Napoli 7dic2015: Día de la Lealtad y el Amor al Comandante Supremo

di Consolato della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli

Come ogni anno, l’8 dicembre il popolo venezuelano commemora l’anniversario dell’ultima allocuzione pubblica, trasmessa per radio e televisione, dal Presidente della Repubblica Hugo Chávez, tenutasi proprio l’8 dicembre del 2012, prima che lo stesso passasse all’eternità a causa di un formazione cancerogena particolarmente aggressiva il successivo 5 marzo. 

L’evento, conosciuto come “Giorno della Lealtà e dell’Amore al Comandante Supremo Hugo Chávez e alla Patria” ed istituito nel 2013 con Decreto Presidenziale n° 541 firmato dall’attuale presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, intende rendere omaggio a questo celebre discorso pubblico, nel quale il Comandante informò il Paese della sua complicata situazione di salute, lasciando contestualmente nelle mani dello stesso Maduro la direzione del processo rivoluzionario, «qualunque cosa gli accadesse».  

Il Decreto Presidenziale prevede che, in questa data, si realizzino atti commemorativi di qualsiasi natura, per onorare la figura del “Comandante Supremo”.

«Quello fu il giorno in cui Chávez si distaccò dal suo popolo», ebbe modo di dire Nicolás Maduro, «ma il popolo non tradirà Chávez, la sua storia ed il suo progetto».

La forza tellurica di Chávez si manifesta ancora oggi in un popolo, quello venezuelano, protagonista e motore del processo socialista, un popolo che affronta con orgoglio e tenacia le strategie oppositrici, di chiaro stampo neo-liberale, per sconfiggerlo.

«Noi non daremo riposo alle nostre braccia, né riposo alla nostra anima fino a quando non sarà salva l’umanità».

(Hugo Chávez, Discorso alla sessione per il 60º anniversario dell’ONU, 15 settembre 2005)

Il trionfo della rivoluzione venezuelana è responsabilità dei popoli…

…le sue conquiste sono conquiste di tutti: tutti a difenderla!

buenabad@gmail.com

Bisogna creare una rete di comunicazione mondiale. Nessuno me l’ha chiesto ma io suggerisco che in maniera massiccia si inviino piccole note, messaggi urgenti al popolo rivoluzionario del Venezuela. Non sarebbe sbagliato dire cose all’orecchio, cose da fratelli, da amore fraterno, di necessità e di urgenza. Frasi come ad esempio: Venezuelani, compagni! il vostro voto è anche il nostro voto, in Bolivia, a Cuba, in Ecuador, in Nicaragua, in Colombia, in Messico… uscite e votate per tutti noi, andate e abbiate successo ancora una volta, con la vostra forza morale, con la vostra rivoluzione al galoppo, andate sempre più decisi e trionfate come si deve. Esprimere la solidarietà internazionale non significa annullare o ignorare le discussioni interne che possono avere un valore sostanziale, ma non devono impedire di moltiplicare i nostri sforzi sostenuti anche dalla mobilitazione dei paesi fratelli. Che nessuno se ne resti a casa sua, che nessuno si sottragga alle proprie responsabilità di votare, fatelo per tutti noi. Non è certo chiedere troppo!

 

Nessuno me l’ha chiesto, ma sento la necessità e l’urgenza (forse per non poter fare di più) di chiamare chi può e come può di trascinare tutti a connettersi con la patria venezuelana. 

 

Trascinare per conoscerla e per ascoltarla, capirla ed andare a sostenerla in ogni modo e come si deve. Invitare, insomma, a far conoscere alla rivoluzione venezuelana quanto ci teniamo e di quanto abbiamo bisogno di un suo netto trionfo. Cosa certamente opportuna.

 

Il Venezuela ha portato la lotta di classe ad un livello più avanzato, cosa che è stata censurata in mille modi. Sarebbe quasi il caso di ringraziare i golpisti per i numerosi trucchi sporchi messi in campo, per la rapidità e per l’abiezione investita al fine di organizzare i loro attacchi perché ci semplifica, ci fa risparmiare sforzi e ci dà la comprensione del cammino della rivoluzione. Oggi è estremamente chiaro che la rivoluzione venezuelana beneficia tutti (tutti i proletari che ricercano l’unità) per ridurre la distanza tra la realtà che ci travolge e la coscienza di cui abbiamo bisogno per agire in modo corretto. Il popolo rivoluzionario del Venezuela si è proposto di distruggere la borghesia, grande esempio, fonte di ispirazione e risultato magnifico. Abbiamo bisogno che quest’esempio si espanda e si approfondisca. Per questo è necessario che votino tutti. 

 

Le conquiste della rivoluzione venezuelana in materia di salute, alloggi, istruzione e lavoro… sono, tra mille cose, anche un dono e una scuola, nonostante la giovane storia della rivoluzione, cosa che ha prodotto benefici diretti e indiretti per molte compagne e molti compagni americani (e non solo). La lista è enorme, se solo si prende in considerazione il contributo delle “missioni” che aprono gli occhi sconfiggendo le malattie, aprendo gli occhi dell’anima e del pensiero.

 

Vediamo che il Venezuela con la sua rivoluzione socialista ci ha dato la certezza definitiva che la lotta per la dignità conduce al trionfo delle aspirazioni democratiche più profonde e sincere dei popoli. La parola di questo Venezuela rivoluzionario nel mondo di oggi è la parola della speranza e dell’impegno che ispira e risveglia. Dobbiamo riconoscere al Venezuela rivoluzionario questa forza simbolica, la sua ricca storia, i valori e la morale combattiva e guerriera che, nonostante tutte le contraddizioni, interne ed esterne, non perde la sua strada e non perdere la calma.

 

Vediamo le cifre; il Venezuela, anche al momento della peggiore crisi economica globale (causata dal capitalismo e dalle sue perversioni) mantiene il suo tasso di crescita reale e dei suoi principali programmi di sviluppo rivoluzionario. Nessun paese europeo, che si arroga il diritto di fregiarsi del titolo di “primo mondo”, è in grado (in questo momento) di vantare gli stessi risultati. Il Venezuela ha adottato misure energiche con la pianificazione economica subordinata al bene collettivo e subordinando la politica alla volontà democratica e alla giustizia sociale. Le cifre sono più che positive. Pochissimi possono vantare qualcosa di simile.

 

Per questo e molto altro, propongo che ci si assuma il compito di far sapere al popolo venezuelano quanto ci teniamo e quanto sia vitale per tutti noi una vittoria fortemente democratica nelle loro prossime elezioni. Far sapere loro, in mille modi, quello che abbiamo imparato e quali benefici abbiamo ottenuto grazie allo sforzo rivoluzionario del popolo venezuelano e al suo talento esemplare. Fate loro sapere che il loro trionfo è necessario nella misura in cui fanno ciò che molti altri non possono fare. Por ahora.

 

Si tratta di farlo sapere per incoraggiare i convinti, i dubbiosi ma anche i non convinti. Per mobilitare una contagiosa corrente mondiale di speranza affinché tutte e tutti vadano a votare alle prossime elezioni. Affinché si raggiungano cifre e numeri da record, affinché l’affluenza sia inedita. Che vadano a votare e che siano accompagnate e accompagnati dalla solidarietà di centinaia di popoli fratelli che sanno di essere beneficiati e corresponsabili per l’ascesa della rivoluzione e la sua proliferazione mondiale. Dobbiamo raggiungere ogni venezuelana e venezuelano parlando al suo cuore e al suo pensiero, ogni venezuelana e venezuelano che ha sulle spalle il compito di estendere ed approfondire, amplificare e radicalizzare la rivoluzione perché sappia quanto vale per noi all’estero, e quanto ci sta a cuore la sua opera collettiva e socialista. Che senta, pertanto, nelle sue mani (nel momento del voto), la storica responsabilità e il privilegio di avere la spinta fraterna e solidale di milioni di anime in tutto il mondo.

 

Si tratta di aprire uno spazio per una campagna internazionalista che racconti al Venezuela l’importanza del suo voto e quanto ci preme, in ogni paese, il suo successo esemplare alle prossime elezioni. Chiedere con tutti i mezzi di inviare messaggi al popolo rivoluzionario del Venezuela, per comunicare perché il loro voto sia così prezioso e perché la rivoluzione venezuelana ha una responsabilità internazionale. Dobbiamo trovare mille modi per far arrivare i messaggi… e poi replicarli per visualizzarli su tutti i media alternativi, comunitari e sociali, sulla stampa operaia, sulla stampa dei movimenti, delle università… blog, pagine twitter… L’idea è di generare un mobilitazione nell’ambito della comunicazione che raggiunga tutte e tutti (compresi gli indecisi) affinché votino, per accompagnare internazionalmente le elezioni poiché il trionfo del popolo venezuelano è il trionfo di tutti i popoli. Aiutiamoci.

 

* filosofo della comunicazione, Universidad de la Filosofía, Messico.

 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

Nasce il capitolo italiano del Movimento Europeo di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana

https://albainformazione.files.wordpress.com/2013/11/1c2b0-chavezconelpueblo3.jpg

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, invitando ad aderire inviando una mail a questo indirizzo: 8dconchavez@gmail.com

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ed il suo líder Hugo Chávez hanno ridato nuova vita e nuova potenza alla parola “Socialismo”.

A partire dall’ingresso di Chávez sullo scena mondiale, la speranza della Sinistra è rinata.

Il concetto di socialismo è stato arricchito con i contributi apportati dal Comandante Eterno, grazie all’ispirazione di Bolívar, el Libertador.

In tal modo il cosiddetto “Socialismo del XXI secolo” include i saperi autoctoni delle culture indigene, il pensiero dei libertadores e dei maestri della politica contemporanea: Ernesto Che Guevara, Salvador Allende, Fidel Castro…

Il Venezuela Bolivariano ha rotto i tradizionali e vetusti schemi delle relazioni internazionali che, sotto la sua iniziativa, hanno assunto un respiro rivoluzionario e di avanguardia.

L’ALBA, la UNASUR, la CELAC, PETROCARIBE, PETROSUR, TELESUR sono solo alcuni esempi dei successi che il Venezuela chavista è stato in grado di raccogliere.

Oggi, l’impero e l’oligarchia criolla, scossi dalla forza e dalla veemenza della Revolución Bolivariana, ritornano a minacciare la pace e la tranquillità della Patria di Bolívar.

Noi, italiani ed italiane di buona volontà, altrettanto rinnovati grazie all’agire rivoluzionario di Chávez e della Revolución Bolivariana, vogliamo dimostrare la nostra solidarietà con il Venezuela e aderiamo con la nostra firma alla creazione del Movimento Italiano di Solidarietà con la Revolución Bolivariana.


INVITIAMO TUTTI I SETTORI DEI MOVIMENTI RIVOLUZIONARI D’EUROPA A COSTRUIRE MOVIMENTI COME IL NOSTRO PER ESPRIMERE LA NOSTRA BUONA VOLONTÀ E RICONOSCENZA ALLA PATRIA DI SIMÓN BOLÍVAR E HUGO CHÁVEZ.

 Per aderire scrivere a 8dconchavez@gmail.com

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: