Gli USA intensificano le azioni per destabilizzare il Venezuela

CRBZdi crbz.org

Qualche giorno fa, il 26 giugno, il ministro Jorge Rodríguez ha riferito al paese in merito alla neutralizzazione di un nuovo piano di colpo di Stato e di assassinio del Presidente. Con le informazioni e le prove presentate da Rodríguez è stato confermato, ancora una volta, che i piani degli Stati Uniti e della destra venezuelana per rovesciare con la forza il governo costituzionale del Venezuela sono ancora in corso, non si fermano. Quasi due mesi dopo la sconfitta del tentativo di colpo di stato del 30 aprile, questo nuovo tentativo, smantellato dalle forze dell’intelligence e di sicurezza dello Stato, costringe a ribadire l’invito a rimanere con gli occhi ben aperti, a non abbassare la guardia.

L’abbiamo detto all’epoca e lo riaffermiamo: nonostante l’esaurimento e la debolezza di Juan Guaidó e le sconfitte politiche come quella del 30 aprile, non dobbiamo sottovalutare la capacità della destra locale di riorganizzare le forze e di infondere alla sua base, simbolicamente, nuovo entusiasmo e speranza, suscitando aspettative meno immediate ma più di lotta a lungo termine. La leadership politica dell’opposizione non è altro che un gruppo di figuranti guidati e organizzati dall’élite conservatrice che controlla il potere negli Stati Uniti, lì si stabiliscono le mosse da seguire. Non dobbiamo mai dimenticarlo.

In questo senso, notiamo che gli Stati Uniti hanno ripensato la propria strategia. Per ora ha abbandonato la ricerca di una rapida soluzione e ha cominciato a sperare che la crisi economica e le tensioni interne continuino a minare la resistenza del paese. Concentrano i loro sforzi nel continuare ad attaccare la FANB provando a dividerla, abbandonano la retorica interventista perché alimenta le argomentazioni e la strategia del governo, cercano di generare caos e incrementarlo, puntando alla destabilizzazione politica. Da qui l’avanzata paramilitare sul confine colombiano con lo stato Táchira, i tentativi di rivolte militari, le cospirazioni.

A livello politico, proveranno a riprendersi le strade il 5 luglio. Quel giorno, cercheranno di mobilitare il più possibile la loro base sociale. Dobbiamo stare attenti, poiché queste mobilitazioni potrebbero essere accompagnate da altre azioni.

Analogamente, come parte della serie di eventi che prefigura uno scenario di rilancio e di acutizzazione del conflitto e di aggressione al paese, è il caso del capitano di corvetta Acosta Arevalo e dell’aggressione con fucili a pallettoni verificatasi a Táriba ai danni del giovane Rufo Chacón. Il caso Acosta Arevalo si inserisce in quelle che sono note come operazioni di intelligence attiva: l’uso dell’infiltrazione per generare un evento ad alto impatto che potrebbe potenzialmente innescare una data situazione. Lo stesso vale per il caso di Rufo Chacón. Il fatto che entrambi gli eventi si siano verificati pochi giorni dopo la visita dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michel Bachelet, genera sospetti, poiché la Commissaria nelle sue dichiarazioni ha fatto particolare riferimento alle pratiche irregolari delle forze di sicurezza venezuelane.

Questo, nel campo dell’analisi e ipotesi dalle caratteristiche della guerra di IV generazione che il Venezuela vive. Tuttavia, sappiamo che le pratiche repressive, nonostante gli enormi sforzi compiuti dalla rivoluzione bolivariana, non sono state completamente eliminate. Pertanto, ci sono due elementi chiave in questo tema: 1) il chiarimento della verità e la punizione dei responsabili, e 2) l’informazione tempestiva al paese da parte del governo. Questo è l’unico modo per neutralizzare intenti destabilizzanti. Oltre a ciò, è necessario approfondire il dibattito sulle pratiche irregolari delle forze di sicurezza dello Stato e l’attenzione alle diverse denunce che esistono a questo proposito, elaborate anche nell’ottica di approfondire la rivoluzione e non di stare al gioco alla destra statunitense e locale. Non c’è dubbio che è necessario rafforzare le politiche di difesa dei diritti umani: questo è un compito permanente di una rivoluzione umanista come la rivoluzione bolivariana.

Ma anche il fronte comunicativo è fondamentale in questa battaglia e nel tipo di guerra che si sta conducendo contro il Venezuela. La lotta per il senso comune, per la percezione e per l’opinione pubblica è oggi uno scenario centrale. È anche uno sforzo a cui tutti i venezuelani, le organizzazioni politiche, i collettivi e i partiti politici devono aderire. In molte occasioni non assumiamo l’offensiva in questo scenario e lasciamo spazio all’azione di controinformazione, intossicazione e propaganda del nemico.

Continuiamo, quindi, in una lotta su tutti i fronti, perché l’aggressione è multiforme e simultanea. L’economico, il politico, il comunicativo, il militare, la preparazione alla difesa, l’attivazione della solidarietà popolare per favorire i settori più colpiti dalla crisi e il blocco, il diplomatico. In tutti gli scenari dobbiamo essere attivi, lavorare intensamente. Il nemico non ferma i suoi sforzi. Dobbiamo raddoppiare i nostri. È la vita del paese che è in gioco. Vinceremo!

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

(FOTO) Sesto Incontro: Dichiarazione di Napoli della Rete “CaracasChiAma”

L'immagine può contenere: 6 persone, spazio all'aperto30 giugno del 2019, Napoli (Italia)

Si è svolto a Napoli il VI Incontro Italiano di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana organizzato dalla Rete “CaracasChiAma”, il 28, 29 e 30 giugno del 2019, presso la “Galleria del Popolo”, che ha visto il protagonismo degli attivisti sociali, dei militanti politici, nonché degli artisti che vivono il territorio, delle forze sociali del popolo lavoratore autoctono e di altri paesi del mondo di chi ha scelto Napoli come città in cui vivere e lavorare. Un incontro che ha avuto come suo motivo conduttore il Potere Popolare Costituente in Azione; un Incontro che ha visto il protagonismo popolare e verace farsi strada, nell’ottica dell’amicizia, la fraternità e la solidarietà tra i popoli, un passaggio ulteriore di grande importanza per il coordinamento delle attività di diversi collettivi, gruppi, associazioni, nazionali ed internazionali che instancabilmente tessono la propria rete di relazioni e collaborazioni.

Valutiamo molto positivamente il momento di connessione che questo VI Incontro ha rappresentato con una realtà storica di militanza rivoluzionaria venezuelana come è la Coordinadora Simón Bolívar del Barrio 23 de Enero di Caracas, cuore vivo e pulsante della Rivoluzione proletaria in Venezuela, centro operaio e popolare imprescindibile per la Rivoluzione Bolivariana, dove vive la memoria storica delle lotte popolari venezuelane ed internazionaliste. Valutiamo positivamente l’adesione alla campagna internazionale per il rimpatrio di Ilich Ramirez Sánchez, il Comandante Carlos, storico militante e combattente internazionalista per la causa del popolo palestinese e dei popoli arabi in lotta contro l’imperialismo e la propria autodeterminazione, sovranità popolare e nazionale, così come ebbe modo di riconoscere lo stesso Comandate Chávez che si impegnò per sostenerlo e liberarlo dalle carceri imperialiste francesi. La Rivoluzione Bolivariana dimostra in questo modo il suo carattere internazionalista che noi tutte e tutti dobbiamo sottolineare ed alimentare.
 

Alla luce di quanto fin qui descritto, noi, partecipanti al VI Incontro, abbiamo elaborato la presente Dichiarazione di Napoli

Visto che:

–  la posizione del governo italiano per quanto riguarda la situazione politica, economica e sociale del Venezuela si è solo timidamente, parzialmente e in maniera contraddittoria distanziata dai vertici dell’Unione Europea che appoggiano le sanzioni economiche e il blocco finanziario verso il Venezuela voluto dagli imperialisti USA e sionisti

Abbiamo deciso di:

  1. elaborare e diffondere un documento da inoltrare alle istituzioni italiane per evidenziare gli effetti negativi e disumani provocati alla popolazione venezuelana a causa delle sanzioni imperialiste
    _
  2. alimentare ed organizzare la più ampia mobilitazione per imporre al governo italiano di prendere le distanze dalle ingerenze della linea politica estera europea nelle questioni interne del Venezuela Bolivariano

Visto che:

 – la stampa e tutti i mass-media dell’informazione italiana diffondono informazioni parziali, confuse, ingannevoli e per lo più false

Abbiamo deciso di:

  1. Continuare a diffondere le informazioni e i dati verificabili volutamente nascosti o comunque negati e mai trasmessi dai media italiani ed internazionali.

Visto che:

-il percorso del Venezuela verso la costruzione della società socialista è ferocemente ed inevitabilmente ostacolato dalle politiche dell’imperialismo

Abbiamo deciso di:

  1. impegnare tutte le nostre energie per contrastare le ingerenze dell’imperialismo nel nostro paese, in Italia. Avanzare nella costruzione del socialismo a casa nostra è il miglior contributo che possiamo dare alla causa della Rivoluzione Bolivariana per l’autoderminazione del popolo venezuelano, latinoamericano e la causa della liberazione dei popoli in generale.

Visto che:

– Il cammino socialista della Repubblica Bolivariana del Venezuela è costantemente oscurato e il Presidente Nicolás Maduro è sistematicamente diffamato

Abbiamo deciso di:

  1. organizzare periodicamente presidi nelle varie piazze delle città con la distribuzione dei volantini chiarificatori con il dovuto approfondimento delle questioni politiche ed economiche socialiste.

I risultati dell’attività per la realizzazione degli impegni assunti con la presente “Dichiarazione di Napoli” verranno evidenziati durante il prossimo VII Incontro Italiano di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana che si terrà a Mantova come da proposta precedentemente avanzata dal nodo della Lombardia nel mese di Aprile del 2020.

¡Chávez vive!

¡Maduro sigue!

Viva la solidarietà internazionalista!

Viva la diplomazia popolare per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli!

Viva il socialismo!

___

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e cappello

L'immagine può contenere: Elisabetta Weglik, in piedi e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: Elisabetta Weglik, spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 8 persone, persone che sorridono, spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Getman Eleonora, Roberto Scorzoni e Ciro Brescia, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: una o più persone

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: una o più persone

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedute, bambino e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 3 persone, persone in piedi e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono

L'immagine può contenere: 5 persone, tra cui Iader Polveri, persone che sorridono, persone sedute, bambino e tabella

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono

L'immagine può contenere: 5 persone, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

L'immagine può contenere: 2 persone, tra cui Ciro Brescia, persone che sorridono, persone in piedi, persone sedute e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Ciro Brescia, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui Elisabetta Weglik, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Amarilys Gutierrez Graffe e Elisabetta Weglik, persone che sorridono, primo piano

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute, scarpe, tabella e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 6 persone, persone sedute

L'immagine può contenere: Romina Capone e Iader Polveri, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute e tabella

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, persona seduta

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: 5 persone, persone in piedi

L'immagine può contenere: 3 persone, persone sedute, tabella e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: 4 persone, persone sedute, albero e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute, tabella e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 4 persone, albero, scarpe e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, sul palco, albero e spazio all'aperto

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, persona seduta

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: una o più persone e persone sul palco

L'immagine può contenere: 8 persone, tra cui Massimo Marzano Terzo, Roberto Scorzoni e Getman Eleonora, persone che sorridono, spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, persone in piedi

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, persone sedute

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: albero e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui José Cheo Sánchez, persone che sorridono, persone in piedi, cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: auto

L'immagine può contenere: una o più persone, cielo, nuvola e spazio all'aperto

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: