paesi imperialisti. È in questo processo che Gramsci vive, rinasce. Perciò si parla non semplicemente di recupero, ma di rinascita di Gramsci.

Il parto – è noto – è cosa delicata oltre che gloriosa. La mano che guida la testa del nascituro ad affacciarsi al mondo vuole scienza e sensibilità innanzitutto. Fuor di metafora, gli strumenti che Gramsci fornisce sono indispensabili. Iniziamo a utilizzarli. È “La rinascita di Gramsci”, per l’appunto.


Costruire la rivoluzione in Italia e America Latina
.
Il 19 dicembre, la Commissione Rinascita Gramsci del Partito dei CARC, organizza l’incontro “Gli insegnamenti di Gramsci. Costruire la rivoluzione in Italia e in America Latina”, a Napoli, dalle 16 alle 20, all’ex Asilo Filangieri, (vico Giuseppe Maffei 4, zona San Gregorio Armeno) con la partecipazione del Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli, l’Associazione Trisol del ALBA e L’Associazione Nazionale delle Reti e le Organizzazioni Sociali (ANROS – Italia).L’iniziativa è momento della cooperazione tra il Partito dei CARC e le forze che rappresentano e sostengono la rivoluzione bolivariana in Italia e che avrà seguito nell’incontro italiano di solidarietà con la rivoluzione bolivariana che si terrà nell’aprile del 2015, anch’esso a Napoli e in ogni altra occasione possibile.

Interverrà il Primo Segretario dell’Ambasciata a Roma della Repubblica Bolivariana del Venezuela, la Console a Napoli ed esponenti della Commissione a discutere di quali sono gli insegnamenti di Gramsci nel procedere nella costruzione della rivoluzione socialista con maggiore scienza e determinazione, con fermezza e fiducia. Si parlerà del contributo che Antonio Gramsci porta al movimento per il progresso dei popoli in America Latina, della sua rinascita e del completamento dell’opera da lui intrapresa per fare dell’Italia un paese con un governo fondato sulla partecipazione delle masse popolari, il cui fine è la realizzazione piena degli interessi e delle aspirazioni delle masse stesse.

Sarà una occasione per considerare i problemi e le soluzioni per il processo in corso nel costruire la rivoluzione in un paese imperialista come è l’Italia e nei paesi in cui si sperimenta la costruzione del socialismo come il Venezuela e come Cuba, per capire in cosa i processi sono differenti e in cosa sono simili, a partire dalle questioni di fondo di cui Gramsci tratta, tra le prime il modo in cui si stabilisce l’egemonia necessaria per conquistare il potere e costruire il socialismo e la necessità e il significato della riforma morale e intellettuale degli uomini e delle donne che costruiscono la nuova società.

Il confronto tra le esperienze in corso in Italia e in America Latina porterà ricchezza a ciascuno di noi e rafforzerà il legame tra i processi rivoluzionari in corso nei nostri paesi. L’esempio della lotta che le masse popolari dei paesi latinoamericani conducono servirà a elevare la coscienza e il morale delle masse popolari italiane e aiutarle ad avanzare nella nostra lotta per instaurare il socialismo nel nostro paese.

Invitiamo a partecipare a questo percorso che iniziamo, a contribuire alla sua costruzione. Il socialismo è il futuro dell’umanità, a cominciare da adesso.

Venerdì 19 dicembre 2014

Gli insegnamenti di Gramsci. Costruire la Rivoluzione in Italia e America Latina

c/o L’Asilo – Vico Maffei 4, zona S. Gregorio Armeno – NAPOLI

http://rinascitadigramsci.blogspot.it/

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

EL BLOG DE CARLOS

Por un mundo mejor, posible y necesario

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

rojoutopico.wordpress.com/

Blog de opinión igualitaria, social y política de un tipo Feminista, Galileo y Anticapitalista.

Hugo Chavez Front Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

La Historia Del Día

Blog para compartir temas relacionados a la historia, la política y la cultura

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

L'angolo dei cittadini

La tua provincia

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: