Da Onu e Gruppo di Lima un po’ di ossigeno per Caracas

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui Clara Statello e Amarilys Gutierrez Graffe, persone che sorridono, persone sul palco e persone in piedidi Claudia Fanti – Il Manifesto

CARACAS.- Nel lungo assedio che il governo Maduro sta soffrendo, gli ultimi eventi gli hanno davvero portato una boccata di ossigeno. Dopo aver scongiurato il tentativo di golpe del 23 febbraio, bloccando alla frontiera l’ingresso dei cosiddetti aiuti, quelli che secondo Guaidó sarebbero entrati «sì o sì», la rivoluzione bolivariana è uscita di fatto indenne dalla temuta riunione del Gruppo di Lima, in cui l’autoproclamatosi presidente ad interim aveva riposto molte delle sue residue speranze di non perdere la faccia, contando di uscire dallo stallo con un intervento militare.

Pur accusando il presidente di ogni male – addirittura di crimini contro l’umanità – i paesi del gruppo hanno infatti riconosciuto che devono essere gli stessi venezuelani a portare avanti la «transizione democratica»: in maniera pacifica, «nel quadro della Costituzione e del diritto internazionale» e soprattutto «senza l’uso della forza».

L’ultima vittoria diplomatica, sicuramente più scontata, il governo Maduro l’ha ottenuta alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, convocata martedì dagli Usa per affrontare, nuovamente, la questione del Venezuela, e terminata esattamente come la precedente sessione del 26 gennaio: gli Stati uniti e i loro alleati da una parte, Russia, Cina e altri paesi, come Sudafrica e Indonesia, dall’altra.

Il dibattito si è concentrato stavolta sugli episodi di violenza alla frontiera nel fine settimana, attribuiti dall’inviato speciale Usa per il Venezuela Elliott Abrams a presunte bande paramilitari controllate dal governo Maduro. Una ricostruzione contestata con forza dal ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza, che ha denunciato, al contrario, l’uso del territorio colombiano per aggredire il suo paese, esprimendo indignazione per le informazioni circolate sulla stampa egemonica. E in suo sostegno è accorso l’ambasciatore russo all’Onu Vassily Nebenzia, evidenziando come i video esistenti riconducano gli atti di violenza a «persone provenienti dal territorio colombiano» e ricordando che, «se gli Usa volessero davvero aiutare, lo farebbero attraverso le agenzie umanitarie operanti in Venezuela». La Russia, ha detto, «ha inviato a Caracas la scorsa settimana 7,5 tonnellate di farmaci attraverso l’Oms e non ha incontrato alcun ostacolo».

E se alle manipolazioni della stampa contro la rivoluzione bolivariana, il governo ha risposto in tutte le sedi possibili, Maduro ha voluto farlo personalmente anche dinanzi agli oltre 400 partecipanti dell’Assemblea internazionale dei popoli, a cui ha mostrato i video delle aggressioni sferrate da bande criminali assoldate dal governo colombiano. E portando il suo saluto e il suo ringraziamento ai dell’Assemblea, che ieri ha concluso i suoi lavori, Maduro ha ribadito l’impegno del suo governo a portare avanti la “battaglia per l’umanità, per il diritto all’indipendenza, per la pace, per il rispetto della diversità politica, economica e culturale”.

Il circolo vizioso media-reti sociali visto dal Venezuela

di Marinella Correggia

Il circolo vizioso dei mezzi di comunicazione tradizionali e di quelli moderni è stato illustrato, all’Assemblea dei popoli, dal viceministro della comunicazione William Castillo: «Non solo in Venezuela, la matrice che crea l’opinione pubblica, certo, è imposta dai grandi media; laviralizzazione è prodotta dalle reti sociali; e l’impatto emotivo viene dai servizi di messaggeria.

Ciascuno ha un ruolo. Dunque Ap, Afp e gli altri dicono che Maduro assassina, e questa è la parte razionale. La massificazione te la danno le reti sociali, che vorticosamente divulgano le notizie, milioni di visite eccetera. Ma l’impatto, è quando ti arriva sul tuo telefono privato, oh guarda Maduro che uccide! Questo effetto non lo procura né Afp né Cnn né Efe… lo consumi tu sul tuo telefono perché te l’ha mandato una cugina alla quale lo ha mandato un amico che è della famiglia del ministro del Venezuela… E siccome tutto questo è legittimato da un clima costruito,  tu ci credi. Dopo un po’ vene fuori che è una bugia, ma il timore o la rabbia ti sono già entrati dentro, e affrontare questo mostro è molto difficile».

Un tema, quello della comunicazione e della guerra di quinta generazione, affrontato anche nel corso di una conferenza con l’analista argentino Atilio Boron, una deputata regionale spagnola di Izquierda Unida e il segretario generale dell’Alleanza Alba, il boliviano ed ex ministro David Choqueanca.

Maria Elena Diaz, deputata venezuelana ha sottolineato come nel cruciale week end del 23 -24 febbraio, l’«altissima pressione delle reti sociali» abbia ottenuto una «vittoria tattica», ma che il Venezuela, con la sua «resilienza e persistenza», otterrà quella strategica perché «al nostro paese è toccato il ruolo di avanguardia di liberazione contro l’impero, verso il consolidamento di un mondo multipolare».

E fin qui tutto giusto. Atilio Boron, invece, ha rivolto uno strano appello al pubblico presente (un centinaio di persone): «Chi sta riprendendo questo dibattito con gli smartphone? Due o tre? Pochi, troppo pochi. Abbiamo un modo di comunicare ancora vecchio, da epoca di Gutemberg. Ma così non arriviamo ai giovani, i millenials, che sono uguali dappertutto perché gli Usa hanno avuto successo nel plasmarli. Loro vivono con lo smartphone» (non per le strade di Caracas in verità).

Insomma per l’analista argentino, si tratta di essere sempre connessi. Temiamo che egli non abbia capito che in questo modo, a colpi di social e di messaggerie,  non necessariamente si contrasta la propaganda. Semplicemente si crea un circuito parallelo, destinato però a persone che sono già «vaccinate contro le fake news». Sugli altri, sugli intossicati dal circolo vizioso media/reti sociali che li amplificano/Ong che li nobilitano/governi che li manovrano, difficilmente si farà breccia. Sono già formattati, e cambiare idee è umanamente molto difficile.

Padre Numa Molina, impegnato nei quartieri poveri di Caracas e schierato con il potere popolare e che contesta il piano statunitense, ha le idee chiare su questo: «C’è un fenomeno da studiare, è il rifiuto psicologico di fronte a informazioni che vanno contro quello che hai già interiorizzato».

Dunque che fare? Occorrerebbe spezzare il circolo vizioso di cui sopra anziché cercare di reagire sulla sua parte terminale. Come, non è facile.

Invece, la deputata spagnola (il nome è stato dimenticato…) ha dimostrato di non aver capito granché di quanto è successo negli ultimi anni. Nel suo intervento, è rimasta alla guerra all’Iraq – quando peraltro i social non erano certo così centrali – ignorando il ruolo del circolo vizioso della menzogna nei casi libico e siriano.

Complimenti.

Assemblea dei popoli: vita nell’epicentro Venezuela

di Marinella Correggia

Hindu Anderi, giornalista della radio nazionale, di origini libanesi come tanti cittadini venezuelani, scuote la testa sbirciando il tweet del deputato Usa Marco Rubio che ha fatto circolare un’immagine di Gheddafi insanguinato quasi a evocare una simile fine per Maduro. Poi, in uno degli enormi spazi dell’hotel Alba, sede dell’Assemblea dei popoli in corso,  comincia a intervistare il giovane Pedro Luis Portocarreno.

Invitati da tutto il mondo, o quasi

Peruviano di Lima, del Frente Patriotico Nacional, Pedro Luis è uno dei 450 invitati e delegati internazionali – quasi tutti, temiamo, a spese del governo venezuelano, compresi vari occidentali veterani del Venezuela. Gli chiede: «Il vostro governo, che nel gruppo di Lima pur respingendo un’opzione militare alla statunitense, continua a gridare alla crisi umanitaria nel mio paese e alla necessità di elezioni presidenziali, cosa fa per i suoi poveri? Mi risulta che ci siano moltissimi peruviani senza nemmeno fognature o acqua corrente». È un po’ quello che il sito Aporrea ha scritto e mostrato della città frontaliera di Cúcuta, in Colombia, da settimane centro del mondo per via del mancato transito degli «aiuti umanitari» e dove la gente vive nelle baraccopoli fra violenza e miseria.

Il giovane peruviano risponde affermando che «la popolazione non è con il governo di Lima». Stranezza: Pedro Luis non parla che spagnolo, niente lingue delle sue Ande, «ma mi piacerebbe impararle». Magari potrebbe cogliere l’occasione del 2019, Anno internazionale delle lingue indigene.

Peccato: nessun siriano, iracheno, libico, yemenita

In tutti gli interventi dei partecipanti, da qualunque paese vengano e ne  sono rappresentati ottanta, si citano quasi a ritornello vari esempi tragici da scongiurare (se la storia maestra avesse allievi, come insegnava Gramsci): l’Iraq del 2003, e ultimamente gli interventi diretti in Libia e per procura in Siria, e la tragedia in Yemen. Chissà perché nessun siriano né libico né iracheno o yemenita è presente. Volentieri avrebbero certo potuto dire più di molti altri, sugli interventi con pretesti umanitari e sui loro esiti. Fra l’altro, in tutti quei contesti, il Venezuela si impegnò moltissimo in sede Onu. Non parliamo poi degli yemeniti, «ovviamente» assenti fra i delegati del mondo arabo. Erano invece presenti giovani canadesi che abbiamo già visto alla conferenza sullo Yemen a Londra nel 2016. In quell’occasione a pagare il loro viaggio furono… organizzazioni yemenite.

Ci hanno detto che AirFrance ha sospeso i voli. Ma come mai gli altri invece c’erano? Certo, questa scelta non dipende dai venezuelani. La decisione sui partecipanti veniva dai responsabili regionali, i tunisini. Che non si può dire si siano stracciati le vesti sulle guerre in Medioriente negli anni recenti. Una cosa da appurare.

Ed ecco, fra i giornalisti venezuelani che saltano il pranzo per intervistare gli ospiti, William Gonzalez di Correo del Alba. Un bel mensile a colori che continua a uscire malgrado la penuria di carta perché… è prodotto in un paese amico, la Bolivia.

Che fare e come fare, però?

In Venezuela, «epicentro dell’attacco imperialista e quindi priorità per tutti», come evocato nelle riunioni plenarie, l’Assemblea dei popoli ha visto nel suo secondo giorno le riunioni per regione, organizzate per sviluppare piattaforme continentali di azione, se possibile, oltre alla scontata solidarietà con il paese bolivariano e alle pur belle sedute in plenaria con giuramenti di rivoluzione prossima ventura, interventi fiume, canti, belle fogge etniche e, ci pare, pochi rappresentanti di movimenti contadini. Certo, ci sono tentativi di messa in rete, come l’aggancio fra l’ecosocialismo che alcuni tentano in Venezuela e le idee di indipendenza sostenibile di cui Thomas Sankara fu paladino in Africa.

Quasi tutti hanno evocato l’importanza di contrastare la virulenza del circolo vizioso ben collaudato negli ultimi anni di guerre di aggressione: media mainstream- reti sociali- governi occidentali con i loro alleati regionali, e anche certe Ong internazionali. Ma come fare? Si rischia che il pur grande attivismo mediatico contro le menzogne e le omissioni di verità, rimanga parallelo all’altro, senza possibilità di introdurre crepe nel muro.

Si ha un bel dichiarare, qui, «respingiamo gli interventi occidentali che invocano democrazia e diritti umani ma sono all’insegna degli interessi capitalistici e di rapina» (così in molti interventi di africani): se la valanga di propaganda intorno alla «catastrofe umanitaria provocata dal dittatore che affama il suo stesso popolo e lo uccide alla frontiera per non far passare gli aiuti» non otterrà i propri suoi effetti, non sarà né per la solidarietà dell’Assemblea dei popoli né per l’impegno di contro-propaganda: ma piuttosto per due altri fattori essenziali.

Alleanze internazionali e resilienza del popolo venezuelano

Perché il popolo del Venezuela pur nelle difficoltà dovute alla guerra economica feroce, all’inflazione alimentata e alla struttura ancora troppo estrattivista del paese, pur infastidito dalla demonizzazione internazionale del governo eletto, si dimostra resiliente e nient’affatto disposto a tornare all’epoca pre-Chávez con il dominio dell’oligarchia e la main-mise statunitense. E poi, perché il governo di Caracas ha sviluppato una rete di alleanze internazionali, all’insegna della vicinanza politica oppure geopolitica.

Oppure commerciale. Ci dicono ad esempio due indiani di People’s Dispatch: «L’India ha un rapporto puramente economico con il Venezuela, nel reciproco interesse». Meglio questo che reggere la coda a «Trun» (come chiamano qui il Donald). Fra parentesi: l’India con la sua grande industria dei farmaci generici (che si avvale anche del procedimento  che bypassa giustamente i brevetti, detto del reverse ingeneering), potrebbe probabilmente sostituire le importazioni venezuelane da Big Pharma, insieme alle forniture da Cuba, visto che poi, come è accaduto in Spagna, partite di medicine occidentali già pagate sono state bloccate. Peraltro, diversi latinoamericani presenti hanno evocato la possibilità di una raccolta di farmaci di solidarietà da spedire in Venezuela, mentre un colombiano ha sottolineato l’esistenza di una medicina indigena e autoctona da rivalorizzare. «Niente di nuovo, già lo faccio per quanto possibile», dice Yoselina, partecipante venezuelana. Ha lavorato per l’organizzazione regionale Unasur, una delle creazioni di Chávez, e sottolinea come il cosiddetto «Gruppo di Lima», accozzaglia di paesi con regimi di destra che sono la stampella regionale di Washington, sia abusivo, non legale (ci ricorda in effetti i vari «Amici della Libia» e «Amici della Siria»).

Evviva yucca e arepas ma…

Le pause colazione, pranzo e cena sono sempre bene accette e piuttosto lunghette in questo genere di raduni. Una piccola, gradita sorpresa: qui il cibo non si spreca, come scandalosamente accadeva in altri paesi aggrediti dall’Impero e oggetto quindi di delegazioni e conferenze di solidarietà con la partecipazione di internazionali (e prima o poi un’osservazione su questa solidarietà sovvenzionata andrà fatta). Niente self-service, ricetta sicura per piatti stracolmi e poi mangiati solo a metà. Sulla terrazza dell’hotel Alba, vista sui grattacieli, allungano porzioni molto caute. Del resto domenica mattina, aprendo la conferenza, Joao Pedro Stedile, riferimento del Movimento Sem Terra del Brasile e mente e cuore dell’Assemblea (la propose due anni fa al presidente Maduro ottenendone un sì entusiastico), ha evocato fra l’altro l’ingiusto «mondo di abbondanza e penuria dove si produce una volta e mezza il cibo che viene consumato, ma un terzo si spreca perché i ricchi ne hanno troppo, e i poveri non lo possono comprare».

E tuttavia, chi non mangia carne si chiede perché non si abbondi piuttosto con due cibi locali, deliziosi ed economici – a differenza di pollo e animali vari: la yucca, un tubero dolce cucinato con erbette, e le arepas, sorta di panini di farina di mais. Più yucca meno pollo per favore! Più arepas meno riso bianco! Più acqua del rubinetto (se proprio volete, filtrata), meno bottigliette (che nell’Assemblea a differenza della strada abbondano). Altra stranezza: a partire dal secondo giorno, spariti i bicchieri di succhi di frutta seppure piuttosto diluiti, ha fatto il suo ingresso la Cocacola.

Di necessità, scorte

Nota su Caracas. A soggiornare in una casa di amici anziché negli hotel dei partecipanti all’Assemblea, si capisce qualcosa in più della realtà; solo qualcosa però. Ad esempio che in palazzi di decine di piani in un quartiere centrale, tutto sommato residenziale di Caracas, l’acqua può mancare per giorni (anche Internet, ma francamente passa in secondo piano). «È un’avaria», dicono i vicini. La mancanza di pezzi di ricambio produce questi risultati. Allora si fanno due scorte parallele. Una per l’acqua da bere e da cucinare, riempiendo pentole quando il rubinetto è generoso. L’altra in bagno, dove campeggia un enorme bidone nero di plastica, tipo quello per i rifiuti.

A proposito: i rifiuti. Non se ne producono moltissimi e sono tutti indifferenziati. Li ammucchiano sotto i lampioni ma la sera verso le 21 passano i camion e ritirano tutto, la città è molto più pulita di Roma.

Ciò che è pubblico e ciò che è privato

Nel percorso a piedi verso l’Assemblea si coglie il contrasto fra quanto è fornito dallo Stato ed è gratuito o molto a buon mercato, per esempio il busCaracas, la metropolitana e gli autobus per gli studenti, e quello che è venduto da privati: nelle vetrine, un dulcito costa l’equivalente in bolivares di un euro, il formaggio 3 euro; prezzi inarrivabili per i venezuelani sotto inflazione, che ricorrono ai pacchi a prezzi calmierati e che benedicono il cosiddetto Carnet de la Patria, un contributo in denaro che arriva indistintamente a tutti e di più a chi è in difficoltà.

Ecco, a poca distanza dal cavalcavia sotto il quale non dorme nessun senzatetto, un signore che vende il Correo del Orinoco, foglio pubblico: solo 100 bolivares, in proporzione quanto un quotidiano per uno stipendio medio in Italia. Costa meno di una singola sigaretta, infatti non fuma più nessuno o quasi.

Per il resto, il «coprifuoco di fatto» di cui si parla per le ore serali a causa del rischio di essere rapinati o uccisi, non è stato percepito in tre giorni di lunghi tragitti a piedi al centro. Semmai è il traffico a essere pericoloso.

Maduro isolato nel palazzo…

Mentre su uno smartphone si poteva leggere su siti italiani un articolo con frasi di questo tenore: «Maduro isolato nel suo palazzo», ecco che il detto Maduro prendeva parte, a un teatro quasi all’aperto, al centro di Caracas, all’incontro con centinaia di persone da oltre 80 paesi, partecipanti all’Assemblea dei popoli. E, dopo aver evocato i 5.000 minori in carcere negli Usa per essere figli di migranti illegali, senza rilevanti condanne internazionali, mostrava i video sui guarimberos al confine, «mercenari di Colombia e Venezuela assoldati per entrare. Ecco perché abbiamo dovuto chiuderla». Intanto, alcuni colombiani presenti (un bus intero non ho potuto passare la frontiera) urlavano Colombia bolivariana.

Napoli 5mar2019: No al Golpe in Venezuela

L'immagine può contenere: 1 persona, folla, cielo e spazio all'apertodi Associazione Resistenza

No al Golpe in Venezuela – 5 marzo di solidarietà internazionale

In questi giorni stiamo assistendo a uno dei più duri attacchi orchestrati dai gruppi imperialisti statunitensi contro il Venezuela Bolivariano e il suo presidente, Nicolás Maduro Moros. A fronte dei continui tentativi di destabilizzazione golpista e terrorista orchestrati dagli USA contro il Venezuela e in sostegno alla Rivoluzione Bolivariana, chiamiamo i compagni e le compagne dei movimenti sociali, popolari e progressisti della città di Napoli a confrontarsi e partecipare il 5 marzo 2019 alle ore 16.00, commemorando il sesto anniversario della scomparsa del Presidente Comandante Hugo Chávez, all’iniziativa di solidarietà presso la sala Nugnes del Comune di Napoli in Via Verdi, 35.

Facciamo in modo che il sostegno al popolo venezuelano rafforzi la strada per costruire la Rivoluzione socialista a casa nostra, nel nostro paese, questo il miglior contributo che possiamo dare alle masse popolari venezuelane per combattere il nemico imperialista e mettere in piedi la società del futuro, il Socialismo!

La solidarietà è un’arma, usiamola!

Interverranno:

* Sandro Fucito – Presidente Consiglio Comunale di Napoli
* Angelo Iacobbi – Cittadino italiano residente in Venezuela
* Consolato Generale del Venezuela Bolivariano a Napoli
* Marco Coppola – Direzione Nazionale Partito dei CARC
* Gianmarco Pisa – IPRI (Istituto Italiano di Ricerca per la Pace) – Rete Corpi Civili di Pace
* Francesco Tescione – USB Caserta
* Ciro Brescia – ALBAinformazione
* Giuliano Granato – Potere al Popolo, ex OPG

Modera:
Antonio Cipolletta – Sezione Napoli Sanità del Partito dei CARC

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Planetasperger

sindrome de asperger u otros WordPress.com weblog

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

www.logicaecologica.es/

Noticias saludables

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: