Stédile: «Una guerra contro il Venezuela non conviene a nessuno»

L'immagine può contenere: 2 persone, tra cui Amarilys Gutierrez Graffedi Claudia Fanti – Il Manifesto

Intervista. Parla João Pedro Stédile, leader “sem terra” e mente dell’Assemblea dei popoli di Caracas

CARACAS.- È quasi una nuova guerra civile spagnola, è stato detto, con la speranza che stavolta possa finire diversamente. Di certo qui, sulla trincea venezuelana, si combatte una battaglia decisiva in difesa dell’autodeterminazione dei popoli contro l’impero. E, quale che sia l’esito, l’intero quadro geopolitico mondiale potrebbe risentirne a lungo.

Non sorprende allora che proprio a Caracas, in solidarietà con la rivoluzione bolivariana e contro l’imperialismo, si sia svolta la prima Assemblea internazionale dei popoli, con la presenza di oltre 400 delegati di 85 paesi: il sogno internazionalista di Marx diventato oggi più che mai una necessità storica, di fronte all’offensiva senza frontiere del grande capitale.

A lanciare l’idea e a proporla al presidente Maduro, che l’ha subito accolta, è stato il leader del Movimento dei senza terra del Brasile João Pedro Stédile ed è a lui che abbiamo chiesto un’opinione sulle sfide e sulle contraddizioni della rivoluzione bolivariana.

Riuscirà il Venezuela a vincere questa battaglia?

 

La prima sfida è quella di scongiurare il rischio di un intervento militare. In questo senso, la vittoria di lunedì a Bogotà, dove il gruppo di Lima ha escluso nella sua dichiarazione l’uso della forza, ha assunto un’importanza fondamentale. L’embargo economico, anche qualora venisse inasprito, non sarebbe infatti sufficiente a sconfiggere il governo bolivariano. Non a caso Cuba ha resistito per 60 anni sotto embargo. E, in più, il Venezuela può contare sul petrolio, vendendolo a paesi diversi dagli Stati uniti: l’accordo raggiunto con l’India, per esempio, permette di scambiarlo con alimenti e medicine, di cui il paese asiatico è un grande produttore.

La soluzione alla crisi economica potrebbe venire anzi proprio dalla creazione di un blocco economico con paesi come Russia, Cina, Iran, Turchia, India, Sudafrica, con cui il Venezuela potrebbe stringere accordi commerciali senza dipendere dal dollaro. Inoltre, a Trump resta appena un anno e mezzo di governo: se non venisse rieletto, come è probabile, si potrebbe aprire un periodo di distensione, anche perché neppure per gli Usa, a lungo termine, risulta conveniente una guerra con il Venezuela. Infine, tutti gli analisti prevedono che il prezzo del petrolio, nei prossimi due anni, tornerà a superare i 100 dollari al barile. E questo potrebbe dare al governo nuovi margini di manovra.

Per quale motivo anche il Brasile si è opposto all’uso della forza contro il Venezuela?

Nell’attuale governo brasiliano esistono tre blocchi in conflitto tra loro: i militari, i Chicago Boys con la loro visione ultraneoliberista dell’economia, e i neopentecostali, di cui fa parte anche Bolsonaro, che rappresentano il gruppo più connotato in senso neofascista. Sono questi ultimi a volere la guerra, nel nome dell’anticomunismo e dell’amicizia della famiglia presidenziale con Trump, Bannon e il Mossad, il quale è interessato a combattere il Venezuela in quanto alleato dell’Iran e della Turchia. Ai Chicago Boys non interessa la guerra, vogliono solo liberalizzare l’economia. Mentre i militari, che hanno una visione più strategica, sanno che si tratterebbe di un’avventura pericolosa. Un po’ perché i soldati hanno bisogno di una causa per combattere e l’invasione del Venezuela non offre loro una ragione valida e un po’ perché non sarebbe una guerra facile, non sarebbe come ad Haiti, dove i militari brasiliani se ne sono stati belli tranquilli con i loro caschi blu. Il rischio insomma sarebbe quello di un nuovo caso Malvinas, quello che ha dato il colpo di grazia al regime militare argentino. È per questo che a Bogotà, a dire no all’intervento, è andato il generale Mourão, non il ministro degli Esteri Araújo, che appartiene all’area pentecostale.

Perché una rivoluzione che ha abbracciato il socialismo non è riuscita a superare il modello economico capitalista ed estrattivista?

Assumendo il controllo dell’industria petrolifera, prima di allora nelle mani dell’oligarchia e delle imprese statunitensi, Chávez si era proposto di utilizzare la rendita petrolifera per rispondere ai problemi fondamentali della popolazione – casa, educazione, salute, infrastrutture di base – e per avviare un piano di reindustrializzazione del Venezuela. In questi 20 anni, però, il governo non è riuscito a cambiare la struttura economica del paese superando la dipendenza dal petrolio. Le ragioni sono molteplici. Nel corso del XX secolo, la facile rendita petrolifera aveva spinto i contadini a emigrare in città, distruggendo l’agricoltura venezuelana. E così il paese, che era stato un grande esportatore di caffè, di cacao, di mais, è diventato completamente dipendente dall’importazione di alimenti. Ora se ne pagano le conseguenze. Per quanto la marcia contadina, con tutte le sue rivendicazioni, abbia giocato un ruolo importante, la presenza contadina in Venezuela resta numericamente limitata.

E un altro grande problema è l’inflazione incontrollata a cui ha condotto la manipolazione del tasso di cambio del bolivar rispetto al dollaro operata dagli Usa attraverso una piattaforma che opera a Miami e che è stata assunta come riferimento dalla borghesia venezuelana. In risposta, il governo ha giocato la carta del petro, la criptomoneta garantita dalle riserve petrolifere del paese, ma senza ottenere gli effetti sperati.

In realtà l’attuale crisi potrebbe anche trasformarsi in un’opportunità per la riconversione economica del paese, ma si tratta di un processo che richiede molto tempo.

Qual è invece il maggiore punto di forza della rivoluzione?

La forte partecipazione popolare, promossa da Chávez in maniera instancabile. La gente partecipa a tutto permanentemente. E questo perché, in base alla pratica pedagogica adottata, il governo informa, spiega, convoca, mobilita. È da 20 anni che il popolo chavista scende in strada. Lo farà nuovamente oggi, per la terza volta in una settimana. Come lo ha fatto alla frontiera, quando un fiume di gente ha supportato i soldati nel bloccare il cavallo di Troia degli aiuti. È significativo che tutti gli atti di violenza siano avvenuti su lato colombiano e su quello brasiliano, non in Venezuela. Sono convinto che sia la partecipazione popolare a salvare questa rivoluzione. E in ciò credo che abbia giocato un ruolo importante anche l’amicizia di Chávez con Fidel, il quale raccomandava sempre di parlare con il popolo e di mobilitarlo. Il popolo è la più grande forza di cambiamento sociale.

La solidarietà nei confronti della rivoluzione bolivariana è stata al centro di questa prima Assemblea dei popoli. Come proseguirà questo processo?

Abbiamo costruito una piattaforma programmatica anti-capitalista e anti-imperialista attorno a cui unire tutte le forme organizzative del popolo. Il prossimo passo sarà quello di promuovere spazi unitari a livello prima nazionale e poi regionale, creando unità attraverso azioni concrete e, soprattutto, tornando a lavorare con il popolo. La sinistra deve tagliarsi la lingua e aprire le orecchie. E promuovere mezzi di comunicazione alternativi. In tal modo si potrà organizzare il prossimo anno una seconda e più grande assemblea internazionale.

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: