Come Ho Chi Minh rispose al Presidente USA Johnson

Risultati immagini per Ho Chi MinhRISPOSTA DI HO CHI MINH AL PRESIDENTE LYNDON B. JOHNSON

15 FEBBRAIO 1967 (*)

A Sua eccellenza Lyndon B. Johnson, presidente degli Stati Uniti.

Eccellenza,

il 10 febbraio 1967 ho ricevuto il Suo messaggio. Ecco la mia risposta.

Il Vietnam si trova a mille miglia dagli Stati Uniti. Il popolo vietnamita non ha mai minacciato gli Stati Uniti. Ma, contrariamente agli impegni assunti dal suo rappresentante alla Conferenza di Ginevra del 1954, il governo degli Stati Uniti non ha mai smesso di intervenire in Vietnam, ha scatenato e intensificato la guerra di aggressione al Sud Vietnam in vista di perpetuare la divisione del paese e di trasformare il Sud Vietnam in una neocolonia e in una base militare americana. Da più di due anni, con l’aviazione e con la marina militare, bombarda la Repubblica Democratica del Vietnam, un paese indipendente e sovrano.

Il governo degli Stati Uniti ha commesso crimini di guerra, crimini contro la pace e crimini contro l’umanità. Nel Sud Vietnam, mezzo milione di soldati americani e satelliti hanno fatto ricorso alle armi più disumane e ai metodi di guerra più barbari, quali il napalm, i prodotti chimici e i gas tossici, per massacrare i nostri compatrioti, per distruggere i raccolti e radere al suolo i villaggi. Nel Nord Vietnam migliaia di apparecchi americani hanno rovesciato centinaia di migliaia di tonnellate di bombe, distruggendo città, villaggi, officine, strade, ponti, dighe, sbarramenti e perfino chiese, pagode, ospedali, scuole. Nel Suo messaggio, Lei si mostra afflitto dalle sofferenze e dalle devastazioni inflitte al Vietnam. Mi permetta di domandarle: chi ha commesso quei crimini mostruosi? I soldati americani e i loro satelliti. Il governo degli Stati Uniti è interamente responsabile della gravissima situazione nel Vietnam.

La guerra di aggressione americana contro il popolo vietnamita costituisce una sfida ai paesi del campo socialista, una minaccia per il movimento di indipendenza dei popoli e un grave pericolo per la pace in Asia e nel mondo.

Il popolo vietnamita ama profondamente l’indipendenza, la libertà, e la pace. Ma di fronte all’aggressione americana si è sollevato unito come un sol uomo, non temendo né i sacrifici né le privazioni; è deciso a condurre la resistenza fino a quando non abbia conquistato l’indipendenza e la libertà reali e una pace vera. La nostra giusta causa gode dell’approvazione e dell’appoggio dei popoli del mondo intero e di larghi strati del popolo americano.

Il governo degli Stati Uniti ha scatenato una guerra di aggressione contro il Vietnam. Deve fermare quest’aggressione: è questa la sola via che possa portare al ristabilimento della pace. Il governo degli Stati Uniti deve cessare definitivamente e incondizionatamente i bombardamenti e ogni altro atto di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam, ritirare dal Sud Vietnam tutte le truppe americane e satelliti, riconoscere il Fronte Nazionale di Liberazione del Sud Vietnam e lasciare che sia il popolo vietnamita a regolare da solo i propri affari. Tale è il contenuto fondamentale della posizione in quattro punti del governo della Repubblica del Vietnam, che è l’espressione dei principi e delle disposizioni essenziali degli Accordi di Ginevra del 1954 sul Vietnam. È a base di ogni soluzione politica corretta del problema vietnamita.

Nel suo messaggio, Lei suggerisce colloqui diretti fra la Repubblica Democratica del Vietnam e gli Stati Uniti. Se il governo degli Stati Uniti desidera realmente questi colloqui, deve dapprima smettere incondizionatamente i bombardamenti e tutti gli altri atti di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam. Soltanto dopo la cessazione incondizionata dei bombardamenti e di tutti gli altri atti di guerra contro la Repubblica Democratica del Vietnam, quest’ultima e gli Stati Uniti potrebbero avviare colloqui e discutere questioni interessanti le due parti.

Il popolo vietnamita non cederà mai davanti alla forza; non accetterà mai colloqui sotto la minaccia delle bombe.

La nostra causa è giusta. È da auspicare che il governo degli Stati Uniti agisca conformemente alla ragione.

(*) Pubblicata nel libro Ho Chi Minh. Patriottismo e internazionalismo. Scritti e discorsi 1919-
1969, a cura di Andrea Catone e Alessia Franco, Marx Ventuno edizioni, Bari, 2019.

[Trascrizione in italiano per ALBAinformazione di Marinella Correggia]

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: