Entrevista a Adel El Zabayar: el “diputado-soldado”

por aporrea

Adel El Zabayar sigue en la trinchera. Parlamentario chavista por el estado Bolívar hasta el 4 de enero y actual presidente de la Federación Venezolano-Árabe, El Zabayar señala que los “carteles” del control de cambio minan la revolución y asegura que en este país la corrupción destituye ministros.

Sobrevivió a la guerra en Siria, pero no al filtro del gobernador del estado Bolívar, Francisco Rangel Gómez. Adel El Zabayar fue diputado del Partido Socialista Unido de Venezuela (PSUV) hasta el pasado 4 de enero. Recordado por unirse a las “brigadas de resistencia populares” que defendían al presidente sirio, Bashar al Assad, en agosto de 2013, El Zabayar tuvo que soportar desde su curul los ataques de Rangel Gómez, quien movió sus fichas para evitar que continuara en la Asamblea Nacional.

Luego de la derrota sufrida por el chavismo el 6 de diciembre, el también presidente de la Federación Venezolano-Árabe llama a la reflexión en las filas rojas. Denuncia la existencia de “cómplices” dentro del Gobierno que buscan perjudicar la marcha de la revolución, critica a la cúpula del PSUV, alerta sobre el avance de la corrupción y advierte que ignorar a las bases pone en peligro la unidad del oficialismo.

–          Usted señaló que en el seno de la revolución el “imperio” tiene “cómplices” que atentan contra el Gobierno. ¿Quiénes son esos cómplices? ¿Son los ministros y altos funcionarios que no cumplen con su trabajo?

–          Desestabilizar o sabotear a un país por parte del imperio no se hace con una varita mágica desde el exterior. Necesita, sin duda alguna, de múltiples factores. Cuando hablamos de los factores internos, no podemos referirnos únicamente a los grupos opositores. A estos se les añade los colaboradores externos e internos, incluso, dentro del Gobierno.

Desde el primer momento en que convertimos el dólar en objetivo económico, se dio pie a la creación de carteles que engendraron tentáculos en todos los niveles. Puede verse a elementos económicos que apoyan tanto al Gobierno como a la oposición fascista que aprovechan esta circunstancia creada por nuestro Gobierno, pero que no fue monitoreada, manejada y orientada hacia el cuidado de nuestro aparato productivo. Al tratarse del parasitismo, todos se convirtieron en socios del mismo pozo. De este modo, convertimos a muchos productores en importadores.

Me siento orgulloso de que nuestro Gobierno sea laborista y firme defensor de los trabajadores, pero cuando nos sentemos a hablar con los productores tenemos que analizar con atención sus propuestas y lograr cierto equilibrio. La gran verdad se demostró incluso en nuestras fallidas experiencias, donde los mismos trabajadores se repartieron los fondos destinados para la mejora de la fábrica en bonos y salarios. En conclusión, un productor no va a producir si no ve el estímulo, la ganancia y protección efectiva por parte del Estado a su producción.

Creo que se nos fue la mano, creándose una burocracia caníbal estrechamente ligada al capital parasitario que, a la vez, ha estado financiando al fascismo en Venezuela con el propio dinero del Estado y del país. La construcción del socialismo se logra consolidando el aparato productivo del país y avanzando hacia una independencia verdadera. Lenin señala que en un mundo de lobos se debe aprender a aullar como lobos. Creamos múltiples instituciones y misiones que requerían inmensos fondos y esto lo garantizaba el alto precio petrolero, no una estructura productiva y financiera que pueda resistir los embates de la crisis económica mundial del capitalismo.

–          ¿Hasta qué punto los gobernadores son responsables de la derrota sufrida por el chavismo el 6 de diciembre? De cara a las elecciones regionales de 2016, ¿el PSUV debería evaluar la posibilidad de buscarles sustitutos y frenar sus ambiciones reeleccionistas?

–          Donde no se lograron diputados nominales, se demostró la falta de credibilidad y liderazgo. Lo peor es que a estos (gobernadores) se les ha reforzado con mayores poderes, como nombrar a los directores regionales de los ministerios. Los directores regionales deben responder al Presidente de la República y su gestión, por lo tanto, no podemos poner la gestión del Presidente a merced del capricho y la mala gestión de un gobernador que ha sido señalado en el caso de las cabillas, y al que le han decomisado alimentos acaparados en bolsas que llevan su imagen. Imagínate un gobernador así colocando a jueces y fiscales de su propia manada.

Creo que por respeto a la militancia, deberían de renunciar ya a ser coordinadores del partido en las regiones. Las bases critican que los gobernadores sean a la vez coordinadores. Encima de todo esto, no respetaron las elecciones de base de 2009 de los directores regionales, ya que la mayoría de los gobernadores crearon su propia dirección regional, situación que lamentablemente fue aprobada por la dirección nacional. Fui electo por las bases en 2009 para la dirección regional con un gran caudal de votos que le pasó por encima a las marramuncias, y esto no se respetó. Esto generó anarquía, rechazo y malestar. El PSUV existe en el corazón de la gente, mas no como estructura real, y esto debe cambiar.

–          Usted advierte que es un error llamar “traidores” a quienes no votaron por el PSUV. Otros creen que los verdaderos “traidores” están en la dirección del PSUV y en los ministerios, que se han olvidado del pueblo. ¿Qué opina de ese cuestionamiento que ha emergido desde algunos sectores del chavismo?

–          En primer lugar, más del 70% del país se manifestó por las instituciones y la democracia, enviando un claro mensaje al fascismo y al anarquismo. En elecciones parlamentarias esto es muy significante. En segundo lugar, no todo el país es militante, y tampoco lo son todos los que se inscriben en el PSUV. Considero que el mensaje presidencial debió ser agradeciendo a todos por la activa participación y en paz, solo esto es un gran triunfo para la revolución y el país en general.

En tercer lugar, el pueblo es sabio. Los revolucionarios tenemos la obligación de sentarnos a analizar y reflexionar el mensaje de nuestro pueblo y qué nos quiso decir. En eso quiero ser enfático, la misma oposición sabe que hubo un voto castigo que en gran parte sigue siendo del chavismo y que podría retornar dependiendo de cómo reaccione la alta dirigencia del chavismo al respecto.

Esto lo digo con mucha base, soy presidente de la Federación Venezolano-Árabe y conozco muchos detalles de cada rincón del país, nuestra estructura representa casi 2 millones de personas y 46 entidades e instituciones árabes que están muy interconectadas con los distintos sectores de la vida nacional.

–          Usted ha denunciado que la corrupción amenaza o dificulta el avance de la revolución. ¿El Presidente, la dirección del PSUV, los ministros y los gobernadores no se han dado cuenta de esto? ¿Hay incapacidad para combatir ese mal o complicidad?

–          La corrupción se ha hecho aliada del capital parasitario, además, se ha convertido en un cartel que en ocasiones ha logrado destituir a ministros producto de una amplia complicidad como ocurrió con el hermano Eduardo Samán, quien, por cierto, creo que hasta los momentos sigue pagando su apartamento de casi 20 años. El que botó a Samán fue Heber García Plaza, quien huyó del país supuestamente con una bolsa considerable. Todo lo que dejó García Plaza sigue intacto, y Samán y sus muchachos fuera.

El Gobierno debe tomar una decisión al respecto, algunos gobernadores han creado peligrosas estructuras convirtiéndose en un terror tanto para la población como para las instituciones que buscan cumplir con su deber, un verdadero terrorismo de Estado que trae y sigue trayendo tragedias que están siendo atendidas con mucho horror por parte de los tribunales como en el estado Bolívar. Hay violaciones a los derechos humanos, en las zonas mineras ya no hay Estado de Derecho, y lo más peligroso es que estamos perdiendo la independencia sobre el sur del país.

Los cuerpos de seguridad, nuestra Fuerza Armada Nacional Bolivariana (FANB) tiene claro todo un plan para retomar el control en el sur, azotado por las mafias mineras y el paramilitarismo. Algunos grupos cuentan con 200 hombres en armas, en Bolívar fueron sacados por cumplir su deber generales patriotas y funcionarios de inteligencia de alto rango. El principal obstáculo está en la complacencia de falsos líderes regionales, que son solo mafias disfrazadas de bolivarianismo.

–          En la línea de un tuit que usted publicó, el periodista Eleazar Díaz Rangel escribió un artículo en el que criticó el silencio del PSUV tras la derrota del 6 de diciembre y apuntó que la organización “no está jugando el rol que le corresponde como partido revolucionario”. ¿Por qué ocurre esto y qué debe hacer el PSUV para superar esta situación?

–          Podría ser que algunos que dirigen el partido no creen en el carácter organizativo del PSUV. Independientemente de todo esto, creo que si la dirigencia nacional no da ese paso, lo darán las bases, y ya se han visto ciertas iniciativas que las considero por un lado positivas pero a la vez peligrosas, porque podrían desmembrar internamente a la organización.

Nuestra militancia es una inmensa mezcla de criterios de todo tipo. En 2014 en las bases se sintió que se intentó desaparecer paulatinamente a Chávez como imagen. Quienes aconsejaron esa vía se equivocaron, ya que desconocen la esencia del PSUV. Creo que se debe respetar a Chávez y a sus militantes, asumiendo los errores cometidos, explicando con detalles lo ocurrido. Tomar en consideración las reflexiones de base con los correctivos respectivos de cada una de las regiones, que las bases del PSUV se conviertan en verdaderos contralores de las instancias gubernamentales estadales y municipales. Un ministro no puede ser miembro de la dirección nacional del PSUV, estos hermanos y compatriotas ministros deben dedicarse a cumplir su tarea como ministros y rendirle cuentas al partido.

Como militante del PSUV te aseguro que en la organización siempre prevaleció el espíritu de paz. Yo sí te puedo hablar de la paz porque conocí de cerca el horror de la guerra en el Líbano de 1982, cuando me incorporé a la resistencia en contra de la invasión de Israel, y en la guerra de Siria hemos perdido familiares y muchos amigos. Y te puedo asegurar, por ejemplo, que muchos impulsores de los movimientos de paz en Estados Unidos son ex combatientes en Irak, Vietnam, Corea y Afganistán. Apostemos en todo momento a la paz y no permitamos que anarquistas y fascistas nos impongan sus agendas de guerra. La revolución es apoyada por ser una esperanza, y eso ha permitido una paz de 16 años, así que no juguemos con candela.

I siriani in Venezuela sostengono l’operazione russa contro l’Isis

da lantidiplomatico

I cittadini siriani che lasciano il loro Paese per sfuggire alle atrocità dello Stato Islamico chiedono asilo in paesi diversi: alcuni di loro hanno scelto come destinazione in Venezuela, un paese che ha uno dei più alti tassi di popolazione araba dell’America Latina. RT ha parlato con alcuni rappresentanti della Repubblica araba Siriana sulla loro vita in Venezuela e come vedono la situazione della loro patria. Loro sono forti sostenitori della operazione antiterrorismo russo in Siria.

Secondo i dati ufficiali della federazione araba nel paese latinoamericano, che riunisce 46associazioni, dopo l’inizio della guerra in Siria circa 300.000 nuovi rifugiati dal paese del Medio Oriente sono giunti in Venezuela.

Le terre della Repubblica Bolivariana ospitano due milioni di siriani che si sono stati stabiliti nel Paese a partire dal 1950, quando si incoraggiava e sosteneva l’emigrazione per fare affari da questa parte dell’Atlantico.

Miguel Fattal è nato in Venezuela, ma si sente siriano prima di tutto. I suoi genitori erano di Aleppo, nord della Siria. Fattal ha spiegato a RT perché il Venezuela è uno dei paesi preferiti da coloro che decidono di lasciare il paese arabo.

«Il Venezuela è un paese di speranza, è un paese che apre le braccia a tutti e c’è la possibilità di andare avanti e trovare un paese pacifico, un paese che, nonostante i suoi problemi vive in armonia, nonostante le discussioni in corso e la situazione che stiamo vivendo in questo momento, è un paese di opportunità», ha affermato.

Miguel, che vive a Caracas, afferma che dopo la partenza di oltre quattro milioni di siriani costretti dal terrorismo, esiste un piano per spopolare la Siria e persone al fine di consegnare il paese ad altri per i loro interessi. Per questo ed altri motivi Fattal vede di buon occhio che la Russia abbia deciso di sostenere l’azione militare dell’esercito siriano al fine di frenare il terrorismo e promuovere il dialogo tra gli stessi siriani a trovare una soluzione alla crisi.

«In un primo momento gli Stati Uniti e la NATO sostenevano sempre che la soluzione della crisi era la partenza di Bashar al Assad, ora hanno dovuto ingoiare il rospo e spesso hanno detto che l’uscita può passare attraverso una fase di transizione, incluso Bashar al Assad, per poi cacciarlo, ma penso che sia solo dannoso, perché in realtà l’unico che può decidere il destino della Siria è il popolo siriano», ha ribadito Fattal.

Il deputato del Partito Socialista Unito del Venezuela Adel Al-Zabayar (nella foto), anche lui di origine siriana e presidente della federazione araba in Venezuela, concorda con questo punto di vista, e sottolinea che l’operazione russa contro lo Stato islamico è stata fatta al momento giusto.

«La decisione presa dal governo russo di intervenire direttamente in Siria è venuta proprio perché era chiaro che dietro la massa di rifugiati verso l’Europa ci fosse un piano turco-saudita, cioè si intendeva creare un clima di incertezza in Europa e così offrire all’Occidente il pretesto per intervenire militarmente contro il governo siriano», ha affermato Al-Zabayar.

Allo stesso modo, l’analista internazionale di origine siriana Layla Tajeldine ritiene che questo nuovo passo intrapreso dalla Russia sia una nuova partita a scacchi dove ora si sta combattendo il terrorismo con i risultati positivi che saranno presto visibili.

Secondo lei, i risultati positivi arriveranno «se gli Stati Uniti e suoi alleati smetteranno di incoraggiare questi gruppi terroristici, pagandoli, addestrandoli e finanziandoli in tutti i modi che abbiamo visto fino ad ora».

Caso Cabello: disinformazione e menzogne contro la Rivoluzione

Diosdado-Cabello-y-Nicolás-Maduro-540x359di Fabrizio Verde

Mistificazioni, menzogne, aberranti campagne mediatiche. Nulla di nuovo per la Rivoluzione Bolivariana che continua la sua opera di costruzione del Socialismo del XXI secolo, seguendo il percorso tracciato dal Comandante Chávez

Prende nuovamente vigore la campagna mediatica volta a gettare discredito sul Venezuela Bolivariano. Il quotidiano statunitense New York Times e l’iberico ABC – un fogliaccio già franchista e hitleriano – rilanciano contro Diosdado Cabello, stantìe quanto fallaci accuse di guidare un cartello di narcotrafficanti. Ovviamente il mainstream italiano, megafono dell’imperialismo, si è subito accodato alla canea mediatica dando credito a queste fantasiose ‘notizie’ che hanno come unico obiettivo quello di dipingere la patria di Bolivar e Chávez alla stregua di uno stato canaglia, dedito al narcotraffico internazionale. In Italia si è distinto l’ineffabile Roberto Saviano, nel replicare pappagallescamente affermazioni tanto gravi, quanto prive di fondamento alcuno.

Accuse fallaci. Entrando nel merito della questione, il Presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Diosdado Cabello, viene indicato alla testa di un fantomatico cartello criminale dedito al narcotraffico internazionale, il ‘Cartel de los Soles’. Un nome scelto non a caso, visto che nel 1993 – in pieno periodo neoliberista – quando al governo vi era Carlos Andrés Pérez, un gruppo di generali fu coinvolto in uno scandalo legato al traffico della droga, e siccome il simbolo di questi ufficiali è il sole, furono definiti come il ‘Cartel de los Soles’.

Per comprendere meglio la questione, adesso, dobbiamo porci alcune domande: se il dirigente bolivariano è realmente il capo di questa organizzazione composta da alti ufficiali venezuelani, perché sino a questo momento nessuno dei narcos ha lanciato accuse contro Cabello? Perché non vi sono evidenze, fotografie, intercettazioni, riguardanti questo cartello? Come mai questa indagine è l’unica nel suo genere a basarsi esclusivamente su ‘rivelazioni’ fornite da due latitanti venezuelani – Rafael Isea e Leasmy Salazar – dapprima spariti e poi riapparsi negli Stati Uniti per sottrarsi al corso della giustizia venezuelana? Infine, perché gli Stati Uniti non hanno mai preso alcun provvedimento contro l’ex presidente colombiano Uribe che in una lista della DEA, risalente ai primi anni ’90, figurava tra i narcotrafficanti più pericolosi al mondo (n.82) dietro al celebre Pablo Escobar (n.79)?

La risposta è semplice: siamo di fronte all’ennesima campagna mediatica, una sporca montatura propagandistica senza alcun fondamento, che riesce a passare in occidente esclusivamente grazie ad un’informazione che non fa il proprio mestiere.

Il ruolo dei media. In questa vicenda grottesca un ruolo cruciale lo gioca l’informazione. Senza dilungarsi, basterà citare un dato significante fornito dal Ministro degli Esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez: in Spagna, secondo un recente monitoraggio dei mezzi d’informazione, quando viene affrontato il tema Venezuela, nel 71% dei casi si tratta di notizie negative o dispregiative, per il 29% notizie neutrali, mentre alle notizie positive i media iberici dedicano lo 0% delle notizie.

Questo avviene perché «il Venezuela – ha spiegato in maniera impeccabile Delcy Rodriguez – è al centro della nuova configurazione geopolitica in costruzione, che è contraria agli interessi dei grandi centri del potere finanziario. Per questo siamo oggetto di queste aberranti e ripetute campagne mediatiche».

Per quanto riguarda invece l’inchiesta del New York Times, essa si basa esclusivamente sulle notizie fornite da Isea, che come ricordato in precedenza, si trova negli Stati Uniti per sfuggire alla giustizia venezuelana, che lo accusa di gravi episodi di malversazione e corruzione.

La lotta alla droga in Venezuela. L’obiettivo non dichiarato ma palese è quello di rappresentare il Venezuela come un paese dominato da personaggi senza scrupoli, dove regnano arbitrio e corruzione. La realtà invece accusa proprio gli Stati Uniti.04est3-venezuela-reuters

Questa la chiara denuncia del deputato venezuelano Adel El Zabayar: «Gli Stati Uniti, pur essendo il primo paese al mondo per consumo di droghe, si vantano di riuscire a individuare gruppi di narcotrafficanti in tutto il mondo, mentre all’interno dei propri confini, non riescono a fermare i gruppi narcotrafficanti e le bande che si occupano della vendita».

Secondo quanto dichiarato dal politico venezuelano il vero obiettivo degli Stati Uniti sarebbe quello di controllare il commercio delle sostanze stupefacenti: «Si tratta di una combinazione di interessi tra i politici nordamericani, l’esercito e i narcotrafficanti, altrimenti – ha spiegato il deputato del PSUV – difficilmente la droga potrebbe entrare in territorio nordamericano».

Sulla stessa lunghezza d’onda Irwin José Ascanio Escalona, presidente dell’Ufficio Nazionale Antidroghe, che oltre a denunciare il ruolo degli Stati Uniti nella campagna mediatica, ha ricordato come la lotta al traffico di droga in Venezuela abbia prodotto risultati significativi dopo la cacciata della DEA: «Una volta liberati della DEA abbiamo triplicato i sequestri di sostanze e migliorato il processo di disarticolazione delle organizzazioni criminali». Ricordando, infine, che la DEA ha ampiamente utilizzato meccanismi illegali come le ‘consegne controllate’, dov’erano coinvolti anche alti dirigenti dell’organizzazione statunitense.

Mistificazioni, menzogne, aberranti campagne mediatiche. Nulla di nuovo per la Rivoluzione Bolivariana che continua la sua opera di costruzione del Socialismo del XXI secolo, seguendo il percorso tracciato dal Comandante Chávez.

El Zabayar: «Contro Cabello strumentalizzazioni infondate»

Diosdado-Cabello-portadada Correo del Orinoco

Il deputato ha sottolineato che il governo degli Stati Uniti non lotta contro la droga ma bensì per il controllo del commercio della droga

«Se la destra internazionale possedesse delle prove contro Diosdado Cabello le avrebbe già mostrate ai mezzi di comunicazione, in realtà, si tratta solo di strumentalizzazioni politiche prive di fondamento».

Questo è quanto affermato dal deputato Adel El Zabayar (PSUV/Bolívar), in relazione alle dichiarazioni rilasciate da Miguel Henrique Otero dagli Stati Uniti, il quale ha affermato che qualora Cabello lasciasse il Venezuela verrebbe arrestato dalla DEA.

«In primis – ha dichiarato El Zabayar – Cabello è un deputato della Repubblica, Presidente dell’Assemblea Nazionale, titolare di immunità parlamentare. Inoltre, qualsiasi organo di sicurezza voglia detenere Diosdado ha l’obbligo di mostrare delle prove, dove sono queste prove? Se esistessero già sarebbero state rese pubbliche».

Il deputato, membro della Commissione di Difesa dell’Assemblea Nazionale, ha sottolineato che il governo ha dimostrato la sua leadership nella lotta contro la droga, nel combattere il narcotraffico.

«Gli Stati Uniti, pur essendo il primo paese al mondo per consumo di droghe, si vantano di riuscire a individuare gruppi di narcotrafficanti in tutto il mondo, mentre all’interno dei propri confini, non riescono a fermare i gruppi narcotrafficanti e le bande che si occupano della vendita».

Il deputato ha inoltre sottolineato che il governo degli Stati Uniti non lotta contro la droga ma bensì per il controllo del commercio illecito della droga.

«Si tratta di una combinazione di interessi tra i politici nordamericani, l’esercito e i narcotrafficanti, altrimenti – ha denunciato il deputato del PSUV – difficilmente la droga potrebbe entrare in territorio nordamericano».

El Zabayar ha spiegato che in Europa, in quei paesi dove vi è il maggiore traffico di droga, casualmente, ci sono basi nordamericane. Un esempio è l’Afghanistan, dove vi sono installazioni della NATO.

«Il traffico di droga dall’Afghanistan può essere sviluppato in un solo modo: attraverso gli aerei militari nordamericani che partono dal territorio afgano diretti verso lo spazio europeo, dove poi la droga viene smistata verso le altre regioni del mondo».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Venezuela: La Comunità araba critica la visita dell’emiro del Qatar

da hispantv

La Federazione delle associazioni ed entità arabe del Venezuela (FEARAB) ha criticato la visita dell’Emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al-Thani, giunto “improvvisamente e insperatamente” in Venezuela.

«FEARAB Venezuela ripudia la presenza nel paese di [Simon] Bolivar, dell’emiro del Qatar, in quanto il suo vergognoso regime ha assassinato i nostri fratelli e parenti nella patria siriana», si legge in comunicato pubblicato sul sito Web della federazione, presieduta dal parlamentare del PSUV, di origine siriana. El Zabayar il 31 agosto del 2013, su dispensa del Parlamento venezuelano, si recò in Siria per combattere con i Comitati di Difesa popolare che affiancano l’esercito siriano nella lotta al terrorismo.

FEARAB ha ricordato che il Qatar, insieme all’Arabia Saudita e alla Turchia, è complice dell’uccisione di centinaia di migliaia di siriani da parte dei gruppi terroristici finanziati da questi paesi.

Per questo motivo, FEARAB ha invitato le agenzie di sicurezza del Venezuela a mantenere alta la guardia, avvertendo: «Vogliamo ricordare che eventuali azioni di disturbo presumibilmente potrebbero essere finanziate attraverso le ambasciate di Qatar e Arabia Saudita».

Tuttavia, FEARAB si è mostrata ottimista che il governo venezuelano, attraverso la sua diplomazia abile ed efficace, possa convincere il Qatar a cambiare radicalmente la sua posizione attuale e le politiche ostili nei confronti della Siria.

La nota ha anche aggiunto che la Federazione «rispetta, accetta e solidarizza con le decisioni sovrane dello Stato venezuelano affinché abbiano un buon esito, per quanto riguarda lo sviluppo della sua politica internazionale, sia in ordine strategico di contribuire al conseguimento di un mondo multi polare, per le azioni riguardanti il rafforzamento dell’OPEC (Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio), il mercato dell’esportazione del petrolio e la cooperazione internazionale».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

La FEARAB condanna l’aggressione imperialista contro il Venezuela

da fearabvenezuela.org

La Federazione delle entità e delle associazioni arabe del Venezuela si è espressa contro l’aggressione al Venezuela respingendo le bugie e le manipolazioni mediatiche.

Il consiglio direttivo di FEARAB, presieduto dal deputato Adel El Zabayar, ha ribadito la sua dura condanna  e la sua forte preoccupazione di fronte alle sanzioni annunciate dal Presidente degli Stati Uniti contro la nostra amata Repubblica Bolivariana del Venezuela, definita come una “grave minaccia nazionale” per la sicurezza del suo Paese, usando lo spregevole pretesto della violazione dei diritti umani con false argomentazioni, senza alcun fondamento giuridico e legale.

La FEARAB ha osservato molto da vicino il corso degli eventi politici e socio economici del paese, sempre, inequivocabilmente e tempestivamente, ogni volta che lo chiedevano le circostanze. Certamente, in questa occasione, non abbiamo fatto eccezione.

Sappiamo, come la Storia ha dimostrato ripetutamente che le invasioni degli Stati Uniti generano solo la morte e miseria per i popoli che soffrono i loro attacchi, come è accaduto in Vietnam, Afghanistan, Iraq, Libia e molti altri paesi in tutto il mondo, che hanno subito i loro interventi.

Usando il falso pretesto di eliminare le armi di distruzione di massa in Iraq nel 2003, e poi da qualche anno attraverso la “primavera araba”, gli Stati Uniti, la NATO e i loro lacchè, hanno potenziato i gruppi estremisti fondamentalisti e il braccio armato di Al-Qaeda, Al-Nusra e ora il cosiddetto Isis (DAESH) per eseguire il piano sionista del Nuovo Medio Oriente. Hanno iniziato in Tunisia, Egitto e Libia e hanno proseguito, ma sono stati fermati in Siria da un popolo, un esercito patriottico pan-arabo, anti-imperialista e anti-sionista, sotto la guida ferma del governo legittimo e sovrano, guidato dal suo degno Presidente Bashar Al Assad.

La difesa dell’autonomia di ogni popolo degno e sovrano deve essere la bandiera principale dei movimenti sociali di tutto il mondo per continuare la nostra giusta lotta.

I patrioti venezuelani-arabi che fanno riferimento alla FEARAB, dichiariamo lo Stato di massima solidarietà e di allerta permanente per denunciare questa nuova e vile aggressione imperialista, come è già sta facendo il valoroso popolo venezuelano, guidato dal nostro compagno coraggioso, il Presidente Nicolas Maduro, seguendo la strada del Comandante Supremo, Hugo Rafeal Chávez Frías ratificando il  nostro rifiuto categorico delle azioni del governo degli Stati Uniti d”America nel suo ruolo di poliziotto del mondo, ora comandati da un “Nobel per la Pace”, che cerca di violare le nostre istituzioni, la pace e la stabilità della nostra nazione. No Pasaran!!!!

Nel perseguire questa nuova pazzia, questa nuova mania, gli Stati Uniti ed i loro alleati, tra cui la NATO, e i loro lacchè Qatar, Arabia Saudita, Turchia e lo Stato sionista di Israele, saranno giudicati dalla storia come complici di quello che potrebbe diventare un nuovo conflitto di dimensione globale, ma i popoli del mondo li condanneranno per aver mentito, di nuovo, nel trascinarli nelle guerre ingiuste, inutili e criminali.

Per una vera pace nel mondo con la giustizia sociale, l’indipendenza e la sovranità dei popoli del mondo.

Abbiamo chiesto di denunciare con ogni mezzo questa grave situazione.

Viva il Veneuzela Indipendente, degno, libero e sovrano!

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(VIDEO) El Zabayar dalla Siria: «Centomila paramilitari reclutati dall’imperialismo»

di Ciro Brescia

Il deputato venezuelano di origine siriana Adel El Zabayar, si è recato la settimana passata, in Siria per fare visita alla madre gravemente malata, qui ha deciso di arruolarsi nelle brigate di resistenza popolare quando il presidente degli USA, Obama, ha annunciato che in qualsiasi momento la Siria potrebbe essere aggredita.

Adel ha affermato che il suo è un atto di solidarietà internazionalista con il popolo siriano, un popolo degno, che vuole la pace poiché sa bene, sulla propria pelle, quali sono i costi della guerra.  Evidentemente i vertici USA non sono della stessa opinione.

Il deputato del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) fondato dal Comandante Hugo Chávez, ha dichiarata che resterà sul territorio venezuelano fino a quando sarà necessario per difendere il paese mediorientale.

El Zabayar, ha inoltre dichiarato che l’imperialismo ha messo in piedi nel mondo una rete di duecentomila mercenari con il preciso compito di destabilizzare aree e paesi sensibili per gli interessi USA, circa centomila di questi sono presenti sul suolo siriano, gran parte di questi non parlano nemmeno la lingua araba, sono solitamente pakistani, afghani, e financo latinoamericani, come i paramilitari colombiani, detenuti qatarioti, sauditi, criminali comuni, mercenari, che hanno commesso reati che vanno dal furto all’assassinio, condannati a morte nei loro paesi di origine e ai quali è stata offerta la possibilità di rimanere in vita, dichiarando di essere disposti ad andare a seminare morte e terrore in Siria.

Mentre da più fonti emergono segnali e informazioni che il gas sarin sarebbe stato utilizzato dagli stessi mercenari anche se «per un fortuito errore».

Obama, intanto, sotto molteplici spinte, nazionali quanto internazionali, decide di passare la patata bollente della decisione sull’attacco militare, al Congresso USA.

Nel contempo, i media internazionali dominanti continuano, senza alcun imbarazzo ma con qualche difficoltà in più, nella loro opera e nei loro tentativi di intossicazione della pubblica opinione.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: