Poder constituyente y lucha anticorrupción

Sentir Bolivariano 

por Adán Chávez Frías
Via Twitter 📲 @Adan_Coromoto

“Cada quien hágase un examen por dentro porque la corrupción se disfraza de muchas maneras: gastos que no se justifican, fiestas, viajes, ligereza administrativa, palancas. Y todo el mundo a ser controlador…” Hugo Chávez Frías

El estado venezolano ha iniciado una verdadera cruzada contra la corrupción, cuyo éxito es vital en esta coyuntura para la continuidad del proyecto socialista contemplado en la Constitución de la República Bolivariana de Venezuela. Si prevalece este flagelo, la corrupción, no podremos alcanzar la estabilidad económica y política que necesita el país. Se ha dicho en otras oportunidades: el reformismo; y como parte integrante de esa desviación ideológica, la corrupción practicada por funcionarios del gobierno revolucionario, pueden hacer más daño al proceso que los intentos de golpe de estado del imperialismo y sus aliados.

La corrupción es en este momento la mayor amenaza para la Revolución Bolivariana y por ello a quienes la practiquen donde quiera que estén, vengan de donde vengan, sean quienes sean, hay que llevarlos ante la justicia y castigarlos.

Por ello saludamos la mano de hierro que viene aplicando el Ministerio Público dentro de la industria petrolera, columna vertebral de nuestra economía. Como producto de las últimas acciones, hoy están tras las rejas 6 ex integrantes de la directiva de la empresa venezolana Citgo Petroleum Corporation, subsidiaria de PDVSA en Estados Unidos. Con esto suman ya más de 50 detenidos por hechos irregulares dentro de la petrolera estatal.

Estos delincuentes de cuello blanco son infiltrados dentro de nuestro proceso revolucionario. Los mencionados en el párrafo anterior, por ejemplo, firmaron convenios sin aprobación del Ejecutivo Nacional que colocaron en riesgo el patrimonio y los bienes de todos los venezolanos, ya que pusieron como garantía de esos acuerdos desventajosos para Venezuela a la misma Citgo.

Estos duros golpes a la corrupción se vienen dando gracias a la cooperación de la Dirección de Contrainteligencia Militar (DGCIM), que ha logrado detectar la existencia de una red de espionaje que vendía información privilegiada al mercado de hidrocarburos para perjudicar al Estado venezolano en las negociaciones. Es decir, para colocar los intereses del pueblo venezolano en una competencia desleal con las transnacionales petroleras. También se detectó el vínculo entre la derecha opositora y las empresas contratadas para intentar estafar a la nación. Como dije antes, se trata de infiltrados, que aliados con los reformistas que siguen pensando en el “chavismo sin Chávez” buscan cómo desviar los objetivos de la Revolución Bolivariana.

El presidente Maduro ha convocado al pueblo a unirse a esta cruzada contra la corrupción, pues están en juego la paz y el futuro de la Patria. En un supuesto negado de que vencieran los estafadores, los inmorales, los ladrones, terminarían entregando los recursos de nuestro país al capital extranjero. Sería un retroceso terrible en nuestra construcción socialista.

En los alegatos de la administración Trump, el gobierno satélite de Canadá, y la Unión Europea, para imponernos un bloqueo financiero de manera ilegítima y unilateral, señalan que la corrupción es uno de los principales motivos para sancionar al Gobierno Bolivariano. Tras la investigación ordenada por el Ejecutivo en Citgo, es indudable el compromiso de la Revolución en la erradicación de este flagelo. Muy pocos países en el mundo han emprendido una cruzada anticorrupción de esta magnitud, en el seno de su principal industria. El desconocimiento de las acciones contundentes del Estado venezolano para combatir el lavado de capitales, es una prueba más de la doble moral con la que Washington pretende juzgar a nuestro país.

Tengo la certeza que el combate frontal y definitivo contra la corrupción y la ineficiencia deben marcar este nuevo ciclo de la Revolución, como ya se está evidenciando. El Poder Constituyente no es otra cosa que el poder originario del pueblo organizado, y la lucha anticorrupción debe ser asumida por todos y todas. Cada uno de los venezolanos y venezolanas civiles, militares, movimientos sociales, partidos políticos, empresarios, la clase obrera, cada instancia del poder popular, tienen que hacer contraloría; fiscalizar la gestión política y de gobierno, porque solo el pueblo organizado y consciente, puede acertadamente señalar el rumbo sobre aquello que es necesario enmendar o corregir para beneficio de todos.

Esa es la verdadera Revolución dentro de la Revolución. Para lograr la edificación real de un nuevo Estado que cada día se parezca menos al viejo Estado burocrático, excluyente, ineficiente, que heredamos de la dictadura burguesa adeco-copeyana, es requisito indispensable que la lucha contra la corrupción sea decidida, de alcance total y tolerancia cero, pero que a su vez en ella se involucren todos los sectores políticos y económicos de la vida nacional.

Solo la persistencia y la perseverancia en la lucha permanente contra la corrupción, la preservación de la honestidad como principio en cada uno de los funcionarios del Gobierno y de los militantes revolucionarios, nos permitirá realizar la labor política necesaria para garantizar que quienes conduzcan las instituciones, tengan verdaderamente la capacidad y los valores para hacerlo. De lo contrario, corremos el riesgo, como ya se dijo, de retrogradar en el camino hacia la consolidación de nuestra libertad y soberanía.

Lo mismo sucede con la aplicación de la recién aprobada Ley de Precios Acordados. Su cumplimiento parte del principio de la corresponsabilidad de todos los que componen la cadena de fijación de costos. De allí la importancia de divulgar al máximo su contenido, y de la participación de los constituyentes en cada estado en los procesos de fiscalización. Solo de esa manera podemos mejorar y fortalecer la producción, garantizar el abastecimiento, la comercialización no especulativa y el combate a la inflación. Si no participamos juntos en esta batalla, la ley solo se quedará en el papel. Nos corresponde a todas y todos los patriotas hacerla realidad.

Por último, quiero enviar mis palabras de solidaridad y hermandad a todos los revolucionarios del mundo al cumplirse un año de la siembra del Comandante Infinito, Fidel Castro. Luchador intachable, ejemplo de dignidad y firmeza antiimperialista. Fidel, como Chávez, sigue entre nosotros para siempre. Este domingo 26 de noviembre, el pueblo cubano celebró elecciones generales en una jornada de protagonismo y participación popular que reafirmó su compromiso con la democracia y el socialismo y es el mejor homenaje y el mejor tributo a Fidel.

Y es que Fidel es Cuba y vive y vivirá eternamente en su pueblo. Fidel es la lucha permanente contra la opresión, la ignorancia y la decadencia imperialista, para todos los pueblos del mundo. Fidel como estadista y revolucionario cumplió sus sueños, y lo que nos legó tiene el valor de la experiencia agolpada en lo vivido. Fidel es y será victoria, vida y paz, en el mundo nuevo por el que luchamos.

¡Con Chávez y Fidel Siempre!

Caracas, 27 de noviembre 2017.

(VIDEO) Adán Chávez Frías: «Attenzione al riformismo»

Riproduciamo tradotto in italiano qui di seguito uno scritto di Adan Chávez Frías, fratello del Comandante Hugo Chávez nonché oggi vicepresidente per le relazioni internazionali del PSUV. Lo scritto è del maggio del 2015, ma oggi più che mai mostra tutta la sua attualità e validità.

La Rivoluzione Bolivariana, dopo aver attraversato la sua fase di costruzione di una democrazia di tipo nuovo, oggi è chiamata a fare un passo qualitativo verso il Socialismo. Non possiamo che salutare con favore questo passo in avanti e sostenerlo con determinazione. Il rafforzamento della Rivoluzione Socialista in Venezuela rafforza anche noi.

di Adan Chávez Frías*

25 Maggio 2015

Sentire Bolivariano

La controrivoluzione continua a cospirare per estirpare il nostro progetto socialista, bolivariano e chavista. Noi come popolo, come movimento civico-militare, come Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) e come Grande Polo Patriottico, continuiamo a combattere, con la contro-offensiva che ci ha permesso di sconfiggere il golpismo e la violenza fascista.

Sappiamo che il nemico è l’imperialismo degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che vogliono frenare la Rivoluzione Bolivariana per riconquistare il dominio sul nostro petrolio e sulle nostre risorse. E in aggiunta ai metodi e alla manualistica che già conosciamo – guerra psicologica, guerra economica, campagne mediatiche internazionali, tentativi di uccidere i dirigenti della Rivoluzione – la controrivoluzione favorisce, a volte in modo sottile, a volte apertamente, l’emergere di correnti riformiste all’interno delle forze rivoluzionarie con lo scopo di dividere e far implodere le nostre file. Dobbiamo tener conto che i riformisti non credono nei cambiamenti profondi perché sono ideologicamente compromessi con determinati interessi politici ed economici e sentono che i cambiamenti radicali li danneggerebbero.

È poco probabile che riescano a conseguire il loro obiettivo, perché la militanza chavista ha dimostrato una sufficiente maturità politica e la necessaria consapevolezza per evitare di subire la tentazione del riformismo. Tuttavia, è nostro dovere avvertire e combattere fortemente contro questo flagello.

Tra le nostre file, all’interno e all’esterno del PSUV, in quello che si può definire il movimento di sinistra venezuelano, costituito da organizzazioni e partiti che formano il Grande Polo Patriottico, sorgono correnti opportunistiche, clientelari, pro-capitaliste, pseudo-anarchiche, infiltrate tra di noi.

Questi settori modificano il discorso della destra, affermando che il socialismo bolivariano non ha fallito, che ciò che ha fallito è il governo bolivariano presieduto dal presidente operaio Nicolás Maduro, e per questo è necessario sostituirlo con coloro che “davvero” saranno conseguenti con l’eredità di Chávez. Ma con questo discorso, mascherano soltanto che la loro proposta non è il socialismo di Chávez, ma il ritorno sulla via della socialdemocrazia.

Vogliono di nuovo qui, un governo come quelli che abbiamo subito nella Quarta Repubblica; intendono ripercorrere all’indietro il cammino che abbiamo già iniziato verso il socialismo, portarci al vecchio schema della conciliazione di classe, a cessare di dare potere ai settori popolari, della classe lavoratrice, della classe operaia; e tornare alla socialdemocrazia borghese. È questo che nascondono dietro la loro “dura critica” al governo e dietro il loro affannarsi per presentarsi come la soluzione per “salvare il processo”.

Come il Comandante Eterno Hugo Chávez ha chiaramente evidenziato nel suo discorso al Primo Congresso del nostro Partito nel 2009: “Attenzione alle correnti che non si definiscono chiaramente, se è socialismo, se è capitalismo, state attenti al riformismo. Non si tratta di riforma ciò che stiamo facendo qui, è rivoluzione, è una rivoluzione. Non intendiamo fare un’economia di mercato, né umanizzare il capitalismo; il nostro obiettivo è liquidare il modello capitalista, la dipendenza dal petrolio e costruire il nostro Socialismo Bolivariano. Non vogliamo una riforma piccolo-borghese, questa è una Rivoluzione Socialista autentica. Lo abbiamo detto in altre occasioni, è verso questa strada che ci dirigiamo; e questo è il contenuto del motto che abbiamo adottato come movimento civico-miliare: Indipendenza e Patria Socialista. Viviremo e Vinceremo!”, e vincere significa senza dubbio consolidare questa Patria Socialista che Chávez ci ha lasciato.

La Gestione Politica e la Gestione del Governo si consolidano entro la fine di questo quinquennio, nel 2019, al fine di realizzare più dell’80% di quanto stabilito nel Piano della Patria; questo ci consente di attraversare, come affermava Chávez, un primo orizzonte, un primo tratto verso il Socialismo.

Ci sono nel Piano della Patria (1), le definizioni ideologiche, programmatiche, strategiche, tecniche e tattiche della grande costruzione di questo primo tragitto verso il Socialismo. Entro il 2019 dobbiamo avere la base materiale; la proprietà sociale dei mezzi di produzione; la coscienza del dovere sociale, le basi spirituali e ideologiche, per poterci definire un paese socialista. Oggi non lo siamo ancora. Siamo ancora, pur con importanti progressi realizzati lungo il percorso, in una transizione dura e difficile dal capitalismo verso il Socialismo Bolivariano.

Stiamo combattendo una lotta ardua contro il nemico, interno e esterno, che vuole polverizzare il progetto socialista, ma lo sconfiggeremo. Il riformismo è il modo più semplice. È il patto con la borghesia. Ma è equivale ad ingannare il popolo. Significa dire che ciò che siamo arrivati a realizzare fino a questo punto è inutile e che torneremo allo schema del puntofijismo (2), alla socialdemocrazia; cioè di assumere il riformismo, significa fare passi indietro nella nostra costruzione socialista. E sarebbe quello di tradire e di rovesciare l’eredità di Chávez. Continuare nel capitalismo è distruggere il cuore del paese; perché la Patria che ci ha lasciato Chávez, o è Socialista o non è Patria.

Ecco perché è tempo di essere radicalmente chavisti, radicalmente bolivariani, radicalmente rivoluzionari, radicalmente socialisti. La formazione dei nostri quadri è fondamentale, affinché il partito abbandoni, una buona volta, alcune delle tendenze che continuano ad agire con l’intenzione di fare politica all’antica maniera capitalista; e che la vera militanza socialista si rafforzi definitivamente nei nostri ranghi. Dobbiamo diventare l’organizzazione che conduce, come parte dell’avanguardia rivoluzionaria, con Chávez alla testa, il popolo organizzato e cosciente, fino al punto di non ritorno del nostro Socialismo.

Compagne e compagni attenzione, allontaniamoci dal riformismo. È tempo di accelerare la marcia, di andare a fondo con la Rivoluzione. Solo il percorso della vera Rivoluzione Socialista ci porterà alla vittoria; ogni deviazione, quanto piccola possa apparire, porterà a fallimenti morali, politici, economici, in tutti i settori, ma fondamentalmente porterebbe al caos e alla violenza sociale, perché il popolo bolivariano ha deciso che il suo obiettivo è costruire il Socialismo che continua a dirigere il Comandante Eterno Hugo Chávez Frías.

Lo sappiamo, e ne siamo pienamente consapevoli, ci sono fallimenti, ci sono debolezze; ma continueremo ad applicare le 3R al quadrato (3), per continuare ad accelerare la marcia con la partecipazione diretta del popolo organizzato e cosciente. Dobbiamo stare attenti quindi a coloro che non esercitano la critica e l’autocritica, bensì l’insano discredito del governo e della dirigenza; a coloro che vogliono seminare la confusione tra noi e in questo modo, favoriscono il vero nemico di questa Rivoluzione: l’imperialismo statunitense e i suoi alleati.

Il Comandante Chávez, in uno dei suoi Aló Presidente (4), evidenziò questa frase di Fabricio Ojeda, che oggi mi permetto di ricordare anche a voi: “abbandonare il campo riformista e scegliere quello rivoluzionario significa decidere di combattere senza timori, di essere certi della vittoria e di sfidare come David, il gigantesco potere reazionario, come hanno fatto tutti i veri rivoluzionari della storia”.

Diamo quindi prova di cosa siamo fatti; siamo veri e autentici chavisti, siamo veri e autentici rivoluzionari. Non possiamo abbandonarci alle mezze misure. Gli individualisti, gli opportunisti, gli indisciplinati, gli ambiziosi, non possono difendere la via del Socialismo, né l’eredità di Chávez. Ecco perché compagni, come Cristo nel deserto, guardatevi dal riformismo, allontanate dalla tentazione piccolo-borghese e dalla deviazione dell’avventura socialdemocratica la nostra Rivoluzione Socialista, Bolivariana e Chavista; e quindi, Antimperialista!

¡Viva Chávez!

¡Viva Maduro!

¡Lealtad absoluta a la Revolución Bolivariana!

¡Independencia y Patria Socialista!

Barinas, domingo 24 de Mayo de 2015.

sentirbolivarianobarinas@gmail.com

* Vicepresidente per le Relazioni Internazionali del Partito Socialista Unito del Venezuela

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

___
(1) Il Plan de la Patria 2013-2019 è il secondo piano politico-economico del Progetto Nazionale Simón Bolívar per lo sviluppo del modello socialista della Repubblica Bolivariana del Venezuela elaborato e presentato dal Comandante Chávez per il rispettivo periodo governativo. Qui nel link la traduzione in italiano di tale Piano da noi realizzata:
https://issuu.com/redportiamerica.it/docs/proposta_plan_de_la_patria2

(2) Il Puntofijismo o Patto di Puntofijo è l’accordo con il quale socialdemocratici e socialcristiani si spartivano il potere con l’obiettivo di tenere lontano il partito comunista dal potere: https://es.wikipedia.org/wiki/Pacto_de_Puntofijo

(3) (VIDEO) Le 3R al quadrato sono “la formula” che il Comandante Chávez utilizzò in un suo celebre discorso il 2 ottobre 2010 durante un incontro pubblico del PSUV e ripresa in più occasioni dal Presidente Maduro nel 2013 e poi il 24 marzo 2015, durante la puntata numero 22 della sua trasmissione presidenziale in diretta tv “En Contacto con Maduro”. Alle prime 3R teorizzate da Chávez nel mese di gennaio del 2008, a seguito della prima sconfitta elettorale (referendum per la riforma costituzionale che avrebbe spinto in avanti i passi verso il Socialismo) Revisione, Rettifica e Rilancio si sarebbero aggiunte due anni dopo le altre 3 (per questo motivo definite “al quadrato”): Recuperare, Ri-polarizzare e Re-politicizzare. I richiami di Chávez prima e di Maduro poi ai funzionari di Partito, di Governo e dello Stato in Generale, all’autocritica, alla lotta alla corruzione e a non adagiarsi sulle comodità e sui privilegi della burocrazia sono stati costanti e frequenti. Ricordiamo, tra questi, anche il discorso del “Colpo di Timone”, nel quale Chávez invitò allo studio della Comune cinese di Chiyiling: http://la-tabla.blogspot.it/2012/10/chiyiling-el-modelo-chino-de-comunas.html

 

(4) Trasmissione televisiva presidenziale di Chávez. 

___















"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: