ALBA-TCP rechaza intervención militar en Venezuela

por diariociudadano.cl

Organizaciones y líderes políticos rechazaron las recientes declaraciones del secretario general de la Organización de Estados Americanos (OEA), Luis Almagro, en las cuales incita a una intervención militar en Venezuela.

La Secretaría Ejecutiva de la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América-Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP) expresó a través de un comunicado que “estas declaraciones son una evidencia clara de los planes desestabilizadores y de intervención en contra de la democracia y soberanía de los gobiernos progresistas de la región que se ha venido ejecutando por parte del Secretario General Almagro”.

Asimismo enfatizó que con estas declaraciones el secretario general de la OEA “busca profundizar y agudizar los ataques que algunos gobiernos de la región han venido desarrollando en contra de Venezuela”.

Por su parte, el Partido Comunista de Uruguay, expresó su rechazo a “esta nueva muestra de servilismo e irresponsabilidad de Almagro, transformado desde hace tiempo en un peón del imperialismo yanqui, al servicio de las peores cosas”.

A través de un comunicado la tolda izquierdista denunció que el secretario general de la OEA “actúa como operador de Trump, Pompeo y de los planes explícitamente anunciados por el jefe del Pentágono, en el mismo país, Colombia, que acaba de entrar a la OTAN y tiene bases militares yanquis en su territorio”.

La organización política anunció que hace responsable a Almagro de cualquier agresión que se produzca y de sus consecuencias a la vez que exigió la expulsión de Almagro del Frente Amplio “porque su conducta, promoviendo la guerra y la agresión contra un pueblo hermano, viola los principios históricos de la política internacional de nuestro país y los del FA, de defensa de la paz, la soberanía y la autodeterminación de los pueblos”.

El “Plan Almagro”

L'immagine può contenere: una o più persone, folla e spazio all'apertopor Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Jueves 06 de Marzo de 2017

El “Plan Almagro” sigue en desarrollo, con la instrumentación en Venezuela de lo que el diputado socialista Diosdado Cabello ha presentado como la operación “Escudo Zamorano”, con acciones violentas que generen un estado de conmoción, propicien un intento de golpe de Estado de derecha y conduzcan a una intervención foránea en Venezuela en cualquier modalidad.

Para adelantar esta operación criminal, la derecha necesita que su base social esté en la calle, cosa que no sucedió el pasado martes, cuando solo hubo en Caracas focos de militantes con muy escaso apoyo de masas. Pero la bulla y la foto hacia afuere las lograron, lo que les permite seguir creando el escenario para la intervención. Eso seguirá pasando, pues les resulta muy fácil, con el apoyo político-mediático que tienen en el exterior, convertir cualquier escaramuza menor, como las que provocaron el martes, en una protesta popular contra la “dictadura”, además “reprimida salvajemente”.

Hoy de nuevo la derecha convoca a las calles. Dentro del plan, hay además algunos importantes aderezos. Todos los factores del fascismo están activados. La jerarquía católica se ha dejado de vainas y ha convocado a la “desobediencia civil”.

Fedecámaras también se ha pronunciado, en la voz de su presidente, Francisco Martínez: “Consideramos que el derecho a la protesta es algo legítimo que está establecido en la Constitución”. Eso es verdad, pero Martínez confunde (es un decir) protesta con terrorismo, con violencia planificada y golpista. También aparecen los “artistas” (faranduleros, en realidad), como Daniel Sarcos, Catherine Fullop y el desclasado “Coquito”, que tienen vinculaciones con los capos extranjeros del espectáculo; y también deportistas como Miguel Cabrera, un beisbolista multimillonario que vive casi todo el tiempo en Estados Unidos, aunque suele venir de vez en cuando a Venezuela a vacacionar, y a hacerle trabajitos a su colega ricachón Lorenzo Mendoza y a la corporación monopolista Empresas Polar.

Otro ingrediente en la olla de la “protesta popular” son los tradicionales focos, muy violentos, que adelantan grupos terroristas expresamente preparados para ello y que se cobijan bajo el manto del “movimiento estudiantil”, como los que actúan en Mérida, Táchira y Carabobo. Estos comandos son los encargados de darle a la “protesta” carácter “nacional”. Cuando los factores de apoyo internacional editan toda la película, es fácil vender en el mundo la imagen de un país conmocionado, en gran agitación y de un pueblo víctima de la represión desmedida de un gobierno autoritario.

A pesar de todo, la derecha parece seguir necesitando un nuevo 11 de abril, una manifestación de masas incontestablemente multitudinaria, decidida y con alguna permanencia que termine de justificar un alzamiento de sectores militares y, de ser necesario, la intervención. Esta es la parte más difícil del plan golpista, pues se sabe que esta oposición inepta carece de apoyo popular ¿o acaso les bastará con eventos focalizados y dimensionados? ¿Correrá el riesgo el imperialismo, sin alcanzar todas las condiciones para ello, de meterse en el problemón que sería la Venezuela de Bolívar combatiendo una vez más por su libertad, armada con la férrea unión cívico-militar que muestra el chavismo militante, esa poderosa vanguardia popular?

Por el momento, a nuestro Gobierno le toca controlar los focos violentos que está montando la derecha, valiéndose del uso controlado de la fuerza del Estado, apelando a todas las herramientas internacionalmente permitidas para la represión de manifestaciones callejeras. El martes pasado lo hizo muy bien. Pero esta gente quiere muertos, alguna bandera ensangrentada para llevarla como trofeo a sus amos, y que acaso ayude a cumplir su esperanza de que los escuálidos salgan al fin de sus casas, se den a la calle y les sirvan la mesa para su menú conspirador. Esperemos que hoy también logremos preservar la paz, así sea relativamente, porque los canallas vienen por candela.

El Gobierno Bolivariano, con Maduro al frente, tiene bastante claro lo que ocurre, y eso se dejó ver en la intervención de la Canciller venezolana, Delcy Rodríguez, en la patética sesión del Consejo Permanente de la OEA el día de ayer:

“Habíamos develado el plan intervencionista contra Venezuela, ya decidido por el país hegemón de esta organización y de esta región, que ha activado sus brazos ejecutores, siendo el Secretario General una de sus principales fichas… En Venezuela, la oposición envalentonada por la supuesta aplicación de la Carta Democrática erróneamente salió a las calles con violencia, para poner en peligro la vida de millones de venezolanos…

Yo exijo aquí que cese la pretensión de intervenir a Venezuela, las acciones para promover el golpe de Estado en Venezuela y las acciones de promover la confrontación entre hermanos venezolanos”. Estas aseveraciones fueron reforzadas después por la Canciller a través de Twitter: “Para @Almagro_OEA2015 la violencia opositora nutre sus perversos planes intervencionistas en Venezuela. El los alienta a la desestabilización”. Y también, acompañado de un vídeo donde se muestran los actos violentos ejecutados por dirigentes de la derecha el martes 4 de abril durante una movilización: “@Almagro_OEA2015 ¡esta es la manifestación pacífica que defiendes! ¡Basta de mentir! La historia te juzgará”.

Bien, Venezuela tiene otra poderosa arma para enfrentar el “Plan Almagro”: la movilización masiva y combativa del chavismo. Hoy los patriotas revolucionarios cogerán calle otra vez.

 

(VIDEO+TESTO) Delcy Rodríguez al Consiglio Permanente OSA

Risultati immaginida Embaveneit

Discorso del Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela
Delcy Rodríguez
al Consiglio Permanente dell’OSA

Sede dell’OSA-Washington-USA
Lunedì, 27 marzo 2017

Presidente del Consiglio Permanente:

Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori.

Ministro, le diamo il benvenuto nello spirito di dialogo, rispetto della democrazia e del diritto costituzionale emanati nei principi di base dell’OSA.

Durante la mia cerimonia d’insediamento come Presidente del Consiglio Permanente, Il 27 gennaio 2017, ho manifestato l’impegno a rispettare la Carta Democratica e gli altri strumenti interamericani e il loro funzionamento. Ho dichiarato che avrei lavorato incessabilmente per continuare a costruire i quattro pilastri di quest’organizzazione: Sviluppo Integrale, Sicurezza Multidimensionale, Diritti Umani e Democrazia. In quell’opportunità ho affermato che non ci può essere sviluppo senza la pace e la sicurezza nel nostro Emisfero; non ci può essere sviluppo economico sostenibile senza la stabilità politica e il rispetto dei diritti umani in tutti i settori della società che partecipano attivamente al medesimo sviluppo.

La nostra Carta Democratica stabilisce che la democrazia è essenziale per lo sviluppo sociale, economico e politico dei popoli delle Americhe. Il Ministero degli Affari Esteri, che lei rappresenta, Signora Ministro, si unisce al nostro processo in un momento importante in cui la solidarietà e la cooperazione tra i nostri stati ha bisogno di maggiore collaborazione che deve basarsi sull’esercizio efficace della democrazia rappresentativa e sulla crescita economica, così come sullo sviluppo sociale che ha le sue radici nella giustizia, nell’uguaglianza, nella democrazia, che sono interdipendenti e si rafforzano mutuamente.

È giusto che il Ministro degli Esteri possa avere voce nel Consiglio Permanente perché un dibattito efficace e il dialogo promuovono comprensione, rafforzano l’inclusione e la solidarietà, due principi che sono nel midollo dell’OSA. L’isolamento e la separazione non producono nessun beneficio agli Stati membri e ai suoi cittadini, pertanto, è giusto che lo Stato al centro delle tematiche di dibattito sulla sovranità, la democrazia costituzionale e lo stato di diritto, possa parlare in questo Consiglio Permanente.

Come Organizzazione abbiamo deciso di basare i nostri documenti fondanti su determinati principi, il cui spirito intende migliorare la pace, la stabilità, la partecipazione, lo sviluppo nelle nostre società.

Quando l’OSA è stata creata, nel 1948, l’Emisfero ha visto i benefici di un organismo che, grazie alla sua collettività, disponeva degli strumenti per raggiungere questi obiettivi piuttosto che individualmente. Gli Stati hanno visto nel multilateralismo e nella cooperazione di quest’organizzazione, un aiuto per risolvere le complesse problematiche che i nostri paesi affrontano. Questo Emisfero ha sofferto molte battaglie civili ed economiche, nonostante le ideologie politiche ed economiche. È innegabile che tutti cresciamo e ci sviluppiamo passando per la sofferenza. A beneficio di tutti i nostri popoli, bisogna trovare un’alternativa mantenendo aperti i canali di comunicazione. Dobbiamo discutere e riconciliare le nostre differenze per risolvere in modo pacifico e rispettoso le divergenze, pertanto Ministro Rodríguez, le do nuovamente il benvenuto e ribadisco l’impegno non solo di mantenere il dialogo con la Repubblica Bolivariana del Venezuela, ma con tutti gli Stati membri di quest’organizzazione, per i migliori interessi di tutti. Passo la parola al Ministro.

Ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez:

Grazie, Onorevole Ambasciatore Patrick Andrews, Presidente del Consiglio Permanente dell’OSA, Luís Almagro, Segretario Generale dell’OSA, illustri Ambasciatori, rappresentanti permanenti di quest’organizzazione, signore e signori.

Prima di tutto, dopo aver ascoltato le parole del Presidente di questo Consiglio, devo precisare che il Venezuela ha richiesto e ha ottenuto che questo Consiglio Permanente si riunisse oggi con l’obiettivo di denunciare le gravi azioni interventiste commesse, all’interno di quest’organizzazione, dal Segretario Generale e da una fazione minoritaria di alcuni paesi della nostra regione.

Ci troviamo nel Salone Simón Bolívar, e onoriamo i precedenti storici che hanno dato vita al concetto del progetto Bolivariano per il popolo della Patria Grande. Avevamo già dichiarato, l’anno scorso in questa stessa sala, che ci sono due modelli contrapposti e antagonisti in quest’organizzazione: il progetto Bolivariano, fondato sull’unione della Patria Grande, basato proprio sulla difesa e l’ampliamento dell’indipendenza e della sovranità dei nostri paesi; e un progetto espansionista dal punto di vista territoriale, culturale, militare e mediatico operato dal Nord egemone.

Rivolgo queste parole in nome del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros e del popolo venezuelano, allarmati dalle gravi azioni che si stanno commettendo dall’interno dell’Organizzazione degli Stati Americani contro il nostro paese.

Osserviamo con preoccupazione e allarme che, il Segretario Generale Luis Almagro, da quando svolge questa funzione, ha dedicato la sua amministrazione ad attaccare ossessivamente il Venezuela e il suo popolo. Il suo atteggiamento illecito, unilaterale, arbitrario, fuorviante e di parte ha portato, durante la 46° Assemblea Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani tenutasi il 13 giugno 2016 nella Repubblica Dominicana, all’approvazione di una risoluzione derivata dalla profonda preoccupazione espressa dai ministri degli esteri della regione riguardo l’atteggiamento fuorviante di Luis Almagro. Così hanno deciso di vigilare, in maniera continua, in un Consiglio Permanente, sul comportamento del Segretario Generale e sul suo rispetto delle istituzioni e dei regolamenti dell’OSA.

Dobbiamo fare la storia, i popoli del mondo devono sapere come questo discutibile personaggio è arrivato alla Segreteria Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani. Il presidente Nicolás Maduro aveva già avvertito l’amico presidente José Pepe Mujica delle irregolarità politiche del suo ministro degli Esteri Luis Almagro, al servizio dei settori imperialisti. Sapevamo che agiva come agente degli interessi degli Stati Uniti, ed è stato grazie all’intervento del presidente Mujica, che ha garantito al presidente Maduro che mai e poi mai Almagro avrebbe attaccato il Venezuela, che il presidente Maduro ha deciso di dare il suo appoggio per la sua elezione. È stata la cronaca di un tradimento annunciato.

Luis Almagro è entrato in carica il 26 maggio del 2015, dopo soli quindici giorni ha iniziato con gli attacchi e le aggressioni contro il Venezuela. Era arrivato con un chiaro mandato a quest’organizzazione, il primo era porre fine alla rivoluzione Bolivariana; il secondo, sostituire il governo del presidente Maduro e dare sostegno internazionale alle azioni violente dell’estrema destra venezuelana, minando la sovranità e lo Stato di diritto attraverso la destabilizzazione del paese. Dopo la scomparsa fisica del nostro caro e amato Comandante Presidente Hugo Chávez, leader della Rivoluzione Bolivariana, ha intensificato il piano per assediare il Venezuela.

Sono state attuate azioni che hanno provocato un blocco finanziario contro il nostro paese. Le esigue forze produttive private si sono raggruppate per boicottare la commercializzazione e la distribuzione di alimenti e medicine. Si è acuito il contrabbando d’estrazione dei beni essenziali verso la Colombia e il valore della moneta venezuelana, rispetto alla valuta statunitense, è stato manipolato attraverso un marcatore fittizio e virtuale al confine con la Colombia.

Quest’aggressione economica multiforme contro il Venezuela, è stata accompagnata dai poteri di fatto internazionali, finanziari e mediatici, incoraggiati da un piano articolato e sostenuto da Washington.

Almagro non agisce solo né per se stesso, ma seguendo i mandati dettati da questa città, e la sua gestione vede la complicità di una piccola fazione di un gruppo di paesi all’interno dell’OSA. Li unisce un obiettivo: creare l’idea, nella comunità internazionale, che in Venezuela sta accadendo qualcosa di grave per giustificare l’intervento in tutte le sue dimensioni.

Le norme generali per il funzionamento della Segreteria Generale stabiliscono che, chi svolge quest’incarico deve farlo con integrità, indipendenza e imparzialità. Queste sono esattamente le caratteristiche che il signor Almagro non possiede. Manca d’indipendenza, quando si sottomette volontariamente agli interessi dello stato più potente di quest’organizzazione e agisce come un suo funzionario burocratico, un operatore propagandistico, un assistente politico o come il suo estorsore locale. Manca d’integrità quando viola le norme dell’Organizzazione. Contravviene al diritto internazionale quando utilizza a proposito informazioni false. Contraddice apertamente le decisioni degli Sati Membri e minaccia chi non lo segue nella sua agenda di distruzione contro il Venezuela. Manca anche d’imparzialità nel momento in cui, senza alcuno scrupolo, mette in moto una campagna contro il Venezuela con le risorse di quest’Organizzazione per destabilizzare il paese e, allo stesso tempo, ignora le violazioni commesse da parte di quello stesso paese che gli paga lo stipendio. Il signor Almagro fa parte di una genesi infamante di Segretari Generali come Carlos Dávila, che nel 1954 ha sostenuto l’invasione del Guatemala di Jacobo Arbenz, o José Antonio Mora, che nel 1965 ha consentito l’invasione della Repubblica Dominicana.

Non sbaglio affermando che il Signor Almagro è un bugiardo, disonesto, farabutto e mercenario. Un traditore di tutto ciò che rappresenta la dignità di un diplomatico latinoamericano.

Voglio esporvi, con una presentazione, la campagna contro il Venezuela di chi oggi ricopre l’incarico di Segretario Generale.

Da quando Almagro è entrato in carica come Segretario Generale nel maggio del 2015, ha dedicato il 21% delle sue pubblicazioni su Twitter, ovvero uno su cinque dei suoi tweet, contro il Venezuela. Il 21% dei suoi tweet li dedica al Venezuela e la restante parte all’agenda emisferica.

Dal 14 al 24 marzo di quest’anno, durante le incessanti piogge che hanno colpito il vicino popolo del Perù, il Segretario Almagro ha dedicato il 73% dei suoi tweet alla campagna contro il Venezuela e il resto, ovvero quattordici tweet, all’agenda generale dell’OSA.

Ecco alcuni esempi dei tweet più vergognosi di tale personaggio. Ha chiamato “dictadorzuelo” ovvero dittatore e ladro il capo di Stato del Venezuela, inoltre quest’organizzazione si è allontanata dall’essere un’organizzazione intergovernativa in cui il Segretario Generale lavora con i settori più estremisti del Congresso statunitense.

Ci sono i tweet offensivi e altri tweet pubblicati da personaggi che attaccano e aggrediscono direttamente il popolo venezuelano. In una lettera del 18 maggio poi, raggiunge i massimi livelli di volgarità contro il Capo dello Stato e Presidente, Nicolás Maduro.

Non soddisfatto, c’è poi la partecipazione il 12 e 13 maggio 2016 in un forum dove apertamente l’ex presidente colombiano Uribe, invoca all’occupazione del territorio venezuelano da parte un esercito straniero. Questo tipo di atteggiamento è davvero molto grave.

Inoltre, il Segretario ha sostenuto, tra il 2016 e il 2017, ventisei riunioni con l’opposizione venezuelana, di cui il cinquantasette per cento con i militanti di Voluntad Popular, fazione dell’estrema destra violenta del nostro paese.

Per quanto riguarda i suoi viaggi, che sono anche elencati in questa presentazione, il signor Almagro, dal 4 al 7 settembre 2015 si è recato in Colombia. Il 14 gennaio 2016 in Italia. L’8 marzo in Cile. Giorno 11 aprile negli Stati Uniti, a Miami. Il 13 maggio a Miami. Dal 13 al 15 nella Repubblica Dominicana, dal 12 al 15 luglio in Paraguay. Il primo settembre 2016 in Georgia, Stati Uniti. Dal 20 al 21 settembre 2016 a New York, Stati Uniti. Il 5 ottobre 2016 in Paraguay. Il 6 ottobre 2016 in Brasile, il 21 ottobre a Miami, Stati Uniti. Dal 14 al 16 dicembre 2016, a Ottawa, in Canada. Il 24 gennaio 2017 in Belgio, Bruxelles. Dal 26 al 25 gennaio 2017 in Spagna. E in tutte queste visite e tutti questi viaggi il Signor Almagro ha fatto dichiarazioni contro il governo del Venezuela.

Voglio indicare inoltre le norme che sono state violate dall’atteggiamento offensivo, illecito, arbitrario e parziale del Signor Almagro.

L’Articolo 1 della Carta dell’OSA. Vorrei sottolineare che l’Organizzazione degli Stati Americani non ha nessun’altra competenza se non quelle espressamente conferitegli dalla presente Carta. Nessuna disposizione la autorizza a intervenire negli affari della giurisdizione interna degli Stati Membri.

L’articolo 107 e l’articolo 118, voglio sottolineare che nello svolgimento delle loro funzioni il signor Almagro e il personale della Segreteria, “non richiederanno né accetteranno istruzioni da alcun governo né da alcuna autorità estranea all’Organizzazione”. Il contrario è accaduto in ciascuno dei suoi viaggi, il contrario è accaduto quando si è riunito con i membri del Congresso, esponenti delle fazioni più estremiste del Congresso degli Stati Uniti, dove viene detto ciò che devono fare contro il Venezuela. “Essi si asterranno da ogni atto incompatibile con il loro status di funzionari internazionali responsabili solo di fronte all’Organizzazione”. Da qui deriva il principio di responsabilità di questo funzionario, la responsabilità internazionale nell’esercizio delle sue funzioni.

Inoltre, ai ministri degli Esteri nell’Assemblea Generale dell’OSA, durante una riunione realizzata nella Repubblica Dominicana, è stato chiesto di riconsiderare l’aderenza a queste norme, violando in questo modo anche le norme generali per il funzionamento della Segretaria Generale.
Articolo 29. Indipendenza nell’adempimento dei doveri. “Nell’adempimento dei loro doveri, i membri del personale non solleciteranno né accetteranno istruzioni da alcun governo né da alcuna autorità estranea all’Organizzazione”.

Articolo 139. “Il Segretario Generale e il suo Vice, si asterranno da qualsiasi azione, sia questa proibita o meno nelle suddette norme, che possano provocare o dare l’impressione della perdita completa d’indipendenza o assenza d’imparzialità nelle sue rispettive attuazioni”.

Il Venezuela ha dimostrato chiaramente, come queste norme siano state costantemente e sistematicamente violate dal signor Almagro.

Adozione di decisioni amministrative senza rispettare le procedure amministrative, tutto ciò a discredito del buon nome e dell’integrità della Segreteria Generale. Pertanto la Segreteria Generale è screditata.

Ciò che sta accadendo è realmente preoccupante.

Nel marzo 2015 l’OSA è caduta di fronte all’uso della forza da parte di un Paese Membro di quest’Organizzazione, un paese che è anche il più potente, la forza militare più potente del mondo che ha approvato un ordine esecutivo firmato dall’ex presidente Barack Obama che considera il Venezuela come una minaccia per la sicurezza e la politica estera degli Stati Uniti.
In seguito, nell’ottobre dello stesso anno, il Capo del Comando Sud degli Stati Uniti, ha dichiarato l’intenzione del suo paese d’invadere militarmente il Venezuela nell’eventualità di una crisi umanitaria che lo potesse giustificare.

Due forze all’interno dell’OSA hanno lavorato in questa direzione.

Ritornando al tentativo interventista che ha segnato la sua azione perniciosa nella storia dell’Emisfero, da un lato il suo Segretario Generale lavora instancabilmente per dichiarare la crisi umanitaria in Venezuela, la mancanza della democrazia e la violazione dei diritti umani. Dall’altro lato, un piccolo gruppo di paesi oppositori politici e ideologici della Rivoluzione Bolivariana, hanno implementato una sorta di diplomazia blanda articolata con l’ossessivo estremismo di Almagro, ma indissolubilmente legata al suo intento di danneggiare l’immagine internazionale del Venezuela per compromettere le relazioni con altri paesi della regione, e di etichettare il Venezuela come un paese problema che deve essere affrontato e risolto in fretta.

La storia dell’OSA è segnata da una serie di volgari interventi nel nostro Emisfero a favore del paese del Nord egemone. Uno strumento diplomatico attraverso cui gli Stati Uniti attuando come una macchina militare, commerciale, culturale e finanziaria, non solo hanno imposto il loro modello di depredazione, ma hanno anche sottoposto interi popoli alla più infame violazione dei diritti umani.

L’OSA è nata con questi due modelli contrastanti e in opposizione: il progetto di Monroe, di espansione territoriale e dominio imperialista, contro il progetto Bolivariano profondamente indipendentista e sovrano.

Nel 1962, una situazione simile a quella che sta accadendo oggi è stata vissuta nella Regione, un conclave immorale aveva decretato l’esclusione di Cuba per la sua natura ideologica. Cuba era stata criminalizzata ed economicamente assediata, provocando un blocco che ormai esiste da più di cinque decenni. Gli errori storici commessi da questo conclave immorale, così come era stato definito dall’Immortale Comandante Fidel Castro Ruz, hanno creato sofferenza, penuria e angoscia al popolo cubano. Tutto ciò ha portato, contrariamente a quanto previsto dal Ministero delle Colonie dell’epoca, a una storia di resistenza e dignità mai visto prima nel nostro continente.
Esprimiamo il nostro riconoscimento eterno al popolo di Cuba, per la sua resistenza, dignità, coraggio contro queste pretese che oggi rappresentano le forze oscure schierate contro il Venezuela.

Il silenzio complice dell’OSA ha avallato quasi cinquanta colpi di stato nella Regione, a partire dalla sua fondazione nel 1948, data macchiata con il sangue del leader Jorge Eliécer Gaitán. I colpi di stato sono stati organizzati dalla CIA contro il governo costituzionale di Jacobo Arbenz in Guatemala, nel 1954; il crudele e sanguinoso colpo di Stato di Stroessner in Paraguay; il colpo di stato contro il presidente Joao Goulart nel 1964 in Brasile. Nel 1973, nella più antica democrazia nel nostro continente dell’epoca, Augusto Pinochet rovesciò sanguinosamente il nostro amato presidente Salvador Allende.

L’OSA non ha mai condannato il colpo di stato contro il Comandante Chávez nel 2002. Nel 2011 il colpo di stato parlamentare contro Fernado Lugo, questo ciclo di vergogna e umiliazione si chiude nel 2016 con uno dei capitoli più vergognosi della nostra storia, il colpo parlamentare contro il presidente Dilma Rousseff.

L’OSA nel 1954 ha consentito apertamente l’invasione del Guatemala, nel 1961 l’invasione di Cuba, nel 1965 ha appoggiato l’invasione della Repubblica Dominicana, nel 1983 ha sostenuto l’invasione di Grenada. Tutti questi crimini sono stati commessi dagli Stati Uniti con l’approvazione o la silenziosa complicità dell’OSA. Quest’organizzazione ha ignorato la repressione dei governi neoliberali contro i movimenti popolari, progressisti e di sinistra così come ha ignorato l’uccisione di migliaia di leader contadini, popolari e attivisti per i diritti umani.

Per sua informazione signor Segretario, nel caso specifico del Venezuela, nel periodo della quarta repubblica ai cui leader lei oggi dà il suo sostegno internazionale, si contarono più di 10.000 vittime, delle quali 459 per sparizioni forzate e 1425 assassini per motivi politici, tra i quali anche l’assassinio obbrobrioso di mio padre Jorge Rodríguez. La Commissione Interamericana per i Diritti Umani non fa alcun riferimento a questi atti criminali. L’OSA da allora è diventata un’organizzazione disfunzionale che trasgredisce lo stato di diritto internazionale, e mina i modelli democratici non in linea con gli interessi e le pretese del paese egemone.

È stato possibile trasformare la natura di quest’organizzazione con una natura interventista, legata per motivi fiscali agli Stati Uniti, che fornisce il 60% del suo bilancio totale, ma anche all’Europa, che rappresenta il 30% del bilancio per fondi specifici. Per queste e per altre vie immorali tentano di sottomettere gli Stati membri al ricatto vile dei centri imperialisti che minacciano i governi della regione.

Il progetto Bolivariano, fedele alle radici indipendentiste che gli hanno dato origine, si pone come una vera e propria minaccia per quest’organizzazione, oggi non si sta cercando di punire o sanzionare il Venezuela, ma si cerca di far scomparire questo modello che promuove la difesa della sovranità, di una democrazia esercitata direttamente dal popolo, dell’indipendenza e dell’autodeterminazione dei popoli, della giustizia sociale inclusiva e della solidarietà internazionale intesa come l’esercizio per i rapporti tra gli Stati.

Siamo una minaccia per il sistema di privatizzazione dell’istruzione e della sanità perché oggi con 30 milioni di abitanti, siamo il quinto paese al mondo con il più alto numero di iscritti al sistema educativo e il nostro sistema di sanità pubblica assiste oltre l’82% della nostra popolazione. Nel 50% del paese questa copertura raggiunge già il 100%.

Siamo una minaccia per i monopoli alimentari globali perché conducendo una battaglia contro l’economica disuguale, abbiamo creato un programma popolare per sostenere dal punto di vista alimentare il nostro popolo. E, oggi, in un solo anno dalla creazione di questo nuovo modello di distribuzione e produzione di alimenti, abbiamo prestato assistenza a 6 milioni di famiglie.

Siamo una minaccia per la privatizzazione della cultura perché abbiamo rafforzato la musica e la poesia in Venezuela. Ottocento mila bambini e giovani del nostro Paese fanno parte del più grande sistema di orchestre sinfoniche del mondo e di maggior successo. Siamo un pericolo per i governanti oligarchi, perché in 16 anni siamo passati da avere 300 mila pensionati a 3 milioni fino a raggiungere, nel 2017 grazie alla Rivoluzione Bolivariana, il 95% della popolazione pensionabile, pagando il debito storico di 40 anni di negligenza in materia di sicurezza sociale.

Siamo una minaccia per l’atroce capitalismo perché abbiamo democratizzato e trasferito la ricchezza al popolo e abbiamo investito il 74% delle entrate del paese nel sociale. Di fronte alla cospirazione più brutale contro la nostra economia, oggi il programma delle Nazioni Unite ci pone tra i paesi del mondo, con il più alto livello di sviluppo umano nel rapporto che è stato pubblicato pochi giorni fa, il 24 marzo scorso, al di sopra di quasi tutte le nazioni di questo continente. Ciò significa, che 7 dei 14 paesi firmatari del vergognoso comunicato del 23 marzo, che minaccia l’imposizione di sanzioni contro il Venezuela, hanno un indice di sviluppo umano più basso del paese che cercano di punire.

Mentre il Venezuela si è classificato al 71° posto, tra i 7 paesi che fanno parte dei 14 che hanno firmato il comunicato: il Messico è al 77° posto, il Brasile al 79°, il Perù all’87 °, Colombia al 95°, Paraguay al 110°, Guatemala al 125° e Honduras al 130°. Ci chiediamo se un giorno firmeranno un comunicato per auto-sanzionarsi perché il loro livello di sviluppo è inferiore a quello del Venezuela.

Il Venezuela è al centro delle politiche nazionali e internazionali degli Stati Uniti. Da un lato è diventato uno strumento di transazione tra l’amministrazione e i settori estremi del congresso statunitense finanziati dall’estrema destra e dall’oligarchia venezuelana. Dall’altro lato è stato preso come un oggetto di negoziazione tra la nuova amministrazione e i governi di destra nella regione per mitigare i timori di questo fronte riguardo una nuova classe dirigente.

Il nostro modello sociale d’integrazione equo e di commercio giusto, è un fattore di stabilità e di pace in questo continente. Vogliamo evidenziare i pericoli che potrebbero generarsi dal proseguimento di questo piano interventista e destabilizzante contro il Venezuela.

Così era stato anticipato dal Comandante Chávez quando sosteneva che eravamo un fattore di stabilità e che potevamo progettare i nuovi meccanismi per garantire l’unità e l’equilibrio latinoamericano e caraibico, muovendoci collettivamente verso il benessere e la giustizia sociale, nel bel mezzo della terribile crisi del capitalismo predatore globale. Lo disse anche Juan Domingo Perón: “Il XXI secolo ci troverà uniti o ridotti in schiavitù”. Nonostante un secolo di saccheggio e dominazione imperialista, il XXI secolo non ci ha trovati schiavi ma invece in lotta per la liberazione, per la sovranità e il diritto di costruire il nostro futuro e l’indipendenza definitiva della Patria Grande.

Di fronte a questo modello, sorgono come una speranza all’orizzonte per l’integrazione e l’unione dei popoli: la Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi, l’Unione delle Nazioni Sudamericane, l’Alternativa Bolivariana per le Americhe e il Trattato sul Commercio e Petrocaribe.

Ciò che l’OSA non ha potuto costruire attraverso un dialogo genuino tra i paesi in cooperazione e solidarietà internazionale, è stato rivendicato da questi nuovi meccanismi che esprimono lo spirito del nuovo mondo immaginato dal Libertador Simón Bolívar.

Bolívar lo aveva immaginato, José Martí lo aveva sognato e Chávez lo ha forgiato con il gruppo di leader e donne leader del nostro continente e, tra loro, il Comandante Fidel Castro. Questa visione è incarnata dalla CELAC, nell’ALBA, nell’UNASUR e in Petrocaribe. Siamo sicuri che, prima o poi, anche le fazioni golpiste e intolleranti all’interno del MERCOSUR saranno sconfitte.

Con la CELAC, abbiamo dato vita a una comunità di nazioni latinoamericane e caraibiche, abbiamo redatto una dichiarazione che decreta il nostro territorio come un territorio di pace, tutela il diritto alla pace come un diritto sacro dei popoli. Oggi Petrocaribe e l’ALBA hanno ottenuto risultati straordinari a favore del diritto allo sviluppo e per il bene dei popoli. Voglio solo menzionare alcuni dei risultati straordinari ed eccezionali ottenuti da questi meccanismi.

Petrocaribe fin dalla sua creazione, il 29 giugno 2005, ha aumentato il PIL dei paesi che ricevono la fornitura di idrocarburi passando da 143.377 milioni di dollari a 216.806 milioni di dollari, ciò implica un incremento del 51,2%. Durante il 2016 la fornitura era pari a 14 milioni di barili per un importo di 800 milioni di dollari, di cui sono stati finanziati a lungo termine 300 milioni.

Dopo 11 anni di lavoro è aumentata nella regione la capacità di stoccaggio di idrocarburi di 652.000 barili e la capacità di trasporto marittimo a 980.000 barili. Inoltre è stato creato un circuito di raffinazione dei Caraibi, con capacità di trattamento di 135.000 barili giornalieri, distribuiti tra Giamaica, Cuba e Repubblica Dominicana. Abbiamo raggiunto 350.000 milioni di barili di petrolio corrispondente a un fatturato di 30.933 milioni di dollari, circa la metà fanno parte del finanziamento a lungo termine.

Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica, è aumentata la produzione di elettricità a 447 mega watt distribuiti a Haiti, St. Kitts e Nevis, Giamaica e Nicaragua. Sono state finanziate fonti alternative di energia, grazie alla creazione di un parco eolico in Nicaragua, uno in Giamaica e l’installazione di generatori di energia a bassa potenza e pannelli solari. Questo meccanismo di cooperazione ha anche permesso una compensazione commerciale in scambi di prodotti per 3,5 milioni di tonnellate di prodotti provenienti da Nicaragua, Repubblica Dominicana, Giamaica; che hanno pagato le bollette attraverso alimenti, medicine e altri servizi.

Ascoltate bene, in ambito sociale, abbiamo ottenuto dei risultati che non sono graditi al modello neoliberista né alle oligarchie della nostra regione: sono stati sviluppati 757 progetti, per un totale di un investimento vicino ai 7 miliardi e 500 milioni di dollari, il 60% dei quali ha finanziato progetti di produzione, distribuzione dell’energia elettrica e viabilità.

Risultati congiunti di Petrocaribe e l’ALBA: fino ad oggi grazie alla Misión Milagro si è prestata assistenza a 3 milioni 642 mila 623 persone con problemi legati alla vista; 1 milione 285 mila 87 persone disabili; sono stati assegnati 1.075 aiuti tecnici e sono state fatte 2 milioni 30 mila visite mediche gratuite a persone disabili. Nel settore della cardiologica infantile, il Venezuela, ha ricevuto pazienti da tutta la regione, eseguendo 10.446 interventi; 3 milioni 815 mila 92 persone sono state alfabetizzate nella regione; e di questi 3 milioni 815 mila, 1 milione 174 mila persone hanno completato la loro istruzione obbligatoria.

Vogliamo anche sottolineare che, grazie alla collaborazione di Cuba, sono stati dichiarati territori liberi da analfabetismo: Antigua e Barbuda, Bolivia, Nicaragua e Venezuela. Questo rappresenta la visione del nuovo mondo del nostro liberatore, idea che è stata poi ripresa dai grandi eroi della nostra patria, della Patria Grande latinoamericana, dal Comandante Chávez e Fidel Castro. Questo modello sorge come una speranza all’orizzonte per l’integrazione e l’unione dei popoli.

Illustri delegati, intendiamo respingere, nella sua interezza, la strategia del signor Luis Almagro e le infami dichiarazioni riportate nel rapporto contro il Venezuela, presentato il 23 giugno 2016 e il rapporto che è stato presentato qualche giorno fa in quest’organizzazione.

Vorrei attirare la vostra attenzione sulla menzogna organizzata dal Segretario, in combutta con un piccolo gruppo di paesi; ancora una volta una fazione minoritaria all’interno dell’OSA ha ingannato e manipolato i paesi dicendo che: “Il Venezuela non sarebbe stato sanzionato”, “né sarebbe stata attivata contro il paese la Carta Democratica”, invece poi abbiamo ascoltato il contenuto del rapporto presentato dal Segretario Generale.

Il risultato è stato conforme alle regole dell’organizzazione: è stata presa nota non solo della lettura del rapporto, ma anche degli interventi di solidarietà a favore del Venezuela, del suo governo e del suo popolo, tradotto dal gergo diplomatico questo significa che “è stato accantonato”.

Nonostante ciò, Almagro, l’oligarchia venezuelana e la destra continentale, hanno dichiarato falsamente l’attivazione della Carta Democratica contro il Venezuela; scatenando la partecipazione di settori venezuelani, estremisti e violenti, contro il dialogo promosso dal Presidente Maduro, accompagnato dall’Unasur, dal Santo Padre e dagli ex presidenti Fernández, Torrijos e Zapatero; dialogo che ha avuto anche il sostegno della maggioranza dei paesi di quest’organizzazione.

Almagro è diventato un militante contro il dialogo in Venezuela e ne abbiamo le prove; ha comunicato direttamente con l’opposizione venezuelana, dicendo: “Non dovete dialogare perché abbiamo attivato Carta Democratica”.

Così è andato contro le sue funzioni essenziali come funzionario con responsabilità internazionale. Da quest’organizzazione voglio ringraziare per la lettera che, in qualità di ministro degli Esteri, ho ricevuto oggi da parte degli ex presidenti Zapatero, Torrijos e Fernández in cui confermano il proprio impegno per il dialogo in Venezuela. Siamo anche grati al vostro sostegno onesto, dimostrato dalla maggior parte dei paesi della regione, a favore di un dialogo proficuo nel nostro paese.

A causa di questa campagna feroce e senza precedenti scatenata contro il Venezuela, avvertiamo la comunità internazionale di non farsi ingannare da false dichiarazioni secondo cui l’intenzione non è attaccare il Venezuela ma piuttosto discutere della situazione nel paese.

Ma io mi domando, che tipo di situazione, quella che hanno costruito con gli attacchi multiformi all’economia venezuelana per causare penuria e sofferenza contro un popolo, così come l’hanno fatto contro Cuba nel 1962 e contro Salvador Allende nel 1973, per ottenere la sua sconfitta.

A dispetto di questo macabro piano contro il Venezuela, contro il popolo venezuelano, Almagro e questo piccolo gruppo di paesi guidati dai centri imperialisti del potere, hanno ignorato i rapporti positivi che le agenzie specializzate delle Nazioni Unite come l’UNICEF, la FAO, UNDP Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, hanno presentato sul Venezuela. Inoltre l’ONU ha recentemente approvato il secondo esame periodico universale con un pieno riconoscimento al suo modello di diritti umani. Non sono riusciti a distruggere il Venezuela e non saranno in grado di farlo.

Il secondo rapporto pubblicato da Luis Almagro, violando le più elementari norme di quest’organizzazione non è un aggiornamento, ma la composizione di una complessa strategia d’intervento con azioni immediate nel medio e lungo termine. Nonostante si richieda nuovamente la sospensione del paese, come effetto giuridico, questo rapporto non è l’obiettivo della sua missione, ma un’azione in più nell’escalation della sua proposta contenente un piano interventista autentico e specifico contro il Venezuela.
Avvertiamo il mondo che tale intervento non sarebbe più solo per rovesciare il governo costituzionale del presidente Nicolás Maduro, ma per sviluppare uno schema interventista complesso, che intende non soltanto insediare un altro governo per soddisfare le aspirazioni dei settori dell’opposizione, ma anche permettere il rafforzamento di tutti i gruppi e settori che seguono la sua scia.

Quest’agenda –ascoltate- è diversa dalla strategia dello scorso anno, perché apre diverse vie d’intervento a lungo termine, che si tratti dell’abbandono in Venezuela del modello di diritti umani mediante la realizzazione di un altro modello, concorde con la strategia e l’offensiva neoliberista che mira a far tornare in condizioni di povertà milioni di cittadini, a favore del beneficio esclusivo delle oligarchie, rendendo la nostra regione una delle più diseguali del mondo.

In questo contesto, il Venezuela e l’Uruguay, paese di origine del Segretario Generale, condividono il primo posto nella regione come i paesi meno diseguali del nostro continente. Inoltre voglio evidenziare che, a questa strategia, si sommano le azioni del gruppo di quattordici paesi che hanno firmato l’infamante comunicato, fortemente interventista che promuove l’offensivo rapporto presentato da Almagro, così come la convocazione per la giornata di domani, di un Consiglio Permanente in cui si intende discutere della situazione del Venezuela senza che il paese interessato ne sia a conoscenza. Invitiamo questi stati ad abbandonare questo piano interventista e destabilizzante orchestrato dal paese egemone del nord contro la nostra Patria.

Con la convocazione spuria di questo Consiglio Permanente sono state violate le norme fondamentali della Carta dell’Organizzazione degli Stati Americani e le regole essenziali nella procedura di convocazione di riunioni di questo tipo. Si tratta di un’organizzazione alla deriva, senza bussola istituzionale. Il deragliamento assoluto delle sue regole, viene da un passato nefasto e costituisce un futuro fallimento.

Alcune ore fa il Tribunale Supremo di Giustizia della Repubblica Bolivariana del Venezuela, ha emesso una comunicazione che esorta il governo a richiedere la rimozione di Luís Almagro nell’assemblea generale, ai sensi dell’articolo 116 della Carta dell’OSA. Si richiede inoltre al Segretario Generale di rispettare il processo di dialogo che si sta attuando nella Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Infine il Venezuela annuncia che promuoverà l’organizzazione di alcuni consigli permanenti per:

1. Valutare le azioni del Segretario Generale secondo quanto stabilito dalla risoluzione approvata dall’assemblea generale dell’OSA, realizzata nel giugno 2016 in Repubblica Dominicana, che affronti anche l’uso illecito delle risorse dell’organizzazione e delle sue strutture a fini personali e di parte;

2. Discutere della situazione concernente i migranti che si trovano negli Stati Uniti e il muro;

3. Trattare della solidarietà e del sostengo al popolo peruviano, per le incessanti piogge che hanno colpito la fraterna popolazione;

4. Discutere dei cambiamenti climatici che interessano i piccoli Stati insulari dei Caraibi e l’Amazzonia;

5. Trattare l’attuazione degli accordi di pace in Colombia.

Tutti questi temi sono importanti per le popolazioni dell’Emisfero. Inoltre respingiamo le brutali minacce, manipolazioni e aggressioni che dai centri del potere statunitense vengono commesse contro i governi dei paesi fratelli che mantengono una posizione obiettiva su quanto realmente sta accadendo in Venezuela.

Allo stesso modo, annunciamo che, se gli attacchi e le aggressioni contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela proseguiranno, saranno prese azioni severe e decisive. Come avrebbe detto il gran argentino Julio Cortázar, quando infuriava l’aggressione contro la rivoluzione cubana, “Siamo nel tempo degli sciacalli e delle iene. Gli sciacalli vengono per le nostre ricchezze, le iene per gli avanzi della festa”.

Dall’anima Bolivariana del Venezuela, diciamo, siamo nel tempo dei coraggiosi e dei degni, non potranno vincere contro la forza inarrestabile dei nostri liberatori, eroi e martiri. È giunta l’ora per i popoli dell’America Latina e dei Caraibi e la costruzione della Patria Grande.

Chiudo parafrasando, il nostro grande Libertador Simón Bolívar, facciamo che l’amore unisca con un filo universale i figli dell’emisfero e che l’odio, la vendetta e la guerra, si allontanino dal nostro seno. Grazie mille.

Qui il testo in castigliano

___

Filius matris tua, Almagro

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Martes 28 de Marzo de 2017

Filius matris tua, Almagro

Hoy se dará en Washington la reunión del Consejo Permanente de la OEA en la que se debatirá sobre la situación de Venezuela y que tendrá como ejes el informe de Luis Almagro y la intervención de Delcy Rodríguez el día de ayer. Comencemos por decir que hay poco de nuevo bajo el sol, es la misma lucha en la que llevamos tanto tiempo enfrascados. Hablamos de todos nosotros, los pueblos de América Latina y el Caribe, de esta segunda guerra de independencia que se desarrolla bajo los términos y condiciones que impone la época actual. Lucha que es continuación de las de Villa, Zapata, Sandino, Bosch, Caamaño, Fidel, el Che, Chávez y tantos otros. La misma que se ha dado en medio de intervenciones cruentas e incruentas del imperialismo norteamericano, experto en dividirnos para vencernos, aunque la tarea de arrodillarnos, de rebajarnos a la abyección de la esclavitud, no ha podido ni podrá jamás coronarla, porque nunca nos hemos acostumbrado a ninguna derrota, no nos hemos resignado a pesar de tanta agresión, de tanta persecución, de tanta sangre. En esencia, nada ha cambiado, la reunión de hoy en la OEA es parte del mismo libreto.

En realidad, nos importa menos el resultado inmediato de esta reunión que el meollo real que reposa en el fondo del asunto. Es casi seguro (seguro está el infierno, dicen los malvivientes) que el informe de Almagro no tendrá como consecuencia la suspensión de Venezuela de la OEA. Nosotros creemos que es más trascendente la actitud desafiante, digna, irreductible que ha venido demostrando el Gobierno Bolivariano de Venezuela ante el odio del imperialismo y sus “Almagros”.

Hay algo que ha dicho Diosdado Cabello que no deja de ser interesante: “Yo creo que aplicar, que ellos consigan los 24 votos que le hacen falta y digan: ‘Venezuela está suspendida’, creo que nos harían hasta un favor, en verdad la OEA es algo que debió haber desaparecido hace muchos años”.

La OEA, decimos nosotros, no ha debido ni siquiera nacer algún día, lo hizo como una herramienta de dominación imperial, como uno más de los engranajes construidos para oprimirnos y explotarnos, así como su Escuela de las Américas, su consenso de Washington, su Alianza para el Progreso, sus misiones evangélicas, su USAID, su NED, su Comando Sur y pare usted de contar. Incluyamos aquí, por supuesto, su democracia representativa y sus elecciones burguesas, que aparecen ahora como el principal pretexto que usan, con el apoyo de sus lacayos, para chantajear a Venezuela. Nos montan una mega operación de guerra no convencional, con una intensa ofensiva político-económica, y pretenden someternos al escrutinio popular bajo esas condiciones ampliamente desventajosas para nosotros. Quieren usar todos sus instrumentos para acabar con la Revolución Bolivariana y con el legado de Chávez.

Para nosotros, ahí está el meollo de todo. Por eso nos felicitamos de tener a nuestro lado a la Cuba revolucionaria, que cuando hace poco vinieron a buscarla para reingresar a la OEA, les tiró un portazo en la cara a los hipócritas y se negó a formar parte de ese despropósito. Claro, para nosotros es una táctica política el seguir ahí, pero hay que irse preparando para mandarla al diablo cuando sea necesario.

La OEA es, en este momento, un medio de la derecha latinoamericana, no para decidir directamente la suerte de los países, carece de la fuerza para eso, sino para montar ollas político-mediáticas que contribuyan a ir construyendo los escenarios de intervención.

En cuanto a la Carta Democrática Interamericana, no es democrática un cuerno.
Está hecha para amparar sistemas constitucionales burgueses, como los que imperan en casi todo el mundo. Incluyamos aquí a la Constitución Bolivariana, que fue sin duda una innovación y un gran avance en el camino de transformaciones que hemos emprendido, pero que se queda corta en cuanto a lo que falta por cambiar. Algún día habrá que revisarla para que sea herramienta de una más profunda transformación institucional, que deje en claro las fórmulas que permitan un amplio desarrollo del Poder Popular y ahonde en la extensión de la participación del pueblo por encima de la mera representatividad. Y que incluya un sistema electoral que responda a esas necesidades.

El espíritu real de la OEA y de la Carta Democrática Interamericana queda establecido en una declaración del senador estadounidense Marco Rubio, quien anuncia un chantaje a varios países que se han negado a respaldar los despropósitos de Almagro, como Santo Domingo, El Salvador y Haití: “Estamos viviendo en un ambiente muy difícil en Washington, donde se están considerando recortes masivos a la ayuda en el extranjero y para nosotros va a ser bien difícil justificar la ayuda a estos países si ellos, al final del día, son países que no cooperan con la defensa de la democracia en la región”. Como aquel que escondió un tesoro y para protegerlo puso un cartel que rezaba “Aquí no está escondido un tesoro”, Rubio afirmó que “Esto no es una amenaza, pero es la realidad”. Si nos ponemos a ver, no le falta razón: esa es la realidad.

Entretanto, Almagro ha escrito: “La exclusión de un país de las naciones democráticas de América envía un claro mensaje político, económico y comercial a la comunidad internacional y a los principales actores económicos en un momento crítico: regimen non gratum”… Filius matris tua, Almagro (otro latinazo que se podría traducir como “el c… de tu madre, Almagro”.

En fin, vamos todos a la marcha antiimperialista de hoy. La Patria llama.

I movimenti sociali creano pagina Web contro l’ingerenza USA

oWbUqeaygzvKtLL-800x450-noPadda MPPRE

Caracas, 18 marzo 2017.- I Movimenti  sociali hanno aperto una pagina web nella quale tutti i venezuelani e gli altri cittadini del mondo possono manifestare il loro rifiuto alle azioni che il Segretario Generale della Organización de Estados Americanos (OEA), Luis Almagro, promuove contro la nazione Bolivariana.

Almagro ha presentato una nota informativa il 14 marzo passato, nelle quale chiede l’espulsione del Venezuela dalla OEA sulla base di giudizi di valore, che sposano il discorso dei portavoce dell’opposizione i quali promuovono l’intervento nelle questioni interne del Venezuela.

Attraverso il link goo.gl/Z7gPN coloro che rifiutano la violazione della sovranità venezuelana possono esprimersi e dovranno riempire un modulo con il proprio nome, cognome, paese, città di origine e infine, descrivere brevemente il motivo per il quale rifiutano “la Carta Democrática Interamericana” contro il paese.

In questo modo avranno accesso al documento che i 185 movimenti sociali hanno consegnato alla sede della OEA a Caracas, per denunciare l’atteggiamento interventista del suo Segretario Generale.

L’aderente alla Fundación Latinoamericana para los Derechos Humanos y Desarrollo Social (Fundalatin), Virginia King, ha dichiarato in una intervista telefonica con AVN, che le firme saranno raccolte solo attraverso questa pagina, “perché in questo modo certifichiamo la provenienza delle stesse ed inoltre rende più facile il processo che si inquadra anche nell’ambito del rispetto e della garanzia dei diritti umani”.

Ha aggiunto: “(Con las firmas) abbiamo l’obiettivo di creare una coscienza collettiva nella quale tutti possiamo costituirci in quanto difensori dei Diritti Umani, rispettando l’autodeterminazione del nostro popolo, per decidere del nostro destino e le redini del paese”

L’iniziativa sarà diffusa dalle reti sociali dei diversi movimenti organizzati nel paese, ed attraverso fori e dibattitti che si realizzeranno per informare sulle conseguenze della ingerenza imperiale. MPPRE/AVN

[Trad. in castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraq

Il Venezuela non sarà il nuovo Iraqdi Fabio Marcelli – ilfattoquotidiano.it


Altro che referendum revocatorio nei confronti del presidente  Nicolas Maduro. Consapevole delle crescenti difficoltà che comporta una scelta del genere, dettagliatamente regolamentata dalla
Costituzione bolivariana (art. 72), che pone precisi requisiti in termini di firme da raccogliere e di voti da esprimere, evidentemente fuori dalla portata della destra di opposizione, i leader di quest’ultima stanno rivolgendo chiari appelli agli Stati Uniti affinché intervengano militarmente contro il governo chavista. Il “la” al vergognoso coro di invocazioni della guerra l’ha dato un professionista dei crimini contro l’umanità come l’ex presidente colombiano Uribe.

D’altronde bisogna capirlo, il raggiungimento dell’agognato accordo di pace fra governo colombiano e Farc lo metterebbe fuori gioco, con la prospettiva di finire addirittura di fronte alla Corte penale internazionale per i suoi molteplici misfatti. Quindi tanto vale tentare di buttarla in caciara dando fuoco a tutta l’area. Sulla scia di cotanto campione della pace e della democrazia si sono succedute le querule richieste di aiuto di vari esponenti della destra venezuelana.

Gli Stati Uniti del resto, pur consapevoli delle difficoltà e dei rischi di un intervento militare, non si lasceranno certo scappare tanto facilmente un’occasione d’oro di rimettere le zampe su uno dei principali giacimenti petroliferi del mondo. In tale ottica vanno lette scelte apparentemente incomprensibili, come quella di dichiarare il Venezuela una minaccia per gli interessi e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Come pure gli ingenti finanziamenti all’opposizione venezuelana, compresa la sua ala militare e l’utilizzo di apparati sofisticati di intercettazione e controllo come il Boeing 707 E-Sentry, che negli ultimi giorni ha violato più volte illegittimamente lo spazio aereo venezuelano. Più o meno nella stessa logica di ingerenza negli affari interni venezuelani si situano i patetici tentativi di riesumare un’organizzazione oramai fortemente delegittimata come l’Organizzazione degli Stati americani applicando la sua cosiddetta “Carta democratica“, che tuttavia si spinge al massimo fino a prevedere la sospensione dello Stato in cui si registrino violazioni della democrazia con voto dei due terzi degli Stati membri.

A dir poco buffo appare il fatto che il segretario di tale moribonda organizzazione, tale Almagro, iperattivo sulle vicende venezuelane, si sia limitato, per quanto riguarda la situazione brasiliana, a invocare con scarso successo il parere consultivo della Corte interamericana dei diritti umani; questo nonostante il fatto che in tale ultimo paese, a seguito del golpe giudiziario e parlamentare contro Dilma Rousseff, dovrebbe governare per lungo tempo un vicepresidente come Temer, notoriamente corrotto e appoggiato da un’irrisoria percentuale della popolazione. Tornando al Venezuela, il meccanismo dell’invasione è stato già messo in moto da tempo. Si parla al riguardo anche dei contingenti statunitensi già stanziati in Honduras, il paese dove ha avuto inizio, con l’illegittima destituzione del presidente Zelaya, la serie dei golpe più o meno blandi contro i presidenti democratici restii ad avallare la tradizionale subordinazione dell’America Latina a Washington. L’ultima tappa è stato il vero e proprio golpe giudiziario e parlamentare dei corrotti contro la presidente brasiliana Dilma Rousseff.

L’intervento militare statunitense contro il Venezuela bolivariano e chavista rappresenterebbe la ciliegina sulla torta di questa strategia di riconquista. Alla faccia ovviamente, come al solito, di qualsiasi principio giuridico internazionale. Si può ovviare con una massiccia campagna mediatica che vede schierati i pezzi forti della stampa dell’establishment, a partire dal New York Times eWashington Post. Per creare un clima adeguato, i settori violenti dell’opposizione vogliono rilanciare la guarimba, la campagna di disordini che fece 43 vittime due anni fa, tra le quali molti poliziotti o passanti casuali, uccisi da colpi di arma da fuoco o decapitati dai fili di ferro messi dai guarimberos per bloccare le strade. Continua inoltre la guerra economica, imboscando i beni di prima necessità e sabotando i servizi sociali fino al punto di incendiare, come è stato fatto in varie occasioni, gli asili nido e i centri di salute.

Questa strategia irresponsabile punta in sostanza a trasformare il Venezuela in un nuovo Iraq e tutta l’area caraibica in un nuovo Medio Oriente. Laddove non è in grado, e sempre meno lo è, di produrre egemonia e consenso, l’imperialismo dominante diffonde a piene mani sanguinaria destabilizzazione. Forte del consenso ottenuto alle elezioni di dicembre, l’opposizione avrebbe potuto imboccare la strada dell’unità nazionale e della leale collaborazione per risolvere i problemi economici del paese. Sarebbe stato peraltro troppo pretendere un atteggiamento responsabile nei confronti del popolo da oligarchi abituati a considerare sempre ed esclusivamente prioritari i propri interessi di bottega, a costo di sacrificare perfino un’indipendenza e sovranità nazionale delle quali in fondo non sanno proprio che farsene, data la limitatezza della loro visuale e la loro innata propensione alla servitù incondizionata nei confronti di Washington.

La prospettiva, quale che sia il vincitore alle prossime elezioni presidenziali statunitensi (con l’eccezione, peraltro purtroppo improbabile, di Bernie Sanders) è quella di scatenare una nuova guerra d’aggressione, stavolta vicino casa. Del resto l’abbondante petrolio venezuelano merita uno sforzo supplementare. Vittime predestinate di questo avventurismo sarebbero ovviamente il popolo venezuelano e la pace mondiale. Occorre quindi sperare che si fermi questa spirale verso la guerra, il che può avvenire solo, come ha dichiarato Maduro, con una ripresa ed estensione delle lotte popolari in Venezuela e in tutta l’America Latina, per una nuova fase della rivoluzione democratica, che superi i limiti di vario genere fin qui sofferti.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: