Juramentación adeca

por Néstor Francia

Análisis de Entorno Situacional Político

Martes 24 de octubre de 2017
Granada fragmentaria

Dos temas actuales concitan nuestro interés en esta aun crepuscular mañana. Uno es el que se refiere a la  uramentación de los cuatro gobernadores adecos ante la directiva de la Asamblea Nacional Constituyente. El otro el creciente descontento popular por la situación económica, sobre todo en lo que atañe al aumento desproporcionado y constante de los precios, y los efectos que está teniendo en el seno mismo del chavismo, salpicando inclusive a la propia Constituyente. No ha sido fácil para nosotros escoger por cuál de estos derroteros enfilamos hoy, sobre todo porque esto último nos atañe directamente, ya que somos miembros de la ANC. Pero como para todo habrá tiempo, decidimos ocuparnos de la juramentación de marras y ya mañana, si alguna realidad inesperada no nos desvía, hablaremos de lo otro.

Se presentaron ante la ANC los gobernadores de Anzoátegui, Mérida, Nueva Esparta y Táchira. Lo primero a destacar en este hecho es que todos ellos, militantes del partido opositor Acción Democrática, han reconocido así la legitimidad de la Constituyente, lo cual no es poca cosa, si tomamos en cuenta que AD se ha convertido, por la vía de los hechos, en el principal partido de la oposición venezolana. Esto último, en realidad, no es nada nuevo, más allá de que los venezolanos nos hemos acostumbrado al espejismo de creer que quien saca más votos en una elección es por eso mayoría real, aun cuando los análisis cualitativos indiquen otra cosa. Acción Democrática es el único partido opositor con presencia efectiva en todo el territorio nacional, en el sentido de su organización y raigambre tradicional.

No hay muchos adecos, pero están medianamente organizados y tienen liderazgos ciertos en algunas regiones. Ante el PSUV son casi nada, pero se ven sólidos ante modas ilusorias como Primero Justicia y Voluntad Popular, y fuerzas que son restos de distintos naufragios cuyos damnificados habitan básicamente islas, como UNT (Zulia), Avanzada Progresista (Lara), La Causa R (Bolívar), AVP (Caracas) o Vente Venezuela (los comederos de María Corina Machado en el este de la capital). Todos estos no son sino sombras en el resto del país.

En todo caso, la Constituyente se anota otro éxito (los ha tenido, varios e importantes, a pesar de que, a decir verdad, está llevando palo en sectores de la opinión pública, pero eso forma parte del otro asunto que señalamos al principio). Y para la Revolución es una nueva victoria, pues se sigue difuminando la matriz del “fraude”.

La juramentación de los adecos tendrá repercusiones favorables, sin duda, en el escenario internacional, ya que sigue extendiéndose la percepción que el de Maduro es un gobierno estable, a pesar de los pesares. “Comunista”, “dictatorial”, “criminal”, pero estable, un hueso duro de roer. Sus victorias son disuasivas para quienes sueñan en el mundo con la generalización y radicalización de la intervención foránea en curso. Pero acaso el efecto inmediato más trascendente es que el recule de los adecos, después de algunas frases altisonantes de su principal vocero, Henry Ramos Allup, ha caído como una granada fragmentaria en el seno de la derecha criolla, que sigue llevando palo a diestra y siniestra. Véase como lo reseña la agencia española de derechas EFE: “La coalición opositora Mesa de la Unidad Democrática (MUD) vio confirmada hoy su fractura al juramentarse cuatro de sus cinco gobernadores ante la Asamblea Nacional Constituyente, un suprapoder instaurado por el oficialismo que no había sido reconocido por los adversarios del presidente Nicolás Maduro”. Y además: “La decisión de los gobernadores de AD de presentarse ante la ANC para poder asumir sus cargos ha provocado un alud de críticas dentro de la propia MUD y entre la sociedad civil venezolana, entre la que el rechazo a la Constituyente es generalizado”. Bueno, ya se sabe que cuando EFE habla de la “sociedad civil” se refiere a la sociedad escuálida.

Nosotros no sabemos si el rechazo opositor es “generalizado”. El gobernador de Nueva Esparta, Alfredo Díaz, realizó asambleas con sectores de ese estado insular y afirma que la “sociedad civil” recomendó que se juramentara ante la ANC. Acaso el rechazo es sobre todo mediático o de factores políticos organizados, no podemos saberlo todavía.

Lo cierto es que las críticas a los cuatro gobernadores juramentados han abundado en Twitter y entre conocidos voceros opositores, sobre todo los más extremistas. La agencia EFE nos sigue prestando auxilio: “Desde uno de los principales partidos de la MUD, Voluntad Popular (VP), el diputado nacional Armando Armas ha abogado por la creación de ‘una nueva alianza por Venezuela’ de la que ‘quedarán fuera quienes han claudicado ante la dictadura’…

También del partido de Leopoldo López es el vicepresidente del Parlamento, Freddy Guevara, que ha escrito en Twitter que ‘los gobernadores que se juramentaron se apartaron’ del consenso de la MUD, que según el diputado decidió hace tiempo no presentarse ante la Constituyente… Desde PJ, el segundo partido que obtuvo más candidatos a las regionales en unas primarias en que cosechó el mayor éxito AD, el presidente del Parlamento, Julio Borges, felicitó al gobernador electo del Zulia ‘por su postura al no humillarse ante el fraude (de la) Constituyente’”.

También se pronunció el aun no resignado candidato perdedor en el estado Bolívar, Andrés Velásquez: “AD no puede lavarse las manos de esta absurda decisión.

AD es responsable de esta insensatez que burla un sentimiento nacional”. Hubo igualmente comunicados, en el mismo sentido, de VP y ABP. Ahora bien, se mantiene en rebeldía ante la ANC el gobernador electo del muy importante estado Zulia, Juan Pablo Guanipa, militante de Primero Justicia, quien se muestra desafiante y vociferante. Por supuesto, el Estado debe responder y someterlo, a la brevedad posible, antes de que tome más aliento. Esto puede generar una situación difícil en el estado Zulia, donde podría concentrarse la acción de la derecha más extremista y violenta, implantado guarimbas con apoyo armado (con armamento regular e irregular, y acciones que podrían incluir efectivos paramilitares infiltrados desde Colombia. Es un riesgo que tendremos que correr y resolver en su momento.

Por otra parte, acaso Guanipa solo trata de pescar en rio revuelto, al ver la orfandad de liderazgo en la MUD, y emerger como el nuevo líder de la derecha en el país. De estos oprtunistas cualquier cosa puede esperarse. En fin, hay que seguir haciendo seguimiento a los acontecimientos.

Analisi delle elezioni regionali in Venezuela: significato e prospettive

di Giuliano Granato

Alla fine anche l’ultimo stato conteso, Bolìvar, è stato vinto dal rappresentante del PSUV – Gran Polo Patriotico. Il risultato finale parla quindi di 18 stati in mano a governatori chavisti e 5 in mano all’opposizione della MUD (in particolare 4 a membri di Acciòn Democratica, uno dei tradizionali partiti venezuelani, che sta anche nella Internazionale Socialista, e uno a Primero Justicia, tra i capifila delle guarimbas di aprile-luglio – non che AD non sia stato protagonista eh!). Il 78% del totale.

Il chavismo ha ottenuto, a livello nazionale, il 54% dei voti, contro il 45% della MUD. L’affluenza è il 61%, più alta di quella registrata in occasione dell’elezione dei deputati della Costituente del 30 luglio: all’epoca andò a votare circa il 40% della popolazione, ma c’era il boicottaggio assoluto da parte dell’opposizione. Soprattutto, è quasi record per questo tipo di votazioni: come ci ricordava un compagno che vive a Caracas, le elezioni per i governatori sono quelle che meno “interessano”. Dopo la tornata del 2008, quando andò a votare il 65% degli aventi diritto, siamo al secondo miglior risultato di sempre. Incredibile se si pensa alle difficoltà quotidiane cui va incontro la popolazione venezuelana.

Rispetto al 2012, anno delle ultime elezioni per i governatori, l’opposizione guadagna alcune regioni, ma considerata la situazione del paese, i proclami della MUD che fino a pochi mesi fa diceva di rappresentare l’80/90% dei venezuelani e tenuta in considerazione anche la sconfitta chavista alle parlamentari del 2015, questi risultati costituiscono un successo straordinario.

L’INCONSISTENZA DELL’OPPOSIZIONE

Se guardiamo al numero di voti ottenuti dalle forze in campo e li mettiamo a paragone con quelli della tornata elettorale del 2015 iniziamo a precisare il quadro.Il chavismo ha infatti ottenuto più o meno gli stessi voti ottenuti due anni fa. Al contrario dell’opposizione: la MUD ha perso infatti circa 2.200.000 voti. Due milioni di voti in meno non è poca cosa e dà il segno della portata della sconfitta della destra.La leadership dei partiti della MUD è completamente screditata. Dopo la vittoria elettorale alle legislative del dicembre 2015, avevano promesso che avrebbero cacciato il dittatore Maduro in 6 mesi e i tempi s’erano allungati. Da aprile a luglio avevano promesso che le mobilitazioni di strada, le violenze quotidiane avrebbero portato alla cacciata del dittatore Maduro e hanno fallito.

Dicevano che in Venezuela c’era una dittatura terribile, che non c’erano più spazi democratici, che tutti i poteri dello stato erano dittatoriali e poi si sono tranquillamente candidati alle elezioni per i governatori, accettando di sottoporsi al sistema del CNE, il Comitato Nazionale Elettorale, che era stato accusato un giorno sì e l’altro pure di essere uno strumento totalmente nelle mani di Maduro, senza alcuna credibilità.

Aggiungiamoci che dalle colonne dei giornali, nelle interviste in TV e soprattutto durante le visite all’estero facevano continuamente appello all’ingerenza straniera e il quadro è completo. Molti elettori della MUD sono rimasti – per esser buoni – completamente allo sbando. E hanno punito la MUD disertando le urne. Tra l’altro, all’interno dell’opposizione gli sconfitti sono stati i partiti che erano stati i protagonisti delle “guarimbas” di aprile/luglio: Voluntad Popular e Primero Justicia; il “vincitore” è Acción Democratica di Ramos Allup, partito che si può continuare a definire socialdemocratico solo perché le parole non hanno più alcun senso.

I leader della MUD assomigliano un po’ ai presunti leader di una presunta opposizione al governo di Castro a Cuba per come appaiono nei rapporti interni della CIA: dei cialtroni, incapaci, alla ricerca semplicemente di soldi e sempre pronti alla rissa gli uni con gli altri. In effetti lo spettacolo delle primarie alla MUD per presentare candidati unitari a queste elezioni era già stato sconfortante: rissa continua. Dimostrazione del fatto che l’unica cosa che tiene insieme la coalizione è la volontà di farla finita col chavismo.La destra interna è al momento sconfitta. Nulla è per sempre, ma il chavismo ha sicuramente guadagnato tempo.

TEMPO DELLA POLITICA VS. TEMPO DELL’ECONOMIA

Ma la vittoria chavista non è dovuta solo alla inconsistenza dell’avversario.Il risultato del 15 ottobre mostra che il chavismo ha oggi nelle proprie mani l’iniziativa politica. Dopo esser stato sulla difensiva fino ad oggi, può finalmente ripartire all’attacco. Almeno ne ha la possibilità, data la correlazione di forze interne al paese. Bisognerà verificare volontà e capacità.Il voto ha dimostrato che il tempo della politica può imporsi su quello dell’economia, come dice Marco Teruggi.

Che significa? Che la maggioranza della popolazione, soprattutto le classi popolari, ha detto chiaro e tondo che vuole che sia questo governo – questo progetto storico – quello che dovrà risolvere i problemi. L’opposizione non è alternativa credibile, non ha una proposta di paese credibile, soluzioni alle difficoltà. Significa che malgrado l’iperinflazione, la scarsità di alcuni beni fondamentali (soprattutto alimentari e medicine), la corruzione, il contrabbando, la maggioranza della popolazione ha ancora fiducia nel progetto storico chavista.

Può sembrare un miracolo perché la situazione, la vita quotidiana è davvero dura. Ma è frutto di quello che il chavismo ha seminato e continua a seminare. È frutto della capacità di “creare” un popolo.Questo significa anche, però, che il tempo dell’economia è quello su cui ora agire. Il chavismo deve risolvere i problemi. Non basta pratica discorsiva, comunicazione efficace. Serve la “gestione”.

Come dice Alvaro Garcìa Linera, vicepresidente boliviano:

“Ultimamente ho pensato molto a Lenin e alla NEP, la Nuova Politica Economica. Se i bolscevichi non avessero avuto la capacità di soddisfare la necessità di vincere la fame e di stabilità della loro rivoluzione, tutte le altre esperienze come il comunismo di guerra, l’abolizione del denaro e la presa delle fabbriche, non avrebbero significato nulla. Lo stesso Lenin lo diceva: l’unica cosa socialista che abbiamo è la volontà di essere socialisti. […] Quando uno è fuori dal governo, dà peso all’organizzazione e al discorso. Quando sei al governo, se sbagli nella gestione economica crolla tutto, perché appare la destra che ti dice: io posso amministrare meglio l’economia, ho sempre amministrato, ho imprese per mostrarti che sono capace. Credo che una parte dei problemi che stiamo affrontando come governi progressisti in America Latina è il non aver messo al di sopra di tutto l’economia e aver mantenuto, invece, il discorso e l’organizzazione.”

Il primo obiettivo da raggiungere è quindi invertire la rotta dal punto di vista economico, vincere la “guerra economica”, uscire dalla crisi, migliorare decisamente le condizioni materiali d’esistenza delle classi popolari.

LE NUBI ALL’ORIZZONTE

Il chavismo ha guadagnato tempo, ma la destra si organizzerà. Oggi urla – senza grande convinzione, a dire il vero – ai brogli, ma ha ancora delle carte da giocare.Gli Stati in cui ha vinto, infatti, hanno un’importanza geopolitica non trascurabile. Tre di questi, infatti, sono alla frontiera con la Colombia, il più pericoloso nemico regionale che ha il chavismo: sono Zulia, Táchira e Mérida.

È la zona dei traffici illeciti e ora che sarà governata dalla MUD sarà molto più facile l’infiltrazione in territorio venezuelano dei paramilitari colombiani nonché il contrabbando col paese limitrofo.

Allo stesso tempo, visto che il peso in termini di popolazione e di territorio controllato non è marginale, c’è la possibilità di una battaglia separatista della destra, per spaccare in due il paese. Uno scenario che già si presentò qualche anno fa in Bolivia e che fu sconfitto dal governo di Evo Morales.

L’altro scenario è quello di un aumento delle “pressioni” statunitensi – e a ruota europee: più sanzioni, avvicinandosi così ad un modello simile all’embargo contro Cuba, più ingerenze e la possibilità di un intervento militare nel paese, magari non diretto, che non sparisce dall’orizzonte.

Certo, Trump, Rubio & Co. Avranno forse il problema di dover trovare referenti locali un po’ meno incapaci dei Guevara, Capriles e Tintori che hanno avuto finora.Per chiudere: il chavismo ha dato prova di vitalità e uno schiaffo a chi riteneva non avesse più forza per ingaggiare battaglia.

Evidentemente i semi piantati in questi quasi vent’anni di processo si sono impiantati in profondità soprattutto tra gli umili e hanno dato frutti importanti. Da queste piante viene la forza odierna del chavismo.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: